Principi metafisici della scienza della natura
 9788845292569

Citation preview

Tmmanuel Kant

Principi metafisici della scienza della natura Testo tedesco a fronte lntroduzione, traduzione, note e apparati di

Paolo Pecere

1JiJ BOMPTANT

~

TESTI AFRONTE

TSBN 88-452-9256-8

© 2003 R.C-5. Libri S.p.A., Milano I edizione Bompiani Testi a fronte settembre 2003

INTRODUZIONE

§ 1 - L'idea di una nuova metafisica: "metafisica della natura" e filosofia trascendentale I Principi metafisici della scienza della natura, comparsi nel 1786, si inserivano esplicitamente nel disegno di un sistema della filosofia che Kant aveva tracciato nella Critica della ragion pura.I Secondo questo piano, la nuova opera avrebbe dovuto contenere la "fisiologia immanente", cioè la parte della metafisica che si riferisce specificamente agli oggetti della natura conoscibili empiricamente - articolandosi in fisica razionale e psicologia razionale - e che si distingue perciò dall'ontologia (corrispondente alla filosofia trascendentale) e da cosmologia e teologia razionali, costituendo insieme ad esse la "metafisica della natura". In realtà, nei Principi metafisici Kant affronta da capo il problema della struttura e della legittimità di questa parte della metafisica, che era rimasto aperto: ne riduce il contenuto alla sola "fisica razionale" e la presenta come una scienza non più autonoma, ma strettamente congiunta con la fisica matematica. Questa nuova scienza resterà l'unica parte dell'originaria metafisica della natura che Kant realizzerà effettivamente. Per riferirsi invece all'idea di un compimento sistematico della Critica - organizzato sul modello dei manuali scolastici su cui teneva lezione Kant parlerà semplicemente di una "metafisica", che del resto non realizzerà mai. Le premesse di questo cambiamento di impostazione stavano già nella Critica. Kant, infatti, aveva sostenuto che la filosofia è [KrV A 838/ B 866]. Perciò, sebbene affermasse che ad essa, in quanto propedeutica, doveva seguire la metafisica vera e propria, la quale avrebbe dovuto contenere una compiuta analisi dei concetti di cui la Critica indagava solo le fonti [A XXI], egli, tuttavia - in una parentesi di gran peso -, definiva "vera o apparente" la conoscenza organizzata in un tale sistema [KrV A 841/B 869]. La metafisica, cioè, manteneva idealmente agli occhi di Kant la struttura propria dell'esposizione scolastica (wolffiana) - con le sue rigorose analisi concettuali cui Kant attribuiva un valore conoscitivo non indifferente-, ma la validità oggettiva dei suoi contenuti era stata neutralizzata in gran parte dalla critica. La filosofia trascendentale, anzi, con un significativo paradosso, veniva definita alternativamente come una propedeutica e come una parte integrante della metafisica stessa, poiché in. realtà, indagando le condizioni di possibilità. dei suoi giudizi, ne aveva già sostanzialmente esaurito la trattazione. Non a caso, dunque, Kant non scrisse mai il promesso trattato di metafisica, ma - sollecitato dai problemi interni della Critica e dal dibattito che si aprì dopo la pubblicazione dell'opera - privilegiò esposizioni della filosofia trascendentale che aiutassero a metterne a fuoco le questioru di principio (come quella dei Prolegomeni), piuttosto che dedicarsi alla realizzazione di un'esposizione rigorosamente sistematica. Solo negli anni '90,_ infine, in replica a coloro che si richiamavano alle sue ripetute affermazioni sulla necessit_à di un compimento sistematico della Critica per sostenere l'esigenza di una nuova metafisica speculativa, sconvolgendo ai suoi occhi il senso della filosofia critica, Kant sottolineò

INTRODUZIONE

7

con forza quanto aveva già affermato in sostanza fin dal principio: che cioè la Critica conteneva tutto quanto di essenziale vi fosse da scrivere sulla metafisica. 2 I Principi metafisici si collocano proprio al termine della prima fase di ripensamento del criticismo: l'opera affronta il problema di realizzare la metafisica della natura come sola metafisica dotata di validità oggettiva e stabilisce, così facendo, i presupposti per gran parte delle modifiche della seconda edizione della Critica (1787). Nonostante il disgregarsi del proposito kantiano di realizzare un sistema, per comprendere la genesi della nuova metafisica non va sottovalutato il ruolo svolto dalla cornice sistematica. In effetti, per Kant, l' organizzazione sistematica dei pensieri era nello stesso tempo un requisito di scientificità e un metodo di lavoro, senza corrispondere necessariamente all'esposizione di contenuti dogmatici) Così, l'architettonica delle conoscenze razionali tracciata nella Critica, basata sulla distinzione di principio tra matematica e metafisica, costituisce il necessario presupposto del tentativo - intrapreso nella nuova opera - di istituire un passaggio tra filosofia trascendentale e fisica matematica. Per introdurre i problemi legati a questi rapporti "architettonici" tra le diverse parti della conoscenza della natura, è opportuno dunque menzionare il modo in cui viene presentata per la prima volta l'idea della metafisica della natura su cui Kant ritornerà nei Principi metafisici. ·La metafisica o filosofia della natura - scrive Kant nella Critica [KrV A 845/B 87.3ss.J - si articola in due parti: la prima è la ''filosofia trascendentale", o "ontologia", che «si limita a studiare l'intelletto e la ragione nel sistema di tutti i concetti e di tutti i principi concernenti oggetti in generale, senza assumere oggetti che siano dati», e questa scienza, sia pure senza la compiutezza del trattato scolastico, è stata esposta già nella Critica; la seconda parte «studia la natura, ossia il complesso degli

8

INTRODUZIONE

oggetti dati [. .. ] ed è quindi fisiologia (benché soltanto rationalis)». Quest'ultima si suddivide a sua volta in due parti: la "fisiologia immanente", che «si riferisce agli oggetti dei sensi in quanto ci sono dati, ma soltanto secondo condizioni a priori sotto le quali ci possono venire dati in generale»; e la "fisiologia trascendente", che si compone di cosmologia trascendentale e teologia trascendentale, le quali si occupano rispettivamente della totalità degli oggetti dell'esperienza, e del collegamento dell'intera natura con un ente che la trascende. La scienza cui Kant si dedicherà nei Principi metafisici come si è accennato - è la "fisiologia immanente", che si articola a sua volta in "metafisica della natura corporea", o "fisica razionale", e "metafisica della natura pensante", o "psicologia razionale". L'opera del 1786, in particolare, conterrà la sola metafisica della natura corporea, perché Kant vi sosterrà la sostanziale inconsistenza della psicologia razionale [vedi infra nota 14]. È degno di nota, comunque, che la metafisica trattata nella nuova opera corrisponda all'unica parte del sistema che non trova corrispondenza nella classificazione wolffiana, essendo state le altre sostanzialmente dissolte come scienze apparenti nella Dialettica trascendentale. Kant stesso ne riconosce l'originalità, che si basa sul fatto di fornire una «Conoscenza a priori, cioè Una metafisica, relativa ad oggetti che però ci sono dati a posteriori» [KrV A 847/B 875]. Soltanto nei Principi metafisici Kant risolverà il problema della legittimità di questa nuova metafisica, e, dunque, della possibilità di una nuova estensione della conoscenza a priori [vedi infra§ 2]. La "fisica razionale", appartenendo alla metafisica, si distingue da quella che al tempo veniva più comunemente chiamata "fisica generale", cioè la fisica matematica [KtV A 847/B 875, nota]. La conoscenza filosofica e quella matematica - come Kant ha lungamente argomèntato in precedenza [A 712/B 740ss.J - sono infatti

INTRODUZIONE

9

essenzialmente diverse: la prima si basa su concetti, la seconda sulla rappresentazione di concetti nell'intuizione pura, o "costruzione". Ora, Kant riconosce che la matematica è indispensabile alla fisica empirica propriamente detta - che si basa sulla semplice raccolta di osservazioni empiriche - e che in confronto ad essa la metafisica non ha da offrire praticamente nessuna conoscenza. Egli sostiene, tuttavia, che i matematici, nell' applicare la matematica alla fisica si sono serviti di «certi concetti comuni, che di fatto sono metafisici>> e, senza un'indagine critica sulla loro origine e applicazione, hanno introdotto nella fisica pura delle vere e proprie ipotesi, in contrasto con il rigore della propria scienza.4 Sarà compito della metafisica della natura mostrare l'origine e la legittimità dell'uso empirico di questi concetti. Secondo il disegno della Critica, dunque, la nuova metafisica della natura (come la si chiamerà d'ora in poi) si colloca tra filosofia trascendentale e fisica empirica e, nello stesso tempo, intrattiene un rapporto con la fisica matematica, che fino al 1786 non viene, tuttavia, compiutamente esaminato. Alla luce di questi diversi rapporti~ nella Prefazione ai Principi metafisici, Kant individua i due scopi fondamentali a cui risponde la nuova metafisica. Il primo di essi riguarda la funzione che la nuova metafisica svolge nei confronti della filosofia trascendentale. Kant premette che l'esposizione separata di questa parte a priori della scienza della natura risponde all'esigenza di evitare «l'incertezza che sorge dalla mescolanza di diverse scienze, allorché non si sa distinguere a quale di esse siano da ascrivere sia i limiti, sia gli errori· che possono presentarsi nel !Oro impiego» [MA 473]. Ma, dal punto di vista della filosofia trascendentale, esiste una seconda ragione, "esteriore, contingente, e tuttavia importante", per la trattazione separata della nuova scienza. Essa non riguarda > [MA 534]. È soltanto alla luce dei Principia di Newton, dove viene introdotta la legge di attrazione universale, che Kant può identificare la gravità con la forza attrattiva originaria: ma la sola cosa che viene affermata a priori dalla metafisica della natura è la necessità di una forza attrattiva in generale, la quale, a rigore, è il fondamento della gravità. Il rischio di un equivoco su questo punto deriva dalla discussione a margine di problemi relativi all'azione della forza attrattiva, che Kant svolge riferendosi al caso fisico della gravità newtoniana, dando l'impressione di.averne introdotto il concetto specifico mediante dimostrazioni metafisiche. Ma Kant ricorre a questi esempi perché, alla luce della fisica newtoniana, la sua forza attrattiva originaria coincide in natura con la forza di gravità, per cui molte delle questioni filosofiche presenti in questa parte della Dinamica erano state già discusse in riferimento al fenomeno empirico della gravitazione (Kant le aveva conosciute in particolare mediante la celebre corrispondenza tra Leibniz e Clarke). Questa coincidenza, dunque, non deve far ignorare la distinzione kantiana tra principi metafisici e principi matematici ed empirici, coine fonti diverse della conoscenza della forza attratti. va, se non al prezzo di snaturare il significato della filosofia naturale di Kant.39 Riferendosi a queste discussioni, Kant procede, dunque, a determinare la forza attrattiva come un'"azione immediata" che le parti della materia esercitano le une sulle altre attraverso lo spazio vuoto, e che si propaga all'infinito [Teoremi 7 e 8]. Introducendo il concetto di un'azione a distanza, egli risponde alle classiche obiezioni che i fisici meccanicisti, e con essi anche Leibniz, avevano rivolto contro di esso, considerandolo il vero e proprio scandalo della fisica newtoniana. Rilevando una contraddizione nella rappresentazione di una materia che agisce , questi critici avevano

INTRODUZIONE

41

ricondotto i fenomeni di gravitazione ali' azione meccanica di particelle impercettibili di materia o dell'etere e, dunque, a una forza repulsiva esercitata in verso oppo~ sto. Questo modo di ragionare, che fa della gravità un'"attrazione apparente", si basa secondo Kant su un circolo vizioso. Presuppone infatti un'altra materia che esercita una forza repulsiva a contatto; ma questa materia presuppone a sua volta l'azione di una forza attrattiva originaria che impedisca la sua infinita dispersione, che sia dunque una condizione della sua esistenza in uno spazio determinato e perciò preceda logicamente lo stesso contatto [MA.514]. Rovesciando le tesi dei meccanicisti e sostenendo che una forza attrattiva deve essere essenziale alla materia, Kant si propone di rettificare esplicitamente la stessa concezione originale di Newton [MA 514-5]. La forza attrattiva, essendo essenziale alla materia, è proporzionale alla sua quantità e coincide, dunque, con la gravità della fisica newtoniana. Il fatto che Newton avesse sottolineato di non considerare la gravità come una proprietà essenziale della materia - preferendo limitarsi ad aver stabilito le leggi della sua azione, senza determinarne il modo e la causa - appare a Kant come tµla esitazione legittima, se considerata dal punto di vista del matematico che delimita il campo della propria scienza, essendo la questione «fisica, o metafisica, ma non matematica» [MA 515]. Di fatto, però, questa posizione risulta per Kant in contrasto con i presupposti impliciti nello stesso modo di procedere di Newton: infatti, che questi considerasse la gravità proporzionale alla quantità di materia e si servisse di tale principio per misurare le masse dei pianeti a partire dai loro movimenti, costituisce per Kant una implicita ammissione dell'originarietà della forza attrattiva, in quanto inerente alla stessa materia. 40 •

42

INTRODUZIONE

Nel complesso, Kant compone la disputa tra leibniziani e newtoniani sulla gravitazione mediante una soluzione originale, che avrebbe certamente scontentato sia Leibniz sia Newton: ammette il concetto di una forza di gravità, ricavandola dall'indagine sulla possibilità dell' esperienza della materia in generale; né fa poi una proprietà essenziale dei corpi, secondo il concetto di forza leibniziano. Ciò però non corrisponde, infine, ali' ammissione di una metafisica della sostanza. Kant, al contrario, sottoscrive l'affermazione newtoniana secondo cui il modo d'azione di questa forza non è ulteriormente comprensibile. Non attribuisce però questa incomprensibilità a una mancanza di conoscenze sperimentali sulla natura microscopica - come aveva fatto Newton41 -, ma al fatto che si tratta· di una forza originaria, cioè di una condizione che non è a sua volta condizionata e che come tale per sua natura non si può ulteriormente comprendere. Il concetto kantiano di forza, in generale, modifica essenzialmente il' contenuto di quello della metafisica leibniziana e wolffiana, ·che pure Kant riprenderà altrove mantenendo la definizione della forza come "causalità di una sostanza". Ancora una volta il cambiamento dipende da un più deciso riferimento ideale alla fisica newtoniana, in maniera analoga a quanto avveniva per l'analisi del concetto di materia [vedi§ 2].42 Pur essendo causa di un cambiamento fisico, la forza non rimanda, infatti, a un sostrato ontologico, e anche nel caso della forza attrattiva, che deve riferirsi per definizione ad un centro d'origine, Kant ritiene ingiustificato un riferimento alla sostanza. Le forze originarie sono concetti ricavati dallo studio della proprietà empirica per cui la materia riempie uno spazio, mediante uno studio della sua costruzione possibile nell'intuizione pura, e presentano il vantaggio di poter essere collegate alla determinazione matematica delle loro leggi senza necessità di

INrRODUZIONE

43

dover ricorrere con l'immaginazione a rappresentazioni meccaniche sul modo in cui avvengono le loro azioni [vedi § 5.2]. Esse, d'altra parte, costituiscono concetti metafisici, in quanto sono ricavate, oltre che in base a dati empirici, da principi filosofici (come quello di causalità), e non si riducono quindi a pure definizioni matematiche, come avveniva nell'impostazione di molti fisici del. tempo - per es. D' Alembert -, risultata dominante nella fisica successiva. E tuttavia, per quanto riguarda ogni tentativo di estendere a priori la conoscenza di queste forze, determinandone il concetto al di là della loro funzione di condizioni di determinati fenomeni, nella Nota generale alla Dinamica Kant conclude: La comprensione a priori di forze originarie secondo la loro possibilità sta assolutamente al di fuori dell'orizzonte della nostra ragione e tutta la filosofia naturale consiste piuttosto nel ricondurre forze date, in apparenza diverse, a un numero minore di forze e facoltà, che servano alla spiegazione degli effetti delle precedenti; questa riduzione procede però solo fino alle forze fondamentali, oltre le quali la nostra ragione non sa andare [MA 534].

Questo passo completa con efficacia la definizione dei tratti originali della dinamica kantiana: essa recupera aspetti sia del pensiero di Leibniz (come l'idea di un' elasticità originaria e in generale di una forza essenziale alla materia) sia di quello di Newton (come la forza attrattiva, la cui azione è ricavata dai fenomelli e non è riconducibile a sua volta a spiegazioni metafisiche), tenendo presente anche il dinamismo di alcuni fisici successivi; ma risulta essere infine una teoria radicalmente differente da quelle dei suoi due principali ispiratori, sia nei procedimenti - elaborati secondo l'impostazione della filosofia trascendentale - che nei risultati, come quello di decretare rigorosamente un distacco incolmabile tra la fisica e la teologia metafisica [Cfr. §§ 8-9].43

44

INTRODUZIONE

§ 5.2 -La Nota generale alla Dinamica: meccanicismo e dinamismo come metodi della fisica.

Nella Nota generale alla Dinamica Kant affronta la questione dell'estensione del dinamismo ai concetti della fisica empirica, cioè a quelle proprietà che non appartengono alle condizioni di possibilità della materia in generale, ma si possono pensare come concetti derivabili dal1'esercizio effettivo delle conoscenze empiriche (per es. la densità, lo stato di aggregazione e la solubilità chimica). Per prima cosa, Kant svolge un confronto tra i metodi del dinamismo e del meccanicismo, secondo i quali è possibile in generale rappresentarsi i fenomeni fisici. «Il principio della dinamica della natura materiale», scrive Kant, «è il seguente: tutto il reale degli oggetti dei sensi esterni, che non sia semplicemente una determinazione dello spazio (luogo, estensione e figura), deve essere considerato come una forza motrice» [MA 523]. Questo principio si realizza prima di tutto con l'introduzione delle due forze fondamentali, e si oppone a quello del meccanicismo, che si basa sulla spiegazione dei fenomeni fisici mèdiante "gli atomi e il vuoto". Il problema in relazione al quale Kant confronta i due metodi è quello della spiegazione della diversa densità delle materie, che egli definisce addirittura come "il più importante" compito della scienza della natura [MA 532]. Il meccanicismo la spiega mediante una distribuzione variabile dei vuoti tra gli atomi di materia, ma questo procedimento, secondo Kant, presenta diversi inconvenienti: si basa sul concetto di impenetrabilità assoluta (una "qualità occulta") e concede perciò all'immaginazione la libertà di costruirsi "un mondo di fantasia" fatto di atomi e vuoto. Secondo il dinamismo, invece, si può considerare lo spazio sempre pieno e tuttavia concepire diversi gradi di riempimento, che si possono ricavare mediante i concetti delle due forze fondamentali. In particolare, si

INTRODUZIONE

45

può pensare variabile il grado della forza repulsiva e basare la diversa densità delle materie sui diversi rapporti tra questa forza e la forza attrattiva, che è sempre proporzionale alla quantità delle materie stesse [ibidem].44 Considerando la semplicità con cui questa ipotesi riconduce il fenomeno della densità ad un puro rapporto quantitativo, senza ricorrere all'immaginazione, Kant ritiene che il dinamismo sia molto più adeguato allo sviluppo della fisica (si pensi al caso della legge di gravità newtoniana, che Kant ritiene collegabile intrinsecamente alla rappresentazione dinamica della materia). Tuttavia, l'ipotesi specifica avanzata da Kant non può essere accolta a priori con certezza, ma va verificata empiricamente45: non si possono infatti comprendere a priori le leggi delle forze fondamentali e dedurne la specifica varietà delle materie. Perciò, sostenendo la maggiore semplicità e conformità alla matematizzazione dell'ipotesi dinamica, la metafisica comporta un vantaggio "soltanto negativo", scongiurando il ricorso all' "invenzione" meccanica, che viene assimilato al ricorso alle qualità occulte [ibidem].46 Ma è proprio quest'ultimo il vizio che Kant rimprovera al modo di procedere di un "trattato puramente matematico", nel quale queste proprietà della materia vengono postulate come "posizioni originarie e incondizionate" [MA 534], scoraggiando così ogni tentativo di ricondurle a leggi dinamiche e, dunque, quantitative. Nella sezione dedicata alle altre proprietà specifiche della materia, Kant tocca diversi temi diffusi nella fisica del tempo, come la forza di coesione dei corpi, le azioni chimiche della materia, l'etere, il calorico. Il raggruppamento di tali questioni al di fuori della parte propriamente metafisica dell'opera riflette la situazione storica della fisica del '700, in cui relativamente a tali fenomeni mancava una sintesi teorica paragonabile a quella del sistema del mondo newtoniano. Già lo stesso Newton

46

INTRODUZIONE

aveva espresso efficacemente lo stato di incertezza e delle conoscenze su questi temi, rimasti fuori dalla fisica dei Principia, nelle Questioni poste in appendice alla sua Ottica, che contenevano essenzialmente resoconti empirici e congetture in forma problematica.47 In questo contesto, le argomentazioni kantiane, con il loro andamento scolastico e puramente ipotetico, esprimono un certo dilettantismo scientifico, peraltro molto diffuso all'epoca tra gli stessi fisici di professione. D'altra parte, le discussioni di questa sezione dei Principi metafisici testimoniano di una certa prudenza metodologica di ispirazione newtoniana, soprattutto se confrontate con la grande quantità di riflessioni manoscritte sugli stessi temi che Kant accumula anche in questo periodo. Questo scarto risulta evidente in particolare nel caso del concetto dell'etere: questa materia dotata di scarsissima densità, suscettibile di spiegare determinati fenomeni mediante la sua diffusione e pressione, qui viene solo ipotizzata, pur corrispondendo al concetto fondamentale delle congetture fisiche rimaste manoscritte.48 Tra i diversi problemi discussi da Kant ce n'è, però, uno decisivo per la stessa dinamica metafisica, che si ricollega al confronto tra dinamismo e meccanicismo: quello della coesione dei corpi. Il vantaggio della filosofia meccanica della natura, infatti, consiste nella rappresentazione discreta della materia, che pare essenziale al suo studio matematico, perché questo comporta sempre · la determinazione di distanze tra i corpi. In effetti; Kant stesso segnala e discute, nella Dinamica, la necessità di rappresentare queste distanze tra i corpi [MA 521-2], e in generale· assume spesso senza giustificazione la rappresentazione discreta della materia secondo particelle o corpi rigidi, non solo nei suoi esempi fisici, ma finanche in un'intera sezione della metafisica quale la Meccanica. La filosofia dinamica ha dunque di fronte a frammentari~tà

IN1RODUZIONE

47

sé il compito ineludibile di spiegare la formazione dei corpi a partire dal continuo materiale in cui consiste il suo mondo fisico. Tuttavia la coesione, che Kant considera come un'attrazione a contatto, è una forza che non appartiene alla possibilità della materia, ma è derivata, come mostra il fatto empirico che essa agisce diversamente a seconda dei materiali; quel che è peggio, è che essa non si riesce a comprendere nemmeno dal punto di vista empirico, per cui il problema «di come siano possibili i corpi rigidi» [MA 529], non essendo risolto mediante il mero postulare del meccanicismo, resta aperto. Si determina così un'aporia nel rapporto tra la dinamica metafisica e la fisica vera e propria, su cui Kant ritornerà nella Fenomenologia [vedi § 7]. Questo limite della fisica a priori costituirà poi uno dei temi principali su cui Kant si concentrerà, a partire dalla seconda metà degli anni '90, nelle riflessioni dedicate al progetto di un Passaggio dai principi metafisici della scienza della natura alla fisica (raccolte nel cosiddetto Opus postumum). In queste riflessioni, il concetto meccanico di etere tornerà a svolgere un ruolo di primo piano, dapprima come un'ipotesi per spiegare la coesione e in generale come sostrato delle azioni dinamiche, per venire infine considerato quale nuovo presupposto trascendentale della stessa rappresentazione del mondo fisico come un tutto connesso.49

§ 6 - La Meccanica La Meccanica si occupa della materia in quanto mobile, che «come tale possiede una forza motrice» [Definizione l].50 In altre parole, essa studia i principi della "comunicazione del movimento", cominciando con una definizione della quantità di movimento e passando poi alla formulazione di tre leggi metafisiche del movimento: della conservazione della quantità di materia, dell'inerzia e dell'uguaglianza di azione e reazione.

48

INTRODUZIONE

Il primo concetto discusso da Kant è la quantità di materia, definita come > [MA 484; 506]. Questo mutamento delle basi della metafisica resterebbe incomprensibile senza far riferimento al parallelo sviluppo della filosofia pratica, in cui i concetti fondamentali della metafisica tradizionale vengono ripensati come postulati di un "fatto" della ragion pratica, l'imperativo morale, e della libertà come sua condizione di possibilità. Da questo punto di vista, non soltanto in Kant viene negato il passaggio fra metafisica e fisica - che in diversi modi era stato sostenuto da Descartes, Leibniz e Newton - ma viene meno ariche l'irrinunciabile necessità di questo passaggio per realizzare lo scopo, che esso aveva negli autori precedenti, di sostenere dottrine della teologia e della morale, congiungendo mondo della natura e mondo della grazia. La metafisica della natura, perduto il suo saldo riferimento alle sostanze, tende a divenire in Kant piuttosto una analisi dei concetti fisici in quanto concetti relativi, se non addirittura, come Kant scrive altrimenti, una "metafisica .della scienza" [KGS XVIII, 326, Re/lexion

68

INTRODUZIONE

5681]. L'ordine delle conoscenze diviene così ordine

ontologico, ma le conoscenze - come scrive Kant nell'ultimo capoverso dell'opera....: giungono fino alle condizioni dell'esperienza, senza poter raggiungere quell'incondizionato, apparente o inconoscibile, che la ragione non può fare a meno di pensare.72 * Roma, dicembre 2002

*Desidero ringraziare per i preziosi consigli la professoressa Mirella Capozzi e il professor Costantino Esposito.

NOTE ALL'INTRODUZIONE

1 Per i riferimenti alle opere kantiane maggiormente citate, si adotteranno le seguenti abbreviazioni: KrV = Kritik der reinen Vernunft (1781/17872 ), traduzione italiana a cura di P. Chiodi, Torino 1986 (talvolta modificata in qualche dettaglio). Si danno i numeri di pagina delle prime due edizioni, designate - come di consueto rispettivamente con A e B; la numerazione di A e B è riportata a margine della traduzione citata. Prolegomena = Prolegomena zu einer jeden kunftigen Metaphysik, die als Wissenschaft wird auftreten konnen (1783), tr. it. a cura di P. Carabellese, rivista da H. Hohenegger, Roma-Bari 1996. Si danno i paragrafi o i numeri di pagina del voi. IV dell'edizione dell'Accademia (vedi infra), che sono riportati a margine della traduzione citata. MA = Metaphysische Anfangsgrunde der Naturwissenschaft (1786): si danno i numeri di pagina dell'edizione dell'Accademia (voi. IV) riportati a margine della presente traduzione. KU = Kritik der Urteilskra/t, tr. it. a cura di E. Garroni e H. Hohenegger, Torino 1999 (vengono dati i numeri di pagina della seconda edizione, indicata comunemente con B, la cui paginazione è riportata nella traduzione italiana citata). Le citazioni da altri testi di Kant sono tratte tutte dall'edizione dell'Accademia delle scienze di Berlino, Kant's Gesammelte Schriften, hrsg. von der Koniglich PreuBlichen Akademie der W1Ssenschaften, Berlin 1900-, abbreviata con la sigla KGS, seguita dall'indicazione del volume in numeri romani e dal numero di pagina in numeri arabi. Si dà anche il riferimento a una traduzione italiana, quando disponibile. Per quanto riguarda opere di altri autori, quando non esplicitamente indicato, le traduzioni sono del curatore. 2 Questo sistema viene menzionato come "metafisica della natura" in KrV A XXI. È significativo che, dopo il 1786, Kant non usi più questa espressione - che ha assunto un senso nuovo nei Principi metafisici-, ma si riferisca più in generale al "sistema di metafisica": vedi per es. KrV B XXXVI; A 82/B 108 ss.; lettera a M. Mendelssohn del 16 agosto 1783 [KGS X 344-347, tr. it in Epistolario filosofico, a cura di O. Meo, Genova 1990, pp. 125-130]; Prolegomena § 39 [KGS IV 324]; lettera a L. H. Jakob dell'll settembre [?] 1787 [KGS X 493-495, tr. it. in Epistolario cit., pp. 155157]. Numerose le affermazioni degli anni '90: KU Prefazione, BlO; lettera aJ. S. Beck del 20 gennaio 1792, KGS XI 313-316, tr. it. in

70

N01E ALÙN1RODUZIONE

Epistolario cit., in particolare p. 272; KGS XX 310, tr. it. in Scritti sul criticismo, a =a di G. De Flaviis, Roma-Bari 1991, p. 205 (I progressi della metafisica); vedi infine la Erklarung in Beziehung auf Fichtes Wissenschaftslehre, pubblicata sulla Allgemeine Literaturzeitung del 28-8-1799 e ristampata in KGS XII pp. 370371, tr. it. in Epistolario cit., pp. 397-400, dove Kant sembra fare un passo indietro sulla distinzione fra critica -e sistema, per ribadire contro la filosofia fichtiana che la Critica contiene l'essenziale della filosofia pura. Sul rapporto fra critica e sistema di metafisica vedi V. MATIITEU, La filosofia trascendentak e !"'Opus postumum" di Kant, Torino 1958, pp. 7-20; E. GARRONI, Senso e paradosso, Roma-Bari 1986, pp. 68-77; H. HOHENEGGER, Introduzione a I. Kant, Prolegomeni ad ogni futura metafisica, Roma-Bari 1996, in particolare pp. X-XIX. Cfr. anche K. POLLOK, Kants "Metaphysische Anfangsgriinde der Naturwissenschaft". Ein kritischer Kommentar, Hamburg 2001 (d'ora in poi citato come Kommentar), pp. 80-81. 3 Sull'apprezzamento del rigore scolastico, in riferimento al caso esemplare di Wolff, cfr. KrV B XXXVI. Un esempio notevole del valore metodologico che ha per Kant l'organizzazione sistematica dei pensieri è il modo in cui egli individua l'idea stessa di una terza Critica, descritto nella lettera a C L. Reinhold del 28-30 dicembre 1787, KGS X, pp. 513-516, tr. it. in Epistolario cit., pp. 158-165. Un'equivalenza tra scientificità e sistematicità è affermata nella stessa Prefazione dei MA, e risulta essenziale nelle ricerche dedicate alla fondazione della fisica nell'Opus postumum. 4 La struttura della scienza pura della natura viene ribadita nei Prolegomena, dove risulta più evidente la compresenza in essa di principi trascendentali, matematici e metafisici [§ 15]: «Ora[. .. ] noi siamo realmente in possesso di una scienza pura della natura, la quale a priori e con tutta quella necessità che è richiesta per proposizioni apodittiche, espone le leggi a cui la natura è sottomessa. E qui non ho bisogno di chiamare a testimonio che quella propedeutica alla dottrina della natura, che, sotto il titolo di scienza universale della natura, precede ogni fisica (che è fondata su principi empirici). In essa si trova la matematica applicata ai fenomeni, e anche proposizioni semplicemente discorsive (tratte da concetti), le quali costituiscono la parte filosofica della conoscenza pura della natura. Ma pure v'è in.essa anche parecchio che non è del tutto puro e indipendente da fonti sperimentali come il concetto di moto, di impenetrabilità (sul quale si fonda il concetto empirico di materia), di inerzia, ecc., i quali vietano che essa possa dirsi del tutto una scienza pura della natura» [tr. it. cit., p. 97]. Accanto a questa triplice scienza pura della natura si colloca poi quella che Kant chiama la "fisica"

NOTE ALL'INTRODUZIONE

71

vera e propria, la quale - fino ai manoscritti dell'Opus postumum viene considerata una disciplina del tutto empirica. 5 Su questo primo scopo della metafisica della natura, vedi Prolegomena § 40 [KGS IV 327, tr. it. cit., pp. 169 ss.J. Vedi anche la lettera a Ch. G. Schiitz del 13 settembre 1785 [KGS X 406-407, tr. it. in Epistolario cit., pp. 141-142] e KGS XX 343, tr. it. in Scritti sul criticismo cit., p. 232 (I progressi della metafisica). 6 Tra le modifiche di rilievo del testo della Critica, ispirate dalle ricerche dei Principi metafisici, si possono segnalare, oltre alla Confutazione dell'idealismo [KrVB274ss.J, la nuova Prefazione, i nuovi paragrafi dell'Estetica trascendentale e la Nota generale all'Analitica dei principi [KrV B288ss.J., Che i Principi metafisici abbiano come proprio scopo principale la prova della "realtà oggettiva" delle categorie, contenendo in tal modo una revisione di una questione fondamentale della Critica, è sostenuto di recente da E. F6RSTER, Kant's Final Synthesis, Cambridge Mass.-London 2000, pp. 56 ss. La tesi opposta è sostenuta da M. F'RIEDMAN, Matter and Motion in the Metaphysical Foundations and the First Critique: The Empirica! Concept of Matter and the Categon'es, in E. WATKINS (ed.), Kant and the Sciences, Oxford 2001, pp. 56-59: secondo Friedman, tale obiettivo è già stato conseguito nella Cn'tica con la dottrina dello schematismo trascendentale, mentre i Principi metafisici si limiterebbero a fornire i soli possibili "esempi" da cui l'intelletto può risalire alle condizioni sotto cui le categorie possono avere realtà oggettiva. Sulla questione cfr. POLLOK, Kommentar cit., pp. 87ss., 171, 174-5, e infra n. 17. 7 Newton afferma più volte che tutti i concetti e le leggi generali della meccanica sono ricavati dall'esperienza e estesi per induzione alla totalità dei fenomeni: dr. per es. Phzlosophiae naturalis principia mathematica (1687, 1713'), Scholium generale, 3a. ed. larina a cura di A. Koyré e I. B. Cohen, Cambridge 1972, p. 764. Esiste una traduzione italiana: Pn.ncipi matematici della Filosofia naturale, a cura di A. Pala, Torino 1965. Cfr. anche la.più recente edizione inglese, The Principia. Mathematical Principles of Natural Philosophy, a cura di I. B. Cohen e A. Whitman, Berkeley-Los Angeles-London 1999. In seguito si citerà da questa edizione, di facile accesso e dotata di un ricchissimo e aggiornato apparato storico-critico. Il passo citato è qui a p. 943. Kant possedeva un'edizione latina (Amsterdam 1714). Più in particolare, le considerazioni di Kant sembrano riferirsi bene al seguente passo di EULER, tratto da un'opera che Kant conosceva direttamente, le Réfl.exions sur l'espace et le temps (in Mémoires de l'académie des sciences de Berlin, 4, 1748, pp. 324-333, § 1): PE, Kants Theorie der Physik. Eine Untersuchung uber das Opus postumum von Kant, Frankfurt am Main, 1969, p. 83. Sulla scia di Plaas si segnala K. GLOY, Die kantische Theorie cit., che insiste sull'interpretazione dell'opera kantiana come una "metafisica" priva di elementi empirici e del movimento come un concetto il cui contenuto e la cui validità oggettiva sono ricavabili a priori. Sulla questione dell' empiricità del concetto di movimento vedi K. CRAMER, Nicht-reine synthetische Urteile a priori. Ein Problem der Transzendentalphilosophie Immanuel Kants, Heidelberg 1985, pp. 79ss. L'opera inquadra la questione all'interno del più generale problema dei "giudizi sintetici non puri", che viene riferito giustamente agli stessi principi trascendentali della Critica. Sulla questione vedi anche E. GARRONI, Senso e paradosso cit.. e G. BucHDAHL, The Conception o/ Lawlikeness in Kant's Philosophy of Science, in L. W. BECK (a cura di), Proceedings of the Third International Kant Congress, Dordrecht 1972, pp. 149-171, rist. in G. BUCHDAHL, Kant and the Dynamics o/ Reason cit., pp. 222-241. Per una sintesi della discussione vedi POLLOK, Kommentar cit., in part. pp. 73, lllss., 158. L'autore accoglie le tesi di Plaas). Qui si propone di prendere alla lettera le affermazioni kantiane sull'empiricità del concetto di movimento e di tutti gli altri predicati che costituiscono il concetto di materia in generale, a costo cli sottolineare una complessità di vedute sul concetto di a priori propria dello stesso Kant, di cui è essenziale tenere conto per una rilettura della stessa Critica. Una interpretazione del metodo dei Principi metafisici che concorda in gran parte con quella qui accennata si trova in B. FALKENBURG, Kants Kosmologie cit., pp. 288ss. Cfr. anche K. CRAMER, Nicht-reine synthetische Urteile cit., cap. 4. 20 L'organizzazione dell'opera secondo il filo conduttore delle categorie è stata fin da subito oggetto di pesanti obiezioni, relative in particolare alla sterilità del filo conduttore stesso e alla corrispondenza arbitraria tra categorie ed effettivo contenuto delle sezioni. Formulazioni esemplari di queste critiche in ADICKES, Kant als Natur/orscher cit., vol. I, pp. 253ss., riprese e sviluppate ancora in POLLOK, Kommentar cit., 135 n .. Sulla completezza della tavola

78

N01E ALLIN1RODUZIONE

delle categorie e sulla sua funzione nell'architettura teorica del criticismo vedi: F. BARONE, Logica formale e logica trascendentale, voi. I, Torino 1964 2 e M. WOLFF, Die Vollstiindigkeit der kantischen Urteilstafel, Frankfurt am Main 1995. 21 Schelling afferma spesso che il dinamismo kantiano, che egli si propone di perfezionare, ha fornito i presupposti di una "costruzione dinamica della materia" che può procédere del tutto a priori (cfr. S. POGGI, Il genio e l'unità della natura cit., pp. 224-226 e 258269). Tra gli interpreti moderni l'indistinzione tra "costruzione" e "principi della costruzione" è molto diffusa, anche sulla base di un passo della Prefazione, il cui testo è lacunoso, in cui compare l'espressione "costruzione metafisica", che non ricompare più in tutto il corpus kantiano, né viene mai giustificata (per la correzione del passo qui adottata vedi Nota editoriale). Un chiaro riconoscimento della distinzione kantiana sta in B. FALKENBURG, Kants Kosmologie cit., p. 289, ma si trovava già nel libro di C. LUPORINI, Spazio e materia in Kant, Firenze 1961, pp. 335ss. 22 La questione qui accennata del metodo della metafisica della natura kantiana potrebbe servire da filo conduttore per ripercorrere - non solo dal punto di vista storiografico - le tante indagini sul rapporto tra momento a priori e momento a posteriori nella costituzione dei concetti scientifici, che tanta parte hanno avuto nelle discussioni filosofiche e epistemologiche a partire dalla fine dell'800, accomunate in genere da un rigetto dell'apriorismo kantiano che forse può rivelarsi oggi non del tutto fondato, in particolare alla luce dei Principi metafisici. In generale, cenni di una riconsiderazione della vexata quaestio dell'apriorismo, in riferimento a quest'opera, sono presenti già in A. H6FLER, curatore dell'edizione dell'Accademia e di una precedente edizione (Leipzig 1900): di Hofler si vedano le Studien zur gegenwiirtigen Philosophie der Mechanik, in appendice alla citata edizione dell'opera, e il breve intervento Zu Kants MAdN, in "Kant Studien" 11, 1906, pp. 255-259, rivolto contro l'articolo di W OSTWALD, Betrachtungen cit.. Il punto di riferimento per questo filone degli studi kantiani restano gli studi di E. CASSIRER (oltre a Kants Leben und Lehre cit., vedi anche Substanzbegrif! und Funktionbegriff, Berlin 1910, tr. it. Firenze 1973). Tra i più recenti tentativi di rivalutazione dd trascendentalismo kantiano rispetto alla scienza e all'epistemologia successive si vedano le opere di M. FRJEDMAN (oltre a Kant and the Exact Sciences cit., vedi la recente sintesi Dynamics of Reason, Harvard 2001) e B. FALKENBURG, Kants Kosmologie cit., in part. cap. 7. Tra gli studi italiani si segnalano quelli di L. SCARAVELLI (vedi Scritti kantiani cit.), di V MA1HIEU (in particolare sull'Opus postumum: vedi le opere cit. supra, nn. 2, 10), di E.

NOTE ALL'INTRODUZIONE

79

GARRONI (in particolare sulla Krz'tik der Urtei!Skra/t: vedi Estetica ed epistemologia, Roma 1976), di S. MAR.CUCCI (vedi Studi kantiani, vol. II, Lucca 1988). Una rinnovata attenzione a Kant si riscontra anche tra gli studiosi impegnati in una revisione critica della "filosofia della scienza" istituita dal neopositivismo logico. Se all'estero l'esempio più recente è di nuovo Friedman, in Italia la vicenda dell'empirismo logico era stata messa in rapporto con il problema del criticismo già negli studi di F. BARONE (vedi Logica formale e logica trascendentale cit., ma anche la sintesi nell'articolo Il trascendentalismo kantiano e l'epistemologia, in "Filosofia" 23, 1972, pp. 225"238). Da questo punto di vista, aveva sottolineato l'interesse metodologico dei Principi metafisici già L. GEYMONAT (si veda l'Introduzione alla traduzione italiana dei Metaphysische Anfangsgrunde curata da L. Galvani, Bologna 1959). Tra gli studi più recenti vedi l'antologia Kant and Contemporary Epistemology, Dordrecht 1994, a cura di P. PARRINI, e G. BONIOLO, Metodo e rappresentazioni del mondo, Milano 1999. In tutti questi tentativi - per realizzare il programma di un recupero storiografico e teorico della problematica kantiana - non si è quasi mai tenuto conto di una corretta interpretazione del metodo dei Principi metafisici. Cfr. supra n. 19. 23 Le riflessioni kantiane su fisica e chimica sono pubblicate nel vol. XIV delle KGS, con ampio apparato di note a cura di E. Adickes. Sul tema sono utili anche alcune sezioni delle testimonianze indirette (le Nachschri/ten): quelle sulle lezioni di metafisica, in particolare la Metaphysik Herder, relativa a lezioni degli anni '60 [KGS XXVIlI 1, 153-166] - che contiene anticipazioni di molte argomentazioni dei Principi metafisici - e quelle sulle lezioni di fisica, in particolare la Berliner Physik, relativa a corsi della metà degli anni '70 [KGS XXIX 1,1, 73-92], e la Danziger Physik, relativa a lezioni del 1785 [KGS XXIX 1,1, 93-169]. I.;Opus postumum è pubblicato a cura di G. Lehmann nei voll. XXI-XXII delle KGS, dove è riportato l'ordinamento cronologico del materiale stabilito da E. Adickes. Le traduzioni consistono tutte in scelte di testi, tra cui vanno segnalate, oltre all'edizione curata in italiano da V. Mathieu (Roma-Bari 1984), quella inglese a cura di E . Fi:irster e M. Rosen (Cambridge 1993) e quella spagnola a cura di F. Duque (Barcelona 1991). 24 Di questo gruppo fanno parte numerosi concetti, a cominciare da quelli delle forze vive e delle forze morte o della gravitazione universale, discussi fin dalle primissime opere - come i citati Gedanken von der wahren Schàtzung der lebendigen Krii/te (1746), KGS I, 1-181, tr. it. Pensieri sulla vera valutazione delle forze vive, a cura di I. Petrocchi, Pisa-Roma 2000, e la Allgemeine Naturgeschichte und Theorie des Himmels (1755), KGS I, 215-368,

80

NOTE ALL'IN"TRODUZIONE

tr. it. Storia universale della natura e teoria del cielo, a cura di S. Velotti e U. Scarpelli, Roma-Napoli 1987 -, in cui si ha testimonianza della oscillazione giovanile tra fisica leibniziana e fisica newtoniana che lascia ancora il segno sull'opera del 1786 (su questi due primi scritti kantiani e in generale sulla formazione scientifica del giovane Kant, si veda il documentatissimo libro di P. GRILLENZONI, Kant e la scienza. Voi. I. 1747-1755, Milano 1998, con ampia bibliografia sugli studi precedenti). Si deve menzionare poi il caso del concetto di etere, che è centrale nel De igne (1756), KGS I, 369-384, e viene discusso continuamente nelle successive riflessioni manoscritte: Kant vi dedicherà solo prudenti accenni nei Principi metafisici, a testimonianza del rigore con cui in questo periodo egli separa le proprie numerose considerazioni private dalle dottrine adeguate alla pubblicazione (vedi infra§ 5.2). Come ulteriore esempio di riflessioni che ritornano, ma vengono mutate di senso, si può citare l'argomento degli opposti incongruenti, che nel saggio Von dem ersten Grunde des Unterschiedes der Gegenden im Raume (1768) - KGS II, 375-383, tr. it. in Scritti precritici cit., pp. 409-418 - interviene, in polemica con la concezione leibniziana dello spazio come ordine dei simultanei, a sostegno dello spazio assoluto, mentre nella Foronomia, come già nei Prolegomena, viene citato a sostegno della sua idealità (vedi Note al testo, n. 11). 25 Lettera a Lambert del 31 dicembre 1765, KGS X 54-57, tr. it. in Epistolario cit., pp. 42-45. 26 Si veda lo stesso titolo della Monadologia fisica, che per esteso è: Metaphysicae cum geometria iunctae usus in philosophia naturali, cuius specimen I. continet monadologiam physicam.[KGS I, 473485]. 27 Sulla dottrina del conflitto delle realtà - o opposizione reale - . e sul suo nesso con la metafisica della scienza del movimento vedi il confronto tra la posizione di Kant e quella Leibniz in M. GUEROULT, Leibniz cit., pp. 19ss. Che il movimento non sia nulla di reale perché relativo, Leibniz lo scrive per es.' nel carteggio con Amauld (16867), pubblicato in G. W. LEIBNIZ, Die philosophischen Schrzften von Gott/ried Wilhelm Leibniz, ed. Gerhardt, Berlin 1875-90, vol. 2, pp. 69, 97 (il carteggio è tradotto ora in G. W LEIBNIZ, Scritti/iloso/ici, a cura di M. Mugnai e E. Pasini, Torino 2000, vol. I, pp. 303ss.) e nel Discours de métaphysique, §§ XII, XVIII, tr. it. in Scritti filosofici cit., vol. I, pp. 262ss. 28 La "Foronomia" è la scienza del movimento che prescinde dal concetto di qualsiasi forza motrice. Il termine "foronomia" - prima di comparire come titolo di un'opera di ]. fIERMANN (Phoronomia, 1716), di cui Kant possedeva una copia - veniva impiegato da

NOTE ALL'INTRODUZIONE

81

Leibniz in riferimento al movimento considerato solo geometricamente, nella Theoria motus abstracti (Mainz 1671), pubblicata in G. W. LEIBNIZ, Leibnizens mathematische Schriften, ed. Gerhardt, Berlin-Halle 1849-63, rist. Hildesheim 1963, vol. VI, p. 71. Kant potrebbe averlo tratto da J. H. LAMBERT, Anlage zur Architectonic, oder Theorie des Einfachen und des Ersten in der philosophischen und mathemathischen Erkenntni./S, Riga 1771, vol. I, p. 52, dove viene definita "foronomia" la «teoria del movimento locale, considerato in se stesso», in quanto distinta - in maniera analoga a quella kantiana - da "dinamica" e "meccanica". Vedi infra nn. 35, 50, 5€5. 29 Vedi Note al testo n. 9, e la voce "movimento" nella sezione Parole chiave. 30 Vedi per es. KrV A 242 e B 300. 31 Sull'interpretazione di questo "Grundsatz" vedi Note al testo n. 14. 32 Sulla rappresentazione del parallelogramma delle forze vedi Note al testo n. 19. 33 Vedi supra n. 19. La questione è associata solitamente a quella dell'=piricità del concetto di materia, perché i predicati in esso contenuti - come l'impenetrabilità - vengono ricondotti da Kant a determinazioni del movimento. Per esattezza, occorre distinguere da tutti gli altri predicati empirici del concetto di materia quello di movimento, che presuppone la percezione, ma può poi essere rappresentato nell'intuizione pura, permettendo di realizzare le costruzioni matematiche cui ricondurre i restanti predicati. Cfr. nota successiva. 34 Vun.LEMIN, Physique et métaphysique cit., p. 60ss. Lo stesso concetto viene ritrovato e sviluppato da K. CRA.MER, Nicht-reine synthetische Urteile cit., pp. 89ss., che fornisce un'analisi molto approfondita della necessità di un raddoppiamento dello spazio per la stessa rappresentazione del movimento. In uno spazio puramente geometrico sarebbe impossibile rappresentare un punto che si muove attraverso altri punti, in quanto il punto geometrico è definito dalla sola posizione: in luogo della rappresentazione di un movimento si avrebbe, dunque, la considerazione successiva di differenti punti geometrici (la "descrizione di uno spazio" di cui scriverà Kant in KrV B 155n.). L'identificazione del mobile in quanto distinto dai diversi punti geometrici da esso attraversati richiederebbe dunque una percezione. Una volta introdotta questa identificazione, sarebbe possibile intendere le descrizioni nell'intuizione pura come moVimenti: il che renderebbe possibile la "scienza pura del movimento" di cui Kant vuole fornire i principi e che è sviluppata dai matematici nella meccanica razionale. Sulle fonti dei concetti - che Kant qui riprende e rielabora - di "punto

82

NOTE ALLil\ITRODUZIONE

materiale" e "spazio materiale" vedi POLLOK, Kommentar, pp. 153ss., 180-182. La tesi secondo cui la Foronomia sarebbe una dottrina a priori indipendente dalla percezione viene sostenuta qui a p. 209. Per quanto riguarda in generale il concetto di movimento, Pollok accoglie le tesi di PLAAs - Kants Theorie cit. - e lo concepisce come un "predicabile", composto di categorie e modi puri della sensibilità: l'identificazione del mobile sarebbe garantita dall'applicazione delle categorie (p. 158), mentre la funzione della percezione sarebbe solo di garantire a posteriori la realtà oggettiva del movimento, in un mondo che a prio_ri potrebbe contenere solo oggetti immobili. 35 Per la dinamica leibniziana vedi soprattutto lo Specimen Dynamicum (1695), Hamburg 1982, tr. it. della parte I-l'unica originariamente pubblicata - in G. W. LEIBNIZ, Scritti filosofici cit., vol. I, pp. 431-446. Cfr. anche Discours de métaphysique, §XVIII, e il breve scritto De primae philosophiae emendatione, et de notione substantiae, tr. it. in G. W. LEIBNIZ, Scritti filosofici cit., vol. I, pp. 428430. Sul tema vedi M. GUEROULT, Leibniz cit.; R S. WESTFALL, Force in Newton's Physics. The Science of Dynamics in the Seventeenth Century, New York 1971, tr. it. Bologna 1982, capitolo VI; F. DUCHESNEAU, La dynamique de Leibniz, Paris 1994; infine, per una sintesi recente vedi D. GARBER, Leibniz. Physics and Philosophy, in The Cambridge Companion to Leibniz, ed. N. Jolley, Cambridge 1995, pp. 270-352. Va sottolineato che Leibniz attribuiva al passaggio dalla fisica alla metafisica delle monadi una certa componente ipotetica, che non si coglieva attraverso il tono dogmatico dei suoi scritti più celebri come la Monadologia (cfr. M. MUGNAI, Introduzione alla filosofia di Leibniz, Torino 2001, pp. 157-163 ). Va sottolineato inoltre che, su questi temi, la ricezione kantiana di Leibniz dovette restare sempre influenzata dalla mediazione di altri autori, come J ohann Bernoulli, che Kant - nei Gedanken cit., § 128 - menzionava con favore per aver interpretato la forza viva non già come un fenomeno ben fondato, ma come una realtà (vedi P. M. HARMAN, Force and Inertia cit., pp. 234-235). Sulla conoscenza del pensiero di Leibniz nella Germania del '700 vedi W. CH. ZIMMERLI, Von der Ver/ertigung einer philosophisch-historischen Grafie_ Leibniz in der Philosophiegeschichtsschreibung des 18. Jahrhunderts, in: Beitriige zur Wirkungs- und Rezeptionsgeschichte van Gottfried Wilhelm Leibniz, hrsg. von A. Heinekamp, Stuttgart 1986, pp. 148" 167. Come già nel caso della Foronomia, nell'impiegare il.termine "dinamica" Kant potrebbe aver avuto presente la terminologia di LAMBEIIT nella Anlage zur Architectonic cit., dove essa viene definita come la «dottrina delle forze che intervengono nel movimento», che si occupa in particolare dei corpi in quanto la loro struttura > [Prz"ncipia cit., Scholium generale, ed. cit. p. 941]. 43 A questo proposito J. VIDLLEMIN ha scritto che >.

NOTE ALL'INTRODUZIONE

89

[KGS V 46-7, tr. it. a cura di F. Capra, rivista da E. Garin, Roma-Bari 199Y, pp. 47ss. Si è modificata la traduzione di "Einsicht", rendendo con "discernimento" piuttosto che con "perspicacia"]. 67 KGS VIII, 180, traduzione italiana in Scritti sul criticismo cit., p. 56. In nota Kant colloca la presente considerazione nella cornice del dibattito sulle forze vitali degli organismi. Il ragionamento kantiano, però, è prima ancora l'esito personale di una riflessione sul metodo newtoniano proseguita senza soluzione di continuità fin dagli scritti giovanili e analoga a quelle che tanti altri pensatori avevano svolto nel '700. Per esempio, Kant avrebbe potuto prendere spunto dal seguente passo delle Lettres philosophiques (1734) in cui Voltaire faceva replicare Newton ai cartesiani, critici del concetto di attrazione gravitazionale e sostenitori della maggiore intelligibilità dell"'impulso": «Anzitutto, voi non capite il termine "impulso" meglio di quello di "attrazione" ... mi servo del termine "astrazione" solo per designare un effetto da me scoperto in natura, effetto certo e indubitabile di un principio ignoto, qualità inerente alla materia di cui altri, più abili di me, scopriranno, se mai potranno, la causa». [Lettres philosophiques, a cura di G. Lanson, Paris 19243, lettera XV, voi. II, p. 27, tr. it. in Scritti filosofici, a cura di P. Serini, Bari 1962, voi. I, pp. 66-68. Sulla questione vedi A. KOYRÈ, Newtonian Studies, tr. it. cit., in particolare p. 67]. 68 Opus postumum, KGS XXII 528-29, tr. it. cit., p. 224. 69 Kritik der praktischen Vernun/t, KGS 46-47, 31, tr. it. cit. pp. 47-48, 32-33. Un altro esempio notevole di questa analogia tra filosofia trascendentale e fisica newtoniana si trova in una Nota contenuta nell'opera Die Religion innerhalb der Grenzen der reinen Vernun/t (1790), KGS VI 138, tr. it. di P. Chiodi, p. 148, dove Kant paragona l'inconoscibilità del fondamento della libert~ con quella della causa della gravità: «Così [come quella della libertà] la causa della gravità universale di ogni materia del mondo ci è oscura al punto da poter dire che non potrà mai essere conosciuta da noi, perché già il suo concetto presuppone una forza motrice primitiva, incondizionatamente inerente alla materia. Tuttavia la gravità non è · un mistero, perché può essere resa nota a tutti, essendo la sua legge sufficientemente conosciuta. Quando Newton ce la rappresenta come onnipotenza di Dio nel mondo dei fenomeni (omnipraesentia phaenomenon), non intende darci una conoscenza (perché l'esistenza di Dio nello spazio è contraddittoria), ma una sublime analogia, in cui si propone soltanto l'unione degli esseri incorporei in un tutto, basata su una causa incorporea>>. Una simile riduzione delle ipotesi metafisiche a congetture logico-formali prive di validità oggettiva, accompagnate da esibizioni dell'immaginazione dotate di

90

N01E ALL'INTRODUZIONE

valore puramente poet_ico o retorico, è già in atto negli scritti degli anni '60, in particolare nei Triiume eines Geistersehers cit. (17 66). Analoghi accostamenti tra .concetto di gravitazione e concetto della libertà ricorrono anche nei manoscritti dell'Opus postumum [per es. KGS XXI 35, tr. it. cit. p. 359]. 70 KrV A 265-6/B 321-2. Cfr. anche A ~84/B 340 e, sul legame fra queste tesi e i principi della meccanica, la lettera a Ch. F. Hellwag del 3 gennaio 1791, KGS XI 246ss., tr. it. in Epistolario filosofico cit., pp. 252ss. 71 Si tratta della sezione Dell'Anfibolia dei concetti della riflessione (con relativa Nota), in KrV A 260-289/B 316-346. Da essa è tratta la precedente citazione. 72 Così, a margine della problematica dei Principi metafisici, ricompare l'aporia fondamentale della Critica, quella della "causalità noumenica" delle cose in sé, che Kant a volte nega in quanto apparente (per es. KrV A 356; B 429), altre volte afferma a chiare lettere (per es. A 393, A 538/B 566, A 696/B 724 e ancora - nel 1790 Uber eine Entdeckung cit., KGS VIII 215, tr. it. in Scritti sul criticismo cit., p. 92). Il problema di stabilire in che modo Kant concepisca questo concetto, che è apparentemente un concetto metafisico trascendente nel senso criticato da Kant stesso, appartiene all'interpretazione della Critica, ma è essenziale per la comprensione dei Principi metafisici. Si tratta, infatti, di stabilire il significato del mondo fenomenico nel quale si inscrivono fin dall'inizio le ricerche della metafisica della natura, come Kant ribadisce a chiare lettere più volte nel corso del testo. Le discussioni su questo tema furono suscitate già ai tempi di Kant dagli interventi critiunkte nur so fem, als er sich bewegt, gegenwartig. Man nehme aber die Bewegung desselben so an:

A

B

a

G>--------+8---------e daE der Korper mit gleichformiger Geschwindigkeit die Linie AB vorwarts und riickwarts von B nach A zuriicklege, so daE, weil der Augenblick, da er in B ist, beiden Bewegungen gemein ist, die Bew:egung von A nach B in 1/2 Sek., die von B nach A aber auch in 112 Sek., bei de zusammen aber in einer ganzen Sekunde zuriickgelegt worden, so daE auch nicht der kleinste Teil der Zeit auf die Gegenwart des Korpers in B aufgewandt worden: so wird, ohne den mindesten Zuwachs dieser Bewegungen, die letztere, die· in der Richtung BA geschah, in die nach der Richtung Ba, welches mit AB in einer geraden Linie liegt, verwandelt werden konnen, wo denn der Korper, indem er in B ist, darin nicht als ruhig, sondem als bewegt angesehen werden mu.6. Er mu6te daher auch in der ersteren in sich selbst wiederkehrenden Bewegung in dem Punkte B als bewegt angesehen werden, welches aber unmoglich ist; weil nach dem, was angenommen worden, es nur ein Augenblick ist, der zur Bewegung AB und zugleich zur. gleichen Bewegung BA

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

141 485

Definizione 3 La quiete è la presenza persistente (praesentia perdurabilis) nel medesimo luogo; persistente è ciò che esiste nel corso di un tempo, cioè che dura. Nota

Un corpo in movimento si trova per un istante in ciascun punto della linea che percorre. Ci si domanda adesso se vi si trovi in quiete o vi si muova. Senza dubbio si dirà che si muove; infatti è presente in questo punto soltanto in quanto si muove. Ammettiamo però che il suo movimento sia il seguente:

A

B

a

G------ essere esposta facilmente, in modo analogo alla precedente. Se infatti la materia A attira la materia B, la costringe ad avvicinarsele, o, il che è lo stesso, oppone resistenza alla forza con cui la seconda tenderebbe ad allontanarsene. Ma, poiché è lo stesso che B si allontani. da A o che A si allontani da B, questa resistenza è nello stesso tempo una resistenza che il corpo B oppone al corpo A, in quanto · questo tenderebbe ad allontanarsene, per cui le due trazioni opposte sono uguali tra di loro. Allo stesso modo, quando la materia A respinge la materia B, A resiste ali'avvicinamento di B. Ma essendo lo stesso che B si avvicini ad A o che A si avvicini a B, si può ugualmente dire che B resiste ali' avvicinamento di A; per cui anche le due spinte contrarie sono sempre uguali tra di loro. Nota 1

Questa è dunque la costruzione della comunicazione del movimento, che comporta simultaneamente; come sua condizione necessaria, la legge dell'uguaglianza dell'azione e della reazione; Newton non osò dimostrarla a priori, ma per farlo si richiamò ali' esperienza; in ossequio a questa legge, invece, altri introdussero nella scienza della natura una speciale forza della materia, sotto il nome, adottato per la prima volta da K e p 1e r, di forza d'inerzia (vis inertiae), e dunque anch'essi, in fondo, la ricavarono dall' esperienza78; altri ancora la raccolsero nel semplice concetto della comunicazione del movimento, che consideravano come un graduale passaggio del movimento da un corpo ali' altro, in cui il

549

322

550

IMMANUEL KANT

einen Korpers in den andern ansahen, wobei der bewegende gerade so viel einbiillen miisse, als er dem bewegten erteilt, bis er dem letzteren keine weiter eindriickt (wenn er namlich mit diesem schon bis zur Gleichheit der Geschwindigkeit in derselben Richtung gekommen ist)*, wodurch sie im Gronde alle Gegen'.wirkung aufuoben, d. i. alle wirklich entgegenwirkende Kraft des gesto.Benen gegen den sto.Benden (der etwa vermogend ware, I eine Springfeder zu spannen), und au.Berdem, da.B sie das nicht beweisen, was in dem genannten Gesetze eigentlich gemeint ist, die Mitteilung der Bewegung selbst, ihrer Moglichkeit nach, gar nicht erklarten. Denn der Name vom Ubergang der Bewegung von einem Korper auf den andem erklart nichts, und, wenn man ihn nicht etwa (dem Grundsatze accidentia non migrant e substantiis in * Die Gleichheit der Wirkung mit der in diesem Falle falschlich sogenannten Gegenwirk.ung kommt eben so wohl heraus, wenn man bei der Hypothese der Trans/usion der Bewegungen aus einem Korper in den anderen, den bewegten Korper A dem ruhigen in einem Augenblicke seine ganze Bewegung iiberliefem laBt, so, daE er nach dem Sto.Be selber rube, welcher Fall unausbleiblich war, so bald man beide Korper als absolut-hart (welche Eigenschaft von der Elastizitat unterschieden werden muB) dachte. Da dieses Bewegungsgesetz aber weder mit der Erfahrung, noch rnit sich selbst in der Anwendung zusammenstimmen wollte, so wuBte man sich nicht ariders zu helfen, als dadurch, daE man die Existenz absolut-harter Korper leugnete, welches so viel hieB, als die Zufalligkeit dieses Gesetzes zugestehen, indem es auf der besonderen Qualitat der Materien beruhen solite, die einander bewegen. In unserer Darstellung dieses Gesetzes ist es dagegen ganz einerlei, ob man die Korper, die einander sto.Ben, absolut-hart oder nicht denken will. Wie aber die ·Trans/usionisten der Bewegung die Bewegung elastischer Korper durch den StoB nach ihrer Art erklaren wollen, ist mir ganz unbegreiflich. Denn da ist klar, daE der ruhende Korper nicht als bloB ruhend Bewegung bekomme, die der sto.Bende einbUBt, sondern, daE er im Sto.Be wirkliche Kraft in entgegengesetzter Richtung gegen den stoBenden ausiibe, um gleichsam die Feder zwischen beiden zusammen zu driicken, welches von seiner Seite eben so wohl wirkliche Bewegung (aber in entgegengesetzter Richtung) erfordert, als der bewegende Korper seinerseits dazu notig hat.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCJENZA DELLA NATURA

323

primo corpo dovrebbe perdere tanto movimento quanto ne imprime al secondo, finché non cessa di imprimerglielo (fin quando cioè non giunge a possedere insieme ad esso una pari velocità nella stessa direzione)*; così facendo, in fondo, essi eliminavano ogni reazione, cioè ogni effettiva forza reagente del corpo colpito su quello che lo colpisce (il quale sarebbe capace, per esempio, di tendere una molla), e, oltre a non dimostrare quel che propriamente si intende nella legge in questione, non spiegavano affatto la stessa comunicazione del movimento secondo la sua possibilità. Infatti, il nome di passaggio del movimento da un corpo all'altro non spiega nulla, e - nel caso in cui non lo si voglia prendere alla lettera (violando il principio secondo cui accidentia non migrant e substantiis in sub* L'uguaglianza dell'azione con quella che in questo caso si chiama erroneamente reazione si ricava anche nell'ipotesi della trasfusione del movimento da un corpo ad un altro, se si ammette che il corpo in movimento A trasferisca istantaneamente tutto il suo movimento al corpo immobile, così da restare immobile dopo l'urto; la qual cosa era inevitabile, dal momento che entrambi i corpi erano pensati assolutamente duri (proprietà che va distinta da quella dell' elasticità). Ma dato che non si riusciva ad accordare questa legge del movimento né con lesperienza né con se stessa, non si sapeva rimediare altrimenti che negando lesistenza di corpi assolutamente duri, il che equivaleva però a confessare la contingenza della suddetta legge, che si doveva fondare sulla particolare qualità delle materie che si comunica:i:J.o il movimento. Nella nostra esposizione di questa legge, al contrario, è del tutto indifferente voler pensare i corpi che si urtano come assolutamente duri o no. Mi è del tutto incomprensibile, invece, come i trasfusionisti del movimento vogliano spiegare a loro modo il movimento dei corpi elastici che si urtano. E chiaro, infatti, che il corpo immobile non può, restando semplicemente immobile, ricevere il movimento perduto da quello che lo urta, ma nell'urto esercita su quest'ultimo una forza vera e propria in direzione opposta, in modo da comprimere, per così dire, la molla che sta tra i due, il che richiede da parte del corpo mosso tanto movimento reale (ma in direzione opposta), quanto ne deve avere da parte sua il corpo che lo muove.

550

324

IMMANUEL KANT

substantias zuwider) buchstablich nehmen will, als wenn Bewegung von einem Korper in einen anderen, wie Wasser aus einem Glase in das andere, gegossen wiirde, so ist es hier eben die Aufgabe, wie diese Moglichkeit begreiflich zu machen sei, deren Erklarung nun gerade auf demselben Gronde beruht, woraus das·Gesetz der Gleichheit der Wirkung und Gegenwirkung abgeleitet wird. Man kann sich gar nicht denken, wie die Bewegung eines Korpers A mit der Bewegung eines anderen B notwendig verbunden sein miisse, als so, daB man sich Krafte an beiden denkt, die ihnen (dynamisch) vor aller Bewegung zukommen, z. B. Zuriicksto.Bung, und nun beweisen kann, daB die Bewegung des Korpers A durch Annaherung gegen B, mit der Annaherung von B gegen A, und, wenn B als ruhig angesehen wird, mit der Bewegung desselben, zusamt seinem Raume gegen A notwendig verbunden sei, so fern die Korper mit ihren (urspriinglich) bewegenden Kraften blo.B relativ auf einander in Bewegung betrachtet werden. Dieses letztere kann vollig a priori dadurch eingesehen werden, daB, es mag nun der Korper B in Ansehung des empirisch kennbaren Raumes ruhig, oder bewegt sein, er doch in Ansehung des Korpers A notwendig als bewegt, und zwar in entgegengesetzter Richtung als bewegt, angesehen werden miisse; weil sonst kein EinfluB desselben auf die repulsive Kraft beider stattfinden wiirde, ohne welchen ganz und gar keine mechanische Wirkung der Materien auf einander, d. i. keine Mitteilung der Bewegung durch den StoB, moglich ist. Anmerkung2

Die Benennung der Tragheitskraft (vis inertiae) muB also, unerachtet des beriihmten Namens ihres Urhebers, aus der N aturwissenschaft ganzlich weggeschafft werden, nicht allein weil sie einen Widerspruch im Ausdrucke selbst bei sich fiihrt, oder auch deswegen, weil das Gesetz der Tragheit (Leblosigkeit) 4adurch leicht mit

PRINCIPI METAFISICI DElLA SCIENZA DEU..A NATURA

325

stantias), quasi che il movimento si riversasse da un corpo all'altro come fa l'acqua da un bicchiere all'altro79 - resta il compito di spiegare come si possa rendere concepibile questa possibilità, la cui spiegazione si basa sullo stesso fondamento da cui si ricava la legge dell'uguaglianza di azione e reazione. Non si può concepire in che modo il movimento di un corpo A sia connesso necessariamente col movimento di un corpo B se non supponendo che ad essi apparténgano delle forze prima di ogni movimento (dinamicamente), per es. la repulsione. In questo casb, si può dimostrare che il movimento di A nel suo avvicinamento a B è collegato necessariamente con l'avvicinamento di B ad A, e, se B viene considerato in quiete, con il movimento per cui quest'ultimo si avvicina ad A insieme al suo spazio, in quanto si considera che i corpi con le loro forze (originariamente) motrici si muovano soltanto l'uno relativamente all'altro. Quest'ultima affermazione può essere perfettamente compresa a priori: il corpo B, infatti - sia esso in quiete o in movimento rispetto allo spazio conoscibile empiricamente - considerato rispetto al corpo A si deve pur sempre muovere in direzione opposta: altrimenti, non avrebbe luogo alcun influsso di A sulla forza repulsiv~ di entrambi; ma senza un tale influsso non è affatto possibile una qualsivoglia azione meccanica tra le materie, cioè una comunicazione del movimento mediante l'urto. Nota2

La denominazione di forza d'inerzia (vis inertiae) deve dunque essere completamente eliminata dalla scienza della natura, malgrado l'illustre nome del suo autore, non solo perché contiene una contraddizione nella sua stessa espressione, o perché per suo mezzo la legge dell'inerzia (mancanza di vita) può essere facil-

326

551

IMMANUEL KANf

dem Gesetze der Gegenwirkung in jeder mitgeteilten Bewegung verwechselt werden konnte, sondern vornehmlich, weil dadurch clie irrige Vorstellung derer, die der mechanischen Gesetze nicht recht kundig sind, erhalten und bestarkt wird, nach welcher die Gegenwirkung der Korper, von der urtter dem Namen der Tragheitskraft die Rede ist, darin bestehe, da.B die Bewegung dadurch in der Welt aufgezehrt, vermindert oder vertilgt, nicht aber die blo.Be Mitteilung derselben dadurch bewirkt werde, indem namlich der bewegende Korper einen Teil seiner Bewegung blo.B dazu aufwenden mii.Bte, um die Tragheit des ruhenden zu iiberwinden (welches denn reiner Verlust ware), mit dem iibrigen Teile allein konne er den letzteren in Belwegung setzen; bliebe ihm aber nichts iibrig, so wiirde er durch seinen Sto.B den letzteren, seiner gro.Ben Masse wegen, gar nicht in Bewegung bringen. Einer Bewegung kann nichts widerstehen, als entgegengesetzte Bewegung eines anderen, keinesweges aber dessen Ruhe. Hier ist also nicht Tragheit der Materie, d. i. blo.Bes Unvermogen sich von selbst zu bewegen, die Ursache eines Widerstandes. Eine besondere ganz eigentiimliche Kraft, blo.B um zu widerstehen, ohne einen Korper bewegen zu konnen, ware unter dem Namen einer Tragheitskraft ein Wort ohne alle Bedeutung. Man konnte also die drei Gesetze der allgemeinen Mechanik schicklicher so benennen: das Gesetz der Selbststiindigkeit, der Triigheit, und der Gegenwirkung der Materien (lex subsistentiae, inertiae, et antagonismi) bei allen ihren Verà.nderungen derselben. Da.B diese, mithin die gesamten Lehrsatze gegenwartiger Wissenschaft, den Kategorien der Substanz, der Kausalitiit und der Gemeinschaft, so fern diese Begriffe auf Materie angewandt werden, genau antworten, bedarf keiner weiteren Erorterung.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

327

mente confusa con la legge della reazione nella comunicazione di ogni movimento, ma soprattutto perché con essa si mantiene e si rafforza la rappresentazione di coloro che non sono a conoscenza delle leggi meccaniche, secondo cui la reazione dei corpi, di cui qui si tratta sotto il nome di forza d'inerzia, consisterebbe nel consumare, diminuire o distruggere il movimento presente nel mondo, piuttosto che nell'effettuarne la comunicazione, in quanto il corpo che si muove impiegherebbe una parte del suo movimento per vincere l'inerzia del corpo in quiete (il che costituirebbe una vera e propria perdita) e potrebbe metterlo in movimento solo con la parte restante; mentre, se non gliene restasse più, non riuscirebbe a metterlo movimento, a causa della sua grande massa. Niente può resistere ad un movimento se non un movimento contrario di un altro corpo, in nessun caso la quiete. di quest'ultimo. Qui dunque la causa della resistenza non è l'inerzia della materia, cioè la semplice incapacità di muoversi da sé. Una forza del tutto particolare, tale da opporre resistenza ad un movimento senza poter muovere alcun corpo, con il nome di forza d'inerzia, sarebbe una parola senza significato. Sarebbe più appropriato che le tre leggi della meccanica generale si chiamassero nel seguente modo: legge della sussitenza, dell'inerzia e della azione reciproca delle materie (lex subsistentiae, inertiae et antagonismi) in tutti i loro cambiamenti. Il fatto che queste leggi, e perciò tutti i teoremi della presente scienza, corrispondano esattamente alle categorie di sostanza, causalità e reciprocità, in quanto questi concetti si applicano alla materia, non ha bisogno di ulteriore illustrazione.

551

328

lMMANUEL KANT

Allgemeine Anmerkung zur Mechanik

552

Die Mitteilung der Bewegung geschieht nur vermittelst solcher bewegenden Krafte, die einer Materie auch in Ruhe beiwohnen (Undurchdringlichkeit und Anziehung). Die Wirkung einer bewegenden Kraft auf einen Korper in einem Augenblicke ist die Sollizitation desselben, die gewirkte Geschwindigkeit des letzteren durch die Sollizitation, so fem sie in gleichem Verhaltnis mit der Zeit wachsen kann, ist das Moment der Akzeleration. (Das Moment der Akzeleration mu.6 also nur eine unehdlich kleine Geschwindigkeit enthalten, weil sonst der Korper durch dasselbe in einer gegebenen Zeit eine unendliche Geschwindigkeit erlangen wiirde, welche unmoglich ist. Ubrigens beruht die Moglichkeit der Beschleunigung iiberhaupt, durch ein fortwiihrendes Moment derselben, auf dem Gesetze der Tragheit.) Die Sollizitation der Materie durch expansive Kraft (z. B. einer zusammengedriickten Luft, die ein Gewichte tragt) geschieht jederzeit mit einer endlichen Geschwindigkeit, die Geschwindigkeit aber, die dadurch einem anderen Korper eingedriickt (oder entzogen) wird, kann nur unendlich klein sein; denn jene ist nur eme Flachenkraft, oder, welches einerlei ist, die Bewegung eines unendlich kleinen Quantum von Materie, die folglich mit endlicher Geschwindigkeit geschehen muB, um der Bewegung eines Korpers von endlicher Masse mit unendlich kleiner Geschwindigkeit (einem Gewichte) gleich zu sein. Dagegen ist die Anziehung eine durchdringende Kraft und als mit einer solchen iibt ein endliches Quantum der Materie auf ein gleichfalls endliches Quantum einer andern bewegende Kraft aus. Die Sollizitation der Anziehung I mu.6 also unendlich klein sein, weil sie dem Moment der Akzeleration (welches jederzeit unendlich klein sein mu.B) gleich ist, welches bei der Zuriicksto.Bung, da ein unendlich kleiner Teil der Materie einem endlichen ein Moment eindriicken soli,

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

329

Nota generale alla Meccanica

La comunicazione del movimento avviene mediante quelle sole forze motrici che appartengono a una materia anche in stato di quiete (impenetrabilità e attrazione). L'azione che una forza motrice esercita su un corpo in un istante è la sollecitazione del corpo; la velocità impressa allo stesso corpo mediante la sollecitazione, in quanto può crescere in proporzione diretta al tempo, è il momento dell'accelerazione.so (Il momento dell'accelerazione deve contenere dunque una velocità infinitamente piccola, altrimenti il corpo potrebbe acquisire per suo effetto una velocità infinita in un tempo dato, il che è impossibile. Del resto la possibilità dell'accelerazione in generale, mediante la persistenza del suo momento, si basa sulla legge d'inerzia.) La sollecitazione della materia mediante forza espansiva (per esempio, dell'aria compressa che sostiene un peso) avviene sempre con una velocità finita, mentre la velocità che in tal modo viene impressa (o sottratta) ad un altro corpo non può essere che infinitamente piccola; si tratta infatti di una forza di superficie, o, il che è lo stesso, de1 movimento di una quantità di materia infinitamente piccola, il quale di conseguenza deve avvenire con velocità finita, per equivalere al movimento di un corpo di massa finita dotato di velocità infinitamente piccola (cioè a un peso)s1. L'attrazione, viceversa, è una forza penetrante e con una. tale forza una quantità finita di una materia esercita una forza motrice su una quantità di materia anch'essa finita di un'altra materia. La sollecitazione dell'attrazione, dunque, deve essere infinitamente piecola, perché è uguale al momento dell'accelerazione (che deve essere sempre infinitamente piccolo); questa non vale invece per la repulsione, nel qual caso una parte di materia infinitamente piccola deve esercitare un momento su una parte finita. Non si può pensare

552

330

IMMANUEL KANT

der Fall nicht ist. Es l~t sich keine Anziehung.mit einer endlichen Geschwindigkeit denken, ohne daB die Materie durch ihre eigene Anziehungskraft sich selbst durchdringen miillte. Denn die Anziehung, welche eine endliche Quantitat Materie auf eine endliche mit einer endlichen Geschwindigkeit ausiibt, muB einer jeden endlichen Geschwindigkeit, womit die Materie durch ihre Undurchdringlichkeit, aber nur mit einem unendlich kleinen Teil der Quantitat ihrer Materie entgegenwirkt, in allen Punkten der Zusammendriickung iiberlegen sein. Wenn die Anziehung nur eine Flachenkraft ist, wie man sich den Zusammenhang denkt, so wiirde das Gegenteil von diesem erfolgen. Allein es ist unmoglich ihn so zu denken, wenn er wahre Anziehung (und nicht blo.B au.Bere Zusammendriickung) sein soli. Ein absolut-harter Korper wiirde derjenige sein, dessen Teile einander so stark zogen, da.B sie durch kein Gewicht getrennt, noch in ihrer Lage gegen einander verandert werden konnten. Weil nun die Teile der Materie eines solchen Korpers sich mit einem Moment der Akzeleration ziehen miillten, welches gegen das der Schwere unendlich, der Masse aber, welche dadurch getrieben wird, endlich sein wiirde, so mii.Bte der Widerstand durch Undurchdringlichkeit, als expansive Kraft, da er jederzeit mit einer unendlich-kleinen Quantitat der Materie geschieht, mit mehr als endlicher Geschwindigkeit der Sollizitation geschehen, d. i. die Materie wiirde sich mit unendlicher Geschwindigkeit auszudehnen trachten, welches unmoglich ist. .Also ist ein absolut-harter Korper, d. i. ein solcher, der einem mit endlicher Geschwindigkeit bewegten Korper im Sto& einen Widerstand, der der ganzen Kraft desselben gleich ware, in einem Augenblick entgegensetzte, unmoglich. Folglich leistet eine Materie durch ihre Undurchdringlichkeit oder Zusammenhang, gegen die Kraft eines Korpers in endlicher Bewegung; in einem Augenblicke nur unendlich kleinen Widerstand. Hieraus folgt nun das mechanische Gesetz der Stetigkeit (lex continui

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

331

un'attrazione dotata di velocità finita, se non nel caso in . cui la materia debba sopprimere se stessa mediante la sua propria forza attrattiva. Infatti, l'attrazione che una quantità finita di materia esercita, con velocità finita, su un'altra quantità finita deve essere superiore, in ogni punto in cui produce una compressione, a ogni velocità finita con cui reagisce, per mezzo dell'impenetrabilità, una quantità infinitamente piccola della stessa materia. Se l'attrazione fosse una forza di superficie, come si concepisce la coesione, avverrebbe il contrario. Ma è impossibile concepirla così, se deve essere vera attrazione (e non soltanto una compressione esterna). Un corpo assolutamente duro sarebbe quello le cui parti si attirassero con tale forza, che nessun peso potrebbe separarle, né modificarne la posizione reciproca. Ora, dato che le parti della materia di un tale corpo si attirerebbero con un momento di accelerazione che sarebbe infinito rispetto a quello della gravità, mentre sarebbe finito rispetto alla massa così messa in movimento, la resistenza esercitata mediante l'impenetrabilità, in quanto forza espansiva esercitata da una quantità di materia infinitamente piccola, dovrebbe verificarsi sempre con- una velocità di sollecitazione più che finita; la materia, cioè, dovrebbe tendere ad espandersi con una velocità infinita, il che è impossibile. Perciò un corpo assolutamente duro - un corpo tale, cioè, che nell'urto con un altro corpo dotato di velocità finita opporrebbe in un istante una resistenza equivalente alla forza di quest'ultimo - è impossibile. Di conseguenza la materia, per mezzo della sua impenetrabilità o coesione, oppone in un istante una resistenza infinitamente piccola alla forza di un corpo che possiede un movimento finito. Ora, da ciò deriva la legge meccanica della continuità (lex continui mechanica), che afferma: in nessun corpo lo stato di quiete Ò di movimento - in questo

332

553

IMMANUEL KANT

mechanica), niimlich: an keinem Korper wird der Zustand der Ruhe, oder der Bewegung, und an dieser, der Geschwindigkeit oder der Richtung, durch den Sto.B in einem Augenblicke verandert, sondem nur in einer gewissen Zeit, durch eine unendliche Reihe von Zwischenzustanden, deren Unterschied vorr einander kleiner ist, als der des ersten und letzten. Ein bewegter Korper, der auf eine Materie sto.Bt, wird also durch deren Widerstand nicht auf einmal, sondem nur durch kontinuierliche Retardation zur Ruhe, oder der, so in Ruhe war, nur durch kontinuierliche Akzeleration in Bewegung, oder aus einem Grade Geschwindigkeit in einen andem nur nach derselben Regel versetzt; imgleichen wird die Richtung seiner Bewegung in eine solche, die mit jener einen Winkel macht, nicht anders als vermittelst aller moglichen dazwischen liegenden Richtungen, d . .i. vermittelst der Bewegung in einer krummen Linie, verandert (welches Gesetz aus einem ahnlichen I Grunde auch auf die Veranderung des Zustandes eines Korpers durch Anziehung erweitert werden kann). Diese lex continui griindet sich auf dem Gesetze der Tragheit der Materie, da hingegen das metaphysische Gesetz der Stetigkeit auf alle Veranderung (innere so wohl als au.Bere) iiberhaupt ausgedehnt sein mii.Bte, und also auf dem blo.Ben Begriffe einer Verà"nderung iiberhaupt, als G-ro.Be, und der Erzeugung derselben (die notwendig in einer gewissen Zeit kontinuierlich, so wie die Zeit selbst, vorginge), gegriindet sein wiirde, hier also keinen Platz findet.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

333

caso la velocità o la direzione - vengono modificati, mediante l'urto, in un istante, ma solo in un tempo determinato, attraverso una serie infinita di stati intermedi, la cui differenza reciproca è minore di quella tra il primo e l'ultimo. Un corpo in movimento che urti contro una materia, dunque, viene riportato in quiete dalla resistenza di quest'ultima non all'istante, ma mediante un rallentamento continuo; un corpo che era in quiete, d'altra parte, viene messo in movimento solo mediante un' accelera.Zione continua, e secondo la stessa regola si modifica il grado della sua velocità; allo stesso modo, la direzione del suo movimento non può essere modificata in un'altra, che formi un angolo con la precedente, se non attraverso tutte le possibili direzioni intermedie, cioè mediante un movimento curvilineo (la stessa legge, per una ragione analoga, si può estendere al cambiamento di stato di un corpo per attrazione). Questa lex continui si fonda sulla legge dell'inerzia della materia; la legge metafisica della continuità, invece, si dovrebbe estendere in generale a tutti i cambiamenti (tanto interni che esterni) e sarebbe fondata dunque sul semplice concetto del cambiamento in generale, in quanto grandezza, e su quello della sua produzione (la quale in un tempo determinato procederebbe necessariamente con continuità, come il tempo stesso): non è dunque questa la sede per trattarla. 82

553

554

VIERTES HAUPTSTUCK METAPHYSISCHE ANFANGSGRONDE DER PHANOMENOLOGIE

Erklarung

Materie ist das Bewegliche, so fem es, als ein solches, ein Gegenstand der Erfahrung sein kann. Anmerkung

555

Bewegung ist, so wie alles, was durch Sinne vorgestellt wird, nur als Erscheinung gegeben. Damit ihre Vorstellung Erfahrung werde, dazu wird noch erfordert, da.B etwas durch den Verstand gedacht werde, namlich zu der Art, wie die Vorstellung dem Subjekte inhariert, noch die Bestimnmng eines Objekts durch dieselbe. Also wird das Bewegliche, als ein solches, ein Gegenstand der Erfahrung, wenn ein gewisses Objekt (hier also ein materielles Ding) in Ansehung des Pràdikats der Bewegung als bestimmt gedacht wird. Nun ist aber Bewegung Veranderung der Relation im Raume. Es sind also hier immer zwei Correlata, deren einem in der Erscheinung erstlich eben so gut wie dem anderen die Veranderung beigelegt, und dasselbe entweder, oder das andere bewegt genannt werden kann, weil beides gleichgiiltig ist, oder zweitens, deren eines in der Erfahrung mit Ausschlie.Bung des anderen als bewegt gedacht werden mu.B, oder drittens, deren beide notwendig durch Vemunft als zugleich bewegt vorgestellt werden mi.issen. In der Erscheinung, die nichts als die Relation in der Bewegùng l (ihrer Veranderung nach) enthalt, ist nichts von diesen Bestimmungen enthalten; wenn aber das Bewegliche als ein solches, namlich sei-

SEZIONE QUARTA

554

PRINCIPI METAFISICI DELLA FENOMENOLOGIA

Definizione La materia è il mobile in quanto può essere, come tale, un oggetto dell'esperienza. Nota

Il movimento, come tutto ciò che viene rappresentato con i sensi, è dato solo come fenomeno. Perché la sua rappresentazione divenga esperienza, è necessario inoltre che si pensi qualcosa con l'intelletto: al modo in cui la rappresentazione inerisce al soggetto, si deve aggiungere la determinazione di un oggetto ottenuto per mezzo di questa rappresentazione. Il mobile, dunque, diviene come tale un oggetto dell'esperienza quando un particolare oggetto (in questo caso una cosa materiale) viene pensato come determinato rispetto al predicàto del movimento. Ma il movimento è cambiamento di relazione nello spazio. Qui si hanno pertanto sempre due termini correlativi: in primo luogo, nel fenomeno, si può attribuire il cambiamento tanto all'uno quanto ali' altro, e si può tanto dire che si muove l'uno tanto che si muove l'altro, essendo le due cose indifferenti; in secondo luogo, nell'esperienza, si deve pensare che se ne muova uno ad esclusione dell'altro; in terzo luogo, devono essere rappresentati dalla ragione come entrambi simultaneamente in moto. Il fenomeno, non contenendo nient'altro che la relazione nel movimento (secondo il suo cambiamento), non contiene nessuna di queste determinazioni; se però il mobile deve essere pensato determinato in quanto tale, secondo il suo movimento,

555

336

IMMANUEL KANT

ner Bewegung nach, bestimmt gedacht werden soli, d. i. zum Behuf einer moglichen Erfahrung, ist es notig die Bedingungen anzuzeigen, unter welchen der Gegenstand (die Materie) auf eine oder andere Art durch das Pradikat der Bewegung bestimmt werden musse. Hier ist nicht die Rede von Verwandlung des Scheins in Wahrheit, sondem der Erscheinung in Erfahrung; denn beim Scheine ist der Verstand mit seinen einen Gegenstand bestimmenden Urteilen jederzeit im Spiele, obzwar er in Gefahr ist das Subjek:tive fiir objektiv zu nehmen; in der Erscheinung aber ist gar kein Urteil des Verstandes anzutreffen; welches nicht blo.B hier, sondem in der ganzen Philosophie anzumerken notig ist, weil man sonst, wenn von Erscheinungen die Rede ist, und man nimmt diesen Ausdruck fiir einerlei der Bedeutung nach mit dem des Scheins, jederzeit ubel verstanden wird. Lehrsatz 1

Die geradlinige Bewegung einer Materie in Ansehung eines empirischen Raumes ist, zum Unterschiede von der entgegengesetzten Bewegung des Raums, ein blo.B mogliches Pradikat. Eben dasselbe in gar keiner Relation auf eine Materie au.Ber ihr, d. i. als absolute Bewegung gedacht, ist unmoglich. Beweis

Ob ein Korper im relativen Raume bewegt, dieser aber ruhig genannt werde, oder, umgekehrt; dieser in entgegengesetzter Richtung gleich geschwinde bewegt, dagegen jener ruhig genannt werden solle, ist kein Streit uber das, was dem Gegenstande, sondem nur seinem Verhaltnisse zum Subjekt, mithin der Erscheinung und nicht der Erfahrung, zukommt. Denn, stellt sich der Zuschauer in demselben Raume als ruhig, so heilit ihm der Korper bewegt; stellt er sich (wenigstens in Gedanken) in einem andem und jenen umfassenden Raum, in Ansehung des-

PRINCIPI METAFISICT DELLA SCIENZA DELLA NATIJRA

337

cioè in vista di un'esperienza possibile, è necessario indicare a quali condizioni l'oggetto (la materia) può essere determinat"o nell'uno o nell'altro modo con il predicato del movimento. Non si tratta, qui, della trasformazione· dell'apparenza in verità, ma di quella del ·fenomeno in esperienza; nell'apparenza, infatti, l'intelletto è pur sempre in gioco con i suoi giudizi che determinano un oggetto, sebbene corra il rischio di prendere il soggettivo per oggettivo; nel fenomeno, invece, non si trova nessun giudizio dell'illtelletto.83 È necessa. rio fare questa osservazione non solo qui, ma in tutta la filosofia, perché altrimenti, quando si parla di fenomeni e si suppone che il signilicato di questa espressione sia identico a quello dell'apparenza, si viene sempre fraintesi.

Teorema 1 Il movimento rettilineo di una materia rispetto allo spazio empirico, in quanto alternativo al movimento contrario dello spazio, è un predicato soltanto possibile. Lo stesso movimento di una materia, pensato senza alcuna relazione con una materia esterna ad essa, cioè come moto assoluto, è impoisibile. Dimostrazione

Domandarsi se un corpo si muova nello spazio relativo mentre lo spazio vienè detto immobile, o se, viceversa, lo spazio si muova in direzione opposta con pari velocità e sia il corpo a doversi dire immobile, è una questione che non riguarda l'oggetto, ·ma il suo rapporto coh il soggetto, e dunque non riguarda l'esperienza, ma il fenomeno. Se infatti l'osservatore si mette in quiete nello stesso spazio, dirà che per lui il corpo è in movimento; se invece si mette (almeno in teoria) in un altro spazio, che ·contenga il precedente e rispetto al quale il

338

556

IMMANUEL KANT

sen der Korper gleichfalls ruhig ist, so heilit jener relative Raum bewegt. Also ist in der Erfahrung (einer Erkenntnis, die das Objekt filr alle Erscheinungen giiltig · bestimmt) gar kein Unterschied zwischen der Bewegung des Korpers im relativeh Raume, oder der Ruhe des Korpers im absoluten und der entgegengesetzten gleichen Bewegung des relativen Raums. Nun ist die I Vorstellung eines Gegenstandes durch eines von zweien Pradikaten, die in Ansehung des Objekts gleichgeltend sind und sich nur in Ansehung des Subjekts und seiner Vorstellungsart von einander unterscheiden, nicht die Bestimmung nach einem disfunktiven, sondem blo.B die Wahl nach einem alternativen Urteile (deren das erstere von zweien obfektiv entgegengesetzten Pradikaten eines mit Ausschlie.Bung des Gegenteils, das andere aber von objektiv zwar gleichgeltenden, subjektiv aber einander entgegengesetzten Urteilen, ohne Ausschlie.Bung des Gegenteils vom Objekt - also durch blo.Be Wahl - eines zur Bestimmung desselben annimmt)*; das hei.Bt: durch den Begriff der Bewegung, als ·Gegenstandes der Erfahrung, ist es an sich unbestimmt, mithin gleichgeltend, oh ein Korper im relativen Raume, oder dieser in Ansehung jenes als bewegt vorgestellt werde. Nun ist dasjenige, was in Ansehung zweier einander entgegengesetzter Pradikate an sich unbestimmt ist, so fem blofi moglich. Also ist die geradlinige Bewegung einer Materie im empirischen Raume, zum Unterschiede von der entgegengesetzten gleichen Bewegung des Raumes, in der Erfahrung ein blo.B mogliches Pradikat; welches das erste war. Da femer eine Relation, mithin auch eine Veranderung derselben, d. i. Bewegung, nur so fem ein Gegenstand der Erfahrung sein kann, als beide Correlate Gegenstande der Erfahrung sind; der reine Raum aber, den man auch, * Von diesem Unterschiede der disjunktiven und alternativen Entgegensetzung ein Mehreres in der allgemeinen Anmerkung zu diesem Hauptstiicke.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

339

corpo sia immobile, dirà che si muove lo spazio relativo. Perciò nell'esperienza (una conoscenza che determina l'oggetto in un modo valido per ogni fenomeno) non c'è alcuna differenza fra il movimento del corpo nello spazio relativo e la quiete del corpo nello spazio assoluto, associata al movimento uguale ed opposto dello spazio relativo. Ora, la rappresentazione di un oggetto 556 mediante uno fra due predicati che rispetto all'oggetto siano equivalenti e che si distinguano tra di loro- soltanto rispetto al soggetto e al suo modo di rappresentare, non è una determinazione secondo un giudizio disgiuntivo, ma soltanto una scelta secondo un giudizio alter·nativo (il primo di questi giudizi, per determinare l' oggetto, di due predicati oggettivamente opposti ne ammette uno ad esclusione del suo contrario, l'altro invece, di due giudizi oggettivamente equivalenti, ma soggettivamente opposti, ne ammette uno senza esclusione del contrario - cioè, fa una scelta arbitraria)*; questo significa che il concetto del movimento, in quanto oggetto dell'esperienza, lascia in sé indeterminato, e dunque indifferente, se ci si debba rappresentare un corpo in movimento nello spazio relativo, o lo spazio rispetto al corpo. Ora, ciò che rispetto a due predicati opposti è in sé indeterminato, è come tale soltanto possibile. Perciò il movimento rettilineo di una materia nello spazio empirico, in quanto alternativo al movimento uguale ed opposto dello spazio, nell' esperienza non è che un predicato possibile; e questo era il primo punto da dimostrare. Inoltre, dato che una relazione - e dunque anche un suo cambiamento, cioè il movimento - può essere un oggetto dell'esperienza solo a condizione che siano oggetti dell'esperienza entrambi i termini correlativi; e dato, però, che lo spazio puro, che in opposizione a * Su questa distinzione tra giudizi disgiuntivi e giudizi alternativi si ritornerà nella nota generale a questa sezione.

340

IMMANUEL KANT

im Gegensatze gegen den relativen (empirischen), den

absoluten Raum nennt, kein Gegenstand det Erfahrung und iiberall nichts ist: so ist die geradlinige Bewegung ohne Beziehung auf irgend etwas Empirisches, d. i. die absolute Bewegung, schlechterdings unmoglich, welches das zweite war. ' . Anmerkung

Dieser Lehrsatz bestimmt die Modalitat der Bewegung in Ansehung der Phoronomie. Lehrsatz 2

557

Die Kreisbewegung einer Materie ist, zum Unterschiede van der entgegengesetzten Bewegung des Raums, ein wirkliches Pradikat derselben; dagegen ist die entgegengesetzte Bewegung eines I relativen Raums, statt der Bewegung· des Korpers genommen, keine wirkliche Bewegung des letzteren, sondern, wenn sie dafiir gehalten wird, ein blo.Ber Schein. Beweis

Die Kreisbewegung ist (so "wie jede krummlinige) eine kontinuierliche Veriinderung de·r geradlinigen, und, da diese selbst eine kontinuierliche Veranderung der Relation in Ansehung des au.Beren Raumes ist, so ist die Kreisbewegung eine Veranderung der Veranderung dieser au.Beren Verhaltnisse im Raume, folglich ein kontinuierliches Entstehen neuer Bewegungen. Weil nun nach dem Gesetze der Triigheit éine Bewegung, sò "fern sie entsteht, eine ·au.Bere Ursache haben mu.B,. gleichwohl aber der Korper in jedem Punkte dieses Kreises (nach eben demselben Gesetze) fiir sich in der den Kreis beriihrenden geraden Linie fortZU:gehen bestrebt ist, welche Bewegung jèner au.Beren Ursache entgegenwirkt, so beweist jeder Korpet i:i:l der Kreisbe-

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

341

quello relativo (empirico) si chiama anche spazio assoluto, non è un oggetto dell'esperienza ed anzi non è nulla affatto, risulta allora che il movimento rettilineo che non si riferisce a qualcosa di empirico, cioè il moto assoluto, è assolutamente impossibile; e questo era il secondo punto da dimostrare. Nota

Questo teorema determina la modalità del movimento rispetto alla Foronomia. Teorema2

Il movimento circolare di una materia, a differenza di quello opposto dello spazio, è un predicato reale della materia; al contrario, il movimento opposto di uno spazio relativo, sostituito al movimento del corpo, non è un movimento reale, ma, se lo si considera come tale, è una pura apparenza. Dimostrazione

Il movimento circolare (come ogni movimento curvilineo) corrisponde a un cambiamento continuo del movimento rettilineo, e, dato che quest'ultimo è a sua volta un cambiamento continuo della relazione con lo spazio esterno, il movimento circolare è un cambiamento del cambiamento di questo rapporto esterno con lo spazio, perciò è una generazione continua di nuovi movimenti. Ora, secondo la legge d'inerzia, la generazione di un movimento deve avere una causa esterna; d'altra parte il corpo (secondo la stessa legge) tende di per sé in ogni punto della circonferenza a proseguire lungo la linea ad essa tangente, con un movimento che si oppone alla suddetta causa esterna: di conseguenza, ogni corpo che descriva un moto circolare, con questo

557

342

IMMANUEL KANT

wegung durch seine Bewegung eine bewegende Kraft. Nun ist die Bewegung des Raumes, zum Unterschiede der Bewegung des Korpers, blo.B phoronomisch, und hat keine bewegende Kraft. Folglich ist das Urteil, da.B hier entweder der Korper, oder der Raum, in entgegengesetzter Richtung bewegt sei, ein disjimktives Urteil, durch welches; wenn das eine Glied, namlich die Bewegung des Korpers, gesetzt ist, das andere, namlich die des Raumes, ausgeschlossen wird; also ist die Kreisbewegung eines Korpers, zum Unterschiede von der Bewegung des Raums, wirkliche Bewegung, folglich die letztere,. wenn sie gleich der Erscheinung nach mit der ersteren iibereinkomm t, dennoch im Zusammenhange aller Erscheinungen, d. i. der moglichen Erfahrung, dieser widerstreitend, also nichts als blo.f3er Schein. Anmerkung

558

Dieser Lehrsatz bestimmt die Modaliriit der Bewegung in Ansehung der Dynamik; denn eine Bewegung, die nicht ohne den Einflu.B einer kontinuierlich wirkenden au.Bem beweg~nden Kraft stattfinden kann, beweist mittelbar oder unmittelbar, urspriingliche Bewegkrafte der Materie, es sei der Anziehung oder Zuriicksto.f3ung. - ùbrigens kann N e w t o n s Scholium zu den Definitionen, die er seinen Princ. Phil. N at. Math. vorangesetzt hat, gegen das Ende, hieriiber nachgesehen werden, aus welchem erhellt, da.f3 die Kreisbewegung zweier Korper um einen gemeinlschaftlichen Mittelpunkt (mithin auch die Achsendrehung der Erde) selbst im leeren Raume, also ohne alle durch Erfahrung rriogliche Vergleichung mit dem éiufleren Raume, dennoch vermittelst der Erfahrung konne erkannt werden, da.B also ~ine Bewegung, die eine Veranderung der au.Beren Verhaltnisse im Raume ist, empirisch gegeben werden konne, obgleich dieser Raum selbst nicht empirisch gegeben und kein Gegenstand der Erfahrung ist, welches Paradoxon aufgelost zu werden verdient.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

343

suo movimento, dà prova di una forza motrice. Ora, il movimento dello spazio, a differenza di quello del corpo, è puramente Joronomico e non possiede alcuna forza motrice. Di conseguenza, il giudizio con cui si afferma che o si muove il corpo o si muove lo spazio in direzione opposta è un giudizio disgiuntivo, mediante il quale se si pone un membro, cioè il movimento del corpo, l'altro membro, cioè il movimento dello spazio, viene escluso. Così il movimento circolare di un corpo, a differenza del movimento opposto dello spazio, è reale; quest'ultimo, invece, sebbene nel fenomeno coincida con il precedente, lo contraddice però nella connessione di tutti i fenomeni, cioè dell'esperienza possibile, e dunque non è altro che pura apparenza. Nota

Questo teorema determina la modalità del movimento rispetto alla Dinamica; infatti, un movimento che non può aver luogo senza l'influsso di una forza motrice esterna che agisca con continuità, dà prova, mediatamente o immediatamente, dell'azione di forze motrici originarie della materia, sia dell'attrazione sia della repulsione. - Del resto, si può consultare a questo proposito la fine dello scholium di N e w t o n alle Definizioni che egli ha premesso ai suoi Frine. Phil. Nat. Math.84: ne risulta con chiarezza che il movimento circolare di due corpi intorno a un centro in comune (e · dunque anche la stessa rotazione della Terra) può essere riconosciuto anche nello spazio vuoto, ovvero senza l'aiuto di ogni possibile confronto empirico con lo spazio esterno, e tuttavia empiricamente; che dunque un movimento, pur essendo un cambiamento delle relazioni esterne nello spazio, può essere dato empiricamente, anche se questo stesso spazio non è dato empiricamente e non è in generale un oggetto dell'esperienza, il che è un paradosso che merita di essere risolto.

558

344

IMMANUEL KANT

Lehrsatz 3

In jeder Bewegung eines Korpers, wodurch er in Ansehung eines anderen bewegend ist, ist eine entgegengesetzte gleiche Bewegung des letzteren notwendig. Beweis

Nach dem dritten Gesetze der Mechanik (Lehrs. 4) ist die Mitteilung der Bewegung der Korper nur durch die Gemeinschaft ihrer urspriinglich bewegenden Krafte und diese nur durch beiderseitige entgegengesetzte und gleiche Bewegung moglich. Die Bewegung beider ist also wirklich. Da aber die Wirklichkeit dieser Bewegung nicht (wie im zweiten Lehrsatze) auf dem Einflusse au.Berer Krafte beruht, sondern aus dem Begriffe der Relation des Bewegten im Raume zu jedem anderen dadurch Beweglichen unmittelbar und unvermeidlich folgt, so ist die Bewegung ·des letzteren notwendig. Anmerkung

Dieser Lehrsatz bestimmt die Modalitat der Bewegung in Ansehung der Mechanik. - Da.E iibrigens diese drei Lehrsatze die Bewegung der Materie in Ansehung ihrer Moglichkeit, Wirklichkeit und Notwendigkeit, mithin in Ansehung aller dreien Kaiegorien der Modalitiit bestimmen, fallt von selbst in dieAugen. Allgemeine Anmerkung zur Phanomenologie

559

Es zeigen sich also hier drei Begriffe, deren Gebrauch in der aUgemeinen Naturwissenschaft unvermeidlich, deren genaue Bestimmung um deswillen notwendig, obgleich eben nicht so leicht und fa.Blich ist, namlich der Begriff der Belwegung im relativen (bewe-

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

345

Teorema3 Ogni movimento mediante il quale un corpo esercita un'azione motrice su un altro corpo è associato necessariamente a un movimento uguale ed opposto di quest'ultimo.

Dimostrazione Secondo la terza legge della Meccanica (Teorema 4), la comunicazione del movimento dei corpi è possibile solo mediante la reciprocità delle loro forze originariamente motrici e questa reciprocità, a sua volta, solo mediante movimenti reciproci uguali ed opposti. Il movimento dei due corpi è dunque reale. Tuttavia, la realtà di questo movimento non si basa (come nel secondo teorema) sull'influsso di forze esterne, ma deriva immediatamente e inevitabilmente dal concetto della relazione tra il corpo che si muove nello spazio e ogni altro corpo che può essere mosso dal precedente: di conseguenza, il movimento di quest'ultimo corpo è necessario.

Nota Questo teorema determina la modalità del movimento rispetto alla Meccanica. - D'altra parte, risulta evidente che questi tre teoremi determinano il movimento della materia rispetto alla sua possibilità, alla sua realtà e alla sua necessità, cioè rispetta alle tre categorie della modalità.

Nota generale alla Fenomenologia Qui si presentano dunque tre concetti di cui non si può fare a meno nella scienza generale della natura e che a tal fine è necessario determinare con esattezza, sebbene ciò non risulti altrettanto facile e comprensibile: in primo luogo, si ha il concetto del movimento nello

559

346

IMMANUEL KANT

glichen) Raume, zweitens der Begriff der Bewegung im absoluten (unbeweglichen) Raume, drittens der Begriff der relativen Bewegung iiberhaupt, zum Unterschiede von der absoluten. Allen wird der Begriff des absoluten Raumes zum Gronde gelegt. Wie kommen wir aber zu diesem sonderbaren Begriffe, unél worauf beruht die Notwendigkeit seines Gebrauchs? Er kann kein Gegenstand der Erfahrung sein; denn der Raum ohne Materie ist kein Objekt der Wahrnehmung, und dennoch ist er ein notwendiger Vemunftbegriff, mithin nichts weiter, als eine blo.Be Idee. Denn, damit Bewegung auch nur als Erscheinung gegeben werden konne, dazu wird eine empirische Vorstellung des Raums, in Ansehung dessen das Bewegliche sein Verhaltnis verandern soli, erfordert, der Raum aber, der wahrgenommen werden soli, mu.B materia!, mithin, dem Begriffe einer Materie iiberhaupt zu Folge, selbst beweglich sein. Um ihn nun bewegt zu denken, darf man ihn nur als in einem Raume von gro.Berem Umfange enthalten denken und diesen als ruhig annehmen. Mit diesem aber la.Bt sich eben dasselbe in Ansehung eines noch mehr erweiterten Raumes veranstalten und so ins Unendliche, ohne jemals zu einem unbeweglichen fonmateriellen) Raume durch Erfahrung zu gelangen, in Ansehung dessen irgend einer Materie schlechthin Bewegung oder Ruhe beigelegt werden konne, sondem der Begriff dieser Verhaltnisbestimmungen wird bestandig abgeandert werden miissen, nachdem man das Bewegliche mit einem oder dem anderen dieser Raume in Verhaltnis betrachten wird. Da nun die Bedingung, etwas als ruhig oder bewegt · anzusehen, im relativen Raume ins Unendliche immer wiederum bedingt ist, so erhellt daraus erstlich: da.B alle Bewegung oder Ruhe blo.B relativ und keine absolut sein konne, d. i. da.B Màterie bloB in Verhaltnis auf Materie, niemals aber in Ansehung des blo.Ben Raumes ohne Materie, als bewegt oder ruhig gedacht werden konne, mithin absolute Bewegung, d. i. eine solche, die ohne alle Beziehung einer Materie auf eine andere gedacht wird,

PRINCIPI METAF1SICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

347

spazio relativo (o mobile), in secondo luogo il concetto del movimento nello spazio assoluto (o immobile), in terzo luogo il concetto del movimento relativo in generale, in opposizione a quello assoluto. Alla base di tutti questi si pone il concetto dello spazio assoluto. Ma come giungiamo a questo particolare concetto e su che cosa si basa la necessità del suo uso? Non può essere un oggetto dell'esperienza: lo spazio senza materia, infatti, non è un oggetto della percezione; tuttavia si tratta di un concetto necessario della ragione, per cui non è nient'altro che un'idea. Infatti, perché si possa dare il movimento, anche solo come fenomeno, c'è bisogno di una rappresentazione empirica dello spazio, rispetto al quale il mobile deve cambiare il suo rapporto; ma lo spazio che si deve percepire deve essere materiale, ovvero, conformemente al concetto di materia in generale, dev'essere esso stesso mobile. Ora, per pensarlo mobile basta pensarlo contenuto in uno spazio di estensione maggiore, che si suppone essere immobile. Lo stesso procedimento, però, si può applicare a quest'ultimo spazio rispetto a uno spazio ancora più esteso, e così via all'infinito, senza che si giunga mai empiricamente a uno spazio immobile (immateriale), rispetto al quale si possa attribuire in assoluto a una materia il movimento o la quiete; al contrario, il concetto di queste determinazioni di rapporto dovrà essere modificato ogni volta che la materia venga messa in relazione con l'uno o l'altro di questi spazi. Ora, dato che nello spazio relativo la condizione per considerare qualcosa mobile o immobile è sempre a sua volta condizionata, ne risulta, in primo luogo, che ogni movimento e ogni quiete sono relativi, e che nessuno di essi può essere assoluto, cioè che la materia può essere pensata in moto o in quiete solo rispetto ad un'altra materia, mai però rispetto al solo spazio senza materia, per cui il moto assoluto, quello cioè che viene pensato senza mettere in riferimento una materia

348

560

560

IMMANUEL KANT

schlechthin unmoglich sei; zweitens, daE auch eben darum kein Jur alle Erscheinung giiltiger Begriff von Bewegung oder Ruhe im relativen Raume moglich sei, sondem man sich einen Raum, in welchem dieser selbst als bewegt gedacht werden konne, der aber seiner Bestimmung nach weiter von keinem ·anderen empirischen Raume abhangt und daher nicht wiederum bedingt ist, d. i. einen absoluten Raum, auf den alle relative Bewegungen bezogen werden konnen, denken miisse, in welchem alles Empirische beweglich ist, eben darum, damit in demselben alle Bewegung des Materiellen, als bloE relativ gegen einander, als altemativ-wechselseitig>, keine aber als absolute Bewegung oder Ruhe (da, I indem das eine bewegt heIBt, das andere, worauf in Beziehung jenes bewegt ist, ·gleichwohl als schlechthin ruhig vorgestellt * In der Logik bezeichnet das Entweder-Oder jederzeit ein disjunktives Urteil; da denn, wenn das eine wahr ist, das andere falsch sein muK Z. B. ein Korper ist entweder bewegt, oder nicht bewegt, d. i. in Ruhe. Denn man redet I da lediglich von dem Verhaltnis des Erkenntnisses zum Objekte. In der Erscheinungslehre, wo es auf das Verhaltnis zum Subjekt ankommt, um danach das Verhaltnis der Objekte zu bestimmen, ist es anders. Denn da ist der Satz: der Korper ist entweder bewegt und der Raum ruhig; oder umgekehrt, nicht ein disjunktives Satz in objektiver, sondern nur in subjektiver Beziehung, und beide darin enthaltene Urteile gelten alternativ. In eben derselben Phanomenologie, wo die Bewegung nicht blo.B phoronomisch, sondern vielmehr dynamisch betrachtet wird, ist dagegen der disjunktive Satz in objektiver Bedeutung zu nehmen; d. i. an die Stelle der Umdrehung eines Korpers kann ich nicht die Ruhe desselben und dagegen die entgegengesetzte Bewegung des Raums annehmen.-Wo aber die Bewegung sogar mechanisch betrachtet wird (wie wenn ein Korper gegen einen dem Scheine nach ruhigen anlauft), ist sogar das der Form nach disjunktive Urteil in Ansehung des Objekts distributiv zu gebrauchen, so da.B die Bewegung nicht entweder dem einen oder dem andern, sondem einem jeden ein gleicher Anteil daran beigelegt werden inuE. Diese Unterscheidung der alternativen, disjunktiven und distributiven Bestimmung eines Begriffs, in Ansehung entgegengesetzter Priidi.~ate, hat ihre Wichtigkeit, kann aber hier nicht weiter erortert werden.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATIJRA

349

con un'altra, è assolutamente impossibile; in secondo luogo, che proprio per questo non è possibile alcun concetto del movimento o della quiete valido per tutti i fenomeni nello spazio relativo, ma si deve pensare uno spazio in cui quest'ultimo si possa pensare mobile e che non dipenda per la sua determinazione da nessun altto spazio empirico e perciò non sia a sua volta condizionato; occorre pensare, cioè, uno spazio assoluto a cui si possano riferire tutti i movimenti relativi, nel quale tutto ciò che è empirico si possa muovere, di modo che in esso ogni movimento degli oggetti materiali possa valere come puramente relativo, come alternativo e reciproco tra di essi*, e giammai come movimento assoluto o quiete assoluta (qualora si dica che uno dei corpi si muove e parallelamente ci si rappresenti che l'altro, rispetto a cui

560

*Nella Logica, l'espressione 'o ... o' designa sempre un giudizio disgiuntivo, per cui se una cosa è vera, l'altra deve essere falsa. Per es., un corpo o si muove o non si muove - cioè, è in quiete. Così dicendo, infatti, si tratta del solo rapporto della conoscenza con 560 l'oggetto. Nella scienza del fenomeno, in cui si tratta del rapporto della conoscenza con il soggetto, per detern1inare poi il rapporto degli oggetti tra di loro, le cose stanno diversamente. In questo caso, infatti, la proposizione 'o il corpo si muove e lo spazio è immobile, o viceversa' non è una proposizione disgiuntiva in senso oggettivo, ma solo in senso soggettivo, e entrambi i giudizi che vi sono contenuti valgono alternativamente. Nella stessa Fenomenologia, però, laddove il movimento non viene considerato in maniera solo foronomica, ma in maniera dinamica, la proposizione disgiuntiva va presa in senso oggettivo; cioè, io non posso sostituire la rotazione di un corpo con la sua quiete e ammettere in suo luogo il movimento opposto dello spazio. Laddove però il movimento viene considerato anche meccanicamente (come quando un corpo si muove verso un altro corpo in apparenza immobile), il giudizio di forma disgiuntiva si deve riferire all'oggetto in modo distributivo, di modo che il movimento non venga attribuito all'uno o all'altro corpo, ma ripartito tra i due in pari quantità. Questa distinzione tra le determinazioni alternativa, disgiuntiva e distributiva di un concetto rispetto a predicati opposti ha una certa importanza, ma qui non può essere discussa ulteriormente.

350

561

IMMANUEL KANT

wird) gelten moge. Der absolute Raum ist also nicht, als ein Begriff von einem wirklichen Objekt, sondern als eine Idee, welche zur Regel dienen soli, alle Bewegung in ihm blo.B als relativ zu betrachten, notwendig, und alle Bewegung und Ruhe mu.B auf den absoluten Raum reduziert werden, wenn die Erscheinung derselben in einen bestimmten Erfahrungsbegriff (der alle Erscheinungen vereinigt) verwandelt werden soli. So wird die geracllinige Bewegung eines Korpers im relativen Raume auf den absoluten Raum reduziert, wenn ich den Korper als an sich ruhig, jenen Raum aber im absoluten (der nicht in die Sinne fallt) in entgegengesetzter Richtung bewegt, und diese Vorstellung als diejenige denke, welche gerade dieselbe Erscheinung gibt, wodurch denn alle mogliche Erscheinungen geradliniger Bewegungen, die ein Korper allenfalls zugleich haben mag, auf den Erfahrungsbegriff, der sie insgesamt vereinigt, namlich den der blo.B relativen Bewegung und Ruhe, zuriickgefiihrt werden. Die Kreisbewegung, weil sie, nach dem zweiten Lehrsatze, auch ohne Beziehung auf den au.Beren empirisch-gegebenen Raum als wirkliche Bewegung in der Erfahrung gegeben werden kann, scheint doch in der Tat absolute Bewegung zu sein. Denn die relative in Ansehung des au.Beren Raums (z. B. die Achsendrehung der Erde relativ auf die Sterne des Himmels) ist eine Erscheinung, an deren Stelle die entgegengesetzte Be. wegung dieses Raums (des Himmels) in derselben Zeit, als jener vollig gleichgeltend, gesetzt werden kann, die aber nach diesem Lehrsatze in der Erfahrung durchaus nicht an deren Stelle gesetzt werden darf, mitlhin auch jene Kreisdrehung nicht als au.Berlich relativ vorgestellt werden soli, welches so lautet, als ob diese Art der Bewegung fur absolut anzunehmen sei. Alleiri es ist wohl zu merken: da.B hier von der wahren (wirklichen) Bewegung, die doch nicht als solche

PRINCJPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

351

si muove il precedente, sia assolutamente in quiete). Lo spazio assoluto, dunque, non è necessario come concetto di un oggetto, ma è necessario come un'idea, che deve servire da regola per considerare al proprio interno ogni movimento come soltanto relativo; e ogni movimento e ogni quiete devono essere ricondotti allo spazio assoluto, se il loro fenomeno deve essere trasformato in un concetto d'esperienza (tale da unificare tutti i fenomeni). Così il movimento rettilineo di un corpo nello spazio .relativo viene ricondotto allo spazio assoluto; se io considero che il corpo sia in sé immobile e che lo spazio relativo si muova in direzione opposta nello spazio assoluto (il quale non cade sotto .i sensi), e se considero questa rappresentazione come quella che mi fornisce esattamente lo stesso fenomeno e mi permette di iicondurre tutti i possibili fenomeni del movimento rettilineo, che possono riferirsi contemporaneamente a un corpo, al concetto d'esperienza che li unifica, quello cioè del movimento e della quiete puramente relativi. Il movimento circolare, in base al secondo teorema, può esser dato nell'esperienza come un movimento reale anche senza alcun riferimento allo spazio esterno empiricamente dato, perciò sembra essere di fatto un movimento assoluto.· Infatti, il fenomeno relativo allo spazio esterno (per esempio, la rotazione della Terra rispetto alle stelle fisse) può essere sostituito con il movimento opposto e simultaneo dello spazio relativo (il cielo), in quanto ad esso del tutto equivalente; ma quest'ultimo. fenomeno, secondo il suddetto teorema, non può affatto sostituire nell'esperienza il fenomeno Necedente, cioè la rotazione circolare non deve essere rappresentata come relativa allo spazio esterno, il che sembra significare che questo genere di ·movimento deve essere considerato assoluto. Bisogna osservare, però, che qui si tratta del movimento vero (reale) che non appare tale e che perciò, se si

561

352

IMMANUEL KANT

erscheint, die also, wenn man sie bloE nach empirischen Verhaltnissen zum Raume beurteilen wollte, fi.ir Ruhe konnte gehalten werden, d. i. von der wahren Bewegung, zum Unterschiede vom Schein, nicht aber von ihr als absoluten Bewegung im Gegensatze der relativen die Rede sei, mithin die Kreisbewegw:lg, ob sie zwar in der Erscheinung keine Stellen-Veriinderung, d. i. keine phoronomische, des Verhaltnisses des Bewegten zum (empirischen) Raume, zeigt, dennoch eine durch Erfahrung erweisliche kontinuierliche dynamische Veriinderung des Verhaltnisses der Materie in ihrem Raume, z. B. eine bestiindige Verminderung der Anziehung durch eine Bestrebung zu entfliehen, als Wirkung der Kreisbewegung, zeige und dadurch den Unterschied derselben vom Schein sicher bezeichne. Man kann sich z. B. die Erde im unendlichen leeren Raum als um die Achse gedreht vorstellen, und diese Bewegung auch durch Erfahrung dartun, obgleich weder das Verhaltnis der Teile der Erde untereinander, noch zum Raume auEer ihr, phoronomisch, d. i. in der Erscheinung verandert wird. Denn in Ansehung des ersteren als empirischen Raumes verandert nichts auf und in der Erde seine Stelle, und in Beziehung des zweiten, der ganz leer ist, kann iiberall kein auEeres verandertes Verhaltnis, mithin auch keine Erscheinung einer Bewegung stattfinden. Allein, wenn ich mir eine zum Mittelpunkt der Erde hingehende tiefe Hohle vorstelle, und lasse einen Stein darin fallen, finde aber, daE, obzwar in jeder Weite vom Mittelpunkte die Schwere immer nach diesem hingerichtet ist, der fallende Stein dennoch von seiner senkrechten Richtung im Fallen kontinuierlich und zwar von West nach Ost abweiche, so schlieEe ich, die Erde sei von Abend gegen Morgen um die Achse gedreht. · Oder wenn ich auch auEerhalb den Stein von der Oberflache der Erde weiter entfeme, und er bleibt nicht iiber demselben Punkte der Oberflache, sondem entfemt sich von demselben von Osten nach

PRINCIPI METAF1SICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

353

dovesse valutare secondo rapporti empirici con lo spazio, si potrebbe considerare come quiete; si tratta cioè del movimento vero in quanto si distingue dall' apparenza, non però di esso come movimento assoluto in opposizione al movimento relativo; perciò il movimento circolare, sebbene non mostri nel fenomeno nessun cambiamento di posizione, cioè nessuri cambiamento foronomico del rapporto di ciò che si muove con lo spazio (empirico), manifesta però, come un suo effetto, una continua modificazione dinamica del rapporto della materia nel suo spazio, che si può mostrare empiricamente - per esempio, una continua diminuzione dell'attrazione per azione di una tendenza centrifuga - e demarca così con nettezza la sua distinzione rispetto ali' apparenza. Per esempio, ci si può rappresentare la Terra che ruota nello spazio vuoto intorno al proprio asse e si può anche provare questo movimento empiricamente, sebbene nel fenomeno - cioè'foronomicamente - non cambi né il rapporto delle parti della Terra tra di loro, né quello con lo spazio esteriore. Infatti, considerando il rapporto delle parti come spazio empirico, niente che si trovi sulla Terra o nella Terra cambia posizione, e rispetto allo spazio esteriore, che è del tutto vuoto, non può aver luogo in generale nessun cambiamento di relazione esterna e dunque nessun fenomeno di movimento. Se però mi rappresento una cavità profonda fino al centro della Terra e vi lascio cadere una pietra, trovo che, sebbene ad ogni distanza dal centro la gravità sia diretta verso di esso, nel corso della caduta la pietra devia continuamente rispetto alla propria direzione perpendicolare, da Ovest verso Est: da· ciò concludo che la Terra ruota intorno al proprio asse da ponente a levante. D'altra parie, se allontano la pietra dalla superficie della Terra ed essa non rimane sospesa sullo stesso punto della superficie, ma se ne discosta muovendosi da Est verso Ovest, concluderò la

354

562

IMMANUEL KANT

Westena, so werde ich auf eben. diesel.be vorhergenannte Achsendrehung der Erde schlie.Ben und beiderlei Wahmehmungen werden zum Beweise der Wirklichkeit dieser Bewegung hinteichend sein, wozu die Veranderung des Verhaltnisses zum au.Beren Raume (dem bestirnten Himmel) nicht hinreicht, weil sie blo.Be Erscheinung ist, die von zwei in der Tat entgegengesetzten Griinden herriihren kann und nicht ein aus dem Erklarungsgrunde aller Erscheinungen dieser Veranderung abgeleitetes Erkenntnis, d. i. Erfahrung, ist. Da.B aber diese Bewegung, · ob sie gleich keine Veranderung des Verhaltnisses zum .e1Upirischen Raume ist, dennoch keine absolute Bewegung, sondem kontinuierliche Veranderung der Relationen der Materien zu einander, obzwar im absoluten Raume vorgestellt, mithin wirklich nur relative und sogar · darum allein wahre Bewegung sei, das beruht auf der Vorstellung der wechselseitigen kontinuierlichen EntJernung eines jeden Teils der Erde (au.Berhalb der Achse) von I jedem andern ihm in gleicher Entfernung vom lY.Iittelpunkte im Diameter gègeniiber liegenden. Denn diese Bewegung ist im absoluten Raume wirklich, indem dadurch der Abgang der gedachten Entfemung, den die Schwere fiir sich allein dem Korper zuziehen wiirde, lind zwar ohne alle dynamische zuriicktreibende Ursache (wie man aus dem von Newton Princ. Ph. N. pag. 10 Edit. 1714* gewahlten Beispiele ersehen kann), mithin durch wirkliche, a.ber auf den ìnnerhalb der bewegten Materie a Von Osten nach Westen] - Hofler: von Westen nach Osten * Er sagt daselbst: Motus qui.dem veros corporum singuloruni cognoscere et ab apparentibus actu discriminare difficillimum est: propterea, quod partes sparii illius immobilis, in quo corpora vere moventur; non incurrunt in sensus. Causa tamen non est prorsus desperata. Hierauf laBt er zwei durch einen Faden verkniipfte Kugeln sich um ihren gemeinschaftlichen Schwerpunkt im leeren Raume drehen, und zeigt, wie die Wirklichkeit ihrer Bewegung samt der Richtung derselben dennoch durch Erfahrung konne gefunden werden. Ich habe dieses auch um ihre Achse bewegten Erde unter etwas veriinderten Umstiinden zu zeigen gesucht.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATIJRA

355

stessa suddetta rotazione della Terra; queste due osservazioni saranno sufficienti a provare la realtà di questo movimento, mentre non lo è il cambiamento del rapporto con lo spazio esterno (il cielo stellato), perché esso consiste in un puro e semplice fenomeno che può derivare da due fondamenti opposti, e non è una conoscenza ricavata dai fondamenti di spiegazione di ogni possibile fenomeno del cambiamento stesso - cioè, non è un'esperienza. Questo movimento, però, pur non comportando un cambiamento del rapporto con lo spazio empirico, non è un movimento assoluto, ma soltanto un cambiamento continuo delle relazioni reciproche delle materie, il quale, anche se viene rappresentato nello spazio assoluto, non è che un movimento relativo e anzi proprio per questo è un movimento vero: tutto ciò si basa sulla rappresentazione dell'allontanamento reciproco e continuo di ogni parte della Terra (esterna all'asse) rispetto a ogni altra parte che le sia diametralmente opposta rispetto al centro. Nello spazio assoluto, infatti, questo movimento è reale, perché compensa la teorica perdita di distanza che la gravità di per sé determinerebbe attirando il corpo, e lo fa senza nessuna causa dinamica respingente (come si può vedere dall'esempio scelto da Newton, Princ. Phil. Nat. Edit. 1714, pag. 10*)85, cioè mediante un movimento che si dice reale rispetto alla sola materia che si muove * Egli afferma: «Motus quidem veros corporum singulorum cognoscere et ab apparentibus actu discriminare difficillimum est: propterea, quod partes sparii illius immobilis; in quo corpora vere moventur, non incurrunt in sensus. Causa tamen non est prorsus desperata». Quindi fa ruotare nello spazio vuoto, intorno al loro comune centro di gravità, due sfere legate con un filo e mostra in che modo, nonostante tutto, si possano scoprire empiricamente la realtà e la direzione del loro movimento. Io ho cercato di mostrare la stessa cosa in circostanze un po' differenti, nel caso della Terra che gira intorno al proprio asse.

562

356

IMMANUEL KANT

(namlich das Zentrum derselben) beschlossenen, nicht aber auf den au.Beren Raum bezogene Bewegung, kontinuierlich ersetzt wird. Was den Fall des dritten Lehrsatzes anlangt, so bedarf es, um die Wahrheit der wechselseitig-entgegengesetzten und gleichen Bewegung beider Korper auch ohne Ri.icksicht auf den empirischen Raum zu zeigen, nicht einmal des im zweiten Fall notigen durch Erfahrung gegebenen tatigen dynamischen Einflusses (der Schwere, oder emes gespannten Fadens), sondem die bloEe dynamische Moglichkeit eines solchen Einflusses, als Eigenschaft der Materie (die Zuri.ickstoBung oder Anziehung), fuhrt, bei der Bewegung der einen, die gleiche und entgegengesetzt~ Bewegung der andem zugleich mit sich, und zwar aus b.loBen Begriffen einer relativen Bewegung, wenn sie im absoluten Raume, d. i. nach der Wahrheit betrachtet wird, und ist daher, wie alles, was aus bloEen Begriffen hinreichend erweislich ist, ein Gesetz einer schlechterdings notwendigen Gegenbewegung. Es ist also auch keine absolute Bewegung, wenn gleich ein Korper im leeren Raume in Ansehung eines anderen als bewegt gedacht wird; die Bewegung beider wird hier nicht relativ auf den sie umgebenden Raum, sondern nur auf den zwischen ihnen, welcher ihr au.Beres Verhaltnis unter einander allein bestimmt, als den absoluten Raum betrachtet, und ist also wiederum nur relativ. Absolute Bewegung wi.irde also nur diejenige sein, die einem K6rper ohne ein Verhaltnis auf irgend eine andere Materie zukame. Eine solche ware allein die geradlinige Bewegung des Weltganzen, d. i. des Systems aller Materie. Denn, wenn auBer einer Materie noch irgend eine andere, selbst durch den leeren Raum getrennte Materie ware, so wi.irde die Bewegung schon relativ sein. Um deswillen ist ein jeder Beweis eines Bewegungsgesetzes, der darauf hinauslauft, daB das Gegenteil desselben eine geradlinige Bewegung des ganzen Weltgebaudes zur Folge

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

357

(cioè rispetto al suo centro) e non rispetto allo spazio esterno. Per quanto riguarda il caso del terzo teorema, allo scopo di mostrare la verità del movimento reciproco, opposto ed uguale, di due corpi, anche senza riferirsi allo spazio empirico, non c'è bisogno nemmeno dell'influsso dinamico attivo dato dall'esperienza (della gravità o di un filo teso), come avveniva necessariamente nel secondo caso; ma la stessa possibilità dinamica di un tale influsso, in quanto proprietà della materia (repulsione o attrazione), conduce dal movimento dell'uno al movimento uguale ed opposto dell'altro; in effetti, tale conseguenza deriva dal semplice concetto del movimento relativo, se lo si considera nello spazio assoluto, cioè secondo la sua verità, e perciò, come tutto quel che si può mostrare adeguatamente con soli concetti, è una legge assolutamente necessaria del movimento reciproco. Non si ha dunque un movimento assoluto neanche se si pensa un corpo che si muove nello spazio vuoto rispetto ad un altro corpo; in questo caso, il movimento dei due corpi non viene considerato relativamente allo spazio circostante, ma solo rispetto allo spazio che li separa, inteso come spazio assoluto, il quale però determina soltanto il loro rapporto reciproco: di nuovo, dunque, il movimento non è che relativo. Un movimento assoluto sarebbe dunque solo quello che appartenesse a un corpo indipendentemente da qualunque altra materia. Tale sarebbe soltanto il movimento rettilineo dell' universo intero, cioè del sistema di tutta la materia. Se infatti al di fuori di una materia ve ne fosse un'altra qualsiasi, sia pure separata dall'altra per mezzo del solo spazio vuoto, il movimento sarebbe già relativo. Perciò la dimostrazione di una legge del moto, se giunge alla conclusione che la proposizione contraria debba avere come conseguenza un movimento rettilineo dell'intero

358 563

IMMANUEL KANT

haben miiEte, I ein apodiktischer Beweis der Wahrheit desselben; blo.B weil daraus absolute Bewègung folgen wiirde, die schlechterdings unmoglich ist. Von der Art ist das Gesetz des Antagonisms in aller Gemeinschaft der Materie durch Bewegung. Denn eine jede Abweichung von demselben wiirde den gemeinschaftlichen Mittelpunkt der Schwere aller Materie, mithin das ganze Weltgebaude aus der Stelle riicken, welches dagegen, wenn man dieses sich als um seine Achse gedreht vorstellen wollte, nicht geschehen wiirde, welche Bewegung also immer noch zu denken moglich, obzwar anzunehmen, so viel man absehen kann, ganz ohne begreiflichen Nutzen sein wiirde. Auf die verschiedenen Begriffe der Bewegung und bewegenden Krafte haben auch die verschiedenen Begriffe vom leeren Raume ihre Beziehung. Der leere Raum in phoronomischer Riicksicht, der auch der absolute Raum heillt, solite billig nicht ein leerer Raum genannt werden; denn er ist nur die Idee von einem Raume, in welchem ich von aller besonderen Materie, die ihn zum Gegenstande der Erfahrung macht, abstrahiere, um in ihm den materiellen, oder jeden empirischen Raum, noch als beweglich und dadurch die Bewegung nicht blo.B einseitig, als absolutes, sondern jederzeit wechselseitig, als blo.B relatives Pradikat zu denken. Er ist also gar nichts, was zur Existenz der Dinge, sondern blo.B zur Bestimmung der Begriffe gehort und so fern existiert kein leerer Raum. Der leere Raum in dynamischer Riicksicht ist der, der nicht erfiillt ist, d. i. worin dem Eindringen des Beweglichen nichts anderes Bewegliches widersteht, folglich keine repulsive Kraft wirkt, und er kann entweder der leere Raum in der Welt (vacuum mundanum), oder, wenn diese als begrenzt vorgestellt wird, der leere Raum aufler der Welt (vacuum extramundanum) sein; der erstere auch entweder als zerstreuter (vacuum disseminatum, der

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

359

universo, è una dimostrazione apodittica della verità della legge stessa, proprio perché da tale conclusione deriverebbe il moto assoluto, che è impossibile. Di questo tipo è la legge dell'antagonismo in ogni reciprocità di movimento della materia. Infatti, ogni sua infrazione comporterebbe uno spostamento del comune centro di gravità. di tutta la materia, cioè di tutto l'universo; questo non accadrebbe, invece, se si volesse rappresentare l'universo in rotazione intorno al proprio asse: un movimento che può dunque essere benissimo pensato, anche se ammetterlo, a quanto si può prevedere, non comporterebbe alcun vantaggio. Ai diversi concetti del movimento e delle forze motrici sono collegati anche i diversi concetti dello spazio vuoto. Lo spazio vuoto inteso in senso Joronomico, che si chiama anche spazio assoluto, non lo si dovrebbe, in verità, chiamare spazio vuoto; infatti, non è altro che l'idea di uno spazio, in cui io astraggo da ogni particolare materia che ne farebbe un oggetto dell'esperienza, al fine di pensare che in esso si possa muovere lo spazio materiale, owero qualunque spazio empirico, e considerare questo movimento non come il movimento assoluto di uno solo di essi, ma sempre reciprocamente, come un predicato puramente relativo. Questo spazio, dunque, non appartiene ali' esistenza delle cose, ma solo alla determinazione dei concetti, e come tale non esiste nessuno spazio vuoto. Lo spazio vuoto in senso dinamico è quello che non è riempito, nel quale cioè nessun mobile oppone resistenza alla penetrazione da parte di altri rriobili e in cui di conseguenza non agisce alcuna forza repulsiva; esso può essere o spazio vuoto nel mondo (vacuum mundanum) o, se si rappresenta il mondo limitato, spazio vuoto fuori del mondo (vacuum extramundanum); il primo di questi, a sua volta, può essere rappresentato o come spazio vuoto disseminato (vacuum disseminati.un,

563

360

564

IMMANUEL KANT

nur einen Teil des Volumens der Materie ausmacht), oder als gehaufter leerer Raum (vacuum coacervatum, der die Korper, z. B. Weltkorper, von einander absondert) vorgestellt werden, welche Unterscheidung, da sie nur auf den Unterschied der Platze, die man dem leeren Raum in der Welt anweist, beruht, eben nicht wesentlich ist, aber doch in vetschiedener Absicht gebraucht wird, der erste, um den spezifischen Unterschied der Dichtigkeit, der zweite, um die Moglichkeit einer von allem au.Eeren Widerstande freien Bewegung im Weltraume davon abzuleiten. DaB den leeren Raum in der ersteren Absicht anzunehmen nicht notig sei, ist schon in der allgemeinen Anmerkung zur Dynamik gezeigt worden; daB es aber unmoglich sei, kann aus seinem Begriffe allein, nach dem Satze des Widerspruchs, keinesweges bewiesen werden. Gleichwohl, wenn hier auch kein blo.B logischer Grund der Verwerfung desselben anzutreffen ware, konnte doch ein allgemeiner physischer Grund, ihn aus der Naturlehre zu verweisen, namlich der von der Moglichkeit der Zusammensetzullg einer Materie iiberhaupt, dasein, wenn man die letztere nur besser einsahe. Denn, wenn die Anziehung, die man zur Erklarung des Zusammenhanges der Materie annimmt, nur scheinlbare, nicht wahre Anziehung, vielmehr etwa blo.B die Wirkung einer Zusammendruckung durch au.Eere im Weltraume allenthalben verbreitete Materie (den Ather), welche selbst nur durch eine allgemeine und urspriingliche Anziehung, . namlich die Gravitation, ZU diesem Drucke gebracht wird, sein solite, welche Meinung manche Griinde fi.ir sich hat, so wiirde der leere Raum innerhalb den Materien, wenn gleich nicht logisch, doch dynamisch und also physisch unmoglich sein, weil jede Materie sich in die leeren Raume, die man innerhalb derselben annahme (da ihrer expansiven Kraft hier nichts widersteht), von selbst ausbreiten und sie jederzeit erfiillt erhalten wiirde. Ein leerer Raum aufler der Welt wiirde, wenn man unter

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

361

in cui consiste solo una parte del volume della materia)' o come spazio vuoto concentrato (vacuum coacervatum, che separa tra di loro i corpi, per es. i corpi celesti); questa distinzione, basandosi solo sulla distinzione dei luoghi che si assegnano allo spazio vuoto nel mondo, non è essenziale, ma viene impiegata in vista dei diversi scopi cui serve il vuoto: il vuoto disseminato, per ricavarne la differenza specifica delle densità, il vuoto concentrato, per ricavarne la possibilità di un movimento libero da ogni ostacolo all'interno dello spazio cosmico. Si è già mostrato, nella Nota generale alla Dinamica, che non è necessario ammettere lo spazio vuoto per il primo dei suddetti scopi; che ciò sia addirittura impossibile, però, non lo si può dimostrare soltanto in base al suo concetto, secondo il principio di contraddizione. Tuttavia, se anche non si trovasse nessun fondamento logico per respingerlo, ci potrebbe essere un generale fondamento fisico per escluderlo dalla scienza della natura, cioè il fondamento della possibilità della coesione di una materia in generale,· se solo si comprendesse meglio quest'ultima. Infatti, se l'attrazione che si ammette per spiegare la coesione della materia dovesse essere solo apparente, non cioè vera attrazione, ma piuttosto l'effetto della compressione esercitata da una materia diffusa in tutto lo spazio cosmico (l'etere), che a sua volta fosse messa in condizione di esercitare questa spinta solo grazie a wi' attrazione universale e originaria, cioè la gravitazione - un'opinione, che ha delle ragioni a proprio favores6 -, allora lo spazio vuoto all'interno delle materie sarebbe, se non logicamente, almeno dinamicamente e dunque fisicamente impossibile, perché ogni materia si espanderebbe spontaneamente negli spazi vuoti che si volessero ammettere al suo interno (poiché in questi nulla si opporrebbe alla sua forza espansiva) e li manterrebbe sempre pieni. Uno spazio vuoto fuori del mondo - se con mondo si intende il

564

362

IMMANUEL KANT

dieser den Inbegriff aller vorziiglich attraktiven Materien (der gro.Ben Weltkorper) versteht, aus eben denselben Griinden unmoglich sein, weil nach dem Ma.Be·als die Entfernung von diesen zunimmt, auch die Anziehungskraft auf den Ather (der jene Korper alle einschlie.Bt und, von jener getr'ieben, sie in ihrer Dichtigkeit durch Zusammendriickung erhalt) in umgekehrtem Verhaltnisse abnimmt, dieser also selbst nur ins Unendliche an Dichtigkeit abnehmen, nirgend aber den Raum ganz leer lassen wiirde. Da.B es indessen mit dieser Wegschaffung des leeren Raums ganz hypothetisch zugeht, darf niemand befremden; geht es doch mit der Behauptung desselben nicht besser zu. Diejenige, welche diese Streitfrage dogmatisch zu entscheiden wagen, sie mogen es bejahend oder verneinend tun, stiitzen sich zuletzt auf lauter metaphysische Voraussetzungen, wie aus der Dynamik zu ersehen ist, und es war wenigstens notig, hier zu zeigen, da.B diese iiber gedachte Aufgabe gar nicht entscheiden konnen. Was drittens den leeren Raum in mechanischer Absicht betrifft, so ist dieser das gehaufte Leere innerhalb dem Weltganzen, um den Weltkorpern freie Bewegung zu verschaffen. Man sieht leicht, da.B die Moglichkeit oder Unmoglichkeit desselben nicht auf metaphysischen Griinden, sondern dem schwer aufzuschlie.Benden Naturgeheimnisse, auf welche Art die Materie ihrer eigenen ausdehnenden Kraft Schranken setze, beruhe. Gleichwohl, wenn das, was in der allgem. Anmerk. zur Dynamik von der ins Unendliche moglichen gro.Beren Ausdehnung spezifisch verschiedener Stoffe, bei derselben Quantitat der Materie (ihrem Gewichte nach) gesagt worden, eingeraumt wird, so mochte wohl, um der freien und dauernden Bewegung der Weltkorper willen, einen leeren Raum anzunehmen, unnotig sein, weil der Widerstand, selbst bei ganzlich erfiillten Raumen, alsdenn doch so klein, als man will, gedacht werden kann.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

.36.3

complesso di tutte le materie attrattive per eccellenza (dei grandi corpi celesti) - sarebbe impossibile per le· stesse ragioni: infatti, nella misura in cui cresce la distanza da questi corpi, decresce in proporzione inversa l' attraziùne da essi esercitata sull'etere (che racchiude tutti quei corpi e, venendone attratto, ne mantiene la densità comprimendoli), per cui la densità di quest'ultimo non farebbe che diminuire all'infinito, senza lasciare mai lo spazio del tutto vuoto. Il fatto che in questa eliminazione dello spazio vuoto si proceda del tutto ipoteticamente non deve meravigliare nessuno; in effetti, le cose non vanno meglio nel caso della sua affermazione. Coloro che si azzardano a risolvere dogmaticamente questa disputa, in senso affermativo o negativo, si basano in definitiva su puri presupposti metafisici - come si può desumere dalla Dinamica - e qui era necessario almeno mostrare che, a proposito di questo problema, essi non possono prendere una decisione. Per quanto riguarda infine lo spazio vuoto in senso meccanico, esso è il vuoto che si concentra all'interno dell'universo in modo da permettere ai corpi di muoversi liberamente. Si vede subito che la sua possibilità o impossibilità non si basa su ragioni metafisiche, ma sul vero e proprio mistero naturale, difficilment~ risolubile, del modo in cui la materia pone dei limiti alla sua propria forza espansiva. Ciononostante, se si concede quanto è stato detto nella Nota generale alla Dinamica, a proposito del fatto che l'estensione di materiali specificamente diversi, dotati di una stessa quantità di materia (secondo il peso), può crescere all'infinito,. potrebbe allora non essere necessario uno spazio vuoto, come condizione del movimento libero e durevole dei corpi celesti, perché la resistenza del mezzo, anche nel caso di uno spazio del tutto pieno, potrebbe esser pensata arbitrariamente piccola.

364

565

IMMANUEL KANT

Und so endigt sich die metaphysische Korperlehre mit dem Leeren und eben darum Unbegreiflichen, worin sie einerlei Schièksal mit allen iibrigen Versuchen der Vernunft hat, wenn sie im Zuriickgehen zu Prinzipien den ersten Griinden der Dinge nachstrebt, da, weil es ihre N atur so mit sich 1:5ringt, niemals etwas anders, I als so fern es unter gegebenen Bedingungen bestimmt ist, zu begreifen, folglich sie weder beim Bedingten stehen bleiben, noch sich das Unbedingte faElich machen kann, ihr, wenn Willbegierde sie auffordert, das absolute Ganze aller Bedingungen zu fassen, nichts iibrig bleibt, als von den Gegenstanden auf sich selbst zuriickzukehren, um, anstatt der letzten Grenze der Dinge, die letzte Grenze ihres eigenen sich selbst iiberlassenen Vermogens zu erforschen und zu bestimmen.

PRINCIPI METAFISICI DELLA SCIENZA DELLA NATURA

365

La dottrina metafisica dei corpi termina così con il vuoto, e perciò con l'incomprensibile; in questo condivide il destino di tutti gli altri tentativi con cui la ragione, risalendo ai principi, aspira a cogliere i fondamenti ultimi delle cose: infatti, poiché per sua natura la ragione non può comprendere qualcosa se non in quanto questo qualcosa è determinato sotto date condizioni per cui essa non può né fermarsi al condizionato, né rendersi comprensibile l'incondizionato -, quando il desiderio di sapere la esorta a cogliere la totalità assoluta di ogni condizione non le resta altro che ritirarsi dagli oggetti in se stessa, per indagare e determinare, invece dei confini ultimi delle cose, i confini ultimi della sua propria facoltà rimessa a se stessa.

565

APPARATI

I.

NOTE AL TESTO

II. PAROLE CHIAVE III. INDICE DEI NOMI CITATI DA KANT IV. BIBLIOGRAFIA

NOTE AL TESTO

Per le indicazioni abbreviate delle opere kantiane vedi la nota 1 all'Introduzione. 1 Su "Naturbeschreibung" e "Naturgeschichte" vedi il saggio Uber den Gebrauch teleologischer Principien in der Philosophie, KGS VIII, in part. pp. 160ss., tr. it. in I. Kant, Scritti sul criticismo, a cura di G. De Flaviis, Roma-Bari 1991, pp. 35ss. 2 Lo stesso ragionamento si trova in Hume, riferito alla "moral philosophy": dr. D. HUME, A Treatise on Human Nature (1739), Oxford 2000, p. 6; tr. it. Roma-Bari 1993, pp. 9-10. Sulle origini del concetto kantiano di psicologia empirica nel contesto d~i sistemi di Wolff e Baumgarten vedi K. POLLOK, Kants "Metaphysische Anfangsgriinde der Naturwissenschaft". Ein kritischer Kommentar, Hamburg 2001 (d'ora in poi citato come Kommentar), pp. 94ss. È probabile che, con la presente considerazione sulla perturbazione dell'oggetto psicologico, Kant tenga presente (e implicitamente critichi) le tesi diJohann Nicholas Tetens, il quale aveva posto negli stessi termini il probl=a dell'automodificazione dell'anima che osserva se stessa, sostenendo poi la possibilità che il "sentimento di sé" (Selbstgefuhl) permetta una via d'accesso adeguata alla conoscenza degli stati psichici, in quanto si riferirebbe alle modificazioni del cervello, che di quelli stati sarebbero il fedele rispecchiamento (J.N. TETENS, Philosophische Versuche iiber die menschliche Natur und ihre Entwickelung, Erster und Zweiter Band, Leipzig 1777, II, p. 171). A proposito della precedente affermazione sui limiti dell' osservazione di un altro soggetto, è interessante notare come proprio in questo periodo, negli anni '70-'80, venissero gettate le basi di un metodo d'osservazione (e modificazione) dei processi psichici in grado di aggirare le resistenze coscienti del soggetto cui Kant qui si riferisce: si tratta del "sonnambulismo artificiale" - ribattezzato nell'800 "ipnosi" - che avrebbe dominato la psichiatria per almeno un secolo [Cfr. H.F. ELLENBERGER, The Discovet:y of the Unconscious. The History and Evolution oJDynamic Psychiatry, New York 1970, tr. it. Torino 1976, vol. Il 3 Sui "filosofi naturali" vedi Introduzione, nota 7. 4 In questa nota, Kant si riferisce a una recensione alle Institutiones logicae et metaphysicae di J ohann August Heinrich

370

NOTE AL TESTO

(J ena 1785), che era stata pubblicata anonima nella "Allgemeine Literatur Zeitung", Vol. IV, Jena 1785, pp. 297-299 (l'autore eraJohann Schulz). Il testo della recensione è ristampato in K. POLLOK, Kommentar cit., pp. 511-515. Il recensore Schulz aveva sollevato dubbi sulla forza dimostrativa della deduzione delle categorie, osservando, secondo uno spunto di Ulrich, che le presunte dimostrazioni kantiane sulla validità oggettiva •dei principi dell' intelletto si avvolgessero in un circolo vizioso, presupponendo ciò che avreb}Jero dovuto provare. Schulz accennava dunque alla possibilità che le categorie andassero riferite alle cose in se stesse, menzionando la possibilità di giustificare questo riferimento mediante l'armonia prestabilita. Il primo a manifestare dubbi sulla còerenza della replica kantiana rispetto alle tesi esposte nella Critica fu Carl Leonhard REINHOLD, l'autore delle Briefe uber die Kantische Philosophie (1786-87) che tanta importanza ebbero per la diffusione del pensiero critico, e che Kant stesso apprezzò vivamente. In una lettera del · 12 ottobre 1787 Reinhold scriveva a Kant: , rivista pubblicata dallo stesso Reinhold. Qui Kant precisava che, con la parte "sufficiente" a fondare la tesi fondamentale del criticismo (secondo cul servendosi delle sole categorie, senza riferimento ali' esperieriza, non è possibile . nessuna conoscenza), egli aveva inteso riferirsi alla stessa "esposizione" delle categorie in quanto "semplici funzioni logiche applicate agli oggetti in generale". A questo intento "négativo" si accostava quello "positivo" di mostrare "la validità oggettiva di tali concetti a priori in rapporto all'empirico". A questo scopo, precisava ora Kant, la deduzione trascendentale restava "assolutamente necessaria" [KGS VIII 184, tr. it. in Scritti sul criticismo cit.,_ p. 60]. Il primo intento sarebbe stato dunque realizzato nella sezione dedicata a quella che Kant, nella seconda edizione della Critica, aveva chiamato "deduzione metafisica" [B159], che si può far corrispondere al testo di KtV A 64-83. Il resto, cioè la "spiegazione del modo in cui questi concetti si possono riferire ad oggetti che essi non traggono da alcuna esperienza", rimaneva compito della "deduzione trascendentale" [KtV A 85/B 117, corsivo· mio]. Tuttavia, le tre condizioni "suffiULRICH

NOTE AL TESTO

371

cienti" del criticismo, elencate nella nota ai Principi metafisici, contengono più della semplice deduzione metafisica, riferendosi alle tesi dell'Estetica trascendentale ma anche al possesso di principi sintetici a priori, tesi quest'ultima che viene dimostrata solo dall'intera Analitica trascèndentale. Sulle discussioni relative a questa nota vedi POLLOK, Kommentar cit., pp. 137ss. È il caso di osservare, infine, che, paragonando il criticismo alla fisica newtoniana, Kant intende dire qui che, mentre Newton non avrebbe saputo spiegare "il modo in cui" agisce la gravitazione, egli avrebbe illustrato il modo in cui le categorie rendono possibile l'esperienza, appunto nella deduzione trascendentale e, in particolare, nella nuova redazione che Kant qui annunciava al pubblico. L'analogia presente in questo passo è ispirata da un passo dello Scholium generale dei Principia mathematica (Vedi la tr. ingl. a cura di I. B. Cohen e A. Whitman: I. NEWTON, Mathematical Principles of Natural Philosophy, Berkeley 1999, p. 943, con il commento alle pp. 277ss. Nel testo si legge: «è sufficiente che la gravità esista di fatto, che agisca in accordo con le leggi che abbiamo esposto e che spieghi tutti i movimenti dei corpi celesti e del nostro mare» - Per i riferimenti ai Principia di Newton vedi Introduzione nota 7). Un'analogia che non va confusa con quella che più spesso Kant istituisce tra la propria filosofia e la fisica di Newton, individuando una comune situazione di limitatezza [vedi Introduzione § 8]. 5 Per comprendere l'argomento qui rapidamente accennato è utile leggere il seguente passo della Berliner Physik, relativo a lezioni tenute da Kant negli anni '70: «Noi non possiamo conoscere tutti i mutamenti nel mondo e nei corpi stessi altrimenti che mediante il movimento dei nostri organi: ne risulta che tutto in fisica si deve ridurre al movimento. Ogni mutamento che accade a un oggetto del senso esterno, in quanto fenomeno esterno, avviene mediante il movimento. [. .. ] La proprietà fondamentale della sostanza corporea è la forza motrice. Il movimento è l'unica condizione mediante cui qualcosa può divenire oggetto del senso esterno. Solo mediante il movimento qualcosa tocca i nostri sensi. In breve, la forza motrice è il primo principio della possibilità dei fenomeni esterni» [KGS XXIX, 1, 1 75]. Cfr. anche la Re/lexion 42 in KGS xrv 182ss. Che il movimento fosse la proprietà fondamentale cui andavano ricondotti tutti i fenomeni fisici era una tesi molto diffusa nel pensiero dell' epoca [vedi POLLOK, Kommentar cit., p. 152]. Il problema discusso dalla critica risiede nel giudicare se nei Principi metafisici il movimento abbia una origine senz'altro empirica, come Kant afferma più volte anche nella Critica, e se, in tal caso, su una tale base si possa fondare una scienza a priori quale la metafisica della natura pretende di essere. Vedi Introduzione, nota 19.

372

NOTE AL TESTO

6 La traduzione di 'Erkliirung' con 'definizione' richiede una breve giustificazione. Nella Critica, infatti, Kant scrive [A 727 /B 755ss.] che in filosofia non si possono dare vere e proprie definizioni, in quanto nulla garantisce che lanalisi di un concetto sia perlettamente compiuta e "adeguata all'oggetto", come invece accade in matematica grazie alla costruzione dei concetti, che dà libertà di escogitare definizioni che "non possono mai sbagliare". Kant conclude allora che in filosofia sarebbe meglio parlare di "esposizione" o "esplicazione" dei concetti, e che comunque una definizione dovrebbe "chiudere l'opera, piuttosto che_ cominciarla", perché I' analisi comincia da concetti confusi e cerca di renderli distinti. Tutto questo discorso, però, mira a sottolineare la distinzione dei metodi della filosofia e della matematica, rivolgendosi criticamente all'uso dogmatico delle definizioni diffuso nella scolastica wolffiana. La possibilità di definizioni vere e proprie in filosofia trascendentale e in metafisica della natura resta invece una questione di non immediata soluzione. Senza pretendere di rfsolverla, si traduce 'Erklarung' con 'definizione', in base al fatto che Kant stesso, in diversi luoghi dei Principi metafisici, identifica "Erklarung" e "Definition" [MA 482, 536, 539). In questo modo si rende anche il proposito kantiano di '"imitare il metodo matematico", che nella terminologia dell'epoca era strutturato appunto in "definizioni, assiomi e dimostrazioni" [KrV A 726/B 754). Per la terminologia del "metodo matematico" cui Kant si riferisce, cfr. gli Anfangsgriinde aller mathematischen Wissenscha/ten di Wolff [Halle 1750), su cui egli tenne lezioni di matematica; qui, al§ 2; si trova l'equivalenza Erklarung = Definitio. 7 Si traduce "mobile", piuttosto che "ciò che si muove", perché Kant intende la materia precisamente come "ciò che è suscettibile di movimento", senza che sia sempre possibile stabilire la realtà effettiva di questo movimento. Il sostantivo "mobile" è comunque ricor~ente nell'italiano filosofico-scientifico, almeno fin da Galilei, e ancora m uso. 8 Sul concetto dello spazio assoluto Kant ha presente in particolare i Philosophiae naturalis principia mathematica di Newton - in particolare lo Scolio alle Definizioni [vedi l'ediz. cit., pp. 408-415) e le opere di Euler come le Réflexions sur l'espace et sur le temps. Newton, per es., scrive [Scolio alle Definizioni, § 2, ed. cit. p. 409]: «lo spazio assoluto, per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno, rimane sempre uguale e immobile; lo spazio relativo è una dimensione mobile o misura dello spazio assoluto, che i nostri sensi definiscono in relazione alla sua posizione rispetto ai corpi, ed è comunemente preso al posto dello spazio immobile; così la dimen-

NOTE AL TESTO

373

sione di uno spazio sotterraneo o aereo o celeste viene determinata dalla sua posizione rispetto alla terra>>. Sul concetto kantiano di spazio assoluto vedi Introduzione §§ 4, 7 e la voce "spazio" in Parole chiave. 9 Questa definizione di movimento era effettivamente "comune" presso i fisici dell'epoca. Cfr. NEWTON, Principia cit., ed. cit. p. 409: "il movimento assoluto è la traslazione di un corpo da un luogo assoluto in un luogo assoluto; il movimento relativo è la traslazione da un luogo relativo in un luogo relativo". Kant riprende questa definizione in KrV B 48, B 67, B 291. A differenza della maggioranza dei fisici del tempo, Euler riporta .a_ccanto a questa anche.la definizione di movimento accolta da Kant: "motus relativus est situs mutatio respectu cuiusdam spatii pro lubitu assumti" [L. EULER, Mechanica sive motus scientia analytice exposita, Petropoli 1736, I, 3]. Kant riconduce la prima definizione alla seconda, e in tal modo fa sì che il moto considerato in se stesso, indipendentemente da concetti dinamici, non possa essere che relativo. Sulla definizione kantiana di movimento cfr. Danziger Physik, KGS XXIX, 1, 1 139ss. 10 Qui e altrove nell'opera, Kant presuppone le definizioni di quei concetti fisici che non rientrano nella metafisica della natura. Nel farlo, si riferisce implicitamente - oltre che ai Principia di Newton - a trattati di fisica del tempo, soprattutto agli Anfangsgriinde der Naturlehre [Gottingen 1772, 17842] di Johann Christian Polykarp ERXLEBEN, da lui adottati per le lezioni di fisica degli anni 1776, 1779, 1781e1783 e 1787/88 [Cfr. qui§§ 40ss.] e gli Erste Griinde der Naturlehre, di Johann Peter EBERHARD, Halle 1753, adottati nel 1756/7 e nel 1787/8. Le definizioni di velocità e direzione risultano comunque chiare dal resto della Nota. Va osservato che.il concetto di direzione racchiude per Kant anche la specifi=ione di un verso: per cui quando egli parla di movimenti "in direzione opposta" si riferisce a movimenti lungo la stessa linea e di verso opposto (Cfr. EBERHARD, op. cit., p. 44). 11 Kant si riferisce probabilmente al § 13 dei Prolegomena (17 83), dove l'argomento degli "opposti incongruenti" viene presentato come una conferma della tesi dell'idealità dello spazio come forma dell'intuizione. L'argomento si riferisce originariamente alle figure simmetriche ma non sovrapponibili, e qui viene applicato alla traiettoria del movimento curvilineo. Esso si trova esposto per la prima volta nel saggio Von dem ersten Grunde des Unterschiedes der Gegenden im Raume [1768; tr. it. in I. KANT, Scritti precritici, a cura di P. Carabellese e R Assunto, Roma-Bari 19902, pp. 409ss.]: in questo scritto, dal fatto che determinate figure geometriche ricorrenti in

374

NOTE AL TESTO

natura posseggono proprietà intuitive non riconducibili ad elementi concettuali, Kant trae la tesi secondo cui lo spazio è "il completo principio di determinazione di una figura corporea", e sostiene che questa tesi incoraggia ad ammettere la realtà dello spazio pur non inteso come 'cosa', quale era lo spazio assoluto dei fisici newtoniani come Euler. Due anni dopo, con un passaggio decisivo, Kant afferma che lo stesso argomento interviene a sostegno del fatto che lo spazio non è un qualcosa di reale, ma il "principio formale assoluto del inondo sensibile" [Dissertatio de mundi sensibili atque intelligibili forma et principiis (1770), § 15, tr. it. in Scritti precritici cit., pp. 440ss.]. Sull'argomento, e sulla sua importanza per la genesi della concezione kantiana dello spazio, si veda il saggio di L. SCARAVELLI, Gli incongruenti e la genesi dello spazio kantiano, in ID., Scritti kantiani, Firenze 1968, pp. 297-335. 12 Per la traduzione di "Schwere" con "gravità", vedi sotto nota 40. 13 La tesi secondo cui la quiete andrebbe considerata come una "velocità infinitamente piccola" è leibniziana (Cfr. per es. G. W. LEIBNÌz, Nouveaux essais sur l' entendement humain, II, XXI, § 4, tr. it. a cura di M. Mugnai e E. Pasini, Torino 2000, voi. II). Come spesso accade, Kant mantiene una concezione apparentemente identica a quella di Leibniz, ma ne altera radicalmente il senso. In Leibniz, infatti, questa concezione della quiete è indissolubile dalle tesi della dinamica: la velocità infinitamente piccola corrisponde al conatus, che è necessario per spiegare determinati fenomeni della meccanica e che si basa su un'attività originaria delle sostanze,. la cui azione persistente produce la forza viva. Kant, invece, si sforza di limitarsi al solo concetto del movimento e alla possibilità della sua costruzione, basando la sua concezione della quiete sulla rappresentazione dei movimenti che sarà oggetto del Teorema della Foronomia. Nonostante questo, egli non può prescindere nemmeno qui dalla rappresentazione di una forza motrice costantemente attiva, quando si tratta di diradare le apparenti contraddizioni del concetto di quiete. È questo uno dei casi in cui diventa evidente l'interdipendenza delle diverse sezioni dell'opera. Cfr. per es. MA 487, la fine della Nota alla Definizione 4, MA 496 e Introduzione, n. 20. 14 Nel testo: "Grundsatz". Questa proposizione svolge un ruolo fondamentale per la dimostrazione del Teorema della Foronomia, e mediatamente è essenziale per la dimostrazione del Teorema 1 della Dinamica. Si tratta dell'unico "Grundsatz" di tutta l'opera. Si traduce con "principio", anche se questo termine ricorre anche nella traduzione del titolo, per richiamare i "principi" dell'Analitica trascen-

NOTE AL TESTO

375

dentale [cfr. KrVA 148/B 188]. Al di là della traduzione, il fatto che la proposizione si chiami "Grundsatz" significa che essa non è fondata a sua volta su un'altra conoscenza e perciò non è suscettibile di una dimostrazione vera e propria, ma se=ai di una "dimostrazione in base alle fonti sòggettive della possibilità di una conoscenza dell'oggetto in generale" [KrV B 188]. Essa "presuppone il proprio fondamento dimostrativo, cioè l'esperienza" [KrV A 737/B 765]. Sull'argomento vedi J. VUJLLEMIN, Physique et métaphysique kantiennes, Paris 1955, p. 38. POLLOK, Kommentar cit., p. 202, ~ostiene che la terminologia kantiana qui non è esatta, e che la proposizione dovrebbe dirsi piuttosto "teorema". Che Kant lo chiami principio, tuttavia, è segno del fatto che il suo pensiero procede nella direzione di una indagine sulla possibilità dell'esperienza non più limitata all"'esperienza in generale" della Critica, ma rivolta a concetti empirici e in certi casi scientifici. Sulla questione del 'Grundsatz' cfr. anche Introduzione, § 4. 15 Vedi Fenomenologia, Teorema 2. 16 Cfr. KrV B 155. Sul concetto di movimento vedi Introduzione· § 4 e note 19, 33, 34. 17 Cfr. KrV B 207 -8. POLLOK, Kommentar cit., pp. 219ss., suggerisce che la Foronomia si occupi del movimento come "Quannim" e non come "Quantitat". Il termine 'quantum' è.impiegato da Kant per designare il composto omogeneo, mentre la quantità è il risultato dell'applicazione ad esso di grandezze determinate; il primo è continuo, e oltre al movimento ne sono esempi lo spazio e il tempo puri; la seconda è discreta e viene introdotta con il numero. Il movimento trattato nella Foronomia, dunque, sarebbe un quantum, che poi avrebbe una quantità, la cui stima però non svolgerebbe qui alcuna funzione. Viceversa, si può aggiungere, le quantità algebriche impiegate nei trattati di meccanica razionale per indicare le grandezze fisiche presupporrebbero il quantum come condizione della loro realtà oggettiva. Sulla questione cfr. KrV A 163/B 204ss., A 717/B 745, e le Reflexionen 5582 [KGS XVIII, 239] e 5846 [KGS XVIII 368]. . 18 Sulla traduzione di "Beweis" con "Dimostrazione" vedi Introduzione, no~a 12. 19 La rappresentazione del parallel()gramma delle forze viene introdotta da Newton nei Principia [Corollario 1 alle Leggi del moto, ed. cit., p. 417] e ricorre nei manuali adoperati da Kant. 20 L'enunciato del teorema 1 della Dinamica si trova già quasi identico nel Versuch den Begriff der negativen Grossen in· die

376

NOTE AL TESTO

Weltweisheit einzufuhren (1763), KGS II, 165-204, tr. it. in Scritti precritici cit., in particolare pp. 263ss. Tuttavia, qui e nei successivi scritti degli anni '60 in cui viene ripreso, esso viene presentato come risultato di un'analisi concettuale. La novità dei Principi metafisici risiede nella rielaborazione epistemologica della dimostrazione, cioè nel ricorso alla rappresentazione di una sintesi nell'intuizione pura (Cfr. Introduzione § 3). Questo particolare' distingue la tesi della dinamica kantiana da quelle analoghe già sostenute da autori precedenti, per es. da WoLFF [vedi per es. Vernunftige Gedanken von der Natur und ihrer Wurkungen, Halle 1723, pp. 22ss.]. 21 Questa definizione, insieme al teorema sulla composizione dei movimenti, costituisce il perno del ragionamento kantiano. Purtroppo, è anche uno dei passi in cui si avverte l'ambiguità del linguaggio scientifico kantiano. Non è del tutto chiaro, infatti, in che misura Kant stia facendo uso di una definizione di forza puramente filosofica, come "causalità di una sostanza" - che ricorre nella Critica e in altri scritti successivi - e non pensi piuttosto alla formulazione matematica di Newton, per cui la forza è proporzionale al cambiamento della velocità impressa a un corpo (Cfr. Principia mathematica cit., ed. cit. pp. 405, 415, e rispettive note introduttive). Si tratta di un problema tipico della letteratura scientifica dell'epo" ca, ma che in Kant dà luogo spesso ad qscillazioni e ambiguità semantiche (Cfr. E. ADICKES, Kant als Naturforscher, Berlin 1924, pp. 17ss.). In generale, nei Principi metafisici, sembra che Kant condivida una nozione di forza più prossima a quella di Newton (F oe rrillv) che a quella di Leibniz (F = mv2), ma resti nel complesso al di qua di una vera comprensione del significato della definizione matematica newtoniana, mantenendo nell'uso la definizione cartesiana (F =mv). Su questi aspetti dell'opera cfr. Introduzione, §§ 5.1, 8, 9, nota 41, e la voce "forza" nella sezione Parole chiave. Le prime interpretazioni di questo fondamentale teorema mostrano le conseguenze di questa oscurità concettuale: mentre coloro che si richiameranno con entusiasmo al dinamismo kantiano lo interpreteranno secondo una concezione metafisica nel senso leibniziano del termine - concependo la forza come concetto chiave per il passaggio dal campo della fisica empirica a una realtà metafisica autonoma -, i più severi critici di questo dinamismo e difensori dell'atomismo si richiameranno precisamente a Newton e a tutta la schiera dei fisici newtoniani - come Euler - per i quali l'impenetrabilità non ha bisogno di essere spiegata con una forza, ma è una proprietà elementare della materia (un interessante resoconto di tutta questa discussione, da un punto di vista atomistico, si trova nel libello di J. C. SCHWAB, Prnfung der kantischen Begriffe von der Undurchdringlichkeit, der Anziehung und der Zuriickstoflung der Korper, Leipzig 1807).

NOTE AL TESTO

377

22 Una penetrante critica alla dimostrazione kantiana viene fornita da M. CARRIER, Kants Theorie der Materie und ihre Wirkung auf die zeitgenossige Chemie, "Kant Studien" 81, 1990, p. 181, in cui viene messa in evidenza una importante differenza tra i moti rettilinei e uniformi di cui si occupa il teorema foronomico e i moti accelerati di cui si .deve occupare una teoria della resistenza dinamica. Nel ricorrere al suddetto teorema, infatti, Kant introdurrebbe una premessa non valida: l'essenziale relatività dei movimenti su cui si basa la sua dimostrazione, infatti, non sussiste per i moti accelerati (che in fisica classica sono invarianti al variare dei sistemi di riferimento). Cfr. anche ADICKES, Kant als Naturforscher cit., vol. I, p. 188 e POLLOK, Kommentar cit., p. 380, secondo i quali la composizione dei movimenti di cui tratta il teorema foronomico non potrebbe render conto dell'annullamento di movimento di cui si tratta nel presente teorema dinamico. 23 Johann Heinrich LAMBERT (1728-1777) esprime questo pensiero per es. nel Neues Organon (1761), sez. I, §§ 19, 93-94 e più estesamente nella Anlage zur Architektonik, oder Theorie des Einfachen und des Ersten in der philosophischen und mathematischen Erkenntnis, Riga 1771, I. I, § 88. Lambert concepisce la solidità come un concetto semplice ottenuto mediante i sensi (il tatto), e trae da esso, mediante il principio di contraddizione, il principio secondo cui "ogni solido esclude ogni altro dal luogo in cm è", mediante una "densità assoluta". Kant, invece, ritiene questo un "concetto vuoto" perché esso non può essere costruito nell'intuizione. L'affermazione va compresa alla luce della Foronomia: l'impenetrabilità, infatti, si manifesta con lannullamento o la diminuzione di un movimento; ma la modificazione di un movimento può essere rappresentata solo mediante la sua composizione con un altro movimento; questo non può accadere, però, se non si ammette una forza che determini in questo caso il movimento opposto, cioè una forza repulsiva. Per quanto riguarda gli "altri" sostenitori della "solidità" originaria cui si riferisce Kant, si può pensare in generale ai fisici meccanicisti come Descartes (Cfr. Nota generale alla Dinamica, MA 533). Ma questa concezione della solidità era comunque diffusa presso la maggioranza dei fisici newtoniani: cfr. per es. L. EULER, Recherches sur l'origine des Jorces, Mémoires de l'Académie des Sciences de Berlin 6 (1750), 419-47, in Leonhardi Euleri opera omnia, serie II, vol. 5, Losanna 1957, pp. 112-115. ADICKES (op. cit. I, 188) suggerisce anche P. MUSSCHENBROEK (vedi Grundlehren der Naturwissenschaft, Leipzig 1747, p. 21). Tra gli "altri" cui Kant fa riferimento va probabilmente compreso J. LocKE, Essay concerning Human Understanding, London 1690, ll.4, tr. it. Roma- Bari 1994,

378

NOTE AL TESTO

pp. 118ss., che in proposito è citato con favore dallo stesso Lambert in una lettera a Kant del 3 febbraio 1766 [KGS X66]. Più dettagliati riferimenti alle fonti del tempo in POLLOK, Kommentar cit., p. 227ss. 24 Per le fonti sugli esperimenti con la pompa ad aria vedi POLLOK, Kommentar cit., pp. 245ss. 25 Kant si riferisce aÙ.a compenetrazione ~himica, discussa nella Nota generale alla Dinamica, MA 530ss. 26 Il concetto di una forzà fondamentale che non costituisca una qualità occulta è al centro delle riflessioni di Kant fin dagli anni '60 e si ricollega alla disputa tra Leibniz e Clarke sul concetto newtoniano di gravità. Sulla posizione definitiva di Kant e sul carattere "newtoniano" del ragionamento con cui egli introduce la forza repulsiva originaria cfr. Saggio introduttivo,§§ 5.l, 8 e nn. 42, 65 e supra n. 22. Qui e nel -seguito del passo si traduce "erklii.ren" con "spiegare", piuttosto che con "definire". Sul significato di 'Erklarung' vedi sopra nota 6. 27 Kant pensa probabilmente alla dimostrazione fornita da J. KEILL nella sua Introductio ad veram physicam, London 1705, p. 22, che egli aveva ripreso nella sua Monadologia fisica, Prop. III [KGS I 473-485, tr. it. in Scrittiprecritici cit., pp. 55-76]. 28 Kant si riferisce qui criticamente a una posizione da lui stesso sostenuta nella Monadologia physica (1756) e ribadita nella Untersuchung uber die Deutlichkeit der Grundsiltze der natiirlichen Theologie und der Mora/ (1764), in KGS II, pp. 286ss.,'tr. it. in SCritti precritici cit., pp. 230ss. Cfr. KrV A 439/B 467 e Introduzione §§ 3, 5.1. Una posizione simile, presentata esplicitamente come congiunzione di motivi leibniziani e newtoniani, era stata sostenuta da Rudjer Boscovich, su cui.vedi sotto nota 32. 29 Cfr. NEWTON, Principia cit., libro II, prop. 23, ed. cit. pp. 697ss. · . 30 Kant si riferisce qui quasi certamente a Leibniz, nominato più sotto, oppure a Wolff (cfr. KrV A 44/B 61, dove si riferiscono le stesse concezioni alla "filosofia leibniziano-wolffiana"). Il fatto che Kant si esprima al presente ha fatto pensare che egli si riferisca a un personaggio ancora vivente, ma l'espressione al presente può· voler dire che l'influ=a del '~grand'uomo" contribuisce ancora a tenere 31.tro il prestigio della matematica. Inoltre, come si legge in seguito, il ·personaggio in questione avrebbe inaugurato un modo di pensare che in seguito sarebbe stato male inteqiretato, portando alla concezione dello spazio come concetto confuso: ma la prima cosa esclude

NOTE AL TESTO

379

che si possa trattare di un contemporaneo di Kant, la seconda restringe il campo a Leibniz e Wolff, ai quali si deve l'introduzione di questa dottrina nella filosofia tedesca. Del resto, proprio in questi anni Kant comincia a preoccuparsi di presentare il contenuto della Critica in riferimento alla tradizione filosofica tedesca risalente a Leibniz e a Wolff e nello scritto polemico indirizzato a J. A. Eberhard, del 1790, egli sosterrà, in analogia con quanto afferma qui, che il criticismo rappresnta un'interpretazione coerente del pensiero di Leibniz e costituisce "la sua migliore apologia" rispetto alle interpretazioni degli stessi leibniziani (cfr. Uber eine Entdeckung, nach der alle neue Kritik der reinen Vernunft durch eine altere entbehrlich gemacht werden sol!, KGS VIlI 248, tr. it. in I. KANT, Scritti sul criticismo cit., p. 125: