Il cielo e il mondo. Commento al trattato "Del Cielo" di Aristotele

Nel pensiero di Buridano, nato nell'Artois o forse in Piccardia verso la fine del Duecento, maestro nella facoltà d

217 69 12MB

Italian Pages 479 [484] Year 1983

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Il cielo e il mondo. Commento al trattato "Del Cielo" di Aristotele

Table of contents :
gB001
gB002
gB005_1L
gB005_2R
gB006_1L
gB006_2R
gB007_1L
gB007_2R
gB008_1L
gB008_2R
gB009_1L
gB009_2R
gB010_1L
gB010_2R
gB011_1L
gB011_2R
gB012_1L
gB012_2R
gB013_1L
gB013_2R
gB014_1L
gB014_2R
gB015_1L
gB015_2R
gB016_1L
gB016_2R
gB017_1L
gB017_2R
gB018_1L
gB018_2R
gB019_1L
gB019_2R
gB020_1L
gB020_2R
gB021_1L
gB021_2R
gB022_1L
gB022_2R
gB023_1L
gB023_2R
gB024_1L
gB024_2R
gB025_1L
gB025_2R
gB026_1L
gB026_2R
gB027_1L
gB027_2R
gB028_1L
gB028_2R
gB029_1L
gB029_2R
gB030_1L
gB030_2R
gB031_1L
gB031_2R
gB032_1L
gB032_2R
gB033_1L
gB033_2R
gB034_1L
gB034_2R
gB035_1L
gB035_2R
gB036_1L
gB036_2R
gB037_1L
gB037_2R
gB038_1L
gB038_2R
gB039_1L
gB039_2R
gB040_1L
gB040_2R
gB041_1L
gB041_2R
gB042_1L
gB042_2R
gB043_1L
gB043_2R
gB044_1L
gB044_2R
gB045_1L
gB045_2R
gB046_1L
gB046_2R
gB047_1L
gB047_2R
gB048_1L
gB048_2R
gB049_1L
gB049_2R
gB050_1L
gB050_2R
gB051_1L
gB051_2R
gB052_1L
gB052_2R
gB053_1L
gB053_2R
gB054_1L
gB054_2R
gB055_1L
gB055_2R
gB056_1L
gB056_2R
gB057_1L
gB057_2R
gB058_1L
gB058_2R
gB059_1L
gB059_2R
gB060_1L
gB060_2R
gB061_1L
gB061_2R
gB062_1L
gB062_2R
gB063_1L
gB063_2R
gB064_1L
gB064_2R
gB065_1L
gB065_2R
gB066_1L
gB066_2R
gB067_1L
gB067_2R
gB068_1L
gB068_2R
gB069_1L
gB069_2R
gB070_1L
gB070_2R
gB071_1L
gB071_2R
gB072_1L
gB072_2R
gB073_1L
gB073_2R
gB074_1L
gB074_2R
gB075_1L
gB075_2R
gB076_1L
gB076_2R
gB077_1L
gB077_2R
gB078_1L
gB078_2R
gB079_1L
gB079_2R
gB080_1L
gB080_2R
gB081_1L
gB081_2R
gB082_1L
gB082_2R
gB083_1L
gB083_2R
gB084_1L
gB084_2R
gB085_1L
gB085_2R
gB086_1L
gB086_2R
gB087_1L
gB087_2R
gB088_1L
gB088_2R
gB089_1L
gB089_2R
gB090_1L
gB090_2R
gB091_1L
gB091_2R
gB092_1L
gB092_2R
gB093_1L
gB093_2R
gB094_1L
gB094_2R
gB095_1L
gB095_2R
gB096_1L
gB096_2R
gB097_1L
gB097_2R
gB098_1L
gB098_2R
gB099_1L
gB099_2R
gB100_1L
gB100_2R
gB101_1L
gB101_2R
gB102_1L
gB102_2R
gB103_1L
gB103_2R
gB104_1L
gB104_2R
gB105_1L
gB105_2R
gB106_1L
gB106_2R
gB107_1L
gB107_2R
gB108_1L
gB108_2R
gB109_1L
gB109_2R
gB110_1L
gB110_2R
gB111_1L
gB111_2R
gB112_1L
gB112_2R
gB113_1L
gB113_2R
gB114_1L
gB114_2R
gB115_1L
gB115_2R
gB116_1L
gB116_2R
gB117_1L
gB117_2R
gB118_1L
gB118_2R
gB119_1L
gB119_2R
gB120_1L
gB120_2R
gB121_1L
gB121_2R
gB122_1L
gB122_2R
gB123_1L
gB123_2R
gB124_1L
gB124_2R
gB125_1L
gB125_2R
gB126_1L
gB126_2R
gB127_1L
gB127_2R
gB128_1L
gB128_2R
gB129_1L
gB129_2R
gB130_1L
gB130_2R
gB131_1L
gB131_2R
gB132_1L
gB132_2R
gB133_1L
gB133_2R
gB134_1L
gB134_2R
gB135_1L
gB135_2R
gB136_1L
gB136_2R
gB137_1L
gB137_2R
gB138_1L
gB138_2R
gB139_1L
gB139_2R
gB140_1L
gB140_2R
gB141_1L
gB141_2R
gB142_1L
gB142_2R
gB143_1L
gB143_2R
gB144_1L
gB144_2R
gB145_1L
gB145_2R
gB146_1L
gB146_2R
gB147_1L
gB147_2R
gB148_1L
gB148_2R
gB149_1L
gB149_2R
gB150_1L
gB150_2R
gB151_1L
gB151_2R
gB152_1L
gB152_2R
gB153_1L
gB153_2R
gB154_1L
gB154_2R
gB155_1L
gB155_2R
gB156_1L
gB156_2R
gB157_1L
gB157_2R
gB158_1L
gB158_2R
gB159_1L
gB159_2R
gB160_1L
gB160_2R
gB161_1L
gB161_2R
gB162_1L
gB162_2R
gB163_1L
gB163_2R
gB164_1L
gB164_2R
gB165_1L
gB165_2R
gB166_1L
gB166_2R
gB167_1L
gB167_2R
gB168_1L
gB168_2R
gB169_1L
gB169_2R
gB170_1L
gB170_2R
gB171_1L
gB171_2R
gB172_1L
gB172_2R
gB173_1L
gB173_2R
gB174_1L
gB174_2R
gB175_1L
gB175_2R
gB176_1L
gB176_2R
gB177_1L
gB177_2R
gB178_1L
gB178_2R
gB179_1L
gB179_2R
gB180_1L
gB180_2R
gB181_1L
gB181_2R
gB182_1L
gB182_2R
gB183_1L
gB183_2R
gB184_1L
gB184_2R
gB185_1L
gB185_2R
gB186_1L
gB186_2R
gB187_1L
gB187_2R
gB188_1L
gB188_2R
gB189_1L
gB189_2R
gB190_1L
gB190_2R
gB191_1L
gB191_2R
gB192_1L
gB192_2R
gB193_1L
gB193_2R
gB194_1L
gB194_2R
gB195_1L
gB195_2R
gB196_1L
gB196_2R
gB197_1L
gB197_2R
gB198_1L
gB198_2R
gB199_1L
gB199_2R
gB200_1L
gB200_2R
gB201_1L
gB201_2R
gB202_1L
gB202_2R
gB203_1L
gB203_2R
gB204_1L
gB204_2R
gB205_1L
gB205_2R
gB206_1L
gB206_2R
gB207_1L
gB207_2R
gB208_1L
gB208_2R
gB209_1L
gB209_2R
gB210_1L
gB210_2R
gB211_1L
gB211_2R
gB212_1L
gB212_2R
gB213_1L
gB213_2R
gB214_1L
gB214_2R
gB215_1L
gB215_2R
gB216_1L
gB216_2R
gB217_1L
gB217_2R
gB218_1L
gB218_2R
gB219_1L
gB219_2R
gB220_1L
gB220_2R
gB221_1L
gB221_2R
gB222_1L
gB222_2R
gB223_1L
gB223_2R
gB224_1L
gB224_2R
gB225_1L
gB225_2R
gB226_1L
gB226_2R
gB227_1L
gB227_2R
gB228_1L
gB228_2R
gB229_1L
gB229_2R
gB230_1L
gB230_2R
gB231_1L
gB231_2R
gB232_1L
gB232_2R
gB233_1L
gB233_2R
gB234_1L
gB234_2R
gB235_1L
gB235_2R
gB236_1L
gB236_2R
gB237_1L
gB237_2R
gB238_1L
gB238_2R
gB239_1L
gB239_2R
gB240_1L
gB240_2R
gB241_1L
gB241_2R
gB242_1L
gB242_2R
gB243_1L
gB243_2R
gB244_1L
gB244_2R
gB245
gB246

Citation preview

I CLASSICI DEL PENSIERO Vittorio Mathieu, direttore SEZIONE II

MEDIOEVO E RINASCIMENTO Giovanni Santinello, direttore

GIOVANNI BURIDANO

IL CIELO E IL MONDO COMMENTO AL TRATTATO «DEL CIELO» DI ARISTOTELE Introduzione, traduzione, sommari e note di Alessandro Ghisalberti

Quest'opera è stata curata dal CENTRO DI RICERCHE DI METAFISICA dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

RUSCONI

Prima edizione settembre 1983 Proprietà letteraria riservata Rusconi Libri S .p .A., via Livraghi l/b, 20126 Milano

INTRODUZIONE

I.

Il trattato « Del cielo » di Aristotele.

Che cosa Aristotele intendesse con il termine «cielo » dichiarato nel primo libro del suo trattato : «cielo » ha tre significati. Nel primo indica «la sostanza dell'estrema orbita del tutto, ovvero il corpo naturale che si trova nel­ l'estrema orbita del Tutto », designa cioè il cielo delle stelle fisse. Nel secondo significato «cielo » comprende i corpi situati tra il cielo delle stelle fisse e la terra, ossia il cielo in cui sono posti i pianeti. Nel terzo significato infine «cie­ lo » designa «il corpo circoscritto e contenuto dall'estrema orbita », ossia «l'universo nel suo insieme » 1. Questo significato più ampio è quello utilizzato nello scritto aristotelico, che si occupa di tutta la sostanza corpo­ rea naturale e sensibile, e ciò dà ragione del titolo che i medievali spesso usarono per contrassegnare l'opera: De caelo et mundo (Del cielo e dell'universo) , perché parlan­ do solo di cielo si potrebbe pensare esclusivamente al corpo che si muove circolarmente; è perciò necessario specificare che si parla anche dei mobili secondo il moto rettilineo. La struttura aristotelica del cosmo si basa su alcuni assunti considerati evidenti, ma che in realtà sono presup­ posti di una cosmologia ambiziosa, la quale pretendeva di elaborare la spiegazione sistematica, pur nella brevità della trattazione, dell'intero universo. Stabilito che esistono due è

I Aristotele, Del cielo I 9,278b 8-2 1; trad. di O. Longo in Arista­ Il'le, Opere, III, Roma-Bari 1973.

8

INTRODUZIONE

moti semplici, quello rettilineo e quello circolare, si defi­ nisce come moto rettilineo quello verso l'alto o verso il basso, per cui in definitiva solamente tre movimenti po­ tranno essere detti semplici: quello circolare, quello retti­ lineo verso il basso, quello rettilineo verso l'alto. Aristotele fa corrispondere ad essi tre corpi semplici : « Se dunque esiste un moto semplice, e se il moto circolare è semplice, e il moto dei corpi semplici è semplice, e il moto semplice è proprio dei corpi semplici - ma anche se il moto è di un corpo composto, sarà secondo la parte in esso prevalente -, ne viene che deve di necessità esistere un corpo semplice che in virtù della sua natura abbia la proprietà di muoversi di moto circolare » 2. Tutto il primo libro Del cielo ha come obiettivo primario quello di stabilire la coincidenza del cie­ lo sopralunare con questo corpo semplice che si muove di moto semplice e di definirne le caratteristiche : la perfezio­ ne, l'eternità, l'ingenerabilità e l'incorruttibilità. Degli altri moti, quello verso il basso (