Il manicheismo. Il mito e la dottrina. I testi manichei copti e la polemica antimanichea [Vol. 2] 880454922X, 9788804549222

Il Manicheismo fu l'unica religione creata da un uomo che era, al tempo stesso, un grande pittore e un grande music

420 22 17MB

Italian Pages 412 [411] Year 2006

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Il manicheismo. Il mito e la dottrina. I testi manichei copti e la polemica antimanichea [Vol. 2]
 880454922X, 9788804549222

  • Commentary
  • Versione migliorata

Table of contents :
01_Pagina_001_1L
01_Pagina_001_2R
01_Pagina_002_1L
01_Pagina_002_2R
01_Pagina_003_1L
01_Pagina_003_2R
01_Pagina_004_1L
01_Pagina_004_2R
01_Pagina_005_1L
01_Pagina_005_2R
01_Pagina_006_1L
01_Pagina_006_2R
01_Pagina_007_1L
01_Pagina_007_2R
01_Pagina_008_1L
01_Pagina_008_2R
01_Pagina_009_1L
01_Pagina_009_2R
01_Pagina_010_1L
01_Pagina_010_2R
01_Pagina_011_1L
01_Pagina_011_2R
01_Pagina_012_1L
01_Pagina_012_2R
01_Pagina_013_1L
01_Pagina_013_2R
01_Pagina_014_1L
01_Pagina_014_2R
01_Pagina_015_1L
01_Pagina_015_2R
01_Pagina_016_1L
01_Pagina_016_2R
01_Pagina_017_1L
01_Pagina_017_2R
01_Pagina_018_1L
01_Pagina_018_2R
01_Pagina_019_1L
01_Pagina_019_2R
01_Pagina_020_1L
01_Pagina_020_2R
01_Pagina_021_1L
01_Pagina_021_2R
01_Pagina_022_1L
01_Pagina_022_2R
01_Pagina_023_1L
01_Pagina_023_2R
01_Pagina_024_1L
01_Pagina_024_2R
01_Pagina_025_1L
01_Pagina_025_2R
01_Pagina_026_1L
01_Pagina_026_2R
01_Pagina_027_1L
01_Pagina_027_2R
01_Pagina_028_1L
01_Pagina_028_2R
01_Pagina_029_1L
01_Pagina_029_2R
01_Pagina_030_1L
01_Pagina_030_2R
01_Pagina_031_1L
01_Pagina_031_2R
01_Pagina_032_1L
01_Pagina_032_2R
01_Pagina_033_1L
01_Pagina_033_2R
01_Pagina_034_1L
01_Pagina_034_2R
01_Pagina_035_1L
01_Pagina_035_2R
01_Pagina_036_1L
01_Pagina_036_2R
01_Pagina_037_1L
01_Pagina_037_2R
01_Pagina_038_1L
01_Pagina_038_2R
01_Pagina_039_1L
01_Pagina_039_2R
01_Pagina_040_1L
01_Pagina_040_2R
01_Pagina_041_1L
01_Pagina_041_2R
01_Pagina_042_1L
01_Pagina_042_2R
01_Pagina_043_1L
01_Pagina_043_2R
01_Pagina_044_1L
01_Pagina_044_2R
01_Pagina_045_1L
01_Pagina_045_2R
01_Pagina_046_1L
01_Pagina_046_2R
01_Pagina_047_1L
01_Pagina_047_2R
01_Pagina_048_1L
01_Pagina_048_2R
01_Pagina_049_1L
01_Pagina_049_2R
01_Pagina_050_1L
01_Pagina_050_2R
01_Pagina_051_1L
01_Pagina_051_2R
01_Pagina_052_1L
01_Pagina_052_2R
01_Pagina_053_1L
01_Pagina_053_2R
01_Pagina_054_1L
01_Pagina_054_2R
01_Pagina_055_1L
01_Pagina_055_2R
01_Pagina_056_1L
01_Pagina_056_2R
01_Pagina_057_1L
01_Pagina_057_2R
01_Pagina_058_1L
01_Pagina_058_2R
01_Pagina_059_1L
01_Pagina_059_2R
01_Pagina_060_1L
01_Pagina_060_2R
01_Pagina_061_1L
01_Pagina_061_2R
01_Pagina_062_1L
01_Pagina_062_2R
01_Pagina_063_1L
01_Pagina_063_2R
01_Pagina_064_1L
01_Pagina_064_2R
01_Pagina_065_1L
01_Pagina_065_2R
01_Pagina_066_1L
01_Pagina_066_2R
01_Pagina_067_1L
01_Pagina_067_2R
01_Pagina_068_1L
01_Pagina_068_2R
01_Pagina_069_1L
01_Pagina_069_2R
01_Pagina_070_1L
01_Pagina_070_2R
01_Pagina_071_1L
01_Pagina_071_2R
01_Pagina_072_1L
01_Pagina_072_2R
01_Pagina_073_1L
01_Pagina_073_2R
01_Pagina_074_1L
01_Pagina_074_2R
01_Pagina_075_1L
01_Pagina_075_2R
01_Pagina_076_1L
01_Pagina_076_2R
01_Pagina_077_1L
01_Pagina_077_2R
01_Pagina_078_1L
01_Pagina_078_2R
01_Pagina_079_1L
01_Pagina_079_2R
01_Pagina_080_1L
01_Pagina_080_2R
01_Pagina_081_1L
01_Pagina_081_2R
01_Pagina_082_1L
01_Pagina_082_2R
01_Pagina_083_1L
01_Pagina_083_2R
01_Pagina_084_1L
01_Pagina_084_2R
01_Pagina_085_1L
01_Pagina_085_2R
01_Pagina_086_1L
01_Pagina_086_2R
01_Pagina_087_1L
01_Pagina_087_2R
01_Pagina_088_1L
01_Pagina_088_2R
01_Pagina_089_1L
01_Pagina_089_2R
01_Pagina_090_1L
01_Pagina_090_2R
01_Pagina_091_1L
01_Pagina_091_2R
01_Pagina_092_1L
01_Pagina_092_2R
01_Pagina_093_1L
01_Pagina_093_2R
01_Pagina_094_1L
01_Pagina_094_2R
01_Pagina_095_1L
01_Pagina_095_2R
01_Pagina_096_1L
01_Pagina_096_2R
01_Pagina_097_1L
01_Pagina_097_2R
01_Pagina_098_1L
01_Pagina_098_2R
01_Pagina_099_1L
01_Pagina_099_2R
01_Pagina_100_1L
01_Pagina_100_2R
01_Pagina_101_1L
01_Pagina_101_2R
01_Pagina_102_1L
01_Pagina_102_2R
01_Pagina_103_1L
01_Pagina_103_2R
01_Pagina_104_1L
01_Pagina_104_2R
01_Pagina_105_1L
01_Pagina_105_2R
01_Pagina_106_1L
01_Pagina_106_2R
01_Pagina_107_1L
01_Pagina_107_2R
01_Pagina_108_1L
01_Pagina_108_2R
01_Pagina_109_1L
01_Pagina_109_2R
01_Pagina_110_1L
01_Pagina_110_2R
01_Pagina_111_1L
01_Pagina_111_2R
01_Pagina_112_1L
01_Pagina_112_2R
01_Pagina_113_1L
01_Pagina_113_2R
01_Pagina_114_1L
01_Pagina_114_2R
01_Pagina_115_1L
01_Pagina_115_2R
01_Pagina_116_1L
01_Pagina_116_2R
01_Pagina_117_1L
01_Pagina_117_2R
01_Pagina_118_1L
01_Pagina_118_2R
01_Pagina_119_1L
01_Pagina_119_2R
01_Pagina_120_1L
01_Pagina_120_2R
01_Pagina_121_1L
01_Pagina_121_2R
01_Pagina_122_1L
01_Pagina_122_2R
01_Pagina_123_1L
01_Pagina_123_2R
01_Pagina_124_1L
01_Pagina_124_2R
01_Pagina_125_1L
01_Pagina_125_2R
01_Pagina_126_1L
01_Pagina_126_2R
01_Pagina_127_1L
01_Pagina_127_2R
01_Pagina_128_1L
01_Pagina_128_2R
01_Pagina_129_1L
01_Pagina_129_2R
01_Pagina_130_1L
01_Pagina_130_2R
01_Pagina_131_1L
01_Pagina_131_2R
01_Pagina_132_1L
01_Pagina_132_2R
01_Pagina_133_1L
01_Pagina_133_2R
01_Pagina_134_1L
01_Pagina_134_2R
01_Pagina_135_1L
01_Pagina_135_2R
01_Pagina_136_1L
01_Pagina_136_2R
01_Pagina_137_1L
01_Pagina_137_2R
01_Pagina_138_1L
01_Pagina_138_2R
01_Pagina_139_1L
01_Pagina_139_2R
01_Pagina_140_1L
01_Pagina_140_2R
01_Pagina_141_1L
01_Pagina_141_2R
01_Pagina_142_1L
01_Pagina_142_2R
01_Pagina_143_1L
01_Pagina_143_2R
01_Pagina_144_1L
01_Pagina_144_2R
01_Pagina_145_1L
01_Pagina_145_2R
01_Pagina_146_1L
01_Pagina_146_2R
01_Pagina_147_1L
01_Pagina_147_2R
01_Pagina_148_1L
01_Pagina_148_2R
01_Pagina_149_1L
01_Pagina_149_2R
01_Pagina_150_1L
01_Pagina_150_2R
01_Pagina_151_1L
01_Pagina_151_2R
01_Pagina_152_1L
01_Pagina_152_2R
01_Pagina_153_1L
01_Pagina_153_2R
01_Pagina_154_1L
01_Pagina_154_2R
01_Pagina_155_1L
01_Pagina_155_2R
01_Pagina_156_1L
01_Pagina_156_2R
01_Pagina_157_1L
01_Pagina_157_2R
01_Pagina_158_1L
01_Pagina_158_2R
01_Pagina_159_1L
01_Pagina_159_2R
01_Pagina_160_1L
01_Pagina_160_2R
01_Pagina_161_1L
01_Pagina_161_2R
01_Pagina_162_1L
01_Pagina_162_2R
01_Pagina_163_1L
01_Pagina_163_2R
01_Pagina_164_1L
01_Pagina_164_2R
01_Pagina_165_1L
01_Pagina_165_2R
01_Pagina_166_1L
01_Pagina_166_2R
01_Pagina_167_1L
01_Pagina_167_2R
01_Pagina_168_1L
01_Pagina_168_2R
01_Pagina_169_1L
01_Pagina_169_2R
01_Pagina_170_1L
01_Pagina_170_2R
01_Pagina_171_1L
01_Pagina_171_2R
01_Pagina_172_1L
01_Pagina_172_2R
01_Pagina_173_1L
01_Pagina_173_2R
01_Pagina_174_1L
01_Pagina_174_2R
01_Pagina_175_1L
01_Pagina_175_2R
01_Pagina_176_1L
01_Pagina_176_2R
01_Pagina_177_1L
01_Pagina_177_2R
01_Pagina_178_1L
01_Pagina_178_2R
01_Pagina_179_1L
01_Pagina_179_2R
01_Pagina_180_1L
01_Pagina_180_2R
01_Pagina_181_1L
01_Pagina_181_2R
01_Pagina_182_1L
01_Pagina_182_2R
01_Pagina_183_1L
01_Pagina_183_2R
01_Pagina_184_1L
01_Pagina_184_2R
01_Pagina_185_1L
01_Pagina_185_2R
01_Pagina_186_1L
01_Pagina_186_2R
01_Pagina_187_1L
01_Pagina_187_2R
01_Pagina_188_1L
01_Pagina_188_2R
01_Pagina_189_1L
01_Pagina_189_2R
01_Pagina_190_1L
01_Pagina_190_2R
01_Pagina_191_1L
01_Pagina_191_2R
01_Pagina_192_1L
01_Pagina_192_2R
01_Pagina_193_1L
01_Pagina_193_2R
01_Pagina_194_1L
01_Pagina_194_2R
01_Pagina_195_1L
01_Pagina_195_2R
01_Pagina_196_1L
01_Pagina_196_2R
01_Pagina_197_1L
01_Pagina_197_2R
01_Pagina_198_1L
01_Pagina_198_2R
01_Pagina_199_1L
01_Pagina_199_2R
01_Pagina_200_1L
01_Pagina_200_2R
01_Pagina_201_1L
01_Pagina_201_2R
01_Pagina_202_1L
01_Pagina_202_2R
01_Pagina_203_1L
01_Pagina_203_2R
01_Pagina_204_1L
01_Pagina_204_2R
01_Pagina_205_1L
01_Pagina_205_2R

Citation preview

IL MANICHEISMO a cura di Gherardo Gnoli conl'assistenza di Andrea Piras

Piano del!'opera Volume I MANI E IL MANICHEISMO

con la collaborazione di Luigi Cirillo, Serena Demaria, Enrico Morano, Antonello Palumbo, Sergio Pernigotti, Elio Provasi, Alberto Ventura, Peter Zieme Volume li IL MITO E LA DOTTRINA. I TESTI MANICHEI COPTI E LA POLEMICA ANTIMANICHEA

con la collaborazione di Carlo G. Cereti, Riccardo Contini, Serena Demaria, Sergio Pernigotti, Andrea Piras, Alberto Ventura VolumeIIl IL MITO E LA DOTTRINA. 'If'.STI MANICHEI DELL' ASIA CENTRALE E DELLA CINA

.:,>

con la collaborazione di Carlo G. Cereti, Enrico Morano, Antonello Palumbo, Elio Provasi, Alois van Tongerloo, Peter Zieme Volume IV I RITI, LA POESIA E LA CHIESA

con la collaborazione di Serena Demaria, Claudia Leurini, Enrico Morano, Antonello Palumbo, Sergio Pernigotti, Elio Provasi, Alois van Tongerloo, Alberto Ventura

IL MANICHEISMO Volume II IL MITO E LA DOTTRINA. I TESTI MANICHEI COPTI E LA POLEMICA ANTIMANICHEA

Introduzione e cura di Gherardo Gnoli con la collaborazione di Carlo G. Cereti, Riccardo Contini, Serena Demaria, Sergio Pernigotti, Andrea Piras, Alberto Ventura e con l'assistenza di Andrea Piras

FONDAZIONE LORENZO VALLA ARNOLDO MONDADORI EDITORE

Questo volume è stato pubblicato grazie alla collaborazione della Fondazione Cariplo

I testi e le traduzioni di Agostino sono pubblicati per gentile concessione del!'editrice Città Nuova

ISBN 88-04-54922-X

Grafica di Vittorio Merzi:o ©Fondazione Lorenzo Valla 2006 I edizione ottobre 2006

www.librimondadori.it

INDICE

XI XLIX LI LXI

Introduzione Nota bibliografica Abbreviazioni bibliografiche Avvertenze TESTI E TRADUZIONI Parte Prima

Testi copti I Capitoli del Maestro

17 21

I. Ke. Il: Il secondo (Capitolo) sulla parabola degli alberi 2. Ke. IV: Dei quattro grandi giorni, che uscirono l'uno

23

3. Ke. VI: Dei cinque depositi che scaturirono dall'inizio

28 30

4. Ke. XVII: Il Capitolo dei tre tempi 5. Ke. XVI: Delle cinque Grandezze che uscirono contro

35 36 41 41 44

6. Ke. XXXII: Delle sette opere dello Spirito Vivente

dall'altro insieme alle quattro notti dalla terra della Tenebra; i cinque Arconti, i cinque spiriti, i cinque corpi, i cinque gusti

45 48 53

la Tenebra 7. Ke. XLVIII: Dei filamenti 8. Ke. XLIX: Della ruota e dei filamenti 9. Ke. XLIV: Del gigante del mare lo. Ke. XXXVI: Della ruota che si trova davanti al Re dell'Onore l l. Ke. LXIX: Dei dodici dello Zodiaco e delle cinque stelle 12. Ke. LXX: Del corpo che è a immagine del mondo 12. Ke. LXIV: Di Adamo

INDICE

VIII

55

I Salmi degli erranti

59

I. Salmo dei quattro giorni perfetti

63

II. Salmo del Padre della Grandezza

7.0 75

IV. Salmo dell'inno a Sethel

77

V. Salmo del risveglio dell'anima

79

VI. Salmo della rinascita dell'anima

8l

VII. Salmo del dialogo tra l'anima e suo padre

III. Salmo della costanza

82

VIII. Salmo della guida dei sensi

84

IX. Salmo a Gesù

85

X. Salmo dell'Intelletto

87

XI. Salmo della corona

89

XII. Salmo della preghiera per aprire il Paradiso

90

XIII. Salmo delle litanie di Gesù

91

XIV. Salmo della povertà

93

XV. Salmo dello Spirito

94

XVI. Salmo del banchetto spirituale

96

XVII. Salmo del cuore santo

97

XVIII. Salmo del numero cinque

99

XIX. Salmo dell'anima vittoriosa

ro l

XX. Salmo dell'assemblea

103

XXI. Salmo dei pericoli che insidiano il fedele

ro5

XXII. Salmo delle litanie di Gesù

106

XXIII. Salmo dell'ascesa in cielo

108

XXIV. Salmo dell'amore del Padre

ro9

XXV. Salmo dello spirito della Luce

lll

XXVI. Salmo degli Eletti

l l3

XXVII. Salmo della pecora

l l5

XXVIII. Salmo dell'Intelletto di Luce

116

XXIX. Salmo dell'anima santa

l 17

XXX . Preghiera dell'anima al salvatore

l l8

XXXI. Salmo del comandamento

121

XXXII. Salmo dell'anima vittoriosa

122

XXXIII. Salmo dei lamenti

128

XXXIV . Salmo dell'anima che ricorda

129

XXXV. Salmo delle regole

l 30

XXXVI. Salmo della gioia degli angeli

132

XXXVII. Salmo della sorgente di vita

l 33

XXXVIII. Inno all'Amen

INDICE

IX

Parte Seconda

Testi greci l 37

e

latini

Alessandro di Licopoli, Contro le dottrin(( di Mani

149

Egemonia, Acta Arche/ai (in Epifanio, Panarion 25-3 l)

171

Agostino, de natura boni; Contra,Faustum Parte Terza

Testi siriaci 207

Mani e il Manicheismo nella tradizione siriaca

222

Teodoro bar Konay, Libro degli Sc�li

229

Efrem Siro, Selezione di brani dalla polemica antimanichea in prosa Parte Quarta

Testi medio-persiani 23 7

Le fonti zoroastriane sul Manicheismo

241

Mardanfarrox I Ohrmazd-dadan, Skand Gumanlg Wizar XVI

246

DenkardIII 199-200 Parte Quinta

Testi arabi 25 l

La dottrina manichea nella tradizione islamica

260

Muqammad ibn l�qaq al-Nadim, Libro dell'Indice

27i

Abu 1-Fatq Mul_iammad al-SahrastanI, Libro delle religioni e delle credenze COMMENTO

279 323 336 344 347

Testi copti Testi greci e latini Testi siriaci Testi medio-persiani Testi arabi

INTROpUZIONE di Gherardo Gnoli

1.

Salvezza e gnosi

Divorato l'Uomo Primordiale insieme con i suoi cinque figli dal Re delle Tenebre, si conclud� la prima creazione, emanata dal Pa­ dre della Grandezza che, per soccorrere la vittima che si era vo­ lontariamente immolata, aveva evocato la Madre della Vita, a sua volta evocatrice dell'Uomo Primordiale1• È a questo punto che il mito manicheo introduce una seconda creazione, con cui si avvia il processo salvifico che si svilupperà poi con la terza evocazione, dominata dalla figura del Terzo Inviato. La divina potenza che, secondo le versioni siriache, copte, gre­ che, latine, medio-persiane, partiche, sogdiane, turche, cinesi e arabe del mito, chiamiamo Spirito Vivente2, il Demiurgo di Ales­ sandro di Licopoli3 o il Dio Mihr (Mithra) dello Sahuhragan4, è il protagonista di tale seconda creazione, che si snoda in tre succes­ sive evocazioni: quella dell'Amico delle Lud da parte.del Padre della Grandezza, quella del Grande Architetto da parte dell'Ami­ co delle Luci e quella, appunto, dello Spirito Vivente da parte del Grande Architetto5• .

1

Cfr. voi. I, p.

XLVI.

Per i nomi dello Spirito Vivente nelle diverse espressioni dd Mànicheismo ved. Asmussen, Studies, p. 23 nt. 4% W. Sundermann, «The five Sons of the Manichaean God Mithra», in Bianchi, Mysteria, p. 777 (=Id., Manichaica Iranica, p. 799). 3 Ve d. p. 147 e cfr. A. Villey,Alexandre de Lycopolis. Contre la doctrinede Mani, Pa: ris 1985, pp. 59, 143 sgg., 29osgg. Ved. inoltre Lieu,Manichaeism, pp. 240 e 277, per il Demiurgo della formula di abiura bizantina Capita VII contra Manichaeos (3, 74). 4 Cfr. Sundermann, op. cit. alla nota 2, p. 777 sg.; Id., Namen, pp. 101, 109, 126 nt. 157. 5 Cfr. voi. I, p. XLVI sg. 2

XIV

GHERARDO GNOLI

Lo Spirito Vivente compie un atto che ha un grande valore pa­ radigmatico: scende verso l'abisso in cui si trova imprigionato l'Uomo Primordiale e gli tende la mano destra: «Allora, lì negli abissi, le Tenebre strinsero in tremendi vincoli l'Uomo Primor­ diale. Se il Padre non avesse udito la sua invocazione e non avesse emanata dalla sua sostanza e inviata una seconda potenza, chia­ mata lo Spirito Vivente; se questi, disceso negli abissi, non gli avesse offerta la sua mano destra e non l'avesse tratto su dalle Te­ nebre, l'Uomo Primordiale, da quel primo momento, sarebbe ri­ masto prigioniero e in grave pericolo»1• Il motivo della mano destra protesa verso l'essere che risponde ali' appello di chi viene a liberarlo dalle sue pesanti catene ha un evidente valore simbolico, più volte illustrato nella letteratura ma­ nichea con espressioni altamente poetiche2• La stretta di mano è un gesto che suggella lAppello del Salvatore e la Risposta di chi implora di essere salvato. Grazie alla natura intellettualistica e di­ dascalica che esso ha, il mito lo spiega in un modo assolutamente chiaro e inequivocabile. Il linguaggio mitologico del Manichei­ smo, infatti, per lo più coincide, pur con il suo complesso e crudo immaginario, con quello dell'esposizione dottrinale, e assume va­ lenze specifiche, in armonia con l'insegnamento di Mani sulla sal­ vezza dell'Anima caduta nella Materia e liberata dal suo Nous, unico e onnipresente tema del mito manicheo3• Cosicché la stretta della mano destra

-

ùe!;lcomç, dextrarum iunctio

Parti davano il valore di

un

-,

a cui Persiani e

segno di alleanza e concordia4, simbo­

licamente significa nel Manicheismo il provvidenziale incontro

1 Egemonia, Acta Arche/ai VII 4 (ed. Beeson, GCS 16, p. lo): Hegemonius, Acta Arche/ai (The Acts o/Archelaus), trad. M. Vermes, Lovanii 2001, p. 48 e nt. 44. Qui si segue la traduzione di C. Riggi, Epifanio contro Mani, Roma 1967, pp. l l 5-7, per cui ved. sotto, p. l 55 sg. 2 Puech, Manichéisme, pp. 78, 170 nt. JI7, con numerosi riferimenti ai testi copti, oltre che al Panarion di Epifanio di Cipro. 3 Cfr. voi. I, p. XIV e notar. 4 F. Cumont, Textes et monuments figurés relati/s aux Mystères de Mithra I, Bruxel­

les 1899, p. 173 e nt. 6, il quale segnalava opportunamente anche la stretta delle mani destre sui bassorilievi del Nimrud Dag tra Zeus, Helios, Eracle e il re Antioco di Commagene. Il motivo è stato studiato tenendo conto di testimonianze palmire­ ne e romane: cfr. H. Waldmann, Der kommagenische Mazdaismus, Tiibingen 1991, p. 181 sg.

INTRODUZIONE

XV

dello Spirito Vivente e dell'Uomo Primordiale che, Salvatore sal­ vato, ascende al Paradiso delle Luci, uscendo dallo stato di soffe­ renza, di torpore e d'angoscia in cui era caduto in seguito al suo eroico sacrificio1• Non molto dissimile dovette essere nel Mitrai­ smo il significato della stretta di mano tra Mithras e Sol2, un giu­ ramento di fedeltà a un patto sancito, come quello appunto tra syndexi, e cioè tra iniziati uniti dalla stretta della mano destra3• Si pensi, a tal proposito, che il Manicheismo ebbe una sua teologia solare4, di capitale importanza per le sue valenze soteriologiche, in cui il Sole, «secondo illuminatore» (cpw01;�g)5, compie quotidia­ namente la sua missione liberatrice, spazzando via le tenebre della notte. Così in un Kephalaion dedicato al Sole: «Ma la salvezza sia per voi, miei diletti. Salvezza per le vostre anime, perché voi avete riconosciuto il mistero del giorno e della notte; voi avete compre­ so che il giorno corrisponde al mistero della Luce e la notte invece a quello della Tenebra, le quali non esistono se non l'una in ragio­ ne dell'altra. Salvezza per colui che riconoscerà questo mistero e distinguerà (ùLUXQtVELV) le due nature (o'Ùata) della Luce e della Tenebra - le quali non esistono se non l'una in ragione dell'altra perché egli erediterà la Vita eterna»6• L'episodio dello Spirito Vivente che salva l'Uomo Primordiale non è che una delle molte forme che assume nel mito manicheo l'evento principe della liberazione della Luce dalle Tenebre. Strettamente analogo è quello dell'Amico - il Nous, Gesù-Splen­ dore, Ohrmezd o lo stesso Uomo Primordiale - che sveglia Ada­ mo da un sonno profondo, gli apre gli occhi, lo fa alzare in piedi e

1

Cfr. vol. I, p. XLVII. Cumont, op. cit., p. 173, e il vol. II della stessa opera, Bruxelles 1896, p. 338. Cfr. M. V.ermaseren, Corpus inscriptionum et monumentorum religionis Mithriacae II, Hagae Comitis 1960, pp. 81, 92, 119, 161, 193 e le figure 296, 340, 366, 400. Ved. inoltre: Id., Mithra, ce dieu mystérieux, Paris-Bruxelles 1960, pp. 81, u8; R.-A. Turcan, Mithra et le mithriacisme, Paris 1981, p. 52; R. Merkelbach, Mitra, Genova 1988, pp. 37-9. 3 P. Scarpi (ed.), Le religioni dei misteri II, Roma-Milano 2002, pp. 396, 564. 4 J. Ries, «Théologie solaire manichéenne et cu!te de Mithra», in Bianchi, Mysteria, pp. 761-75. 5 Ke. LXV, p. 163, 15. 6 Ibid., p. 164, l-8. Ved. ora anche, per la glorificazione manichea del Sole, S.G. Richter, «Ein manichaischer Sonnenhymnus», in StMan IV, pp. 481-93. 2

XVI

GHERARDO GNOLI

lo rende consapevole dell'origine divina della sua anima e della natura infernale del suo corpo1: «Allora Adamo esaminò sé stesso e seppe chi egli era»2• In una tale consapevolezza consiste la gnosi che redime, poiché per il Manicheismo per salvarsi bisogna cono­ scere, non credere, come recita il titolo del Kephalaion CXLII: «L'uomo non deve credere (m>, in Enciran XI 2002, p. 364; Boyce, Reader, p. 182. 6 Cfr. U. Bianchi, Il dualismo come categoria storico-religiosa, «Rivista di storia e let­ teratura religiosa>> IX 1973, p. 13; Id., «Aspects of modem Parsi theology>>, in Id.,. Selected Essays on Gnosticism, Dualism and Mysteriosophy, Leiden 1973, p. 413; I.P. Couliano, I miti dei dualismi occidentali, Milano 1989, p. 35. 7 P. de Lagarde (ed.), Titus Bostrenus syriace et graece, Leipzig 1859, p. 3, 24 (Ver­ sio Graeca I 4). Lo stato di mescolanza (XQéiOLç, µU;tç in greco) è espresso nelle 2

INTRODUZIONE

XVII

nelle loro distinte e contrastanti nature: solo chi discerne l'uno dall'altro, la luce dalla tenebra, il bene dal male, può entrare a far parte della nuova Chiesa, speranza di vita rivelata dall'Apostolo della Luce1• Tale discernimento è condizione indispensabile per la separazione definitiva delle due sostanze nel terzo tempo della cosmologia manichea, soteriologicamente finalizzata all'apocata­ stasi e cioè alla ricostituzione delle due nature2•

Il dualismo radicale dei due principi, coevi e irriducibilmente contrapposti, domina la visione del mondo del Manicheismo, come pure quella dello Zoroastrismo, anche nella sua variante dello Zur­ vanismo. La dottrina dei due principi e dei tre tempi è tanto zoroa­ striana quanto manichea: lo stato di mescolanza succede a uno stato di separatezza originaria che, a sua volta, viene superato dalla sepa­ razione dei due Poteri contrapposti; la mescolanza, inoltre, sia nello Zoroastrismo sia nel Manicheismo è il risultato dell'attacco sferrato da Ahreman o dalla Materia alla creazione di Ohrmezd o al Regno della Luce, il male e la tenebra essendo caratterizzati da una cieca e stolta bramosia e da un desiderio di distruzione e di morte che H.­

C. Puech ha felicemente comparato in termini psicologici alla libi­ do3. Lo schema di queste due concezioni dualistiche è quindi lo stesso, sebbene esse si differenzino, nel Manicheismo, per l'identi­ ficazione del principio negativo col mondo materiale e corporeo, concepito come contiguo al Regno della Luce, per l'idea tipicamen­ te gnostica della consustanzialità del Dio trascendente con l'anima umana, per il valore salvifico della gnosi e, infine, per il modo in cui esso viene sconfitto dal principio positivo4. È certo, in ogni caso, che la figura di Az, arcidemonessa della concupiscenza e della bra­ ma, domini il mondo delle potenze malefiche tanto zoroastriane quanto manichee, pianifestando con ciò uno stretto legame tra le due religioni dualistiche, anche se non è chiaro né se nello Zoroa­ strismo essa, presente in testi zurvaniti, fosse entrata in epoca relati-

versioni iraniche del Manicheismo da un termine tecnico comune anche allo Zoroa­ strismo, gumeziin: voi. I, p. XLII. 1 Cfr. voi. I, pp. XII sg., XLI e nota r. 2 Cfr. voi. I, p. XL!!. 3 Puech, Essais, pp. 36, 66. 4 Cfr. voi. I, p. XLI sg.

XVIII

GHERARDO GNOLI

vamente tarda proprio per influenza manichea, né se sul Manichei­ smo si fosse originariamente esercitato l'influsso di analoghe conce­ zioni buddiste1•

2.

Non-violenza

Il Regno della Luce viene dunque invaso dal male, proprio come nello Zoroastrismo, che, come si è detto, fornisce al Manicheismo lo schema della sua concezione di dualismo radicale, fondamento dell'intera dottrina manichea. Ma il grande debito che il Manichei­ smo ha nei confronti dello Zoroastrismo, per quanto concerne l'idea dualistica, sembra arrestarsi qui. Il modo, infatti, in cui si svolge la lotta delle due nature e il modo in cui il bene finisce con l'aver ragione del male differiscono profondamente nell'uno e nell'altro. Nello Zoroastrismo Ohrmezd reagisce all'attacco del male combattendo l'invasore per un tempo prestabilito d'intesa con lo stesso Ahreman, risultandone alla fine vincitore, mentre nel Ma­ nicheismo l'Uomo Primordiale - in testi iranici proprio Ohrmezd - insieme coi suoi cinque figli, l'Aria, il Vento, la Luce, l'Acqua e il Fuoco, si lascia divorare dal Re delle Tenebre e dai suoi cinque demoniaci rampolli2. Da una parte, quindi, un'intesa tra i due po-

1 Ved., con diversi punti di vista: G.C.O. Haas, «The Zoroastrian Demon Az in the Manichaean Fragments from Turfan», in Indo-Iranian Studies in Honour o/ Shams­ ul-Ullama Dastur Darab Peshotan Sanjana, London 1925, pp. 193-5; R.C. Zaehner, Zurvan. A Zoroastrian Dilemma, Oxford 1955, p. 166 sgg.; G. Widengren, «Ein­ leitung», in Id. (ed.), Der Manichiiismus, Darmstadt 1977, p. XVIII; W. Sunder­ mann, «Some more remarks on Mithra in the Manichaean Pantheon», in Études Mithriaques, Actes du 2• Congrès International Téhéran, du I" au 8 septembre I975 (Aclr 17), Téhéran-Liège 1978, p. 497; Id., «Manichaeism meets Buddhism: The Problem of Buddhist Influence on Manichaeism», in P. Kieffer-Piilz - J.-U. Hart­ mann (edd.), Bauddhavidyii.sudhii.karap. Studies in Honour o/ Heinz Bechert on the Occasion o/ his 65th Birthday, Swisstal-Odendorf 1997, p. 651_(= Id., Manichaica Iranica, p. 549); Id., Namen, p. 150 nt. 133; J.P. Asmussen. «Az», in Enciran III !_989, p. 168 sg.; H.-P. Schmidt, «Vom awestischen Diimon Azi zur manichaischen Az, der Mutter aller Damonen», in StMalJ. IV, pp. 517-27; W. Sundermann, «The Zoroastrian and the Manichaean Demon Az», in S. Adhami (ed.), Paitimii.na Essays in Iranian, Indo-European, and Indian Studies in Honor o/ Hans-Peter Schmidt, Co­ sta Mesa, California 2003, pp. 243-74 2 Cfr. voi. I, p. XLVI.

INTRODUZIONE

XIX

teri1, uno preveggente e uno sviato dalla sua «conoscenza a poste­ riori» o dalla sua ignoranza delle cause2; dall'altra il sacrificio di chi non si oppone con violenza alla violenza, dal momento che nel mondo della Luce ci si trova impreparati alla lotta, non essendovi alcun fuoco distruttore, alcun ferro tagliente, alcuna arma con cui si possa contrastare l'impetuoso assalto del male3. Con toni e con accenti diversi, da Alessandro di Licopoli ad Agostino, a Teodo­ reto di Ciro, a Severo di Antiochia, le testimonianze sono chiare4: la bontà divina, per così dire, sconfina nell'impotenza, di fronte all'attacco sferrato dalla potenza demoniaca. Per il Padre della Grandezza non v'è altro modo di combattere il male se non quel­ lo del sacrificio della sua stessa sostanza divina5. Ora, il sacrificio disé si ispira manifestamente al cristianesimo. Mani, apostolus Iesu Christi, il Paraclito promesso da Gesù, inter­ preta gnosticamente la figura del Figlio di Dio, che viene da lui de­ storicizzata in quella del Gesù-Splendore o nel Nous6, mentre il Ge­ sù Cristo storico resta un suo predecessore nella catena dei grandi Inviati, dopo Zoroastro e Buddha. Ma, sia pure nella prospettiva che lo Gnosticismo derivò dalla cristologia paolino-giovannea7 e

1 BundahiJn I 26: C.G. Cereti - D.N. MacKenzie, «Except by battle: Zoroastrian cosmogony in the l" chapter of the Greater BundahiSn», in C.G. Cereti et al., Reli­ gious themes and texts o/pre-Islamic Iran and Centra! Asia. Studies in honour o/Pro­ fessor Gherardo Gnoli on the occasion o/ his 651h birthday on 61h December 2002, Wiesbaden 2003, p. 35. 2 Taie sembra essere il valore del medio-persiano pas-dani'fnih che ricorre in Bun­ dahiSn I, 3 e l 5, per cui ved. Cereti - MacKenzie, op. cit., pp. 33 e 34. 3 Cumont-Kugener, Recherches Il, p. 142; Adam, Texte, p. 14; Bi:ihlig, Gnosis, pp. 127-8, 136. 4 Per i riferimenti bibliografici ved. Puech, Manichéisme, p. 166 nt. 304. 5 Ibid., p. 76 sg. 6 Cfr. voi. I, p. XLIX. 7 Oltre alla classica monografia di Waldschmidt-Lentz, Stellung Jesu, per la cristo­ logia manichea ved.: E. Rose, Die manichiiische Christologie (StOr 5), Wiesbaden 1979; N.A. Pedersen, «Early Manichaean Christology, primarily in Western Sour­ ces», in ManSt, pp. l 57-90; A. Viciano, >, in J. Ries et al., Le Epistole Paoline nei Manichei, i Donatisti e il primo Agostino, Roma l 989, pp. 29-83 (=Id., Essais, p. 89 sgg.); Id., Giustificazione e salvezza dell'«uomo nuovo» secondo Faust11s manicheo, «Augustinianum» XXX 1990, pp. 21-9 (=Id., Essais, p. 107 sgg.); E. Feldmann, >, in R. Rollinger C. Ulf (edd.), Commerce and Monetary Systems in the Ancient World: Means o/Transmission and Cultura! Interaction (Melammu Symposia 5), Miinchen 2004, pp. 385-401, special­ mente p. 392 sg. 2 Cfr. voi. I, p. LXIII. Cfr. X. Tremblay, Pour une histoire de la Sérinde. Le Manichéi­ sme parmi les peuples et religions d'Asie Centrale, Wien 2001, pp. 97 sgg., l l l sgg.; T. Moriyasu, «History of Manichaeism among the Uighurs from the 8th to the l lth Centuries in Centrai Asia», in World History Reconsidered through the Silk Road, Osaka 2003, pp. 23-1 l r. 3 Voi. I, p. LVIII sgg. 4 Deut. 17, 2-5. Ved. Ke. LXV, p. l 59, 1-4. Cfr. Gardner, Kephalaia, p. 168. 5 Agostino, Contra Faustum XIV l; XVI 5 (ed. Zycha, CSEL 25/r, pp. 401 e 443 sg.): Opere polemiche XIV/r, pp. 222-3, 274-5. I riferimenti sono a Deut. 21, 23 e a Ep. Gal. 3, 13. Cfr. F. Decret, «La doctrine du Iesus patibilis dans la polémique antijuda'ique des Manichéens d'Afrique», in Id., Essais, p. 252 sgg.; G. Sfameni Gasparro nell'Introduzione generale ad Agostino, Opere polemiche XIIlh, p. 50 nt. 203. 6 Ke. I 12, 26-13, 14. Cfr. Gardner, Kephalaia, p. 18 sg., e ved. voi. I, p. 147· -

XXXIV

GHERARDO GNOLI

manicheo. Mani - essi riportano - insegnò che «colui che parlò con Mosè, coi giudei e coi preti è il Principe della Tenebra»1 e che «la legge di Mosè non appartiene al Dio buono ma al Principe cattivo e non ha alcuna connessione con la nuova legge di Cristo, ed è co�traria ad essa e ostile, l'una essendo opposta all'altra»2• Analogamente Agostino nel Contra Faustum contesta il dogma manicheo che il Nuovo Testamento si oppone al Vecchio Testa­ mento, così come la Grazia si oppone alla Legge3• Inoltre, gli Acta Archelai asseriscono che Mani utilizzò l'autorità dell'apostolo Paolo affinché si ritenesse assodato che «la legge di Mosè è la leg­ ge di morte, mentre la legge di Gesù è la legge di vita», in confor­ mità alle parole dell'Apostolo secondo le quali «la lettera uccide, mentre lo spirito vivifica»4• Con la sua condanna del Dio dell'Antico Testamento il Mani­ cheismo si colloca in una tradizione che radicalizza il pensiero di Paolo nei confronti della Legge e che aveva in Marcione un illu­ stre rappresentante per la dottrina di un Dio buono, del tutto straniero a questo mondo, > LXXVII 1973, pp. 23-59. Henrichs - Koenen A. Henrichs - L. Koenen, Ein griechischer Mani-Kodex, «ZPE» V 1970, pp. 97-216. Jackson, Researches A.V.W. Jackson, Researches in Manichaeism with Special Re/eren­ ce to the Tur/an Fragments, New York 1932·

LN

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

Kephalaia Ved. Bohlig-Polotsky. Klima,Manis Zeit O. Klfma,Manis Zeit und Leben, Praha 1962. Klimkeit, Gnosis H.-J. Klimkeit, Gnosis on the Silk Road. Gnostic Texts /rom Cen­ tra! Asia, San Francisco l 993. Koenen,Augustine L. Koenen,Augustine and Manichaeism in the Light of the Colo­ gne Mani Codex, «ICS» III 1978, pp. l 54-95. Koenen-Romer L. Koenen-C. Roemer (edd.),Der KO!ner Mani-Kodex. Uber das Werden seines Leibes. Kritische Edition aufgrund der von A. Heinrichs und L. Koenen besorgten Erstedition (ARWAW, Papyrologica Coloniensia 14), Opladen 1988. Lieu,Formula S.N.C. Lieu,An Early Byzantine Formula /or the Renunciation of Manichaeism, the Capita VII contra Manichaeos of , XLllI 1980, pp. 288-3ro. Magris,Antologia A. Magris (ed.),Il Manicheismo. Antologia dei testi, Brescia 2000. ManSt P. Bryder (ed.),Manichaean Studies. Proceedings of the First Inter­ national Conference on Manichaeism, August 5-9 I 987, Lund 1988. Mirecki-BeDuhn P. Mirecki - J. BeDuhn (edd.), Emerging /rom Darkness. Studies in the Recovery of Manichaean Sources (NHMS 43), Leiden 1997· MSRies A. van Tongerloo-S. Giversen (edd.),Manichaica Selecta. Studies presented to Professor Julien Ries on the occasion of bis seventieth birthday, Leuven 199L

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

LV

Miiller, Handschri/ten-Reste F.W.K. Miiller, Handschri/ten-Reste in Estrangelo-Schri/t aus Tur­ fan, Chinesisch-Turkistan II (APAW), Berlin 1904, pp. 1-117. Miiller, Doppelblatt F.W.K. Miiller, Ein Doppelblatt aus einem manichiiischen Hym­ nenbuch (Mabrnamag) (APAW), Berlin 1913, pp. 3-40. Panaino, Tessere il cielo A. Panaino, Tessere il cielo (SOR 79), Roma 1998. Polotsky, Homilien H.J. Polotsky, Manichiiische Homilien, mit einem Beitrag von H. lbscher (Manichaische Handschriften der Sammlung A. Chester Beatty 1), Stuttgart 1934. Polotsky, Manicheismo H.J. Polotsky, Il Manicheismo. Gnosi di salvezza tra Egitto e Cina, a cura di C. Leurini - A. Panaino - A. Piras, Rimini 1996. Preissler - Seifert - Miirmel H. Preissler - H. Seifert - H. Miirmel (edd.), Gnosisforschung und Religionsgeschichte. Festschri/t fur K. Rudolph, Marburg 1994. Puech, Manichéisme H.-C. Puech, Le manichéisme. Son fondateur, sa doctrine, Paris 1949. Puech, «Manicheismo» H.-C. Puech, «Il manicheismo», in H.-C. Puech (ed.), Gnostici­ smo e manicheismo, Roma-Bari 1977, pp. 161-277. Puech, Gnose H.-C. Puech, En quete de la Gnose. I. La Gnose et le temps. II. Sur l'Évangile se/on Thomas, Paris 1978. Puech, Essais H.-C. Puech, Sur le manichéisme et autres essais, Paris 1979 (trad. it. Torino 1995). Reeves, Jewish Lore J.C. Reeves, Jewish Lore in Manichaean Cosmogony. Studies in the Book of Giant Traditions, Cincinnati 1992. Reeves, Heralds J.C. Reeves, Heralds of That Good Realm. Syro-Mesopotamian Gnosis and Jewish Traditions, Leiden-New York-Koln 1996. Reeves, «Manichaean Citations» J. Reeves, «Manichaean Citations from the Prose Refutations of Efrem», in Mirecki-BeDuhn, pp. 217-88. Ries, Études J. Ries, Les études manichéennes. Des controverses de la Réforme aux découvertes du xxe siècle, Louvain-la-Neuve 1988.

LVI

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

Rudolph, Mandlier K. Rudolph, Die Mandà"er. I: Das Mandà"erproblem; II: Der Kult, Gottingen l960-6 l. Rudolph, «Bedeutung» K. Rudolph, «Die Bedeutung des Kolner Mani-Codex fiir die Ma­ nichaismusforschung», in Mélanges d'histoire des religions olferts à Henri-Charles Puech, Paris 1974, pp. 471-86. Schmidt - Polotsky, Mani-Fund C.G. Schmidt - H.J. Polotsky, Ein Mani-Fund in Àgypten. Origi­ nalschri/ten des Mani und seiner Schiiler, «SPAW» 1933, pp. 4-90. StMan II G. WieBner - H.-J. Klimkeit (edd.), Studia Manichaica. II. Inter­ nationaler Kongress zum Manichà"ismus, 6-ro. August r989, St. Au­ gustin-Bonn, Wiesbaden 1992. StMan IV RE. Emmerick- W. Sundermann - P. Zieme (edd.), Studia Mani­ chaica. IV. Internationaler Kongress zum Manichaismus, Berlin, r+-r8. Juli r997, Berlin 2000. Sundermann, Wirksamkeit W. Sundermann, Zur friihen missionarischen Wirksamkeit Manis, «AOH» XXIV 1971, pp. 79-125. Sundermann, Parabeltexte W. Sundermann, Mittelpersische und parthische kosmogonische und Parabeltexte der Manichà"er, mit einigen Bemerkungen zu Mo­ tiven der Parabeltexte von Friedmar Geissler (BTT 4), Berlin l973. Sundermann, Lebensbeschreibungen W. Sundermann, Iranische Lebensbeschreibungen Manis, «AO» XXXVI 1974, pp. 125-49. Sundermann, Namen W. Sundermann, Namen van Gottern, Dà"monen und Menschen in iranischen Versionen des manichaischen Mythos, «AoF» VI 1979, pp. 95-133· Sundermann, Mitteliranische W. Sundermann, Mitteliranische nianichà"ische Texte kirchenge­ schichtlichen Inhalts (BTT u), Berlin I98i. Sundermann, «Prosaliteratur» W. Sundermann, «Die Prosaliteratur der iranischen Manichaer>>, in W. Skalmowski-A. van Tongerloo (edd.), Middle Iranian Stu­ dies {OLA 16), Louvain 1984, pp. 227-4i. Sundermann, Parabelbuch W. Sundermann, Ein manichà"isch-soghdisches Parabelbuch, mit ei­ nem Anhang, von Friedmar Geissler iiber Erzahlmotive in der Geschichte von den zwei Schlangen (BTT 15), Berlin 1985.

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

LVII

I

Sundermann, «Revelations» 1 W. Sundermann, «Mani's Revelations in the Cologne Mani Co­ dex and Other Sources», inAttiCMC 1, pp. 204-15. Sundermann, Studien W. Sundermann, Studien zur kirchengeschichtlichen Literatur der iranischen Manichiier, I, «AoF» XIII 1986, pp. 40-92; II, «AoF» XIII 1986, pp. 293-317; III, «AoF»XIV 1987, pp. 41-rn7. Sundermann, Mani W. Sundermann, Mani, India and the Manichaean Religion, «South Asian Studies» II 1986, pp. l l-9. Sundermann, «lranian» W. Sundermann, «lranian Manichaean Turfan texts concerning the Turfan region», in A. Cadonna (ed.), Turfan and Tun-huang: the texts. Encounter o/ civilizations on the Silk Route, Firenze 1992, pp. 63-84. Sundermann, Sermon W. Sundermann, Der Sermon vom Licht-Nous: eine Lehrschri/t des ostlichen Manichà"ismus. Edition der parthischen und soghdischen Version (BTT 17), Berlin 1992. Sundermann, «Cosmogony>> W. Sundermann, «Cosmogony and Cosmology in Manichaeism», in Enciran VI 1993, pp. 3 lo-5. Sundermann, «Kaufleute» W. Sundermann, «Die Parabel von den schiitzesammelnden Kau­ fleuten», in R. Gyselen (ed.), Au carrefour des religions. Mélanges offerts à Philippe Gignoux (Res Orientales 7), Bures-sur-Yvette 1995, pp. 285-96. Sundermann, «Eschatology» W. Sundermann, «Manichaean Eschatology», in Enclran VIII 1998, pp. 569-75. Sundermann, Manichaica Iranica W. Sundermann, Manichaica Iranica I-II. Ausgewiihlte Schriften herausgegeben von C. Reck-D. Weber-C. Leurini-A. Panaino (SOR 89), Roma 2001. Tajadod, Mani N. Tajadod, Mani le Bouddha de Lumière. Catéchisme manichéen . chinois, Paris. 1990. Tardieu, Manicheismo M. Tardieu, Il Manicheismo, Cosenza 1988 (ed. orig. Le Manichéi­ sme, Paris 1981). Villey, Psaumes A. Villey, Psaumes des errants, Paris. 1994·

LVIII

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

Waldschmidt-Lentz, Stellungfesu E. Waldschmidt -W. Lentz, Die Stellung Jesu im Manichiiismus (APAW), Berlin 1926. Waldschmidt-Lentz, Dogmatik E. Waldschmidt -W. Lentz, Manichciische Dogmatik aus chinesi­ schen und iranischen Texten, «SPAW» XIII 1933, pp. 480-607. Widengren, Mesopotamian Elements G. Widengren, Mesopotamian Elements in Manichaeism, Uppsala 1946.

Sigle delle riviste e delle serie di studi «AAH» Aclr ADAW «AEPHE» «AO» «AOB» «AoF» «AOH» APAW ARWAW «BAsl» «BJRL» «BSAC» «BSL» «BSOAS» BTT «ByZ» «CA]» CII

esco CSEL «EW»

Acta Antiqua Academiae Scientiarum Hungari­ cae. Acta Iranica. Abhandlungen der Deutschen Akademie der Wissenschaften. Annuaire de l'École Pratique des Hautes Études (Section de sciences religieuses). Acta Orientalia. Acta Orientalia Belgica. Altorientalische Forschungen. Acta Orientalia Academiae Scientiarum Hungaricae. Abhandlungen der (Koniglich-) Preussischen Akademie der Wissenschaften. Abhandlungen der Rheinisch-Westfiilischen Aka­ demie der Wissenschaften. Bulletin of the Asia Institute. Bulletin of the John Rylands University Library. Bulletin de la Société d' Archéologie Copte. Bulletin de la Société de linguistique de Paris. Bulletin of the School of Orientai and African Studies. Berliner Turfantexte. Byzantinische Zeitschrift. Central Asiatic Journal. Corpus Inscriptionum Iranicarum. Corpus Scriptorum Christianorum Orientalium. Corpus Scriptorum Ecclesiasticorum Latinorum. East and West. ·

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

GCS «HSCP» «ICS» «]A» exli xaì. µflTÉQa xaì. 'tL­ 'fri]voç xaì. fi o'tÉQflOLç, à"A"A' ETEQOV 'tL nagà milm· 'tÌ]V yàg Èv exci.o'tq> 'tci'>v ov'twv èhaxwv xtvrim v, TaU'tflV v"Ariv xaÀEL. ouv­ 'tE'tax'frm C>è 'tcp 'frecp C>uvci.µELç hf:gaç oì:ov UJtflQÉ'tLC>aç, àya­ 'fràç nci.oaç, xaì. aÀÀaç TU v"Au oµotwç, nci.oaç xaxci.ç. TÒ C>è Àaµngòv xaì. 'tÒ cpci'>ç xaì. 'tÒ avw, nci.vm mil'ta o'Ùv 'tcp 'frecp ELvm, TÒ àµuC>gòv C>è xaì. TÒ ox6wç xaì. TÒ xci.Tw o'Ùv TU u"Au. dvm C>è xaì. 'tcp 'frecp ÒQÉsELç, à"AM xaì. mumç àya'frci.ç, xaì. TU v"Au oµotwç, à"AM nci.oaç xaxci.ç. 2. dç Èm 'fruµtav oùv JtO'tE 'tÌJV v"Ariv f:Mei:v eì,ç 'tÒV avw à­ cpLxfo'frm 'tOJtov, àcpLxoµf:vriv C>è 'frauµci.om 'tO TE Àaµngòv xaì. 'tÒ cpci'>ç ooov �v nagà 'tcp 'frecp, xaì. bi] 'frÉÀELv 'tÌ]v àgxiJv 'taU'tflV Xa'tUOXELV 'tÒV 'freòv nagwoaµÉVflV. 'tÒV C>è xaì. �E­ �OllÀljo'frm µÈv 'taU'tflV TLµwgi]oao'frm, ànogei:v C>è xaxoil q>

1.

(4,

23

-5,

1

5) Dunque, tale discorso sulle dottrine di co­

stui(= Mani) è giunto a noi dai discepoli di quell'uomo. Egli pose come principi Dio e la Materia1: Dio è il bene e la Materia è il male, Dio è superiore nel bene più di quanto la Materia (lo sia) nel male2• Quello che invero chiama Materia non è ciò che Platone(dice) - ciò che diviene tutte le cose ogni qualvolta assume qualità e forma -, per la qualcosa la chiama «colei che tutto accoglie», «madre» e «nutrice». (E non è ciò che intende) Aristotele, cioè l'elemento verso cui(si rapporta­ no) la forma e la privazione. Ma si tratta di tutta un'altra cosa. Infatti, ciò che in ciascuno degli esseri è il «movitpento disor­ dinato», questa la chiama Materia. Dalla parte di Dio sono schierate alcune potenze, come au­ siliarie, che sono tutte buone e similmente (ve ne sono) altre dalla parte della Materia, tutte quante cattive. Lo splendore, la luce, l'altezza: tutte queste sono presso Dio; l'oscurità, la tene­ bra, il basso sono con la Materia. Vi sono degli impulsi in Dio ma sono tutti buoni, e allo stesso modo nella Materia ma sono tutti cattivi. 2.

( 5,

1

5-6, 6) Una volta la Materià ebbe il desiderio3 di

giungere verso quel luogo elevato, e quando vi giunse si mera­ vigliò per q�anto splendore e luce vi era presso Dio e volle im­ padronirsi di questa regno4 escludendo Dio. Questi, volendo punirla, si trovò in difficoltà nel trovare del male per castigar-

144

IL MANICHEISMO

bi] xaì, 'tLµwgfiarpm· µi] yàg dvm xaxòv Ev itwu o'ixcp. rtɵ'ljlm o'Ùv 'tLVU MvaµLv, •liv uqi' �µ&v xaÀouµÉV'Y]V 'ljJU')(ftV, ErtÌ. •liv VÀ'l']V, fl•Lç aÙ'tti bLà mial]ç µL')({}ftCTE'tm· fowitm yàg •fiç UÀT]ç {}civmov 'tÒV µE'tà 'tUU'tcl rtO'tE •fiç buvciµEwç LUU't'l']ç ')(WQLaµov. ou•wç o'Ùv xmà rtgovoLav wu -frEo'ii µEµ'Lxttm •liv 'ljluxi]v •ti uÀu, àvoµmov 'tL rtgéiyµa àvoµotcp. EV bì:: •ti µt;EL auµrtatl-E'Lv •ti VÀU •iJv 'ljJU')(ftV" wartEQ yàg EV qiauÀcp àyyELq> auµµEm�aÀÀwttm rtoÀÀcixLç 'tÒ EVU:rtcigxov, ov•w bè xaì, h •ti uÀU •mou•o LL •i]v 'ljluxi]v rtattouaav rtagà •liv o'Ùaav �­ Àm•&attm mç w'Lç Ev LOU­ 'tOLç àvwµaÀwç Qa(a xexoaµ11µtv11, m-fravij :rtcivu, au­ A.dv È:rttXElQEL 'tOÙç UQXOV'taç 'tOÙç Èv 'tcp O'tEQEWµa'tl urtò 'tOU l;wvLOç :rtveuµmoç àvevextttv•aç xat a'tauQw-frÉv•aç, cpm­ voµÉv'I'] ÒÈ L01ç UQQEat {tfiA.Eta dlµoQcpoç, mì:ç ÒÈ -fr'l']A.dmç veav(aç e'Ùetòi]ç xat èmttuµ11•oç. xat ol µÈv aQxovwç 6:rt6mv '(òwmv a'Ù'tijv xexaA.A.wmaµév11v, ola'tQo'fivmt •0 cptA'tQ