Storia delle migrazioni internazionali 9788842069348

Docente di Storia contemporanea all'Università di Torino, Paola Corti ripercorre la storia delle migrazioni interna

513 60 719KB

Italian Pages 162 Year 2010

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Storia delle migrazioni internazionali
 9788842069348

Citation preview

Biblioteca Essenziale Laterza 53

Storia contemporanea serie diretta da Bruno Bongiovanni e Nicola Tranfaglia VOLUMI PUBBLICATI

Aurelio Lepre ~ Mussolini Paolo Pombeni ~ La politica nell’Europa del Novecento Paride Rugafiori ~ Imprenditori e manager nella storia d’Italia Guido Verucci ~ La Chiesa cattolica in Italia dall’Unità a oggi Aldo Agosti ~ Storia del Partito comunista italiano Bruno Bongiovanni ~ Storia della guerra fredda Liliana Saiu ~ La politica estera italiana dall’Unità a oggi

Paola Corti

Storia delle migrazioni internazionali

Editori Laterza

© 2003, Gius. Laterza & Figli Prima edizione 2003 Quarta edizione 2010

Proprietà letteraria riservata Gius. Laterza & Figli Spa, Roma-Bari Finito di stampare nel gennaio 2010 SEDIT - Bari (Italy) per conto della Gius. Laterza & Figli Spa ISBN 978-88-420-6934-8

È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico. Per la legge italiana la fotocopia è lecita solo per uso personale purché non danneggi l’autore. Quindi ogni fotocopia che eviti l’acquisto di un libro è illecita e minaccia la sopravvivenza di un modo di trasmettere la conoscenza. Chi fotocopia un libro, chi mette a disposizione i mezzi per fotocopiare, chi comunque favorisce questa pratica commette un furto e opera ai danni della cultura.

Introduzione

Nei molti studi che hanno salutato l’arrivo del nuovo millennio con bilanci storiografici sul secolo passato e con proiezioni sociologiche sul futuro, alle migrazioni è stato riconosciuto un ruolo centrale tanto per il peso che esse hanno esercitato nella storia del Novecento, quanto per le espansioni che se ne possono prevedere in prospettiva. Assieme ai problemi sollevati dalle trasformazioni dei quadri ambientali e dal riacutizzarsi della conflittualità bellica in varie parti del mondo, i movimenti della popolazione sul territorio sono tra i fenomeni che vengono maggiormente percepiti nelle società contemporanee. Su di essi si catalizzano infatti le paure e le ostilità delle mai sopite pulsioni xenofobe dei paesi di accoglienza. Moltiplicati e facilitati oggi dalla riduzione delle distanze geografiche e dalla grande influenza esercitata su di essi dalla velocità di trasmissione dei messaggi comunicativi, i movimenti migratori non solo hanno avuto largo spazio nel secolo passato – quando l’esodo di massa ha trovato una forte spinta nel processo di industrializzazione –, ma sono stati un’enorme risorsa che ha contribuito a sostenere i bilanci di singole famiglie e di intere comunità nei secoli precedenti l’affermazione dello sviluppo industriale. Solo una lettura ispirata alla presunta vocazione sedentaria della popolazione può dunque confinare le migrazioni entro gli estremi temporali del contemporaneo, limitandole ai soli movimenti di massa che hanno accompagnato l’abbandono delle campagne nelle varie fasi dell’industrializzazione V

o la fuga dai paesi più poveri nel mondo contemporaneo. La mobilità territoriale – che evoca oggi gli stessi antichi fantasmi prospettati nel romanzo L’invasion, in cui lo scrittore francese Louis Bertrand ha rappresentato, all’inizio del Novecento, il sentimento di pericolo con cui l’intensa immigrazione degli italiani veniva percepita nella società francese – è stata una costante risorsa, e talora una ineluttabile necessità, nell’assetto economico, sociale e politico del Vecchio Mondo. Assai prima dell’avvio delle grandi migrazioni transoceaniche, del processo di industrializzazione, della crescita urbana e degli ingenti esodi di massa dalle campagne verso le città, la mobilità lungo percorsi di differente ampiezza territoriale o verso i paesi stranieri è stata una scelta abbracciata abitualmente da singoli individui, da intere famiglie, o da gruppi più o meno estesi di popolazione, accomunati dall’esigenza della pura sopravvivenza economica, dalla decisione di migliorare il proprio status sociale, dalla necessità di sfuggire alla guerra, alle persecuzioni politiche e religiose, ai conflitti civili. Le migrazioni comprendono infatti quella complessa e varia qualità di movimenti di lungo periodo che alcuni esponenti della più recente storiografia preferiscono denominare con il termine di «diaspora», facendo ricorso a un’espressione che supera il confine strettamente economico e volontario entro il quale vengono comunemente circoscritti i movimenti migratori e non si limita neppure ai soli rifugiati politici, agli espulsi, alle minoranze etniche e razziali. Nonostante la forte attenzione che tali fenomeni suscitano nella stampa e negli altri mezzi di comunicazione, la loro costante presenza nella storia di molti paesi e le loro complesse motivazioni sfuggono spesso tanto all’analisi dei semplici osservatori quanto al più approfondito esame di studiosi di varia provenienza. A molte indagini sulla mobilità – che si ispirano spesso ai modelli malthusiani e ai paradigmi meccanicisti e miserabilisti che ne sono il corollario – sfugge infatti che le molteplici motivazioni a cui si legano le migrazioni si sono ripetute sia nell’ancien régime, sia nel mondo contemporaneo, rendendone protagonisti molti paesi che oggi si ritengono indenni da tali fenomeni. Sfugge, insomma, a molVI

te delle analisi moltiplicatesi nel corso degli ultimi anni, che è stata forse la sedentarietà una condizione «eccezionale» nella storia dell’umanità, mentre la mobilità ha rappresentato, in contesti storici e in condizioni economiche e sociali assai differenti, non solo una strategia di sopravvivenza, ma uno strumento indispensabile per esercitare mestieri e professioni che talora non erano affatto marginali. Vari esempi tratti dalla storia europea dell’ancien régime, come pure dalla coeva storia della Cina imperiale, mostrano infatti come i costumi migratori si legassero all’esercizio o all’apprendimento di raffinate attività artigiane o alla pratica di attività e commerci di importante valore economico. Persino la mobilità largamente presente nelle campagne e nelle città dei secoli scorsi – che alimentava già allora il sospetto e la repressione delle istituzioni statali e di quelle amministrative, nonché l’ostilità di ampi strati di popolazione – non si può ridurre al puro nomadismo, al vagabondaggio e alla marginalità con cui essa veniva socialmente percepita e spesso anche rappresentata dalla letteratura e dall’iconografia dell’epoca. La stessa esperienza della grande emigrazione transoceanica, correlata univocamente all’immagine dello sradicamento delle masse contadine in fuga dalla povertà e dalla fame – che rispecchia il modello irlandese della prima metà dell’Ottocento o quello più tardivo dell’esodo dalle realtà rurali mediterranee –, si rivela ben più articolata a un’analisi più circostanziata. I flussi migratori ebbero allora origine, sia nelle realtà agricole investite dai processi di trasformazione e dall’impoverimento delle popolazioni rurali, sia nelle aree urbane dove erano in atto i processi di industrializzazione. Tutto questo è accaduto in Gran Bretagna, il paese pioniere della rivoluzione industriale, in altri paesi dell’Europa settentrionale, dove questa grande trasformazione risale alla prima metà dell’Ottocento, e più tardi in Italia. Nelle realtà urbane e nelle aree manifatturiere a emigrare erano infatti gli artigiani, o comunque i detentori di competenze che non potevano essere più esercitate laddove erano in atto dei mutamenti che avrebbero comportato la perVII

dita della loro autonomia professionale. Alcuni di questi mestieri si legavano a una radicata mobilità, a relazioni di lavoro stabilite anche su un esteso raggio territoriale, a rapporti e contatti che furono di grande importanza per aprire la strada delle Americhe e per ampliare gli orizzonti migratori con l’attrazione di nuovi meccanismi di richiamo. Non si può infatti trascurare che uno degli strumenti per la moltiplicazione dei flussi migratori furono in gran parte, come accade del resto oggi, le informazioni, i richiami, i legami interpersonali tra gli emigranti – le cosiddette catene migratorie –, accompagnati dall’amplificazione fornita dai mezzi di comunicazione. Accanto a queste migrazioni «volontarie», e liberamente alimentate da una diversificata stratificazione sociale dei protagonisti, l’analisi di lungo periodo offre altrettanti numerosi esempi di migrazioni «coatte» sia di massa, sia di gruppi, sia di singoli individui. Anche questi movimenti, che nella realtà odierna vengono percepiti con lo stesso allarme con cui vengono avvertiti gli altri, hanno rappresentato una terribile e costante realtà. Ne sono testimonianza le più deprecate pratiche della deportazione di razze considerate inferiori – dalla prima infame tratta atlantica degli schiavi neri fino alle più recenti deportazioni di interi gruppi etnici del mondo contemporaneo –, nonché le persecuzioni che sia nell’età moderna sia in quella contemporanea hanno continuato a disperdere nel mondo gli appartenenti a differenti fedi religiose, i militanti politici, i semplici dissidenti dei regimi autoritari. Allontanati dai propri paesi per la repressione religiosa o politica delle istituzioni statali, i protagonisti di questi movimenti hanno dato comunque positivi contributi alla vita economica, culturale e politica dei paesi che li hanno accolti. Esempi di questo tipo si incontrano infatti nella lunga storia delle diaspore religiose dell’età moderna, nella tormentata storia dell’esilio politico ottocentesco, nelle migrazioni individuali e di gruppo alimentate dai dissidenti e dai perseguitati dai regimi totalitari del Novecento. Insomma, vari esempi tratti dalla storia del secolo scorso e di quelli precedenti mostrano come l’emigrazione non sia VIII

stata esclusivamente la risposta a condizioni di eccezionale povertà economica o il prodotto di spinte malthusiane provocate dall’eccedenza demografica, dal sovrappopolamento e dai meccanismi impersonali del push-pull dei mercati internazionali. L’emigrazione appare come una scelta adottata da un’articolata gamma di protagonisti, ispirata a strategie economiche socialmente differenziate. A questi movimenti di tipo economico si sono sovrapposte, intrecciate e talora confuse, migrazioni di matrice diversa e spesso coercitiva. Il colonialismo è in questo senso un esempio particolarmente drammatico di tali legami, poiché in gran parte si è nutrito proprio dei movimenti coatti di intere popolazioni schiavizzate o di quelle poste in una condizione di assoluta dipendenza economica dai colonizzatori. E così la storia dei più diversi regimi autoritari che hanno devastato il Novecento è colma di analoghi esempi di coercizione collettiva e di non meno atroci stermini di interi popoli. Un’analisi che abbandoni i numerosi stereotipi che ancora gravano sulla lettura dei fenomeni migratori non giova soltanto a una migliore ricostruzione del passato, ma aiuta a leggere in un’ottica diversa anche i grandi movimenti di emigranti, di esuli e di profughi che attraversano il mondo attuale con tanta risonanza mediatica. Il richiamo alla non eccezionalità e alla continuità della mobilità può infatti servire a comprendere quanto accade oggi alle varie latitudini del pianeta, in quadri demografico-economici e in contesti politici assai diversi, facendo abbassare la guardia sugli eccessivi allarmismi di popolazioni e paesi che si ritengono del tutto estranei al problema perché attualmente più forti sul piano economico o più stabili su quello politico. Anche oggi – seppure in un quadro internazionale assai diverso dalle grandi migrazioni otto-novecentesche, nel quale sono certamente minori le spinte attrattive di mercati del lavoro sorrette dal vento in poppa dell’industrializzazione e della correlata richiesta di manodopera – si impone la pluralità dei motivi e dei protagonisti che alimentano il variegato mondo della mobilità nell’età della globalizzazione. Se sono infatti molto più imponenti le cifre di quanti abbandonano il IX

proprio paese per sfuggire a difficili o terribili condizioni politiche, economiche e ambientali – dando vita a diaspore di portata non meno tragica di quelle innescate dalla colonizzazione –, è pur vero che i flussi contemporanei vengono foraggiati da una rilevante quantità numerica di detentori di titoli di studio e di capacità professionali, richiamati a offrire altrove le proprie competenze e a trovare in altre sedi territoriali una qualsiasi collocazione professionale. Queste migrazioni economiche «volontarie» nascono anche oggi da scelte individuali e da strategie familiari che da un lato consentono di migliorare lo status sociale di chi le sperimenta e delle famiglie rimaste in patria, e dall’altro permettono di offrire quelle prestazioni di lavoro che non vengono soddisfatte dall’offerta delle popolazioni autoctone. Sulla base di queste riflessioni, l’obiettivo di questo volume è di ricostruire le caratteristiche dei movimenti migratori nel mondo contemporaneo seguendone il lungo percorso, a partire dalla più sedimentata mobilità territoriale, dalle diaspore politiche e religiose dell’ancien régime, dalle grandi migrazioni coatte innescate dal colonialismo e dai grandi movimenti verso i paesi transoceanici, per arrivare ai movimenti di massa e alle reiterate migrazioni che, in varie fasi e con diversi protagonisti, hanno attraversato la storia del Novecento. L’intento è di fornire una sintesi storica agile e accessibile a un vasto pubblico di lettori, che tenga comunque conto dei risultati delle più note e sedimentate indagini di taglio macroeconomico, nonché delle ricerche storico-antropologiche che più di recente hanno contribuito a rinnovare la lettura storiografica della mobilità territoriale. Nella prospettiva di risalire alle numerose diaspore che hanno attraversato il mondo moderno e contemporaneo, i movimenti migratori verranno affrontati con un’ottica non esclusivamente europea o occidentale né, tanto meno, prevalentemente italiana. È la già sottolineata impostazione da cui muove questo scritto – risalire al complesso quadro delle diaspore nel mondo moderno e contemporaneo – che impone di prendere in esame in una più ampia dimensione internazionale i movimenti migratori, almeno per quanto è X

consentito dalla dispersione e dalla frammentarietà degli studi, tuttora molto accentuate per certi paesi, come per la maggior parte di quelli africani e asiatici. Ed è anche la necessità di adeguare questa lettura alla mutata realtà delle migrazioni contemporanee che suggerisce questo approccio «globale» nella ricostruzione degli itinerari dei flussi e nell’analisi dei ruoli svolti dai diversi paesi nelle varie fasi delle migrazioni internazionali. È il modo stesso di concettualizzare la diaspora che subisce un ulteriore ampliamento nell’epoca della globalizzazione, quando i migranti si muovono in una dimensione «transnazionale» e quando le frontiere e le distanze geografiche perdono progressivamente importanza sia nell’orientamento dei flussi sia nella percezione soggettiva dei protagonisti. Si tratta di un ampliamento che impone di tenere conto di dinamiche e di percorsi che non possono restare confinati entro il quadro strettamente europeo o italiano. È per questi motivi che, nella scansione diacronica del volume, l’emigrazione italiana è stata affrontata senza particolari approfondimenti rispetto ad altre esperienze nazionali, nonostante la grande importanza quantitativa e qualitativa che essa ha avuto nella storia del paese. Si è scelto invece di fornire una lettura congiunta delle migrazioni italiane all’estero, e di quelle che si dirigono verso la nostra penisola, nelle pagine conclusive dell’ultimo capitolo di questo scritto. Tale opzione non solo rispecchia la prospettiva prescelta nel volume, ma risponde anche all’intento di dare maggiore rilievo a due fenomeni che permettono di riflettere in modo più consapevole sia sul passato della nostra storia nazionale sia sul suo presente. Come è infatti ben noto agli studiosi dei fenomeni migratori italiani, nonostante la grande imponenza dell’emigrazione nel corso di circa un secolo di esodo di massa, tale fenomeno non ha ancora ottenuto una collocazione di rilievo nelle ricostruzioni storiografiche del nostro paese, a differenza di quanto si registra in altri contesti storici. Nel mondo anglosassone la radicata presenza di flussi di immigrazione ha dato vita a un nutrito filone di studi che hanno messo in XI

rilievo, seppure con molte irrisolte e note contraddizioni, quanto le migrazioni abbiano contribuito a fondare la stessa idea di cittadinanza in società con forti componenti di immigrazione, come per esempio quella americana. Più di recente queste riflessioni hanno investito anche i paesi europei come la Francia e la Germania – che possono vantare, con la Gran Bretagna, un’immigrazione di vecchia data. In queste analisi – fatta eccezione per la Gran Bretagna, dove l’esistenza di un grande impero coloniale con una molteplicità etnica di sudditi ha fatto avvertire maggiormente il problema dell’immigrazione, avvicinandola all’esperienza americana nella considerazione del fenomeno – risalta tuttavia il minore ruolo che negli Stati europei le migrazioni continuano a esercitare nell’elaborazione del proprio passato, rispetto ai paesi con una più consolidata immigrazione degli stranieri. Tutto questo si riflette sull’ancora diffusa incertezza circa il modo di confrontarsi con gli stranieri e sulla xenofobia – che del resto non risparmia neppure il mondo anglosassone – altrettanto estesa nei vari segmenti della società. Tra gli Stati europei si distingue in modo particolare proprio il nostro, che, se sta sperimentando la presenza degli stranieri solo da poco più di un ventennio – nonostante il suo lungo passato di paese di «transito» e di ricezione di una molteplicità di «culture» –, è anche vero che, ancora fino alla metà degli anni Cinquanta del secolo scorso, è stato il paese europeo con il maggior numero di emigranti. A questo va inoltre aggiunto che persistono ancora oggi, in Italia, dei movimenti migratori che si dirigono verso l’estero e migrazioni interne che interessano soprattutto le aree meridionali del paese. Nel caso dell’Italia, insomma, l’assenza di un’elaborazione delle proprie migrazioni nella storia nazionale risulta ancora più «colpevole», perché non impedisce soltanto di fare completamente i conti con il proprio passato, ma anche di superare le incertezze e le contraddizioni con cui il paese si confronta con le immigrazioni più recenti. Per tutti questi motivi l’invito a riflettere congiuntamente sui due importanti fenomeni migratori di cui è stata teatro l’Italia nel corso della sua storia nazionale – con cui si chiude il presente volume – XII

può forse servire a ripercorrere in modo più consapevole alcuni dei nodi ancora irrisolti della nostra storia, fornendo così uno strumento di riflessione tanto all’indagine storiografica quanto al senso comune di quegli italiani che si sentono così distanti dagli immigrati presenti oggi nel paese.

Storia delle migrazioni internazionali

Le migrazioni nell’età preindustriale

La mobilità circolare e l’attrazione urbana in Europa Già nell’età preindustriale la mobilità territoriale rappresentò una costante risorsa dell’economia domestica e comunitaria. L’apprendistato dei giovani, le consuetudini matrimoniali, i fenomeni di colonizzazione agricola, i ritmi dei lavori agricoli, le esigenze delle attività manifatturiere, l’esercizio di mestieri e commerci richiedevano un’intensa circolazione della popolazione sul territorio. L’allontanamento dei giovani per contribuire fattivamente all’economia familiare, o per procurarsi un reddito in vista del matrimonio, era una pratica che apparteneva allo stesso ciclo della vita domestica. A questo modello di comportamento, analizzato in noti studi inglesi e denominato life-cycle-servants, si correlavano alcune delle più nutrite forme di mobilità territoriale dell’età preindustriale. È stato calcolato che nella sola Inghilterra, tra il 1574 e il 1821, il 60% della popolazione compresa tra i quindici e i ventiquattro anni svolgeva un lavoro servile fuori dalle pareti domestiche. Il fenomeno non si limitava tuttavia a questo paese: in varie parti d’Europa, nel corso del Seicento, i giovani lasciavano la famiglia per andare a lavorare come domestici nelle case o come servi nei campi. La diffusione della mobilità giovanile nell’agricoltura di varie parti d’Europa è testimoniata dal fatto che in ognuna delle aree i giovani lavoranti erano indicati con un sostantivo specifico: in Francia essi erano chiamati valets de ferme, in 3

Germania Gesinde e in Inghilterra servants in usbandry. Le esigenze dell’economia familiare, del resto, non risparmiavano neppure l’altro sesso. Anche le ragazze alimentavano un’intensa mobilità territoriale e la loro attività si esercitava tanto nel settore domestico quanto nei differenti esercizi della tessitura. Le giovani donne venivano occupate sia nei lavori di cucito sia nelle varie mansioni delle seterie, dove esistevano anche degli appositi spazi per ospitarle. Come i propri coetanei, inoltre, le ragazze trovavano occupazione come lavoranti del settore agricolo, e venivano impiegate soprattutto nei lavori della viticoltura. Contrariamente a quanto viene spesso affermato dagli studi, che pongono l’accento sul breve raggio territoriale delle migrazioni femminili, le giovani erano coinvolte anche in percorsi migratori di più vaste dimensioni e, non diversamente dai coetanei dell’altro sesso, la loro attività poteva dispiegarsi in un ampio raggio territoriale. Significativo, a questo proposito, è il caso della Norvegia. Come risulta infatti da studi mirati, già alla fine del XVII secolo le giovani di certe comunità norvegesi davano vita a correnti migratorie dirette verso l’Olanda. In questo paese esse venivano occupate in massima parte nei lavori domestici delle case della capitale. Tra le varie forme di mobilità, quella legata all’attività agricola fu numericamente la più importante nell’Europa preindustriale. Migrazioni di tipo coloniale, dirette cioè a un insediamento di carattere più stabile, furono sperimentate in varie parti dell’Europa, soprattutto nel corso del XVII secolo. Durante questi anni folti contingenti di coloni tedeschi si spostarono infatti verso l’Europa sud-orientale, dando vita a una vasta opera di colonizzazione; altre migrazioni analoghe si registrarono in Ungheria, nei distretti del Volga, nel Mar Nero e nei territori prussiani. I movimenti per la colonizzazione trovarono impulso anche a opera dei sovrani, che attraverso insediamenti di questo tipo cercarono talora di risanare le larghe distese paludose presenti in molti territori europei. All’interno di questi flussi migratori fu rilevante la presenza della popolazione olandese che, per la configurazione stessa del territorio dell’Olanda e per la necessità di governa4

re continuamente l’insidia delle acque, poteva vantare un’estrema competenza nei lavori di risanamento e bonifica. Nell’ambito di queste correnti migratorie di più ampia portata, inoltre, non mancarono neppure i più limitati contributi di quegli esperti idraulici e di quegli ingegneri che dall’Olanda venivano chiamati in altri Stati europei per risolvere i gravi problemi tecnici sollevati dalla bonifica dei terreni paludosi. Le migrazioni più diffuse nelle società europee dell’ancien régime, tuttavia, non furono legate all’opera di colonizzazione. Assai più estesi e consistenti furono i movimenti di carattere circolare che avevano per destinazione sia le attività stagionali nei campi e le altre occupazioni legate all’agricoltura, sia le varie occupazioni nell’industria rurale e manifatturiera. Questa mobilità territoriale coinvolgeva centinaia di migliaia di lavoratori, che percorrevano distanze comprese mediamente tra i 300 e i 700 chilometri per raggiungere le maggiori aree attrattive di manodopera. Degli oltre venti sistemi migratori registrati tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX da un’inchiesta napoleonica – sistemi caratterizzati dalla circolarità e dalla stagionalità dei movimenti da aree generalmente meno dotate di risorse, con un’alta densità demografica e bassi livelli salariali, a zone ricche di infrastrutture, con salari più elevati e caratterizzate dalla presenza di vasti sistemi di coltivazione, di manifatture o di attività minerarie –, uno studioso olandese ha messo a fuoco i sette che nella fascia settentrionale e meridionale dell’Europa raccoglievano il maggior contingente di manodopera. Tra queste zone erano compresi: il grande bacino del Mare del Nord – coincidente sostanzialmente con l’Olanda e la Germania nord-occidentale –; l’Inghilterra orientale; la grande area rurale e urbana della capitale francese; la fascia costiera della Catalogna e della Provenza; la Castiglia e la sua capitale; le campagne padane dell’Italia settentrionale e città come Milano e Torino; le zone della Toscana meridionale – con l’Isola d’Elba e la Corsica – e il Lazio, con la sua capitale. Su questi itinerari, consolidati da tradizioni ben precedenti all’epoca della rilevazione napoleonica, convergevano correnti migratorie che potevano superare le 200.000 presenze ogni 5

anno e al cui interno si costituivano squadre di lavoratori tenute insieme da una rigida gerarchia interna. Autentiche catene migratorie – nelle quali i capisquadra reclutavano la manodopera, stabilivano le relazioni, le modalità di orario e di pagamento con i committenti, decidendo per sé e per gli altri –, questi flussi erano diretti verso i lavori agricoli e verso le attività edilizie e artigiane delle città. Molti studi hanno sottolineato che una gran parte della mobilità territoriale di questo tipo fu alimentata dalle aree montane. «La montagna è una fabbrica d’uomini ad uso altrui» ha scritto il grande storico francese Fernand Braudel, per caratterizzare la mobilità montana nell’area mediterranea ai tempi di Filippo II, attribuendo a essa le stigmate della povertà e sottolineandone la necessità legata alla stessa configurazione ecologica e demografica delle montagne. Ritenute povere, isolate, fisiologicamente sovrappopolate e costrette quindi a riversare continuamente il loro carico demografico eccedente verso le pianure e le città circostanti le Alpi, così come altre aree montane europee della fascia mediterranea, si sono rivelate, negli studi più recenti, le fucine di un’articolata e redditizia mobilità territoriale. Tali flussi non erano alimentati solo dal sovraccarico demografico, dalle frange più povere della popolazione e non erano diretti esclusivamente verso i lavori agricoli della pianura o verso le città. Migrazioni artigianali e mercantili di vario genere, oltre che rivolgersi verso la pianura, attraversavano le stesse montagne e costituivano le fonti non solo della sopravvivenza, ma anche della ricchezza locale. Tra questi flussi il commercio ambulante – prerogativa pressoché esclusiva delle popolazioni della montagna e troppo spesso assimilato alla pura marginalità sociale – in molti casi dette vita a floride attività economiche basate su relazioni mercantili di vastissima estensione territoriale. Alle varianti più povere del colportage, il piccolo commercio ambulante di svariate forme di prodotti alimentari e di suppellettili, si accompagnavano infatti ben più ricche reti mercantili, alla cui estesa espansione territoriale si correlava la formazione di influenti élites locali all’interno dei villaggi montani. 6

Nel grande sistema migratorio che per vari secoli ha interessato l’area comprendente la Spagna, i Pirenei, la Linguadoca, il Massiccio centrale e le Alpi occidentali, per esempio, sono state individuate consolidate dinastie di commercianti che, provenienti dalle montagne francesi, tra il XVII e il XVIII secolo impiantarono floride catene mercantili all’interno di note città della Spagna. E così l’importante rete del commercio ambulante dei libri, che nel XVIII secolo fece proliferare una vasta catena di librerie nell’intera Europa occidentale, aveva in gran parte origine da un villaggio situato in una vallata del Delfinato francese. Correnti migratorie di questo tipo sono state analizzate anche in più piccoli e ben definiti bacini dell’Appennino centro-settentrionale italiano, come il Pontremolese, a cavallo tra Toscana e Liguria, dotato di antichi commerci ambulanti di libri. Insomma, varie forme di emigrazione mercantile erano presenti su tutti i versanti delle Alpi, dei Pirenei e della Scozia, e talora, come risalta in alcune più rare analisi, coinvolgevano anche certe montagne meridionali: per esempio alcuni tratti della dorsale appenninica italiana o le catene montuose del Maghreb. Il commercio ambulante si associava, di frequente, all’esercizio di attività artigianali parimenti numerose e redditizie la cui caratteristica peculiare era un’altrettanto connaturata mobilità territoriale. La più diffusa forma di migrazione, e forse la più approfondita dagli studi, è proprio quella artigianale; questa mobilità aveva radici altrettanto remote perché era già praticata all’interno del sistema medievale delle corporazioni. Dopo un periodo di apprendistato, che poteva avere anche una durata decennale, il maestro inviava il garzone a perfezionarsi in un’altra località, dove il mestiere era praticato e consolidato da una lunga tradizione. Da queste migrazioni, tipiche appunto delle corporazioni, presero sviluppo più ampi movimenti nei quali confluirono i rappresentanti delle nuove professioni tecniche. Il tour de France e la Gesellenwanderung degli artigiani tedeschi sono le più note di queste migrazioni. Anche la letteratura italiana del secolo XVII è ricca di annotazioni che tratteggiano i profili degli artigiani-venditori che scendevano dai propri villaggi delle Alpi e degli Appennini 7

per offrire le proprie prestazioni nelle campagne e nelle città circostanti. Gli studi più recenti, invece, permettono di individuare delle nutrite correnti migratorie di operai specializzati che dai versanti occidentali e orientali delle Alpi italiane si spostavano periodicamente, seguendo il richiamo dei mastri e degli architetti che costruivano gli edifici delle più note città rinascimentali. In modo non diverso, nei Pirenei, gruppi di muratori e di «fucinatori», considerati un’autentica «aristocrazia operaia», si assentavano stagionalmente dalle comunità montane per offrire le proprie competenze in Linguadoca e in Catalogna. Benché le migrazioni circolari di tipo agricolo, commerciale e artigiano siano state di enorme importanza nell’Europa preindustriale, l’attrazione verso i centri urbani è stata sicuramente un altro forte incentivo alla mobilità territoriale dell’ancien régime. «L’aria della città rende liberi» recitava un detto tedesco di origine medievale, che si riferiva alla libertà che in età feudale i contadini potevano trovare abbandonando le campagne e fuggendo nei centri urbani. Ma le città non erano solo un rifugio per le popolazioni rurali in cerca di un proprio riscatto. Esse costituivano un costante polo di attrazione grazie alle possibilità di impiego che offrivano in vari settori. Le stesse città, del resto, avevano un estremo bisogno dell’immigrazione esterna. Non va infatti dimenticato che le città preindustriali erano caratterizzate da un tasso di mortalità che superava quello di natalità e richiedevano quindi un costante ricambio demografico. L’alta mortalità urbana, dovuta all’affollamento, alle pessime condizioni igieniche e alle carenze infrastrutturali, era compensata proprio dai reiterati flussi di immigrazione. Non fu dunque lo sviluppo industriale ottocentesco il motore che spinse all’inurbamento, come si legge di frequente negli studi che correlano i movimenti migratori all’età dell’industrializzazione e ai relativi massicci processi di abbandono delle campagne. Per la costante esigenza di un riequilibrio demografico, infatti, le migrazioni verso la città furono forse più importanti nel corso dell’età moderna che nei secoli successivi. 8

Nel secolo XVI, che per il Vecchio Continente europeo fu un secolo di incremento demografico e di movimenti migratori – sia di natura economica sia di carattere politico e religioso –, la crescita della popolazione delle città fu dovuta in massima parte alle migrazioni. Lo sviluppo di questi anni fu contrassegnato dall’ampliamento demografico di città di varie dimensioni: Siviglia, per esempio, passò dai 45.000 abitanti del 1500 ai 135.000 del 1600, mentre Amburgo crebbe da 15.000 a 40.000 nello stesso periodo. Assai più intenso fu comunque lo sviluppo delle città-capitali: Amsterdam, tra le altre, passò dai 15.000 abitanti del 1514 ai 104.000 del 1622; Londra dai 60.000 abitanti del 1520 ne raggiunse 187.000 nel 1600 e così Madrid, che negli stessi anni passò da 4500 a 65.000 abitanti. Tra il XVII e il XVIII secolo, tuttavia, la capitale inglese, da sola, fu quella che assorbì l’80% della crescita naturale di tutta l’Inghilterra. Lo sviluppo urbano fu un fenomeno piuttosto esteso sul piano geografico, seppure con andamenti diversi nell’Europa occidentale e in quella orientale. In Russia, dove già nel XV secolo lo sviluppo delle città aveva interessato in modo sostenuto certi Stati, come quello di Mosca, alla fine del XVI secolo altri centri di un certo rilievo si svilupparono, soprattutto lungo il corso del Volga. Città come Samara e Saratov trovarono un impulso anche grazie all’opera di una sorta di «compagnia coloniale» che incoraggiava l’arrivo di nuovi abitanti offrendo vantaggi di vario genere. Anche nella steppa e in altre zone del paese, del resto, nacquero città che, da centri esclusivamente militari, diventarono poi luoghi di accoglienza di artigiani e commercianti. Alla fine del secolo anche le città italiane raddoppiarono i loro abitanti o conobbero incrementi demografici ancora più consistenti. Questo fenomeno si registrò a Messina, a Palermo, a Catania e nella capitale del regno di Napoli, che diventò una delle più grandi città d’Europa. Negli Stati italiani centrali – dove Roma raggiunse i 100.000 abitanti alla fine del secolo, contro i 50.000 del 1526 –, come pure in quelli settentrionali, gli incrementi furono altrettanto diffusi. Se più contenuto fu l’aumento in città importanti come Firenze, as9

sai più vivaci nel popolarsi si mostrarono invece le città di Milano e di Venezia. È un consolidato luogo comune che le città europee dell’ancien régime esercitassero la massima attrazione sulle frange più povere della popolazione rurale. La concentrazione urbana delle istituzioni assistenziali costituì infatti un forte incentivo all’inurbamento delle popolazioni agricole in occasione delle carestie e delle calamità che affliggevano le campagne in età preindustriale. Le città, tuttavia, non attrassero solo poveri e mendicanti, ma accolsero anche commercianti e gentlemen; e l’insediamento di soggetti economici di così elevata posizione sociale costituì un fattore di indiscutibile dinamismo per i centri che ne furono protagonisti. Le città portuali, in particolare, grazie all’attrazione esercitata per la loro favorevole posizione geografica e per la presenza di svariate tipologie di occupazione, diventarono sedi di nutrite colonie di autorevoli e influenti commercianti stranieri. Tali colonie si registrarono sia in città nordiche come Amburgo, sia nelle città meridionali, come Marsiglia, sia nei più attivi porti atlantici, come Bordeaux e Lisbona. Se, come si è appena detto, non furono solo le frange più marginali della popolazione a incrementare le migrazioni urbane, neppure le popolazioni rurali furono le uniche protagoniste dei diffusi fenomeni di inurbamento che caratterizzarono l’Europa moderna. Flussi migratori di un certo rilievo collegarono infatti città di minore importanza economica ad altri centri cittadini che presentavano maggiori opportunità di impiego. L’esercizio dei mestieri, che fu sicuramente uno dei principali motivi di attrazione dell’economia urbana, non richiamava soltanto i giovani che dalle campagne si recavano a fare l’apprendistato in città; accanto a questi tipici movimenti circolari dalle campagne, e a quelli legati alle varie forme del piccolo commercio, esistevano infatti flussi migratori che ponevano in relazione i centri minori con le città di più ampie dimensioni. A tutti questi fattori di attrazione urbana va poi aggiunto quello esercitato dalle città-capitali. L’aumento demografico di queste ultime, infatti, oltre alle richieste correlate alle ope10

re di edificazione, di ristrutturazione e di abbellimento delle sedi governative, fu dovuto anche all’arrivo dei funzionari e degli addetti ai servizi amministrativo-burocratici, mentre l’inurbamento di altri strati sociali privilegiati – come gli intellettuali e i rappresentanti del clero – si legava direttamente alla presenza delle università e delle istituzioni religiose. L’esercizio delle funzioni militari, infine, concentrato spesso nelle capitali, fu un altro dei richiami all’inurbamento, così come il ripetersi incessante della guerra, tanto nelle sue manifestazioni di contrasto religioso e civile, quanto in quelle assunte nel corso dei conflitti internazionali. Guerre, diaspore religiose, trattati La fuga di intere popolazioni di fronte agli invasori e all’avanzamento degli eserciti nemici costituisce un capitolo centrale nella storia delle migrazioni nell’età preindustriale. Le guerre civili, quelle di religione, quelle dirette contro paesi stranieri furono responsabili di grandi spostamenti di popolazione. Durante le loro marce gli eserciti che attraversarono ripetutamente il Vecchio Continente produssero autentiche migrazioni di massa. Tra i molti conflitti che devastarono l’Europa moderna la guerra dei Trent’anni è ricordata come un evento a cui si legarono non solo il forte depauperamento demografico e l’aumento di epidemie e carestie – i flagelli che si abbattevano ripetutamente nelle campagne e nelle città dell’Europa preindustriale –, ma anche diaspore di particolare drammaticità. Nel corso di questo conflitto la Germania fu attraversata da ingenti masse di donne, giovani, servi che seguivano gli eserciti con i carri e il bestiame, nonché da fiumi di profughi che cercavano di fuggire dalla furia delle battaglie. Migliaia di contadini abbandonarono i loro territori perché gli eserciti, nei loro bivacchi, consumavano tutte le riserve alimentari, o perché distruggevano le case e i raccolti. Nel solo Würtenberg, che non fu teatro di guerra ma zona di transito, durante questo terribile conflitto il numero degli abitanti passò da 450.000 a 100.000, mentre nel Palatinato la 11

popolazione diminuì di oltre il 70%. Ad aggravare il decremento demografico provocato dalla forte mortalità fu anche l’emigrazione. In certe zone, che furono teatro delle operazioni di guerra e dove si registrò un forte esodo verso la Polonia, come nella Slesia, la perdita degli abitanti fu poco più del 20%. Ovunque, come è stato osservato in noti studi demografici, la diminuzione dovuta all’esodo si confondeva con quella provocata dalla mortalità. La stessa immigrazione urbana, che fu particolarmente intensa nel XVII secolo, fu incrementata in gran parte da masse di contadini-profughi che cercavano di fuggire dai sanguinosi teatri della guerra. Nella città tedesca di Weimar, nel 1640, il numero dei profughi sopravanzava quello degli abitanti. A Stoccarda, nel corso del 1638, oltre il 33% delle nascite che si registrarono in città avvenivano all’interno delle famiglie di cittadini stranieri. Lo stesso accadde nel 55% dei casi di mortalità. Le città, soprattutto quelle di maggiori dimensioni, risultavano più protette dalla guerra e per questo erano meta delle migrazioni eccezionali causate dal conflitto. Nei centri di medie e di piccole dimensioni, meno difesi militarmente, i ripetuti assedi furono motivo, oltre che di saccheggi e di violenze di ogni tipo, anche di esodi volontari o coatti di gran parte della popolazione. Solo con la fine della guerra, anche grazie all’opera di colonizzazione intrapresa da certi sovrani, come gli Hohenzollern, l’immigrazione della popolazione cominciò a ripopolare vaste aree agricole delle regioni più colpite dal lungo conflitto. Migrazioni di forte intensità accompagnarono, del resto, le guerre che anche successivamente videro contrapposti tre grandi imperi: quello asburgico, l’ottomano e il russo. Questi conflitti provocarono migrazioni in tutta l’area orientale e meridionale dell’Europa. Tra i movimenti che non avevano una specifica matrice economica e volontaria, l’esodo delle minoranze religiose ha rappresentato forse il più emblematico esempio di migrazione dovuta a ben precise decisioni politiche o a vere e proprie violente azioni repressive dell’autorità statale. Nell’età preindustriale i più noti episodi di espulsione e di esilio furono le 12

prime diaspore degli ebrei, cacciati dall’Inghilterra nel XIII secolo, dalla Francia nel XIV, dalla Spagna nel XV, e soggetti poi, negli anni successivi, alle reiterate sanzioni dagli editti di certi Stati tedeschi. Altre notissime diaspore religiose furono quelle dei moriscos, espulsi dalla Spagna nel 1609, e quelle degli ugonotti francesi, costretti alla fuga dopo il 1685. Sta di fatto che le guerre di religione che accompagnarono la Riforma e la Controriforma produssero oltre un milione di profughi. Nel XVI e nel XVII secolo, in vari paesi europei protestanti e cattolici, a seconda dello Stato di appartenenza, furono costretti alla fuga perché le politiche degli Stati moderni escludevano tutti coloro che, come i gruppi di dissidenti religiosi, potevano rappresentare un pericolo per l’unità e l’autorità assoluta dello Stato in costruzione. Contro queste minoranze furono perciò diretti sia i provvedimenti di esclusione giuridica dalla vita sociale sia le più violente e sanguinose espulsioni dai territori dello Stato. Se per i sovrani che andavano costruendo il profilo moderno degli Stati nazionali le minoranze religiose costituirono un elemento di disturbo di cui liberarsi, per i paesi che accolsero le correnti migratorie dei dissidenti il loro arrivo divenne invece un motivo di arricchimento economico e culturale. La cacciata degli ebrei dalla Spagna e la loro dispersione in varie aree del Mediterraneo e dell’Europa continentale, dopo il 1492, portarono infatti alla costruzione di numerose comunità etnico-religiose di matrice ebraica e alla formazione di importanti traffici commerciali gestiti dagli stessi ebrei. E così la crisi di molte delle aree spagnole abbandonate – e, all’opposto, un forte impulso ai commerci nelle zone di immigrazione – fu la conseguenza provocata dalla cacciata dei moriscos dalla Spagna, nel 1609. Nel regno di Valencia, per esempio, l’espulsione di circa 270.000 moriscos produsse «una specie di cataclisma», che depauperò la ricca regione sud-orientale della Penisola iberica. Questi si dispersero nelle città della riva sud del Mediterraneo, in massima parte nel Maghreb, e nelle più importanti città dell’Asia minore, rafforzando l’economia di queste zone. In modo non diverso, l’esodo dalla Francia degli appar13

tenenti alla minoranza ugonotta, costituita in massima parte da ceti colti ed economicamente elevati, contribuì ad arricchire i Paesi Bassi, l’Inghilterra, il Brandeburgo, così come gli altri Stati protestanti verso i quali si diresse in massima parte questa minoranza religiosa. L’esodo dei dissidenti politici, come del resto quello dei profughi di guerra, fu una delle cause dell’incremento demografico delle principali città europee. Ad Amsterdam, dove tra il 1600 e il 1650 il numero degli abitanti crebbe da 60.000 a 175.000 unità, si contavano numerosi rifugiati, attratti dal clima di maggiore tolleranza che caratterizzava l’Olanda rispetto ad altri paesi europei. Nella città nordica giunsero sia gli esuli francesi sia i ricchi commercianti che a causa dell’intolleranza politica abbandonavano la Spagna, o la più vicina città di Anversa, dominata dagli stessi spagnoli. Altrettanto rilevante fu il contributo degli esuli religiosi all’inurbamento nell’America del Nord. Alcune delle più importanti città, come Filadelfia, la città dei quaccheri, furono popolate da molte di quelle minoranze religiose che, come si dirà nelle pagine seguenti, nel corso del Settecento abbandonarono l’Inghilterra di Cromwell per raggiungere l’altra riva di quello che fu definito il «mar delle aringhe». Altre forme di mobilità territoriale a carattere più marcatamente politico furono quelle indotte dalle decisioni delle autorità statali, dalle normative internazionali, dai trattati e dalle reiterate ridefinizioni delle frontiere, che provocarono continui esodi delle popolazioni interessate. Prima ancora che l’emigrazione arrivasse a essere quel fenomeno di massa che già alla fine dell’Ottocento avrebbe costretto i paesi interessati a regolarne i flussi – a seconda delle alterne vicende delle proprie economie e delle esigenze imposte dagli equilibri interni e internazionali –, le politiche degli Stati subordinarono i loro provvedimenti nei confronti degli stranieri a valutazioni di carattere militare, sociale ed economico. Durante l’ancien régime i paesi che furono meta di flussi migratori non posero vincoli precisi all’immigrazione, perché le idee dominanti erano quelle che si ispiravano ai principi del mercantilismo, secondo i quali la presenza e l’incremento del14

la popolazione erano considerati un motivo di ricchezza da incoraggiare con vari mezzi. Per gli stessi motivi, e per la necessità di contare su alti contingenti di uomini per gli eserciti, era invece osteggiata l’emigrazione. Ispirati a questi principi-cardine, vari provvedimenti adottati nel corso dei secoli XVI e XVII impedirono alle popolazioni di spostarsi, mentre altri puntarono ad attrarre esplicitamente nuove popolazioni, incidendo così direttamente sulle decisioni individuali. Gli accordi internazionali stipulati alla fine delle numerose guerre che devastarono l’Europa tra il XVII e il XVIII secolo, furono a loro volta gli altri strumenti con i quali le autorità statali incisero coercitivamente sulle migrazioni. Queste, a seconda delle linee di divisione nazionale marcate dalle frontiere, si connotarono come «interne» o come «internazionali» ed ebbero un ben diverso significato per l’esperienza diretta dei protagonisti. Alcuni noti esempi di questa «fluidità» delle frontiere e della conseguente differente connotazione dell’emigrazione si legano alla storia di vari paesi e mostrano già le loro inevitabili conseguenze sui rapporti tra i differenti gruppi di popolazione e sulla ricorrente conflittualità. Nell’esperienza europea una scambievole appartenenza nazionale caratterizzò l’Alsazia e la Lorena, sul confine francotedesco, le ancor più numerose aree disseminate sui territori dei grandi imperi orientali, nonché le varie realtà italiane poste al confine italo-francese e italo-austriaco. In tutte queste aree, caratterizzate dalla convivenza di differenti minoranze etniche, la «mobilità» dei confini e delle frontiere provocata dagli accordi internazionali sarà motivo, fino ai tempi più recenti, di reiterate e drammatiche migrazioni, volontarie o forzate, di singoli, di famiglie e di interi popoli. Le migrazioni extraeuropee: colonialismo e migrazioni coatte Le grandi scoperte geografiche, i processi di colonizzazione, lo sviluppo dei commerci intercontinentali e la penetrazione missionaria furono i fenomeni che nell’età moderna impressero il più forte impulso alle migrazioni transoceaniche. Pri15

ma che le politiche degli Stati del Vecchio Mondo incentivassero le migrazioni degli europei come strumento di colonizzazione, il popolamento dei territori fu realizzato attraverso lo spostamento coatto della manodopera indigena e successivamente di quella degli indentured servants – coloro che per pagare il costo del viaggio si mettevano al servizio di chi li trasportava in America –, dei galeotti e dei neri africani. Le migrazioni libere, durante le prime conquiste dei territori americani, furono sostenute da quegli autentici predatori di ricchezze minerarie che si confusero con gli eserciti di conquista per accedere alle mitiche risorse di oro e di argento dei paesi coloniali, nonché dai missionari cattolici che fin da allora alimentarono le migrazioni verso le nuove terre con l’intento di evangelizzare gli indigeni. Come si è già detto, le grandi potenze europee non vedevano di buon occhio un eccessivo sviluppo delle migrazioni transoceaniche, perché temevano di perdere la popolazione dei propri Stati, già abbastanza esigua. Basti pensare, al riguardo, che ancora alla fine del XVII secolo la Spagna aveva una popolazione di circa 8 milioni; negli stessi anni la Francia raggiungeva a stento i 16 milioni; l’Inghilterra non superava i 5 milioni; il Portogallo contava un milione complessivo di abitanti e i Paesi Bassi ne contavano 3. Tali cifre – soprattutto se correlate ai principi fondamentali degli Stati moderni, secondo i quali la difesa di un paese dipendeva dall’oro e da una solida fanteria – fanno capire lo scarso interesse iniziale per la colonizzazione delle Americhe a opera degli europei. Il numero degli europei che incrementarono correnti migratorie intercontinentali dopo le grandi scoperte geografiche della seconda metà del secolo XV fu quindi piuttosto contenuto. Nel secolo XVI furono poco più di 200.000 gli spagnoli che raggiunsero l’America del Sud. Verso la metà del secolo, i portoghesi giunti in Brasile furono meno di 4000. Nell’America settentrionale il primo popolamento da parte degli europei, soprattutto inglesi e olandesi, si realizzò all’inizio del XVII secolo. Flussi migratori di numero altrettanto limitato raggiunsero alcune sedi coloniali, in Asia e in Africa, o si stabilirono nelle isole e lungo le coste. Alla metà del XVII 16

secolo gli olandesi si insediarono nell’Africa australe e iniziarono il cosiddetto Treck, la penetrazione verso l’interno che solo dopo più di un secolo coinvolse un numero più imponente di uomini. La popolazione boera passò infatti dalle 168 unità del 1672 alle 15.000 del 1795. Gli insediamenti coloniali nel continente asiatico interessarono sedi come Goa e Macao, dove la colonizzazione fu realizzata dai portoghesi, e le ampie aree indiane di Bombay e Madras, dove si installarono gli inglesi. Nel Nuovo Mondo le prime penetrazioni furono realizzate dai conquistadores, che dettero l’avvio a uno scontro di civiltà le cui violenze e sacrifici in termini di perdite umane dei nativi sono famigeratamente presenti in un’ampia letteratura. Il caso più esemplare di questo tipo di colonialismo fu sperimentato dall’America spagnola, che assicurò il popolamento umano delle nuove terre con un’accanita caccia agli «Indiani». Si trattava di spedizioni dirette ad assicurare il lavoro di una manodopera del tutto gratuita sulle terre che i nativi erano stati costretti ad abbandonare. Al suo inizio la colonizzazione dell’America meridionale fu dunque realizzata con la manodopera indigena. Tuttavia, per soddisfare le esigenze produttive e commerciali dei paesi europei non bastavano neppure i bacini del reclutamento indigeno nelle Americhe. Per l’opera di popolamento e di colonizzazione si fece ricorso alla migrazione forzata degli schiavi africani. A partire dal XVI secolo si andò così costituendo un sistema economico internazionale i cui protagonisti furono i continenti atlantici e – al loro interno, con ruoli ben diversi – i vari paesi coloniali e l’Africa subsahariana, la parte meno popolata di questo continente che, proprio a causa del traffico degli schiavi, avrebbe subìto ulteriori depauperamenti demografici. Nell’ambito di questo sistema triangolare i prodotti provenienti dai paesi europei venivano scambiati, in Africa, con gli schiavi; questi, a loro volta, nei Caraibi e in Brasile si scambiavano con lo zucchero; nei mercati europei, infine, lo zucchero veniva smerciato per contropartite in valuta. Alcune regioni dell’Africa occidentale diventarono così i bacini esclu17

sivi del reclutamento coatto della manodopera nera, la famigerata «tratta atlantica». Fino alla metà del XVI secolo la zona in cui si prelevavano gli schiavi era la cosiddetta Guinea di Capo Verde, denominazione con la quale si indicava l’area compresa tra la parte a sud del fiume Senegal e la Sierra Leone. I bacini del reclutamento erano nelle zone interne; da queste aree gli schiavi venivano condotti nelle città deposito, situate nella costa del Golfo di Guinea. Il primo carico di schiavi neri arrivò in America nel 1503. Fino al 1515 gli schiavi furono comprati a Lisbona, dai portoghesi, successivamente vennero imbarcati direttamente dalla Guinea. I paesi che organizzarono il traffico furono le potenze coloniali: dapprima la Spagna, il Portogallo, l’Olanda e poi la Francia e la Gran Bretagna. Tra il 1450 e il 1600 la deportazione interessò in media circa 2500 schiavi all’anno, poi, tra il 1601 e il 1700, essa raggiunse la media annua di 18.680; infine, tra il 1701 e il 1800, il suo valore medio annuo arrivò fino alla cifra di 61.330. Furono le grandi piantagioni di zucchero le prime sedi di immigrazione degli schiavi. Nel corso del XVI secolo questi vennero deportati soprattutto a Cuba, Portorico, Santo Domingo, e in Messico. Alla fine di questo secolo e agli inizi del successivo, flussi ingenti di schiavi passarono anche per Venezuela, Colombia, Panama, Ecuador, Perù e Cile. Nel corso del XVII secolo, tuttavia, il solo Brasile, che anche in seguito resterà una delle sedi di maggiore attrazione, assorbì circa il 40% degli schiavi condotti dall’Africa. Nell’America settentrionale i primi schiavi arrivarono nella seconda metà del XVII secolo e si insediarono soprattutto nella parte meridionale del paese. Già alla fine del Settecento, tuttavia, furono emanate delle disposizioni per proibire il commercio internazionale di schiavi, nonostante la persistente presenza della schiavitù, nel paese, fino al 1865. La «tratta atlantica» raggiunse il suo apice nel XVIII secolo, quando tra le grandi potenze europee cominciarono le forti rivalità per accaparrarsi i profitti che derivavano dal traffico triangolare Europa-Africa-America. Secondo calcoli che tengono conto di tutto l’arco cronologico della deportazione, 18

dal XV secolo fino all’abolizione della schiavitù, degli oltre 9 milioni di schiavi prelevati dall’Africa, meno del 5% arrivarono negli attuali Stati Uniti; il numero maggiore fu utilizzato nelle piantagioni di zucchero dei Caraibi, mentre il 38% arrivò in Brasile. Di questi, tra il 10 e il 20% morirono durante le terribili traversate. Le migrazioni coatte degli schiavi non si limitarono alla sola direttrice americana. Un’altra tratta infame affondava le sue origini in periodi ancora anteriori e aveva come bacino di partenza l’Africa orientale. La destinazione di questi flussi erano sia le aree più vicine dell’Asia – come la penisola araba –, sia altre più distanti sedi asiatiche, come l’India e l’Indonesia, sia le più importanti città dei paesi coloniali europei. Anche nel corso dell’Ottocento, come si dirà più oltre, molti di quanti raggiunsero le sedi transatlantiche raggiunsero i nuovi paesi in condizione di semilibertà. Gli indentured workers o coolies erano i «lavoratori a contratto», prevalentemente asiatici, che nella seconda metà del XIX secolo sostituirono il lavoro degli schiavi nelle piantagioni. Spesso questi risultavano meno cari e più vantaggiosi degli stessi schiavi; gli indentured workers si impegnavano infatti a pagare le alte tariffe del viaggio in nave mediante il lavoro vincolato presso un padrone; ottenevano paghe assai contenute e non ricevevano nessuna garanzia di tutela sul lavoro. Forme non molto diverse di trasporto marittimo e di lavoro vincolato erano state diffuse, del resto, anche tra gli europei che raggiunsero il Nuovo Mondo nell’età coloniale. Questo tipo di emigrazione era tuttavia assai radicato nei movimenti interni al continente asiatico, dove già nel corso dell’età moderna i principali flussi migratori diretti verso l’area sud-orientale, il più grande bacino di attrazione, erano alimentati in massima parte dalle popolazioni indiane e cinesi. Gli emigranti indiani avevano come meta Burma, Ceylon, la Malesia britannica, le Mauritius, le Figi, i Caraibi e l’Africa orientale. Fatta eccezione per Burma, dove gli indiani venivano impiegati nella lavorazione del riso, in tutte le altre località essi erano utilizzati nelle piantagioni tropicali. I flussi migratori dei cinesi, oltre a dirigersi verso la stessa Burma e 19

la Malesia, si orientavano verso le Indie olandesi, il Siam, l’Indocina francese e le Filippine, sedi in cui questa manodopera veniva utilizzata nelle miniere di stagno, nel commercio e nell’artigianato. Piccole correnti migratorie di cinesi raggiunsero precocemente anche gli Stati Uniti, l’Australia, la Nuova Zelanda e Cuba. In definitiva, gran parte delle migrazioni intercontinentali nel corso dell’età moderna e nei primi flussi della grande emigrazione ebbero come protagonisti gli schiavi e gli indentured workers (o coolies): tra il 1451 e il 1870, il numero degli schiavi insediati nelle aree di arrivo superò i 9 milioni, quello dei coolies oscillò tra i 12 e i 37 milioni. La colonizzazione dell’America Latina e dei paesi anglosassoni al di là dell’oceano Molti studi hanno posto l’accento non solo sul forte scontro di civiltà e sulla tragica realtà dell’integrazione tra i coloni europei e la complessa e articolata realtà sociale americana, ma anche sulle profonde differenze che marcarono la colonizzazione degli europei nell’America del Nord e in quella del Sud già prima dell’indipendenza dalle rispettive madrepatrie. Le differenze non si limitarono ai più noti contributi dei vari paesi europei al popolamento delle due aree: prevalentemente britannici, ma anche olandesi e francesi, nell’America settentrionale; più marcatamente ispanici e portoghesi quelli che ebbero come teatro le grandi distese territoriali sudamericane. Le differenze si riscontrano anche nei tempi del popolamento e negli apporti quantitativi dei singoli paesi europei alla colonizzazione delle due grandi realtà geografiche. Una certa distanza si avverte del resto anche sul piano qualitativo: nelle forme della colonizzazione, nei rapporti con i paesi d’origine, nella tipologia economica e culturale dei flussi di immigrazione. Sul piano cronologico l’insediamento europeo è stato sicuramente prioritario nell’America meridionale. I primi arrivi degli inglesi nel Nordamerica risalgono infatti agli inizi del 20

XVII secolo, mentre nell’America del Sud la presenza di coloni spagnoli e portoghesi viene segnalata fin dal secolo precedente. Non solo, ma se, come è stato ipotizzato, prima dell’Ottocento le correnti migratorie europee nel Nuovo Mondo raggiunsero nel loro complesso una cifra di circa 3 milioni di persone, in gran parte provenienti dalla Gran Bretagna e dalla Penisola iberica, tra i vari paesi europei fu sicuramente il Portogallo a offrire il numero più elevato di uomini in proporzione al suo popolamento interno. Per le forme assunte dalla colonizzazione nelle due realtà americane la penetrazione europea nel Sud America si connotò soprattutto per la presenza degli eserciti e per l’intervento più diretto dei governi della madrepatria nel favorire i progetti di conquista militare, mentre nel Nordamerica le prime immigrazioni si configurarono maggiormente come il frutto di scelte individuali di tipo sia economico che politicoreligioso. Caratteristiche, queste, che non impedirono tuttavia che anche nell’esperienza nordamericana si realizzasse la conquista dei territori abitati dagli indiani attraverso una serie di guerre sanguinose e di rapine il cui risultato finale fu il quasi totale annientamento delle popolazioni native. Nella più scarsa esperienza del popolamento francese, nella parte settentrionale dell’America del Nord, furono più frequenti, benché poco incisivi, alcuni interventi dei governi per favorire l’arrivo di gruppi diretti alla colonizzazione. Quanti arrivarono sui territori degli attuali Stati Uniti furono invece i mercanti, i proprietari che avevano particolari concessioni per le terre, i profughi religiosi. Questi ultimi, in particolare, ebbero una forte influenza nell’orientare i sistemi di vita e i modelli di comportamento delle nuove società. Nell’America del Nord l’arrivo dei primi padri pellegrini inglesi, degli ugonotti dalla Francia e delle altre diaspore protestanti provenienti da diverse aree europee, impresse segni indelebili all’identità culturale e ai comportamenti collettivi del popolo americano. La conquista del West e del Far West, e il mito della «frontiera» che tanto ha segnato l’epopea del cinema statunitense, hanno avuto una matrice protestante. Nella particolare situazione in cui si vennero 21

a trovare, gli immigrati protestanti «vissero in una specie di Medioevo» in cui fu consuetudinaria la lettura della Bibbia. Le convinzioni religiose, già fervidamente perseguite in Europa, nel Nuovo Mondo si radicalizzarono. Tanto è vero che in certe sette, come in quella dei mormoni, si inaugurarono forme di vita ascetica che resero rigorosa perfino la più minuta quotidianità. Su questa matrice religiosa si innestò poi un diffuso sentimento anticattolico che già a partire dalla metà del secolo XVII alimentò misure restrizioniste nei confronti degli immigrati provenienti da paesi cattolici. Nella seconda metà del Settecento prese avvio la colonizzazione dell’Australia, l’area del Nuovo Mondo che sarebbe diventata, con caratteristiche di colonizzazione altrettanto ben definite, l’altro grande polo dell’insediamento anglosassone. Scoperta dagli olandesi già nel 1605 e «riscoperta» poi nel 1770 dal celebre esploratore inglese Cook, dopo la perdita degli Stati Uniti in seguito alla guerra di indipendenza, l’Australia diventò per l’Inghilterra una colonia penale. Furono proprio i detenuti i pionieri coatti del processo di colonizzazione di questo paese. Un processo che anche qui si realizzò mediante un conflitto con gli aborigeni e con la sottrazione delle loro terre. Nel penitenziario di Sydney, il primo nucleo di detenuti sbarcò nel 1788. Fu infatti nel corso di quest’anno che arrivarono i velieri inglesi da cui sbarcarono circa 1500 persone, accompagnate da pochi capi di bestiame per l’allevamento. Con i galeotti arrivarono le guardie del carcere, gli ufficiali, e circa 190 donne. Tra questa data e il 1830, l’isola ricevette fino a 60.000 detenuti, tutti utilizzati per il lavoro nell’agricoltura. Le persone inviate complessivamente nell’isola, tra il 1788 e il 1822, furono oltre 32.000. Tra questi soltanto 1300 erano giunti liberamente e senza avere alcuna pena da scontare.

Gli esodi di massa tra Ottocento e Novecento

Transizione demografica, industrializzazione, rivoluzioni politiche Nell’età preindustriale le migrazioni libere e volontarie – soprattutto l’intensa mobilità territoriale di vario raggio presente nell’Europa occidentale, dove i vincoli servili non incisero così a lungo come nell’area orientale – ebbero un carattere prevalentemente circolare e periodico. A partire dalla fine del secolo XVIII si realizzò un profondo mutamento non solo della durata temporale ma anche della dimensione numerica di tali flussi, all’interno dei quali acquistarono maggior peso e nuove connotazioni i movimenti transoceanici. Questi rinnovamenti furono a loro volta il risultato delle più estese trasformazioni della società tardo-settecentesca. Si trattò di trasformazioni dei movimenti naturali della popolazione – indotti dalla grande transizione demografica –, di mutamenti dell’economia e delle comunicazioni – innescati dalla rivoluzione industriale –, di cambiamenti politici – messi in moto dalle rivoluzioni francese e americana, dalla formazione degli Stati-nazione e dalle rivoluzioni liberali – e, legati a questi ultimi, di mutamenti ideologici e culturali. La transizione demografica ebbe il suo avvio in Europa, alla fine del Settecento, quando la forte mortalità che caratterizzava l’ancien régime cominciò a regredire sotto l’impulso della rivoluzione scientifica e medica e quando si affermarono nella popolazione nuovi modelli di comportamento che 23

favorirono il più equilibrato rapporto tra i tassi della natalità e della mortalità. Questo importante mutamento, che si avvertì innanzi tutto in Inghilterra e nei paesi scandinavi, dette l’avvio a una forte crescita della popolazione. Dai paesi dell’Europa nord-occidentale tale incremento si sarebbe poi spostato, tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX, all’Europa meridionale e orientale, investita più tardivamente da questa transizione e dalle trasformazioni economiche, e colpita inoltre dalle gravi ripercussioni della crisi agraria. Se la forte pressione demografica fu sicuramente uno dei fenomeni all’origine dell’incremento numerico dei flussi migratori di massa, alimentati in gran parte dalle popolazioni agricole – sotto i colpi di gravi crisi produttive e di irreversibili trasformazioni economico-sociali –, nondimeno l’industrializzazione dell’Europa occidentale – con i mutamenti che produsse nell’organizzazione dell’economia, del lavoro e della società nel suo complesso – ebbe altre rilevanti influenze su tali movimenti e sulla loro moltiplicazione, soprattutto nel corso del XIX secolo. In questi anni le spinte a emigrare furono meno direttamente influenzate dai fattori climatici e «naturali» ed ebbero un maggior legame con le crisi e i cicli dell’industria. Lo sviluppo tecnologico e le sue applicazioni ai sistemi di comunicazione ebbero inoltre l’effetto di ridurre la durata dei tempi di navigazione e di favorire l’incremento del trasporto marittimo, dando così la possibilità di accrescere notevolmente il traffico dei passeggeri e delle merci. Sui costi che l’emigrante doveva sostenere incideva infatti non solo il prezzo del biglietto, ma anche la perdita delle numerose giornate lavorative, correlata alla lunga durata del viaggio. La riduzione del numero delle giornate di lavoro «perse» dagli emigranti – dovuta alla forte contrazione dei tempi del percorso – rese meno pesante il costo complessivo del viaggio e più accessibili le partenze. Non solo, ma grazie allo sviluppo di numerose compagnie di navigazione specializzate nel trasporto dei passeggeri, trovò alimento una intensa azione di propaganda messa in opera dalle stesse società di navigazione. Oltre a insistere sulle grandi possibilità di occupazione e sull’elevato livello dei salari esistenti nei paesi 24

transoceanici – un differenziale salariale reso ancora più vantaggioso dalle incredibili capacità di risparmio e dalla scarsa propensione ai consumi degli emigranti –, tale pubblicità mise in moto ogni forma di lusinga per stimolare redditizi flussi di viaggiatori. Si innescarono così molteplici meccanismi di richiamo e di informazione che ebbero un’importanza determinante nell’avvio dei grandi movimenti di massa. Come si è detto, tuttavia, non tutti gli incentivi che ebbero un effetto moltiplicatore sulle migrazioni di questi anni si possono ricondurre al nuovo assetto demografico, alle grandi trasformazioni economiche e all’incremento della propaganda e delle informazioni. Le rivoluzioni politiche nelle colonie americane ebbero un’altra importante ripercussione sul fenomeno, non solo perché produssero le profonde e note trasformazioni di rapporti tra i paesi europei ed extraeuropei – dando l’avvio ad altre forme di colonialismo –, ma perché aprirono talora la strada a nuovi tipi di migrazioni. Certamente mutamenti rilevanti avevano investito gli imperi coloniali europei già nel corso dell’età moderna. Alle vecchie potenze – quella portoghese, spagnola e olandese – si erano andate affiancando, e talora sostituendo, la potenza inglese e quella francese. Nel corso dell’Ottocento e fino allo scoppio del primo conflitto mondiale, tuttavia, nuovi paesi – come l’Italia e la Germania – andarono ad accrescere il fronte del colonialismo, provocando una vera e propria spartizione del mondo. Una delle conseguenze del nuovo assetto internazionale fu l’inclusione di certe aree transoceaniche nei possedimenti delle colonie e il mutamento del ruolo di certi ex possedimenti coloniali. Tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX molti paesi spagnoli e portoghesi del Centro e del Sudamerica diventarono infatti sedi di immigrazione, mentre gli Stati Uniti, dopo l’indipendenza, dettero vita a forme di espansione nello stesso Atlantico e nelle aree del Pacifico. Sta di fatto che, dopo una prima lunga fase in cui la presenza europea nel Nuovo Mondo era stata caratterizzata dal «servizio coloniale» e dagli annessi mercati del lavoro, e dopo un altro periodo di migrazioni caratterizzate dall’arrivo di popolazioni non europee, si giunse a più sistematici spostamenti «di 25

forze lavoro non europee all’interno o tra colonie europee e territori interessati». Un fenomeno politico di immensa portata come la rivoluzione francese ebbe a sua volta la capacità di diffondere i nuovi principi di libertà, contribuendo a far superare le strettoie del mercantilismo e facendo penetrare una normativa ispirata alla libera circolazione delle merci e delle persone anche nella legislazione riguardante i movimenti della popolazione. Non solo, ma la rivoluzione fu anche all’origine di quelle migrazioni politiche – in questo caso dei lealisti monarchici – che sarebbero diventate la caratteristica peculiare delle diaspore del XIX secolo. Le rivoluzioni che a partire dalla prima metà del XIX secolo scossero vari paesi europei, come conseguenza delle questioni lasciate irrisolte dalla restaurazione postnapoleonica, furono infatti all’origine di quell’esodo a carattere politico – dapprima dopo le rivoluzioni negli anni Venti e successivamente dopo quelle del 1830 e del 1848 – che si può considerare l’erede delle diaspore religiose dell’età moderna. A queste correnti migratorie, che, a differenza delle diaspore religiose dei secoli precedenti, ebbero traiettorie prevalentemente europee, si andarono infine sostituendo, nella seconda metà del secolo, sia le migrazioni indotte da altri tragici eventi politici, come quelli innescati dalla Comune parigina, sia le diaspore dei «sovversivi» che dovettero abbandonare i propri paesi perché diventarono l’obiettivo delle repressioni poliziesche dei governi liberali. La «grande emigrazione» dall’Europa Al suo inizio l’emigrazione transoceanica fu appannaggio quasi esclusivo di gruppi più o meno numerosi di deportati e di avventurieri. A partire dal 1830 questi flussi migratori non ebbero più un carattere marginale, come si è detto, ma assunsero dimensioni di massa e investirono innanzi tutto l’Europa nord-occidentale per estendersi poi, nella seconda metà dell’Ottocento e soprattutto nell’ultimo decennio del secolo, all’Europa meridionale e orientale. 26

Nell’intento di fornire una visione d’insieme dei movimenti transoceanici, gli studi hanno insistito a lungo sulle differenze esistenti tra le prime e le seconde ondate migratorie. Secondo una diffusa e condivisa opinione, infatti, differenze di carattere cronologico e geografico avrebbero connotato la old migration – appannaggio esclusivo dei paesi nord-occidentali – e la new migration, fenomeno tipico dell’Europa mediterranea e orientale. Alla priorità cronologica dell’emigrazione dai paesi anglosassoni e nordeuropei, rispetto a quelli delle aree mediterranee e centro-orientali, si sarebbero poi accompagnate altre differenze di tipo qualitativo. Queste tendenze trovano sostegno nelle ricostruzioni della dimensione numerica dei flussi migratori dai vari paesi europei. Da queste stesse ricostruzioni risalta, tuttavia, che i flussi di più consistente entità numerica furono quelli in partenza dalle aree con una spiccata vocazione marittima. La tabella pubblicata nella pagina successiva mostra infatti che i paesi insulari e le zone costiere dell’Europa settentrionale (Regno Unito, Irlanda, Svezia e Norvegia) raggiunsero assai precocemente tassi di emigrazione piuttosto elevati, mentre i paesi dell’Europa centrale (Germania, Svizzera e Austria-Ungheria), a fronte di un’emigrazione che fu talora altrettanto precoce, ebbero comunque livelli numerici più bassi. E allo stesso modo i paesi costieri dell’Europa meridionale (Portogallo, Spagna e Italia) raggiunsero tassi elevati all’inizio del Novecento, mentre altri paesi dell’Europa orientale, come la Russia, che pure negli stessi anni dette vita a consistenti movimenti migratori, ebbero tassi d’esodo meno elevati. Le analisi più mirate sui singoli paesi, e soprattutto gli studi che negli ultimi due decenni hanno puntato a esaminare i contributi delle differenti aree territoriali all’interno dei flussi migratori nazionali, hanno mostrato che la precocità delle partenze transoceaniche non fu una prerogativa esclusiva della old migration anglosassone o dei paesi europei centrosettentrionali. Tale caratteristica, proprio per la presenza di molte aree costiere, fu condivisa talora anche da importanti regioni dei paesi mediterranei. Nel caso dell’Italia, per esempio, l’esperienza della Liguria rivela l’esistenza di precoci mo27

18511860

18711880

779 626 40 46 7 13 36 66 27 168 98 85 79 131 157210 184910 ... 58 122 103 15 36

18611870

1342 248 572 119 992 187 185 3259 288 327 85

18811890

527 440 791 51 1580 95 266 2149 481 205 35

18911900

274 1111 1091 53 3615 191 324 3150 911 324 37

19011910

91 418 1306 32 2194 62 402 2587 420 86 31

19111920

564 61 560 4 1370 87 995 2151 ... 107 50

19211930

1212 114 132 5 235 6 108 262 ... 8 47

19311940

618 ... 166 ... 467 106 697 7556 ... 23 11811

19411950

872 535 543 155 858 25 346 454 ... 43 23

19511960

Fonte: J.-C. Chesnais, La transition démographique. Étapes, formes, implications économiques. Étude de séries temporelles (1720-1984) relatives à 67 pays, Puf, «Travaux et documents», Cahier n. 113, Paris 1986, p. 167.

* Le cifre riportate nella tabella sono da intendersi in migliaia. 1 RFT 1941-1951 e 1951-1961. 2 1932-1936. 3 Austria solo dopo il 1921. 4 1931-1937. 5 1954-1960. 6 1946-1950. 7 Compresa l’emigrazione verso alcuni paesi europei negli anni 1941-1949. 8 E Irlanda. 9 1853-1860. 10 Non compresa l’emigrazione diretta dai porti irlandesi. 11 Compresa l’emigrazione verso alcuni paesi europei negli anni 1941-1944.

Germania1 671 31 Austria-Ungheria3 Spagna 3 Francia 27 Italia 5 Norvegia 36 Portogallo 45 Regno Unito8 13139, 10 Russia ... Svezia 17 Svizzera 6

Paese

Tab. 1 - Emigrazione fuori Europa per decennio (1851-1960)*

vimenti migratori che, già alla fine del XVIII secolo e all’inizio del XIX, avevano come destinazione le Americhe e in particolare il bacino del Río della Plata. D’altra parte, anche le differenze qualitative che sono state a lungo sottolineate tra old e new migration – la provenienza urbana e l’estrazione artigiana della prima, contrapposta alla più diffusa dequalificazione e alla esclusiva matrice rurale dell’altra –, seppure osservabili come tendenze generali, si rivelano più sfumate a un’analisi più circostanziata. A dimostrazione dell’eterogenea composizione dei primi flussi di massa dai paesi nord-occidentali, per esempio, sta il caso dell’emigrazione quasi esclusivamente rurale dall’Irlanda che, colpita dalle ripetute congiunture negative e dalla terribile carestia del 1845-49, come è noto, fu una delle maggiori responsabili dell’imponente dimensione numerica dei flussi in partenza dal Regno Unito. Allo stesso modo, come prova della non esclusiva matrice rurale o della dequalificazione delle correnti migratorie provenienti dall’Europa meridionale, stanno gli esempi di alcune migrazioni di lavoro ambulante e artigiano e delle catene professionali di certi lavori qualificati dell’edilizia che, presenti da lunga data in varie realtà montane, come si è già osservato, alimentarono i primi esodi transoceanici ampliando le traiettorie dei loro percorsi. Benché sia difficile tentare un bilancio quantitativo attendibile degli imponenti movimenti di massa messi in moto nel corso dell’Ottocento, è possibile fornire quanto meno un approssimativo quadro degli apporti percentuali dei vari paesi europei all’esodo tra il 1845 e il 1915, anni con i quali convenzionalmente si delimita la prima grande emigrazione transoceanica. In quest’arco di tempo fu sicuramente la Gran Bretagna a detenere il primato quantitativo dell’emigrazione, con circa il 40% di emigranti. Il secondo paese fu l’Italia, con il 16%, poi la Germania con il 13%. Con percentuali comprese tra il 7 e il 4% seguirono l’Austria-Ungheria, la Spagna, la Russia e i paesi scandinavi. Il paese che contribuì assai debolmente a questo forte movimento fu la Francia, nella quale il congenito basso tasso di natalità si legò alla debole pro29

pensione migratoria: una caratteristica, questa, che avrebbe rappresentato una costante nella storia di tale paese, destinato a essere fino ai nostri giorni uno dei più importanti pays d’accueil economico e politico dell’Europa. I poli transoceanici ed europei dell’attrazione Gli Stati Uniti sono stati il paese dove tra il 1840 e il 1915 si diresse il maggior contingente della migrazione europea: circa il 70%, a fronte del 10% dell’Argentina e del 5% di Australia, Canada e Brasile. Nei primi dieci anni del Novecento, di questi flussi migratori solo un terzo aveva per origine la Gran Bretagna e le altre realtà nordeuropee, mentre circa il 41% proveniva dall’Europa meridionale e il 25% da quella orientale, centro-orientale e sud-orientale. Sede numericamente privilegiata dell’immigrazione, gli Stati Uniti sono diventati anche il luogo-simbolo che ha riassunto sia la più concreta realtà dell’andare in America, sia la meno tangibile aspettativa del «sogno» americano e del mitico viaggio oltre l’oceano. A questo proposito si è già fatto cenno che le prime forme dell’immigrazione europea nella parte settentrionale del continente americano coinvolsero, tra il XVI e il XVII secolo, una maggioranza assai composita di sudditi inglesi. Nobili, mercanti e proprietari terrieri in cerca di maggiori rendimenti per le proprie ricchezze, dissidenti religiosi e politici vicini al puritanesimo si mescolarono già allora agli artigiani e alle frange di quei poveri o diseredati che, in cambio del pagamento del viaggio, si ponevano in condizioni di servitù temporanea, con la prospettiva di un riscatto sociale. Nonostante lo sfruttamento, già all’opera per la presenza di speculatori che seppero approfittare del nuovo affare offerto dalle traversate transoceaniche, l’America fu per questi «pionieri» la terra della speranza e della liberazione dalla miseria e dalla persecuzione. Alla fine del Settecento la costituzione degli Stati Uniti e il riscatto della nuova nazione dal vincolo coloniale dettero nuovo alimento a tale mito, facendo salire note30

volmente il numero di nuovi arrivi dall’Europa. All’inizio dell’Ottocento, poi, i nuovi flussi degli emigranti, cacciati dalle carestie e dalle crisi economiche, andarono a confondersi con quelli alimentati dagli esuli politici delle rivoluzioni inglese e francese. In questa prima grande emigrazione verso gli Stati Uniti sono stati distinti due periodi caratterizzati da un diverso peso numerico degli arrivi e da differenti forme di insediamento: il 1820-89, con una media annua di immigrati al di sotto dei 400.000, si distinse soprattutto per la conquista della frontiera e della colonizzazione delle terre; il 1890-1914, con una media di immigrazione annua di circa un milione, fu dominato dal lavoro edilizio, minerario e industriale. Quanto ai primi anni, va detto che la grande offerta di terre libere si era moltiplicata proprio con le conquiste territoriali delle guerre ottocentesche. Lo slittamento continuo della nuova «frontiera» della «civiltà» stimolò un’irrefrenabile conquista della terra: obiettivo nel quale si andarono a sintetizzare la simbologia della nuova nazione e l’obiettivo del «sogno americano» di tutti quegli irlandesi, inglesi e tedeschi che furono i protagonisti della prima colonizzazione europea. La successiva e più massiccia ondata migratoria, che tra il 1890 e il 1914 vide arrivare negli Stati Uniti quasi 15 milioni di emigranti provenienti dall’Europa meridionale, prese il suo avvio quando la mitologia della frontiera, della conquista di terre da civilizzare e il miraggio dell’oro erano ormai al loro punto finale. Lo sviluppo delle grandi opere infrastrutturali e la costruzione delle ferrovie richiamarono allora una crescente massa di immigrati che non avevano come destinazione privilegiata la colonizzazione delle terre. La seconda rivoluzione industriale americana, inoltre, con il suo correlato sviluppo urbano, ebbe come effetto un radicale mutamento della richiesta di lavoro immigrato; i ritmi del lavoro delle città, le differenti dimensioni organizzative e i nuovi cicli di lavorazione imponevano infatti la presenza di nuovi protagonisti. A essere richiamati non furono più gli artigiani o le altre frange di manodopera qualificata che avevano dato origine alla prima immigrazione a dominanza anglosassone: ora la 31

richiesta si diresse maggiormente verso quei lavoratori di provenienza rurale, privi di qualifiche e scarsamente radicati sul territorio, che si mettevano in marcia da molte altre sedi europee. Una manodopera, questa, che poteva essere facilmente sostituita a seconda delle esigenze dell’organizzazione industriale, delle richieste del mercato e dei livelli raggiunti dai conflitti sindacali. Nell’altro grande polo dell’immigrazione transoceanica, l’America Latina, dove l’indipendenza dalle corone iberiche fu raggiunta nella prima metà del XIX secolo, l’arrivo degli immigrati europei fu in gran parte favorito dal nuovo ruolo assunto da questi paesi nel contesto economico internazionale. Con l’affermazione della produzione monocolturale, che doveva soddisfare l’espansione della richiesta di materie prime da parte del mercato internazionale, questi paesi si trovarono ad aver bisogno di una massa crescente di manodopera. Anziché rivolgersi al mercato del lavoro interno, scardinando il controllo sociale sulla popolazione rurale locale, i grandi proprietari terrieri, soprattutto in Argentina e Brasile, preferirono ricorrere ai lavoratori stranieri per il reclutamento della manodopera salariata. L’altra esigenza da soddisfare era il popolamento, soprattutto per quei paesi come l’Argentina, il Cile, l’Uruguay e il Brasile, che erano caratterizzati da una densità demografica assai scarsa. Furono così i contadini tedeschi a insediarsi, a metà Ottocento, nelle colonie agricole di popolamento messe in moto sia dagli Stati nazionali che dalle compagnie private. Soltanto dopo il 1880 nuovi contingenti di coloni di origine prevalentemente italiana e spagnola andarono ad aggiungersi ai tedeschi. Questa prima immigrazione in America Latina ebbe per protagonisti principali i giornalieri agricoli e i lavoratori non specializzati. Tra i tedeschi e i polacchi prevalsero i piccoli proprietari cacciati dall’estensione della grande proprietà. All’interno della massa degli immigrati esistevano tuttavia delle differenze: più dediti ai lavori agricoli gli immigrati partiti con la famiglia, più attratti dalle varie attività urbane – mestieri ambulanti, costruzioni edili, lavori ferroviari – quanti giunsero da soli. Già nell’ultimo ventennio dell’Ottocento, 32

tuttavia, e con maggiore impulso all’inizio del nuovo secolo, l’immigrazione nel Nord e nel Sudamerica fu sostenuta anche dai flussi degli ebrei cacciati a più riprese dall’Europa orientale e dalla Russia, nonché dalle correnti di lavoro in partenza dalla Cina, dall’India, dal Giappone, dalla Turchia, dalla Siria e dal Libano. Tra gli altri paesi transoceanici investiti dalla grande immigrazione, la Nuova Zelanda avviò il suo popolamento solo nel 1840. In modo non diverso dall’Australia, dove gli arrivi furono tuttavia più precoci, come si è già osservato, anche qui l’attrazione derivava dalle grandi possibilità di espansione agricola e zootecnica. Per la penetrazione europea furono comunque di grande rilievo i suoi giacimenti auriferi, la cui scoperta fu una delle ragioni del vorticoso aumento della popolazione, che passò dalle poche migliaia degli anni Cinquanta dell’Ottocento agli oltre 250.000 abitanti del 1871. Benché i movimenti transoceanici abbiano rappresentato la grande dominante dei primi esodi di massa, le migrazioni interne all’Europa non furono meno rilevanti, specialmente in certi paesi. Nella seconda metà dell’Ottocento le aree di partenza dei movimenti migratori erano quelle più arretrate economicamente. Da queste zone i flussi si diressero verso i paesi già investiti da processi di sviluppo. Benché gli itinerari più seguiti fossero certamente quelli che univano l’Europa orientale e meridionale con l’occidentale, non mancarono tuttavia le osmosi di popolazione tra certi paesi, come il Belgio, che sarebbe diventato in seguito uno dei poli attrattivi dei flussi, e altri Stati limitrofi, economicamente forti, come i Paesi Bassi e la Francia. A partire dall’ultimo decennio del Novecento, nei movimenti infraeuropei il paese a più elevato tasso migratorio fu l’Italia, che solo nel periodo 1891-1913 fornì all’Europa circa un milione di emigranti. Va comunque considerato che queste cifre sottostimano un movimento nel quale era predominante la presenza di forti contingenti di lavoratori stagionali e temporanei, difficilmente quantificabili dagli osservatori statistici nazionali. Mete privilegiate di questi flussi furono la Francia e la Svizzera. E in tutta l’Europa, tra il 1860 e il 33

1930, fu proprio la Svizzera il paese a più elevata presenza straniera; nel 1910, in particolare, oltre il 14% della popolazione ivi residente era di origine straniera, mentre, nello stesso anno, la media europea non arrivava neppure al 2%. Il ruolo della legislazione: liberismo e discriminazioni etniche Dagli anni Quaranta dell’Ottocento fino alla prima guerra mondiale, salvo alcuni vincoli frapposti da alcuni paesi transoceanici già nel corso dell’Ottocento, vari Stati eliminarono i divieti imposti dal mercantilismo alla libera circolazione. Tra i paesi europei, l’Inghilterra fu uno dei primi ad aprire le frontiere. Già prima del 1830, infatti, per impedire che senza un possibile sbocco americano la popolazione della vicina Irlanda affluisse sul suo territorio, il governo inglese aveva abolito i vincoli restrittivi all’espatrio. Negli anni successivi furono erogate persino delle forme di sostegno statale per incentivare le migrazioni, mentre, nello stesso intento promozionale, si puntò anche a garantire migliori condizioni di viaggio agli emigranti. Dopo l’Inghilterra furono i paesi scandinavi a varare legislazioni più permissive, a partire dal decennio successivo; mentre la Francia, con il suo pur debole contributo all’emigrazione, emanò provvedimenti in favore degli emigranti già nel corso degli anni Sessanta. Più tardivi furono i provvedimenti liberistici nelle altre realtà europee. Nell’Europa centro-orientale, per esempio, la Germania adottò normative più liberali solo dopo la formazione della Confederazione della Germania del Nord, avvenuta nel 1867, mentre l’Ungheria e l’Austria ebbero una legislazione ancora più tardiva, al pari della Russia. In questi tre paesi, infatti, il diritto di emigrare fu riconosciuto solo alla fine dell’Ottocento. Nell’Austria del Settecento, in particolare, l’emigrazione era considerata addirittura un «tradimento» e per questo veniva perseguita dalle leggi. Anche in seguito, quando già erano avvenuti i primi cambiamenti, la partenza era permessa soltanto dopo l’adempimento degli obblighi di 34

leva e solo se gli emigranti potevano far fronte al costo del viaggio. In Russia, dove i vincoli feudali erano una pesante realtà ancora negli anni Sessanta, dopo l’approvazione di leggi più liberali in materia di emigrazione furono conservate comunque alcune restrizioni di carattere amministrativo; per emigrare occorreva infatti un’esplicita autorizzazione delle autorità locali. Nell’Europa meridionale la legislazione liberistica fu introdotta a partire dall’ultimo ventennio del secolo, quando il fenomeno migratorio cominciò ad assumere livelli quantitativi più elevati. In questi paesi, tuttavia, le norme restrittive e gli interventi polizieschi furono presenti a lungo anche nelle nuove legislazioni. In Spagna, per esempio, alla fine degli anni Novanta i maschi che avevano un’età compresa tra i quindici e i quarant’anni potevano emigrare solo se avevano ottenuto il congedo militare o dietro il pagamento di una somma di denaro. In Italia – dove l’esodo raggiunse i tassi più elevati d’Europa già nell’ultimo decennio dell’Ottocento – dopo una prima legge organica approvata nel 1888 ma ancora limitata, scarsamente incisiva e ispirata a una concezione poliziesca del controllo degli emigranti, soltanto nel 1901 fu varata una normativa liberale e aperta anche a forme di tutela e di assistenza. Essa, che restò la base legislativa almeno fino alle limitazioni e alle trasformazioni imposte dal fascismo, non solo riconosceva il diritto di emigrare, ma affidava a un organismo amministrativo, il Commissariato generale dell’emigrazione, tutte le funzioni statali in materia di emigrazione. Anche al di là dell’oceano gli anni della grande emigrazione furono caratterizzati da un prevalente liberismo. In America Latina, in particolare, nel corso del XIX secolo tutti i paesi usarono l’immigrazione come mezzo per risolvere i propri problemi economici e sociali interni ed esterni. In certi casi il varo di leggi dirette a favorirla iniziò già nella prima metà dell’Ottocento: questo accadde in Brasile, dove una prima legge fu promulgata nel 1808, e in Perù, dove la prima legge risaliva al 1832. La maggior parte dei paesi, tuttavia, dette l’avvio a una legislazione permissiva nella seconda metà del secolo. Questa normativa non solo fu particolarmente aper35

ta, ma incluse anche l’adozione di incentivi diretti da parte dello Stato. In Argentina – dove tra il 1857 e il 1926 gli immigrati provenivano in massima parte dalla Spagna e dall’Italia, e rappresentavano l’80% dell’intera popolazione – una legge del 1876 garantiva il trasporto gratuito degli immigrati e una forma di assistenza. Lo stesso incentivo fu adottato in Brasile, dove, tra il 1888 e il 1938, giunsero 4 milioni di europei. Per far fronte all’abolizione della schiavitù, decretata nel 1888, il governo promosse l’arrivo di nuclei familiari da utilizzare nelle piantagioni di caffè prevedendo il trasporto marittimo gratuito fin dal 1884. Una legislazione in favore dell’immigrazione fu varata da altri paesi latinoamericani tra la fine degli anni Ottanta del XIX secolo e il primo decennio del XX: l’Ecuador iniziò nel 1889, il Venezuela nel 1894, il Costa Rica nel 1896, il Paraguay nel 1903, la Bolivia nel 1905, l’Honduras nel 1906, il Guatemala nel 1909. La situazione nei paesi del Nordamerica e in Australia mostra alcune peculiarità legislative fin da questi anni di più aperto liberismo migratorio. Negli Stati Uniti – dove, tra il 1860 e il 1885, nove immigrati su dieci erano europei –, nonostante il prevalente clima liberistico internazionale e la sostanziale apertura ai flussi migratori – necessari per lo sviluppo infrastrutturale e industriale del paese –, già nel corso dell’Ottocento furono introdotte delle limitazioni dirette a discriminare certi gruppi di popolazioni, soprattutto quelli provenienti dall’Asia. Dapprima nel 1847, in occasione di un’epidemia di tifo, e poi in seguito, tra il 1891 e il primo decennio del Novecento, per far fronte ad altre epidemie, o per giustificare le discriminazioni con motivazioni sanitarie, furono adottati vari provvedimenti che limitavano l’ingresso a certi gruppi etnici. La politica nei confronti dei cinesi, in particolare, risentiva di un’interna contraddizione: da un lato la popolazione gialla, con le sue basse richieste salariali, rappresentava una risorsa utilissima per la costruzione delle ferrovie, che trovò un forte impulso soprattutto a conclusione della guerra civile. In questa prospettiva, nel 1868, fu liberalizzato l’accesso alle popolazioni cinesi. A partire dal 1882, tuttavia, discrimi36

nazioni assai esplicite – come il Chinese Exclusion Act – investirono in varie occasioni gli immigrati orientali, che diventarono l’oggetto privilegiato della già diffusa xenofobia, fomentata dalla crescente presenza di stranieri connotati da una maggiore diversità etnica e culturale. Anche in Canada furono presi provvedimenti analoghi a quelli degli Stati Uniti. Tra il 1820 e il 1915 arrivarono in questo paese circa 4 milioni di immigrati, di origine prevalentemente anglosassone, verso i quali non fu emanata alcuna legge restrittiva. Come negli Stati Uniti, i primi provvedimenti per contenere l’ingresso degli stranieri furono presi contro i cinesi, con leggi risalenti al 1885. Le misure nei confronti di gruppi etnici non provenienti dalla Gan Bretagna furono ancora più drastiche in Australia, il paese che tra il 1860 e il 1920 accolse oltre 4 milioni di immigrati a prevalente componente anglosassone. A partire dal 1901 varie leggi a carattere restrittivo furono promulgate non solo nei confronti dei cinesi e dei neri, ma anche dei bianchi che non avevano un’origine britannica e giungevano dall’Europa orientale e meridionale. Migrazioni interne, movimenti intercoloniali e grande emigrazione in Asia e in Africa Nella prima espansione coloniale i flussi migratori trovarono sostegno nei circuiti del personale legato alla navigazione e ai porti, agli ambienti militari e amministrativi, nonché agli ordini religiosi dei missionari. Il segno distintivo dei primi periodi di espansione fu la costituzione di vere e proprie colonie di insediamento europeo. Esemplare, tra queste, è considerata la penetrazione inglese in Australia e in Nuova Zelanda. In altri casi – come nell’Algeria francese, nella Rhodesia, nel Kenya e nel Sudafrica inglesi, nonché nell’Africa sud-occidentale tedesca – per la colonizzazione fu utilizzata, invece, da parte dei bianchi, la manodopera indigena locale. Con lo sviluppo dell’espansione coloniale si realizzò una sempre più estesa circolazione di questa manodopera indigena all’inter37

no degli spazi coloniali. Tali movimenti assunsero spesso i caratteri della coercizione perché avevano per protagonisti, nella nuova veste di lavoratori salariati, quanti erano stati costretti a lasciare i propri territori in seguito alla penetrazione europea. Questo tipo di emigrazione coatta diventò poi dominante nella seconda metà del XIX secolo, come si è già avuto modo di osservare: l’utilizzazione dei lavoratori coloniali a contratto diventò allora un fenomeno di massa non solo all’interno dei paesi coloniali, in Asia e in Africa, ma anche nel più ampio circuito delle migrazioni transoceaniche. Nel vecchio continente asiatico i movimenti migratori erano un fenomeno molto antico: migrazioni circolari come quelle interne all’Europa preindustriale interessavano soprattutto le attività pastorali; altrettanto diffuse erano quelle che avevano come meta i centri urbani. Non diversamente da quanto accadeva nell’Europa preindustriale, tali movimenti avevano per protagonisti sia le popolazioni rurali sia altri ceti sociali dediti al commercio. Nella Cina della dinastia ming, per esempio, le città crescevano soprattutto per il contributo delle popolazioni rurali, mentre nel Sud-Est asiatico, nel corso del XVI e del XVII secolo, lo sviluppo della ricca rete urbana subiva l’influenza delle variazioni dei commerci internazionali. Fin da questi anni i flussi migratori in Asia ebbero come protagonisti principali le popolazioni indiane e cinesi. Già prima della penetrazione coloniale la meta privilegiata di questi movimenti migratori era stata l’area antistante l’Oceano Indiano. Le migrazioni degli indiani verso Est e dei cinesi verso Sud contribuirono a «modellare» le culture delle nazioni del Sud-Est asiatico. La diaspora cinese, in particolare, svolse un importante ruolo economico in quest’area già nel corso dell’età moderna. Come affiora da diversi studi recenti, infatti, si trattava di un’emigrazione di provenienza urbana e foraggiata da un’élite economica, politica e militare. A partire dal XV secolo essa si estese a varie aree portuali e coinvolse in massima parte gli addetti alle attività marittime e artigiane. Fu soprattutto nella metà dell’Ottocento che l’emigrazione delle popolazioni cinesi assunse dimensioni di massa e 38

coinvolse più ampi strati di popolazioni rurali, sotto la spinta di diversi fenomeni concomitanti: le due guerre dell’oppio e la rivolta dei Taiping, che fino al 1865 devastarono le province del Sud, provocando distruzioni e carestie; l’abolizione della schiavitù in varie colonie, nel corso della prima metà del XIX secolo; e soprattutto lo sviluppo di nuove colonie inglesi, olandesi e francesi, come l’Indocina, la Malesia, l’Indonesia e Singapore, che richiesero una fortissima domanda di lavoro nelle piantagioni tropicali e nelle miniere. Il risultato di questo insieme di mutamenti fu la nascita di quel già richiamato coolie trade da parte delle potenze coloniali per lo sviluppo dei territori di loro dipendenza. I cinesi reclutati con questo sistema erano contadini senza terra e frange di poveri provenienti dalle aree meridionali. È stato calcolato che tra il 1876 e il 1901 i cinesi transitati attraverso i porti meridionali del paese siano stati ben 4.850.000. All’inizio del Novecento l’emigrazione cinese nel suo complesso ammontava a circa 8 milioni di persone, la maggior parte delle quali emigrate nella stessa Asia e nei paesi della costa cinese meridionale. Negli stessi anni migliaia di cinesi si riversarono anche nelle isole dell’Oceano Indiano e del Pacifico, mentre altre centinaia di migliaia raggiunsero le coste orientali del Pacifico, il Canada, il Cile, i Caraibi. Nella sola Cuba, per esempio, i cinesi erano 120.000. Si è già accennato alla presenza dei cinesi negli Stati Uniti e alle politiche di discriminazione di cui essi furono oggetto in questo paese, nonostante l’importante contributo fornito per la costruzione delle infrastrutture. Neppure in America Latina i coolies cinesi riuscirono a penetrare facilmente. Se l’immigrazione cinese ebbe un certo rilievo soprattutto in Perù, i coolies – nonostante i vantaggi che potevano apportare ai grandi proprietari di questi paesi, con il loro ruolo intermedio tra gli schiavi e i lavoratori salariati – non trovarono una grande utilizzazione né in Brasile né in Argentina. Nelle sue traiettorie principali la geografia delle migrazioni dei cinesi si mantenne pressoché immutata negli anni successivi, anche dopo le numerose trasformazioni subite dai flussi migratori nel mondo contemporaneo. I principali assi 39

di queste migrazioni furono infatti da un lato le province del Sud, da dove partiva la maggior parte degli emigranti, e dall’altro le zone dove confluivano i flussi: in massima parte il Sud-Est asiatico, ma anche le vecchie aree della schiavitù, e il Nuovo Mondo. Il massiccio reclutamento di manodopera che sostenne i movimenti intercoloniali investì anche la popolazione indiana, come si è detto. Durante l’occupazione inglese, in particolare, gli indiani subirono un incremento numerico non accompagnato da adeguati miglioramenti economici e sociali. In questa condizione essi furono coinvolti in un movimento migratorio diretto dapprima verso l’interno e verso paesi vicini, come la Birmania, e poi al di fuori del continente asiatico. Dopo l’abolizione della schiavitù nell’impero britannico, sancita nel 1838, anche queste migrazioni si diressero verso le altre sedi coloniali inglesi, dove i nuovi lavoratori sostituirono gli schiavi. È stato calcolato che nei cento anni compresi tra il 1830 e il 1930 gli emigranti indiani siano stati 6 milioni, la maggior parte dei quali presenti in altre aree della stessa Asia. Quanto al Giappone, alle più tradizionali migrazioni di media distanza dirette dapprima verso i territori cinesi e poi in tutta l’area del Sud-Est, andarono a sovrapporsi movimenti transoceanici di maggiore ampiezza, soprattutto dopo il 1868, data di avvio del processo di modernizzazione del paese e delle migrazioni transoceaniche. Nel corso del 1868, infatti, 150 giapponesi, reclutati da un impresario americano, raggiunsero le isole Hawaii per lavorare nelle piantagioni di zucchero. Fu tuttavia nel 1885 che iniziò l’emigrazione di massa dalle isole del Giappone: un accordo tra questo paese e il governo delle Hawaii prevedeva infatti che, a partire dal 1885, 29.000 giapponesi venissero occupati nelle locali piantagioni di zucchero. Una forte spinta alle migrazioni fu data in Giappone dal consistente e rapido aumento demografico: il 78% tra il 1872 e il 1922. In assenza di un adeguato assorbimento della manodopera nei settori economici nazionali, tale aumento spinse i governi locali a ricorrere a politiche di incentivazione nei 40

confronti dell’emigrazione, tanto che nel 1893 fu istituito un apposito organismo per l’emigrazione. I flussi migratori giapponesi si diressero in grande misura verso gli Stati Uniti (50.000 emigranti nel 1904, 100.000 nel 1908) e verso le isole Hawaii. Nelle aree coloniali del Pacifico, come le Figi, le Hawaii, la Nuova Caledonia, il crollo demografico della popolazione indigena – che anche qui, come era già accaduto per gli indiani d’America, per le tribù africane e per gli aborigeni della Nuova Zelanda, fu indotto dalle conseguenze distruttive della colonizzazione – fu fronteggiato con nuovi arrivi. Con la fine del XIX secolo, i tassi demografici di alcune di queste aree del Pacifico cominciarono infatti a ridimensionarsi in seguito all’arrivo di flussi migratori provenienti non solo dall’Europa, ma anche dall’India, dalla Cina e dal Giappone. I giapponesi, in modo particolare, nel primo ventennio del Novecento contribuirono all’incremento della popolazione delle Hawaii facendo quasi raddoppiare il numero degli abitanti, che passarono così dai 125.000 del 1900 ai 320.000 del 1920. Flussi migratori giapponesi si diressero anche verso le aree latinoamericane: in Perù, dove nel 1899 furono arruolati per lavoro quasi 800 uomini, e in Brasile, dove i giapponesi si diressero nel primo decennio del Novecento, dopo la chiusura delle frontiere americane ai propri connazionali. I movimenti migratori in Africa rivelano un andamento assai discontinuo. In questo continente migrazioni interne simili a quelle presenti nell’Europa dell’ancien régime interessarono una porzione assai limitata del territorio: si trattava di alcune aree circoscritte alla parte nord-occidentale – dove le antiche città situate in prossimità del Nilo costituirono dei precoci poli di attrazione – e di altre porzioni territoriali dell’estremo lembo nord-orientale, dove la mobilità interna interessò sia le aree montane sia i centri della più antica civiltà urbana del Maghreb. Il più massiccio contributo delle popolazioni africane ai movimenti migratori fu tuttavia quello fornito dall’area subsahariana durante la tratta atlantica degli schiavi, come si è detto. Questo movimento ebbe ripercussioni così distruttive sul piano demografico – perché non solo trasse origine dalle 41

aree meno popolate del continente, ma coinvolse la popolazione maschile in età riproduttiva – che dall’Africa movimenti migratori di grandi dimensioni riprenderanno solo in anni assai più recenti. Certo, nel periodo espansivo del colonialismo anche in questo continente le grandi potenze europee utilizzarono la manodopera indigena, saldando le migrazioni circolari interne alle esigenze del lavoro imposto dallo sfruttamento coloniale. Tali movimenti, ai quali gli africani furono assoggettati con il ricorso alla forza da parte dei colonizzatori e che comportarono un elevato costo in termini di vite umane, furono tuttavia prevalentemente interni al continente. Negli anni della grande emigrazione le correnti migratorie transoceaniche degli africani seguirono talora una traiettoria inversa a quella predominante nel quadro internazionale. Alcuni flussi migratori si diressero infatti verso la stessa Africa e furono il frutto diretto del «ritorno» degli schiavi neri da vari paesi, dopo l’abolizione della schiavitù, nel corso del XIX secolo. Provenienti in massima parte dall’America del Nord, ma anche dal Brasile e dai Caraibi, tali flussi ebbero come destinazione principale l’Africa occidentale, ma si orientarono anche verso quella del Sud e il Corno. Dal Brasile, in particolare, dopo l’abolizione della schiavitù, nel 1888, migliaia di ex schiavi neri raggiunsero il continente, per stabilirsi lungo la costa della Nigeria, nel Dahomey, nel Togo e nella Costa d’Oro. Negli stessi anni i flussi migratori interni al continente non solo furono sorretti dai più diffusi spostamenti intercoloniali – che in certi casi, come nei territori sudafricani contesi dagli inglesi e dai boeri, ebbero per protagonisti i cinesi e gli indiani, oggetto anche qui di legislazioni discriminatorie restrittive –, ma furono stimolati dalla redistribuzione della stessa popolazione africana. Dapprima prevalentemente stagionali, e poi più duraturi, alla fine degli anni Venti del Novecento tali movimenti arrivarono a coinvolgere annualmente 200.000 persone. Si trattava di lavoratori che dalla savana raggiungevano la Costa d’Oro o la Nigeria. In questo caso i flussi dell’Africa subsahariana non avevano per destinazione 42

le piantagioni o le miniere, ma i primi centri urbani. Anche in quest’area cominciavano infatti a crescere le città e iniziava qui, come nel resto del mondo, un tipo di inurbamento destinato a ingigantirsi nel secolo successivo. Mentre infatti nell’Africa tropicale, fatta eccezione per la Nigeria, nel corso del 1880 le città contavano 80.000 abitanti, cinquant’anni dopo la popolazione urbana arrivò a superare le 500.000 persone. Catene migratorie, reti sociali, processi d’integrazione L’indiscutibile novità della grande emigrazione e le sue dimensioni di massa – fenomeni correlati allo sviluppo dell’economia atlantica e alle grandi trasformazioni politico-economico-demografiche dell’Ottocento – non debbono far trascurare il ruolo essenziale che nello stimolo di questi flussi, come in quello della precedente mobilità territoriale, svolsero le spinte individuali, i progetti familiari e le reti informali messe in moto dagli stessi protagonisti dell’esodo. I flussi migratori furono orientati da sistemi di relazioni stabiliti a distanza attraverso le precedenti esperienze migratorie e attraverso le informazioni-scambi di notizie che innescarono reiterati meccanismi di richiamo e di collegamento interpersonale tra gli emigranti. Spesso tali legami si cementarono su quei rapporti professionali e di mestiere che erano stati alla base di una consolidata tradizione migratoria e avevano dato origine a una sedimentata «cultura della mobilità». Esistono oggi molti studi che permettono di analizzare le caratteristiche dei meccanismi di richiamo personali, la continuità temporale di certe migrazioni professionali tra età moderna e contemporanea, la loro saldatura con le migrazioni di massa e la loro articolata presenza in situazioni storiche e latitudini geografiche assai distanti. A questo proposito si è già potuto osservare come la vocazione alla mobilità assimilasse certe categorie professionali tanto nel continente europeo dell’ancien régime quanto nei più antichi e lontani imperi orientali. In Asia, in particolare, si è appena fatto cenno alla radicata presenza di flussi migratori nell’area meridionale del 43

paese, flussi ai quali si aggiunsero i ben più vasti movimenti ottocenteschi dei coolies. Nelle aree settentrionali della stessa Cina sono state individuate altre correnti migratorie che rivelano l’esistenza di movimenti «spontanei» che nel corso del tempo mantennero le stesse caratteristiche, seguendo i percorsi geografici segnati da un’antica esperienza di mobilità professionale e ampliandoli nel corso dell’Ottocento sulla base dei richiami del lavoro esercitato. Il caso dei Qingtian, il cui nome deriva dalla città di provenienza, situata in un’area montuosa della Cina del Nord, rappresenta in tal senso un interessante esempio della continuità delle consuetudini migratorie basate sull’esercizio del commercio. La rete di queste migrazioni, che alla fine del XIX secolo coinvolse alcune centinaia di persone in varie parti d’Europa, fu attivata da venditori ambulanti giunti dalla Cina attraverso la Russia. Già nel corso del XVII e XVIII secolo questi mercanti raggiungevano la Siberia per dirigersi verso Mosca e Berlino, dove smerciavano le pietre dure, la mercanzia che costituiva l’unica risorsa dell’area montana di provenienza. Nella seconda metà del XIX secolo i Qingtian erano presenti in Italia, in Francia, in Germania, in Russia e nell’America del Nord. A differenza delle correnti meridionali, che furono attratte dagli spostamenti intercoloniali, queste migrazioni rivelano la loro caratteristica di imprese individuali basate su reticoli migratori spontanei sorretti dal commercio e dalla tradizione del colportage. Una tradizione che – dapprima alla fine dell’Ottocento, poi negli anni Trenta e infine nella seconda metà del Novecento – fu all’origine del successivo insediamento in un’amplissima rete di sedi europee. Sono ben più noti gli esempi di correnti professionali che in Europa mostrano l’analoga importanza di questa consolidata cultura della mobilità e delle persistenti reti di richiamo che diressero gli emigranti anche nei più massicci movimenti europei di fine Ottocento e nei nuovi flussi transoceanici. Anche qui fu sulla già descritta esperienza dei colporteurs delle varie aree montane – venditori di libri, di pietre, di minute mercanzie di vario genere e qualità –, su quella di certi me44

stieri ambulanti e delle attività artigiane, nonché su quella dei lavori legati all’edilizia, che si innestarono i flussi di più ampie dimensioni di fine Ottocento. Tra questi, il caso degli edili delle aree alpine italiane è stato particolarmente approfondito dalla storiografia e ha rivelato come – dal movimento più ristretto di certe categorie qualificate e richieste, come quella degli scalpellini, che seguirono percorsi interni ed europei già nel corso dell’ancien régime – si andasse sviluppando un’ondata di ben più ampie dimensioni sotto l’impulso della costruzione delle infrastrutture e delle grandi opere pubbliche messe in moto dall’espansione industriale sia in Europa sia nei paesi al di là dell’oceano. Il momento di grande ampliamento di questa attività fu infatti l’età delle ferrovie e delle opere infrastrutturali, che in America si intrecciò con l’epopea del West, mentre nel Vecchio Continente si legò alla costruzione di gigantesche reti ferroviarie tra l’Europa orientale e l’Asia – come la mitica Transiberiana tra Mosca e Vladivostok – e all’ancora più colossale realizzazione dei grandi trafori alpini. Sulla base di questi molteplici legami di lavoro si crearono solide catene migratorie che servirono agli emigranti per ottenere le informazioni necessarie a risolvere i problemi del trasporto, dell’alloggio e dell’occupazione, attirandoli nei centri dove esistevano precedenti insediamenti. Questi meccanismi permisero agli emigranti di raggiungere i mercati del lavoro più attraenti, di conoscere le opportunità offerte dalle leggi in materia di immigrazione nei vari paesi e di insediarsi più stabilmente – talora con minori difficoltà – sia nelle più vicine e affini realtà europee, sia nelle più remote ed estranee sedi americane. Le esperienze più note di catene migratorie professionali sono sicuramente quelle appena descritte, alimentate esclusivamente dalla popolazione di sesso maschile. Proprio per questa separazione dei sessi – resa assai rigida dalle lunghe assenze degli uomini –, nelle società di partenza si costituì un’organizzazione familiare e sociale connotata da una differenziazione di «genere» molto più marcata di quella già dominante nelle società rurali europee. Tale costume finì infat45

ti per femminilizzare le società dove questo tipo di emigrazione era sedimentato da una lunga tradizione, consentì talora l’affermazione di una maggiore autonomia femminile nella divisione gerarchica della famiglia e favorì persino l’accesso delle donne alla gestione dei patrimoni domestici – sia fondiari sia finanziari – generalmente non riconosciuta nelle tradizioni giuridiche e nei costumi consuetudinari di molte realtà rurali. La prevalente componente maschile delle catene migratorie del lavoro mercantile e artigiano non deve tuttavia nascondere il fatto che anche le donne contribuirono alla formazione di correnti migratorie di tipo stagionale e temporaneo. Questa emigrazione femminile è stata a lungo sottovalutata anche per la difficile rilevazione statistica che distingue ogni forma di esodo temporaneo e qualsiasi attività economica femminile. La presenza delle donne nei movimenti migratori è stata perciò considerata come una pura testimonianza dell’esodo definitivo delle famiglie o come semplice risultato dei ricongiungimenti familiari. In realtà, le donne hanno partecipato alle migrazioni di lavoro fin dall’età moderna, e non solo nell’ambito del life-cycle-servants. Si è già osservato, al riguardo, come la pratica del servizio domestico, del cucito e della tessitura, abbia alimentato migrazioni femminili di ampio raggio territoriale in alcune realtà dell’Europa settentrionale già durante il XVII secolo. Nel corso dell’Ottocento e all’inizio del Novecento correnti migratorie di domestiche, contadine, balie e tessitrici seguirono altri percorsi territoriali sia all’interno dei singoli Stati, sia al di là dei confini nazionali. Il settore in cui si registrò la più alta presenza di movimenti migratori femminili, dopo quello dei servizi domestici, fu quello tessile. Nelle aree del confine alpino italiano questi movimenti di donne diretti verso le manifatture francesi, svizzere e austriache aprirono itinerari e richiami che produssero una informal work culture dalle caratteristiche non molto dissimili da quella osservata nei lavori maschili itineranti e nell’edilizia. Coinvolte nella estesa mobilità territoriale interna, che già nell’ancien régime si dirigeva verso le filande seriche di molte vallate dell’arco al46

pino occidentale e orientale, durante la seconda metà dell’Ottocento queste correnti di lavoro si spostarono verso le attività industriali delle limitrofe realtà transalpine, dove le spinse la crisi della sericoltura italiana. Questi flussi, costituiti da donne di varie fasce d’età, si distinguevano per le funzioni egemoni delle «maestre», figure-chiave dell’organizzazione del lavoro itinerante, che, a partire dai rapporti intessuti sul piano locale per il reclutamento della manodopera, stabilirono duraturi legami con le dirigenze degli opifici serici situati al di là dei confini. Con queste imprese le operaie stipularono dei reiterati contratti a distanza, che prevedevano il proprio ingaggio e la mediazione per il reclutamento della manodopera apprendista. Si trattava, insomma, di un’organizzazione non diversa da quella sperimentata dagli uomini nell’artigianato, nel commercio e nell’edilizia. E in modo non dissimile da questa, anche l’organizzazione del lavoro temporaneo femminile aprì talora la strada a un più duraturo inserimento nelle nuove sedi di lavoro. Lo studio delle catene migratorie risale agli anni Cinquanta del Novecento ed è stato realizzato da ricercatori australiani a partire dall’esperienza degli italiani, con una forte enfatizzazione della funzione esercitata dai legami di tipo familiare. Da allora ricerche condotte in varie aree di emigrazione e di immigrazione hanno approfondito le dinamiche di questi sistemi di relazione soffermandosi maggiormente su altri ambiti di aggregazione delle catene: territoriali, professionali e ancora parentali. Negli ultimi vent’anni, in particolare, alle indagini è stato conferito un notevole impulso sia nei più importanti paesi di immigrazione, sia in molte aree nazionali, regionali e locali di partenza, dove l’approfondimento di queste relazioni ha permesso di cogliere l’eterogenea composizione sociale degli emigranti, i differenti contributi maschili e femminili, le articolate progettualità che stavano alla base della decisione individuale e familiare di emigrare, i diversi esiti economici delle migrazioni, le differenziate forme dell’insediamento nelle nuove sedi di arrivo. Queste ricerche, insomma, hanno permesso di analizzare più a fondo l’esperienza dell’emigrazione esaminandone le traiettorie dalla par47

tenza all’arrivo, leggendone l’interna ciclicità, la non univocità dei percorsi e degli esiti, mettendo così in discussione alcuni noti e consolidati modelli sociologici elaborati a partire dall’osservazione esclusiva delle realtà di arrivo. Basate sull’esperienza di grandi realtà di immigrazione transoceaniche – come la società statunitense, quella australiana e quella argentina –, queste analisi identificavano di fatto l’integrazione degli immigrati nelle nuove società con l’assimilazione ai comportamenti delle popolazioni autoctone. A questo modello sono riconducibili infatti alcune delle più note tipologie dell’integrazione degli stranieri nelle grandi realtà di immigrazione – dal celeberrimo melting pot statunitense, al crisol argentino – che, con metaforiche immagini ispirate alla pentola e all’amalgama dei vari ingredienti del suo contenuto, ipotizzavano un’ottimistica fusione delle culture immigrate con quella nativa, stabilendo poi, di fatto, la supremazia della cultura dominante degli autoctoni su quella degli immigrati. Come reazione a questi dibattuti modelli dell’adattamento, gli studi sulle catene migratorie – proliferati anche sulla scia di orientamenti culturali che attribuivano maggiore importanza alle differenti esperienze etniche – hanno posto in maggior rilievo il peso delle relazioni sociali originarie che gli immigrati utilizzavano per inserirsi nei nuovi contesti. Nell’intento di dare maggiore visibilità a comportamenti che i modelli assimilazionisti tendevano a cancellare, queste indagini hanno finito talora per assolutizzare il ruolo svolto dai legami parentali ed etnici tanto nell’orientamento geografico e nell’insediamento spaziale e professionale degli immigrati, quanto nell’organizzazione familiare e sociale. La separazione nei «villaggi urbani» dei differenti gruppi nazionali – le note Littles Italies delle città statunitensi e gli altri ghetti etnici presenti nella stessa realtà nordamericana –, le scelte matrimoniali (di tipo endogamico), l’organizzazione della vita domestica e quotidiana nel suo complesso, scandita secondo le gerarchie interne tradizionali e costellata di cerimoniali consuetudinari, le forme della socialità, della religiosità e i comportamenti politici – spesso del tutto interni al gruppo 48

etnico –, l’organizzazione della vita privata e pubblica degli immigrati nel suo complesso, insomma, sono state interpretate come scelte volte a rinsaldare i vincoli e le relazioni originarie senza sostanziali aperture verso l’esterno. Grazie alle maggiori consapevolezze che gli studi hanno raggiunto più di recente (sotto la spinta di indagini che mettono a confronto le esperienze di differenti gruppi nazionali di immigrati o analizzano l’integrazione degli stranieri in diversi contesti e in differenti fasi storiche) è possibile una valutazione più articolata dei percorsi migratori e dei loro esiti. Per la maggiore attenzione che si presta oggi all’esperienza soggettiva degli emigranti, alle strategie individuali, all’integrazione delle varie generazioni degli immigrati, si va infatti ridimensionando il ruolo delle catene migratorie. Particolarmente esplicativi, a questo proposito, si sono rivelati gli studi che hanno analizzato l’integrazione economica di certi gruppi etnici esaminando i percorsi di mobilità sociale degli stranieri, ricostruendo le caratteristiche del «successo» economico raggiunto all’estero, esaminando la formazione di sistemi imprenditoriali di varie dimensioni. Su questi fenomeni esiste ormai una nutrita letteratura che dagli Stati Uniti si è estesa poi alle realtà latinoamericane e a quelle europee. Questi studi consentono di ripercorrere sia gli itinerari seguiti dai primi gruppi di immigrati europei nella costruzione di pionieristiche attività economiche, sia i numerosi casi di business etnico riscontrati tra le varie nazionalità asiatiche e ispanoamericane giunte all’estero in differenti ondate migratorie. Ed è anche alla luce di queste indagini che i percorsi dell’integrazione si profilano in modo meno meccanicistico e più articolato. Se è infatti riscontrabile che l’emigrazione è servita talora a rinsaldare i vincoli originari, sostenendo e favorendo i processi d’insediamento e di mobilità sociale, nondimeno essa risalta come l’occasione che ha maggiormente consentito l’apertura dei suoi protagonisti verso nuovi obiettivi e nuovi interlocutori. Si sta profilando, insomma, sotto l’impulso di nuove e più mirate ricerche, come sia stato l’uso articolato, da parte degli immigrati, non solo dei networks sociali originari, ma delle relazioni stabilite nel49

le nuove società di arrivo che ha agevolato l’integrazione nel tessuto economico e sociale delle società di accoglienza. Tali fenomeni sono ancora più palesi se si esamina l’esperienza delle generazioni nate e cresciute all’estero. A questo proposito c’è infatti da dire che l’insediamento stabile di interi nuclei familiari caratterizzati dalla presenza di differenti generazioni ha sicuramente favorito un più compiuto processo di integrazione, mettendo in moto fenomeni più marginali in altri tipi di emigrazione: per esempio in quella temporanea, caratterizzata dai continui turnover degli emigranti con i propri paesi d’origine. Oltre a garantire un maggiore radicamento nelle nuove sedi di residenza, la presenza delle famiglie ha costituito la base per un’integrazione che non si è limitata al solo ambito economico, ma si è aperta anche ai diversi spazi della vita sociale. Quanto risulta dallo studio del comportamento delle differenti generazioni di immigrati nelle sedi di più antica immigrazione, per esempio, rivela il ruolo centrale che le esperienze scolastiche e le relazioni sociali delle nuove generazioni hanno avuto non solo nel facilitare l’inserimento nelle varie maglie della società di accoglienza o nello stimolare il personale percorso di mobilità sociale, di successo economico e di mutamento di status, ma anche nello stimolare l’apertura delle vecchie generazioni alla comunicazione con la nuova società. Pur senza trascurare il peso della conflittualità intergenerazionale – assai più marcata nelle famiglie degli emigranti a causa della maggiore distanza culturale tra generazioni cresciute in realtà diverse –, va detto che talora sono stati proprio i figli ad aiutare l’integrazione dei padri nel tessuto sociale del paese di arrivo. Le nuove generazioni hanno trasmesso infatti le conoscenze linguistiche e culturali apprese nella scuola, hanno veicolato tra le mura domestiche i gusti e i costumi degli autoctoni, hanno infranto le regole endogamiche nelle scelte matrimoniali, aprendo così maggiori spazi per una socialità esterna alla famiglia e al gruppo etnico. Questo processo di apertura e di scambio alimentato dai figli e dai nipoti, tuttavia, non ha cancellato del tutto le esperienze pregresse. Anche nei comportamenti, nelle rappresentazioni e 50

nelle autorappresentazioni degli immigrati di nuove generazioni, infatti, l’integrazione si rivela come un processo nel quale i rapporti stabiliti nel nuovo contesto, necessari per una compiuta accoglienza nella società ospite, non escludono affatto il ricorso a modelli di comportamento appartenenti al background della famiglia. Nel processo sostanzialmente dinamico che caratterizza l’integrazione, del resto, non solo non si registra la pura e semplice assimilazione degli immigrati ai modelli di comportamento presenti nella nuova società di residenza, ma è questa stessa che subisce cambiamenti di rilievo. In virtù degli scambi e delle interazioni su cui si fondano i meccanismi dell’integrazione, infatti, non sono gli immigrati i soli protagonisti dei mutamenti, ma è la società di accoglienza nel suo complesso che si apre, si trasforma e si rinnova.

Profughi, fuorusciti e deportati tra le due guerre

Il peso del conflitto Alla vigilia del primo conflitto mondiale erano già in atto alcuni dei fenomeni che avrebbero contribuito a trasformare le tendenze e le caratteristiche qualitative dei movimenti migratori nel corso del trentennio successivo. Tra questi svolsero un ruolo di indiscutibile rilievo lo sviluppo degli Stati nazionali e le degenerazioni del nazionalismo, ossia due dei maggiori responsabili dell’esasperazione dei rapporti internazionali e dell’accelerazione delle tragiche sequenze degli avvenimenti culminati nel conflitto del 1914-18. L’affermazione degli Stati-nazione, una fra le dominanti degli scenari europei nell’ultimo scorcio del XIX secolo, non solo impresse una spinta all’edificazione degli apparati difensivo-militari, alla corsa coloniale e all’erezione di barriere protezionistiche, ma ebbe forti ripercussioni anche sugli andamenti dei mercati del lavoro interni e internazionali. Il rafforzamento progressivo dell’intervento economico e sociale dello Stato a favore dei propri sudditi comportò infatti una sempre più accentuata differenziazione tra i diritti economici e politici riconosciuti a questi ultimi e quelli riservati agli stranieri, con le correlate e inevitabili conseguenze di discriminazione e xenofobia. Già nel corso degli ultimi vent’anni dell’Ottocento, in vari paesi di immigrazione europei furono varate delle normative che tutelavano i diritti degli autoctoni rispetto a quelli de52

gli stranieri. Negli stessi anni la storia delle migrazioni fu segnata, sia in Europa sia nei più importanti Stati d’oltreoceano, da episodi di feroce xenofobia culminati nel sangue, nelle stragi e negli eccidi. Se all’interno la difesa degli Stati nazionali provocò delle discriminazioni legislative e legittimò l’accesa conflittualità interetnica, sul piano internazionale tale politica favorì l’adozione di normative sovranazionali di difesa e di controllo. La stipula di mirati accordi e trattati tra paesi interessati dalla presenza di movimenti migratori, che in certi casi trovò spazio già nel corso del primo decennio del Novecento, diventò il tratto distintivo dell’orientamento di vari paesi belligeranti negli anni di guerra e in quelli immediatamente successivi. La guerra fu l’avvenimento che impresse i mutamenti più significativi ai movimenti migratori sia nel breve sia nel lungo periodo. Nella contingenza del conflitto quanti si trovavano all’estero dovettero scegliere se tornare in patria per arruolarsi, o restare definitivamente nel nuovo paese di residenza. Non solo, ma i lavoratori stranieri che si trovavano in paesi nemici furono costretti a fuggire per il moltiplicarsi degli episodi di xenofobia popolare o per l’esplicita espulsione da parte delle autorità. Insomma, nella pur generale contrazione dei flussi migratori provocata dalle difficoltà della guerra e dall’aumento dei controlli, gli eventi bellici furono comunque i responsabili di altri imponenti spostamenti territoriali. Ai movimenti dovuti ai rimpatri, negli anni del conflitto, si andarono infatti a sommare le migrazioni provocate dall’eccezionalità dei nuovi avvenimenti. Per reclutare la manodopera necessaria all’economia di guerra gli Stati europei fecero ricorso sia ai loro tradizionali circuiti coloniali, favorendo così una rinnovata circolazione di forza lavoro dall’Africa e dall’Asia – con risvolti assai discutibili sul piano del trattamento e delle condizioni di vita e di lavoro – sia ai prigionieri di guerra, che a loro volta diventarono i protagonisti di nuove migrazioni forzate e talora di vere e proprie deportazioni di massa. Come era già avvenuto pochi anni prima – in occasione delle guerre balcaniche del 1912-13, quando l’area centro-orientale diventò il teatro di forti movimenti di mino53

ranze etniche – la fuga, le persecuzioni e le migrazioni forzate connotarono anche i movimenti di questi anni. La dissoluzione dei grandi imperi, che nell’Europa centrale, orientale e meridionale avevano forzatamente tenuto insieme l’eterogenea compagine di nazionalità ed etnie e, assieme a questa, l’affermazione dei principi wilsoniani dell’autodeterminazione dei popoli, crearono una situazione nella quale la ridefinizione delle linee delle frontiere e dei confini politici, prevista dai trattati di pace, andò a intrecciarsi con nuove rivendicazioni nazionali, con rinnovate oppressioni ed esclusioni, provocando imponenti esodi di massa. È stato calcolato che per l’applicazione delle normative di pace seguite alla Grande Guerra, solo in Europa circa 5 milioni di persone furono costrette ad abbandonare i propri territori. Gran parte di questi spostamenti investirono gli Stati centrali, che avevano perso la guerra; solo verso questi paesi si riversarono più di 2 milioni di profughi. Dopo la stipula del trattato di Versailles, si registrarono anche le massicce migrazioni dei tedeschi che risiedevano fuori del paese e raggiungevano i territori della Germania, dove, per accoglierli, furono allestiti anche degli appositi campi-profughi. Con il trattato di Losanna, che nel 1923 sancì la conclusione del conflitto tra Grecia e Turchia, nell’Europa sud-orientale ripresero gli spostamenti forzati a cui si era assistito prima dello scoppio del conflitto. Quasi un milione e mezzo di greci furono così costretti ad abbandonare i propri territori, assieme a oltre 400.000 turchi. Nell’Europa orientale, infine, la Russia, investita dalla guerra civile, fu teatro di migrazioni di vastissima portata. Solo nel 1922 almeno 750.000 russi abbandonarono l’Unione Sovietica, mentre quanti dovettero abbandonare il paese in seguito agli avvenimenti rivoluzionari furono in complesso circa 2 milioni. Gli ebrei, in particolare, durante la guerra civile furono le vittime di una persecuzione incrociata che dette origine a una delle più nutrite diaspore della loro tormentata storia di persecuzioni. Il loro arrivo in vari paesi europei e americani non fu infatti meno drammatico della fuga dalla Russia. Per la xenofobia dilagante in molti paesi di im54

migrazione, l’odio popolare si riversò spesso proprio sulla minoranza ebraica. La fuga dei rifugiati russi fu all’origine dei primi casi dei cosiddetti cittadini «senza Stato». Mentre, infatti, i divieti del governo sovietico privavano gli emigrati della cittadinanza, non esistevano ancora degli Stati disposti ad accogliere i rifugiati russi e a riconoscere loro nuovi diritti di appartenenza. Nel 1921 la Società delle Nazioni affrontò concretamente il problema dei rifugiati russi in Europa provvedendo anche a munirli di strumenti di identificazione. L’emigrazione dall’Unione Sovietica, del resto, fu solo la prima difficile questione con cui la Società delle Nazioni si dovette confrontare per arginare la crescita incontrollata dei rifugiati provocata dalla guerra; nel 1926, infatti, il loro numero complessivo si aggirava attorno ai 9 milioni e mezzo. Disciplina internazionale delle migrazioni di lavoro e chiusura delle frontiere Nel corso della prima guerra mondiale vari paesi emanarono delle norme che preannunciavano l’indirizzo nazionalista a cui si sarebbero ispirate le politiche migratorie degli anni successivi. Il sistema degli accordi internazionali, cui si è già fatto cenno, andava nella direzione di una disciplina dei movimenti migratori e di un sostanziale contenimento delle migrazioni nell’ambito di circuiti di lavoro ben definiti. Significativi di questa tendenza statalista e dirigista furono, tra gli altri, i trattati stipulati dallo Stato italiano con la vicina Francia. Dopo accordi di lavoro bilaterali – contratti con la stessa Francia già a partire dal 1904, e successivamente, nel 1911 e 1912, con l’Austria-Ungheria e la Germania –, nel corso del 1916 l’Italia si impegnò a fornire un certo numero di lavoratori per sopperire alle esigenze belliche del vicino paese. Un anno dopo la conclusione della guerra, inoltre, con un nuovo trattato del 1919 l’Italia si impegnò a inviare un altro contingente di lavoratori per contribuire alla ricostruzione delle zone devastate della Francia. Questa disciplina del lavoro mi55

grante, che con lo stesso spirito dirigista l’Italia stipulò anche con altri paesi europei e americani, ebbe comunque il merito di affrontare i problemi della condizione e della tutela giuridica degli immigrati, prevedendo anche, per la prima volta nella legislazione internazionale del lavoro, una parità di trattamento tra nativi e stranieri, nonché alcune garanzie di welfare per i lavoratori immigrati. A partire dal 1921 la linea della disciplina internazionale delle migrazioni fu seguita con maggiore determinazione sia all’interno della Commissione internazionale dell’emigrazione, che lavorava presso l’Ufficio internazionale del lavoro della Società delle Nazioni, sia in varie conferenze internazionali sull’emigrazione che si tennero a Roma, con la partecipazione di numerosi paesi «esportatori» di manodopera, dapprima nello stesso 1921 e poi nel 1924. Nella conferenza del 1924, in particolare, i cinquantanove Stati aderenti all’iniziativa puntarono a far passare principi che tutelassero i loro interessi di paesi minacciati dalla chiusura dei più importanti mercati del lavoro internazionale. A causa delle politiche restrittive adottate da molti Stati, in questi anni si registrò una forte contrazione dell’emigrazione di massa verso le più consuete destinazioni transoceaniche, dove i flussi migratori dall’Europa si erano ridotti, di fatto, già durante gli anni di guerra, quando le cifre degli immigrati erano scese di circa un terzo. Rispetto alla media di circa un milione e mezzo di emigranti, registrati nel quinquennio 1906-10, si era arrivati infatti, nel quinquennio 1916-20, a circa 430.000 emigranti all’anno. Con l’arrivo della crisi i flussi si ridussero ulteriormente: nell’intero decennio 1931-40 l’emigrazione dall’Europa scese di un quinto rispetto a quella registrata negli anni Venti. Negli Stati Uniti, la principale sede di destinazione dei flussi migratori, nel periodo tra le due guerre si realizzò la più significativa inversione di tendenza nelle politiche migratorie del paese. Dopo i precoci provvedimenti adottati nel corso dell’Ottocento contro i cinesi, ne erano seguiti altri che avevano avuto come obiettivo una ancora più ferma opposizione all’immigrazione di nazionalità indesiderate. Nel 1907 era stata un’altra etnia asiatica a subire le discriminazioni statu56

nitensi. Dopo le violente reazioni xenofobe della popolazione della California contro i figli dei giapponesi che frequentavano le stesse scuole degli americani, fu stipulato con il Giappone il Gentlemen’s Agreement, un accordo che imponeva al paese asiatico di limitare l’emigrazione dei propri cittadini in America. Più tardive furono le limitazioni contro le popolazioni europee. Provvedimenti restrittivi furono inizialmente adottati nei confronti degli analfabeti. I Literacy tests, che vietavano l’accesso a chi non sapesse leggere né scrivere la propria lingua, erano stati proposti già a partire dal 1897, ma furono approvati nel 1917, proprio alla vigilia dell’intervento in guerra degli Stati Uniti. Questi provvedimenti furono superati, tuttavia, per l’affermarsi di un clima di ancora più accesa intolleranza. Alla radicata xenofobia – che nel corso della guerra aveva trovato persino una sua legittimazione patriottica provocando l’arresto, tra il 1917 e il 1918, di circa 7000 stranieri appartenenti a Stati nemici – si andò a sostituire, a conclusione degli eventi bellici, un clima di sostanziale sfiducia verso le possibilità di assimilazione degli stranieri da parte della nazione americana. Nel corso di questi anni si passò così a delle misure restrittive che fissavano ben definite «quote» numeriche di immigrati ogni anno. Nei confronti di quanti provenivano dall’Europa, in particolare, nei primi anni postbellici furono stabilite delle quote di immigrazione pari al 2% della popolazione di ciascun gruppo presente nello Stato americano al 1890. Si trattava di provvedimenti che favorivano, di fatto, le nazionalità di più «antica» immigrazione sul territorio statunitense e quindi più gradite per la loro affinità etnico-culturale e per il loro maggior grado di integrazione. Successivamente, nel 1928, il governo federale stabilì limitazioni ancora maggiori: da tale data potevano essere accolti soltanto 150.000 stranieri ogni anno. Sta di fatto che in seguito a questi provvedimenti – e per l’effetto moltiplicatore della crisi del ’29, che indusse al rientro in patria molti degli immigrati presenti nel paese – negli Stati Uniti si registrò addirittura, tra il 1931 e il 1935, un numero di partenze superiore a quello degli arrivi. 57

Benché le norme restrittive non abbiano comportato la cessazione dell’immigrazione negli Stati Uniti, i provvedimenti adottati nel corso degli anni Venti vanno ritenuti comunque la più significativa svolta americana in materia di immigrazione. Essi furono varati per le necessità indotte da una riorganizzazione produttiva che non richiedeva più il lavoro dequalificato della manodopera immigrata, e soprattutto a causa del razzismo, moltiplicatosi a dismisura negli anni della guerra. Per effetto delle misure restrizioniste, tra il 1931 e il 1940 gli europei diretti verso gli Stati Uniti non raggiunsero neppure la cifra dei 350.000, mentre gli immigrati provenienti dai paesi asiatici furono soltanto 15.344. Le restrizioni degli anni Venti, insomma, modificarono profondamente le caratteristiche quantitative e qualitative dell’immigrazione nel grande paese transoceanico. A partire dal 1919 iniziative analoghe a quelle degli Stati Uniti furono adottate anche in Canada. La stessa Australia, del resto, proseguendo la sua linea legislativa già fortemente selettiva, tra il 1924 e il 1925 attuò politiche volte a un’ancora più forte selezione degli immigrati: gli agricoltori che non possedevano sufficienti capitali, per esempio, venivano inviati a colonizzare i più disagiati territori tropicali. Lo scoppio della guerra ebbe delle ripercussioni interne anche nei paesi latinoamericani, che pure erano restati estranei al conflitto. La cessazione dell’immigrazione di massa, il rimpatrio di molti stranieri per la partecipazione alla guerra, la chiusura, di fatto, dell’emigrazione europea, indussero i ceti dirigenti di vari paesi latinoamericani a prendere coscienza del problema non solo economico, ma anche politico che sollevava l’immigrazione. Anche quegli Stati che, per risolvere i problemi del popolamento interno, della colonizzazione e dell’ampliamento urbano nazionale, in passato avevano maggiormente caldeggiato e stimolato l’arrivo degli stranieri sui propri territori, a partire dagli anni Venti presero provvedimenti volti a limitare l’ingresso di nuovi immigrati. Con la nascita dei regimi totalitari in Europa le paure di questi governi si andarono infatti a concentrare sui rischi di propaganda antinazionale che poteva comportare l’immigrazione prove58

niente da paesi dichiaratamente aggressivi. Non solo, ma con lo scoppio della grave crisi economica degli anni Trenta, con il mutamento del ruolo dei paesi latinoamericani nel commercio internazionale, con i nuovi indirizzi industriali delle politiche economiche interne, i provvedimenti di alcuni Stati si orientarono verso un ancor più netto irrigidimento delle barriere protezionistiche. Le linee seguite furono di maggior chiusura nei confronti della manodopera agricola dequalificata e verso una dichiarata apertura nei confronti dell’immigrazione di personale tecnico. Il governo brasiliano, in particolare, pose il veto all’entrata dei passeggeri di «terza classe» e stabilì inoltre che le assunzioni nelle imprese dovessero essere riservate, per due terzi, ai cittadini brasiliani. Anche qui, come già prima era accaduto nei paesi nordamericani, a partire dal 1933 furono fissate delle quote di immigrazione per ogni gruppo etnico. Quando poi si profilò il pericolo della seconda guerra mondiale, nuovi timori indussero certi Stati sudamericani a tutelarsi nei confronti di quei paesi che, come il Giappone, erano ritenuti particolarmente pericolosi. Negli Stati dove l’immigrazione dal Giappone era più elevata, come in Perù, furono infatti adottate misure antigiapponesi che trovarono una più ampia legittimazione soprattutto dopo l’attacco alle basi americane di Pearl Harbor. Tendenze restrittive si delinearono, del resto, nella seconda metà degli anni Venti anche nei principali Stati europei di immigrazione. Tra questi va annoverata persino la Francia, che pure era ricorsa, nel periodo bellico e in quello successivo, alla manodopera proveniente sia dalle sue colonie sia dai più vicini Stati, come la Polonia, il Belgio, la Cecoslovacchia e la stessa Italia. Con l’arrivo della crisi e della disoccupazione, nel paese si cominciò ad avvertire il peso della presenza di tanti immigrati e la questione degli stranieri fu sollevata insistentemente in varie sedi economiche e politiche. Dopo varie discussioni parlamentari, volte a limitare l’immigrazione, e dopo una prima legge – sostenuta dalla destra nel 1926, ma restata in gran parte disattesa –, nel 1932 fu varata una legge volta a proteggere la manodopera nazionale e a fissare deter59

minate proporzioni di lavoratori stranieri all’interno del settore industriale. In definitiva, dopo circa un trentennio in cui avevano prevalso il liberismo legislativo e la circolazione pressoché illimitata della manodopera nei mercati del lavoro internazionali, nel periodo tra le due guerre si giunse a un arresto dei movimenti, soprattutto di quelli transoceanici. Tale inversione di tendenza fu dovuta in massima parte agli appena citati interventi legislativi adottati da vari paesi di immigrazione e al rallentamento della crescita della popolazione in molti Stati. Sul mutamento del panorama internazionale delle migrazioni influirono tuttavia altri importanti fenomeni economici, sociali e politici sui quali si concentreranno le pagine successive di questo capitolo: il peso crescente della xenofobia e degli scontri tra lavoratori autoctoni e stranieri, la dimensione mondiale assunta dalla grave crisi economica, l’avvento dei regimi politici totalitari in certi Stati europei, il clima di eccezionalità provocato dallo scoppio e dalla conclusione del secondo conflitto mondiale. Il problema degli stranieri: xenofobia e conflittualità sociale Nel giro di vite che caratterizzò le politiche migratorie nel ventennio tra le due guerre, influì pesantemente la nuova percezione politica degli stranieri da parte delle classi dirigenti dei vari paesi di immigrazione. Durante la guerra la paura del «nemico interno» aveva portato anche all’arresto degli immigrati, come si è già detto. L’ostilità verso gli stranieri si aggravò quando sull’opinione pubblica dei vari paesi e sugli orientamenti delle loro élites si fecero sentire gli effetti congiunti della rivoluzione sovietica e delle diaspore di militanti e antifascisti dai paesi totalitari. In America Latina la paura che gli immigrati fossero portatori di idee e pratiche eversive dell’ordine costituito era particolarmente radicata. Gli immigrati svolsero infatti un ruolo importante nello sviluppo dell’organizzazione sindacale dei 60

lavoratori e nella moltiplicazione degli scioperi che investirono l’economia agricola e industriale di vari paesi, soprattutto a partire dai primi anni del Novecento. Italiani, spagnoli, tedeschi ed ebrei russi furono spesso i primi sostenitori delle organizzazioni che puntavano al miglioramento del trattamento salariale dei lavoratori e all’introduzione di normative di tutela delle condizioni e degli orari di lavoro. A questo sviluppo contribuì in gran parte l’arrivo dei rappresentanti di quei movimenti «sovversivi» che in vari paesi europei avevano trovato crescenti difficoltà già nel corso delle repressioni politiche degli ultimi anni dell’Ottocento. In questa situazione le classi dirigenti sudamericane additarono spesso gli stranieri come i maggiori responsabili delle forti tensioni sociali da cui si videro minacciate nel primo quindicennio del Novecento. In Argentina, in particolare, gravi episodi di xenofobia si manifestarono in occasione delle grandi agitazioni sindacali che tra il 1916 e il 1919 ebbero per protagonisti gli operai delle fabbriche. Durante la famigerata semana tragica, per esempio, all’opera repressiva del governo contro gli agitatori anarchici e socialisti si accompagnarono le iniziative «spontanee» di gruppi di cittadini che organizzarono dei veri pogrom contro gli ebrei russi, accusati di essere i portatori delle idee bolsceviche. In parallelo con l’esplosione di questa conflittualità, nel corso degli anni Trenta e fino allo scoppio del secondo conflitto mondiale, in vari paesi sudamericani si sviluppò un acceso dibattito che si concentrò sugli effetti politici e culturali dell’immigrazione straniera e sulla selezione da attuare nei confronti delle diverse ondate migratorie. Le questioni che si posero allora in paesi come l’Argentina e il Brasile si concentrarono sulla natura dei rapporti che si dovevano stabilire tra le diverse etnie e la nazionalità dominante, nonché sulle relazioni tra gli immigrati e i lavoratori nazionali. Di fronte al pericolo intrecciato dell’emigrazione di massa dai paesi totalitari e dell’arrivo delle minoranze politiche, religiose ed etniche provenienti dagli stessi paesi, le élites latinoamericane svilupparono la convinzione che gli immigrati, con le loro resistenze culturali e con le loro solide re61

ti etniche, costituissero un freno allo sviluppo delle varie nazioni. Tale convinzione indusse questi paesi – che pure avevano riconosciuto un ruolo determinante alle culture europee nello sviluppo dei propri Stati indipendenti postcoloniali, e non raggiunsero punte xenofobe pari a quelle maturate in altri paesi di immigrazione – a esercitare un maggiore controllo sugli immigrati e soprattutto sui gruppi etnici minoritari ritenuti più pericolosi. Negli Stati Uniti agli attacchi diretti contro la popolazione gialla andarono a sommarsi, più tardivamente, le resistenze contro le nuove ondate migratorie dall’Europa. Le accuse rivolte a questi nuovi immigrati furono di vario tipo: essi furono incolpati non solo di costituire una concorrenza nei confronti dei lavoratori americani e di provenire da aree europee – meridionali e orientali – ritenute inferiori, ma anche di propugnare forme di radicalismo politico e sindacale. Queste accuse furono in realtà smentite dalla situazione in cui i nuovi lavoratori europei si collocarono negli Stati Uniti. I nuovi arrivi, come si è accennato nel capitolo precedente, erano richiesti proprio dal processo di ristrutturazione industriale in atto nel paese e dalla necessità di sostituire, per l’esecuzione delle mansioni più dequalificate, i lavoratori appartenenti alle più vecchie ondate migratorie. Quanto alla presunta inferiorità etnica dei nuovi immigrati, essa trovò una legittimazione solo nel sempre più esplicito razzismo statunitense, basato sulla convinzione della netta superiorità dell’elemento anglosassone, e testimoniato anche dal risorgere del movimento del Ku Klux Klan nell’immediato dopoguerra. Quanto al radicalismo politico e sindacale degli immigrati, infine, se è vero che esisteva una minoranza di organizzatori sindacali e politici provenienti dal mondo dell’esilio europeo, è anche vero che la massa degli immigrati rimase per lo più estranea ai movimenti di lotta. Questo accadde anche per le gravi discriminazioni che gli stranieri subirono da parte delle stesse organizzazioni sindacali americane. Sta di fatto che, nonostante la mitologia del melting pot e della nascita dell’identità nazionale americana come processo di fusione di varie nazionalità, non solo la radicata xe62

nofobia statunitense dette luogo a vari episodi di linciaggio e di caccia allo straniero già alla fine dell’Ottocento, ma le campagne xenofobe furono anche all’origine di processi ed esecuzioni che raggiunsero una grande risonanza internazionale. Esemplare, in tal senso, fu quanto accadde alla fine degli anni Venti, quando la paura delle infiltrazioni politiche dall’estero portò alla celeberrima «ingiusta» condanna di Sacco e Vanzetti, i due anarchici italiani giustiziati nel 1927. Nei confronti degli stranieri le autorità statunitensi non adottarono solo le già richiamate misure legislative restrittive, ma misero in opera una serie di iniziative dirette a combatterne la diversità etnica. Tra questi provvedimenti vanno sicuramente annoverate le politiche di americanizzazione degli immigrati portate avanti, talora, anche dagli organismi di tipo assistenziale, come i Social Workers, che avevano una maggiore sensibilità nei confronti degli stranieri. Con vari strumenti, e con una capillare educazione diretta soprattutto alla componente femminile della popolazione immigrata, si puntò all’eliminazione di quei comportamenti che si mostravano più distanti dal modello di vita anglosassone. L’americanizzazione fu la politica condotta dai governi degli Stati Uniti nei confronti degli stranieri con una certa continuità, almeno fino a quando il revival etnico, sviluppatosi negli anni Sessanta del Novecento, dette un maggior riconoscimento alla molteplicità degli universi culturali presenti nel paese. I conflitti xenofobi trovarono uno spazio ancora più ampio all’interno del mondo del lavoro, nel quale gli stranieri furono considerati di fatto degli intrusi e dei lavoratori di seconda categoria che si mostravano disposti ad accettare paghe inferiori e a svolgere azioni di crumiraggio in occasione dei conflitti sindacali. Su questa forte presenza di sentimenti «razzisti e nativisti» nel movimento operaio americano sono state scritte molte pagine. Anche se la solidarietà e la difesa degli interessi comuni vi ebbero un certo spazio, di fatto le pratiche «discriminatorie ed esclusiviste» nei confronti degli immigrati furono assai più radicate. Nei sindacati erano presenti soprattutto i rappresentanti di «un’aristocrazia operaia», nonché gli operai qualificati di provenienza o esclusivamente ame63

ricana o dei paesi dell’Europa settentrionale. L’unica organizzazione operaia che accolse iscritti di qualsiasi etnia fu l’Industrial Workers of the World. I sindacati non solo non si posero l’obiettivo di cooptare e tutelare gli operai non qualificati e gli stranieri, ma esclusero deliberatamente dalla loro organizzazione i lavoratori provenienti dall’Asia e dall’Europa orientale e meridionale. Alle politiche di discriminazione degli iscritti si affiancarono inoltre altre gravi iniziative nei confronti degli immigrati: nell’ultimo decennio dell’Ottocento, in particolare, alcune organizzazioni si fecero promotrici di una politica restrittiva in materia di immigrazione. A partire dal primo quindicennio del Novecento, tuttavia, la presenza degli immigrati nelle azioni di rivendicazione sociale dei lavoratori si fece sentire in modo più forte. Negli scioperi che dilagarono in varie industrie americane, quelle tessili soprattutto, furono coinvolte decine di migliaia di operai di diversa provenienza etnica e religiosa. Queste importanti novità dovettero comunque ridimensionarsi quando i problemi sollevati dalla grande depressione contribuirono a riacutizzare la xenofobia interna al mondo del lavoro statunitense e a riaccendere le discriminazioni nei confronti degli stranieri. Nella situazione venutasi a creare dopo il crollo di Wall Street, infatti, la grande disoccupazione provocata dalla crisi colpì innanzi tutto gli immigrati. Nel solo 1932, pertanto, ben diciotto Stati promulgarono leggi per proibire l’impiego degli stranieri nei lavori pubblici; successivamente, nel corso degli anni Trenta, la maggior parte delle industrie ridussero il numero degli stranieri occupati o li eliminarono del tutto. Tanto è vero che, mentre nel 1908 l’industria dell’acciaio reclutava sei operai stranieri su dieci, nel 1938 tale rapporto era diventato di uno a dieci. In Europa il caso della Francia è altrettanto emblematico della situazione in cui vennero a trovarsi gli immigrati nel mondo del lavoro, quando alla già radicata concorrenza tra stranieri e autoctoni si aggiunsero gli effetti della grave crisi internazionale. L’esplosione della xenofobia, che si dovette registrare nel corso di questi anni, non era comunque una no64

vità. Già alla fine dell’Ottocento l’opinione pubblica francese era stata spaventata dall’«invasione» dei vicini italiani e aveva visto con timore l’arrivo di lavoratori ai quali si attribuivano – a seconda delle cronache, che enfatizzavano i celebri tirannicidi da parte degli anarchici italiani o gli episodi di grave crumiraggio a opera dei lavoratori del vicino paese d’oltralpe – i ruoli contrapposti di pericolosi sovversivi o di pavidi briseurs de grève. Molti scontri, anche sanguinosi, avevano visto opporsi, già nel corso degli anni Ottanta nell’Ottocento, i lavoratori italiani e francesi sia in grandi città portuali, come Marsiglia, sia in altri centri minori della Francia sudorientale. Nel 1893, poi, in una località della Francia meridionale, Aigues-Mortes, si dovette registrare un vero eccidio di italiani, come tragica conclusione di nuovi durissimi scontri tra lavoratori immigrati e autoctoni. Questi difficili rapporti tra nativi e stranieri si acutizzarono negli anni della crisi, quando i disoccupati, che avevano raggiunto la cifra di 80.000 già nel 1927, superarono i 425.000 nel 1935. Gli operai stranieri diventarono allora le vittime predestinate di un’opinione pubblica che trovò vaste ripercussioni anche in parlamento, fino ad arrivare alle già richiamate norme restrittive in materia di immigrazione. Le richieste di ridurre la manodopera straniera non furono avanzate soltanto dai conservatori, ma anche dai radicali. E perfino la Cgt (Confédération générale du travail; Confederazione generale del lavoro), la più importante organizzazione sindacale francese, difese apertamente i lavoratori autoctoni contro la maggioranza di operai immigrati che si mostrava estranea alla propria organizzazione. Solo con il Fronte popolare si registrarono delle novità importanti per il miglioramento dei difficili rapporti tra stranieri e nativi. Incoraggiato dal clima politico liberale e dall’assenza di repressioni, il contributo degli immigrati alle manifestazioni e agli scioperi diventò allora sempre più importante. Le iscrizioni degli stranieri alla Cgt raggiunsero le 50.000 nel corso del 1936; nel 1937 le iscrizioni al sindacato arrivarono a 400.000: tra questi iscritti circa la metà erano italiani e un quarto polacchi. L’importante avvicinamento tra lavorato65

ri stranieri e francesi, che nel caso degli italiani trovò un valido sostegno nella presenza dei numerosi militanti antifascisti, non significò comunque un radicale rovesciamento della politica francese nei confronti degli stranieri. Non solo la legge del 1932, che proteggeva la manodopera nazionale, non fu abolita neppure dal governo del Fronte popolare, ma la protesta xenofoba e antisemita delle classi medie francesi portò anche al varo di una serie di norme che, a partire dal 1934, limitarono o impedirono agli stranieri l’esercizio di certe attività, come l’artigianato, il commercio, e perfino certe professioni liberali. L’esilio politico La nascita dei regimi totalitari in Italia e in Germania e la vittoria franchista in Spagna comportarono un’intensa diaspora dei dissidenti politici e dei gruppi colpiti dalle politiche liberticide dei tre regimi. A questi si aggiunsero poi tutti i gruppi etnici perseguitati sulla base dei criminali progetti di annientamento elaborati dai nazisti. In Germania, infatti, l’esilio non fu solo la strada seguita dai dissidenti politici, ma fu un percorso obbligato per quanti vennero privati dei più elementari diritti di sopravvivenza e interdetti dall’esercizio della propria professione perché appartenenti a una «razza» considerata nemica, oltre che «inferiore». Nella diaspora dalla Germania sono state individuate tre fasi. Una prima ondata migratoria iniziò nel 1933, l’anno stesso della vittoria hitleriana. I primi a fuggire, già dal mese di gennaio, furono i funzionari dei partiti socialdemocratici e comunisti, minacciati fisicamente dalla vendetta del nuovo regime. Nella primavera-estate, con lo scioglimento dei sindacati e poi dei partiti, altri quadri politici e sindacali fuggirono all’estero per sottrarsi alla repressione. Una seconda ondata di esodo si ebbe nel 1935, dopo l’approvazione delle leggi di Norimberga, con le quali si negavano agli ebrei sia i diritti di cittadinanza sia i matrimoni con i cristiani. L’ultima fase della diaspora coincise con la data del 1938, quando il razzismo 66

contro gli ebrei si tradusse nei famigerati pogrom che devastarono l’intero paese. La fuga dalla Germania nazista si concluse di fatto nel 1939, con lo scoppio della guerra, quando alla fuga si sostituì lo sterminio programmato, nei campi di concentramento, di circa 6 milioni di ebrei, di numerosi prigionieri politici e oppositori del regime, e di un numero di zingari compreso tra i 200.000 e i 400.000. È stato calcolato che già nel 1933 erano circa 60.000 gli esuli dalla Germania nazista, dei quali circa 30.000 si erano riversati nella vicina Francia. Dal punto di vista della composizione sociale, tra gli esuli tedeschi in Francia prevalevano i rappresentanti dei ceti medi. Gli operai rappresentavano infatti solo l’8% degli immigrati, mentre gli impiegati costituivano il 20%. Tra gli esuli figuravano inoltre molti professionisti, intellettuali e uomini d’affari. Nelle correnti migratorie dalla Germania confluirono – oltre ai tedeschi – anche emigranti di origine polacca, russa, rumena, estone, lituana. Si trattava di appartenenti a quelle nazionalità che, in fuga dall’area nord-orientale dell’Europa e da quella balcanica, si erano stabilite in Germania prima della vittoria hitleriana. In una prima fase l’esodo dalla Germania fu considerato una scelta temporanea ed ebbe per destinazione i paesi europei più vicini; successivamente la diaspora si disperse in circa ottanta paesi. Gli ebrei, in particolare, raggiunsero in massima parte gli Stati Uniti, dove nel 1941 costituivano l’80% dell’intero flusso migratorio dei tedeschi. La seconda meta preferita fu l’Argentina, e la terza la Gran Bretagna. Nel loro complesso gli ebrei che lasciarono la Germania furono oltre 300.000 e superarono nettamente le cifre degli esuli politici. Questi ultimi, soprattutto socialdemocratici e comunisti, nel 1939 ammontavano infatti a circa 30.000 e si diressero per lo più in Francia, in Spagna, in Gran Bretagna, in Unione Sovietica. Quanto all’Italia, è stato calcolato che tra il 1922 e il 1937 i fuorusciti ammontassero a 60.000, la maggior parte dei quali dispersi nei paesi europei dove, grazie alla vicinanza con il proprio paese, potevano continuare a svolgere la propria attività clandestina contro il regime. Tra i vari Stati, la Francia 67

costituì sicuramente la più importante sede di accoglienza delle diaspore degli antifascisti italiani. Nel vicino paese transalpino i dissidenti politici erano cominciati ad arrivare già all’inizio degli anni Venti, quando lo squadrismo fascista colpì in modo capillare le organizzazioni politiche e sindacali nonché i singoli militanti. In Francia gli italiani potevano contare sulla favorevole accoglienza dell’opinione pubblica democratica e sulla presenza della fitta rete di connazionali che si erano stabiliti qui nelle varie ondate dell’emigrazione economica. Le catene migratorie, che tanto avevano influito sull’orientamento delle correnti del lavoro migrante, ebbero così un ruolo altrettanto importante nell’organizzazione della diaspora politica. Nell’emigrazione degli antifascisti italiani in Francia, valutati complessivamente attorno ai 20.000, sono state individuate tre fasi: nel biennio 1921-22 i fuorusciti furono soprattutto i rappresentanti dei quadri operai che cercavano di sottrarsi alle violenze squadriste; nel 1924-26 i principali contingenti dell’antifascismo erano costituiti dai leader dell’opposizione politica a Mussolini; nel 1926-27 l’ondata migratoria fu più di massa e coinvolse migliaia di militanti che fuggivano da un regime che si era ormai consolidato nella sua repressione con apposite strutture istituzionali. Il numero più consistente dei fuorusciti italiani – tra i 5000 e 10.000 – apparteneva al partito comunista, 2000 erano socialisti, mentre i rappresentanti di altri gruppi minoritari – i massimalisti, gli appartenenti al partito repubblicano, gli anarchici, i rappresentanti di Giustizia e Libertà – erano nell’ordine delle centinaia. Gli iscritti alla Lidu, la Lega italiana dei diritti dell’uomo, fondata a Milano nel 1922, ammontavano infine a 2500. In America Latina gli esuli italiani raggiunsero soprattutto l’Argentina, il paese dove già a partire dai moti risorgimentali esisteva una tradizione di esodo politico. Fin dal 1923 molti dirigenti delle organizzazioni sindacali contadine e operaie provenienti dalle varie realtà regionali italiane si concentrarono a Buenos Aires, la città che accolse il maggior numero di esiliati dall’Italia. Questi primi fuorusciti non ebbero dei precisi punti di riferimento organizzativi sui quali appog68

giarsi, dopo l’arrivo in America; furono essi stessi a dar vita alle prime manifestazioni antifasciste nel paese e a creare un tessuto organizzativo. Già all’inizio del 1923 si costituì infatti il Gruppo di alleanza proletaria, promosso dai socialisti piemontesi. Questa organizzazione si trasformò poi in Alleanza proletaria antifascista, che rappresentò il primo nucleo di aggregazione degli antifascisti italiani in Argentina. Nell’anno dell’assassinio di Matteotti fu poi fondata l’Unione antifascista italiana, un’organizzazione che raccoglieva gruppi e associazioni di matrice anarchica, socialista, comunista e repubblicana, nell’intento di rendere più unitaria l’organizzazione dei fuorusciti. Gli antifascisti presenti in Argentina si avvalsero anche dei contatti con l’esterno, soprattutto con il Brasile, dove esistevano altri importanti nuclei di antifascisti italiani, e con la Francia, dove si concentrava il più consistente nucleo del fuoruscitismo dal nostro paese. La parabola organizzativa degli antifascisti in Argentina fu comunque ben diversa da quella sperimentata in Francia. Dopo alcune iniziative legate allo sdegno politico suscitato dal delitto Matteotti, solo dopo il 1927 nacquero in questo paese, in parallelo con quanto avveniva in Francia, degli organismi antifascisti con programmi più definiti: per esempio la Lidu, fondata nel 1929. Negli Stati Uniti gli antifascisti italiani arrivarono in diversi momenti. Già all’inizio degli anni Trenta si erano stabiliti nel paese alcuni dei più noti oppositori del regime, come Gaetano Salvemini. Fu soprattutto dal 1939 che il movimento si ampliò, coinvolgendo altri militanti e intellettuali italiani provenienti in massima parte dalla Francia. Con l’avvio della guerra, e in particolare dopo l’occupazione nazista della Francia, molti di essi dovettero infatti abbandonare il loro primo rifugio transalpino per raggiungere gli Stati Uniti. In questo paese, che accoglieva diversi milioni di italiani, i fuorusciti trovarono l’opportunità di «defascistizzare» la comunità dei connazionali, che aveva subìto un’intensa opera di propaganda da parte del regime, e di farsi al contempo promotori della propria causa presso il governo e l’opinione pubblica statunitense. Il movimento italiano antifascista era tuttavia assai 69

ristretto numericamente. Benché alcune associazioni antifasciste si fossero costituite già nel corso degli anni Venti, a opera delle organizzazioni dei lavoratori, esse non ebbero però una grande influenza sull’opinione pubblica americana, a causa della loro estrema frammentarietà. Fu solo dopo l’arrivo dell’ultima ondata di antifascisti dalla Francia che si puntò a rendere meno dispersa l’opera delle associazioni italiane e ad accrescere il numero degli iscritti, attingendo adesioni all’interno della massa della comunità italiana. Di particolare interesse fu in tal senso l’opera della Mazzini Society, fondata nel 1939 per volontà di Salvemini, con l’apporto di altri noti intellettuali antifascisti esiliati in America. Quanto all’esodo politico dalla Spagna, i movimenti oltre la frontiera francese assunsero dimensioni massicce dopo la caduta della Catalogna seguita alla sconfitta repubblicana nella battaglia dell’Ebro, nel 1938. Il fenomeno non era nuovo nella storia del paese. Dalla Spagna i rifugiati politici, soprattutto liberali spagnoli e catalani, si erano riversati in Francia già durante la dittatura di Primo de Rivera, tra il 1923 e il 1930. A partire dal 1936, tuttavia, con l’inizio del conflitto prese l’avvio un nuovo tipo di esodo, alimentato in massima parte da quanti volevano sfuggire ai combattimenti e si dirigevano ancora una volta verso la frontiera pirenaica. Già alla fine del 1937 si contavano in Francia 50.000 rifugiati, in maggioranza baschi. A questa prima ondata si aggiunse, nel 1938, la diaspora degli aragonesi e dei catalani. Nel 1939, poi, tra la fine di gennaio e la metà di febbraio, circa 440.000 persone attraversarono la frontiera. Nel loro complesso i civili e i militari in fuga, arrivati in Francia, sono stati stimati intorno al mezzo milione di persone. Di questi è stato calcolato che i rifugiati politici antifascisti e repubblicani ammontassero a 140.000. Sul piano professionale, circa la metà appartenevano ai ceti operai dell’industria, un terzo a quelli del settore agricolo e il resto al terziario. Con l’esilio, la Spagna fu privata soprattutto dei suoi quadri politici e sindacali e di gran parte del ceto intellettuale. L’esodo di massa oltre le frontiere francesi fu certamente dovuto alla prossimità dei confini, ma sulla fuga di molti agi70

rono sia la propaganda repubblicana delle atrocità commesse dai falangisti, sia la possibilità di contare sulla vasta presenza di immigrati che per motivi economici si erano stabiliti in Francia, sia la tradizionale accoglienza riservata da questo paese agli esuli. Nel 1938, in realtà, con la crisi economica e con la conseguente caduta del Fronte popolare, la politica francese aveva già assunto un orientamento ostile agli stranieri e ai sindacati. Fu perciò con molte esitazioni che il governo francese decise di concedere il diritto d’asilo. Quanti giunsero dalla Spagna, tuttavia, non trovarono buona accoglienza e furono sistemati in alloggiamenti di fortuna predisposti in vari dipartimenti francesi. I rifugiati – militari sbandati e civili – vennero internati in veri e propri campi di concentramento dove furono trattati come prigionieri. Alla fine del 1939, dei circa 500.000 rifugiati spagnoli ne restarono in Francia circa 150.000. Gli altri raggiunsero nuove sedi sia in Europa – in Svizzera e in Unione Sovietica – sia al di là dell’oceano. In America Latina fu il Messico, da solo, a ricevere circa 12.000 rifugiati, accolti grazie alla politica progressista e antifranchista del governo Cardenas. Altri 2300 spagnoli raggiunsero il Cile, mentre 1200 si stabilirono nella Repubblica Dominicana e poche altre centinaia si dispersero tra il Venezuela, l’Argentina, la Colombia e Cuba. Sul piano professionale, le correnti migratorie degli antifascisti spagnoli in America Latina furono composte in massima parte da funzionari, professionisti e scrittori, tutti appartenenti alle classi medie. Meno consistente fu invece l’apporto dei ceti agricoli e operai. Dalle colonizzazioni forzate alle deportazioni e agli stermini Molte delle migrazioni forzate che caratterizzarono tragicamente il secondo conflitto mondiale non furono originate solo dalla politica criminale dei nazisti e dalle degenerazioni di altri regimi autoritari. In certi casi esse si innestarono sui processi di espansione territoriale che avevano alle spalle 71

una lunga storia di migrazioni coatte e avevano investito importanti aree extraeuropee. La Russia, per esempio, già a partire dal XVI secolo aveva dato vita a un’espansione verso l’Asia che per molti suoi aspetti può essere assimilata alla lunga marcia degli americani verso l’Ovest. Tale espansione aveva raggiunto i confini del Caucaso già all’inizio del XIX secolo. Dopo l’abolizione della schiavitù furono realizzati anche i primi piani di colonizzazione, libera e coatta, della Siberia. In seguito, con la costruzione della Transiberiana, nell’ultimo scorcio dell’Ottocento, nuove migrazioni di lavoro si aggiunsero a quelle alimentate in passato dai coloni e dai cercatori d’oro. Sta di fatto che già nel 1914 i russi presenti in Siberia superavano i 9 milioni e mezzo; non solo, ma grazie all’immigrazione nella Russia asiatica si registrò, tra il 1897 e il 1926, un incremento demografico del 40%, mentre, tra il 1934 e il 1938, furono circa 3 milioni i russi che varcarono gli Urali. Dopo la rivoluzione d’ottobre, la colonizzazione della Siberia e dell’Estremo Oriente, che già in passato era stata realizzata con l’utilizzo della migrazione coatta, fu perseguita con tutti i mezzi e soprattutto, con l’avvento del regime stalinista, mediante la deportazione degli elementi indesiderati: dai kulaki ai dissidenti politici. È stato infatti calcolato che nel periodo compreso tra il 1934 e il 1941 nell’Unione Sovietica furono private della libertà quasi 20 milioni di persone. Negli anni successivi le note e tragiche conseguenze di questa politica furono i tristemente famosi internamenti nei gulag, disseminati in varie parti del territorio sovietico. In Estremo Oriente, ai movimenti forzosi intercoloniali della seconda metà dell’Ottocento vanno aggiunti quelli a cui dette origine il Giappone a partire dal primo decennio del XX secolo. Dopo essersi impadronito dei migliori territori della Corea, il Giappone fu il responsabile delle migrazioni forzate dei coreani verso la Manciuria e verso la parte settentrionale della Cina. Come conseguenza di ciò, nel 1939 oltre un milione di coreani risultavano residenti in Manciuria e più di 180.000 in Unione Sovietica. Il «destino» di molti popoli orientali sarebbe stato poi il «trapianto» nell’Asia centrale; 72

imponenti spostamenti della popolazione civile furono provocati infatti dalla penetrazione giapponese in vari territori asiatici. Dopo il 1937 l’esodo interessò circa 30 milioni di cinesi diretti sia verso l’interno sia in Indocina, Birmania, Malesia e Africa. Nel corso della seconda guerra mondiale, sotto l’incalzare dell’aggressiva occupazione militare dei tedeschi, i movimenti forzati di intere popolazioni diventarono un fenomeno di dimensioni assai più estese. In quegli anni i movimenti dei militari e dei civili raggiunsero cifre superiori a quelle registrate tra il 1914 e il 1918, coinvolgendo circa il 5% dell’intera popolazione europea solo tra il 1939 e il 1943, ossia negli anni dell’espansione tedesca. Tali movimenti coinvolsero gli sfollati dalle zone investite dalla guerra, i prigionieri, quanti furono costretti a lavorare nei territori nemici, le cosiddette displaced persons nonché, infine, i profughi di tutta l’area centro-orientale europea. Tra questi movimenti l’esodo forzato dei lavoratori all’interno del Reich tedesco fu particolarmente rilevante non solo perché riguardò un numero di persone che alla fine del 1944 risultava di almeno 8 milioni – 6 milioni di civili e 2 milioni di prigionieri di guerra –, ma perché mostrò in tutta la sua efferatezza il progetto bellico di Hitler, volto a sostenere l’economia di guerra del paese proprio con l’apporto del lavoro forzato delle popolazioni dei territori occupati. Preceduta dai primi trasferimenti non coatti di lavoratori italiani, forniti alla Germania sulla base di accordi stipulati con il governo di Mussolini, tale pratica assunse più esplicite caratteristiche di migrazione forzata a partire dal 1939. Dapprima furono deportati in Germania circa 2 milioni di polacchi; successivamente furono reclutati lavoratori dai territori di tutti gli altri paesi conquistati. Sta di fatto che nel 1944 un terzo della manodopera tedesca era costituito da lavoratori stranieri occupati prevalentemente nelle attività agricole e minerarie. Molti dei prigionieri e dei deportati furono utilizzati forzatamente nel lavoro e furono anche costretti a far parte delle operazioni militari. Le cosiddette divisioni «volontarie» delle SS arruolarono infatti le popolazioni di tutta l’Europa 73

occupata dall’esercito tedesco: dai danesi ai sovietici, dai francesi alle differenti popolazioni dell’Europa sud-orientale. Alla pianificazione del lavoro forzato si accompagnò il progetto di un ben più massiccio trapianto delle popolazioni di origine tedesca – in massima parte quelle residenti in Europa centro-orientale – costrette a lasciare i loro territori per raggiungere altre zone europee occupate nelle operazioni di guerra. I popoli di origine tedesca dovevano andare a soppiantare gli abitanti legittimi di questi territori che, secondo la gerarchia etnica formulata dal Reich, appartenevano a razze considerate inferiori. Il piano del trapianto e dello sfollamento della popolazione indesiderata si correlava così al più efferato disegno criminale che portò all’internamento e all’uccisione della popolazione ebraica prelevata dai ghetti di tutta l’Europa, e di tutti gli altri popoli considerati inferiori, come gli slavi, i gitani, gli zingari. Le eredità della guerra e le diaspore in Palestina Neppure la conclusione della guerra comportò la cessazione delle migrazioni di massa nei principali teatri del conflitto. Il rientro dell’ingente numero dei prigionieri fu uno dei primi motivi di tali movimenti. La sola Italia, per esempio, aveva quasi un milione e mezzo di prigionieri nelle mani dei francesi, degli inglesi e degli americani. L’ondata dei rientri fu dunque massiccia, anche se il primo governo democratico del paese cercò di ottenere dai vincitori che i propri prigionieri restassero nei paesi di prigionia in qualità di immigrati, nel tentativo di frenare un afflusso di nuovi disoccupati nel paese sconvolto dalla guerra e dalla distruzione. Altrettanto drammatico fu il rientro dei prigionieri di guerra in Unione Sovietica. Diversamente dall’Italia, questo paese aveva infatti chiesto alla Gran Bretagna e agli Stati Uniti il rimpatrio forzato dei suoi prigionieri, ottenendo anche una risposta affermativa, che fu poi siglata, a Yalta, nel 1945. Dalla conclusione del conflitto fino agli anni Cinquanta il numero dei profughi e dei rimpatriati raggiunse cifre colos74

sali, superando l’ammontare complessivo della grande emigrazione. Tra il 1939 e il 1949 è stato calcolato infatti che 45 milioni di persone – vittime delle deportazioni naziste e staliniste, rimpatriati, popolazioni costrette ad abbandonare i propri territori per la spartizione dei confini – siano state protagoniste di movimenti forzati sul territorio. In Europa ben 15 milioni di tedeschi dovettero abbandonare le proprie terre dopo la caduta del Terzo Reich, mentre in Estremo Oriente ben 5 milioni di giapponesi rimpatriarono dal Pacifico. Dopo il trattato di Potsdam del 1945, in particolare, quasi 7 milioni di tedeschi furono espulsi nelle sole regioni concesse alla Polonia, 2 milioni e mezzo furono costretti a lasciare quelle concesse alla Cecoslovacchia, mentre 179.000 lasciarono l’Ungheria. Gli espulsi dalla Jugoslavia furono 200.000. Nel loro complesso, da quando iniziarono le deportazioni in Siberia, che da sole coinvolsero 5 milioni di persone, gli espulsi dai paesi dell’Est furono 15 milioni, 3 dei quali scomparsi. A questi si sommano inoltre 3 milioni di rifugiati in Germania, il trasferimento di oltre 4 milioni di polacchi, di 2 milioni di cechi e di slovacchi, di centomila ungheresi, di cinquecentomila russi e ucraini, di centomila greci, di duecentomila esuli italiani dall’Istria e un numero pari di turchi, espulsi dalla Bulgaria. In definitiva, il problema dei rifugiati fu la più scottante questione che dovettero affrontare le potenze mondiali nei dibattiti interni agli organismi sovranazionali sorti dopo la conclusione del conflitto. I contrasti che divisero allora i paesi occidentali e l’Unione Sovietica aprirono di fatto la strada alle forti tensioni che nelle direttive internazionali avrebbero caratterizzato gli anni della guerra fredda anche in materia di emigrazione. Fin dal 1946 i paesi occidentali che aderivano all’Onu sollevarono la questione dei diritti umani dei popoli, mentre l’Unione Sovietica rivendicò il rientro immediato dei profughi nei paesi d’origine. Nel 1948 gli Stati Uniti vararono il Displaced Persons Act, istituendo un’apposita istituzione per programmare nuovi piani di immigrazione che modificassero le politiche restrittive degli anni precedenti. Quando poi 75

nei paesi dell’Est l’emigrazione assunse le caratteristiche di crimine «contro lo Stato» e si arrivò persino, nel 1961, a innalzare nella città di Berlino un muro che impedisse la fuga verso occidente, gli Stati Uniti vararono una serie di provvedimenti con i quali i rifugiati politici venivano di fatto a coincidere con i profughi provenienti dai paesi al di là della cortina di ferro. Sulla base di tale principio, dopo la guerra, nel corso di circa un trentennio, arrivarono negli Stati Uniti almeno 400.000 rifugiati provenienti dall’Europa. Anche in altri paesi di antica immigrazione furono aperte le porte ai rifugiati mediante una serie di provvedimenti varati ad hoc dai governi. In Argentina, tra gli altri, dopo la creazione di un’apposita istituzione – l’Organizzazione internazionale dei rifugiati – arrivò il più alto contingente di immigrati di tutta l’America Latina. Secondo i conteggi effettuati nel 1951, infatti, i profughi sbarcati nel grande paese sudamericano erano quasi 33.000. Uno degli episodi che dopo la guerra provocò l’allargamento dei movimenti migratori di differenti gruppi etnici nell’area mediorientale fu la costituzione dello Stato di Israele nei territori della Palestina. L’insediamento degli ebrei nei territori della Palestina non fu il frutto della Shoah e delle più recenti persecuzioni naziste. Esso risale infatti alla fine del Settecento e all’inizio dell’Ottocento, quando si fecero più incalzanti le persecuzioni antiebraiche in vari paesi e soprattutto nell’Est europeo, dove, in assenza dei principi ispirati alla rivoluzione francese, i pogrom furono più estesi e feroci. Presenti nelle terre palestinesi già nella prima metà dell’Ottocento, gli ebrei erano valutati attorno ai 50.000 nel 1878, data in cui essi risultavano diffusi già in modo capillare sul territorio. L’insediamento degli ebrei in quest’area fu realizzato attraverso l’acquisto delle terre, favorito talora dall’intervento di grandi finanziatori, come i Rothschild, che affidarono la gestione dei fondi ai coloni ebrei, i quali, a loro volta, coltivarono le terre ricorrendo in gran parte al lavoro della manodopera locale. Nel 1901 un nuovo acquisto di terre, finanziato dal Fondo nazionale ebraico, ampliò il fenomeno della colonizzazione in Palestina e favorì la costruzione di grandi 76

centri abitati. Nel 1909 fu così fondata Tel Aviv, mentre si ampliò ulteriormente il numero degli arrivi di ebrei che, nel decennio 1922-32, raggiunsero la cifra di 100.000. Nel corso delle persecuzioni subite durante il secondo conflitto mondiale, gli spostamenti verso i territori palestinesi si moltiplicarono notevolmente. Tanto è vero che nel 1948 – quando nacque ufficialmente lo Stato di Israele, in seguito alle decisioni che le potenze internazionali avevano assunto fin dal 1947 – gli ebrei ammontavano a 650.000. La nascita dello Stato di Israele in questo lembo di terra così carico di significati simbolici e costellato di una pluralità di presenze religiose, fu all’origine di altri drammatici e noti movimenti migratori, di cui furono protagonisti in questo caso i palestinesi di religione musulmana, che abitavano su queste terre senza alcuna rappresentanza istituzionale. Migliaia di persone furono infatti costrette alla fuga già durante la guerra civile che lacerò ebrei e arabi tra il 1947 e il 1948, e poi soprattutto dopo il primo conflitto arabo-palestinese, scoppiato nello stesso 1948 e conclusosi poi nel 1949 con la vittoria di Israele e con l’acquisto di un’ancora più vasta area territoriale da parte del nuovo Stato. Non è facile fornire una cifra attendibile dei profughi palestinesi in una situazione che – come dimostrano tragicamente i più recenti avvenimenti che funestano ancora la Palestina all’inizio del nuovo millennio – continua a essere dominata da una conflittualità che non si esprime soltanto sul devastante terreno degli attentati e della guerra. La conflittualità interna e quella che divide le posizioni dei governi e delle società civili di tutto il mondo si riversa anche su ogni forma di rilevazione, di informazione e di comunicazione che si riferisca a questa scottante realtà, impedendo di fornire persino cifre e valutazioni numeriche del tutto attendibili. Stando ai dati forniti dall’amministrazione britannica, per esempio, nella Palestina occidentale – ossia il territorio dove fu costruito appunto lo Stato di Israele – nel 1947 gli arabi ammontavano a 560.000. Secondo le stesse stime, dopo il primo conflitto arabo-israeliano del 1948-49, che di fatto dette origine al problema dei profughi palestinesi, furono 360.000 77

a spostarsi dai territori. Altri rapporti, redatti rispettivamente alla fine del 1948 e nel 1949, conteggiarono un numero di rifugiati pari a 750.000 e a un milione. Secondo i conteggi realizzati invece dall’Unrwa (United Nations Relief and Work Agency for Palestinian Refugees in the Near East; Agenzia di aiuto e lavoro delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi), il numero dei rifugiati palestinesi ammontava a 900.000 subito dopo i primi conflitti armati, mentre dopo le guerre scoppiate negli anni Sessanta avrebbe raggiunto la cifra di 1.371.000, di cui 707.000 in Giordania, 307.000 a Gaza, 164.000 in Libano, 140.000 in Siria. Per quanto riguarda il rapporto tra l’entità numerica della popolazione ebraica e palestinese, infine, nel 1966 si contavano in Israele 2.600.000 ebrei e 300.000 palestinesi; tra il 1948 e il 1966, infatti, grazie agli esiti dei conflitti favorevoli a Israele arrivarono qui 1.200.000 ebrei, la metà dei quali provenienti dall’Africa settentrionale e dal Medio Oriente.

Le migrazioni nella seconda metà del Novecento

Movimenti migratori e processi di decolonizzazione Una delle più importanti conseguenze del secondo conflitto mondiale fu la progressiva erosione dei grandi imperi coloniali dapprima in Asia e poi in Africa. Questo evento epocale fu a sua volta responsabile di nuovi movimenti di popolazioni che ebbero per meta la stessa Europa o altre realtà territoriali asiatiche, africane e americane. I primi movimenti furono stimolati dal rientro in patria di quanti vivevano nelle colonie e dalla scelta di stabilirsi in Europa da parte delle popolazioni di origine africana e asiatica, gli altri furono il risultato degli spostamenti di interi gruppi etnici dovuti alla ridefinizione dei confini postcoloniali o all’incalzare delle rivoluzioni e delle guerre civili che accompagnarono il processo di decolonizzazione in molti paesi. Nelle migrazioni postcoloniali si possono individuare infatti tre tipi di flussi: quello che coinvolse in massima parte la popolazione di origine europea, coloni, funzionari e militari che avevano prestato i propri servizi nelle colonie; quello che ebbe per protagonista la frangia della popolazione nativa che, avendo intrattenuto rapporti di collaborazione con i governi coloniali, preferì abbandonare il proprio paese nel timore di subire le ritorsioni da parte dei propri connazionali; e infine quel più drammatico movimento di profughi indotto dalla logica di spartizione seguita dalle potenze coloniali nello smantellamento dei pro79

pri imperi, nonché dalla nascita di nuovi Stati, con le numerose guerre civili che accompagnarono tali eventi. Nella prima ondata migratoria, più facilmente stimabile sul piano quantitativo – circa 7 milioni tra il 1940 e il 1975 – confluirono tutti coloro che avevano abbandonato l’Europa già nell’ultimo scorcio dell’Ottocento ma non avevano perso i legami con le rispettive madrepatrie. I paesi interessati da queste migrazioni eurocoloniali furono in massima parte la Gran Bretagna, verso la quale si diressero i sudditi provenienti dall’India, dal Kenya e dalla Malesia; l’Olanda, dove rimpatriarono quanti si erano insediati in Indonesia; il Belgio, che vide tornare i suoi sudditi dal Congo; la Francia, verso la quale si diressero i residenti delle colonie nordafricane; la stessa Italia, dove rientrarono i coloni e i funzionari che abbandonavano la Somalia, l’Eritrea, la Libia e l’Etiopia; e infine il Portogallo, che più tardivamente subì il riflusso della popolazione dall’Angola e dal Mozambico. Le migrazioni postcoloniali delle popolazioni indigene collaborazioniste ebbero traiettorie spaziali e scansioni temporali non dissimili dalle precedenti. Nella loro dinamica si possono tuttavia individuare alcune tendenze interessanti per comprendere le gravi difficoltà che le popolazioni non europee incontrarono, fin da allora, nell’integrazione nelle nuove società di accoglienza. La subordinazione economica e culturale che gli abitanti delle colonie avevano vissuto nei territori d’oltremare si riprodussero di fatto nelle metropoli europee dove il razzismo, a cui esse furono soggette da parte delle popolazioni autoctone, si accompagnò talora a discriminazioni di tipo giuridico. Sta di fatto che anche in seguito alle rinnovate ondate migratorie di questo tipo, e sotto l’incalzare delle spinte razziste presenti in vari settori dell’opinione pubblica, paesi come la Francia e la Gran Bretagna cominciarono a discutere dei provvedimenti restrittivi nei confronti delle popolazioni non europee. Nell’ultimo tipo di migrazione postcoloniale si possono inserire, come si è detto, tutti quei movimenti prodotti dal profondo mutamento del quadro geopolitico internazionale, a sua volta provocato dalla nuova delimitazione delle frontie80

re nelle ex colonie e dai grandi rivolgimenti avvenuti in certi paesi. Tra il 1945 e il 1975 questo tipo di migrazione si estese a macchia d’olio in Asia, in Africa e in America, in seguito alla liberazione dai vincoli coloniali di vari paesi. Basti pensare che nella sola Asia il numero degli Stati indipendenti riconosciuti ufficialmente negli organismi internazionali si quintuplicò nel corso di questo trentennio. E così in Africa, che nel 1939 aveva ancora un unico paese indipendente, a conclusione del processo di decolonizzazione gli Stati diventarono cinquanta. Negli stessi paesi americani, infine, dove già all’inizio dell’Ottocento nella sola area latinoamericana si erano costituite circa venti repubbliche, dopo il processo di decolonizzazione nacquero altri dodici Stati. Nell’assetto postcoloniale le frontiere dei nuovi paesi furono tracciate sulla base di criteri puramente diplomatici, senza tener conto delle entità storiche e delle situazioni economiche precoloniali né, tanto meno, del variegato profilo etnico-religioso degli abitanti. Molti conflitti che si svilupparono allora, e che ancora oggi lacerano il mondo – così come le grandi migrazioni che tuttora ne conseguono – affondano le loro radici anche in queste scelte del passato, negli ancor vivi interessi strategici ed economici delle ex potenze coloniali, nonché nei contrasti che negli anni della guerra fredda contrapposero Stati Uniti e Unione Sovietica. A questo proposito può risultare particolarmente efficace – per esemplificare l’entità delle migrazioni correlate al processo di decolonizzazione e delle guerre interetniche che ne furono spesso il corollario – quanto accadde in India, la «perla» inglese in Asia. In questo paese furono ben 17 milioni coloro che furono coinvolti nello «scambio» di popolazioni musulmane e indù in seguito alla spartizione dell’India del 1947, e per l’effetto distruttivo dei conflitti insorti tra i due gruppi etnico-religiosi. Dopo tale evento circa 6 milioni di musulmani si riversarono nel nuovo Stato pakistano che professava la stessa religione, mentre un numero quasi pari di non musulmani si stabilì nell’Unione Indiana. Un altro esempio di come il processo di decolonizzazione abbia dato la spinta a movimenti migratori di grandi entità è 81

offerto dalla Birmania, un’altra importante colonia britannica in Asia. In seguito all’indipendenza birmana, infatti, circa 500.000 abitanti di religione indù fecero ritorno nella vicina India. E nella stessa area meridionale asiatica, nell’Indocina francese, furono circa 900.000 gli abitanti che lasciarono il Vietnam del Nord per raggiungere quello del Sud, dopo gli accordi di Ginevra che avevano posto fine alla guerra, nel 1954, varando la costituzione del Nord e del Sud Vietnam. I casi che si possono registrare in Africa, dove il processo di decolonizzazione fu più tardivo, non sono meno numerosi. Nelle varie realtà del continente africano – nelle quali la maggioranza degli Stati indipendenti, a eccezione delle colonie portoghesi, si costituì nel corso degli anni Sessanta – il processo di decolonizzazione fu accompagnato da una conflittualità ancora più devastante di quella registrata nei possedimenti coloniali asiatici. In Africa la frammentazione delle etnie all’interno dei possedimenti o dei protettorati coloniali era ben più vistosa che nel vicino continente asiatico. A questa variegata composizione di popoli si accompagnavano differenze religiose, linguistiche e culturali che non avevano la legittimità o l’autolegittimità che molti popoli orientali avevano acquisito nel corso di una storia plurisecolare. I conflitti e le migrazioni diventarono pertanto dei fenomeni endemici, anche perché furono fomentati dalle rinnovate ingerenze delle potenze internazionali che si contendevano il controllo delle risorse minerarie interne, risultate ora più ricche del passato. Il caso della Nigeria, che ottenne l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1960 e si rivelò poi un territorio ricco di giacimenti petroliferi, offre in tal senso un esempio paradigmatico. Il paese raggiunse l’autonomia in modo abbastanza pacifico, nonostante la convivenza di diverse componenti religiose e tribali. Dopo solo un decennio dall’indipendenza, tuttavia, la costituzione di uno Stato autonomo, il Biafra, sostenuto dalla collettività Ibu, di religione cristiana, con l’ingerenza delle principali compagnie petrolifere, provocò una guerra che produsse 2 milioni di morti e un numero non minore di profughi. Nei vari continenti, in tutti i territori ex coloniali, infine, 82

migrazioni di forte entità si registrarono per l’intrecciarsi di questi movimenti di profughi con altre ondate migratorie di lavoro, libere e coatte, e soprattutto con le migrazioni economiche promosse da alcuni governi del cosiddetto Terzo Mondo per fronteggiare il sovrappopolamento interno, uno dei principali problemi che affliggeranno anche in seguito i paesi di queste aree. Dalla Corea alla Cina, dal Giappone al Medio Oriente, fino ai possedimenti portoghesi in Africa, che dopo duri scontri raggiunsero l’indipendenza solo a metà degli anni Settanta, i movimenti di milioni di profughi si intrecciarono con questi trasferimenti imponenti di forza lavoro. Iniziative di questo tipo furono adottate per esempio dall’Indonesia, dove lo sviluppo demografico e le conseguenze della guerra produssero effetti particolarmente tragici. Già dal 1949 vari provvedimenti sancirono infatti il trasferimento di migliaia di famiglie che abitavano nelle regioni sovrappopolate, come l’isola di Giava, nelle altre isole dell’arcipelago, in particolare Sumatra. E così in Cina, dopo la vittoria comunista del 1949, gli spostamenti di popolazione promossi dalle autorità politiche coinvolsero un numero di uomini, donne, e di intere famiglie, di ancor maggiore entità. A seconda delle contingenze economiche e a seconda della pressione demografica delle popolazioni su certe aree del paese, queste migrazioni furono orientate verso le realtà urbane o verso le campagne. In una prima fase, in cui si cercò di favorire l’industrializzazione – secondo il modello mutuato dall’economia sovietica –, la popolazione fu convogliata verso le città, che subirono una forte crescita; nel 1956-57 fu seguita invece la strada opposta, con il conseguente esodo di milioni di persone verso le campagne. Successivamente, durante la rivoluzione culturale della seconda metà degli anni Sessanta, i movimenti furono diretti tanto verso le città – che peraltro, come si dirà tra poco, non avevano cessato di crescere – quanto verso le campagne. Come conseguenza di questa politica, tra il 1967 e il 1976 è stato calcolato che dai 13 ai 14 milioni di persone residenti in distretti rurali si spostarono verso le città, mentre un equivalente numero di «intellettuali» e «giovani educati» si diressero verso la campagna. 83

In conclusione, le conseguenze più vistose del nuovo assetto mondiale provocato dal processo di decolonizzazione furono i movimenti di interi popoli e di ingenti masse di emigranti, per l’influenza di tre fenomeni che resteranno una costante nelle dinamiche di molti movimenti migratori del mondo contemporaneo: la dissoluzione di vecchie potenze e la parallela costituzione di nuovi Stati, i conflitti interetnici, l’esplosione demografica dei paesi del Terzo Mondo. La riapertura delle frontiere dei paesi transoceanici Dopo la fine del secondo conflitto mondiale lo sviluppo di un nuovo ciclo di migrazioni nel mercato internazionale del lavoro fu stimolato dal rilancio dell’economia del mondo occidentale e dall’affermarsi di una nuova fase liberistica nelle politiche migratorie. Le partenze dall’Europa verso le mete transoceaniche ripresero subito dopo il 1945, soprattutto dall’Italia e dalla Germania, i paesi sconfitti che avevano subìto gravissimi danni economici e si trovarono a fronteggiare le acutissime crisi sociali alimentate dall’ingente massa di disoccupati. Sul piano quantitativo è stato calcolato che tra il 1947 e il 1951 circa 2 milioni e mezzo di europei – inclusi i rifugiati, che rappresentavano più della metà di questa ondata – si siano diretti verso i paesi dell’America del Nord, quelli latinoamericani e le isole dell’Oceania. Questi flussi non toccarono certamente le cifre raggiunte prima del 1914, ma furono comunque eccezionali se confrontati con le riduzioni riscontrate negli anni precedenti. Ogni anno, tra il 1947 e il 1951, partirono dall’Europa 460.000 emigranti, di cui 218.000 lasciarono il proprio paese in modo spontaneo, mentre 242.000 sotto la guida dell’Organizzazione internazionale dei rifugiati, un’istituzione che verrà soppressa nel 1951. Oltre ai rifugiati, che ammontavano a 877.000, in massima parte originari dell’Europa orientale, le nuove partenze transoceaniche coinvolsero anche 608.000 cittadini britannici, 300.000 tedeschi, 206.000 spagnoli e 163.000 portoghesi. Gli 84

italiani, tra tutti, con i loro 623.000 emigranti costituivano il contingente più numeroso. Le rotte seguite dalle nuove ondate migratorie si allinearono ad alcune delle tendenze affermatesi in passato: quanti provenivano dall’Europa settentrionale si diressero verso i paesi di cultura anglosassone – Stati Uniti, Canada e Australia –, mentre gli emigranti in partenza dall’Europa meridionale raggiunsero maggiormente i paesi dell’America Latina. Il 50% degli italiani e il 61% degli spagnoli preferirono infatti l’Argentina e il 51% dei portoghesi il Brasile. Va tuttavia sottolineato un sostanziale ridimensionamento delle traiettorie geografiche dei nuovi flussi transoceanici e la loro distribuzione in paesi che fino alla vigilia della guerra avevano avuto un ruolo del tutto secondario. Di particolare rilievo, tra questi, diventarono infatti l’Australia, il Canada e il Venezuela. Fino al 1955 sui flussi migratori europei agì sicuramente l’attrazione esercitata dai paesi dell’America meridionale, investiti dall’eccezionale espansione economica dovuta alla loro estraneità al conflitto. La crescita industriale era stata particolarmente rilevante soprattutto in Argentina, in Brasile e in Uruguay, grazie all’espansione registrata nel periodo di guerra e a quella sostenuta poi dal sempre più massiccio intervento degli Stati Uniti nelle economie di questi paesi. A differenza del passato, tuttavia, i nuovi flussi non si diressero solo verso i più grandi Stati di immigrazione, ma si dispersero in tutta l’area latinoamericana, anche se l’Argentina, il Brasile e l’Uruguay conservarono comunque un ruolo predominante proprio per il peso che in tali paesi aveva assunto la produzione industriale. Gli altri Stati che registrarono un massiccio incremento dell’emigrazione – il già richiamato Venezuela, per esempio, che esportava petrolio, e gli Stati del Centroamerica, che esportavano prodotti tropicali – furono favoriti invece dal forte balzo delle esportazioni dei prodotti interni. Nella sola Argentina – anche in virtù di una serie di accordi internazionali che il paese stipulò per favorire gli arrivi dall’Europa – tra il 1945 e il 1960 giunsero, annualmente, oltre 60.000 europei. Fino all’inizio degli anni Cinquanta pre85

valsero, tra questi, gli agricoltori, gli artigiani e gli operai. Nei flussi migratori che raggiunsero il grande paese sudamericano dopo il 1951 prevalsero invece i commercianti, gli impiegati e i professionisti. Qui, come del resto in altri paesi del Sud e del Nordamerica, sbarcarono anche molti dei tedeschi che nella Germania nazista si erano coperti di crimini di guerra e, contando sull’appoggio di organizzazioni compiacenti, avevano cercato scampo con la fuga in America, confondendosi tra i rivoli delle nuove ondate dell’emigrazione economica e utilizzando altresì la rete di legami militari, tecnici e commerciali stabiliti in precedenza tra la Germania e gli Stati latinoamericani. Grazie a questi canali, molti responsabili degli stermini di ebrei, zingari e oppositori politici si nascosero, sotto falso nome, sia in Argentina sia in altri paesi americani. Alcuni di essi, talora noti personaggi coinvolti nella macchina del terrore nazista, furono scoperti e sottoposti a processo, dapprima in Israele, e in seguito anche in altri paesi. L’immigrazione verso l’America del Sud si ridimensionò notevolmente a metà degli anni Cinquanta, quando, con la fine del ciclo favorevole nella divisione economica internazionale, gli Stati sudamericani ripresero il loro ruolo tradizionale di paesi esportatori di materie prime e quando subirono l’accelerazione delle gravi crisi economiche e sociali che portarono al trionfo dei populismi in Argentina e in Brasile, nonché alle ripetute sollevazioni militari. A partire dagli anni Sessanta gli arrivi in America Latina si limitarono così ai più contenuti flussi dei tecnici e dei dirigenti delle grandi compagnie europee, giapponesi e nordamericane, mentre i movimenti dall’area – fatta eccezione per il Venezuela, che in conseguenza della crisi petrolifera degli anni Settanta vide triplicare la presenza di immigrati tra il 1970 e il 1980, registrando la piena occupazione, al pari di tutti gli altri paesi produttori di petrolio – avrebbero conosciuto un’inversione di tendenza nel decennio 1970-80. Per le drammatiche conseguenze delle repressioni messe in opera dalle dittature militari, infatti, nel corso di questo decennio i dissidenti e i perseguitati che riuscirono a scampare alla morte dettero l’avvio a una dia86

spora politica diretta verso l’Europa, verso altri paesi americani e, in misura minore, anche verso gli altri continenti. Dopo la guerra l’immigrazione riprese anche in Nordamerica e in Oceania, come si è detto. Questo fu dovuto all’allentamento dei forti vincoli legislativi che erano stati introdotti in questi paesi per frenare le precedenti ondate migratorie. L’Australia, in particolare, pur continuando a vietare l’immigrazione asiatica, riaprì le sue frontiere proprio per favorire l’accesso di nuovi flussi di stranieri. Essa arrivò così a ricevere, nei primi vent’anni dopo la guerra, 2 milioni di immigrati, oltre il 90% dei quali provenienti dall’Europa e più in particolare dall’Olanda, dalla Grecia, dalla Spagna e dall’Italia. Nell’America settentrionale furono gli stessi Stati Uniti a trovarsi di fronte a una nuova ondata di immigrazione dopo la fine della guerra. Tra questa data e il 1970 essi registrarono infatti un numero di circa 6 milioni e mezzo di immigrati, che in parte restarono sui territori statunitensi e in parte andarono a confluire nella fisiologica osmosi di popolazione tra i propri territori e quelli del Canada. Nello stesso Canada, d’altra parte, nel ventennio postbellico giunsero circa 4 milioni di immigrati, il 70% dei quali dall’Europa. Dopo la prima ondata di immigrazione europea, gli Stati Uniti dovettero comunque assistere a un forte mutamento della provenienza geografica dei propri immigrati. Se negli anni immediatamente successivi al conflitto l’immigrazione aveva una componente di europei pari al 60%, fin dall’inizio degli anni Sessanta questa si ridusse sensibilmente, attestandosi al di sotto del 35%. Nel corso di questi anni diventarono invece dominanti i flussi provenienti dalle aree extraeuropee. Questo accadde sia per i notevoli miglioramenti delle condizioni di vita di molti paesi della vecchia Europa, sia per i ben noti e già richiamati problemi economici e demografici che affliggevano i paesi del Terzo Mondo, sia, infine, per un ulteriore allentamento delle rigide politiche migratorie del passato. Negli Stati Uniti gli effetti del mutato indirizzo legislativo furono di particolare rilievo. Restati rigidamente ancorati ai 87

passati divieti anche subito dopo il conflitto, essi abolirono le quote riguardanti l’origine nazionale degli immigrati a partire dal 1962. A questo provvedimento seguì l’arrivo di nuove ondate di lavoratori asiatici, che non solo erano stati i primi a essere interdetti dall’entrare in questo paese, come si è già potuto osservare, ma erano stati anche i primi a subire le forti discriminazioni riservate agli stranieri durante la seconda guerra mondiale. I giapponesi, in particolare, presenti negli Stati Uniti dall’inizio del Novecento e insediati già alla vigilia della guerra nelle numerose Littles Tokyo sorte a Los Angeles, San Francisco, Seattle e Chicago, furono rinchiusi – come del resto altri gruppi di immigrati «nemici», come gli italiani – in campi di concentramento subito dopo l’attacco alle basi americane di Pearl Harbor. Dopo il mutamento delle normative degli anni Sessanta, invece, popolazioni asiatiche provenienti dal Giappone, dalla Corea, dalla Cina, dalle Filippine, dall’India e dal Vietnam ripresero a entrare negli Stati Uniti. Sta di fatto che, tra il 1961 e il 1970, il 12% degli immigrati che giungevano negli Stati Uniti era costituito da africani e asiatici. Negli stessi anni, inoltre, il 52% di quanti arrivarono nel paese erano latinoamericani originari dell’area caraibica, soprattutto di Portorico e Cuba, e del Messico. Già nel corso di questi anni, nell’immigrazione verso gli Stati Uniti cominciarono così a profilarsi alcune delle tendenze che, come si dirà nel capitolo seguente, diventeranno dominanti negli anni più recenti. Le migrazioni nell’Europa del miracolo economico Si è già detto che la diminuzione dei flussi migratori europei diretti verso i paesi transoceanici fu dovuta alle profonde trasformazioni economiche che investirono molti paesi del Vecchio Continente. A questo si deve aggiungere che negli stessi anni alcuni di essi si affermarono anche come nuovi protagonisti della scena economica internazionale, diventando importanti poli attrattivi dei flussi di manodopera in partenza da altri paesi europei. Già nel corso degli anni Cinquanta i 88

nuclei più consistenti di questi movimenti migratori si registrarono dunque all’interno della stessa Europa. In realtà le migrazioni di lavoro in ambito europeo erano riprese con una certa intensità già nell’immediato dopoguerra. La necessità di ricostruire le città devastate dai bombardamenti aveva alimentato movimenti nei quali i maggiori protagonisti furono i lavoratori del settore edile. È vero che in certi casi i paesi vincitori avevano utilizzato i prigionieri, ai quali fu richiesto di trasformarsi in lavoratori liberi; ed è altrettanto vero che gli stessi paesi erano ricorsi in modo massiccio ai contributi della manodopera proveniente dai propri imperi coloniali. La Francia, per esempio, per favorire gli arrivi allargò i diritti dei francesi agli abitanti delle colonie, aprendo così le porte alle numerose migliaia di algerini che raggiunsero i suoi territori già prima del 1950. Ancor più della Francia la Gran Bretagna aveva favorito una circolazione interna al dominio coloniale proprio per attirare la manodopera necessaria alle immediate esigenze del dopoguerra. Nonostante l’importante contributo di questa migrazione intercoloniale, tuttavia, i paesi colpiti dalla guerra ebbero bisogno di sollecitare l’immigrazione anche dai più vicini Stati europei. A tale scopo – e anche per favorire l’arrivo di immigrati «vicini» culturalmente e quindi più facilmente assimilabili al tessuto sociale francese di quanto lo fossero i sudditi delle proprie colonie – la Francia stipulò con l’Italia due primi accordi tra il 1946 e il 1947. Sulla base di questi arrivarono sul suo territorio «solo» 54.000 lavoratori, rispetto alle centinaia di migliaia previste nei trattati. Accordi italo-francesi dello stesso tipo furono stipulati ancora tra il 1950 e il 1955. Ma a ben vedere queste ultime due convenzioni rispondevano già a nuove esigenze produttive. L’eccezionalità della ricostruzione postbellica si concluse di fatto all’inizio degli anni Cinquanta. A partire da questa data i richiami di nuovi immigrati furono dettati piuttosto dalla forte ripresa economica che investì la Francia, come altri paesi europei, tra il 1950 e il 1960. In questi anni, oltre allo slancio della produzione e al calo della disoccupazione, si andò profilando quell’importante redistribuzione dei consumi e quel migliora89

mento complessivo del tenore di vita che solo in seguito sarebbe diventato un fenomeno importante anche in altri paesi dell’Europa meridionale. Il fatto più rilevante del decennio 1950-60, tuttavia, fu che alcuni paesi dell’Europa centro-settentrionale non recuperarono soltanto le posizioni economiche precedenti alla guerra, ma effettuarono un balzo che li pose al di sopra dei livelli industriali raggiunti perfino dagli Stati Uniti, indiscussi protagonisti dell’economia mondiale. Vari fenomeni contribuirono a questa crescita. Innanzi tutto la stabilità monetaria, che fu finalmente raggiunta dopo i forti picchi inflativi postbellici; gli stimoli all’industrializzazione, che furono offerti dalle politiche economiche nazionali e dagli aiuti internazionali; la positiva influenza esercitata dalla nascita del mercato economico europeo. Per la concomitante e positiva azione di tali elementi, nei mercati occupazionali di questi paesi si attivò una domanda di lavoro che non trovò risposta all’interno dei propri confini e si rivolse quindi a quei paesi dell’area mediterranea, come l’Italia, che non avevano ancora un adeguato sviluppo economico, o si avviavano a realizzarlo in situazioni di profondo squilibrio territoriale. Prese avvio così quella fase caratterizzata dal contributo pressoché esclusivo degli immigrati dell’area meridionale, mediterranea e orientale, ai mercati del lavoro dei paesi dell’Europa settentrionale. I principali tributari dell’immigrazione – in assenza dei paesi scandinavi, coinvolti nella ripresa economica degli altri paesi dell’Europa centro-settentrionale – furono dapprincipio gli italiani, e soprattutto quelli delle regioni meridionali del paese. Non va infatti dimenticato che altri Stati delle aree meno industrializzate – la Spagna franchista, il Portogallo di Salazar, i paesi dell’Est nel loro complesso – restarono inizialmente esclusi dal fenomeno, a causa dell’estrema chiusura dei loro regimi autoritari. Per i governi centristi dell’Italia del dopoguerra l’emigrazione costituì invece una «valvola di sfogo» per la disoccupazione interna e rappresentò uno strumento di controllo politico sulla forte conflittualità sociale che dilagava nella penisola. Negli stessi anni l’emigrazione fu anche un mezzo per favorire, con le ri90

messe, la disponibilità finanziaria dello Stato e la bilancia dei pagamenti. Essa fu inoltre un’utile moneta di scambio per ottenere, dall’estero, le materie prime necessarie per la ripresa industriale del paese. Le correnti di lavoro dal nostro paese erano state intense già subito dopo la guerra, come si è detto. Oltre che in Francia, gli italiani furono convogliati anche nelle aree minerarie nordeuropee sulla base di altri accordi bilaterali stipulati tra il 1946 e il 1947 con il Belgio, la Svizzera, la Gran Bretagna e perfino con la Cecoslovacchia. Fu comunque nel corso degli anni Cinquanta che gli italiani arrivarono a costituire oltre il 50% degli immigrati presenti nei paesi del Mec, l’organismo costituitosi con gli accordi di Roma del 1957. All’interno del nuovo circuito economico comunitario i governi italiani dell’epoca affidarono al nostro paese il ruolo di esportatore di forza lavoro. Solo in seguito, quando si allentarono le misure restrittive di certi Stati autoritari, come la Spagna, il Portogallo e la Jugoslavia, e quando questi, assieme agli altri paesi dell’area europea meridionale, cominciarono a fornire i propri immigrati all’Europa, la consistenza numerica delle correnti migratorie dal nostro paese subì un primo ridimensionamento. Tra i paesi di immigrazione quello che registrò il maggior numero di stranieri fu la Germania occidentale. Qui, infatti, all’inizio degli anni Settanta, gli immigrati avevano raggiunto i 3 milioni. Alla Germania facevano seguito la Francia, con oltre 2 milioni e mezzo, la Svizzera, con poco più di un milione, e il Belgio, con circa 700.000 lavoratori immigrati. Per capire la velocità del processo di assorbimento della Germania federale basti pensare che tra il 1960 e il 1973 i lavoratori stranieri passarono da poco meno di 300.000 a più di 2 milioni e mezzo. E anche tra questi, inizialmente, prevalsero gli italiani. Nel 1955 l’Italia firmò un accordo per il reclutamento di lavoratori in questo paese. Dopo il 1957, con la nascita del Mec – e con la realizzazione della libera circolazione di manodopera tra gli Stati firmatari di accordi –, l’esodo dall’Italia verso la Germania diventò di massa. Nel 1963, in particolare, su 800.000 lavoratori stranieri residenti nella 91

Repubblica federale, ben 297.000 erano italiani. Il 37% di essi lavorava nell’edilizia e il 25% nell’industria metalmeccanica. Tra il 1958 e il 1975, infine, gli italiani rappresentavano il 30% degli stranieri presenti nel paese. Solo negli anni Settanta, anche per la spinta dei fenomeni interni che orientarono i flussi in partenza dal Meridione verso le grandi città del triangolo industriale nordoccidentale, gli italiani cedettero il posto agli spagnoli, ai greci, ai portoghesi, ai tunisini, ai marocchini, agli jugoslavi e ai turchi. Questi ultimi, in particolare, con le loro 497.000 presenze, diventarono il primo gruppo di stranieri della Germania, a fronte dei 422.000 italiani. La stessa Turchia aveva alle spalle un decennio di migrazioni europee e aveva stipulato accordi bilaterali con la Germania fin dal 1961. Dopo questi trattati di lavoro ne furono siglati altri: con l’Olanda, la Francia, il Belgio e l’Austria. Tutte le convenzioni prevedevano la correlazione tra l’offerta e la richiesta di manodopera. Sta di fatto che, nei primi tre piani quinquennali varati dal governo turco, l’emigrazione costituiva un vero pilastro economico e la Turchia, in modo non diverso dall’Italia, dalla Grecia, dal Portogallo, incentivò l’emigrazione per fronteggiare sia il preoccupante fenomeno della disoccupazione interna sia il crescente deficit della bilancia dei pagamenti. Nel corso degli anni Sessanta e fino all’inizio del decennio successivo, la maggior parte delle località di partenza dell’area mediterranea seguirono politiche analoghe e, a partire dagli stessi anni, l’intera costa nord del Mediterraneo, dalla Penisola iberica fino all’Anatolia (eccetto l’Albania), diventò di fatto un grande «bacino» di manodopera per i paesi industrializzati dell’Europa settentrionale. All’inizio degli anni Settanta gli immigrati provenienti da quest’area raggiunsero infatti i 4 milioni. Proprio perché dovevano rispondere sia alle esigenze dei paesi di invio di manodopera, per i quali la temporaneità dei flussi era una garanzia per la propria bilancia dei pagamenti, sia agli interessi della Germania federale che, accogliendoli come lavoratori ospiti, non doveva sostenere gli oneri della stabilizzazione dei ricongiungimenti familiari e dei relativi 92

costi sociali, tali movimenti furono caratterizzati da un forte turnover tra partenze e rientri. Le conseguenze dell’emigrazione nei paesi di partenza dell’Europa meridionale e mediterranea Tra il 1961 e il 1968 la percentuale dei ritorni sul totale degli ingressi fu pari all’89% per gli italiani, mentre per gli spagnoli essa toccò il 74%, per i greci il 63%, per i turchi il 42% e per gli jugoslavi il 41%. Quando queste caratteristiche dell’immigrazione subirono i primi mutamenti per l’effetto cumulativo di movimenti assai elevati di popolazione nel corso di oltre dieci anni, il controllo sul mercato del lavoro da parte dei governi federali e degli altri paesi europei si fece più pesante. Si aprì così la strada sia a quella esplicita inversione di tendenza delle politiche migratorie internazionali che caratterizzerà gli anni successivi alla grave crisi petrolifera degli anni Settanta sia al profondo mutamento della geografia, della composizione e delle traiettorie dei movimenti delle popolazioni verso l’Europa. Prima di analizzare più nel dettaglio questa inversione, che avrà come epilogo, nell’ultimo ventennio del Novecento, il sostanziale ribaltamento di ruoli di certi paesi dell’area mediterranea, diventati da paesi di e-migrazione paesi di in-migrazione, sembra utile interrogarsi sul ruolo che l’imponente emigrazione dall’area mediterranea ha svolto non tanto sullo sviluppo dei paesi di arrivo, sul quale ci si è appena soffermati e su cui hanno maggiormente insistito gli studi, quanto sulle dinamiche interne alle società di partenza. Per comprendere queste dinamiche non basta, del resto, limitarsi solo ai motivi dell’esodo, e denunciare come maggiore responsabile delle partenze lo scarso sviluppo di tali aree. Anche su questi aspetti esiste un’ampia letteratura che ha messo a fuoco le responsabilità della persistente arretratezza della società agricola e soprattutto del forte divario tra le condizioni urbane e quelle rurali, sia in termini di risorse economiche sia in termini di servizi. È stato anche giustamente notato che furono questi fenomeni a spingere gli abitanti delle società rurali 93

– che già avevano alle spalle un lungo passato di migrazioni interne e di movimenti transoceanici – a cercare altrove un miglioramento delle condizioni di vita, utilizzando i networks sociali costruiti nelle società di partenza sulla base del loro lungo passato migratorio. Ciò che risulta meno noto è invece quale sia stato l’effetto dell’emigrazione sull’economia e sulla società delle aree del Mediterraneo sia durante i lunghi turnover degli anni di maggiore espansione dei flussi, sia dopo la chiusura delle frontiere e dopo i rientri definitivi. A questo proposito occorre subito rilevare il ruolo centrale svolto sulle bilance dei pagamenti nazionali dalle rimesse, ossia i risparmi reintrodotti nei paesi di partenza dagli emigranti. Già nelle migrazioni passate tali introiti erano serviti a certi paesi, come l’Italia, a riequilibrare i rapporti con l’estero, nonché a finanziare il decollo industriale della parte nord-occidentale del paese proprio con il contributo dei contadini delle regioni più arretrate. Anche in questo più tardivo ciclo migratorio euromediterraneo si riscontrano fenomeni di analogo squilibrio. Gli studi condotti sulla Spagna, la Grecia, la Turchia, e sullo stesso Portogallo, le cui dinamiche vengono assimilate a quelle dei paesi del Mediterraneo, hanno rilevato la stretta corrispondenza tra l’intensità dell’emigrazione, il forte introito delle rimesse e la crescita economica. Nonostante il loro beneficio sul reddito nazionale, sul Pil e sulla crescita complessiva delle economie dei paesi coinvolti, le rimesse non svolsero tuttavia funzioni altrettanto positive sulle società locali e sulla dinamica sociale. A ben vedere i motivi che avevano stimolato le partenze da certe aree – i bassi redditi dei ceti rurali, correlati all’arretratezza agricola, la diseguaglianza nella distribuzione fondiaria e gli squilibri territoriali presenti in vari paesi – non furono cancellati. E la vita economica e sociale dei luoghi di partenza non ebbe nuovi impulsi neppure dopo l’arrivo delle rimesse in valuta pregiata e dopo il rientro degli emigranti. Per la maggiore propensione al consumo acquisita all’estero, per la necessità di esibire i risultati del proprio percorso migratorio, per l’esigenza di accedere a nuovi status sociali, quanti rientrarono nei loro paesi puntarono infatti a insediarsi nei centri urbani 94

di dimensioni maggiori per dedicarsi alle attività autonome. Essi incrementarono così l’area dei servizi, mentre l’utilizzo prevalente delle rimesse si concentrò nelle realtà che avevano già sperimentato uno sviluppo economico. In definitiva, nell’Italia meridionale, come in altre realtà della Grecia, della Spagna, del Portogallo e della Turchia, il ritorno degli emigranti al paese d’origine non costituì uno stimolo all’incremento della base produttiva, ma fu all’origine della crescita di un tipo di urbanizzazione in cui all’affollamento degli abitanti corrispose soprattutto la crescita dei servizi, delle costruzioni e delle attività manifatturiere anziché un aumento dell’apparato industriale. Si tratta di problemi – come questa «patologica» crescita urbana assai comune, lo si dirà tra poco, alle molte latitudini del pianeta – che non solo non hanno trovato una soluzione attraverso le forti migrazioni di cui questi paesi sono stati teatro nel passato, ma sui quali si vanno innestando, come si potrà leggere nel prossimo capitolo, le stesse immigrazioni del presente. Dalla crisi petrolifera alla globalizzazione: nuovi protagonisti Quando si abbatté sui mercati internazionali del lavoro la crisi petrolifera, con i suoi effetti devastanti sull’aumento del prezzo della più importante materia prima e sulle tendenze inflative delle monete, alcuni paesi europei avevano già posto i primi limiti all’immigrazione di manodopera straniera. La Svizzera aveva fissato delle regole già nel corso del 1970; la Svezia varò alcuni provvedimenti nel 1972; la Germania nel 1973; nel 1974 fu la volta della Francia e dei paesi del Benelux. Il successivo periodo di forte recessione comportò quindi un calo della richiesta di manodopera nei mercati internazionali del lavoro, ma le decisioni di intervenire sul piano legislativo si erano profilate già prima, a causa delle preoccupazioni sollevate in vari paesi dalla presenza degli stranieri. Uno dei motivi che indussero i maggiori Stati di destinazione a porre dei freni all’immigrazione fu il timore che gli 95

stranieri potessero insediarsi stabilmente sui propri territori, gravando così sui bilanci dello Stato con un pesante aumento degli oneri sociali del welfare. Un altro motivo di preoccupazione fu l’aumento della presenza di gruppi etnici di provenienza non europea e di religione musulmana in alcune delle più importanti sedi di arrivo. In Francia, per esempio, la presenza dei maghrebini si era moltiplicata e gli algerini, in particolare, nella prima metà degli anni Settanta erano diventati il secondo gruppo di immigrati, suscitando vaste reazioni xenofobe all’interno della società francese; in Germania, negli stessi anni, i turchi superarono persino le cifre degli italiani, come si è detto, sollevando problemi altrettanto preoccupanti; nel regno britannico, infine, gli immigrati extraeuropei erano entrati nei mercati del lavoro nazionale attraverso i circuiti delle migrazioni interne al Commonwealth e la loro presenza aveva provocato discriminazioni già nel corso degli anni Sessanta. Le reazioni xenofobe nei confronti di quello che in modo dispregiativo veniva definito il colored people, furono infatti particolarmente forti soprattutto dopo l’installazione di molti immigrati di origine asiatica e africana nei centri urbani che erano stati abbandonati dal ceto medio inglese. I primi provvedimenti restrittivi, varati sotto il peso di timori che si sarebbero amplificati negli anni della forte recessione, stimolarono comunque un certo ampliamento dei flussi migratori. I vincoli imposti ai diffusi turnover della manodopera nei mercati del lavoro favorirono infatti i ricongiungimenti familiari nelle nuove sedi di residenza. Gli immigrati, nel timore di non poter rientrare nei paesi di immigrazione, preferirono richiamare le proprie famiglie nelle nuove sedi di lavoro. Le reazioni dei paesi di accoglienza furono così, in certi casi, ancora più drastiche e puntarono al rimpatrio degli immigrati: la Francia, per esempio, nella seconda metà degli anni Settanta predispose incentivi finanziari per incoraggiare gli stranieri a tornare a casa, e la Germania seguì la stessa strada all’inizio degli anni Ottanta. Durante la recessione, il risultato di queste scelte non fu solo la contrazione quantitativa dei movimenti migratori in96

terni all’Europa, ma anche il mutamento qualitativo dei flussi; nel mondo dell’immigrazione cambiarono infatti il profilo demografico e quello occupazionale. L’aumento della disoccupazione, in particolare, e con questa la costituzione di riserve di lavoro nelle stesse sedi di immigrazione, caratterizzò perfino paesi come la Germania che, in virtù del forte ricambio garantito dal turnover degli stranieri, aveva potuto contare, in passato, sulla piena occupazione. Un’altra conseguenza di questa inversione di tendenza all’interno dei mercati internazionali del lavoro fu il ruolo strategico che cominciarono ad assumere alcuni paesi fornitori di materie prime. Nella seconda metà degli anni Settanta si svilupparono infatti nuovi poli di attrazione per molti di quei paesi «esportatori di manodopera» che continuavano a registrare alti tassi di disoccupazione perfino dopo lunghi anni di immigrazione nell’Europa centro-settentrionale. Per la mancata soluzione dei problemi endemici della disoccupazione e della sotto-occupazione, all’inizio degli anni Settanta vari paesi extraeuropei ad alta percentuale di emigrazione si trovarono infatti in situazioni ancora più difficili del passato e in certi casi, come in Algeria, i governi nazionali cercarono anche di adottare provvedimenti che favorissero l’occupazione e contraessero l’emigrazione. In altri Stati, come in Tunisia, Marocco, Turchia e persino in Portogallo e in Jugoslavia, i governi nazionali dirottarono i flussi migratori verso quei paesi che mostravano un forte bisogno di manodopera grazie alla presenza dei giacimenti petroliferi. Favorito dalle cospicue entrate per la vendita del greggio, dallo sviluppo economico e dalla crescita delle infrastrutture, il Medio Oriente diventò così uno dei poli attrattivi dei nuovi movimenti migratori verso la metà degli anni Settanta. Certo, l’immigrazione in quest’area risaliva già agli anni Trenta, quando furono scoperti i primi giacimenti petroliferi; in questo periodo l’immigrazione era tuttavia limitata e poco diversificata etnicamente. In un secondo periodo, tra il 1950 e il 1960, l’immigrazione fu maggiormente favorita dallo sviluppo dei grandi lavori infrastrutturali. Nel corso di questi due decenni si ridefinirono le componenti etniche dei flussi mi97

gratori verso il Golfo e aumentarono nettamente gli immigrati di origine araba, soprattutto egiziani, palestinesi e yemeniti. Ma fu soprattutto dopo il 1973 che le correnti migratorie verso l’area del Golfo assunsero dimensioni considerevoli. I prezzi del petrolio – tre dollari al barile, nel 1972 – salirono a dieci dollari nel 1974, mentre i proventi della vendita del petrolio aumentarono vorticosamente: dai 4 miliardi e mezzo di dollari del 1970 agli 87 miliardi del 1978. Diventati particolarmente ricchi, i paesi del Golfo dettero l’avvio a grandi opere infrastrutturali per le quali non disponevano di manodopera nazionale; fu così che in un brevissimo arco di tempo i lavoratori stranieri presenti in certi Stati, per esempio il Kuwait, il Qatar e gli Emirati Arabi, superarono di molto la manodopera nazionale. Nel 1975 il numero degli stranieri registrati nei paesi produttori di petrolio del Medio Oriente e in Libia toccava quasi i 2 milioni; nel 1980 le presenze salirono quasi a 3 milioni. Sul piano professionale, a differenza di quanto era avvenuto nell’emigrazione verso l’Europa, nell’area del Golfo gli immigrati furono occupati in tutti i settori di attività. Quanto alle provenienze geografiche, in questo terzo periodo di immigrazione si imposero nettamente gli immigrati provenienti dai paesi asiatici. Con le loro basse richieste salariali, infatti, questi erano in grado di fare concorrenza alla manodopera mediorientale. Se infatti nel 1975 il numero degli asiatici era stimato intorno ai 350.000, su un totale di 1.800.000 stranieri, questa cifra raddoppiò tra il 1975 e il 1980. In tutta l’area, del resto, tra il 1975 e il 1985 gli immigrati provenienti dai paesi dell’Asia passarono, nel loro complesso, dal 20% al 63%. Tra i paesi di origine dominava il Pakistan, i cui immigrati si concentrarono soprattutto in Arabia Saudita, mentre altri flussi partirono dall’India, dove l’immigrazione verso il Golfo risaliva già all’epoca coloniale. Di più recente data erano invece le correnti migratorie dalle Filippine e dalla Corea. L’immigrazione verso l’area del Golfo subì comunque un forte ridimensionamento nel corso degli anni Ottanta, quando la produzione petrolifera scese dai 22 miliardi di barili al giorno, nel 1979, agli 11 milioni, nel 1984. Questa recessione 98

comportò una riduzione degli investimenti e la conseguente fine dei grandi lavori infrastrutturali che richiedevano la manodopera straniera. A partire dagli anni Ottanta quindi, come già stava accadendo in molte altre sedi di immigrazione, anche in quest’area il reclutamento della manodopera straniera subì quella svolta che avrebbe portato a selezionare gli immigrati sulla base della nazionalità, della qualificazione professionale e dei settori di occupazione. Dopo la crisi del 1973 si affacciarono dunque sulla scena mondiale paesi di destinazione, come il Medio Oriente, che negli anni precedenti avevano svolto ruoli più marginali nel panorama internazionale delle migrazioni. Lo stesso accadde per i paesi «esportatori» di manodopera, tra i quali, negli stessi anni, si andarono affermando nuovi protagonisti destinati a restare tali anche nel ventennio finale del secolo. Anche in questo caso quanto accadde nel Medio Oriente – il forte apporto delle migrazioni dell’Asia – è abbastanza significativo per delineare la tendenza che si andrà profilando come dominante negli anni successivi: la formazione di correnti migratorie asiatiche dirette verso sedi di lavoro non transoceaniche. Oltre al Golfo Persico, del resto, anche altre aree attrattive si andarono affiancando o sostituendo, nel ruolo di paesi d’arrivo, alle più antiche sedi di destinazione in Oceania, in Nordamerica e nell’Europa nord-occidentale; i nuovi teatri di questi movimenti furono l’Africa meridionale e il Golfo di Guinea. Di particolare interesse si rivela a questo proposito l’intensa osmosi di popolazione che si sviluppò in Africa. Da vari paesi occidentali del continente le popolazioni raggiunsero infatti il Senegal, la Sierra Leone, la Costa d’Avorio, il Ghana e la Nigeria, in cui la ricchezza mineraria e lo sviluppo dell’agricoltura richiedevano un crescente arrivo di lavoratori. Lo stesso accadde alla Repubblica Sudafricana, un paese che già nel passato era stato polo attrattivo di intense migrazioni proprio perché ricco di miniere e di industrie. Nella stessa Africa meridionale, infine, anche altri paesi – come lo Zambia e lo Zimbabwe – diventarono meta di immigrazione per gli abitanti dell’Angola, della Tanzania, del Mozambico e del Malawi. Si trattava, insomma, di quelle migra99

zioni le cui traiettorie seguivano un nuovo asse: quello che portava dai paesi del Sud ad altri paesi del Sud. Le nuove forme della crescita urbana Le migrazioni verso le città hanno costituito una costante di lungo periodo. Come si è potuto leggere nelle pagine iniziali di questo scritto, le città hanno rappresentato infatti una delle mete privilegiate dei flussi migratori nell’Europa preindustriale e nella Cina delle grandi dinastie imperiali. Nell’età contemporanea, dopo il forte e noto sviluppo delle città messo in moto a partire dalle prime trasformazioni industriali, furono gli anni tra le due guerre quelli in cui la crescita urbana subì un’accelerazione straordinaria, sotto l’incalzare dell’opera di ricostruzione postbellica e del ritmo particolarmente sostenuto dello sviluppo economico. In questo periodo le città cominciarono letteralmente a scoppiare, tanto da indurre a quella rivoluzione dei sistemi di costruzione e di rinnovamento dell’habitat urbano che, mediante l’utilizzo del cemento e del vetro, fece estendere gli edifici delle città verso altezze precedentemente del tutto irraggiungibili. I grattacieli che dominavano nelle grandi città nordamericane diventarono allora la tangibile testimonianza di questa nuova dimensione demografica delle città e al contempo furono anche il simbolo del trionfo urbano e dell’espansione economica a esso correlato. Tanto è vero che la possibilità di conquistare i piani alti di questi nuovi edifici costituì allora l’obiettivo più ambizioso dei principali attori economici. È dunque a partire dalla seconda metà del Novecento che la crescita delle città assume dimensioni del tutto nuove e coinvolge in misura crescente aree territoriali che in passato non avevano conosciuto forme di civiltà urbana paragonabili a quelle sperimentate fin dall’antichità dalle città mediterranee, ossia quelle che costituiscono tuttora una sorta di idealtipo dell’organizzazione urbana. Nella seconda metà del Novecento le città crescono ovunque a dismisura, sotto l’incalzare delle migrazioni e della spinta demografica. La cre100

scita della popolazione urbana diventa in questi anni più veloce persino della crescita della popolazione complessiva del mondo. Se infatti quest’ultima era stimata pari a 2 miliardi e mezzo nel corso del 1950, e pari a 5 miliardi nel corso del 1987, nello stesso lasso di tempo la prima era passata da meno di 800 milioni a circa 2 miliardi. Non solo, ma se ancora nel 1950 soltanto due agglomerati urbani – Londra e New York – nei paesi industrializzati superavano i 10 milioni di abitanti, il loro numero, nel corso degli anni Ottanta, è arrivato a 13 in tutto il mondo. Alcuni dei più grandi agglomerati urbani appartengono a paesi del Terzo Mondo. La vera peculiarità dell’urbanizzazione in questi anni non è offerta, infatti, dal mondo industrializzato ma proprio dai paesi del Terzo Mondo. Nel 1950 solo il 17% della popolazione dei paesi africani, asiatici e latinoamericani abitava in città, mentre nei paesi industrializzati la popolazione urbana assorbiva metà della popolazione complessiva. Secondo le elaborazioni demografiche fornite dall’Onu nel 1982, inoltre, la popolazione urbana del mondo ha avuto un tasso medio di crescita del 26% all’anno tra il 1975 e il 1980. Tuttavia, mentre la crescita della popolazione delle città dei paesi «sviluppati» è risultata abbastanza modesta, pari cioè all’1,3% l’anno, il tasso annuo è risultato più rapido nei paesi del Terzo Mondo; qui esso ha raggiunto il 3,7% all’anno, di cui il 5,3% nella sola Africa. Sta di fatto che le città, che fino alla prima metà del Novecento si potevano ritenere sedi di residenza e forme organizzative caratteristiche del Vecchio Mondo, nella seconda metà degli anni Ottanta diventano, per il 60%, una peculiarità del Terzo Mondo. Secondo le previsioni avanzate all’inizio degli anni Ottanta dall’Onu, infatti, la popolazione urbana mondiale avrebbe dovuto ritenersi pari al 66% verso la fine del Novecento, ma, mentre la crescita della popolazione delle città poteva stimarsi pari al 23% nel mondo occidentale, quella del Terzo Mondo avrebbe potuto raggiungere anche il 100% in Africa e il 170% in Asia. Negli elenchi delle più popolate città del mondo, compilati dall’Onu all’inizio del nuovo millennio, primeggiano infatti le grandi città asiatiche, 101

africane e sudamericane che, come si dirà tra poco, hanno compiuto un balzo demografico a partire dagli anni Cinquanta. Ben diverse restano comunque le caratteristiche dell’urbanizzazione in queste nuove realtà rispetto ai modelli delle città occidentali. Certo, non si deve ritenere che l’urbanizzazione sia stata un fenomeno legato solo alla civiltà del Rinascimento europeo o alle più antiche civiltà del Mediterraneo. L’urbanizzazione ha avuto una grande diffusione in America, in Africa e soprattutto in Asia, ancor prima che in altre realtà mediterranee. Le città delle grandi civiltà amerindie, in America Latina, ne sono la prova concreta e così le notevoli città religiose e le grandi capitali dell’India antica, della Cina, del Giappone e delle civiltà africane a nord del Sahara. La forte espansione urbana che nei tempi più recenti ha interessato molte realtà latinoamericane e i paesi dell’Africa tropicale – come il Sudan, la Nigeria, il Ghana e l’Africa orientale – rivela invece caratteristiche assai differenti dalle precedenti esperienze storiche. Mentre nel Vecchio Mondo tale espansione era stata sollecitata da profondi e positivi cambiamenti della vita sociale, ed era stata quindi la testimonianza di uno sviluppo economico, la più recente esplosione delle città nel Terzo Mondo – e soprattutto in Africa – risulta piuttosto il segno del sottosviluppo. Si tratta, insomma, di quel fenomeno del «gigantismo» che caratterizza sia città latinoamericane come la capitale messicana o San Paolo in Brasile – che passano, rispettivamente, dai 2 milioni e mezzo e dai 3 milioni di abitanti del 1950 ai 20 e ai 15 milioni degli anni Ottanta –, sia città africane a nord del Nilo – come Il Cairo, che nel 1985 registrava 11 milioni di abitanti nella città e nella sua periferia e aveva così quadruplicato la sua popolazione rispetto al 1950 –, sia i centri urbani dell’Africa tropicale – come Accra, Khartoum, Lagos, Kinshasa, che, dalle poche migliaia di abitanti del 1950, arrivano a oltre uno o più milioni di abitanti nello stesso arco di tempo –, sia le città asiatiche – come Pechino, Shanghai, Madras, Bombay, Dacca – caratterizzate da una crescita che oscilla dai 4 ai 15 milioni di abitanti. Questa con102

centrazione di popolazione nelle grandi capitali del Terzo Mondo risulta più forte nei momenti di crisi anziché in quelli di maggiore prosperità, mentre l’enorme quantità numerica di abitanti, che viene registrata dalle statistiche, non è accompagnata di fatto dall’effettiva integrazione di questa popolazione marginale in un tessuto urbano che soltanto nelle strutture costruttive, nella rete delle infrastrutture e nello sfarzo delle illuminazioni riproduce il modello delle grandi città nordamericane. Uno sviluppo urbano in cui le migrazioni risultano maggiormente integrate nell’habitat cittadino si realizza invece nei paesi produttori di petrolio del Medio Oriente e del Golfo Persico, dove questo maggiore assorbimento avviene grazie alla maggiore disponibilità delle risorse economiche. Quanto ai paesi industrializzati, nel corso degli stessi anni si assiste a un forte movimento di redistribuzione della popolazione dai grandi centri urbani verso una periferia sempre più lontana e a uno spostamento progressivo della popolazione delle zone industriali verso le aree in cui si sviluppano le attività del terziario. Fenomeni di questo tipo si registrano in Francia, in Gran Bretagna, nella stessa Italia. Il caso più significativo di questa redistribuzione è quello degli Stati Uniti, dove nella seconda metà degli anni Ottanta si accusava un saldo migratorio negativo nel Nord-Est e nella regione dei Grandi Laghi, mentre l’Ovest (California, Nevada, Arizona, Wyoming, Stato di Washington) e il Nuovo Sud (Texas e Florida) registravano saldi attivi. La tendenza più significativa che ha assunto il processo di urbanizzazione nel mondo occidentale è comunque la progressiva cancellazione degli spazi extraurbani che in passato avevano una destinazione agricola e, con questa, la ridefinizione degli stessi rapporti tra città e campagna. Nel 1985, circa il 75% della popolazione dei paesi industrializzati risiedeva in città. L’enorme sviluppo urbano ha provocato la creazione di vaste agglomerazioni formate da molteplici conurbazioni associate, seppure non continue. Si tratta delle cosiddette «megalopoli» che, identificate in un’area ben definita degli Stati Uniti, si riscontrano di fatto anche 103

in altri paesi europei e in Giappone. La più importante, sulla costa est degli Stati Uniti, ingloba Boston, New York, Filadelfia, Baltimora e Washington e si estende su circa 1000 chilometri, assorbendo un quinto della popolazione degli Stati Uniti. Un’altra immensa megalopoli nordamericana investe l’area dei grandi laghi, al confine tra Stati Uniti e Canada, le cui città – da Montreal a Chicago – accolgono oltre 25 milioni di abitanti. Esempi analoghi per l’organizzazione urbana di vastissime aree territoriali ma caratterizzati da una minore entità numerica della popolazione si trovano in Europa – nell’area dei Paesi Bassi, la più urbanizzata del continente, con 400 abitanti per chilometro quadrato, e in Renania – mentre in Giappone un continuum urbano di enormi dimensioni – da Tokyo a Kawasaki, Yokohama e Chiba – ingloba quasi 30 milioni di abitanti. La dinamica dello sviluppo urbano – con le sue immense conglomerazioni di città dislocate alle varie latitudini del pianeta, che accolgono popolazioni dedite alle attività tecnologiche e le più marginali manifestazioni della povertà – è il fenomeno che forse rappresenta nel modo più esemplare le tendenze e le caratteristiche che andranno assumendo i fenomeni migratori nel mondo globalizzato.

Le caratteristiche dei movimenti migratori negli ultimi vent’anni del Novecento

Uno sguardo d’insieme I profondi rivolgimenti che caratterizzano gli scenari economici e politici mondiali dell’ultimo scorcio del Novecento imprimono una svolta significativa ai movimenti migratori modificandone le traiettorie, ampliandone le dimensioni quantitative e mutandone profondamente la composizione professionale, etnica e religiosa. I fenomeni che maggiormente influiscono su questo mutamento sono le svolte restrittive nelle politiche migratorie dei principali paesi di immigrazione, il passaggio dalla società industriale a quella postindustriale, il crollo del sistema sovietico dopo la caduta del muro di Berlino. A tutto questo vanno aggiunti i persistenti incentivi agli esodi di massa che trovano in questi anni un’ulteriore accelerazione: l’endemica sovrappopolazione e la fuga dalla persistente povertà che caratterizzano tuttora molti paesi asiatici, africani, centro e sudamericani; i movimenti dei profughi e dei rifugiati che attraversano i vari teatri delle guerre o fuggono dalla repressione politica. Sul piano economico l’affermazione del sistema globalizzato ha comportato la ricerca di nuove forme di investimento da parte dei principali soggetti economici, che hanno puntato a espandere l’attività manifatturiera proprio in quelle aree del globo meno investite dai processi di modernizzazione. A questi mutamenti si sono sommati quelli indotti dalla terza rivoluzione industriale, che con lo sviluppo della microelettro105

nica ha modificato integralmente il sistema delle relazioni di lavoro, contraendo il numero della manodopera meno qualificata nel settore industriale e dilatando a dismisura gli addetti al terziario. Sul mercato del lavoro tutto questo ha avuto l’effetto di polarizzare la richiesta di addetti sia in direzione dei più elevati livelli di qualità professionale, sia, all’opposto, verso le attività più dequalificate, con il parallelo aumento dei settori economici informali e delle occupazioni più precarie e giuridicamente meno garantite. Insomma, il fatto più rilevante, in questa situazione di interdipendenza del mercato mondiale, è stato la fine di un ciclo economico caratterizzato dallo stretto rapporto tra crescita e occupazione e l’affermazione di un sistema all’interno del quale da un lato si sono indebolite le attrazioni esercitate dai mercati dei paesi di immigrazione e hanno assunto un’importanza determinante i fattori politici, sociali e culturali, e dall’altro si è andato costituendo un mercato del lavoro in cui l’apporto degli immigrati si distingue soprattutto per la sua differenza qualitativa rispetto all’offerta di lavoro degli autoctoni. Nella nuova situazione economica mondiale si assiste così a una sempre più ampia estensione delle aree interessate dai processi di emigrazione. Non solo la dinamica delle partenze sembra risentire in misura minore di quei rapporti di dipendenza coloniale che avevano avuto un ruolo così determinante nei flussi migratori sviluppatisi tra la seconda metà dell’Ottocento e il secondo dopoguerra, ma nel corso di questi anni mutano soprattutto i soggetti, gli Stati coinvolti, gli itinerari. I protagonisti dei movimenti migratori diventano ora quei paesi – come l’Africa centrale e l’Europa orientale – che nel passato erano rimasti esclusi dai fenomeni di mobilità per motivi di carattere politico o economico, mentre le direttrici geografiche più seguite nelle migrazioni internazionali sono quelle che uniscono il Sud al Nord e l’Est all’Ovest. Sulla scena mondiale si vanno affermando come protagonisti anche nuovi paesi di immigrazione sia nel Vecchio Continente sia in nuovi paesi emergenti. Mentre negli anni del miracolo economico europeo erano stati i paesi dell’Europa nord-occidentale ad assumere un forte ruolo attrattivo, nel 106

nuovo sistema migratorio internazionale un peso crescente viene svolto dai paesi dell’Europa del Sud. Se, nell’area mediterranea, l’Italia, la Spagna e gli altri Stati europei meridionali diventano i poli di attrazione per le popolazioni della riva sud del Mediterraneo, e per gli altri flussi migratori provenienti dall’Africa e dall’Asia, nell’Estremo Oriente i protagonisti sono gli Stati asiatici interessati dalla terza rivoluzione industriale. Hong Kong, Taiwan, Corea del Sud, Singapore, Malesia, Indonesia, Thailandia risultano infatti le mete privilegiate dai flussi in arrivo dalle Filippine, dal Pakistan, dal Bangladesh e dalle stesse aree in trasformazione – come la Corea e la Thailandia – caratterizzate allo stesso tempo da fenomeni di emigrazione e di immigrazione. Si è appena detto che durante questo ventennio assumono un peso crescente i movimenti dei rifugiati politici e dei profughi messi in fuga dalla guerra e dalla repressione poliziesca. Nel corso degli anni Ottanta i più intensi movimenti si concentravano nelle aree più colpite dalle guerre interetniche postcoloniali o dove erano presenti dittature e regimi militari: in America centrale, nell’Africa orientale e meridionale, nell’Asia occidentale e sud-occidentale, in Medio Oriente. Tra i paesi che in questi anni accoglievano il maggior numero di rifugiati primeggiavano gli Stati Uniti, la Svezia, la Svizzera, il Belgio, la Francia. Nel corso degli anni Novanta i teatri delle guerre si allargano anche a quelle aree europee e asiatiche sconvolte dalla fine del sistema bipolare, con il conseguente spostamento delle traiettorie e l’affermazione di nuovi paesi di accoglienza in aree precedentemente escluse. In Europa, dopo il 1991-92, i principali protagonisti di questi movimenti sono gli jugoslavi, seguiti dai rumeni, dai turchi, dagli originari dello Sri Lanka, dai somali, dagli iraniani, dagli abitanti dello Zaire, dagli iracheni, dai bulgari, dagli albanesi, dai nigeriani, dai libanesi e dai cinesi. Se, alla vigilia del 1994, ben 4.240.000 rifugiati originari dell’ex Jugoslavia avevano beneficiato di una certa assistenza dell’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati, dopo il 1997 i principali paesi di partenza diventano la Turchia, la Jugoslavia, l’Iran, l’Iraq, la Somalia, lo Sri Lanka. Alla vigilia del nuovo millennio, infi107

Tab. 2 - Popolazione migrante per aree geografiche dal 1965 al 1990 Popolazione nata all’estero

Milioni

% della % del totale popolazione degli emigranti totale dell’area nel mondo

Aree

1965

1990

1965

1990

Mondo Paesi sviluppati Paesi in via di sviluppo Africa Norvegia America Latina e Caraibi America del Nord Europa ed ex Urss Oceania

75,2 30,4 44,8 7,9 31,4 5,9 12,7 14,7 2,5

119,8 54,2 65,5 15,6 43,0 7,5 23,9 25,1 4,7

2,3 3,1 1,9 2,5 1,7 2,4 6,0 2,2 14,4

2,3 4,5 1,6 2,5 1,4 1,7 8,6 3,2 17,8

1965

1990

100,0 100,0 40,4 45,3 59,6 54,7 10,6 13,1 41,8 35,9 7,9 6,2 16,9 20,0 19,6 20,9 3,3 3,9

Fonte: S. Castles, Les migrations internationales au début du XIXe siècle: tendances et problèmes mondiaux, in La migration internationale en 2000, numero monografico della «Revue internationale des sciences sociales», 165, settembre 2000, p. 319.

ne, nell’intero quadro mondiale il più alto numero di profughi interni si trovano nei territori dell’ex Unione Sovietica, nell’ex Jugoslavia, nell’Iran, nello Sri Lanka, in Eritrea, in Liberia, in Sierra Leone, in Colombia. Sta di fatto che, secondo le stime del 1997, tra i 135 e i 140 milioni di persone coinvolte nelle migrazioni internazionali in vari paesi del mondo, almeno 13 milioni sono riconosciuti come rifugiati dall’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati. Sul piano quantitativo la tendenza complessiva di quest’ultimo ventennio è la forte dilatazione del numero degli emigranti su scala mondiale. Secondo uno studio pubblicato nel 1999 dalla Divisione della popolazione delle Nazioni Unite già all’inizio degli anni Novanta si registra un forte aumento dei nati all’estero, che passano dai 75 milioni registrati nel 1965 ai 120 milioni conteggiati nel 1990, ossia circa il 2% della popolazione mondiale. Queste cifre si ingigantiscono ulteriormente se oltre ai movimenti internazionali si prendono in considerazione quelli 108

interni a singoli paesi: ancora nel 1981, per esempio, solo in uno Stato come l’India le migrazioni interne coinvolgevano 200 milioni di persone. Un’altra tendenza numerica d’insieme è l’estrema concentrazione di immigrati in certi paesi e in certe aree. Nel già citato studio dell’Onu si legge infatti che il 90% degli emigranti si trovano nei cinquantacinque paesi più sviluppati del mondo. La percentuale più elevata di immigrati si riscontra in Oceania, dove essi costituiscono il 17,8% della popolazione totale. All’Oceania fanno seguito l’America del Nord, con l’8,6% di immigrati, e l’Europa occidentale, con il 6,1%. La percentuale degli immigrati risulta invece più contenuta in Asia – dove essi rappresentano solo l’1,4% –, in America Latina e nei Caraibi – dove la percentuale è poco al di sotto del 2% – e in Africa, dove raggiungono il 2,5%. Un ultimo dato rilevante è infine l’importanza che nei flussi migratori internazionali vanno assumendo le donne. Stando alle rilevazioni del 1995, infatti, i movimenti femminili non solo costituivano il 48% dei flussi internazionali, ma almeno in un quarto dei paesi di accoglienza le cifre delle immigrate erano superiori a quelle degli immigrati. All’interno di questi movimenti, a differenza del passato, prevalevano le donne alla ricerca di un’autonoma posizione di lavoro che si muovevano indipendentemente dalla famiglia. In definitiva, nonostante le forti restrizioni adottate dai paesi di accoglienza, durante gli anni Ottanta e Novanta del secolo scorso, i flussi dai paesi «meno sviluppati» verso quelli sviluppati sono stati interessati da una rapida crescita. A questi movimenti vanno poi aggiunti quelli in partenza dai paesi del Sud del mondo verso i paesi asiatici di nuova industrializzazione. In tutti i movimenti si impongono infine le crescenti cifre dei rifugiati e delle donne. Le politiche migratorie, che già a partire dalla seconda metà degli anni Settanta avevano assunto caratteristiche fortemente restrittive nei maggiori paesi di immigrazione, in questa situazione di accentuata mobilità territoriale subiscono ulteriori irrigidimenti. È vero che in varie parti del mondo si vanno configurando forme di integrazione o di cooperazione economica regionale che prevedono un’ampia libertà 109

di circolazione interna per le merci e per le popolazioni degli Stati membri. Basti pensare, a questo proposito, agli organismi che si sono costituiti nell’area nordamericana (Alena), a quelli presenti nella realtà sudamericana (Mercosur) e a quelli sviluppatisi nel Sud-Est asiatico (Asean). Per quanto riguarda l’Europa, in particolare, ciò che è accaduto con gli accordi di Maastricht del 1992 è molto significativo, oltre che assai noto per i continui richiami sulla stampa e negli altri mezzi di comunicazione. È anche vero, però, che i vari organismi economici regionali non hanno raggiunto una politica comune capace di prendere sufficientemente in considerazione i diritti delle popolazioni appartenenti agli Stati esterni. Tutto questo accade in una realtà internazionale nella quale risultano assai diminuite le possibilità di concludere quegli accordi bilaterali tra paesi di partenza e Stati di immigrazione che avevano giocato un ruolo così essenziale nel corso delle migrazioni di massa degli anni Cinquanta e Sessanta. Il vero obiettivo che in questi anni sembrano proporsi – seppure con scarso successo – i paesi di accoglienza, e i loro organismi sovranazionali, è infatti di ostacolare l’arrivo dei flussi ritenuti indesiderabili. A questo proposito si possono richiamare provvedimenti di differente natura, che coinvolgono Stati situati alle diverse latitudini del globo: dalle applicazioni dei due accordi europei di Schengen, del 1985 e del 1995, ai forti controlli sulle frontiere attuati progressivamente dagli Stati Uniti; dalle severe misure di espulsione di massa di lavoratori stranieri assunte in certi Stati asiatici e africani – come la Malesia, la Nigeria e la Libia –, alla costruzione di concrete cortine contro gli indesiderati, come è accaduto nella stessa Malesia, nell’Africa del Sud e in Israele; dai drastici provvedimenti di legge previsti a danno dei clandestini – non escluse le pene fisiche e la carcerazione – adottati in altri Stati africani e asiatici, alle non meno dure sanzioni dirette contro chi recluta gli emigranti, applicate, questa volta, in paesi come il Giappone o il Sudafrica. Tutte queste iniziative, volte appunto a contenere i flussi clandestini, non hanno tuttavia ottenuto dei risultati efficaci perché si sono rivelate in contraddizione con una delle caratteristiche portanti della 110

globalizzazione nel mondo contemporaneo: l’enorme apertura delle frontiere alla circolazione di merci, capitali, informazioni e uomini. I paesi americani tra «quote», movimenti clandestini e ritorni Nel corso degli anni Settanta, con l’arrivo e la stabilizzazione definitiva delle popolazioni asiatiche, latinoamericane e africane, muta radicalmente il profilo etnico dell’immigrazione negli Stati Uniti. Secondo i conteggi realizzati tra il 1975 e il 1979, infatti, il 37% dei movimenti era alimentato allora da popolazioni di provenienza asiatica, il 31% latinoamericana e il 2% africana. Si tratta di conteggi nei quali bisogna tener conto della ben più imponderabile cifra dell’immigrazione alimentata dagli endemici arrivi dei clandestini, soprattutto messicani e caraibici, che raggiungevano gli Stati meridionali della Confederazione: solo nel 1970, per esempio, i clandestini messicani si aggiravano attorno ai 2 milioni. Le cifre dell’immigrazione illegale dei messicani e di quella clandestina nel suo complesso hanno subìto notevoli variazioni negli anni successivi. Seppure con le cautele che vengono costantemente richiamate nei confronti di questi conteggi, bisogna rilevare che nel corso degli anni Ottanta sarebbero stati censiti – con una evidente sottostima rispetto all’appena richiamato numero dei soli messicani nel 1970 – 2 milioni di persone; all’inizio del decennio successivo gli immigrati illegali sarebbero stati valutati tra i 5 e i 6 milioni. Il fatto nuovo, anche nell’immigrazione clandestina, è comunque la crescita delle popolazioni asiatiche – cinesi, coreani, filippini, vietnamiti – e di quelle ispaniche. Il ritmo annuale di arrivo dei clandestini, che era valutato attorno alle 500.000 persone, era foraggiato per metà da quanti provenivano dal Messico. L’osmosi di popolazione tra le due frontiere è del resto un fatto noto e drammaticamente persistente anche nella vita attuale dei due paesi americani, a dispetto delle rigide normative di legge e dei severi controlli esercitati dalla polizia statunitense. 111

Fino ai tempi più recenti la storia delle immigrazioni straniere negli Stati Uniti continua infatti a essere contrassegnata dalle rigorose politiche del governo federale per setacciare gli immigrati attraverso «quote» che non si limitino solo a selezionare gli stranieri a seconda del paese di provenienza, ma sulla base della professione esercitata. Già nel corso degli anni Settanta l’orientamento delle autorità americane era stato diretto a richiamare sul proprio territorio i tecnici e i professionisti. Politiche volte a garantire l’ingresso di un’immigrazione «qualificata» erano state del resto adottate anche da molti altri paesi del mondo: dall’Argentina all’Australia, dal Brasile all’Africa del Sud. Si tratta di iniziative che hanno favorito a lungo quella che è stata definita la «fuga dei cervelli» dai paesi del Terzo Mondo verso le aree più avanzate sul piano economico e tecnologico e hanno provocato spesso una perdita di risorse proprio nelle aree meno avvantaggiate di altre. Con questo tipo di emigrazione, infatti, non solo sono andate perse tutte le risorse finanziarie erogate dallo Stato per la formazione di tecnici e professionisti, ma è venuto meno anche quel patrimonio di competenze acquisite che avrebbero potuto giovare al miglioramento delle condizioni interne. Solo più di recente si vanno registrando fenomeni nuovi e, in virtù dei maggiori contatti mantenuti da questi emigranti con la madrepatria, si stanno talora riducendo gli svantaggi che questo tipo di emigrazione ha sempre provocato ai paesi di partenza. Sta di fatto che a causa di questo tipo di decisioni, già nel decennio 1969-79, negli Stati Uniti, dei circa 500.000 quadri registrati, un terzo proveniva dall’Asia. Nel corso degli stessi anni questo tipo di immigrazione qualificata incise di circa il 30% sull’aumento del numero complessivo dei medici registrati nel paese. Nell’ultimo decennio del Novecento, infine, in tutta l’America settentrionale si è assistito sia all’ulteriore inasprimento delle «quote» di immigrazione per i soli lavori qualificati, sia all’allentamento di questa normativa di fronte ai casi di ricongiungimento familiare o di rifugio politico sia, infine, alla continua evoluzione del quadro geografico di provenienza delle migrazioni. 112

Il risultato di tutto ciò è stato che la bilancia delle ammissioni, tanto negli Stati Uniti quanto in Canada, si è rivolta in modo ancora più accentuato verso l’Asia e, soprattutto per gli Stati Uniti, verso l’America Latina. In Canada, mettendo a confronto i dati del 1986 e del 1996, si nota infatti un ulteriore calo degli immigrati nati in Europa (da 62,3 a 46,9%), una crescita degli asiatici (da 17,7 a 31,4%), un modesto progresso degli africani (da 2,9 a 4,6%) e una stabilità di quelli nati in America (il 16%). Tendenze analoghe si registrano, del resto, negli Stati Uniti, salvo il fatto che in questo paese aumenta sensibilmente la percentuale degli stranieri provenienti dalla stessa America (da 37 a 46,3%). È una crescita, questa, sulla quale incide notevolmente la già richiamata immigrazione messicana. Quanto all’America Latina, nel corso degli ultimi vent’anni del Novecento si è assistito all’aumento delle migrazioni interne al continente e alla parallela estensione di e-migrazioni – di breve e di lungo raggio – che arrivano a coinvolgere perfino i paesi di più consolidata tradizione immigratoria. L’insieme degli emigranti originari di quest’area, che all’inizio degli anni Novanta erano presenti in altri paesi, rappresentava infatti ben il 2,5% del totale della popolazione latinoamericana e circa il 9% del totale degli emigranti conteggiati dalle Nazioni Unite. Tali movimenti seguivano in gran parte i percorsi interni allo stesso continente americano. Basti infatti pensare che in un paese come il Paraguay la moltiplicazione degli arrivi di contadini e di lavoratori rurali alla frontiera dell’alto Paraná era frutto di ondate migratorie vicine. I movimenti dei cosiddetti Brasiguayos, sviluppatisi negli anni Settanta, sono stati tra i fenomeni migratori che hanno avuto le implicazioni sociali e geopolitiche più incisive sull’intera area, coinvolgendo in certi anni, come il 1990, oltre 100.000 brasiliani. A questi movimenti interni di particolare intensità si accompagnano le sempre più nutrite migrazioni da alcuni Stati sudamericani, come il Perù, in tutti i paesi di forte immigrazione, anche al di fuori dell’area americana. Solo in quest’ultima realtà, nel periodo compreso tra gli ultimi due censimenti del Novecento, essi costituivano il gruppo nazionale 113

con la più forte crescita: sia in Venezuela, sia in Argentina e Brasile, sia in Cile, mentre la loro presenza era sempre più numerosa negli Stati Uniti. Quanto all’inversione delle tendenze migratorie che caratterizza in questi anni la storia dei più antichi paesi di immigrazione dell’America Latina, il caso più esemplare è quello del Brasile. Nel corso degli anni Ottanta, infatti, non solo si sviluppa qui la già citata corrente frontaliera dei Brasiguayos, ma si registra anche l’intensificazione dei movimenti verso gli Stati Uniti e l’avvio di movimenti a più lungo raggio territoriale. Il Portogallo e il Giappone, antiche sedi di emigrazione verso il Brasile, iniziano infatti a ricevere consistenti nuclei di discendenti di emigranti che ritornano ai paesi degli antenati. Questo «ritorno al paese» assume del resto un’importanza sempre maggiore anche in altre realtà sudamericane. Dal Perù, per esempio, è sempre più frequente il ritorno verso il Giappone di molti rappresentanti delle nuove generazioni nipponiche. E lo stesso accade anche in altri Stati, come l’Argentina, l’Uruguay e il Cile. Più in generale, si deve tuttavia concludere che anche in America Latina, come altrove, i flussi migratori seguono in prevalenza gli itinerari che li conducono verso i paesi più sviluppati: dal Brasile, dall’Argentina e dall’Uruguay le correnti migratorie più cospicue si sono orientate precocemente verso l’Europa, seguite più di recente dalla Colombia, dal Perù e da Santo Domingo. Argentini, cileni, uruguayani, oltre ai rappresentanti di certi Stati del Centroamerica, come El Salvador, si dirigono invece verso l’Australia. Il protagonismo dei paesi asiatici e africani In Asia le migrazioni internazionali di lavoro hanno due destinazioni principali: il Medio Oriente e l’Asia orientale. Rispetto alla fine degli anni Settanta, tuttavia – quando il Medio Oriente fu protagonista dei forti movimenti di immigrazione legati alla crisi petrolifera –, questa destinazione subisce un notevole ridimensionamento nell’ultimo ventennio del Nove114

cento. Ciò accade in seguito alla caduta del prezzo del petrolio, sopraggiunta nel corso degli anni Ottanta, e in conseguenza degli effetti negativi indotti dalla guerra del Golfo, negli anni Novanta. In parallelo a questo declino mediorientale risulta invece in crescita l’immigrazione verso i paesi dell’Asia orientale. Infatti, mentre nel 1980 il 97% dei lavoratori thailandesi sotto contratto e l’84% dei filippini nelle stesse condizioni di lavoro emigravano nell’area del Golfo – contro appena il 3% e l’11% di quanti si dirigevano verso i paesi asiatici –, nel 1994 la tendenza si inverte; a questa data, quanti scelgono le più dinamiche mete orientali ammontano infatti all’89%. In questa ampia zona non solo lo sviluppo economico raggiunge livelli competitivi anche a confronto con quelli del mondo occidentale, ma la correlata transizione demografica comporta una richiesta di manodopera maggiore persino di quella soddisfatta in precedenza dai bacini interni all’area. In vari Stati orientali, del resto, le migrazioni non hanno registrato forti variazioni neppure dopo i colpi subiti dalle «tigri asiatiche» durante le più difficili congiunture economiche degli anni Novanta. Dopo la grave crisi del luglio 1997, infatti, paesi come il Giappone, la repubblica di Corea, Taiwan, e città come Hong Kong e Singapore sono ancora tra i più dinamici poli dell’economia mondiale e continuano a rappresentare i principali bacini di attrazione degli emigranti provenienti non solo dall’Asia ma anche da altri continenti. Certo, per fronteggiare la crisi questi paesi hanno adottato alcune tra le più drastiche misure d’espulsione degli immigrati e hanno accentuato la durezza delle proprie normative, già fortemente selettive. Un tratto di distinzione delle politiche migratorie degli Stati orientali, come si è già detto, è stato proprio l’estrema chiusura nei confronti dell’immigrazione non qualificata e illegale. E infatti i flussi migratori diretti verso questi paesi si caratterizzano nettamente per la priorità riservata ai quadri tecnici. Si tratta di quell’immigrazione di funzionari altamente qualificati che, seguendo le traiettorie delle società transnazionali asiatiche, trovano la loro collocazione nei grandi centri finanziari delle principali città orientali: da Tokyo a Hong Kong, da Singapore a Mu115

bai. Sta di fatto che, grazie al forte sviluppo economico del Giappone e delle tigri asiatiche, l’area del Nord Pacifico è diventata uno dei grandi sistemi migratori del mondo contemporaneo, assieme a quello nordamericano, a quello europeo e a quello mediorientale. Lo spazio migratorio interno all’Asia si sviluppa attorno a tre poli: il polo Giappone-Corea del Sud; il polo Taiwan-Hong Kong; quello del «triangolo della crescita» (Thailandia, Malesia, Singapore). Una forte interdipendenza demografico-economica sta caratterizzando inoltre i paesi che si affacciano sulle coste del Pacifico, provocando tendenze del tutto nuove. L’Australia, per esempio, sempre ostile all’immigrazione di origine diversa da quella anglosassone, risulta oggi coinvolta in un complesso sistema di relazioni nel quale è sempre più importante la presenza delle popolazioni asiatiche. Tra le caratteristiche che in questi anni distinguono i paesi asiatici nel loro complesso sono comunque l’estrema varietà delle situazioni e la sostanziale convivenza tra aree a forte immigrazione, aree a dominante vocazione migratoria e aree nelle quali si assiste alla contemporanea presenza dei due fenomeni. In questo continente esistono infatti zone molto vaste, come la Thailandia e la Malesia peninsulare, dove consistenti flussi di immigrazione si affiancano a flussi di emigrazione della stessa importanza numerica. La crescita demografica, l’interdipendenza economica, nonché le profonde distanze esistenti nello sviluppo economico dei diversi paesi dell’Asia orientale, stimolano una gran parte delle popolazioni dell’Asean (Association of South-East Asian Nations; Associazione delle nazioni dell’Asia del Sud-Est) a migrazioni interne sia temporanee sia definitive. Nell’ambito del grande territorio regionale dell’Asean i paesi di maggiore immigrazione sono il Brunei, la Malesia e Singapore. Una grande piaga aperta per molti paesi asiatici, come si è detto, è rappresentata dall’immigrazione clandestina. Gestita in modo diretto da trafficanti legati alla criminalità internazionale, questo tipo di mobilità risulta meno consistente nei paesi del Nord-Est, dove la conformazione insulare del territorio permette un maggiore controllo delle frontiere; es116

sa è invece molto numerosa nell’area del Sud-Est, dove si calcola che oltre la metà degli immigrati si trovi nella condizione dell’illegalità. Come si è già potuto osservare per il passato, i due paesi asiatici che occupano tuttora un posto dominante, sia nelle migrazioni interne che internazionali di lavoro, sono l’India e la Cina. In quest’ultimo paese si è realizzato un importante mutamento delle politiche migratorie a partire dal 1978, anno in cui, per la liberalizzazione dei principali vincoli del passato, si è assistito a un forte ampliamento delle migrazioni interne a carattere volontario. Nel corso di circa un decennio dalla fine dei comuni popolari, almeno 100 milioni di abitanti delle aree rurali hanno abbandonato infatti le aree più povere per raggiungere le città o le più ricche zone costiere, già sovraccariche di popolazione. Tra il 1985 e il 1990 è stato calcolato che almeno tre cinesi su cento hanno abbandonato la propria zona di residenza per stabilirsi nei grandi agglomerati urbani e nelle province meridionali del paese. L’ampiezza di questi movimenti ha suscitato nuove forme di autoritarismo e tentativi di limitare l’esodo rurale stimolando il popolamento delle aree di frontiera. Le novità, indotte dalla liberalizzazione successiva al 1978, hanno finito così per creare una massa di popolazione «fluttuante» che nel 1990 è stata valutata tra i 60 e i 70 milioni di persone, ossia oltre il 5% della popolazione della Cina nel suo complesso. Questa ingente massa – oscillante soprattutto attorno a grandi città come Shanghai, Canton, e la stessa capitale – si lega a quel fenomeno del gigantismo urbano sul quale abbiamo posto l’accento nelle pagine conclusive del precedente capitolo. Quanto alle migrazioni internazionali, è interessante esaminare il caso della Cina confrontandolo con quello dell’India. Mentre infatti i cinesi che agli inizi degli anni Novanta vivevano fuori dai propri territori – inclusi gli abitanti di Macao, Taiwan e Hong Kong – erano stimati, in modo abbastanza attendibile, sui 30 milioni, meno precisi risultano invece i conteggi degli indiani all’estero. Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta ne venivano comunque con117

teggiati, in modo approssimativo, dai 10 ai 20 milioni. C’è però da dire che le cifre delle migrazioni internazionali da questi due paesi – benché appaiano così importanti e benché già da sole diano la misura della notevole presenza delle popolazioni asiatiche nelle correnti migratorie internazionali – rappresentano una percentuale bassissima se si tiene conto che sono incommensurabili con i valori delle due popolazioni nel loro complesso. Un’altra peculiarità delle migrazioni in questi due grandi Stati orientali è infatti l’estrema concentrazione territoriale dei bacini migratori. In India il principale protagonista nell’esodo nazionale è rappresentato dallo Stato del Kerala, nell’estremo Sud del paese; nel Pakistan è il distretto del Mirpur, un’area del Kashmir dove si conta oltre il 90% degli emigranti; mentre nel Bangladesh il 95% degli emigranti si concentra nel Nord-Est del paese. In Cina, infine, la quasi totalità dell’emigrazione proviene da tre aree: si tratta delle province di Guangdong, Fujian e Zhejiang. Un altro tratto da rilevare, nell’esaminare l’emigrazione in Asia, è che in questo continente si trovano alcuni dei paesi più poveri del mondo. D’altronde, qui le migrazioni non sono una scelta abbracciata solo per consentire la sopravvivenza economica degli abitanti, ma anche per salvaguardarne l’integrità fisica di fronte alle violenze e alle aggressioni di ogni tipo. Le invasioni degli eserciti e le conflittualità interetniche, senza neppure contare le grandi catastrofi epidemiche e ambientali, trovano in Asia uno dei punti più caldi del globo. Basti pensare, a questo proposito, che all’inizio del 1997 soltanto i rifugiati afgani che vivevano nelle repubbliche islamiche dell’Iran e del Pakistan ammontavano a circa 3 milioni di persone. Tra gli Stati africani, gli altri grandi protagonisti delle migrazioni internazionali contemporanee, quelli dell’area subsahariana rappresentano in modo paradigmatico l’intreccio delle differenti variabili che alimentano le migrazioni alla vigilia del nuovo millennio. In quest’area coesistono infatti la forte spinta demografica, l’instabilità politica, la crescita della conflittualità di natura etnica e religiosa, le ricorrenti crisi dell’economia, l’estremo dissesto del quadro sanitario e ambientale. Per tutti questi motivi i protagonisti dei movimenti mi118

gratori sono qui, come del resto in altre realtà africane, sia i lavoratori in posizioni estremamente irregolari che alimentano flussi clandestini gestiti da grandi trafficanti internazionali di manodopera, sia i nomadi e gli emigranti frontalieri, sia i rifugiati. A questi attori più poveri e marginali si affianca anche qui il numero sempre crescente di diplomati, di tecnici e di quegli specialisti altamente qualificati che danno vita all’intensa mobilità territoriale interna agli stessi paesi africani. L’aspetto più rilevante di questa accresciuta mobilità va rintracciato tuttavia nell’estrema povertà. Nella maggior parte dei casi gli emigranti non si propongono degli obiettivi di miglioramento o di mobilità sociale, ma di pura sopravvivenza economica. La già difficile situazione si è infatti aggravata in seguito alle scelte effettuate da certi governi, come quello nigeriano, che ha deciso di ridurre il ruolo del settore pubblico, di comprimere il numero degli addetti, di congelare i salari e di sopprimere i sostegni assistenziali. È per questo che in molti paesi africani le migrazioni fanno ormai parte di una strategia familiare che affida ad alcuni dei suoi membri, per lo più i figli maggiori, il compito di sostenere i bilanci domestici con una parte del salario percepito all’estero. In Senegal, per esempio, le indagini condotte sui bilanci familiari hanno rivelato che questo tipo di introito copre tra il 30 e il 70% dei bisogni delle famiglie. A conclusioni analoghe arrivano anche le analisi che sono state realizzate in altri paesi, come il Mali e il Burkina Faso. Una tendenza che interessa progressivamente i paesi dell’Africa subsahariana è la crescente partecipazione femminile ai flussi migratori interni e internazionali. Qui, come del resto in altre realtà africane e asiatiche, le discriminazioni tra i sessi hanno spesso indotto a condannare la mobilità femminile. Negli ultimi anni, tuttavia, in certi paesi come la Costa d’Avorio si registra un aumento delle migrazioni interne di donne che vanno a occuparsi nei lavori agricoli o nei settori informali del piccolo commercio. Quest’ultimo settore di attività, in particolare, in certi paesi dell’Africa occidentale risulta concentrato quasi esclusivamente nelle mani femminili. Una delle caratteristiche che colpiscono i visitatori di certi paesi, 119

come il Burkina Faso, sono infatti le lunghe file di donne che vanno verso i mercati, percorrendo talora decine di chilometri a piedi, con le proprie mercanzie collocate sul capo. In certi paesi africani, in realtà, il commercio risultava una prerogativa riservata alle donne già durante l’età coloniale, mentre l’agricoltura costituiva fin da allora un appannaggio quasi esclusivamente maschile. L’aumento del commercio lungo le traiettorie urbane – favorito già dal processo di colonizzazione e incrementato ulteriormente dall’estensione delle città africane e dall’esodo rurale – ha comportato un’ulteriore crescita di questo tipo di mobilità femminile. Anche in questo caso si tratta di movimenti migratori, sia di breve sia di lungo raggio, che rientrano nell’ambito delle strategie di pura sopravvivenza economica familiare. Accanto a questi flussi di manodopera femminile più tradizionali e dequalificati, tuttavia, più di recente si sono aggiunti quelli alimentati dalle donne delle nuove generazioni che, grazie alla scolarizzazione, si sono dotate di una certa preparazione tecnica o di una ancora più elevata qualificazione professionale. Rientra in questa tipologia di lavoro migrante femminile quello delle donne originarie della Nigeria, del Ghana e in una certa misura anche della Tanzania. Si tratta di donne, spesso coniugate e con figli, che vanno a occuparsi come infermiere, o come medici, tanto in Arabia Saudita quanto negli Stati Uniti. Si è già richiamata l’irregolarità che caratterizza molte migrazioni africane. Questi fenomeni sono assai diffusi soprattutto nell’Africa orientale e occidentale, dove i movimenti irregolari attraverso le frontiere nazionali sono favoriti da un passato e da una cultura coloniale comuni. È una caratteristica, questa, che impedisce di distinguere nettamente le migrazioni interne da quelle internazionali, quelle autorizzate da quelle irregolari. Queste ultime, in particolare, sono favorite dalla presenza di un vero e proprio traffico internazionale di uomini e donne, gestito in modo criminale da quegli intermediari che fanno leva sulle forti aspettative di una popolazione giovane e in crescita, le cui prospettive, talora solo chimeriche, si legano alla possibilità di raggiungere l’Europa meridionale 120

o l’Asia orientale: obiettivi per i quali essi sono disposti a pagare anche i forti compensi richiesti dagli intermediari. Gli echi drammatici di questo traffico sono molto numerosi nei mezzi di diffusione di tutto il mondo. Alle notizie degli sbarchi clandestini, o dei naufragi quasi quotidiani, che vengono accolte dai giornali dei vari paesi europei, fanno da eco le ben più frequenti notizie riportate dai giornali della Nigeria, del Kenya, del Gabon, della Somalia. In certi casi queste informazioni consentono anche di risalire alle cifre che gli emigranti devono corrispondere ai trafficanti: nel 1999, per esempio, alcune centinaia di somali hanno dovuto versare circa 4000 dollari ciascuno per raggiungere l’Australia. Ma come purtroppo è ben noto, per quanto accade anche sulle coste del nostro paese, nel corso di questi viaggi non solo molti possono essere fermati o arrestati dalle polizie di differenti paesi, ma possono anche morire per i disagi incontrati, per i naufragi, o per le ritorsioni degli stessi trafficanti illegali. L’Africa è anche il territorio dove si concentra una delle più alte percentuali di migrazioni dovute alla forte instabilità politica dei governi e alla presenza di conflitti armati. Delle quarantatré guerre civili che hanno lacerato il mondo dal 1969 al 1990, ben diciassette hanno avuto per teatro la sola Africa subsahariana e più in particolare l’Angola, la Liberia, il Mozambico. Nelle guerre civili scoppiate in Sudan, in Somalia, in Sierra Leone, nel Ruanda e nel Burundi, un ruolo centrale è stato giocato dai conflitti interetnici, che hanno dato origine a masse di profughi senza precedenti. Alla fine del XX secolo, la più forte concentrazione di conflitti si registra proprio nei paesi africani, seguiti immediatamente da quelli asiatici. Le nuove traiettorie delle migrazioni in Europa Si è già detto che una delle tendenze che si affermano nel corso degli anni Ottanta è lo spostamento dell’asse delle migrazioni europee. Nel nuovo assetto internazionale sono infatti i paesi dell’Europa meridionale ad assumere un nuovo ruolo attrattivo nei confronti delle migrazioni provenienti dalla ri121

va sud del Mediterraneo e dagli altri più lontani bacini del Terzo Mondo. Diversi motivi favoriscono questa inversione di tendenza delle migrazioni europee: innanzi tutto anche in questo caso si deve tener presente il forte divario demografico che divide i paesi della riva sud del Mediterraneo da tutti i paesi dell’Europa, anche mediterranea, nei quali si registra un diffuso invecchiamento della popolazione; in secondo luogo occorre richiamare la maggiore permeabilità – almeno fino a gran parte degli anni Ottanta – delle frontiere degli Stati dell’area sudeuropea rispetto alla chiusura dei confini dei paesi centro-settentrionali; e infine si deve aver presente la maggiore diffusione, in questa zona, di un’economia informale e di un mercato del lavoro particolarmente favorevoli ad accogliere i crescenti arrivi di una manodopera dequalificata e irregolare. Per l’effetto congiunto di questi diversi fenomeni, un paese come il nostro, che fino al 1973 offriva ancora un’emigrazione di massa ad alcuni dei suoi partner europei e che neppure in seguito ha cessato di inviare i propri cittadini all’estero, già all’inizio degli anni Ottanta poteva contare oltre 200.000 stranieri entrati regolarmente sul suo territorio. Nel corso del 1997 le presenze regolari degli immigrati nel nostro paese si moltiplicano, fino a raggiungere la cifra ufficiale di 986.000 stranieri. La tendenza registrata in Italia investe del resto anche gli altri Stati sudeuropei. La Spagna e il Portogallo dapprima, e la Grecia con qualche anno di ritardo, diventano, a loro volta, paesi di immigrazione. Nel loro complesso gli immigrati registrati in Italia, Spagna, Portogallo e Grecia sono passati, nel decennio 1982-93, da circa il 4%, a circa il 7%. Queste cifre sottostimano sicuramente il numero dei lavoratori stranieri perché in molti di questi paesi domina nettamente l’immigrazione illegale. L’incremento dei movimenti migratori nei paesi dell’Europa meridionale rivela infatti una stretta correlazione con la diffusione della cosiddetta economia sommersa. In Spagna, come in Italia e in Grecia, è stato calcolato che i redditi sommersi rappresentino circa il 20% o il 30% del reddito complessivo nazionale. Tale diffusione del lavoro nero si può ritenere del resto un’inevitabile 122

conseguenza del tipo di sviluppo che caratterizza l’economia di questi paesi. L’importazione della manodopera non consente solo di mantenere basso il costo del lavoro, contenendo i salari e le contribuzioni fiscali e sociali, ma permette anche di ridurre la rigidità del mercato del lavoro, offrendo ampi margini di manipolazione. Nel quadro delle economie nazionali, insomma, la «clandestinizzazione» della manodopera immigrata non costituisce affatto una caratteristica occasionale, ma spiega in gran parte perché questi paesi siano diventati nuove sedi di immigrazione. L’esempio più significativo dello stretto rapporto tra l’illegalità dell’immigrazione e le caratteristiche del mercato del lavoro è sicuramente offerto dalla dinamica che regola l’assai diffusa attività domestica. Una delle attrattive per gli ingressi irregolari è dovuta infatti a questo tipo di attività, che si presenta come la più facile occasione per il lavoro nero in quei paesi, come l’Italia e gli altri Stati dell’Europa meridionale, nei quali la richiesta del lavoro domestico e di cura, sommata alla scarsità dell’assistenza pubblica, ha stimolato una forte domanda di lavoro femminile proveniente proprio dai paesi asiatici, africani e sudamericani sui quali ci siamo appena soffermati. In un mercato del lavoro come questo, in cui gli immigrati ricoprono di fatto i vuoti lasciati dai lavoratori nativi nelle attività più dequalificate e sottoremunerate dell’agricoltura, del terziario e del settore manifatturiero, l’illegalità – sostenuta dalla rete delle economie informali allargatesi anche sotto le spinte di una sempre più accanita concorrenza internazionale – impedisce una valutazione realistica della popolazione straniera. Secondo le stime approssimative effettuate dall’Ufficio internazionale del lavoro già all’inizio degli anni Novanta, le migrazioni illegali in Europa si aggiravano attorno alla cifra di 2 milioni e mezzo. All’inizio del nuovo millennio il flusso della clandestinità, proveniente in massima parte dall’Asia, dall’Africa, dall’Europa dell’Est, è stato stimato pari a circa 250.000-350.000 unità all’anno. Se nell’area mediterranea aumenta in modo sostanzioso l’immigrazione proveniente da varie aree del Sud del mondo, 123

nondimeno una parte consistente dei movimenti migratori europei coinvolge i paesi della ex area sovietica, nei quali le migrazioni dovute alla ricerca di lavoro si intrecciano, come si è già osservato, con le fughe dovute all’instabilità sociopolitica e allo scoppio dei numerosi conflitti armati. Tra tutti i paesi dell’Europa occidentale è stata sicuramente la Germania che ha maggiormente assorbito il flusso proveniente dall’Est dopo la caduta del muro di Berlino, anche se non sono mancati consistenti movimenti nei paesi dell’Europa centrale. Per quanto riguarda più in particolare l’Unione Sovietica, tra i più imponenti flussi migratori vanno ricordati quei movimenti interni alla Federazione russa, di carattere prevalentemente economico, che tra il 1990 e il 1994 hanno coinvolto circa 17 milioni di persone. A questi vanno poi sommati i «rimpatri», nella stessa Europa, dei gruppi etnici deportati in epoca stalinista e di molti altri gruppi dell’Asia centrale. Il numero complessivo di questi, includendo anche i rimpatri meno recenti, è stato stimato, nel 1995, superiore ai 4 milioni. Nel quadro complessivo delle migrazioni nell’ex area sovietica, le tendenze che si sono andate delineando già nel corso degli ultimi anni del Novecento hanno mostrato un forte aumento quantitativo dei flussi. Secondo le previsioni avanzate nel 1991 da trenta studiosi del Center of Demography and Human Ecology of the Institute for Employment Studies della Accademia delle scienze russa di Mosca, infatti, nel corso della seconda metà degli anni Novanta gli emigranti messi in moto in quest’area dovevano oscillare dai 2 ai 5 milioni. All’interno di questi movimenti si doveva inoltre registrare un mutamento qualitativo dei flussi, caratterizzati dalla crescita consistente delle migrazioni di natura economica rispetto alle più nutrite diaspore etniche e religiose degli anni precedenti. Stando infatti alle ipotesi avanzate da altri studiosi – che hanno individuato tre fasi dell’emigrazione russa dal 1917 al 1990 e hanno colto al loro interno la costante prevalenza delle migrazioni di matrice etnica, politica e religiosa, fatta eccezione per le forti migrazioni interne dovute ai processi di urbanizzazione –, nella quarta fase che si è preparata in quest’area, a partire dalla seconda metà degli anni No124

vanta, le prospettive sembrano modificarsi proprio in questa direzione. Accanto a una continuazione delle migrazioni etnico-religiose, allo sviluppo di movimenti classificabili ancora sotto l’etichetta delle migrazioni postcoloniali, alla persistenza dei flussi di rifugiati provocati dalle crisi o dalle catastrofi di natura politica ed ecologica, si vanno profilando due importanti flussi di natura prettamente economica, dalle caratteristiche assai diversificate. Da un lato si collocano quei movimenti che abbandonano le aree europee tanto per l’assenza di opportunità di lavoro quanto per la ricerca di migliori sistemazioni economiche in altri Stati europei o altrove. Si tratta di movimenti distinti da una marcata qualificazione professionale e destinati a foraggiare un’autentica fuga di cervelli dalla Russia e dalle sue repubbliche europee. Dal 1989, infatti, non solo circa 70.000 professionisti dell’area scientifica hanno lasciato la Russia europea, ma nel 1990 almeno un emigrante su sei apparteneva a questa categoria; e si trattava per lo più di un medico o di un ingegnere. Dall’altro vanno inclusi invece i flussi più dequalificati provenienti dall’area asiatica, la cui origine, come già si è osservato per altre zone dello stesso continente, è da ritenersi legata all’esplosione demografica, alla cronica sovrappopolazione delle aree rurali, al lento sviluppo dei settori non agricoli. La parabola dell’Italia da «paese di emigranti» ad area di arrivo Finora non è stato riservato, deliberatamente, uno spazio esclusivo all’esodo di massa dal nostro paese. Eppure, sul piano quantitativo, l’Italia è stata tra i più forti tributari dell’emigrazione tardo-ottocentesca e delle più recenti ondate migratorie sviluppatesi tra la fine del secondo conflitto mondiale e il 1973, quando, per la prima volta, dopo cento anni di emigrazione di massa, il saldo migratorio del paese risultò attivo nei confronti dei paesi europei e, due anni dopo, anche nei confronti di quelli extraeuropei. Questa scelta non vuole 125

affatto nascondere un fenomeno nazionale di così grandi dimensioni, ma punta a enfatizzarne il peso e a richiamarne l’importanza, affrontando il problema a conclusione del volume mediante il confronto tra l’emigrazione italiana e l’immigrazione di cui il paese si trova oggi a essere teatro. L’obiettivo, insomma, è di riflettere congiuntamente su due esperienze migratorie che hanno per protagonista il nostro paese, nell’intento di sdrammatizzare la portata degli eventi più recenti alla luce delle dinamiche di fenomeni consolidati da un lungo percorso, rafforzando così, con l’esempio della nostra esperienza nazionale, quanto si è posto in rilievo nel resto del volume: la lunga durata dei fenomeni migratori, la loro complessità, la loro articolata motivazione e la loro differenziata composizione sociale. Cominciamo dall’emigrazione degli italiani. Quali sono state le origini dei forti movimenti di massa da un paese come il nostro, nel quale la mobilità della popolazione affonda le radici in un lungo passato di migrazioni di «qualità», come si è detto all’inizio, sia mercantili, sia artigianali, sia artistiche, che hanno avuto come teatro tanto l’area mediterranea e l’arco alpino, quanto altre più distanti aree territoriali? E qual è stata la consistenza quantitativa di tali movimenti nelle fasi che essi hanno attraversato durante i cento anni dell’emigrazione di massa? Alla fine dell’Ottocento, nella realtà economica italiana ancora prevalentemente agricola, dominata dalla frammentazione fondiaria e dalla precarietà dei rapporti di lavoro di vaste fasce della popolazione rurale, furono diversi i motivi che posero l’Italia al vertice della classifica degli espatri europei. Tra questi agirono di concerto la forte crisi economica e demografica che aveva preso l’avvio nei sistemi produttivi montani e si era poi estesa alle pianure, la pressione fiscale che gravò pesantemente sulle fasce rurali, le scelte politiche dettate alla classe dirigente dalla strategia dell’industrializzazione, il correlato declino dei lavori artigiani e manifatturieri, la grave crisi agraria prodotta dalla concorrenza russa e americana. Tutto questo incise profondamente sulle scelte di molti contadini che, seppure numericamente maggioritari, non 126

furono comunque i protagonisti esclusivi della grande emigrazione. I flussi migratori italiani furono infatti alimentati anche da piccoli proprietari e da artigiani indotti alla partenza non tanto dallo sradicamento e dal processo di proletarizzazione presente nelle campagne, quanto dalle prospettive di un miglioramento economico e di un acquisto fondiario da realizzarsi dopo il ritorno in patria, dopo un’emigrazione vissuta inizialmente come temporanea e quindi con una forte attenzione per il paese di partenza, verso il quale essi inviarono molti dei risparmi guadagnati all’estero. Grazie a queste consistenti rimesse l’emigrazione costituì un importante strumento di riequilibrio della bilancia dei pagamenti, e diventò quella «variabile» del capitalismo italiano e dell’industrializzazione a cui il paese fece reiteratamente ricorso anche nel secondo dopoguerra, quando i contadini – ora quasi esclusivamente meridionali, mentre nelle prime ondate di fine Ottocento furono prevalentemente veneti, piemontesi, lombardi e vennero numericamente raggiunti dai meridionali solo all’inizio del Novecento – alimentarono i flussi verso l’Europa del boom e verso le aree settentrionali del triangolo industriale. Quanto alla dimensione quantitativa, dopo il forte picco espansivo dell’emigrazione, che tra gli anni Ottanta dell’Ottocento e il primo quindicennio del Novecento coinvolse ben 13 milioni e mezzo di italiani, il flusso delle partenze subì un notevole ridimensionamento negli anni successivi. È vero che ancora dopo il blocco provocato dalla guerra si registrarono, nel solo biennio 1919-20, circa novecentomila espatri. Questo accadde però in concomitanza con le esigenze della ricostruzione e con la ripresa dell’attività economica da parte degli uomini che erano ritornati dal fronte. Negli anni Venti, invece, i valori medi degli espatri si ridussero notevolmente: circa duecento, trecentomila espatri all’anno, per un valore percentuale compreso tra il 5% e il 7%. Nel periodo tra le due guerre, in linea con le scelte demografiche del regime fascista, e in assoluta sintonia con una normativa internazionale protezionistica nei confronti delle migrazioni, gli espatri si assottigliarono ulteriormente rispetto alla crescita postbelli127

ca. Dopo il 1930, infatti, le partenze scesero al di sotto delle centomila. A emigrare in questi anni, come si è sottolineato in uno dei precedenti capitoli, furono in gran parte gli oppositori politici del regime. Dopo il secondo conflitto mondiale, con la ripresa dei flussi migratori stimolata dalla fine delle restrizioni e dei controlli fascisti, dalla politica di stampo liberistico, dalla difficile situazione economica e dal profondo disagio sociale, poco meno di 4 milioni e mezzo di italiani abbandonarono il paese solo tra il 1946 e il 1961. Dal 1961 al 1976, infine, nell’ultimo periodo in cui l’esodo di massa verso l’Europa si realizzò in concomitanza con le forti migrazioni dal Sud al Nord della penisola, gli espatri raggiunsero i 3 milioni e mezzo. In definitiva, con la scansione temporale e con l’intensità quantitativa che si è appena illustrata, sono stati più di 25 milioni gli italiani che si sono dispersi nel mondo tra il 1876 e il 1976. Di questi, oltre la metà si è stabilita negli Stati europei, mentre il resto ha raggiunto i paesi al di là dell’oceano o altre destinazioni, nettamente minoritarie, in altri continenti. Il numero di questi espatri, proprio per enfatizzarne la portata di carattere biblico, è stato valutato pari alla cifra della popolazione italiana censita dopo l’unificazione politica del paese. Molti di quanti sono emigrati, tuttavia, non sono restati all’estero, ma hanno fatto rientro al proprio paese dando origine al diffuso fenomeno del «ritorno». Il numero globale dei rientri, dai primi anni del Novecento al 1976, si è aggirato intorno agli 8 milioni e mezzo di emigranti; il 20% di questi rientri si è realizzato tra il 1905 e il 1920, il 50% tra il 1905 e la seconda guerra mondiale, e quasi il 30% tra il 1965 e il 1976. A tutto questo va aggiunto che l’emigrazione italiana si è conclusa nelle sue dimensioni di massa nel 1973, ma essa continua tuttora, soprattutto nelle aree meridionali del paese, da dove gli emigranti si dirigono sia oltre le frontiere, sia lungo le direttrici sud-nord. In tal senso è stato infatti calcolato che i passaggi di residenza dalle aree meridionali del paese a quelle settentrionali sono stati pari a 104.000 nel 1995 e a 129.000 nel 1998. Dalle indagini condotte dal Cnr a fine Novecento risultava inoltre che gli italiani all’estero fossero 4 128

milioni, al cospetto di circa un milione e mezzo di stranieri presenti oggi in Italia. Un’ultima osservazione va fatta in relazione agli emigranti che hanno scelto di restare all’estero. A questo proposito va detto che essi hanno oggi dei discendenti che sono diventati parte integrante delle società di arrivo. Molti di questi ultimi – non esclusi tuttavia i rappresentanti delle generazioni precedenti – hanno raggiunto posizioni di rilievo nella vita sociale di tali paesi. Secondo valutazioni realizzate nel 1979, infatti, nei soli Stati Uniti, dove l’immigrazione di massa degli italiani coinvolse in maggior misura le popolazioni provenienti dal Sud del paese, è stato calcolato che su 100 famiglie di origine italiana la povertà incideva mediamente sul 5,4% del campione rispetto al 9,6% della media americana, all’8% circa di quella inglese e francese, al 7% di quella delle famiglie di origine irlandese e a poco più del 5% di quelle tedesche. Analisi più mirate sulla performance economica delle famiglie italiane hanno poi rivelato che non solo il grado del successo è stato assai più elevato nel caso dei nostri connazionali appartenenti alle seconde e alle terze generazioni, ma che, a paragone di quanto avveniva nelle stesse fasce generazionali di altri gruppi etnici, gli italiani hanno raggiunto posizioni più elevate come professionisti, come manager, come impiegati e come tecnici. Il caso degli Stati Uniti non è del resto l’unico: anche nelle altre realtà di immigrazione gli studi hanno posto in rilievo la larga diffusione di fenomeni di mobilità sociale tra gli italiani delle nuove generazioni. Tutto questo è avvenuto – nonostante la reiterata xenofobia di cui gli italiani sono stati oggetto nelle varie fasi migratorie sia negli Stati Uniti, sia nelle altre sedi di arrivo – grazie all’accesso all’istruzione e all’integrazione delle nuove generazioni nelle varie maglie del tessuto sociale dei nuovi paesi di residenza. Se, molto sinteticamente, sono queste le caratteristiche numeriche e le tendenze qualitative della lunga diaspora degli italiani all’estero, nella quale si leggono dimensioni numeriche, comportamenti, itinerari, percorsi ed esiti collettivi assai vicini a quelli di altre coeve diaspore nazionali, resta ora da chiedersi come si presentano nelle loro dimensioni quan129

titative e nelle loro caratteristiche qualitative le migrazioni che hanno investito il nostro paese nell’ultimo scorcio del Novecento. A questo proposito va detto innanzi tutto che nel 1996 il numero dei permessi di soggiorno rilasciati agli stranieri in Italia ha superato per la prima volta il milione, ossia una cifra del tutto incommensurabile rispetto alle dimensioni quantitative dell’esodo nazionale che abbiamo appena richiamato. Di questi immigrati oltre l’86% erano cittadini che arrivavano dall’esterno della Cee. La provenienza geografica degli immigrati presenti nel nostro paese risultava estremamente varia: l’ammontare complessivo delle nazionalità era stimato attorno a 130. Tra tutti i gruppi conteggiati nel 1997 primeggiavano sicuramente gli immigrati provenienti dal Marocco (115.000 presenze), seguiti dagli albanesi (67.000), da quanti provenivano dalla ex Jugoslavia (75.000) e dagli immigrati dalle Filippine (56.000), una delle prime componenti dell’immigrazione nel nostro paese. C’è infatti da dire che rispetto ai primi anni Ottanta – quando era molto forte il peso non solo dei filippini e delle popolazioni maghrebine, ma anche degli eritrei, dei somali, dei capoverdiani, dei salvadoregni – il quadro delle nazionalità degli immigrati si è andato ulteriormente articolando per il numero di nazionalità rappresentate e per la loro distribuzione territoriale. Rispetto alla distribuzione geografica, infatti, stando ancora alle cifre ricavabili dai permessi di soggiorno del 1997, la percentuale più elevata degli immigrati – poco meno del 30% – si concentrava nell’Italia centrale: quasi nella stessa misura essi si contanavano poi nell’area nordoccidentale della penisola, mentre oltre il 21% si trovava nelle regioni nord-orientali e circa il 18% nel Sud e nelle isole. Sul piano qualitativo – come si è già osservato per il complesso dei movimenti migratori internazionali – risulta significativa la composizione dei flussi sulla base del genere. Rispetto alle migrazioni del passato, infatti, non escluse quelle degli italiani, si assiste a una distribuzione progressivamente più paritaria tra gli emigranti dei due sessi e più in generale si può osservare una forte variazione di questo rapporto a seconda dei gruppi nazionali di appartenenza. Alla predomi130

nanza maschile riscontrabile tra gli immigrati provenienti dal Maghreb, per esempio, fa da contrappeso la maggiore presenza femminile tra quei gruppi provenienti dall’America Latina che offrono le loro prestazioni nel variegato arcipelago del lavoro domestico. Un altro elemento qualitativamente rilevante è costituito dal quadro occupazionale, nel quale si registra una profonda diversità tra le varie realtà geografiche nazionali e soprattutto tra Nord e Sud. Alla più distribuita presenza dell’ambulantato e dell’attività domestica in tutte le aree italiane, infatti, fa da riscontro la maggiore presenza degli immigrati nel settore agricolo delle aree meridionali del paese e, all’opposto, una maggiore concentrazione nelle città e nel settore industriale delle aree settentrionali. Stando ai dati sui lavoratori registrati dall’Inps nel 1997, infatti, su 160.000 iscritti, il 21% lavorava nell’industria meccanica, il 12,5% nell’edilizia, il 14,9% nei pubblici esercizi, il 9,1% nell’assistenza. I lavoratori agricoli iscritti all’Inps, nel terzo trimestre, erano oltre 28.000 e il 17% di essi erano stati assunti a tempo indeterminato secondo una ripartizione territoriale di questo tipo: il 60% al Nord, il 21,5% al Centro, l’11,3% al Sud e il 7,2% nelle isole. Il quadro occupazionale dell’immigrazione straniera in Italia alla fine del Novecento rivelava dunque un processo di più stabile insediamento degli immigrati in certe aree del paese e un’articolazione del lavoro ben maggiore di quella che si poteva superficialmente percepire attraverso le più visibili immagini di marginalità o di devianza offerte dagli stranieri nelle strade di molte città italiane. A questo va poi aggiunto che gran parte degli immigrati che arrivano oggi nel nostro paese presenta livelli di scolarità ben più elevati di quelli riscontrabili non solo nella prima emigrazione di massa degli italiani, caratterizzata da un’altissima percentuale di analfabeti, ma anche nelle ondate migratorie dell’Italia del dopoguerra. C’è poi un’altra caratteristica dell’occupazione degli stranieri che contribuisce ad articolare maggiormente il quadro occupazionale e a ridefinirne la qualità: la sempre maggiore diffusione delle attività autonome nei circuiti dell’immigrazione. Alle più note e radicate manifestazioni del business 131

etnico dei cinesi nel commercio degli alimentari, nella ristorazione e nell’industria dell’abbigliamento, infatti, si va affiancando una presenza sempre più marcata di altri gruppi etnici negli stessi settori o in altri tipi di lavoro, come l’edilizia, l’artigianato, il piccolo commercio, i servizi di vario genere. Indagini condotte in città come Milano e Torino, per esempio, hanno riscontrato un fenomeno decisamente in crescita già nell’ultimo quinquennio del Novecento e all’inizio del nuovo secolo. Una ricerca condotta a Milano nel 1994, in particolare, ha registrato l’aumento di attività autonome tra gli egiziani presenti in città. Tra gli iscritti alla Camera di Commercio milanese figuravano infatti, come titolari o responsabili di impresa, circa 1500 egiziani. Secondo un’altra ricerca successiva, condotta dalla Camera di Commercio di Torino, nel solo biennio 2000-2001 erano quasi 3000 le nuove aziende avviate dagli immigrati in tutta la provincia. Secondo i rilievi effettuati negli anni precedenti, inoltre, quasi il 27% di queste attività era stato avviato da donne di nazionalità straniera. Sono dati, questi ultimi, che fanno riflettere non solo sulle differenti posizioni economiche e sociali che gli immigrati stanno cominciando ad assumere nel nostro paese, ma anche sul nuovo ruolo che in questa esperienza stanno svolgendo le stesse donne immigrate. Ai risultati di queste rilevazioni economico-statistiche vanno poi aggiunte delle riflessioni che si possono fare a partire da alcune tendenze che permettono di ipotizzare un ampliamento di quei fenomeni di stabilizzazione familiare a cui si legano alcuni importanti fattori d’integrazione, come la scolarizzazione dei figli e la naturalizzazione. È certamente difficile fare una stima attendibile della presenza dei minori sul territorio nazionale, perché i figli – che non possiedono passaporto – sono registrati su quello dei genitori. Tenuto conto di questi limiti, una rilevazione del 1998 contava comunque che i minori costituivano il 14,5%. A questi vanno poi aggiunti gli oltre 21.000 bambini che ogni anno nascono in Italia da un genitore straniero. Secondo le stime della Caritas è ipotizzabile inoltre che tra il 1993 e il 1999 il numero dei figli di stranieri si sia aggirato attorno ai 200.000. A que132

ste tendenze demografiche già interessanti, va poi aggiunto che in un terzo degli istituti scolastici italiani dell’obbligo sono presenti bambini stranieri, seppure con forti variazioni a seconda delle aree territoriali: nelle rilevazioni della Caritas, riferite agli anni 1999-2000, oltre il 60% degli studenti si trovava in una scuola del Nord, mentre nel Sud la presenza degli alunni stranieri non raggiungeva il 10%. E, al riguardo, la coesistenza, ancora oggi, di flussi di emigrazione italiana e di flussi di immigrazione straniera è altamente significativa. Sono tutti fenomeni che aprono l’orizzonte a una presenza più stabile degli stranieri sul nostro territorio nazionale e fanno ipotizzare una loro maggiore integrazione nel tessuto sociale del paese, secondo i modelli di interazione e di scambio sperimentati nei paesi con una presenza plurigenerazionale di immigrati. In conclusione, nella parabola dell’emigrazione italiana è possibile riscontrare la complessa dinamica e l’interna trasformazione dei movimenti migratori lungo un ampio arco cronologico che risale indietro nel tempo, quando la mobilità costituiva quasi un privilegio che consentiva l’espansione e l’affinamento di attività qualificate, fino ad arrivare ai più recenti e compositi movimenti di massa e all’odierna inversione migratoria del paese. Tale inversione mostra come la vocazione all’esodo di popoli o paesi non sia affatto univoca, come si tende spesso a ritenere. Nella lunga parabola dell’emigrazione italiana è del resto possibile individuare l’estesa gamma delle motivazioni che spingono gli individui o intere famiglie a emigrare, nonché l’articolata composizione sociale dei soggetti coinvolti nei flussi, sia nelle singole fasi del movimento, sia nell’estesa scansione temporale lungo cui esso si dipana. Se, infatti, già nel passato preindustriale tali movimenti avevano come protagonisti i mercanti, gli artigiani e gli artisti, neppure negli anni della più elevata emigrazione di massa essi coinvolsero esclusivamente le frange più povere e marginali della popolazione. Quanto si legge mettendo a confronto questa esperienza con quelle più recenti consente di valutare in modo meno preoccupato anche i fenomeni recenti. Benché ancora in gran 133

parte in fieri e meno definite nei loro esiti immediati e futuri, in certe zone del paese le migrazioni extracomunitarie già a fine Novecento si stavano trasformando in forme di insediamento più stabile. Pur tenendo conto della profonda diversità dei contesti economici internazionali, e della presenza di spinte espulsive oggi più forti rispetto al passato – quando le richieste dei mercati internazionali del lavoro erano ancora intense –, si ritiene comunque opportuno porre a confronto le due esperienze migratorie che, con ruoli diversi, hanno investito e investono l’Italia. Le loro dinamiche collettive e i loro percorsi individuali, come si è cercato di sottolineare, risultano infatti meno lontani di quanto si possa ritenere. Di fatto, nonostante la recente storia dell’immigrazione nel nostro paese, tra gli stranieri presenti regolarmente in alcune aree dell’Italia si registra una maggiore tendenza alla stabilizzazione del lavoro, una certa diffusione del business etnico, la più diffusa presenza di nuclei familiari, una crescente scolarizzazione dei figli. Si tratta di quei requisiti che non solo hanno consentito di raggiungere delle posizioni sociali di rilievo agli italiani all’estero, ma hanno favorito l’integrazione di immigrati di diversissima provenienza etnica nelle più antiche sedi di accoglienza, come gli Stati Uniti o la vicina Francia. Sebbene non si possa cancellare la preoccupante presenza di ampie frange di disoccupazione, precariato, marginalità e criminalità, nell’arcipelago migratorio del nostro paese, e benché appaia oggi ben più difficile ipotizzare degli stadi successivi di adattamento, delle sostituzioni tra gruppi immigrati e dei percorsi di mobilità sociale generazionale così come sono stati messi a fuoco, per le precedenti migrazioni, dai più noti modelli sociologici dell’integrazione, le dinamiche appena descritte offrono comunque lo spunto per riflettere sulla non univocità delle motivazioni e degli esiti del percorso migratorio anche nelle immigrazioni di cui è diventato di recente protagonista il nostro paese. Certo, le trasformazioni a cui dovremmo essere chiamati ad assistere non possono essere solo il frutto della spontanea manifestazione di questi fenomeni o della dinamica dell’integrazione secondo la «naturale» scansione plurigenerazionale. 134

Tali processi devono essere il risultato di ben più consapevoli strategie e venire sollecitati con provvedimenti meno episodici, meno allarmistici o d’emergenza. Gli interventi su questa materia dovrebbero essere rivolti non solo a disciplinare l’ingresso, ma anche a garantire la tutela giuridica e i diritti dei cittadini stranieri presenti e legalmente attivi nel nostro paese. Queste forme di iniziativa, del resto, non possono essere ritenute di esclusiva pertinenza delle autorità pubbliche nazionali. Sono obiettivi che devono cementare l’intervento dell’intera comunità europea e riuscire a coinvolgere anche gli altri partner internazionali nell’edificazione di una normativa delle migrazioni: una normativa che punti maggiormente alla tutela dei soggetti coinvolti anziché alla salvaguardia di frontiere nazionali che sono oggi assai più permeabili del passato a ogni tipo di circolazione. Si tratta di una disciplina che viene invocata con molta chiarezza in autorevoli sedi scientifiche e istituzionali di vari paesi nell’intento di garantire i diritti «transnazionali» di una popolazione che, nell’odierna realtà globale, rivela «vocazioni» o «necessità» di emigrare assai più diffuse che nel passato.

Bibliografia

AA.VV., Migrazioni. Scenari per il XXI secolo (Convegno internazionale, Roma, 12-14 luglio 2000), Edizioni del Giubileo, Roma 2000. Acnur (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati), I rifugiati nel mondo (1995). La ricerca delle soluzioni, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Roma 1995. Albera, D., Corti, P., La montagna mediterranea: una fabbrica d’uomini? Mobilità e migrazioni in una prospettiva comparata, Gribaudo, Cavallermaggiore 2000. Ancona, G. (a cura di), Migrazioni mediterranee e mercato del lavoro, Cacucci, Bari 1990. Arru, A., Ehmer, J., Ramella, F. (a cura di), Migrazioni, numero monografico di «Quaderni storici», XXXVI, aprile 2001, 106. Bade, K.J., L’Europa in movimento. Le migrazioni dal Settecento ad oggi, trad. it., Laterza, Roma-Bari 2001 (ed. or., Europa in Bewegung: Migration von späten 18. Jahrhundert bis zur Gegenwart, Beck, München 2000). Bairoch, P., Storia economica e sociale del mondo. Vittorie e insuccessi dal XVI secolo a oggi, trad. it., 2 voll., Einaudi, Torino 1999 (ed. or., Victoires et déboires. Histoire économique et sociale du monde du XVIe siècle à nos jours, Gallimard, Paris 1997). Bardet, J.-P., Dupâquier, J. (a cura di), Histoire des populations européennes, t. I-II, Fayard, Paris 1997-98. Beauge, G., Buttner, F., Les migrations dans le monde arabe, Éditions du centre national de la recherche scientifique, Paris 1991. Belbeoch, O. et al., La population mondiale. Vers une stabilisation au XXIe siècle?, in «Notes et études documentaires», 4806, 1986, pp. 11-44.

137

Bevilacqua, P., De Clementi, A., Franzina, E., Storia dell’emigrazione italiana, Partenze, Donzelli, Roma 2001. Idd., Storia dell’emigrazione italiana, Arrivi, Donzelli, Roma 2002. Blanc-Chaléard, M.C., Histoire de l’immigration, La Découverte, Paris 2001. Blengino, V., Franzina, E., Pepe, A. (a cura di), La riscoperta delle Americhe. Lavoratori e sindacato nell’emigrazione italiana in America Latina 1870-1970, Teti, Milano 1994. Bonifazi, C., L’immigrazione straniera in Italia, Il Mulino, Bologna 1998. Bory, V., Dehors! De la chasse aux italiens à la peur des réfugiés (18961986), Favre, Lausanne 1987. Buratto, F.O., Nikolimakos, M. (a cura di), L’emigrazione dei popoli mediterranei e l’Europa, Cultura editrice, Firenze 1990. Caritas di Roma, Immigrazione. Dossier statistico, Anterem, Roma 2001. Castles, S., Miller, M.J., The Age of Migration: International Population Movements in the Modern World, The Guilford Press, New York 1998. Cavaciocchi, S. (a cura di), Le migrazioni in Europa ss. XIII-XVIII, Le Monnier, Firenze 1994. Chaliand, G., Michel, J., Ragean, J.-P., Atlas historique des migrations (carte a cura di C. Petit), Éditions du Seuil, Paris 1994. Chesnais, J.-C., La transition démographique. Étapes, formes, implications économiques. Étude de séries temporelles (1720-1984) relatives à 67 pays, Puf, «Travaux et documents», Cahier n. 113, Paris 1986. Codovini, G., Storia del conflitto arabo-israeliano. Tra dialoghi di pace e monologhi di guerra, Bruno Mondadori, Milano 2001. Cohen, R., The Cambridge Survey of World Migration, Cambridge University Press, Cambridge 1995. Collinson, S., Le migrazioni internazionali e l’Europa, trad. it., Il Mulino, Bologna 1994 (ed. or., Europe and International Migration, Pinter, London 1993). Degli Innocenti, M., L’esilio nella storia del movimento operaio e l’emigrazione economica, Lacaita, Manduria, Bari, Roma 1992. Devoto, F., Emigrazione italiana: un fenomeno di lunga durata, in «Altreitalie», 10, luglio-dicembre 1993. Dreyfus-Armand, G., L’exil des républicains espagnols en France de la guerre civile à la mort de Franco, Albin Michel, Paris 1999.

138

Dubois, C., L’Europe retrouvée. Les migrations de la décolonisation, L’Harmattan, Paris 2000. Emmer, P.C., Morner, M. (a cura di), European Espansion and Migration: Essays on the Intercontinental Migration from Africa, Asia and Europe, Berg, New York, Oxford 1992. Una esperança desfeta. L’exili de 1939, Museu de Historia de Catalunya, Barcelona 2000. Fanesi, R., El exilio antifascista en Argentina, Centro editor de America Latina, Buenos Aires 1994. Fassmann, H., Munz, R. (a cura di), European Migration in the Late Twentieth Century Historical Patterns, Actuals Trends, and Social Implications, International Institute for Applied System Analysis, Laxenburg 1994. Franzina, E., Gli italiani al nuovo mondo. L’emigrazione italiana in America, 1492-1992, Mondadori, Milano 1995. Gastaldo, P., Gli americani di origine italiana: chi sono, dove sono, quanti sono, in La popolazione di origine italiana degli Stati Uniti, Fondazione G. Agnelli, Torino 1987, cap. 2, pp. 149-99. Glazier, I.A., L’emigrazione dal XIX secolo alla seconda metà del XX, in P. Bairoch, E.J. Hobsbawm (a cura di), Storia d’Europa, vol. V, L’età contemporanea, Einaudi, Torino 1996. Glazier, I.A., De Rosa, L. (a cura di), Migration across Time and Nations, Holmes and Meier, New York, London 1986. Golini, A., Bonifazi, C., Righi, A., A General Framework for the European Migration System in the 1990s, in R. King (a cura di), The New Geography of European Migrations, Belhaven Press, London 1993. Goodwin-Gill, G.S., The Refugee in International Law, Clarendon Press, Oxford 1996. Italia e America dalla grande guerra ad oggi, in «Nordamericana», 2, 1976. Hobsbawm, E.J., Il secolo breve. 1914-1991. L’era dei grandi cataclismi, trad. it., Rizzoli, Milano 1994 (ed. or., Age of Extremes. The Short Twentieth Century, 1914-91, Michael Joseph, London 1994). Hoerder, D., Page Moch, L. (a cura di), Europeans Migrants. Global and Local Perspectives, Northeastern University Press, Boston 1996. Iredale, R., Migration Policies for the Highly Skilled in the Asia-Pacific Region, in «International Migration Review», XXXIV, 2000, 3.

139

Kanjanapan, W., The Immigration of Asian-professionals to the United States 1988-1990, in «International Migration Review», XXIX, 1995, 1. Khader, B., Les migrations vers le Golfe, Centre d’études et recherches sur le monde contemporain, Université de Louvain, Louvain 1991. Kim, W., Economic Interdependence and Migration Dynamics in Asia, in «Asian and Pacific Migration Journal», V, 1996, 2-3, pp. 303-16. Kritz, M.M., Zlotnik, H., International Migration System. A Global Approach, Clarendon Press, Oxford 1992. Lee, S.M., Issues in Research on Women, International Migration and Labor, in «Asian and Pacific Migration Journal», V, 1996, 1, pp. 281-302. Livi Bacci, M., Storia minima della popolazione del mondo, Loescher, Torino 1993. Lucassen, J., Migrant Labour in Europe 1600-1900. The Drift to the North Sea, Croom Helm, Wolfbero (New Hampshire) 1987. MacDonald, J.S., MacDonald, L., Italian Migration to Australia. Manifest Functions of Bureucracy Versus Latent Functions of Informal Networks, in «Journal of Social History», 3, spring 1970, pp. 249275. Ma Mung, E., La diaspora chinoise: géographie d’une migration, Ophirys, Paris 2000. Martellone, A.M., La questione dell’immigrazione negli Stati Uniti, Il Mulino, Bologna 1980. Melotti, U., Dal Terzo mondo in Italia. Studi e ricerche sulle immigrazioni straniere, Centro Studi Terzo Mondo, Milano 1988. Migration in Asia in the Time of Crisis, numero monografico di «Asian and Pacific Migration Journal», VII, 1998, 2-3. La migration internationale en 2000, numero monografico della «Revue internationale des sciences sociales», 165, settembre 2000; saggi di S. Timur, S. Castles, J. Arango, G.P. Tapinos, R. Kastoryamo, J. Salt, J. Clarke, M. Okolski, J. Zaiontchkovskaia, A. Içduygu, R. Skeldon, A. Adepoju, A. Pellegrino, A.I. Canales, R. Urzun. Milza, P., Voyage en Ritalie, Plon, Paris 1993. Ogot, B.A. (a cura di), Histoire générale de l’Afrique, voll. V e VII, Unesco, Paris 1989. Page Moch, L., Moving Europeans. Migration in Western Europe sin-

140

ce 1650, Indiana University Press, Bloomington & Indianapolis 1995. Perona, G. (a cura di), Gli italiani in Francia, 1938-1946, in «Mezzosecolo», 9, 1991. Petersen, J., L’emigrazione tra Italia e Germania, Lacaita, Manduria, Bari, Roma 1993. Pizzorusso, A., Sanfilippo, M., Rassegna storica sui fenomeni migratori a lungo raggio in Italia, dal Basso Medioevo al secondo dopoguerra, in Sides, «Bollettino di demografia storica», 13, 1990. Plana, M., Trento, A., L’America Latina nel XX secolo. Economia, società, istituzioni, Ponte alle Grazie, Firenze 1992. Price, C.A., Southern Europeans in Australia, Oxford University Press, Melbourne 1963. Pugliese, E., L’immigrazione, in F. Barbagallo (a cura di), Storia dell’Italia repubblicana, vol. III, L’Italia nella crisi mondiale: l’ultimo ventennio, Einaudi, Torino 1996. Id., L’Italia tra migrazioni internazionali e migrazioni interne, Il Mulino, Bologna 2002. Reid, A. (a cura di), Cinesi d’oltremare. L’insediamento nel Sud-est asiatico, Fondazione G. Agnelli, Torino 2000. Reinhard, M., Armengaud, A., Dupâquier, J., Storia della popolazione mondiale, trad. it., Laterza, Bari 1971 (ed. or., Histoire générale de la population mondiale, Montchrestien, Paris 1968). Romero, F., Emigrazione e integrazione europea 1945-1973, Edizioni del lavoro, Roma 1991. Rosoli, G., Un secolo di emigrazione in Italia, Cser, Roma 1978. Sassen, S., Migranti, coloni, rifugiati. Dall’emigrazione di massa alla fortezza Europa, trad. it., Feltrinelli, Milano 1999 (ed. or., Migranten, Siedler, Flüchtlinge. Von der Massenauswanderung zur Festung Europa, Fischer, Frankfurt a.M. 1996). Id., Globalizzati e scontenti. Il destino delle minoranze nel nuovo ordine mondiale, trad. it., Il Saggiatore, Milano 2002 (ed. or., Globalization and Its Discontents, New Press, New York 1998). Schor, R., Histoire de l’immigration en France, de la fin du XIXe siècle à nos jours, Colin, Paris 1996. Signorelli, A., Movimenti di popolazione e trasformazioni culturali, in F. Barbagallo (a cura di), Storia dell’Italia repubblicana, vol. II, Einaudi, Torino 1995. Simon, G., Géodynamiques des migrations internationales dans le monde, Puf, «Collection politique d’aujourd’hui», Paris 1995.

141

Sopemi, Trends in International Migration, Annual Report, Oecd, Paris 1997. Sori, E., Storia dell’emigrazione italiana dall’Unità alla seconda guerra mondiale, Il Mulino, Bologna 1979. Tarling, N. (a cura di), The Cambridge History of Southeast Asia, vol. I, From Early Times to c. 1800, Cambridge University Press, Cambridge, New York 1992. Tombaccini, S., Storia dei fuorusciti italiani in Francia, Mursia, Milano 1988. United Nations Economic Commission of Europe, Refugees and Displaced Persons Due to Armed Conflicts, in «International Migration Bulletin», 8, 1996. Vangelista, C., Dal vecchio al nuovo continente. L’immigrazione in America Latina, Paravia scriptorium, Torino 1997. Vertovec, S., Cohen, R. (a cura di), Migration, Diasporas, and Transnationalism, an Elgar Reference Collection, Cheltenham (UK), Northamtpon (Ma) 1999.

L’autrice

Paola Corti è professore di Storia contemporanea presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Torino. Ha scritto saggi e volumi sulle società rurali italiane tra Ottocento e Novecento e sui movimenti migratori nell’età contemporanea. Su questi temi ha pubblicato inoltre saggi negli Annali 7 e 13 della Storia d’Italia Einaudi, ha coordinato ricerche interuniversitarie internazionali e nazionali, ha presentato relazioni a convegni in Italia e all’estero e, come visitor professor, ha tenuto cicli di lezioni per dottorandi presso le Università di Barcellona e di Nizza. Collabora con varie riviste e istituzioni culturali italiane e straniere e fa parte della redazione di «Studi Emigrazione». Tra i suoi scritti: L’inchiesta Zanardelli sulla Basilicata, Einaudi, Torino 1976; Paesi d’emigranti, Franco Angeli, Milano 1990; Società rurale e ruoli femminili in Italia, Il Mulino, Bologna 1992; Giornali contro: «Il Garibaldino» e «Il Legionario», Dell’Orso, Alessandria 1993 (in collaborazione con A. Pizzaroso); Imprenditori biellesi in Francia, Electa-Fondazione Sella, Milano 1997 (in collaborazione con P. Audenino e A. Lonni); L’emigrazione, Editori Riuniti, Roma 1999; La montagna mediterranea: una fabbrica d’uomini?, Gribaudo, Cavallermaggiore 2000 (in collaborazione con D. Albera).

Indice

Introduzione

V

Le migrazioni nell’età preindustriale

3

La mobilità circolare e l’attrazione urbana in Europa p. 3 Guerre, diaspore religiose, trattati 11 Le migrazioni extraeuropee: colonialismo e migrazioni coatte 15 La colonizzazione dell’America Latina e dei paesi anglosassoni al di là dell’oceano 20

Gli esodi di massa tra Ottocento e Novecento Transizione demografica, industrializzazione, rivoluzioni politiche 23 La «grande emigrazione» dall’Europa 26 I poli transoceanici ed europei dell’attrazione 30 Il ruolo della legislazione: liberismo e discriminazioni etniche 34 Migrazioni interne, movimenti intercoloniali e grande emigrazione in Asia e in Africa 37 Catene migratorie, reti sociali, processi d’integrazione 43

145

23

Profughi, fuorusciti e deportati tra le due guerre

52

Il peso del conflitto 52 Disciplina internazionale delle migrazioni di lavoro e chiusura delle frontiere 55 Il problema degli stranieri: xenofobia e conflittualità sociale 60 L’esilio politico 66 Dalle colonizzazioni forzate alle deportazioni e agli stermini 71 Le eredità della guerra e le diaspore in Palestina 74

Le migrazioni nella seconda metà del Novecento

79

Movimenti migratori e processi di decolonizzazione 79 La riapertura delle frontiere dei paesi transoceanici 84 Le migrazioni nell’Europa del miracolo economico 88 Le conseguenze dell’emigrazione nei paesi di partenza dell’Europa meridionale e mediterranea 93 Dalla crisi petrolifera alla globalizzazione: nuovi protagonisti 95 Le nuove forme della crescita urbana 100

Le caratteristiche dei movimenti migratori negli ultimi vent’anni del Novecento Uno sguardo d’insieme 105 I paesi americani tra «quote», movimenti clandestini e ritorni 111 Il protagonismo dei paesi asiatici e africani 114

146

105

Le nuove traiettorie delle migrazioni in Europa 121 La parabola dell’Italia da «paese di emigranti» ad area di arrivo 125

Bibliografia

137

L’autrice

143