Il mistero del linguaggio. Nuove prospettive

Table of contents :
03_Pagina_01_1L......Page 2
03_Pagina_01_2R......Page 3
03_Pagina_02_1L......Page 4
03_Pagina_02_2R......Page 5
03_Pagina_03_1L......Page 6
03_Pagina_03_2R......Page 7
03_Pagina_04_1L......Page 8
03_Pagina_04_2R......Page 9
03_Pagina_05_1L......Page 10
03_Pagina_05_2R......Page 11
03_Pagina_06_1L......Page 12
03_Pagina_06_2R......Page 13
03_Pagina_07_1L......Page 14
03_Pagina_07_2R......Page 15
03_Pagina_08_1L......Page 16
03_Pagina_08_2R......Page 17
03_Pagina_09_1L......Page 18
03_Pagina_09_2R......Page 19
03_Pagina_10_1L......Page 20
03_Pagina_10_2R......Page 21
03_Pagina_11_1L......Page 22
03_Pagina_11_2R......Page 23
03_Pagina_12_1L......Page 24
03_Pagina_12_2R......Page 25
03_Pagina_13_1L......Page 26
03_Pagina_13_2R......Page 27
03_Pagina_14_1L......Page 28
03_Pagina_14_2R......Page 29
03_Pagina_15_1L......Page 30
03_Pagina_15_2R......Page 31
03_Pagina_16_1L......Page 32
03_Pagina_16_2R......Page 33
03_Pagina_17_1L......Page 34
03_Pagina_17_2R......Page 35
03_Pagina_18_1L......Page 36
03_Pagina_18_2R......Page 37
03_Pagina_19_1L......Page 38
03_Pagina_19_2R......Page 39
03_Pagina_20_1L......Page 40
03_Pagina_20_2R......Page 41
03_Pagina_21_1L......Page 42
03_Pagina_21_2R......Page 43
03_Pagina_22_1L......Page 44
03_Pagina_22_2R......Page 45
03_Pagina_23_1L......Page 46
03_Pagina_23_2R......Page 47
03_Pagina_24_1L......Page 48
03_Pagina_24_2R......Page 49
03_Pagina_25_1L......Page 50
03_Pagina_25_2R......Page 51
03_Pagina_26_1L......Page 52
03_Pagina_26_2R......Page 53
03_Pagina_27_1L......Page 54
03_Pagina_27_2R......Page 55
03_Pagina_28_1L......Page 56
03_Pagina_28_2R......Page 57
03_Pagina_29_1L......Page 58
03_Pagina_29_2R......Page 59
03_Pagina_30_1L......Page 60
03_Pagina_30_2R......Page 61
03_Pagina_31_1L......Page 62
03_Pagina_31_2R......Page 63
03_Pagina_32_1L......Page 64
03_Pagina_32_2R......Page 65
03_Pagina_33_1L......Page 66
03_Pagina_33_2R......Page 67
03_Pagina_34_1L......Page 68
03_Pagina_34_2R......Page 69
03_Pagina_35_1L......Page 70
03_Pagina_35_2R......Page 71
03_Pagina_36_1L......Page 72
03_Pagina_36_2R......Page 73
03_Pagina_37_1L......Page 74
03_Pagina_37_2R......Page 75
03_Pagina_38_1L......Page 76
03_Pagina_38_2R......Page 77
03_Pagina_39_1L......Page 78
03_Pagina_39_2R......Page 79
03_Pagina_40_1L......Page 80
03_Pagina_40_2R......Page 81
03_Pagina_41_1L......Page 82
03_Pagina_41_2R......Page 83
03_Pagina_42_1L......Page 84
03_Pagina_42_2R......Page 85
03_Pagina_43_1L......Page 86
03_Pagina_43_2R......Page 87
03_Pagina_44_1L......Page 88
03_Pagina_44_2R......Page 89
03_Pagina_45_1L......Page 90
03_Pagina_45_2R......Page 91
03_Pagina_46_1L......Page 92
03_Pagina_46_2R......Page 93
03_Pagina_47_1L......Page 94
03_Pagina_47_2R......Page 95
03_Pagina_48_1L......Page 96
03_Pagina_48_2R......Page 97
03_Pagina_49_1L......Page 98
03_Pagina_49_2R......Page 99
03_Pagina_50_1L......Page 100
03_Pagina_50_2R......Page 101
03_Pagina_51_1L......Page 102
03_Pagina_51_2R......Page 103
03_Pagina_52_1L......Page 104
03_Pagina_52_2R......Page 105
03_Pagina_53_1L......Page 106
03_Pagina_53_2R......Page 107
03_Pagina_54_1L......Page 108
03_Pagina_54_2R......Page 109
03_Pagina_55_1L......Page 110
03_Pagina_55_2R......Page 111
03_Pagina_56_1L......Page 112
03_Pagina_56_2R......Page 113
03_Pagina_57_1L......Page 114
03_Pagina_57_2R......Page 115
03_Pagina_58_1L......Page 116
03_Pagina_58_2R......Page 117
03_Pagina_59_1L......Page 118
03_Pagina_59_2R......Page 119
03_Pagina_60_1L......Page 120
03_Pagina_60_2R......Page 121
03_Pagina_61_1L......Page 122
03_Pagina_61_2R......Page 123
03_Pagina_62_1L......Page 124
03_Pagina_62_2R......Page 125
03_Pagina_63_1L......Page 126
03_Pagina_63_2R......Page 127

Citation preview

Dal catalogo Andrea Moro

Le lingue impossibili Michael C. Corballis

Dalla mano alla bocca Le origini del linguaggio

Stanislas Dehaene

1 neuroni della lettura

Noam Chomsky

Il mistero del linguaggio Nuove prospettive A cura di Matteo Greco Introduzione di Andrea Moro

RaffielloCortina Editore

,

www.raffaellocortina.it

© 2018Noam Chomsky ltalian translation published by arrangement with The Italian Literary Agency Traduzione Matteo Greco Copertina StudioCReE

ISBN 978-88-3285-032-1 © 2018 Raffaello Cortina Editore Milano, via Rossini 4 .Prima edizione: 2018 Stampato da Press Grafica SRL, Gravellona Toce (VB) per conto di Raffaello Cortina Editore Ristampe

o

1 2 3 4. 5 2018 2019 2020 2021 2022

Indice

Introduzione. Quel che resta del futuro: riflessioni su Chomsky (Andrea Moro)

7

Nota del traduttore

23

1. Scienza, mente e limiti della comprensione

25

2. L'architettura del linguaggio e la sua importanza per l'evoluzione

47

3. Alcuni concetti chiave controversi

75

Bibliografia

115

Introduzione Quel che resta del futuro: riflessioni su Chomsky

Andrea Moro*

È un esercizio che in tanti facciamo e in tantissimi ambiti della vita: chiedersi cosa rimarrà del presente. Il dominio che comprende lo studio del linguaggio umano non ne è affatto esente, tanto più che proprio questo tema costituisce una specie di filo rosso non interrotto che caratterizza il pensiero di ogni epoca. Anzi, direbbero gli eruditi, la domanda sul linguaggio umano è la vera questione omerica dell'umanità: quella che incorpora di volta in volta la visione dominante, la influenza e ne svela. quei tratti essenziali che talvolta non ci si cura di rendere espliciti, o per negligeÒ.za o perché appaiono talmente scontati da non dover essere nemmeno menzionati. Cosa rimarrà di quello che sappiamo del linguaggio umano oggi? Facciamo un passo indietro, di poco. Negli, anni Cinquanta del secolo scorso, nel mezzo della rivoluzione strutturalista che, partita da Ferdinand de Saussure.a Ginevra, aveva investito non solo il resto dell'Europa e gli altri continenti ma soprattutto altri domini oltre * Scuola Universitaria Superiore russ -

Pavia.

8

INTRODUZIONE

quello della linguistica (vedi Lepschy, 2000; Graffi, 2001), si era certi di po.che cose sul linguaggio, ma tra queste di due lo si era in modo apparentemente incontrovertibile: .che le lingue potessero variare indefinitamente senza limiti (come sosteneva Martin Joos; vedi Hamp et al., 1995) e che le regole del linguaggio fossero convenzioni culturali di. natura arbitraria, come le regole dei gfochi di carte o gli scacchi (come testimonia, opponendosi a questa visione, Eric Lenneberg, 1967). Un secolo dopo la nascita dello.strutturalismo, siamo ancora certi di poche cose circa il linguaggio, forse anche di meno, ma sicuramente sappiamo che quelle due certezze si sono rivelate false: le lingue non variano a piacere ma sono circoscritte da robusti vincoli formali che limitano i tipi di regole (Rizzi, 2009) e questi limiti non hanno natura culturale, convenzionale e arbitraria ma sono espressione della sfruttlira neurobiologica del cervello umano (Moro, 2015, 2016). È stato il lavoro di ricerca di N oam Chomsky che ha fornito il contributo essenziale a questo cambio radicale di prospettiva e i lavori qui raccolti rappre~ sentano una summa aggiornata del percorso, del metodo, dei risultati e delle prospettive che questo lavoro ha offerto e sta offrendo. Esistono almeno tre aspetti che vale la pena anticipare in questa breve nota introduttiva. Il primo contributo è stato quello di far rientrare la linguistica, in particolare la sintassi, nell'ambito delle scienze sperimentali. Il pregiudizio corrente, sviluppato soprattutto in domini di ricerca

INTRODUZIONE

9

indipendenti da quello della linguistica (vale a dire l'ingegneria della comunicazione e la cosiddetta "cibernetica", per usare un termine allora in voga oggi sostituito con espressioni eterogenee e spesso confuse come "intelligenza artificiale")~ era che la struttura di qualsiasi lingua umana - vale a dire le dipendenze sintattiche tra le parole di ogni frase - fosse cattuqtbile in modo automatico, sulla base di una ricognizione statistica algoritmica e che, simmetricamente, la stessa ricognizione fosse l'unico strumento per mezzo del quale tutti gli infanti - letteralmente, coloro che non parlano ancora - apprendono la loro lingua madre. (Vedi per esempio Shannon, Weaver, 1949 e la reazione di Chomsky nella straordinaria sintesi contenuta nel breve Chomsky, 1956 e in Chomsky, 1959 o, per l'impatto sulla psicologia contemporanea, l'eccezionalè testimonianza raccolta da Piattelli Palmarini, 1980 e la riflessione critica in Yang, 2004.) Lo stimolo, in altre parole; avrebbe contenuto, di fatto, tutte le istruzioni utili per la risposta. La pretesa che in linguistica un fenomeno non debba essere interrogato secondo criteri sperimentali ma che, per così dire, parli da solo è forse unica tra tutte le. scienze empiriche. Se fosse avanzata per esempio in fisica, equivarrebbe a sostenere che per avere una teoria eliocentrica del sistema solare basti analizzare un numero sufficiente di fotografie fatte al cielo dal davanzale della finestra: certamente,non è impossibile, ma la storia di questa impresa scientifica non è andata così né sarebbe potuta andare così in

10

INTRODUZIONE

tempi ragionevoli. Ci si è invece dovuti muovere per tentativi ed errori, con teorie che approssimano progressivamente la realtà dei fenomeni e non per deduzione statistica e modelli algoritmici. Rimane la convinzione che lo stesso accade per il linguista e l'infante - non l'adulto, intendo - con l'unica, importante differenza che il primo agisce volontariamente mentre al secondo la scoperta della grammatica è una cosa che "accade" d'istinto, per usare le parole di Chomsky, e con enormi conseguenze pedagogiche che derivano da questa premessa (come l'idea rivoluzionaria ~i "apprendimento per dimenticanza" elaborata da Mehler, 1974). Va aggiunto che la natura del motivo per il quale la sintassi è centrale in questa rivoluzione è duplice: sostanziale e accidentale. Sostanziale perché è la sintassi a costituire uno spartiacque certo tra il linguaggio degli esseri umani e tutti gli altri esseri viventi: siamo gli unici a poter ricombinare un insieme limitato di elementi discreti (in· prima approssimazione, le parole) generando un insieme potenzialmente infinito di espressioni (le frasi). L'aspetto accidentale è che alla sintassi mirano anche coloro che vendono e producono macchine che interfacciano con il linguaggio: gli scopi ingegneristici sono affatto diversi, evidentemente, perché simulare il comportamento umano noh equivale necessariamente a comprenderne il funzionamento, così come una calcolatrice meccanica o elettronica che simula la nostra capacità di far di conto non spiega tutto ciò che accade realmente nel nostro cervello. Comun-

INTRODUZIONE

11

que sia, è proprio dalla ricerca in sintassi che nasce questo nuovo modo di vedere il linguaggio: uno sviluppo così caratteristico nella storia della linguistica da portare a considerare questo momento come l'"era delle teorie sintattiche", per utilizzare l'efficace espressione di Graffì (2001). Il secondo contributo è stato quello di inventare un apparato formale che permettesse di scomporre le apparenti varietà per poi ricondurle a una sostanziale unità (secondo il progetto rivoluzionario enunciato in modo sistematico nelle Pisa Lectures del 1979 pubblicate come Chomsky, 1981; vedi anche le sintesi aggiornate del cosiddetto programma "minimalista" di Chomsky, 1995 in Chomsky, 2004, 2013 e Chomsky et al., 2017). Non si tratta affatto di un aspetto marginale, anche se troppo spesso lo si è sottovalutato finendo con il dare della linguistica contemporanea una visione semplicistica. per non dire caricaturale. D'altronde, tutti gli ambiti delle scienze sperimentali sono stati in grado di progredire solo perché dotati di un·linguaggio formale capace di selezionare le proprietà salienti e di costruire un'algebra delle forme in grado di guidare la ricerca empirica: fisica, chimica, biologia molecolare; nessun dominio ne è esente, tanto da far diventare quasi un motto ecumenico la celebre frase diJean Perrin - per la verità parafrasata in modi non sempre fedeli - secondo il quale la comprensione del visibile complesso avviene tramite.l'invisibile semplice (Perrin, 1913). È questo sistema formale che ha tra l'altro portato alla luce

12

INTRODUZIONE

una massa enorme di fenomeni sintattici mai descritti prima, non solo in lingue lontane dalla tradizione analìtica occidentale ma anche nelle lingue indoeuropee inclusa, ovviamente, la famiglia delle lingue germaniche e romanze, c9me testimonia tra le altre la monumentale enciclopedia curata da Martin Everaert e Henk van Riemsdijk (2017) o, sul versante metodologico, l'antologia in Cinque e Rizzi (2009). Ed è sulla base di una così ampia ricognizione empirica che sono nate le grandi sintesi teoriche come quelle che riguardano le cosiddette "restrizioni di località", cioè i limiti alla distorsione dell'ordine canonico delle parole nelle frasi sia rispetto a una data lingua sia rispetto alle altre lingue (Manzini, 1992). E, per così dire, di conseguenza, è stata proprio la scoperta che le stesse restrizioni di località sono sostanzialmente valide in tutte le lingue salvo relativamente pochi e precisi punti di variazione sistematici, i cosiddetti "parametri;', che ha fornito una prima, robusta e sostanziale prova empirica a favore di una grammatica universale, cioè di una griglia preforll1:ata che limitasse l'effetto dell'esperienza sulla variazione linguistica (Longobardi,. 2003; Rizzi, 2009). Ed è sempre l'apparato formale che ha portato alla costruzione di teorie in" novative sulla struttura della sintassi come la teoria dell' antisimmetria di Richard Kayne (1994), tramite la quale è'stato possibile ricondurre la struttura dei sintagmi da un unico principio generale, e la versione debole di questa teoria (antisimmetria dinamica) che, a partire da un'indagine sulle frasi con

IN1RODUZIONE

13

il verbo essere nelle lingue del mondo (Moro, 1997, 2010), propone di legare la struttura dei sintagmi ai fenomeni di movimento in un'unica teoria esplicativa (Moro, 2000; Chomsky, 2013; Chomsky et al., 2017; Rizzi, 2015, 2016). Ma il sistema formale non è solo utile perché ha un potere sintetico e deduttivo. In ultima analisi, il linguaggio formale adottato costruisce un sistema che mette in luce l'organizzazione della realtà evidenziando le analogie nascoste e permettendo di approdare a regioni che non ci si aspettava nemmeno di trovare. Il sistema formale è quello che permette di far assurgere la tavola periodica degli elementi a struttura tipica della ricerca scientifica, incluso ovviamente il fatto che ogni tavola possa essere ridisegnata qualora emergano nuove strutture organizzatrici soggiacenti. Chomsky ha reso plausibile l'idea di una tavola periodica delle lingue umane almeno dal punto di vista sintattico e permesso l'espansione della semantica formale in domini come quello della teoria del riferimento e· dell'inferenza logica, secondo modalità impensabili fino alla prima metà del Novecento (Chomsky, 2000; Delfitto, 2002; Chierchia, 2013 ). Il fatto che la tavola non sia ancora stabile o non sia stata completata non implica affatto che non.possa esistere, perché nessuna tavola è mai stata riempita istantane_amente. Questa potente visione delle lingue come variazioni di un unico tema; simile all'unificazione avvenuta in biologia con 'l'avvento della genomica, ha avuto ovviamente un impatto enorme in ogni settore, incluso quello antropolo-

14

INTRODUZIONE

gico;· per esempio, dissolve la distinzione di qualità tra le lingue, residuo subdolo della nozione di razza. Malgrado le differenze superficiali e apparenti, tutti parliamo praticamente la stessa lingua così come tutti abbiamo la stessa faccia - oppure tutti . parliamo una lingua diversa, se vogliamo sostenere che abbiamo tutti facce. diverse - e di conseguenza non possiamo che percepire la realtà in un unico modo. D'altronde, se non fosse così, come spiegare il fatto che i bambini imparano mediamente qualunque lingua nello stesso lasso di tempo? (Vedi a questo proposito, tra gli altri, Yang, 2015 e le citazioni ivi contenute.) Il terzo contributo, in un certo senso indiretto, è stato quello di permettere per la prima volta di pensare come, associare le strutture formali della sintassi con le strutture neurobiologiche del cervello. La situazione in questo caso è complessa e per certi versi contraddittoria. Certamente Chomsky ha visto da subito che una connessione doveva esserci (almeno a livello psicologico, a partire da Chomsky, 1959 e poi in una fase più articolata, come si legge nella sintesi magistrale di Piattelli Palmarini, 1989). Il sistema formale delle lingue umane non poteva essere appreso per insegnamento esplicito o per tentativi ed errori, in modo spontaneo, da parte degli infanti, tanto più che questo sistema è largamente inaccessibile per introspezione diretta da parte degli adulti . .Inoltre, come è stato già notato, tutti gli infanti convergono verso la. loro lingua mediamente nello stesso tempo e senza influenze

INTRODUZIONE

15

da parte della lingua parlata dai genitori, e.questo poneva concretamente l'esigenza di un contri'buto neurobiologico che valesse contemporaneamente per qualsiasi lingua. D'altro canto, a parte i contributi di tipo clinico, illuminanti ma limitati, sul recupero delle afasie da parte di Lenneberg, Chomsky - fino ai primi anni di questo secolo - è stato dichiaratamente scettico sulla possibilità che la linguistica formale potesse dialogare in modo sostanziale con le neuroscienze, almeno rispetto alla comprensione dei fenomeni sintattici. Invece,1' avvento delle tecniche di neuroimmagini (Embick, Poeppel, 2005; Cappa, 2012) e di una generazione ~ ricercatori che ha iniziato a diffondere, in modo ubiquo e trasversale, metodi e risultati della grammatica generativa nei domini esterni alla linguistica ha ribaltato di fatto la situazione e, di conseguenza, . anche l'atteggiamento di Chomsky (2004; Berwick, Chomsky, 2015), mostrando una volta di più la sua apertura ·sincera all'innovazione scientifica. Oggi, di fatto, non è più possibile indagare le basi neurobiologiche della sintassi senza far riferimento alla linguistica formale, in particolare alla grammatica generativa, né la linguistica può ignorare i risultati delle neuroscienze per proseguire nella descrizione · della struttura del linguaggio (vedi Everaert et 'al., 2017; Friederici et al., 2017 per una rassegna critica su risultati, domini e metodi). Questo non significa, owiamente, che i lavori di neurolinguistica che prendono a modello la grammatica generativa non siano esenti da vistose semplificazioni: per esempio,

16

INTRODUZIONE

pochissimi tengonò conto dei·principi di località e di dipendenza sintattica, concentrandosi esclusivamente sulla struttura gerarchica della sintassi, con.il risultato di conclusioni talvolta caricaturali e fuorvianti (vedi Moro, 2014). Né si può più pensare che il percorso di ricerca possa essere limitato al tentativo di tradurre e ridurre i fenomeni linguistici a quello che ora sappiamo dell'architettura cerebrale e dell'attività neurofisiologica, sia studiando quali reti neuronali si attivano tramite la rilevazione del metabolismo neurobiologico (problema del "dove") sia misurando le oscillazioni elettrofisiologiche utilizzate dai neuroni per comunicare tra di loro informazioni rilevanti alla computazione linguistica (problema del "cosa"; vedi Moro, 2016 e i riferimenti ivi citati). Anche su questo il pensiero di Chomsky è determinante e chiaro almeno a partire da Chomsky (1998): come avvenne in fisica per la comprensione dei fenomeni gravitazionali al tempo di Newton o con l'interpretazione quantistica dei fenomeni chimici nel Novecento, quando due discipline si incontrano cambiano entrambe. Lo stesso vale per la linguistica formale e la neurobiologia del cervello: la neurolinguistica, se riuscirà a essere una vera disciplina autonoma, cambierà la linguistica e la neuropsicologia. Le riduzioni unilaterali -le "annessioni", si potrebbe dire-; almeno nella scienia, o non hanno senso o sono propaganda. Questi contributi, ovviamente, non 'esauriscono affatto il dominio della linguistica . perché il linguaggio è un universo ed è un universo che cambia co.

INTRODUZIONE

17

stantemente; e tra l'altro, salvo qualche tentativo, non si hanno modelli teorici generali del mutamento linguistico in ambito sintattico (vedi il commento critico in Longobardi, Roberts, 2010). Dunque, se non si vuole avere una visione semplicistiça e fondamentalmente falsa della linguistica contemporanea e in definitivà del linguaggio, occorre ricordarsi che tutti i dati empirici sono pertinenti e potenzialmente validi: da quelli storici e diacronici a quelli sincronici, da quelli sociolinguistici a quelli stilistici, da quelli dedotti dai corpora a quelli letterari, da quelli relativi ali' acquisizione a quelli afasiologici, da quelli matematici e logici a quelli neurofisiologici e perfino fisici, se si includono i lavori sulla struttura ondulatoria del codice elettrofisio~ logico del linguaggio (Moro, 2016). E anche della consapevolezza di questo orizzonte sterminato, questi scritti di Chomsky sono una testimonianza lucida e innovativa. Lungi dal· creare false aspettative, Chomsky considera la possibilità che, a fronte di misteri che ci si può ragionevolmente aspettare di veder risolti in tempi relativamente brevi con l'avanzare della ricerca, esistano anche misteri per sempre inaccessibili come, forse, proprio quello della nascita del linguaggio nella nostra specie: il vero big bang che ci riguarda (Moro, 2012; Man,cini, 2013; Everaertet al., 2017). I lavori scelti per questa antologia, tradotti, adattati all'italiano e curati da Matteo Greco, vogliono offrire una testimonianza del percorso e· dei risultati di questa rivoluzione. Si tratta di due inediti -

18

INTRODUZIONE

la lezione magistrale tenuta presso il Pontificium Concilium Culturae nello Stato del Vaticano nel gennaio del 20Ì4, nell'ambito delle iniziative della Fondazione "Scienza e Fede" (STOQ), e la conferenza tenuta alla Trippenhuis di Amsterdam nell' ambito delle iniziative dell'Accademia Reale delle Arti e delle Scienze (KNAW) nel dicembre dello stesso anno - accanto a un lavoro dedicato esplicitamente alle controversie in linguistica, pµbblicato su una rivista di psicologia nel 2015. Una testimonianza che è· esemplare, dettagliata ed esauriente ma al contempo sintetica, ricca di notazioni storiche e filosofiche e accessibile anche a chi non è linguista ma nutre interesse per la natura e struttura del linguaggio umano. Inoltre, al di là dell'indiscutibile valore documentario e critico, questi stessi lavori costituiscono una testimonianza lampante che la vera rivoluzione che Chomsky ha portato nella linguistica e, in ultima analisi, nella visione dell'uomo, sta nella possibilità di formulare domande che nel passato non erano nemmeno concepibili, e di fare passi avanti significativi verso la definizione della classe delle lingue umane possibili, vero scopo ultimo della linguistica (Moro, 2016). Forse non possiamo essere·certi di cosa rimarrà del presente, ma è grazie al contributo di Chomsky che siamo più liberi di formulare le domande del futuro.

19

INTRODUZIONE

Riferimenti bibliografici BERWICK, R., CHOMSKY, N. (2015), Why Only Us. MIT Press, Cambridge (MA). [Perché solo noi. Tr. it. Bollati Boringhieri, Torino 2016.] CAPPA, S.F. (2012), "Imaging semantics and syntax". In Neurolmage, 61, 2, giugno, pp. 427-431 (DOI: 10.1016/j.neuroima. ge.2011.10.006). CHIERCHIA, G. (201.3), Logie in Grammar. Polarity, Free Choice, and Intervention. Oxford University Press, Oxford. CHOMSKY, N. (1956), "Three models for the description of . grammar". In IRE Transaction on Information Theory, vol. IT-2, pp. 113-124. Institute of Radio Engineering Inc. Ristampato in LUCE, R.D., BUSH, R.R., GALANTER, E. (a cura di), Readings in Mathematical Pshycology, vol. 2. John Wiley and Sons, New York. [Tr. it. in DE PALMA, A. (a cura di), Linguaggio e sistemi formali. Einaudi, Torino 1974, pp. 203-235.] CHOMSKY, N. (1959), "ReviewofSkinner 1957". InLanguage, 35, pp. 26-58. CHOMSKY, N. (1981), Lectures on Government and Binding. The Pisa Lectures. Foris Publications, Dordrecht (RI). CHOMSKY, N. (1995), The Minimalist Program. MITPress, Cambridge (MA). · CHOMSKY, N. (1998), Linguaggio e problemi della conoscenza. Tr. it il MUlino, Bologna, 2• ed. [Tr. it. di Language and Problems o/Knowledge. The Managua Lectures. MIT Press, Cambridge (MA) 1988, con l'aggiunta dell'inedito cap. VI.] CHOMSKY, N. (2000), New Horizons on the Study o/Language. MIT Press, Cambridge (MA). [Nuovi orizzonti nello studio della mente e del linguaggio. Tr. it. di Graffi, G., Delfìtto, D., il Saggiatore, Milano 2005.] CHOMSKY, N. (2004), The Generative Enterprise Revisited: Mouton de Gruyter, Berlin-New York. · CHOMSKY, N. (2013 ), "Problems of Projectiori". In Lingua, 130, giugno, pp. 33-49. CHOMSKY, N., GALLEGO, AJ., OTT, N. (2017), "Generative Grammar and the faculty of language: Insight, questions and challenges". In GALLEGO; A.J., OÌ'T, D. (a cura di), Generative Syntax. Questions, Crossroads, and Challenges; numero monografico di Catalan ]ournal of Linguistics.

20

INTRODUZIONE

CINQUE, G., RIZZI, L. (2009), "The cartography of syntactic structures". In HEINE, B., NARROG, H. (a cura di), Oxford . Handbook of Linguistic Analysis. Oxford University Press, Oxford, pp. 51-65. DELFITTO, D. (2002), "Linguistica chomskiana e significato". In Lingue e linguaggio, 2, pp. 197-236. EMBICK, D., POEPPEL, D. (2005), "Mapping syntax using ima: ging: Prospects and problems for the study of neurolinguistic computation". In BROWN, K. (a cura di), Encyclopedia of Language and Linguistics. Elsevier, Oxford, 2" ed. EVERAERT, M., VAN RIEMSDIJK, H. (2017) (a cura di), The Wiley Blackwell Companion to Syntax. Wiley Blackwell, London, 2" ed. EVERAERT, M., HUYBREGTS, M., BERWICK, R., CHOMSKY, N., TATTERSALL, I., MORO, A., BOLUHIS,J.J. (2017), "What is language and how could it have evolved? ". In Trends in Cognitive Sciences, 8, pp. 1-21(ISSN:1364-6613). F'RIEDERICI, A., CHOMSKY, N., BERWICK, R., MORO, A., BULHUIS, ]. (2017), "Language, mind and brain". In Nature Human Behaviour, 1, pp. 713-722 (DOI: 10.1038/s41562-017-0184-4). GRAFFI, G. (2001), 200 Years o/ Syntax. A Critica! Survey. John Benjamins, Amsterdam (NL). HAMP, E.P.,Joos, M., HOUSEHOLDER, F., AUSTERLITZ, R. (1995) (a cura di), Readings in Linguistics, vol. I & II. Chicago University Press, Chicago. ' KANDEL, E., SCHWARTZ, }., }ESSELL, TH., SIEGELBAUM, S., HUDSPETH, A. (2012), Principles o/Neural Science. McGrawHill Medical, New York, 5" ed. · KAYNE, R. (1994), The Antisymmetry o/Syntax, numero monografico di Linguistic Inquiry, 25. MIT Press, Cambridge (MA). LENNEBERG, E. (1967), Biologica! Foundations ofLanguage. J ohn Wiley & Sons, New York. [I fondamenti biologici del linguaggio. Tr. it. Boringhieri, Torino 1982.] LEPSCHY, G.C. (2000), La linguistica del Novecento. il Mulino, Bologna. LONGOBARDI, G. (2003), "Methods in parametric linguistics and cognitive history". In Linguistic Variation Yearbook, 3, pp. 101-138. LONGOBARDI, G. ROBERTS, I. (2010), "Universals, diversity and chan:ge in the science of language: Reaction to 'The myth of language universals and cognitive science"'. In Lingua, 120, 12,pp. 2699-2703.

INTRODUZIONE

21

MANCINI, M. (2013 ), "Il, paradosso darwiniano: Convergenze e divergenze di paradigma". In BANFI, E. (a cura di), Sul!'ori-·

gine del linguaggio e delle lingue storico-naturali. Un confronto fra linguisti e non linguisti. Bulzoni, Roma, pp. 105-142. MANZINI, R. (1992), Locality, numero monografico di Linguistic Inquiry, 19. MITPress, Cambridge (MA). MEHLER.,J. (1974), "Connaitre par désapprentissage". In MoRIN, E., PIATTELLI PALMARINI, M. (a cura di), I.:unité de l'homme, vol. 2: Le cerveau humain. Éditions du Seuil, Paris, pp. 25-37. MORO, A. (1997), The Raising o/ Predicates. Predicative Noun Phrases and the Theory o/ Clause Structure. Cambridge University Press, Cambridge (UK). MORO, A. (2000), Dynamic Antisymmetry, numero monografico di Linguistic Inquiry, 38. MIT Press, Cambridge (MA). MORO, A. (2010), Breve storia del verbo essere. Adelphi, Milano. [Tr. ingl. e adattamento di"McClellan-Broussard, B. (2017), A Brie/History o/ the Verb to Be. MIT Press, Cambridge (MA).] MORO, A. (2012), Parlo dunque sono. Diciassette istantanee sul linguaggio. Adelphi, Milano. [Tr. ingl. e adattamento di Roberts, I. (2016), I Speak There/ore I Am. Seventeen Thoughts on Language. Co~umbia University Press, New York.] MORO, A. (2014), "On the similarity between syntax and actions". In Trends in CognitiveSciences, 18, 3, marzo, pp.109110 (DOI: 10.1016/j.tics.2013.11.006). · MORO, A. (2015), I confini di Babele. Il cervello e l'enigma delle lingue impossibili. il Mulino, Bologna, 2" ed. [The Boundaries

o/Babel. The Brain and the Enigma ò/Impossible Languages. Tr. ingl. MIT Press, Cambridge (MA) 2016, 2" ed.] MORO, A. (2016), Impossible Languages. MIT Press, Cambridge (MA). [Le lingue impossibili. Tr. it. Raffaello Cortina, Milano 2017.] PIATTELLIPALMARINI, M. (1980) (a cura di), LanguageandLear-

ning. The Debate Between ]ean Piaget and Noam Chomsky. Harvard University Press, Cambridge (MA). PIATTELLI PALMARINI, M. (1989), "Evolution, selection and cognition: from 'learning' to parameter setting in biology and the study of fanguage". In Cognit>ion, 31, pp. 1-44. [Tr. it. "Evoluzione, selezione e cognizione: dall'apprendimento al posizionamento di interruttori mentali". In Sistemi Intelligenti, II, 3, 1990, pp. 277-231.]

22

INTRODUZIONE

PERRIN,J. (1913 ), Les atoms. Alcan, Paris. [Gli atomi. Tr. it. Editori Riuniti, Roma 1981.] RIZZI, L. (2009), "Tue discovery of language invariance and variation, and its relevance for the cognitive sciences". In Behavioral and Brain Sciences, 32, PP.· 467-468. RIZZI, L. (2015), "Cartography, criteria, and labeling". In SHLONsi