Manuale di psicologia sociale 9788809025196

Il volume affronta argomenti diversi, tra cui: la storia e i metodi della psicologia; la vita quotidiana e la conoscenza

337 13 24MB

Italian Pages 284 Year 2003

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Manuale di psicologia sociale
 9788809025196

Table of contents :
Copertina......Page 1
Indice......Page 5
Presentazione......Page 11
Profilo storico e teorico......Page 15
Il modello scientifico positivista
......Page 18
L’eredità di Wundt
......Page 19
Box 1.3 Kurt Lewin......Page 29
Solomon E. Asch
......Page 31
La “crisi” della psicologia sociale
......Page 37
La “Social Cognition”
......Page 38
Il socio-costruzionismo
......Page 39
.a teoria dell’identità sociale
......Page 41
Le rappresentazioni sociali
......Page 42
Il parlare come pratica sociale
......Page 45
Esempio di trascrizione del parlato
......Page 46
Proprietà universali dei saluti (d’apertura)
......Page 48
Psicologia culturale e pratiche quotidiane
......Page 64
Gli schemi pragmatici di ragionamento
......Page 68
Robinson e Venerdì: un esempio di abitualizzazione
......Page 73
La reificazione
......Page 74
Forme di pensiero
......Page 77
Box 3.6
......Page 84
La relazione
......Page 89
e l’apatia dello spettatore
......Page 98
Aiuto pianificato e azione volontaria
......Page 100
Aiutare chi aiuta: il sostegno al caregiver
......Page 106
Le rappresentazioni sociali dell’altruismo
......Page 108
Il fenomeno dei gruppi d’auto e mutuo aiuto
......Page 110
Rappresentazioni della solidarietà
......Page 112
Gli atteggiamenti nel contesto
......Page 117
Situato
......Page 121
I cinesi di LaPiere
......Page 124
I resoconti di comportamenti e di atteggiamenti non sono sempre attendibili
......Page 126
La teoria dell’azione ragionata
......Page 130
La teoria dell’azione situata
......Page 133
L’atteggiamento verso il computer......Page 138
Un esempio: la costruzione sociale del gusto
......Page 140
L’Altro Generalizzato
......Page 150
Due tipi di analisi delle interazioni nel gruppo
......Page 154
Il linguaggio fra condivisione e costruzione
......Page 158
Il sistema (di trascrizione jeffersoniano
......Page 159
Partecipazione e identità
......Page 168
Carlton. It’s lowest in tar and nicotine.
......Page 183
Offerta e domanda di comunicazione in Italia
......Page 186
Le campagne di comunicazione
......Page 192
La rilevazione dei bisogni del telespettatore
......Page 194
Gli adolescenti e l’orrore
......Page 195
La famiglia dell’ottocento
......Page 208
L’evento critico
......Page 214
Il modello di transizione mediterraneo
......Page 217
Leggi e crociate morali
......Page 228
La legge è uguale per tutti?
......Page 234
Interesse del minore, idoneità familiare, mediazione dei conflitti
......Page 240
La deontologia psicologica
......Page 242
Influenze psicosociali nelle attività parlamentari
......Page 244
e comportamento degli elettori
......Page 246

Citation preview

MANUALE DI PSICOLOGIA SOCIALE A cura di Giuseppe Mantovani

c z < m « (A

STORIA, TEORIE E METODI. COMUNICAZIONE, GRUPPI, CULTURE, ATTEGGIAMENTI E SOLIDARIETÀ

s o r” cn -« c o o

o ? o o

O GIUNTI

Le basi della psicologia

Collana diretta da Ada Ponzi e Luciano Mecacci

MANUALE DI PSICOLOGIA SOCIALE A cura di Giuseppe Mantovani

Luciano Arcuri Gaetano De Leo Alessandro Duranti Francesca Emiliani Giuseppe Mantovani Bruno M. Mazzata Eugenia Scabini Bruna Zani Cristina Zucchermaglio

M

203^ 0

inventario.....



O GIUNTI

Direzione della collana;

Gli Autori:

Attribuzioni e diritti:

Ada Ponzi Ordinario di Psicologia dello sviluppo. Università di Firenze.

Luciano Ardiri Ordinario di Psicologia delle comunicazioni sociali. Università di Padova

Coperta e pagg. 2, 14: G. Spagnul; pagg. 12,47,64 (in basso a des.), 72, 101, 121, 133,1.36-137,140-141,149, 160, 168, 200, 214: Franca Speranza: pagg. 50, 53, 5455: A. I )uranti; pag. 62: The Stock Market; pagg. 64 (in alto a sin.), 153, 172, 175, 178-179,211,247 (in basso a destra): Granata; pag. 64 (in alto al centro e in basso a sin.): Farabolafoto; pag. 67: ICP; pagg. 70,158: SIS; pag. 74: G. Ziliani; pag. 79: M. Bello, G. Spagnul; pagg. 81, 96: T. Stone/L. Konchi; pag. 85: Zela; pagg. 88,241 : The Image Bank; pa^. 91, 95, 107, 116, 203: Corbis; pag. 145: Hulton Getty/L. ILonchi; pagg., 44,146,224, 245, 246, 247 (in alto); Olycom; pag. 217: W. Bokelberg/The Image Bank; paj^. 228-229: Grazia Neri. Per quanto riguarda i diritti di riproduzione, l’editore si dichiara pienamente dispo­ nibile a regolare le eventuali spettanze per quelle imma­ gini di cui non sia stato pos­ sibile reperire la fonte.

Luciano Mecacci Ordinario di Psicologia generale. Università di Firenze.

Gaetano De Leo Ordinario di Psicologia giuridica. Università “La Sapienza” di Roma

Alessandro Duranti Professor of Anthropology, University of California, Los Angeles (ucla) Francesca Emiliani Ordinario di Psicologia sociale. Università di Padov.i

Giuseppe Mantovani Ordinario di Psicologia degli atteggiamenti, Università di Padova

Bruno M. Mazzata Associato di Psicologia sociale. Università “La Sapienza” di Roma Eugenia Scabini Ordinario di Psicologia sociale della famiglia. Università Cattolica di Milano

limila Zani Ordinario di Psicologia sociale. Università di Bologna Cristina Zucchennaglio Ordinario di Psicologia sociale. Università “La Sapienza” di Roma

PROPRIETÀ LETTERARIA Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta senza il consenso scritto dell’editore

www.giunti.it ISBN 88-09-02519-9 © 2003 Giunti Editore S.p.A., Firenze-Milano Prini.a edizione: marzo 2003

Ristampa

Anno

6 5 4 3 2 1

2(KI7 2006 2005 2(K)4

Stampato presso Giunti Industrie Grafiche S.p.A. — Stabil. di Prato

Indice

■ ■



Presentazione

Bruno M. Mazzata

11

Capitolo 1. Profilo storico e teorico §1.1 § 1.2

§1.3

§ 1.4

Che cos’è la psicologia sociale?.............................................. Le origini: individuo e società nel pensiero sociale classico § 1-2.1 La nascita della psicologia scientifica.................... Box 1.1 Il modello scientifico positivista................................... § 1-2.2 Dalla psicologia della folla all’opinione pubblica Box 1.2 L’eredità di Wnndt.................................................... La fondazione e il consolidamento dei grandi sistemi La forza degli istinti: gli orientamenti a sfondo biolo­ §1.3.1 gico ......................... .............. .................................... § 1.3.2 Il ruolo dell’inconscio: gli orientamenti psicoanalitici §1.3.3 Il comportamento come risposta appresa: gli orienta­ menti comportamentisti................................................ § 1.3.4 La centralità della mente: gli orientamenti gestaltisti e pre-cognitivisti ................................................................ Kurt Leivin....................................................................... Solomon E. Asch .............................................................. Il sociale nella mente: le prospettive interazioniste e socio-costruttiviste......................................................... Il ripensamento critico e le nuove prospettive........................... Box 1.5 La “crisi” della psicoloj^ia sociale.............. § 1.4.1 Gli sviluppi della prospettiva cognitiva Box 1.6 La “Social Coj^nition ”.............................. § 1-4.2 La radicale critica socio-costruzionista Box 1.7 Il socio-costmzionismo...............................

15 17 17 18 18 19 21 21 23

25

27 29 31 32 36 37 37 38 39 39

6 — INDICE

I nuovi scenari del costruttivismo sociale: i filoni “eu­ ropei” ................................................................................ Box L8 La teoria dell’identità sociale............................................. Box i.9 Le rappresentazioni sociali.................................................

§ 1.4.3

Alessandro Duranti

41

42

Capitolo 2. Il parlare come pratica sociale §2.1

§2.2

§2.3

§ 2.4 §2.5

Francesca nniiliani

40

Dal linguaggio come sistema al parlare come pratica sociale Box 2.1 Esempio di trascrizione del parlato.............................. Un esempio di pratica sociale: i saluti..................................... Box 2.2 Proprietà universali dei saluti (d’apertura) .................. Performance ................................................................................ § 2.3.1 11 linguaggio si realizza in concreti atti di parola § 2.3.2 11 parlare non solo informa, ma “fa”................... §2.3.3 L’arte e la parola..................................................... Indessicalità.... Partecipazione

45 46 48 48 51 51

52 53

56 58

Capitolo 3.Vita quotidiana e conoscenza sociale §3.1

§3.2

§3.3

§3.4

§3.5

Che cos’è quotidiano nella nostra vita?........................................ Box 3.1 Psicologia culturale e pratiche quotidiane........................... La “sorprendente coerenza” della cognizione quotidiana......... §3.2.1 Quotidiano come conoscenze concrete, automatiche, implicite............................................................................ Box 3.2 Gli schemi pragmatici di ragionamento.............................. §3.2.2 Quotidiano come schema di routine sociali............... § 3.2.3 Quotidiano come sensibilità ai contesti e alle situazioni sociali................................................................................. §3.2.4 Quotidiano come propensione all’errore.................... Il quotidiano come processo sociale.............................................. § 3.3.1 Rendere abituali le azioni: un processo inevitabile.... Box 3.3 Robinson e Fenerdì: un esempio di ahitualizzazione...... Box 3.4 La reificazione................................................................... § 3.3.2 La familiarità: l’importanza di “sentirsi a casa” .......... §3.3.3 L’intersoggettività: rendere accessibili reciprocamente i propri punti di vista per costruire una conoscenza condivisa........................................................................... La conoscenza del senso comune................................................... Box 3.5 Forme di pensiero .............................................................. Le rappresentazioni sociali come teorie del senso comune....... § 3.5.1 A che serve costruire una rappresentazione sociale? .. § 3.5.2 L’oggettivazione..............................................................

63

64 65

66 68

68

69 70 71

73 73

74 74

75 76 77 78 80 82

INDICE

§ 3.5.3 § 3.5.4 § 3:55 Box 3.6

Bruna 7.ani

82 83 83 84

Capitolo 4. La relazione con l’altro § 4.1 § 4.2 §4.3

§4.4

§ 4.5 §4.6

Ciiiseppe Mantovani

L’ancoraggio............................................................. La struttura interna della rappresentazione sociale La responsabilità come principio organizzatore ... Procreazione, rappresentazioni sociali e responsabilità .

—7

Tra egoismo e altruismo................................................................. L’altruismo: basi innate e influenze culturali............................... La percezione del bisogno e le motivazioni all’aiuto................. Box 4.1 L’aiuto in caso d’emergenza e l’apatia dello spettatore...... Box 4.2 Aiuto pianificato e azione volontaria ................................ L’obbligo di aiutare: il ruolo del contesto e delle norme.......... Box 4.3 Aiutare chi aiuta: il sostegno al caregiver........................... Box 4.4 Le rappresentazioni sociali dell’altruismo .......................... La costruzione sociale della relazione d’aiuto.............................. Box 4.5 II fenomeno dei gruppi d’auto e mutuo aiuto.................... Box 4.6 Rappresentazioni della solidarietà..................................... La solidarietà sociale nella dinamica dei rapporti con gli altri....

89 93 97 98 100 105 106 108 109 110 112 112

Capitolo 5. Gli atteggiamenti nel contesto sociale §5.1 §5.2

§5.3

§5.4

§ 5.5

Un costrutto che cambia.............................. Gli anni Trenta e le scale di atteggiamento §5.2.1 Un contesto sociale ed un costrutto “occidentali” . Box 5.1 Un concetto “situato § 5.2.2 Le scale di misura di Thurstone e Likert................. I limiti dei resoconti verbali La discrepanza fra comportamenti e dichiarazioni.... § 5.3.1 Box 5.2 I cinesi di LaPiere.............................................................. Box 5.3 I resoconti di comportamenti e di atteggiamenti non sono sempre attendibili............................................................... § 5.3.2 Anche nella ricerca le domande condizionano le rispo­ ste ...................................................................................... § 5.3.3 Altri limiti delle autodescrizioni: interessi e strategie . Gli atteggiamenti nella prospettiva cognitiva §5.4.1 - Le credenze ............................ e il modello aspettativa-valore................ Box 5.4 La teoria dell’azione ragionata.......................................... § 5.4.2 Piani e situazioni nella vita quotidiana........................ Box 5.5 La teoria dell’azione situata.............................................. §5.4.3 Atteggiamenti “più caldi, più sociali, meno consci” .. Atteggiamenti come costnizioni interattive, culturali, discorsive § 5.5.1 Oltre la contrapposizione fra “soggetto” e “oggetto”

117 119 119 121 122 123 123 124

126 127 128 129 129 130 132 133 134 135 135

8 — INDICE

Box 5.6 § 5.5.2 Box 5.7 § 5.5.3 Box 5.9

Cristina Zncchermaglio

138 139 140 143 144

Capitolo 6. Gruppi e interazione sociale §6.1

§6.2

§6.3 §6.4

§6.5

Luciano Arcnri

L’alUf^t^ianicnlo verso il computer...................................... La costruzione del significato in differenti comunità . Un esempio: la costruzione sociale delj^usto...................... Discorso e discussione.................................................... L’attej^iameiito versogli immigrati: dalle scale al discorso..

L’interazione sociale e discorsiva................................................... Box 6.1 L’Altro Generalizzato...................................................... Cos’è un gruppo?............................................................................. Box 6.2 Dimensioni cognitive e identità sociale nelle relazioni fra gruppi................................................................................ Le interazioni dentro i gruppi ....................................................... Box 6.3 Due tipi di analisi delle interazioni nel gruppo................. Comunità di pratiche come gruppi in azione.............................. Box 6.4 II linguaggio fra condivisione e costnizione......................... Box 6.5 II sistema di trascrizione jeffersoniano................................ Gruppi, discorsi e attività congiunte............................................. Box 6.6 Partecipazione e identità....................................................

147 150 151

152 153 154 157 158 159 167 168

Capitolo 7. I processi di comunicazione §7.1

§7.2

§7.3

Kiferimenti teorici e concettuali ................................................... § 7.1.1 La comunicazione come condivisione di significati... §7.1.2 Uso intenzionale o uso involontario dei segnali........ § 7.1.3 I processi di comprensione e produzione.................... § 7.1.4 Che cosa costituisce una comunicazione?................... § 7.1.5 Una più sfumata distinzione tra segni e simboli......... § 7.1.6 II modello codificatore-decodificatore........................ §7.1.7 Applicazioni psicosociali delle categorie linguistiche . §7.1.8 La comunicazione come espressione di intenzioni .... §7.1.9 La comunicazione come assunzione di prospettiva.... § 7.1.10 Comunicazione, mezzi e contesti................................ Box 7.1 Offerta e domanda di comunicazione in Italia .................. Mass media e processi d’influenza sociale..................................... §7.2.1 Influenza sociale e contesti d’influenzamento............. § 7.2.2 Le nostre reazioni di fronte ad un oggetto sociale..... Box 7.2 Le campagne di comunicazione......................................... § 7-2-^ (Cambiare gli atteggiamenti attraverso la persuasione . Qualche volta l’audience decide.......................... § 7.3.1 1 motivi delle scelte............................... Bo.x 7.3 Di rilevazione dei bisogni del telespettatore

174 174 175 176 176 178 179 180 181 184 184 186 188 188 189 192 192 193 193 194

INDICE

§ 7.4 § 7.5

Eugenia Scabini

195 196 198

Capitolo 8. Famiglia, identità e transizioni § 8.1 §8.2

§ 8.3 §8.4

§8.5

Clactano De D’o

Box 7.4 Gli adolescenti e l’orrore ................... 1 mass inedia come agenti di socializzazione Nuovi scenari, nuove domande....................

—9

La famiglia è immersa nel contesto sociale.................................. L’identità della fimiglia................................................................... § 8.2.1 Una definizione di famiglia.......................................... § 8.2.2 La prospettiva relazionale.............................................. Box 8.1 La famiglia dell’ottocento................................................. § 8.2.3 I legami familiari: qualità affettive ed etiche............... La dimensione intergenerazionale nella famiglia e nel sociale ... Transizioni familiari: l’identità alla prova..................................... II processo di transizione ............................................... § 8.4.1 Box 8.2 L’euento critico................................................................... § 8.4.2 Transizioni e forme d’identità generazionale.............. Il passaggio alla condizione adulta................................................. § 8.5.1 Dall’adolescente al “giovane adulto’’ .......................... Box 8.3 Il modello di transizione mediterraneo............................... § 8.5.2 Figli e genitori nella transizione.................................... § 8.5.3 Generatività parentale e generatività sociale............... §8.5.4 L’identità familiare nella transizione all’età adulta......

201 202 204 205 208 208 209 211 212 214 214 216 216 217 218 220 222

Capitolo 9. Le istituzioni giuridiche e politiche §9.1

§9.2

Psicologia giuridica c psicologia politica: perché insieme? giuridica .......................... §9.1.1 L’itinerario della ■ ■■ psicologia ' ■ .............. §9.1.2 11 profilo della psicologia politica................................. §9.1.3 La costruzione sociale delle leggi................................. Box 9.1 e crociate morali....................................................... § 9.1.4 L’analisi psicologica della legge..................................... §9.1.5 Le organizzazioni della giustizia.................................... §9.1.6 I valori e le culture della giustizia ................................ §9.1.7 Analisi e ricerche sul carcere e sul processo penale .... Box 9.2 La teglie è uguale per tutti?................................................ Psicologia giuridica di comunità.................................................... § 9.2.1 La formazione degli operatori della giustizia.............. § 9.2.2 Come si realizzano le decisioni dei giudici................. § 9.2.3 Psicologia giuridica penale e funzioni consulenziali... § 9.2.4 Riforme e interventi psicologico sociali...................... § 9.2.5 Gli adulti e i tossicodipendenti in carcere.................. § 92^6 I malati mentali autori di reato.....................................

225 226 226 227 228 230 232 232 233 234 234 234 236 236 237 238 239

10 - INDICE

§ 9.2>

§ 9.2.7 La tutela dei minori......................................................... Box 9.3 Interesse del minore, idoneitàfamiliare, mediazione dei con­ flitti .................................................................................... § 9.2.8 Le perizie.......................................................................... Box 9.4 La deontoloj^ia psicologica................................................... Psicologia delle istituzioni e delle attività politiche..................... Box 9.5 Influenze psicosociali nelle atticità parlamentari................. § 9.3.1 Istituzioni e organizzazioni politiche............................ § 9.3.2 1 partiti politici e le loro culture................................... Box 9.6 Llite politiche e comportamento degli elettori...................... § 9.3.3 Le leadership politiche ...................................................

Bibliografia Indice analitico

239 240 240 242 243 244 244 245 246 248

251 279

Presentazione

Sono lieto di presentare al lettore questo manuale, che propone un approccio

Giuseppe Mantovani







fortemente innovativo allo studio della psicologia sociale. In queste pagine non c’è traccia della separazione tra processi individuali, che avverrebbero nel chiu­ so della mente delle persone, e processi sociali, che invece riguarderebbero i gruppi, la comunicazione, la società. Gli esseri umani sono sempre sociali, da quando nascono a quando invecchiano, quando pensano, parlano, agiscono. E così qui sono presentati. Al capitolo iniziale, dedicato alla storia e alle teorie della metodologia sociale, seguono un capitolo sul linguaggio (inteso non come sistema di regole ma come azione sociale), uno sulle routine quotidiane (in cui le persone sviluppano stereotipi e rappresentazioni sociali), uno sulla solidarietà (gli esseri umani sono nodi di una rete sociale da cui dipende la loro sopravvivenza fìsica e psichica), uno sugli atteggiamenti (visti non come proprietà private ma come costruzioni discorsive e culturali), uno sui gruppi (centrato sulla negoziazione, sul discorso, sulla conversazione), uno sulla comunicazione (che connette le persone al loro ambiente anche attraverso la funzione dei media), uno sulla famiglia (di cui viene messo in risalto il molo culturale) e infine uno sulla psicologia giuridica e politica (le persone operano in contesti che sono anche istituzionali). Il linguaggio è una produzione sociale di cui gli individui sono resi partecipi in quanto membri di determinate comunità. Allo stesso modo, le routine quotidiane non sono invenzioni personali, ma risorse pragmatiche di date comunità che strutturano le azioni e i pensieri delle persone che ne fanno parte. La stessa cosa vale per la solidarietà, per gli atteggiamenti, per i gruppi, per la comunicazione, per la psicologia giuridica e per quella della famiglia. Le per-

12 — PRESENTAZIONE

? r

I

■) Ir

-A.

PT'iJrt

: X-

■ Ih

sone sono viste come nienibri di comunità (siano esse la famiglia, la facoltà, l’associazione di volontariato, ecc.) che le costituiscono e da cui ricevono le risorse concettuali (valori, idee, conoscenze) e pratiche (strumenti, scuole, computer) di cui hanno bisogno per vivere. La cornice del discorso che questo manuale sviluppa è costituita da teorie emergenti in questi anni nella letteratura scientifica, teorie che modificano profondamente le idee tradizionali sul rapporto tra azione e conoscenza, sulla conoscenza quotidiana, sulla comprensione delle situazioni quotidiane, sul discorso come spazio di negoziazione sociale, sulla comunicazione come co­ struzione di un significato condiviso tra i partecipanti. Più in generale, è pos­ sibile cogliere in tutto il volume l'influenza della psicologia culturale, della teoria dell’azione situata, della psicologia sociale del discorso e del costruzioni-

PRESENTAZIONE — 1 3

Ì-x»'

Accanto: India, Allahbad, Mahakunibh Mela, pellegrinaggio al fiume Clange. La pratica del pellegrinaggio riprcsenta ancora oggi una delle forine più antiche e popolari (insieme alla migrazione e alla dia­ spora) di viaggio e in­ contro fra genti e cultu­ re differenti.

Sino sociale. A queste prospettive viene chiesto di rendere comprensibile un mondo che muta velocemente e spesso violentemente, che appare sempre più fortemente e problematicamente globale (o glo-calizzato, come si dice talvolta per evidenziare la compresenza, da un lato, di processi di globalizzazione e d’integrazione e, dall’altro, di processi di localizzazione e particolarizzazione), in cui persone, gruppi e comunità anche profondamente differenti devono imparare a esprimere le proprie ragioni e a comprendere quelle degli altri. Ringrazio vivamente i colleghi che hanno partecipato a questa impresa e i lettori del volume, che spero apprezzeranno le scelte che ne hanno guidato la preparazione. Un grazie particolare ad Ada Ponzi e a Luciano Mecacci per il loro cordiale sostegno ed apprezzamento e allo staff della Giunti per il contri­ buto alla realizzazione della parte iconografica del volume.

BRUNO M. MAZZARA

Profilo storico e teorico

§1.1 CHE COS’È LA PSICOLOGIA SOCIALE?

Nel definire l’oggetto di studio della psicologia sociale in quanto spazio co­

noscitivo autonomo, distinto da quello delle altre discipline che pure si occu­ pano del comportamento umano, viene immediatamente alla luce un nodo problematico molto delicato, vale a dire il rapporto fra la dimensione sociale e quella individuale nella detemiinazione di ciò che le persone concretamente pensano e fanno. Si tratta in pratica di stabilire se, ad esempio, il fatto di conformarsi o meno alle opinioni degli altri, le manifestazioni di aggressività o di altruismo, oppure la tendenza a giudicare le persone e gli eventi in maniera più o meno libera da stereotipi, siano dovuti a caratteristiche generali dell’essere umano e a disposizioni personali dell’individuo che pensa e agisce, oppure invece alle condizioni particolari nelle quali il giudizio e l’azione avvengono e all’insieme delle interazioni nelle quali essi si inseriscono. L’alternativa fra questi due modi di spiegare il comportamento è molto antica e di fatto costituisce da sempre uno dei temi centrali anche della riflessione filosofica. Nel periodo di fondazione delle scienze umane, nei decenni a cavallo fra Ottocento e Novecento, la psicologia da un lato e la sociologia dall’altro hanno raccolto le due distinte opzioni traducendole in progetti scientificamen­ te validi ed empiricamente fondati, che trasferivano nel campo delle nuove discipline l’antica opposizione fra le due possibili interpretazioni dei fatti umani. Negli stessi anni, tuttavia, e talvolta ad opera degli stessi studiosi che andavano costruendo le due discipline distinte, emergeva la necessita di disporre di un ulteriore livello di analisi, che rendesse conto non tanto del funzionamento dei

16 — CAPITOLO PRIMO

singoli poli o della prevalenza dell’uno sull’altro, bensì delle modalità di inte­ razione fra essi, e di come dunque si realizzi in concreto, nel flusso incessante della vita quotidiana, l’influenza reciproca fra individuo e società. Tale intera­ zione si pose abbastanza presto come un possibile “focus” di indagine indipen­ dente, in contatto e in qualche modo in continuità con gli altri due ma non ad essi subordinato, del quale dovesse occuparsi una disciplina apposita, la psico­ logia sociale, appunto. Tuttavia, per motivi che hanno a che fare con la storia delle idee e con le vicende legate alla nascita e alla istituzionalizzazione delle discipline scientifiche, tale livello di analisi indipendente è rimasto a lungo sottovalutato, in qualche modo schiacciato dalla prevalenza dei due poli di riferimento. La disciplina che si candidava ad occuparsene si è di fatto sviluppata non in maniera pienamente autonoma, bensì dividendosi in due tronconi che sono rimasti in qualche modo interni ai due distinti settori, ciascuno pertanto caratterizzato dalla preferenza più o meno esplicitamente dichiarata per la di­ mensione individuale o per quella sociale. E venuta maturando così una distinzione fra una psicologia sociale detta psicologica ed una detta sociologica, considerate di fatto alla stregua di sub-disci­ pline rispettivamente della psicologia e della sociologia. Tale distinzione si è consolidata negli anni con la creazione di canali scientifici separati con scarsis­ sima comunicazione reciproca, fatti di teorie, temi e pratiche di ricerca, ma anche occasioni di incontro, riviste e strutture accademiche differenziate (Stephan e Stephan, 1990). Certamente, in nessuna delle due versioni della psico­ logia sociale risulta completamente annullato il riferimento all’altro polo, il che porterebbe di fatto alla confluenza in una delle due discipline maggiori; il problema è semmai quello del ruolo, in termini di priorità causativa, che con­ cretamente si assegna a ciascuna delle due dimensioni, psicologica o sociale. Le due versioni della psicologia sociale non hanno però avuto uguale fortuna. Quella psicologica risulta infatti di gran lunga più affermata e consolidata, tanto che spesso è proprio ad essa che si pensa quando si parla di psicologia sociale, senza ulteriori specificazioni; mentre la versione sociologica ha finito per essere confinata in un ambito più specialistico, risultando in ultima analisi poco distin­ guibile dal campo sociologico complessivamente inteso. Tale frammentazione del campo di studi e soprattutto tale prevalenza della prospettiva individualista non rendono in effetti giustizia delle potenzialità della psicologia sociale. Per valorizzarle appieno, al contrario, occorre ribadire la sua vocazione ad un’in­ terpretazione che non privilegi uno dei due poli, ma renda conto invece real­ mente delle modalità di integrazione fra essi. Possiamo dunque affennare che il compilo della psicologia sociale è quello di contribuire, insieme ad altre discipline, alla comprensione del comportamento umano, avendo come proprio oggetto di studio una serie di fenomeni specifici che risultano generati dall’intersezione fra processi psicologici c dinamiche sociali. Alla luce di questa prospettiva, è opportuno riconsiderare il percorso storico­ teorico che ha portato alla definizione del patrimonio conoscitivo della disci­ plina. In particolare andranno opportunamente evidenziati tutti quei momenti, che non sono pochi, nei quali si è fatta strada un’interpretazione integrata, in

i

1

PROFILO STORICO E TEORICO —

opposizione ad interpretazioni unilaterali rispetto alla dicotomia individuosocietà. 1 punti salienti di tale percorso saranno delineati adottando un’ottica che fonde il criterio di tipo propriamente storico-temporale con quello del con­ fronto fra diversi approcci teorici. All’interno di ciascun periodo storico e aH’interno di ciascun approccio si cercherà di descrivere, nei limiti del possibile, innanzitutto i fondamenti teorici generali e quindi i diversi sviluppi realizzati, tenendo presenti tanto gli indirizzi più noti, spesso caratterizzati in prospettiva individualista, quanto quelli meno noti, che hanno proposto interessanti forme di integrazione fra le due prospettive. In tutto ciò sarà utile riferirsi con speciale evidenza a quegli approcci e a quelle scuole di pensiero che hanno lavorato sui temi dell’/H/crtiZKWc, della comunicazione e dello scambio di simboli conditasi, dal momento che su questi processi si basa quella costruzione collettiva della co­ noscenza che può essere a ragione individuata fra gli oggetti di studio più specifici della psicologia sociale (per un approfondimento storico, cfr. Ancona, 1954; Deutsch e Krauss, 1965; Amerio, 1982 e 1995; Mecacci, 1992).

§1.2 LE ORIGINI: INDIVIDUO E SOCIETÀ NEL PENSIERO SOCIALE CLASSICO § 1.2.1 — La nascita della psicologia scientifica. La psicologia in quanto impresa scientifica empiricamente fondata si sviluppa intorno alla fine dell’ottocento, con l’apertura di una serie di centri di ricerca e laboratori sperimentali nei quali si andò immediatamente stabilendo, come approccio teorico dominante e come prassi operativa concreta, il paradigma scientifico positivista. Sulla base dei successi ottenuti nell’ambito delle scienze fisico-naturali, infatti, il paradigma positivista si andava affemiando come l’approccio scientifico per eccellenza, al quale anche le scienze umane, inclusa la psicologia, dovevano necessariamente adeguarsi. Tale clima culturale finì per condizionare in maniera massiccia lo sviluppo di quella “psicologia sociale” della quale si andava profilando resisten­ za in quanto disciplina scientifica indipendente, e che però, più ancora che la psicologia in quanto tale, risultava ben difficilmente riducibile alle finalità, ai metodi e ai presupposti epistemologici delle scienze fisico-naturali. Poche voci si levarono a sostenere la necessità di una distinzione fra scienze della natura e scienze dello spirito (o umane). Ricordiamo in proposito soprat­ tutto Wilhelm ITilthey (1833-1911) e il dibattito neH’ambito dello storicismo tedesco, che in qualche modo riprende le acute anticipazioni di Giambattista Vico (1668-1744), da qualcuno peraltro indicato come il “vero fondatore” della psicologia sociale (Kiesow, in Murchison, 1930) proprio per avere per primo sottolineato la natura assolutamente peculiare dei fatti umani, eviden­ ziando come il rapporto che gli individui hanno con il mondo risulti necessa­ riamente mediato dal senso comune, inteso come progressivo accumulo di signi­ ficati condivisi in relazione a pratiche sociali condivise. Fra i tentativi che furono fatti per sviluppare una psicologia sociale autono­ ma, distinta dal modello positivista delle scienze fisico-naturali (Box 1.1), va

17

18 - CAPITOLO

PRIMO

Box 1.1 Il modello scientifico positivista Il modello positivista si

esprime in una serie di scelte di natura sia teo­ rica che metodologica, tra cui: - una prospettiva complessivamente reali­ sta e og^etlit'isla, cioè l’idea che i fenomeni psicosociali abbiano una loro natura certa e detenninata, indipendente dalle nostre procedure di osservazione e rego­ lata da leggi che è com­ pito della scienza sco­ prire;

— l’idea che tale com­ pito conoscitivo possa essere svolto riducendo la realtà complessa in unità elementari delle quali si possano studiare più agevolmente le caratteristiche e il fun­ zionamento; — la convinzione che lo studio della realtà psicosociale e la scoper­ ta delle leggi che la regolano possa avvenire solo a seguito di pro­ cessi di misurazione, con un rigoroso con­

trollo delle condizioni in cui la misurazione avviene (e dunque con preferenza per la situa­ zione sperimentale), con un costante con­ fronto intersoggettivo fra i ricercatori; — l’idea che tutto ciò si traduca in un costante accumulo di conoscen­ za, che ci consente di avvicinarci progressiva­ mente alla “verità” dei fatti. A tali presupposti, che nella loro forma più

pura vengono messi in crisi precocemente già nello stesso ambito delle scienze fisico-naturali, la nascente psicologia sociale ha finito per conformarsi in maniera prevalentemente passiva e non pienamente con­ sapevole, con gravi difficoltà per quei pochi ricercatori che non vi si riconoscevano e che spesso sono stati per ciò accusati di porsi al di fuori del campo scienti­ fico vero e proprio.

ricordata l’esperienza della “Vòlkerpsychologie”, espressione che solo impro­ priamente si può tradurre con “psicologia dei popoli”. Essa si occupò infatti non solo delle differenze fra i popoli intesi come entità definite e dotate di una propria identità, ma più complessivamente della caratterizzazione sociale dei processi psicologici, sicché probabilmente la traduzione più adatta sarebbe proprio “psicologia sociale”. La Vòlkerpsychologie nacque ad opera di Moritz Lazarus e Heymann Steinthal, che fondarono nel 1860 una rivista dal titolo Zeitscliriftfiir Vòlkerpsychologie und Sprachwisseiischafl (Riuista di Psicologia dei Po­ poli e di Scienza del Linguaggio), pubblicata fino al 1890, nella quale furono raccolte numerose ricerche di tipo storico e comparativo sulle abitudini e sui prodotti culturali dei diversi popoli. L’ipotesi di base è che il vivere assieme secondo modalità comuni porti allo sviluppo di contenuti mentali simili, sicché anche i dati della coscienza individuale non possono essere compresi se non in riferimento a precisi contesti socio-storici. L’impresa della Vòlkerpsychologie è tuttavia legata al nome di Wilhelm Wundt (Box 1.2), che si può senz’altro considerare come una delle figure di riferimento più importanti per la nascita della psicologia sociale (anche se il suo contributo è stato a lungo sotto valutato), sia per il suo lavoro diretto (la Vòlkerpsychologie, appunto), sia per l’influenza che ebbe su una serie di importanti studiosi che negli anni successivi avrebbero contribuito a delineare le direzioni di sviluppo della disciplina. § 1.2.2 — Dalla psicologia della folla aH’opiiiione pubblica. Uno dei primi temi ai quali le nascenti scienze umane e in particolare la psicologia sociale furono chiamate ad applicarsi fu l’effetto che ha sul comportamento degli individui la condizione di interazione simultanea con un gran numero di propri simili, sia in quanto presenza fisica (la situazione di folla), sia come presenza virtuale o simbolica (la società di massa), due situazioni che andavano acquistando una crescente rilevanza, per motivi di natura storica e sociopolitica, negli anni a

PROFILI) STORICO E TEORICO — 19

Box 1.2 L’eredità di Wundt La

figura chiave del percorso di sofferta autodefmizione della psicologia fra scienze della natura e scienze storico-sociali è sicura­ mente Wilhelm Wundt (1832-1920), considera­ to fra i padri fondatori della disciplina avendo costituito il primo labo­ ratorio di psicologia sperimentale a Lipsia nel 1879. Di Wundt, però, è stata tramandata un’immagine sostanzial­ mente distorta, limitata ai suoi interessi per i processi mentali di base studiati tramite la speri­ mentazione di laborato­ rio, ed utilizzata di fatto a sostegno dell’opinione che la psicologia rien­ trasse a pieno titolo nel dominio delle scienze naturali. Al contrario, Wundt aveva ben chiaro che la psicologia solo per una parte può essere assimi­ lata al progetto e al metodo delle scienze naturali, la parte appun­ to che riguarda i pro­ cessi elementari a pre­ valente base fisiologica; mentre per un’altra parte, quella che riguar­ da i processi mentali superiori, il linguaggio e soprattutto le capacità simboliche, non può che rientrare nel pro­ getto epistemologico delle scienze dell’uomo, adottando di conse­ guenza un differente approccio e un diffe­ rente metodo di indagi­ ne, non sperimentale

ma storico-comparativo (Farr, 1996). Egli era convinto infatti che i processi mentali supe­ riori siano per loro natura sociali, nel senso che, pur basandosi su abilità di tipo fisiologi­ co, derivano il loro concreto modo di ma­ nifestarsi dal contesto socioculturale nel quale si realizzano, manife­ standosi di fatto come strumenti di una rete di relazioni sociali. Coerentemente con tale impostazione, egli ritenne meritevole di sviluppo il progetto della l^i>lkcq)sycliologie, e dedicò gli ultimi venti anni della sua vita a studiare in maniera sistematica e in chiave storica ed etnografica le diverse forme del lin­ guaggio, dei miti, dei costumi, dell’arte, della religione e del diritto, considerati tutti come manifestazioni concre­ te, socialmente e stori­ camente situate, dei processi mentali supe­ riori (Wundt, 19001920). Tale parte del suo lavoro e del suo inse­ gnamento è rimasta a lungo sottovalutata, sostanzialmente per il fatto che il suo pensiero e stato interpretato e diffuso neH’ambito della nascente psicologia scientifica soprattutto da alcuni suoi allievi (quali E. B.Titchener, J. M. Cattell e C. Spearnian) i cui interessi e le cui

Figura 1.1 - Wilhelm Wundt (1832-1920). preferenze teoriche e metodologiche erano decisamente orientati in senso individuale e sperimentale. Essa ha avuto tuttavia un’in­ fluenza notevole sui filoni dei quali ci inte­ ressiamo, per la media­ zione di alcuni autore­ voli esponenti delle nascenti scienze sociali che ebbero modo di ascoltare e mettere a frutto i suoi insegnamenti, sviluppandoli poi in direzioni anche molto differenti, ma conservando in comune l’attenzione per le dina­ miche sociali. Si tratta di studiosi quali G. H. Mead, che individuò nel concetto di sé so­ cialmente costruito l’elemento di cerniera

fra psichico e sociale; E. Durkheim, all’origine del filone delle ricerche sulle rappresentazioni collettive; F. De Saus­ sure, iniziatore degli studi di linguistica mo­ derna; W. 1. Thomas, che avviò gli studi sugli atteggiamenti sociali. Come vedremo nei paragrafi successivi, quella parte della psico­ logia sociale che si di­ chiara più attenta alla dimensione sociale risente decisamente di questa eredità, specie per quanto riguarda l’importanza attribuita all’interazione e ai pro­ cessi comunicativi quali elementi costitutivi di quella che possiamo definire la base sociale dei processi psicologici.

20 — CAPITOLO PRIMO

Figura 1.2 - Gustav Le Bon (1841-1931).

f Figura 1.3 - Gabriel I arde (1843-1904).

cavallo tra Ottocento e Novecento. Allo studio dei comportamenti indotti dalla situazione di folla si dedicarono, secondo un’ottica chiaramente positivista, gli esponenti della scuola criminologica italiana, in particolare Scipio Sighele, che con il suo lavoro su Lafolla delinquente (1891) individuò alcune coordinate di base intorno alle quali le successive interpretazioni del comportamento di folla si sarebbero sviluppate. Il contributo più noto, al riguardo, è tuttavia quello di Gustav Le Bon (1841-1931), il cui testo Psicoloj^ia delle folle (1895) ebbe una diffusione enorme anche al di là dell’ambito scientifico, finendo per diventare anche una sorta di manuale di gestione delle folle, ampiamente utilizzato in sede politica (ad esempio da Mussolini). Le Bon sintetizzò nel suo lavoro alcuni spunti che circolavano fra gli studiosi del tempo e che avrebbero costituito in seguito un terreno di lavoro specifico per la psicologia sociale. Innanzitutto l’idea che l’azione collettiva sia in grado di creare un’entità psicologica sovraindividuale, una sorta di “mente collettiva’’ che assorbe e condiziona i pensieri, le emozioni e la volontà dei singoli; e in secondo luogo la convinzione che tale mente collettiva si caratterizzi essenzialmente in termini negativi e di regressio­ ne, con un significativo arretramento a livelli più primitivi delle capacità, dei bisogni, delle sensibilità, dei valori di riferimento. Da ciò deriva il fatto che la folla risulta preda degli istinti più bassi e delle emozioni forti, che spingono l’individuo ad azioni che probabilmente non avrebbe compiuto da solo e per le quali in definitiva non si sente responsabile. Nonostante la grande fortuna che ebbe, il lavoro di Le Bon costituisce tuttavia solo una sistematizzazione di alcune idee all’epoca diffuse, sostanziate spesso più da preoccupazioni e pregiudizi di natura sociopolitica che non da un’accurata indagine scientifica. 19ecisamente più qualificato fu il contributo di Gabriel Tarde (1843-1904). Anche questo studioso lavorò molto sul tema delle folle, ma seppe radicare le sue considerazioni, da un lato, ad un’analisi accurata dei processi di interazione umana e, dall’altro, alla precoce valutazione di una nuova e particolare condizione di interazione collettiva ampia, quella determi­ nata dalla diffusione dei mezzi di comunicazione di massa. Secondo Tarde (1895; 1898), il fondamento dell’azione umana è costituito dalla dialettica costante fra la tendenza aìViniitazione, un istinto fondamentale che spinge gli individui ad agire come i propri simili, e Vinvenzione, cioè la capacità che alcuni individui hanno di proporre nuove forme di pensiero e di azione, le quali possono in breve tempo diventare oggetto di imitazione da parte degli altri e finire così per diffondersi nella società in sostituzione delle precedenti. Tale meccanismo, secondo Tarde, assume proporzioni e modalità di funzionamento del tutto particolari nella società moderna, soprattutto in relazione alla diffusio­ ne dei mezzi di comunicazione di massa (ai suoi tempi essenzialmente la stam­ pa). Invece che di fronte ad una folla, in cui gli individui sono fisicamente compresenti, ci si trova infatti di fronte ad un pubblico, inteso come una collet­ tività mentale, nella quale si generano fortissime correnti di opinione che molti­ plicano a dismisura la forza persuasiva e la tendenza all’imitazione, dal momento che gli individui percepiscono l’opinione espressa dalla stampa come se fosse condivisa dallo sterminato numero dei propri simili che vengono simultanea­

PROFILO STORICO E TEORICI) — 21

mente raggiunti da quella comunicazione (sulla storia della psicologia delle folle cfr. van Ginneken, 1989; Mucchi Faina, 2002).

§ 1.3 LA FONDAZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DEI GRANDI SISTEMI

Come si è detto, la psicologia sociale comincia ad imporsi in quanto disciplina

autonoma a partire dai primi anni del Novecento, basandosi prevalentemente sul modello scientifico positivista e su un approccio sostanzialmente individua­ lista. Questi due elementi ne guideranno lo sviluppo per diversi decenni e saranno messi in discussione prima da sparute minoranze e poi, a partire dagli anni Settanta del Novecento, da un movimento di critica più robusto e con­ sapevole. Pertanto, una ricostruzione del percorso storico della disciplina, dei suoi modelli teorici e meto­ dologici e dei principali ri­ sultati raggiunti non può non utilizzare, come traccia di riferimento, i grandi orien­ tamenti di pensiero della psicologia. E aH’interno di questi, infatti, che i vari filo­ ni della psicologia sociale si sono configurati, afferman­ dosi, sia pure in fonile di­ verse e con diverso grado di autonomia, anche rispetto al modello positivista domi­ nante, come territorio d’in­ dagine specifico. §1.3.1— Laforza degli istinti: gli orientameli ti a sfondo biolo­ gico. Senza dubbio la scoper­ ta delle leggi che regolano l’evoluzione delle specie vi­ venti, ad opera soprattutto di Charles Darwin, costituì uno dei momenti più signi­ ficativi dello sviluppo del pensiero positivista e in as­ soluto uno dei principali punti di svolta nella storia del pensiero umano. E del tutto comprensibile, quindi, che

Figura 1.4 — Charles Darwin (1809-1882).

22 — CAPI TOLO

PRIMO

Figura 1.5 — William McDougall (1871-1938).

Figura 1.6 — Francis Galton (1822-1911).

anche nell’ambito delle nascenti discipline psicologiche si facesse strada questo tipo di impostazione, espressa nell’idea che le caratteristiche psicologiche e le tendenze comportamentali, così come le caratteristiche morfologiche e fisio­ logiche, fossero il risultato di una selezione di tipo adattivo e potessero dunque essere spiegate in riferimento alla loro utilità in chiave evolutiva. Ciò avvenne in maniera diretta, con lo sviluppo di una serie di teorie istintualiste secondo le quali la quasi totalità dei comportamenti, anche i più complessi, potevano essere ricondotti ad una qualche dotazione biologica, frutto appunto di un lungo percorso evolutivo; ma anche in maniera indiretta, attraverso un’influenza più o meno esplicita su quasi tutti gli altri grandi sistemi teorici: dalla psicoanalisi, al comportamentismo, allo stesso cognitivismo. Forse il segno più evidente dell’importanza che l’impostazione istintualista ebbe agli albori della psicologia sociale è il fatto che ad essa si richiamano esplicitamente i due testi che vengono normalmente considerati come i primi volumi di sistematizzazione della nuova disciplina, entrambi pubblicati nel 1908, l’uno ad opera di William McDougall e l’altro ad opera di Edward A. Koss. Sulla stessa linea il lavoro di Trotter (1916), il quale interpretò la tendenza sociale degli esseri umani e la loro disponibilità a seguire le azioni e le opinioni degli altri alla luce di un “istinto di branco”, che si sarebbe sviluppato negli esseri umani, come negli altri animali, in quanto utile alla sopravvivenza. Oltre che per spiegare il comportamento dei singoli, i princìpi evoluzionisti furono largamente utilizzati anche per rispondere ad alcune domande pressanti che venivano rivolte alla nascente psicologia sociale con riferimento all’origine della diseguaglianza sociale e alla natura del rapporto fra appartenenti a gruppi etnici diversi. Una prima risposta fu la teoria delle razze, espressa ad esempio nelle posizioni di Francis Galton (1869) o di Ludwig Gumplowicz (1883), vale a dire l’idea che l’ereditabilità dei caratteri psicologici avesse come conseguenza la tendenza ad un’omogeneità psicologica dei grandi gruppi umani distinti su base biologica e che tali gruppi potessero essere classificati in funzione di un maggiore o minore avanzamento evolutivo. Più in generale, si fece largo una prospettiva detta di danoiiiisino sociale, sostenuta da studiosi quali Herbert Spen­ cer (1882) o William G. Sumner (1906), che trasferiva alla società i princìpi deU’evoluzionismo, interpretando la lotta dei gruppi sociali come una lotta per la sopravvivenza e le modalità di interazioni prevalenti come il risultato, neces­ sariamente positivo in quanto adattivo, del lungo processo di evoluzione della società. Uopo un periodo di grande fortuna, queste impostazioni hanno conosciuto un lungo oblio, dovuto anche al timore delle loro possibili gravi conseguenze sul piano etico e sociopolitico. In particolare, si è paventato che esse potessero offrire sostegno alla discriminazione, o addirittura al genocidio, come di fatto è purtroppo avvenuto negli anni terribili del nazismo. Una volta raggiunta la consapevolezza della necessità di mantenere il giudizio sociopolitico separato da quello scientifico, e sulla base dei considerevoli recenti sviluppi delle disci­ pline etologiche, si è assistito di recente ad una netta ripresa delle spiegazioni in chiave evoluzionista dei fenomeni psicosociali (Hinde, 1974).

PROFILO STORICO E TEORICO

— 23

Queste spiegazioni sono state talvolta accusate di eccessivo determinismo, per il fatto di vedere il comportamento quasi totalmente spiegabile in chiave genetica. Tale accusa può essere considerata maggiormente fondata se ci si riferisce ad alcuni studiosi e ad alcuni approcci, in particolare alla cosiddetta “scuola tedesca dell’etologia’’, che fa capo a Konrad Lorenz; laddove altri autori, come ad esempio Niko Tinbergen o Robert Hinde, esponenti di quella che viene definita “scuola inglese dell’etologia’’, appaiono decisamente più consapevoli della necessaria integrazione fra le propensioni biologiche, svilup­ pate nel percorso evolutivo, e le dinamiche di tipo sociale e culturale (Hinde, 1987; Attili, 2000).

§ 1.3.2 — // ruolo dell’inconscio: gli orientamenti psicoanalitici. Uno degli sviluppi più originali e significativi delle teorie istintualiste è certamente la prospettiva psi­ coanalitica, nata dalle geniali intuizioni di Sigmund Freud e destinata ad avere un’influenza pervasiva su gran parte del pensiero psicologico successivo, tanto sul versante individuale (e segnatamente clinico) quanto su quello sociale. L’idea di fondo è che il comportamento degli individui sia determinato dalla complessa interazione fra la base istintuale e le esigenze della società, mediata principalmente dalla qualità del rapporto che gli individui stessi realizzano, soprattutto nelle prime fasi della vita, con le figure genitoriali. In seguito all’in­ terazione fra istinti (o pulsioni, nella specifica accezione freudiana), figure di riferimento e società complessivamente intesa, vengono a strutturarsi una serie di dinamiche profonde, delle quali l’individuo non è consapevole, che agiscono come potenti spinte motivazionali e che sono in grado di rendere conto delle caratteristiche dell’individuo (in termini di tratti caratteriali, sistema di bisogni, meccanismi di difesa, ecc.) e del suo comportamento concreto. I testi nei quali Freud elabora in maniera esplicita temi di più diretto interesse per la psicologia sociale sono pochi; Psicologia delle masse e analisi dell’io (1921), L’auvenire di un’illusione (1927), Il disagio della ciuiltà (1929). Tuttavia, pur essen­ do prevalente nella sua impostazione generale il peso della dimensione biolo­ gica e istintuale, la nozione di interazione fra livello individuale (la base istin­ tuale e le dinamiche inconsce) e livello sociale (le esigenze della società e le modalità con le quali essa limita e organizza il soddisfacimento degli istinti) si può considerare assolutamente centrale. Nell’intero corpus degli scritti freudia­ ni, infatti, può essere riscontrata una costante attenzione al livello sociocultu­ rale, inteso sia come fonte di esperienze strutturanti per l’individuo, sia come risultato del modo specifico in cui operano le dinamiche inconsce. Al di là del lavoro diretto di Freud, molti altri studiosi di fonnazione psico­ analitica (alcuni collaboratori diretti dello stesso Freud) hanno successivamente sviluppato a fondo il versante sociale della psicoanalisi. Ricordiamo ad esempio Cari G. Jung (1928), che ipotizzò l’esistenza di forme di inconscio collettivo, intese come depositi di contenuti archetipici trasmessi su base ereditaria e comuni ai gruppi sociali e più in generale alla specie umana nel suo insieme; oppure Wilhelm Reich (1932) che mise in luce con forza, in disaccordo con Freud, i correlati sociopolitici delle dinamiche inconsce descritte dalla psico-

Figura 1.7 — Niko Tinbergen (1907-1988).

Figura 1.8 — Konrad Lorenz (1903-1989).

24 - questa cosa < cosi noi portiamo il materiale , e :: così parliamo tutti da una [ base :: ] [mhm mhm] mhm mhm . sì . (0.2 sec) se ci fomite il materiale , > [ io penso ] che già dalla prossima riunione < , [ certo ] ! mhm . I ■ [ da ] lunedì si possa già iniziare (a lavorare) su basi omogenee .

Silvana ammette il divario di conoscenze tra chi ha fatto il lavoro preliminare e costruito il gruppo e gli altri membri (interventi 519, 521), affermando la necessità di colmarlo al più presto, anche riprendendo un’affermazione iniziale di Valentino. Proprio il livello di impegno verso l’evoluzione di tali significati è un segno della vitalità ed efficacia di una comunità (estratto 6); non farlo vuol dire rinunciare ad avere una interazione produttiva. E, proprio per impegnarsi a creare una base comune più ampia, che permetta ai membri di avere un’in­ terazione più ricca e fruttuosa, Gino, anche giustificando il suo comportamento con il bene della crescita del gruppo (int. 527), chiede in modo valutativo una verifica di competenze nei membri del gruppo: «Cosa è un processo produt­ tivo? Come si definisce in fasi? Come si collegano le competenze? In termini di input-output?». La necessità di condividere tali conoscenze e il relativo linguaggio tecnico-specialistico è riproposta ancora anche da Silvana, dato che in loro assenza «non sappiamo di cosa stiamo parlando» (intervento 532). Estratto 6

527 Gino

ecco eh :: > una cosa invece < che vi vorrei chiedere perché questo è interessante poi per :: (0.5 sec) la crescita del :: > nostro gruppo per la risoluzione < di : di eventuali problemi, è quanti di voi , sanno che cos’è l’analisi per processi , cioè sanno che cos’è un processo produttivo . (1 sec) < come si definisce

GRUPPI E INTERAZIONE SOCIALE —

528 529 530 531

Elisabetta Giuppi Valentino Gino

532 Silvana 533 Gino

: : ;

in fasi > ? come si collegano le competenze ? i termini di input = output? [( )] ? [ io no J . no . purtroppo qui l’ignoranza è abissale ! no no = no. ve lo chiedo perché a quel punto dobbiamo tener conto (0.5 sec) del : (0.2 sec) di darci almeno dieci minuti un quarto d’ora , per definire (0.5 sec) bene che cos’è un processo > altrimenti non sappiamo di cosa stiamo [ parlando ] < . [certo]! eh infatti eh ° ° h . (( ride )) questo ecco il linguaggio è un’altra cosa che dovremmo condividere all’intemo del gruppo ovviamente . (0.7 sec) quindi se è così , allora la pross (0.5 sec) > alla prossima < riunione vi faremo anche avere : (1 sec) del materiale molto semplice sui processi . cioè molto chiaro in modo che : .

In tale estratto gli esperti Silvana e Gino, ammettono, quasi scusandosi. Tasimmetria tra loro e il gruppo nelle competenze tecniche e nella conoscenza del progetto, che è tale da impedire proprio la realizzazione del lavoro comune. Da qui la decisione di distribuire del materiale “facile” ai membri del gruppo («materiale molto semplice» intervento 533), prima della prossima riunione, in modo da dare ai membri il tempo di leggerlo e arrivare così “preparati”. Anche qui è facile immaginare esiti diversi dell’interazione del gruppo di lavoro. Ad esempio gli esperti avrebbero potuto non impegnarsi a condividere tali cono­ scenze con gli altri per mantenere il loro status di esperti, decidendo in questo modo di non “rendere realmente produttivo” il lavoro del gruppo, ma solo di far “passare” le loro proposte. Quest’ultimo estratto testimonia la necessità che i membri di un gruppo abbiano uno sfondo di conoscenze condivise perché si possa realizzare un’interazione produttiva. Senza la costruzione di tali repertori nessun lavoro comune e azione integrata è infatti possibile. Nello stesso tempo, questa base di condivisione è quella che permette l’evoluzione ulteriore della comunità e quindi la produttività del suo stare insieme: se quest’ultima è alta, alla fine del progetto tale base di repertorio condiviso si sarà arricchita per tutti i membri del gruppo di progetto (esperti e non). § 6.5 GRUPPI, DISCORSI E ATTIVITÀ CONGIUNTE el loro insieme gli esempi presentati mostrano quanto il concreto realizzarsi delle attività lavorative congiunte di un gruppo sia localmente e interattivamen­ te co-costruito attraverso le attività discorsive dei membri mediante un inces­ sante lavoro di “bricolage” tra rappresentazioni, proposte, giustificazioni, giu-

1 67

168 — CAPITOLO SESTO

Box 6.6 Partecipazione e identità L

uso del costrutto della “partecipazione” mette in primo piano l’interesse per i parlanti come attori sociali, come partecipanti ad attività sociali significa­ tive e come membri di specifiche comunità linguistiche. Sono pro­ prio tali comunità che forniscono repertori di attività, pratiche e usi del linguaggio che sono strettamente e indisso­ lubilmente legati e connessi alle loro tipi­ che attività sociali e culturali. La nozione di parte­ cipazione sottolinea la qualità intrinsecamente sociale, collettiva e distribuita di ogni atto linguistico (Duranti, 1997b). Essere un membro competente di una comunità linguisti­ ca (che è sempre anche una comunità socio­ culturalmente caratte­ rizzata, più o meno ampia) significa usare il potere performativo (cfr. § 2.3) e le proprie­ tà indessicali (cfr. § 2.4) del linguaggio proprie di quella comunità per partecipare alle sue attività interattive e

sociali, costruendo sia una comprensione con­ divisa del mondo socia­ le che un potere di intervento su di esso. La partecipazione è quindi un concetto che per la sua natura sociale, situata e distribuita permette di dar conto della molteplicità di voci, della polifonia che caratterizza le interazio­ ni sociali di ogni comu­ nità, oltre che della loro evoluzione. Ognuno di noi è, dalla nascita, un parteci­ pante alle pratiche e ai significati socio-culturalmente definiti di comunità specifiche ed è da subito inserito in un “flusso di vita” e in “orizzonti di significa­ to” caratterizzati cultu­ ralmente. Nel corso dell’arco di vita amplia­ mo in modo progressi­ vo lo spettro di tali partecipazioni. Aumen­ tano soprattutto le no­ stre partecipazioni a diverse c via via più numerose comunità (gruppi d’amici, lavora­ tivi, politici, religiosi, sportivi, ecc.). C'on partecipazione s’intende quindi l’espe-

rienza squisitamente sociale di vivere nel mondo come membri di comunità e quindi attraverso l’attivo coin­ volgimento (con azioni, pensieri e discorsi) in imprese caratterizzate dalla presenza di altri attori sociali. L’aspetto più caratteristico di tale

partecipazione è quello della mutua riconosci­ bilità, per mezzo della quale le nostre relazioni di partecipazione favo­ riscono la possibilità di sviluppare unicìeiitilà. Essere membro di un.T comunità e parteci­ pare alle sue attività contribuisce sia alla

stapposizioni, narrazioni, contrapposizioni, conflitti, argomentazioni, decisio­ ni, incomprensioni. Lo sviluppo di tale lavoro interattivo è quello che appunto rende concretamente conto di come le dimensioni costitutive delle comunità di pratiche lavorative vengono interattivamente costruite e definite dai mem­ bri, con percorsi e esiti per lo più non lineari e difficilmente riconducibili a modelli generali e normativi. Si considerano dunque le conversazioni e i discor­ si come essenziali, non solo per ottenere conoscenze sul funzionamento, lo sviluppo e il mantenimento delle relazioni sociali in un gnippo, ma anche più

('.RUPPI E INTERAZIONE SOCIALE —169

costruzione della nostra identità che alla possibi­ lità di modificare le comunità e le loro pratiche. In questa pro­ spettiva, quindi, l’iden­ tità si configura come «qualcosa che le perso­ ne fanno essendo coin­ volte in molte altre attività sociali, non

qualcosa che le persone “sono”» (Widdicombe, 1998). Tutti gli approcci socio-costruzionisti hanno rilevato tale molteplice natura del­ l’identità e il ruolo cruciale giocato nella sua costruzione dai processi d’interazione

sociale: dalle idee di Bachtin (1981) sul “multiple voicing”, alla nozione di Cìoffinan (1981) di “participation framcworks”, al con­ cetto proposto da Harré e van Langenhove (1991) di “positioning”, solo per nominare alcu­ ni fondamentali riferi­ menti. I più recenti sviluppi di questo filone di ri­ cerca suggeriscono che le identità riflettono nella nostra società le complesse esperienze di partecipazione e le molteplici sfere d’inte­ razione sociale che occupano la nostra vita quotidiana. Per questo si preferisce ormai par­ lare di identità al plura­ le, piuttosto che al singolare, considerando inoltre la natura sociale, dialogica e situata della loro costruzione (Antaky e Widdicombe, 1998; Hermans, 2001). Se quindi l’identità si costruisce e si definisce attraverso la partecipa­ zione alle comunità, data la molteplicità di tali appartenenze nella vita concreta di tutti noi l’identità non va

propriamente sulle attività psicologiche che avvengono pubblicamente e in modi condivisi sulla scena sociale. Quest’ultimo punto sottolinea come il guardare l’interazione sociale e di­ scorsiva che ha luogo aH’interno delle comunità naturali possa permettere alla psicologia dei gruppi di abbandonare il ricorso a modelli astratti e decontestua­ lizzati (spesso prodotti “a tavolino” in base a dati riportati invece che in base all’osservazione dei gruppi stessi) a favore della produzione di resoconti situati di quello che succede in un gruppo e alla produzione di conoscenze più situate

considerata come un nucleo stabile, ma piut­ tosto come la somma di molteplici partecipazio­ ni. L’identità, in questo senso, è un concetto (e una realtà) sia relazio­ nale, in quanto ponte tra l’individuale c il sociale (essendo incom­ prensibile senza un riferimento alla comu­ nità), sia molteplice: ognuno di noi costrui­ sce e modifica una pluralità d’identità attraverso la partecipa­ zione alla vita, alle pratiche, alle azioni, ai riti, alle decisioni, ai compiti, alle soluzioni, agli assunti, alle emo­ zioni, in altre parole a tutto il repertorio di pratiche di comunità diverse, inserite all’in­ terno di un più ampio scenario culturale. Ognuno di noi svi­ luppa quindi, nel corso della vita c attraverso la partecipazione a comu­ nità diverse, un intere^ repertorio, più o meno ricco, di identità: avere molteplici appartenenze non è un’eccezione, ma un aspetto definen­ te e caratteristico della nostra vita.

170 — CAPITOLO SESTO

e limitate ma più ricche e ragionevoli anche per coloro che a quei gruppi partecipano. Considerare il discorso tra i membri di comunità naturali come dato centrale permette infatti di dar conto della molteplicità dei punti di vista, della confusione delle discussioni, della non linearità delle decisioni, della retorica delle pianificazioni, deU’informalità e a volte della casualità e imprevedibilità degli eventi che caratterizzano la vita di un gruppo, del carattere specifico, situato e variabile delle rappresentazioni condivise degli eventi, delle diverse e spesso contraddittorie forme di partecipazione alle comunità sociali, della natura lo­ cale, contingente, situata e incrementale delle nostre azioni quotidiane (gli eventi nuovi, inaspettati o problematici sono la nonna, piuttosto che l’eccezio­ ne, nella vita quotidiana e lavorativa: il malfunzionamento di un computer, una richiesta con limiti di tempo più ristretti, un cambiamento di programma o di regole, la perdita di un oggetto sono eventi normali della vita lavorativa, e non solo di quella, che solo un’analisi formale e astratta può voler relegare sullo sfondo). L’opzione è quindi a favore della descrizione di un mondo sociale localmente costruito e culturalmente caratterizzato (e quindi meno prevedibi­ le), ma più “somigliante” e “vicino” all’esperienza quotidiana che ognuno di noi possiede in quanto partecipante a gruppi sociali specifici. L’analisi di tale processo congiunto e situato di costruzione di una realtà provvisoriamente condivisa dove ha senso per i membri delle comunità far avvenire azioni, prendere decisioni, porsi domande, dare valutazioni («A cosa serve la mia presenza nel gruppo?»; «E meglio che facciamo una proposta direttamente subito»; «Proviamo a buttar giù un piano di lavoro» ) deve neces­ sariamente basarsi sull’analisi delle diverse voci delle comunità di pratiche, un’analisi cioè irriducibilmente polifonica e dialogica. Il discorso tra i membri del gruppo diventa quindi il comportamento da osservare e analizzare e l’analisi della conversazione e l’antropologia linguistica diventano la “statistica” di una ricerca sui gruppi così caratterizzata (Jensen, 1989). L’interesse non è quindi rivolto alla definizione di modelli generali, ma nemmeno alla descrizione dei singoli meccanismi conversazionali: al contrario, si punta a descrivere come le azioni quotidiane di una comunità siano discor­ sivamente realizzate attraverso l’interazione sociale tra i membri in modi che, come abbiamo visto, sono spesso infonnali ed anche assai lontani dai modelli razionali e logici con cui quelle medesime azioni vengono descritte a posteriori dagli stessi attori sociali. E sono lontani da tali modelli razionali proprio perché gli attori sociali agiscono, nella realizzazione delle loro pratiche quotidiane, in presenza di vincoli temporali (scadenze) e di regole provvisoriamente rilevanti («Oggi facciamo così»), hanno spesso presente quello che sarà lo sviluppo e la ricaduta delle loro azioni («Questa proposta che stiamo facendo produrrà un polverone e molte disussioni»), sono consapevoli del carattere locale e parziale del loro agire e sono attenti alla comprensibilità ed effetto retorico che le loro azioni possono avere sugli altri attori sociali. Per questo diventa interessante cercare piuttosto di evidenziare alcuni aspetti di “rassomiglianza di famiglia” tra gruppi e comunità diverse.

i

! I !

GRUPPI E INTERAZIONE SOCIALE —171

Nelle ricerche sulle situazioni sociali e sulle attività umane, quali appunto i gruppi e le comunità pratiche, ha infatti poco senso cercare azioni e situazioni tipiche (su questo punto cfr. Toulmin, 1996), anche perché è proprio una caratteristica distintiva del comportamento esperto e intelligente quella di agire in modi sempre diversi nelle diverse situazioni. Al contrario, appare più pro­ duttivo cercare le aree di sovrapposizione parziale che possono rendere “paren­ ti” le singole situazioni sociali e perciò interessante l’analisi delle azioni che si realizzano al loro interno.

I

LUCIANO AKCURI

■ Ili

I processi di comunicazione

La comunicazione è uno dei fondamentali strumenti mediante i quali gli

individui esercitano influenza gli uni sugli altri. Le intenzioni delle persone, l’espressione dei loro desideri, dei loro impegni, la condivisione o la messa in discussione delle loro opinioni, credenze e valori, si realizzano in larga parte per mezzo di processi di comunicazione. Cliò nonostante, malgrado il ruolo cen­ trale di questi processi nel dare forma agli episodi d’interazione, nel produrre cambiamenti di atteggiamento e nell’organizzare la percezione sociale, è stata relativamente discontinua l’attenzione che gli psicologi sociali hanno destinato allo studio degli aspetti processuali della comunicazione e ai relativi modelli concettuali interpretativi, concentrandosi invece prevalentemente sugli aspetti contenutistici e trascurando l’analisi del contesto situazionale entro cui il pro­ cesso comunicativo produce significati socialmente condivisi. In questo capitolo presenteremo alcuni dei più noti modelli che hanno costituito il fondamento concettuale per lo studio empirico della comunicazio­ ne, sottolineando le dimensioni teoriche e metodologiche che caratterizzano il contributo specifico degli psicologi sociali. Successivamente daremo una descrizione dei possibili scenari in cui si realizzano i processi di comunicazione, mettendo in evidenza i parametri che vengono impiegati per definirli. Passe­ remo poi a presentare alcune specifiche considerazioni a proposito del ruolo dei mezzi di comunicazione di massa nei processi di influenza sociale: da quelli che più precocemente intervengono nel direzionare la condotta, com’è il caso dell’apprendimento sociale, fino a quelli che implicano il ruolo dell’organizza­ zione delle conoscenze, la ristrutturazione dei sistemi di valutazione, la modi­ ficazione comportamentale. Sarà questa l’occasione per presentare i modelli

r

174 — CAPITOLO SETTIMO

della persuasione e gli strumenti concettuali destinati alla loro analisi. Infine, apriremo qualche squarcio sulle nuova realtà che gli strumenti più recenti nel settore delle comunicazioni stanno plasmando: più che descrivere ambiti di ricerca, ancora in fase di sviluppo, proporremo interrogativi ai quali il lettore potrà tentare di dare qualche iniziale risposta. § 7.1 RIFERIMENTI TEORICI E CONCETTUALI §7.1.1 — La comunicazione come condiuisione di significati. La comunicazione può essere definita come un processo che coinvolge più persone e mediante il quale viene scambiata informazione in modo da raggiungere una comprensione condivisa degli oggetti del mondo (Krauss e Fussell, 1996). Gran parte delle situazioni di comunicazione si basano su tre diverse componenti: chi invia il messaggio, chi lo riceve, il contenuto del messaggio. Il processo di comunica­ zione ha inizio quando l’emittente codifica un’idea e la traduce in un messaggio da inviare al ricevente. Quando il messaggio raggiunge il ricevente, questi procede alla sua decodifica, impiegando quale strumento di lavoro i suoi schemi cognitivi. Per verificare la ricezione e la comprensione del messaggio, può capitare che il ricevente invii una retro-comunicazione all’emittente da cui il messaggio era partito. L’idea che sta alla base di tale definizione è che durante il processo una certa quantità d’informazione viene trasferita da una parte all’altra del sistema. Le difficoltà cominciano a manifestarsi quando ci rendiamo conto che possono essere impiegati atti comunicativi molto diversi per veicolare la stessa informazione. Vediamo allora quali possono essere le fondamentali mo­ dalità con cui l’informazione viene trasferita. Proviamo a immaginare una situazione che un individuo percepisce come assolutamente inattesa e pensiamo alla risposta comportamentale che tale situa­ zione può suscitare in lui. Può manifestare il proprio stato d’animo dichiarando apertamente: «Tutto questo è molto sorprendente». Un altro modo per espri­ mere lo stesso stato d’animo, però, può consistere nello spalancare gli occhi, corrugare la fronte e aprire la bocca, senza dire nulla (Figura 7.1). Queste manifestazioni comportamentali, sia quella verbale, sia quella emotiva, sono in grado di convogliare informazione e in questo senso vengono definite “segna­ li”. In pratica, pronunciare la frase: «Tutto questo è molto sorprendente», oppure spalancare gli occhi, corrugare la fronte e aprire la bocca sono ambedue segnali che stanno a significare uno stato interno dell’individuo che ha messo in atto quei comportamenti. Nel caso della manifestazione dell’emozione di sorpresa parliamo di “segno”, o comportamento espressivo, mentre la frase: «Tutto questo è molto sorprendente» è un esempio di “simbolo”, o comportamento simbolico. Anche se i due comportamenti convogliano la stessa informazione, ossia che la persona è sorpresa, essi lo fanno secondo modalità differenti. Segni e simboli differiscono non solo per il processo mediante il quale sono prodotti e sulla cui base sono compresi, ma anche per il modo in cui esplicano la loro funzione nel processo di comunicazione.

L

I PROCESSI DI COMUNICAZIONE —

§7.1.2— Uso intenzionale o uso involontario dei segnali. Consideriamo le specifiche differenze. Un simbolo è un segnale comportamentale, o di altra natura, che “sta per”, o significa, qualcosa d’altro rispetto a sé. Il significato attribuito ad un simbolo è il prodotto di una convenzione sociale. Tipicamente il legame che collega il simbolo a ciò che esso significa presenta un carattere di più o meno spinta arbitrarietà. Il simbolo finisce per rappresentare la cosa che esso significa perché una comunità di fruitori di quel sistema simbolico ha in qualche modo implicitamente raggiunto la decisione di impiegarlo secondo quella detenninata modalità. Un segno è un altro tipo di segnale, che sta per qualcosa d’altro (Orice, 1957). Ma, a differenza del simbolo, il segno si connette all’oggetto di cui esprime il significato secondo una relazione di tipo intrinseco. Il segno e l’og­ getto significato sono legati da una relazione di tipo causale; essi sono frutto di uno stesso processo. Analizziamo queste proprietà di segni e simboli utilizzando l’esempio pre­ cedente. Le persone che manifestano un’espressione di sorpresa rispondono in tennini fisiologici ad una situazione sorprendente; spalancare gli occhi sta a significare che la persona è sorpresa perché questa modificazione dell’espressio­ ne del viso è il prodotto di uno stato interno che costituisce quell’evento emotivo. Se le persone esprimono lo stesso stato interno pronunciando la frase; «Tutto questo è molto sorprendente», ciò significa che manifestano sorpresa, dato che tutti i parlanti della lingua italiana sono implicitamente arrivati a concordare che è proprio quello che chi pronuncia queste parole vuol dire. Per definizione, l’uso di simboli è frutto di atti dotati di intenzionalità. Fare uso di un simbolo presuppone una scelta volontaria, così come implica che chi lo produce conosca il significato che il simbolo veicola. Per comprendere il signi­ ficato collegato ad un simbolo, l’interlocutore deve assumere che il suo uso è

175

Figura 7.1 — Qualun­ que cosa Paola stia dicendo a Mario, sta di fatto che lui ne resta molto sorpreso. Lo si capisce dal fatto che rimane a bocca aperta, senza parole e con gli occhi cosi sgranati che la fronte ne risulta cor­ rugata. In altre parole, Mario sta esibendo alcune chiare maiiifestazitJiii espressive che co­ municano la presenza in lui dell’emozione di sorpresa. La stessa emo­ zione, però, Mario potrebbe comunicarla anche sola verhalnieiite, magari dicendo sempli­ cemente; «Tutto questo è molto sorprendente». Anche se in entrambi i casi viene convogliata la stessa informazione, ossia che Mario è sor­ preso, le modalità sono differenti; nel primo caso siamo di fronte a un coiiiportamemo espres­ sivo, nel secondo a un eoiiiportaiiienlo simbolico.

176 — CAPITOLO SETTIMO

intenzionale, ossia che il parlante intende proporre proprio ciò che il simbolo è supposto significare. Al contrario, l’uso dei segni ho» richiede l’assunzione di uii’iiiteiìzioiialilà. Molti dei segni che le persone usano sono frutto di atti invo­ lontari e su di essi la capacità di controllo è estremamente limitata. Non sempre si è in grado di controllare o sopprimere le manifestazioni di sorpresa quando capita qualcosa di veramente inaspettato. Mentre il comportamento simbolico esprime intenzionalità e implicitamen­ te siigi’erisce una responsabilità attribuita a chi lo mette in atto, la manifestazione di un segno veicola finformazione, socialmente molto importante, che chi lo ha messo in atto non ne è direttamente responsabile. In pratica, chi afferma: «Tutto questo è molto sorprendente», si assume la responsabilità di rendere manifesto e condiviso un suo stato emotivo interno. Chi si limita ad ostentare come segno un’espressione facciale di sorpresa comunica più o meno la stessa esperienza emotiva, ma non suggerisce alcuna volontà di renderla esplicita. §7.1.3— / processi di comprensione e produzione. 1 processi di comprensione di segni e simboli poggiano su diversi tipi di conoscenza. Noi siamo in grado di com­ prendere il significato dei segni perché possediamo un insieme di conoscenze a proposito degli eventi, delle situazioni, degli stati del mondo in cui, con i nostri simili, siamo coinvolti. II fatto di collegare un’espressione facciale di sorpresa ad una particolare condizione interna fa parte delle nostre conoscenze maturate più precocemente. Ci è quindi facile concludere che una certa situa­ zione risulta per un individuo inattesa e strana nella misura in cui notiamo che il suo concomitante comportamento espressivo ha le caratteristiche della ma­ nifestazione emotiva di sorpresa. Al contrario, noi riusciamo a capire i comportamenti di tipo simbolico perché possediamo delle conoscenze a proposito del sistema di simboli che condividiamo con gli altri. Nel caso dell’ascolto della frase: «Tutto questo è molto soiqsrendente», sono le nostre conoscenze linguistiche che ci fanno com­ prendere lo stato emotivo della persona che ha pronunciato quelle parole, anche se siamo all’oscuro della situazione che può aver suscitato quel comportamento simbolico. Il processo che sta alla base della comprensione di un comportamen­ to simbolico viene definito “inferenza comunicativa”, mentre quello che sta alla base della comprensione di un segno viene definito “attribuzione causale”. Sul versante della produzione, l’uso di simboli è frutto di un comportamento appreso. Anche se esistono indizi di una competenza innata degli esseri umani ad acquisire ed usare sistemi simbolici estremamente complessi come il linguag­ gio (Chomsky, 1968), l’abilità che si manifesta quando vengono impiegati nelle prestazioni comunicative richiede processi di apprendimento prolungati. §7.1.4— Che cosa costituisce una comunicazione? Dopo aver delineato alcune delle differenze che emergono nell’uso comunicativo di segni e simboli, proviamo ora a tornare alla definizione di processo di comunicazione: scopriremo che esistono due approcci molto diversi, che poggiano proprio sulla distinzione tra sistemi di segni e di simboli.

I PROCESSI DI COMUNICAZK5NE —

Una prima corrente teorica, rappresentata da Ekman e Friesen (1969) e da Wiener, Devoe, Kobinow e Geller (1972), sostiene che il termine comunica­ zione deve essere circoscritto solo alle situazioni in cui si usano dei sistemi simbolici. Al riguardo, questi studiosi afFermano che per poter parlare di comu­ nicazione dobbiamo prevedere: a) un sistema di segnali socialmente condiviso, ossia un codice, h) un codificatore che realizza un’attività pubblica attraverso tale codice, e c) un decodificatore che risponde in maniera sistematica al codice impiegato. In termini ancora più ristretti, questi autori elencano alcuni criteri che ren­ dono il codice uno strumento capace di gestire il processo di comunicazione. Secondo tali criteri, i comportamenti; 1) devono essere emessi dai membri di un particolare gruppo di comunicazione, ossia devono essere socialmente con­ divisi, 2) devono manifestarsi in diversi contesti sociali e non costituire reazioni idiosincratiche in presenza di particolari e specifiche condizioni di stimolazio­ ne, 3) devono avere la più alta probabilità di manifestarsi in un contesto di tipo verbale, 4) devono prevedere, in quanto componenti del codice, una durata temporale relativamente breve e non essere legati al particolare stile di perso­ nalità di chi li mette in atto. Ma, adottando questi criteri, nel definire cosa si intende per codice di comu­ nicazione finiamo per escludere molti comportamenti che tradizionalmente risultano intrinsecamente legati alla comunicazione umana. E il caso, ad esem­ pio, di tutta la gamma delle espressioni facciali delle emozioni, che si manife­ stano sia in contesti linguistici che in contesti non linguistici. Una seconda corrente teorica, che si contrappone a questa impostazione, è quella di Watzlawick, Beavin e Jackson (1967), i quali si rifiutano di fare distinzioni tra comportamenti simbolici e comportamenti espressivi nel defini­ re ciò che è comunicazione. Essi usano in maniera interscambiabile comuni­ cazione e comportamento, affermando che tutti i comportamenti, quindi non solo il linguaggio, costituiscono comunicazione e che tutte le comunicazioni, anche quelle che si realizzano in un contesto impersonale, influenzano il com­ portamento. Mentre la prima posizione è particolarmente restrittiva nell’identificare sistemi di simboli definibili come comunicazione, questa seconda è, al contrario, talmente ampia da considerare ogni comportamento come uno stru­ mento di comunicazione: ciò implica che tutte le cose che un individuo fa o manifesta in una situazione devono essere prese in considerazione come pos­ sibili veicoli di significato. E questa è, indubbiamente, una debolezza del mo­ dello: se, infatti, vogliono essere in grado di cogliere con efficacia ciò che realmente gli interlocutori intendono comunicare, gli individui coinvolti in un processo comunicativo devono circoscrivere l’ambito dei comportamenti a cui prestare attenzione. Per sintetizzare il senso delle due posizioni possiamo concludere affermando che mentre la prima considera come segnali comunicativi solo i comportamenti simbolici prevalentemente di tipo verbale, la seconda considera invece tutta la gamma di segni e simboli alla stessa stregua, in quanto strumenti efficaci per la traduzione di significati.

1 77

178 — CAPITOLO SETTIMO

Figura 7.2 - Questo possibile diverso svolgi­ mento della scena di Figura 7.1 testimonia un fenomeno molto importante: spesso le persone sono in grado di controllare l’espressi­ vità del viso nelle situa­ zioni rilevanti dal punto di vista sociale. In que­ sto caso, di fronte alle stesse parole, Mario utilizza la configurazio­ ne del volto per veico­ lare in maniera inten­ zionale ciò che vuol far credere a Paola a pro­ posito dei propri stati emotivi interni. Come è noto, questo control­ lo dell’espressività è una delle principali caratte­ ristiche del ricco ruolo professionale degli atto­ ri, persone che, più di altre, sono in grado di tradurre i segni del­ l’espressione emotiva in simboli socialmente condivisi.

§ 7.1.5 — Una più sfumata distinzione tra segni e simboli. Tutti gli esempi che abbiamo fin qui proposto partono dall’assunzione che la distinzione tra segni e simboli sia netta. Ma le cose stanno veramente così? Proviamo a ripensare al comportamento espressivo che abbiamo scelto come esempio di un segno, ossia qualcosa di non appreso, involontario e collegato in un rapporto di tipo causale aU’esperienza di cui traduce il significato. Spalancare gli occhi, corrugare la fronte e aprire la bocca non sempre è un modello comportamentale comple­ tamente involontario legato all’esperienza della sorpresa. Spesso le persone sono in grado di sopprimere o mascherare le espressioni facciali di natura emotiva, se non vogliono rendere pubblica la loro esperienza interna. In altre circostanze, in­ vece, sono in grado di ostentare un’espressione facciale che non corrisponde aU’esperienza emozionale che stanno effettivamente vivendo (Figura 7.2). In questo senso, ciò che avevamo inizialmente considerato un segno diventa un segnale usato strategicamente come un simbolo. Ci sono poi anche situazioni in cui si verifica la trasformazione funzionale inversa, quando cioè i comportamenti simbolici si traducono in segni. E il caso del parlato, ossia di quella produzione che contiene informazione linguistica nella fonna di insiemi di parole connesse entro una struttura sintattica. Accanto a questa componente ne esiste però un’altra, chiamata informazione vocale, ossia quella che dà luogo alla struttura paralinguistica (Kogers, Scherer e Kosenthal, 1971) e che consiste in una serie di segnali del parlato espressi nella forma del tono e della sonorità, nella velocità di articolazione, nelle esitazioni, nelle pause, ecc. (Figura 7.3). Queste osservazioni ci fanno concludere che la dicotomia fra segni e simboli è troppo rigida e fonnale per catturare la multiforme configurazione dei feno­ meni comunicativi nelle situazioni di interazione sociale. Meglio allora pensare

I PROCESSI DI COMUNICAZKJNE —179

Figura 7.3 — L’ascolta­ tore è in grado di “fil­ trare” la slrutlitra paraliitisolandola dagli aspetti contenutistici della frase pronunciata. Possiamo pertanto rice­ vere dal parlante una serie molto estesa di infonnazioni, riguar­ danti non solo e non tanto ciò che vuole dirci, ma la tonalità del suo stato emotivo, la sua sicurezza nell’affrontare la situazione di interazione sociale, oppure la sua indecisio­ ne, titubanza, perplessi­ tà, ecc.

che i due temiini rappresentino i poli di un continuum, piuttosto che categorie discrete, e che molti dei segnali che veicolano l’informazione siano la combi­ nazione di elementi che si collocano in posizioni diverse lungo il continuum considerato. Pertanto, chiarite le più elementari caratteristiche dei concetti che stanno alla base dei fenomeni della comunicazione umana, possiamo ora pas­ sare, con una rapida sintesi, ad elencare i modelli più interessanti che nella letteratura scientifica sono stati proposti.

§ 7.1.6 — // modello codificatore-decodificatore. Questo modello appartiene alla tradizione di ricerca di tipo cognitivo. Esso concepisce la comunicazione come un processo nel quale la rappresentazione interna è codificata, ossia trasformata in un codice dall’intervento di un’unità di elaborazione deH’infomrazione, o fonte, e trasmessa per mezzo di un canale, in corrispondenza del quale è recepita da un’altra unità di elaborazione, o destinazione, e decodificata per ritornare a costituire una rappresentazione mentale. In altre parole, nella comunicazione parlata il messaggio si trasmette attraverso persone che vengono definite “par­ lante” (colui che invia la comunicazione) e “ricevente” (colui che ascolta). Nella comunicazione verbale la “fonte” e il “codificatore” sono unificati nel molo del “parlante”, il “destinatario” e il “decodificatore” sono unificati nel molo deir“ascoltatore”. Nella recente modellistica psicolinguistica i processi di produzione e com­ prensione del linguaggio sono supposti interessare moduli separati dell’archi­ tettura funzionale della mente umana. La rappresentazione mentale del parlante è trasformata in una rappresentazione verbale o linguistica per mezzo dell’unità di codifica linguistica del parlante, ed è questa rappresentazione linguistica che viene trasferita per mezzo della produzione verbale. Mediante la decodifica

180— CAPITOLO SETTIMtì

della rappresentazione linguistica, il destinatario è in grado di creare una rappresentazione mentale che corrisponde, entro certi termini e se ovvia­ mente non sono intervenuti fraintendimenti o in­ comprensioni, alla rappresentazione mentale da cui è partito il parlante.

Figura 7.4 — In questa vignetta A percuote fisicamente B. Si può dire che «A colpisce B», che «A fa male a B», che «A odia B», che «A è aggressivo». Proce­ dendo dalla prima alla quarta affermazione, diminuiscono i gradi di concretezza, dimostra­ bilità e instabilità della situazione descritta, mentre parallelamente aumentano quelli di astrazione, indimostra­ bilità e stabilità.

§7.1.7 — Applicazioni psicosociali delle categorie lingui­ stiche. In questo modello il punto di partenza è la constatazione che il linguaggio impiegato nelle re­ lazioni intergruppo è in grado di veicolare stili ten­ denziosi di descrizione del gruppo di appartenenza del parlante (“ingroup”) e del gruppo dal quale il parlante si differenzia (“outgroup”). Sulla base del modello del Bias Linguistico Intergruppo (LIB) proposto da Maass, Salvi, Arcuri e Seinin (1989), le rappresentazioni linguistiche dei comportamenti positivi dell’ingroup e negativi deH’outgroup ten­ dono ad essere codificate in termini relativamente astraili, sottintendendo implicitamente che lo speci­ fico episodio è manifestazione di una più generale modalità di comportamento del pro­ tagonista. Al contrario, le rappresentazioni linguistiche dei comportamenti negativi deH’ingroup e positivi dell’outgroup tendono ad essere codificate in termini relativamente concreti, ossia in termini che escludono o rendono poco probabile una generalizzazione al di là dello specifico episodio. Vediamo meglio in che cosa con­ siste questa distinzione. Per esemplificare il grado di concretezza o di astrattezza che il linguaggio può suggerire, il Modello delle Categorie Linguistiche (LCM) di Semin e Fiedler (1988; 1992) prende in considerazione le descrizioni degli episodi di interazio­ ne in cui due personaggi, A e B, appartengono rispettivamente a due gruppi contrapposti. Proviamo dunque ad immaginare come può essere descritto un episodio in cui A percuote fisicamente B (Figura 7.4). Prima di tutto si può affermare che «A colpisce B»: in questo caso si codifica quel comportamento usando un Verbo Descrittivo d’Azione (DAV), che rimanda all’azione concre­ ta, osservabile. Si può però anche dire che «A fa male a B»: in questo caso si codifica quel comportamento con un Verbo d’Azione Interpretativo (lAV), che rimanda ad una classe più generale di comportamenti, pur mantenendo un vincolo di riferimento semantico alla specifica situazione. Ma lo stesso episodio può essere descritto anche mediante la frase «A odia B», impiegando cioè una codifica che fa uso di un Verbo di Stato (SV), il quale definisce uno “stato psicologico” di chi compie l’azione, stato che è relativamente svincolato dal­ l’episodio specifico. Infine, si può dire che «A è aggressivo», impiegando cioè una codifica che si pone al più alto grado di astrazione, dato che l’aggettivo (Adj) presume di descrivere una caratteristica stabile della personalità dell’attore e il riferimento all’episodio è solo mediato.

I PROCESSI DI COMUNICAZIONE — 181

Le implicazioni psicologiche che derivano dall’impiegare una descrizione tra le quattro proposte, lungo l’ideale continuum che collega quella più concreta («A colpisce B») a quella più astratta («A è aggressivo»), sono chiare: Semin e Fiedler hanno dimostrato che quanto più la formula linguistica è astratta, tanto più implica una maggior stabilità nel tempo e risulta informativa circa le carat­ teristiche dell’attore, pur essendo meno facilmente sottoponibile a verifiche. Quanto più invece la formula linguistica è concreta, tanto più è informativa della situazione e la sua corrispondenza descrittiva è facilmente controllabile. Se noi applichiamo questo modello al contesto delle relazioni intergruppo, possiamo prevedere che, per descrivere un episodio comportamentale, un parlante “tendenzioso” potrà usare formule linguistiche diverse a seconda della desiderabilità sociale del comportamento e della categoria di appartenenza di chi lo ha compiuto. Ad esempio, se A è un membro del gruppo al quale pure il parlante appartiene (ossia è un membro dell’ingroup) e se, supponiamo, A ha fatto un prestito ad un’altra persona, la codifica linguistica della frase sarà del tipo: «A è una persona altruista». Se invece A è un membro del gruppo esterno (ossia dell’outgroup, sempre rispetto al parlante), lo stesso comportamento potrà essere descritto usando la codifica linguistica: «A ha dato temporaneamen­ te del denaro a un’altra persona». La logica implicita con cui un parlante tendenzioso può scegliere le diverse descrizioni è allora la seguente: usare le codifiche linguistiche più astratte per comunicare qualcosa a proposito dei comportamenti negativi dei membri dcll’oiitgroiip e dei comportamenti positivi dell’ingroup, suggerendo in tal modo che le condotte messe in atto riflettono caratteristiche stabili degli attori coinvolti; usare le codifiche linguistiche più concrete per comunicare qualcosa a proposito dei comportamenti positivi dei membri dell’outgroup e dei comportamenti negativi dell’ingroup, suggerendo in tal modo che le condotte messe in atto sono dotate di poca stabilità e scarsamente predittive di comportamenti futuri. § 7.1.8 — La comunicazione come espressione di intenzioni. La descrizione che abbiamo proposto del modello codificatore-decodificatore (§ 7.1.6) porta ne­ cessariamente a concludere che il significato è una proprietà dei messaggi. Tuttavia, se adottiamo un approccio alternativo, come quello appena presen­ tato, possiamo notare che una comunicazione caratterizzata da successo si re­ alizza nello scambio di intenzioni comunicative e che i messaggi sono soltanto il veicolo per dare forma a tali scambi. A partire da tale prospettiva, le intenzioni non sono considerate in un rapporto biunivoco con le stringhe di parole che le manifestano. In altre parole, a seconda dell’intenzione che il parlante intende esprimere e dell’occasione in cui la comunicazione avviene, egli sceglie, in una sorta di “menù” di possibili formule linguistiche, quella che considera la più efficace e la più adatta alle circostanze. Chi ascolta non solo deve decodificare il significato letterale del messaggio, ma anche inferire le intenzioni comunicative che sottostanno al messaggio stesso. Nella misura in cui le intenzioni comunicative del parlante sono correttamente comprese, possiamo parlare di messaggio il cui significato è condiviso socialmente.

1 K2 — CAPITOLO SETTIMO

PRINCIPIO DI COOPERA ZIONE Fai in modo che il tuo contributo: - rispecchi quanto è richiesto; - avvenga nel momento opportuno; - si proponga di raggiungere gli scopi prefissati. Massima della qualità: - fai in modo che il tuo contributo sia “vero”; - non dire cose che credi siano false; - non dire cose per le quali non hai prove. Massima della quantità: - fai in modo che il tuo contributo sia sufficientemente infonnativo; - non eccedere nelle informazioni fornite. Massima della rilevanza: - fai in modo che il tuo contributo sia rilevante per lo scambio comunicativo. Massima della maniera: — evita la mancanza di chiarezza; — evita l’ambiguità; — sii breve; — sii ordinato. Tabella 7.1 — Principio

di cooperazione di Cìrice ed esplicitazione delle massime ad esso associa­ te.

Possiamo allora assumere che la relazione esistente tra le parole e i significati si riflette nella distinzione tra il significato della frase (ossia ciò che letteralmente le parole che costituiscono la frase significano) e il significato del parlante (ossia il significato che il comunicatore intende veicolare usando quella frase). Ad esem­ pio, una frase del tipo; «Di tutto questo dobbiamo ringraziare il nostro gover­ no», veicola due significati completamente diversi se il significato che il parlante attribuisce è di tipo serio o di tipo ironico. 11 significato di una frase, pertanto, è valutato e compreso alla luce del contesto conversazionale in cui si manifesta e per come viene usato nel produrre inferenze a proposito dello specifico signi­ ficato che il parlante intende attribuirle. Ma, possiamo allora chiederci, se il significato del parlante non corrisponde al significato della frase, come se la cavano coloro che producono frasi con l’intenzione di farsi comprendere cor­ rettamente e, d’altra parte, come fanno gli ascoltatori ad inferire proprio “quel” significato? Secondo Grice (1975) è possibile che i partecipanti ad uno scambio comu­ nicativo considerino quella situazione come un’occasione di tipo collaborativo. Anche se i parlanti sono intenzionati a criticare, insultare, controbattere, dispu­ tare, essi devono confezionare i loro messaggi in modo che siano compresi correttamente da coloro a cui sono indirizzati. Secondo Grice, quindi, esiste un “principio di cooperazione” a cui tutti i parlanti devono attenersi; esso si articola in quattro fondamentali regole, definite “massime conversazionali”. I messaggi devono esprimere coerenza con: 1) la massima della qualità, 2) la massima della quantità, 3) la massima della rilevanza, 4) la massima della maniera. In Tabella 7.1 vengono esplicitati sia il principio generale di cooperazione, sia le quattro regole fondamentali in cui si articola. Tali regole conversazionali hanno una duplice importanza. Da un lato, spe­ cificano come il buon comunicatore dovrebbe comportarsi. Dall’altro, sugge­ riscono quali possono essere gli assunti da cui in maniera implicita i riceventi partono quando ricevono un messaggio. Gilbert (1991), a questo proposito, ha dimostrato in modo brillante che il sistema cognitivo umano è caratterizzato da una tendenza fondamentale: quando sono proposte delle affermazioni, il siste­ ma opera considerandole, per principio, come vere. Solo in un secondo mo­ mento vengono messe in atto alcune procedure di verifica, i cui risultati pos­ sono portare a metterne in discussione la validità, fino a rigettarle come false. E proprio sulla base di questa tendenza fondamentale che talvolta i pubblicitari propongono dei messaggi la cui interpretazione può avere effetti ingannevoli (Figura 7.5). Non è raro che in altri contesti, come ad esempio quello della comunicazione istituzionale, le massime della collaborazione previste dal modello di Grice vengano semplicemente ignorate o paradossalmente contraddette. In questo caso l’ascoltatore non viene ingannato, come nel caso della pubblicità della Figura 7.5, ma più semplicemente tenuto all’oscuro delle cose che si presume di comunicare. E capitato a chi scrive di trovare un cartello alla stazione ferro­ viaria di Milano in cui si intendeva informare i passeggeri sul modo di acquistare il biglietto del treno durante l’orario di chiusura degli sportelli. Questo era il

I PROCESSI DI COMUNICAZIONE — 1 83

Carlton. It’s lowest in tar and nicotine. ------

1 mg.tar O.lmg.nic.

Kvmj Sufi Pari aftd Menihul I mg “taf'*. 01 mg ncutoe av p«jf ugnelle by HC meihud

ìvAflMD.itri lrj|»rr.f cognition, Harvard Univer­ sity Press, Cambridge. AndersonJ. K. (1990), Theadaptioe characterqfthougth, Erlabaum, HilIsdale. Antaki C., Widdicombe S. (Eds., 1998), Identities in talk, Sage, Lon­ don. Aquilino W. S.,SuppleK. K. (1991), «Parent-child relations and parent’s satisfaction with living arrangenients when adult children live at home», Journal of Marriage and Family, 53 (1), 13-27. Aquilino W, S., Supple K. K. (2001), «Long-term effect of parenting practices during adolescence on well-being: Outcomes in young adulthood», Journal of Family Issues, 22, 289-308. Archer J. (1996), «Evolutionary social psychology». In M. Hewstone, W. Stroebe e G. Stephenson (Eds.), Introduction to social psychology, Blackwell, Oxford (tr. it. Introduzione alla psicologia socia­ le, Il Mulino, Bologna, 1998). Arcuri L. (1985), Conoscenza sociale e processi psicologici. Il Mulino, Bologna. Arcuili L. (1994), «La televisione in tribunale». Quaderni delPanuocattira, 52-60. Amerio P.

(1998), Gli stereotipi. Dinamiche psicologiche e contesto delle relazioni sociali. Il Mulino, Bologna. Arcuili L., Castem.i L. (1996), Izi trasmissione dei pensieri. Un approc­ cio psicologico alla comunicazione di massa, Decibel, Padova. Arcuili L., Castelli L. (2000), La cognizione sociale, Laterza, KoinaBari. Arpone K. G., Mazzoni S. (1994), La mediazione familiare, GiufFrè, Milano. Armisteai) N. (Ed., 1974), Reconslmcting socialpsycholog}’, Penguin, Harinondsworth. Asci! S. E. (1952), Social psychology, Oxford University Press, Oxford (tr. it. Psicologia sociale, sei, Tori­ no, 1989). Asch S. e. (1956), «Studies ofindependence and conformity», Psychological Monographs, 10, 1-70. Arcuili L., Cadinu M.

Aspinwall L. G., Brunhart S. M.

(1996), «Distinguishingoptimism froin denial; Optiinistic beliefs predict attention to health threat», Personality and Social Psychology Bnlletin, 22, 993-1003. Asprea a. M., Villone Betocchi G.

(1093), Studi e ricerche sul comporta­ mento prosociale, Liguori, Napoli. Asso UN P. L. (1993), Freud e le scienze sociali. Psicoanalisi e teoria della cul­ tura, Boria, Roma, 1999. Attili G. (2000), Introduzione alla psicologia sociale, seam, Roma. Austin J. L. (1962), Hou> to do things u'ith loords, Clarendon Press, Oxford (tr. it. Come fare cose con le parole, Marietti, Genova, 1987). Avali.one F. (1994), Psicologia del lauoro: storia, modelli, applicazioni. La Nuova Italia Scientifica, Roma.

I

BIBLIOGRAFIA

(1981), The dialogic imagination: Fonressays, University of Texas Press, Austin. Bactitin M. (1986), Speechgenres and otherlateessays. University ofTexas Press, Austin. Bales R. F. (1950), Interaction proces.s analysis: A method for thè stiidy of small grotips, Addison-Wesley, Cambridge. Bales R. F. (1970), Personality and interpersonal behairior, Holt, Rinehart & Winston, New York. Bandura A. (1965), «Influence of models’ reinforcement contingencies on thè acquisition ofimitative responses», Journal of Perso­ nality and Social Psychology, 1 (6), 589-595. Bandura A., Walters, R. H. (1963), Social learning and personality deuelopment, Holt, Rinehart & Win­ ston, New York. Bar-Hillei. Y. (1973), «Espressioni indicali». In A. Bonomi (a cura di). La struttura logica del linguaggio, Bompiani, Milano, 455-77. Barati a A. (1982), Criminologia cri­ tica e critica del diritto penale, 11 Mulino, Bologna. BarghJ. a. (1997), «The automaticity of everyday life». In R. S. Wyer (Ed.), Aduances in social cognition, Erlbaum, Mahwah, 1 -61. Bargh J. A., Chartrand T. L. (1999), «The unbearable automaticity of being», American Psychologist, 54, 462-479. Bartlett F. C. (1932), Rememhering. A study in experiniental and social psychology, Cambridge Univ. Pre.ss, ("ambridge (tr. it. La memo­ ria, Franco Angeli, Milano, 1974). Batson C. D. (1987), «Prosocial motivation: Is it ever truly altniistic?». BachtinM.

In L. Berkowitz (Ed.), Aduances in experiniental social psycliology, voi. 20, Acadeniic Press, New York. Batson C. D. (1991), 77ie altniisni question: l'oti’ards a socialpsycholo^qical ansuvr, Erlbauin, Hillsdale. Batson C. D. (1998), «Altruisni and prosocial behavior». In D. Gil­ bert, S. Fiske e G. Lindzey (Eds.), Ilandhooliofsocialpsycliolo