Introduzione alla filosofia medioevale

524 106 24MB

Italian Pages 296 Year 2002

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Introduzione alla filosofia medioevale

Table of contents :
Cover......Page 1
Indice......Page 7
Elenco delle illustrazioni......Page 11
Prefazione di Maria Bettetini......Page 13
Prefazione......Page 25
Capitolo primo Citare e includere. La rinascita carolingia......Page 29
Capitolo secondo Distinguersi: l'Occidente latino contro l'Impero d'Oriente. Razionalità carolingia contro il culto bizantino delle immagini......Page 43
Capitolo terzo Autodeterminazione o predestinazione. Eriugena contro Godescalco......Page 59
Capitolo quarto Cosa o segno. Berengario di Tours contro Lanfranco......Page 75
Capitolo quinto Stolto o empirista. Anselmo d'Aosta contro Gaunilone......Page 91
Capitolo sesto Politica e cultura tra libertà e asservimento. Manegoldo di Lautenbach contro Wolfhelm di Colonia......Page 107
Capitolo settimo Scienza tradizionale o rinnovamento. I tradizionalisti contro Abelardo......Page 129
Capitolo ottavo Pio scetticismo o metafisica come scienza. Averroè contro Al-Ghazali......Page 149
Capitolo nono Immortalità individuale o ritorno all'anima del mondo. Alberto Magno contro Averroè......Page 177
Capitolo decimo Città di Dio o pace in terra. La riabilitazione della filosofia politica nella lotta contro la supremazia universale del Papato......Page 196
Capitolo undicesimo Conciliazione o critica. Le obiezioni di Lutterell a Guglielmo di Ockham......Page 215
Capitolo dodicesimo Semenza del diavolo o filosofia della filiazione divina. La difesa di Meister Eckhart di fronte all'Inquisizione......Page 237
Capitolo tredicesimo Sapere o sapere di non sapere. Johannes Wenck contro Nicola Cusano......Page 255
Tavole......Page 273
Bibliografia......Page 281
Indice analitico......Page 289
Indice dei nomi......Page 293

Citation preview

Kurt Flasch

Introd uzione alla filosofia medievale Prefazione di Maria Bettetini

Piccola Biblioteca Einaudi Filosofia

Piccola Biblioteca Einaudi Filosofia

Nonostante il fascino delle cattedrali e del fantastico, il Medioevo è per molti ancora un lungo periodo oscuro, sia perché considerato incolto e barbaro, sia perché poco noto. Troppo spesso si liquidano mille anni di storia come un monolitico intervallo fra la civiltà romana e l'umanesimo, trascurando le culture e le attività sociali ed economiche che li hanno arricchiti. L'agile volume di Kurt Flasch, adatto anche a non specialisti e scritto con stile diretto e semplice, intende affrontare un tema a prima vista complesso e lontano come la filosofia medievale, evitando ogni astrazione e inserendo i temi trattati dai pensatori medievali nel loro contesto storico e sociale. Ne risulta la vivace contrapposizione di alcune coppie di concetti, collegate ad altrettante coppie di pensatori, o di gruppi sociali, a loro volta portatori di posizioni tradizionaliste o innovatrici, avverse o favorevoli al recupero dell'antico, preoccupate degli esiti della filosofia - è il caso dei grandi mistici - o invece attente a un'utilizzazione anche politica e sociale della filosofia intesa come scienza. Flasch, insigne medievista di fama internazionale, espone le contraddizioni senza remore, coinvolgendo teologia e filosofia, pensiero occidentale e orientale, con una vis polemica che non ha mancato di suscitare dibattiti. Sommario: Prefazione di Maria Bettetini. Prefazione - lo Citare e includere. La rinascita carolingia. Il. Distinguersi: l'Occidente latino contro l'Impero d'Oriente. Razionalità carolingia contro il culto bizantino delle immagini. III. Autodeterminazione e predestinazione. Eriugena contro Godescalco. IV. Cosa o segno. Berengario di Tours contro Lanfranco. v. Stolto o empirista. Anselmo d'Aosta contro Gaunilone. VI. Politica e cultura tra libertà e asservimento. Manegoldo di Lautenbach contro Wolfhelm di Colonia. VII. Scienza tradizionale o rinnovamento. I tradizionalisti contro Abelardo. VIII. Pio scetticismo o metafisica come scienza. Averroè contro AI-Ghazali. IX. Immortalità individuale o ritorno all'anima del mondo. Alberto Magno contro Averroè. x. Città di Dio o pace in terra. La riabilitazione della filosofia politica nella lotta contro la supremazia universale del Papato. XI. Conciliazione o critica. Le obiezioni di Lutterell a Guglielmo di Ockham. XII. Semenza del diavolo o filosofia della filiazione divina. La difesa di Meister Eckhart di fronte all'Inquisizione. XIII. Sapere o sapere di non sapere. Johannes Wenck contro Nicola Cusano. - Bibliografia. -Indici. Kurt Flasch è stato docente di Storia della filosofia medievale all'Università di Bochum; è autore di numerosi saggi, tra i quali Agostino d'lppona. Introduzione all'opera filosofica (Bologna 1983) e Introduzione alla filosofia medievale (Torino 2002).

ISBN 978-88-06-17026-4

€ 19,50

I III I I

9 788806 170264

Piccola Biblioteca Einaudi Nuova serie

Filosofia

154

TItolo originale

EinfOhrung in die Philosophie des Mittelalters

© 1994' Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darmstadt © 2002 Giulio Einaudi editore s.p.a., Torino Traduzione di Marco Cassisa www.einaudi.it ISBN

978-88-06-16010-4

Kurt Flasch Introd uzione alla filosofia medievale Prefazione di Maria Betletini

Piccola Biblioteca Einaudi Filosofia

Indice

p. IX XI XXIII

Elenco illustrazioni Prefazione di Maria Bettetini Prefazione

Introduzione alla filosofia medievale I.

Citare e includere. La rinascita carolingia

3

I. Tramonto dell'antichità. Inizio di una civiltà

6

2. Alcuino. Filosofia e politica

9

3· Concetti fondamentali della filosofia di Alcuino.

Loro uso teologico-politico II.

Distinguersi: l'Occidente latino contro l'Impero d'Oriente. Razionalità carolingia contro il culto bizantino delle immagini

17

I. Perché si studia la storia della filosofia medievale?

2I

2. Retorica e nozioni di etica

25

3· La critica al culto bizantino del potere e delle immagini

30

4. La funzione della filosofia nel mondo carolingio III.

Autodeterminazione o predestinazione. Eriugena contro Godescalco

33

I. Il presunto ritorno dei problemi. Intermezzo metodologico

37

2. Godescalco sulla predeterminazione divina

42

3. Un parere di traverso: Eriugena

45

4. Problemi filosofici tra potere e tradizione. Ritorno al dibattito sulla predestinazione IV.

Cosa o segno. Berengario di Tours contro Lanfranco I. La funzione storico-reale della disputa sulle formule

49 5I

2. La nuova dinamica dell'xI secolo

56

3. Gli argomenti di Berengario

61

4.

L'affaire Berengario come punto di svolta

INDICE

VI v.

p.65

Stolto o empirista. Anselmo d'Aosta contro Gaunilone I.

Le premesse di Anselmo

69

2. Le nuove prove anselmiane dell' esistenza di Dio

73

3· Le obiezioni di Gaunilone 4· La risposta di Anselmo

75

VI.

Politica e cultura tra libertà e asservimento. Manegoldo di Lautenbach contro Wolfhelm di Colonia Lode all'autore medio

81

I.

85

2. Nel labirinto di Macrobio: cosmologia, dottrina dell'anima e numerologia

94

3· Una disputa cosmologica e politica nel chiostro

VII.

Scienza tradizionale o rinnovamento. I tradizionalisti contro Abelardo I! valore storico delle polemiche

103

I.

108

2. Le innovazioni di Abelardo in una situazione storica aperta

113

3. Le obiezioni dei tradizionalisti

VIII.

Pio scetticismo o metafisica come scienza. Averroè contro Al-Ghazali

123

I! Medioevo e il mondo arabo

126

Sostenere la religione con la critica della metafisica: un' altra funzione della filosofia medievale

132

3· Le obiezioni di AI-Ghazali contro la ragione dei filosofi: la volontà come fondamento del mondo

136

4· Ulteriori obiezioni di AI-Ghazali: il problema del tempo. Realtà e possibilità

1 41

5· Averroè: critica della critica della metafisica

IX.

Immortalità individuale o ritorno all'anima del mondo. Alberto Magno contro Averroè I! contesto storico del

secolo

15 I

I.

155

2. La disputa sull'intelletto. Aristotele, Averroè

161

3· La forma « scolastica» 4· Fallimento nella questione dell'individualità e della personalità

165

x.

XIII

Città di Dio O pace in terra. La riabilitazione della filosofia politica nella lotta contro la supremazia universale del Papato

171

Ambivalenza dell'aristotelismo

174

La teoria politica aristotelica e la sua strumentalizzazione papista in Tommaso d'Aquino

179

3· La teoria della monarchia mondiale in Dante

182

4· Marsilio da Padova: il difensore della pace

VII

INDICE XI.

p. I89

Conciliazione o critica. Le obiezioni di Lutterell a Guglielmo di Ockham r.

I92

Il conflitto tra scienza e Papato nel XIV secolo

2. Critica delle astrazioni

I98

3. Critica della percezione sensibile

203

4. Il Dio di Ockham

207

5. Ockham: maestro di una nuova razionalità metodologica XII.

Semenza del diavolo o filosofia della filiazione divina. La difesa di Meister Eckhart di fronte all'Inquisizione

21I

Razionalità e «mistica,> nel tardo Medioevo

2I)

L'apologia di Eckhart, la sua condanna e il mutamento di atmosfera

2I8

3. Il progetto di Eckhart: una filosofia della filiazione divina

225

4. La nuova filosofia: una nuova teoria del cristianesimo per una nuova società XIII.

229

Sapere o sapere di non sapere. Johannes Wenck contro Nicola Cusano I. L'evoluzione tra il XIV e il xv secolo. Il nucleo del conflitto con l'aristotelismo 2. Le condizioni della nozione aristotelica di conoscenza 3. La difesa di Nicola Cusano. Il ritorno di Socrate

247

Bibliografia

253

Indici

Elenco delle illustrazioni

I.

San Vitale, Ravenna. Vista dell'interno e planimetria. (Foto Alinari).

II.

Cappella Palatina di Carlo Magno, Aquisgrana. Vista dell'interno e planimetria.

III.

Croce di Lotario: dettaglio con l'antico carneo di Augusto, Aquisgrana.

(Foto H. Busch).

(Foto A. Miinchow).

IV.

Ambrogio Lorenzetti, Allegoria della Pace, affresco. Siena, Palazzo Pubblico. (Foto Alinari).

V.

Ambrogio Lorenzetti, Soldati in città, affresco. Siena, Palazzo Pubblico.

VI.

Chiesa di Sainte-Marie-des-Prés, Soest. Veduta dell'esterno.

VII.

Chiesa di Sainte-Marie-des-Prés, Soest. Vista dell'interno.

(Foto E. Miiller). (Foto E. Miillerl.

Prefazione di Maria Bettetini

Nessuno ormai è tanto ingenuo o disinformato da ritenere il Medioevo come un tutto, un blocco unico di storia e cultura identificabile con una particolare linea politica, religiosa, filosofica. Gli studiosi di quella che comunque non si riesce a non definire storia, cultura, filosofia «medievale» parlano di tanti Medioevi, divisi per aree geografiche, linguistiche e religiose, oltre,che piti banalmente cronologiche. Tra le affermazioni di Etienne Gilson (