Concetti fondamentali dell'ebraismo 9788821183355

392 26 3MB

Italian Pages 153 [160] Year 2010

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Concetti fondamentali dell'ebraismo
 9788821183355

Table of contents :
IMG_20200419_0001_2R
IMG_20200419_0002_2R
IMG_20200419_0003_1L
IMG_20200419_0003_2R
IMG_20200419_0004_2R
IMG_20200419_0005_2R
IMG_20200419_0006_1L
IMG_20200419_0006_2R
IMG_20200419_0007_1L
IMG_20200419_0007_2R
IMG_20200419_0008_1L
IMG_20200419_0008_2R
IMG_20200419_0009_1L
IMG_20200419_0009_2R
IMG_20200419_0010_1L
IMG_20200419_0010_2R
IMG_20200419_0011_1L
IMG_20200419_0011_2R
IMG_20200419_0012_1L
IMG_20200419_0012_2R
IMG_20200419_0013_1L
IMG_20200419_0013_2R
IMG_20200419_0014_1L
IMG_20200419_0014_2R
IMG_20200419_0015_1L
IMG_20200419_0015_2R
IMG_20200419_0016_1L
IMG_20200419_0016_2R
IMG_20200419_0017_1L
IMG_20200419_0017_2R
IMG_20200419_0018_1L
IMG_20200419_0018_2R
IMG_20200419_0019_1L
IMG_20200419_0019_2R
IMG_20200419_0020_1L
IMG_20200419_0020_2R
IMG_20200419_0021_1L
IMG_20200419_0021_2R
IMG_20200419_0022_1L
IMG_20200419_0022_2R
IMG_20200419_0023_1L
IMG_20200419_0023_2R
IMG_20200419_0024_1L
IMG_20200419_0024_2R
IMG_20200419_0025_1L
IMG_20200419_0025_2R
IMG_20200419_0026_1L
IMG_20200419_0026_2R
IMG_20200419_0027_1L
IMG_20200419_0027_2R
IMG_20200419_0028_1L
IMG_20200419_0028_2R
IMG_20200419_0029_1L
IMG_20200419_0029_2R
IMG_20200419_0030_1L
IMG_20200419_0030_2R
IMG_20200419_0031_1L
IMG_20200419_0031_2R
IMG_20200419_0032_1L
IMG_20200419_0032_2R
IMG_20200419_0033_1L
IMG_20200419_0033_2R
IMG_20200419_0034_1L
IMG_20200419_0034_2R
IMG_20200419_0035_1L
IMG_20200419_0035_2R
IMG_20200419_0036_1L
IMG_20200419_0036_2R
IMG_20200419_0037_1L
IMG_20200419_0037_2R
IMG_20200419_0038_1L
IMG_20200419_0038_2R
IMG_20200419_0039_1L
IMG_20200419_0039_2R
IMG_20200419_0040_1L
IMG_20200419_0040_2R
IMG_20200419_0041_1L
IMG_20200419_0041_2R
IMG_20200419_0042_1L
IMG_20200419_0042_2R
IMG_20200419_0043_1L
IMG_20200419_0043_2R
IMG_20200419_0044_1L
IMG_20200419_0044_2R
IMG_20200419_0045_1L
IMG_20200419_0045_2R
IMG_20200419_0046_1L
IMG_20200419_0046_2R
IMG_20200419_0047_1L
IMG_20200419_0047_2R
IMG_20200419_0048_1L
IMG_20200419_0048_2R
IMG_20200419_0049_1L
IMG_20200419_0049_2R
IMG_20200419_0050_1L
IMG_20200419_0050_2R
IMG_20200419_0051_1L
IMG_20200419_0051_2R
IMG_20200419_0052_1L
IMG_20200419_0052_2R
IMG_20200419_0053_1L
IMG_20200419_0053_2R
IMG_20200419_0054_1L
IMG_20200419_0054_2R
IMG_20200419_0055_1L
IMG_20200419_0055_2R
IMG_20200419_0056_1L
IMG_20200419_0056_2R
IMG_20200419_0057_1L
IMG_20200419_0057_2R
IMG_20200419_0058_1L
IMG_20200419_0058_2R
IMG_20200419_0059_1L
IMG_20200419_0059_2R
IMG_20200419_0060_1L
IMG_20200419_0060_2R
IMG_20200419_0061_1L
IMG_20200419_0061_2R
IMG_20200419_0062_1L
IMG_20200419_0062_2R
IMG_20200419_0063_1L
IMG_20200419_0063_2R
IMG_20200419_0064_1L
IMG_20200419_0064_2R
IMG_20200419_0065_1L
IMG_20200419_0065_2R
IMG_20200419_0066_1L
IMG_20200419_0066_2R
IMG_20200419_0067_1L
IMG_20200419_0067_2R
IMG_20200419_0068_1L
IMG_20200419_0068_2R
IMG_20200419_0069_1L
IMG_20200419_0069_2R
IMG_20200419_0070_1L
IMG_20200419_0070_2R
IMG_20200419_0071_1L
IMG_20200419_0071_2R
IMG_20200419_0072_1L
IMG_20200419_0072_2R
IMG_20200419_0073_1L
IMG_20200419_0073_2R
IMG_20200419_0074_1L
IMG_20200419_0074_2R
IMG_20200419_0075_1L
IMG_20200419_0075_2R
IMG_20200419_0076_1L
IMG_20200419_0076_2R
IMG_20200419_0077_1L
IMG_20200419_0077_2R
IMG_20200419_0078_1L
IMG_20200419_0078_2R
IMG_20200419_0079_1L
IMG_20200419_0079_2R
IMG_20200419_0080_1L
IMG_20200419_0080_2R
IMG_20200419_0081_1L
IMG_20200419_0081_2R
IMG_20200419_0082_1L
IMG_20200419_0082_2R
IMG_20200419_0083_1L
IMG_20200419_0083_2R
IMG_20200419_0084_1L
IMG_20200419_0084_2R
IMG_20200419_0085_1L
IMG_20200419_0085_2R
IMG_20200419_0086_1L
IMG_20200419_0086_2R
IMG_20200419_0087_1L
IMG_20200419_0087_2R
Pagina vuota
Pagina vuota

Citation preview

Gershorn Scholern

CONCETTI FONDAMENTALI DELL'EBRAISMO

MARIETTI 1820

La multiforme produzione di Gershom Scholem, accanto alle grandi monografìe sulla storia della mistica ebraica, sulla cabbala e su Sabbati Zevi, per le quali è giustamente famosa, comprende anche una ricca serie di contributi minori che o riprendono le tematiche precedenti da angoli visuali circoscritti o affrontano più in generale la storia della tradizione ebraica. I saggi raccolti in questo volume ripropongono, appunto, in forma sintetica, le ricerche condotte da Scholem sui temi più salienti dell'ebraismo: dalla dottrina di Dio, ai concetti di creazione e rivelazione, legge e tradizione, salvezza e attesa messianica. La profonda conoscenza che Scholem ha della tradi­ zione ebraica nel suo insieme gli consente qui di tracciare, con pochi tratti, interi complessi di idee e i loro sviluppi, con particolare attenzione ai loro riflessi sul pensiero cristiano.

Gershom Scholem (1897-1982) è, ms1eme a Martin Buber e Franz Rosenzweig, tra i maggiori esponenti della cultura ebraica del Novecento. Dal 1933 sino alla morte ha insegnato presso l'Università ebraica di Gerusalemme, dove si era trasferito agli inizi degli anni Venti dalla natia Berlino. Qui aveva conosciuto Walter Benjamin, a cui lo legò un'intensa amicizia e l'impegno a farne conoscere l'opera dopo la morte. Numerosi libri di Scholem sono stati tradotti in italiano. Ricordiamo in particolare: Le grandi correnti della

mistica ebraica (Genova 19862), Le origini della Kabbalà (Bologna 1973), Walter Benjamin e il suo angelo (Milano 19812).

ISBN 978- 88-211-8335-S

9

l l

788821

Il

183355

€ 16,00 IVA inclusa

RADICI

7

Gershom Scholem

CONCETTI FONDAMENTALI DELL�EBRAISMO

MARIEITI 1820

Titolo originale:

Ober einige Grundbegri//e des Judentums

© Suhrkamp Verlag, Frankfurt am Main 1970, 19762 I Edizione 1986 II Edizione 1995 II Ristampa 2010

© 1986 Casa Editrice Marietti S.p.a.- Genova-Milano .mariettieditore.it

www

ISBN 978-88-211-8335-5 Finito di stampare nel mese di settembre 2010 da Rilegatoria Varzi, Città di Castello (PG)

INDICE

Prefazione La lotta tra il Dio biblico e il Dio di Platino nella cabbala antica

VII l

Creazione dal nulla e autolimitazione di Dio

41

Rivelazione e tradizione come categorie religiose dell'ebraismo

75

Per la comprensione dell'idea messianica nell'ebraismo Con un poscritto: Da una lettera a un teologo protestante

Indice dei nomi

PREFAZIONE

Le conferenze di cui il presente volume raccoglie i testi, sono state da me tenute tra il 1957 e il 1965 ai , ovvero delle sefiroth. Questo schema, per il quale la hyk e il mondo dei quattro elementi trovano la loro collocazione al di sotto delle se/iroth, corrisponde alla dottrina di Scoto Eriugena, per cui la hyk e i quattro ele­ menti, pensati ancora come incorporei, sorgerebbero come effetti immediati del mondo delle cau­ se prime o causae primordiaks, corrispondenti al mondo delle sefiroth dei cabbalisti. Subito di se­ guito alla citazione dello pseudo-Hai, si legge con sorpresa una proposizione che appare quasi la parafrasi del titolo e del contenuto metafisica dell'opera di Eriugena: •E cosi [circa la collocazio­ ne della hyk] hanno scritto i posscnti saggi della natura, i filosofi esperti in metafisica [(Chokh­ math ho-mecbqar)]ro. Non dunque i naturalisti, bensl i metafisici hanno il merito di aver avviato le ricerche intorno alla hyk. Questi sapienti della natura sono coloro, suppongo, che, come Eriuge­ na, hanno scritto intorno alla natura, intendendo per natura il reale in generale c il suo ordina­ mento gerarchico. Solo cosl si spiega senza forzature l'equivalenza che qui s'instaura tra i sapienti della natura e i metafisici.

IL DIO BIBLICO E IL DIO DI PLOTINO NELLA CABBALA ANTICA

13

tura. Ma insieme, tale ambito può essere visto anche come proprio del­ la visione teosofica e gnostica della vita divina, i cui singoli momenti possono essere astrattamente interpretati come attributi, ma teosofica­ mente altrettanto bene possono leggersi come eoni, forze o mondi di luce in cui si rappresenta la pienezza della divinità nel suo esterioriz­ zarsi. Ma il primo aspetto, Dio considerato in sé e per sé dall'altra par­ te e specularmente si presenta naturalmente al tempo stesso come l'ambito in cui vige la prospettiva neoplatonica di una teologia negati­ ·va dell'Assoluto privo di determinazioni. Poiché, però, in tale prospet­ tiva non si considera Dio nel suo rivelarsi e comunicarsi, non dovette apparire incomprensibile che di questo Dio nascosto non si faccia pa­ rola nei documenti della rivelazione. In tal modo, l'esuberanza delle negazioni neoplatoniche poté liberamente connettersi alla teologia po­ sitiva e alla rappresentazione della divinità proprie della rivelazione bi­ blica: concernendo la prima, per cosl dire, la faccia oscura, la seconda la faccia illuminata della divinità. Difficile rimase, comunque, il pas­ saggio dall'uno all'altro aspetto. E nella discussione di questo passag­ gio dovette anzi emergere qualche asserzione intorno ai momenti su­ premi e determinanti di Dio, e alla tonalità specifica che il concetto di Dio assume presso i cabbalisti. Tutte questioni queste di cui si dovrà occupare il prosieguo della presente ricerca.

IL Ma torniamo ancora una volta al conflitto che, nell'orizzonte ideale dei cabbalisti, contrappone il Dio plotiniano a quello biblico. Dicevo già come tale contrapposizione, e ancor più la sua composizio­ ne, poté essere ottenuta in modo del tutto non polemico. Le espressio­ ni che nella Bibbia connotano positivamente Dio, i suoi stessi nomi, appartengono già a quell'ambito in cui egli si comunica. E dunque, non meraviglia che il nome di Dio par excellence, il tetragramma, sia stato regolarmente inteso dai cabbalisti come un simbolo supremo del­ la rivelazione divina, ovvero di ciò che, di Dio. si partecipa a noi. ll te­ tragramma viene interpretato o come l'energia centrale nel mondo del­ le sefiroth, o come una sigla che racchiude e comprende in sé l'intero ambito della sefiroth, impressa a segnare l'azione efficace di Dio, il suo essere se{irotico. Al di là di questo essere sefirotico, Dio non ha nome alcuno. E appunto tale anonimia che Lo rende disponibile ai predicati neoplatonici di Dio. Limpidissimo esempio di ciò sono, agli esordi della

14

CONCETI! FONDAMENTALI DELL'EBRAISMO

cabbala, gli scritti di Azriel da Gerona, il quale ha portato all'estremo la separazione di tale ambito da quello trascrivibile in simboli biblici. Con altrettanta evidenza questa lingua dell'agnosticismo mistico, ele­ vata, alla maniera dello Pseudo-Dionigi, alla solennità della festa e del sacro, domina anche il discorso dello Zohar, nei luoghi in cui il testo, abbastanza di rado, per altro, tocca questa sfera. I nomi del deus ab­ sconditus sono parole artificiali del linguaggio speculativo, e per quanto questi cabbalisti si sforzino continuamente di tener ferma la personali­ tà di Dio come portatore delle sefiroth, in tali determinazioni traspare sempre e inequivocabilmente quell'elemento impersonale che in Ploti­ no è designato dall'Uno. La lingua ebraica rion distingue tra il maschile e il neutro, sicché quando si parla dell'Uno, si può intendere sia colui-che-è-Uno [der Eine] sia !'Uno [das Eine]; e lo stesso vale per analoghe determinazio­ ni. Nonostante ciò, nelle espressioni scelte per connotare l'essere su­ premo, è evidente la tendenza al valore neutro: , . È a questo mondo, al mondo inferiore della causae contingen­ tes che andrebbe, dunque, riferita l'idea della creazione dal nulla nel suo significato tradizionale, il quale non vale affatto, invece, per la creazione di quel mondo degli archetipi, delle causae primordiales, che non è nel tempo ma eterno. «; oppure le parole messe in bocca ad un maestro pagano: , viene interpretato dal trattato Chagigah (f. 3b): delle dottrine filosofiche razionalistiche. Ma questo