Il sublime 8818220128

532 113 2MB

Italian Pages 227 Year 1988

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Il sublime
 8818220128

Table of contents :
0004_1L......Page 4
0004_2R......Page 5
0005_1L......Page 6
0005_2R......Page 7
0006_1L......Page 8
0006_2R......Page 9
0007_1L......Page 10
0007_2R......Page 11
0008_1L......Page 12
0008_2R......Page 13
0009_1L......Page 14
0009_2R......Page 15
0010_1L......Page 16
0010_2R......Page 17
0011_1L......Page 18
0011_2R......Page 19
0012_1L......Page 20
0012_2R......Page 21
0013_1L......Page 22
0013_2R......Page 23
0014_1L......Page 24
0014_2R......Page 25
0015_1L......Page 26
0015_2R......Page 27
0016_1L......Page 28
0016_2R......Page 29
0017_1L......Page 30
0017_2R......Page 31
0018_1L......Page 32
0018_2R......Page 33
0019_1L......Page 34
0019_2R......Page 35
0020_1L......Page 36
0020_2R......Page 37
0021_1L......Page 38
0021_2R......Page 39
0022_1L......Page 40
0022_2R......Page 41
0023_1L......Page 42
0023_2R......Page 43
0024_1L......Page 44
0024_2R......Page 45
0025_1L......Page 46
0025_2R......Page 47
0026_1L......Page 48
0026_2R......Page 49
0027_1L......Page 50
0027_2R......Page 51
0028_1L......Page 52
0028_2R......Page 53
0029_1L......Page 54
0029_2R......Page 55
0030_1L......Page 56
0030_2R......Page 57
0031_1L......Page 58
0031_2R......Page 59
0032_1L......Page 60
0032_2R......Page 61
0033_1L......Page 62
0033_2R......Page 63
0034_1L......Page 64
0034_2R......Page 65
0035_1L......Page 66
0035_2R......Page 67
0036_1L......Page 68
0036_2R......Page 69
0037_1L......Page 70
0037_2R......Page 71
0038_1L......Page 72
0038_2R......Page 73
0039_1L......Page 74
0039_2R......Page 75
0040_1L......Page 76
0040_2R......Page 77
0041_1L......Page 78
0041_2R......Page 79
0042_1L......Page 80
0042_2R......Page 81
0043_1L......Page 82
0043_2R......Page 83
0044_1L......Page 84
0044_2R......Page 85
0045_1L......Page 86
0045_2R......Page 87
0046_1L......Page 88
0046_2R......Page 89
0047_1L......Page 90
0047_2R......Page 91
0048_1L......Page 92
0048_2R......Page 93
0049_1L......Page 94
0049_2R......Page 95
0050_1L......Page 96
0050_2R......Page 97
0051_1L......Page 98
0051_2R......Page 99
0052_1L......Page 100
0052_2R......Page 101
0053_1L......Page 102
0053_2R......Page 103
0054_1L......Page 104
0054_2R......Page 105
0055_1L......Page 106
0055_2R......Page 107
0056_1L......Page 108
0056_2R......Page 109
0057_1L......Page 110
0057_2R......Page 111
0058_1L......Page 112
0058_2R......Page 113
0059_1L......Page 114
0059_2R......Page 115
0060_1L......Page 116
0060_2R......Page 117
0061_1L......Page 118
0061_2R......Page 119
0062_1L......Page 120
0062_2R......Page 121
0063_1L......Page 122
0063_2R......Page 123
0064_1L......Page 124
0064_2R......Page 125
0065_1L......Page 126
0065_2R......Page 127
0066_1L......Page 128
0066_2R......Page 129
0067_1L......Page 130
0067_2R......Page 131
0068_1L......Page 132
0068_2R......Page 133
0069_1L......Page 134
0069_2R......Page 135
0070_1L......Page 136
0070_2R......Page 137
0071_1L......Page 138
0071_2R......Page 139
0072_1L......Page 140
0072_2R......Page 141
0073_1L......Page 142
0073_2R......Page 143
0074_1L......Page 144
0074_2R......Page 145
0075_1L......Page 146
0075_2R......Page 147
0076_1L......Page 148
0076_2R......Page 149
0077_1L......Page 150
0077_2R......Page 151
0078_1L......Page 152
0078_2R......Page 153
0079_1L......Page 154
0079_2R......Page 155
0080_1L......Page 156
0080_2R......Page 157
0081_1L......Page 158
0081_2R......Page 159
0082_1L......Page 160
0082_2R......Page 161
0083_1L......Page 162
0083_2R......Page 163
0084_1L......Page 164
0084_2R......Page 165
0085_1L......Page 166
0085_2R......Page 167
0086_1L......Page 168
0086_2R......Page 169
0087_1L......Page 170
0087_2R......Page 171
0088_1L......Page 172
0088_2R......Page 173
0089_1L......Page 174
0089_2R......Page 175
0090_1L......Page 176
0090_2R......Page 177
0091_1L......Page 178
0091_2R......Page 179
0092_1L......Page 180
0092_2R......Page 181
0093_1L......Page 182
0093_2R......Page 183
0094_1L......Page 184
0094_2R......Page 185
0095_1L......Page 186
0095_2R......Page 187
0096_1L......Page 188
0096_2R......Page 189
0097_1L......Page 190
0097_2R......Page 191
0098_1L......Page 192
0098_2R......Page 193
0099_1L......Page 194
0099_2R......Page 195
0100_1L......Page 196
0100_2R......Page 197
0101_1L......Page 198
0101_2R......Page 199
0102_1L......Page 200
0102_2R......Page 201
0103_1L......Page 202
0103_2R......Page 203
0104_1L......Page 204
0104_2R......Page 205
0105_1L......Page 206
0105_2R......Page 207
0106_1L......Page 208
0106_2R......Page 209
0107_1L......Page 210
0107_2R......Page 211
0108_1L......Page 212
0108_2R......Page 213
0109_1L......Page 214
0109_2R......Page 215
0110_1L......Page 216
0110_2R......Page 217
0111_1L......Page 218
0111_2R......Page 219
0112_1L......Page 220
0112_2R......Page 221
0113_1L......Page 222
0113_2R......Page 223
0114_1L......Page 224
0114_2R......Page 225
0115_1L......Page 226
0115_2R......Page 227

Citation preview

LONGINO

ILSUBLIME

· J

l

RUSCONI

Il trattato sul Sublime, un piccolo gioiello della letteratura greca di età imperiale, contiene una delle più antiche, e senz'altro la più importante, riflessione classica sulla natura della bellezza letteraria, rappresen­ tata dalla parola hypsos, «vetta» o «apice», e metaforicamente «sublime». Il fine dell'opera è didattico e pratico: l'autore si propone infatti di insegnare «come noi possiamo elevare le nostre doti naturali» al punto da poter creare un'opera così elevata che innalzi alla propria vertigi­ nosa altezza l'animo di un lettore o di un ascoltatore. I suoi precetti non sono mera­ mente tecnici: li sostanziano infatti due attitudini naturali quali la magnanimità (che si apre ad una prospettiva metafisica) e la passione. Ma di più: come già osservò il primo traduttore francese dell'opera, N. Boileau (1674), en parlant du Sublime, il est

lui-mesme tres-sublime. L'Antichità classica e il Medioevo non si mostrarono generosi verso questo testo, a noi giunto attraverso un unico mano­ scritto bizantino, per di più lacunoso. Fu solo la traduzione del Boileau, poco più di un secolo dopo la prima edizione a stampa dell'originale greco (F. Robortello, 1554), che diede il via alla fortuna del Sublime e al suo impatto sulle teorie estetiche dell'età moderna. Proprio l'importanza vieppiù ri­ conosciuta a questo antico trattato dalle moderne teorizzazioni sul Sublime rendeva necessarie una traduzione e un'esegesi che il più possibile si attenessero con fedeltà al testo greco, cercando di evitare ogni deviazione anacronistica: questo è stato appunto il fine principale della traduzione e del commento del Sublime di E. Matelli. La curatrice ha già pubblicato articoli sull'idea di natura nel Sublime ( «Aevum Antiquum», I, 1988) e sui procedimenti logici, la tecnica dimostrativa e gli artifici retorici dell'opera ( «Aevum »,LXII, 1988), oltre a un ampio studio rigorosamente fi-

lologico sulla struttura e lo stile dell'opera ( «Aevum», LXI, 1987) e può a buon dirit­ to essere considerata uno dei migliori esperti di questo trattato. La Matelli pre­ mette alla traduzione, condotta sulla edi­ zione oxoniense del Russe!, un ampio e originale studio introduttivo, volto a evi­ denziare e svolgere le notizie e i dati del testo, senza sovrapporvi tematiche e criteri d'interpretazione ad esso estranei. Parti­ colare sforzo è stato applicato al tentativo di collocare precisamente l'autore nella sua propria dimensione politica e culturale (il nome stesso, Dionigi Longino, si so­ stiene potrebbe essere autentico) e di mo­ strare che non solo egli scrive come teo­ rizza, ma anche come il suo stile sia la miglior chiave interpretativa del suo pen­ stero. Oltre a un'ampia bibliografia, le nume­ rose note di commento illustrano i passi più difficili e le frequenti citazioni da autori antichi con cui Longino sostanzia la sua meditazione retorica ed estetica. In sintesi il lavoro si presenta come un solido punto di riferimento per studiosi di estetica sia antica che moderna e per chiun­ que sia interessato a conoscere questo importante trattato.

L'illustrazione di sovraccoperta è un

panico lare dell'inci·

sione settecentesca pubblicata come antipona dell'edizione

del Sublime del Pearce (1732). Essa raffigura Longino che

espone il suo pensiero ai dotti del suo tempo: sulla destra i busti dei tre grandi modelli di stile sublime: Omero, Platone, Demostene. Disegno di L. Cheron, incisione di G. Van der Gucht.

Grafica di Mario Monge

I CLASSICI DEL PENSIERO Vittorio Mathieu, direttore

SEZIONE I

FILOSOFIA CLASSICA E TARDO-ANTICA Giovanni Reale, direttore

DIONIGI LONGINO

IL SUBLIME Introduzione, prefazione, traduzione, note e indici di Elisabetta Matelli Presentazione di Giovanni Reale

Quest'opera è stata curata dal CENTRO

DI

RICERCHE

DI

METAFISICA

dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

RUSCONI

Prima edizione maggio 1988 Proprietà letteraria riservata Rusconi Libri S.p.A., via Livraghi 1 /b, 20126 Milano ISBN 88-18-22012-8

PRESENTAZIONE di Giovanni Reale ... e un uomo che contempli tutt'attorno la vita, in quale misuta preponderante in ogni cosa abbia potere lo straordina­ rio, il grande, il beUo, subito capirà per che cosa siamo nati.

Sublime

XXXV

3

Il trattato sul Sublime, il più suggestivo scritto di re­ torica e critica letteraria o, per dirla in termine moderno, di « estetica » conservatoci dall'antichità, fu edito da Fran­ cesco Robortello nel 1554 a Basilea e, assai meglio, l'anno successivo a Venezia da Paolo Manuzio, figlio di Aldo. Nonostante diverse versioni latine e successive edi­ zioni, fu solo in virtù della traduzione francese di Nicolas Boileau ( 1 674) - il quale si giovò di quella iniziata da suo fratello Gilles, ma rimasta incompiuta alla sua morte nel 1669 1 - che il breve e mutilo scritto di Longino entrò nel corso principale della cultura europea, mentre fino ad allo­ ra la sua conoscenza era stata ristretta a « un piccolissimo numero di eruditi ». In effetti - per chi non fosse stato in grado di accede­ re direttamente al testo greco - la traduzione in una lingua moderna aveva una forza comunicativa ben superiore a quella di una versione latina, peraltro più comoda e meno rischiosa per il suo autore. « E facile » scrive Boileau , 1966, p. 107 1 .

8

GIOVANNI REALE

capisce vien chiamato una tiritera, di cui è responsabile so­ lamente il traduttore. A lui vengono imputati perfino gli errori del suo autore; e bisogna che in molti punti esso li rettifichi, senza osare scostarsi da essi. » 2 In Italia la prima traduzione in volgare, che con nu­ merose ristampe dominò per un secolo, fino all'Ottocento inoltrato, fu quella del fiorentino Anton Francesco Gori, antichista e archeologo, discepolo di Antonio Maria Salvi­ ni, non soltanto celebre cultore di filologia italiana, ma an­ che autore di numerose traduzioni in volgare di opere gre­ che, fra cui quella dell ' Iliade che servl di fondamento alla versione famosa del Monti. Al Salvini e a Henry Newton, ambasciatore inglese a Firenze, dedicò la sua edizione del testo greco del Sublime John Hudson (Oxford 1 7 1 0) , e fu probabilmente questa l'occasione dell'opera del Gori, stampata prima nella dedi­ zione veronese del Hudson a cura di Giovanni Alberto Tu­ mermanni, e poi - senza il testo greco - per i tipi elegan­ tissimi di Gaetano Albizzini (Firenze l 7 3 7). « Mi diceva bene spesso il mio buon Maestro, il dottissimo Sig. Abate Antonmaria Salvini, a' conforti del quale io presi a tradur­ re questo incomparabile Trattato del Sublime, e colla cui correzione ed approvazione al desiato fine lo condussi, che egli è necessario come il pane: tanto è importante che sia letto, e tanto è certo il profitto, che da esso ne può ritrarre chi vuole applicarsi davvero allo studio necessarissimo del­ la Eloquenza. Io vorrei, in somma, che nelle Scuole Italia­ ne fosse letto Longino con quell'istesso ardore e costanza colla quale è letto dagli studiosi Giovani delle famose Scuole di Francia (onde è in tanto pregio la Traduzione Franzese di N . Boileau), di Londra, di Oxford, di Olanda, di Germania; sicché, come ho saputo da Letterati degni di fede, per tutto sempre seco lo portano, sempre attenta­ mente lo leggono e considerano; onde non fia meraviglia, 'Ibidem,

pp.

336-337.

PRESENTAZIONE

9

se formati su questo gusto e modello, continuamente com­ pariscano al mondo letterario tant'uomini insigni, i quali, come noi veggiamo dalle loro opere, cotanto onor fanno a quelle gloriose Accademie. » 3 Nelle parole del Gori appare evidente come lo scopo della sua traduzione fosse quello di giovare alla formazione retorica dei giovani; ma, anche se questa utilità scolastica non va sottovalutata (come invece si sarebbe propensi a fa­ re al giorno d'oggi, quando non sembra trovar più posto un insegnamento del 10) . L'importanza attribuita alle passioni scaturisce dun­ que dalla sua attenta analisi degli effetti sull'animo umano di un'opera sublime. Essa non deve essere intesa come una sciocca valoriz­ zazione dell'istintività umana contro la classica tradizione filosofica che dava il primato alla ragione e a questa sotto­ metteva le passioni. Le passioni sono costantemente tratta­ te in riferimento alla « magnanimità » (prima fonte del su­ blime) e quest'ultima ha un profondo legame con l'espe­ rienza della magnanimità divina. Taie prospettiva metafisica gli permette di enunciare in modo lapidario: « E mentre nelle statue si ricerca ciò che è simile all' uomo, nella parola invece, come dicevo, cerchiamo quel che .supera la condizione umana » 11• Questo volume, in conclusione, si impone come un punto di riferimento per gli studi sul Sublime, per le cospi­ cue novità che presenta, le quali, in larga misura, ristruttu­ rano molti degli schemi tradizionali secondo cui è stato per lo più affrontato questo piccolo capolavoro dell'estetica classica.



Sublime XXXIX 2. Ibidem. " Sublime XXXVI 3.

IO

INTRODUZIONE

Gole dirupi strapiombi addiacci; oscure e fredde fessure nelle rocce che portano un poco più su: i sassi che cadono hanno voce secca e cosa cerchiamo noi? L'inimitabile porta che ci disseti alle tue fonti eternità luminosa eternità. da

Arsura,

di Pietro Comolli

L IL CONCETI'O DI SUBLIME Dell'idea di « sublime » - inteso come un vertice rag­ giunto da una creazione artistica e capace di elevare alla propria altezza quasi vertiginosa l'animo del fruitore - il nostro tempo e la nostra cultura sono debitori a un opusco­ letto in lingua greca scoperto e pubblicato per la prima vol­ ta a Basilea nel 1554 da Francesco Robortello. Un'opera che la tradizione manoscritta ci ha consegnato non integra e sotto il nome di Dionigi Longino non altrimenti noto, e messo in dubbio da molti studiosi moderni. La parola « sublime » è espressa in greco da un termi­ ne dall'accezione molto concreta, hypsos, che letteralmente significa