Il Manicheismo. Antologia dei testi 88-372- 1 779-X

669 69 6MB

Italian Pages 395 Year 2000

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Il Manicheismo. Antologia dei testi
 88-372- 1 779-X

Table of contents :
0003_1L......Page 3
0003_2R......Page 4
0004_1L......Page 5
0004_2R......Page 6
0005_1L......Page 7
0005_2R......Page 8
0006_1L......Page 9
0006_2R......Page 10
0007_1L......Page 11
0007_2R......Page 12
0008_1L......Page 13
0008_2R......Page 14
0009_1L......Page 15
0009_2R......Page 16
0010_1L......Page 17
0010_2R......Page 18
0011_1L......Page 19
0011_2R......Page 20
0012(1)_1L......Page 21
0012(1)_2R......Page 22
0013(1)_1L......Page 23
0013(1)_2R......Page 24
0014(1)_1L......Page 25
0014(1)_2R......Page 26
0015(1)_1L......Page 27
0015(1)_2R......Page 28
0016(1)_1L......Page 29
0016(1)_2R......Page 30
0017(1)_1L......Page 31
0017(1)_2R......Page 32
0018(1)_1L......Page 33
0018(1)_2R......Page 34
0019(1)_1L......Page 35
0019(1)_2R......Page 36
0020(1)_1L......Page 37
0020(1)_2R......Page 38
0021(1)_1L......Page 39
0021(1)_2R......Page 40
0022_1L......Page 41
0022_2R......Page 42
0023_1L......Page 43
0023_2R......Page 44
0024_1L......Page 45
0024_2R......Page 46
0025_1L......Page 47
0025_2R......Page 48
0026_1L......Page 49
0026_2R......Page 50
0027_1L......Page 51
0027_2R......Page 52
0028(1)_1L......Page 53
0028(1)_2R......Page 54
0029(1)_1L......Page 55
0029(1)_2R......Page 56
0030_1L......Page 57
0030_2R......Page 58
0031_1L......Page 59
0031_2R......Page 60
0032(1)_1L......Page 61
0032(1)_2R......Page 62
0033_1L......Page 63
0033_2R......Page 64
0034_1L......Page 65
0034_2R......Page 66
0035_1L......Page 67
0035_2R......Page 68
0036_1L......Page 69
0036_2R......Page 70
0037_1L......Page 71
0037_2R......Page 72
0038_1L......Page 73
0038_2R......Page 74
0039_1L......Page 75
0039_2R......Page 76
0040_1L......Page 77
0040_2R......Page 78
0041_1L......Page 79
0041_2R......Page 80
0042_1L......Page 81
0042_2R......Page 82
0043_1L......Page 83
0043_2R......Page 84
0044_1L......Page 85
0044_2R......Page 86
0045_1L......Page 87
0045_2R......Page 88
0046_1L......Page 89
0046_2R......Page 90
0047_1L......Page 91
0047_2R......Page 92
0048_1L......Page 93
0048_2R......Page 94
0049_1L......Page 95
0049_2R......Page 96
0050_1L......Page 97
0050_2R......Page 98
0051_1L......Page 99
0051_2R......Page 100
0052_1L......Page 101
0052_2R......Page 102
0053_1L......Page 103
0053_2R......Page 104
0054_1L......Page 105
0054_2R......Page 106
0055_1L......Page 107
0055_2R......Page 108
0056_1L......Page 109
0056_2R......Page 110
0057_1L......Page 111
0057_2R......Page 112
0058_1L......Page 113
0058_2R......Page 114
0059_1L......Page 115
0059_2R......Page 116
0060_1L......Page 117
0060_2R......Page 118
0061_1L......Page 119
0061_2R......Page 120
0062_1L......Page 121
0062_2R......Page 122
0063_1L......Page 123
0063_2R......Page 124
0064_1L......Page 125
0064_2R......Page 126
0065_1L......Page 127
0065_2R......Page 128
0066_1L......Page 129
0066_2R......Page 130
0067_1L......Page 131
0067_2R......Page 132
0068_1L......Page 133
0068_2R......Page 134
0069_1L......Page 135
0069_2R......Page 136
0070_1L......Page 137
0070_2R......Page 138
0071_1L......Page 139
0071_2R......Page 140
0072_1L......Page 141
0072_2R......Page 142
0073_1L......Page 143
0073_2R......Page 144
0074_1L......Page 145
0074_2R......Page 146
0075_1L......Page 147
0075_2R......Page 148
0076_1L......Page 149
0076_2R......Page 150
0077_1L......Page 151
0077_2R......Page 152
0078_1L......Page 153
0078_2R......Page 154
0079_1L......Page 155
0079_2R......Page 156
0080_1L......Page 157
0080_2R......Page 158
0081_1L......Page 159
0081_2R......Page 160
0082_1L......Page 161
0082_2R......Page 162
0083_1L......Page 163
0083_2R......Page 164
0084_1L......Page 165
0084_2R......Page 166
0085_1L......Page 167
0085_2R......Page 168
0086_1L......Page 169
0086_2R......Page 170
0087_1L......Page 171
0087_2R......Page 172
0088_1L......Page 173
0088_2R......Page 174
0089_1L......Page 175
0089_2R......Page 176
0090_1L......Page 177
0090_2R......Page 178
0091_1L......Page 179
0091_2R......Page 180
0092_1L......Page 181
0092_2R......Page 182
0093_1L......Page 183
0093_2R......Page 184
0094_1L......Page 185
0094_2R......Page 186
0095_1L......Page 187
0095_2R......Page 188
0096_1L......Page 189
0096_2R......Page 190
0097_1L......Page 191
0097_2R......Page 192
0098_1L......Page 193
0098_2R......Page 194
0099_1L......Page 195
0099_2R......Page 196
0100_1L......Page 197
0100_2R......Page 198
0101_1L......Page 199
0101_2R......Page 200
0102_1L......Page 201
0102_2R......Page 202
0103_1L......Page 203
0103_2R......Page 204
0104_1L......Page 205
0104_2R......Page 206
0105_1L......Page 207
0105_2R......Page 208
0106_1L......Page 209
0106_2R......Page 210
0107_1L......Page 211
0107_2R......Page 212
0108_1L......Page 213
0108_2R......Page 214
0109_1L......Page 215
0109_2R......Page 216
0110_1L......Page 217
0110_2R......Page 218
0111_1L......Page 219
0111_2R......Page 220
0112_1L......Page 221
0112_2R......Page 222
0113_1L......Page 223
0113_2R......Page 224
0114_1L......Page 225
0114_2R......Page 226
0115_1L......Page 227
0115_2R......Page 228
0116_1L......Page 229
0116_2R......Page 230
0117_1L......Page 231
0117_2R......Page 232
0118_1L......Page 233
0118_2R......Page 234
0119_1L......Page 235
0119_2R......Page 236
0120_1L......Page 237
0120_2R......Page 238
0121_1L......Page 239
0121_2R......Page 240
0122_1L......Page 241
0122_2R......Page 242
0123_1L......Page 243
0123_2R......Page 244
0124_1L......Page 245
0124_2R......Page 246
0125_1L......Page 247
0125_2R......Page 248
0126_1L......Page 249
0126_2R......Page 250
0127_1L......Page 251
0127_2R......Page 252
0128_1L......Page 253
0128_2R......Page 254
0129_1L......Page 255
0129_2R......Page 256
0130_1L......Page 257
0130_2R......Page 258
0131_1L......Page 259
0131_2R......Page 260
0132_1L......Page 261
0132_2R......Page 262
0133_1L......Page 263
0133_2R......Page 264
0134_1L......Page 265
0134_2R......Page 266
0135_1L......Page 267
0135_2R......Page 268
0136_1L......Page 269
0136_2R......Page 270
0137_1L......Page 271
0137_2R......Page 272
0138_1L......Page 273
0138_2R......Page 274
0139_1L......Page 275
0139_2R......Page 276
0140_1L......Page 277
0140_2R......Page 278
0141_1L......Page 279
0141_2R......Page 280
0142_1L......Page 281
0142_2R......Page 282
0143_1L......Page 283
0143_2R......Page 284
0144_1L......Page 285
0144_2R......Page 286
0145_1L......Page 287
0145_2R......Page 288
0146_1L......Page 289
0146_2R......Page 290
0147_1L......Page 291
0147_2R......Page 292
0148_1L......Page 293
0148_2R......Page 294
0149_1L......Page 295
0149_2R......Page 296
0150_1L......Page 297
0150_2R......Page 298
0151_1L......Page 299
0151_2R......Page 300
0152_1L......Page 301
0152_2R......Page 302
0153_1L......Page 303
0153_2R......Page 304
0154_1L......Page 305
0154_2R......Page 306
0155_1L......Page 307
0155_2R......Page 308
0156_1L......Page 309
0156_2R......Page 310
0157_1L......Page 311
0157_2R......Page 312
0158_1L......Page 313
0158_2R......Page 314
0159_1L......Page 315
0159_2R......Page 316
0160_1L......Page 317
0160_2R......Page 318
0161_1L......Page 319
0161_2R......Page 320
0162_1L......Page 321
0162_2R......Page 322
0163_1L......Page 323
0163_2R......Page 324
0164_1L......Page 325
0164_2R......Page 326
0165_1L......Page 327
0165_2R......Page 328
0166_1L......Page 329
0166_2R......Page 330
0167_1L......Page 331
0167_2R......Page 332
0168_1L......Page 333
0168_2R......Page 334
0169_1L......Page 335
0169_2R......Page 336
0170_1L......Page 337
0170_2R......Page 338
0171_1L......Page 339
0171_2R......Page 340
0172_1L......Page 341
0172_2R......Page 342
0173_1L......Page 343
0173_2R......Page 344
0174(1)_1L......Page 345
0174(1)_2R......Page 346
0175_1L......Page 347
0175_2R......Page 348
0176_1L......Page 349
0176_2R......Page 350
0177_1L......Page 351
0177_2R......Page 352
0178_1L......Page 353
0178_2R......Page 354
0179_1L......Page 355
0179_2R......Page 356
0180_1L......Page 357
0180_2R......Page 358
0181_1L......Page 359
0181_2R......Page 360
0182_1L......Page 361
0182_2R......Page 362
0183_1L......Page 363
0183_2R......Page 364
0184_1L......Page 365
0184_2R......Page 366
0185_1L......Page 367
0185_2R......Page 368
0186_1L......Page 369
0186_2R......Page 370
0187_1L......Page 371
0187_2R......Page 372
0188_1L......Page 373
0188_2R......Page 374
0189_1L......Page 375
0189_2R......Page 376
0190_1L......Page 377
0190_2R......Page 378
0191_1L......Page 379
0191_2R......Page 380
0192_1L......Page 381
0192_2R......Page 382
0193_1L......Page 383
0193_2R......Page 384
0194_1L......Page 385
0194_2R......Page 386
0195_1L......Page 387
0195_2R......Page 388
0196_1L......Page 389
0196_2R......Page 390
0197_1L......Page 391
0197_2R......Page 392
0198_1L......Page 393
0198_2R......Page 394
0199_1L......Page 395

Citation preview

IL MANICHEISMO Antologia dei testi a cura di Aldo Magris

MORCELLIANA

© 2000 Editrice Morcelliana Via Gabriele Rosa 71 - 25121 Brescia

Prima edizione: aprile 2000

L'opera è stata realizzata con il contributo M.U.R.S.T. erogato dal Dipartimento di Scienze Storiche e Documentarie dell'Università degli Studi di Udine

In copertina: Statue/la di donatore (VI-VII sec.) dalle cappelle di Turfan

ISBN 88-372- 1 779-X Tipografia La Grafica s.n.c. - Vago di Lavagno (Vr)

INTRODUZIONE

l.

Mani

La vita e l'opera di Mani1 si svolgono in un contesto geopolitico e storico-culturale fra i più interessanti nella storia dell'umanità, l'area compresa fra la Siria, l'Anatolia e l' Iran da sempre crocevia naturale del confronto fra Oriente e Occidente, ed in un periodo come quello tardoantico nel quale la spinta espansiva dell' elleni­ smo seguita alla conquista di Alessandro Magno cominciava ad esaurirsi, antiche tradizioni orientali riprendevano vigore e consa­ pevolezza di sé, ed un fenomeno radicalmente nuovo come il cri­ stianesimo emergeva sempre più con la sua enorme capacità di dif­ fusione e di incidenza sociale e culturale. In un momento storico tanto pregnante Mani credette fermamente che gli fosse stato affi­ dato il compito - la missione - di trovare una sintesi superiore delle diverse istanze che agitavano la sua epoca, di raccogliere armo­ nicamente in un'istituzione religiosa al tempo stesso rigorosamente integrata ed estremamente duttile e aperta sia l'eredità del mondo antico sia le prospettive dei tempi nuovi, di offrire l'ultima, defini­ tiva rivelazione a tutti gli uomini parlando loro nel linguaggio di tutte le principali civiltà del tempo. Questo fu lo scopo che il mani­ cheismo si sforzò di raggiungere in un'opera durata oltre un mil­ lennio in uno spazio geografico esteso dall'Europa e dall'Africa

1 «Mani» era l'abbreviazione di un nome più lungo, come si desume dalla ver­ sione greca Manichiiios, ma l'etimologia non è del tuuo chiara, salvo il fallo che si trattava di un nome in lingua aramaica e non iranica. Secondo una recente ipotesi di J. Tubach, il nome completo di Mani sarebbe stato costituito da mana', «Vaso» (nel senso di «recipiente» o «riceuacolo» dello spirito divino) e khasay, «nasco­ sto». Se ciò è vero, esso avrebbe avuto una notevole somiglianza con quello del Fondatore della sella in cui crebbe da bambino, Elcaseo (EI·Khasay, «Il Dio na­ scosto», vedi infra) e penanto Mani potrebbe averlo ricevuto non alla nascita ma solo in seguito alla sua entrala nella confraternita, secondo un'antica usanza che fu poi mantenuta nella Chiesa manichea e che peraltro sopravvive anche negli Ordini religiosi della Chiesa cattolica.

8

Aldo Magris

settentrionale fino alla Cina. e che alla fine si infranse a causa forse della sua incapacità - da religione antimondana quale era - di tro­ vare un rapporto costruttivo durevole con le esigenze degli assetti sociali e politici esistenti, cosa che invece riuscì molto bene alle due religioni concorrenti: il cristianesimo e (più tardi) t•Islam. Il teatro in cui si svolse la sua vicenda umana era il seguente. Nel corso del II secolo a.C. il popolo dei Parti, proveniente dall'Iran settentrionale, era riuscito a impadronirsi di tutto l'altopiano iranico e della Mesopotamia strappando questi territori ai re macedoni suc­ cessori di Seleuco, il generale di Alessandro. Come capitale del lo­ ro regno i sovrani partici avevano scelto la principale città ellenisti­ ca di quella che chiamavano la provincia di 'Assiria'. e cioè Seleu­ cia sul Tigri (una ventina di chilometri a sud dell'attuale Baghdad) anche per indicare una favorevole disposizione nei confronti della popolazione di lingua e cultura greca stanziata nel paese; :la resi­ denza reale tuttavia non si trovava dentro Seleucia. sulla riva destra del fiume, bensì sulla riva opposta, nella località chiamata Ctesi­ fonte. che ben presto divenne altrettanto vasta e ricca della città gemella. Nel frattempo quel che restava del regno seleucide fu in, corporato da Roma. e in tal modo venne a crearsi una situazione destinata a durare fino alla conquista arabo-musulmana nel VII se­ colo che vedeva due grandi potenze mondiali, l'Impero romano e il Regno dei Parti, dividersi la parte più prospera del mondo antico lungo un confine corrispondente pressappoco a quello attuale fra l ' Iraq, da un lato, e la Turchia. la Siria e la Giordania, dair altro. I rapporti fra i due stati rimase sempre caratterizzato dal conflitto, latente o guerreggiato, nonostante che in definitiva lafacies cultu­ rale da entrambi i lati del confine fosse abbastanza simile (gli strati elevati della società partica erano fortemente ellenizzati e nelle province orientali deirimpero romano la popolazione era semitica e parlante aramaico come nell"Assiria' partica), e nonostante ci fosse pure l'interesse a gestire di comune accordo la grande arteria commerciale che legava il Mediterraneo atrestremo Oriente. la co­ siddetta 'Via della seta'. Mani nacque nel 216 d.C. in un sobborgo di Ctesifonte da una famiglia della nobiltà partica che si era recentemente trasferita da Ecbatana (Hamadan), probabilmente per soggiornare nelle vicinan­ ze della Corte. Sennonché poco prima che venisse al mondo il suo destino fu determinato da eventi di natura religiosa. Suo padre Pat­ ticio (Patteg) ebbe infatti un' esperienza mistica (una voce misterio-

Introduzione

9

sa lo avrebbe invitato ad astenersi dalla carne, dal vino e dal sesso) in seguito alla quale decise di abbandonare la sua esistenza di ari­ stocratico e i culti da lui praticati fino a quel momento per conver­ tirsi alla fede esclusiva di una comunità religiosa insediatasi nella zona meridionale del paese, la Mesene (Maishan), fra l'odierna città di Bassora e la foce del Tigri e dell' Eufrate. Colà egli si recò anzitutto a vivere da solo ed in seguito, quando il figlio ebbe com­ piuto quattro anni, ordinò che venisse condotto da lui in uno dei villaggi abitati dalla confraternita allo scopo di farlo crescere con sé. Della madre di Mani poco o nulla sappiamo ed anche il suo no­ me è incerto: difficilmente l ' infelice bambino l 'avrà più rivista. L'episodio ci dice tutta la complessità della situazione religiosa del medio Oriente fra il II e il III secolo d.C., della quale peraltro possiamo farci una rappresentazione esemplare grazie alle ricerche storico-archeologiche eseguite sulle rovine di Palmira, nel deserto siriano, e di Dura Europo sull' Eufrate, la grande città giusto al con­ fine tra l" Assiria' partica e la Siria romana. In questa vasta area et­ nicamente e linguisticamente omogenea si assisteva alla compre­ senza delle più diverse forme di religione. C'erano anzitutto i culti delle antichissime divinità siro-mesopotamiche come Bel, Atarga­ tis, Nanaia, Nabu, ormai ampiamente modificati in termini elleni­ stici e con una spiccata connotazione astrologica (uno di questi sarà stato seguito da Patticio prima della conversione)2 ; ad essi si ag­ giungevano la religione nazionale iranica fondata da Zarathustra (il mazdeismo o zoroastrismo)3 le più recenti religioni di salvezza gre­ co orientali, qui in particolare quella di Mitra4• La Mesopotamia ospitava inoltre una fiorente comunità ebraica risalente all'Esilio babilonese, nella quale già si faceva sentire (ma non a Dura Euro­ po) l'influenza dell'impostazione rabbinica'. Anche il cristianesimo aveva da tempo fatto la suà comparsa costituendo numerose comu­ nità irradiate dalla Chiesa madre di Edessa (oggi Uifa), che si rifa2 Questi ed allri culli sono auestati a Dura Europo, e la situazione a Ctesifonte doveva essere analoga: si v. al riguardo i risultati degli scavi: Excavations at Dou­ ra Europos (a cura di M.l. Rostovtzeff e AA.), vol. V-VIII, New Haven 19331936.

3 Cfr. G. Widengren, Die Religionen lrans, Stoccarda 1965. 4 Cfr. R. Merkelbach, Mithra, il Signore delle grotte (1984), Genova 1988. ' Cfr. J. Neusner, History of the Jews in Babylonia, Leida, 5 voli., in particolare sul nostro argomento vol. l , The Parthian Period, 1969; 2. The Early Sasanian Period, 1966; 3. From Shapur l To Shapur Il, 1968.

IO

Aldo Magris

ceva alla figure degli apostoli Giacomo e Tommaso6• Ma fra il giu­ daismo rabbinico e il cristianesimo più o meno ortodosso delle chiese siriache esisteva un variegato panorama di sette, gruppusco­ li, 'chiese' e scuole di pensiero che attingevano ad elementi dell'u­ no e dell'altro combinandoli in forme originali: il complicato mon­ do dell'esoterismo e della gnosi. Vi erano quindi i seguaci di Mar­ cione, che rifiutava il Dio creatore e giudice dell'Antico Testa­ mento e gli contrapponeva il Dio d'amore annunciato da Gesù Cri­ sto; i seguaci di Valentino, principale esponente dello gnosticismo cristiano; i seguaci di Bardesane di Edessa con la sua concezione platonizzante del cristianesimo. Sempre in Mesopotamia erano lo­ calizzati il gruppo gnostico dei SetianF, la cui cosmologia basata sulla mescolanza di luce e tenebre è molto simile a quella che sarà propria del manicheismo, e dei Perati, che congiungevano il mes­ saggio cristiano di salvezza con dottrine astrologiche e tradizioni mitologiche pagane8• Infine c' erano diverse comunità giudeocri­ stiane, che pur riconoscendo la funzione profetica e salvifica di Cristo mantenevano anche certe osservanze della Legge ebraica9• Una di queste ultime era appunto la setta alla quale Patticio aveva aderito. Il codice greco cosiddetto di Colonia recentemente scoperto, che contiene parte dell'autobiografia di Mani, ha permesso di identifi­ carla senza alcun dubbio con quella degli 'elcasaiti' . ben nota sia ai Padri della Chiesa che si occuparono degli 'eretici' (lppolito, Ori­ gene, Epifania), sia allo storico arabo lbn an-Nadim, autore nel X secolo di un «Catalogo» (Fihrist) delle eresie 10 • La setta faceva rife­ rimento a un certo Elcaseo (Elchasai o Elxai, che potrebbe voler di­ re 'Il Dio nascosto' o 'La Potenza nascosta'), un visionario ebreo vissuto intorno all' anno 1 00 d.C. nella Mesopotamia partica. Il giu­ daismo di quell'epoca era diviso fra la linea della pura osservanza della Legge sostenuta dal nascente rabbinismo e le suggestioni più 6 Cfr. H.J. Drijvers, Cults and Beliefs at Edessa, Leida 1 980. 7 lppolito, V, 19-2 1 . 8lppolito, V, 12- 1 7. 'Perati' deriva presumibilmente da Perat, la forma semiti­ ca del nome 'Eufrate'. 9 Per una presentazione d'insieme dello gnosticismo e delle sue aree di svilup­ po rimando al mio libro La logica del pensiero gnostico, Brescia 1997. 1 ° Cfr. G.P. Luttikhuizen, The Revelation of Elchasai, Tubinga 1985 e per una presentazione più equilibrata S. Lieu, Manichaeism in the Later Roman Empire and Medieval China, Tubinga 1 992, pp. 36-44.

Introduzione

11

arcaiche della letteratura apocalittica, in particolare quella legata al Libro di Enoc (IV-III sec. a.C.), con le sue visioni escatologiche e le sue costruzioni mitologiche, portata alla teologia speculativa e alla pratica dell' esoterismo 11• Elcaseo scelse questa seconda strada e ad essa congiunse anche una certa adesione al cristianesimo, dopo che gli sarebbe apparsa la figura di Cristo in forma di angelo gi­ gantesco e signore del mondo (tema comune alle concezioni giu­ deocristiane) accompagnato dallo 'Spirito' in forma di personaggio femminile, sua sorella e sposa 12: da loro egli avrebbe ricevuto un 'Libro' di rivelazioni che fungeva da Sacra Scrittura della sua co­ munità. Ben poco sappiamo in realtà della dottrina elcasaita. Vi era certamente il rifiuto del politeismo e la credenza in un Dio unico, assolutamente trascendente rispetto a questo mondo dominato da potenze inferiori più o meno negative 13• Il Dio nascosto si rivelava a pochi eletti emanando un' immagine di sé o una 'Potenza' , il Cristo, che a sua volta per trasmettere un messaggio di salvezza si 'trava­ sava' in diversi 'contenitori' storici 14 costituiti da Adamo e suo fi­ glio Set, da Enoc, dai grandi profeti biblici, da Gesù e infine da El­ caseo stesso, che appunto per questo deve essersi presentato con un tal nome. Sul piano della prassi e del culto gli elcasaiti conservava­ no alcune prescrizioni ebraiche (per esempio la circoncisione) mentre ne rifiutavano altre se contraddicevano ai loro princìpi (per esempio i sacrifici e il consumo di alimenti carnei, essendo gli elca­ saiti vegetarianiu); il rito fondamentale consisteva nel battesimo purificatore e rigeneratore, che veniva praticato più volte al giorno sia sulle persone sia sugli oggetti e sui cibi. Questi ultimi dovevano poi essere rigorosamente preparati e consumati all' interno della comunità per evitare contaminazioni col mondo esterno 16• Sotto un 1 1 Sul giudaismo di elà ellenistica v. P. Sacchi,

Il giudaismo del Secondo Tem­

pio, Torino 1 995.

12 Ippolito, IX, 1 3.3; Epifania, 1 9.3-4; 53. 1 .

13 Erano a loro volta chiamati 'angeli' , ovviamente distinguendo fra angeli 'buoni', vicini a Dio, e angeli 'malvagi' incaricati della gestione del mondo e della storia, cfr. Ippolito, IX, 16.4. 14 Ippolito, IX, 14. 1 ; Epifania, 30. 1 ; 53. 1 . Il termine «travaso» (gr. metangi­ smòs) sarà usato anche dalla dottrina manichea della reincamazione. u Cfr. Epifanio, 1 9.3 e 53.2 16 Probabilmente esistevano nella tarda antichità, fra la Palestina e la Mesopo­ tamia, parecchie sette di battisti giudeocristiani: una è tuttora presente nell'Iraq meridionale ed è quella dei 'Mandei', su cui cfr. E. Lupieri, l Mandei, gli ultimi gnostici, Brescia, 1 993. Le pratiche dei mandei (battesimo e tabu alimentari) pre-

12

Aldo Magris

certo profilo quello fondato da Elcaseo era un gruppo chiuso, a struttura iniziatica, ma siccome egli si era ormai distaccato dall'ebraismo etnico e proponeva una rivelazione valida per tutti gli uomini e non solo per gli ebrei (questo caratterizza tutti gli am­ bienti settari apocalittici che si rifanno al modello della visione di Enoc, essendo Enoc anteriore ad Abramo e quindi alla distinzione fra israeliti e non-israeliti), la sua setta poté avere una notevole dif­ fusione attirando adepti di diversa nazionalità, come mostra il caso di Patticio. Oltre alla sede (forse la principale) nella bassa Mesopo­ tamia, gli elcasaiti risultano esser stati fortemente presenti almeno fino al tardo IV secolo in varie comunità della Palestina e della Transgiordania1 7, ed un'altra 'filiale' si trovava nella grande città di Apamea, in Siria, da dove giusto negli anni dell' infanzia di Mani un missionario di nome Alcibiade aveva portato con un certo suc­ cesso la rivelazione di Elcaseo presso i cristiani di Roma 18• L'importanza della setta doveva essere molto maggiore di quel che farebbero pensare le scarse notizie che ne abbiamo. Il giovane Mani dunque crebbe in questo ambiente fanatico ed esaltato, e sicuramente il padre e le altre autorità del gruppo fecero di tutto per inculcare in lui una convinzione e una dedizione asso­ luta nei princìpi e nelle regole di comportamento alle quali doveva uniformarsi. Ciò nonostante, o forse proprio perché prendeva le co­ se molto sul serio, il malinconico e pensoso adolescente cominciò ben presto a mettere in discussione in maniera sempre più decisa dapprima le pratiche, poi le dottrine che gli venivano imposte. A quanto sembra l' iniziale motivo di attrito stava nella sua scarsa di­ sponibilità al lavoro nei campi e negli orti a cui tutti gli adepti era­ no obbligati per provvedere al sostentamento della comunità: Mani obiettava che tale attività avrebbe recato violenza alla sostanza di­ vina racchiusa in tutti gli esseri della natura, configurandosi quindi come un gravissimo peccato, e siccome attribuiva ad Elcaseo me­ desimo l' idea che persino in una zolla di terra ci fosse 'la carne e il sangue del Signore' , poteva facilmente accusare gli altri membri della comunità di agire in contraddizione con il pensiero del Fon-

sentano notevoli analogie con quelle degli elcasaiti, ma le dottrine (almeno nella forma in cui sono tramandate oggi) appaiono molto differenti. 1 7 Cfr. Origene, Commento al Salmo 82 cit. da Eusebio, Praeparatio Evangeli­ ca, VI, 38; Epifanio, 1 9, 30 e 53. 1 8 Cfr. lppolito, IX, 1 3. 1

Introduzione

13

datore19• In base a questa concezione, comunque, Mani prese a contestare la presunta purezza del regime vegetariano e gli altri ta­ bù alimentari della setta, dal momento che strappare ortaggi o ce­ reali dal terreno e consumarli non produce a questi viventi una sof­ ferenza inferiore a quella inflitta agli animali da macello, né in ge­ nerale aveva senso per lui distinguere fra alimenti permessi e ali­ menti proibiti essendo comunque entrambi inficiati dalla negatività della materia. Infine, lo stesso rito del battesimo perdeva qualsiasi significato, perché non era certo attraverso un gesto cerimoniale o una normativa estrinseca che si poteva ottenere, secondo lui, la vera purificazione dei cuori e la salvezza. In queste critiche si vede chia­ ramente l'influenza dell' atteggiamento di san Paolo verso il legali­ smo giudaico e ciò suggerisce sia una notevole dimestichezza del giovane Mani con le Scritture cristiane sia che egli andava orien­ tandosi verso una concezione religiosa più 'aperta', di tipo paolina, in contrasto con le chiusure settarie di certo giudeocristianesimo. Ad onta della polemica, tuttavia, anche Mani non faceva che ri­ petere in altra forma e per i suoi propri scopi un modello tipico dell' ambiente in cui era cresciuto e che si ritrova sia in suo padre, sia in Elcaseo, sia nei suoi autori prediletti quali Paolo e i profeti della letteratura apocalittica: la visione mistica che lo chiama e lo consacra a una nuova vita e alla diffusione di un nuovo messaggio. Nella sua autobiografia egli mette in relazione la crisi della sua convivenza coi battisti con un'esperienza che avrebbe avuto a suo dire fin dalla più tenera età, l' incontro e l'abituale solitaria conver­ sazione con un essere soprannaturale, un angelo, o come par di de­ sumere il suo proprio 'doppio', il 'gemello' celeste (torna in ara­ maico, jamig in iranico; nelle fonti copte saish) ovvero il suo 'con­ giunto' o 'coniuge' (syzygos nelle fonti in greco): questi l'avrebbe investito della sua missione profetica, gli avrebbe rivelato verità inaudite, lo avrebbe sostenuto e confortato nella tristezza di dover vivere fra i battisti 'come un agnello in mezzo ai lupi'. Secondo la tradizione manichea, una prima visione del 'gemello' avvenne 19 Si annuncia già qui la famosa rappresentazione manichea del Gesù sofferen­ te, 'appeso ad ogni albero', cfr. Agostino, Contra Faustum, XX, 2. La presenza di Cristo nella natura è un tema noto da documenti gnostici, v. Vangelo di Tommaso, 77 ed Epifanio, 26. 1 3, ma non è chiaro come si conciliasse con la cristologia an­ gelica che le fonti eresiologiche attribuiscono alla dottrina elcasaita (lppolito, IX, 1 3); d'altra parte Mani non avrebbe mai potuto contestare agli elcasaiti una dottri­ na del Fondatore a loro ignota.

14

Aldo Magris

quando Mani aveva dodici anni, nell'autunno-inverno del 227-228; una seconda e più importante, nella quale pare l'angelo gli avesse rivelato l' intero contenuto di quello che poi sarà il nùto teogonico manicheo, all'età di venticinque anni, presumibilmente tra l'estate e l'autunno del 24020• Dopo questa esperienza il contrasto con i batti­ sti divenne insanabile e per Mani, ormai direttamente minacciato di linciaggio e a stento difeso dal padre, non restò altro che abbando­ nare la confraternita. Deciso a perseguire la sua missione e a pro­ clamare il suo vangelo, si rifugiò dapprima a Ctesifonte insieme a pochi compagni che avevano aderito alle sue idee, ai quali dopo qualche tempo si unì anche Patticio; dopo aver predicato nella ca­ pitale, si diresse nell'Iran settentrionale (l'antica Media) e presunù­ bilmente anche nell'adiacente Armenia, dove ottenne delle conver­ sioni e poté fondare sue comunità presentandosi come 'Apostolo di Gesù Cristo' sul modello di Paolo. Il soggiorno in quei luoghi do­ vette durare alcuni mesi fino alla primavera del 24 1 , quando Mani fece ritorno in Mesopotamia e di lì si imbarcò in un porto della Me­ sene, a Farat, per andar a predicare nella lontana India sul modello di un altro Apostolo molto celebrato negli ambienti gnostici e giu­ deocristiani, Tommaso21 • Questo però, e quanto seguì dopo, avven­ ne nel quadro di vicende storico-politiche che dobbiamo breve­ mente illustrare. Lo stato partico di cui Mani nacque suddito aveva una struttura tipicamente feudale. Al vertice della piramide stava il Gran Re o 'Re dei re' (shiihtmshiih), della dinastia arsacide, il quale controlla­ va direttamente i territori ereditari della Media (Iran settentrionale) e la provincia di 'Assiria' dove sorgeva la capitale, Seleucia­ Ctesifonte. Nel resto dell'impero esistevano degli stati vassalli più o meno grandi ciascuno con un suo 're' o 'viceré' (shiih), e uno dei maggiori era la Persia (Pars), il centro di quello che più antica­ mente era stato l'impero persiano degli Achemenidi abbattuto da Alessandro. Ora, nel 223 d.C. il re di Persia Artaserse (Ardashir) si 20 La prima visione è riferita nei Capitoli, l (vedi Testo nr. 4); la seconda nel Codice di Colonia (nr. l ). Per i dati cronologici mi riferisco a S.H. Taqizadeh, The Early Sasanians, «Bullettin of the School of Orientai and African Studies», Il ( 1 943). 21 Si cfr. al riguardo il racconto degli Atti di Tommaso apocrifi (III sec.), cer­ tamente noti ai manichei e da essi probabilmente anche interpolati. Una tr. it. si trova in Apocrifi del Nuovo Testamento, a cura di M. Erbetta, Casale M. 1 9661 975. vol. II.

Introduzione

15

mise a capo di una rivolta contro l 'egemonia dei Parti, e dopo aver sconfitto e ucciso l'arsacide Artabano V, che l'aveva affrontato in battaglia a Onnizdagan (oggi Gulpajagan, sulla strada fra Isfahan e Qom), sottomise tutto il paese e si fece incoronare Re dei re fon­ dando la dinastia persiana dei Sassanidi (227). Consolidato il suo potere interno, Artaserse si decise ad uno scontro risolutivo con l' Impero romano, dal _quale negli ultimi decenni i sovrani partici avevano subito pesanti sconfitte. Dopo una prima campagna nel 233 che fece cadere il protettorato romano sull'Armenia, approfit­ tando nel 238 di un momento di debolezza dell'avversario (l'Impe­ ro era travagliato dall'anarchia militare e dalle invasioni germani­ che), l'esercito sassanide riaprì le ostilità riuscendo in tre anni di guerra a impadronirsi di gran parte della provincia di Siria compre­ so il suo capoluogo, Antiochia. Ma nella primavera del 242 i roma­ ni passarono alla controffensiva: l'Imperatore Gordiano III si mise personalmente alla testa di un poderoso corpo di spedizione che at­ traversata l'Anatolia recuperò Antiochia e respinse i persiani oltre l'Eufrate. Com'è noto anche il filosofo Platino partecipò a quella campagna nelle file dell'armata imperiale22• L'anno prima Artaserse era morto, dopo aver associato al trono col titolo di Gran Re il fi­ glio Sapore (Shapuhr); questi nei primi mesi del 243 impegnò i romani in battaglia a Resaina (Rash el- 'A in), sulla strada fra Edessa e Nisibi, ma fu sconfitto, e dovette ripiegare su Ctesifonte. I romani dal canto loro non riuscirono a sfruttare il successo. Il giovane e troppo debole Gordiano non seppe mantenere la disciplina fra le truppe e durante la marcia lungo l' Eufrate all'inseguimento del ne­ mico finì assassinato in un ammutinamento. Il nuovo Imperatore, Filippo, dopo aver subito un rovescio (secondo le fonti persiane23) o aver comunque verificato l 'impossibilità di proseguire nell'avanza­ ta, concluse rapidamente un armistizio e si ritirò oltre il vecchio confine. Così la spedizione che nelle intenzioni (e nelle speranze di Platino) avrebbe dovuto ripetere l' impresa di Alessandro abbatten­ do l'impero persiano, ed arrivare forse fino alla lontana India, ter­ minò miseramente senza aver nulla concluso. Sapore poté celebrare in piena tranquillità la cerimonia d'incoronazione a 'Re dei re dell'Iran e del non-Iran' (come suonava la titolatura ufficiale) il 9 22 Porfirio, Vita di Plotino, 3. Sulle circostanze della sua partecipazione alla spedizione v. il mio saggio Plotino e l 'India, in «Annuario filosofico)), 6 (1990). 23 Un' iscrizione di Sapore I afferma questo, v. infra n. 29.

16

Aldo Magris

aprile 243 a Ctesifonte. Ed è in queste circostanze che la vicenda del grande monarca persiano e quella dell"Apostolo di Gesù Cri­ sto' si incrociano. Mani aveva trascorso la seconda metà dell'anno 241 viaggiando in 'India' , o più esattamente nel 'Sind', la fascia di confine dell'im­ pero persiano sulla riva destra dell'lodo: sembra infatti che dopo essere sbarcato a Deb, il principale porto commerciale alla foce del grande fiume, abbia attraversato in compagnia di alcuni seguaci l 'attuale Belucistan pachistano dirigendosi per un certo tratto verso nord, in direzione dell' Afganistan 24• Si trattava di un territorio di antichissima civiltà e teatro di complesse vicende storiche. Già provincia achemenide conquistata da Alessandro nel 326 e poi in­ corporata nel regno di Seleuco, esso era appartenuto fra il II e il I secolo a.C. al regno indo-greco di Battriana (fondato da un gover­ natore seleucide resosi indipendente), che al massimo della sua potenza era esteso dall'attuale Afganistan orientale (la Battriana storica) all'India nord-occidentale; uno dei suoi re, Menandro, compare col nome di Milinda in un famoso trattato buddhista, le Domande di Milinda (Milindapaiia), il che indica il suo interesse per una religione allora largamente diffusa in tutta quest'area. In seguito il regno di Battriana fu occupato dai Cusiani (Kushan), un popolo nomade di provenienza centroasiatica poi rapidamente civi­ lizzato: anche i re cusiani, fra i quali brilla Kanishka (Il secolo d.C.), furono zelanti protettori del buddhismo. Ma giusto una dieci­ na d'anni prima dell'arrivo di Mani, re Artaserse con una vittoriosa spedizione militare era riuscito a riconquistare all'Iran tutta la parte del regno cusiano a ovest dell' lodo: la Battriana storica (dove pe­ raltro sorgeva la città di Balkh, patria di Zarathustra) era stata co­ stituita in provincia e per la sua importanza strategica ne era stato affidato il governo al principe ereditario Sapore col titolo di 'vicerè della Cusiana' (Kush/insh/ih), ma dopo che questi era stato richia­ mato a corte per assumere le funzioni di coreggente lo aveva rim­ piazzato suo fratello Peroz; più a sud vi erano altre province sassa­ nidi e alcuni piccoli regni locali, vassalli del Gran Re. L'esperienza indiana di Mani, anche se durò pochi mesi, è una tappa fondamentale della sua evoluzione spirituale almeno per due 24 Sul primo viaggio di Mani cfr. W. Sundermann, Zur friihen missionarischen Wirksamkeit Manis, «Acta Orientalia Hungarica>>, 24 ( 1 97 1 ) e C. Romer, Manis friihe Missionsreisen, Opladen 1 994, p. 73.

Introduzione

17

motivi. I n primo luogo egli venne direttamente a contatto col bud­ dhismo, ne apprezzò la dottrina e soprattutto la grande capacità di espansione missionaria; è qui che concepì l'idea di aggiungere il Buddha alla lista dei grandi Rivelatori della verità al genere umano (secondo la dottrina appresa dalla setta elcasaita), e di conseguenza si affrettò ad adottare, con quella capacità di assimilazione delle forme religiose storiche tipica dei pensatori gnostici, non tanto le dottrine in sé quanto le forme espressive, i moduli letterari, la struttura organizzativa del buddhismo basata sulla distinzione fra monaci e fedeli laici, che nella Chiesa manichea diventerà quella fra 'eletti' e 'uditori' . Inoltre potè giocare su una certa analogia del suo messaggio con quello buddhista, dato che in entrambi i casi la salvezza era concepita come liberazione dal ciclo delle reincarna­ zioni, e c'era la comune accentuazione dei valori della non­ violenza, della compassione per tutti i viventi che soffrono in que­ sto mondo di dolore; ciò unito al suo personale carisma predicato­ rio e alle sue non comuni capacità di produrre guarigioni e altri fe­ nomeni straordinari dovette procurargli un certo seguito nell'am­ biente buddhista. In secondo luogo, Mani sperimentò in questa oc­ casione la sua nuova tecnica missionaria, che a differenza di quella degli apostoli cristiani non si rivolgeva tanto agli strati popolari delle campagne o delle grandi città bensì (come del resto usava fare il Buddha) mirava piuttosto ad avvicinare le persone di rango e i notabili del luogo, nella convinzione che il favore ottenuto da co­ storo avrebbe avuto un rapido effetto di trascinamento anche sulle masse. L'unico episodio che la tradizione ci ha conservato al ri­ guardo è la conversione di un principe indiano che governava (sotto l'autorità del Gran Re) il piccolo stato di Turan o Toghran nel Be­ lucistan nordorientale25: Mani lo guadagnò a sé eseguendo un eser­ cizio di levitazione e intrattenendosi in colloquio a mezz'aria con lo spirito di un santone buddhista a tale scopo evocato. Significativa­ mente, il principe impressionato da questa scena salutò Mani come un' apparizione del Buddha stesso26• 25 Come gentilmente mi informa W. Sundermann, il vero nome della regione era 'Toghran' attestato da fonti epigrafiche; probabilmente i documenti manichei, composti quando ormai il regno di Toghran non esisteva più, Io confondono con 'Turan' che in persiano designava le regioni del nord, fra il Mar Caspio e il Lago Arai, abitate dalle tribù turche. 26 Un altro documento manicheo molto frammentario parla della conversione del re di Varucian, un altro vassallo del Gran Re che alcuni collocano nella Bat-

18

Aldo Magris

Nell'ambiente iranico più tradizionalista, tra i funzionari regi di provincia e il clero mazdeo venuto al loro seguito dopo la recente conquista, sembra invece che incontrasse serie difficoltà ma pro­ prio qui gli si presentò l'occasione di stringere amicizie importanti. In particolare, forse proprio tramite il signore del Turan, Mani ebbe la fortuna di fare la conoscenza e di conquistarsi la simpatia del fratello di Sapore, il principe Peroz, che in quel momento era il vi­ ceré della provincia di Cusiana. Affascinato dalla personalità e dalla dottrina dell"Apostolo' che - non dobbiamo dimenticarlo era pur sempre un rampollo dell'aristocrazia iran i ca, Peroz (secon­ do quanto riferisce Nadim) volle rendergli il massimo favore possi­ bile fornendogli una lettera di raccomandazione con la quale avreb­ be dovuto presentarsi a palazzo dal sovrano per ottenere un' udienza personale. Era la grande occasione della sua vita. Mani nei primi mesi del 242 abbandonò precipitosamente l' India e fece ritorno a Ctesifonte27• Re Artaserse quando vi giunse era già morto e il principe eredita­ rio Sapore, già Re dei re in pectore ma non ancora incoronato, os­ servava il lutto con tutta la Corte, per giunta con la preoccupazione dello scontro imminente con l' armata imperiale di Gordiano III. Mani (secondo il racconto del Codice di Colonia) si presentò a lui come uomo di Dio e come profeta ispirato, come spirito consolato­ re e come medico del corpo e dell'anima, e con tale atteggiamento riuscì ad ottenere il suo favore e la sua stima, assieme al permesso di condurre la propria attività missionaria sotto la protezione reale. Fu senz' altro un incontro felice quello fra i due uomini, ed essi strinsero una fraterna amicizia che si concretava, secondo le fonti manichee, in frequenti incontri e lunghe conversazioni. Mani ebbe anche il privilegio di far parte del seguito del Re e in questa veste forse lo accompagnò sia alla battaglia di Resaina del 243, sia suc­ cessivamente nella trionfale campagna militare contro i romani fra il 256 e il 260, che portò dapprima all'assedio e alla distruzione di Dura Europo, poi ali ' invasione della Siria e della Cappadocia e in­ fine alla disfatta dell' Imperatore Valeriano, circondato sotto le mu­ ra di Edessa e costretto ad arrendersi con tutto l'esercito. Certo, il triana, altri però nell'odierna Georgia: in questo secondo caso l'episodio si sarebbe svolto in tempi diversi, v. Sundermann l p. 24. 27 Forse durante il viaggio di ritorno Mani incontrò e converti anche un altro fratello di Sapore, Mihrshah, governatore della provincia di Mesene. L'episodio è descritto nel testo nr. 3.

Introduzione

19

ruolo di dignitario e tanto meno quello di ufficiale di Stato Maggio­ re era quanto di più lontano si potrebbe pensare dalla mentalità di Mani, e ciò lascia supporre che ci fosse una certa dose di equivoco nel suo rapporto col Re. Sapore lo apprezzava come persona, lo impiegava per le sue facoltà taumaturgiche28, ma sicuramente non pensò neppure per un momento di convertirsi, anche per motivi di ordine politico. Suo padre Artaserse si era ribellato contro gli Arsa­ cidi per difendere la cultura nazionale iranica e l'eredità dell' antico impero persiano contro l'invadenza dell'ellenismo, e per questo aveva riconosciuto nel mazdesimo zoroastriano la religione uffi­ ciale del suo stato. Anche Sapore nei suoi documenti di regno si di­ chiara un fedele mazdeo29: evidentemente il permesso accordato a Mani di predicare era considerato solo come un favore ad perso­ nam. Mani da parte sua cercò in tutti i modi di trar profitto dalla sua regale amicizia. In omaggio al Re compose il suo Trattato per Sa­ pore (Shiìpuhragan) scritto nella lingua mediopersiana della nuova dinastia30 (mentre Mani pur essendo di famiglia iraniana ma viven­ do in Mesopotamia parlava l' aramaico, e precisamente il dialetto palmireno), nel quale tracciò le linee della sua dottrina utilizzando un linguaggio non teologico-concettuale ma figurato, 'mitico' , de­ sunto in parte dall' apocalittica sia giudaica sia neotestamentaria, in parte dal patrimonio tradizionale della religione iranica, procla­ mandosi così autentico continuatore di Zarathustra3 1 • Vediamo già fin d'ora manifestarsi il carattere camaleontico della religione ma­ nichea, che pur mantenendo ferma la sua propria identità sapeva adattarsi con estrema abilità ai diversi ambienti storico-religiosi man 28 Sembra che Mani fra l'altro abbia guarito da una grave malattia la figlia di Sapore, Adur-Anahid, che secondo alcuni Sapore stesso aveva poi preso in moglie (cfr. J. Wiesehofer, Ancie111 Persia, Londra 1 996, p. 1 75) e dalla quale avrebbe avuto un figlio, Onnisda, il futuro Re dei re. I matrimoni incestuosi tra figli e ge­ nitori erano ammessi o addirittura favoriti dalla religione mazdea, mentre Mani, che detestava la sessualità, non poteva non vederli con orrore: tuttavia si adattò alla situazione per ragioni di opportunità. 29 Le iscrizioni del regno di Sapore l, con testo trilingue (persiano, aramaico e greco) sono edite da A. Maricq in 'Syria', 35 ( 1 958). 30 Per una ricostruzione del Tra/lato per Sapore v. D.N. MacKenzie, Mani's Shfibuhrdgdn, «Bullettin of the School of Orientai and African Studies>>, 42 ( 1979) e 43 \ 1980); M. Hutter, Manis kosmogonische �abuhraglin-Texte, Wiesbaden 1 992. 1 L'intreccio di culture è complicato dal fatto che lo stesso zoroastrismo aveva una sua visione apocalittica ed escatologica, che a sua volta aveva influenzato la più antica apocalittica giudaica sorta non a caso quando gli ebrei stavano sotto il dominio persiano.

20

Aldo Magris

mano incontrati (cristiano, buddhista, zoroastriano) e alle più diverse situazioni culturali (greco-romana, semitica, iranica, indiana, in se­ guito anche araba, turca e cinese), garantendosi in tal modo una ca­ pacità di sopravvivenza sotto varie forme per oltre un millennio. Inoltre, l'incontro e l'amicizia con Sapore consentì all'attività di Mani di compiere un grande salto di qualità. D'ora in avanti egli non era più un oscuro predicatore e taumaturgo che, come tanti, gi­ rovagava tra i villaggi con alterna fortuna ma un dignitario d'alto rango munito di credenziali del Re dei re al quale le autorità locali dovevano prestare sostegno e obbedienza32; inoltre egli era ormai consapevole di annunciare una vera e propria nuova religione, una 'religione della Luce' , la cui dottrina rappresentava il compimento definitivo delle rivelazioni a suo tempo recate ai differenti popoli anzitutto dai patriarchi biblici anteriori ad Abramo come Set, Enoc, Noè (invece Mani era ferocemente avverso al giudaismo etnico e alla legge mosaica codificata dai rabbini), poi da Zarathustra e dal Buddha, e infine da Gesù, verso il quale (sia pure visto in termini inaccettabili per la Chiesa cristiana) il manicheismo mantenne sempre e dovunque un riferimento privilegiato. Nei successivi trent'anni Mani svolse un'attività instancabile viaggiando entro i confini dell'impero sassanide, in Mesopotamia e in Iran, per dif­ fondere in ogni luogo il suo verbo, costituire delle comunità, orga­ nizzare sul piano dottrinale e istituzionale la sua Chiesa. A tale scopo compose in questo periodo, il più produttivo e felice della sua vita, le opere che avrebbero dovuto fungere da 'Sacra Scrittura' dei fedeli manichei: il Vangelo vivente, il Tesoro della vita, il Libro dei Misteri, un ciclo mitologico di Leggende33 e il Libro dei Gigan­ ti, alle quali vanno aggiunte le Lettere, raccolte di Preghiere e di Salmi ed infine una sorta di album o rappresentazione iconografica della dottrina disegnata da lui stesso: l 'Immagine. Tutte queste ope­ re andarono perdute a eccezione di qualche frammento che ce ne fornisce un' idea molto approssimativa. Probabilmente i successi della politica espansionistica sassanide culminata con la vittoria su Valeriano nel 260 gli suggerirono di promuovere un'ulteriore diffusione del manicheismo nei paesi stra32 La patente reale di cui Mani era in possesso è riprodotta nel fr. M 267b e M 3 1 4 (Sunderrnann l , p. 1 06).

33 Su questo termine cfr. M. Tardieu, Cosenza, Giordano, 1 996', p. 73.

Le

manichéisme, tr. it. Il manicheismo,

Introduzione

21

nieri, e se ne occuparono alcuni discepoli del Fondatore imitando la �>ua tecnica di acquistare dapprima il favore dei governanti per poi convertire i loro sudditi. Una missione in territorio romano fu in­ trapresa da Addà (che nelle opere di Agostino compare col nome grecizzato di Adimanto). Avendo a quanto sembra ottenuto la pro­ tezione della regina di Palmira, Zenobia, che approfittando della catastrofe di Valeriano aveva esteso H suo potere a tutte le province orientali dell' Impero, Addà propagò la religione di Mani in Siria, in Palestina, ad Alessandria d'Egitto e nel Nordafrica. Un altro mis­ sionario manicheo, Tommaso, operò nel cuore dell'Egitto tra il Fayum e Licopoli (Assiut) costituendo importanti comunità delle quali ci sono pervenuti i testi in lingua copta. In altre direzioni, Ga­ briab grazie alla conversione di un principe locale impiantò il ma­ nicheismo in Armenia, la culla di quella che nel medioevo sarà l'eresia dei pauliciani, dei bogomili e dei catari-albigesi, mentre Ammò fu l'iniziatore della missione lungo la 'Via della seta' che nel giro di cinque secoli lo fece giungere attraverso il Turkestan fi­ no in Cina. Esiste in effetti un nesso molto stretto fra la religione di Mani e le grandi rotte commerciali dell' antichità: data la sua con­ danna dell'agricoltura accusata di torturare la sostanza divina pri­ gioniera della materia sotto forma di alberi e piante, essa poteva considerare relativamente innocenti soltanto le attività mercantili, e per questo attecchiva preferibilmente nel ceto dei commercianti, che a loro volta contribuivano a diffonderla grazie ai loro sposta­ menti fra i grandi centri urbani. Bisogna poi considerare che i mis­ sionari manichei erano molto versati nella medicina e nell'astrolo­ gia, due competenze capaci di attirare loro l' interesse e il favore delle classi superiori. Infine l'atteggiamento manicheo verso le re­ ligioni istituzionali, che era critico ma al tempo disposto a sfruttar­ ne gli aspetti positivi, andava incontro alle esigenze degli intellet­ tuali desiderosi di distinguersi dalla massa credulona, come si vede ad esempio dal caso di Agostino34• Tutti questi successi non tardarono a suscitare contro il mani­ cheismo anche contestazioni e ostilità. In Occidente, la propaganda manichea mise in allarme la Chiesa cristiana, che reagì sul piano intellettuale, per il momento, elaborando ad opera dei suoi vescovi

pp.

34 Cfr. Agostino, De utilitate credendi, 2. Su questo si v. Lieu, Manichaeism, 1 52-1 68.

22

Aldo Magris

e teologi un vasto repertorio di trattati controversisticP'; più tardi intervenne anche lo Stato, quando nel 302 un editto dell'Imperatore Diocleziano36 comminò pene severissime ai manichei sospettati di essere oltretutto agenti del nemico persiano. Entro l'impero sassa­ nide, d'altro canto, il manicheismo entrava in una pericolosa con­ correnza con la religione mazdea che, come si è detto, già Artaserse aveva voluto elevare a religione di stato e a baluardo della pura tra­ dizione iranica di contro al sincretismo ellenistico-orientale favo­ rito dalla precedente dinastia partica. Il richiamarsi di Mani a Gesù Cristo o al Buddha rendeva il suo messaggio, agli occhi dei nazio­ nalisti persiani, non meno 'straniero' e quindi sospetto di quanto non sembrasse a Diocleziano ! È evidente che la sua religione, pron­ ta ad assimilare tratti di qualsiasi sistema religioso storicamente dato senza sentirsi vincolato ai dogmi di nessuno in particolare (in ciò, un tipico atteggiamento gnostico), contraddiceva in pieno ai princìpi della politica religiosa sassanide nonché agli interessi del clero nazionale mazdeo, cioè i 'magi' che praticavano il culto del fuoco. Esiste in effetti anche tutta una trattatistica antimanichea dei teologi zoroastriani, del tutto simile nelle forme a quella degli ere­ siologi cristiani31• Si aggiunga che la condanna della violenza, i li­ miti posti all'alimentazione e alla sessualità avrebbe reso impossi­ bili precisamente le occupazioni preferite dell' aristocrazia iranica: la guerra, la caccia, i piaceri della tavola e dell'alcova. Fintanto che durò l'amicizia con Sapore, si mantenne un certo equilibrio e Mani poté proseguire indisturbato la sua missione, ma dopo la morte del grande Re (272) e del suo figlio e successore Ormisda, scomparso a pochi mesi di distanza (273), la situazione cominciò a farsi difficile. Il nuovo sovrano Bahram (un altro figlio di Sapore), da sempre avverso alla 'religione della Luce' , una volta salito al trono concesse tutto il suo favore a Kartir, il Gran sacer3' Gli Atti di Archelao (IV secolo) descrivono in maniera romanzesca una situa­ zione-tipo: in una città sul confine orientale dell'Impero giunge un missionario manicheo (in questo caso Mani in persona) che cerca di ingraziarsi anzitutto un'alta personalità del luogo: segue l'intervento del vescovo (Archelao), il quale in un lungo dibattito confuta il predicatore e lo costringe a fuggire. Episodi di que­ sto genere realmente accaduti si possono leggere nelle opere di Agostino Contro Felice e Contro Fortunato. 36 Sulla data dell'editto cfr. Lieu, op. cit. , p. 121. L'anno dopo seguì l'editto di Nicomedia contro i cristiani. 37 Per esempio Io Skand Gumanik Vicar, ed. e tr. fr. di J. De Menasce, Friburgo 1 945.

Introduzione

23

dote mazdeo acerrimo nemico di Mani e intenzionato a ristabilire in tutto il paese il culto tradizionale sradicando le altre presenze reli­ giose estranee, soprattutto il cristianesimo e il manicheismo. Ebbe inizio così una fase di progressive restrizioni e poi di vera e propria persecuzione. Mani sembra intendesse allora espatriare attraverso la Cusiana in direzione dell'Asia centrale, dove la missione di Ammò cominciava a ottenere grandi risultati, ma venne bloccato da funzionari regi e obbligato a tornare a Ctesifonte: qui nell' inverno 276-277 lo raggiunse l' ordine di presentarsi al Re dei re che in quel momento si trovava in Persia nella città di Gundesapora (Gunde­ shapuhr in lingua iranica, chiamata anche Bet-Lapat o Belabad in aramaico). Fu questo il suo ultimo viaggio, sul quale ci informa dettagliatamente un' Omelia in lingua copta. Arrivato alla residenza reale di Gundesapora, le sentinelle ebbero l' ordine di trattenerlo nel corpo di guardia del palazzo senza permettergli di entrare, ed è qui che il sovrano venne ad incontrarlo. Secondo un resoconto mani­ cheo probabilmente fededegno, Bahram iniziò ad apostrofarlo in maniera scortese proibendogli di diffondere oltre una religione inu­ tile e dannosa, ma Mani, che aveva anche lui il suo carattere, rispo­ se per le rime e si sarebbe permesso persino di fare un confronto ovviamente sfavorevole tra l' attuale sovrano e suo padre Sapore. A questo punto Bahram andò su tutte le furie e lo fece trattenere pri­ gioniero, coperto di pesanti catene, sottoponendolo al giudizio di un tribunale religioso mazdeo che senza alcun dubbio l 'avrebbe condannato alla pena capitale. Benché alcune fonti tarde parlino di crocifissione o di forme anche più atroci di supplizio, le testimo­ nianze originali su li' episodio non lasciano dubbi sul fatto che Ma­ ni morì di stenti dopo meno di un mese di detenzione, peraltro in condizioni molto dure, senza che fosse eseguita la sentenza. Prima di spirare, in presenza di pochi fedeli venuti ad assisterlo rivolse a Gesù la sua ultima preghiera. Per la tradizione manichea era lunedì 26 febbraio 277. 2. Vicende del manicheismo

Al momento della scomparsa del suo Fondatore, il manicheismo si trovava in una fase di rapida e crescente espansione. Mani, per non rischiare che il suo messaggio venisse travisato e distorto come quello dei precedenti Rivelatori, aveva lasciato un corpus immodi­ ficabile di suoi scritti, una serie di norme vincolanti per i fedeli, un

24

Aldo Magris

successore nella persona del suo discepolo Sisinnio (Sishin), e una ben regolata organizzazione gerarchica. Da Ctesifonte la Guida su­ prema della 'Chiesa' manichea controllava una fitta rete di cellule sparse fra Cartagine nel Nordafrica romano e Samarcanda capitale della Sogdiana (attuale Uzbekistan) attraverso la Siria-Palestina, la Mesopotamia e l ' Iran fino alla Cusiana e al confine nord-orientale del regno sassanide, il 'Chorassan' (Oriente). Imitando i modelli politici del tempo, la 'Chiesa' aveva una struttura piramidale: al di sotto della Guida c'erano infatti dodici 'maestri' (come i Dodici chiamati da Gesù, Mt. 1 0. 1 ), quindi 72 'vescovi' o 'diaconi ' (come i 72 discepoli inviati da Gesù a predicare, Le. l 0. 1 18), e infine 360 presbiteri (numero cosmico), che dovevano predicare la religione e tenere i collegamenti fra le cellule; al di sotto dei presbiteri c'era un numero illimitato di adepti maschi o femmine, gli 'eletti' , che vive­ vano in comunità praticando vita rigorosamente ascetica. A tutti costoro, cioè al clero propriamente detto, era sottoposta la gran massa dei fedeli laici, gli 'uditori ' o 'catecumeni' , tenuti soltanto ai normali obblighi morali e soprattutto al mantenimento economico dell'istituzione religiosa. Il rapporto fra eletti e uditori era chiara­ mente modellato su quello evangelico tra Maria e Marta (Le. l O. 38-42). Le cerimonie religiose della comunità, delle quali non sap­ piamo molto, prevedevano il pasto rituale degli eletti, la recita di preghiere e il canto di inni che pare fossero rinomati per la bellezza del testo e della musica; inoltre si celebravano delle festività an­ nuali fra cui la più importante era quella del 'Trono' (in occidente si usava la parola greca béma) ad indicare il 'tribunale' dal quale Mani era stato giudicato e quindi l'occasione del suo martirio. Pre­ sbiteri ed eletti dedicavano molta cura a comporre, copiare e abbel­ lire di colori e arabeschi i testi dottrinali e la letteratura di edifica­ zione, al punto che questi libri, per quel che ce ne rimane, erano dei piccoli capolavori dal punto di vista sia artistico sia tecnico. Difficilmente questa organizzazione avrà potuto mantenersi in­ tatta nei lunghi secoli nei quali il manicheismo fu quasi sempre e dovunque oggetto di repressione. Re Bahram seguì dopo poco tem­ po Mani nella tomba ma i suoi successori Narsete e Ormisda II mantennero un atteggiamento ostile e attivarono una persecuzione di cui rimase vittima tra gli altri Sisinnio. Fino a quando esistette, il 38 Il testo greco di Luca parla di 70 discepoli, ma la versione in lingua siriaca conosciuta da Mani ne nomina 72 (in quanto multiplo di 12).

Introduzione

25

governo sassanide rese la vita impossibile ai manichei del paese, che per la maggior parte dovettero rifugiarsi oltre confine in Sog­ diana e poi nell'Asia centrale. Contemporaneamente anche l' Impe­ ro romano, sotto Diocleziano, iniziò come abbiamo visto a reprime­ re la diffusione del manicheismo, e per analoghi motivi 'patriotti­ ci' . Allorché l' Impero divenne cristiano, la legislazione antimani­ chea fu ripresa e inasprita a partire da un editto di Valentiniano I (372), poi con tre successivi editti di Teodosio I (38 1 , 382, 383) e uno degli Imperatori Valentiniano III d'Occidente e Teodosio II d'Oriente (425): essi disponevano forti ammende per i sostenitori, chiusura dei luoghi di culto e distruzione dei libri, confisca dei beni ed esilio perpetuo per gli adepti. Nel 527 un editto di Giustiniano comminava per la prima volta la pena di morte. È davvero sorpren­ dente che in una situazione così difficile le comunità manichee ri­ uscissero sempre e rapidamente a ricostituirsi nei periodi di stasi tra una repressione e l' altra, che noti manichei potessero comunque circolare facendo proselitismo alla luce del sole, e che la setta po­ tesse addirittura infiltrarsi con successo nei centri di potere. È noto che Agostino all'epoca in cui era un 'uditore' ottenne un posto di prestigio presso la corte imperiale a Milano proprio in virtù di un intrallazzo gestito da personaggi influenti di Roma, come Simma­ co, in buoni rapporti con i manicheP9• La generale decadenza se­ guita all 'estinzione dell' Impero in Occidente e la severissima legi­ slazione giustinianea in Oriente portarono però alla pressoché totale scomparsa del fenomeno manicheo in Europa. È plausibile tuttavia ravvisare una certa sua reviviscenza nelle dottrine dei catari­ albigesi, che godettero di un notevole seguito nell'Italia settentrio­ nale e nella Francia meridionale fra l'XI e il XIII secolo: sembra in­ fatti che l'eresia catara fosse in qualche modo un prolungamento di quella balcanica dei 'bogomili' , a loro volta una derivazione dei 'pauliciani' deportati dall' Armenia nei Balcani per ordine dell'Im­ peratore di Costantinopoli. Senza che si possa parlare di una vera e propria filiazione data la diversità dei contesti, tuttavia le analogie 39 Probabilmente Simmaco avrà favorito i manichei, nella persona di Agostino, ad onta della legislazione imperiale formalmente in vigore, nel quadro della sua politica anticristiana e per la ripresa del paganesimo. Il loro camaleontismo spin­ geva certamente i manichei (che del resto dalla Chiesa cristiana non si potevano aspettare nulla di buono) a presentarsi anche come favorevoli alle tradizioni paga­ ne: cfr. ad esempio Fausto in Agostino, Contra Faustum, XIII, l .

26

Aldo Magris

fra il dualismo manicheo e quello delle eresie medievali sono diffi­ cilmente negabili40• Nel 632 gli arabi musulmani invasero la Mesopotamia e nel giro di pochi anni fecero crollare l'Impero sassanide, impadronendosi contemporaneamente anche della Palestina, della Siria e dell 'Egitto romano. Sotto il dominio arabo i pochi manichei sopravvissuti nella regione godettero all' inizio di una certa tolleranza pur senza ottene­ re lo statuto di religione protetta concesso ai cristiani e agli ebrei. Abbiamo notizia di varie 'Guide' della Chiesa che si succedettero regolannente a Ctesifonte prima, e poi a Baghdad. Ben presto però anche da parte islamica si cominciò ad avvertire nel manicheismo una dottrina abominevole e pericolosa: con l'inizio del X secolo i dottori musulmani elaborarono a loro volta una letteratura polemica contro quelli che essi chiamavano i 'zandaqa'4 1 e in seguito a ciò l'autorità califfale di Baghdad procedette a una severa repressione. Unico porto sicuro per i manichei rimase dunque l' Asia centrale ed è qui che la religione di Mani ebbe la sua maggiore fortuna in epo­ ca medievale. Già dalla fine del VII secolo i manichei risultavano esser presenti in Cina, dove avevano costituito dei centri di culto pur in mezzo alle mille restrizioni imposte dal governo imperiale, che di regola diffidava delle religioni straniere. Si trattava in gran parte di sogdiani e di iranici giunti nel paese seguendo le rotte carovaniere della Via della seta. Sappiamo che nel 73 1 l 'autorità cinese, per poterli tenere sotto controllo, ingiunse ad un vescovo manicheo re­ sidente di presentare una relazione scritta sulle dottrine e le attività della setta: è il Compendio sulle dottrine di Mani, il Buddha di lu­ ce, che ci è parzialmente giunto e manifesta nettamente la tendenza del manicheismo cinese a mimetizzarsi come una sorta di buddhi­ smo42. Alla metà dell' VIII secolo scoppiò una rivolta contro la re­ gnante dinastia T'ang (la famosa rivolta del generale An Lushan), e per domarla l'imperatore ricorse all'aiuto di alleati barbarici, in 40 Su questo argomento cfr. l' Introduzione di G. Sfameni Gasparro a M. Tar­ dieu, /l manicheismo, cit., pp. 38-39, con bibliografia relativa. 41 Da Zend-Avesta, il libro sacro della religione mazdea: evidentemente i mani­ chei venivano associati equivocamente agli zoroastriani, forse a causa del comune tema dualistico. Sulla contestazione del manicheismo da parte islamica cfr. K.Prenner, Wider die Ewigkeit von Licht und Finstemis, in K.M. Woschitz - M. Hutter - K. Prenner, Das manichiiische Urdrama des Lichtes, Vienna 1 989. 42 Tr. fr. di M. Tajadod, Mani, le Buddha de Lumière, Parigi 1 990.

Introduzione

27

particolare della tribù turca degli Uigùri che controllavano vaste zone dell'attuale Turkestan e della Mongolia. Ora, accadde che nel 762 il capo turco Bogii Khan, dopo aver liberato dai ribelli la capi­ tale cinese orientale Luoyang, conobbe alcuni religiosi manichei presenti in città e se ne lasciò talmente influenzare che, tornato nel suo paese, volle solennemente proclamare il manicheismo religione principale del regno43• In considerazione della potenza del Khan an­ che il governo imperiale dovette adeguarsi sia pure a malincuore e da quel momento i manichei godettero di ampia libertà di culto non solo nella terra dei turchi uiguri ma anche in Cina. La fortuna però non durò a lungo perché non appena il regno uiguro fu abbattuto dai Kirgihisi, ne11' 840, un editto imperiale vietò ogni proselitismo da parte dei manichei permettendo l'esercizio del culto solo agli stranieri. Intanto una parte degli Uiguri superstiti si era rifugiata più a sud nel bassopiano attraversato dal fiume Tarim fondando uno stato che aveva come capitale la città di Chocio, le cui rovine si trovano nei pressi dell'attuale Turfan, oggi capoluogo della provin­ cia cinese del Sinkiang. In questo territorio percorso dalla Via della seta, nel quale tra il via vai delle carovane apportatrici di ricchezza si incrociavano gli elementi culturali del mondo iranico, cinese, mongolico e indiano e le presenze religiose del buddhismo, del cri­ stianesimo nestoriano e deli' Islam"", la Chiesa manichea continuò a prosperare come religione di stato del principato turco di Chocio fino a quando, nel XV secolo, esso non dovette adottare per ragioni politiche la religione musulmana che era ormai quella prevalente nella zona. Qualcuno però ritiene che la storia del manicheismo non sia finita con la scomparsa della 'religione della Luce' dal popolo dei turchi uiguri e che comunità clandestine siano sopravvissute sotto altro nome in Cina sino ad epoche recenti4'.

43 Su queste vicende cfr. E. Chavannes - P. Pelliot, Un traité manichéen retrou­ vé en Chine, (dournal asiatique>>, 1 8 ( 1 9 1 1 ) e 20 ( 1 9 1 3) e Lieu, op. cit. , p. 234.

44 Sull'interazione di culture di cui fu teatro la Via della seta nel Medioevo v. H.J. Klimkeit, Die Begegnung von Christentum, Gnosis und Buddhismus an der Seidenstrafle, Opladen 1 986; Die Seidenstrafle: Handelsweg und Kulturbriicke zwischen Morgen- und Abendland, Colonia 1 989. 4' Cfr. S. Lieu, op. cit., pp. 23 1-304.

28

Aldo Magris

3. La documentazione originale

Fino al secolo scorso le uniche fonti antiche alle quali si poteva attingere per la conoscenza del manicheismo erano costituite dalle notizie al riguardo dei Padri della Chiesa, fra i quali godeva natu­ ralmente di maggiore autorevolezza Agostino per il fatto di aver trascorso un decennio come 'uditore' di una comunità dell'Africa romana. Altri importanti documenti eresiologici (tutti della seconda metà del IV secolo) sono gli Atti di Archelao, opera di un altrimenti ignoto Egemonio che descrive fantasiosamente la figura di Mani ma fornisce buone informazioni sulla dottrina, il trattato Contro i manichei di Tito, vescovo di Bostra (Siria meridionale) e gli Inni di Efrem di Nisibi, dove Mani (insieme a Marcione e a Bardesane) è frequentemente oggetto di polemica. A questi vanno aggiunti altri documenti della Chiesa siriaca, soprattutto un'omelia di Severo, vescovo di Antiochia (VI secolo) e la trattazione relativa ai mani­ chei nel Libro degli scoli (un catalogo di eretici) composto da Teo­ doro bar Koni, vescovo di Kasgar in Iraq (VIII secolo), che denota­ no un'eccellente conoscenza delle fonti originali46• Va ricordato che ci fu anche una polemica antimanichea condotta da autori non cri­ stiani: i neoplatonici Alessandro di Licopoli (IV secolo) e Simpli­ cio (VI secolo)47• Fra il 1 902 e il 1 9 1 2 quattro spedizioni archeologiche condotte da orientalisti germanici nella zona di Turfan sul sito dell' antica Chocio portarono alla luce, fra l'altro, una quantità enorme di fram46 Le opere antimanichee di Agostino si trovano nell'edizione del 'Corpus Scriptorum Ecclesiasticorum Latinorum' (CSEL) curata da J. Zycha (Vienna, 1 89 1 e ss.) e (parzialmente) nell'edizione Desclée de Brouwer della 'Bibliothèque augu­ stinienne', vol. XVII (Parigi 1966) con tr. francese. Gli Atti di Archelao, conser­ vati in tr. latina, ed. G.H. Beeson nei 'Griechisch-Christliche Schriftsteller', vol. 1 6 (Lipsia 1 906). Tito di Bostra nella 'Patrologia Graeca' , ed. J. P. Migne, vol. XVIII. Gli Inni di Efrem con tr. inglese in C. W. Mitchell, St.Ephrem's Prose Re­ futation of Mani, Marcion and Bardaisan, Londra 1 92 1 - 192 1 . Severo di Antio­ chia, Omelie cattedrali (si tratta dell'omelia nr. 1 23), ed. e tr. francese di M. Brière in 'Patrologia Orientalis', vol. XXIX (Parigi 196 1 ) . Teodoro Bar Koni, Libro degli scoli, ed. e tr. francese di R. Hespel e R. Draguet nel 'Corpus Scriptorum Christia­ norum Orientalium' , vol. 4 3 1 e 432 (Lovanio 1 98 1 -82). 47 Alessandro d.L:, Contra Manichaei opiniones disputatio, ed. A. Brinckmann (rist. Stoccarda 1 9892), tr. inglese Leida 1 974, tr. francese Parigi 1 985 (Migne aveva frainteso Alessandro come un eresiologo e perciò l'opera è compresa nella P.G., vol. XVIII). Simplicio parla dei manichei nel suo Commento al 'Manuale ' di Epitteto, ed. F. Dilbner, Parigi 1 840.

Introduzione

29

menti di manoscntt1 manichei48 che pur essendo stata pubblicata ancora solo parzialmente mutò radicalmente il quadro della ricerca scientifica in questo settore. Essi sono scritti in parte in lingue me­ dioiraniche (mediopersiano, partico e sogdiano), in parte in turco­ uiguro. Il mediopersiano e il partico erano parlati dei primi fonda­ tori della Chiesa manichea del Chorasan che ne avevano redatto i documenti, mentre il sogdiano e il turco corrispondevano alle due principali componenti etniche del territorio del Turkestan di allora. In tutte queste lingue i manichei utilizzavano uno speciale alfabeto (leggermente diverso nel sogdiano e nel turco) che Mani stesso aveva elaborato basandosi su quello del dialetto aramaico di Palmi­ ra, la sua madrelingua49• Benché composti in età medievale, i testi di Turfan contengono sicuramente copie di scritture manichee molto antiche e con ogni probabilità anche delle opere originali di Mani, per esempio del Trattato per Sapore50, delle Leggende e del Vangelo vivente. Oltre a ciò vi sono frammenti che riguardano la storia della Chiesa, numerosissime composizioni poetiche ad uso liturgico e preghiere. A est di Turfan in territorio cinese, a Dunhuang, nello splendido sito archeologico denominato 'Grotte dei Mille Buddha' , fu sco­ perto casualmente nello stesso periodo un fondo manicheo in lin­ gua cinese che contiene tre testi molto importanti: il Compendio delle dottrine di Mani il Buddha di luce, di cui abbiamo già parlato, un Trattato in cui sono sinteticamente esposte le nozioni fonda­ mentali del manicheismo, chiamato Trattato Chavannes-Pelliot dal nome degli editori francesi (dello stesso testo esiste una versione partica scoperta a Turfan) e un rotolo di Inni, fra i quali uno famoso a Gesù, che peraltro risultano esser stati incorporati, chiaramente per un equivoco, nella versione cinese del Canone buddhista. Un'altra basilare fonte di conoscenze sul manicheismo è costi­ tuita dai manoscritti in lingua copta reperiti in Egitto, nella zona del 48 I testi furono reperiti fra le rovine dei centri di culto manichei devastati da vandali , sicuramente musulmani: costoro per fortuna non distrussero i manoscritti ma si limitarono a stracciarli in mille pezzi, che cosl sono rimasti conservati ma ponendo problemi enormi di ricostituzione delle singole pagine (come per la grotta 4 di Qumran). 49 Sulle vicende della scoperta, dell'interpretazione e catalogazione dei testi di Turfan cfr. M. Boyce, A Catalogue of the lranian Manuscripts in Manichaean Scr1gt in the Gennan Turfan Collection, Berlino 1 960. Cfr. supra, n. 30.

30

Aldo Magris

Fayum, all' inizio degli anni Trenta. Di questi testi a suo tempo di­ visi fra Londra, Dublino e Berlino (ma in quest'ultima città andaro­ no distrutti durante il secondo conflitto mondiale insieme a parte dei manoscritti di Turfan)" e non ancora interamente editi sono at­ tualmente disponibili le Omelie, una delle quali racconta come s'è detto le vicende dell'arresto e della morte di Mani; metà di una rac­ colta di Salmi, un genere letterario ad impiego liturgico molto pre­ sente nella letteratura manichea anche a Turfan; i Capitoli, un'esposizione vasta e completa della dottrina teologica, soteriolo­ gica ed escatologica del manicheismo divisa in un centinaio di se­ zioni tematiche (appunto i 'Kephàlaia', con vocabolo desunto dal greco)'2• Di estrema importanza è stata l' acquisizione, nel 1 969, di un minuscolo codice papiraceo di provenienza egiziana da parte dell'università di Colonia, il già ricordato 'Codice di Colonia' , nella cui sezione leggibile si trovano notizie sull'infanzia e sulla giovinezza di Mani (soprattutto sulla sua permanenza fra gli elca­ saiti della Mesene), riferite in parte da lui stesso in prima persona, in parte da suoi discepoli e collaboratori. L'ultimo dono che la terra d'Egitto ha regalato ai ricercatori è stato un insieme di manoscritti manichei in copto, greco e siriaco scoperti recentemente nell'oasi di Dakleh, l' antica Chèllide, dei quali si attende nei prossimi anni il completamento della pubblicazione. Intanto è in corso di stampa la monumentale edizione del Corpus Fontium Manichaeorum, che comprenderà tutta la documentazione divisa in sezioni corrispondenti alle zone di ritrovamento e relativo ambiente linguistico'3• Sparsa com'è in un'area geografica così enorme e in contesti talmente diversi, la letteratura manichea manifesta anzitutto una '1 Le complicate vicissitudini del fondo manicheo in lingua copta sono rias­ sunte da A. van Tongerloo, Coptic Manichaean Texts, in 'Encyclopaedia lranica', VI, 3 ( 1 993). '2 Oltre all'edizione Bohlig-Polotsky utilizzata nella presente Antologia esiste anche una tr. ingl. di l. Gardner, The Kephalaia ofthe Teacher, Leida, Brill, 1 992. l Capitoli devono essere stati scritti originariamente in siriaco; la traduzione copta è di cattiva qualità e pone notevoli problemi di interpretazione. '3 Per il momento sono usciti: G. Wurst, Die Bema-Psalmen (The Manichaean Coptic Papyri in the Chester Beatty Library, Psalm Book Part Il, Fase. l ; «Corpus Fontium Manichaeorum>>, Series Coptica 1), Brepols, Tumhout 1 996; S.G. Richter, Die Herakleides-Psa/men (The Manichaean Coptic Papyri in the Chester Beatty Library, Psalm Book Part Il, Fase. 2; «Corpus Fontium Manichaeorum», Series Coptica 1), Brepols, Tumhout 1 998.

Introduzione

31

straordinaria capacità di metamorfosi e di adattamento culturale. Nei testi copti (soprattutto nei Salmi) e nella predicazione quale ri­ sulta dalle testimonianze di Agostino è di gran lunga prevalente una tematica e una terminologia cristiana; nel Codice di Colonia (tradu­ zione greca di un'opera scritta originariamente in siriaco) trapela uno sfondo giudaico-apocalittico; nei testi in mediopersiano la dot­ trina viene esposta adoperando l'onomastica mitologica mazdea mentre in quelli partici, sogdiani, turchi e cinesi si ricorre di fre­ quente ad espressioni e concetti indo-buddhisti. Le cose del resto possono presentarsi anche alla rovescia: gli inni cinesi danno un grande rilievo alla figura di Gesù, assolutamente ignota in quel contesto, mentre i Kephalaia copti, dove Gesù è menzionato solo di rado, hanno una struttura molto simile a quella dei sutra buddhisti (interrogazione del Maestro da parte dei discepoli, spiegazione di­ dattica con l' impiego di schematismi numerici, ecc.l4• Nello stesso tempo, però, bisogna riconoscere che il contenuto essenziale della religione di Mani, tanto nei principi teorici quanto nelle regole della prassi, è passata indenne attraverso i secoli, le forme espressi­ ve e le culture sempre conservata nella sua identità, al punto che è praticamente impossibile registrare dei mutamenti di rilievo. La spiegazione di questa sostanziale immutabilità sta nel fatto che essa ebbe come unico autore Mani stesso, il quale probabilmente fin dalla prima giovinezza (cioè prima di abbandonare i battisti), nu­ trito delle sue letture apocalittiche, gnostiche e neotestamentarie, ispirato dalle sue meditazioni e confortato dalle 'visioni' angeliche, seppe elaborare una concezione globale così coerente e ben artico­ lata che nessun altro, fin quando durò la sua 'Chiesa', poté o volle apportarvi dei cambiamenti se non superficiali. A differenza del giudaismo e del cristianesimo, che nel corso delle diverse epoche si svilupparono in forme molto diverse da quelle originarie, il mani­ cheismo si presentò dall'inizio alla fine come un 'sistema' perfet­ tamente compiuto. Ciò rende abbastanza agevole dame un'esposi­ zione riassuntiva, perché le differenze cronologiche e culturali fra le diverse categorie di fonti dalle quali la desumiamo non sono da considerarsi rilevanti '' . S4 Cfr. ad esempio gli schemi da l a IO del Sangita Suttanta e Dasuttava Sut· tanta (in Digha Nikaya, l, 33 e 34, tr. it. Canone Il). '' Una sintesi del sistema in H.J. Polotsky, Il Manicheismo ( 1 935), tr. it. Rimi­ ni, Il Cerchio, 1 996, pp. 36-63; Tardieu, Manich., ci t., pp. 99- 1 1 1 ; Lieu, Manich.,

32

Aldo Magris

4. Il sistema manicheo

Il manicheismo, la 'religione della Luce' o anche 'la religione' per eccellenza (den in iranico), tutte le altre non essendo secondo il punto di vista di Mani se non un'anticipazione o una degenerazione della propria, si definiva come 'la dottrina delle due nature e dei tre tempi ' . Le due nature sono la Luce e le Tenebre (il Bene e il Male); i tre tempi sono le fasi che scandiscono il loro rapporto, o meglio il loro inevitabile conflitto. La protologia, ossia la descrizione dello stato originario delle cose che dura dall'eternità, si salda così all ' e­ scatologia, alla situazione finale che durerà in eterno dopo la scon­ fitta delle Tenebre e del Male, passando attraverso la vicenda della creazione del mondo e dell ' uomo, tempo intermedio nel quale si decide tutto il processo. Nel mondo della luce vive anzitutto Dio, il 'Padre di Grandezza' , che è in sé quadruplice o 'dai quattro volti' (secondo una visione della mistica giudaica che risale alla profezia di Ezechiele56, cor­ rente anche negli gnostid7). I quattro aspetti del Padre sono la sua Divinità stessa, il suo Spirito, la sua Forza e la sua Sapienza. Lo Spirito può apparire anche come un'ipostasi femminile, lo 'Spirito di vita' o la 'Madre della vita' ; la 'Forza' corrisponde alle cinque membra della divinità (intelletto, mente, coscienza, meditazione, ragionamento)58 e insieme ai cinque elementi del mondo luminoso (etere, brezza, luce, acqua, fuoco); la Sapienza è il suo piano di sal­ vezza che si realizzerà nei profeti, in Mani stesso e nella sua Chie­ sa. Al di sotto di Dio vi sono dodici 'eoni' articolati gerarchica­ mente come nelle teogonie gnostiche. Il regno della luce si estende illimitatamente in tre direzioni ma in una di queste (verso il basso, cioè a 'sud') confina col mondo delle tenebre, dal quale è separato da una specie di cortina. Pure questo ha un suo sovrano, il Re della tenebra (detto Hyle, 'la Materia' , nelle fonti greche e copte; Az, «la cit. pp. 10-32; Merkelbach, Mani und sein Religionssystem, Opladen, West­ deutscher Verlag, 1 986, pp. 1 7-33. 56 Su questo testo e la sua fonuna nella mistica giudaica v. D. Halperin, The Faces ofthe Chariot, Tubinga 1988. " Su 'Dio-nel-Quattro' (Barbelo) nelle teogonie gnostiche cfr. Magris, Logica, cit., p. 1 46. La quatemità divina si presenta anche in teogonie che non conoscono la figura di Barbelo, per es. Lettera di Eugnosto, NHC III, ff. 76-82; Basilide in Ireneo, I, 23.3; valentiniani in Ireneo, l, 1 1 . 1 e I, 15.3 58 Su questi cinque termini e la loro diversa documentazione linguistica vedi Appendice.

Introduzione

33

Concupiscenza», in quelle iraniche e turche) ed è ugualmente com­ posto di cinque elementi (fumo, fuoco, vento gelido, acqua fetida e oscurità), ma poiché rappresenta il male, la distruzione e quindi an­ che l ' autodistruzione i suoi abitanti (diavoli e mostri suddivisi in cinque specie) sono in perenne lotta fra di loro, a parte il fatto che sono anche in preda a una continua fregola sessuale". Il secondo 'tempo' ha inizio quando gli abitanti delle tenebre, mentre sono intenti ad azzuffarsi e ad inseguirsi, passano 'casual­ mente' in prossimità della cortina e intravedono al di là di essa il mondo della luce. Subito sono presi dal desiderio di impadronirse­ ne e come un'orda di barbari unita solo dal desiderio di rapina muovono all' attacco. Gli esseri luminosi non sono in grado di rea­ gire perché essendo 'buoni' mancano di capacità aggressive; di conseguenza il Padre decide di andare 'lui stesso' ad affrontare il nemico. Ma in aramaico (la lingua usata da Mani per narrare questa vicenda) 'se stesso' si dice 'la propria anima' (nafsha ) ed è quindi la sua propria 'anima' che Dio 'evoca' come un personaggio a sé stante ed invia al combattimento60• Questo «Primo Inviato», essen­ do l' «anima» o il «Sé» di Dio, ha nelle fonti occidentali il nome di Uomo primordiale (da non confondere col primo uomo nel senso del progenitore della specie umana, cioè Adamo) perché in tutta la tradizione della mistica giudaica da Ezechiele a Enoc alla Qabbalà, nel pensiero cristiano e nel retroterra gnostico di Mani il Dio tra­ scendente quando vuole rivelarsi appare in figura umana6 1 ; invece nelle fonti orientali, in un differente contesto culturale, viene usato il nome dell'antica divinità iranica che lotta contro il principio del male: Ohrmezd. Suo contenuto spirituale è la stessa 'Forza' divina ossia le cinque facoltà intelletto mente coscienza meditazione e ra­ gionamento presentati sia come suoi 'Figli' , sia come la sua 'coraz'

59 Come giustamente osserva Polotsky (Manich., tr. p. 40), il dualismo mani­ cheo delle due nature solo formalmente non è un diteismo (giacché il termine 'Dio' è applicato solo al principio buono), ma di fatto sl, in quanto entrambi i principi hanno le stesse connotazioni trascendentali: ingenerato, indistruttibile, sovrano. 60 Questo interessante particolare emerge dalla relazione di Teodoro bar Koni, che scrive appunto in siriaco. Si noli che l'Uomo non è propriamente un 'Figlio' di Dio perché Mani nella sua sessuofobia evita con cura tutti i vocaboli che alludono alla 'generazione' (molto usati invece nella letteratura gnostica) e parla soltanto di 'chiamata' o di 'evocazione' : cfr. Polotsky, op. cit., p. 35. 6 1 Cfr. Ezechiele, 1 . 10, Daniele, 7.9- 14, JEnoc, 46-48; per le teologie gnosti­ che, v. Magris, Logica, cit., pp. 1 5 1 - 1 64; per la Qabbalà medievale G. Scholem, Le grandi correnti della mistica ebraica, Genova 1 986, p. 225 ss.

34

Aldo Magris

za' , sia come l"Anima' dell'Uomo (il quale a sua volta è l"Anima' di Dio). Lo scontro però ha un esito sfavorevole perché il Re della tenebra lo immobilizza e lo tramortisce mentre i diavoli o 'arconti' (con termine gnostico che designava le potenze della natura mate­ riale) afferrano i suoi 'Figli' e li divorano. È questo il momento de­ cisivo della vicenda in quanto a partire da adesso la sostanza lumi­ nosa ovvero l"anima' divina viene assorbita dagli esseri tenebrosi e assimilata dentro il loro corpo. L'Uomo prigioniero riceve a questo punto una 'chiamata' dal Padre che lo invita a riprendersi, e reagisce ad esso con una 'rispo­ sta' . Dal mondo della luce scendono allora in suo soccorso la Ma­ dre della vita, il Grande Architetto e lo Spirito Vivente, quest'ulti­ mo accompagnato pure lui da cinque 'Figli' che sono il Custode dello Splendore, il Re dell'Onore, il Re della Gloria, Adamàs e Atlante. Gli esseri delle tenebre vengono sconfitti, in parte uccisi e in parte fatti prigionieri, e l' Uomo è liberato, ma non è facile libera­ re anche i suoi Figli (l' 'anima' sua), divenuti linfa vitale degli ar­ conti che li hanno ingeriti: per questo lo Spirito Vivente (detto Se­ condo Inviato) decide di costruire una grande macchina - il cosmo - avente la funzione di separare o per così dire di distillare la so­ stanza luminosa dall' impasto delle tenebre. Con i cadaveri degli ar­ conti abbattuti egli costruisce otto 'terre' una sopra l' altra, soste­ nute da Atlante che poggia sulla nostra terra, mentre con le loro pelli scuoiate distende uno sopra l' altro dieci 'cieli' 62 posti sotto il controllo del Custode dello Splendore (i primi tre) e del Re dell'O­ nore (gli altri sette); gli arconti superstiti vengono inchiodati al fir­ mamento63 e costituiscono le stelle, i pianeti e le costellazioni mal­ vage (argomento desunto dall'astrologia del tempo), mentre con la sostanza luminosa che si è potuta recuperare subito vengono for­ mati i pianeti 'buoni', cioè il sole e la luna. La «macchina» funzio­ na mediante un meccanismo costituito da tre Ruote (ad esse so­ vrintende il Re della Gloria), le quali nel loro movimento discen­ dente portano in basso la sostanza negativa degli arconti celesti (la 62 Questa cosmologia che non ha altre attestazioni nel mondo ellenistico sembra derivata dal buddhismo. 63 Il Capitolo 48, p. 1 20 Bohlig-Polotsky spiega che solo il «rivestimento)) cor­ poreo ovvero le «carcasse)) degli arconti è stato utilizzato dallo Spirito Vivente per la fabbricazione del mondo terrestre, dal che si desume che al firmamento vengo­ no attaccate le loro «anime)); tuttavia anche gli arconti privi di corpo attaccati al firmamento devono avere una sorta apparato somatico per poter emettere il loro liquido organico, come vedremo fra un momento.

Introduzione

35

tenebra, l'acqua tenebrosa e il fuoco diabolico) e nel loro movi­ mento ascendente portano in alto la sostanza divina liberata (vento o «spirito», acqua chiara e fuoco buono). Intanto il Grande Archi­ tetto costruisce ai margini dell'universo una 'Nuova Terra' (termi­ ne biblico e cristiano) che servirà da soggiorno provvisorio alle particelle di luce liberate e poi alle anime. Tutto ciò viene chiamato la «Seconda Creazione». Il firmamento stellato che ispirerà a Kant l' idea del sublime do­ veva suscitare nel giovane Mani un senso di angosciosa oppressio­ ne e strane torbide fantasie. Quelle che a noi sembrano stelle erano invece per lui esseri diabolici portatori di influenze nefaste, e so­ prattutto ancora in possesso della sostanza luminosa strappata al Primo Inviato, metabolizzata nei loro corpi e trasformata in ele­ menti organici. Dio deve dunque trovare il modo di sottrarla e per questo 'evoca' un altro personaggio, il Terzo Inviato, che è una delle creazioni più singolari e sconcertanti del mito manicheo. Si tratta di un essere androgino di incomparabile bellezza, che scende attraverso i cieli accompagnato da dodici 'vergini' usando come mezzo di trasporto il sole. Dal bordo del suo 'vascello' solare egli si esibisce agli arconti maschi in aspetto femminile e in aspetto ma­ schile agli arconti femmine, sicché in entrambi i casi stimola al massimo grado la loro connaturata libidine; ma impossibilitati co­ me sono ad avvicinarlo perché stanno tutti 'crocifissi' alla volta celeste, gli uni hanno un efflusso spontaneo di sperma, le altre (tro­ vandosi in perenne stato di gravidanza a causa della frenetica atti­ vità sessuale esercitata nel mondo delle tenebre) subiscono un aborto e una conseguente perdita di sangue. Com 'è noto, secondo la visione ebraica certamente adottata anche dagli elcasaiti lo sper­ ma e il sangue (in particolare il sangue mestruale) ha un altissimo concentrato di sostanza vitale e pertanto appartiene a Dio, Signore della vita (ragion per cui il contatto anche incidentale con essi pro­ duce 'impurità'): Mani reinterpretò tale pensiero intendendolo nel senso che proprio in questi liquidi era contenuta la maggior parte della luce divina assimilata dagli arconti. Ecco allora come l'esi­ bizione erotica bisessuata del Terzo Inviato aveva lo scopo di farli 'uscire' in qualche modo dall' organismo demoniaco in cui si trova­ vano per poi procedere più facilmente alla separazione e al recupe­ ro della loro componente luminosa64• 64 L'episodio non è adeguatamente descritto nelle fonti originali manichee in

36

Aldo Magris

Anche questa volta, però, le cose non sono così semplici. Solo una piccola quantità di luce viene liberata subito mentre il resto, unito ai liquidi organici degli arconti, scola nel mondo sottostante mescolandosi alla natura materiale. Lo sperma finisce in parte nelle acque e produce un mostro marino abbattuto da Adamàs" (uno dei 'figli' dello Spirito Vivente), in parte sulla terraferma, ove dà luogo alla crescita delle piante; il sangue delle arcontesse contiene invece i loro 'aborti' che si propagano sulla terra sotto forma di cinque specie di creature malvage e libidinose, gli animali, ed è precisa­ mente in questi che si manifesta l' indole malefica degli esseri delle tenebre: essi infatti prima si gettano sulle piante per mangiarle, poi nostro possesso ma si ricava dalla relazione di Teodoro bar Koni, tr. fr. p. 236; cfr. per una diversa variante Atti di Archelao, 9 e Agostino, De luleresibus, 46. Nel trattato gnostico Origine del mondo, NHC II, f. 1 08 si descrive una scena simile: l'immagine di Dio apparsa in forma d'Uomo bellissimo eccita la parte femminile della potenza delle tenebre, e le produce una perdita di sangue. Già in ambiente gnostico era presente l'idea che le potenze del mondo inferiore ('angeli' o 'arcon­ ti') avessero assimilato sotto forma di sperma e di sangue la sostanza divina da lo­ ro rapinata alla 'Madre', vale a dire allo 'Spirito' di Dio, sua compagna (lo pneu­ ma è d'altronde rappresentato nel linguaggio gnostico come il 'seme' della fami­ glia divina), e che quest'ultima si esibisse eroticamente per provocame la fuoriu­ scita, proprio come nel mito manicheo; questo poteva dar luogo anche a 'sacre rappresentazioni' o a cerimonie sacramentali a contenuto osceno, v. Epifanio, 25.2 e 26.3-9. Il nesso fra sperma e luce è comunque presente anche nella tradizione iranica, come si vede dal trattato medievale Skand Gumanik Vicar, XVI, p. 254 De Menasce; cfr. al riguardo G. Gnoli, Lichtsymbolik in Alt-Iran, «Antaios» 8 ( 1 967), p. 532; K.-M. Woschitz - M. Hutter - K. Prenner, Das manichaische Urdrama des Lichtes, Vienna 1 989, p. 1 77. 65 Questo mitologema (trasmesso da Teodoro b.K., tr. fr. p. 236) apparente­ mente estrinseco al sistema sembrerebbe nascere da una curiosa combinazione del mito greco (ma forse di origine orientale) in cui Afrodite nasce dai genitali recisi di Urano caduti in mare e del mito giudaico extrabiblico della lotta di Jahveh col mostro marino Leviatano. Secondo S. Demaria, Some remarks on the Sea Gian/ in the Coptic Kephalaia (negli Atti in corso di stampa del Congresso sul manichei­ smo tenuto a Berlino nel 1 997) la dottrina manichea dava al racconto una valenza astronomica: il mostro vive infatti nel cielo, immaginato come un grande «mare», e precisamente a >. La lettera y nelle trascrizioni dalle lingue medioraniche come pu­ re di parole ebraiche o aramaiche (traslitt. y = ") rende la «i>> semi­ consonantica dell' it. «Iacopo» (o «Jacopo») «ieri», «bianco», ad es. yzd = ,,.. si trascrive e si pronuncia yazd. Il segno ' nel caso di traslitterazioni e trascrizioni di parole ebraiche o aramaiche rappresenta la fricativa laringale sonora 'ayn .

Abbreviazione dei testi manichei

47

>, ingl. ship. Corrisponde al copto C!) e alla lettera di pa­ role medioiraniche o aramaiche resa in traslitt. lat. con I e in traslitt. ebr. con r:j. La lettera z per quanto riguarda le lingue semitiche e le lingue iraniche trascrive una fricativa (sibilante) dentale sonora traslitte­ rata con z = � e va pronunciata come la «S» dell'il. «rosa».

Area di espansione del manicheismo.

PARTE PRIMA Testi sulla vita di Mani

1: 7' 3





o

� ..

� n

� n

!i.

.. !i.

2. 3



n

:l.

D :!.

.. !i.

§:

�:

)>

r '

� )> o >. z

IL GIOVANE MANI E LA SETIA ELCASAITA

Testo nr. l

(Codex Manichaicus Coloniensis, ed. Henrichs-Koenen; lingua: greco; tr. MGL)

Diversi resoconti della vita di Mani furono messi in circolazione probabilmente già negli ultimi decenni del l// secolo per conserva­ re la sua memoria e per servire da lettura edificante presso i fedeli della sua Chiesa. L 'iniziativa veniva incontro a una tendenza di Man i stesso a parlare di sé, a presentare la sua persona e la sua attività missionaria, che si riflette in molti frammenti della lettera­ tura manichea. Il presente testo è conservato in un codice papira­ ceo di 191 pagine in dimensioni estremamente ridotte (cm. 4,5x3, B), forse per poter/o occultare con facilità in tempi di persecuzione, ma scritto con una grafia greca nitidissima e molto curata. l fre­ quenti semitismifanno pensare ad una traduzione dell 'aramaico. li titolo originale è Sulla nascita (ovvero sull'origine) del suo corpo (perì tes génnes tou s6matos autou), dove per «corpo» si intende la persona, l 'involucro psicofisico nel quale l ' «Apostolo» apparve in questo mondo. Si presenta come un florilegio di testimonianze da parte dei più stretti collaboratori del Fondatore (un po ' come av­ verrà nella tradizione musulmana con gli Hadith di Maometto, tra­ smessi e garantiti dai membri della sua cerchia) che nella maggior parte dei casi riportano uno dopo l 'altro le parole da lui pronun­ ciate in prima persona, sicché il racconto degli episodi acquista un carattere autobiografico. La parte conservata e leggibile del codi­ ce riguarda la giovinezza di Mani presso la comunità elcasaita, le sue visioni dell 'Angelo-gemello, la partenza per i viaggi di missio­ ne nel nord e in oriente, e si conclude con la sua venuta a Cresi­ fonte presso il re Sapore. Data l'importanza di questo documento, abbiamo cercato di offrire al lettore una traduzione possibilmente comprensibile anche delle parti lacunose.

52

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

SULL'ORIGINE DEL SUO CORPO

[p. 2 Henrichs-Koenen] [ . . . ] i seg[uaci] [ . . . ] come pr[ofeta] [ . . . ] e salvato[re ... ] [ . . . ] essa [ . . . ] a me stes[so] . . . «[ ... ] a lui. Ma tu non raccogli [orta]ggi da[ll' ] orto, e non porti legna per il suo uso». Allora quel battista (baptistés) per costrin­ germi [a farlo] mi diceva: «Alzati e vieni con me nel luogo dove c'è la legna, prendila e portala!» Arrivati che fummo egli si arram­ picò sopra una pal[ma] da dattero «Se tu il dolore terrai lontano da noi, non perirai insieme all'uccisore'». Quel battista, allora, preso dalla paura nei miei confronti, con trepidazione scese giù dall' albero e si gettò ai miei piedi dicendo: «lo non sapevo che tu detieni questo mistero segreto6• Da chi ti è stato rivelato [ . . . ]?»

«Quando la palma da dattero ti disse ciò, come mai provasti sgomento e cambiasti colo­ re? Colui col quale tutte le piante parlano, quante più volte non do­ vrà restare scosso?>>. Egli era rimasto esterrefatto, dunque, pervaso com'era da stupore [p. 6 Henrichs-Koenen] per me. E mi disse: «Custodisci questo mistero, non svelarlo a nessuno, affinché non avvenga che qualcuno per astio ti uccida' [ . . . ] allora uno [ . . . ] [ . . . . ] mi rivolgeva la parola uno dei capi (archegoi) della loro Legge, avendo visto che io non prendevo vegetali dall'orto ma li chiedevo come una pia offerta. Egli mi disse: «Perché non hai pre­ so i vegetali dall'orto ma invece li chiedi a me come un pio do­ no?»'. E dopo quel battista mi disse [ . ]

[ ... ] e si consu[mava piang]endo co[me fanno gli es]seri umani e i bambini. Ahi, ahi ! Il sangue era sgorgato dal punto tagliato con la falce che egli teneva in mano. E gridavano anche con voce umana per i colpi di quello. Il battista fu molto scosso dalle cose che vide e . .

' Cioè il battista, che si accingeva a tagliare la palma per far legna. 6 Abbiamo qui un tipico esempio di linguaggio gnostico: una persona detiene il (mystérion), o letteralmente il mistero è di lei, quando si dimo­ stra in possesso di capacità straordinarie oppure le capitano eventi soprannaturali, come in questo caso il fatto di venire apostrofato da una pianta. 7 Mani si rifiuta di provvedere al proprio sostentamento raccogliendo per sé le verdure, essendo questo per lui un atto criminale che le piante, ma pre­ tende che altri lo faccia per lui e gliele offra in dono. Con ciò egli si attribuiva una dignità e un carisma superiore, ragion per cui la comunità avrebbe avuto l'obbligo di mantenerlo e di offrirgli il cibo quasi si trattasse di un gesto di devozione.

54

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

avvicinatosi cad[de da]vanti a me. Quando poi [ . . . ] qualcuno mi

[ . . . ] durante la fanciullezza del mio corpo fino al quarto anno. Allora io entrai nella setta (dogma) dei battisti, nella quale fui alle­ vato durante la gioventù del [mio] corpo, protetto dalla potenza de­ gli angeli di luce [p. 8 Henrichs-Koenen] e dalle potenze più ga­ gliarde che da Gesù-di-Splendore (lesous tes héiles) ricevettero mandato per la [mia] custodia. Di essi, allora, subito [ . . . ] >, al quale erano subordinati i 72 vescovi e i 360 presbiteri. Il nome greco Baraies deriva sicuramente da un aramai­ co Bar Chayye (Ietterai m. >). 9 Mani, di cui Baraia riferisce le parole.

Il giovane Mani e la setta elcasaita

55

affinché con onore e gloria seduto si di esso imponga la sua [vo­ lontà, al]lo stesso mo[do fu allevato i]l corpo [ . . . ] [p. IO Henrichs­ Koenen] [il b]ene [ .. ] del luogo [ . . . ] per il riposo del re. E fu confezionato un abito per chi doveva indossarlo. Fu allestita la nave per il migliore noc­ chiero, affinché egli pescasse tesori dal mare. Fu costruito un san­ tuario per la gloria dell'Intelletto (Nous), il più santo dei templi (naos) per la rivelazione della sua sapienza. È stato interamente soddisfatto lo [ . . . ] interesse [ . . . ] [lnse]diatosi nel c[orpo] riscattò coloro che sono stati ridotti in schiavitù dai potenti (dynastai) e liberò le loro membra dalla sog­ gezione dei Ribelli 1 0 e dalla potestà dei guardiani e attraverso di es­ so rivelò la verità della sua conoscenza (gnosis) e in esso apri la porta a coloro che sono stati rinchiusi, e attraverso di esso offri [la vita beata a q]uelli [ ... ] di tutte le dottrine e di tutte le leggi, e libererà le anime dall' ignoranza diventando il Paraclito1 1 e il primo degli apostoli di questa generazione12• Ordunque, nel tempo in cui il mio corpo raggiunse la maturità, piombato giù dall'alto improvvisamente apparve innanzi a me quel bellissimo e sublime specchio (luitoptron) della mia p[ers]ona [ . . . ] . Quando io compii ventiquattro anni, proprio nell'anno in cui Artaserse (Dariardaxar), re di Persia, sottomise la città di Hatra, e in cui anche suo figlio Sapore (Sapores), il re, ricevette la grande corona, nel mese [p. 12 Henrichs Koenen] di Pharmouthi, nell'ot1 0 I «Ribelli» sono le potenze delle tenebre che hanno mosso guerra al regno della Luce. Il termine ricorre nella letteratura gnostica e si comprende in un qua­ dro mitologico dove gli angeli inferiori si ribellano all'autorità del Dio supremo impadronendosi del dominio del mondo, ma non in quello manicheo dove le po­ tenze delle tenebre non sono mai state sottoposte a Dio e quindi non possono es­ sersi «ribellate» a lui. Probabilmente Mani lo assimilò dalle dottrine elcasaite (che forse desumevano a loro volta dall'apocaliuica giudaica il tema della ribellione degli angeli [l Enoc, 6]), tant'è che lo stesso termine si trova anche in una setta per molti aspeui simile come quella dei Mandei. 11 Mani viene spesso identificato con il Paraclito, lo Spirito Consolatore pro­ messo da Gesù secondo Gv. 14.26. 1 2 Il termine «generazione» (genea) che ricorre spesso in questo testo è uno dei tanti evidenti semitismi e vuoi dire «epoca storica». In ebraico «storia» si dice ap­ punto toledot, ((generazioni». In ogni epoca del mondo si manifesta in una deter­ minata forma e grazie a un determinato personaggio (Adamo, Gesù, Mani) la Ri­ velazione divina agli eleui: tale era anche la dourina degli elcasaiti.

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

56

tavo giorno dalla lunazione, il beatissimo Signore (kyrios) ebbe compassione di me e mi chiamò alla sua grazia e mi inviò [ . . . ] il mio congiun[to, in gloria g]rande 13• > o lo «specchio». Su tale identità fra l'anima e l'angelo che ne rappresenta l' immagine eterna cfr. il celebre «Inno della Perla>> negli Atti di Tommaso, 1 1 2.

58

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

[ ... ] [nulla a quelli rive]lai di ciò che era accaduto e di ciò che sa­ rebbe accaduto né che cos'era ciò che avevo conosciuto né ciò che avevo ricevuto. riferiscono i Maestri: «Dopo dunque che mi rivelò queste cose segrete e grandissime, quel gloriosissimo e beatissimo [Angelo] prese a dinni: «Questo miste[ro che] io ti ho rivelato mostr[alo . . . ] a tutti e [ . . . rive]lare [ ... ]» . [ . . . con la falce] che taglia la zizzania e i prodotti della terra, [bisogna] recidere i rami di tutti i Ribelli 1 9, essendo que­ sta verità l'unica degna di essere glorificata e di fare da guida come il [ . . . ] dell'alto [p. 18 Henrichs-Koenen] [Nei confronti di ?] quelli che sono riuniti insieme secondo la carne. Ma anche in tal maniera, a poco a poco, mi separai dal mez­ zo di quella Legge in cui ero stato allevato, enormemente meravi­ gliandomi [ . . . ] misteri [ . . . ] moltitudine [ . . . ] [/ battisti mi affrontano] in massa, ma io sono solo. Quanto a questo loro sono ricchi, io povero. Come allora, essendo solo con­ tro tutti, potrò rivelare questo mistero in mezzo ad una moltitudine immersa nell'errore? [ . . . ] ai re e governatori [ . . . ] popolo [ . . . ] a parlare [ . . . ] io infatti sono [ . . . ] e povero [ . . . ] solitario [ ... ] che inoltre dispone di molte persone disposte ad aiutarlo. Mentre stavo osservando e considerando queste cose nella mia mente, improvvisamente apparve ritto di fronte a me il mio glo[riosissi]mo congiun[to il quale disse] a me: «[ . . . ] tu dicesti che [ . . . ] ai re [ . . . ] questo mistero è stato rivelato [ . . . ] buon consigliere [ . . . ] consigliere [ . . . ] sono [ . . . ] volontà [p. 20 Henrichs-Koenen] [ . . . ] pronto [ . . . ] e proprio per questo scopo tu fosti generato. Tu dunque preannuncia tutto ciò che ti ho rivelato, ed io sarò il tuo tutore e custode in ogni momento'

1 9 Cfr. supra, n. l O. 20 Null'altro si sa di questo discepolo di Mani che a differenza degli altri porta un nome greco, forse perché proveniva da un ambiente di cultura ellenistica come la Siria-Palestina romana.

Il giovane Mani e la setta elcasaita

59

In [questi te]mpi [ . . . ] e [ . . ] misteri [ . . ] talvolta [ . . ] [ . ] dei Padri della Luce e rivelami tutto quel che avviene nei va­ scellP 1 . Ed egli nuovamente mi disvelò il seno della colonna por­ tante22, i Padri23 e le fortissime potenze nascoste in lui e [ . . ] alto di 1 . . . ] ricevette [ . ] questo . essere da me scelta e protetta e organiz­ zata e compiutamente curata nei suoi Maestri e Vescovi, negli eletti (éklektoi) e negli uditori (katechoumenoi), nelle mense, nelle opere pie e nei suoi eccelsi benefattori ed in tutti [p. 22 Henrichs-Koe­ nen] coloro che verranno, di modo che sia ben visibile questa mia Chiesa. E per questo congiunto, quello su cui . .

.

.

..

.

. .

> apocalittica e ai suoi «padri» abbia vo­ luto ricollegarsi un mistico come Baraia, che con ogni probabilità non era ebreo, sostenendo l'appartenenza ad essa anche di san Paolo e di Mani. Il concetto cen­ trale è qui non già la ritualità religiosa (come per il giudaismo a suo tempo legato ul Tempio o per il cristianesimo ufficiale) e neppure l'identità etnica o la prassi etico-sociale (come per il giudaismo farisaico e rabbinico), bensì il «rapimento» estatico (harpaghé), l'esperienza sconvolgente della «Visione» soprannaturale, mediante la quale un individuo (i leggendari personaggi nominati nel testo ma an­ che i mistici storicamente esistiti) veniva trasfigurato a portatore della Rivelazione c insignito della dignità profetica. Il discorso di Baraia verte poi sulla sostanziale omogeneità di questa esperienza, quale è stata vissuta dai diversi autori, sull'autenticità della sua trasmissione per iscritto e sul rapporto che lega il visiona­ rio ai suoi discepoli.

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

62

fermi che quelli [scii. i discepoli] avrebbero descritto il rapimento [estatico] (harpaghe') del loro maestro solamente per farsene un vanto27• [p. 30 Henrichs-Koenen] E ancora s[crisse]ro dell'origine del suo corpo, nello stesso modo anche [ . . . ] di quella [ ] sbaglia. Infatti, chi vuole ascolti e consideri che ciascuno degli antichi Padri manifestò la propria rivelazione (apokdlypsis) agli eletti che si scelse e che guidò in quella generazione nella quale apparve, e dopo averla scritta la lasciò ai posteri28• Egli de­ scrisse [/a sua esperienza di] rapimento ed essi la divulgarono . [Occorre pertanto] scrivere e spiegare, e ancora lodare e glorifi­ care i propri maestri, e la verità (alétheia) e la speranza (elpfs) ri­ velata loro. In questa maniera, dunque, ognuno [dei discepoli] nel corso e nel volgere del suo apostolato parlò e mise per iscritto a futura memoria, nella misura in cui aveva potuto contemplarlo, an­ che ciò che riguardava il suo rapimento [estatico]. Così per primo Adamo il più chiaramente possibile disse [nella Apocalissi] sua: ...

((Vidi un angelo [ . . . ri ]vela[to . . . ] davanti, dal volto splendente quale io non conosco». [p. 32 Henrichs-Koenen] Allora questi gli disse: ' Io sono Balsamo (Balsamos) il più grande angelo della Luce. Apprendi queste co­ se che ti rivelo e scrivile su un papiro purissimo e incorruttibile e inattac­ cabile dalle tarme'.

Senza dire delle moltissime altre cose che gli rivelò nell' appari­ zione (optas{a). Grandissima era infatti la sua > (ebr. zeba 'ot) dell'esercito divino con le loro suddivisioni e gerarchie. La frequente metafora militare nella teologia e nella co­ smologia manichea (cfr. testi nr. 30 e 35) si spiega anche come eredità giudaica. Nel presente passo, i «generalissimi>> sono gli angeli di rango superiore messi al comando di un'armata (ancora oggi nella titolatura liturgica di rito bizantino il termine archistrategòs designa l' arcangelo Michele).

Il giovane Mani e la setta elcasaita

63

Adamo divenne anche più importante di fronte a tutte le potenze e agli angeli della creazione. Molte e altre cose simili ci sono nelle sue Scritture30• Similmente anche Seth (Sethel) suo figlio ha scritto nella sua Apocalisse queste parole: «Apri i gli occhi e vidi davanti a me un [ange]lo di cui non fui in grado di descrivere lo [splendore . . . a]ltro che [ .. . i b]agliori [ . . . ] a me [ . . . ]. Quando udii queste cose, esultò il mio cuore e mutò la mia mente e divenni come uno degli angeli più grandi. Quell' angelo appoggiata la sua mano sulla mia destra mi distolse dal mondo dal quale fui generato e mi portò in un altro luogo veramente immenso. Sentii allora dietro di me un grandissimo clamore [proveniente] da quegli angeli che io Iascia[i nel mondo che go]vemano e . . . vi[di allora . . . un U]omo [ . . . ] ».

[p. 34 Henrichs-Koenen] M[olte cose si]mili a queste furono citate nelle sue Scritture, per esempio come da quell' angelo fu portato da mondo a mondo e come egli gli rivelò i sommi misteri (mystéria) della grandezza (megalosyne)31• Ancora nell 'Apocalisse di Enos così si dice: > dei primi adepti guadagnati da Mani al suo messaggio. L'uso di chiamare «Santi>> i membri viventi di una comunità è già del primo cristianesimo, cfr. l Cor. 1 6. 1 .

Il giovane Mani e la setta elcasaita

81

Custeo (Kustaios), il figlio del Tesoro della Vita59• E Patticio ancora in lacrime di nuovo gli disse: 'O figlio, perché dici queste cose? Con le tue parole hai rinnegato e ripudiato tutta la fede (dogma) [ . . . ] nel mezzo [ . . . ] e [ . . . ] ' [p. 82 Henrichs-Koenen] «[ . . . ] queste cose [ . . . ] senza conoscere ciò che è stato generato. Tu [edi­ fica]sti la casa, ma un altro venne ad abitarvi. Tu divent[asti un vei]colo per quello, ma un alt[ro gli farà] guerra tentando di impor­ re a lui la sua vo[lontà]. Tu ornasti la veste, ma un altro la indossò; io Mani [ . . . ] tutto il m[ondo . . . ] [ . . . ] di quel buono. Questi infatti è la mia guida come lui vuole e come a lui sta bene. Conoscendo ciò sappi che io non seguo [più] quella setta e che non [obbedi]rò neppure alla sua [Leg]ge». Timoteo [Dall'ass]emblea [dei santi . . . an]dai via [ . . . di qu]ella do[nna . . . ] Arrivati colà ci ri[posammo] nel giardi­ no di [ . . . ] del villaggio. Quando videro [ . . . ], dissero a quella don­ na: 'Uomini stranieri ci interrogarono e fecero discorsi su [p. 84 Henrichs-Koenen] Dio [div]ersi e nuovi [ . . . ] allora essi sono [ . . . ].'

[ . . . ] tutti [ . . . ] di questi [ . . . ] ella si meravigliava [della mia s]a­ pienza, che non [ . . . ] a lei. Similmente anche Patticio [ . . . ] si meravigliava: mai, infatti , aveva sentito da me questo discorso, e disse fra sé e sé: 'Ad ascoltare que­ sto insegnamento, sono rimasto scosso [ . . . ] ' [ . . . ] scors[ero una visione i]n immagine (eik6n) umana [come di un an]gelo di Dio, sicché tutti loro rimasero sbigottiti per ciò che videro. [Dopo di c]he, quella visione (optasfa) di Uomo scomparve da [loro] e come [ . . . ] fin dove '[ . . . rivel]are a m[e queste cose. E per] vo­ lont[à di Dio ho sa]puto chi ti è vicino' . Allo stesso modo [anche quel]la donna si prostrò davanti a me dicendo: 'Rendo [grazie] a Dio, che [p. 86 Henrichs-Koenen] [ . . . ] ha fatto. [Tu sei venuto q]ui perché io vedessi [la grandezza della di]vina po[tenza . . . ' ]60

59 Compagno di Mani che gli faceva anche da segretario, menzionato nel testo nr. 7. La sua devozione al Maestro è segnalata dall'epiteto, che ricorda il titolo di un'opera di Mani stesso. 60 L'episodio narrato in questo testo molto frammentario riguardava probabil­ mente le prime conversioni ottenute da Mani in un villaggio alla periferia della ca-

82

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

. >, «preparato». 90 Cioè il sole e la luna secondo il mito manicheo (AM). 91 O ? 92 Qualcosa come 'scarto' o sim.; Polotsky integra il grecismo ap6rroia 'de­ flusso, scolo'. 93 Si presuppone qui un'interpretazione gnostica del racconto della Genesi, se­ condo cui sarebbe stato il Dio inferiore, più o meno malvagio reggitore del cosmo, a proibire ad Adamo l'albero della conoscenza: Adamo avrebbe quindi fatto benis­ simo a mangiame, su consiglio di un inviato del vero Dio (sotto forma di serpente) (AM). 94 Frase che viene dopo, inserita qui per errore dallo scriba (AM). 9� Letteralm. «ho fatto>>. 96 Letteralm. «uscii». 97 Ossia Mani si fece dei seguaci, costituì una chiesa locale.

Mani come compimento della Rivelazione

99

dalla terra di Persia andai alla terra di Babilonia, [e dal]la Mesene in Susiana98• Mi presentai davanti al re Sapore ed egli mi accolse con grandi onori e mi concesse che mi spostassi [liberamente] [nei suoi territori e] predicassi la Parola di vita. Passai altri anni [ . ] all' interno del sèguito reale (komitiìton)99, molti anni in [p. 16 Bohlig-Polotsky] Persia, nella terra dei Parti fino all' Adiabene 100 ed alle regioni confinarie dell'Impero dei Romani. [lo ho scelto] voi, la buona scelta, [la s]anta Chiesa alla quale sono stato inviato dal Padre. Ho [piantato] il grano di vita ed ho guarito [ ... ] colà [ ] da oriente ad occidente come voi stessi vedete, la mia speranza101 è giunta sino al levante del mondo ed a tutte le regioni dell'ecumene, nell'emisfero settentrionale ed [in quello me­ ridionale . . ]: nessuno tra gli Inviati ha fatto altrettanto [ ... ] poiché gli Inviati che sono stati mandati [ .. ] hanno predicato [ ... ] il mondo [ ... ] poiché resteranno nel mondo sino a [ ... ] del Suo trono in esso ed egli li libererà [ ?] [ ... ] nel [ ... ] la Chiesa che è alla destra [ ... ] che è alla sinistra. [ . . . ] circa il quale mi avete interpellato. Poiché lo spirito del Paraclito che è stato inviato presso di me [proviene] dal [Padre di Grandezza ?. Ciò che è] accaduto e che avverrà mi è stato rivelato: su queste cose ho scritto diffusamente nei miei libri. Ora mi avete di nuovo richie­ sto spiegazioni ed ecco che vi ho in sintesi resa manifesta la que­ stione». Allora quando i suoi discepoli udirono tutto questo da lui gioiro­ no grandemente. La loro mente (nous) venne illuminata e gli disse­ ro con gioia: «Ti rendiamo grazie, o Signore, del fatto che hai scritto nei [tuoi] libri circa la tua venuta [in questo mondo] ! Come ..

...

.

.

.

98 Come sembra di desumere anche dal Codice di Colonia, Mani dall'India si diresse anzitutto a Ctesifonte (la capitale) per incontrare il Re, ma questi soggior­ nava in quel momento in Persia nei territori ereditari della dinastia: da Ctesifonte dovette quindi rimettersi in viaggio verso la Susiana (provincia persiana con ca­ poluogo Susa, dove esisteva un'antica residenza reale), attraversando la bassa Me­ sopotamia (cioè la Mesene) (AM). 99 Il traduttore copto, come cittadino dell'Egitto romano, impiega una grecizza­ zione del termine latino comitatus che designava nel Basso Impero la Casa milita­ re dell' Imperatore o di un generale d'alto rango, cioè il suo Stato Maggiore, gli aiutanti di campo, qualche dignitario civile e i reparti incaricati della scorta perso­ nale (AM). 100 Territorio della Mesopotamia settentrionale al confine fra gli attuali Iraq e Iran (AM). 101 Intendi: la speranza che io porto.

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

1 00

ciò sia accaduto l 'abbiamo accolto 102 ed abbiamo creduto, ma tu ce lo hai detto qui in breve sintesi e noi l'abbiamo accolto e creduto in ogni particolare, [ossia] che tu sei il Paraclito che proviene dal Pa­ dre, colui che rivela tutti i misteri !». Testo nr. 5 (Salmo del Bema 24/, ed. Allberry, pp. 42-47; lingua: copto; tr. CG) l. [p. 42 Allberry] Quando le porte della luce si aprono davanti a noi, l noi veniamo e riceviamo il dono. 2. Aprite le porte della misericordia, l alzatevi, in modo che noi pos­ siamo ricevere il dono. l Il grande giudice ha preso posto, l raduna­ tevi, perché possiamo onorario. Noi onoriamo [ . . ] 3. Cantate: Salute al sole nuovo, l che è sorto con la sua luce. 4. Salute a te, Spirito santo (pe-pneuma et-ouabe), l che oggi sei venuto a salvarci; 5. nostro signore Mani (Manichtìios), l che perdonerai a noi i nostri peccati 103• 6. Benedetto sia tuo Padre, l pace al Regno che sta in alto. 7. Grazie ai tuoi fratelli divini, l che hanno creduto alla tua venuta tra noi. 8. Gloria agli Eoni della Luce (n-ai6n mpe-ouaine), l che hanno ri­ cordato [ . . ] 9. Noi veneriamo i vascelli della Luce, l che ti hanno trasportato al momento della tua venuta. 10. Onore all' Uomo perfetto (pe-rome et-giek), l la via della verità, attraverso la quale tu sei venuto. I l . Noi lodiamo il tuo congiunto luminoso (pek-saish n-ouaine), l Cristo, il fautore del nostro bene 104• 12. Onore alla tua sapienza, l che ha vinto l'errore delle sette (dog­ ma). 1 3 . Noi lodiamo gli angeli, l che ti hanno accompagnato da confine a confine. 14. Noi veneriamo le tue sofferenze, l che tu hai sopportato per i tuoi figli; .

.

102 Nel senso di «fatto nostro, compreso». 103 Cfr. supra, n. 1 1 . 104 Si noti l'identificazione dell'Angelo-Gemello di Mani con Gesù.

Mani come compimento della Rivelazione

101

15. poiché tu hai messo da parte la tua grande gloria, l sei venuto e ti sei offerto per le nostre anime. 16. Tu hai assunto forma dopo forma, l finché non hai visitato ogni razza, 1 7. per amore dei tuoi diletti, l finché non li hai prescelti tra di loro 1M . 18. [p. 43 Allberry] [ . . ] della terra, l i mari e anche [ . . . ] 1 9. Tu hai cercato i tuoi diletti, l la tua Chiesa, finché non li hai trovati. 20. Tu sei apparso agli incoronati, l i principi hanno ricevuto la tua parola. 21. Sapore (Sap6res) ti ha reso onore, l anche Ormisda (Hormesd) ha ricevuto la tua verità. 22. [ . . . ] è Bahram (Ouarharan), l poiché non ha prestato fede al tuo annuncio1 06• 23. Egli ha ascoltato i tuoi nemici, i negatori della tua speranza. 24. [ . . . ] Erode, l che crocifisse il Cristo 107• 25. Guai ai figli del fuoco, l perché hanno peccato contro il tuo cor­ po santo. 26. Sto parlando dei Magi, l che hanno ricercato il tuo sangue. 27. Hanno amato il fanatismo dei Giudei, l questi deicidi. 28. Hanno scritto i loro discorsi menzogneri l su di te e li hanno diffusi. 29. O giudice di tutte le razze, l ti hanno citato in giudizio e ti han­ no giudicato. 30. Da quando hai confuso il loro errore (p/tine), l ti hanno messo ai ferri e di hanno incatenato. 31. Hanno messo catene alle tue mani e ai tuoi piedi, l e anche in­ tomo al tuo corpo. 32. Ti hanno gettato nelle loro prigioni, l pensando di poterti rin­ chiudere. 33. Hai passato ventisei giorni l e le rispettive notti in catene. .

tO!i

Eco di versetti paolini: Fil. 2.7 e Ef, 1 .4-5. Cristo è presentato come il Sal­ vatore gnostico che scende in incognito assumendo la forma esteriore delle realtà cosmiche: v. per es. Secondo Trattato del grande Set, NHC VII, 56-57, Triforme Protennoia, NHC XIII, 49; Ireneo, I, 23.2 (AM). 1 06 Si nominano i tre sovrani sassanidi: Sapore I e i suoi figli Ormisda I e Bahram I, con i quali Mani fu in rapporto personale durante la sua vita (AM). 1 07 Re Bahram e i Magi persiani, autori del martirio di Mani, sono assimilati a Erode e ai Giudei intesi come i veri responsabili della morte di Gesù (AM).

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

1 02

34. [ . . . ] i tuoi figli al tuo petto, l [p. 44 Allberry] li hai abbracciati tutti. 35. [ . . . ] 36. [ . . ] / la tua chiesa, che è nel mondo. 37. Non abbandonare la tua diletta, l perché non perda il sapore di sale, che [ . . . ] 38. Tu hai stabilito i dodici maestri l e i settantadue vescovi. 39. Hai messo Sisinnio 1 08 l a capo (archegos) dei tuoi figli. 40. Dopo aver messo in ordine i tuoi affari, l hai pregato il Padre tuo ed egli ti ha liberato. 41. Hai lasciato loro il tuo corpo, / e sei asceso in alto nel tuo regno. 42. Gli empi sono stati confusi, l essi hanno scatenato la loro ira sul tuo corpo. 43. Hanno sparso il tuo sangue l in mezzo alla strada della loro città. 44. Ti hanno mozzato il capo l e lo hanno esposto in alto, sopra il portone [della loro cittar09• 45. Si sono rallegrati per il tuo assassinio, l perché non sapevano che c'è un giudizio; 46. si chiederà, infatti, conto della tua morte, l e il tuo sangue sarà vendicato. 47. La loro empia città l riceverà la giusta ricompensa per l 'oltraggio compiuto. 48 Beati i tuoi diletti, / che hanno versato lacrime per te. 49. Ecco, la tristezza per il tuo corpo, l la gioia per il tuo spirito, che è asceso. 50. O beato, o padre nostro, l annovera anche noi oggi nella tua razza. 51. fjJ. 45 Allberry] [ . . ] l [ . . . ] il tuo dono. 52. Per noi tu hai versato il tuo sangue, l ti imploriamo, non dimen­ ticarti di noi. 53. Guarda alle nostre lacrime nascoste, / che sono manifeste [ . . . ] 54. e spandi la tua misericordia su di noi, / e purificaci dal male. 55. Se dovessi chiederci conto [del nostro operato], / saremmo già consegnati alla morte. 56. Noi, infatti, conosciamo la contaminazione della carne, l che continuamente cresce in essa. .

.

108 Il successore nominato da Mani come Guida della sua Chiesa (AM). 109 Si allude allo strazio del cadavere di Mani dopo la sua morte: la sua testa sa­ rebbe stata esposta sulla porta della città di Gundesapora, cfr. Atti di Archelao, 55 (AM).

Mani come compimento della Rivelazione

1 03

57. Fratelli miei, ecco il giudice; l che ciascuno venga e [ . . . ] 58. Colui che ha subito violenza: l ecco la protezione del giudice; si affretti a riceverla. 59. Colui che è stato ucciso dal dolore, l colui che è stato colpito dall'ira; 60. colui al quale il piacere l ha insozzato la purezza dei suoi ve­ sti ti; 61. colui al quale l'indurimento l ha portato via la dolcezza del cuore; 62. colui del quale la follia si è fatta beffe, l e al quale ha tolto la saggezza; 63. colui con i nemici del quale il fuoco divoratore ha stretto al­ leanza, l facendogli del male; 64. colui che è stato ingannato dall'orgoglio, l e fatto cadere a terra: 65. ecco, il giudice ha preso posto l e chiama: «Colui che ha subito violenza». 66. Non ci sono favori nel suo giudizio, l nessun ripiegamento nella sua giustizia (dikaiosjne). 67. Egli sa perdonare l a chi pecca e poi si pente. 68. Non chiederà conto a nessuno l di quanti si rivolgeranno a lui e lo imploreranno. 69. Ma a chi ha il cuore doppio l egli non perdona i peccati. 70. Non siamo negligenti, l non smettiamo di convertirci. 71. [p. 46 Allberry] Ecco, il grande medico è venuto 110, l egli sa come curare tutti gli uomini. 72. Egli ha spalancato la sua cassetta dei medicinali, l ha chiamato: «Chi lo desidera, sia risanato». 73. Considerate la moltitudine delle sue medicine: l non c'è medi­ cina che non provenga da lui. 74. Non prova alcuna ripugnanza nei confronti del malato, l non prende in giro colui che [ . . . ] ferita. 75. Egli è abile nel suo lavoro, l e anche la sua bocca è dolce con le sue parole. 76. Egli sa come curare una ferita, l come mettervi sopra un medi­ camento rinfrescante. 77. Egli taglia e purifica, l cauterizza e porta sollievo in un solo giorno. 1 10 Mani stesso si presentava come 'Medico', cfr. Testo nr. 2 e 6. Nella lettera­ tura agiografica Mani è il medico delle anime, e le sue medicine sono i suoi scritti, elencati qui di seguito (AM).

104

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

78. Considerate la sua misericordia, l e che ciascuno di noi manife­ sti la sua malattia. 79. Non nascondiamogli la nostra malattia, l non lasciamo che il cancro resti nelle nostre membra, 80. al punto da distruggere l la bella, grande immagine (eikOn) dell'Uomo Nuovo. 81. Egli dispone dell' antidoto/ necessario per ogni affezione. 82. Ventidue miscele l ci sono nel suo antidoto: 83. il suo grande Vangelo, l il lieto annuncio di quanti appartengo­ no alla Luce1 11 • 84. Il suo catino è il Tesoro, il tesoro della Luce. 85. Dentro c'è acqua calda, l e miscelata ad essa anche un po' di acqua fredda. 86. La sua soffice spugna, che lava via le ferite, l sono le Leggende (Pragmatéia). 87. Il suo coltello affilato l è il Libro dei Misteri. 88. Le sue eccellenti garze l sono il Libro dei Giganti. 89. La cassetta di tutti i medicinali l è il Libro delle Lettere. 90. ("p. 47 Allberry] [ . . . ] che brucia, l i due Salmi, il lamento [ . . . ] 91. [C'è poi anche una medicina] rinfrescante; l tutte le sue pre­ ghiere e le sue parole. 92. Ecco la procedura di prova del nostro medico: l fratelli miei, chiediamogli 93. che ci dia la medicina l capace di curare le nostre ferite; 94. che doni a noi tutti l il perdono dei nostri peccati; 95. che lavi via i nostri vizi, l le cicatrici impresse nella nostra ani­ ma. 96. Ogni anno ricorre questo giorno, l non dimentichiamolo, in modo che non vada [ . . . ] 97. [ . . . ] santi, l tutti quelli che annunciano e quelli che ascoltano. 98. Colui che canta un salmo l è come quelli che intrecciano una ghirlanda; 99. e quelli che gli rispondono l sono come quelli che gli porgono rose. 100. Vittoria al giudice della verità l e al suo glorioso Bema1 1 2• 1 1 1 II Vangelo Vivente aveva 22 sezioni corrispondenti alle 22 lettere dell'alfa­ beto aramaico (AM). 1 12 Il béma, che in greco significa , è il tribunale, dal quale Mani fu giu­ dicato: nella liturgia manichea detta del la situazione si rovesciava e Mani stesso era esaltato come vero Giudice (AM).

Mani come compimento della Rivelazione

1 05

101. Possa egli concederlo anche a tutti noi, l i suoi Eletti e i suoi Uditori. Gloria e onore l a quanti festeggiano in questo gran­ de giorno. l Vittoria all' anima di Plusiana, di Apa Polidosso, di Apa Pshai, di Panai, l di Pshai, di Jmnoute, di Teona e anche all' anima di Marial ll.

l l l Questi nomi, che ricorrono spesso alla fine dei Salmi copti, appartenevano a membri illustri della comunità manichea egiziana nella quale i Salmi furono com­ posti, forse benefattori o martiri (AM).

Tav. 1: Religiosi mandei durante una cerimonia battesimale ( 1 3.6. 1 999). Per gentile concessione del prof. Edmondo Lupieri (a destra).

ARRESTO E MORTE DI MANI

Il re Sapore l muore nel 272-273. Gli succede il figlio maggiore Ormisda /, il quale sembra volere accordare a Mani e alla sua chiesa la stessa benevolenza che era stata caratteristica di suo pa­ dre. Ma dopo circa un anno Ormisda muore e il suo posto è preso dal fratello minore Bahram l. Sotto il nuovo sovrano la situazione muta rapidamente e si assiste ad una progressiva riaffermazione del potere del clero ufficiale, allora guidato da Kartir, che da tem­ po guardava con irritazione crescente il favore che Mani e i suoi seguaci riscuotevano a corte e aspettava il momento propizio per intervenire e ristabilire il monopolio del mazdeismo come religione di stato. La vicenda descritta nell 'Omelia ha inizio durante un viaggio missionario di Mani nella natia Babilonia e i fatti si susse­ guono in modo rapidissimo, per concludersi con la morte del pro­ feta. Mani aveva in progetto di proseguire il suo viaggio missiona­ rio verso la regione della Cusiana, ad oriente, ma ne fu impedito dalla polizia regia. Costretto a tornare indietro, non tardò a ren­ dersi conto che l 'atteggiamento del Re e della corte nei suoi con­ fronti stavano cambiando e che per lui la fine era vicina. In queste circostanze, come Gesù in cammino verso Gerusalemme per tra­ scorrervi la sua ultima Pasqua, confidò ai suoi discepoli le sue premonizioni di morte (CG).

Testo nr. 6

(passi scelti dall' Omelia 11/, ed. Polotsky, pp. 44-60; lingua: copto; tr. CG)

[p. 44 Polotsky] [ . . . ] Quindi egli ritornò indietro in preda all' ira e al dolore. Giunse nella Susiana; viaggiò da[lla città di] Hormisd­ Ardashir finché non giunse nella Mesene. Dalla Mesene raggiunse il fiume Tigri, che risalì fino a Ctesifonte. Ma prima di lasciare [il fiume], mentre era in cammino, fece alcuni accenni alla sua croci­ fissione, dicendo loro: «Guardatemi e saziatevi di me, figli miei,

1 08

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

poiché, per quanto riguarda il mio corpo (katà soma), io mi allon­ tanerò da voi». ( . ) >, più letteralmente un «assessore>>. Se qui si intende il principale consigliere del Re, il suo Gran Cancel­ liere, allora si trattava del Primo Ministro, che si chiamava anche lui Kartir (AM). 116 Dal lat. magister che nel Basso Impero designava sia il Cerimoniere di corte (magister officiorum) sia il Capo di Stato Maggiore dell'esercito (magister mili­ tum). Il termine 'maresciallo' nell'accezione tedesca (Hofmarschal/, Fe/dmar­ scha/1) conserva questa ambivalenza (AM).

Arresto e morte di Mani

1 09

che la situazione avrebbe dovuto fornire u n pretesto contro d i lui [ . . . ]. fp. 47 Polotsky] «[ . . . ] da chi hai appreso (questa tua convinzione): 'Le nostre faccende sono più nobili di quelle del mondo' ? Fin dall' inizio, infatti, da quando i Parti con­ quistarono il potere, queste cose che fai tu non sono mai accadute, fintantoché il potere è nelle nostre mani». Allora il mio Signore gli rispose alla presenza di tutti i nobili (eugenes): «Chiedi di me a tutti gli uomini: io non ho nessun maestro né insegnante, dal quale abbia imparato questa sapienza o dal quale abbia ricevuto queste cose. Piuttosto, quando le ho ricevute, le ho ricevute da Dio per mezzo dei suoi angeli. Da Dio sono stato mandato a predicare queste cose nel tue regno. Tutto questo mondo, infatti, era finito nell'errore e si era messo sulla cattiva strada; si era allontanato dalla sapienza di Dio, signore dell'universo. Io, però, l'ho ricevuto da Lui e ho rive­ lato la via della verità in mezzo al mondo intero, in modo che le anime di questa moltitudine fossero salvate e scampassero alla pu­ nizione. È manifesta, infatti, la testimonianza per tutto ciò che porto; tutto ciò che io annuncio era già patrimonio delle precedenti generazioni. Ma l'abitudine vuole che la via della verità ora si mo­ stri, ora si celi [ . . . ]». Il Re gli disse: «Come mai è a te che Dio ri­ vela questo, mentre [ . . . ] Dio non lo ha rivelato anche a noi, visto che siamo i sovrani di tutto il paese [ . . . ]?». Il mio Signore disse: «È Dio che ha il potere [ . . . ] . 1/J. 48 Polotsky] [ . . . ] Fammi pure quello che vuoi: io, infatti, dirò la verità [ . . . ] davanti a te. Il re Sapore si è preso cura di me, ha scritto per me a tutti i nobili lettere di questo tenore: 'Proteggetelo e aiutatelo, in modo che nessuno commetta sacrilegio o peccato contro di lui ' . Ma sono davanti a te le prove che il re Sapore si è preso bene cura di me, e le lettere che per me ha scritto ai nobili in ogni paese, perché mi proteggessero. E anche quando il re Ormisda [ . . . ], io ero presso di lui [ . . . ] dopo il re Sapo­ re. Sei tu che [ . . . ]. Tu stesso hai potuto constatare che Orrnisda è molto onorato». Quando il Re si rese conto che [ . . . ] ogni consiglio e ogni difesa e che non sussisteva alcun motivo contro di lui [ . . ] uccisione [ . . . ] flagellazione [ . . . Mani] disse: «Guarda, o Sole, tu sei testimone di come il re nella sua spudoratezza pecchi contro di me». Allora il Re diede ordine e [ . . . ] fece incatenare il mio Signo­ re. Fece mettere tre catene [ . . . ] ceppi ai suoi piedi; gli misero una catena intorno al collo. Alcuni paggi lo trascinarono [ . . . ] davanti a .

1 10

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

lui nella paura. Poi, dopo questo [ . . . ] egli si ricordò che aveva i ceppi ai piedi ( . . . ) 1 17•

[p. 53 Polotsky] [ . . . ] O giudice dei mondi, [ . . . ] ascolta la pre­ ghiera dei giusti [ . . . ]. O Padre vero degli orfani e sposo della vedo­ va afflitta; o Primo della Giustizia, ascolta la voce dell'oppresso [ . ] mio salvatore. O Uomo Perfetto, Vergine della Luce (te­ parthénos mpe-ouaine), attirate a voi la mia anima da questo abis­ so. Umiliate i nemici con il vostro [ . . . ]. Siete voi che mi avete in­ viato in questo [ . . . ] dell'Intelletto della Grandezza (pe-nous nte te­ mentnac), l'essenza (ousta) [ . . ]. Sei tu che mi hai inviato e man­ dato, ascolta in fretta la mia supplica. Libera il prigioniero dalle mani di coloro che lo hanno rapito; sciogli l'incatenato dai ceppi; fai uscire il mio spirito dal [ . . . ], la mia anima da [ . . . ] è andato in rovina in mezzo a questo mondo [ . . . ] che ho sopportato in esso (scii. il mondo) a motivo dei tuoi [ . . . ] fin dalla mia giovinezza. Che la tua grande forza possa [ . . . ] i tuoi potenti angeli [ . . . ] perfidia, e che io getti via le mie catene [ . . . ] e affidi la casa al suo signore [ . . . ] nel suo corpo. Svesti mi [ . . . ] . Tu hai [ . . . ] sono venuti sulla terra [ . . . ] le dottrine (n-dogma). Infatti, a chi ti domanda, tu rispondi [ . . . ]».

[p. 59 Polotsky] [ . . . ] da quel giorno in poi fino a [ . . . ] mentre il suo corpo giaceva e la sua [ . . . ] e i suoi occhi erano fissi e immobili. Poi si recarono da lui tre Uditrici della fede: Banak, Dinak e [ . . . ]. .

.

.

117

Il passo lacunoso doveva descrivere l' ultimo miracolo compiuto da Mani, forse un gesto, una reazione che sarebbe stata normalmente impossibile con tante catene addosso, al punto da spaventare le persone che lo stavano trascinando via; subito dopo, però, si riprende e accetta la sua sorte. Si noti l'analogia con l'episodio evangelico Gv. 1 8.6 quando Gesù in un primo momento fa cadere a ter­ ra le Guardie del Tempio venute con Giuda ad arrestarlo (AM).

Arresto e morte di Mani

111

Si misero davanti a lui e lo piansero e posero le loro mani sui suoi occhi. Li chiusero, in modo che non diventassero [ . . ]. Poiché, quando la sua anima fu uscita [ . . . ]. Baciarono la sua bocca [ . . ] piangendolo e dicendo: «Nostro buon padre, apri i tuoi occhi e vol­ gi il tuo sguardo verso di noi. Stendi su di noi la mano destra del tuo amore, che è piena di grazia e di misericordia [ . . ]. Dove sono le migliaia che tu hai scelto, e le miriadi che hanno creduto in te? Infatti, a causa della verità e della probità che tu [ . ] la terra [ . . . ] tutti i mondi in mezzo alle tue chiese hanno dovuto portare i lutto per te e piangere pubblicamente (parres{a) nelle tue assemblee. So­ no infatti migliaia coloro per i quali tu hai reso testimonianza>>. Te­ nendo le mani sopra i suoi occhi, esse dicevano queste parole e piangevano. Tuttavia egli non parlò, ma rimase là, in silenzio. Il suo discorso si era arrestato, la sua lingua era sigillata. O figli della giustizia, lodate quelle donne, ringrazi atele ed onoratele [ . ] per­ ché hanno chiuso gli occhi del nostro Padre [ . . ]. [p. 60 Polotsky] [ . . ] Questo è il riepilogo (dei fatti) dal giorno della sua crocifissio­ ne al momento della sua dipartita. La domenica giunse a Belapat; il lunedì fu accusato; il martedì [ . . ]; egli rassicurò la sua comunità (ekkles{a) fino al sabato; lo ricercarono e lo misero in catene [ . ] tutti i suoi nemici. [ . . ] sigillarono le sue catene e lo misero in pri­ gione. Lo incatenarono il giorno 8 di Emshir; fino al giorno in cui egli salì in alto sono intercorsi 26 giorni, durante i quali egli rimase legato con catene di ferro. All' undicesima ora uscì dal corpo e salì in alto verso le abitazioni della sua grandezza. Egli incontrò la sua forma (morphé) [ . . ] delle luci 1 1 8• Fuoruscì e balzò in alto nella for­ za, che era venuta dietro a lui. Ecco, in questo modo [ . . . ] la statua appare all'uscita dal tempio [ . . ] lampada luminosa. Egli fu arre­ stato [ . . . ] si innalzò al di fuori del mondo [ . . ] tesoro (thesaur6s) [ . . ] il grande Giusto, che è santo [ . . ] il mondo e tutte le credenze (n-d6gma) [ . . ] i nemici e i malvagi [ . ] . .

.

.

. .

. .

.

.

.

. .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

1 18 Secondo la dottrina manichea il defunto subito dopo la morte si ricongiunge con la sua immagine e il suo «doppio>>, cioè con il suo Sé eterno che lo attende in cielo, sotto fonna di angelo o di fanciulla. La concezione, di origine iranica, è atte­ stata anche in altri gruppi gnostici, per esempio i valentiniani (Estratti da Teodoro, 63-64 [Simonetti)) (AM).

1 12

Parte prima - Testi sulla vita di Mani Testo nr. 7

(Fr. M 3, ed. Milller, pp. 80-82; lingua: mediopersiano; tr. PC) [p. 80 Miiller] [ Mani? vi] giunse, [allorché noialtri, cioè] io Nuchzadag l ' interprete, Custeo (Kushtai) [il segretario] e il persia­ no Abizaccheo eravamo stati [da lui convocati] 119• Il Re era a tavola e non si era ancora lavate le mani. I dignitari del seguito vennero da lui e gli dissero: «È arrivato Mani, sta davanti al portone» 1 20• Il Re mandò a dire al Signore (chwadawan): «Aspetta lì un poco finché io stesso non sarò venuto da te». Il Signore [Mani] tornò [p. 81 Miiller] a sedersi su un lato del corpo di guardia [ ?] fintanto che il Re non s'ebbe lavato le mani, perché era giusto in procinto di anda­ re a caccia121 • Finalmente il Re si alzò da tavola appoggiandosi con un braccio alla regina dei Saci, con un altro a Kartir, il figlio di Artabano 122 , [e si recò dal Signore.] La prima parola che gli rivolse [fu: «Tu non sei per niente benvenuto! » E il Signo]re rispose: «Per quale motivo? Ti ho fatto forse qualcosa di male?» Replicò il Re: «Ho giurato di non lasciarti più venire in questo paese». E pieno di rabbia soggiunse: «Che bisogno c'è qui di voi, che non siete buoni né per la guerra né per la caccia? Forse però che siete necessari per fare i medici [p. 82 Miiller] e portar medicamenti? Ma no, non sa­ pete poi fare neanche questo !» Il Signore gli rispose con queste pa­ role: «Io non vi ho mai fatto nulla di male, [al contrario, ho] sempre reso benefici a voi e alla vostra famiglia. Molti e numerosi sono i vostri [domestici] dai quali [ho cacciato] diavoli e diavolesse, e ...

119 Il racconto dell'episodio viene fatto in prima persona da Nuchzadag, inter­ prete di Mani (presumibilmente per le lingue iraniche che lui non padroneggiava abbastanza). Sembra di desumere che Mani avesse avvertito oltre a costui anche due suoi stretti collaboratori, Custeo e Abizaccheo (un ex-confratello della setta alcasaita, convertito della prima ora, vedi testo l p. 75 H.-K.), di mettersi in viag­ gio per Gundesapora dove Mani stesso si stava recando dal re Bahram. Da luoghi diversi, Mani e i tre discepoli vi giungono contemporaneamente (AM). 120 S'intende il grande portale della reggia, non la porta della sala da pranzo. Possiamo immaginare qualcosa di simile al grande iwdn del palazzo di Ctesifonte, ancor oggi conservato (AM). 1 21 Circostanza sinistra perché la caccia, comportando uccisione di animali, danneggiamento di piante ecc., era qualcosa di abominevole dal punto di vista manicheo, cfr. testo 40 p. 32 Henning (AM). 122 La «regina dei Saci» era una principessa dell'India nord-occidentale cognata del Re; Kartir era il Primo Ministro allora in carica, da non confondere con Kartir i l sommo sacerdote mazdeo. Bahram si appoggia a loro perché camminava con difficoltà essendo già malato (morirà pochi mesi dopo): a caccia ci sarebbe andato probabilmente in carrozza (AM).

Arresto e morte di Mani

1 13

molti quelli che ho risollevato dalle loro malattie, e molti coloro dai quali ho allontanato ogni genere di febbri e malanni, e molti quelli che erano in punto di morte ed io ho [richiamato alla vita. .. ]» Testo or. 8

(Fr. M 454, ed. Andreas-Henning III, pp. 89 1 -892; ling ua : m.pers.; tr. PC)

( . . .) [p. 891 Andreas-Henning] [ . . . ] insegnamento [ . . . che Mani] fece avere a tutta la Chiesa (den) per mezzo del Maestro Mar Ammò123• Tutti i suoi figli, gli Eletti e gli Uditori (ardawan ud nigoshdgan), espressero la loro venerazione al pio Signore (chwadawan), e il lu­ minoso Signore Ii benedisse [p. 892 Andreas-Henning] tutti in se­ gno di addio; subito dopo essi si allontanarono da lui piangenti. Uzzi, [il Ma]estro 12\ e due Eletti [rimasero soli con lui nella cella]. Dopo [che il Signore spirò . . . ] Testo or. 9 (Salmo del Bema 226, ed. Allberry, pp. 1 8-20; lingua: copto; tr. CG) O. [p. 18 Allberry] Tutti i misteri si sono compiuti in te, o Padre no­ stro, l Spirito della verità, nostro Signore Mani. l. Nel giorno della croce l egli si consegnò alle Potenze; l nel giorno dopo la domenica [ . . . ] ; l nel quarto giorno del mese Phamenoth123, l nell'undicesima ora del giorno l egli si consegnò alla morte.

123 Nella parte qui omessa, il fr. parla della Lettera del Sigillo, una sorta di enci­ clica che Mani avrebbe inviato alle sue comunità proponendo l'imitazione della sua vita come obiettivo centrale della prassi manichea, della «purificazione del Sé vivente». Sembra di capire che questa Lettera sarebbe stata composta dall' «Apo­ stolo» nei suoi ultimi giorni, in carcere, e recata ai fedeli per tramite di Ammò. Cfr. testo nr. 40 (AM). 12� Uzzi, il Maestro, è nominato assieme a «due Eletti» anche nel testo nr. 76. Il nome (scritto 'Wz 'yy) è di origine ebraica, col significato in ebraico di «Forte>> (la radice ''ZZ vuoi dire ); corrisponde all'antroponimo biblico Ozia ( 'Uz­ ziyyah), un re di Giuda, e al toponimo Gaza ( 'Azzah); Io 'ayn iniziale ebraico (simbolo di una fricativa laringale) viene sostituito da 'alef nella trascrizione in persiano manicheo, nella quale tale lettera è solo un espediente grafico per segna­ lare una vocale «U>> iniziale. 12� Febbraio-marzo.

1 14

Parte prima - Testi sulla vita di Mani

2. Il beato Padre nostro, il Signore nostro Mani, l piegò le ginoc­ chia e implorò misericordia; l gridò a Dio: l «Aprimi la porta l e li­ berami dalle mie sofferenze. 3. Gli Arconti della terra mi giudicarono nella loro ira l [ . . . ] le loro parole menzognere, l attraverso le parole [ . . . ], coloro che alterano l e cambiano ciò che è dolce e lo rendono amaro. 4. Nel giorno in cui mi portarono davanti al giudice, l [ . . ] l [ . . . ] saldamente stabilito [ . . . ] tutti [ . . . ] l nessuno di loro mi aiutò. 5. Tutti i fuorilegge mi giudicarono, l gli empi, i figli del peccato. l Mi afferrarono in mezzo a tutta la folla, l come una pecora che non ha pastore. 6. Come vespe ronzavano intorno a me, l come leoni mi assalirono; l e mi dissero alzando la voce: l 'Non ci piace che tu faccia queste cose' . 7. Nella sua collera [scii. il Re] si adirò con me l e tramò contro di me con i suoi Grandi. / E inoltre mi giurò per la salvezza di suo pa­ dre: l 'D'ora in poi non ti lascerò più nel mondo' 126• 8. Mi misero ai ferri come i peccatori, l e mi legarono [p. 19 Allberry] come i ladri. l Mi giudicarono come i [ . . . ], l [ . . . ] come gli stregoni. 9. Dal giorno in cui mi legarono fino al giorno della croce, l in tutto fanno ventisei giorni, l durante i quali mi controllarono notte e giorno, l ordinando alle guardie che mi sorvegliassero 127• 10. Mi misero addosso sei corde di ferro l e mi legarono con catene. l Tutti gli Eletti e gli Uditori piansero, l come se vedessero in quali sofferenze mi trovavo. l l. Tutti quei peccatori non mi permisero l di vedere i miei figli e i miei discepoli, l i miei pastori e i miei vescovi, l quando seppero che volevano venire da me 128 • 12. Dal giorno della grande persecuzione l fino al giorno della cro­ ce passarono sei anni 129. / Io li trascorsi errando in mezzo al mondo, l come un prigioniero di guerra in mezzo ai nemici. .

126 Re Bahram avrebbe giurato sulla memoria di suo padre Sapore di eliminare Mani. 127 Passarono 26 giorni dall'arresto di Mani alla sua morte in carcere. Durante questo periodo veniva sorvegliato giorno e notte per impedire tentativi di farlo fuggire (AM). 8 Mani fu arrestato e posto in regime di carcere duro solo qualche giorno dopo il suo arrivo a Gundesapora: l'ultimo giorno però ricevette la visita di alcuni suoi fedeli come si desume dal testo precedente (AM). 129 Le difficoltà per Mani cominciarono subito dopo la morte di Sapore I e di Ormisda (272-273).

Arresto e morte di Mani

1 15

l 3. Le potenze del Malvagio fremettero e tremarono, l alzarono la spada contro l' unùle, l perché non volevano più vedenni l per le strade delle loro città. 14. Ecco, il cielo e la terra e i due luminari l testimoniano in alto l che feci del bene tra di loro; l ma nella loro crudeltà, mi crocifisse­ ro (stauroun) 15. Volsi lo sguardo al mio Gemello (pa-saish) con i miei occhi luminosi l e vidi il mio glorioso Padre, l che sempre mi protegge, l aprire davanti a me la porta verso l'alto. 16. Stesi le mani e gli rivolsi una preghiera, l piegai le ginocchia e gli resi ancora omaggio, l per potere svestire l' immagine (eikOn) della carne l ed indossare la forma (schéma) dell'umanità)). l 7. Ecco, il suo corpo fu esposto l nella città dei peccatori, l dopo che gli ebbero mozzato la testa l e lo ebbero appeso in mezzo a tutta la folla 1 30• 18. [p. 20 Allberry] [ . . . ] l gli Eletti e gli Uditori [ . . . ] l il loro grande pastore, che si è innalzato in mezzo a loro. 19. Allora, quando l' Amato fu innalzato in cielo, l stabilì [ . . . ] che i suoi Eletti l [ . . . ] notte e giorno l [ . . . ] 20. Stendete tutti quanti le mani, o Eletti l e Uditori della fede, l e chiedete con una grande preghiera, l finché il Padre della gloria non vi concederà [ . . . ] 2 l . [ . . . ] l che mi guardano [ . . . ] Luce l questi che sono nella Chiesa [ . . . ] l che vegliano su di essa notte e giorno. D. Onore e vittoria al nostro Signore Mani, / lo Spirito della verità, che viene dal Padre, l e a tutti i suoi santi Eletti. l Vittoria ali' anima di Maria.

130 Cfr. testo nr. 5.

PARTE SECONDA Testi sulla storia della Chiesa manichea

Ghirsham, A rte persiana, Milano 1 962, p. 1 36).

Tav. II: Il palazzo reale di Ctesìfonte (fotografia di fine Ouocento in R.

STRUTIURA DELLA CHIESA MANICHEA

Testo nr. 10

(Fr. M 36, ed. Andreas-Henning Il, pp. 323-326; lingua: mediopersiano; tr. PC)

[p. 323 Andreas-Henning] [ ... ] In ogni paese e in ogni distretto nel quale arriveranno, possano essi proteggere la comunità degli eletti e i conventi (manesttintin) [ ... ] buona azione. Che tu sia sempre di più benedetto, o Maestro (hammozag) [dal buon nome], che ti sei assiso sul trono dei Profeti [ . . . ] . Tu sei il principe e il capo, il nuovo re che siede sul trono, un [ ... ] degli Inviati, un Padre misericordioso e nostra amorevole [Madre] . Tu ci esorti con amore e ci conduci verso quella felicità e verso la vita dei beati. Tu sei il signore e il principe felice. Tu elargisci ogni benefi­ cio ai [ tuo i] figli, che sperano in te. Ed ora possa accumularsi su di te gloria (jarrah) su gloria, pienezza e vittoria, gioia e bontà, ab­ bondanza e ausilio, splendore e bellezza, per intercessione di quel progenitore della nostra libertà (tiztideh), per sempre. I settantadue Vescovi (ispasagtin) [p. 324 Andreas-Henning] della verità, che insegnano la via verso la buona pace: anche per lo­ ro possano moltiplicarsi la gloria e la gioia, e con la lode possa au­ mentare la loro rinomanza in ogni comunità e in ogni distretto. I trecentosessanta Presbiteri (manstirciran)., gli eccelsi, che si pren­ dono cura dei figli degli Dei (jrazendtin i yazdtin), dei rampolli di Mani, il Signore: possano essi rallegrarsi ed esser lieti per il sempre rinnovato incremento di bontà operosa e di gioia. I saggi Predicato­ ri (khrohwtintin)2 che [ ... ] insegnanti e rivelatori dei misteri della Sapienza (razan i wihfh), che [ ... ] deii' Intel[lett]o (Wah[ma]n) [Na-

1 Letteralmente «capicasa», «capifamiglia>>, come gr. oikodespotes (cfr. testo nr. l p. 63 H.-K.) (AM). 2 Erano degli «eletti>> che fungevano da collaboratori dei vescovi (AM).

1 20

Parte seconda - Testi sulla storia della Chiesa manichea

ri]man mediante il segno del Primo Evocato3 [ ] [p. 325 Andreas­ Henning] I solerti Scribi (dibiran), figli degli Dei, uomini forti, angeli dello Spirito (jrestagan i wachsh); le pure Vergini (duch­ shtint, che ese[guono] e compiono la volontà del loro Salvatore, possano esse restare intatte e guadagnarsi la fama di [ ... ] . Tutti i puri Eletti (wizidagan), gli agnelli della Luce [?], [le co]lombe dal bianco piumaggio, [i quali] piangono e soffrono e sono afflitti per l ' altissimo Sé (griw burzist)' che è il figlio del Gesù-l' Amico (A­ ryaman- Yisho) e cantano inni [ ?] allo Spirito Vivente (Wachsh zin­ dag). Scenda la benedizione, di modo che completino il loro cam­ mino di perfezione le Sorelle, le sante Vergini6, le spose dello Spo­ so luminoso; [p. 326 Andreas-Henning] possano esse restare pro­ tette dalla Destra della Salvezza e giungere nel regno dei Viventi. I buoni Uditori (nigoshdgan) della Parola di Vita, che sono il baluar­ do della santa Religione (dén): possano essi crescere in felicità e benedizione e perfezionarsi ne[ll 'osservanza de]i comandamenti del Salvatore. I conventi e le dimore degli Dei, le abitazioni di " campagna [ ?] e i rifugi, nei quali l' Intelletto (Wahman) di Luce realizza l' aspirazione alla divinità (yazdegirdih), gli Dei (bdn) po­ tenti, i forti Inviati ifréstaganf, i Gemelli (jamigan)8 gagliardi, le •••

3 Cioè il Primo Inviato, l'Uomo primordiale, che nei testi iranici si chiama il Dio Ohrmez.d (AM). 4 Le Elette (AM). ' Il termine griw esprime un concetto centrale del manicheismo di lingua irani­ ca. Significa la natura profonda di ogni essere, la sua identità, la sua essenza o il suo Sé, distinto dalla sua realtà fenomenica, esteriore o materiale, e perciò affine in un certo senso all' atman della filosofia indiana. In particolare per quanto con­ cerne la realtà umana, la dottrina manichea distingue anzitutto il «corpo>> (tan) fabbricato dalle potenze delle tenebre e l' «anima>> (gydn), che è la sostanza lumi­ nosa da esse tenuta prigioniera, particella divina in attesa della liberazione. Mentre il gydn ha questa accezione più «oggettiva» (l'anima in quanto sostanza), il griw è piuttosto il nucleo soggettivo dell'anima, l'identità profonda dell'uomo, benché ad onta di questa differenza semantica i due vocaboli di fatto vengano spesso usati come sinonimi. Da notare che anche le potenze delle tenebre hanno un grfw (cfr. testo nr. 28 p. 1 8 1 A.-H.), cioè una loro identità, un'essenza, mentre sono di per sé privi di gylln (a meno che se ne impossessino con la forza) in quanto esso appar­ tiene solo agli esseri divini (AM). 6 Le Uditrici (AM). 7 Gli angeli (AM). 8 Il termine jamig, che significa il (il «doppio>> celeste dell'anima, come il «coniuge>> del testo nr. 1 ), viene impiegata nel linguaggio ecclesiastico manicheo per designare anche le Guide della Chiesa succedute a Mani, nel senso

Struttura della Chiesa manichea

121

Glorie, gli Spiriti, i Figli della Giustizia che v i hanno fatto ingresso: possa la salvezza scendere su di loro. Salvezza e benedizione su questi benedetti giardini (bOyestan) di fiori profumati e [ ...] . Che sia benedetto Dio, la Luce, la Forza e l a Sapienza9, che essi stessi possano sempre di più incrementare e rinnovare la salvezza e la pace di tutta la santa Chiesa (den), per la nostra felicità e inte­ grità.

che il Fondatore defunto costituiva il loro modello, e quindi il , nel senso di luogo in cui soggiorna lo «spirito» del defunto. Un nome cosi inverosimilmente lugubre per una principessa reale fa capire subito che l'aneddoto è inventato, per quanto la presenza e il successo di una missione manichea a Pal­ mira sia senza dubbio un fatto storico (AM). 14 Benché la preghiera sia rivolta a Gesù, non è Gesù stesso che appare e com­ pie la guarigione bensì Mani, grazie a un fenomeno di bilocazione: infatti nella concezione manichea Mani è il «Paraclito>> (iran. pasagriw), cioè il successore e il rappresentante di Gesù, lo «Spirito consolatore» (cfr. testo nr. l p. I l H.-K.: nr. 5 p. 42 A ) (AM). " La seconda pane del frammento, punroppo molto lacunosa, riponava presu­ mibilmente un episodio del tipo di quelli che si ritrovano spesso anche nell'agio­ grafia cristiana quando il missionario convince la gente ad abbandonare un culto idolatrico mettendone in luce la falsità. In questo caso, dobbiamo forse immagina­ re una vicenda di questo genere: Addà a Palmira si trova a dover combattere la credenza diffusa nell'ambiente pagano che le statue degli Dei siano «vive», dovuta al fatto che dall' interno di un tempio isolato e le cui pone sono state sigillate per ordine dell'autorità si odono di noue voci e suoni musicali: gli appare allora Mani in persona svelandogli il trucco orchestrato dai sacerdoti: infatti nascosti dentro le statue ci sono degli uomini in carne ed ossa che entrano ed escono attraverso dei passaggi nascosti e senza farsi vedere provocano quel baccano. Si suppone che nel prosieguo della storia il re Odenato, messo al corrente dell'inganno, proibisse il culto truffaldino degli idoli ed accettasse o autorizzasse la predicazione manichea. L'episodio è chiaramente modellato su Dan., 14 (AM). .

Le

missioni di Addà in Occidente e di Ammò in Oriente

1 27

Subito [ ... ] e il portale veniva sigillato con il sigillo imperiale (ke­ sar tape): accanto ad esso tutto intorno non c'era nessun edificio16. Allora subito Mar Adda si mise a pregare, e disse all'Apostolo [scii. Mani]: «Possa io trovare una spiegazione di questa [strana] faccen­ da [ ?] !». Immediatamente ottenne la rivelazione: venne l' Aposto­ lo 17 e gli fece sapere che c' erano [all 'interno del tempio] dodici per­ sonaggi in fila18, dei quali il primo con il sec[ondo non] aveva co­ municazione; in corrispondenza di ogni singolo personaggio erano stati scavati dei cunicoli fino a [ . . ] dove erano collocate in posizione seduta le statue [degli idoli] . [ ... ] in realtà si trattava di dodici uomini [in carne ed ossa] che [ . . ] mangiavano, facevano musica [ ... ] e disponevano di bevande 19. «[ ... ] presèntati all'Imperatore e [spiega]gli il segreto [ . ] [ ... ] scrivi [ . . . ] la gente di scarsa intelligenza [ ]». .

.

..

...

Testo nr. 13 (Fr. T M 389a = M 1 8220, ed. Sundennann l , p. 37; lingua: sogdiano; tr. WB)

[p. 37 Sundermann] «Qual [è] quella cavalcatura che è più veloce del vento?» Mar 16

Ragion per cui la musica, di cui si parlerà un poco più avanti, non avrebbe potuto provenire se non dal tempio. 17 Altra bilocazione di Mani che con questo mezzo sembra tenersi costante­ mente in contatto col suo emissario pur risiedendo in quel momento altrove, per esempio a Ctesifonte (AM). 1 8 A quanto par di capire la cella del tempio conteneva le statue dei dodici prin­ cipali Dei della religione greco-romana raffigurati seduti. Nessun culto di questo genere è attestato a Palmira, dove al contrario venivano venerate divinità semiti­ che, anche se eslerionnente grecizzate nella foggia dell'abbigliamento, come Ba 'al Shamin, il Sole, la Luna ecc. (AM). 19 Evidentemente si trattava di cibi e bevande depositati nel tempio di giorno e consumati durante la notte dagli imbroglioni che vi entravano per i sotterranei: i fedeli, constatando che le pone rimanevano sigillate, potevano perciò credere che fossero gli Dei a banchettare nell'edificio. L' «animazione delle sacre immagini» (forse anche per mezzo di tecniche medianiche) era effettivamente al centro di riti misterici celebrati nei templi dell'Oriente romano fra il III e il IV secolo, la cosid­ detta «teurgia» della quale trattano gli Oracoli caldaici e il De mysteriis di Giam­ blico. Cfr. al riguardo H . Lewy, Chaldaean Oracles and Theurgy, Parigi 19782• Per i predicatori cristiani casi di questo genere o erano degli imbrogli oppure delle manifestazioni del demonio: il missionario manicheo, più razionalista, propende generalmente per l'imbroglio (AM).

128

Parte seconda - Testi sulla storia della Chiesa manichea

Adda gli rispose: «Una buona [facoltà di] meditazione (ashmarak) possiedo [ ... ] intendimento il cui [ ... ] è più veloce [del vento]; [ ... ] possiedo, il cui splendore è [più lumino]so del sole; una provvista possiedo [ ... ] il cui gusto è [più dolce] del miele». Allora i ministri [ ?] chiesero a Mar Adda: «Quale forma, signore, [ . . . ] ha l'anima (ruwan)?» Mar Adda diede loro questa risposta: «L'anima è simile [al] corpo (tanbdr), che è ripartito [in cinque] membra: [una testa], due braccia e due piedi. Anche l'anima [è fatta] così: come pri[mo] membro dell'anima [si considera] la [vita], come secondo membro [si considera] la forza, [come terzo] si considera la luce, come [quarto] mem[bro] si considera [la bel]lezza; come quinto w.

Testo

or.

14

(Fr. M 2, ed. Andreas-Henning II, pp. 30 1 -306; lingua: mediopersiano; tr. PC)

L'AVVENTO DELL'APOSTOLO NEL MONDO

[p. 301 Andreas-Hennilrg] [ ... ] Giunsero21 nell' Impero Romano (Hrom). Constatarono l'esistenza di molte contese dottrinarie fra le religioni. Furono accolti Uditori ed Eletti. Trascorso là un anno, Patticio si recò di nuovo dall'Apostolo. Allora il Signore inviò ad Addà tre scribi, il Vangelo, altri due scritti e gli ordinò: «Non por­ tarli più lontano, ma resta lì come un mercante che mantiene unito22 il suo tesoro». Addà [p. 302 Andreas-Henning] sopportò molte difficoltà in quelle terre. Fondò numerosi monasteri, scelse molti Uditori ed Eletti . Elaborò testi scritti e fece della Sapienza un'arma. E con 20 L'argomento del dialogo (che cosa è più bello, che cosa è più grande ecc.) assomiglia a quello del testo nr. 2 p. 21 Sundermann, salvo che i ruoli sono inver­ titi: qui è Addà che risponde alle domande, mentre là era Mani che le poneva al guru indiano. Le 5 membra dell'anima in questo caso non sono le sue intrinseche componenti intellettuali come nella dottrina manichea della Pentade (vedi Appen­ dice), ma i modi del suo «apparire» per così dire all'esterno: l'anima appare viva, forte, luminosa, bella (AM). 21 Si tratta di Addà e di Patticio (Patleg, da non confondere col padre di Mani), inviati come missionari verso Occidente. 22 Diversamente Henning: 'iiffnet'.

Le

missioni di Addà in Occidente e di Ammò in Oriente

1 29

questi [scritti] mosse contro di loro [scii. gli avversari] ed ebbe la meglio da ogni punto di vista23. Li costrinse alla vergogna e li scon­ fisse24. Giunse fino ad Alessandria. Converti Nafsha25• In quelle ter­ re operò molte conversioni e fece molti miracoli. La religione del­ l' Apostolo si diffuse nell'Impero dei Romani. Allora, l 'Apostolo della Luce [scii. Mani], quando si trovò nel capoluogo della provincia di Holwan26, chiamò [a sé] Mar Ammò, il Maestro (ham.mOzag), che [p. 303 Andreas-Henning] conosceva la scrittura e la lingua partiche [ ... ]. Egli lo inviò ad Abarshahr' con il principe Artabano28 e con alcuni confratelli scribi insieme ad un decoratore di libri29• Egli disse: «Sia benedetta questa religione; possa essa diffondersi in quelle terre mediante [l 'opera di . ] Dotto­ ri, Uditori e mediante i doni fatti dagli Uditori agli Eletti. Possa il vostro nome essere 'Cuore-di-[ ... ]', possa il grande Wahman30 ri­ servare [a voi] fortuna e salute [più di quante ne siano state riser­ vate] agli antichi . . . »3 1 . Quando essi giunsero al posto di guardia della Cusiana32, allora apparve il Genio (wachsh) del confine del Chorassan sotto forma di donna e chiese a me, Ammò33: «Qual è la tua attività? Da dove sei venuto? Io risposi: «Sono un credente, discepolo dell'Apostolo Mani» . [p. 304 Andreas-Henning] Il Genio disse: «Io non ti accol..

23 Letteralm. 'in ogni cosa si salvò' . 24 Diversamente Henning: 'Er iiberwiiltigte undfesselte die Dogmen'. 25 Lettera) m. 'Nafsha fu scelta per la religione'. Si allude all'episodio narrato nel testo nr. 1 2. 26 La località si trova lungo la strada che da Ctesifonte portava ad Ecbatana (Hamadan) capoluogo della Media (Iran settentrionale). 27 Abarslwhr (che significa «terra del Nord») è il nome di una città e di un di­ stretto del Chorassan (Iran nord-orientale). 28 Nobile imparentato con la (deposta) dinastia arsacide, quindi partico come la famiglia di Mani. 29 Si noti l'importanza attribuita alla confezione e alla diffusione di bei libri che costituivano Io strumento principale della propaganda manichea (AM). 30 Il Grande Intelletto divino. 3 1 Si intende probabilmente gli apostoli di precedenti epoche, che furono rifiu­ tati. 32 Diretti a Nord-est (verso il Chorassan), i missionari lasciano alle loro spalle la Media e la Partia, cioè la parte settentrionale e nord-orientale dell'Iran vero e proprio, e si affacciano sul territorio della Cusiana (Afganistan-Pachistan) recen­ temente conquistato da re Artaserse, vedi Introduzione, p. 1 6 (AM). 33 Con un brusco cambiamento di stile il testo riporta d'ora in avanti in prima persona le memorie di Ammò, il grande propagatore del manicheismo nell'Asia centrale (AM).

1 30

Parte seconda - Testi sulla storia della Chiesa manichea

go. Torna di nuovo da dove sei venuto!». E scomparve dalla mia vista. In seguito io, Ammò, rimasi per due giorni in preghiera rivolto verso il sole. Allora mi apparve l' Apostolo34• Egli disse: «Non esse­ re codardo ! Recita [di fronte al Genio] ad alta voce, dal Tesoro della Vita [il capitolo] 'La chiusura delle Porte' P'». Il giorno seguente il Genio riapparve e mi disse: ((Perché non sei tornato nella tua terra?». Risposi: «Sono venuto da un luogo lonta­ no, per [diffondere] la [mia] religione». Il Genio disse: «Qual è la religione che tu porti?». Io risposi: «Non dobbiamo mangiare carne e bere vino, e stiamo lontani dal sesso))36• Il Genio disse: «nel mio regno, ci sono molti uomini come te))37• A questo punto, di fronte [al Genio] recitai, a voce alta, dal Te­ soro della Vita, [il capitolo] «La chiusura delle Porte». Allora egli [mi] rese omaggio e disse: «Tu sei un giusto puro (ardaw i pak). D'ora in avanti ti chiamerò38 non 'religioso' (dendar), ma [p. 305 Andreas-Henning] 'giusto portatore di religione' (denawar)39, o tu che non hai simili !)>. Quindi io chiesi: ((Qual è il [tuo] nomeh. Ri­ spose: «Mi chiamo Bagard, guardiana dei confini del Chorassan (wimandbdn i ChOrasan). Quando io ti accoglierò, allora la porta di tutto il Chorassan sarà aperta di fronte a te)>40• In seguito il Genio Bagard mi spiegò la «chiusura delle cinque Porte)) mediante parabole. 34 Come nel precedente testo nr. 1 2, anche qui una bilocazione di Mani, che pur trovandosi in Media appare in persona ad Ammò, risolve la situazione (AM). 3' L'opera di Mani intitolata Tesoro della Vita comprendeva una parte in cui si trattava della sorveglianza delle porte del corpo, argomento trattato ampiamente in un Capitolo copto (testo nr. 30) 36 Lettera)m. 'dalle donne'. 37 Allusione alla presenza di monasteri buddhisti nella regione, dove vigevano le stesse norme di vita. La superiorità del manicheismo su un qualsiasi regime di astinenza viene affermata in questo testo mediante il richiamo all'opera di Mani, il Fondatore, cioè ai suoi scritti (AM). 38 Letteralm. «Chiamerò il tuo Sé (grlw)» 39 II termine dentiwar designò storicamente una setta manichea medievale nel regno turco-uiguro di Chocio che per qualche tempo diede origine a uno scisma dalla Chiesa madre di Ctesifonte-Bagdag. Può darsi che giustificasse la sua auto­ nomia con il riferimento alla figura di Ammò e a questo episodio in particolare (AM). 40 L'incontro con il Genio (femminile) che controlla il confine del Chorassan tra l'Iran e la Cusiana ricorda l'episodio di Atti degli Apostoli, 1 6.9, quando a san Paolo appare (in sogno, però), il Genio della Macedonia (AM).

Le

missioni di Addà in Occidente e di Ammò in Oriente

131

Porta degli occhi, che è ingannata da illusorie apparenze, è come un uomo che, a causa di un miraggio del deserto, vede città, alberi, acqua e altro ancora. Il dèmone [che causa il miraggio] lo inganna e lo uccide. Secondo: [la Porta degli occhi] è simile ad una fortezza assediata, la cui entrata non è stata trovata dai nemici. Al­ lora i nemici preparano un banchetto [con] molti canti e melodie. Quelli che si trovano nella fortezza provano il desiderio di guarda­ re. I nemici [li] assalgono alle spalle e prendono la fortezza. La Porta delle orecchie è simile all'uomo che si mette in viaggio per un cammino sicuro con molti tesori. Allora due ladri gli si av­ vicinano all'orecchio. Ingannato da dolci parole, viene guidato in un luogo lontano, ucciso da loro e il suo tesoro viene portato via. [p. 306 Andreas-Henning] Secondo: [la Porta delle orecchie] è simile ad una donna di bell'aspetto imprigionata in una fortezza. Un uomo ingannatore, ai piedi della fortezza, canta una dolce me­ lodia fino a che quella donna muore di passione. La Porta del naso che percepisce le fragranze è come un elefante che, trovandosi su un' altura prospicente il giardino di un re, vien preso dalla voglia del profumo dei fiori. Durante la notte cade giù dall'altura e muore La Porta della [bocca ?... ] . La

PARTE TERZA Testi sul mito manicheo

Tav. IV: Il principe ereditario Sapore disarciona un generale partico alla (H.H. von der Osten,

Die We/t der Perser, Stoccarda 1 956, tav. 96).

battaglia di Onnisdagan. Rilievo di epoca sassanide a Naqsh i Rustam

L'ATIACCO DELLE TENEBRE E L'AZIONE DEGLI INVIATI

Testo nr. lS (Salmo del Bema nr. 223, ed. Allberry, pp. 9- 1 1 ; lingua: copto; tr. CG)

O. [p. 9 Allberry] Adoriamo lo Spirito (Pneuma) del Paraclito. l. Benediciamo il nostro Signore Gesù, che ci ha inviato / lo Spirito della verità. È venuto e ci ha separati dall'errore (piane) l del mon­ do. Ci ha portato uno specchio; noi ci abbiamo guardato dentro l ed abbiamo visto il Tutto. 2. Lo Spirito santo, una volta giunto, ci ha rivelato / la strada della verità. Ci ha insegnato che esistono due nature (physis), l quella della Luce (ouaine) e quella della Tenebra (keke), l e sono separate l'una dall' altra fin dall'inizio. 3. Il regno della Luce era composto di cinque l Grandezze, vale a dire il Padre, i suoi dodici l Eoni, gli Eoni degli Eoni, l'Aria vivente l e la Terra della Luce; e il Grande Spirito aleggiava su di loro l e li nutriva della sua luce. 4. Il regno della Tenebra, invece, è composto di cinque l stanze (tamiéion), vale a dire il Fumo, il Fuoco, l il Vento, l' Acqua e l'Oscurità; e il loro piano (pe-sàginer l striscia tra di essi, li incita e li pungola l perché si facciano guerra l'un l'altro. 5. Ora, mentre si facevano guerra l'un l'altro, ebbero l'ardire l di levare la mano contro la Terra della Luce, poiché pensavano tra di loro l che avrebbero potuto vincerla. Non sapevano, però, l che i lo­ ro piani contro di essa si sarebbero rivoltati contro di loro. 6. Ora c'era una moltitudine di angeli (n-dngelos) nella Terra della Luce, l che era in grado di uscire a soggiogare il nemico l del Pa­ dre, il cui desiderio era di assoggettare, l attraverso la sua parola, da lui inviata, i ribelli, l i quali avevano voluto innalzarsi al di sopra di colui che era loro superiore. 1 Il termine copto corrisponde al gr. enthymesis e significa l' «intenzione)) di far del male, il «piano>> delle tenebre contrapposto a quello della Luce e del bene (AM).

1 36

Parte terza - Testi sul mito manicheo

7. Come un pastore, quando vede un leone avvicinarsi l per [p. 10 Allberry] distruggere il suo gregge, astutamente l prende un agnello e lo mette in mostra come per tendergli una trappola, l in modo da poterlo catturare (così, con un solo agnello, egli salva l il suo greg­ ge; e poi si prende cura dell'agnello, l che era stato ferito dal leone) 8. allo stesso modo ha fatto anche il Padre, il quale ha inviato l il suo forte figlio. Costui produsse da se stesso l la sua Vergine (parthénos), cui furono assegnate cinque Potenze, l per combattere contro i cinque Abissi della Tenebra. 9. Quando il ricognitore ebbe preso posizione ai confini l della Lu­ ce, mostrò loro la propria Vergine, l che è la sua anima (tef-psyche). Quelli si misero in agitazione nel loro Abisso (Noun), l poiché vo­ levano elevarsi al di sopra di lei; spalancarono la loro bocca, l cer­ cando di inghiottirla. IO. Egli l'afferrò ad una estremità, la gettò sopra di loro l come una rete sopra i pesci e la fece piovere su di loro l come nuvole d'acqua purificate. Essa penetrò dentro di loro l come un fulmine lancinan­ te; essa esplose al loro interno l e li legò tutti quanti, senza che se ne rendessero conto2 • 1 1 . Quando l'Uomo primordiale (pe-sharp n-rome)3 ebbe terminato la sua guerra, l il Padre mandò il suo secondo Figlio4• l Egli venne ed aiutò suo fratello ad uscire dall'Abisso. l Egli costituì l ' intero mondo a partire dalla mescolanza l che si era prodotta tra la Luce e la Tenebra. 12. Tutte le Potenze dell'Abisso furono distribuite su dieci cieli l otto terre. In quel tempo egli le rinchiuse in questo mondo (k6smos) l e ne fece la prigione per tutte le Potenze della Tenebra; l esso, pe­ rò, è anche un luogo di purificazione per l'anima (psyche), l che è stata inghiottita in esso. l 3. Il sole e la luna furono creati e posti in alto l per purificare

2 Nelle versioni più conosciute l' «anima>> del Primo Inviato è costituita dai suoi cinque «Figli»: qui si trova una variante rara per cui l' «anima>> è un personaggio unico, una «Vergine», impiegata come «rete» (o per meglio dire come esca) per catturare gli arconti, e la vicenda si presenta come una vittoria, e non una sconfitta, dell'Uomo primordiale. Si noti che l'esibizione della Vergine agli arconti prefigu­ ra quella del Terzo Inviato: in entrambi i casi essa suscita il desiderio degli esseri tenebrosi. Anche altrove nella Ieueratura gnostica le potenze mondane sono raffi­ gurate come ghioue divoratrici di «anima>>: Vangelo di Tommaso 1, NHC Il, 34; Epifani o, Pan., 26. IO e 40.2 (AM). 3 Cfr. Introduzione, p. 33 s. 4 Lo Spirito Vivente (AM).

L 'attacco delle tenebre e l 'azione degli Inviati

1 37

l'anima. Quanto ogni giorno viene purificato, l lo trasportano in alto; i residui, invece, li raschiano via [p. 11 Allberry] l [ ... ] e li gettano nell'Abisso; quanto è mescolato / lo fanno andare in alto e in basso. l 4. Mentre questo intero mondo per un certo tempo resta stabile, l c'è un grande edificio che viene costruito fuori l di questo mondo. Non appena quell'edificio sarà terminato, l il mondo intero sarà dissolto e vi sarà gettato sopra l il fuoco, perché lo sciolga. 15. Tutta quanta la vita, tutto quello che resta della Luce, dovunque si trovi, l si raccoglierà in se stesso fino a formare una Statua (an­ drids)'. l Ma anche il progetto (pe-sàgine) della Morte, tutta quanta la Tenebra l si raccoglierà in se stessa fino a formare l una catena per gli Arconti (drchon). 16. Subito verrà lo Spirito Vivente (pe-pneuma et-anh) [ . . . ] l egli aiuterà la luce. Ma il progetto della Morte l e della Tenebra lo rin­ chiuderà nella tomba (tamieion) l costruita per lui, in modo che vi rimanga legato per l'etemità6• 1 7. Non c'è altro mezzo per legare il nemico che questo; l infatti egli non verrà accolto nella Luce, perché le è estraneo; l tuttavia, egli non può neppure essere lasciato nella sua terra tenebrosa, l in modo che non possa intraprendere un'altra guerra, più grande della prima. 18. Sarà costruito un nuovo Eone al posto di questo mondo, l che si dissolverà, perché possano regnare in esso l le Potenze della Luce; esse, infatti, hanno realizzato e compiuto l tutta la volontà del Pa­ dre, hanno sottomesso l ' odiato [nemico] e l [ ... ] su di lui per sem­ pre. 19. Questa è la gnosi di Mani; adoriamolo l e benediciamolo. Beato chiunque crede l in lui, poiché vivrà con tutti i giusti. D. Onore e vittoria al nostro Signore Mani, lo Spirito l della verità, che viene dal Padre, il quale ci ha rivelato / l' inizio, il mezzo e la fine. Vittoria all'anima l della beata Maria, Teona, Pshai, Jmnoute.

' L' «Ultimo Dio» del fr. partico M 2 (testo nr. 36) (AM). 6 Altrove questa «tomba>> è chiamato bolos, il «grumo», che Agostino definisce globus horribilis (AM).

IL PRIMO INVIATO E IL COMBATTIMENTO PRIMORDIALE

Testo nr. 16

(Salmo di Tommaso l, ed. Allberry, pp. 203-205; lingua: copto; tr. CG)7

SUL PADRE E TUTII I SUOI EONI E SUL FERMENTO DEL NEMICO

l. l'p. 203 Allberry] Padre mio, luce felice; luce felice e gloriosa. 2. Padre mio, luce felice; luce felice e benedetta. 3. Padre mio, luce felice; luce felice e onorata. 4. Egli ha evocato gli Eoni della Luce (n-ai6n mpe-ouaine), li ha costituiti per la gioia della sua grandezza. 5. Ha evocato gli Eoni della Pace (ent-eiréne), nei quali non c'è calo né diminuzione. 6. Ha evocato gli Eoni della Luce, ha chiamato i suoi figli e li ha stabiliti in essi. 7. Ha evocato gli Eoni della Pace; ha chiamato le sue Ricchezze e le ha stabilite in essi. 8. Ha evocato gli Eoni della Quiete; ha chiamato i suoi angeli e li ha stabiliti in essi. 9. Ha costituito abitazioni (hen-tamieion) viventi; ha stabilito in es­ se immagini (hen-eik6n) vive. 10. Ha stabilito in esse immagini vive, che non si corrompono mai. I l. Ha evocato nubi di splendore, che facevano scendere rugiada e vita. 12. Ha evocato un fuoco santo, che bruciava con una dolce fiamma. 13. Ha evocato un vento e una brezza (aér), che spiravano il soffio dei viventi.

7 Autore di questo e altri Salmi è Mar Thoma discepolo di Mani che operò come missionario nell'Alto Egitto. La divisione in strofe qui adottata è quella di P. Nagel, Die Thomaspsalmen des koptisch-manichiiischen Psalmenbuches, Berlin ••

1 980.

1 40

Parte terza - Testi sul mito manicheo

14. Ha evocato montagne sante, che affondavano [nel terreno] fra­ granti radici. 15. Sono tutti quanti in armonia e concordi: in essi non c'è difetto né perdita. 16. S i rallegrano e sono felici nello splendore, sono compiuti e permangono in eterno. 1 7. Non so dove il Figlio del Male (pe-shere mpe-pethau) li vide. Si alzò dicendo: «Che io possa diventare uno come loro)). 18. Dove li vide il Figlio del Male, che si alzò dicendo: «Che io possa diventare uno come loro"? 19. Dove li vide il Figlio del Male, il miserabile che non possiede nulla? 20. Non ci sono ricchezze nel suo tesoro (chrema), non c'è durata nelle sue proprietà (ktesis). 21. Non ci sono ricchezze nel suo tesoro; ma si alzò dicendo: «Che io possa diventare uno come loro)), 22. Prese per mano i suoi [p. 204 Allberry] sette compagni e i suoi dodici aiu[tanti]. 23. Prese per mano i suoi sette compagni, partì e, appostandosi, si mise ad osservarli, 24. in modo che, se mai qualcuno fosse caduto o precipitato in bas­ so, potesse andare e diventare uno come loro. 25. Il Padre, allora, lo prevenne; rafforzò tutti i suoi angeli, dicendo: 26. «Radunatevi tutti quanti e guardatevi dall'occhio del Malvagio, che ha volto lo sguardo verso l' alto)), 2 7. Uno dei Figli della Luce guardò dall' alto e lo vide; disse ai suoi fratelli, le Ricchezze: 28. «Fratelli, figli della Luce, che non subite difetto né perdita, 29. ho guardato giù nell 'abisso (noun) e ho visto il Malvagio, il Fi­ glio del Male. 30. Ho visto il Malvagio, il Figlio del Male, desideroso di dare battaglia. 31. Ho anche visto i suoi sette compagni e i suoi dodici ministri (n­ leitourg6s)8; 32. ho visto la tenda (papylfon) piantata, il fuoco acceso in mezzo ad essa; 33. ho visto i miserabili sgherri avvicinarsi, con l' intenzione (skép­ testhai) di dare battaglia. 8 Sono i 7 pianeti e le 12 costellazioni dei quali si parla nel testo nr. 34.

Il Primo Inviato e il combattimento primordiale

141

34. Ho visto la loro terribile annatura, pronta per fare la guerra (polemos); 35. ho visto trappole tese e reti gettate e dispiegate, 36. in modo che l 'uccello che passasse di là potesse essere catturato e il pesce non potesse loro sfuggire; 37. Stavano là, distesi a bere vino rubato e a mangiare carne sac­ cheggiata». 38. Il Piccolo9 lasciò passare i suoi mesi, finché non fu capace di camminare; lui che è minuto tra gli alti di statura, fece un balzo in avanti, 39. si annò e si cinse i fianchi, il Figlio dello Splendore e della Ricchezza; 40. si annò e si cinse i fianchi, spiccò un salto e si lanciò nell'a­ bisso; 41. spiccò un salto e balzò in mezzo a loro, in modo da far guerra con loro; 42. egli assoggettò il Figlio del Male e i suoi sette compagni e i suoi dodici ministri 10; 43. spiantò la loro tenda e la buttò giù, e spense il loro fuoco bru­ ciante; 44. incatenò i miserabili sgherri, che si erano l"p. 205 Allberry] av­ vicinati e meditavano di dare battaglia. 45. Egli catturò la loro terribile annatura, attrezzata per fare la guerra, 46. spezzò le trappole che avevano teso e bruciò anche le reti che avevano dispiegato; 47. lasciò che i pesci ritornassero al loro mare (thdlassa), che gli uccelli volassero ne Il' aria; 48. lasciò che gli uccelli volassero nell'aria e le pecore tornassero al loro gregge; 49. raccolse la sua ricchezza, la prese e la portò su alla Terra (chOra) del Riposo. 50. Quindi, ciò che presero i Viventi fu salvato: essi torneranno di nuovo a ciò che è loro. _

9 Si tratta dell'Uomo Primordiale, qui presentato come un figlio, un bambino che deve ancora crescere. 10 Gli aiutanti del Re della Tenebra sono i sette pianeti e le dodici costellazioni, v. testo nr. 34 (AM).

1 42

Parte terza - Testi sul mito manicheo Testo nr. 17

(Salmo di Tommaso 2; ed. Allberry, pp. 205-207; lingua: copto;

tr.

CG)

SULLA VENUTA DELL'ANIMA

l. [p. 205 Allberry] Quelli che non sono come me si sono fatti si­ mili a me; quelli che sono indegni di me mi hanno reso furioso. 2. Ladri, che non appartengono alla casa di mio Padre si sono sol­ levati, hanno impugnato le armi contro di me; 3. si sono sollevati, hanno impugnato le armi contro di me, facen­ domi guerra (polemos). 4. Quelli che mi fanno guerra , lottano per la mia veste santa, 5. per la mia luce splendente, perché illumini la loro tenebra; 6. per il mio dolce profumo, perché addolcisca la loro follia; 7. a causa dei miei fratelli, i Figli della Luce, perché portino pace (eiréne) alla loro terra (chOra); 8. a causa di mia sorella, l'Ora della Luce (te-ounou nte-p-ouaine), perché rafforzi la loro costruzione. 9. Ora un frammento (méros) si staccò dalla mia veste, andò e illu­ minò la loro tenebra; 1 0. il mio dolce profumo partì e addolcì il loro fetore; 11. i miei fratelli, i Figli della Luce, partirono e portarono pace alla loro terra; 12. partì mia sorella, l'Ora della Luce, e rafforzò la loro costruzio­ ne. 13. Essi impugnarono le armi contro di me, facendomi guerra, 14. gridando contro di me, come soldati che vogliano conquistare un accampamento (parembolé); 15. levarono le spade contro di me, come uomini che vogliano uc­ cidere dei leoni; 16. hanno impugnato l'arco contro di me, come ladri che vogliano aggredire un uomo. 1 7. [p. 206 Allberry] Essi non smisero di farmi guerra finché non ebbero costruito un muro contro di me; 18. i deboli e gli storpi avanzavano continuamente strisciando e non si mossero finché non ebbero costruito un muro contro di me; 1 9. essi avanzarono strisciando, finché non ebbero costruito un mu­ ro contro di me e collocarono un posto di guardia all 'esterno.

Il Primo Inviato e il combattimento primordiale

143

20. Per causa mia misero 1 1 in moto la campana; il mio soccorritore venne per me, 21. mentre quegli sgherri pensavano in cuor loro che io ero un uo­ mo che nessuno avrebbe cercato. 22. lo allora volsi lo sguardo verso mio Padre, perché mi mandasse un aiuto (boétheia), 23. verso i miei fratelli, i Figli della Luce, perché venissero a rin­ traccianni. 24. Mio Padre, quindi, mi mandò un aiuto, i miei fratelli si levaro­ no, diventarono una sola cosa con me. 25. In seguito ad un solo grido emesso dai miei fratelli, il loro muro vacillò e cadde; 26. il loro muro vacillò e cadde, le loro guardie non furono in grado di fermarli, 27. né riuscirono a trovare colui che gira intorno con la campana e chiamava il soccorritore. 28. In seguito al grido emesso dai miei fratelli, i dèmoni (n­ ddimon) fuggirono verso la tenebra, 29. i dèmoni fuggirono verso la tenebra e la paura si impadronì completamente del loro Arconte. 30. Ma io dissi ai miei fratelli: «Concedetemi ancora quest'ora». 31. Volevo tranquillizzare i miei fratelli, perché essi non distrug­ gessero il loro firmamento (steréoma). 32. Io, infatti, aspetto la mia veste, finché non verrà e rivestirà colui che la porta (phoréin). 33. Aspetterò la mia luce splendente finché non si spoglierà della loro tenebra; 34. aspetterò la mia piacevole fragranza, finché non ritornerà alla sua dimora; 35. aspetterò mia sorella, l'Ora della Luce, finché non getterà via la loro corruzione. 36. Aspetterò i miei fratelli, i Figli della Luce, finché il loro tempo non sarà completato. 37. Quando dunque la mia veste splendente verrà e rivestirà colui che la porta; 38. quando la mia piacevole fragranza si spoglierà del loro fetore e tornerà [p. 207 Allberry] alla sua dimora; 11 Il soggetto qui è cambiato: si tratta di entità del mondo della Luce che si muovono a soccorrere l'Uomo.

Parte terza - Testi sul mito manicheo

144

39. quando la mia luce splendente lascerà dietro di sé la tenebra; 40. quando i miei fratelli, i Figli della Luce, saranno compiuti nel loro tempo (helikfa); 41. quando mia sorella, l'Ora della Luce, sarà salita e avrà visto la Terra (chOra) della Luce: 42. allora io batterò il mio piede sulla terra e inabisserò la loro te­ nebra; 43. percuoterò la loro altezza con la mia testa e scuoterò il loro fir­ mamento 44. [ . f2 e le stelle cadranno come foglie. 45. lo sradicherò la tenebra e la getterò fuori, e pianterò la luce al posto suo; 46. io sradicherò il male e lo getterò fuori, e pianterò il Bene al po­ sto suo. 47. Il mondo (kosmos) sarà pieno di gloria, la terra sarà senza so­ spetto, 48. l ' universo intero conterrà i giusti (n-dfkaios), quelli della terra abiteranno in pace; 49. da quel momento non ci saranno più ribelli, non sarà più pro­ nunciato alcun nome peccatore, 50. i Ricchi della Luce si rallegreranno in ogni parte senza più do­ lore (lype). 51. Ciò che presero i Viventi fu salvato: essi torneranno di nuovo a ciò che è loro. . .

Testo nr. 1 8

(Salmo di Tommaso 3; ed. Allberry, pp. 207-209; lingua: copto;

tr.

CG)

SULL'UOMO PRIMODIALE: [L'INNO] DELL'ORIGINE

l. [p. 207 Allberry] Il vascello la cui chiglia è lo splendore, su di esso ci sono le gomene luminose; 2. gloriosi sono i suoi timonieri, i suoi membri dell'equipaggio so­ no rivestiti di splendore, 3. il suo carico è il tesoro (chrema) del Potente, impossibile da mi­ surare e da quantificare;

1 2 Sembra che qui sia caduto un emistichio.

Il Primo Inviato e il combattimento primordiale

1 45

4. è carico della ricchezza dei Viventi, che non potrà mai essere mi­ surata. 5. Non so dove il Figlio del Male lo abbia visto; assoldò dei pirati e li mandò a bordo; 6 i pirati si riversarono sul vascello, lo portarono al largo, in mezzo al mare (pélagos). 7. Ferirono i suoi timonieri, quelli cui era stato affidato il tesoro fu­ rono messi in pericolo (kindynéuein). 8. Si impadronirono del tesoro del Potente, che non si può misurare né quantificare, 9. rubarono la ricchezza dei Viventi, che non potrà mai essere mi­ surata; 10. divisero il tesoro che avevano rubato dal vascello [p. 208 Allberry] e lo dispersero nei loro cosmi, 11. presero radici ed erbe fragranti e le piantarono nella loro terra; la riempirono; 12. presero smeraldi e pietre preziose, li inchiodarono e li fissarono al loro firmamento (steréoma); l 3. gli affamati mangiarono e furono sazi, un tiepido alito avvolse quanti erano prostrati; 14. gli ignudi si rivestirono, posero anche diademi sul loro capo; l 5. i poveri diventarono ricchi e si gloriarono di cose che non erano loro. 16. Allora il Potente ricevette la notizia che un uragano [ ?] aveva raggiunto il suo vascello, l 7. che i suoi timonieri erano stati feriti e che quelli cui era stato af­ fidato il tesoro erano stati messi in pericolo. 18. Allora egli evocò un Inviato (presbéutes), un deposito (ta­ mieion) vivente, che è l'Intelletto (Nous); 19. evocò un inviato e lo mandò sul vascello, dicendo: 20. «Recati nel luogo in cui il vento ha portato il vascello; rimor­ chia il vascello e portalo qui; 21. cura (therapéuein) i suoi timonieri, rimetti in piedi quelli cui era stato affidato il tesoro; 22. dissoda la loro terra con la vanga e sradica le radici fragranti; 23. distruggi e fa crollare il loro firmamento e getta giù le pietre preziose e gli smeraldi ; 24. raccogli tutto il tesoro del Potente, prendilo e riportalo a bordo del vascello; 25. disonorali (atinuizein), quei miserabili, e porta via il diadema dalla loro testa;

1 46

Parte terza - Testi sul mito manicheo

26. disonora quei miserabili, che si gloriano di cose che non sono loro; 27. aiuta i giusti (n-dfkaios) e pianta i tuoi alberi nel mondo (oikouméne); 28. rimetti in piedi i tuoi giusti, in modo che possa essere mandata su da loro la parte purificata». 29. Allora il Figlio delle Luci e delle Ricchezze subito si armò e si cinse; 30. si annò e si cinse i fianchi; fece un salto e piombò sul vascello; 31. curò i suoi timonieri; aiutò i suoi fedeli (n-pist6s); 32. egli dissodò la loro terra con la vanga; sradicò le radici fragranti e le portò via1 3; 33. distrusse il loro firmamento [e lo fece cadere]; [p. 209 Allber­ ry]; tirò giù gli smeraldi e le pietre preziose; 34. li disonorò, quei miserabili; portò via il diadema dalla loro testa; 35. aiutò i suoi giusti, piantò i suoi alberi nel mondo; 36. rimise in piedi i giusti, in modo che tutta la parte purificata po­ tesse essere mandata su da loro in alto; 37. ormeggiò il vascello ed eresse su di esso un baluardo; lo portò su, in alto, come un dono al Potente; 38. lo portò su, in alto, come un dono al Potente, [ . . . ] la Terra (chOra) della Luce; 39. il vascello fece germogliare una palma; i suoi timonieri torna­ rono a ciò che era loro.

Testo nr. 1 9 (Fr. M 1 0, ed. Boyce, Reader, p. 1 04 s.; lingua: partico; tr. PC)

INNO AL S É VIVENTE I 4

( 'alej) Sei venuto per la salvezza (drod), o luminoso Sé (griw roshn): la salvezza sia con te, che appartieni al Padre.

1 3 L'immagine ritorna anche nel testo nr. 39 p. 66 Sundermann (AM). 14 Per la nozione del grlw cfr. infra, testi nr. 7 1 -73. Qui questo nucleo soggetti­ vo dell'anima viene identificato con il Primo Inviato (l'Uomo Primordiale), che è a sua volta il «Sé>> di Dio, cfr. Introduzione, p. 33. Come in molti altri inni partici, che in ciò riprendono un modulo letterario siriaco, le 22 strofe di quest'inno (le ultime 6 sono perdute) iniziano ognuna con una lettera progressiva dell'alfabeto aramaico, adottato anche dal partico nonostante quest'ultimo fosse una lingua in­ doeuropea e non semitica. Va ricordato inoltre che in aramaico, ebraico e greco le lettere dell'alfabeto fungono pure da numeri (AM).

Il Primo Inviato e il combattimento primordiale

1 47

(bet) Il Dio della Giustizia (bag rashtigar), l'Altissimo fra gli Dei (yazdan), il diadema e la gloria eterna [ .. . ] Lode a te, o Sé vivente (griw zhiwandag); Santo, Santo (qadush kadush) 1 5, Signore (bag) Mar Mani. (gimel) Si rallegrò e fu lieto il Beato della Luce quando fu nascesti nel [suo] Regno 16• (da/et) Si rallegrarono i dodici F[igli] e gli Eoni degli Eoni dell'aria. (he) Tutti gli Dei (yazdan) e gli abitatori [del Regno], i monti, gli alberi e le fonti, (waw) i vasti e poderosi palazzi e le sale si rallegrarono di cuore per te, o Amico. (zayn) Quando le graziose vergini e le fanciulle scaturite dall'Intelletto (manohmed) ti videro (sade) ti benedirono tutte all 'unisono con voci di lode, o giovane senza difetto. (tet) Da ogni luogo tamburi, arpe e flauti fecero echeggiare per te melodie. (yod) Gli Dei (yazdan) tutti stavano di fronte a te, o Principe, prole regale ! (ka!J Risuonarono voci nell'aria, canti dalla Terra di Luce, allorché dissero del P[adre] della Luce. «È nato il valoroso guerriero17 che porterà la pace !» (lamed) Il più alto, in eterno, fra gli Dei, ti affidò tre compiti: (mem) «Annienta la Morte (maran), uccidi il Nemico e proteggi tutto il Paradiso della Luce (roshn wahisht)». (nin) Tu gli porgesti omaggio e movesti in battaglia; tu proteggesti tutto il Paradiso della Luce; (samek) il paese delle tenebre venne devastato e il [suo] potente re incatenato [per l'eterni]tà. ( 'ayn) Il luminoso Amico, l'Uomo (mardohm), rimase colà, fin tanto che non ebbe compiuto la volontà del Padre .

15 Su questa invocazione in lingua ebraica cfr. testo nr. 78. 16 Il Padre di Grandezza si rallegra per la «nascita>> del Figlio, cioè l'Uomo Primordiale (che sarà poi il Primo Inviato); ovviamente il discorso è metaforico: il Figlio non è «nato>> in un momento preciso del tempo (AM). 17 Letteralm «l'amante dei combattimenti>>, epiteto consueto per i rappresen­ tanti mitologici del mondo della Luce in lotta contro le tenebre (AM).

Parte terza - Testi sul mito manicheo

148

Testo

nr. 20

(Fr. M 3 1 6, 80 1 , ed. Sundennann 2; lingua: partico; tr. PC)

[pp. 50-51 Sundermann] [ . . . ] E [come] un valente guerriero, le cui frecce non vanno perdute in una trappola [ ?], ma si volta ad af­ frontare gli attaccanti e i loro capi, così il Dio Ohrmezd afferrò le cinque Luci 11 e [ . ] le gettò a mo' di esca davanti ai dèmoni e [ . . ] davanti alle streghe. Quando i dèmoni [ . . . ] al fuoco, esso si alzò [ . . ] [ . . . ] Cosl catturò i dèmoni per mezzo delle cinque Luci. E il Dio Ohrmezd si mosse contro la terra oscura come un leone contro un vigoroso [ , come] un combattente gagliardo contro la fortezza dei nemici. Spaccò in due i dèmoni impadronendosi della terra oscura come [ . . , come] un'ascia [taglia] un [ . . . ] e un gagliardo combat­ tente [distrugge] una fortezza. Per parecchio t[empo] rimase colà. In seguito egli [ . . . ] i nemici [ . . . ]. . .

.

.

. . .

.

Testo nr. 2 1 (Fr. 1 00 1 , 1 0 1 2, 1 0 1 3, 1 0 1 5, ed. Sundennann 2;

lingua: mediopersiano; tr. PC)

[p. 1 7 Sundermann ] [ . . . ] Il Primogenito, nato dagli Eoni, il pri­ mo Comandante (sar) e apparve nella sua bellezza in mezzo a tutte quelle Potenze e si manifestò come una luminosa stella in mezzo a cose scure, come un essere umano (mardohm) in mezzo alle bestie e come un Dio (yazd) [p. 18 Sunderman n ] in mezzo a dèmoni (dewan). Così quel Dio, l'Uomo (chen yazd Mardohm), apparve. O ancora: per tutte quelle Potenze essa [scii. la Luce] era come un pa­ sto delizioso davanti a degli affamati: non appena si presentò loro davanti, quelli tutti la divorarono. [ . . . ] Testo nr. 22 (Fr. M 7 1 0, 5877, ed. Boyce 2; lingua: panico; tr. PC)

[p. 445 Boyce] [ . . . ] Per compassione (achshad) [ . . . ] egli assunse 18

Il Primo Inviato ha spesso nelle fonti iraniche il nome dell'antico Dio persia­ no Ahura Mazda (Ohrmezd in medioiranico); più raramente «l'Uomo» (Mardohm) come nel testo nr. 19. Le 5 Luci sono i suoi cinque Figli ovvero i cinque elementi del mondo di Luce: etere, brezza, luce, acqua e fuoco.

Il Primo Inviato e il combattimento primordiale

149

il corpo. [ . . . ] Il primo abito del Dio Ohrmezd: rivestendo con i [suoi] cinque Figli i nemici, egli abbandonò l'anima (griw) alle te­ nebre, sciolse le sue membra per il bene dei suoi Figli. Strinse i ne­ mici con un legaccio, rianimò i suoi Figli e con dolcezza salvò il Regno 1 9•

Testo nr. 23 (Salmo di Tommaso 8, ed. Allberry, pp. 2 1 3-2 15; lingua: copto; tr. CG)

[L'INNO] DELL'INVIATO

l. [p. 213 Allberry] Dai ranghi (tdxis) del regno, dai ranghi di Colui che sta in alto, 2. uno dei Figli della Luce scese sulla terra [ . . ] 3. [p. 214 Allberry] [ ... ] della Tenebra, un' immagine (eik6n) lumi­ nosa si manifestò; 4. nella dimora delle bestie (thérion) un'immagine luminosa si ma­ nifestò; 5. nella terra (chòra) del folle fetore si diffuse un profumo di bal­ samo (apobdlsamon). 6. I mondi (n-k6smos) e gli abitanti della Tenebra si radunarono e vennero a vedere la sua immagine; 7. vennero a vedere la sua immagine, strisciarono, impazzirono a causa della sua brillantezza; 8. si alzarono, in modo da poter vedere la sua somiglianza (pef­ eine), caddero a terra, impazzirono a causa della sua bellezza; 9. si alzarono, in modo da poter vedere la sua bellezza, si unsero .

19 Il carattere ambivalente della prima battaglia viene sottolineato in questi ul­ timi tre testi in modo da renderli quasi incomprensibili. Per un verso il Primo In­ viato travolge i nemici, per un altro però soccombe ('scioglie le membra' , rimane tramortito) perché ha perduto la sua 'anima', cioè i suoi Figli. Ma precisamente la perdita dei Figli, in un disegno strategico più vasto (che è poi il piano della salvez­ za, quello che il testo nr. 34 p. 1 69 B.-P. chiama l' oikonomfa), serve alla vittoria del Bene. Infatti le cinque Luci 'divorate' dalle tenebre sono come un'esca avve­ lenata, data in pasto ai nemici per intossicarli; o con altra immagine, il Primo In­ viato si spoglia della sua tenuta da combattimento ()"abito' che nel testo nr. 32 e nel racconto di Teodoro bar Koni, tr. fr. p. 234 è presentato come una 'corazza') e lascia che le Potenze se ne rivestano allo scopo che esse ne rimangano 'legate', bloccate (AM).

1 50

Parte terza - Testi sul mito manicheo

con la sua fragranza, vi si avvoltolarono dentro, 10. piegarono le ginocchia, lo adorarono, rimisero in piedi le loro forme (helikfa) e cantarono a lui: l l. «Sei venuto in pace (eiréne), o Figlio dello Splendore, Figlio delle Luci e delle Ricchezze. l 2. Sei venuto in pace, Figlio dello Splendore, tu che sarai l'illuminatore (phostér) dei nostri mondi. l 3. Vieni e governa sulla nostra terra e imponi la pace alla nostra città (p6lis)». 14. I demoni (n-ddimon) dicevano questo con la bocca, ma nel loro cuore tramavano il male: l5. «Orsù, mettiamolo in ceppi, gettiamo su di lui una catena (kol­ ldrion), 16. chiudiamolo in una gabbia (galedgra), mettiamolo nel mondo e teniamocelo legato; 1 7. chiudiamolo in una gabbia, in modo che non possa più ritornare indietro e raggiungere la sua terra! » l 8. Ecco l a parola che i demoni avevano pronunciato nella verità; i Viventi vollero correggerla, 19. e realizzarono veramente quello che essi avevano tramato [ . . . ]. 20. Quando [ . . . ] fu giunto nelle altezze, il ferro venne nelle loro mani, 21. essi furono rinchiusi nella gabbia, perché essi non avevano amato la verità [ . . . ]. 22. Ma la Grande Luce parlò e disse loro: «Dove volete andare?». 23. Non è possibile che la grande Luce gloriosa debba andare nella Terra (chOra) dei dèmoni della Tenebra; 24. non è possibile che il profumo fragrante debba rimanere nella Terra [p. 215 Allberry] del fetore; 25. non è possibile che l'immagine dell'Uomo vivente (t-eik6n mpe-rome et-anh) debba venire in queste dimore delle bestie. 26. La luce andrà alla luce, la fragranza andrà alla fragranza, 2 7. l'immagine dell' Uomo vivente andrà alla Terra vivente (te­ chOra et-anh) dalla quale è venuta. 28. La Luce ritornerà al suo posto, la Tenebra cadrà e non si risol­ leverà più.

IL SECONDO INVIATO E LA SECONDA CREAZIONE

Testo nr. 24 (Capitolo 16, ed. Bohlig-Polotsky, pp. 49-55; lingua: copto; tr. FC) [CIRCA I CINQUE DI] GRANDEZZA (nac) CHE SONO [USCITI] CONTRO LA TENEBRA

[p. 49 Bohlig-Polotsky] Un' altra volta parlò l' Illuminatore (Pho­ stér) [scii. Mani] ai suoi discepoli: «[ ... ] la Tenebra, e fu vittorioso su di essa mediante i Cinque di Grandezza. [La prima Grandez]za è il Padre di Grandezza, il quale [ è in condizione di qu]iete e segre­ tezza; egli si è fissato nella sua terra [della luce] nella sua propria unica essenza (ousfa). Quattro di Grandezza si sono ri[velati] e so­ no usciti da lui. Essi si costituirono in 1 0 parti [diverse] e si fissa­ rono, completando, su Dodici20• La seconda Grandezza che sprizzò, si rivelò e si manifestò dalla prima Grandezza, [ebbene] essa è la Madre della Vita (te-meu ntepe-onh), il grande Spirito (pe-nac m­ pneuma), assieme all' Uomo Primordiale [ed i suoi] cinque Figli. [Tutti costoro sono la seconda Gr]andezza. La terza G[randezza è l'Amato delle l]uci ([. . pe-merit nen-o ]uaine), il grande Costruttore (pe-nac nekot), lo Spirito Vivente ed i cinque [Fi]g[li] dello Spirito Vivente. [Tutti] costoro sono la terza Grandezza. La quarta Gran­ dezza è il Terzo Inviato (pe-mahshamt m-presbéutes) e [la C]olon­ na di Gloria (pe-srylos mpe-au) e tutte le altre Potenze di luce che si sono manifestate [da lui. Questa è la] quarta Grandezza. La quinta Grandezza, che proviene dal Padre, è Gesù-di-Splendore (/esous pe-perie) e tutti i suoi poteri che Egli ha chiamato a raccolta, le sue emanazioni (nef-probolaue) che [ ... ] sono scaturite e si sono mani­ festate da lui, ossia si sono [distribui]te [ ... ] questi cinque Figli dell'Uomo Primordia[le ... ] all'intera costruzione. Gli altri cinque .

20 La traduzione è letterale; il senso è oscuro: si intende forse che i quattro si articolarono dapprima in IO e poi definitivamente in 12 parti.

1 52

Parte terza - Testi sul mito manicheo

sono i cinque [figli dello Spirito Vivente], che si sono distribuiti in cinque luoghi ed essi sostengono [tutti i pesi del mondo21 sono giunti a] completamento ("p. 50 Bohlig-Polotsky] nelle dodici parti che [ ... ci sono] altri due che sono stati aggiunti ad essi, la Chiamata e [la Risposta], che sono il padre e la madre (pe-iot men te-meu), che Gesù-di-Splen[dore] nel suo avvento ha collocato come succes­ sori (n-diddokhos) al posto suo22 [ ... ] la grande terra e il [ ...] in essi [ .. ] l'Uomo Primordiale che è venuto [ ... ] che appartiene a [ ... ] egli [soggiorna in23] un regno [ ... ] dignità (ax(oma) rispetto a coloro che sono nella sua [casa...... 2•] i suoi nemici [ ... ] e la sofferenza della loro malvagità (kakfa) e gli portarono via [ ... ] e la ricchezza e lo imprigionarono (aichmalot(zo) [in] prigionia e gli portarono via l'assemblea25• Egli [ ... ] ma nella sua u miliazione e si fa ardito e si impadronisce del suo ne[mico ... ] nel suo tacere. Così come un uomo di nobile progenie (eugenés) circondato dai suoi nemici, allo stesso modo è accaduto l'avvento dell'Uomo Primordiale. [ ..... arcon]ti, i nemici della Luce. L'avvento invece dello Spirito Vivente, e la regola (entolé) che ha ricevuto e con la quale è prevalso su tutti gli Ar­ conti, è diversa da quella dell'Uomo Primordiale. Il suo avvento [ ... ] il venire dell' Uo[mo] Prim[ordiale] ; l'avvento dello Spirito •••

.

21 Integrazione di Polotsky. Quando il Primo Inviato (I'«Uomo Primordiale>>) giace tramortito nel mondo delle tenebre a seguito dello sfortunato combattimento, riceve una «chiamata>> dal mondo divino e reagisce ad essa con una sua «risposta>>. Questa è la situazione­ tipo della conversione, che nel mito manicheo si riproduce a diversi livelli. Anche il primo uomo (Adamo), quando è solo un fantoccio nelle mani degli arconti che lo hanno fabbricato, riceve una «chiamata>>, cioè una rivelazione da Gesù-di­ Splendore sotto forma del serpente che lo induce a mangiare dall'albero della co­ noscenza (capovolgimento gnostico del racconto biblico della Caduta). Infine l 'uomo terreno riceve la «chiamata>> deli' Intelletto di Luce che lo esorta a ricono­ scere la sua anima e deve «rispondervi>> aderendo al messaggio della gnosi mani­ chea. Per questo la e la , data l'importanza di questi con­ cetti, venivano personificati come una sorta di esseri divini, che insieme alle altre componevano, in numero di 13, la Colonna di Gloria, attraverso la quale le anime salivano al cielo, cfr. testo nr. 39 (AM). 23 Integrazione di Polotsky. 24 Integrazione di Polotsky. 25 Insieme di persone, per lo più di tipo religioso. 22

Il Secondo Inviato e la seconda creazione

153

Vivente presenta con ciò qualche rassomiglianza, in quanto egli è stato inviato dalla Grandezza perché sollevasse l' Uomo Primordia­ le, simile sotto questo aspetto a un giudice (krités) che il re incarica di cancellare il torto [subito] da un uomo di nobile progenie, contro il quale i suoi nemici hanno commesso un'ingiustizia. E lui, quest'uomo [ ... ] che è forte, aspro e che [ ... ] [p. 51 Bohlig­ Polotsky] ed egli [ ... gius]tizia ({dikai]osyne) e la sua po[ten]za, ed egli condanna tutto ciò che è condannabile secondo il loro cuore ri­ belle e ricambia ciascuno secondo il suo merito. Egli colpisce colo­ ro che meritano dei colpi con forti nerbi di bue, coloro che meritano che le loro membra siano tagliate o [ ... ] ed agisce nei loro confronti come meritano [ ... ] e li lega, li incatena e li appende [ ... ] e fa ad essi in questo modo in un giudizio [di giustizia] e li uccide levando loro la pelle26 [ ] ed essi in qualunque modo vengano uccisi [ ... ] sinché muoiono. Anche a coloro ai quali ciò si confà [ ... ] bandirli dalle loro dimore, egli li [bandirà secondo] una condanna di giustizia, dal mo­ mento che essi hanno errato e [commesso peccato contro] l'uomo di nobile progenie. Anche i partecipi del mistero (mystérion)21 [ed i collabo]ratori ([n-hype]rétes) di questo uomo [che funge da] giudi­ ce ed appartengono a lui [sottostando al suo] grande potere, all 'istante e con rapidità eseguono la volontà del loro signore. Orbene come questo integerrimo giudice inviato dal re per eli­ minare il torto che è stato fatto a quella persona di nobile progenie, allo stesso modo dunque avviene per lo Spirito Vivente che è stato inviato dal Sovrano della Luce per esercitare il giudizio e cancella­ re il torto [fatto] all' Uomo Primordiale, contro il quale ha commes­ so empietà e peccato il re delle Tenebre con le sue potenze malva­ gie. Quando dunque egli arrivò, portò in salvo l'Uomo Primordiale. Ma tutti gli Arconti, le forze dell'empietà, che avevano commesso ingiustizia e peccato contro i figli dell' Uomo Primordiale, egli li condannò secondo una condanna di giustizia. Li legò al cielo e alla terra e collocò ciascuno nel luogo che loro spettava. Egli misurò ciascuno in base al grado di superbia che aveva e in base alla sua umiliazione. Alcuni tra di essi li rinchiuse [in prigionia] ed altri di •••

26 Traduzione incerta. 21 Termine piuttosto curioso per designare il personale di seiVizio, gli esecutori degli ordini che il giudice impartisce, cioè delle sue sentenze. Questo perché «mi­ stero» sta ad indicare nel linguaggio gnostico il senso profondo di una cosa, quindi anche la sua funzione: i possono essere perciò coloro che contribuiscono a realizzarla (AM).

1 54

Parte terza - Testi sul mito manicheo

essi li sospese a testa in giù28, altri [ancora ...altri] vennero crocefis­ si (stauroun), altri [p. 52 Bohlig-Polotsky] [fùrono costretti a] se­ dere a terra per sempre, alcuni di essi furono incatenati sotto i loro compagni bloccati da forti catene. Altri li rese responsabili l ' uno ri­ spetto all'altro sotto il proprio comando perché eseguissero ciò che lui gradiva nei confronti di coloro che erano in posizione ancora più subordinata29• E voi [ben] conoscete il modo [ ... ] quando il Pa­ dre della Vita ha stabilito la pena [ ... ] egli si manifestò alle potenze tutte [della Tenebra e] le condannò in qualità di buon giudice. [ ... Questa] è la prima condanna che Io Spirito [Vivente commi­ nò] agli Arconti per causa dell'Uomo Primordiale. L' [Uomo Pri­ mordiale] ... egli gli diede la vittoria secondo la propria [stessa] vittoria30• [Ma il re della Tenebra] . .. egli Io condannò comminando la condanna per aver compiuto empia ingiustizia [ .... ] questo lega­ me di questa dimensione accadde che [ ... sul] suolo3 1 fino al tempo della fine12, nel quale [il mondo] sarà liberato e si estinguerà in un grande fuoco; si dissolverà, e la Luce andrà nella sua regione men­ tre la Tenebra resterà nei [legami] e nei lacci per sempre. [Così] anche l 'avvento del Terzo Inviato, il quale è giunto [ed ha ispezionato] coloro che sono imprigionati nella Fa­ scia (z6ne)33, in quanto assomiglia ad un grande re che viene e ispe­ ziona un artigiano (technftes) ed egli [ ...] e [ ... ]. E lui le cose belle che gli artigiani, gli architetti (architékton) ed i lavoratori, che egli ha in ciascun luogo, quando vede che essi hanno ben lavorato e si sono opportunamente dedicati al loro lavoro, allora egli gioisce [in grande gioia... ] ringrazia i lavoratori che hanno condotto a termine il loro lavoro secondo quanto si conveniva e secondo le sue istru­ zioni. Allora, allo stesso modo in cui questo grande sovrano e passa in 28 L'esser sospesi a testa in giù è metafora che ricorre, in quel caso per l'anima pri�oniera, nel testo nr 39 § I l p. 64 Sundermann (AM). _ E il caso degli arconti «arruolati>> nelle guarnigioni delle quali si parla nel testo nr. 35 (AM). 30Anacoluto nel testo. 3 1 Letteralm.: «terra». 32 Alla fine dei tempi. 33 La «Fascia>> è lo spazio compreso fra la nostra terra e il firmamento, dove lo Spirito Vivente ha «Crocifisso» gli arconti prigionieri (o le loro «anime>>) sotto forma di pianeti e costellazioni, cfr. testo nr. 35 (AM).

Il Secondo Inviato e la seconda creazione

1 55

rassegna i suoi ufficiali e i suoi acquartieramenti (parembolé)34 [delle truppe], cosl è l'avvento del Terzo Inviato che esce e con­ trolla [i suoi incarichi], come sono stati istituiti e ripartiti [ ... ] [p. 53 Bohlig-Polotsky) l'ordinato insieme degli Arconti, come essi sono stati suddivisi, come sono stati incastrati nelle zone superiori e infe­ riori, di fuori e di dentro, tramite la grande arte (téchne) che i suoi fratelli avevano predisposto, [loro] che erano usciti prima di lui al combattimento (ag6n), che hanno stabilizzato e costituito il mondo, prima della sua venuta3'. Egli ha visto gli Dei e gli a[ng]eli (n-noute men n-dngelos) come essi si erano stabiliti e come tenevano in or­ dine gli accamp[amenti...] ed essi sorvegliavano la massa degli Ar­ conti [ ... ] che gli hanno procurato le sue prime potenze [che sono l'Uo]mo Primordiale, lo [Spirito Vivente] ed il Grande [Spirito, la M]adre della Vita. Quando egli li vide che avevano [distribuito con] grande sapienza (sophfa) tutti gli incarichi [ ... ] essi videro, egli depredò [ ?]36 [ ... ] nella sua venuta con cui era giunta e si manifestò a lui. Egli [scii. il Terzo Inviato] parlò allo Spirito Vivente: «La condanna che tu .... [ ... ] è buono ciò che hai detto [ ... ] tu hai dato loro quanto spettava poiché essi si sono mossi innalzandosi verso colui [del quale] non erano degni». L'avvento di Gesù-di-Splendore, quando egli giunse [ ... ] tutti, essa è simile a quella di un uomo che è stato in­ viato per distruggere i loro [ ... ] bruciare [ ... ] forte con il fuoco. Al­ lora egli tagliò [dappri]ma le piante cattive con la sua ascia, sradicò [ ... ] il loro corpo (soma) con il suo fuoco, perché non ricrescessero più da quel momento e non portassero più frutti (karp6s) che son cattivi da mangiare [ ... ] e poi piantò le sue buone piante, l' Albero della Vita che produrrà buoni frutti37• Dello stesso tipo è la venuta di Gesù-di-Splendore, che è così avvenuta. Dopoché si rivolse [ ?] [ ... ] la sua potenza e la sua sapienza nella sua [ ... ] un re e un salva­ tore (? Sotér) [ ... ] nella sua sapienza gloriosa [p. 54 Bohlig­ Polotsky) e li spazzò via e li legò e li annientò come il fuoco brucia ed annienta gli alberi, e così allo stesso modo fece lui secondo la 34 Sulla metafora dell'accampamento militare, che ricorre spesso nei Capitoli, cfr. infra, nota 1 27. Si tratta delle «caserrne» cosmiche nelle quali sono forzata­ mente in servizio gli arconti vinti (AM). 3' Cioè lo Spirito Vivente, i suoi Figli e i suoi accompagnatori che hanno co­ struito il cosmo, prima dell'avvento del Terzo Inviato (AM). 36 Inceno. 37 Su questa metafora agricola vedi testo nr. 39 (AM).

Parte terza - Testi sul mito manicheo

1 56

sua volontà con le numerose potenze della Fascia, fino a quando non fece giungere a maturazione [il momento del]la creazione (plasma) della carne (sdrx) di Adamo ed Eva, del Primo Uomo38; [egli adempì] la sua volontà in39 Eva e [ ...e concesse la] speranza ad Adamo e la buona novella [ ... ] gloria; egli si diresse su [una cima (?) . .della Lu]ce. Al[lora la Chiamata e l' Ascol]to, nonché il Gran­ de Piano (pe-nac ne-sàgine)40 che andò [presso] gli elementi (n­ stoicheion) congiunti assieme... egli [scii. Gesù] si [unl ad] essi e si pose fisso in silenzio. Egli porta in alt[o... sino al] momento op­ portuno (kair6s) del[la fine], quando egli sorgerà41 e si fisserà in gran fuoco e raccoglierà a sé la sua anima (psyche} e prenderà for­ ma [ ?t2 in quell'ultima Statua (andrids). Tu lo troverai che si ripu­ lisce e leva via da sé l' impurità che gli è estranea, ma la Vita e la Lu[ce], che ci sono in ogni cosa, egli le raccoglie e ricostruisce cosl il suo corpo (soma). Quando questa ultima Statua sarà pronta con tutte la sue parti (nef-mélos), allora in seguito uscirà e salirà a quella grande battaglia (ag6n) tramite lo Spirito Vivente, suo Pa­ dre, che viene e porta [ ... ] parti e raccoglie da questa riunione [ ?]4\ il dissolvimento e la fine di tutte le cose. Egli [Gesù], il Piano, la Chiamata e la Risposta so­ no simili ad un pezzo di burro che un uomo prende e [mette] nel latte caldo, ed esso fonde e si unisce al latte caldo, e [ ... ] di nuovo in silenzio e immobilità in mezzo a [ ... ] ma la forza e il gusto del l [atte .... ] si ritrae in sé ed [il latte] si ispessisce e diviene l[atte ... il latte] [p. 55 Bohlig-Polotsky] elimina, ma la panna [lettera/m.: «l'olio»], il grasso e le piacevolezze del latte si concentrano in sé. Dello stesso tipo è l'avvento dell' Enthymesis, il Disegno (sàgine) della Vita, che è la Chiamata e la Risposta, che è venuto agli ele­ menti fondamentali (n-stoicheion) e alla fine sorgerà [o: si sveglie­ rà] e si porrà ritto e raccoglierà in sé tutta la Vita e la Luce che è rimasta in tutte le cose costruendole sul suo corpo (pefsoma). Egli le riunirà in sé [ ... ] nella sua immagine (tefeik6n) per i secoli dei .

.

38 L'espressione copta è la medesima usata anche per l' Uomo Primordiale, ma i due rsonaggi (il Primo Inviato e Adamo) vanno tenuti ben distinti (AM). 3F«Tramite>>? 40 Il Progetto generale della salvezza, l'Intenzione (gr. enthymesis) divina (AM). 41 o «SI. sveg)'1erà >>. 42 Gr. zographéin. 43 Integrazione di Polotsky.

Il Secondo Inviato e la seconda creazione

1 51

secoli [ ... ] da allora. Beato chiunque creda a questi cinque avventi e si rafferma [nella] gnosi ([hem pe-]saune), egli [ascenderà] in alto e sarà salvato [ ... ] e non sarà contato [fra i reprobi...] ». Testo nr. 25

(Capitolo 39, ed. Bohlig-Polotsky, pp. 1 02- 1 04; lingua: copto; tr. CG)

SUI TRE GIORNI E SULLE DUE MORTI

[p. 102 Bohlig-Polotsky] Un' altra volta disse l' Apostolo ai suoi discepoli: «Sappiate, miei cari, che ci sono tre grandi, potenti Gior­ ni (n-hooue) e due grandi, orribili Morti (m-mou)». Sentito [ciò], i suoi discepoli gli chiesero: «Spiegaci, Padre, quali sono questi tre grandi Giorni e queste due orribili M[orti]?>> Rispose loro: «Il pri­ mo Giorno è il nostro Padre, l'Uomo (pe-rome). Allorché l ' Uomo primordiale (pe-sharp n-rome) sprofondò nell'abisso delle Tenebre (pe-noun mpe-keke) e vi annegò, fu inviato lo Spirito Vivente, il quale [andò] e lo fece risalire. Dopo che l'Uomo fu risalito, il Padre della Vita e il Grande Spirito misero in ordine le cose e i mondi, superiori e inferiori. Poi giunse il magnifico [Terzo] Inviato, si collocò nel vascello del giorno, esibì la sua bellissima immagine (eik6n) e purificò la luce da tutte le cose. Egli continuerà a viaggia­ re nell'alto dei [cieli] fin quando il mondo non si dissolverà e tutte le cose verranno distrutte, il grande fuoco verrà appiccato e sorgerà l' Ultima Statua (p-andreitis n-hae). Questi tre eventi sono comin­ ciati proprio in quel [primo Giorno, in cui fu mandato] l ' Uomo Primordiale coi suoi cinque [Figli. La Prima Morte] [p. 103 Bohlig­ Polotsky] è la Tenebra (pe-keke), che si è mescolata con i cinque Figli dell'Uomo Primordiale. Il Secondo Giorno è il momento in cui i Padri della Luce, avendo vinto la battaglia, siederanno sui loro troni nel Nuovo Eone"'\ abiteranno la Nuova Terra e regneranno nel Nuovo [Eone] fin quando il Padre rivelerà la sua immagine sopra di loro. Il volto di chi vive nel Nuovo Eone è commisurato al Primo Giorno che egli ha trascorso nell'afflizione [ ?]: in questo modo quelli si rallegreranno e regneranno nel Nuovo [Eone]. Il Terzo Giorno è il momento in cui il Padre manifesterà sopra di loro la sua "" Cfr. testo nr. 15 p I l Allberry e nr. 28 p. 1 85 Andreas-Henning (AM).

Parte terza - Testi sul mito manicheo

158

immagine [ ] e li eleverà [ ... ] e li farà entrare nelle sue stanze (n­ tamieion) nascoste4' [ ] e offrirà un [ . ] della sua anima (ntef­ psyché), effonderà su di loro la sua ambrosia e il suo dolce profumo che toglierà ogni afflizione: immagine che essi hanno contemplato coi loro occhi [ ] in tutta la sua ampiezza con eterna gioia. Allor­ ché la sua grazia si prende cura di loro e dona loro i suoi [ ] ed essi ne sono rinnovati, allora egli nuovamente li convocherà nel riposo e nel silenzio, renderà perfetta la loro sostanza [ ?] in una volta sola come [lo erano] i suoi primi Eoni, collocherà le potenze una per una nel loro eone, nella loro tenda46• Abiteranno nel Nuovo Eone, ognuno nella propria dimensione (ai6n). Quando abiteranno nelle loro dimensioni diventeranno immensamente ricchi per tutta l'eternità, al di fuori del tempo (chorìs ouaish) Da quel momento in poi, non si conterà più in mezzo a loro il tempo, o il numero dei giorni e delle ore, per tutte le generazioni, per tutta l 'eternità47• Da allora in poi il Padre non si nasconderà mai più a loro, bensì sarà disposto a rivelarsi manifestandosi [loro] in eterno. Questi sono i tre grandi Giorni, il numero dei quali [il Padre di] Grandezza ha contato. Le due Morti, invece, delle [quali vi ho accennato, sono queste:] [p. 104 Bohlig-Polotsky] la prima Morte va da quando la Luce cadde nelle tenebre e si mescolò con gli arconti delle tenebre fino a quando sarà purificata e separata dalle tenebre mediante il grande Fuoco. L'ultimo resto, che ancora vi sarà rimasto, si aggregherà e si depositerà nell' Ultima Statua. La seconda Morte è invece quella di cui muoiono le anime dei peccatori, quan­ do viene loro sottratta la splendida luce che illumina il mondo e quando vengono separate dall'aria vivente da cui ricevono il respi­ ro [vivente], e quando vengono separate da quest'anima vivente (psychè et-anh) che [ ... ] ...

•••

..

...

...

4' C'è qui forse un'eco della dourina nota dalla mistica ebraica tardoantica e medievale, secondo cui Dio abita in un palazzo provvisto di numerose «stanze» (ebr. hekhalòth) attraverso le quali deve successivamente passare colui che accede alla sua presenza (AM). 46 Altra metafora desunta dal linguaggio religioso ebraico: la «tenda» (cfr. Eso­ do, 33.7) è quella che contiene la sacra Presenza di Dio (Shekinà) in cui Mosè ri­ ceve le istruzioni del Signore. Qui anche gli Eoni che abitano presso il Padre di Grandezza hanno ognuno la loro «tenda». 47 Si noti che proprio per indicare l'assenza del tempo il testo impiega la meta­ fora ebraica dello scorrere del tempo e della storia: le «generazioni>> (ebr. tole­ dòth) (AM).

Il Secondo Inviato e la seconda creazione

1 59

nel mondo, e quando vengono separate e spazzate via, fuori da questa Ultima Statua [ ... ] e quando saranno incarcerate [ . . . ] la donna sarà [ . .. riceveranno i loro giusti] tormenti e le l oro sofferenze, dato che le loro opere quei tre luoghi [ ... ]. Giacché essi hanno peccato e hanno offeso lo Spirito Santo lungo tutta la storia del mondo48• Ecco cosa sono le due Morti. La prima è una morte che avviene nel tempo; la seconda [invece] è una morte eterna: questo si intende con [ 'seconda Morte']».

Testo nr. 26 (Fr. M 2 1 , ed. Andreas-Henning III, pp. 890-89 1 ; lingua: partico; tr. PC)

LA PREGHIERA DELLA MADRE DEI GIUSTI (ardawan mad) IL COMBATTIMENTO DEL DIO OHRMEzv49

[p. 890 Andreas-Henning] [Ma quando] i dèmoni del vento ap­ presero che [ ... ] tutti insieme, co[me] una poderosa schiera di guer­ rieri, si gettarono contro di lui [scii. il Primo Inviato] nel r[egno] dei Ventiso. Allora il Dio Ohrmezd [rivolse una pre]ghiera a sua madre, e sua madre rivolse una preghiera al Dio di Giustizia'1: «Manda qualcuno ad aiutare mio figlio, perché egli ha compiuto la tua volontà, ed ora si trova nella distretta». Rapidamente discese il Dio [ ... ]'2 [p. 891 A ndreas-Henning]. Egli spezzò in due il fronte della schiera dei dèmoni (dewan) e portò la salvezza [mandata] dal Padre e dal grande re[gno] [della Luce]. Così parlò: «Raccogli le tue membra (handamdn amward)53, perché

48 Letteralm. «da tutte le generazioni del mondo)). 49 Questi due titoli si trovavano sul bordo superiore rispettivamente del recto e del verso di un foglio strappato. La «Madre dei Giusti>> o «Madre dei Viventi)) è la madre del Primo Inviato, ossia l' Uomo primordiale, v. Introduzione, p. 32 s. so Il mondo delle Tenebre, contro cui avanza il Primo Inviato, era costituito da cinque terre corrispondenti ai suoi 5 elementi fumo, fuoco, vento, acqua e oscurità, cfr. testo nr. 1 5 p. 9 Allberry. Probabilmente il testo narrava lo svolgimento della battaglia primordiale come una serie di scontri nei quali il Primo Inviato affronta­ va una dopo l'altra le cinque armate demoniache corrispondenti ai cinque «regni>> Dor.' aver vinto le prime due, soccombe invece alla terza (AM). 1 Il Padre di Grandezza, la divinità suprema del pantheon manicheo. 52 Probabilmente veniva nominato qui lo Spirito Vivente. '3 È questa la formula chiave della soteriologia manichea: il «raccogliere le membra>> da parte del Primo Inviato (cioè i suoi Figli dispersi) corrisponde alla ri-

1 60

Parte terza - Testi sul mito manicheo

il tuo Salvatore è qui !» Il Dio Ohnnezd si rallegrò per la gioiosa novella, e produsse il Dio Risposta (Padwachtag)s-4. Entrambi sali­ rono in alto [ ... ], la Madre dei Giusti, [il Dio] Risposta [ ...] Testo nr. 27 (scelta dai Capitoli 42 e 43, ed. Bohlig-Polotsky, pp. 1 06-1 1 3 ; lingua: copto; tr. CG)

Secondo la cosmologia manichea le parti elevate del cosmo, po­ polate di arconti prigionieri incatenati al finnamento sotto specie di stelle e costellazioni, viene continuamente ripulita della loro so­ stanza negativa (acqua fetida, oscurità e fuoco distruttore) da tre ruote che nel loro movimento discendente la fanno scolare in bas­ so, sulla terra, mentre nel loro movimento ascendente portano in alto la sostanza divina depurata (acqua chiara, fuoco vivificatore e vento, cioè «spirito»)ss. Quest 'ultima viene così ad integrarsi con le tre Vesti (dell 'acqua del fuoco e del vento) che avvolgono tutto l'universo. La funzione delle tre Ruote e quella delle tre Vesti è in certo modo speculare. Nel testo seguente i discepoli pongono a Mani due problemi: il primo, come mai il corpo degli arconti ri­ mane intatto nonostante che le Ruote lo sottopongano a una conti­ nua raschiatura; il secondo, dove va a finire la sostanza negativa spazzata via sulla terra. Si evidenziano qui i particolari straordi­ nariamente fantastici della «fisica» manichea, che facevano inor­ ridire i critici occidentali (AM) [Capitolo 42, p. 106 Bolllig-Polotsky] Un' altra volta i discepoli interrogarono l' Illuminatore (phostér), con queste parole: «Dicci, o unione di tuue le particelle di sostanza luminosa precipitate nella materia, auuata dalla liturgia e dalla prassi della Chiesa. Deriva dal tema gnostico del «raccogliere la Forza>>, la sostanza divina che il Dio minore, signore di questo mondo, ha sot­ tratto alla Madre (la Sposa o la Figlia del Dio supremo) in seguito all'incidente ori� nario, cfr. Epifanio, 26.3. Il Dio-Risposta segue al Dio-Chiamata (Chroshtag) mandato dal Padre, cfr. testo nr. 39 p. 62 S. (AM). s' Il mondo delle tenebre si fonda in realtà su 5 elementi: fumo, vento gelido, acqua fetida, oscurità e fuoco; ma per una ragione non chiara (forse la simmetria del numero 3), solo gli ultimi tre sono interessati dal funzionamento delle ruote. Analogamente il mondo della luce ha anch'esso 5 elementi: oltre ai 3 portati in alto dalle ruote c'è l'etere e la luminosità (AM).

Il Secondo Inviato e la seconda creazione

161

Signore, e d insegnaci a proposito d i questi tre veicoli, i quali [ . . ] e sono stati versati dall'alto, come sono stati versati e separati da tutti gli arconti, che sono disposti nei cieli. È infatti una necessità per noi sapere in quale modo i tre veicoli sono stati rovesciati, in quanto gli arconti sono illesi nel loro corpo)). Allora l'Illunùnatore disse ai suoi discepoli: «Miei cari, sappiate questo: al tempo in cui questi veicoli furono versati, essi sono stati versati in [ . . ] uccisione, ma [ . . ] [p. 107 Bohlig-Polotsky] questi veicoli fuori di loro; essi sono simili a quel tipo d'uomo che è stato colpito da una malattia che comporta suppurazione; nel suo corpo ci sono ancora altre ferite e malattie e nelle sue membra c'è ancora bile e altro veleno. Al momento opportuno egli si reca da un bravo medico; questi gli fa bere un antidoto e fa in modo che la sua ma­ lattia con le suppurazioni si sfoghi verso l'alto; gli fa bere un'altra medicina e fa in modo che egli riversi la sua malattia verso il basso; gli fa bere ancora un' altra medicina e allontana da lui le sue ferite [ . . . ] nella calma e nel silenzio. Nell'abilità (téchne) di un bravo medico, con le sue buone medicine corrosive, che portano via ogni malattia in questo modo e sciolgono ogni incantesimo, i medici [ . . ] curano attraverso l'odore delle medicine, altre ferite [ . . ] nascosto, infine li sradicano [ . . . ] diventano visibili sopra e sotto [ ] attra­ verso l' odore delle medicine corrosive che sono state messe sopra. A quest'uomo sono simili questi veicoli dell'acqua, dell'oscurità e del fuoco, che sono nascosti nel corpo di tutti gli arconti, i quali stanno in alto, mentre lo Spirito Vivente (pe-pneuma et-anh) è si­ mile al bravo medico. Invece queste tre medicine sono le tre vesti che lo Spirito Vivente indossa sul suo corpo: la veste del vento, dell'acqua e del fuoco, per mezzo delle quali ha costruito le cose che stanno quaggiù. In quelle tre Vesti, infatti, egli si è manifestato agli arconti che stanno in alto: in spietatezza, in agitazione e spa­ vento, in terrore; ha riversato fuori di loro i tre veicoli, quello dell'acqua, dell'oscurità e del fuoco. L'azione di questi veicoli è ancora simile ad un bambino, che si trovi nel grembo di sua madre, rivestito di sette vesti: la prima è il midollo, la seconda è l'osso, la terza è il tendine, la quarta è la carne, la quinta sono le vene, la se­ sta è il sangue, la settima la pelle del corpo, che è distesa sopra di esso. Anche l'abito [ . . . ] nel grembo di sua madre. Anche sua madre è simile a questo bambino. Il midollo e l'osso, il tendine e la carne, la vena e il sangue e [p. 108 Bohlig-Polotsky] la pelle, insieme con l ' abito che porta e il mantello che la riveste, che assommano a no.

.

.

.

.

. . .

1 62

Parte terza - Testi sul mito manicheo

ve, e i nove del bambino, questi e quegli altri si completano a vi­ cenda e fanno tutti insieme diciotto rivestimenti. Troverai che l'anima del bambino si trova in mezzo a tutti questi rivestimenti, avvolta da tutti quanti. Guardate e vedete: quando l'odore della for­ za (enérgeia) del demone, che libera il fetore della nascita, rende visibile il bambino, subito il bambino [squarcia] tutto questo e vie­ ne fuori da una fessura, diventata visibile, senza che si formino strappi o ferite nel corpo del bambino. Come questo bambino, che apre i l ventre di sua madre, così sono questi veicoli, quello dell' ac­ qua, dell'oscurità e del fuoco. Invece, le forze che aprono il suo [ventre materno. . . ] per il bambino, in modo che esso [scii. il ven­ tre] lo muova e lo renda visibile, sono i tre abiti viventi (n-hbso et­ anh), che le Spirito Vivente [ha indossato] sul proprio corpo56• In­ fatti, ad immagine della Veste dell'acqua [ . . . ] dagli arconti; ha messo in moto [ . . . ] sono il veleno e la morte, dei quali sono pieni le loro vene e i loro intestini. Ad immagine, poi, della Veste del vento, nel quale egli si è manifestato, [ . . . ] egli ha spazzato e ra­ schiato via tutta l' ombra di corruzione e la sporcizia e l' ha riversata giù sulla terra. Quindi l'ha spazzata via e legata nel veicolo dell'oscurità, che circonda il mondo. Poi ancora, attraverso la Veste del fuoco vivente, attraverso il suo splendore, attraverso la sua for­ za, egli ha versato fuori da tutti gli arconti il fuoco tenebroso e lo ha gettato su questa terra; poi lo ha nuovamente spazzato via e le­ gato nel veicolo, che circonda tutti i mondi ed è chiamato «il muro del grande fuoco». Ora quei tre abiti, per mezzo dei quali ha co­ struito queste tre opere, non li ha deposti tutti in una volta, ma si è svestito di ciascuno di essi al momento opportuno [ . . . ] giù sulla terra [ . . . ]. Così il mondo dei [ . . . ] i suoi veicoli [ . . . ] questi veicoli come [ . . . ]». [p. 109 Bohlig-Polotsky] Di nuovo proseguì e disse ai suoi di­ scepoli: «L'utilizzazione dell'opera e l'allestimento (oikonomfa) di questi veicoli, che sono stati spazzati via e riversati dal cielo sulla 56 La metafora del parto (che evidentemente ispira all'autore manicheo una buona dose di ribrezzo, essendo un marchingegno demoniaco che perpetua la pri­ gionia della luce in questo mondo) spiega il rappono fra i veicoli negativi (le Ruote) e i veicoli positivi (le Vesti) nel senso che per ogni singola coppia di com­ ponenti sostanziali, quella tenebrosa e quella luminosa (acqua fetida e acqua pura; oscurità e spiritualità; fuoco distruttore e fuoco vivificatore) esiste un movimento di fuoruscita dal corpo degli arconti, cioè la corrispondente «ruota)), e una (AM).

Il Secondo Inviato e la seconda creazione

1 63

terra, ha portato vantaggio e beneficio alle dodici grandi opere. Poi esse furono spazzate via dalla terra e gettate giù all'esterno, ai lati dei mondi, nel [?] dello zodiaco (zone). La prima opera è questa, che il male non deve crescere nel mondo, né negli esseri viventi né negli alberi; essa si è costituita in tre attività: la prima è [ . . ]; la se­ conda è l'errore (pldne) [ . . . ] perciò io vi ho detto [ . . . ] . Se il veicolo dell'acqua non fosse stato spazzato dali' alto verso il basso, ma le acque si trovassero ancora fino a questo momento negli arconti in alto [ . . . ] lo scorrere, che trae [ . . . ] e il gocciolio, che [ . . . ] verso il basso, la concupiscenza (epithymia) crescerebbe [ . . . ] negli alberi e nei frutti, così come in ogni carne [ . . . ] verso il basso [ . . . ] oggi [ . . . ]. Non troveresti un solo uomo nei [ . . . ] compiere un'azione santa [ . . . ] domina il [ . . . ]. Non solo questo, ma se il veicolo dell'oscurità non fosse stato spazzato via e gettato giù sulla terra, poi spazzato via dalla terra e gettato fuori della zona (klima) dei mondi in questa fossa, allora il gocciolio della tenebra, che là sgocciola, e la cor­ rente, che costantemente scende giù dal cielo sulla terra e trasporta (phorein) i vegetali e ogni carne, si moltiplicherebbero, insieme con l' oblio, che oggi è presente in mille uomini: li troveresti in ogni uomo. Non ci sarebbe nessuno degli uomini [ . . . ] il pensiero e la conoscenza. E ancora, se il fuoco permanesse fino ad oggi negli ar­ conti dei mondi celesti, se non fosse versato via e gettato giù sulla terra e poi spazzato via dalla terra e rinchiuso nel veicolo del fuoco, che circonda i mondi, [ . . . ] su, attraverso lo scorrere [ . . . ] lo scorrere [ . . . ] verso il basso [ . . ] [p. 110 Bohlig-Polotsky] allora il fuoco te­ nebroso crescerebbe in ogni albero, in ogni frutto e in ogni carne. Troveresti la forza del fuoco, che ora è presente in mille uomini, in quanto essa è presente oggi in ogni singolo uomo, e non troveresti un solo uomo che mantenga il digiuno (nestéia) nel mondo. Ecco, dunque, io vi ho istruiti su questo stesso male in tre tipi, che è stato purificato [ . . . ]>>. ( ... )

.

.

[Capitolo 43, p. 111 Bohlig-Polotsky] Un'altra volta i discepoli lo interrogarono, dicendogli: «Quando il Padre della Vita (p-iot nte p-onh) riversò dall' alto questi tre veicoli, quello dell'acqua, quello dell'oscurità e quello del fuoco, li ha riversati direttamente nelle lo­ ro fosse al margine del firmamento oppure li ha prima riversati su questa terra e poi portati via dalla terra e gettati nei loro luoghi?>>.

Parte terza - Testi sul mito manicheo

164

Allora l'Apostolo disse loro: «Quello che mi avete domandato a proposito dei veicoli, lo saprete. Quando il Padre della Vita si ap­ prestava a riversare questi tre veicoli, ha riversato i tre su questa terra, ciascuno al suo tempo e al suo momento; li riversò e li gettò giù sulla terra. Poi li trasferl e li scaraventò via da questa terra in queste tre Vesti, quello del vento, quello dell'acqua e quello del fuoco, che rivestono il suo corpo; li versò via e li immise nelle tre fosse [ . ], che egli aveva costruito al momento della costruzione dei mondi [ . . . ] qualche cosa è rimasto [p. 112 Bohlig-Polotsky] sulle superfici della terra di quei tre veicoli, sicché puoi trovarne il segno e il tipo riconoscibili nel mondo. L'elemento (stoicheion) ri­ masto nell'acqua è il bruciore e il sale di questo mare interno sala­ to, che circonda i mondi. Il residuo che è invece rimasto dell' oscu­ rità è questo monte tenebroso, che si trova nelle regioni d' Oriente. Infatti, quando il sole sorge nel mondo, nessun raggio di luce è vi­ sibile in esso a causa della tenebra, che da quel monte scaturisce, rendendosi visibile al di sopra di esso. Il resto, poi, che è rimasto nel fuoco sopra la terra è rappresentato da tutte le montagne e le isole, dalle quali si alzano e si rendono visibili i vapori di fuoco. Questi, infatti, sono ciò che resta del grande veicolo, il residuo (léipsanon) che si è mescolato con questo fuoco, che fuoriesce dalla terra come anche dalle montagne e dalle colline [ . . ] luoghi, nei quali non cresce alcun frutto d' albero [ . . . ] crescere in quel luo­ go attraverso il membro (mélos) e [ . ] in quanto nessun frutto d'albero cresce in quel luogo». Di nuovo i discepoli gli dissero: «Signore, ti preghiamo di rive­ larci e di istruirei a proposito di questi veicoli, che circondano il mondo, [spiegandoci] per quale motivo non sono stati [diretta­ mente] riversati dal cielo nelle fosse, che erano state preparate per loro, ma sono stati riversati prima sulla terra, e quindi spazzati via dalla terra e gettati giù nelle loro fosse». Allora l'Illuminatore disse ai suoi discepoli: «Sappiate questo: il Padre della Vita ha riversato questi veicoli dal cielo sulla terra; li ha riversati a questo scopo: che l' acqua, l'oscurità e il fuoco, che si trovano in queste tre terre, fuoriescano e salgano incontro a ciò che è sceso giù dal cielo, e le terre [ . . . ] siano purificate (kathar{zein). Per questo ha riversato giù sulla terra questi veicoli, quello dell'ac­ qua, quello dell'oscurità e quello del fuoco, perché l'acqua, l ' oscu­ rità e il fuoco, che si trovano nelle terre, risalgano verso l'alto, in­ contro a ciò che è sceso giù dall'alto. Prima di tutto, ha versato . .

.

.

.

Il Secondo Inviato e la seconda creazione

1 65

l'acqua, il sedimento, il veleno degli arconti in alto; ha purificato i firmamenti dall'acqua [ . . . ] le acque tenebrose le ha versate giù. Così come le l"p. 113 Bohlig-Polotsky] acque sono cadute dal cielo sulla terra, allo stesso modo anche le acque che sono giù nelle terre sono fuoruscite e salite su, dal basso, incontro alle acque, che dal cielo erano scese sulle terre. Le acque sono state purificate dal ve­ leno tenebroso che esse contengono. Poi egli le spazzò via verso l'esterno e ne fece un grande veicolo e un 'muro del mare', che cir­ conda il mondo e sul quale navigano le navi. Dopo l'acqua, versò fuori l'oscurità, purificò i firmamenti, prosciugò da loro la tenebra, della quale erano carichi, e la riversò giù sulla terra. Così come ha purificato i firmamenti, allo stesso modo ha anche purificato le ter­ re. L'oscurità contenuta nelle terre fuoriuscì verso l'alto incontro al­ l'oscurità che era stata versata dall'alto; le spazzò via entrambe e le rinchiuse in quel [ . . . ] dell'oscurità [ . . . ] acqua. Infine versò il fuoco dal cielo sulla terra [ . . . ] in quel momento, anche il fuoco, che era richiuso in basso nella terra, fuoriuscì e salì verso l'alto incontro al suo congenere (syngenes). Il fuoco si posò sul fuoco. Quindi egli lo spazzò via e lo gettò in questi inferi esterni, che aveva preparato per essi fuori dal mondo. Così come purificò i firmamenti superiori, fa­ cendoli diventare una via per gli Illuminatori [ . . . ] allo stesso modo purificò anche le terre inferiori, spazzando via da esse il fuoco, l'oscurità e l'acqua [ . . . ] li ha purificati per la risalita di queste tre forze, quella del vento, quella dell'acqua e quella del fuoco, che so­ no salite su davanti ad Attante (Omoph6ros), che sostiene le Terre)),

Tav. V: Statua colossale del Re dei re Sapore l a Bishapuhr (Ghirsham, op. cit. , p. 1 62).

IL TERZO INVIATO E LA CREAZIONE DELL' UOMO

Testo nr. 28

(Fr. T III 260, ed. Andreas-Henning I, pp. 1 77-203; lingua: mediopersiano; tr. PC)

[p. 1 77 Andreas-Henning] [ IL DISCORSO] SULLA MATERIA [ ?] (dstonad) [ . . ] Quando [il Dio] Mitra (Mihr)'7 ebbe creato e messo in ordine i quattro strati, il carcere dei dèmoni, le quattro terre con le colon­ ne, le attrezzature [ ?], le porte, le mura, i fossati, le zone infernali, [ ... ] che si trova nel ventre della terra, i monti, valli, sorgenti, fiumi e mari; [p. 1 78 Andreas-Henning] i dieci cieli con le regioni'8, i luoghi, le province, le case, i villaggi, le tribù, i paesi, i confini, i posti di guardia, le porte con le soglie'9, le rivoluzioni [del sole ]60, le coppie di ore e le mura; un cerchio con le costellazioni dello zodia­ co (achtardn) e le stelle (istaragan), i due carri (rah) del sole e della luna, con le case, i luoghi, i capi dei guardiani delle porte; i capi del carcere, dei posti di guardia, delle case, dei villaggi, delle tribù, dei paesi e ogni altra cosa del cosmo; allora il Dio Messagge­ ro-Araldo6\ che su sé stessi [lettera/m. «sul cui stesso corpo))] il .

'7 Il nome di questa antichissima divinità iranica legata alla luce, al patto con­ cordato e all'impegno guerresco contro le forze del male, venerata in epoca elleni­ stico-romana anche in occidente, viene qui usato per designare il Secondo Inviato, del quale si descrive nel testo che segue l'azione cosmogonica. Tutto questo lungo frammento ritrovato a Turfan, che potrebbe appartenere a un'opera di Mani, forse le Leggende, si caratterizza per l'impiego costante di una nomenclatura zoroa­ striana e l'accurata esclusione di ogni minimo accenno al giudaismo e al cristiane­ simo (AM). '8 Con questo e con i successivi vocaboli, desunti dalla terminologia ammini­ strativa dell'impero persiano, si intendono le parti dello spazio e del tempo co­ smico. . '9 una «sog) la>> comspon de a un mese. 60 Una rotazione del sole equivale a un giorno. 61 Con questo termine va inteso probabilmente uno dei figli del Secondo Invia­ to, forse il Re dell'Onore (AM). "

Parte terza - Testi sul mito manicheo

1 68

Dio Mitra (Mihryazd) e la [Dea] dal sembiante femminile, la madre del Dio Ohrmezcfl [ ... ] , [ . ] furono ammessi al cospetto [del Dio] che sta sopra quel cielo e tiene il capo dei cinque elementi divini della Luce. Il Dio Mitra e il Creatore (Kirdagdr) dalle sembianze femminili furono fatti salire in alto in paradiso (wahishtawt3 [p. 1 79 Andreas­ Henning] e insieme al Dio Ohrmezd, all'Amico delle Luci e al Dio della creazione del Nuovo Mondo64, si presentarono ossequiosi al cospetto del Signore del paradiso. Si inchinarono, resero omaggio e dissero: «Rendiamo omaggio a te, o Signore, che ci hai creato con la tua forza miracolosa e la tua benedizione, e hai incatenato, per no­ stro tramite, Az, Ahrmen65, i dèmoni e le streghe . [ . ] e comandagli di andare a vedere la prigione dei dè­ moni, di assegnare al sole e alla luna gli attributi del tempo e del moto della rivoluzione, di redimere e salvare la splendida Luce di­ vina (roshnih ud chwashan i yazddn) che fin dai primordi è stata abbattuta da Az, Ahrmen, dai dèmoni e dalle streghe, e che ancora da essi è tenuta prigioniera, nonché la Luce che nelle regioni (p. 180 Andreas-Henning] della terra e del cielo sta imprigionata e soffre; [ordinagli] di preparare quanto più in alto è possibile strade e sentieri per il vento, l'acqua e il fuoco !»66• È concluso il Discorso sulla materia. ..

..

IL DISCORSO SUL DIO NARISAJfJ7

In seguito a tali preghiere il Signore del paradiso, mediante il suo 62

Si tratta della «Madre dei Viventi» o «Madre dei Giusti» (cfr. testo nr. 26) che accompagna il Secondo Inviato (lo Spirito Vivente o «Mitra»). 63 Lo Spirito Vivente dopo aver creato il mondo si reca insieme agli altri Dei della seconda creazione di fronte al Padre di Grandezza per spingerlo ad evocare il Terzo Inviato. 64 L' «Amico delle Luci» e il creatore della «Nuova Terra>> o «Nuovo Eone>> (detto anche che filtreranno la sostanza luminosa recu­ perata (AM). 67 Nome di una divinità iranica (avest. Nairiosanha) usato dal manicheismo per designare il Terzo Inviato (AM).

Il Terzo Inviato e la creazione dell 'uomo

1 69

miracoloso potere e la sua benedizione, crea tre divinità, Roshn shahr e Chradeshahf"B, per vegliare sull'ascesa della Luce, di modo che, come il Signore stesso è il sovrano del paradiso [p. 181 An­ dreas-Henning] e ne detiene tutta la luce, così anche il Dio Roshn shahr possa essere signore e sovrano in terra e in cielo, possa dete­ nere la luce di tutto il cosmo, rendere manifesti il giorno e la notte, e il Dio Chradeshahr [ . . ] piante, fiori, erbe e vegetali senza seme e di ogni genere fu­ rono coltivati e crebbero. Az mescolò con essi sé stessa (griwt'. Questa parte cadde nel mare e ne derivò un mazan70 orrendo e terri­ bile, che strisciò fuori dal mare e iniziò a commettere peccati nel mondo. Allora il Dio Mitra, fra le divinità da lui create, scelse il Dio dalle quattro forme7 1 [p. 182 Andreas-Henning] perché andasse a schiacciare questo mazan con il piede, perché lo sopprimesse e si ergesse su di lui nella regione settentrionale del mondo che si estende da Oriente a Occidente abbracciando l'intero nord. In tal modo il mazan non avrebbe più commesso peccati nel mondo. Questo Dio fu fatto wisbed'2 in tutte le regioni della terra e del cielo (a nord e a est, a sud e a ovest) in modo da proteggere il mondo71• Come il seme dei lussuriosi dèmoni maschi, così Az cadde dal cielo sulla terra, sul secco e sull'umido, e si trovò insieme a ogni tipo di pianta e al mazan [che partecipava] del suo stesso essere (griw)'4• ­

­

.

68 Il primo nome (letteralm. , grado gerarchico dell'amministrazione persiana ap�licato alla gerarchia divina (AM). 13 Cfr. Introduzione, p. 36. 14 Si allude qui al celebre mito degli arconti prigionieri e incatenati alla volta celeste, che si eccitano alla vista del Terzo Inviato in forma femminile ed emetto­ no il loro sperma. Questo contiene sia la sostanza luminosa sottratta al Primo In­ viato, sia il principio del male, vale a dire il (grfw) di A z. Caduto lo sperma sulla terra, la luce in esso presente viene assorbita dalle piante (AM).

170

Parte terza - Testi sul mito manicheo

In seguito, fra le femmine degli esseri demoniaci [p. 183 An­ dreas-Henning] (démoni, streghe, diavoli della collera, mazan e asreshtar15, bipedi, quadrupedi, alati, velenosi, dalla forma di retti­ le), quelle femmine che fin dai primordi provenivano gravide dall'inferno76 e poi erano state incatenate nell'undicesimo cielo, dove avevano visto la luce divina del Dio Roshnshahr divenendo di lui cupide e perdendo coscienza, tutte, dunque, abortirono. Gli aborti precipitarono sulla terra e cominciarono a muovere i loro primi incerti passi77 sul suolo. Divorarono i frutti degli alberi e crebbero diventando mazan e asreshtar78• Attraverso questi frutti, Az si insinuò in loro, ed essi furono eccitati dalla bramosia e si ac­ coppiarono tra di loro79. [p. 184 Andreas-Henning] In seguito a ciò, il Dio Roshnshahr ordinò al Dio della creazione del Nuovo Mondo: «Va' , e al di sopra di tutte le regioni della terra e del cielo, al di fuori delle cinque zone infernali, edifica una nuova costruzione nella regione meridionale, più vicina alla terra di quanto non siano le zone infernali, sopra all'oscurità dell'inferno, dalla regione orientale a quella occidentale che corrisponde al paradiso. Al centro di questa costruzione, edifica una solida prigione per Az, Ahrmen, i dèmoni e le streghe. Più tardi, quando la splendida Luce divina che Ahrmen, i dèmoni e le streghe hanno inghiottito e che si tormenta e si contorce in tutto il cosmo in balìa dei dèmoni e delle streghe quando dunque tale Luce si sarà purificata e sarà ascesa nel luogo più alto, quando [p. 185 Andreas-Henning] si sarà giunti alla fine del mondo, allora Az, Ahrmen, i dèmoni e le streghe saranno legati, in eterno, in questa prigione senza possibilità di fuga. Sulla nuova costruzione crea il Nuovo Paradiso, così che esso [divenga] un luo75 Una classe di dèmoni: «arcidiavoli>> (nome probabilmente composto con sar, «testa>> e la radice del verbo *stci· «Stare>> seguito dal suffisso d'agente -tar: «che sta alla testa di>>). l mazan e iisréshtiir nominati qui e nel seguito del frammento non c'entrano col Mazan cui si è parlato poco sopra, ma sono gli «aborti>> delle diavolesse innamorate di Narisah che, caduti sulla terra, si trasformano in bestie. 76 Diversamente Henning: «die aus dem Hollen-Abyss warem>. 77 Diversamente Henning: «begannen, sieh aufder Erde zu erhebem>. 78 Negli animali nati dal sangue abortivo delle arcontesse, e che riproducono le fattezze dei demonii, il principio del male (la concupiscenza) dà luogo a un effet­ tivo comportamento lussurioso che viene suscitato dalla loro stessa alimentazione. Nelle piante invece, la presenza di A z rimane inerte (AM). 79 I mazan e iisréshtiir sono mostri e diavoli; quando le loro femmine aborti­ scono, questi aborti, caduti sulla terra e ivi cresciuti nutrendosi delle piante, dive­ nuti bestie, sono a loro volta dei mazan e iisréshtiir (AM).

Il Terzo Inviato e la creazione dell 'uomo

171

go [di pace] per Ohrmezd, per gli Dei che per il loro miracoloso potere e per la loro Luce erano stati catturati da Az, Ahrmen, i dè­ moni e le streghe, e anche per noi [ . .avvenne così] la creazione dell' etere80; dopo la creazione dell'etere, quella del vento; dopo la creazione del vento, quella della luce; quella delle acque; dopo la creazione delle acque, quella del fuoco. Egli [scii. Ohnnezd] si rivestì dei cinque elementi, prese in mano il fuoco, si lanciò contro Ahrmen e i dèmoni, li colpì e li soggiogò. [ ... ] l'acqua purificherà il fuoco. Essi [scii. i cinque elementi] sta­ ranno sempre insieme in un sol luogo e uniranno le loro forze. E la splendida [p. 186 Andreas-Henning] Luce divina (roshnfh chwashan), che fin dai primordi è intrinseca ai cinque elementi, sa­ rà da essi tenuta sotto la loro protezione. La volontà del Dio Ohr­ mezd sarà da loro pienamente soddisfatta [ ?] . [ . ] Dopo che il Dio Roshnshahr ebbe collocato nel mezzo del cosmo il Dio che sorregge il mondo81 , ed ebbe messo al loro posto questi Dei82, allora il Dio Roshnshahr, il Dio dal sembiante femmi­ nile e il Dio Ohrmezd con la loro essenza [?] [ . ] questi Dei e il Dio Rahniguh 81 furono posti sui carri (rah) del sole e della luna, così da [purificare]" la splendida Luce divina che fin dall'inizio era stata divorata e inghiottita da Az, dai dèmoni e dalle streghe, di sesso maschile e femminile, e che costoro tengono ancora prigioniera, ed anche quella Luce che essi fino alla fine del mondo (jrashegird) continueranno a divorare e a inghiottire [pren­ dendo/a] dal vento, dall'acqua e dal fuoco. [p. 187 Andreas-Hemzing] [ ... mescolate] quando Ohnnezd e Ahnnen cominciarono a combattersi. Poi egli portò la splendida Luce divina in alto, al di fuori di tutte le regioni della terra e del .

.

.

..

80 Si tratta qui dei cinque elementi della Luce e della loro redenzione. 81 Nei Capitoli il personaggio è indicato col nome greco di OmophOros, «colui che porta sulle spalle>> Per analogia con il mito greco, le formule ecclesiastiche di abiura Io chiamano «Atlante>>. . . 82 Forse 1. cmque elemenu. 81 Letteralm. «Conducente del Carro>>. " La funzione, che qui si descrive, del sole e della luna di trasportare in alto la luce rapinata dai démoni si trova anche nella dottrina zoroastriana, come risulta dal trattato (medievale) Shkand Gumanik Vicar, cap. XVI, riga 20 ss: «> è gnostica, cfr. Valentino, fr. 5 Ftirster (in Simonetti). 119 sta qui per : questa metafora è comune nelle lingue semitiche. 120 Uno dei 5 figli dello Spirito Vivente, da non confondere con Adamo il primo uomo. Il nome del personaggio è desunto dalle tradizioni mitologiche dello gno­ sticismo: un compare in Ireneo, I, 29.3 (barbelognostici); Ippo­ lito, V, 7.6 e 35 (Naasseni); Orig.mondo, NHC II, 108 .

1 84

Parte terza - Testi sul mito manicheo

suoi piedi e dominerà su di lei sino alla fine del mondo. Il terzo es­ sere è la sostanza (physis) che cadde sull'asciutto: essa formò i ve­ getali [lettera/m. «gli alberi»] e si sistemò in loro. [ ... ] il nuovo es­ sere che fu formato [ .. ] rivelato. Secondo la loro natura (ousfa) [tutti e tre appartengono] alla Tenebra, ma non sono venuti al mondo assieme al re della Tenebra essendo la loro nascita [avve­ nuta dopo ?... ] mescolati, e furono manifestati nel mondo». .

Testo nr. 30 (Capitolo 56, ed. Bohlig-Po1otsky, pp. 1 37- 1 44; lingua: copto; tr. CG) SAKLAS E LE SUE POTENZE [p. 137 Bohlig-Polotsky] Un 'altra volta [i] discepoli parlarono all'Illuminatore [scii. Mani] e gli chiesero: «Tutti questi aborti, fra i quali si annoverano Saklàs, la sua compagna121, i [ ... ], vale a dire coloro che hanno plasmato Adamo ed Eva, da dove hanno trovato questa bella immagine (eik6n) da trasmettere al loro prodotto (plasma), posto che essi non esistevano ancora quando essa venne esibita ai loro padri e [quindi] non avevano mai visto l'immagine dell'Inviato? Da dove hanno preso l'impronta dell 'immagine del­ l'Inviato per usarla nella formazione di Adamo e Eva?» L'Illuminatore [rispose] loro: «Il peccato1 22 , che era sgorgato fuo­ ri da[l corpo de]gli arconti, ed è il Male [lettera/m. «la Materia» (hyle)], si levò fin verso l'immagine dell'Inviato, [ma] fu respinto via da quel luogo e ricadde sulla terra: non fu accolto entro il firma­ mento. Quando ricadde a terra, colà formò gli alberi e si sistemò dentro al legno, produsse [p. 138 Bolzlig-Polotsky] dei frutti. Quan­ do però, la seconda volta1 23, gli aborti caddero sulla terra [ ... ] Essa [scii. Hyle, cioè la Materia, il principio del Male] li crebbe, essa parlò dentro l'Arconte, loro capo, e questi disse ai suoi

121 Sono i due asréshtar menzionati nel testo 28 p. 194 A.-H., ovvero Shaqlun e Pesus del testo nr. 39 p. 62 Sundermann. Il corrispondente passo del Trattato Chavannes-Pelliot ( 1281 b 1 8) rende Shaqlon con Luji e il nome della sua compa­ gna con Naplaan: quest'ultimo riecheggia, storpiandolo, il nome che il personag­ gio ha nel resoconto di Teodoro Bar Koni, tr. fr. p. 237: Nebroel.

122 Si intende evidentemente lo sperma (AM). 1 23 Cioè dopo la seconda esibizione dell'Inviato, quella in forma maschile alle diavolesse.

Il Terzo Inviato e la creazione dell 'uomo

1 85

compagni: 'Datemi la vostra luce, ed io produrrò per voi un' i mma­ gine conforme all'immagine del l' Eccelso! ' Così disse, e quelli fe­ cero come aveva detto e gliela consegnarono. Ma lui [ ... ]». L'Illuminatore continuò: «11 peccato, che era sgorgato fuori da[l corpo degli arconti], ed è il Male, quello che aveva visto l'immagi­ ne dell' Inviato, fu esso a formare gli alberi e a [sistemarsi in loro], e a spuntare nei f!rutti ?]. all'interno degli arconti [ ... che ... ] hanno formato Adamo ed Eva secondo [il modello del] Sublime, precisamente grazie alla forza (enérgheia) del peccato, che aveva visto [l'inunagine del]l'lnviato: essa era entrata in loro attraverso i frutti e li aveva cresciuti. Essi dal canto loro raffiguraro­ no [ ... ] produssero ciascuno di quelli [ ... ] conformemente a [ ... ] uno che rassomiglia, uno che non rassomiglia [ .. ]. Ecco, vi ho istruito riguardo a queste cose: gli arconti hanno plasmato Adamo ed Eva per mezzo della forza del peccato, la quale era entrata in loro dai vegetali, e li hanno costituiti in conformità all' immagine del Su­ blime». Di nuovo disse l' Illuminatore: «Lo scultore (pe-pldstes)124 pose nel suo prodotto (Adamo ed Eva) delle membra, sia esterne sia in­ teme, per la percezione e per l' azione, e le suddivise in singole se­ di. Per tutto ciò che i suoi [scii. dell 'uomo] organi di senso e i suoi elementi esteriori recepiscono, sono predisposti all'interno dei ma­ gazzini, dei depositi, delle spelonche, che lo ricevono e lo incame­ rano dentro. Quando viene, richiede loro ciò che hanno depositato entro i loro magazzini, essi tirano fuori quanto hanno incamerato e lo trasmettono al richiedente che lo richiede loro. [ ... ] Così la sua funzione (enthymesis)125 [ consiste nello] star a osservare ciò che, al di fuori, [ ... ] di ogni sorta all'interno. [p. 139 Bohlig-Polotsky] La funzione degli occhi [ad esempio] comporta edifici e caverne, depositi e ripostigli [ ?], in modo da conservare in questi suoi ma­ gazzini e depositi tutte le immagini che vede, non importa se buone o cattive, amabili odiose o desiderabili. Quando la funzione degli occhi vuole recuperare l' immagine che ha già visto e recepito, scende nei suoi magazzini, ci pensa su, si avvicina [ ... ] lo porta fuo•••

124

Come più sopra il «pittore», designa il demiurgo produttore degli esseri infe­ riori, per la cui creazione si usa la metafora artigianale tipica sia della Bibbia sia del Timeo platonico (AM). 125 La parola greca enthymesis (letteralm. «aver in animo di») vuoi dire inten­ zione, progetto; qui sta a significare il piano operativo dei vari organi di senso del corpo umano, quindi le loro «funzioni>> (AM).

1 86

Parte terza - Testi sul mito manicheo

ri e la consegna al richiedente che l'ha richiesta e desiderata, sia che si tratti di [ . .sia] di immagini ispirate dall' amore, [sia] dall'odio. In questo modo si svolge anche quella funzione e proce­ de secondo il medesimo modello. ( ... ) [p. 140 Bohlig-Polotsky] Ciò vale a maggior ragione per la fun­ zione del cuore, che su tutte loro domina. Tutte le cose che queste cinque funzioni recepiscono e immagazzinano, le trasmettono alla funzione del cuore, il quale le prende e le conserva. Ogniqualvolta esse [scii. le funzioni dei 5 sensi] le fanno richiesta del loro depo­ sito, essa [scii. la funzione del cuore] lo tira fuori e consegna loro tutto quanto esse le avevano dato. Giacché, la funzione (pe-sàgine) del cuore è simile a un re presso il quale stanno tutti i consiglieri della sua città e i generali del suo esercito: ogniqualvolta i suoi ge­ nerali gli chiedono ciò che vogliono sapere egli impartisce loro il consiglio e la decisione secondo la quale devono muoversi. Oppu­ re, ancora, è simile a un cantiniere che riceve e pone in diversi reci­ pienti, in luoghi diversi, tutto ciò che gli è stato affidato e conse­ gnato. Quando [p. 141 Bohlig-Polotsky] [ . . ] nel luogo in cui lo ha posto. Così anche la funzione del corpo (soma) riporta la vista, che gli occhi hanno percepito, che le hanno trasmesso, e che lei ha raccolto, fuori dai magazzini nei quali l'aveva deposta e la consegna a chi ne ave­ va fatto richiesta. ( ... ) ». L' Illuminatore proseguì dicendo: «Ci sono delle guardie per il controllo di queste porte126• Davanti alle porte sono tirati dei chiavi­ stelli, azionati a mano dalle guardie che le presidiano. Allo stesso modo in cui le guardie che presidiano un campo trincerato (parem­ bole}121, delle torri o degli avamposti nei quali c'è [ ... ], e mentre i .

.

126

Cioè l'accesso ai cinque sensi, per il quale le impressioni esterne arrivano alla mente. 127 Nei Capitoli copti ricorre spesso la metafora militare del campo trincerato (dal gr. parembole} applicata sia a struuure cosmiche sia ad aspeui dell'interiorità (cfr. testo nr. 35). Poiché questi 'accampamenti' provvisti di torri di guardia, posti di blocco con sbarre, picchetti ecc. ricordano piuuosto i regolamenti di campo dell'esercito romano che non quelli dell'esercito sassanide (i persiani di solito si accampavano entro una o più file di scudi piantati a terra, v. Ammiano Marcellino,

Il Terzo Inviato e la creazione dell'uomo

1 87

chiavistelli sono tirati, e le guardie hanno potestà sui chiavistelli, e se ne stanno all'entrata del posto di blocco ...colui che appartiene alla loro città, in quanto concittadino e compatriota, gli aprono la porta e lo fanno entrare secondo la loro volontà; lo straniero capi­ tato lì, invece, lo fermano e lo fanno aspettare sulla porta senza permettergli di proseguire 128• Anche quell' altro, che [le guardie] dopo snervanti controlli hanno finalmente fatto passare, tu troverai molte celle che [ ] c'è una massa di [ . ] in loro; il numero dei chiavistelli della por[ta.. ] sono [ ... ] se uno vuole [ .. ] poiché i chia­ vistelli sono in mano sua, apre [p. 142 Bohlig-Polotsky] la porta e lascia uscire anche quello che era nascosto dentro di lui» 129• L'Illuminatore continuò: «Questo corpo è simile a questo campo trincerato. Le porte dell'accampamento e i loro picchetti di sorve­ glianza assomigliano alle porte e agli organi di senso del corpo. Le porte del corpo sono le seguenti: gli organi della vista, dell' udito, dell'olfatto e quelli che fanno fuoriuscire le parole. Molti custodi e una gran massa di guardie sono sparpagliate sugli organi del corpo, allo scopo di presidiarne le porte. In esso c'è poi la funzione gene­ rale (enthymesis), che è lo spirito (te-sbO) del corpo, il re dell'intera piazza d'armi, di modo che egli, quando vuole, apre e, quando vuole, chiude 1 JO. Se però l' Intelletto di Luce (pe-nous n-ouaine)131 arriva e si pre­ senta alle porte del corpo, allora gli arconti (che sono i guardiani delle porte) si danno da fare per impedirgli di esser accolto e di en­ trare: si mettono ben saldi tutto attorno al corpo affinché nulla di estraneo a loro vi faccia ingresso. Ma lui (l' Intelletto di Luce) con la sua saggezza, con la sua forza e con la sua capacità di incutere ...

..

.

.

XIX, 2), è probabile che la metafora non risalga a Mani stesso ma a qualche autore manicheo occidentale (AM). 128 Come si è già osservato, in questi trattati che non sono un capolavoro di stile spesso le frasi troppo lunghe finiscono in anacoluti, forse perché il testo veniva scritto su dettatura, e l'autore si perdeva nel discorso senza poteme controllare la struttura sintattica. 1 29 Il passo lacunoso probabilmente diceva che, nonostante i controlli delle guardie, spesso qualcuno riesce a entrare portando con sé, nascosta, della merce proibita; analogamente auraverso le «porte dei sensi» possono entrare di soppiatto, senza che ce accorgiamo, impressioni dannose. Di qui l'esigenza di una accurata vigilanza (AM). tJO Per il concetto di «spirito del corpo>> cfr. testo nr. 37 p. 299 A.-H . . Il voca­ bolo copto è femminile, quindi si parla non di un «re» ma di una , con quel che segue (AM). 1 31 Su questo vedi testi nr. 38 e 39 .

1 88

Parte terza - Testi sul mito 11Ulnicheo

spavento sottomette i guardiani che si trovano alle porte del corpo; dopo averli sottomessi, assume il controllo dei chiavistelli di tutte le porte del corpo: quelle porte, che a suo tempo si erano aperte alle rappresentazioni del desiderio (n-phantasfa ent-epithymfa), per as­ sorbire fantasie di libidine, per accumulare discorsi di preoccupa­ zione circa le meschinità della vita, per percepire i gusti dei diversi cibi fatti di alimenti impuri nonché il peccato che risiede in essa [scii. la vita]. Chi ha recepito queste cose, il suo cuore è attirato da lui [scii. lo spirito del corpo] . Adesso invece, che i chiavistelli del corpo del Giusto sono in mano all'Intelletto di Luce ed esso si trova in lui, le apre [per ricevere] tutto ciò che piace a Dio [ .. ] con i suoi occhi la vista dell' amore [ ... ] e della giustizia. Perciò la [vista delle] sfarzose vesti [p. 143 Bohlig-Polotsky] dei principi intessute d'oro, gli abiti di seta delle nobildonne intessuti d'oro e di perle, che sono fatti belli apposta per la peculiarità (sche11Ul) del desiderio, queste cose prima erano care agli occhi dell'Eletto. Ma adesso grazie alla forza dell'Intelletto di Luce che è penetrato in lui e ha preso sede nel suo corpo, assoggettando il sovrano del corpo (il desiderio), le rappresentazioni del desiderio sono diventata per il Giusto qualcosa di abominevole, mentre le figure della devozione, della giustizia, dell'umiltà e degli abiti di poco valore incontrano il suo gradimen­ to. E le orecchie dapprima si aprivano a voci vane, alle canzonette [che accendono] il desiderio, a quanto di malvagio è celato [in que­ ste cose]. Tutto ciò dapprima gli piaceva, quando lo ascoltava. Adesso però, grazie alla forza dell 'Intelletto di Luce, le voci del de­ siderio, le formule magiche e i riti malvagi (te-11Ulghéia men em­ mystérion) sono divenuti per lui qualcosa di abominevole e da ora in poi non vuole più sentirne parlare, bensì tutto il tempo vuole ascoltare le voci delle parole di giustizia, le parole dei Salmi, delle preghiere, la lode degli Inni, le parole della verità e il sapere delle elemosine. In breve, allora tutte le porte erano a suo tempo in que­ sta maniera aperte al male (kakfa). Adesso invece sono state aperte per il bene (agath6n). Allora nel corpo dominava il peccato, il quale faceva ciò che voleva senza sottoporsi a nessuna disciplina. Adesso invece negli organi di senso del corpo è stato abolito il po­ tere assoluto del peccato. Lo Spirito Vivente (pe-pneu11Ul et-anh) è divenuto re sulle sue membra e le ha legate con il vincolo della pa­ ce, le ha sigillate con il sigillo della verità, aprendo le porte del corpo al bene. Pertanto il bene fa il suo ingresso attraverso di esse negli occhi e le orecchie, e si deposita nel cuore. Lo Spirito Santo è .

Il Terzo Inviato e la creazione dell 'uomo

1 89

il sovrano, fa lui tutto ciò che vuole. Egli frustra gli intendimenti del peccato, dal primo all'ultimo; si realizza [al contrario] la vo­ lontà del santo Spirito e le decisioni dell'Intelletto di Luce)). [p. 144 Bohlig-Polotsky] Disse ancora 1 ' 111uminatore: «Perciò vi dico, miei amati fratelli, membra mie: Fortificatevi con saggezza e con abilità tutto attorno alle porte del corpo, affinché il peccato che inerisce al corpo non diventi più forte di voi [lettera/m. forte su di voi], non vi sottragga la vostra luce, non la disperda in molti luoghi, non la frammenti variamente in diversi punti. Che ciò non avvenga mai ! Siate invece uomini che vigilano e stanno saldi nella loro ve­ ritàm . Siate sempre preparati, affinché il vostro riposo e la vostra fine sia presso colui del quale recate in voi il segno e la speranza)). Testo nr. 3 1 (Capitolo 64 , ed. Bohlig-Polotsky, pp. 1 57-1 58; lingua: copto; tr. CG) [SU] ADAMO [p. 157 Bohlig-Polotsky] Un' altra volta disse [Mani] ai suoi di­ scepoli, che stavano ad ascoltare la sua parola: «Tre grandi cose, diverse fra loro, si palesarono in Adamo, il primo uomo. Ed è per questo che lo si ritiene più grande [e] più importante rispetto alle vari� potenze presenti nel cielo e sulla terra. La prima: in lui è stata riposta l' immagine (eik6n) del 'Eccelso. I creatori (n-demiourg6s) e i formatori (em-plas[tes] ) del suo corpo (soma) gli impressero lo stampo della splendida immagine che si era loro esibita in alto: ecco perché si è ritenuto che l' immagine di Adamo sia più importante e più bella di tutte le diverse potenze che stanno in alto e in basso. La seconda: Adamo è stato formato nella sua struttura mediante la luce dei Primogeniti del cielo e [ ... ] i cin­ que Figli. Ecco perché si è ritenuto che la sua struttura sia diversa da quella delle altre creature. Giacché tutte queste creature ... la loro 132

Il tema delle «porte del corpo>> esposto in questo Capitolo assomiglia alla dottrina buddhista delle , sulle quali il monaco deve attentamente vigilare, cfr. ltivuttaka, II, 1 . 1 -2 (Canone, l, p. 274 ss.); Digha Nikaya, l, 9: Potthapada Sutta, 7 (Canone, II, p. 205); l, 33: Sangita Suttanta, 9 (ibid. , p. 335). Non è escluso che Mani ne sia venuto a conoscenza durante il viaggio in India (AM).

1 90

Parte terza - Testi sul mito manicheo

struttura è differente. Adamo invece ... la formazione della sua ani­ ma è avvenuta secondo l'orientamento e la disposizione degli ele­ menti (stoicheion) 133• In lui c'è l' Intelletto (nous) che sopravanza di gran lunga quello delle altre creature e degli animali. La terza è la capacità di conoscere e di progettare, [che ne fa] il culmine di tutte le potenze dell'alto e del basso. I creatori che lo costruirono hanno raccolto e sigillato in lui tutto questo. Lui e la sua compagna Eva divennero il luogo in cui risiedono le costellazioni (zodia), i piane­ ti, i mesi, i giorni e gli anni. Giacché, su Adamo fu impresso il si­ gillo del cosmo intero. È per causa sua che anche il cielo e la terra si muovono. Guasti e disordini [per via della lotta] tra il bene e il male sono sorti a causa di lui. Le [forze] buone lo traggono verso la vita in virtù dell'immagine e della forma (morphé) che in lui sono riposte, quelle cattive invece lo traggono verso la morte, allo scopo di dominare e impossessarsi del Regno per suo mezzo, e per suo mezzo di assoggettare l' universo intero. Vi ripeto, sappiatelo: gli arconti (n-drchon) hanno predisposto e costruito Adamo allo scopo di esercitare il potere tramite lui e im­ possessarsi del Regno grazie a sette opere. ljJ. 158 Bohlig-Polot­ sky] La prima: egli divenne l' Illuminatore (phostér) all' interno della loro creazione al posto della luminosa immagine dell'Inviato, quella manifestatasi loro in alto. Giacché tutti quanti bramavano la forma dell'immagine dell' Inviato e il loro cuore era attratto verso di lui 1 34• La seconda: affinché essi potessero attingere da lui la luce, trattenerla e impedirle di risalire in alto. La terza: affinché per via dell'immagine dell'Inviato, che in lui è riposta, l'intera realtà divi­ na presente in alto e in basso si umiliasse davanti a loro a motivo della forma della bellezza luminosa della sua eccellenza, in quanto egli è nella sua forma migliore di tutte le creature. La quarta: egli è come il sigillo di un anello o di un nuovo timbro, di modo che tutti gli esseri futuri venissero creati secondo il suo [stampo ?]. La quin­ ta: affinché mediante lui tutte le arti (téchne) delle potenze superio­ ri o inferiori, palesi o nascoste, si manifestassero, quindi per mezzo di lui il Tutto potesse venire conosciuto e Tutto in lui si rivelasse. La sesta: affinché potesse esserci per loro una forte protezione gra133 l due anacoluti sono nel testo. 134 L'Inviato come tutti gli esseri del mondo superiore è un portatore di luce, e per questo i dèmoni lo bramano; non potendo catturarlo, essi se ne sono fatti una copia in Adamo, ed è questi ora che «illumina» il mondo (AM).

Il Terzo Inviato e la creazione dell 'uomo

191

zie all'immagine dell'Eccelso riposta i n lui, nel senso che i Celesti li avrebbero rispanni ati riconoscendo [in Adamo] il loro sigillo e la loro forma, e di conseguenza per rispetto nei confronti di Adamo non sarebbe stato fatto del male neppure agli arconti. La settima: affinché egli diventasse il capo e il re e il signore di tutte le creature e così loro potessero mediante lui impossessarsi del Regno».

Testo nr. 32

(Fr. S 9, 13, ed. Henning 1 ; lingua: mediopersiano con molte parole partiche; tr. PC)

(. ) (samek) Furiosa divenne Az, [la mali]gna madre di tutti i dèmoni (mad i wispan dewan], e architettò un'imponente ribellione per sal­ vare sé stessa (grlw). ( 'ayn) Dall'impurità dei diavoli e dal luridume delle diavolesse 135 formò questo corpo (nasah) e vi si collocò dentro; (pe) poi formò la buona anima (gyan) con i cinque amahraspandan (l'annatura del Dio Ohrmezd)136 e li incarcerò nel corpo. (sade) Essa lo fece [scii. il primo uomo, Adamo o Gehmurd 1 37] cieco e sordo, incosciente e confuso, affiché egli fin dapprincipio non ricono­ scesse la sua vera origine (bunisht) e la sua [vera] famiglia (naf). (qoj) Ha fabbricato il corpo e la prigione, ha incatenato l'anima in­ felice; > nel linguaggio astrologico ellenistico è il firmamento sulla cui superficie interna compaiono i pianeti e le costellazioni; cfr. F. Boli. Sphaera ( 1 903), Hildesheim 1 967 e F. Boli - C. Bezold - W. Gundel, Storia dell 'astrologia tr. it. Bari, Laterza, 1 979 (AM). 144 A quale «luogo", vuoi dire se sono della natura della Luce o di quella delle Tenebre (AM). 143 Non è chiaro chi sia questo «Ispettore": potrebbe essere il Re dell'Onore a

Astrologia manichea

197

provengono dai cinque mondi della tenebra, sono fissate alla 'sfera' e sono collegate ai mondi a due a due: i Gemelli e il Sagittario ap­ partengono al mondo del Fumo, che è l'Intelletto [tenebroso] ; l' Ariete e i l Leone appartengono al mondo del Fuoco; i l Toro, l 'Acquario e la Bilancia appartengono al mondo del Vento; il Can­ cro, la Vergine e i Pesci appartengono al mondo dell' Acqua; il Ca­ pricorno e lo Scorpione appartengono al mondo dell' Oscurità146• Questi sono i dodici arconti della malvagità (ponerfa), i quali [ . . ], infatti sono loro che provocano ogni sorta di mali [ ... nel mon]do, sia nei vegetali sia negli animali1H. [p. 168 Bohlig-Polotsky] Imparate adesso con che cosa furono fatte le cinque stelle, cioè le Guide (n-ref-giaumàit). Il pianeta Gio­ ve è stato generato a partire dal mondo del Fumo, che è l'Intelletto [tenebroso]; la stella di Venere è nata dal mondo del Fuoco; la stella di Marte appartiene al mondo del Vento; la stella di Merurio appartiene al mondo dell'Acqua, mentre la stella di Satumo appar­ tiene al mondo dell'Oscurità148• I due Nodi (n-anabibdzonr•9 ap­ partengono al Fuoco e alla Libidine (hedone'), vale a dire al secco e all' umido. Sono il padre e la madre di tutti quanti [ i cinque] . Invece il Sole e la Luna sono stati affiancati a questi con uno stratagemma [ ?] (hen ou téchne) affinché li dominino, e [difatti] tu puoi osserva­ re che sempre li marcano da vicino. I Sette che abbiamo menzio­ nato (le cinque stelle [dei pianeti] e i due Nodi) sono dei malfattori, .

cui sono sottoposti gli arconti dei cieli e che sovraintende al loro progressivo de­ pauperamento mediante la sottrazione della sostanza luminosa; la Demaria (op. cit., p. 54) pensa invece si tratti del Gigante marino, che tiene attaccati i pianeti e le costellazioni con una catena per impedire che si spostino dal loro percorso (cfr. Capitolo 44, p. 1 1 5 8-P.) (AM). 146 1 nomi di tutte le 12 costellazioni zodiacali sono in greco nel testo. 147 Letteralm: «nell'albero e nella carne». 148 Anche i nomi dei 5 pianeti allora conosciuti sono in greco: Zeus, Afrodite, Ares, Ermes e Crono. Vengono qui messi in corrispondenza dei 5 elementi mate­ riali del regno delle tenebre. 149 Il termine 'anabibtizon (syndesmos)' designava nell'astronomia greca il '(nodo) ascendente' dell'orbita lunare, situato in testa alla costellazione (extrazo­ diacale) del Drago, mentre quello 'discendente' (katabibdzon) si trova sulla coda. Benché anche le orbite degli altri pianeti possiedano i due nodi, quelli della luna erano ritenuti più importanti sotto il profilo astrologico al punto che venivano loro attribuiti funzioni e capacità di influsso come se fossero dei corpi celesti veri e propri (cfr. Bouché Leclercq, op. cit., pp. 1 22- 123). Il testo copto manicheo im­ piega per entrambi il nome del solo nodo ascendente col prefisso n- del plurale e li assimila espressamente ai pianeti in modo da comporre il numero di sette sosti­ tuendo il sole e la luna che sono considerati essere di natura diversa (AM).

1 98

Parte terza - Testi sul mito manicheo

che commettono ogni malvagità e cattiveria (kakfa) in tutte le re­ gioni, superiori e inferiori, in tutta la creazione, nell'umido e nel secco, nei vegetali e negli animali. Inoltre voglio rivelarvi questo in merito ai segni zodiacali. Essi sono suddivisi e disposti su quattro lati (n-sa), tre per ogni angolo; in questi quattro luoghi, comunque, restano inchiodati alla 'sfera' rotante. A uno stesso lato appartengono tre segni: l'Ariete, il Leone e il Sagittario; a un altro lato ne appartengono altri tre: il Toro, il Capricorno e la Vergine; a un altro ancora ne appartengono altri tre: i Gemelli, la Bilancia e l' Acquario; a un altro angolo infine questi tre: lo Scorpione, i Pesci e il Cancro150, Disposti in tal modo vengo­ no assegnati a questi quattro lati e così si distribuiscono entro la 'sfera' . Ora quando il lato dell'Ariete, del Leone e del Sagittario viene depredato dall' Ispettore incaricato di sovrintendere, e da esso e dalle Guide che lo attraversano esige il dovuto.,., in quel mo­ mento la disgrazia si abbatte sui quadrupedi della terra fangosa. Quando viene depredato [il lato del] To[ro], della Vergine e del Capricorno, allora [la disgrazia] [p. 169 Bohlig-Polotsky] colpisce le erbe, gli ortaggi e i frutti degli alberi. Quando poi viene depre­ dato il lato dello Scorpione, dei Pesci e del Cancro, viene a manca­ re l'acqua sulla terra e in ogni paese c'è carestia. Quando infine viene depredato il lato dei Gemelli, della Bilancia e dell'Acquario, si verifica dovunque una perdita e una diminuzione nel sigillo dell'umanitàm. Ecco, vi ho insegnato che le dodici costellazioni zodiacali sono state formate dai cinque mondi delle tenebre e incatenate alla 'sfe­ ra' . Vi ho insegnato altresì che pure i cinque pianeti sono venuti 1 50 Entro il circolo zodiacale suddiviso in 12 settori corrispondenti ai 1 2 segni nella normale successione, questi ultimi vengono raggruppati in «trigoni>>, cioè uno ogni quattro (AM). 151 Continua la metafora deii'Esauore fiscale, che esige dai pianeti (le ) e dalle costellazioni un ceno «pagamento>> rivolgendosi o all'uno o all'altro dei quattro «lati>> della sfera. 1.12 L'astrologia manichea riprende a suo modo il diffuso tema mitologico delle calamità naturali provocate da mostri o giganti: in questo caso, essendo gli astri (le costellazioni malvagie) i responsabili dei processi naturali, come in tutta la conce­ zione tardoantica, gli scompensi derivanti dai «pagamenti>> richiesti dall'Esattore producono carenze di vario genere a seconda del settore cui è legata una certa con­ figurazione astrale. Qualcosa di simile si trova negli Atti di Archelao, 9: gli arconti irritati per non poter afferrare la seducente immagine del Terzo Inviato provocano pestilenze e terremoti (AM).

Astrologia numichea

1 99

fuori dai cinque mondi delle tenebre. Vi ho spiegato che ci sono i due Nodi, che rappresentano il mistero del Fuoco e della Libidine, cioè il secco e l'umido, il Padre e la Madre. Inoltre vi ho rivelato che il Sole e la Luna non hanno niente a che vedere con costoro, ma siccome in conformità al piano predestinato della salvezza (t­ ananke ent-oikonomfa) assumono la luce e sono deputati a depreda­ re [gli altri], per questo motivo vengono assommati nel numero di quelli . Giacché, il Sole e la Luna discendono dalla Grandezza e non vanno annoverati fra i pianeti o le costellazioni»"3• Testo nr. 35 (Capitolo 70, ed. Bohlig-Polotsky, pp. 1 69- 1 75; lingua: copto; tr. FC)

SUL CORPO IN QUANTO SIMILITUDINE DEL COSMO (p-eine mpe­ k6smos)

[p. 169 Bohlig-Polotsky] Un' altra volta, mentre l' Apostolo [scii. Mani] sedeva nella comunità (ekklesfa) nel mezzo dell'assemblea, disse ai suoi discepoli: 'Tutto questo universo (k6smos) nelle sue parti superiori e inferiori, corrisponde all' immagine (eine) del cor­ po dell' uo[mo, e la] costituzione di questo corpo di carne corri­ sponde [p. 1 70 Bohlig-Polotsky] all'immagine dell'universo. La sua testa è a immagine della cima (aparche1 delle cinque VestP3-4. Dal suo collo in giù fino al luogo del cuore [l uomo] è ad immagine ai dieci firmamenti . Il cuore invece corrisponde al cerchio della 'sfe­ ra' rotante. Dal suo cuore in giù fino ai diaframmi [?] è ad immagine all'aria (aér) che dalla sfera scende verso la terra e a questa Grande Terra corrispondono i genitali. Dal suo diaframma in giù fino ai fianchi corrisponde alle tre Terre. Le gambe, poi, sono a immagine '

m Per questa ragione il sole e la luna erano oggetto di un vero e proprio culto da parte dei manichei (cfr. testo nr. l p. 92 H.-K.), che cosi recuperavano all' interno della loro religione un' antica usanza orientale, scandalizzando invece molto i cristiani (AM). "4 Le 'Vesti' preparate dallo Spirito Vivente, o secondo altre versioni da lui stesso «indossate>>, sono in effetti 3 (vento, acqua e fuoco, cfr. testo nr. 27 e testo nr. 39 p. 62 Sundermann): esse circondano l'intero cosmo e di conseguenza arri­ vano anche alla sommità, alla 'cima' del mondo immaginato come una costruzio­ ne. Non è chiaro come mai le Vesti diventino qui 5: per una possibile spiegazione cfr. Demaria, op. cit., p. 61 (AM).

200

Parte terza - Testi sul mito manicheo

allo spazio in cui sta Atlante (Omoph6ros), mentre le piante dei piedi corrispondono alla Grande Terra su cui poggia Atlante e ai quattro punti di fissaggio dei suoi [scii. dell 'Omoforo] piedi155• Il suo fegato è a immagine del traghetto del fuoco, la sua carne è a imma­ gine del traghetto dell'oscurità, il suo sangue è a immagine del tra­ ghetto dell'acqua. In tal modo il piccolo corpo (pe-koui n-soma) è ad immagine del Macrocosmo (pe-nac n-k6smos) con i suoi cieli (steréoma), le sue strutture, i suoi monti, i suoi muraglioni e i suoi traghetti, come appunto vi ho mostrato•S6. Voglio poi rivelarvi ancora questo. Nella grande Fascia (z6ne) esteriore [alla Terra] si trovano cinque grandi piazze d'armi (pa­ rembolé), sulle quali hanno il comando supremo i cinque Figli dello Spirito Vivente157• Nel primo Corpo di guardia in alto, posto agli ordini del Custode dello Splendore, alla sommità dell'universo, estende il suo controllo (exous{a) sui tre cieli [superiori]u8 che sono m L'edificio del macrocosmo presenta dunque dall'alto in basso: (a) una 'ci­ ma' costituita dalla sommità delle tre 'Vesti'; (b) i dieci cieli; (c) la sphaira con i pianeti e le costellazioni; (d) tre Terre superiori sostenute da Atlante (il nome gre­ co è attestato solo nelle formule ecclesiastiche di abiura che i manichei convertiti al cattolicesimo dovevano recitare; i testi copti lo chiamano Omoph6ros, cioè «Colui che sorregge sulle spalle», nei testi iranici non viene nominato, cfr. supra n. 8 1 ), il quale a sua volta poggia i piedi sulla nostra terra; (e) la Grande Terra, cioè quella su cui viviamo (sotto di essa ce ne sono altre 4, dato che le terre nella cosmologia manichea sono in tutto 8, cfr. testo nr. 1 5 p. IO A.). Nel microcosmo umano ciò corrisponde rispettivamente: (a) alla testa; (b) al collo e al torace; (c) al cuore; (d) alle gambe; (e) ai piedi o ai genitali (AM). tS6 La tesi della corrispondenza simbolica fra la struttura dell'uomo e quella dell'universo è centrale nel manicheismo e rappresenta l'eredità di cultura diverse nelle quali è ugualmente attestata, pur tenendo conto delle specificità di ognuna. Si trova anzitutto nell'immagine dell' Uomo cosmico della religione indo-iranica (il Purusha dei Veda e il Gayomard dell'Avesta); poi nella simmetria fra microcosmo e macrocosmo della medicina greca e del Timeo di Platone; anche nello gnostici­ smo ermetico l'uomo è ad immagine del cosmo, che a sua volta è a immagine di Dio, cfr. C.H. VIII, 5; XI, 1 5 (AM). 157 Sulla metafora cfr. n. 1 27. Ogni parembolé corrisponde a un settore cosmico ed ha come quartiermastro generale uno dei 5 Figli dello Spirito Vivente; agli or­ dini di ogni quartiermastro c'è un reparto di sorveglianza, un picchetto o una guarnigione collocati in una specie di torretta o di caserma (il «corpo di guardia», ouershe) in un determinato punto del campo trincerato, probabilmente all'entrata. Questi reparti sono composti in tutto o parzialmente da arconti prigionieri, allo stesso modo in cui proprio in quel periodo storico gli Imperatori romani usavano reclutare nel loro esercito i Goti sconfitti in battaglia; ma esattamente come acca­ deva nella realtà storica, questa prassi poteva dare adito a inconvenienti (AM). 158 Anacoluto nel testo. I lO cieli posti fra la sommità e le tre Terre che stanno immediatamente sopra la nostra sono divisi in due sezioni: i primi 3 (dall'alto) e i

Astrologia manichea

201

sotto di lui [ . . . ] del grande Re dell'Onore. Il secondo Corpo è al comando del grande Re dell'Onore, il cui controllo si estende sui sette cieli inferiori. Il terzo picchetto è [al comando di] Adamàs; [il suo controllo] [p. 1 71 Bohlig-Polotsky] si esercita dal firmamento fino alla terra e conformemente alla sua autorità rende fertile [ ?] la 'sfera' , i mondi (n-k6smos) dell' aria e gli altri quattro fissati su questa terra. Il quarto posto di guardia, su cui comanda il Re della Gloria sono le tre ruote; egli però esercita il suo comando sulle tre Terre sorrette dal capo dell'Omoforo. Il quinto Corpo è quello sot­ toposto al comando dell' Omoforo, ed egli conformemente alla sua autorità controlla la Grande Terra su cui poggia ed i quattro punti di fissaggio che sono ai suoi piedi. Ora, certe volte si sono verificate delle calamità in queste cinque guarnigioni. È nel settore sottoposto al Custode dello Splendore che il p[eccato] sgorgando fuori si levò in direzione dell'immagine (eik6n) del [Terzo] Inviato, ma fu tenuto lontano da quel luogo e con vergogna rifluì in basso1s9• Sommossa e defezione si verificò nella Guardia del grande Re dell'Onore, dove erano inquadrati i Veglianti (Egrégoroi), che si sollevarono allorché [ . . . ] e discesero coloro che erano stati mandati per umiliarli 1 60• Nel settore control­ lato da Adamàs invece avvenne la caduta degli aborti dai quali si formarono le creature della carne161 • Anche nel Corpo di guardia al successivi 7 (verso il basso): sui primi comanda il Custode dello Splendore, sugli altri il Re dell'Onore (AM). 1 s9 Cfr. testo nr 30 p. 1 37 B.-P. 160 Allusione al mito narrato in l Enoc, 6, secondo cui 200 angeli appartenenti a un reggimento della Guardia divina incaricato di far servizio notturno (i «Veglian­ ti>>, aram. 'irin in Daniele, 4. 14) disertano e scendono sulla terra per amoreggiare con le donne mortali; ne nascono i Giganti che sono i primi autori del male nel mondo. Questo mito era certamente più antico alla redazione di Genesi, 6, che ne dà una versione evasiva e poco chiara, ed era al centro della speculazione sull'origine del male nei gruppi esoterici giudaici fra i quali nacque la letteratura apocalittica. Mani senza dubbio lo conobbe fra gli elcasaiti, e lo riciclò nel suo si­ stema mitologico facendo dei Veglianti un gruppo di arconti «confinati» nei 7 cieli sopra le terre e inquadrati forzatamente nella Guardia del comandante in capo del settore, il Re dell'Onore. Da qui essi poi, secondo la versione manichea, abbando­ nano il posto di servizio e scendono sulla (nostra) terra, dove poi saranno puniti o «Umiliati>> (AM). 161 Anche il mitologema della «seduzione degli arconti>> viene inserito nel qua­ dro cosmologico di questo Capitolo: le diavolesse incinte che abortiscono alla vi­ sta del Terzo Inviato (cfr. testo nr. 28 p. 1 83 B.-P.) si sarebbero trovate nel settore dell'universo controllato da Adamàs, cioè nell'atmosfera che sovrasta le terre, do­ ve quindi gli «aborti>> precipitano trasformandosi in animali (AM).

202

Parte terza - Testi sul mito manicheo

comando del Re della Gloria, in quelle tre Terre che si trovano al di sopra dell'Omoforo, ci furono dei sommovimenti: il cammino e l' ascensione delle tre ruote, del vento dell'acqua e del fuoco, ne ri­ sultarono impediti. Infine nel posto di controllo dell'Omoforo i fis­ saggi inferiori si staccarono e si rivoltarono contro i loro legami, sicché in quel settore si verificò un grande terremoto. Così come questi cinque Corpi di guardia si trovano saldamente [collocati . . . in] queste cinque grandi piazze d'armi, delle quali [p. 1 72 Bohlig-Polotsky] vi ho testé parlato, analogamente succede anche con questo involucro somatico che gli Eletti hanno addosso. Anche in esso ci sono cinque acquartieramenti posti sotto il co­ mando dell' Intelletto di Luce (pe-nous n-ouaine) e dell'Uomo Nuo­ vo che lo accompagna 162 . L' Eletto che governa, domina, guida ver­ so il bene l 'aspetto del suo volto (nella parte alta del corpo) è come il mistero (mystérion) del Custode dello Splendore, il comandante in capo della Guardia acquartierata al di sopra della Fascia. Colui che governa e domina il proprio cuore è ad immagine del grande Re dell' Onore, che tiene sotto controllo i sette cieli. Colui che è si­ gnore del proprio grembo e padroneggia i propri impulsi sessuali (ntef-epithymfa), corrisponde al mistero dell' Adamàs di Luce che domina la materia (hyle). Colui che tiene sotto controllo il proprio stomaco e padroneggia il fuoco in esso presente, e inoltre purifica in cibi in esso introdotti, è ad immagine del Re della Gloria, che mette in moto le Ruote e manda in alto la Vita. Colui che riesce a comandare alla massa di arconti che stanno giù dentro ai suoi piedi e li incatena con la catena della pace (eiréne) assomiglia all' Orno­ foro, che padroneggia gli abissi con le piante dei suoi piedi. L' inse­ gnamento della sapienza (te-sbO ntete-sophfa) che circonda un si­ mile corpo è ad immagine della Vergine di Luce (te-parthénos mpe-ouaine) che si muove su e giù nella Fascia superiore e inferio­ re1 63. L'amore e la gioia (p-agape men te-reshe), la fede e la verità (pe-nahte men te-mee) nelle quali l'uomo vive, assomigliano ai due vascelli della Luce; giacché l' Anima vivente (te-psyché et-anh) tra­ sportata da loro risale in alto, esce dagli abissi inferiori e raggiunge le altezze superiori. Imparate poi anche questo. Nel presente corpo di c[ame] esisto162 Su queste figure v. testo nr. 38. 163 La Vergine di Luce costituisce all' Intelletto di Luce (AM).

una triade insieme a Gesù-di-Splendore e

Astrologia manichea

203

no quattro mondi (k6smos) e vi sono sette arconti nell'ambito [let­ tera/m. «nel corpo»] [di questi quattro] mondi. Il primo dei m[ ondi si estende dalla] [p. 173 Bohlig-Polotsky] nuca in su. Questi sono i sette arconti che si trovano in tale mondo superiore: i due organi della vista, i due organi dell' udito, i due organi dell'olfatto e ultimo la bocca, organo del gusto. [Il] secondo dei mondi va dalla nuca in giù fino al petto intero. I sette arconti situati in questo secondo mondo sono le [due] braccia poste in corrispondenza delle orecchie che stavano nel mondo superiore, le due mammelle in corrispon­ denza delle sue narici, i due occhi del cuore e la cavità dello stoma­ co posta fra le due mammelle, che nel torace corrispondono alla bocca. Anche nel terzo dei mondi del corpo ci sono sette arconti, e cioè il grasso, il polmone, la milza, il fegato, la bile e i suoi due re­ ni. Parimenti nel quarto dei mondi, [più] in basso, ce ne sono altri sette dello stesso genere: le due natiche, i due testicoli, i due fianchi e il membro (pe-mélos), dal quale fuoriesce lo sperma generatore di tutte le forme (morphé)». L'Illuminatore (phostér) proseguì [dicendo] ai suoi ascoltatori: «L'Ariete, il Toro, i Gemelli, il Cancro, il Leone, la Vergine, la Bilancia, lo Scorpione, il Sagittario, il Capricorno, l'Acquario e i Pesci sono i dodici segni zodiacali situati nei mondi celesti che so­ no nella 'sfera' , essendo attaccati e vincolati a questo cerchio ro­ tante a cui [ ... ] incastrati e [ .. ]. Ora, vedete, tutti questi dodici segni zodiacali furono disposti e investiti di un potere [ .. ] nella 'sfera' sotto il cielo, che è la ruota dei [pianeti]. In questo modo sono stati disposti. Sono stati messi in una fila in modo che tu trovi la testa d[ ... ] e tu trovi la coda [ .. ] . Ecco come vanno le cose anche con co­ storo [ .. ], [p. 174 Bohlig-Polotsky] dei quali vi ho parlato, nel loro reciproco rapporto con questo corpo. Li indichiamo uno per uno [cominciando] dalla testa [fino] i piedi. La sua [scii. dell 'uomo] te­ sta è l'Ariete; il suo collo e le sue spalle sono il Toro; le sue due braccia sono i Gemelli; il suo esofago [ ?] è il Cancro; il suo stoma­ co è [il] Leone; il suo cuore è la Vergine; la spina dorsale della so[stanza materiale ?] e i suoi diaframmi [ ?] sono la Bilancia; il suo grembo è [lo] Scorpione; i suoi fianchi sono il Sagittario; le sue ginocchia sono il Capricorno; le sue gambe sono l'Acquario; le sue piante dei piedi sono i Pesci. Essi sono distribuiti e messi in rela­ zione l'uno con l' altro. Essi si trovano in questo corpo piegati da un lato e inclinati a somiglianza di quei dodici segni dello Zodiaco; sono messi fra di loro in un ordine simmetrico, la testa contro la .

.

204

Parte terza - Testi sul mito manicheo

coda, esattamente come si trovano nel Cerchio zodiacale. [ ... ] Inol­ tre vengono contati in base al numero del corpo e di tutte le sue membra164• Quando abbiamo detto che sono piegati da un lato e in­ clinati e sparsi, intendevamo questo: dalla sua testa giù giù fino ai lombi se ne contano sei alla sua sinistra e sei alla sua destra. I sei alla sua destra, dall'alto in basso, ve li nomino: la palpebra destra è l'Ariete; la sua spalla destra è il Toro; il suo braccio destro sono i Gemelli; le sue costole di destra sono il Cancro; il suo stomaco è il Leone; il lato destro del suo [ ... ] è la Vergine. Quanto agli altri [sei] dei quali vi ho parlato, cioè quelli che si trovano alla sua sinistra, si susseguono parimenti dai lombi alla testa: la sua [ ... ] sinistra è la Bilancia, le sue costole di sinistra sono lo Scorpione; la parte sini­ stra del torace e il rene di sinistra [sono il] Sagittario; il suo gomito [sinistro] è il Capricorno (p. 175 Bolzlig-Polotsky]; la sua spalla si­ nistra è l'Acquario; la sua palpebra di sinistra sono i Pesd65• Così il Creatore del corpo (pe-demiourg6s mpe-soma) li ha disposti e ordi­ nati in posizione simmetrica ognuno rispetto ai suoi compagni, la testa da un lato e la [coda] dall'altro». Proseguì ancora dicendo: «Ascoltate anche queste parole che vi rivolgo. Ci sono molte potenze in questo corpo, che lo inabitano e lo dirigono. Ottocentoquaranta volte diecimila arconti spadroneg­ giano nel corpo dell'uomo, risiedendovi in tutta la sua estensione, a quattro a quattro per ogni casa (oikos). Il numero complessivo delle loro case è di duecentodieci volte diecimila. Quando tutti questi ar­ conti, strisciando e girovagando all' interno del corpo, giungono a incrociarsi, si distruggono e si annientano l'un l'altro e [ ... ] là in lo164 L' associazione delle diverse pani del corpo umano a determinati corpi cele­ sti era un argomento di fondo dell' astrologia el lenistica, sotto il titolo di melo­ thesfa. Esisteva sia una melotesia zodiacale, come nel presente testo che riprende gli abbinamenti già noti (cfr. Bouché Leclercq, op. cit., pp. 3 1 9-320), sia una me­ lotesia planetaria. In ambiente egizio era nota anche una melotesia dei «decani» (entità astrali che presiedevano ognuno a IO gradi dell'eclittica e non a 30 a diffe­ renza dei segni dello zodiaco greco). Le dottrine gnostiche di area setito-barbelita (ma probabilmente anche altre) riprendevano questa tema identificando le costel­ lazioni o i decani egizi con gli «arconti» che formano il corpo di Adamo imitando l'immagine dell' Uomo di Luce (Apocrifo di Giovanni, NHC II, 1 5- 1 7) (AM). 16s Questo secondo quadro che associa le pani del corpo a coppie simmetriche si segni zodiacali rispecchia uno sviluppo tardo dell'astrologia attestato in Doroteo di Sidone e Firmico Materno: la cosiddetta teoria degli antiskid (letteralm. i segni che «si fanno ombra uno di fronte all'altro»), cfr. al riguardo Bouché Leclercq, op. cit., p. 1 6 1 . Il redattore manicheo ha voluto con ciò dare una dimostrazione della sua professionalità e competenza (AM).

Astrologia manichea

205

ro. Quando l[e Potenze . ] una dopo l'altra escono fuori dal corpo dell' uomo moribondo e gli producono tumori maligni e piaghe lan­ cinanti nel corpo, sia dando luogo a malattie interne all'organismo sia più frequentemente colpendolo dall'esterno. Allora normal­ mente quelle piaghe si restringono, secernono il loro siero e i loro liquidi purulenti fino al momento in cui [ . ] il pus [ ?] viene estratto dalla piaga. Fatto questo le loro [scii. degli uomini] piaghe si estin­ guono, guariscono e [così] torna la salute nelle zone corporee dalle quali essi [scii. gli arconti] se ne sono andati)). ..

..

L'ULTIMO DIO

Testo nr. 36

(Fr. M 2, ed. Andreas-Henning III, pp. 849-853; lingua: partico; tr. PC)

LA PREGHIERA E LA SUPPLICA DI TUTII GLI EONI (shahran) [p. 849 Andreas-Henning] ( ... ) Di nuovo gli Dei (bagdn) amanti della guerra conducono e guidano coi loro ordini i propri Eoni e quanto della loro stessa natura hanno fatto sorgere e deposto sulla Grande Terra 166 nel Nuovo Eone (nawag shahr) e li lasciano [p. 850 Andreas-Henning] stanziarsi colà, come nomadi che, [spostandosi] da un luogo all'altro con tende, cavalli e beni, impiantano e tolgono [i loro accampamenti]. Però, quell'energia luminosa (zawar roshn) che a tal punto è me­ scolata con la tenebra da non poter esserne nuovamente divisa non è 'di natura uguale' a quella [che si salva]. Poiché fin dall' inizio [quell 'energia luminosa] conosceva quale esistenza le era stata de­ stinata, per questo non è definita 'di natura uguale' a quella [che si salva]. E viceversa, quei Cinque Esseri luminosi 167 che durante il combattimento primordiale avevano rivolto al Dio Ohrmezd la pre­ ghiera: «Non abbandonarci nel corpo delle tenebre, dacci forza, mandaci un aiuto !» e ai quali il Dio Ohrmezd aveva promesso: «Non vi lascerò in mano alle potenze delle tenebre» ... ebbene [quei Cinque Elementi] non rappresentano il potere che pensa: «Per me la mescolanza originaria con l'oscurità produce una corruzione e un peso tali che non posso io più liberarmi e separarmi dalla tene­ bra... » ; sono piuttosto come quell'energia luminosa, [p. 851 An166 S'intende la sostanza luminosa delle anime umane. La denominazione «Grande Terra» designa solitamente il nostro pianeta, cfr. testo nr. 35 p. 1 70 B.-P. (A�U I 5 Figli del Primo Inviato, caduti in potere delle tenebre e finalmente recu­ perati con la totalità dell'Anima (AM).

208

Parte terza - Testi sul mito manicheo

dreas-Henning] la quale invece pensa così: «La mia mescolanza è tale che, con l'aiuto del Dio Ohrmezd e dei suoi fratelli, io posso venir purificata e salvata» 1 68 • ( •••) M a gli Dei non si preoccupano per quel poco di luce mescolata con le tenebre che non può venime separata, perché a loro la preoc­ cupazione non si confà. Al contrario non fanno che gioire, sia per la costante serenità e felicità loro propria, sia perché hanno sconfitto e imprigionato Ahnnen con tutte le sue forze ostili. Per questo essi solo per un breve periodo si sono tenuti di sotto l'abito della gioia, mentre per fuori apparivano in assetto di guerrieri, irrigiditi nelle loro armature. Dopo averlo imprigionato [scii. Ahrmen] nel carcere della dimenticanza l"p. 852 Andreas-Henning] ed essersi impadro­ niti del potere, sono di buon animo, allegri e felici, perché non c'è più nessuno ormai che possa recar loro danno. Allorché tutti [gli Dei] amanti della guerra si saranno riposati qualche tempo nel Nuovo Eone, quando pure quella minima parte di terra luminosa e di montagne [ ?] donde era stato tratto del mate­ riale per la costruzione del Nuovo Eone sarà stata restituita169, quando l ' Ultimo Dio (istomen yazd) si sarà eretto in tutta la sua possente statura e quando gli Dei combattenti e i Cinque Esseri lu­ minosi saranno guariti dalle loro ferite, allora tutti i Gioielli, gli In­ viati e gli Dei amanti della guerra si leveranno in alto e compari­ ranno fra preghiere e suppliche alla presenza del Signore del Para­ diso: primo il Dio Ohrmezd e l'Ultimo Dio, [poi] la Madre dei Giu­ sti (ardawan mad), l'Amico delle Luci (jrih roshn), il Dio Narisaf, il Dio [Colonna di] Gloria (bamyazd), lo Spirito Vivente (wad zhiwandag), Gesù-di-Splendore (YishO ziwa), la Vergine di Luce (kanig roshn) e il Grande Intelletto (manohmed wuzurg). Questi Padri luminosi in compagnia di Dei, angeli ed eoni (bagan, fresh­ tagan ud shahran) [andranno] con un solo pensiero (pannanag), con un solo inno di lode, con una sola voce, un solo discorso, un

168 Era previsto fin dall'inizio che una piccolissima porzione di luce (cioè di anime umane) andasse perduta condividendo la sorte della tenebra, ma tale prede­ stinazione riguardava solo la quantità astratta: le anime che di fatto faranno questa fine sono quelle di coloro che hanno disperato della salvezza e non hanno accolto l'invito alla fede e alle opere portato dalla Chiesa (AM) 169 A quanto pare alla fine del mondo anche il Nuovo Eone che fungeva da sog­ giorno provvisorio per la luce man mano liberata dalle tenebre diventa superfluo e viene quindi smantellato: la luce impiegata (dal Secondo Inviato) per edificarlo si trasferisce con tutto il resto nel mondo divino (AM).

L 'ultimo Dio

209

solo desiderio. Eleveranno la loro voce nella preghiera [p. 853 An­ dreas-Henning] e nell'adorazione del Grande Gioiello Sroshiiw110, il Dio originario, giusto, altissimo fra gli Dei, e gli diranno: «Tu, tu sei il Padre della Luce, tu esisti da sempre, fin dall'eternità: la tua signoria non potrà mai andare distrutta. Anche quel peccatore che si è gloriato falsamente e si è levato a combattere contro la tua Gran­ dezza è stato fatto prigioniero e rinchiuso in un'enorme tomba dalla quale non uscirà mai più. E la terra, la sede del Nemico, l'abbiamo devastata e spianata, costruendovi sopra il luminoso edificio del Nuovo Eone. Tu non hai più nemici o rivali: la vittoria eterna è tua. Ma ora vieni ed abbi compassione di noi: svelaci la tua immagine raggiante (padgirb nisag), la più meravigliosa delle apparizionP7., per noi che desideriamo tanto volgerei verso di essa e grazie ad es­ sa esser lieti e felici; giacché in verità per tanto tempo ne abbiamo avuto nostalgia!». Allora [ ... ] il Signore del Paradiso

170 Altra denominazione iranica del Padre di Grandezza, oltre a Zerwan. 103 B.-P.

171 Cfr testo nr. 25 p.

PARTE QUARTA Testi dottrinali

Tav. VI: Monete sassanidi con l'effige di sovrani. Dall'alto in basso: Ar­ taserse I, Sapore I, Ormisda l, Bahram l.

IL DUALISMO DI ANIMA E CORPO

Testo or. 37

(Fr. M 9, ed. Andreas-Henning Il, pp. 297-300; lingua: mediopersiano; tr. PC)

Questo frammento di Tuifan ci dà esempio molto istruttivo di come il manicheismo avesse saputo esprimere il proprio contenuto di pensiero non solo attraverso il mito ma anche attraverso una formulazione concettuale p rettamente filosofica. L 'argomento è qui analogo a quello trattato da Agostino nel De duabus animabus: il dualismo manicheo, infatti, non è semplicemente fra l 'anima come entità spirituale, da un lato, e il corpo come puro dato anatomico, dall'altro, perché il corpo oltre alla sua materiale corporeità con­ tiene anche uno «spirito», ovviamente uno spirito perverso che guida le manifestazioni maligne del corpo, soprattutto l 'aggressivi­ tà e la concupiscenza'. È appunto questo «spirito del corpo» il re­ sponsabile del fatto che l 'anima, una volta avvenuta la sua mesco­ lanza con la corporeità, ne assume o ne subisce anche le connota­ zioni «psicologiche» e non soltanto il mero involucro somatico e diventa a sua volta incline al male, debole nell 'esercizio della li­ bertà (che i manichei non negavano ma solo ritenevano fortemente indebolita dalla mescolanza). D'altro canto, però, l 'autore di que­ sto scritto sottolinea che proprio l 'esperienza involontaria del male consente all 'anima di riconoscere l'esigenza del bene e della con­ versione. Per quanto possibile si è cercato di riportare nella tradu­ zione i concetti filosofici chiave dell'esposizione (AM). [p. 297 Andreas-Henn ing] [ ... ] ciò che è interamente mescolato con il male, ed è [anche] temporaneo, finito, transitorio. Ma i saggi e gli interpreti delle nonne religiose sono capaci di riconoscere nel 1 Questo tema viene dalla nozione gnostica di «spirito contraffatto>> in quanto l'opposto malefico, benché ugualmente immateriale, dello spirito divino: cfr. Apo­ crifo di Giovanni, NHC Il, 26; Pistis Sophia, 1 1 1 - 1 1 6 (AM).

Parte quarta - Testi dottrinali

214

bene (nekih) limitato, temporaneo e contaminato della terra il bene senza limiti, atemporale e incontaminato [p. 298 Andreas-Hen­ ning] del paradiso (wahisht). Allo stesso modo, l'esistenza del male (anagih) smisurato e senza limiti dell'inferno si intravvede e si riconosce sulla base del male misurato e limitato della terra2• Se sulla terra il bene e il male, misurati e transitorii, e la mescolanza dell'uno e dell'altro non potessero essere visti, non potrebbe sorge­ re nella mente di nessuno il desiderio di stare lontano dal male e di andare verso il bene3• E se l'anima (gyan), mediante la conoscenza che essa possiede attraverso diecimila rinascite, non vedesse [ ... Ma quando l'uomo] non vede il vantaggio che deriva dal riconoscere il bene eterno, atemporale e incontaminato, allora gli sono necessari un capo e una guida che gli mostrino la via ed il sentiero che [con­ duce] a salvarsi dal male e a dirigersi verso l'anima (gyan), cioè verso il bene eterno, incontaminato e immutabile. Ad ogni modo nessuno dovrebbe dire: «Dal momento che la co­ noscenza (danishn) non può pervenire al genere umano se non at­ traverso queste 'porte' (daran), in merito alle quali sopra ho scritto, allora in ogni religione tali porte dovrebbero essere giuste [p. 299 Andreas-Henning] (riguardo alla conoscenza e cose simili) e do­ vrebbero essere identiche»•. A tale proposito io risponderei: «In molti punti del presente scritto si è precisato che è la mescolanza dell 'anima con la mortalità [ ?] che è la causa del grado, ora mag­ giore ora minore, di conoscenza da parte dell'anima»� [ .. ]. [ . ] Il fatto che [lo spirito del corpo] sia della stessa sostanza (hamgohr) del corpo (tan) risulta manifesto da quanto sopra io ho .

..

2 Viene formulato in questo passo un pensiero molto simile al concetto teologi­ co cristiano medievale dell' «analogia>>: gli enti sensibili consentono un'inferenza razionale sulle realtà soprasensibilli (AM). 3 Si afferma qui la funzione salutare svolta dal cosmo e dall'esperienza terrena, nonostante la sua negatività, ai fini della salvezza (AM). Se la conoscenza della verità non può se non passare attraverso le «pone)) co­ stituite dall'insegnamento di Mani, allora anche le altre religioni avrebbero dovuto avere un insegnamento simile al suo, dato che non possono essere tutte false. L'autore obietta che, per quanto in teoria tutti potrebbero accedere alla conoscenza della verità, tuttavia il maggiore o minor grado di mescolanza col male determina nel soggetto pensante una maggiore o minore incapacità di coglierla; quindi il ma­ nicheo, nel quale la mescolanza è minima, può disporre di una conoscenza del ve­ ro �iù adeguata (AM). La traduzione di Henning è all'inverso: «d fl die (jeweils) groflere und gerin­ 4

a

gere Erkenntnisstufe der (Menschen)seele die Ursache ist (fiir den Grad der) Vermischung usf»..

Il dualismo di anima e corpo

215

scritto e dagli illuminati interpreti delle nonne della religione. Inoltre, poiché queste due [entità], tanto la corporeità quanto lo spi­ rito (menogih) corporeo, sono entrambe oscure, incapaci di cono­ scenza e dannose, e poiché sono un'unica cosa e formano la realtà e la natura del corpo (astfh ud mayag i tan), ci si dovrebbe chiedere: che cosa sono allora la sostanza e l'essenza dell'anima (gyan chwad gohr ud ce 'onih)? Ora, siccome la sostanza e l'essenza del­ l'anima sono stati chiariti in molti luoghi di questo scritto, allora non si può mettere in dubbio questa tesi (danistan): cioè che l'anima è essenzialmente distinta dal corpo [p. 300 Andreas-Hen­ ning], però nel corpo è si è mescolata, fusa e legata con lo spirito del corpo (menogih i tan), che è collera, concupiscenza (az) e sen­ sualità, di modo che [.. ] [ .. ] Tra entità che hanno la medesima sostanza (ewgohrih) non può esserci mescolanza, fusione e legame. Facciamo l'esempio dell' argento puro, [puro] per il fatto d'esser uno e incontaminato: esso non presenta alcuno stato di mescolanza, fusione o lega se è congiunto a entità che gli sia identica (come appunto l' argento che è identico all'argento). Quando però l'argento viene mescolato con il rame oppure con altro metallo, allora la mescolanza, la fusione e la lega di esso con tale metallo diventano manifeste, così come in una dracma (drachm) di rame o in un sitol [che siano mescolati con l 'argento]. Allo stesso modo e alla stessa maniera in cui l' argento è legato al rame, così l'anima è legata alla forza (istabrih) e alla corporeità (tanigirdih) del corpo (cioè alle ossa, alla carne, alla pelle, al respiro [ ... ] e agli escrementi), mediante i vincoli (band) dello spirito (menogih) [del corpo ]. .

.

...

6 Nome di una moneta falsificata.

LA TRASFORMAZIONE DELL'UOMO VECCHIO IN UOMO NUOVO

Testo nr. 38

(Capitolo 38, ed. Bohlig-Polotsky, pp. 89- 1 02; lingua: copto;

tr.

FC)

Grazie alla fede in Gesù Cristo dobbiamo far morire in noi / '«uomo vecchio», illuso dai desideri della carne (epithymia), e ri­ vestirei dell '«uomo nuovo», che vive secondo l' «intelletto» (noOs). Questa metafora deuteropaolina (Ef. 4.22-24 e Col. 3.9-IO)fo lun­ gamente meditata da Mani e gli offrì un 'indicazione di fondo per la comprensione della vita morale e dei processi psicologici che in essa si esplicano. Contrariamente alle comuni interpretazioni gno­ stiche che puntavano sull '«escatologia realizzata» (la salvezza si ottiene subito e una volta per tutte nel momento dell 'accettazione della gnosi), il manicheismo, qui più vicino alla mentalità morali­ stica del giudaismo e del giudeocristianesimo, vede questa tra­ sfonnazione come un processo sempre aperto, durante il quale l ' Uomo Vecchio continuamente si ribella e deve venir dominato o reso inoffensivo dall 'Uomo Nuovo, ciò che avviene grazie all 'ausi­ lio offerto dall 'Intelletto di Luce (Gesù). Nel presente testo il tema della costante minaccia di ribellione dell 'istinto malvagio entro l'uomo viene messo in parallelo con la vicenda mitologica narrata nell 'apocalittica giudaica (anzitutto nel Libro di Enoc) in cui gli angeli «Veglianti» della Guardia divina si ribellano e abbandona­ no il servizio attratti da/fascino peccaminoso delle donne terrestri, e con loro generano i Giganti, responsabili del male nel mondo. Poiché Mani stesso aveva rivisitato a suo modo la celeberrima sto­ ria nel suo Libro dei Giganti, W. Sundennann suppone che il Ca­ pitolo copto risalga proprio a quell 'opera e sia quindi da conside­ rarsi cronologicamente anteriore al trattato partico riportato più avanti (AM).

218

Parte quarta - Testi dottrinali

SULL'INTELLETIO DI LUCE, L'INVIATO E I SANTI [p. 89 Bohlig-Polotsky] Un'altra volta un discepolo parlò al­ l' (Apostolo] e gli disse: «Tu ci hai detto che l'Intel[letto di Lu]ce (pe-no[us n-ou]aine) è colui che viene indossando i Santi (nen-et­ ouabe) [come vestito] '. [Tu ci hai parlato] in questi termini : uno de­ gli Dei è quello [ ... ] numerosi Dei sono presso di lui. Ci hai inoltre detto che quando egli entra [nel corpo] di carne incatena l ' Uomo Vecchio tramite i suoi cinque intendimenti (n-sàgine) [po]nendo i suoi cinque intendimenti nelle cinque parti [del suo] corpo. Ed ora dove si trova? Giacché, l'Uomo Vecchio se ne rimane bloccato dentro il corpo; e difatti mi accorgo che a causa sua, dentro questa sua prigione, si verifica di tanto in tanto una rivolta8• In secondo luogo, poi, ti chiedo: se dunque egli è un Dio potente (ou-nac n­ noute) che non conosce mutamento ed è incommensurabile, come può venire a manifestarsi nella piccolezza del co[rpo]? La terza co­ sa che desidero tu mi spieghi [è questa: se] l'Intelletto è puro e mondo [come può coesistere con] l'impurità corporea? [p. 90 Boh­ lig-Polotsky] Quarto [quesito:] se per davvero l'Intelletto di Luce è nei Santi, perché la sua manifestazione non ci è percepibile? Come mai? Quinto [quesito:] desidero che tu mi parli e mi istruisca circa la tua missione (apostole'), giacché non capisco perché mai ti tor­ mentano (thlfbein) e ti perseguitano (di6kein) nel mondo. Ti prego di chiarirmi in modo convincente (péithein) quanto ti ho chiesto». Al[lora] egli disse a quel discepolo: «La mia rivelazione (ta­ apoktilypsis) [intera], che ho disvelato, l'ho annunciata alla mia Chiesa; davanti a te, il solo in [ ... ]». Replicò il discepolo [all' Aposto]l[o]: «Tutto ciò che hai rivelato, tu hai [ ... ] da noi, ma io desidero sapere [ ... ] come è fatto l'Intelletto di Luce». Gli rispose l' Apostolo (p-ap6stolos): «Se io ripeto [ ... ] a te ciò che tu hai già saldamente appreso, e che sono vere tramite quanto 7 L'Intelletto di Luce realizza la sua presenza dentro l'interiorità dei «Santi» (titolo dei membri viventi della Chiesa manichea), i quali quindi gli fanno da in­ volucro, da «vestito», secondo una metafora ricorrente nel linguaggio giudaico e gnostico (AM). 8 L'Uomo Vecchio è solo bloccato, ma non annullato, e pertanto da dentro il corpo egli si «ribella>> alla disciplina morale imposta dell'Intelletto di Luce: tale ribellione in pratica si manifesta nel fatto che pure l'Uomo Nuovo avverte la ten­ tazione della carne e la pressione degli impulsi peccaminosi (AM).

La

trasfonnaz.ione dell 'Uomo vecchio in Uomo nuovo

219

già possiedi, tu saprai ciò che t u [ . . .]. lo, grazie a te, donerò l a vista a chi [già] vede; io farò zampillare la fonte di vita per gli assetati, affinché bevano e viv[ano]))9• L'Apostolo proseguì: «Tutto l' inganno (pldne), quando il Nemi­ co della Luce lo ha costituito, lo ha costituito ad immagine di un essere umano (p-eine n-ou-r6me) 1 0• La testa del mondo (k6smos) è la cima (arché) delle Vesti; il suo collo è il collo delle Vesti ; il suo stomaco sono le cinque espansioni (haplomata) che [ ... ] delle Vesti; le sue costole sono t[utti] i firmamenti (n-steréoma); il suo ombeli­ co [è la] Sfera (splulira) 11 delle stelle e dello Zodiaco. Inoltre, le p[arti] che vanno dal suo ombelico, dal suo [ ... ], sino ai suoi lombi sono [ ... ] che vengono dalla 'Sfera' sino ai [verti]ci dei quattro mondi. I suoi lombi sono [ ... ] in basso [ ... ] sulla testa di Atlante (OmophOros). I suoi [ ... ] fino al suolo sul quale sta l'Omoforo. I suoi stinchi e le sue gambe sono [ ... ] dell' [Omofo]ro e dell'intera Fascia (z.one) 1 2 che appartiene [ ... ]. [p. 91 Bohlig-Polotsky] II suo cuore sono gli uomini; il suo fegato sono i quadrupedi [domestici] ; il suo polmone è la stirpe (génos) degli uccelli che [volano nell' ]aria; la sua milza è la stirpe dei pesci che nuotano nell'acqua; i suoi reni sono il mondo (kosmos) dei serpenti che strisciano sulla terra; la sua epidermide è il muro che [ ... ] circonda le fortificazioni ed il grande fuoco13; la sua [ ... ] il punto di passaggio del grande fuoco; la sua [ ... ] dell'Oscurità; la sua bile è [ ... ]; [il suo] duodeno è l' ampiezza del grande [ ... ] del mondo; le sue vene [ ... delle sor]genti e fonti tutte; i suoi o[cchi ? ... ]; le sue gambe sono il suo . In tale maniera, ciascuno dei mondi nei quali sono fissati i cin­ que Dei sono [ ... ] sono la sua anima (pyché) e la sua vita [ ... ] 14• È il peccatore [ ... ] racchiude 1 5 lo Spirito Vivente e [Secondo] Inviato

9 Sulla metafora della «fonte zampillante>> cfr.

Vangelo di Tommaso, 13, NHC (AM). 1 0 Per questa analogia fra macrocosmo e microcosmo cfr. testo nr. 35 p. 170 B.P. \�M). Cfr. testo nr. 34 p. 167 B.-P. (AM). 1 2 Cfr. testo nr. 34 p. 52 B.-P. (AM). 1 3 Lo stomaco. In tutte le parti del macrocosmo, che sono altrettanti «mondi», sono fissati i 5 Figli dell'Uomo Primordiale prigionieri delle tenebre in seguito al primo combat­ timento: nel microcosmo umano questi 5 Dei sono l' «anima>> o la «Vita» dell'indi­ viduo (AM). Traduzione incerta. II, 34 s.

14

15

220

Parte quarta - Testi dottrinali

(presbéutes) [ ... ] i cinque insonni Guardiani 16• Egli ha [ ... ] il Custo­ de dello Splendore (Phengokatochos), l'Intelletto che è [ ... nel mon]do dell'Intelletto che è lassù in alto 1 7• Egli ha [ ... ] intero della Potenza del ci[elo ? .. che è] in [ ... ] del grande Re dell'Onore, [il quale è la Mente (meue) divina che si trova] nel settimo cielo: egli ha umiliato [ ... ]. Anche Adamàs di Luce, il quale è la Saggezza (sbO) [ ... ] egli diede [ ... ] a cagione della concupiscenza (epi­ thhymfa) egli costitul il Re della Gloria, il quale è il Piano (sàgine) [ . . ] la pazienza riguardo le tre immagini (n-eik6n) del Vento, del Fuoco e dell'Acqua. Gli affidò la [ . ] la malvagità. [ .. ] dell'Orno­ foro che è il Ragionamento (makmek) [ .. .la] Sapienza (sophfa) nel [ ... ] che sta quaggiù. Egli lo rese [ .. ] il fondamento [inferiore . . ] [p. 92 Bohlig-Polotsky]. Inoltre l'Inviato ne purificò i cinque princìpi intellettuali (noera) della Vita, e aggiunse ad essi la Chiamata e la Risposta: diventarono quindi sei tanto i Figli dello Spirito Vivente quanto i Figli dell'Uomo Primordiale; dopodiché, l'Inviato pose in mezzo a loro il Grande Intelletto (pe-nac n-nous) ossia la Colonna di Gloria (pe-srylos mpe-au), l'Uomo Perfetto. Infine fu aggiunto loro Gesù Bambino (lesous pe-lilou), immagine della Parola di Vita (eikOn mpe-segie et-anh), dell'Annuncio e dell'Ascolto. Egli [scii. il Secondo Inviato] fortificò queste piazze d'armi (parembolé), le inferiori e le superiori, di modo che ciascuna di esse fosse ben sor­ vegliata tutt' intorno dai Corpi di guardia e quelli 11 non dessero adito a ribellioni e a insidie nel luogo in cui vengono custoditi. Osserva dunque e guarda19: il Custode dello Splendore è stabilito dentro al Grande Intelletto, nella piazza d'armi (parempoie1 che corrisponde alla parte superiore della prigione degli [arconti] inca.

.

..

.

.

.

1 6 l 5 Figli dello Spirito Vivente, che tengono sotto controllo gli arconti prigio­

nieri (AM). 17 l 5 Figli dello Spirito Vivente sono associati alle 5 parti dell'anima: il Custo­ de dello Splendore all'Intelletto, il Re dell'Onore alla Mente, Adamàs alla Sag­ gezza (Coscienza), il Re della Gloria all'Intendimento (Premeditazione), Atlante al Ragionamento. Questa associazione compare anche nella parafrasi di Teodoro bar Koni, tr. fr. pp. 234-235 (AM). 11 Si intende gli arconti delle tenebre fatti prigionieri, cfr. testo nr. 3 5 p. 1 70 B.P. �AM). 9 In quel che segue si riprende quanto già detto nel testo nr. 35 p. 1 7 1 8.-P.: il mito della «seduzione degli arconti>> , che emettono sperma e sangue alla vista del Teno Inviato e il mito (da l Enoc, 6) della discesa degli angeli sulla terra per unir­ si alle donne vengono collocati entrambi nel quadro della cosmologia manichea. Queste «ribellioni>> mitologiche vengono quindi assimilate alla «rivolta>> dei sensi che si verifica nella vita psichica del microcosmo umano (AM).

La

trasformazione dell 'Uomo vecchio in Uomo nuovo

22 1

tenati, per annullare la tristezza della mor[te]; ma ciò nonostante si verificò una rivolta e un tradimento: il peccato abortì [ ?] e [si av­ viluppò] all'Anima, si mescolò alla Luce che si era liberata alla vi­ sta dell' immagine del [Terzo] Inviato e se ne andò [ ... nel] terzo cielo che è più elevato posto di guardia [ ... ] Custode dello Splendo­ re. E nuovamente da lì esso [scii. il peccato] si avviluppò alla Luce. Essa si liberò e discese nel secco e nell'umido, dove sul secco for­ mò (pldsso) i vegetali ; [nell 'umido invece, cioè] nel mare, accadde e divampò subito una grande rivoltal(). Osserva poi e guarda come il Re dell' Onore, che è la Mente, si trovi nel terzo cielo. Egli [ ... ] con rabbia, e allora av[venne] un ammutinamento, ed inganno e violenza si scatenarono nel suo set­ tore: questo sono i Veglianti del cielo che discesero sulla terra [a partire dal] luogo in cui venivano tenuti sotto custodia. Furono loro a compiere ogni opera di malvagia astuzia e a far sorgere nel mon­ do le attività tecniche; furono loro a svelare agli uomini i misteri (n-mystérion) celesti. Rivolgimenti e devastazioni ne derivarono sulla terra. Adamàs [ ... ] il completamento. Egli si stabilì sopra [ ... ] [p. 93 Bohlig-Polotsky]. [Anche] nel suo settore avvennero azioni perfide, allorché gli aborti caddero in basso: essi formarono e fecero nasce­ re Adamo ed Eva, allo scopo di regnare tramite loro sul mondo [ ... ] . Essi commisero tutte l e opere del desiderio sessuale (epithymfa) sulla terra: l' intero mondo fu colmo della loro lussuria. Tramite questo mezzo2 1 altresì perseguitarono le chiese e uccisero gli apo­ stoli e i giusti di tempo in tempo, di generazione in generazione22 : [ciò avvenne] nel luogo affidato alla custodia dell'Adamàs di Luce. Inoltre, anche nel settore di sorveglianza del grande Re della Gloria, che è il Grande Intendimento (pe-nac n-sàgine) ed ha il comando sulle tre Ruote23, si verificarono disordini e pericoli per­ ché esse [sc ii le Ruote] vennero travagliate e impedite nelle tre Terre. Quando il [Terzo] Inviato esibì la propria immagine chiusero .

l() Lo spenna degli arconti precipitato in basso e finito in mare dà luogo ad un mostro marino, cfr. testo 28 p. 1 8 1 A.-H. (AM). 21 Traduzione incerta. 22 La persecuzione degli apostoli e dei «giusti» (cioè dei fedeli gnostici) da parte degli arconti incarnati anche nelle autorità politiche del mondo è motivo ri­ corrente, cfr. Vangelo degli Egiziani, NHC lll, 6 1 ; /Apocalisse di Giacomo, NHC V, 25 (AM).

23 Cfr. testo nr. 27 (AM).

222

Parte quarta - Testi dottrinali

le vie del loro [ . . . ], il loro moto di discesa fu precluso da [ .. . ], me­ diante cui il vento, l'acqua e il fuoco risalgono. Inoltre, nel corpo di guardia di Atlante, il quale sottomette [ .. .] avvenne una ribellione nell'Abisso inferiore [ ... ]Jos24 si piegò e le sedi sottostanti si sguarnironoll [ . .. ] nei fondamenti inferiori [ ... ]. A causa del terremoto avvenuto nel settore di controllo del Custode dello Splendore la Colonna di Gloria uscì, ed essa [ ... ] l'aiutante (boethos) del Custode dello Splendore: essa sopportò tutti [i cari­ chi]. [E tutto questo successe] a causa del perfido tradimento e della defezione verificatasi nel reggimento della Guardia del grande Re dell'Onore, vale a dire i Veglianti discesi sulla terra dal cielo26: per via di ciò ai quattro angeli (n-dngelos) fu impartito l'ordine che i Veglianti venissero immobilizzati con una catena eterna nella pri­ gione della profonda oscurità27, ed i loro figli furono annientati sulla terra. Ma a questi [mali] si aggiunsero gli aborti, che discesero dal settore di controllo di Adamàs e generarono Adamo ed Eva. A causa del verificarsi di quella grande astuzia fraudolenta e del mi­ stero della malvagità28, egli [scii. l 'Intelletto di Luce] inviò Gesù [ .. .] la preghiera dei Cinque FigiF9, egli provvide [ . ..] gli aborti: li conficcò fermamente al di sotto di [.. . ] l' intelletto di Adamo30• [p. 94 Bohlig-Polotsky] Ora, siccome c'era stato un terremoto nelle tre terre, le vie erano bloccate e le fonti del vento, dell'acqua e del fuoco erano ostruite, Gesù discese rivestendo [l'aspetto di] Eva3\ liberò la strada del vento, dell'acqua e del fuoco, apri per lo24 Finale di una parola greca (o di un nome proprio) non ricostruibile.

ll Letteralm. ((si spogliarono>>; pare si tratti in qualche modo di una metafora bellica. 26 Il passo gravemente lacunoso sembra sposare le tesi di fondo dell'apocalit­ tica giudaica, espressa nel Libro di Enoc, che l'origine prima del male nel mondo è da attribuire agli angeli Veglianti scesi sulla terra per amore delle donne, e ai loro figiJ i Giganti (AM). ; Nenet-kmlwmt: parola dal significato inceno, la radice sembra quella di kmom, «esser nero, buio». 28 Espressione giudaica che si trova nei testi di Qumran: (>), prigionieri delle tenebre do� il primo combattimento (AM). 30 Si allude al «risveglio>> di Adamo, il primo essere umano, ad opera di Gesù­ di-Splendore (AM). 3 Nell'interpretazione gnostica, che capovolge il senso del racconto della Ge­ nesi, Eva è strumento di salvezza per Adamo in quanto è lei a consigliargli di mangiare dall' albero della conoscenza: perciò essa è considerata essere l' incarna-

La trasformazione dell 'Uomo vecchio in Uomo nuovo

223

ro le sorgenti e stabilì per loro la via della risalita. D'altronde, poi­ ché la terra alla base di Atlante si era indebolita nei suoi fissaggi [ ... ], proprio per questo Gesù è disceso, si è rivestito di Eva ed è giunto in quel luogo. Egli mise in ordine e rafforzò le sedi inferiori, poi si volse e risalì nella sua pace». Disse ancora l'Apostolo: «Osserva tutti questi settori di sorve­ glianza della Fascia, nei quali questi grandi Dei sono signori e con­ trollano [ ... ] in essi si sono verificate ribellioni e insidie [... ] in essi durante un'epoca o un'altra, con grande umi[liazione ?], fino a quando essi [scii gli Dei] non hanno stroncato le forze del Nemico. La stessa cosa accade anche con questo corpo. Una grande forza abita in esso; anche se è piccolo nella sua sostanza materiale32, tut­ tavia ugualmente il peccato abita in esso e l'Uomo Vecchio, che presso di lui dimora. Egli crea grande conflitto33, con molta scal­ trezza (sophfa), fino a quando l'Intelletto di Luce non trova il modo di umiliare questo corpo e di condurlo (e/Qunein) secondo la sua volontà. Come [nell 'universo] fuori [di noi], nei posti di guardia dei suoi fratelli maggiori che governano sulla Fascia (il Grande Corpo) sono avvenuti di tempo in tempo terremoti e tradimenti, altrettanto [avviene] nel campo di controllo del [nostro] intelletto, [l 'ambito] del corpo umano: di tanto in tanto il peccato risveglia i suoi turba­ menti (ennef-tarakhe') all' interno del corpo. Ma voi sapete anche che le potenze della Luce sono buone (agathos). Il principio e la fi­ ne sono loro manifesti. Tutto quanto esse fanno, lo fanno secondo un giudizio prestabilito. Per questa ragione offrono al Nemico l'occasione di dar inizio all'errore e di far quel che vuole per un po' di tempo. Poi però lo afferrano [... ] [p. 95 Bohlig-Polotsky] esse hanno dapprima fatto con giusta condanna34• Circa l'altra cosa che hai chiesto, 'Come l 'Intelletto di Luce, questa grande e possente forza, viene a rivestire questo corpo car­ nale?' , [ebbene], osserva di nuovo e guarda questi Dei [...] potenti e forti, eppure ciascuno di loro è sottoposto ai limiti e alle tribolaziozione della Sapienza (Sophia): cfr. Natura degli arconti, NHC Il, 89, Origine del mondo, ib. , 115. Nella versione manichea è Cristo stesso, l'Illuminatore, ad incar­ narsi in Eva (AM). 32 Tef-arrwieés: traduzione incena. 33 Trad. incena. Polotsky: «Er ist sehrfurchtbar>>. 34 Una concezione simile della presenza del male nella storia umana si trova nella teologia qumranica: Dio permette all'Angelo delle tenebre di dominare per un ceno tempo, ma poi ne decreta la sconfitta (AM).

224

Parte quarta - Testi dottrinali

ni del luogo in cui è posto. Come gli alberi raffermano la loro so­ stanza materiale (amaiee), allo stesso modo ciascuno di loro ha raf­ fermato la propria sostanza materiale nel mondo secondo la dimen­ sione del luogo nel quale è costituito e sostiene [ ?] sino [ ... ]. Ma conviene che voi sappiate anche questo: [ ... ] il mondo è stabilito [ ?] e costituito [ ... ]. Lo Spirito Vivente in tutte le sue parti [ ... ]. Il Pec­ cato (pe-nabe) ha prodotto3' questo corpo dalla ter[ra... ] si è costi­ tuito nelle sue membra ed ha prodotto36 questo corpo [dai cinque c]orpi della Tenebra ([n-s]oma mpe-keke) realizzando [così] il cor­ po, ma la sua [scii. dell 'essere umano] anima la produsse dai cin­ que Dei della Luce37 e la vincolò alle cinque parti del corpo. Impri­ gionò l'intelletto (nous) nelle ossa, la mente (meue) nei nervi, la coscienza (sbO) nelle vene, l'intendimento (sàgine) nella carne, il ragionamento (makmek) nella pelle. Vi sovrappose poi cinque for­ ze: il suo [scii. del Peccato] intelletto all' intelletto dell'anima, la sua mente alla mente dell'anima, la sua coscienza alla coscienza dell'anima, il suo intendimento all'intendimento dell'anima, il suo ragionamento al ragionamento dell'anima. Collocò i suoi cinque angeli e arconti (n-angelos men n-exousiastés)38 sopra le cinque membra dell'anima che aveva assimilato e imprigionato nella car­ ne. [ ... ] costoro portano notizie all'anima e [la] conducono ognora alle opere malvagie, a tutti i peccati della libidine (epithymfa), al servizio degli idoli (n-éidolon), alle sette dell'errore (n-dogma nte­ te-plane), all'umiliante sottomissione della schiavitù [dei sensi], nella misura in cui essa si dispone a servire alle opere che [... ] e non dureranno, e adora [ ... ] idoli fatti di legno, d'oro e d'argento [ ... ]39 adora animali [p. 96 Bolzlig-Polotsky] luridi e impuri, orribili di forma e d'aspetto. Essa si è rivestita dell' inganno e dell'oblio; ha dimenticato la sua essenza (ousfa), la sua stirpe (génos), il suo li­ gnaggio; non riconosce più la porta del luogo dove rivolgeva a Lui la preghiera e l' appello. Si è inimicata suo Padre [ ... ] suo proprio, è malvagia [ ... ] alla sua propria luce. [ .. .l'Intelletto] di Luce viene e trova l'anima [ ... ] in quanto essa la riveste nella [ ... ] la sua sapienza (sophfa) [ ... ] fin quando le acca3' Letteralm.: .

36

Il soggetto della frase parrebbe essere .

37 Cioè i 5 Figli del Primo Inviato, inghiottiti dalle tenebre. 38 Potenze malvage al servizio del Peccato. La parola «angelo» gnostico è ambivalente (AM). 39 Il testo è di lettura molto incerta.

nel linguaggio

La trasformazione dell 'Uomo vecchio in Uomo nuovo

225

de [ ... ] i legami [ ...] le membra del corpo. Egli libera l'in[telletto dell'anima e lo svincola] dalle ossa, libera la me[nte dell'anima da]i nervi e imprigiona la mente [del Peccato nei] nervi, libera la co­ scienza dell'anima dalle vene e imprigiona la coscienza del Peccato nelle vene, scioglie l'intendimento dell 'anima e lo libera dalla car­ ne, imprigionando l' intendimento del Peccato nella carne, libera il ragionamento dell'anima e imprigiona il ragionamento del Peccato nella pelle. In questo modo slega le membra dell'anima e le svin­ cola dalle cinque membra del Peccato; e invece queste cinque membra del Peccato, che prima erano libere, le imprigiona. Egli fissa le membra dell'anima, le ricostruisce, le purifica, e le costitui­ sce come Uomo Nuovo, un figlio [della] Giustizia (dikaiosyne). Nel momento in cui costituisce, fissa e purifica l ' Uomo Nuovo, allora egli a partire dalla cinque grandi membra crea cinque grandi mem­ bra viventi e le colloca entro le membra dell'Uomo Nuovo. Colloca il suo In[telletto], che è amore (agape) nell'intelletto dell' Uomo Nuovo. La Mente, che è la fede (pe-nahte), la pone [nella] mente [dell'Uomo] Nuovo da lui purificato. La sua Coscienza, che è [la pienezza (pe-giok), la pone] [p. 97 Bohlig-Polotsky] nella coscien­ za dell'Uomo Nuovo. Il suo intendimento, che è la pazienza (te­ harshhet) lo pone nel suo intendimento. Ed ancora, la sapienza (so­ phfa), che è il suo Ragionamento, [la pone] nel ragionamento del­ l'Uomo Nuovo. Egli purifica l'immagine (eik6n) della parola dalla parola del Peccato e pone in essa la sua Parola, dimodoché il suo [ ... ] diventa vivificatore e protettore [ ... ] . Quando finisce [ ... ] le sue dodici parti. È così che [ ... ], e la sua sapienza e la sua [ ... ] diviene un Giusto (dfkaios) perfetto [ ... ]. Prima egli rifuggiva da [ ... ]; al posto di questo egli rifugge ora [ ... ] la sua via e la sua strada e la sua [ ... ]. Egli si innalza ai grandi Eoni [ ... ]. In tal modo l' Uomo Vec­ chio è imprigionato nel [ ... ] e la sua libidine e la sua [ ?... ] e la sua stupidità in queste cinque membra del cor[po ... ]; lo spirito della te­ nebra è rinchiuso con loro in prigione, nell'estrema rovina. Invece l'Uomo Nuovo è sovrano nel suo amore, nella sua fede, nella sua pienezza, nella sua pazienza, nella sua sapienza. Il suo re [ ... che è] l'Intelletto di Luce, è il re dell'universo. Egli regna con lui secondo il suo volere. Le membra [ ... ] così il peccato è rinchiuso. Ora, l' Intelletto di Luce [diventa bensì] re, [ma ciò nonostante] dentro al corpo si verificano di tanto in tanto delle turbolenze. Tal­ volta il peccato insorge nella sua stupidità e disturba il ragiona­ mento, disturba la saggezza (sophfa) e l' intelligenza dell' uomo, la-

Parte quarta - Testi dottrinali

226

scia che la verità in lui sia divisa nel dubbio, dice parole insipide [ ... ]. Nel momento in cui i segni della sua stoltezza giungono al [ ... ] nella Chiesa, i maestri40 agiscono e [ ... ] e i presbiteri (n-presby'teros) si riuniscono [ ...] gli sono d' aiuto e raddrizzano la sua saggezza [ ... ] il suo ragionamento [p. 98 Bohlig-Polotsky] su di ciò4 1 • La sua sag­ gezza si è ristabilita nel suo luogo, si è rimessa in ordine [ ... ] bene. Ma se avviene che egli non accolga il rimprovero a scopo edifi­ cante di un confratello che vuole aiutarlo, allora il peccato torna ad ergersi nel ragionamento e nell'intendimento, gli sottrae la [dispo­ nibilità alla] pazienza, lo ricopre di meschinità e sfacciataggine: il peccato si manifesta in mezzo ai confratelli. Il suo [ .. ] tutto ciò che fa [ ... ] consiglio (.rymbouUa) dei suoi confratelli e diventa [ ... ] la stupidità. Battaglia e guerra (p6lemos) [tra] l'Intelletto di Luce ed i peccati nell'intendimento [ ... ] essi si riuniscono e diventano [ ...] lo quietano [ ] e lo collocano al posto di prima [ . . . ] l'un l'altro nella battaglia (ag6n). Se di nuovo [ ... ] in quel luogo, allora di nuovo si dedica ai peccati, salire a [ . . ] e lo carica di libidine, frivolezza e presunzione, per cui si separa dai suoi maestri e dai suoi confratelli. In tal caso [scii. il manicheo traviato] desidera sempre entrare e uscire da solo, desidera mangiare e bere esclusivamente da solo, desidera andarsene sempre da solo. Questo è appunto il segno che la sua consuetudine di vita con i confratelli non gli piace. Se egli non allontana [ ? . ] di nuovo il suo cuore dal desiderio (epithymfa), il peccato (il piano della morte) di nuovo si erge fino alla sua mente e si ubriaca [ ?.. ] di presunzione, fa sì che la sua fede e la sua [co­ noscenza della] verità spariscano. Nel momento in cui i segni della sua stoltezza si manifestano e il rumore di ciò si sparge nella Chie­ sa, si raccolgono intorno a lui i saggi della Chiesa per fortificare il suo cuore ed edificarlo nell'edificazione di Dio. Se dunque egli ac­ coglie il consiglio dei suoi confratelli ed ascolta [ ... ] e si distoglie dalla Sua [scii. di Dio] ira e [ . . ] [p. 99 Bohlig-Polotsky] c'è la pos­ sibilità42 che egli viva e che sconfigga il peccato e [vinca] tutte le guerre. Se egli però non rafforza questa sorveglianza, essi [scii. i peccati] vanno verso l'alto, gli sottraggono l'intelletto [luminoso] e .

...

.

..

.

.

40 Oppure «gli scribi>> (n-sah). 41 Il senso è che quando un membro della Chiesa, pur essendo divenuto un Uo­ mo Nuovo, dà segno di regredire all'Uomo Vecchio, i religiosi manichei (purché egli si rivolga loro) intervengono prontamente per rimetterlo sulla buona strada (AM). 42 Letteralm. «la forza».

La trasfonnazione dell 'Uomo vecchio in Uomo nuovo

221

mettono in disordine il suo intelletto, che prima era in quiete; met­ tono in disordine il suo amore verso il suo maestro e il suo inse­ gnante, allontanano dal suo cuore l'amore per la Chiesa. Egli si riempie completamente di odio e tutti i suoi confratelli gli divengo­ no odiosi; i suoi confratelli, amici e compagni che lo amano diven­ tano per lui dei nemici ! In tal modo quest'uomo viene traviato ed egli fa sì che il suo amore e il suo desiderio subiscano una distor­ sione. Quell'uomo diviene un vaso (skeuos) di vergogna43, si separa dalla Chiesa e trova la sua fine nel mondo. L' intelletto che era in lui si separa da lui e va dall'Apostolo che l'aveva inviato. Costui si riempie di spiriti malvagi (m-pneuma et-hau) che stanno a loro agio [con lui] trascinandolo di qua e di là, ed egli diventa un uomo di questo mondo (kosmikos), si trasforma, diventa come un uccello al quale siano state strappate le piume: diventa un uomo della terra (rome n-kah). Ebbene, ti ho spiegato e chiarito che, come si scatenano disordini nella Fascia dentro gli accampamenti di questi possenti Dei, allo stesso modo capita che ci siano disordini di tanto in tanto nella realtà di [ ... ] dell' Intelletto di Luce. Come i Guardiani stanno collo­ cati [ ... ] nella Fascia e non si fanno vedere, così anche l' Intelletto di Luce non si fa vedere nel corpo"". Come questi Guardiani esterni pur essendo grandi si nascondono [ ? . ] sono pochi rispetto alla massa del lavoro assegnato a ciascuno di loro, così è per l'Intel­ letto: è grande ed elevato, ma è stato piegato e reso piccolo a causa della piccolezza del corpo, che è piccolo e spregevole. Come gli Dei che sono nella Fascia esteriore sono superiori e puri, stabiliti in unione con il Tutto e non contaminati, [così è] per l' Intelletto di Luce che si è posto nel . 1/J. 100 Bohlig-Polotsky] Considera dunque di nuovo la forza e la diligenza dell' Intelletto di Luce, come si estenda a tutti gli ambiti di sorveglianza del corpo. Egli se ne sta nella sua piazza d'armi e blocca tutti i ragionamenti del corpo sulle apparizioni del peccato (nen-sek mpe-nabe). Le circonda e le disperde, le regola secondo la propria volontà. Un'altra opera compie, suprema ed eccellente: po.

.

43 È la metafora ebraica e biblica dell'uomo come 2. In quel t[empo,] lo Spirito Vivente (wad zhiwandag)[e] la Madre dei Giusti (ardawan mdd) [con] il Dio Ohrmezlf•, quando emersero dalle Tenebre insieme con le cinque Luci'2 (e intanto le cinque ar[mate demoniache]erano state catturate assieme alla luce come le mosche con il miele), 3. allora crearono la Terra e il [Cielo] dalla mescolanza delle cin­ que L[uci] e delle cinque Armate demoniache. 4. Del pari lo Sp[irito Vivente e la Madre dei Giu]sti posero in es­ sere la [creazione ?] della vita dieci Cieli, una Sfera (ispir)'3 e due Carri , tre Vesti, [tre Ruote tre] Fossati , quattro Muraglioni e [il monteMeru,.] . 5. E blo[ccarono] le cinque Armate d[emoniache] in terra e i n c ielo [facendo ricorso a tredici Po]tenze (zawaran): l e cinque Luci, [i cinque Figli dello Spirito Vivente", la Chiamata,] la Riper sé significa «gloria», «splendore», mentre nei testi partici la parola fTWnohmed (la stessa che denomina il Grande Intelletto di Luce) si usa per la seconda delle 5 parti dell'anima 'luminosa' (come del pari alla seconda delle 5 parti dell'anima 'tenebrosa') dell'uomo quale individuo singolo. Va poi ricordato che il Manohmed roshn compare in altre fonti medioiraniche nella denominazione «(Grande) Wah­ man», un altro sinonimo di «intellello» (cfr. testo nr. 40 p. 23 e 31 Henning), mai adoperato però per designare qualcuna delle parti dell'anima: in questo caso il le­ game fra Intelletto di Luce e Anima risulta terminologicamente molto meno stret­ to. Non sappiamo quale fosse il pensiero di Mani su questo punto. Benché le tra­ duzioni medioiraniche della sua dogmatica siano senz' altro molto antiche, certa­ mente più antiche di quelle occidentali, Mani in realtà parlava l' aramaico e le te­ stimonianze aramaiche della nomenclatura dell' anima (vedi Appendice) sembrano più vicine alla versione greca, copta e latina, perché il primo membro anche qui ha un nome desunto dall' area semantica del pensare e non è «splendore». Nella no­ stra traduzione, conformandoci del resto all'uso ormai invalso nella letteratura, renderemo anche il part. bdm con «intelletto». ' 1 Cfr. testi nr. 26 e 28. '2 Le cinque «Luci» sono i cinque Figli del Primo Inviato, inghiottiti dalle tene­ bre dopo lo scontro nel quale egli dovette soccombere (AM). '3 Cfr. testo nr. 34 p. 166 Bohlig-Polotsky. 54 l «Carri» sono il sole e la luna (in altre fonti chiamati «vascelli»); le «Vesti» sono il vento, l'acqua e il fuoco; le Ruote ponano via dal cielo l'acqua sporca, l'oscurità e il fuoco diabolico degli arconti inchiodati al cielo; i «Fossati» sono quelli che ricevono queste tre sostanze negative e i «Muraglioni» servono a tenerle distaccate dalla terra abitata (cfr. § 99 e testo nr. 27). Mentre questi elementi ap­ partengono alla cosmogonia manichea, il monte Meru (o Sumeru), la montagna al centro del mondo che collega la terra al cielo, è desunto dalla cosmologia indiana e si trova solo nelle fonti iraniche e turche (AM). " Mentre i cinque Figli del Primo Inviato costituiscono le cinque parti della so­ stanza divina dell'Anima, i cinque Figli del Secondo Inviato (cioè dello Spirito

232

Parte quarta - Testi dottrinali

sposta�. e la tredicesima è la Colonna di Gloria (Bamistun)�1• 6. Le cinque Luci [sono come] un carcere. [Le cinque Annate de]moniache sono come gli imprigionati [che] si trovano nel carce­ re. I cinque Figli dello Spirito Vivente sono come i carcerieri. [Chia]mata e Risposta sono simili ai sorveglianti. La tredicesima, la Colonna di Gl[oria], è il Re dell'intero mondo". 7. At9, quando scorse il capolavoro della creazione, sedotti Sha­ qlun e Pésul"', mise mano alla sua propria creazione. [ ... ] 8. [Plasmarono l'Uomo sul] modello [del Macrocosmo]. Analoga­ mente formarono il Microcosmo (kashOdag). Al pari del Macroco­ smo (zambudtg), lo formarono completo sotto ogni punto di vista: con [ ... ], e forme visibili, [con dieci cieli,] con i segni zodiacali (achtaran) e con ogni [ ... ], Terre e Dèmoni [compresi, tre] fossati, quattro muraglioni, [ ... ] oceano e fiumi, luoghi asciutti e luoghi umidi, [piante e ani]mali, montagne e foreste, [giorni e no]tti con inverno ed estate, anni e mesi [ ... ] .

9. 61 [ L'intelletto tenebroso, che cresce sulle ossa], produce [come frutto l'Odio.] La mente [tenebrosa], che cresce [sui ten]dini, pro­ duce come frutto l 'Ira. La [coscienza] tenebrosa, che cresce sopra le vene, produce [come frutto la Cupidigia.] La meditazione tenebro­ sa, che cresce [sulla carne, produce] come frutto l'Oppressione62• Il ra[giona]mento [tenebroso, che cresce sulla pelle produce come frut]to [l' Insipienza63 ] 10. [Fecero delle ossa, dei tendini, delle vene, della carne e della pelle il carcere delle cinque Luci. Come la giusta] Frawardin64, il Vento, la Luce, l'Acqua e il Fuoco sono il carcere delle cinque Ar­ mate [demoniache, così] l'Odio, l' Ira, la Cupidigia, l'Oppres[sione e l'Ignoranza] fungono da carcerieri, alla maniera dei [cinque Figli dello Spirito Vivente.] Concupiscenza e Cupidigia si collocarono [nel mezzo, alla stregua di Chiamata e] Risposta, [e il Fuoco divo­ ratore si trovò in parallelismo con la Colonna di Gloria] .

11. [p. 64 Sundermann] [ ... ] quei [serpenti che] vogliono [mor­ der/o] , costui [ ... ] sviene per la paura [ ... e come costui] non si ri­ corda [niente], né del padre né [della madre, così] l'Anima (gyan) si ritrova nel corpo [ebbra e] senza coscienza. I2. E come lo Spirito Vivente [fece] due [carri] lucenti, il Sole ' (Mihr)6' [e la Luna ... ]. •

• •

••

••

6 1 Questo importante §, largamente mutilo, si può ricostruire sulla base del resto del trattato. Sulle cinque parti dell'Anima e le loro denominazioni (integre nel § 26) vedi Appendice (AM). 62 lstaftyft, istaft, 'hard, finn' . 63 Così Sundermann; usualmente s i intende 'Conoscenza demoniaca (cattiva)' . 64 Nel manicheismo iranico, i l primo degli elementi luminosi, l'etere. 63 Al posto del nome del sole c'è quello del Dio Mitra nella grafia medioiranica (AM).

234

Parte quarta - Testi dottrinali

/3. [ ... ] così la A z formò il corpo dell'uomo e della donna, [in modo da portare la Luce] nell'Inferno sotto le sembianze del [Dio] Nari­ saf66.

14. L' Inviato della Luce (jreshtag roshn), quando verrà e vorrà scegli[ere le creature], si avvicinerà dapprima mosso da amore di­ vino, intonerà una melodia [ ... ] dei canti di precetto, entrerà trion­ fante [nell'antica] piazza delle assemblee [ ...] . Allora [prenderà i serpenti velenosi] e con la [scure della conoscenza abbatterà gli al­ beri velenosi]. [ ... ] 15. Poi separò egli il raggia[nte?... ], separa [la Luce] dalleTenebre. In prima istanza lega [l 'Odio alle Os]sa, e [libera] la giusta [Fra­ wardin.] Lega l'Ira ai Tendini e libera [il Dio del Vento]. [Lega] la Cupidigia [alle Vene] e Iib[era il Dio della L]uce. [Lega l'Op­ pressione alla Carne e libera il Dio dell' Acqua. Lega l'Ignoranza alla Pelle e libera il Dio del Fuoco67]. [ ... ] 16. [L'opera del Grande Intelletto di Luce] rassomiglia all' arte con la quale I'ora[fo purifica l'oro]. Il Grande Intelletto di Luce [purifi­ ca l'Anima] mediante il fuoco divoratore [ ... ] dall' anima vivente che entra [nel corpo] con quel fuoco [ ... ] forza, e dal Demonio [se­ para egli il Dio].

1 7. si chiama adesso «[corpo] dell'Uomo [Vec­ chio)) ( [kafwan] Mardohm). Esso è fatto di] ossa, tendini, vene, carne, pelle, 27. Annienta dapprima l'intelletto tenebroso. Abbatte l'albero della morte, che propriamente è [l'Odio]. Il tronco76 è l'Oppressione, i rami l' Ir[a, il fogliame] l'Avversione, il frutto la Discor[ dia, la ra­ maglian] la Loquacità insulsa e [la specie78 la Diffamazione]. 28. Annienta la m[ente] tenebrosa. Abbatte l'albero della morte, che propriamente è la Miscredenza. Il tronco è la Menzogna, i rami lo Scetticismo, il fogliame la Violenza verbale, i semi il Tonnento, la ramaglia la Brama e la specie l'Inimicizia 29. Annienta la Coscienza tenebrosa. Abbatte l'albero della morte, che propriamente è la Cupidigia. Il tronco è la Pigrizia, i rami l'Inganno, il fogliame la Ritrattazione[ ?], il frutto la Derisione, la ramaglia la Passione lasciva e la specie le Azioni sconvenienti. 30. Annienta la meditazione tenebrosa. Abbatte l' albero della mor­ te, che propriamente è la Violenza. Il tronco è l'Insipienza, i rami la Rivolta, il fogliame l' Irriverenza il frutto il Disdegno la ramaglia l 'Arroganza e la specie il Disprezzo. 31. Annienta il ragionamento tenebroso. Abbatte l'albero della morte, che propriamente è la Stoltezza). Il tronco è l'Incoscienza, i rami sono l' Indecisione, il fogliame la Presunzione, il frutto l'Adornarsi, la ramaglia l'Ornarsi di collane e la specie [il consu­ mare i tanti generi di cibi e bevande] [ ... ]. 32. Questi sono [gli alberi della morte] 39. [ ... Le] dodici gran[di ore del primo Giorno] [ ... ] 79 Cfr. supra, n. 29. 80 Secondo W. Sundennan, baraham in questo passo varrebbe 'die schonen Riten', altrove, in questo medesimo scritto (§§ 45 e 58) 'Merkmal' . Secondo Hen­ ning il senso fondamentale del termine sarebbe 'appearance or form or style in generai, especially of persons, be it the outward appearance ( ... ) or the style of behaviour ( ... )'. Abbiamo optato per 'comportamento' o 'caratteristica comporta­ mentale', qui e altrove.

Parte quarta - Testi dottrinali

240

40a. [Il secondo Giorno è il seme puro] del Nuovo Uomo. Le dodi­ ciore [sono le dodici] Vergini, con le quali [Gesù-di-] Splendore ri­ veste l'anima (gyan), che egli purifica della sua antica natura [ ?] . Questo secondo [Giorno] rassomiglia81 alla Colonna di Gloria, e le dodici ore sono la sua Dodecade: sei figli del Dio Ohrmezd e sei dello Spirito Vivente. 40b. [ ... ] sei [ .. ]. 41a. Il terzo giorno è propriamente il Canone della Pa­ rola82. Le dodici ore sono [ ... ]. 4lb. Proprio del ter­ zo Giorno è il Canone della Parola, meditazione (shmara) vivente. Le sue dodici ore sono le cinque [componenti delle] Anime (ru­ wan): Amore, Fede, Perfezione, Pazienza e Saggezza. E cinque sono le parti purificate dell'Anima: intelletto, mente, coscienza, meditazione e ragionamento83; . [ ... ]. E per essa l' Apostolo della Luce e il Dio Sole sono [ .. ] 42a. [ ... ] desiderio [ ... ]. 42b. Passioni proprie delle due Notti [sono le seguenti: la] prima Notte è il Corpo oscuro, demoniaco, e le sue dodici ore sono le [cinqu]e componenti corpo­ ree originali: Ossa, Tendini, Vene, Carne e Pelle. I cinque dèmoni spirituali dell' oscurità sono: Odio, Ira, Desiderio, Oppressione e Stoltezza, Concupiscenza e Ostinazione; ma il [Fuoco ?... ] . 43a [La seconda N]otte è propriamente Concupiscenza e Cupidi]gia. Le dodici ore sono propriamente le dodici Sovranità (Shahrdarift) tenebrose . 43b [ ... ] le dodici ore [sono] le dodici diavolesse [ ... ]. .

.

Il precetto: [Non fare del male] [ ... ] come Lui ammonisce nella Scrittura: 113 «Chi ambisce perve­ nire a quel Mondo della Pace conformi fin da ora sé stesso (griw) secondo la maniera che è particolare degli Dei del Paradiso». Ordunque, [è un dato di fatto che] io tormento e maltratto conti­ nuamente i cinque Elementi e la Luce imprigionata che sta nella terra riarsa e nella terra umida: il corpo pesante, l'affliggente mia identità (griw), della quale sono permanentemente rivestito, sale, scende, si muove veloce, lento, ora a piedi ora a cavallo, colpisce, [p. 33 Henning] fende la terra riarsa, battuta e spaccata, schiacciata e calpestata; scava, demolisce, costruisce, disfa; si immerge nelle acque, cammina nella melma, nella neve, nella pioggia o nella ru­ giada del sentiero; taglia, fa a pezzi, uccide, dilania le cinque specie di Esseri della flora e le cinque specie di Esseri della carne, umide o secche 11 4• Nel caso che sia stato io ad operare [in modo peccami­ noso], ovvero che io abbia spinto altri a ciò, nel caso che delle per­ sone siano state percosse o incatenate, abbiano subito ingiurie e sofferenze per causa mia; nel caso che io abbia esercitato violenza su quadrupedi, nel montare e dismontare, con sferza, con sprone; nel caso che nei riguardi di animali selvatici, volatili, acquatici o di in­ setti striscianti per terra, io abbia malignamente pensato di togliere loro la vita1 1 5 ; [ ••• ] nel caso che io abbia tratto piacere da uno scontro di eserciti, abbia goduto della morte e dell'eliminazione di peccato­ ri e, per empietà, [abbia goduto] del danno altrui; nel caso che io, rola; (5) povertà; e 3 sigilli: ( I ) della bocca, (2) delle mani, (3) del seno. Questi ultimi dovevano conispondere rispettivamente al quarto, al secondo e al terzo pre­ cetto (AM). 11 3 Nel Libro penitenziale sono inserite citazioni (in lingua mediopersiana) tratte da opere di Mani (AM). 114 Questo brano descrive analiticamente i tormenti e i maltrattamenti che l'essere umano infligge alla componente fisica del creato, senza alcuna cattiva intenzione e, quindi, senza, per questo, peccare, giacché così si svolge la vita natu­ rale dell'uomo, dura e implacabile. W. Henning ha invece premesso wenn, (che manca nell'originale) al brano, sì che questo, nella sua interpreta­ zione, viene ad allinearsi con il brano successivo (questo sì introdotto da «se/qua­ lora))) il quale allude invece a danneggiamenti inflitti intenzionalmente e perciò peccaminosi. 1 1 5 Dalla metà del rigo 5 1 4 al rigo 5 1 8 figurano parole incomprensibili nel loro nesso, quali «bevanda (?))) , «abluzione)), e poi

Anche nella «Chiusura12 1 delle cinque Porte» io non sono stato

11 9 Su questi termini v. Appendice (AM). 120 Ritorna qui lo schema del Trattato sul Grande Intelletto di Luce,

vedi testo nr 39 p. 66 Sundennann (AM). 1 21 Anwezh!Jmande (infinito), vale (vista anche la sua etimologia [da *ham­ vazaya causativo, derivato di vaz- «condurre, andare con un mezzo>>, latino vehe­ re]) «far andare insieme (ham-), mandare insieme; commettere, congiungere, inca­ strare», e quindi «chiudere>> nel caso di una porta. Per la semantica, cfr. l' italiano -

260

Parte quarta - Testi dottrinali

perfetto. Come Lui insegna nella Scrittura: [p. 38 Henning] «A che giova che un giusto dica 'Forti sono i miei sensi' , se poi lui provoca danni con la vista, l'udito e i restanti suoi sensi?)) Dunque, se io [non ho tenuto sotto controllo le «porte))] della vista nel vedere, dell'udito nell'udire, dell'olfatto nell'odorare, della bocca [nel mangiare] cibi impropri e [nel fare] discorsi sconvenienti, e del tatto [nel procedere a] toccamenti impropri, così che la demoniaca Az, che ha costruito questo corpo e che in esso si è annidata, arma attraverso queste cinque «porte)) continui combattimenti (attraverso queste cinque porte i demonii interni si incontrano con gli esterni, e grazie agli uni e agli altri, ogni giorno, una particella [dell 'anima] si perde) se io, dunque, ho lasciato aperte le mie porte procurando piacere ad A z che è in combutta con gli altri demonii, se li ho pro­ vocati, così che il tesoro del Sé Vivente (griw zhiwandag), mi si va perdendo: per tutto questo, perdono! > il suo senso letterale in questo passo, e non «Sammeln» come propone Henning, immaginando un traslato semantico ad hoc. 1 22 Wanu2nde potrebbe voler dire anche «relativo ai confini, alla frontiera>>. 123 SrO!eft sorprende alquanto per essere all' aspetto una parola partica. In ag­ giunta, il suo significato è incerto. 124 Cfr. testo nr. 77.

Da un formulario di orazioni e di confessione per eletti

261

giorno si perde una particola, come goccia d'acqua, [per tutto que­ sto, perdono!] >), v. n. 53 al testo nr. 26.

La

vita morale manichea

27 1

23. Ho nutrito quanti avevano fame, ho dato da bere a quanti ave­ O mio Salvatore [ . . . ] vano sete 24. Ho lasciato padre e madre, fratello e sorella O mio Salvatore [ . . . ] 25. Sono diventata una straniera per amore del tuo nome O mio Salvatore [ . . . ] 26. Ho preso la mia croce (stauros) e ti ho seguito O mio Salvatore [ . . . ] 2 7. Ho abbandonato i beni del corpo (soma) per quelli dello spirito O mio Salvatore [ . . . ] 28. Ho disprezzato la gloria del mondo (kosmos) O mio Salvatore [ . ] 29. A motivo della tua gloria, che non passa O mio Salvatore [ . . . ] 30. [p. 176 Allberry] [ . . . ] davanti a [ . . . ] [O mio Salvatore . . . ] [O mio Salvatore . . . ] 31. [ . . . ] perfetto [ . . . ] 32. [ . . . ] vascelli di luce, e che essi mi facciano attraversare [O mio Salvatore . . . ] 33. [ . . . ] la mia corona, dammi la ricompensa per [ . . . ] [O mio Salvatore . . . ] 34. [ . . . ] e che tu possa ricevere la ricompensa per [ . . . ] [O mio Salvatore . . . ] D. Gloria e onore al nostro Signore, la nostra luce, Mani, e all'ani­ ma della beata Maria e [a quella di] Apa Panai. . .

Testo nr. 44

(Salmo degli erranti 31, ed. Allberry, pp. 176- 1 77; lingua: copto; tr. CG)

l. [p. 176 Allberry] [ . . . ] al mio cuore, il comanda­ mento (entolé) e la fede (pfstis) [ . . . ] alla vita. 2. Il comandamento e la fede hanno illuminato il mio intimo [Il comandamento... ] 3. Il comandamento mi ha messo sulla buona strada Il comandamento ... 4. Il comandamento mi ha messo sulla strada retta Il comandamento .. . 5. [ . . . ] come un pastore dall'alto che raduna [Il comandamento .. ] 6. È venuto come un pastore, che raduna intorno a sé tutte le sue pecore Il comandamento ... .

272

Parte quarta - Testi dottrinali

7. Il nostro buon pastore, che ci fa pascolare nei suoi comandamenti Il comandamento . 8. Sono belli il comandamento e la conoscenza, di cui si è rivestito l'amore [Il comandamento ... ] 9. Il comandamento [ . . ]: in che cosa posso avere fiducia, se non in esso? [Il comandamento ... ] 10. Il comandamento è stato l' albero; la mia anima è stata la sua terra [Il comandamento... ] 1 1. Buona è la terra, buono l' albero, buono i l frutto e buono anche Il comandamento .. il sapore 12. Il comandamento è stato il nocchiero; la mia anima è stata il va­ scello [Il comandamento ... ] 13. Buono è il vascello, buono il nocchiero e buono anche il vento Il comandamento. . che soffia 14. Il comandamento è stato albero, il comandamento è stato arca [Il comandamento ... ] 15. È stato albero nel giorno [ . . ] ; è stato arca [ . . ] [Il comandamento ... ] [Il comandamento . . ] 16. [p. 177 Allberry] [ . . ] 1 7. Il comandamento è stato conoscenza; il comandamento è stato chiesa Il comandamento ... 18. È stato comandamento in Gesù [ . . ] nel Paraclito Il comandamento ... 19. È stato chiesa del Padre; è stato amore (agape) del Diletto Il comandamento... 20. È stato pane per gli affamati; è stato acqua per gli assetati Il comandamento ... 21. È stato resurrezione (anastasis) per i morti: sono risorti dalla Il comandamento . morte e sono venuti alla vita. 22. È stato una gradinata per quanti si dirigono verso la luce; è stato una scala per quanti sono attratti verso l'alto Il comandamento .. . 23. È stato albero, è stato vascello, è stato [ . . . ] [Il comandamento ... ] 24. È stato un albero nel deserto; è stato un'arca nel diluvio [Il comandamento ... ] 25. È stato una via per gli erranti; è stato [ . . . ] Il comandamento .. . 26. È stato albero nel Dio di verità; è stato vascello tra i vascelli di luce Il comandamento . 27. È stato un sentiero nell'Uomo Perfetto; è stato un re nella Chie­ sa Il comandamento ... .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

La

vita morale manichea

273

28. Fratelli miei, facciamo festa, perché anche noi ci siamo ancorati [Il comandamento ...] a questo comandamento 29. Rispondiamo tutti insieme: «Che il nostro vascello veleggi ver­ Il comandamento ... so il bene)) 30. Che noi possiamo ancorarci, che noi possiamo ancorarci Il comandamento... ali' amore del Padre 31. Che noi possiamo ancorarci, che noi possiamo ancorarci al Il comandamento .. porto della pace 32. Che noi possiamo ancorarci, che noi possiamo ancorarci al porto della pace Il comandamento . 33. Che noi possiamo ancorarci, che noi possiamo ancorarci a que­ sta compassione Il comandamento... 34. Che noi possiamo ancorarci, che noi possiamo ancorarci a que­ sta amabilità Il comandamento ... 35. Che noi possiamo ancorarci, che noi possiamo ancorarci a que­ sta pietà Il comandamento .. 36. Che noi possiamo ancorarci, che noi possiamo ancorarci a que­ sto amore per gli uomini Il comandamento . 37. [ . . . ] che noi possiamo rallegrarci, che noi possiamo rallegrarci in essa Il comandamento ... 38. [ . . . ] per sempre. Amen ! Fine [del salmo] D. Gloria all'anima della beata Maria. .

.

.

.

..

Testo nr. 45 (Salmo degli erranti 32; ed. A llberry, pp. 1 77- 1 79: lingua: coplo; Lr. CG)

l. [p. 177 Allberry] Con la nostra voce santa, rendiamo gloria al­ l' Intelletto (nous); se, infatti, abita in noi, noi produciamo un frutto santo. 2. [p. 1 78 Allberry] O Padre, Intelletto di luce, vieni e rivestimi, finché non avrò recitato il lamento del Figlio dell' Uomo (pe-shere mpe-rome). 3. Mio Signore Gesù, vieni e rivestimi, finché non avrò purificato il corpo (soma) dell' Uomo Primordiale (mpe-sharp n-rome). 4. O Compassione della gloria, figlia del Padre delle luci, [ . . . ] nes­ suno conosce il tuo onore. 5. Tu sei l' ascia a doppio taglio, con la quale è stata recisa la radice amara.

Parte quarta - Testi dottrinali

274

6. Tu sei [ . ] che è nella mano della Vergine, e che essa ha affon­ dato nel cuore del nemico. 7. Tu sei il primo vascello dell'eroe primordiale, con il quale furo­ no catturati i ladri che si erano ribellati. 8. Tu sei la prima anna (hoplon) del guerriero primordiale, che gli brandì dietro al nemico insorto. 9. Tu sei la chiesa del mio Padre, l'Uomo Primordiale; tu sei la vi­ gna del mio Padre, lo Spirito vivente (pe-pneuma et-anh). 10. Tu sei l'occhio della sazietà, che venne dall 'abbondanza, finché non ebbe chiuso gli occhi del maligno. 11. Quanto è grande la tua forza, o figlia della Sapienza (soph(a); infatti, non hai ancora penato a sorvegliare il nemico. 12. I vascelli ti aspettano in alto, per trascinarti su e portarti nel tuo regno. 13. Ecco, i cinque Omofori140 sono sparsi sulla terra, perché il tuo cuore non si affligga e tu possa scaricare il fardello dalle tue spalle. 14. Ecco, l'Uomo Perfetto (pe-rome et-giek) è disteso in mezzo al mondo (k6smos), perché tu possa camminare in lui ed essere por­ tata verso la Luce. 15. Ecco, i giusti (n-d(kaios) ti illumineranno; ecco, la Conoscenza e la Sapienza ti metteranno addosso i tuoi vestiti. 16. Ecco, la cassetta dei medicinali del medico guarirà le tue ferite: ecco il perdono dei peccati dei Catecumeni della fede. 1 7. Cammina, dunque, nella gioia, trascinata verso la terra della lu­ ce, sigillata con i tuoi sigilli (sphrag(s), con le tue corone che non appassiscono. 18. [p. 179 Allberry] Cammina anche in allegria; le tue sofferenze oggi sono passate; ecco, hai gettato l'ancora al porto della pace (ei­ réne). 19. Quando sali in alto [ . . . ] la tenebra [ . . . ] il perdono dei peccati degli Uditori della fede (pe-nahte). D. Gloria a questa compassione e a colui che la purificherà, e all'anima di Plusiana [e a quella] della beata Maria. .

.

140 Si tratta dei cinque figli dello Spirito vivente, i quali sono disuibuiti nei di­ versi cieli e costituiscono, insieme ai figli dell'Uomo primordiale, alla Chiamata e alla Risposta, i membri della Colonna di gloria.

La vita morale manichea

275

Testo nr. 46 (Salmo degli erranti 33; ed. Allberry, pp. 1 79- 1 8 1 ; lingua: copto;

tr.

CG)

[p. 1 79 Allberry] Amen, noi cantiamo a te; amen, amen, noi suoniamo (psdllein) per te. l. Il lamento di una vergine che grida: forse grida a Dio. Amen. Il lamento di una continente che grida: forse grida agli angeli. Amen. Il lamento di una donna sposata che grida: forse grida a [ . . ] Amen, noi cantiamo a te; amen, amen, noi suoniamo per te. alla terra di luce 2. Il lamento di una vergine Amen Il lamento di una continente al Nuovo Eone Amen al mondo (k6smos) Il lamento di una donna sposata Amen al Padre 3. Il lamento di una vergine Amen alle Emanazioni (probolé) Il lamento di una continente Amen Il lamento di una donna sposata ali' arconte Amen 4. Il lamento di una vergine al sole Amen Il lamento di una continente alla luna Amen Il lamento di una donna sposata alle stelle Amen a Set 5. Il lamento di una vergine Amen Il lamento di una continente ad Adamo Amen Il lamento di una donna sposata ad Eva Amen 6. Il lamento di una vergine a Giovanni Amen Il lamento di una continente a [ .] Amen a Giuda Il lamento di una donna sposata Amen .

. .

276

Parte quarta - Testi dottrinali

7. Il lamento di una vergine all'aquila Amen alla colomba Il lamento di una continente Amen [p. 180 Allberry] Il lamento di una donna sposata al drago (drakon) Amen a [ .] 8. Il lamento di una vergine Amen Il lamento di una continente al pane Amen Il lamento di una donna sposata alla carne (sarx) Amen allo spirito 9. Il lamento di una vergine Amen Il lamento di una continente all'anima Amen al corpo Il lamento di una donna sposata Amen l O. Il lamento di una vergine verso l'alto Amen Il lamento di una continente all'aria Amen Il lamento di una donna sposata all 'abisso Amen 1 1. Il lamento di una vergine al pastore Amen Il lamento di una continente alla pecora Amen Il lamento di una donna sposata al lupo Amen 12. Il lamento di una vergine verso destra Amen Il lamento di una continente verso la via di mezzo Amen Il lamento di una donna sposata verso sinistra Amen 13. Il lamento di una vergine alla perfezione Amen . .

La

vita morale manichea

277

alla fede Il lamento di una continente Amen alla mancanza Il lamento di una donna sposata Amen al grande vento 14. Il lamento di una vergine Amen al vento del nord Il lamento di una continente Amen alla tempesta Il lamento di una donna sposata Amen alla ricchezza 15. Il lamento di una vergine Amen al guardiano Il lamento di una continente Amen al ladro Il lamento di una donna sposata Amen al medico 16. Il lamento di una vergine Amen alla guarigione Il lamento di una continente Amen alla ferita Il lamento di una donna sposata Amen a Tecla141 J 7. Il lamento di una vergine Amen a Drusiana142 Il lamento di una continente Amen alla donna disonorata Il lamento di una donna sposata Amen 18. [p. 181 Allberry] Il lamento di una vergine alla verginità Amen alla continenza Il lamento di una continente Amen Il lamento di una donna sposata alla contaminazione Amen 19. Il lamento di una vergine al giudice Amen 141 Ragazza di Seleucia sul Calicadno, in Cilicia, convertita da san Paolo e pro­ tagonista degli omonimi Atti apocrifi. 142 Probabilmente una martire manichea, nominata anche in altri Salmi.

278

Parte quarta - Testi dottrinali

alla giustificazione Il lamento di una continente Amen al giudizio Il lamento di una donna sposata Amen al sentiero 20. Il lamento di una vergine Amen al [ . . . ] Il lamento di una continente Amen al [ . ] Il lamento di una donna sposata Amen alla corona 21. Il lamento di una vergine Amen al premio (brabeion) Il lamento di una continente Amen alla sconfitta Il lamento di una donna sposata Amen D. Gloria a questa vergine (parthénos), che è carica di corone. Amen. Gloria anche a sua sorella, la continenza (enkrdteia) che [ . . . ] dietro a lei. Amen. Vergogna a questa peccatrice, che non si pente finché è nel corpo. Amen, noi cantiamo a te; amen, amen, noi suoniamo per te. Pace all'anima della beata Maria. . .

Testo nr. 47 (Salmo degli erranti 34; ed. A llbe rry, pp. 1 8 1 - 1 82; lingua: copto; tr. CG)

[p. 181 Allberry] Anima (psyche'), anima, ricordati dei tuoi eoni. l. Anima, da dove vieni? Ricordati. Tu sei venuta dali' alto. Ricordati. 2. Tu sei estranea al mondo; Ricordati. di passaggio sulla terra, tra gli uomini. Ricordati. 3 .. Tu hai le tue abitazioni in alto; Ricordati. le tue tende di gioia. Ricordati. 4. Tu hai il tuo vero Padre; Ricordati. tu hai la tua vera Madre. Ricordati. 5. Tu hai i tuoi veri fratelli; Ricordati. tu sei una guerriera. Ricordati.

La vita morale manichea 6. Tu sei la pecora, che vaga nel deserto. 7. Tuo Padre ti cerca; il tuo pastore sta in pena per te. 8. Tu sei la vigna, che ha cinque rami; 9. il cibo degli dei, il nutrimento degli angeli; 10. colei che riveste i giusti, il vestito (stole) dei santi. 11. Tu sei l ' intelletto dei perfetti, il pensiero dei credenti. 12. Anima, alza la testa, i n questa casa piena di [ . . ]. 13. [p. 182 Allberry] [ . . ] demoni, [ . . . ] ladri. 14. Anima, non dimenticarti di te, perché tutti ti danno la caccia. 15. Ti danno tutti la caccia i cacciatori di morte. 16. Essi catturano gli uccelli e [ . . . ] i loro [ . . ]. 1 7. Spezzano loro le ali, perché non ritornino più al nido. 18. Anima, alza la testa e ritorna alla tua patria (patrfs) 19. Sei estranea alla tua famiglia, [ . . . ] piena di gioia. 20. Tu [ . . . ] luce, per sempre in eterno. D. Gloria ed onore a Gesù, il re dei santi; vittoria all' anima della beata Maria. .

.

.

279 Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. [. . .] Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati. Ricordati.

280

Parte quarta - Testi dottrinali Testo nr. 48

(Salmo di Tommaso 13, ed. Allberry, pp. 2 1 8-220; lingua: copto;

[L'INNO DELLA]

tr.

CG)

CHIESA ALL'APOSTOLO

l. [p. 218 Allberry] «Dove sei andato, tu che scegli i giusti (n­ dfkaios)? Tutti i tuoi figli ti cercano; 2. tutti i tuoi figli ti cercano, i tuoi diletti ti aspettano; 3. la tristezza dei tuoi figli ti cerca, i tuoi diletti ti aspettano ogni giorno; 4. i tuoi discepoli (mathetés) ti cercano, cercano la tua forma (mor­ phé) in mezzo a loro». 5. «lo sono uscito per piantare un giardino al di là dei confini di questo mondo (k6smos), 6. scegliendo e piantando in esso le piante che crescevano tra i Vi­ venti. 7. Darò disposizioni al giardiniere: Occupati dei miei alberi, delle mie nuove' piante; 8. occupati delle mie nuove piante, in modo che esse non dormano né sonnecchino; 9. in modo che non dormano né sonnecchino, e non dimentichino l'ordine che è stato dato loro. 10. Poiché gli anni passano come mesi, i mesi volano via come at­ timi. 1 1. Queste sono case date in affitto; sono anni presi in prestito; 12. non sono addolorato per i corpi (soma), ma per il tesoro (chre­ ma) dei Viventi, che è sistemato in essi. 13. Mi aspetto che i Viventi mi mandino un aiuto (boétheia); 14. i Viventi mi manderanno una forza, i miei fratelli porteranno la Luce [ . . . ] 15. Quanto a lungo, dunque [. . . ], in modo che possano [ . . . ] 16. [p. 219 Allberry] [. . . ] con me davanti al Potente. 1 7. Il Potente mi interroga, il Grande dello Splendore mi esamina: 18. «0 giusto, il mondo da cui provieni, che aspetto ha, come pro­ cede?». 19. lo risposi: «> fin dall'eternità inter­ ced�r lui e lo guida dall'alto (AM). Anacoluto nel testo 147 La luna, nella sua opera di «scorta>>, cfr. testo nr. 28.

286

Parte quarta - Testi dottrinali

ultime. Infatti, le sue opere non rimangono all'esterno ad aspettarlo in ogni luogo fino al momento in cui se ne sarà uscito dal corpo e le avrà tutte salvate e inviate in alto: la forza di quell'Uditore sta nel fatto che riesce da sé a salvare tutte le sue opere nel mentre si trova ancora nel suo corpo 148 • Succede cosl allo stesso modo di quando uno 149 risiede in una città, mentre tutto il suo sèguito (komitiìton)uo si trova [sparso] nelle città, nelle località e nei villaggi del paese. [p. 227 Bohlig­ Polotsky] Fintanto che il re risiede in quelle zone, si osserverà nelle zone circostanti l'accampamento del suo esercito (pef-fossaton)m; ma quando dà il segnale di partenza verso il territorio nel quale in­ tende spostarsi e impartisce l'ordine a tutto il suo seguito di metter­ si in marcia e di partire dal luogo in cui si trova in direzione di quello in cui [il sovrano poi] si troverà, allora alcuni reparti del suo esercito lo precedono e giungono sul posto prima di lui; altri invece lo aspettano, lo accompagnano e iniziano la marcia quando la inizia anche lui; altri infine lo seguono, marciano dietro di lui e fanno passare un notevole numero di giorni o di mesi di marcia prima di giungere a destinazione. [Insomma], il sèguito nel suo insieme non si mette in marcia tutto in una volta ma chi va avanti prima di lui, chi lo segue, e chi procede insieme a lui. La stessa cosa accade con le opere degli Uditori: alcune delle sue membra e delle sue opere si purificano mentre egli sta ancora nel corpo: esse vengono ripulite 148 Le

«opere>> compiute da un uomo, nella fattispecie un Uditore, sono qui in­ tese non come degli eventi, ma come una sorta di oggetti «materiali>>, di tracce o particelle di anima (di sostanza luminosa) che egli sparpaglia in ogni dove nello spazio in cui si muove e agisce. Queste particelle devono essere recuperate e sal­ vate come parti integranti o «membra>> del proprio Sé, cosa che solo il manicheo può fare, mentre per gli altri uomini rimangono perdute e imprigionate nel mondo inferiore come tutto il resto della luce mescolata alle tenebre. Il bravo Uditore, in particolare, ha la capacità di «movimentare» le particelle luminose sparpagliate nel corso delle sue azioni e incanalarle (alcune prima, alcune dopo) verso il regno della Luce anche senza aspettare di reintegrarle a sé dopo la morte fisica, ma già durante la vita, e ciò grazie alla sua intensa devozione religiosa (AM). 149 Si vuoi dire un re, la cui «mobilitazione>> dei reparti dell'esercito secondo tempi e scaglioni differenti viene usata come metafora per la «movimentazione» delle opere da parte degli Uditori (AM). 1� Sull'espressione cfr. testo nr. 4 p. 15 B.-P. e nota relativa (AM). 151 Dal lat. fossatum, la «trincea>> scavata attorno alle tende della truppa. La metafora del seguito reale potrebbe risalire all'esperienza di Mani stesso durante le campagne militari di Sapore, anche se il redattore copto usa una terminologia militare romana (AM).

L 'escatologia individuale

287

nei firmamenti (steréoma) dei cieli e lo precedono; altre sue mem­ bra si salvano assieme a lui ed escono fuori nel momento in cui anch'egli se ne va via dal corpo; altre infine lo seguono nella re­ denzione dai vincoli della terra e del creato, e poi partono per arri ­ vare alla Terra dei Viventi». ( . . .) [Capitolo 91, p. 228 Bohlig-Polotsky) L'Apostolo gli rispose: «Ti istruirò sulle opere di quegli Uditori della fede (ni-katechumenos et-m-meu) che non verranno [più] in un corpo. Il contrassegno di quel perfetto Uditore è il seguente. Tu vedrai sua moglie in casa con lui, ma che gli sta vicino come un'estranea. La sua stessa casa vale per lui come un albergo, di cui può dire: vivo in una casa in affitto per qualche giorno o qualche mese. I suoi fratelli e i suoi parenti valgono per lui... sì, sicuramente sono degli estranei 132 che gli stan vicino solo perché sono suoi com­ pagni di strada [ ... ] vengono separati da lui e ognuno [ ... ]. Oro, ar­ gento, vasellame di [ ... ] [p. 229 Bohlig-Polotsky] la casa, queste cose diventano per lui come recipienti presi a nolo: li prende, ne fa uso, e poi li restituisce al loro proprietario. Il suo cuore e il suo te­ soro non rimangono attaccati ad essi . Ha distolto il suo interesse (pef-makmek) dal mondo, e ha riposto il suo cuore nella santa Chiesa. In ogni momento il suo pensiero è rivolto a Dio. Colui che fa questo al massimo grado, colui che è pieno di premura, preoccupazione e amore per i Santim, costui si dà cura della Chiesa come della propria casa, anzi ancora più che della pro­ pria casa. Tutto il suo tesoro lo ha riposto negli Eletti e nelle Elette. Il Salvatore [scii. Gesù], infatti, ha annunciato per bocca dell'A­ postolo : 'Da ora in poi quanti hanno una moglie siano come se non l'avessero; quanti comprano, siano come se non comprassero, quanti gioiscono, siano come se non gioissero, quanti piangono, siano come se non piangessero; quanti usano del mondo siano come se non ne provassero piacere'. Ciò che [ ... ] han­ no annunciato valeva per gli Uditori perfetti che se ne vanno da m

Anacoluto nel testo. I membri (viventi) della Chiesa, con tenninologia tipica del cristianesimo primitivo (AM).

m

Parte quarta - Testi dottrinali

288

questo loro unico corpo e salgono subito lassù in alto: nel loro comportamento (politéia) sono uguali agli Eletti: ecco il segno di quegli Uditori che non si reincarneranno [più]». (. . ) [p. 230 Bohlig-Polotsky] «Per quanto concerne il resto degli Uditori, ho lasciato scritto nel Tesoro della Vita in che modo essi si salvano e si purificano, ognuno di loro a seconda delle sue opere, [cioè] a seconda di quanto ha offerto alla Chiesa: è questo la manie­ ra per agevolare la sua ascesa, la sua redenzione e purificazione. Pertanto è bene che l'Uditore in ogni momento implori da Dio e dalla Chiesa la conversione (metdnoia) e la remissione dei peccati per le proprie colpe, le [prime] come le ultime, affinché le sue ope­ re vengano raccolte (tanto [le] prime quanto le ultime) e calcolate sul suo conto» 154• (. )

[p. 232 Bohlig-Polotsky] L'Apostolo rispose loro: « È molto im­ portante la questione che mi avete posto ed io cercherò di spiegar­ vela [ ... ] in questo modo. Ogni uomo che abbia accolto la speranza e la fede ha separato la luce dalle tenebre, ha percepito [i] misteri dell'Anima Vivente ([ne am-]mysterion nte-psychè et-anh), ha p6rto la destra della Pace all' Intelletto di Luce che risiede nella santa Chiesa, e da lui implora la remissione dei peccati. Ora sap­ piate: tutti i suoi peccati di prima, con i quali ha peccato dal giorno della sua nascita fino al giorno in cui ha accolto la speranza di Dio distogliendo il proprio cuore dalle sette, dall' idolatria e dall'ingan­ no, tutti questi gli vengono perdonati. Da allora in poi non dovrà più risponderne, e neppure riceverne il castigo. (. ) Se però egli ritorna alle sue prime opere e con esse pecca nuo­ vamente, allora gli saranno ricalcolati tutti i suoi peccati, tanto i primi quanto gli ultimi e per tutti quanti riceverà il castigo m . Giac­ ché Dio gli aveva concesso la conversione e la remissione dei pec­ cati [commessi] a causa della sua stoltezza, ma lui non ha perseve.

..

..

154 La metafora contabile o «bancaria>> per le opere buone o cattive è tipica del linguaggio ebraico e da qui è passata sia nel cristianesimo (cfr. s. Paolo, Rom. 4.3) sia nel manicheismo (AM). m Una concezione analoga, per cui la ricaduta nel peccato comporta la danna­ zione, anche nell'Apocrifo di Giovanni, NHC Il, 27 (AM).

L 'escatologia individuale

289

rato nella conversione concessagli da Dio. Se invece persevera da Uditore nella fede e si lascia alle spalle le sue prime opere, allora tutte le sue opere gli verranno perdonate, sia che si tratti di un Eletto nella sua condizione di Eletto, sia di un Uditore nella sua condizione di Uditore. (. . .) [p. 233 Bohlig-Polotsky] Sentite ora come vi spiego le opere dell'Uditore fedele. L'Uditore che crede veramente osserva cin­ quanta digiuni, digiunando in tutte le cinquanta domeniche dell'an­ no. Inoltre si assicura la purità evitando [di cedere al] desiderio sessuale (epithymfa) per sua moglie e mantenendo immacolato il suo letto mediante la continenza durante tutte le domeniche. È [ . . . ] nel suo cibo. Non contamina il proprio nutrimento con il pesce [ . . .] e tutte le impurità della carne e del sangue. Non mangia niente di impuro durante le domeniche. Trattiene le sue mani dal colpire e tormentare l 'Anima Vivente•�. I momenti di preghiera vengono da lui [ ... ], li osserva pregando tutti i giorni. Ora per ora, giorno per giorno i momenti della preghiera [ ... ], i digiuni e l'elemosina1�7, che dona tutti i giorni dell'anno. Gli verranno così computate a suo cre­ dito (gien nef-agath6n) le elemosine, i digiuni che ha fatto. gli in­ dumenti con i quali ha rivestito i Santi. In questo modo, giorno per giorno sono [scii. i bravi Uditori] in comunione con loro [scii. i santi] nei digiuni e nelle preghiere. Queste opere vengono conteg­ giate insieme con le altre: metà di esse ascritte al bene, l' altra metà al peccatom. In effetti i peccati da lui commessi nell'altra metà del­ l'anno sono divisi in cinque parti; quattro di esse gli vengono per­ donate per intercessione (patronfa) della santa Chiesa grazie alla fede e all'amore (agape) degli Eletti, [e precisamente:] una fprima] per questo motivo appunto, le altre [tre] perché possiede la gnosi (te-gnosis), ha separato la luce dalla tenebre, ha rivolto un inno e una preghiera all' Illuminatore che sta in alto; lì c'è anche il Riposo che lui [ ... ]. Dunque, per queste buone azioni [da lui compiute gli vengono perdonate] quattro parti [ .. . ] i peccati dei quali si è reso colpevole [p. 234 Bohlig-Polotsky] dal giorno in cui è diventato un Uditore. Quanto al resto, c'è solo una singola parte della quale do1� Cfr. testo nr. 40 p. 32 Henning. 157 L'offena che il fedele laico fa ai membri della Chiesa per provvedere al loro sostentamento (AM). •ss Perché l'Uditore, vivendo come laico e non come religioso, commette ine­ vitabilmente anche opere peccaminose in tuti gli altri aspetti della sua esistenza.

290

Parte quarta - Testi dottrinali

vrà rispondere e per la quale riceverà pena e castigo. Poi verrà pur­ gato, nel mondo superiore o inferiore, e lo sarà in base alle sue ope­ re.,9. Verrà purificato, lavato e abbellito. Quindi verrà trasfigurato [lettera/m. «dipinto» (zographein)] in un'immagine di luce (eikon n-ouaine) e levato in alto: così raggiungerà la Terra del Riposo, di modo che il suo cuore sia là dove c'è il suo tesoro ».

1�9 Questa purificazione avviene mediante la metempsicosi, che quindi viene vista dal manicheismo come una specie di Purgatorio (AM).

IL GIUDIZIO UNIVERSALE DAL TRAITATO PER SAPORE

Testo nr. SO

(Fr. M 477, ed. Boyce, Reader, p. 78; lingua: mediopersiano; tr. PC) 1 60

>, «gilded>> è interpretato da M. Boyce come pre­ dicativo: 'lusts, gilded with al/... ' .

Parte quinta - Testi liturgici

3 14

35. Le anime dei morti a una a una'1 vengono esposte nei dahmaq della morte'2 , dove tutto è buio 36. [p. 164 Boyce] e dove c'è la totalità del dolore a causa della crescita continua'3 dell'Oscurità [ ... ] certo essi si vestono di soffe­ renza [ .. ]. .

VII a l. Essi sono come mattoni difettosi e rotti, non adatti per ascendere all'edificio degli Dei. a 2. Precipitano nel profondo e vengono divorati in [stato] di morte. Si vestono di tenebra, sofferenza e fuoco. a 3. Giammai trovano un essere pietoso. Né alcuno c'è che apra lo­ ro la porta dell'inferno. a 4. Vengono bruciati con tutti coloro che tremano. Si lamentano e urlano a motivo della prigione eterna. a 5. Nessuno che ascolti e abbia pietà per loro, in ragione di [ ... ] dissoluzione. a 6. [ ... ] ricevono ricompensa. a 7. [ ... ] quelli nell'abisso [ ... ]. a Il. [p. 166 Boyce] Il tuo cuore si rallegri per questo giorno della dipartita, poiché ogni malanno e tutti i tuoi affanni hanno fine. a 12. Tu ti allontanerai da questo truffatore,.., che ti ha reso vulne­ rabile con le tribolazioni e l'agonia della morte. a 13. Tu fosti trattenuto nell'abisso, dove tutto è confusione. E reso schiavo, dovunque tu andassi". a 14. Tu fosti sbattuto in mezzo ai rinati e in ogni paese hai subìto tribolazioni». a 15-1 7 [ ... ] .

51 Letteralm ' i numeri (sdgdn) delle anime dei morti', i n quanto le anime non sfuggono al conteggio. Henning e Boyce intendono 'le parti delle anime' (come è noto, l' anima manichea è costituita di cinque parti). Ritengo che l' autore del testo, se avesse inteso dire 'le parti' avrebbe scritto harwén sdgdn 'tutte le parti ' , per evitare di fare intendere, a chi ascoltasse, 'parti' , cioè 'alcune parti' . 52 I l termine partico dahmaq allude forse ai 'dakhma' dello zoroastrismo (in pahl. daxmak , neopers. daxme'), costruzioni cilindriche, sul tetto delle quali le salme venivano esposte per la consunzione. 53 Così se si intende abzawishn nel senso di 'incremento' (per esempio della lu­ na). Henning e Boyce ipotizzano che nel nostro passo figuri un omografo con il valore di 'maledizione' . ,.. Il compagno ingannevole dell'anima è i l corpo (AM). '' Lettera)m. 'in tutti i luoghi'. Vale a dire, la tua condizione di schiavitù resta­ va tale anche se ti spostavi di tua intenzione da una regione all'altra, cosa che uno schiavo non può fare.

Grandi Inni partici

315

[p. 168 Boyce] Ottavo canto dell 'Angad Roshnan. VIII /. 'C'è stata separazione tra me e il corso della vita terrena. In un continuo conflitto, il vivere mi ha fastidiosamente impacciato56• 2. Salva è la mia anima (griw) da tutti i peccati. Giorno dopo giorno essi l' hanno oppressa angosciosamente'7• 3. Fin dal principio la nera e bruciante sofferenza mi ha reso schia­ vo; adesso essa è distante da me'8• 4. Ho indossato una veste di Luce [ ... ]. Sono stato liberato da ogni specie di [ ... ]. 5. [p. 170 Boyce] Ho superato pene ed angosce dei loro corpi. Ogni [ ... ] è diventata una cosa remota per me. 6. Sono stato rimesso in ordine e aiutato dal Salvatore della mia anima (gyan bOjagar), mediante il potere [ ... ] che non ha subìto mai costrizione. Il. I dèmoni umanoidi rinascono in qualsiasi prigione e secondo il ciclo dei ritorni. 12. Ho potuto vedere che il corpo era diventato nero e che non c'era luce in esso, orrendo alla vista e prevaricante nella forma. 13. Il Salvatore mi disse: «Anima (gyan), guarda la guaina che hai lasciato nell'abisso in mezzo alla rovina e al terrore. 14. Per te fu, certo, un partner ingannevole, una prigione insoppor­ tabile in ogni inferno. 15. [p. 1 72 Boyce] Certo per te fu una morte tempestosa che separò la tua anima (griw) dalla vita, per sempre. 16. Certo per te fu un cammino fatto di ostacoli, tutto un agire in compagnia della paura e di tante tribolazioni . 1 7. [ ... ]». 56 Letteralmente: 'Il corso [ ...] è stato cacciato via lontano da me; in ogni contesa, da questo corso sono stato trattenuto in fastidi' . '7 La prima parola della seconda pane del secondo verso è incena. M. Boyce restituisce ky, 'il che' però non trova corrispondenza perfetta nella interpretazione che propone: ' ...which day by day [oppressed] (me) [ever] in anguish. . . ' . Una in­ terpretazione siffatta richiederebbe kym con il pronome suffisso di I persona. In mancanza di -m, M. Boyce deve porre '(me)' tra parentesi, intendendosi con le pa­ rentesi indicare elemento assente nel testo. Un kym è ceno ricostruibile; ma anche un semplice ky offre un senso, che però, almeno per la sintassi, è diverso. Occorre infatti intenderlo non come soggetto ma come oggetto riferito all' anima, e assume­ re come soggetto i peccati immediatamente prima ricordati. '8 Letteralmente: 'La nera bruciante (?) sofferenza dalla quale sono stato fatto schiavo in [ . . . ], dal principio, alle origini, è stata ponata via lontano da me'. Simile è la costruzione della seconda parte della quana strofe.

INNI A GESÙ

Testo nr. 54

(Salmo degli erranti 16, ed. Allberry, pp. 158- 1 59; lingua: copto; tr. CG)

[p. 158 Allberry] Gustate e riconoscete come è dolce il Signore! l . Il Cristo è la parola di verità: chiunque l'ascolterà, vivrà'9• [Gustate . . ] 2. Ho gustato un gusto dolce: non ho trovato nulla di più dolce Gustate ... della parola di verità 3. Ho gustato un gusto dolce: non ho trovato nulla di più dolce del Gustate ... nome di Dio 4. Ho gustato un gusto dolce: non ho trovato nulla di più dolce di Cristo [Gustate . ] 5. Dove c'è una madre compassionevole, simile a mia madre l'amore (agape)? [Gustate . . ] 6. Dove c'è un padre compassionevole, simile a mio padre - il Cristo? [Gustate . . . ] 7. Quale miele è così dolce come questo nome - la Chiesa (ekklesfa)? [Gustate . . ] 8. La sapienza (sophfa) vi invita a mangiare con il vostro spirito [Gustate . . ] 9. Ecco, il vino nuovo è stato aperto; ecco, le coppe sono state portate in mezzo [ai convitati] [Gustate . . ] 10. Bevete quanto volete, avvolti dall'allegria [Gustate. . ] l l . Mangiate quanto volete, rallegrandovi nel vostro spirito [Gustate . ] 12. [ . . ] sono quelli che annunciano; quanti [ . .] sono quelli che ascoltano [Gustate .. ] 13. [p. 159 Allberry] La sposa è la Chiesa; lo sposo è [il Cristo]60 Gustate... .

.

.

.

.

.

.

.

..

.

.

.

" 60

Cfr. Vangelo di Tommaso, l (NHC Il, 32) Cfr. analoga metafora in Ef. 5.22

318

Parte quinta - Testi liturgici

[Gustate... ] La sposa è l ' anima; lo sposo è Gesù [Gustate ... ] [. . .] [ . . . ] i figli della luce [ . . . ] [Gustate... ] È questa la vera gioia, che rimarrà con noi [Gustate . . . ] [Gustate ... ] [ . . . ] che non cambia e non passa [ . . . ] si rallegrano, ma [ . . . ] Gustate .. Gustate .. . [ . . . ] ma [ . . . ] Gustate .. . [ . . . ] all'esterno, rallegrandosi [ . . . ] [. . .] [Gustate...] 23. Chiunque si umilia, sarà accolto; chiunque si esalta, sarà umiliato [Gustate... ] 24. Colui che muore, vive ; colui che fatica, ottiene il riposo [Gustate... ] 25. [ . . . ] la fatica è il riposo; in seguito [ . . . ] c'è anche la gioia [Gustate. . . ] 26. Che noi possiamo rallegrarci in questa gioia per sempre in eterno [Gustate . .. ] D. Gloria e onore a Gesù, il re dei santi, e ai suoi santi Eletti, e ali' anima della beata Maria. 14. 15. 16. 1 7. 18. 19. 20. 21. 22.

.

Testo nr. 55

(Salmo degli erranti 1 7, ed. Allberry, pp. 1 59- 1 60; lingua: copto;

tr.

CG)

l. [p. 159 Allberry] Mio Dio, metti in me un cuore santo; che uno spirito retto possa rinnovare il mio intimo . 2. Il cuore santo è il Cristo: egli risorge in noi e anche noi risorge­ remo in lui. 3. Il Cristo è risorto; i morti risorgeranno con lui 61 • Se crediamo in lui, noi passeremo attraverso la morte e giungeremo alla vita. 4. Saranno i figli della fede a vedere la fede. Ecco [ . . . ] venite, met­ tiamo olio nelle nostre lampade (lampdst2 • 5. Raduniamoci e diventiamo latte caldo; questa creatura [ . . . ] spe­ ranza (helpfs) che è venuta dall'alto. 6. La creatura della tenebra è il corpo (soma) del quale siamo rive-

61 Cfr. JCor. 1 5.20 ss. Naturalmente nel contesto manicheo la resurrezione è da intendersi come recupero della sostanza luminosa dalle tenebre, cioè dal corpo, non come una resurrezione del corpo stesso, destinato alla distruzione in quanto creatura delle tenebre (AM). 62 A llusione alla parabola evangelica di Mt. 25. 1 - 1 3.

Inni a Gesù

319

stiti; [p. 160 Allberry] l'anima (psyché) che sta in esso è l ' Uomo Primordiale (pe-sharp n-rome). 7. L' Uomo primordiale, che fu vittorioso nella terra della Tenebra, anche oggi sarà vittorioso nel corpo (soma) di morte. 8. Lo Spirito vivente, che tese la mano all'Uomo primordiale, an­ che oggi è lo Spirito Paraclito. 9. Uno è l ' intelletto (nous) che è venuto, che rivela, che raduna, che elegge la sua santa Chiesa. IO. Purificami, mio Dio, purificami all' interno e all' esterno; purifi­ ca il corpo, l'anima e lo spirito. 1 1. [ . . ] possa essere per me un corpo santo. La conoscenza [ . . . ] spirito e intelletto (pneuma hi nous) per me. 12. Purifica, mio Dio [ . . . ] questi tre [ . . . ] la mia bocca [ . . . ] e la pu­ rezza della mia verginità (parthen{a). 13. Gesù è risorto; è risorto in tre giorni. La croce (staur6s) di Luce risorge in tre potenze. 14. Il Sole, la Luna e l' Uomo perfetto: queste tre potenze sono la Chiesa del Grande Mondo (t-ekkles{a mpe-nac n-k6smos). 15. Gesù, la Vergine e l' Intelletto che sta in mezzo ad essi: queste tre potenze sono la Chiesa del Piccolo Mondo (mpe-koui n­ .

k6smos). 16. Il regno dei cieli, ecco, è in noi ; ecco, è fuori di noi63; se cre­ diamo in esso, vivremo in esso per sempre. D. Gloria, vittoria ad ogni uomo che abbia ascoltato queste parole, vi abbia creduto e le abbia messe in pratica nella gioia. Vittoria ali ' anima della beata Maria.

Testo

nr.

56

(Salmo per Gesù 265, ed. Allberry, pp. 8 1 -82; lingua: copto; tr. CG)

l. [p. 81 Allberry] Oggi è il premio della separazione del corpo e anche dell' anima. Oggi [ . . ] si manifesta a lui davanti a Dio. 2. Le anime dei giusti (n-dfkaios) sono incoronate nella luce e ascendono in alto nella gloria insieme con gli angeli . 3. M a se s i tratta d i u n peccatore, egli procede nella paura e viene gettato a capofitto nel fuoco, come se fosse un servo malvagio e inutile . .

63 Vang. Tomm. 3 (NHC Il, 32).

320

Parte quinta - Testi liturgici

4. Non si aspetta una difesa, che insegni come rispondere, in questo giorno; piuttosto, colui che ha una buona opera riponga la sua fidu­ cia nelle sue opere . 5. Passano tutta la loro vita dediti al mangiare, al bere, [p. 82 Allberry] al piacere (hedone1 [ . . ] turbati quando pensano al giudi­ zio del giudice (krités). 6. Litigano gli uni con gli altri per un possesso effimero; si com­ battono reciprocamente per ricchezze fatali. 7. Perché, o anima mia, ora sciupi la tua vita [ . . . ], se poi sarai por­ tata davanti al giudice a motivo dei [ . . ] e dei piaceri? 8. I giorni della tua vita corrono via da te: perché sperperi invano il tuo zelo nelle cose terrene e volti le spalle alle cose celesti? 9. Hai trascorso la tua vita sprofondata nelle preoccupazioni e nelle cure del mondo, logorandoti attraverso sofferenze e afflizioni. 10. Sei una straniera, ospitata in un corpo della terra contaminata: da quanto tempo, dunque, non ti curi di quello che fai nell'igno­ ranza? 1 1. Fatichi tutto il tempo per nutrire i tuoi corpi64: però non ti sei ancora preoccupata, poveretta, di come tu possa essere salvata. 12. Piangi e versi lacrime per un figlio o un amico che muore: che il pensiero [ ?] della tua stessa dipartita possa anch'esso entrare nel tuo cuore. 13. Fissa, dunque, la tua attenzione su quello che ti è celato e d' ora in poi guarda in avanti : ecco, la strada da percorrere è davanti a te; non dimenticare [che verrà il giorno del]la tua dipartita. 14. Non scegl iere la vita di questo corpo rispetto alla vita eterna: riponi nel tuo cuore il timore di Dio e vivrai senza afflizioni. A. Vittoria e gloria a te, Padre vivente, e a Gesù Cristo, tuo figlio, e al tuo Spirito santo. Vittoria all 'anima di Plusiana, all 'anima della beata Maria, di Teana, di Pshai, di Jmnoute. .

.

64 I numerosi corpi attraverso i quali è passata nelle successive reincamazioni.

Inni a Gesù

321

Testo nr. 57

(Salmo di Eraclide l, ed. Allberry, pp. 1 87- 196; lingua: copto; tr. CG)65

l. [p. 187 A llberry] Mariamme, Mariamme, riconoscimi, [ma] non toccarmi66• 2. Trattieni le lacrime dei tuoi occhi e riconosci che io sono il tuo maestro. Cerca soltanto di non toccanni , poiché i o non ho ancora visto il volto del Padre mio. 3. Il tuo Dio non è stato portato via in segreto, come tu puoi pensa­ re nella tua piccolezza. Il tuo Dio non è morto, ma è diventato si­ gnore della morte. 4. lo non sono il giardiniere; ho dato e ho ricevuto [ . . . ] ; non ti sono apparso, finché non ho visto le tue lacrime e il tuo dolore [ . ] . 5. Allontana da te la tristezza, e compi questo servizio (leitourgfa): sii per me un messaggero verso questi orfani (orphanos) erranti. 6. Affrettati nella gioia e raggiungi gli Undici. Li troverai riuniti sulla riva del Giordano. 7. Il traditore (prodotes) li ha convinti (péithein) a ridiventare pe­ scatori come prima, e a gettare le reti, con le quali avevano cattu­ rato uomini alla vita. 8. Di' loro: «Alzatevi, andiamo: è il vostro fratello che vi chiama». Se essi disdegnano la mia fratellanza, di' loro: «È il vostro maestro . .

[che vi chiama]». 9. Se non mostrano interesse [amelein] per me in quanto maestro, di' loro: «È il vostro Signore [che vi chiama]». Usa ogni espediente (téchne) e ogni ammonimento, finché non avrai riportato le peco­ relle al loro pastore. 10. Se vedi che sono confusi, chiama a te Simon Pietro e digli: «Ri­ corda quello che ho detto tra te e me». 11. «Ricorda quello che ho detto tra te e me sul Monte degli Ulivi: 'Ho qualche cosa da dire, ma non ho nessuno al quale dirlo'». 12. «Rabbi, mio maestro, io servirò (diakonein) il tuo comandamento (entole} nella gioia di tutto il mio cuore. 13. Non darò riposo al mio cuore, non darò sonno ai miei occhi né riposo ai miei piedi, finché non avrò riportato al gregge le pecore». � Eraclide (Mar Herakleides) fu un dignitario manicheo attivo presumibil­ mente in Egitto nel IV secolo e autore di un gruppo di Salmi (AM). 66 Tutto il Salmo riprende la scena e le parole di Gv. 20. 1 1 - 1 8.

322

Parte quinta - Testi liturgici

D. Gloria a Mariarnrne, poiché ha dato ascolto al suo maestro, ha servito il suo comandamento nella giioia di tutto il suo cuore. Glo­ ria e vittoria ali' anima della beata Maria.

Testo nr. 58

(Salmo di Eraclide 2, ed. Allberry, p. 1 88; lingua: copto; tr. CG)

l. [p. 188 Allberry] Ho continuato ad invocarti, o mio Salvatore, finché non mi hai risposto. 2. Tu non mi hai trascurato, altrimenti non avrei potuto sopportare il tuo abbandono. 3. Tu ti ergi [ . . . ] il mio cuore si struggeva per la benevolenza. 4. Dov'è il ribollire delle tue misericordie, dal momento che mi hai lasciato continuare [a lungo] nella mia preghiera? 5. Se la mia voce (phone) ti ha raggiunto, perché allora la tua mise­ ricordia ha esitato? 6. Se io mi sono avvicinato un pochino a te, quanto più tu avresti dovuto avvicinarti a me ! 7. Mi rivolgo ulteriormente a te, o Puro (katharos), fa' valere i miei diritti ! 8. Mi sono stancato a bussare [ ?] presso di te: o portiere, aprimi la porta! 9. Non tratterrò le mie lacrime, o potente, se tu non cancelli i miei peccati. 10. Se la mia offerta è pura, allora accoglila nel tuo laik6n61• 1 1. Se portano su di me la sventura, o giusto, rimettimi in piedi. 12. Emana un comandamento su di me, in modo che nessuno com­ metta ingiustizia (adikein) contro di me. 13. Legami al tuo sorvegliante, a motivo del ladro che sta con me nella casa68• 14. Che la tua misericordia possa essere una scintilla e consumare la pula che è in me. 15. Se porto a termine la mia lotta (agon), o potente, incoronami. 16. Mettimi sulle tue ali, o aquila, vola con me nei cieli. 67 Il significato del termine (prestito dal greco lai1c6s laico [agg. e sost.]) in questo contesto non è chiaro. Allbeny (p. 1 88) spiega in nota che potrebbe trattarsi del luogo in cui era accolta l'offerta dei fedeli laici. 68 Il «ladro» è la corporeità. La metafora del ladro è frequentemente applicata al mondo materiale e alle sue potenze nella letteratura gnostica: Vang.Tomm. 35 e 1 03 (NHC II, 39 e 50); Sofia di G. C., NHC III, 1 2 1 (AM). =

Inni a Gesù

323

1 7. Fammi indossare il nùo vestito bianco, fammi entrare come un dono per tuo Padre. D. Gloria al nùo Salvatore, la misericordia che fluisce dal Padre. Vittoria all'anima della beata Maria.

Testo nr. 59

(Salmo di Eraclide 3, ed. Allberry, pp. 1 88- 1 89; lingua: copto; tr. CG) [p. 188 Allberry] Gridate ai costruttori : «Venite, costruite in fretta». l. Costruite in fretta, costruttori, perché il momento (kairos) è ur­ gente per noi. Gridate .... 2. Ecco, abbiamo gettato le fondamenta: Cristo è il fondamento (themélios). Gridate . .. . 3. Chi possiede oro per la costruzione, costruisca la verginità. Gridate . ... 4. Chi possiede argento per la costruzione, costruisca la continenza. Gridate . . . . 5. [p. 189 Allberry] Chi possiede pietre preziose, costruisca pre­ Gridate . . ghiera e digiuno. 6. Non costruire sull'edificio qualcosa, che il fuoco possa poi bru­ Gridate . ciare. 7. Non costruire [in] paglia e fieno, e non mangiare o bere nel nome Gridate . . . . del Signore 8. Non costruire [in] canne sull'edificio, e non gloriarti nel nome del Signore. Gridate .... 9. Ti rendi conto che le canne sono lisce, [ma] guaste e vuote all' interno ? Gridate . . .. IO. Non ornarti esteriormente, in modo che non ti si trovi guasto interiormente. Gridate. . . . l l. Non costruire [in] legno sull'edificio, e non ricevere il sigillo (sphragìs) della croce. Gridate .... 12. Non ricevere il sigillo esteriormente, mentre il ladro deruba le case. Gridate . ... l 3. Tutti coloro che costruiscono nella notte, sarà il giorno a cac­ ciarli fuori. Gridate... 14. La notte è il tempo del corpo, il giorno è la dipartita [da esso]. Gridate. .. . l 5. [Gli edifici] che tu costruisci di giorno sono quelli in cui abite­ Gridate .... rai. .

.

..

.

.

324

Parte quinta - Testi liturgici

16. Se ti sei deciso a costruire, devi procurarti per prima cosa un Gridate.... bastone da misura. 1 7. Se costruisci senza avere in mano un bastone da misura, la tua Gridate . .. costruzione crescerà storta. 18. La costruzione è il comandamento, il bastone da misura è la professione di fede (homologla). Gridate ... 1 9. Non ubriacarti e non dormire, in modo da non cadere Gridate . . dall'edificio. 20. Costruisci la tua casa e aggiungi tanti piani, ricoprila con un tetto e finiscila. Gridate . . .. 21. Il comandamento (entole') è la conoscenza; il tetto è l' amore Gridate . . .. (agape) del Padre. D. Gloria ed onore al mio Salvatore, l' albero [ ?] che non si può sradicare. Pace e vita all' anima della beata Maria .

.

..

Testo nr. 60

(Salmo di Eraclide 4, ed. Allberry, p. 1 89- 1 9 1 ; lingua: copto;

tr.

CG)

[p. 189 Allberry] Amen, o Padre ! Amen, o Figlio! Rispondiamo all' Amen ! l. [p. 190 Allberry] Amen Amen Amen, o Spirito santo rivelatore. Rispondiamo ... . 2. Amen Amen Amen, o Padre di tutte le luci. Rispondiamo ... . 3. Tu rimani e rimarrai; l' universo passerà, ma tu non passerai . 4. Tu sei, tu sei, tu sei !69 I tuoi anni non avranno fine. [Rispondiamo ... ]. 0 5. Santità, santità, santità a te7 , o Amen, re degli Eonr•. [Rispondi amo ... ] . 6. Amen, cari vascelli, che c i porteranno nel nostro porto. [Rispondiamo ... ] . 7. Amen, dolce rugiada, che dà dolcezza a tutti i frutti. [Rispondiamo . . . ]. 69 Invocazione mutuata dal rituale d i preghiera ebraico, che s i ritrova anche nei testi gnostici, per es. Vangelo degli Egiziani, NHC III, 66; cfr. Eugnosto, NHC III, 71. 70 Anche questa frase riprende l'esclamazione rituale ebraica del triplice qa­ dòsh, ripresa anche dalla liturgia cristiana, vedi infra, testo nr. 78 71 Amen («in verità») è appellativo cristologico, desunto da Apocalisse 22.20.

Inni a Gesù

325

8. Amen, o sole che non tramonta, signore di tutti i luoghi del sor[Rispondiamo... ] . gere. 9. Amen, o luna piena, che non cala in eterno. Rispondiamo .. . IO. Amen, o giorno perfetto, in cui non c'è notte. [Rispondiamo... ]. l l. Amen, o re incoronato, che permane nel suo regno. Rispondiamo.. . 12. Amen, o Dio santo, incoronato dai suoi Eoni. [Rispondiamo. . ] . l 3. Amen, o Luce elevata, che risplende nei suoi diletti. [Rispondiamo ... ]. 14. Amen, o vigorosa Potenza, che dà forza ai suoi elementi. [Rispondiamo.. ]. l 5. Amen, o vera Sapienza (sophfa), che insegna alle anime. [Rispondiamo... ]. 16. Amen, o Spirito santo, che vivifica anche gli spiriti. [Rispondiamo .. ]. l 7. Amen, o diletto Figlio, che si è consegnato alla morte per noi. [Rispondiamo . . ]. l8. Amen, o benevolo Padre, che ci circonda con il suo amore (agape). [Rispondiamo .. ]. 1 9. Amen, o misericordiosa Madre, che ci allatta. [Rispondiamo ... ] . 20. Padre, Figlio, Spirito santo: questa è l a Chiesa perfetta. Rispondiamo . . 2 l. Quando io pronuncio l'Amen, le porte del cielo si aprono. [Rispondiamo . ]. 22. I sal misti del cielo, è l' Amen che abbracciano, è per l ' Amen [Rispondiamo ...] . che suonano. 23. Quelli che s i abbracciano, è l' Amen che abbracciano. [Rispondiamo . . ] . 24. L a dozzina (dodekds) degli apostoli formava una corona intorno all'Amen. [Rispondiamo . . ] . 25. Andiamo al Monte degli Ulivi, perché ti possa insegnare la glo­ [Rispondiamo ... ] . ria dell'Amen. 26. [p. 191 Allberry] La dozzina degli apostoli formava una corona [Rispondiamo .. ]. intorno all'Amen. 2 7. L' Amen rispose loro, raccontò loro i suoi miracoli72 • [Rispondiamo . . . ] . .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

72 I l «racconto» che Gesù, cioè l ' «Amen>>, fa nei versi seguenti ai suoi discepoli e l ' intero contesto di questo salmo riprende da vicino la formulazione degli Atti di Giovanni, 99- 1 0 1 .

326

Parte quinta - Testi liturgici

28. Amen sono stato afferrato; Amen, non sono stato afferrato. [Rispondiamo ... ] . 29. Amen, sono stato giudicato; Amen, non sono stato giudicato. [Rispondiamo . . ]. 30. Amen, sono stato crocifisso; Amen, non sono stato crocifisso. [Rispondiamo . .. ] . 31. Amen, sono stato trafitto; Amen, non sono stato trafitto. [Rispondiamo. .. ]. [Rispondiamo .. . ]. 32. Amen, ho sofferto. Amen, non ho sofferto. 33. Amen, sono nel Padre mio; Amen, mio Padre è in me. [Rispondiamo ... ]. 34. Tu vuoi il compimento dell' Amen? Io ho deriso il mondo73, ma [Rispondiamo ]. essi non mi hanno potuto deridere. 35 Amen, Amen, Amen, Amen, o Dio quadriforme. [Rispondiamo .. ]. D. Gloria e onore all' Amen, al Padre della grandezza; benedizione e santità a Gesù, il Figlio dell' Amen; vittoria allo Spirito santo, che ci ha i struiti su questo Amen, e ai suoi santi Eletti. Pace all'anima della beata Maria. .

...

.

Testo nr. 61

(Salmo di Eraclide 5, ed. Allberry, pp. 1 9 1 - 1 93; lingua: copto; tr. CG)

[p. 191 Allberry] C'erano dieci vergini, che cerca­ vano lo sposo74 • l. Ce n'erano cinque sagge, ce n'erano cinque stolte. C'erano . . . . 2. Le cinque stolte andarono dalle cinque sagge. C'erano. . . 3. «Dateci un po' d'olio per le nostre lampade, perché si sono spente, finché non arriverà il nostro signore» C'erano . . 4. Quelle dissero: «No, no, no; il nostro [olio] non basta neanche C'erano . . . per noi ; 4. Andate al mercato e comprate dell'olio per le vostre lampade» [C' erano .]. .

..

.

..

73 Che Gesù sulla croce «deride>> i suoi aguzzini, perché solo in apparenza pos­ sono fargli del male, è un tema caratteristico del docetismo gnostico che ha in que­ sto Salmo di Eraclide una delle sue maggiori espressioni: cfr. Ireneo, I, 24.4; Apo­ calisse di Pietro, NHC VII, 8 1 . Gesù non prova alcun dolore durante la Passione: }Apocalisse di Giacomo, NHC V, 3 1 ; 2Trattato di Set, NHC VII, 56; Vangelo di Pietro, 4 . 1 0 (in Erbetta); Ireneo, 1,7 .2 (AM). 74 Parafrasi della parabola evangelica Mt. 25. 1 - 1 3.

Inni a Gesù

327

5.

Quando quelle andarono e tornarono, giunse lo sposo. [C'erano . . . ] 7. Quelle arrivarono e bussarono; lo sposo [però] non aprì la porta. C'erano . . 8. Egli disse: «Andate via, andate via, io non vi conosco. [C'erano ...]. 9. Avete ricevuto il mio nome, ma non avete compiuto le mie ope­ re. [C' erano . . ]. 10. [p. 192 Allberry] Andate via da me, lavoratrici dell' iniquità (anomfa)». [C 'erano . .. ] . l l Questi vecchi canuti, sono i bambini che l i istruiscono: [C 'erano .. .]. che n e hanno 12. Sono quelli che hanno sei anni ad istruire quelli sessanta". [C 'erano . . ]. 13. Una perla preziosa è Gesù nel Vangelo (euangélion). [C' erano .. . ]. [C'erano . ]. 14. Un saldo fondamento è l'apostolo Pietro. 15. Un intelletto (nous) che scruta così in profondità è Andrea, que­ sto gemello. [C' erano ...] . 16. Un signore per quanti altri è Giovanni, questo vergine. [C'erano . . ]. 1 7. U n gran mercante d'argento [ ?] è Giacomo, i l suo altro fratello, [C' erano... ]. e morì in seguito ad una lapidazione76• 18. Un perseverante è Filippo, che si aggira nel paese dei cannibali. C' erano . . . 1 9. Un segno della mancanza di preoccupazioni è l ' anziano Barto­ lomeo, il quale non porta con sé il pane quotidiano. [C'erano .. ]. 20. Una pecora esultante fino ad oggi è Simone il Cananeo. [C'erano .. ]. 21. Un mercante di successo è Tommaso nella terra delle Indie. C'erano .. 22. Un discepolo (mathetés) ubbidiente è [Giacomo di] Alfeo, que­ sto benevolo. [C'erano . . ]. .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

..

.

75 Cfr. Vangelo di Tommaso, 4 (NHC Il, 32) e Ippolito, V, 7.2 1 sui Naasseni. 76 Secondo Giuseppe Flavio, Antichità giudaiche, XX, 200, Giacomo «il fra­ tello di Gesù detto il Cristo» fu lapidato a Gerusalemme per una falsa accusa, fatto che scandalizzò anche gli ebrei osservanti. La 2Apocal. d. Giacomo (NHC V) se­ gue invece una versione della vicenda trasmessa da Egesippo (in Eusebio di Cesa­ rea, Sto ria della Chiesa, Il, 23. 1 1 - 1 8) dove Giacomo viene precipitato dal pinna­ colo del Tempio (AM).

328

Parte quinta - Testi liturgici

23. Un accusatore di Dio è Giuda, quest'uomo avido di denaro. [C' erano ... ]. 24. Ma una buona fine è Matteo, questo pubblicano (te/Ones). [C'erano ... ]. 25. L'ascia della Legge (nomos) è l' apostolo Paolo. [C' erano ... ]. 26. Una pescatrice che getta le reti e Mariamme, che cattura gli altri C'erano ... . undici errantf7• [C' erano ...]. 2 7. Una gioiosa serva è anche Marta, sua sorella78 • [C'erano ...]. 28. Pecore ubbidienti sono Salome e Arsinoe79• 29. Una spregiatrice del corpo è Tecla, questa amante di Dio80• [C' erano ...] . 30. Un'unùliatrice del serpente è Massimilla, questa credente8 1• [C'erano ... ]. 31. Un'annunciatrice della buona novella è anche lfidamia, sua sorella, imprigionata in queste prigioni [C'erano . . . ] l. Un' atleta nella lotta è Aristobula, la perseverante [C'erano ... ]. 2. Un ' illuminatrice degli altri è Eubula, questa nobile donna, che [C' erano . . . ]. guida il cuore del capo della città. 3. Una donna saggia, che ama il maestro, è Drusiana, quest' amante di Dio, rinchiusa [p. 193 Allberry] per quattordici giorni mentre era alla ricerca del suo apostolo [C 'erano ... ]. 4. Una vera [ . . . ] che fu trovata è Migdonia, nella terra delle Indie82• [C'erano... ]. 5. Un vento del Nord, che soffia su di noi, è il nostro Signore Mani, 77 La frase, con riferimento forse al già riportato episodio di Gv. 20. 1 7 ss, fa supporre che Maria di Magdala o Maddalena (detta Mariamme negli apocrifi) ab­ bia avuto un certo ruolo nell'impedire la dispersione dei compagni subito dopo il processo e l 'esecuzione capitale di Gesù (AM). 78 In realtà Marta era la sorella di Maria di Betania e di Lazzaro, non di Maria di Magdala, nominata nel verso precedente. 79 Maria Salome era la moglie di Alfeo (fratello di Giuseppe) e madre degli apostoli Giacomo (che altrove però è definito «fratello del Signore))) e Giuda Tad­ deo. Arsinoe non è altrimenti nota, ma doveva godere di notevole prestigio nella tradizione cristiana e gnostica, perché viene nominata, insieme alle precedenti tre, anche nella /Apocalisse di Giacomo, NHC V, 40 (AM). 110 Tecla, protagonista degli omonimi Atti apocrifi, era stata convertita da san Paolo. 8 1 Questa e le altre donne menzionate nei versi successivi sono presumibil­ mente devote o martiri manichee, ben conosciute dai lettori dei Salmi (AM). 82 Migdonia compare negli Atti di Tommaso, dove è una nobildonna incontrata e convertita dall' Apostolo Tommaso in India, la quale per seguire la fede cristiana abbandona il marito pur tanto innamorato di lei (AM).

Inni a Gesù

329

perché noi possiamo uscire con lui e veleggiare verso la Terra della luce [C 'erano. . . ]. 6. Fratelli miei, versiamo anche noi dell'olio nelle nostre lampade, finché non arriva il nostro Signore [C' erano . . ]. 7. Non sonnecchiamo e non addormentiamoci, finché il nostro Si­ gnore non verrà da noi, portando in capo la corona, tenendo in ma­ no il ramo di palma, indossando il vestito della sua gloria; e noi entreremo nella camera nuziale e regneremo con lui tutti insieme, con l' anima della beata Maria. Amen. [C 'erano ]. .

...

Testo nr. 62

(Salmo di Eraclide 6, ed. Allberry, pp. 1 93- 1 97 ; lingua: copto; tr. CG)

l. [p. 193 Allberry] Figlio del Dio vivente, medico delle anime Venite, cantate a lui, il Salvatore degli spiriti ! Padre, che è nel Figlio; Figlio, che è nel Padre. Venite .. .. Torre del regno, che custodisce il tesoro del Padre. [Venite... ]. Via diritta, che porta alla vita. [Venite .. ]. Perfetto giorno di luce, [giorno] del sole che non tramonta. [Venite. .. ] . 6. Pane santo della vita, che proviene dal cielo. [Venite . . . ]. 7. Dolce sorgente d' acqua, che sgorga alla vita. [Venite. .. ]. 8. Vera vigna, [vigna] del vino vivo. [Venite . ]. [Venite . . . ]. 9. Ramo fiorito dell' albero, carico di frutti. [Venite ...] . 10. Giovane pianta di Dio, [pianta] dai frutti vivi. l l . Sposo gioioso della sua Chiesa. [Venite . ]. 12. Pastore della pecora smarrita nel deserto di questo mondo83• [Venite. .. ] . l 3. H a passato i Principati, assumendo l e loro sembianze. [Venite. .. ]. 14. Ha deriso le Dominazioni, rendendosi simile a loro84• [Venite ... ] .

2. 3. 4. 5.

.

.

.

..

BJ L' immagine d i Gesù come pastore che recupera l a pecora smarrita (Le. 1 5 .4), dove la pecora sta per l'anima, la sua propria essenza prigioniera, era presente nella letteratura gnostica, cfr. lreneo I, 23.3 (AM). 84 Il tipico tema gnostico del Salvatore che, per non farsi riconoscere dalle po­ tenze cosmiche mentre ne attraversa il dominio per scendere sulla terra, assume la loro somiglianza (interpretazione deformata di J Cor. 2.8): Ascensione di Isaia, l O; Ireneo, I, 23.3; Triforme Protennoia, NHC XIII, 49 (AM).

330

Parte quinta - Testi liturgici

15. Le Potenze e le Signorie le ha tutte oscurate. [Venite ... ]. 16. Ha fatto questo nelle altezze, mentre fluttuava [ ?] nel cielo. [Venite... ]. 1 7. [p. 194 Allbeny] Ha plasmato l' immagine della carne (sdrx), la [Venite ... ]. forma (schema), dell' umanità 18. Dio è diventato uomo e ha vagato per tutto il mondo. [Venite ... ]. 18. Ha assunto una forma umana, quella di un servo . [Venite... ]. [Venite ... ]. 20. Ha scelto i suoi discepoli, l' inizio del suo gregge. 21. Ha attraversato la Giudea, cercando pietre preziose. [Venite ... ]. 22. È andato sulle spiagge del mare, cercando perle85• [Venite... ]. 23. Ha trovato dapprima Pietro, il fondamento della sua Chiesa. [Venite... ]. [Venite . . . ]. 24. Ha trovato Andrea, la prima colonna santa. [Venite ... ]. 25. Ha trovato Giovanni, il fiore della verginità. 26. Ha trovato Giacomo, la sorgente della nuova sapienza. [Venite ...] . [Venite ...] . 2 7. H a trovato Filippo, ricco di perseveranza. [Venite . . .] . 28. H a trovato Bartolomeo, la rosa dell' amore. 29. Ha trovato anche Tommaso, il dolce profumo che partl per le Indie. [Venite...] . 30. H a trovato l ' altro Giacomo, i l vero fratello del Signore. [Venite ... ] . 31. Ha trovato Simone il Cananeo, pieno di zelo per l a vita. [Venite ... ] . 32. H a trovato Levi, i l trono (thronos) della fede. [Venite ... ] . 33. H a dato il boccone a Giuda , ha portato via anche [Venite . . . ] . la poca luce86• 34. H a tenuto i l lupo lontano dal gregge e gli ha teso la trappola. [Venite ... ] . [Venite ... ] . 35. H a scelto Mariamme, lo spirito della sapienza. 36. H a dato l a vita a Marta, i l soffio del discernimento. [Venite... ] . 3 7. H a chiamato Salame, la grazia (chdris) della pace (eiréne). [Venite ... ]. "

L'immagine è gnostica e non evangelica, perché qui Gesù non s i rivolge a tutta l'umanità ma solo a pochi eletti, paragonati a pietre preziose (AM). 86 Secondo questa curiosa interpretazione manichea del passo evangelico, Gesù mettendo in bocca a Giuda il pane intinto nel sugo sottrae da lui la (poca) sostanza luminosa di cui questi era in possesso e quindi la «mette in salvo», mentre la per­ sona stessa di Giuda, privata di quanto aveva di divino, va in perdizione (AM).

Inni a Gesù

331

38. Ha chiamato Arsinoe, e l'ha posta nella corona della verità. [Venite . . .] . 39. Ha spogliato Gerusalemme, portando via le sue perle. [Venite .. . ]. 40. H a fatto rivivere i morti attraverso l a morte dei loro peccati. [Venite . ]. 41. Ha aperto gli occhi che erano chiusi, perché il cieco nato potes­ [Venite... ]. se vedere. 42. Ha fatto sì che le orecchie dell'anima sorda sentissero. [Venite . . .] . [Venite ...] . 43. Ha piantato le sue talee nel gregge dei suoi Eletti. 44. H a seminato il suo seme nel terreno dei suoi uomini d i cono­ [Venite ... ] . scenza. 45. I l grido della sua voce h a raggiunto i l mondo abitato (oikou­ méne). [Venite. . . ]. 46. I l gregge delle sue pecore h a riempito [tutti] gli angoli del mondo (k6smos). [Venite . . .] . 47. I re che avevano ascoltato hanno gettato a terra le loro corone. [Venite ...] . 48. I primogeniti del paese hanno gettato via da sé le ghirlande. [Venite . .] . 49. [p . 195 Allberry] I ricchi della terra sono diventati poveri per causa sua. [Venite ... ] . 50. Quelli che avevano oro e argento l i hanno abbandonati e s e ne [Venite . . ] . sono andati . 5l . Coloro che [ . . ] pietre preziose, le hanno buttate via e sono [Venite . . ] . fuggiti. 52. Quanti possedevano campi e giardini l i hanno abbandonati ed essi restarono incolti. [Venite. .. ] . 53. Quanti avevano donne e bambini s i sono alzati, se ne sono an­ dati e li hanno abbandonati. [Venite .. ]. 54. Quanti mangiavano e bevevano in allegria sono avvizziti per il digiuno. [Venite . . . ] . 55. Quanti s i gloriavano delle loro bellezza l' hanno lasciata volen­ tieri decadere. [Venite ... ] . 56. Hanno preso s u di sé l a croce (staur6s) , sono an­ dati di villaggio in villaggio. [Venite ... ] . 57. Hanno percorso affamati le strade, senza pane nelle loro mani. [Venite . . . ]. 58. Hanno camminato assetati nella calura, senza prendere con sé acqua da bere. [Venite.. . ]. .

.

.

.

.

.

.

332

Parte quinta - Testi liturgici

59. Non avevano con sé né oro, né argento, né rame mentre cam­ [Venite... ]. minavano. 60. Sono andati nei villaggi, anche se non conoscevano nessuno. [Venite... ] . 61. Sono stati accolti grazie a lui, sono stati amati a motivo del suo [Venite ... ] . nome. 62. D a alcuni sono stati odiati e cacciati via per causa sua. [Venite ... ] . 63. Hanno pregato per i loro nemici, hanno benedetto coloro che li maledivano [Venite . . . ] . 64. Sono stati colpiti in faccia e hanno porto l' altra guancia . 65. Sono stati portati i n giudizio e hanno deriso i giudici. [Venite . .. ] . 66. Sono stati condannati a morte e lo hanno accettato con gioia. [Venite . . . ] . 67. Sono stati esposti alla fame e alla sete e hanno vissuto per la sua parola. [Venite. . .] . 68. Sono stati svestiti dei loro corpi, la sua luce si è posata su di lo­ [Venite . . . ] . ro. 69. Sono stati gettati nel fuoco, egli l i ha rinfrescati con le sue goc­ ce di rugiada. [Venite ... ] . 70. Sono stati appesi in croce ed egli l i h a accolti in Paradiso (parddeisos). [Venite ... ]. 71. L' invidia (phthOnos) ha riempito gli uomini della Legge (nomos), ed essi sono insorti contro il pastore [Venite . . . ] . 72 . Hanno lusingato i l traditore (prodotes), gli hanno offerto dell' argento . [Venite . . . ]. 73. Lo ha consegnato nelle loro mani perché fosse accusato, ed essi [Venite . . ] . pensavano che fosse un uomo 74. Essi l o hanno giudicato tra di loro, in mezzo a tutti loro. [Venite ... ] . 75. Lo hanno consegnato al giudice; i n lui non è stato trovato pec­ [Venite ... ]. cato . 76. Essi hanno fatto ricadere su di sé la sua morte e il suo sangue vittorioso . [Venite ...] . 77. Lo hanno appeso alla croce all' ora sesta del giorno . [Venite ... ] . 78. [p. 196 Allberry] Sono partiti per ucciderlo, e l o hanno fatto re su di loro . [Venite . . . ]. 79. Hanno posto sul suo capo una corona , poiché egli aveva umiliato i loro re. [Venite . . . ]. .

Inni a Gesù

333

80. Gli hanno messo addosso un mantello (chlamys) , poiché egli aveva messo a nudo le loro Dominazioni. [Venite ... ]. 81. Gli hanno messo addosso u n vestito d i porpora, poiché egli aveva distrutto la loro concupiscenza (epithymfa) [Venite . . .] . 82. Gli hanno dato i n mano una canna , poiché egli aveva scritto dei loro peccati [Venite ... ]. 83. Gli hanno dato da bere aceto e mirra87, come segno del loro di­ spiacere [Venite. . ]. 84. Lo hanno trafitto con la lancia , poiché egli aveva distrutto la loro creazione (pldsma) [Venite ... ]. 85. Il sole ha ritirato la sua luce e si è rivestito di tenebra . [Venite . . . ] . 86. Egli s i è trasformato davanti a questi assassini e h a dato l a cac­ cia alla loro banda. [Venite... ]. 87. Ha incatenato le entità celesti con il terrore della sua luce. [Venite ... ]. 88. Ha dato la caccia alle entità dell' aria con la potenza dei suoi angeli . [Venite . . ]. 89. H a legato gli esseri terrestri con i l miracolo della sua croce. [Venite ... ]. 90. H a distrutto i l loro tempio e h a anche stracciato il loro velo [Venite ... ]. (ouelon) . 91. Ne ha rimosso le pietre, alla ricerca dei suoi demoni. [Venite . . ]. 92. Ha aperto le porte che erano sprangate attraverso la sua risurre­ zione. [Venite ... ] . 93. H a spezzato le porte e i catenacci degli abitanti degli inferi88• [Venite. . ]. 94. Ha irraggiato la sua luce sopra la tenebra senza luce. [Venite . .. ]. 95. Una luce nuova è stata vista sotto la terra. [Venite . ] . 96. L a sua tromba ha chiamato [a raccolta] la moltitudine dei suoi eserciti. [Venite . . ]. 97. È sfuggito alla morte da dentro il suo fosso (phossaton). [Venite . . ]. .

.

.

.

..

.

.

87 Mt 27.48 parla di una spugna imbevuta d i aceto; Gv. 1 9.29 dice che all'aceto fu aggiunto issopo; Mc. 15.23 è l' unico a parlare di mirra, mescolata nel vino che i soldati offrono a Gesù prima della crocifissione, per alleviare il dolore, ma Gesù Io rifiuta (analogamente Mt. 27.34 dove si parla però di vino misto a fiele) (AM). 88 Sul simbolismo gnostico delle porte aperte da Gesù (da Gv. 1 0.9) cfr. Atti di Giovanni, 98; Atti di Tommaso, 45; lreneo V, 8. 1 8 (con citazione di Sa., 23.7-9). L'episodio è trattato nel Vangelo di Banolomeo (AM). .

334

Parte quinta - Testi liturgici

98. Ha salvato i prigionieri (n-aichmal6tes) che erano richiusi nella [Venite . ]. morte. 99. La morte lo ha cercato, ma non ha trovato nulla. [Venite . . . ]. 100. Non ha trovato né carne (sdrx) né sangue, vale a dire le cose che mangia. [Venite .. . ]. 101. Non ha trovato n é ossa n é tendini, vale a dire l e cose che ogni giorno consuma. [Venite . . . ]. 102. Non ha trovato in lui la sua immagine, vale a dire il fuoco, il piacere (hedone'). [Venite ... ]. 103. Un involucro (schema) è quello che ha trovato, simile ad una maschera (prosopeion). [Venite . .]. 104. È diventata triste, ha pianto a motivo dell' inganno che aveva subito. [Venite ...]. 105. Egli I i abbandonò nella loro vergogna e salì i n alto vittorioso. [Venite .. ]. 106. Ha spezzato i sepolcri, le antiche (archliion) tombe (tdphos). [Venite. . ] . 107. Dapprima ha ridato l a vita ai giusti e I i ha portati con sé da suo [Venite . . ]. Padre. 108. S i è seduto alla destra di suo Padre in mezzo ai viventi. [Venite... ] . 109. [p. 197 Allberry] [ . . ] me in te, mio Salvatore, mio Dio. [Venite . . . ] . l 10. Io annuncerò le tue parole, cantando salmi a tua gloria. [Venite . . ]. l l l. Abbi misericordia della mia povertà, abbi compassione dei miei peccati. [Venite . ]. l 12. Insegnami la via verso la vita, in modo che possa giungere a te nella gioia. [Venite...]. l l3. Abiterò nei tuoi Eoni, le tue camere nuziali luminose. [Venite . ]. l l 4. Presta attenzione al grido della mia voce, ascolta la mia pre­ [Venite ... ] . ghiera. D . Gloria a te, mio Dio, e a tuo Padre, che sta nelle altezze. Siano concesse all' anima di Maria la vittoria e una corona. .

.

.

.

.

.

.

.

..

..

Inni a Gesù

335

Testo nr. 63

(Salmo degli erranti 27, ed. Allberry, pp. 1 7 1 - 1 72; lingua: copto; tr. CG) [p. 171 Allberry] O Sapienza (sophfa), tu non ti stanchi; o Amore (agape), tu non disperi . l. Raccogliamoci insieme, o fratelli, e conosciamo chi è Dio: colui che è nascosto e si rivela; colui che è silenzioso e che pure parla. O Sapienza..... 2. [ . . . ] che è colui che [ . . . ] è colui che mangia, il Dio [ . . . ] [O Sapienza...... ] 3. [p. 172 Allberry] [ . . ] due [ . . . ] che esistevano fin dall' inizio [ . . . ] abisso, e colui che risplendeva dall' alto [O Sapienza...... ] 4. [ . . . ] nell'abisso, è [ . . . ] che ci divora [ . . . ] dall'alto, è questa potenza che noi mangiamo. O Sapienza..... 5. La tenebra è salita; la luce, invece, è discesa; il povero è diven­ O Sapienza...... tato ricco; il ricco, invece, si è impoverito. 6. La morte ha gustato la vita; la vita, invece, ha gustato la morte; [ . . . ] sopravvenne; il combattimento terrificante si è esteso O Sapienza...... 7. [ . . . ] morte. Gli Eoni luminosi riposarono; l' amore (agape) si af­ fliggeva, ma quelli della Tenebra facevano festa. [O Sapienza......] 8. Il destino (ananke) ha avvolto l' amore, che è morto; è questa pe­ [O Sapienza... ] cora, legata all' albero, che il pastore cerca 9. Anche noi, miei cari, dobbiamo distinguere il detto: «Chi è che O Sapienza.. . mangia?»; «Chi è che viene mangiato?». IO. «Chi è che cerca?»; «Chi è che viene cercato?». È la pecora le­ O Sapienza... gata all' albero che il pastore cerca 1 1. C'è una pecora legata all' albero; c'è, poi, un altro, che ha man­ giato la pecora. C'è un pastore, fuori, che fa pascolare: egli è ve­ O Sapienza... nuto a cercare la sua pecora. 12. La pecora legata all' albero è l' Amore, che è morto; la Sapienza [O Sapienza...] rivelatrice è il pastore che la cerca. 13. Colui che ha mangiato la pecora è questo fuoco divoratore, il Dio di questo eone, che ha indotto in errore il mondo intero. [O Sapienza... ] 14. Tutti si sono ubriacati in questo fuoco divoratore: dove è la sete della Parola, in modo che essa possa venire e [ . . . ]? [O Sapienza ... ] 15. Dove c'è un occhio per vedere, un orecchio per ascoltare [ . . . ] dove c'è un intelletto per comprendere queste cose? [O Sapienza... ] [O Sapienza... ] 16. [ . . . ] egli è venuto; ecco, [ . . . ] .

.

.

336

Parte quinta - Testi liturgici

[O Sapienza... ] 1 7. [p. 173 Allberry] [ . . ] 18. Colui che fa festa sarà nell' afflizione; colui che è afflitto farà festa; quelli che mangiano digiuneranno; quelli che digiunano [O Sapienza... ] mangeranno. 19. Quelli che si rallegrano saranno nel dolore; quelli che sono nel dolore faranno festa e si rallegreranno in questa gioia per sempre in [O Sapienza.. ] eterno. 20. Che anche noi, miei cari, possiamo rallegrarci in questa gioia e festeggiare in questa festa per sempre in eterno. [O Sapienza. . . ] D. Gloria a questo Amore, onore a questa Sapienza; l' Amore che ha errato e la Sapienza che lo ha cercato. Vittoria all'anima della beata Maria e di Teona martiri (mdrtyrai). .

.

Testo nr. 64

(Salmo degli erranti 28, ed. Allberry, p. 1 73; lingua: copto; tr. CG)

[p. 173 Allberry] O Intelletto di luce, o sole del mio cuore [ . . . ] luce per la mia anima. l . Tu mi sei testimone: io non ho altro conforto ali ' infuori di te. O Intelletto... 2. Non ho perso la speranza, perché i miei nemici non ridessero di me. O Intelletto... 3. La lampada che tu hai acceso, non l'ho lasciata spegnere, grazie all'olio della fede. O Intelletto . . 4. Il mio uomo interiore è simile a te nella sua immagine. O Intelletto. . 5. Il mio uomo esteriore riceve la grazia (charis) attraverso la tua [O Intelletto ... ] parola. 6. Il mio spirito è la tua dimora; la mia anima è il tuo luogo di [O Intelletto ... ] gtma. 6. [ . . . ] sei simile a tuo padre, che sta nel Grande Mondo. [O Intelletto.. . [O Intelletto ... ] 8. [ . . . ] il mondo; tuo padre non ha [ . . . ] 9. [ . . . ] tu sei il re della mia anima. [O Intelletto .. . 10. Ho vegliato su di te fino ad oggi; ora veglia tu su di me alla fine O Intelletto ... 11 . Mi sono offerto a te, o Dio; ora òffriti tu a me [ . . . ] perché sei la mia fiducia; non ho altro protettore all ' infuori di te. [O Intelletto ... ] 12. [p. l74 Allberry] [ . . . ] signore [ Il 2-5 illeggibili] .

.

.

Inni a Gesù 13. [

337

] finché non ti colmi con la ricompensa per [ . . . ] O Intelletto .. 14. [ . ] prendimi con te [ . . . ] O Intelletto... ] D. Gloria e onore a Gesù, il re dei santi, e all' anima della beata Ma­ ria. . . .

.

. .

Testo nr. 65 (Fr. M 28, ed. Andreas-Henning II, pp. 3 1 2-3 1 8; lingua: mediopersiano; tr. PC) LODI DI GES Ù IL RESUSCITATORE

(YishO zfndakkar)

[p. 312 Andreas-Henning] [ ... ] tutti in un solo pensiero (ma­ nohmed). Stendiamo le mani per pregarti, [p. 313 Andreas-Hen­ ning] dirigiamo lo sguardo verso la tua Persona (pahikirb i to), apriamo le labbra per invocarti, prepariamo la nostra lingua per lo­ darti. Noi invochiamo Te, che sei la vita, e lodiamo te, Gesù Splen­ dore ( YishO ispichtiìn), Nuovo Regno (shahr i nog). Tu sei, Tu sei [Dio] della Verità ([bay] riìstigar), Medico eccel­ lente, Figlio carissimo, [essen]za ([gri]w) amatissima. Vieni per la salvezza (drfst), o Signore redento (omusht) !89 Vieni in nostro aiuto, Spirito buono, Apostolo della pace, Soccorritore degli umili e Vin­ citore degli aggressori ! Vieni per la salvezza, Nuovo Re ! Vieni per la salvezza, Redentore (bOchthiìr) [p. 314 Andreas-Henning] degli schiavi e Guaritore dei feriti ! Vieni per la salvezza, Tu che desti

89 È la concezione manichea del «Salvatore-da-salvare>> (Sa/vator salvandus): siccome ciò che è andato perduto nelle tenebre è l' Anima, cioè il Sé divino (griw), e Gesù stesso non è che una delle tante personificazioni di questa essenza e iden­ tità profonda (griw) della divinità (in panicolare nel suo aspetto di «Gesù soffe­ rente>>), il Salvatore e l'anima da salvare sono due forme di una sola e medesima realtà, sicché la salvazione delle anime umane è al tempo stesso la salvazione del Dio prigioniero delle tenebre. Dio (Gesù) salva le anime nella misura in cui salva sé stesso (il proprio griw), ma in allri termini la capacità delle anime di salvarsi dalla prigionia del mondo realizza esistenzialmente la vicenda «mitica» della vit­ toria della Luce divina sulle tenebre. Perciò potremmo dire che nonostante l'ac­ cento posto sulla redenzione ad opera di Gesù, il manicheismo alla fine proclama, analogamente al buddhismo, un'autoredenzione dell'uomo, con la differenza però che nel buddhismo non esiste alcun Sé, menlre nel manicheismo l' ambiguità fra divino e umano (e la possibilità quindi di parlare di «DiO>>) deriva dal fatto che il Sé dell'uomo è al tempo stesso il Sé di Dio (AM).

Parte quinta - Testi liturgici

338

coloro che dormono, risvegli i sonnolenti [e] fai risuscitare i morti ! Vieni per la salvezza, Dio (yazd) potente e Voce santa ! Vieni per la salvezza, Parola di verità, Splendore immenso e Luce copiosa! Vieni per la salvezza, Nuovo Re e Nuovo Giorno ! Vieni per la salvezza, Origine dei mondi (noch i shahriìn) e Nutrimento di molti ! Vieni per la salvezza, Dono per i buoni, Benedizione per gli umili e Oggetto di venerazione da parte dei Santi ! Vieni per la salvezza, Padre (pid) amoroso e lP 315 Andreas-Henning] Giudi­ ce benefattore di coloro che presso di te si rifugiano ! Vieni per la salvezza, o Padre [che sei] per noi potente protezione e salda fidu­ cia. [ ] Abbi pietà di noi e dona a noi il tuo amore, Benefattore, Tu che sei l' Amore, e non collocare noi nella schiera dei distruttori ! Porgi aiuto a chi (presso di Te) si rifugia e abbi pietà di noi ! O carissimo e amatissimo, noi abbiamo visto Te, Nuovo Regno, e abbiamo de­ siderato Te, che sei l' Amore. Pieni di gioia abbiamo visto Te, Si­ gnore amorevole, e proclamiamo il Tuo nome, o Messia!90 Tienici lontano dai malvagi e liberaci dagli aggressori ! l"p. 316 Andreas­ Henning] O Signore (chwadiìwan), ci immedesimiamo in Te, abbi pietà di noi, muoviti rapido! e attacca i peccatori, perché sono di­ ventati superbi e così si sono espressi: «Noi siamo noi ! E non c'è nessuno che sia simile a noi !»91• [ . . . ] Di Te, che sei Splendore, lo­ diamo il nome e di Te, che sei Felicità, lodiamo la nobile grandez­ za. Sia lodato il Tuo nome, o Padre nostro, e sia onore alla Tua grandezza, cosl sia per sempre e in, eterno. Riempiamo il nostro sguardo di lode e apriamo le labbra per in­ vocare. Rendiamo onore alla Tua grandezza, Gesù-di-Splendore, Signore redento e Nuovo Regno. Tu sei, Tu sei Veste di benedizio­ ne, Tu sei Fratello carissimo. Vieni per la salvezza (drod), Tu che ...

90 Congettura e interpretazione di Henning. Dopo l'annuncio del «Nome>> se­ guono le parole m 'm wsyn che in panico non hanno alcun senso. Henning, in base a un suggerimento di Polotsky, suppone che alla base di questo testo ci sia stato un inno in lingua aramaica e che il traduttore panico abbia trovato a questo punto le parole mim e shin, in aram. la M e la SH (abbreviazione di Mashiacho «Mes­ sia>>): non comprendendone il significato si sarebbe li mitato a trascriverle inseren­ do la congiunzione w (= ud, ); successivamente la sequenza mym w shyn sa­ rebbe stata corrotta in m 'm wsyn (AM). 91 La frase ricorda I' autoproclamazione del Dio malvagio signore del mondo in­ feriore nei testi gnostici che a sua volta riprende quella dello Jahveh biblico (Es. 20.2; Dt. 32.39): «non c'è altro Dio all'infuori di me!>> (cfr. Magris, Logica, p. 88) (AM). ',

Inni a Gesù

339

sei la perfetta Salvezza (hamfìg drodih) ! [p. 31 7 Andreas-Henning] Vieni per bontà (kirbag) Tu che sei la Bontà (hamfìg kirbagih), e vieni per amore (doshtìnn) Tu che sei l'Amore (hamfìg doshtìnnih). Vieni come guaritore, Tu che sei la Guarigione. Vieni per la pace Tu che sei la pienezza della pace. Vieni per la vita Tu che sei la Vita. Vieni vittorioso, Tu che sei la Vittoria. Vieni come Re, Tu che sei il Regno. Vieni per la raccolta delle anime (ruwancinih), Tu che sei Cura delle anime (ruwanagan). Vieni per la salvezza, Nuovo Regno e Nuovo Guaritore. Vieni per la salvezza, Nuovo Redentore e Nuovo Redento. Vieni [p. 318 Andreas-Henning] per la salvezza, Nuovo Dio (yazd), Spendore Nobile e Luce Copiosa. Vieni per la salvezza, Primo Nato del tem­ po e Nuovo Tempo. Vieni per la salvezza, Giorno traboccante di gioia. Vieni per la salvezza, Anno che porta buona messe. Vieni per la salvezza, Tu che sei il primo Primogenito e I' Origi[ne] (nachwen ud nachureg nachwisten). Vieni per la sal vezza, Mediatore buono e Arbitro fra [noi e il Padre di Grandezza]. Testo nr. 66

(Fr. T II D 1 69, M 1 89, 680, T M 383, ed. Waldschmidt-Lentz, pp. 94-97; lingua: partico e sogdiano; tr. PC)

[p. 94 Waldschmidt-Lentz] Fluisce dalle nostre labbra copia immensa di benedizione: Lode e rispetto alla grande Luna lumi nosa'\ del Vivificatore, del Dio Zerwan (A zarwa) caro Figlio, il Principe misericordioso in tutto il mondo. A voce alta ti invochiamo: possa la tua luce entrare nella nostra coscienza (m/in) La tua forza è stata immessa nelle nostre membra! Sei venuto per la salvezza (par zhukya), sei venuto per la sal­ vezza, sei venuto per la salvezza, o Luce, in tutto il mondo ! Sei venuto per la salvezza, o nostro Sé perfetto (mfìh spume

chriw)9\ 92

Qui Gesù viene associato alla luna, come il Terzo Inviato al sole, vedi testo

nr 67 (AM). .

93 Gesù, sia nella forma del Gesù sofferente in tutte le creature, sia nella forma del Gesù-Splendore, è immagine e personificazione del Sé, la soggettività profon-

340

Parte quinta - Testi liturgici

sei venuto per la salvezza, o Luce dentro alle nostre coscienze, sei venuto per la salvezza, o Guaritore santo, di tutti i guaritori il più glorioso. [p. 95 Waldschmidt-Lentz] Sei venuto con la salvez­ za, o tu che porti la vita a tutti coloro che portano la vita94, sei venuto per la salvezza, o Terza Grandezza (Wuzurg), che sei il Mediatore fra noi e il Padre, sei venuto per la salvezza, o Tu che fai uscire il nostro Sé (grfw­ man) da[I mondo dei] morti, sei venuto per la salvezza, o tu che ci guardi dall' alto e porgi a noi l'orecchio, sei venuto per la salvezza, o nostra Destra originaria e nostro sof­ fio di vita, sei venuto per la salvezza, o tu che guidi il nostro Intelletto (bdm) e sei nostra autentica Mente (manohmed), [p. 96 Waldschmidt-Lentz] sei venuto per la salvezza, o nostra Coscienza (osh) perfetta, nostra massima Meditazione (andeshishn) e nostro Ragionamento (parmanag) [ ?]93• Sei venuto per la salvezza, nostra grande [ ] che dal Padre [ ... ] dalla sublimità, sei venuto per la salvezza, nostro dono da parte del Padre e no­ stra benedizione, che [ . ], sei venuto per la salvezza, nostro [ . ] e nostro [ ] Giudice, sei venuto per la salvezza, o Fondamento (bun), che se i la nostra radice e il nostro [ . ] ramo, sei venuto per la salvezza, o nostra grande porta e vascello per le nostre anime (grfwan), sei venuto per la salvezza, o nostro Nuovo Regno e Figlio bene­ volo verso il nostro eccelso gregge (ram), sei venuto per la salvezza, nostro Padre benefico e nostra retta Guida. Sei venuto come un padre, o nostro Guaritore benefattore, [p. 97 Waldschmidt-Lentz] accanto a noi sei stato come una ma­ dre, e sei venuto in soccorso come [fanno] i fratelli, ...

..

..

...

..

da dell'uomo (distinta dall'autocoscienza e dall'intelligenza psicologica), nucleo dell'Anima divina (AM). 94 A partire da questo punto si dispone anche della versione partica. 9' La natura di Gesù viene associata alle 5 membra dell'anima, v. Appendice (AM).

Inni a Gesù

34 1

eri stato mandato come un figlio, e sei stato premuroso come un servitore. Vieni qui presto, o nostro Padre benefico, dà fermezza al nostro Sé e annienta i nostri nemici !

Testo nr. 67

(Fr. M 1 76, ed. Boyce, Reader, pp. 1 92 ss. con emendamenti di Henning; lingua: partico; tr. PC)

O Luna nuova! Ascendi dal nuovo Paradiso, e nuova beatitudine consegna a tutta la Chiesa (hamag den). O Gesù da buon nome, primo fra gli Dei ! La Luna nuova tu sei, o Dio, e Padre amabile tu sei. O Gesù della Luna piena! O Signore dal buon nome, Gesù della Luna piena, Signore dal buon nome ! Omaggio [a te] , Luce dei cuo­ ri, omaggio [a te], Luce dei cuori ! Lodiamo Gesù, la Vergine, l' Intelletto (Wahman), il Dio della [Colonna di] Gloria (Bamyazd) ! Lodiamo il Dio Narisaf Benedi­ ciamo il Si[gnore] Mani. O Signore della n[ uova Luna p]iena e della primavera ! [ . . . ] Si­ gnore Mani ! Bediciamo gli angeli (jreshtagan), gli Dei (yazdan) [ ... ] il nuovo Sole [ . . . Dio a]nares . Una nuova Luna piena risplenda sulla Chiesa. Salute a te, o Si­ gnore; vieni per la salvezza, o Signore ! In verità, Signore Mar Ma­ ni, o Dio (baga), salvami ! O Dio, salvami! È venuto un nuovo giorno e una nuova fel icità. È venuto un nuo­ vo giorno: vieni, o nuova ffelicità], prepara il cibo del vivere pieno di felicità! Santo (kadush), Gesù, rimetti i miei peccati ! O Dio Mar Mani, rimetti i miei peccati ! Salva la mia anima (ruwan) ! Santo (kadush) Dio, o Luce, rivolgi a me il tuo sguardo ! O Forza (zawar), o Sapienza (zhfrifta), o Dio (baga), salvami ! (. . . )

342

Parte quinta - Testi liturgici Testo nr. 68

(Inno dal rotolo di Dunhuang; ed. Schmidt Glintzer; lingua: cinese; tr. TL) testo numoscritto in lingua cinese Or. 8210, S. 2659, prove­ niente da Dunhuang e conservato nella British Library di Londra, è noto agli studiosi sin dal 1917, quando Yabuki Keiki lo identificò come manicheo per la prima volta96• Nel 1925, P. Pelliot ne dava una breve notizia nel «Journal of the Royal Asiatic Society»97, ma oberato da impegni, affidava a E. Waldschmidt e W. Lentz il com­ pito di tradurre il testo; traduzione che l 'anno dopo pubblicarono preceduta da un 'esauriente introduzione98• Il rotolo contenente il manoscritto, intitolato Monijiao xiabu zan (Seconda parte degli inni manichei) ed incluso nel Canone buddhi­ sta dell 'era Taisho nel 1927 (Taisho shinshu daizokyò, Tokyo, vol. 54, n. 2140), misura circa m. 7,5. Esso consiste di una traduzione di testi originali in lingue medioiraniche, come ebbe a riferire il traduttore, Daoming: 'Delle trecento sezioni delle fonti in lingue iraniche, ho tradotto oltre venti parti dottrinali; inoltre ho curato i testi degli inni, canti e preghiere per i diversi paesi. Tuttavia, le mie traduzioni si basano esclusivamente sulle edizioni in lingue iraniche '99• Si suddivide in una prima parte, costituita da una se­ quenza di inni più lunghi, tre dei quali sono trascrizioni in lingua cinese degli originali (vv. 1-5, /rammento di un inno in lingua me­ diopersiana; vv. 154-158, gatha in lingua partica e vv. 1 76-183, in­ no in partico) e in una seconda di inni più brevi (gathas); infine Il

96 Tonhò chihò shutsu kosha butten kaisetsu mokuroku, Tokyo 1 9 17.

97 P. Pelliot, Two New Manichaean Manuscripts from Tunhuang, «Joumal of the Royal Asiatic Society», 1 925, p. 1 13. 98 E. Waldschmidt - W. Lentz, Die Stellung Jesu im Manichiiismus, Berlin 1 926. Il testo, di cui Waldschmidt e Lentz presentarono una traduzione incomple­ ta, è stato interamente tradotto in inglese, tranne due inni lasciati in trascrizione, da Tsui Chi (Mo-ni chiao hsia pu tsan, The Lower Section (second?) Section ofthe Manichean Hymns, «Bulletin of the Orientai and African Studies», I l ( 1 943-46), pp. 1 74-2 1 9 e più recentemente in tedesco da H. Schmidt Glintzer (Chinesische Maniclwica. Mit textkritischen Anmerkungen und einem Glossar, Wiesbaden 1 987). Sul manoscritto si veda inoltre E. Waldschmidt, W. Lentz, A Chinese Mani­ clwean Hymnal from Tun-huang, >, 22 ( 1 984), pp. 91 -96, in particolare pp. 95-%. 1 01 Lin Wushu, art. cit., pp. 94-95. Sul rapporto fra buddhismo e manicheismo si v. inoltre A. Forte, A New Study on Manicheism in Centrai Asia, «Orientalisti­ sche Forschungen» 88 ( 1 993), pp. 1 17- 1 24. 102 H. Schmidt Glintzer, op. cit., pp. 1 8 1 - 1 83. 103 I cinque figli del Primo Inviato o, come lo definiscono i manichei cinesi, Xianyi, l ' Intelligenza Primordiale. A. Forte, art. cit., p. 244 e n. 4.

Parte quinta - Testi liturgici

344

9. O re del cuore, puro, eterno e sempre vigile! l Per i credenti illu­ minati moltiplichi i segni l e chiunque avanzi e sia perseverante l è

guidato sulla retta via della pace. 10. Per opera tua oggi ho aperto gli occhi della mia natura di Bud­ dha104 l e ho potuto scorgere i quattro sereni e meravigliosi corpi della Legge 105; l per opera tua ho aperto le orecchie della mia natura di Buddha l e ho potuto udire la chiara e pura [voce] delle Tre Co­ stanti106. 1 1. Perciò, avendo purificato il mio cuore, ti lodo e glorifico con profondo rispetto, l e avendo allontanato i pensieri confusi, pronun­ cio parole sincere: l riconosco che in passato, inconsapevole, sono incorso in numerosi errori l di cui ora mi pento sinceramente, affin­ ché i miei peccati svaniscano. 12. O sempreverde albero prezioso, oceano della natura e della vi­ ta! l Sii clemente e accogli la mia sincera preghiera: / la tua fama si diffonde in tutto il mondo, la tua infinita fama, l il tuo talento si dif­ fonde in tutto il mondo, il tuo infinito talento. 13. O Padre compassionevole di tutta la natura della luce! l O Ma­ dre misericordiosa di tutti i depredati ! l Sal vami oggi dai lupi l co­ me [fu promesso] da Gesù (Yishu) della Luce. / 14. Il Grande Santo è un tesoro inesauribile l ricolmo di ogni tipo di gioielli preziosi l da distribuire a tutti i poveri e bisognosi, l ed ognuno ne riceverà secondo i propri desideri. 15. Il Grande Santo è anche il secondo Venerabile Signore l ed è pure il terzo Abile Interprete . l Per coloro che si sono purificati da soli e per tutti i seguaci l egli diffonde il Sacro Editto e [dà loro] la comprensione. 104 La «natura di Buddha» o come si dice più avanti la «natura di Legge>> (per Legge si intende ovviamente il Dharma) è nel buddhismo la capacità che ognuno ha di accogliere le Quattro nobili Verità annunciate dal Beato e quindi di assimi­ larsi a lui, che per primo ha percorso la via della liberazione. Nel Grande Veicolo diventa una specie di «assoluto>> nascosto in tutti gli esseri e che però coincide con il Vuoto, la parola fondamentale della dottrina buddhista. Il manicheismo, invece, assume questi due termini per indicare il Sé, vale a dire la particella di sostanza luminosa prigioniera nel corpo ma capace di riguadagnare la sua identità divina: quindi qualcosa di più vicino, in un certo senso, all'atman dell' induismo che il buddhismo viceversa negava radicalmente affermando che non esiste nessun Sé, nessuna identità permanente, nessuna anima né un Assoluto che non sia un altro nome del Vuoto stesso (AM). 105 Dharmakaya. 106

La luce, la forza e la saggezza del Grande Padre.

Inni a Gesù

345

16. È inoltre l ' ottava forma di luce, / la guida e il sostegno, / le sembi anze originarie di tutti i Buddha, l il re nel cuore di tutti i

saggi; 1 7. è la vera conoscenza di quanti sono adornati di gioielli, l la porta della liberazione per tutti coloro che l compiono buone azio­ ni, l salvezza per i depredati, / libertà per gli incatenati; 18. è indulgenza e pace per gli oppressi l gioia e serenità per gli af­ flitti; l conforta e guarisce coloro che si attengono alla pietà filiale, l e ridona la vita a tutte le nature della luce. 19. Ora ti chiedo fervidamente e implorante: l ti prego, liberami dal mare di fuoco venefico della mia natura carnale l le cui onde im­ petuose fluiscono ribollenti e burrascose senza mai cessare un istante, l mentre i mostri marini emergono dal mare e si riimmergo­ no per inghiottire le i mbarcazioni. 20. Originariamente vi era il palazzo dei dèmoni e il regno dei Luo­ cha 1 01 l e inoltre una fitta foresta, una palude con sterpaglie e giun­ chi l ove vagavano uccelli e bestie feroci l e si riunivano insetti ve­ lenosi, sauri e vipere. 21. È pure l ' incarnazione del malfattore demone della brama, l il multiforme Bixinsi 108 l così come la quintuplice cavità del mondo delle tenebre l e ancora i cinque padiglioni nefasti dell'oscurità. 22. È il germoglio dei tre veleni della spietatezza, / la fonte dei cin­ que veleni dell' inclemenza 109, / le due ruote velenose, freddo e cal­ do, superiore ed inferiore, l i 2 x 7 x 2 e i dodici palazzi 11 0• 23. Tutti i Mara 111 maschi e femmine l appaiono nella loro natura carnale, nella catena delle nascite, l che è anche la porta delle cinque vie dei tre regni 1 1 2 / e la bocca di tutti i demoni delle dieci direzioni, 107 Dal sanscrito rakshasa o rakshas, demoni che divorano gli uomini. 108 Dal sscr.v1'h 1msa, . à. . mal vaglt 109 Probabilmente un'allusione ai tre veleni, brama, odio e accecamento (sscr. ragaò dvesha, moha) e ai cinque desideri (kamaguna) della tradizione buddhista.

11 Le ventotto mansioni lunari e le dodici stazioni di Giove. Waldschmidt­ Lentz, op. cit., p. 101 n. 5. 111 Mara è il Dio indiano del sesso e della morte, che nella leggenda agiografica del Buddha cerca di impedire a Siddharta di raggiungere l'illuminazione, tentan­ dolo ( . . . ) cfr. Ashvaghosa, Le gesta del Buddha, tr. it. Milano, Adelphi, 1 979, p. 1 57 ss. Qui al plurale designa il mondo demoniaco (AM). 11 2 l tre regni (cin. Sanjie, sscr. Trailok)•a) sono il regno del desiderio, il regno della forma visibile ed il regno senza forma. Nell' ambito dei tre regni vi sono cin­ que forme di esistenza: gli Dei, gli umani, gli animali, i demoni affamati e gli abi­ tanti dell'inferno.

346

Parte quinta - Testi liturgici

24. l'oscura madre di tutti i sovrani demoni, l la radice e la sorgente di tutte le azioni malvagie, l ed il cuore dei feroci e velenosi Yacha 113, l

come pure il pensiero nella mente dei demoni della bramosia, 25. gli armamenti di tutti i re Mara, l le reti velenose di tutte le ere­ sie; l può inabissare tutti gli oggetti preziosi assieme ai mercanti l e gettare nelle tenebre il Sole, la Luna e i Buddha di Luce 1 1�. 26. È la porta di tutti gli inferi , l la via di ogni samsard", l cerca invano di confondere l' eterno re del nirvana 116 l ma alla fine sarà bruciato e rinchiuso per sempre nell'eterna prigione. 27. Ancor oggi mi arreca impedimenti e difficoltà l con canghe, catene, prigionie e incatenamenti che mi avvinghiano, l rendendomi come un pazzo ed ubriaco; l e così ho offeso le Tre Costanti e i Quattro Corpi Sereni. 28. Come le piante e gli alberi sulla grande terra e le stelle e i pia­ neti nel cielo, l come la polvere e la pioggerellina della grande ter­ ra, l sono tutte le colpe e gli errori che ho commesso, l ancor mille e diecimila volte di più. 29. O grande, benevolo e magnifico Buddha Gesù, l mostrami la tua infinita misericordia e liberami dal peccato, l ascolta queste mie parole di dolore e sofferenza l e portami lontano da questo venefico mare di fuoco ! 30. Ti prego, offrimi l'acqua profumata della redenzione, l e i dodi­ ci preziosi copricapo, gli abiti, gli ornamenti ed i monili, l lava la mia natura meravigliosa dalla polvere e dal sudiciume l adorna sontuosamente il mio puro corpo rendendolo rispettabile. 31. Ti prego, allontana i tre inverni, le tre catene velenose l come pure i sei depredatori e i sei venti velenosi ! l Mandami la primavera della grande Legge, fa prosperare la terra della mia natura l e cre­ scere rigogliosi i fiori e frutti dell' albero della mia natura! 32. Ti prego, placa le onde impetuose del mare di fuoco, l dissipa m

Dal sscr. Yakshas, figure demoniache.

114 Nel quarto inno ( 'Inno universale di preghiera e lode') sono descritti i cin­ que Buddha di Luce: l' Acqua. il Fuoco, la Forza luminosa, il Vento puro e mera­ viglioso e il Soffio puro (T 2 1 40, 1 273b). A. Forte, art. cit. , pp. 244-247 e in parti­ colare, sull'uso del termine Buddha nel manicheismo p. 247 n. l . 1 15 Nell'induismo e nel buddhismo è il mondo del divenire in quanto ciclo delle reincamazioni che si susseguono secondo il Kannan, più avanti nominato anche come «mare» o «fiume di nascite e morti>> (AM). 1 1 6 Il Nirvana nel buddhismo antico è l'estinzione del desiderio, meta dell'a­ scesi secondo l' ((ottuplice sentiero»; qui invece il termine è assunto come un equi­ valente del «paradiso», del regno della Luce (AM).

Inni a Gesù

347

gli addensamenti circostanti di nuvole scure e le coltri di nebbia scura, l lascia che il sole della grande legge risplenda ovunque l e che il mio cuore e la mia natura siano per sempre luminosi e puri. 33. Ti prego, allontana l'insensatezza dei numerosi kalpa 1 11, l gli spiriti dell' acqua e tutti i Mara l donami la medicina della grande Legge, fa che guarisca subito l e che tacciano con le tue implora­ zioni divine allontanandoli da me. 34. Porto il fardello di cotanti simili impedimenti l ed inoltre pati­ sco tante altre pene. l O Grande Santo, guardami, abbi pietà di me, l ti prego, fa che non debba più subire simili calamità e avversità. 35. Ti chiedo solo questo, Gesù, abbi pietà di me l e liberami dalle catene di tutti i demoni ! l Ora vivo nelle cavità di fuoco: l condu­ cimi subito nella pura terra della pace. 36. O sommo re guaritore di tutti gli ammalati1 18, l immensa luce per quanti vivono nelle tenebre, l ricongiungi coloro che si sono di­ spersi ovunque l e lascia che quelli che hanno smarrito il loro cuore [. .] 37. Oggi sono già morto: ti prego, ridonami la vita. l Oggi sono già nelle tenebre: ti prego, ridammi la luce. l Il demone sovrano mi ha disperso ovunque nelle dieci direzioni, l tentandomi di assumere forma e di macchiarmi così delle tre forme di esistenza. 38. Mi ha confuso ed ubriacato, privandomi della ragione l e così ho offeso le tre Virtù Costanti e i Quattro Corpi Sereni. l Ignoranza, stoltezza e brama mi hanno completamente soggiogato; l donami la medicina della grande legge e fa che guarisca. 39. O Grande Santo, tendimi subito le tue mani compassionevoli l e imponile sulla testa rad iosa della mia natura di Buddha; l veglia su di me e proteggimi in ogni istante l e non lasciare che le orde di spiriti vengano a farmi del male. 40. Donami la gioia passata del mio mondo originario, l e liberami da tutti i tormenti dei miei lontani kalpa./ Completa la mia natura della Luce rendendola meravigliosa e solenne l com'era in passato, prima di sprofondare nella valle della brama e del desiderio. 41. Ti chiedo inoltre quel terso e meraviglioso splendore, l la nuova terra pura1 19 adornata di miriadi di gioielli l e il cristallino e purpu.

11 7 I successivi cicli cosmici. 1 18 Gesù viene celebrato come (AM).

Inni a Gesù

349

nature dei demoni, incitandomi ed ostacolandomi l oltraggiano continuamente il mio puro corpo. 50. Nessuna bestia feroce può essere paragonata a loro, l come po­ trebbero dunque tutti i serpenti velenosi? l Come vento e gelo pun­ genti di fine autunno l spazzano via [tutte le ghirlande di raggi delle azioni] buone. 51. Implorante e dolente grido, supplicandoti dal profondo del cuo­ re: l o benefattore e onnisciente, sommo re della medicina, l tu che eccelli nel sapere, fa che conosca la guarigione l tu che eccelli nella misericordia, fa che incontri la felicità. 52. Tutti i corpi e le nature, che abbiano o non abbiano incontrato impedimenti, l sono da lungo tempo sprofondati miserabilmente nel mare delle nascite e morti; l le loro membra sono sparse ovunque nei tre regnP22; l ti prego, ricongiungile e lascia che si librino al di sopra delle diecimila forme di esistenza. 53. Non le separare più dal flusso della giusta Legge l e non le get­ tare più nelle fauci dei demoni, l ma dona loro il grande rimedio e la forza della compassione; l ti prego, ridona la vita a tutte le nature della Luce che vivono nel tormento. 54. Non lasciare che siano depredate dagli eserciti dei demoni l e che l' avversario ritorni per uccidere. l Coprimi misericordiosa­ mente con le tue ali della luce l e liberami dal duplice peccato del corpo e della natura. 55. Ti prego, tendi le tue mani compassionevoli l e imponile sul mio corpo della Legge dalla triplice purezza, l rimuovi e distruggi tutte le catene dei kalpa lontani l e lavami da tutta la polvere e il sudiciume dei kalpa lontani. 56. Apri gli occhi della luce della mia natura di Legge, l affinché possa scorgere senza impedimenti i Quattro Corpi Sereni. l Se potrò scorgere senza impedimenti i Quattro Corpi Sereni, l sarò di spen­ sato dai quattro generi di amare sofferenze. 57 Apri le orecchie della luce della mia natura di Legge l affinché possa udire senza impedimenti il meraviglioso suono della Legge./ Se potrò udire senza impedimenti il meraviglioso suono della Leg­ ge, l sarò dispensato dai vari generi di canto vuoto ed ingannevole. 58. Apri la bocca della luce della mia natura di Legge l affinché possa celebrare liberamente le tre Virtù Costanti e i Quattro Corpi della Legge. l Se potrò celebrare liberamente le tre Virtù Costanti e 122 Si veda supra n. 1 1 2.

350

Parte quinta - Testi liturgici

i Quattro Corpi della Legge, l sarò dispensato dal pronunciare con­ fusi e falsi elogi. 59. Apri le mani della luce della mia natura di Legge l affinché possa toccare pienamente gli immutabili e autentici Quattro Corpi Sereni ./ Se potrò toccare pienamente gli immutabili e autentici Quattro Corpi Sereni, l sarò dispensato dal cadere nelle quattro grandi avversità. 60. Libera i miei piedi, da molti anni incatenati, l affinché possa camminare sulla via della giusta Legge delle Tre Costanti1 23• l Se potrò camminare sulla via della giusta Legge delle Tre Costanti, l giungerò in breve tempo nel paese della pace e della felicità. 61. Fa che tomi ad essere come in origine, dal cuore autentico, / pu­ ro e luminoso, eterno e solitario. l Se sarò puro e luminoso, eterno e solitario, / fuggirò per sempre dall'inganno, dall' ipocrisia e da tutti i tranelli. 62. Ti prego, fa che possa sempre contemplare il Padre misericor­ dioso l e che non debba più patire le sofferenze della nascita e della morte proprie del samsara. l Tutte le mie radici sono state già puri­ ficate e la mia mente si apre e comprende, l e non è più confusa, stolta e incapace di comprendere. 63. Ora mi affido al Grande Santo, Venerabile Signore l e non in­ corro più nell'errore, la via della nascita e della morte; l ti prego, tendi subito verso di me le tue mani compassionevoli della luce l e non gettarmi più tra i demoni [ . . . ] 64. Implorante e dolente grido, supplicandoti dal profondo del cuo­ re: l mostrami la tua immensa misericordia e proteggimi sempre, l perdona tutti i miei peccati ed errori dei kalpa lontani l come hai fatto in passato con tutti gli uomini e le donne. 65. Io sono l ' agnello della luce del Grande Santo; l versando lacri­ me e col lamento esprimo il mio dolore. l All' improvviso lupi, sciacalli ed altre bestie feroci l mi hanno aggredito e trascinato lontano dal buon Pastore della Luce. 66. Mostrami la tua grande misericordia, ti prego, prendimi l e mettimi nel delicato e mite gregge della Luce. l Fa che possa rag­ giungere le colline e i boschi della legge delle montagne irte e lus­ sureggianti, / vagando liberamente e sempre senza timore. 67. Io sono anche il seme della luce del Grande Santo l gettato nella fitta foresta tra grovigli spinosi . l Mostrami la tua grande miseri-

123 Si veda supra n.

1 06.

Inni a Gesù

35 1

cordia, ti prego, prendinù l e accompagnami verso la volta della Luce, nel cortile della Legge. 68. Io sono anche il ramo di vite del Grande Santo l un tempo piantato nel parco della purezza, il giardino della Legge, l poi im­ provvisamente avviluppato da piante rampicanti l che nù hanno sottratto la forza prodigiosa )asciandomi inaridire e deperire. 69. lo sono anche la terra ricca e fertile del Grande Santo l su cui i demoni hanno piantato i cinque alberi velenosi 1 24 : / la mia sola spe­ ranza è che la zappa e la falce affilate della Legge / li taglino e ri­ ducano in cenere, rendendonù così puro. 70 E tutte le altre erbe cattive e sterpaglie spinose l ti prego, estir­ pale completamente con il fuoco dei tuoi precetti ; l lascia che i quindici germogli fioriscano l e che le quindici [piante] si sviluppi­ no rigogliose. 71. Io sono anche il meraviglioso nuovo abito del Grande Santo l all' improvviso infangato dai demoni ; / la mia sola speranza è che l'acqua della Legge lo lavi rinfrescandolo l affinché io possa giun­ gere alla sostanza pura del corpo della Legge. 72. Implorante e dolente grido, supplicandoti dal profondo del cuo­ re: l o albero della natura e della vita adornato di miriadi di gioielli, l sommo e impareggiabile sovrano della medicina, l con la tua quiete, le tue azioni pure, e tutta la tua bontà. 73. O sempreverde albero ricolmo di gioielli, oceano della natura e della vita l dalle radici solide e robuste, dal corpo adamantino, l dai fiori e tronco autentici, sinceri, l dai rami lunghi e forti, sempre ri­ colmi di gioia. 74. Con le tue foglie della mi sericordia tutte adorne di gioielli l con i tuoi frutti, che la dolce rugiada mantiene sempre freschi: l chi li mangia lascia per sempre il fiume della nascita e della morte. l La fragranza del tuo respiro profumato inebria il mondo intero. 75. Sei tu stesso l' agognata vita eterna del Grande Santo, / l ' albero sempreverde che può risvegliare la natura della legge l saggezza, pura vacuità e costante vigilanza; l in verità tu sei il re del cuore, capace di discernere. 76. Implorante e dolente grido, supplicandoti dal profondo del cuo­ re: l o onnisciente sovrano della Legge, Buddha Gesù, l fa che la mia natura carnale sia sempre sana e giuliva l e che la mia natura di Buddha sia liberata dalle catene e dalle impurità. " 124 c.r. testo nr. 39 p. 67 Sundennann

352

Parte quinta - Testi liturgici

77. Istante dopo istante aumentano i tuoi segni; l fa che sfugga alle fauci dei demoni che minacciano di divoranni . l Se sfuggirò alle fauci dei demoni che nùnacciano di divorarmi, l sarò per sempre

lontano dalle azioni malvagie [dei figli del demone] della brama. 78. Conducinù nel bosco profumato e fiorito della meravigliosa Legge, l conducimi nel gregge dei puri e docili agnelli, l fa che le fondamenta della mia fede siano sempre solide l e che possa entrare nel regno della gloria. 79. Implorante e dolente grido, supplicandoti dal profondo del cuo­ re: l o Padre nùsericordioso, Re della Legge, Signore della natura e della vita l tu che puoi salvare la mia natura dalle avversità l e ren­ dere il nùo puro corpo eternamente felice, 80. tu che doni quiete e pace, tu che lenisci le sofferenze, l tu che mostri la tua misericordia, tu che perdoni i peccati, l dona alla mia natura della Luce gioia e serenità l ed al mio puro corpo una guida e un sostegno. 81. Tu puoi distruggere una montagna di spade e un albero di pu­ gnali, l domare leoni e serpi sibilanti l combattere tutte le malattie inguaribili l e rinnegare i privilegi ai quali è difficile rinunciare. 82. Ora ho deciso: calerò il sipario della porta della Legge. l O Grande Santo, con la tua misericordia veglia sempre su di me e proteggimi. l Zelante invoco e glorifico il nome del Padre miseri­ cordioso l che adoro dal profondo. E così sia.

INNI AL TERZO INVIATO

Testo nr. 69 (Fr. M 32, ed. Boyce, Reader, p. 120; lingua: partico; tr. PC) Lodate la grande Luce ! Andate [ . ]. Lodiamo all'unisono! Le­ viamo lodi a questa Gloria (farrah), pronunciamo insieme espres­ sioni di lode, nel modo dovuto esaltiamo questo Eone (Shahrdar), Padre Benefattore, la Guida delle anime (gyanln agadag), forza e ardore (abrang) ! m Leviamo lodi e supplichiamo la sua Grandezza! Padre benedetto, bellezza [della] Luce in cui non c'è difetto, ama­ bile forma traboccante di gioia! Egli stesso è signore di tutte le terre (Shahrdar ce harwe[n] Shahran) [ . ], e risplende in tutta la sua vita radiosa. .

.

..

Testo nr. 70

(Fr. M 67, ed. Andreas-Henning III, pp. 888-890; lingua: partico; tr. PC) INNI A NARISAF 126 ("p. 888 Andreas-Henning] ( 'alej) O Dio (bag) giusto e buono, divinità (yazd) preveggente, aiutami e siimi di sostegno. Tu sei be­ nedetto, raggiante Dio Mitra (Mihryazd), grande Luce127 • l 2!1

Miiller, p. 63 traduce Jugend perché presumibilmente connette la forma par­ tica al neopersiano dbrang, . (be t) Intonate il meraviglioso inno: 'Al benessere, alla tranquil­ lità e alla fiducia (gimel) [L'Inno:] 'La luminosa guida delle anime (gyanan pan­ dorag roshn' cantatelieti e felici. (da/et) Suonate la gradevole tromba 1 36 [l 'Inno:] «Riunite e gui­ date le anime verso la salvazione (Mg)». (he) Entusiasti vengono i Figli di Dio (bag puhran) alla dolce melodia del suo suono. (waw) Dite 'Santo, santo (kadush) 1 31' . Ripetete 'Amen, amen (amen)' . (zayn) Fate risonare: 'La Sapienza luminosa (zhirift roshn)». Pronunciate le pure parole: (sade) 'La parola vivificante (zhiwahar) della Verità (rashtift) libera il prigioniero dai ceppi' . (hel) All' unisono pregate debitamente, intonando e rispondendo. (lei) Timor [di Dio] e proibizioni ardono in tutte le membra.

[(yod-lamed) [p. 871 Andreas-Henning] . . ] (/roj) che è l'occhio e l' orecchio delle anime (gyanan). (mem) Come ospite invitate al banchetto divino il Figlio degli Dei (yazddn zddag) ! (nin) Adornate l'albergo della gentilezza ! Mostrate la strada ver­ .

so la luce !

(samek) Rendete perfetto il corpo nei Cinque, nei Sette e nei Do­ dici Elementi ! m

Il frammento conserva pane di cinque inni alfabetici. Oppure (?): «Suonate lieti e felici il liuto spirituale». 1 37 Cfr. testo nr. 78 (AM). 136

Inni al Sé vivente

359

( 'ayn) Sono questi i sette scintillanti gioielli, che costituiscono la vita del mondo. (pe) L'universo e tutte le creature animate (gyanbar) vivono gra­ zie alla loro energia (zawar). (sade) Sono come una lampada che nell' oscurità irraggia luce in una casa. (qoj) La devozione (qlrbagift) [ . . ] (shin) Gli Eoni (shahran) [ .. ] [thau] Raggiunto [il tabernacolo], Eletti giusti e Uditori merite­ voli preparate il [vostro] Sé (grlw) alla purificazione e conservate come si deve questo mistero (raz) nella sua santità. Onorate chi sia stato redento e insegnategli questo mistero. .

.

II. [p. 872 Andreas-Henning] ( 'alej) Se vi è gradita, ecco la mia parola che muove dalla testimonianza degli antichi padri 138 • (bet) Il Salvatore (bOjagar), il giusto Zarathustra (Zarhusht ar­ daw), una volta, dialogando con il proprio spirito (grlw), [disse]: (gimel) 'Grave è l' ebrietà nella quale ti sei addormentato; sve­ gliati ! e guardami ! (dalet) Salute (drod) sia su di te dal regno della serenità, dal quale sono stato inviato in funzione tua' . Questo allora lo spirito ri­ spose: (he) 'lo, io sono la delicata innocente progenie di Sroshaw1 39• (waw) Mi trovo nello stato della mescolanza e patisco sofferen­ ze. Liberami dal cerchio della morte ! (maran)'. (zayn) Zarathustra, salutandolo, gli pose la domanda antica: 'Sei una parte (handam) 1 40 di me? 1 38 In questo secondo Inno il messaggio di salvezza manicheo viene attribuito già a profeti più antichi ai quali Mani si richiamava come a suoi predecessori, nella fattispecie qui a Zarathustra (AM). 139 Nome iranico del Padre di Grandezza. Chi parla è infatti il griw umano, par­ ticella dell'Anima del Primo Inviato imprigionata dalla tenebre, e il Primo Inviato è a sua volta il griw di Dio, cfr. Introduzione p. 33 (AM). 140 Il Salvatore si rivolge non a chiunque, ma soltanto a coloro che gli apparten­ gono, che sono «parti» o «membra» (handdm) di lui, perché Dio, il Salvatore e l'a­ nima da salvare sono della medesima sostanza (la Luce). Perciò la salvezza consi­ ste nel «raccogliere le membra» sparpagliate in seguito al dramma divino (cfr. te­ sto nr. 26 p. 89 1 A.-H., nota 53) e ricostituire la perfetta unità e omogeneità del­ l'immagine del divino, I'«Uomo Perfetto» di cui parlano i testi copti (cfr. testo nr. 38 p. 9 1 B.-P.) (AM)

Parte quinta - Testi liturgici

360

(sade) La salvezza (drod) della forza dei Viventi (zhiwandagan zawar) e del massimo dei mondi141 scenda su di te dalla tua patria originaria. (het) Seguimi, progenie della mitezza ! E poniti una corona di lu­ ce sul capo, (tet) tu progenie dei potenti, che sei diventato così povero da chiedere elemosina per tutte le terre [ ... ] ' . INNO AL SÉ VIVENTE

III. [p. 873 Andreas-Henning] [(nin) .. ] ogni peccato che fa va­ cillare, interiore ed esteriore, oppure commesso con il pensiero, la parola, l' azione. (samek) Insegna che esiste la condizione di mescolanza (sre­ shishn) dell'intendimento pio e di quello malvagio e distingui l'uno dall' altro. ( 'ayn) Comprendi il tuo essere (bawag): la Parola pura che ap­ punto è la guida per l'anima (gyan) che è nel corpo (tanbar). (pe) e grazie ad essa comprendi a pieno la parola menzognera la quale - guida infernale - mena ali ' inferno della tenebra. (sade) Come un giudice fa con la bilancia, tu pesa coloro che in base alla [propria] parola si sono salvati o sono stati condannati. (qoj) Poni mente alla reincarnazione (azhOn) e al terribile inferno (narah), dove le anime vengono torturate e straziate, (resh) conserva lo zelo dell' anima, il tesoro della parola, affinché tu pervenga [ ... ]. (shin) Svergognat[ ... ] il fuoco divorat[ore gli] uomi[ni...] (than) E tu il S [é di Luce] (gri[w roshn]) grazie a questo [possa salvare ( ?) .. da ] condanna e reincarnazione. [p. 874 Andreas-Henning] Trattieni il cuore e la mente (manag) lontano dall'eccitazione peccaminosa e ascendi lungo la strada della pace verso la patria di Luce. [. . .] .

.

IV. ( 'alej) Te voglio invocare, (bet) valente Iddio (bag), Sé vivente (griw zhiwandag), 141 Il mondo della Luce, dove risiedono i (veri) «Viventi», cioè gli Dei, familia­

ri dell'anima (AM).

Inni al Sé vivente

361

(dalet) dono del Padre. Benedetto, benedetto tu sia, o luminoso Sé: ascendi salvo alla tua Patria! (he) Energia (zawar) ripiena di felicità, grandezza eletta, energia potente, intelligente, sapiente [ ] (het) Tutti gli Dei splendenti per causa tua [ ... ] (tet) Tu [ .. ] (yod) Gli Eletti sono assai impegnati nel renderti onore [ ] (lamed) Tremano [ . .. ] (mem) In mezzo [ . . . ] mondo (nin) A te, progenie di S[roshaw] ( 'ayn) Tanta angustia, (pe) tanta oppressione e sfortuna (sade) che tu sopportasti, (qo/) chi altri potrebbe dichiararla? (resh) O illuminante, pietoso (shin) o benedetto, (than) forte e nobile Signore ! O benefattore nostro Mar Mani! Noi sempre benediremo la sua [scii . di Mani] divina gloria (jarrah yazdagird), che ti ha indicato la via della salvezza, o Sé di Luce ! ...

.

...

V. ( 'aie/) Il mio luogo natìo era stato quello della Luce e degli Dei (yazdan). Poi me ne sono andata in esilio. Su di me incombono adesso, uniti assieme, e mi conducono alla morte. Sia tanto bene­ detto da potersi salvare chi salvasse il mio Sé dalla disgrazia! 142 (bet) Una creatura divina (bag) sono io, nata dagli Dei (bagan), splendente, scintillante, lucente, radiosa, fragrante e bella: ma [p. 875 Andreas-Henning] ora giaccio in condizioni disperate. (gimel) Diavoli (ishmagan) innumerevoli mi hanno nelle loro mani. Ributtanti, mi hanno fatto prigioniera. Hanno domato il mio spirito. Mi hanno azzannata, lacerata, divorata. (da/et) Dèmoni (dewan), Yachsha143, diavolesse, e travolgenti fo­ schi draghi orripilanti, fetidi e neri : immensa pena e morte ho sof­ ferto da parte di loro. 142 All'interno di ogni strofa la maggior parte delle parole comincia con la me­ desima lettera iniziale della strofa: questo conferisce una particolare musicalità al testo che la traduzione naturalmente non può rendere. 3 14 Cfr. l' Inno cinese (testo nr. 68), 24 (AM).

362

Parte quinta - Testi liturgici

(he) Tutti assieme urlano, mi assalgono, mi inseguono, si av­ ventano contro di me Testo nr. 73

(Fr. M 33, ed. Andreas-Henning III, pp. 876-877; lingua: partico;

tr.

WB)

( . ..) [p. 876 Andreas-Henning] [ ...] questo è il fortunato Giusto (ar­ ddw), il meritevole Uditore: questo, questo è la devozione (kirbag) che è in grado di [salvare] il Sé. [(gimel) ... il Figlio] del Padre originario e il Principe, il Figlio del Sovrano 144• (dalet) Egli abbandonò il suo Sé (griw) ai nemici, alle catene tutta la sua sovranità. (he) Tutti gli Eoni (shahran) e le Sovranità (shahrdarift) erano in ansia per lui. (waw) [Allora] egli pregò la Madre dei Viventi (mad zhiwandag) ed ella supplicò il Padre di Grandezza (Pidar wuzurgift): (zayn) «Il bel Figlio, che non fa del male [a nessuno], perché mai è imprigionato fra i dèmoni ?» (sade) Di Viventi [ .. . ] felicità e benessere [ ... ] «Raccogli le tue membra! (amwarda handam) » 145 (lamed) L' eternamente bello, dall' aspetto raggiante risalì in alto nel suo feudo146; (mem) la Madre l' abbracciò e lo baciò [dicendogli:] «Sei tornato, o figlio, che sei rimasto in esilio ! (nin) Affrettati e va' verso la Luce, perché i tuoi familiari han vivo desiderio di te». (samek) [intanto] le terre e i cieli furono formati e messi in ordi­ ne (resh) [ ...] mistero (raz) [ ... ] 144 Il Primo Inviato. 145 Parola che il Dio-Chiamata rivolge all'Uomo Primordiale tramortito e iner­

me. Il medesimo invito è rivolto dalla Chiesa manichea ai suoi fedeli: «raccoglie­ le parti disperse della luce e ricostituire l'Uomo Perfetto. Anche questo pensie­ ro ha la sua radice nell'ebraismo, dove la «salvezza» è intesa come riaggregazione delle tribù scampate alla prigionia, degli esuli tornati dall'esilio, ecc. (AM). 146 Ancora il Primo Inviato dopo la sua liberazione. re»

Inni al Sé vivente

363

(shin) Siate di buon animo, o Eletti e Uditori, membra luminose! (that) Che i mondi si rallegrino di questo tesoro e [p. 878 An­ dreas-Henning] di questa ricchezza benedetta. Ponete sul capo un nuovo diadema e siate potenti insieme a quelle Grandezze

Tav. IX: Eletti manichei intenti a scrivere. Miniatura su un frammento manicheo di Turfan (da K. Rudolf, Die Gnosis, Gottinga 1 980).

INNI DEL PARINIRVANA

Nella concezione buddhista il termine sscr. nirvana (in lingua pali nibbana) designa ! '«estinzione del desiderio» e quindi la sal­ vezza dal fiume delle reincamazioni (samsara) che il Risvegliato e (seguendo il suo modello) il monaco peifetto ottengono già in que­ sta vita mediante il perseguimento del/ ' «ottuplice sentiero». Il pa­ rinirvana (parinibbana) è l' «estinzione totale», definitiva, anche da quei residui carmici che si sedimentano nel corpo: ciò che eviden­ temente può avvenire solo al momento del decesso fisico. Il Canone buddhista intitola per questo motivo Mahaparinibbanasuttanta il grande e bellissimo trattato che descrive gli ultimi mesi di vita del Buddha Siddharta e la sua morte. La letteratura manichea orien­ tale mutuò l'espressione dal buddhismo per intitolare le composi­ zioni inniche che ricordavano la fine terrena del Fondatore e veni­ vano cantate durante la celebrazione della festa del «Bema», oppu­ re anche in memoria della Passione di Cristo, in quanto per en­ trambi i personaggi chiave della «religione della Luce» (Mani e Gesù), l 'uscita da questo mondo rappresentava la liberazione della luce dalla schiavitù delle tenebre e il suo ritorno all 'origine (AM). Testo nr. 74 (Fr. M 1 04, ed. Boyce, Reader, p. 127; lingua: partico; tr. WB) 147

[ ... gli eletti discepoli] furono scelti da Gesù per conto del Pro­ genitore. [Ma Satana] voleva scatenare le ondate fiammeggianti per distruggere tutto il mondo nel fuoco. Allora il nobile Signore (shahrdar) [scii. Gesù] mutò il suo aspetto [lettera/m. «la veste»] e si oppose a Satana 148 • Allora il cielo e la terra tremarono, e Sa147 Inno che celebra il «parinirvana» di Gesù, cioè la sua Passione, intesa come vittoria su Satana. La menzione di Mar Zaku (Zaccheo), discepolo di Mani, indica che .auesto testo fu scritto verso la fine del III secolo. 1 Motivo ricorrente nelle interpretazioni gnostiche della Passione: Cristo ab­ bandona sulla croce la propria «veste» mortale, cioè il corpo (lreneo, l, 30. 1 3 ; Apocalisse di Pietro, NHC VII, 8 1 ) , e riprende il proprio aspetto divino, alla vista

366

Parte quinta - Testi liturgici

maè/149 precipitò nell'abisso. Il vero Interprete (tarkuman)uo ebbe compassione della Luce divorata dal Nemico. La condusse fuori dalla profondità mortale dell'abisso verso il luogo dello splendore, dal quale era discesa. Adorazione a te, Figlio della Grandezza (to wuzurgift zddag)151, che hai liberato la tua gente di elezione (ardawift): adesso proteggi il Maestro Mar Zaku, il grande Guardiano (pang) della tua splendi­ da Chiesa. Svegliatevi, fratelli, Eletti: in questo giorno, il 14 del mese di Mihr151 quando Gesù, il Figlio di Dio (YishO bag puhr) entrò nel pa­ rinirvana, le anime (gyanan) vengono redente. Fate attenzione, o voi che amate Dio: allorché venne il tempo del compimento mediante il Figlio dell'Uomo (mard puhr), i diavoli furono conosciuti, Ashijad [ ?], capo di quelle malvage dottrine, [ . . . ], si ammantò d' inganno 153, ed essi [scii. i diavoli] condivisero quella dottrina. I dodici troni in alto furono sconvolti ; veleno colò sopra la creazione inferiore, sopra i [loro] figli, e a lui [scii. a Ge­ sù ?] fu preparato il calice mortale1s.. . I Giudei, questi [sedicenti] «servi dell'Altissimo (Masisht)», cominciarono [a tendere] insidie: caduto il Calunniatore [scii. Satana], essi combattono al suo posto contro il Figlio dell' Uomo. Architettano un piano malefico, metto­ no insieme una testimonianza falsa. Il maledetto Satana, che da

del quale le potenze del male restano annichilite (le potenze sono sconvolte all'apparizione dell'immagine divina: Apocrifo di Giovanni, NHC II, 14; Trifonne Protennoia, NHC XIII, 40; esse vengono sconfitte da Cristo, mentre presumono di averlo eliminato: 2Trattato di Set, NHC VII, 55-56). Sul cambiamento di «Vestito>> da parte del Salvatore cfr. la Parafrasi di Sem, NHC VII, 8; 12; 17- 1 8, 20; 22 (qui l'assunzione finale del vestito glorioso non è messa in relazione con la vicenda di Cristo) (AM). 149 Altro nome di Satana nell'apocalittica giudaica (3Enoc, 14; Test.Abramo, 1 6-17) , che compare anche nei testi gnostici come nome del Dio minore, sovrano malvagio di questo mondo (Apocr. Giovanni, NHC II, I l ; Natura d.Arconti, NHC Il, 93; Trif.Protennoia, NHC Xlll, 39). Com'è noto, si menziona come nome del diavolo nel Freischiitz di K.M. von Weber. 1 50 Appellativo di Gesù anche in testo nr. 7 1 p. 1 17 W.-L. Altro appellativo manicheo di Gesù, v. testo nr. 4 p. 12 B.-P. (AM). I l mese persiano di Mihr corrisponde a quello ebraico di Nisan (marzo­ aprile). La tradizione fissava al 14.mo giorno di Nisan la crocifissione di Gesù (A . . altnmenll . . . �)·Il testo qu1. è oscuro. Sembra menz1onare un personaggio 1gnoto (Ashjdd) che avrebbe capeggiato l'operazione diabolica contro Gesù. 1 I dodici «troni>> sono le potenze dello zodiaco; i loro «figli» sono gli uomini malvagi, resi tali appunto dalle malefiche influenze astrali (AM). 151

152

Inni del Parinrivana

367

sempre aveva danneggiato gli Inviati, creò confusione anche nel gregge di Cristo: il sordido Iscariota ([pur] amatissimo fra i disce­ poli) fece [del diavolo] la sua cavalcatura.,; lo indicò lui [Gesù alle Guardie del Tempio] indicandolo con il segno di chi abbia autorità ; consegnò il Figlio dell'Uomo ai nemici. Rinnegò la verità per un compenso che i Giudei gli dettero, e sacrificò il proprio signore e maestro.

Testo nr. 75

(Fr. M 5, ed. Andreas-Henning III, pp. 863-865 e Boyce, Reader, pp. 1 36- 1 37 ; lingua: partico; tr. WB)

INNI DEL PARINIRVANA (paranlbran) 1 56 [p. 863 Andreas-Henning] [(kaj) ... ] abbandonato rapidamente [ ... ] il paese d'Egitto 137 • (lamed) Colui che la potenza in eterno [scii. Mam1 stava in orazione, supplicò il Padre con una preghiera: «Io ho ripulito la terra, ho sparso il seme e ho portato al tuo cospetto il frutto ricolmo di vita. (mem) Ho costruito un palazzo e una assai gradevole residenza per il tuo Intellettom. Ho seminato un giardino di spiriti elettP'9, una aiuola verdeggiante e ho posto dinanzi a te una corona gioiosa. (nin) Ho fatto fruttificare degli alberi magnifici; ho indicato ai nobili figli la strada; ho eseguito alla perfezione il tuo caritatevole ordine, per il quale ero stato inviato in questo mondo. (samek) Accoglimi [adesso] nella pace della salvezza (moch· shlg) 1 6/J, di modo che io non debba più vedere la faccia del Nemico

., Traduzione incerta. Inno alfabetico. La strofe conservate (esclusa l'ultima) vanno da K a TH. L' «Egitto» sta qui sicuramente come simbolo del mondo della materia e del male. Questa metafora di lontana origine biblica (la «schiavitù d'Egitto»), attestata anche nel giudaismo anche ellenistico (cfr. Filone di Alessandria, De migratione Abr., 77) è corrente in ambiente gnostico per le sette battiste della Siria-Meso­ potamia (lppolito, V, 8.20 e 1 6.4-5) che contrapponevano tra l'altro l'acqua ((buo­ na» dell'Eufrate a quella «cattiva» del Nilo. Forse la metafora era in uso anche presso gli elcasaiti (AM). L'Intelletto di Luce (manohmed) inviato da Dio per guidare e sostenere i Giusti. Lettura incerta: Henning legge war, «fiore>>; Klimkeit (Hymnen und Gebete der Religion des Lichtes, Opladen 1 989, p. 1 27) invece wdd, ((spirito>>. 16/J Cfr. supra, n. 3 (AM). 1�

137

us

ug

368

Parte quinta - Testi liturgici

e udire la sua voce aggressiva. Donami finalmente la grande corona della vittoria!» ( 'ayn) Il Dio Giustiziere (bag rashtigar) 161 esaudì la sua supplica e [p. 864 Andreas-Henning] mandò gli angeli [con] i grandi donP62 [dicendogli:] «Da' le istruzioni ai tuoi Eletti e poi, avanti !, sali al luogo dell'immortalità». (pe) Il quarto giorno del mese di Shahrewar, un lunedì, all'un­ dicesima ora del giorno, dopo aver a lungo pregato Egli depose l'u­ suale vestito del corpo. (sade) Lampeggiò come un rapido fulmine, risplendette più chia­ ro (roshnestar) della luce del sole il veicolo, e gli angeli risposero salutando il Dio di Giustizia. (qoj) La casa del cielo collassò a partire dai lati esterni, la terra tremò , una voce possente si fece udire , e gli uomini, di fronte a tutti questi segni, restarono confusi e caddero con la faccia in giù. (resh) Giorno di dolore, ora di lamento allorché l' Apostolo della Luce (jreshtag roshn) entrò nel parinirvana. Lasciò le Guide (ya­ magan) a proteggere la Chiesa 163 e prese congedo da tutto il grande gregge. (shin) Il nobile Signore ha mantenuto la promessa che ci aveva dato: «Per voi attenderò lassù nel veicolo (aben) dell'acqua [scii. la luna] e ogni momento vi farò avere il mio aiuto»164•

1 61 Su questa espressione, che designa il Padre di Grandezza, cfr. testo nr. 65 p.

A.-H, nr. 26 p. 890 A.-H. e nr. 40 p 21 Henning. Il m.pers. rdstih significa «Verità>>; il part. rdshtift (come il sogd. rdshtyakh) vuoi dire «giustizia>> e ((veraci­ tà>>. Mentre la visione greca ed europea in genere associa il concetto di verità all'apparizione effettiva delle cose e quindi alla loro esistenza, la visione iranica (e la stessa cosa vale per la nozione ebraica di verità, 'emunah) lo associa piuttosto alla vita morale: l'esser «vero>> consiste nell'esser «sincero>>, «affidabile>>, ((cor­ retto» e quindi «giusto» (AM). 1 62 La corona del martirio e la veste santa, che rappresenta allo stesso tempo il Genello celeste del defunto, cfr. su questi «doni>> il Capitolo 7 copto, p. 36 B.-P. (A�U Il part. yamag, come il m.pers. jamig (su cui cfr. testo nr. IO p. 326 A.-H. e nota 8), significa ((gemello>> e nella fattispecie ((Guida>> della Chiesa manichea (AM). 164 Dopo la sua morte l'anima di Mani non va direttamente nel regno della Luce ma soggiorna sino alla fine del mondo sulla luna per assistere, da lì, la sua Chiesa. La concezione che le anime soggiornano temporaneamente sulla luna è attestata per i pitagorici e per gli stoici (cfr. E. Rohde, Psyche [ 1 890- 1 894], tr. it. Bari, Laterza, 1 970, p. 462 e 652); è possibile che questa dottrina manichea risentisse anche della figura buddhista del bodhisauva che ritarda la sua entrata nel Nirvana per poter esercitare la sua compassione e la sua benevolenza verso il genere umano (AM). 313

Inni del Parinrivana

369

(thau) Oramai, vedi, [p. 865 Andreas-Henning] sono già passati centodieci anni da quando tu, o Dio (bag), sei asceso all' assemblea della pace165, ed ora è tempo che tu attiri lassù i Giusti e collochi più in alto questo tuo trono. Noi aspetteremo qui con coraggio, i veraci Pastori, gli Eletti fedeli e gli Uditori. Ci ricorderemo del comando divino e

Testo nr. 76

(Fr. T II D 79, ed. Andreas-Henning III, pp. 860-862; lingua: partico; tr. PC)

[p. 860 Andreas-Henning] [ ...] come un sovrano (shahrdar) che depone le armi e la sua tenuta [da combattimento] per rivestire un altro abito regale, così l' Apostolo della Luce depose l' armatura guerresca e si imbarcò su un vascello luminoso, [p. 861 Andreas­ Henning] rivesti l ' abito divino, il diadema di luce e la bella coro­ na1 66. Con grande giubilo in compagnia degli Dei della Luce che lo ac­ compagnavano a destra e a sinistra, fra suoni d'arpa e canti di gioia, volò con prodigiosa potenza divina, come una luminosa e guizzante apparizione, verso i sentieri luminosi della Colonna di Gloria e ver­ so il carro (wardyun) della luna, luogo d' incontro delle divinità, ri­ manendo[vi] accanto al Dio Ohrmezd, il Padre. Desolato e triste lasciò dietro a sé tutto il gregge della comunità dei Giusti (ardawift), giacché il padrone di casa era morto e la casa [ ... parinirv]ana [ ...] e sotto il dominio della costellazione di [ .. . ] il quarto giorno del mese di Shahrewar, il giorno Shahrewar, lunedì all' ora unde­ cima1 67, nella provincia del Chuzistan 1 68, nel capoluogo provinciale di Belabad, avvenne che questo luminoso Padre in piena potenza fu elevato alla sua Patria [p. 862 Andreas-Henning] luminosa. E dopo il parinirvana dell' Apostolo, il Maestro Uzzi rese testi­ monianza a tutta la comunità su ciò che egli aveva veduto in mezzo 165 11 presente Inno, quindi, è stato composto nell'anno 387. 166 Sui tre «doni)) che l'anima del giusto riceve dopo la mone cfr. supra, n. 1 57 (AM).

1 6f Cfr.

testo nr. 75 p. 864.

1 68 Corrisponde alla «Susiana)) della terminologia geografica greca antica, e

tuttora è il nome della provincia iraniana che confina con l'Iraq sul Golfo persico (AM).

370

Parte quinta - Testi liturgici

ai soldati (andar ispir), perché egli, Uzzi, era stato lasciato Il vicino

all'Apostolo in quella notte del sabato169• Egli riportò oralmente a tutta la Chiesa molte pie disposizioni da parte dell'Apostolo della Luce. Dopo il parinirvana dell'Apostolo della Luce, il suo Vangelo (ewangelyon), il suo drdhang, il suo vestito e il suo bastone170 [fu­ rono portati] nella provincia di [...presso] S[isinnio...].

169 Andar significa «in>>, «fra» (cfr. lat. inter, ted. unter); i l vocabolo 'isptr (omografo di quello che significa «sfera») deriva del gr. speira che, nell' accezione militare, designa un reparto di soldati (per es. traduce il lat. cohors di Gv. 1 8,3): in questo caso si deve pensare al reggimento di guarnigione al palazzo reale di Gun­ desapora-Belapat e più precisamente agli alloggiamenti della truppa, dove Mani era detenuto in catene dopo il suo arresto e in attesa del giudizio. È pertanto in questa caserma della Guardia palatina che Mani cessò di vivere nella notte fra do­ menica e lunedl 26 febbraio 277 (AM). 170 Nel testo dast, «la mano», il che farebbe pensare a un culto manicheo delle reliquie del Fondatore, analogo a quello praticato in ambito buddhista. Secondo Sundermann l , p. 3 1 , si sarebbe trattato invece del bastone da viaggio a cui Mani si appoggiava, nominato anche in Atti di Archelao, 14. Non è chiaro il significato della parola drdhang: forse era una designazione in lingua iranica dello stesso Vangelo vivente di Mani oppure di un'altra sua opera (AM).

FLORILEGIO DI PREGHIERE

Testo nr. 77

(Fr. M 4, ed. Boyce, Reader, lingua: partico e persiano con forme partiche; tr. PC)

( ...) [///] [ ...] [p. 160 Boyce] degna tu sei della liberazione (1710chsh)111 • A te, o anima di luce (gydn roshn), darò molti consigli affinché tu trovi la salvezza. Salite, o anime, su questo vascello di luce ! O mia anima carissima felice [ ?] e nobile, dove te ne sei andata? Ritorna! Risvegliati, anima cara, dal sonno dell'ubriachezza in cui ti sei assopita, affronta i nemici che intorno a te preparano la morte, raggiungi la tua casa, la terra creata dalla Parola, nella quale tu risiedevi all'inizio. Per la malvagia concupiscenza (az), per il piacere illusorio e per il fuoco che la consuma dentro l'anima infelice leva alti lamenti, [ma] un Inviato è venuto giù dal paradiso, come messaggero dal Regno degli Eoni (Shahrddrift) ! ( .. . ) [/V] [p. 162 Boyce] ( ... ) Un discepolo (*abzhtrwdnag) pieno di gratitudine io sono, messo al mondo dalla terra di Babilonia. Messo al mondo io fui dalla terra di Babilonia, e collocato sulla porta della verità (rdshtift bar)112 • Un giovane discepolo (sardwag *abzhtrwdnag) io sono, inviato dalla terra di Babilonia. 171

Cfr. supra, n. 3 (AM). Nel testo è sottinteso un gioco di parole con Bab-el (Babilonia), che nella sua forma accadica ba-bi-lu era stato reinterpretato come bdb-ilu, letteralmente «Porta di Dio». 172

Parte quinta - Testi liturgici

372

Dalla terra di Babilonia io sono stato inviato, per lanciare un gri­ do nel mondo. Voi, o Dei (yazdan), io imploro, tutti voi, o Dei (bagdn) ! Per mi­ sericordia rimettetemi i peccati ! ( .) [V] [p. 190 Boyce] L'angelo Raymast1 73, Dio amorevole, dal bello sguardo, il forte Dio dal no­ bile nome Re Fredon (Fredonshdh) 1 14 e Giacobbe Naréman 115, pos­ sano essi proteggere la Chiesa e noi, [suoi] figli. ( . .) [VI] [p. 191 Boyce] Giunga la benedizione dagli altissimi Dei e sempre nuovo aiuto dalla Potenza del Creatore (Kirdagdr) sul mondo e sui suoi sovrani, affinché divengano credenti nella santa religione. Io venero Bar-Simush 116, [Gia]cobbe, e lodo Bar-K[ ... ], affinché essi accrescano sempre più la gioia per tutta questa comunità. Il Dio Mitra nostro Padre1 77 , liberatore e misericordioso, insieme con il buon Fredon e tutti gli angeli ifreshtagdn), possano proteg­ gere e curare la santa Chiesa (dén) e la sua beata Guida (sdrdr), il Signore dal nome onorato. O Sole splendente, Dio Zéndrés178, insieme con la Dea Madre dei Viventi, re Mitra insieme con gli Angeli, i Cinque e i Dodici 1 79! Che siano tutti lodati dalla santa Chiesa. Rinnovata benedizione, rinnovato trionfo scenda dal Dio Zer­ wan180 sulle Glorie, sugli Inviati e sugli spiriti (wdchshdn) di questo ..

.

173 Nome altrimenti sconosciuto. 174 Angelo appartenente al mondo divino, spesso nominato anche nei

testi gno­ stici col nome di Afredon: 3Stele di Sei, NHC VII, I 26; Zostriano, NHC VIII, 86, 88 e 1 22; Allogene, NHC XI, 54 (qui con l'appellativo di «buono••). L'elencazio­ ne di nomi (segreti) degli angeli era corrente nella liturgia gnostica (cfr. ad esem­ pio il testo valentiniano citato da Epifania, 3 1 .6) e riprende un'usanza ebraica, so­ prattutto delle sette esoteriche, ad esempio gli Esseni, come si desume da Giusep­ pe Flavio, La guerra giudaica, Il, 8.142 (AM). m Questo termine occorre come epiteto dell'Intelletto nel testo nr. IO p. 324 A.-H. (AM). 176 Nome proprio semitico che designa un essere angelico, cfr. il Balsamos del testo nr. l p. 32 H.-K. (AM). 177 È il Secondo Inviato, cioè Io Spirito Vivente, cfr. testo nr. 28. 1 78 Nome del Terzo Inviato, menzionato anche nel testo nr. 67. 1 79 Si nominano qui gli Angeli, i 5 Figli dell'Uomo primordiale e i 1 2 Eoni del Padre di Grandezza (AM). 1 80 Cfr. testo nr. 40 p. 29 Henning e nota relativa (AM).

Florilegio di preghiere

373

mondo181, al fine che esso accolga la santa Religione (den), ed essi [le] siano Guardiani, Sostenitori e Protettori all'interno e all'esterno [della Chiesa]. Io invoco gli angeli forti e potenti, i potenti Raffaele, Michele, Gabriele, Saraele, che ci proteggano da tutte le avversità e ci liberi­ no dal malvagio Ahrmen. Io venero il Dio Angelo-Giacobbe (bay Yaqob frestag)1ni, insie­ me con le Glorie, le Potenze e gli Spiriti buoni, che ci proteggano con forza gagliarda e ci siano di guida all'interno e all'esterno [della Chiesa]. Io venero con gioia la Forza gagliarda, l'Angelo Giacobbe, con­ dottiero degli angeli (sarar i fréshagan): ricevi da tutta la santa Chiesa sempre nuova benedizione e altissima lode ! Gaudio e rinnovata salvezza [vi] giunga dal Dio Zerwan, benedi­ zione e rinnovata gioia [vi] sia concessa dagli Dei (bdn) e dagli an­ geli, o Glorie e Spiriti: possiate voi condurci sulla strada della sal­ vezza (drodih). Nuova forza [ci] venga dall'Angelo Giacobbe, nuova gioia da tutti gli angeli scenda sulle regioni di questo mondo. Essi stessi ci guidino ad una sempre rinnovata pace 1 83• (. .) .

Testo nr. 78 (Fr. M 75, ed. Boyce, Reader, p. 92; lingua: partico; tr. PC)

Santo ! · Santo! Santo! (kadush) 1 ,. Alla tua venerata Grandezza. 1 81 L'espressione designa i dignitari della Chiesa manichea, come nel testo nr. 40 fl· 30 ss. Henning. 82 Il patriarca biblico Giacobbe era stato inteso come incarnazione di un angelo di Dio già nell'apocalittica (cfr. il testo La preghiera di Giacobbe [in Charles­ worth]). Portando avanti una certa confusione fra natura divina e natura angelica che caratterizza l'esoterismo giudaico (anche nelle visioni gnostiche gli «angeli» buoni non sono che articolazioni della stessa realtà divina), qui l' «Angelo» Gia­ cobbe è chiamato egli stesso un Dio. Sulle nomenclature angeliche di questo fram­ mento e la loro matrice giudaico-gnostica v. A. Béihlig, Gnosis und Synkretismus, Tubinga 1 989, pp. 1 64- 1 79. 183 La comunità manichea pregava per il benessere delle autorità politiche del paese in cui viveva protetta, il regno turco-uiguro di Chocio. Preghiere in favore dei §.ovemanti locali ricorrono spesso nei testi in lingua turca (AM). 1 Il triplice qadosh ebraico (da Isaia, 6.3) si trova anche nel fr. M 331 in Miiller, ibid.

374

Parte quinta - Testi liturgici

Santo! Santo! Santo! A te Padre, Santo ! Al tuo Nome (Nam) eletto ! Santo! Santo! Santo! A te Padre [ ...] Santo! Santo! Santo ! Al tuo grande Pensiero (andeshishn), dal quale sono derivati tutti i buoni pensieri. Santo! Santo ! Santo! A te Padre, Santo ! A te, grande tuo ragio­ namento, dal quale sono derivati tutti i ragionamenti (parmanag) buoni e solleciti Santo ! Santo! Santo! (kadush) A te Padre, Santo ! Al tuo grande e venerato Spirito (wad), che è al di sopra di ogni spirito del mondo [ . ] ..

APPENDICE

LE CINQUE PARTI DELL'ANIMA NELLA DOTIRINA MANICHEA

sostanza luminosa divina ha una struttura quintuplice che ri­ guarda tanto i suoi «elementi» ovvero il suo supporto «materiale» (etere, brezza, luce, acqua, fuoco), sia le sue «parti» o «membra», vale a dire la sua articolazione «spirituale». Mentre le prime non pongono problemi di ordine terminologico, per le seconde bisogna prendere in esame la documentazione offerta dalla diverse lingue nelle quali il manicheismo si è espresso. La

Partico

l

bdm

manohmed

O!(i)

andelishn

panruinag

fa m

lyd

mdn

lmdrd

patbede

qut

og

kongiil

saqinc

tuimaq

xiang

xin

nian

si

yi

huna '

mad'a '

ra 'ayana '

machalabtha '

tar'yta

énnoia

phr6nesis

enthymesis

/ogism6s

7 Copto

noQs NoQs (dal greco)

meue

sbO

sajne

makmek

8 Latino

mens

sensus

prudentia

intel/ectus

cogitatio

Sogdiano2 Turco

3 4

Cinese

Aramaico 6

Greco

'

I Le versioni occidentali (greche e copte) impiegano per il primo

1 Cfr. testo nr. 39 p. 62 e 72 Sundermann. 2 Cfr. testo nr. 40 p. 37 Henning.

3 Fr. T M 423c in W. Bang - A. von Gabain, Tiirkische Turfan-Texte, (Berlino 1 929) III, nr. 8, 3 4 Trattato Chavannes-Pelliot nei passi corrispondenti al testo nr. 39 ' Da Teodoro bar Koni, Libro degli Scoli, Xl, p. 3 1 3 Scher. 6 Da ps.Egemonio, Atti di Archelao, I O = Epifanio, Panarion, 66.25 7 Cfr. testo nr. 38 8 Dalla tr. lat. degli Atti di Arche/ao.

Appendice

376

membro (il più importante) un termine chiave del linguaggio filo­ sofico e gnostico, il nous che in Platone e Aristotele è la parte supe­ riore dell'anima, di natura divina perché Dio stesso è un nous; an­ che nella teologia medioplatonica noas è sia la divinità suprema sia il Dio secondo o Demiurgo (Numenio, fr. 1 2, 1 6, 1 7 Des Places; Alcinoo, Didasc., 1 0, p. 164 Hermann), sia la componente princi­ pale dell'anima umana; negli gnostici è ugualmente denominazione divina, in particolare del «secondo Dio» (Ireneo, I, 2.2; 23.3; cfr. TrattTrip, NHC I 55; Eugn, NHC III 72), e della parte divina dell'uomo, organo della gnosi (ermetismo). Il lat. mens traduce di regola il gr. nous (Cicerone, de rep. , II, 45; Tusc., III, 1 1 , De leg., II, 8- 1 0; Apuleio, De Plat., I, 6; 1 3 ; II, 220). Il termine aramaico invece vuoi dire genericamente «intelligenza», «saggezza», «giudi­ zio» (nel Talmud huna ' è appellativo di un «saggio», e cfr. havona ' o havavna , «ragionevolezza). Le versioni orientali di vergono da ciò, forse perché manca il riferimento alla filosofia greca. Il partico usa una parola che vuoi dire «splendore», «gloria» (nel senso di parte più «gloriosa» dell'anima), e questa accezione si ritrova nel sogdiano farn e nel turco qut, che vuoi dire «maestà» (cfr. A. von Le Coq, Tiirkische Manichaica aus Chotscho, II [Berlino 1 9 1 9], p. 12; III [Berlino 1 922], p. 1 5). La versione cinese torna invece a una parola che rientra nell' area semantica della vita intellettuale: xiang vuoi dire «pensiero». Nonostante la versione partica sia probabil­ mente più vicina al dettato originario di Mani (che non era stato scolarizzato dai platonici !) noi non possiamo almeno in questo caso non seguire la tradizione occidentale che peraltro è regolarmente recepita dalla letteratura critica e dalle traduzioni moderne (in quelle tedesche si riprende il greco: Nous), e tradurremo con '

INTELLETIO.

II Il secondo membro viene designato nelle versioni partica e sogdiana con un termine che significa l'attività pensante, cioè l'intelletto o la mente (umana) come facoltà di comprensione, e questo è il senso anche del termine turco (cfr. Tiirk.Man. , I [Berlino 1 9 1 2], p. 22 e III, p. 9; ted. Verstand), mentre il termine cinese vuoi dire «mente» anche però nel senso di «cuore». e quello aramaico sta per «sapere appreso», «conoscenza». Il greco énnoia vuoi dire sia attività pensante sia cosa pensata, «nozione» (quest'ultimo nella

Le cinque parti dell 'anima nella dottrina manichea

377

filosofia stoica) e nel linguaggio gnostico è il Pensiero divino ipo­ statizzato (lreneo, l, 23.2; analogamente epfnoia, calco dal greco nei testi copti di Nag Hammadi). Il lat. sensus vale qui nell'acce­ zione di «modo di pensare». Poiché partiamo dal presupposto che la terminologia iranica sia quella più originaria e quindi preferibil­ mente da seguire ove possibile, tradurremo con MENTE. III

Il significato originario del terzo membro si desume forse meglio dal partico, dove os(i) vuoi dire l' attività pensante riflessa su sé stessa, la «coscienza»: questa accezione deve ritenersi intesa anche nel turco kOngiil, cioè la disposizione d'animo o l' (