Il capitalismo ibrido. Saggio sul mondo multipolare 9788842096634

Che genere di capitalismo si sta profilando all'orizzonte dopo i mutamenti di scenario e di prospettiva avvenuti ne

277 93 979KB

Italian Pages 154 Year 2011

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Il capitalismo ibrido. Saggio sul mondo multipolare
 9788842096634

Table of contents :
Blank Page......Page 2

Citation preview

Saggi Tascabili Laterza 357

Valerio Castronovo

Il capitalismo ibrido Saggio sul mondo multipolare

Editori Laterza

© 2011, Gius. Laterza & Figli Prima edizione 2011 www.laterza.it Questo libro è stampato su carta amica delle foreste, certificata dal Forest Stewardship Council

Proprietà letteraria riservata Gius. Laterza & Figli Spa, Roma-Bari Finito di stampare nel maggio 2011 SEDIT - Bari (Italy) per conto della Gius. Laterza & Figli Spa ISBN 978-88-420-9663-4

Il capitalismo ibrido Saggio sul mondo multipolare

l’illusione d’Un nuovo «American Dream»

La Storia non ha mai seguito un percorso lineare e uni­ voco. Eppure, dopo la dissoluzione del «socialismo rea­ le», di un ordinamento politico totalitario, rimasto in Unione Sovietica arroccato sulla collettivizzazione dei mezzi di produzione e pietrificato da un apparato bu­ rocratico ipertrofico, si era diffusa la convinzione che non solo la democrazia ma anche il capitalismo – alla fine vincente grazie soprattutto a un crescente flusso di innovazioni e alla forza d’urto espressa dall’econo­ mia americana – avrebbe finito col procedere secondo una sola e unica direttrice di marcia, sotto la bandiera a stelle e strisce. E dovunque, a ogni latitudine, si sarebbe fatto di tutto per allinearsi il più possibile al modello di sviluppo americano, a quello che era il perno e il motore dell’economia più ricca e dinamica del mondo. È vero che l’Europa comunitaria seguitava a van­ tare un suo modello specifico, quello dell’«economia sociale di mercato», in quanto contraddistinto da un intervento dei poteri pubblici quale garante di una più equa distribuzione del reddito; e che fra le due sponde dell’Atlantico era in corso da sempre una sorta di ‘coe­ sistenza competitiva’ nell’agone economico internazio­ nale. Ma l’Europa comunitaria appariva intorpidita e, ­3

per di più, era alle prese col dilemma se aprire o meno, fin da subito, le sue porte ad alcuni Paesi ex comunisti dell’Est. Si pensava perciò che non avrebbe potuto ga­ reggiare con l’America. Come, del resto, era avvenuto a suo tempo, nell’ultimo decennio del secolo Ventesimo, nel caso del Giappone, che aveva dovuto alla fine cede­ re il passo. Tant’è che s’era perso il ricordo di quando, tra gli anni Settanta e Ottanta, grazie all’intreccio fra una tecnologia d’avanguardia e un’aggressiva politica commerciale, sembrava che il Sol Levante dovesse ar­ rivare a contendere agli Stati Uniti il primato in cima al firmamento economico. Quanto alla Cina – il grande «pianeta rosso» so­ pravvissuto al cataclisma del mondo comunista – non solo a Washington ma in altre capitali dell’Occidente si riteneva che il regime post-maoista sarebbe giunto prima o poi a ripudiare il suo codice genetico, senza giungere peraltro a costituire un serio concorrente in campo economico, dato che avrebbe dovuto provvede­ re innanzitutto ad assestarsi più saldamente al potere e poi darsi da fare per migliorare la sorte della maggioran­ za dei suoi cittadini, che versavano in condizioni di po­ vertà. Per il resto, a grandi democrazie come l’India e il Brasile, che avevano intrapreso la via dello sviluppo con un passo più svelto rispetto al passato, non era il caso di prestare particolare attenzione, in quanto avrebbero dovuto percorrere ancora molta strada, sempre che fos­ sero riuscite a farlo, prima di poter influire in qualche modo sugli equilibri geoeconomici mondiali. In America si era pertanto convinti che occorresse tutt’al più perfezionare i congegni del proprio sistema economico per rafforzarne la preminenza a livello in­ ternazionale e accrescere ancor più le distanze dagli altri Paesi. Ma, adesso che non era più indispensabile ­4

destinare cifre considerevoli agli armamenti, si pensava anche che fosse possibile devolvere una quota maggiore delle risorse di cui si disponeva alle spese sociali. E così, nel corso della presidenza di Bill Clinton, si era puntato non solo su un progetto di riforma, l’Health Security Act, che prevedeva l’assistenza sanitaria per tutti, ossia per i quaranta milioni di americani che non avevano alcuna copertura del genere. S’era provveduto pure a concentrare una parte più consistente di investimenti pubblici su una serie di misure che contribuissero a incrementare le possibilità di accesso a un lavoro più qualificato e ad agevolare la diffusione di nuove cono­ scenze. Il workfare, la formazione di un capitale umano dotato di più ampie competenze e attitudini personali, e quindi in grado di riequilibrare l’elevata flessibilità del mercato del lavoro determinata dalle nuove tecnologie, avrebbe dovuto divenire il nerbo della politica sociale nell’era della new economy. Di qui il lancio nel 1997 di un piano di «alfabetiz­ zazione informatica», fra gli investimenti prioritari del governo federale, con l’assunzione di centomila nuovi insegnanti e il collegamento di ogni aula alle reti tele­ matiche, per educare i giovani all’uso dei nuovi stru­ menti di scrittura e di comunicazione. Clinton era in­ fatti convinto che, qualora non ci si fosse impegnati per rendere familiari le più recenti innovazioni high tech, la rivoluzione determinata dal digitale avrebbe pro­ dotto crescenti disparità sociali all’interno del Paese. Congedandosi dalla Casa Bianca, aveva potuto vantare il fatto che oltre il 40 per cento dei ventidue milioni di nuovi posti di lavoro creati negli ultimi sette-otto anni riguardava attività specializzate; e che più del 60 per cento di quanti li occupavano percepiva retribuzioni al di sopra della media. ­5

Allorché George W. Bush nel gennaio 2001 prese il posto di Clinton, i repubblicani non vollero essere da meno dei democratici nell’orientare l’economia e la so­ cietà americana verso nuovi traguardi. Beninteso a modo loro; e, dato che passavano da sempre per apparentati ai principali gruppi d’interesse, avevano pensato a qualcosa di nuovo rispetto ai propri paradigmi abituali. Non già, naturalmente, a un capovolgimento della loro tradizio­ nale linea politica, come sarebbe avvenuto nel caso di un progetto per una redistribuzione del reddito attraverso le leve del fisco o per un incremento della spesa pubblica a favore dei ceti più modesti. Ritenevano piuttosto che, ad attenuare le diseguaglianze sociali, potessero servire de­ terminati strumenti da attivare nell’ambito del mercato finanziario. In tal modo non sarebbero venuti meno ai princìpi di una destra moderata e neoliberista. Un «capitalismo ben temperato», all’insegna di un «conservatorismo compassionevole»: così era stato de­ finito l’obiettivo che l’establishment repubblicano, in sintonia con gli intellettuali neocon, intendeva conse­ guire. Ossia, una sorta di ‘capitalismo soft’, che fosse più sensibile ai problemi della gente comune e corri­ spondesse a certe aspettative dell’«uomo della strada». In pratica, il progetto concepito dallo staff presiden­ ziale avrebbe dovuto dar vita a una nuova stagione del capitalismo americano altrettanto prospera che benefi­ ca per la collettività. Una sorta, insomma, di New Deal, ma non più – come ai tempi di Roosevelt – per trarre l’America dal baratro di una drammatica recessione, bensì per renderla più robusta e coesa socialmente in virtù dell’iniziativa individuale e non per l’azione del potere statuale. Ciò avrebbe dimostrato la capacità dell’America, in quanto «umile ma forte» – come affer­ mava Bush –, di reinventarsi e di continuare a crescere. ­6

Sappiamo come questo suo assioma sia stato spaz­ zato via dal vortice di una crisi economica devastante. Oltretutto, la peggiore che si ricordi dopo quella del 1929 e comunque tale da colpire duramente il cuore e le nervature del sistema americano. Eppure, ai suoi esordi, quello messo a punto dal think tank del Partito repubblicano non sembrava, di per sé, un teorema ideologico, una formula altrettanto suggestiva che astratta. Né c’erano i prodromi di un ca­ taclisma alle porte. Per stabilire in che cosa avrebbe dovuto consistere l’essenza, il nocciolo duro, di un «capitalismo ben tem­ perato», era bastato infatti tener conto di quanto era dato cogliere e registrare da una realtà sotto gli occhi di tutti. Ossia, che la popolazione stava crescendo no­ tevolmente, in quanto sospinta anche dall’afflusso negli Usa di tanti immigrati latinoamericani, e che, di con­ seguenza, s’era infittita la domanda di nuove case nei grandi centri urbani e nelle aree limitrofe più affollate. Si trattava perciò di fare in modo che anche le famiglie meno abbienti e quelle formate dalle leve più giovani potessero accedere al possesso di un’abitazione, me­ diante attraenti condizioni contrattuali praticate dalle banche, tali da facilitare il conseguimento di quest’ago­ gnato obiettivo da parte del maggior numero di persone possibile. Insomma, non c’era da andare tanto lontano, da chiamare a consulto economisti e politologi, per sta­ bilire quale fosse la soluzione migliore per imprimere un marchio che rendesse popolare e avvincente un mo­ dello di capitalismo come quello vagheggiato dai repub­ blicani una volta tornati al potere. In verità, già durante la presidenza di Clinton era affiorata un’idea del genere, tant’è che si era comincia­ to a elaborare un programma denominato «per la casa ­7

accessibile», con riferimento in particolare a quei set­ tori della middle class che ne erano ancora sprovvisti. Ma la «bolla» dei titoli tecnologici aveva poi messo in difficoltà i democratici, che avevano enfatizzato i mira­ bili effetti di Internet e gli esordi di una nuova «società dell’informazione». Ad ogni modo, era stato il nuovo inquilino della Casa Bianca a fare dell’accessibilità a una casa in proprio il suo cavallo di battaglia durante la campagna per le elezioni legislative di mid-term. Da conservatore pragmatico qual era, Bush aveva colto perfettamente la duplice valenza di una politica intesa a favorire gli aspiranti alla proprietà individua­ le dell’abitazione in cui risiedevano o di un alloggio di nuova costruzione. Da un lato, si sarebbe potuta rivi­ talizzare, attraverso l’espansione dell’edilizia residen­ ziale con i suoi molteplici effetti positivi per l’industria e l’occupazione, l’economia americana (non ancora riavutasi del tutto dalla recessione manifestatasi dopo l’attentato terroristico del settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York). Dall’altro, rendendo molto più accessibile il credito necessario all’acquisizione di una casa, la gente avrebbe smesso di rimpiangere il clima d’euforia che si respirava ai tempi della presidenza di Clinton, coincisi con la fase culminante della floridez­ za economica e dell’egemonia politica degli Stati Uniti su scala planetaria dopo il crollo nel 1991 dell’Unione Sovietica. Così l’era dell’«impero americano» avrebbe avuto un significato concreto, non più soltanto politico e psicologico, per centinaia di migliaia di cittadini che aspiravano al possesso di un bene immobile come la casa, quale patrimonio duraturo e solida garanzia per il proprio avvenire. Quella che Bush intendeva realizzare era, a suo mo­ do, una riedizione dell’American Dream, in funzione di ­8

un nuovo primato nel medagliere degli Stati Uniti ma anche, non secondariamente, di un abile calcolo politi­ co. Proponendosi di esaudire le speranze di quegli strati sociali medio-bassi che da sempre costituivano il ser­ batoio dei suffragi del Partito democratico, e offrendo loro la possibilità di acquisire la proprietà di un’abita­ zione, il leader repubblicano puntava a riconvertirne gli orientamenti. Nel contempo avrebbe dato una prova persuasiva di quel «conservatorismo compassionevole» di cui il suo partito si proclamava fautore e garante. In pratica, dopo l’avvento ai tempi lontani di Lyndon Johnson di una affluent society, ossia di una società ca­ ratterizzata dall’espansione dei consumi privati e da un generale miglioramento del tenore di vita, gli americani avrebbero assistito alla nascita di una home-owners society, una società contrassegnata dalla diffusione di un titolo di proprietà come quello di una casa, ambìto da tante famiglie. Del resto, non foss’altro che per ragioni di opportunità politica, era necessario venire incontro alle aspettative dei ceti meno abbienti dopo che la ridu­ zione delle imposte sui capital gains e l’esenzione dalle tasse di successione, stabilite nel 2003, avevano avvan­ taggiato quelli più facoltosi. S’era così coltivato un nuovo sogno americano, que­ sta volta con tanto di sigillo repubblicano, che avrebbe consacrato, per l’appunto, i postulati di un «capitalismo ben temperato», tale da avere a cuore la causa degli stra­ ti sociali più deboli. È vero che anche i democratici si erano affrettati a condividere un progetto come quello della «casa per i poveri», per non perdere terreno nei propri collegi elettorali a favore dei loro rivali. Ma erano i repubblicani ad avere nelle mani il timone del governo e la possibilità di tradurre in pratica quanto avevano in mente senza dover ricorrere alle casse dello Stato. ­9

A tal fine s’erano assicurati la cooperazione di una delle massime istituzioni americane, la Federal Reserve Bank, giacché una generosa politica monetaria avrebbe potuto assecondare l’espansione del credito a favore di quanti intendevano acquistare un alloggio. D’altro canto, a capo della Fed, da quindici anni, c’era un abile nocchiero come Alan Greenspan, che contava dalla sua, oltre a una vasta esperienza, una re­ putazione indiscussa. Non solo aveva saputo calibrare all’occorrenza, senza brusche oscillazioni, tanto il freno quanto l’acceleratore, per scongiurare nel primo caso pericolosi surriscaldamenti inflazionistici e per evitare nel secondo il rischio di scivolate recessive. Era riuscito anche a riassorbire gli effetti di un trauma come quello dell’11 settembre 2001, e non importava più di tanto che l’avesse fatto ricorrendo a cospicue iniezioni di li­ quidità. Del resto, non c’era simposio internazionale in cui non si cantassero le lodi del governatore della Fed e della sua maestria nel pilotare la politica monetaria, nonché della sua personalissima dottrina in materia di ingegneria finanziaria.

L’amara favola della «casa per tutti»

Sappiamo come andarono a finire le cose. Ma va det­ to che fino ad allora erano stati ben pochi – al punto da contarsi sì e no sulle dita di una mano – quelli che avevano sollevato qualche obiezione nei riguardi dei precetti di Greenspan, tanto essi apparivano infallibili o comunque meritevoli della massima considerazione. D’altronde, la Fed possedeva facoltà e prerogative di così vasta portata da orientare e regolare, insieme al sistema finanziario statunitense, la politica economica americana e da influenzare, in pratica, quella del mondo intero. Non aveva perciò suscitato pressoché alcun motivo di preoccupazione il fatto che milioni di famiglie, inse­ guendo il miraggio seducente di entrare in possesso di una casa, s’indebitassero contraendo prestiti, anche a lunga scadenza, con i mutui subprime, cosiddetti per­ ché concessi a persone con bassi redditi o di dubbia capacità economica ma garantiti in gran parte da due agenzie semipubbliche come Fannie Mae e Freddie Mac. D’altro canto questo genere di mutui, pur gravati da una relativa ipoteca, sembravano una manna piovuta dal cielo, in quanto contemplavano tassi estremamente modici per un certo numero d’anni; e non c’era banca ­11

che non fosse disposta a concederli. Essi venivano per­ ciò ritenuti dall’opinione comune strumenti e simboli di una «finanza democratica» per eccellenza. Si pensava, infatti, che i saggi d’interesse si sarebbero mantenuti altrettanto bassi anche in futuro, oltre i primi due o tre anni stabiliti di norma, mentre le quotazioni degli im­ mobili sarebbero nel frattempo lievitate a tutto vantag­ gio degli acquirenti. A loro volta, le banche emittenti avevano provve­ duto a cartolarizzare i propri crediti, a trasformarli in obbligazioni commerciali, smembrandoli in tanti pez­ zetti e reimpacchettandoli in prodotti finanziari tra i più eterogenei che, concepiti talora in base a calcoli matematici sempre più complessi, erano stati posti in vendita con la promessa al pubblico di ottimi rendi­ menti. Trasferendo in tal modo il rischio creditizio (dovuto alla mancanza di un obbligo preliminare di accertamento dell’effettiva solvibilità del mutuatario) sull’intero mercato dei capitali, e spalmandolo in mille rivoli, esse si sentivano tranquille ritenendosi del tutto al sicuro. Quanto alle società di rating, alle quali spet­ tava il compito di monitorare gli eventuali rischi dei mutui subprime, erano sicure che non esistesse alcun pericolo, dato che s’era allungata la catena delle inter­ mediazioni tra creditori e debitori. Ma non si doveva soltanto ai subprime il fatto che il mercato finanziario avesse preso il volo: a Wall Street circolava già una gran massa di altri titoli derivati, con­ cepiti da un plotone di banchieri e manager fautori di una «finanza innovativa». Del resto, a dar loro una mano nell’inondare la City di questi loro prodotti era l’esistenza di una liquidità ampia e disponibile, dovuta a due circostanze. Al fatto che il governo avesse tagliato le tasse su consiglio della Fed, secondo la quale in tal ­12

modo si sarebbe evitato di rimborsare il debito pubbli­ co troppo rapidamente; e al fatto che erano stati resi sempre più permissivi i criteri per la concessione del credito. Comunque fosse, l’eccezionale espansione del mer­ cato finanziario veniva considerata un segno tangibile della vitalità e versatilità del capitalismo americano, della sua congenita capacità di creare nuove opportu­ nità. I fondi d’investimento venivano infatti alimentati per lo più da una miriade di piccoli risparmiatori, per integrare a tempo debito le loro pensioni; e l’aziona­ riato popolare era divenuto perciò non solo una delle colonne portanti dell’intero sistema finanziario ma an­ che un tratto fondamentale dell’American Way of Life. Dunque, tanto meglio se adesso i subprime davano mo­ do a tanti americani di acquistare una casa a condizioni particolarmente vantaggiose. Fu così che, quando alcune banche cominciarono, nel febbraio 2007, a dichiarare di essere in difficoltà con i mutui subprime, non ci si fece gran caso. Né ci si preoccupò più di tanto allorché risultò che Fannie e Freddie erano giunte a garantire molti più mutui di quanti ne potessero avallare. D’altronde, la Fed segui­ tò a starsene alla finestra non ravvisando alcun motivo per allarmarsi, anche quando in giugno il pericolo di un crollo dei subprime e di altri mutui sulla casa iniziò a essere avvertito sul mercato del credito. I tassi d’interes­ se, che già avevano cominciato a salire, sospinti da una serie di rincari delle materie prime, stavano ormai schiz­ zando sempre più in alto. Tanta gente, nel frattempo indebitatasi con i mutui subprime, si trovò sulle spine, non essendo più in grado di far fronte alle rate mensi­ li che in alcuni casi erano persino raddoppiate. Molti avevano smesso di pagarle e le loro case, il cui valore ­13

era già sceso sotto il livello del capitale da rimborsare, erano state sequestrate. Ma se questo scivolone subìto dal mercato dei subprime si rivelò fatale, fu perché banche e assicurazio­ ni avevano frattanto accumulato enormi attività fuori bilancio, non solo in prodotti finanziari contenenti mi­ gliaia di mutui cartolarizzati, ma anche in una congerie di titoli d’ogni specie, alcuni dei quali creati in base a formule talmente astruse da essere quasi indecifrabili. Le insolvenze sui mutui immobiliari, sebbene non fos­ sero in numero esorbitante, finirono per cadere come un mozzicone di sigaretta non spento su un deposito di benzina: ossia, su una massa di debiti a breve termine in cui s’erano ingolfate le banche in seguito a una loro crescente leva finanziaria. Di conseguenza, l’‘incendio’ scoppiato a Wall Street investì un’enorme piramide di carta, di titoli derivati, gran parte dei quali immessi sul mercato con un valore più elevato del loro effettivo con­ tenuto. Né bastò a scongiurare il crollo delle Borse l’in­ tervento della Fed, che nella terza settimana di gennaio del 2008 tagliò di ben 75 punti base i tassi (la riduzione più consistente da ventitré anni a quella parte), per poi ribassare ulteriormente, una settimana dopo, di altri 50 punti il costo del denaro. Da allora, come è noto, la tempesta innescata dalla nuvolaglia dei mutui subprime si sarebbe sempre più ingrossata sino a trasformarsi in un vero e proprio cata­ clisma finanziario. Andò così dissolvendosi, dopo l’in­ nesco della debtonation dei subprime, una gran massa di denaro capitalizzato in hedge funds, bond e vari altri titoli che andavano per la maggiore. Con la frantumazione dell’artificiosa impalcatura messa su dai maghi della finanza si dileguò anche il miraggio fatto balenare dagli araldi della destra repub­ ­14

blicana. Ed emerse uno spettacolo desolante, quello di una moltitudine di sfrattati, di migliaia e migliaia di fa­ miglie affogate dai debiti, da un giorno all’altro senza più un tetto sopra la testa. Come se si fosse abbattuto sulle case in cui s’erano appena installate uno di quei tornado che periodicamente colpiscono alcune regioni degli Stati Uniti sradicando e distruggendo tutto ciò che incontrano sul loro percorso.

Un crack che ha sconvolto tutti i mercati

Dal grembo di un «capitalismo ben temperato», la cui gestazione era stata affidata alle cure della Fed, era dun­ que scaturito una sorta di «turbocapitalismo», un mega­ meccanismo creato da una cerchia di grandi banchieri con l’obiettivo di accumulare una sempre maggior quan­ tità di denaro, senza la produzione di merci, e che, spinto all’eccesso, aveva provocato alla fine il ciclone abbattuto­ si su Wall Street. D’altra parte, questo congegno finaliz­ zato alla massimizzazione dei profitti, essendosi diffuso per via delle molteplici ramificazioni e interrelazioni del mercato americano, aveva contagiato altre banche e so­ cietà finanziarie nel resto del mondo. Perciò il crollo della City aveva avuto un effetto domino sulle principali piaz­ ze, con ripercussioni altrettanto micidiali per la finanza e l’intera economia su scala internazionale. Ma come mai non era stato possibile prevedere e quindi arrestare sul nascere una deriva del sistema fi­ nanziario così tumultuosa e travolgente? In sostanza, ci si è chiesti se si sarebbe potuto evitare che certe scosse iniziali avvenute sul mercato dei subprime agissero da detonatore della crisi; oppure se il crack dei derivati era destinato, per forza di cose, a esplodere sino alle sue estreme conseguenze. ­16

Innanzitutto, risulta evidente come fosse tanto ambi­ zioso quanto azzardato il tentativo della classe politica (a cominciare dai repubblicani) di estendere il numero di proprietari di case attraverso un credito elargito spen­ sieratamente o comunque senza le dovute cautele, per accattivarsi il favore degli elettori a basso reddito. Ma se era poi esplosa una crisi così devastante ciò era avvenuto soprattutto a causa delle acrobazie di un sistema banca­ rio non solo opaco ma totalmente scollato dall’economia reale, un sistema che, con i soldi altrui, s’era avventurato allo sbaraglio in una ridda di operazioni sempre più ri­ schiose che proprio per questo promettevano nel breve periodo profitti e bonus superlativi. Inoltre, è vero che all’espansione frenetica del mer­ cato mobiliare americano aveva fatto da incubatrice la liberalizzazione a tutti gli effetti dei prodotti finanzia­ ri avvenuta durante la presidenza di Ronald Reagan e l’ultimo tratto del mandato di Bill Clinton. Ma questa misura era stata assunta nel contesto più generale di una politica economica volta dapprima a superare una fase di stagflazione prolungatasi per quasi tutti gli anni Settanta, e poi a promuovere la finanziarizzazione del­ le imprese e delle attività di ricerca nel nuovo settore dell’informatica. Era stata piuttosto la mitizzazione in chiave politico-ideologica (sulla scia del verbo di Milton Friedman) della «mano invisibile» del mercato a diffon­ dere e accreditare l’idea – sostenuta da una folta schiera di opinion maker, ma anche di numerosi politici di en­ trambi gli schieramenti – che il «free market» sarebbe stato tanto più in grado di creare ricchezza quanto più padrone di agire da sé, tutt’al più con qualche regola dettata dai poteri pubblici. Fatto sta che era andata manifestandosi un’ondata di operazioni speculative di trading talmente disinvolte ­17

da costituire sovente delle vere e proprie scorribande in lungo e in largo da parte delle maggiori banche e società finanziarie. I loro titolari, che pur passavano in precedenza come operatori per lo più prudenti, s’erano dati a costruire dei castelli finanziari sofisticati e con un alto grado di rischio. E ciò non solo senza alcun ri­ guardo per la tutela dei risparmiatori, ma anche senza alcuna preoccupazione per l’entità degli indebitamenti, con l’occhio attento unicamente a quanto fosse possibi­ le guadagnare di più e rapidamente. D’altro canto, Greenspan aveva seguitato a giurare sulla specchiata onestà e correttezza dei principali ban­ chieri della City, dato che le loro attività finanziarie risul­ tavano perfettamente legali, anche se congegnate espres­ samente in forme e termini tali da non cadere sotto le lenti delle autorità di sorveglianza. Inoltre, aveva chiuso gli occhi sull’eccessiva avidità degli esponenti e dei top manager delle banche d’affari, giunti ad accaparrarsi si­ no alla metà, quando non oltre, dei ricavi. Per lui vale­ va comunque il principio che le banche, nel loro stesso interesse, agissero in modo razionale e non avventato. Del resto, del medesimo avviso non era soltanto la Fed. Anche se in quel miglio quadrato di New York attorno a Wall Street si concentrava fisicamente la mas­ sima parte dei patrimoni miliardari quotati in Borsa, su altre piazze le cose non andavano tanto diversamente. Quasi dappertutto dominava un clima di grande eufo­ ria, i corsi dei vari titoli venivano aggiornati ogni istan­ te grazie alle tecnologie elettroniche che collegavano i mercati finanziari del mondo intero, circolava una gran dovizia di denaro, e le banche – abbondando nella leva finanziaria come nella concessione di crediti – condu­ cevano la danza, sicure che avrebbero seguitato a essere premiate con la creazione di un sempre maggior valore ­18

per gli azionisti quanto più si fossero spinte in operazio­ ni ardite o comunque fuori dell’ordinario. Pure in Europa la deregolamentazione dei prodotti finanziari era stata condivisa, in sede politica, da de­ stra come da sinistra. Ed era perciò in circolazione da tempo una miriade di titoli derivati dei più diversi ti­ pi, sotto gli occhi distratti dei governi, e perciò senza che le competenti autorità di controllo avvertissero la necessità di imporre adeguati limiti di salvaguardia di fronte a una mole ingente di debiti bancari venutisi in tal modo a creare. A non contare poi una massa ugualmente debordante di crediti e di mutui ipotecari: tant’è che in Inghilterra, Irlanda e Spagna erano com­ parsi fin dal 2007 i prodromi di una bolla immobiliare più o meno analoga a quella americana. Su questo gran mare d’affarismo d’alto bordo o di piccolo cabotag­ gio, si era così abbattuto uno ‘tsunami finanziario’, sia pure meno violento di quello scatenatosi su Wall Street nel settembre 2008, considerate le dimensioni relativamente più circoscritte delle piazze del Vecchio Continente. Ma i fattori patologici della crisi erano più o meno gli stessi. Alcuni commentatori hanno attribuito le cause di questa perversa spirale a una tara intrinseca al sistema capitalistico, ossia alle sue congenite pulsioni specula­ tive, accentuatesi oltremodo negli ultimi tempi per via dei nuovi e più svariati congegni inventati e messi in opera dalla tecnofinanza. Di certo, è innegabile che l’impiego del denaro per far denaro sia una costante del capitalismo fin dalla sua comparsa sulla scena, come pure il fatto che abbia provocato, a cominciare da certe ‘bolle’ settecentesche, più di un uragano finanziario. Non per questo, la spe­ culazione è mai giunta a un punto tale da surclassare ­19

l’attività rappresentata dalla produzione di beni e dai frutti del lavoro. Senonché, sarebbe proprio questo ciò che sta avve­ nendo secondo quanti ritengono che il turbocapitali­ smo – o il «finanzcapitalismo», come lo si voglia chia­ mare – si debba in sostanza a una crescente mercifica­ zione della moneta attraverso l’emissione di una massa di titoli finanziari di gran lunga sovrabbondante ed estesa su scala planetaria rispetto alla produzione reale, quella di merci e di servizi. E che, quindi, sia in corso una finanziarizzazione tendenziale e inesorabile dell’e­ conomia, dovuta anche alla preminenza assunta, sulla scia di politiche neoliberiste, da una sorta di ‘pensiero unico’, di fondamentalismo mercatista, tale da diviniz­ zare il mercato quale entità autoreferenziale, al di là di ogni principio etico e finalità pubblica. Questa tesi si fonda senz’altro su alcuni dati di fat­ to indiscutibili, a cominciare dalla crescente disparità fra redditi di lavoro e redditi di capitale, e quindi fra i percettori di salari e quelli di profitti e di rendite. Una forbice, questa, che ai tempi di Clinton i democratici intendevano restringere col superamento del digital divide per assicurare in tal modo maggiori possibili­ tà d’occupazione qualificata e quindi maggior potere contrattuale alla classe lavoratrice. E che i repubblicani pensavano invece di compensare riducendo le disegua­ glianze sociali attraverso l’accesso, da parte delle cate­ gorie meno abbienti, alla proprietà di una casa, reso possibile da prodighi incentivi creditizi. Ad ogni modo, il turbocapitalismo non è stato tanto il parto di un processo univoco e ineluttabile quale sa­ rebbe venuto configurandosi nei Paesi avanzati sotto la spinta dell’ideologia e della prassi neoliberiste. Alcuni fattori che hanno determinato il sopravvento del tur­ ­20

bocapitalismo (per esempio bassi tassi d’interesse, un credito facile, una spesa pubblica finanziata in deficit) sono ingredienti che appartengono tradizionalmente al­ le politiche economiche di matrice progressista e inter­ ventista. È bensì vero che negli ultimi decenni governi conservatori e ultraliberisti (come quelli di Reagan e dei due Bush negli Stati Uniti e della Thatcher e di Major in Gran Bretagna) hanno finito per fare ricorso, in un modo o in un altro, a leve più o meno analoghe, tanto da aver aumentato la spesa pubblica e sopperito al suo aumento con una forte crescita del debito statale. Se poi i mercati finanziari hanno assunto dimensioni straripanti e alcune grandi banche hanno agito sciente­ mente – o perso la bussola – nella ricerca a ogni costo di proventi sempre più lucrosi, ciò è avvenuto a causa della latitanza o della passività delle istituzioni pubbli­ che. In pratica, è mancato il ricorso a codici normati­ vi, o comunque a efficaci antidoti, che impedissero sia eccessivi o incongruenti indebitamenti bancari, sia una moltiplicazione di prodotti finanziari tanto artificiosi quanto altamente rischiosi e dunque tali da costituire delle vere e proprie trappole per gli acquirenti. Si è continuato così a lasciare totale briglia sciolta ai pifferai magici della grande finanza, senza muovere un dito, anche quando sia l’inflazione di titoli lanciati a getto continuo sul mercato mobiliare sia la lievitazione a dismisura delle loro quotazioni non risultavano avere alcun riferimento con il trend dell’economia reale. Di conseguenza, la banche d’affari hanno seguitato ad agi­ re a loro assoluta discrezione dirottando una gran mas­ sa di liquidità verso spregiudicate operazioni di natura eminentemente speculativa. Quanto alla bolla immobi­ liare, i bacilli della crisi erano spuntati fin da quando si era cominciato a sentire puzzo di bruciato a proposito ­21

dei subprime. Perciò l’epidemia che hanno poi provoca­ to poteva venire quantomeno circoscritta per limitarne i danni, qualora ci si fosse mossi per tempo. Senonché, come ha ammesso in un saggio autobio­ grafico dal titolo L’era della turbolenza, apparso nel 2007, dopo il suo congedo dalla Fed, Greenspan non aveva dato molta importanza all’incipiente contagiosi­ tà dei subprime. La considerava semplicemente «della schiuma di tante piccole bolle locali»; quanto ai prodot­ ti finanziari derivati, li riteneva strumenti utili a «favori­ re l’efficienza dei meccanismi di scambio»; mentre i credit default swaps servivano, a suo avviso, a trasferire «il rischio di credito da coloro che non vogliono correrlo a quelli che sono pronti ad accettarlo e ne sono capaci». Queste sue convinzioni, condivise peraltro dal Te­ soro, spiegano l’eccessiva condiscendenza della Fed nei confronti della rigurgitante emissione di derivati da parte delle banche: quando sarebbe bastata una sua vigorosa moral suasion per contenere le loro strategie altrettanto aggressive che spericolate. A sua volta, il Tesoro, in virtù delle sue prerogative, avrebbe potuto frenare l’eccessiva liquidità ed effervescenza del settore finanziario. Fu così che, alla lunga, le ‘scosse sismiche’ finirono col travolgere innanzitutto le banche e i rispar­ miatori, per poi propagarsi a raggiera.

La sindrome del declino di un’iperpotenza

Analizzando le conseguenze del disastro innescato dai raid speculativi a ruota libera delle principali banche d’affari e dall’imprevidenza della Fed e delle società di rating, Richard Posner ha sostenuto, in un saggio intito­ lato La crisi della democrazia capitalista, che il risultato di questa calamità è stato doppiamente grave per i suoi effetti micidiali sia sul versante economico che su quel­ lo politico. E ciò a causa tanto di una ‘sacralizzazione’ del mercato, che ha provocato o comunque asseconda­ to una degenerazione del capitalismo autoregolato di marca anglosassone sfociata nell’anarchia di un sistema bancocentrico e nella profusione a macchia d’olio di strumenti finanziari per lo più scarsamente trasparenti agli stessi operatori, quanto della totale inettitudine dei poteri pubblici nella regolamentazione e nella sorve­ glianza dell’attività creditizia. D’altra parte, che il siste­ ma nel suo complesso sia precipitato in una crisi profon­ da starebbero a dimostrarlo, a suo avviso, le difficoltà di un regime democratico, ancorché robusto come quello americano, di venire a capo della recessione attraverso un’efficace exit strategy e affrontando alla radice il nodo delle diseguaglianze economiche e sociali. Di qui la sua diagnosi pessimistica sul futuro del binomio fra capita­ ­23

lismo e democrazia, quale era andato configurandosi in Occidente nel corso degli ultimi sessant’anni. Ma si può parlare, a proposito del collasso finan­ ziario avvenuto nell’autunno del 2008 e dei suoi effetti ancorché dirompenti, di una crisi tale da rendere im­ probabile una ripresa in forze del sistema economico statunitense e da mettere a repentaglio gli stessi cardini della democrazia americana? E ritenere altresì che i me­ desimi pericoli corrano i Paesi occidentali? A questa tesi ha certamente contribuito il fatto che l’esplosione della crisi, lasciando un segno profondo nella società e nell’opinione pubblica americana, ha portato molti osservatori a chiedersi se stiamo assisten­ do al declino degli Stati Uniti, paese-guida del capita­ lismo e archetipo della democrazia liberale. E, quindi, anche all’epilogo di una potenza che sino a poco tempo fa sembrava dovesse forgiare il Ventunesimo secolo, sino a farne un «secolo americano» per eccellenza, in virtù tanto della sua egemonia economica che del suo successo nella sfida storica al totalitarismo comunista. In realtà, occorre innanzitutto evitare di emettere certe sentenze sommarie sulla sorte del capitalismo, co­ me se fosse in balìa di una serie di ipoteche altrettanto deleterie che irreversibili dopo quanto è accaduto. Più che di una crisi di per sé del capitalismo, è più appro­ priato e confacente parlare, alla luce di come sono an­ date le cose, di un cortocircuito del sistema finanziario provocato dall’ingordigia dei banchieri ma soprattutto dall’insipienza dei regolatori. Lo si era già constatato tra il 1999 e il 2000 a proposito dell’«Internet mania», della profusione di titoli delle società tecnologiche e di telecomunicazioni, sospinti dalle banche a vette inusi­ tate, che la Fed aveva lasciato correre. E così pure è avvenuto nel caso della bolla immobiliare e della con­ ­24

comitante leva finanziaria alimentata a dismisura dagli alchimisti e dai broker di Wall Street. Qualora aves­ se esercitato in pieno i suoi poteri di controllo, la Fed avrebbe innanzitutto impedito che i titoli connessi ai mutui immobiliari giungessero a intossicare il mercato e sbarrato comunque la strada, per tempo, a una diffu­ sione strabocchevole dei derivati e di altre transazioni. Per di più, il successore di Greenspan, Ben Bernanke, commise lo stesso errore marchiano del suo predeces­ sore sottovalutando l’impatto della crisi dei subprime e rassicurando comunque il Congresso e il governo fede­ rale che i tardivi e oltretutto parziali provvedimenti da lui adottati avrebbero potuto stabilizzare la situazione. Non per questo la classe politica va considerata esen­ te da responsabilità. I democratici per primi, in quanto avevano escluso, durante le ultime battute della presi­ denza Clinton, i prodotti derivati negoziati anche sui mercati esteri dalla regolamentazione in materia finan­ ziaria. Successivamente, nel luglio 2003, il Congresso – in linea con il programma di Bush, ma con un ampio consenso da parte dei democratici, che ritenevano di poterne beneficiare anch’essi – aveva varato una legge che, al fine di agevolare gli acquisti di abitazioni, con­ sentiva alle banche di accordare i relativi mutui senza doversi dare la pena di verificare la disponibilità di un qualsiasi reddito da parte di chi li sottoscriveva. Al con­ trario di quanto avveniva in passato, quando le banche s’informavano persino sullo stato di salute e sulla com­ posizione della famiglia di chi intendeva contrarre un mutuo ai loro sportelli. D’altra parte, quanto a miopia e imprevidenza gli economisti non sono stati da meno. Fatta eccezione per Nouriel Roubini e qualche altro, si accorsero della bolla dei subprime quando ormai era scoppiata. Inoltre, av­ ­25

vezzi a ragionare sulla base di modelli macroeconomici standard, non avevano valutato adeguatamente il ruolo della finanza; e, quando era sopraggiunta la tempesta finanziaria, avevano ritenuto che i suoi effetti sarebbero stati transitori e comunque non tali da provocare un tra­ collo economico. L’ultimo guaio, infine, l’aveva combi­ nato la Fed, agendo in modo contraddittorio di fronte all’emergenza di banche e società finanziarie, salvando così la Bear Stearns e lasciando, invece, che la Lehman Brothers colasse a picco. Ma se da più parti era mancata una valida opera di prevenzione e monitoraggio, dal canto suo la corporate governance, nella quale s’era fatto grande affidamento, aveva mostrato la corda essendosi tradotta in una ge­ stione come quella dei colossi bancari basata sull’az­ zardo e sull’irresponsabilità. Al punto che i loro azio­ nisti, nell’intento di massimizzare i propri dividendi, e il management, puntando su strategie eccessivamente rischiose per procurarsi elevate prebende, avevano fi­ nito per incrinare la stessa stabilità del sistema econo­ mico. Era così caduto l’assunto secondo cui il mercato autoregolandosi era in grado di produrre senz’altro una maggior ricchezza, e quindi più benefici ed effetti positivi per l’intera economia. La «finanza creativa» e autogestita aveva invece distrutto un’enorme quantità di ricchezza, costituita non solo da denaro capitalizzato ma da una moltitudine di imprese e posti di lavoro. Tuttavia, non si può ritenere che il Great Crash abbia annientato i fondamenti dell’economia statunitense, e tantomeno che sia giunto a incrinare le basi della de­ mocrazia americana. Il sistema economico è rimasto in piedi ancorché fortemente danneggiato da una tempe­ sta finanziaria estremamente violenta e malgrado l’at­ teggiamento inizialmente incerto e contraddittorio, tra ­26

esitazioni sul da farsi e decisioni superficiali o incoe­ renti, dei poteri pubblici. Gli Stati Uniti contano pur sempre un vasto patrimonio tecnologico e un’alta pro­ duttività di base; e sono tuttora al primo posto per gli investimenti complessivi nella ricerca e nello sviluppo, tanto da figurare all’avanguardia per le tecnologie del futuro (come la biotecnologia e la nanotecnologia). D’altra parte, le iniziative assunte in sede politica per cambiare le regole del gioco del sistema finanziario do­ vrebbero imbrigliare in futuro certe spinte esuberanti e disordinate dei mercati, riconducendole entro ambiti e circuiti normali. Si è provveduto, infatti, a mettere in ri­ ga le banche affinché non si avventurino più, attraverso la cavalcata delle cartellizzazioni, in una rovinosa leva finanziaria, e svolgano invece la funzione loro propria: quella di trasferire il denaro dai risparmiatori agli inve­ stitori e viceversa. Una prima importante decisione a questo riguardo è stata presa da Barack Obama e dal nuovo responsabile del Tesoro, Tim Geithner, col divieto di negoziazione di titoli in conto proprio e con la separazione del cre­ dito commerciale da quello delle banche d’affari. Ciò dovrebbe riportare l’attività bancaria verso il business tradizionale ed evitare che gli istituti preposti alla ge­ stione dei depositi dei risparmiatori se ne servano per un proprio giro di speculazioni ad alto rischio. Quanto agli interrogativi che sono venuti ponendo­ si sulla tenuta della democrazia americana, il pur con­ siderevole potere dei «grossi gatti grassi», ossia degli esponenti delle venticinque maggiori banche e società finanziarie di Wall Street, non è mai arrivato al punto da intaccare i valori e le qualità di fondo del sistema politico americano. È vero piuttosto che il governo federale ha dovuto ­27

contribuire con ingenti stanziamenti di denaro pubbli­ co alla ricapitalizzazione di alcune banche, considerate troppo grandi e interconnesse per lasciarle fallire. E che c’è sempre il rischio che, passata la bufera, esse tornino ad agire come prima. Ma le disposizioni varate nel frat­ tempo dovrebbero garantire in futuro una sorveglianza più estesa e penetrante sul loro operato. Senza contare che adesso l’opinione pubblica è assai più vigile nei con­ fronti dell’alta finanza.

un futuro a tinte chiaroscure

Che la democrazia americana non abbia subìto smaglia­ ture lo dimostra, se non altro, il serrato dibattito poli­ tico in atto sulla riconversione del sistema economico. I repubblicani ritengono che lo staff presidenziale della Casa Bianca punti a una statalizzazione strisciante dell’economia tramite l’istituzione di speciali agenzie pubbliche e semipubbliche, con il compito non solo di controllare le banche d’affari affinché non assuma­ no rischi eccessivi o non commettano eventuali abusi, ma di governare di fatto l’intero sistema finanziario in funzione di determinati obiettivi di carattere politi­ co. Il successo che essi hanno ottenuto nel novembre 2010, nelle elezioni legislative di mid-term, li ha indot­ ti a intensificare la loro opposizione a ulteriori misure che rendano più rigidi i congegni di regolazione del sistema bancario. Lo si può constatare dalla relazio­ ne di Peter Wallison, esponente di spicco del Partito repubblicano e dell’American Enterprise Institute, la quale diverge totalmente dagli altri due rapporti stilati dalla Commissione d’inchiesta sulla crisi, nominata dal governo federale: in essa viene infatti addebitata pres­ soché interamente alle agenzie parapubbliche Fannie e Freddie (che, trasformate oggi in enti pubblici, garan­ ­29

tivano gran parte dei mutui casa in America) la respon­ sabilità di aver innescato la miccia che ha provocato il crollo di Wall Street. A loro volta, i democratici considerano essenziale ri­ formulare l’architettura finanziaria anche e soprattutto per rimettere in marcia l’attività produttiva. Del resto, senza una ripresa in forze della produzione di beni e servizi non sarebbe possibile ridurre la voragine del di­ savanzo pubblico e creare adeguate condizioni di soste­ nibilità del colossale indebitamento americano. Fatto sta che, nonostante i prestiti stanziati dal go­ verno per la ricapitalizzazione di alcune grandi impre­ se più malconce, l’industria manifatturiera non appa­ re in grado di riprendersi in tempi brevi. Interi Stati, dall’Ohio al Michigan, hanno visto le fabbriche ridursi in grumi di ferraglie inutilizzate e rugginose; e quasi sei milioni di posti di lavoro sono andati perduti. Dai tempi della Grande Depressione degli anni Trenta non era mai accaduta una cosa del genere. C’è dunque più di un motivo per chiedersi se non sia impallidita di colpo la stella dell’America sul pro­ scenio mondiale: in sostanza, cosa possa restare della sua vocazione imperiale di qualche anno fa, vocazione strettamente legata alla forza d’urto e alle direttrici di marcia del suo apparato produttivo e tecnologico. Per quasi un secolo la grande industria è stata infatti uno degli assi portanti e il principale motore del capi­ talismo americano che, nelle sue differenti versioni, ha dominato la scena economica mondiale, influenzando in un modo o nell’altro la fisionomia e il percorso degli altri Paesi avanzati in Europa e altrove. E ciò in virtù dapprima del modello taylorista-fordista, poi di quello manageriale affermatosi tra gli anni Trenta e gli anni Sessanta, infine di quello delle multinazionali, che di ­30

volta in volta hanno segnato altrettanti tornanti cruciali sul terreno delle innovazioni di processo e di prodotto. Tanto che l’industria, associata ai laboratori e ai cen­ tri di ricerca dove si producevano nuove idee e nuovi progetti, era non solo la leva principale dell’impetuoso sviluppo dell’economia statunitense, ma anche il mag­ gior elemento di attrazione del suo sistema capitalistico. È noto come le cose siano cambiate dall’inizio del nuovo secolo. La banca ha eroso il piedistallo della fab­ brica; i listini di Borsa hanno concentrato su di sé le luci dei riflettori lasciando in ombra gli indici della produ­ zione e dell’occupazione; il maneggio del denaro è ap­ parso la fonte precipua dell’arricchimento al confronto del lavoro e della creatività; è comunque prevalsa l’idea che nell’economia globale quello che in fondo conta so­ no la finanza, i servizi e le tecnologie digitali. Tutto ciò ha modificato il volto del capitalismo ame­ ricano. E sebbene il suo patrimonio tecnologico sia an­ cor oggi consistente e la sua economia rimanga tuttora la più competitiva al mondo (subito dietro piccoli Stati come la Svizzera, Singapore e la Svezia), ci si chiede se gli Stati Uniti abbiano le energie necessarie per ri­ sollevarsi dai disastri provocati dalla crisi finanziaria e possano ritornare a esprimere in pieno le loro attitudini e proiezioni d’un tempo. Di qui il dilemma che, una volta dissoltosi l’alone aureo di successo che circondava il capitalismo ameri­ cano, s’è venuto oggi ponendo su un suo declino: secon­ do alcuni analisti, non sarebbe solo relativo, provocato dall’ascesa di altri Paesi, ma assoluto, tale da tradursi in una vera e propria decadenza. In effetti, nonostante la crescita di tre punti percen­ tuali del Pil avvenuta nel 2010, l’America appare ancora smarrita e frastornata. Un americano su dieci non ha ­31

un’occupazione, stando ai dati ufficiali; e innumerevoli sono le famiglie che tirano avanti grazie ai buoni spesa per l’assistenza pubblica e ai pasti gratuiti distribui­ti nel­ le mense per i poveri. Se poi si considera che un adulto su sette vive al di sotto della soglia di povertà, si com­ prende come una quota consistente di americani si trovi a che fare con un incubo che è stato definito con una triplice «D»: desolazione, devastazione, deprivazione. D’altra parte, i tagli alle tasse hanno finito col premiare i più abbienti, il debito pubblico ha seguitato a crescere e il governo federale è giunto persino a evocare il peri­ colo di un default tecnico, in sostanza di una bancarotta, qualora non si trovasse il modo di arrestare il deficit. Per di più, i magnati della finanza, ora che i corsi dei titoli in Borsa hanno ricominciato a salire, hanno rialza­ to la testa. Additati come i principali responsabili della catastrofe dei mercati, i leader dei più grandi istituti bancari americani non solo hanno respinto quest’accu­ sa ai mittenti, ma sono persino insorti contro le nuo­ ve regole del mercato finanziario: al World Forum di Davos del gennaio 2011, le hanno definite una ragna­ tela di vincoli eccessivi che minacciano di imprigionare il sistema bancario col risultato di spingerne l’attività verso aree che eludono le nuove norme. Per non parla­ re, poi, delle lamentele di quanti lavorano ai piani alti dei grattacieli delle maggiori società finanziarie, i quali non sopportano il fatto che, in base a una nuova legge, metà dei bonus e degli incentivi in contanti dovranno essere dilazionati per almeno tre anni e che essi saranno penalizzati se compiono operazioni poco avvedute o er­ ronee, tali da provocare perdite all’azienda. In questo contesto, e in seguito al successo dei tea parties, ossia dei raduni populistici promossi da Sarah Palin, si è infoltita la schiera dei nostalgici dell’epoca di ­32

Reagan e delle sue famose ricette (meno regole, meno tasse anche sul patrimonio, più mercato senza limiti di sorta). Ci si è dimenticati che mai prima di allora la spe­ sa pubblica era aumentata in misura così estesa: tanto che per ben otto anni di fila il governo federale aveva chiuso i bilanci in rosso. Peraltro, non è solo la destra repubblicana a rimpiangere la politica dell’ex presiden­ te americano. Lo stesso Obama ha evocato in più di un’occasione la figura di Reagan indicandolo come un uomo che ha saputo ridare agli americani, indipenden­ temente dalle loro convinzioni politiche, la fiducia nel destino della propria Nazione. Tuttavia, è improbabile il ritorno sulla scena della deregulation d’un tempo e, tanto meno, di una finanzia­ rizzazione, rivelatasi un «serpente d’ingordigia, conflitti d’interesse e mala gestione», come l’ha definita il Senato americano. C’è invece più di un motivo per dubitare che, dopo tanti sconquassi, sia possibile ricostruire uno ‘zoccolo duro’ industriale analogo a quello antecedente lo scop­ pio della crisi, in quanto si tratta di un’impresa neces­ sariamente lenta. Ma soprattutto circolano molti inter­ rogativi sia sulla sostenibilità, alla lunga, dell’enorme indebitamento degli Stati Uniti sia sulla sopravvivenza del ruolo privilegiato del dollaro come valuta di riferi­ mento a livello mondiale, che consentiva a Washington di indebitarsi in modo illimitato. Consapevole della posta in gioco, Obama ha teso perciò la mano ai repubblicani offrendo loro di lavorare insieme per costruire un «nuovo radioso futuro dell’A­ merica». Pertanto l’opposizione dovrebbe assicurare il suo fattivo contributo sia al risanamento delle finanze pubbliche (dopo che la Casa Bianca s’è impegnata a congelare innanzitutto le spese discrezionali del gover­ ­33

no federale, escluse quelle in materia di sicurezza), sia per convertire tutto ciò che può servire al rafforzamen­ to dell’economia reale, mediante incentivi in grado di promuovere nuove imprese e nuovi posti di lavoro, e di sviluppare energie pulite e ricerca scientifica. Per Obama, democratici e repubblicani, rinserrando le fila e cooperando fra loro, potrebbero imprimere al Paese la stessa svolta avvenuta nei primi anni Sessanta, quan­ do l’America di Kennedy seppe reagire con successo alla sfida lanciata dall’Unione Sovietica con la messa in orbita dello Sputnik. Insieme a questo suo appello per un’intesa bipar­ tisan fra i due schieramenti politici, Obama ha voluto dare una prova concreta del suo impegno a riportare la produzione manifatturiera a un ruolo centrale nell’e­ conomia americana, chiamando al suo fianco Jeffrey Immelt, il leader della General Electric. Inoltre, no­ tevoli risultano finora i prestiti erogati a varie grandi imprese, a cominciare da quelle del distretto automo­ bilistico di Detroit: gli analisti sono infatti concordi nel ritenere che l’avvenire degli Stati Uniti dipenda pur sempre dall’industria, dalla crescita delle innovazioni tecnologiche e del capitale umano. Fra di essi, Michael Porter ha rilanciato la tesi da lui sostenuta all’inizio de­ gli anni Novanta nel famoso saggio Il vantaggio competitivo delle nazioni: quella secondo cui in tutti i Paesi la produzione manifatturiera, la formazione e la ricerca costituiscono i cardini di un sistema capitalistico non solo più efficiente e dinamico, ma anche socialmente più compatto. Senonché, alcuni fra i principali esponenti della grande industria vorrebbero andare per le spicce, e ri­ vendicano una politica protezionistica quale leva fonda­ mentale per un’immediata ripresa in salute dell’Ameri­ ­34

ca e una sua maggior competitività nei confronti delle nuove economie emergenti. Contrari a questa ipotesi sono, comunque, repubblicani e democratici, che se­ guitano finora a professare in maggioranza princìpi di stampo liberista. Quanto a ulteriori misure di stimolo all’economia, i neoeletti repubblicani al Senato sostengono che esse porterebbero il debito pubblico a livelli stratosferici. Nel budget del 2011 hanno perciò ottenuto che venisse usata la scure sulle pensioni e la sanità, vale a dire due conquiste che risalgono rispettivamente al New Deal di Roosevelt negli anni Trenta e alle riforme di Kennedy ne­ gli anni Sessanta, e che i democratici consideravano irri­ nunciabili. Per di più, il movimento del Tea Party preme sul Partito repubblicano affinché vengano tagliati, per il bilancio del 2012, numerosi posti negli uffici federali, anche a costo di una paralisi di molti servizi pubblici. Insomma, è ancora tutta in salita la strada che gli Stati Uniti dovranno percorrere per riassestare i conti pubblici, senza mettere in pericolo la ripresa economi­ ca, per riattivare i congegni della produzione e per rias­ sorbire gran parte della disoccupazione. Inoltre, non sembra per il momento che i repubblicani siano dispo­ sti a venire a patti con i democratici. Si può dunque pensare che non sarà più l’America l’emblema per eccellenza del sistema capitalistico? E che saranno altri attori a fare da battistrada nella nuova economia globale? Di certo, gli Stati Uniti non dette­ ranno più legge e la Fed non agirà più come se fosse la banca centrale del mondo. Ma va escluso che l’America sia in caduta libera, o che il suo futuro sia ormai alle spalle, come molti danno invece per scontato.

Un’Eurolandia divisa e in crisi d’identità

In altri tempi l’Europa non aveva avuto modo di te­ ner testa all’America nella competizione – per dirla con Michel Albert – fra le due rappresentanze originarie del capitalismo occidentale; ma, date le gravi ipote­ che incombenti sugli Stati Uniti, sembrava adesso che fosse giunta la volta buona per una rivalsa del Vecchio Continente. Beninteso, l’Europa non è rimasta immu­ ne dai contraccolpi della crisi finanziaria. Tutt’altro. La Banca centrale europea è riuscita però a salvaguar­ dare la tenuta dell’euro e l’Unione Europea conta pur sempre, con il suo quasi mezzo miliardo di abitanti, un mercato unico con robuste potenzialità di sviluppo, in quanto gli ex ‘fratelli separati’ dell’Est, affrancatisi dal regime comunista dopo il crollo nel 1989 del Muro di Berlino, mirano ad acquisire uno standard di vita ana­ logo a quello delle popolazioni dell’Ovest. D’altra parte, continua a reggere, pur con alcune ammaccature, il Welfare, il «compromesso socialdemo­ cratico» raggiunto nel dopoguerra fra democrazia e ca­ pitalismo. Né è stato accantonato il trattato di Lisbona del 2000, con cui l’Unione Europea si proponeva di di­ venire entro dieci anni il cardine dell’economia mondia­ le; lo si è infatti aggiornato prolungando di cinque anni ­36

la scadenza finale di quest’obiettivo. Inoltre, grazie al «Patto di stabilità» l’indebitamento dei principali part­ ner della Comunità che lo hanno sottoscritto è rimasto per lo più contenuto entro i parametri prestabiliti. Senonché, invece di accelerare il passo, l’Europa si trova oggi ad arrancare: non solo ha risentito della congiuntura recessiva propagatasi dall’America a tut­ to l’Occidente; ma sono anche emerse in piena luce le conseguenze di una trafila di carenze strutturali che, da tempo, già prima della crisi, avevano debilitato sia alcune sue componenti sia l’insieme della sua economia. Quella di cui soffre il Vecchio Continente è una sor­ ta di malattia del languore, come se fosse fiaccato da certi fardelli del passato o comunque afflosciato di per sé, privo di nuovi impulsi e vitalità. Numerosi analisti si sono perciò alternati, di volta in volta, al suo capez­ zale, chiedendosi se Eurolandia sia spossata fisicamen­ te o invece incartata mentalmente, tanto da non avere la forza o la carica necessarie per rimettersi in corsa. Sta di fatto che, ad eccezione della Germania, qua­ si tutti gli altri Paesi hanno perso man mano vigore in termini di competitività, e si trovano in serie difficoltà nel far ripartire la produzione e nel ricostituire almeno parte dei posti di lavoro bruciati non solo dalla crisi e dalla concorrenza dei Paesi emergenti, ma dal fatto che è mancata nel frattempo una politica concertata ed efficace nei campi della ricerca, dello sviluppo e della formazione. A ogni buon conto, è evidente che servi­ rebbe oggi, in primo luogo, una copiosa linfa di risorse e investimenti per non accartocciarsi in una condizio­ ne di avvilente sterilità. Tuttavia l’accesso al credito è andato restringendosi notevolmente, dopo decenni di prodigalità da parte delle banche: tanto che adesso vie­ ne erogato col contagocce. ­37

D’altro canto, senza robuste riforme strutturali in grado di incentivare le innovazioni e la produzione, la crescita economica continuerebbe a veleggiare entro margini ristretti, non più in là di una navigazione di piccolo cabotaggio. Per di più, l’aumento dei prezzi delle materie prime, ulteriormente rincarati in seguito alle incognite dovute ai rivolgimenti politici avvenuti nell’ambito del mondo arabo, sta mettendo a dura pro­ va una compagine che ne deve importare gran parte da fuori, da Paesi e Continenti all’esterno dei suoi confini. Inoltre, sebbene sia stato possibile bloccare la spe­ culazione internazionale scatenatasi nell’autunno del 2010 contro la Grecia (dove una politica scriteriata di spese e aumenti salariali nel settore pubblico, in corso da cinque-sei anni, aveva finito per affondare i conti dello Stato), non è detto che essa non si rimetta in mo­ to. Fra quanti tengono le fila dei mercati non manca chi intende affossare l’euro ed è pertanto rimasto in agguato, pronto a colpire la Spagna, il Portogallo ma pure l’Italia, qualora non seguitassero ad attenersi ai rigorosi parametri di austerità finanziaria del trattato di Maastricht o insorgessero al loro interno particolari motivi di instabilità politica. Ma come può l’Europa risalire la china? Sapendo che non esistono né pozioni miracolose né soluzioni rapide o indolori, cosa di cui l’opinione pubblica non sembra pienamente consapevole? Oggi si ritiene da più parti che l’Europa sia ormai una vecchia signora che deve badare a come tirare avanti, evitando di scivolare verso posizioni marginali o comunque di second’ordine. Ben altro, quindi, che coltivare l’ambizione nutrita in passato di tracciare nuovi percorsi e disegnare nuovi scenari. Ma non so­ no stati soltanto i danni e lo stress che Eurolandia ha ­38

subìto sul versante economico, in seguito al terremoto finanziario, ad aver ridotto sensibilmente le sue chances. Dopotutto, il sistema bancario non è stato squassato co­ me in America. E negli ultimi anni si è riusciti, alzando il livello di guardia, a recuperare la stabilità monetaria e finanziaria. Il principale punto debole dell’Europa è piuttosto il fatto che, malgrado le tante dichiarazioni d’intenti pro­ fuse dai suoi rappresentanti, è rimasta politicamente divisa e, quindi, non è in grado di affrontare in modo univoco e sistematico i problemi che si trova davanti per proseguire nel suo percorso. È divisa innanzitutto in due, tra gli Stati originari della Cee e gli Stati ex comuni­ sti dell’Est, che sospettano i principali Paesi dell’Ovest di voler erigere una nuova «cortina di ferro», in chiave protezionista, a tutela delle proprie industrie e dei pro­ pri mercati di lavoro. Ma non è questa l’unica linea di demarcazione all’interno della Comunità. L’altra è quel­ la che passa fra la Germania che procede spedita (con il suo grande hub produttivo ad alto valore aggiunto, un mercato meno sclerotico di dieci anni fa, il surplus della sua bilancia commerciale e le sue solide condizioni finanziarie), attorniata da un grappolo di Paesi ricchi e sviluppati (come Belgio, Olanda, Austria), e il resto dei partner dell’Unione Europea, che continuano invece a camminare a fatica: nel mezzo c’è la Francia, anch’essa in difficoltà ma incline a far da spalla a Berlino nelle principali questioni. Inoltre, la linea di condotta del­ la Banca centrale europea è condizionata dagli orien­ tamenti della Bundesbank, sia per quanto riguarda la politica monetaria (poiché la forza d’urto dell’economia tedesca, oltre al timore dell’inflazione, spinge per un rialzo dei tassi, ciò che provocherebbe una recessione ­39

nei Paesi più deboli) sia per quanto concerne l’assetto di vertice e quindi la guida della Bce. Per giunta, continua a non funzionare una politica estera e della sicurezza comune, e lo si è visto ancora una volta nel corso della missione dell’Onu in Libia contro il regime di Gheddafi: tanto sono divergenti gli interessi geo-politici fra i vari Stati europei. Tutte queste circostanze hanno finito per relegare in secondo piano la prospettiva di un’autentica entità europea sovranazionale. Quello federalista appare og­ gi soltanto più un sogno, una chimera di tempi ormai lontani. Tutti i membri del Parlamento europeo conti­ nuano a essere eletti su liste nazionali e oltretutto si è ridotta notevolmente l’affluenza alle urne in occasione delle relative consultazioni: segno, questo, di un cre­ scente scetticismo nei riguardi della causa europeista. Inoltre si sono affermati in vari Paesi movimenti e par­ titi xenofobi e ipernazionalisti. È dunque una vera e propria crisi d’identità quella che l’Unione Europea sta accusando.

La «strategia imperiale» della Germania

Attualmente nel Vecchio Continente è tornata in auge, rispetto all’opera delle istituzioni comunitarie, la con­ certazione tra gli esecutivi, tra i singoli governi nazio­ nali. E nell’ambito del Consiglio europeo – tuttora l’or­ gano decisivo dell’Unione Europea – la Germania, che sembra aver dimenticato la sua originaria vocazione in­ tegrazionista, oggi ha fra le sue mani molte più carte da giocare. Sia perché può contare sull’acquiescenza della Francia e su un rapporto privilegiato con la Polonia (la cui economia è in forte crescita in un contesto politico e finanziario stabile) e con altri Paesi dell’Est più dina­ mici e affidabili; sia perché ha stabilito ottime relazioni d’affari con la Russia, non solo nel campo degli approv­ vigionamenti energetici. Di fatto, Berlino punta ad alli­ neare le politiche fiscali e sociali dell’Unione Europea (dalle aliquote delle imposte, all’età pensionabile, ai pa­ rametri della contrattazione salariale) ai criteri invalsi nel proprio contesto nazionale. E tende perciò a dare la preferenza alla negoziazione fra capi di governo, re­ stringendola comunque entro la cornice della sola zona dell’euro e lasciando perciò fuori la Gran Bretagna. D’altra parte, la crisi ha contribuito a marcare lo spostamento di leadership da Bruxelles verso Berlino. ­41

Non a caso, la capitale tedesca attira oggi una crescente schiera di imprenditori, manager, architetti, e inoltre di giovani, con le sue eccellenti Università e i suoi cenacoli culturali all’insegna della post-modernità. Non per questo, naturalmente, si devono considerare frutto di supponenza e arroganza certi reiterati appelli di Angela Merkel agli altri governanti di Eurolandia, af­ finché tengano fede all’obbligo di mantenere in equili­ brio i conti pubblici, essendo quest’obiettivo di comune interesse. Vero è, però, che nel frattempo la Germania continua a premere il pedale delle proprie esportazioni, curandosi ben poco del fatto che i crescenti disavanzi commerciali di altri suoi partner possono pregiudica­ re la tenuta complessiva dell’Unione Europea. E se, dopo faticose trattative, ha finito per sottoscrivere un impegno comune a intervenire qualora fosse necessaria la ristrutturazione del debito pubblico di alcuni Paesi della Comunità per scongiurare il pericolo di una loro bancarotta, non intende adesso fare la sua brava par­ te nella ripartizione dei costi riguardanti l’assistenza ai profughi che dall’Africa del Nord sbarcano sulle coste del Sud del Continente. Senonché, sia l’‘Europa a due velocità’ sia l’Europa divisa da orientamenti geo-politici divergenti è il risulta­ to del fatto che essa non è giunta ad adottare un sistema di governo e una linea d’azione comuni. Ci si è limitati, piuttosto, a coordinare le politiche dei Paesi membri, in modo che siano compatibili unicamente o soprattutto con i parametri del trattato di Maastricht. Non si sono invece compiuti passi decisivi verso una vera e propria integrazione, tale da comportare la creazione di nuove regole, istituzioni o authority eminentemente europee, e ciò non solo per la politica estera e quella della si­ curezza, ma pure per vari settori economici: da quello ­42

(investito poi dal ciclone del 2008) riguardante le rego­ le della finanza, il mercato dei derivati e le agenzie di rating, a quello concernente i princìpi contabili per le società d’azioni, la separazione delle attività bancarie da operazioni speculative e la protezione di risparmiatori e investitori in prodotti finanziari. Soltanto oggi s’è imposta l’esigenza di riportare l’at­ tività finanziaria sotto controllo con un’adeguata rifor­ ma che valga su scala europea. E ciò per forza di cose, poiché, qualora non venissero assunte efficaci misure in proposito, non si potrebbero attuare concrete politiche antirecessive. Senza una riapertura dei canali del credito in condizioni di sicurezza, non esisterebbe infatti altra soluzione che una serie di interventi pubblici a pioggia, per ridare impulso alla domanda e ai consumi, col rischio di un rigonfiamento del deficit pubblico, incompatibi­ le con i vincoli imprescindibili del Patto di stabilità. Si spiega pertanto come continui a brillare nel conte­ sto europeo (ma anche altrove) la stella della Germania. Innanzitutto, perché il suo avanzo nei conti pubblici contribuisce a sorreggere in pratica il valore della mo­ neta comune, e la sua economia, crescendo a un ritmo doppio rispetto alla media della zona euro, è l’unica locomotiva che marcia a pieno regime nell’ambito di Eurolandia. Inoltre le banche tedesche sono giunte ad acquistare titoli pubblici, per svariati miliardi, di una decina di Paesi fra i Balcani e il bacino mediterraneo, altrimenti squattrinati. Questi e altri progressi sono avvenuti impercettibil­ mente, senza che la Germania lo desse a vedere, con una sorta di ‘understatement’, un profilo tenuto voluta­ mente basso per non ridestare eccessivi timori e sospetti associati al ricordo, pur sempre vivo, del nazismo e dei suoi orrori. ­43

Tuttavia, l’ascesa della Germania è balzata agli occhi in tutto il mondo, dopo che la Borsa di Francoforte ha conquistato il New York Stock Exchange, ossia l’istitu­ zione che ha rappresentato e continua a rappresentare la casa avita del capitalismo americano delle grandi cor­ poration. Sebbene si tratti formalmente di una «fusione tra eguali», gli azionisti tedeschi detengono il 60 per cento del capitale della nuova company rispetto al 40 per cento in possesso degli azionisti americani e avran­ no dieci dei diciassette posti nel board, al cui vertice siederà per giunta il leader della Deutsche Börse. Di certo, non verrà ammainata dal pennone di Wall Street la bandiera a stelle e strisce; tuttavia, la più importante piazza finanziaria del pianeta, e anche quella più ‘liqui­ da’, passerà sotto la sovrintendenza di quello che at­ tualmente è il più grande operatore borsistico del mon­ do, dal momento che già controlla le piazze di Parigi, Londra e Amsterdam. Cosa che nemmeno al tempo in cui i giapponesi comprarono il Rockefeller Center sembrava potesse mai accadere. Ma che invece, questa volta, è riuscito a fare un altro Paese sconfitto, appunto la Germania, a sessantacinque anni dalla vittoria ameri­ cana nella seconda guerra mondiale. Sembra quasi una sorta di nemesi storica. La sindrome del declino che angoscia gli Stati Uniti si è venuta perciò accentuando, di pari passo con la dif­ fusa sensazione che l’America debba ora fare i conti non solo con la Cina ma pure con la Germania, che nei giornali d’Oltreoceano viene solitamente rappresentata con in testa il vecchio elmo chiodato prussiano. Tant’è che proprio questa ulteriore preoccupazione potrebbe indurre gli ambienti politici d’Oltreatlantico a rimettere in discussione la nascita della nuova megaconcentrazio­ ne finanziaria sotto il vessillo tedesco. ­44

Non è solo l’Europa, quindi, a temere un ritorno in forze della Germania tale da modificare lo scenario politico e i complessi equilibri esistenti nel Vecchio Continente. In effetti, essa risulta oggi una potenza di prima grandezza nell’ambito dell’economia globale in virtù di una feconda combinazione di risorse finanzia­ rie, consistenza industriale, produttività e competitivi­ tà sui maggiori mercati. E potrebbe crescere ancor di più di statura qualora decidesse di esercitare una vera e propria leadership politica ai fini di un’effettiva inte­ grazione europea. La Germania, però, non sembra voler assumere que­ sto ruolo. Nel mezzo di alcune emergenze, per esempio quando si trattava di scongiurare il default della Grecia, che pur avrebbe avuto conseguenze estremamente ne­ gative sulla sorte dell’euro, la «cancelliera di ferro» ha infatti mostrato di tenere assai più in conto il proprio elettorato, alla vigilia delle consultazioni nel Nord RenoVestfalia, e ciò non solo per l’irritazione provocata dalla scoperta che i conti pubblici di Atene erano truccati da anni. E successivamente ha esitato sino all’ultimo nel sottoscrivere la creazione del fondo «salva Stati» e il suo potenziamento. Al di là delle tergiversazioni della Merkel, di quella che è stata definita una leader senza coraggio, resta il fatto che gli ideali dell’integrazione europea non susci­ tano più la fiducia e l’interesse d’un tempo nell’ambito della Repubblica Federale Tedesca. D’altronde, ancorché si riconoscesse a Berlino la guida dell’Unione Europea, al fine di trasformarla al­ meno in una confederazione, sarebbe per la Germania un’impresa quanto mai ardua tentare di ricucire le gros­ se smagliature prodottesi nel frattempo in Europa al momento di scelte cruciali su guerra e pace (come è ­45

accaduto a proposito dell’intervento sia in Iraq che in Libia) e cercare inoltre di unire saldamente i percorsi dei Paesi dell’Est con quelli dei ‘Grandi’ del versante occidentale. In ogni caso l’Europa dei Ventisette è troppo grande e vasta per accettare di essere guidata da un qualsiasi polo di riferimento. Oltretutto i tedeschi, con il loro amore per l’ordine e la loro serietà nonché per via di altre tradizionali virtù (dall’affidabilità all’attaccamento al lavoro), «pensano sempre di dover ammaestrare, ma non sanno aiutare», come diceva Goethe. A maggior ragione i suoi partner non sopporterebbero regole e prescrizioni dettate da Berlino, dopo che a fatica han­ no accettato le norme del trattato di Maastricht, voluto a suo tempo dalla Bundesbank. Meglio, dunque, per la Germania, andare per la propria strada: avendola peraltro percorsa finora con notevole successo, e dato che non ha certo bisogno di un passaporto europeo per accreditarsi a livello internazionale. Per il resto, il governo tedesco ritiene di saper salva­ guardare il Welfare (il cui atto di battesimo è coinciso, d’altronde, con l’esordio del modello capitalistico «re­ nano») assai meglio rispetto ad altri Paesi europei, in quanto destina allo ‘stato sociale’ un terzo del suo Pil. Cosa che difficilmente sarà possibile prima o poi ad altri governi europei, a causa del maggior grado d’invecchia­ mento della loro popolazione e, quindi, del carico più elevato di oneri in pensioni e sanità gravante sui bilanci statali (già sotto pressione per una mole di debiti pub­ blici).

La transizione verso nuovi equilibri politico-economici

Nel giro di pochi anni sono avvenuti tanti e tali muta­ menti per cui niente è rimasto come prima nella par­ te del mondo più sviluppato. Se gli Stati Uniti stanno cercando, in mezzo a molteplici difficoltà, di risalire la china dopo una calamità finanziaria i cui effetti sono an­ cora tangibili tanto da impaurire anche la middle class, a sua volta l’Europa non si trova in condizioni migliori, con una gran massa di giovani precari e di pensiona­ ti rassegnati al peggio. Per di più, l’Unione Europea dà l’impressione d’essere ormai arrivata al capolinea. Alla tradizionale riluttanza della Gran Bretagna ad ab­ bracciare la causa europeista si sono infatti aggiunti il ripiegamento della Germania (come s’è detto) su posi­ zioni meno unitariste o comunque più autoreferenziali, lo scontento dei Paesi dell’Est, nonché le divergenze di orientamenti fra le Nazioni del Nord-Centro e quelle dell’area mediterranea su non poche questioni di fondo e, da ultimo, anche sulla missione dell’Unione Europea nei riguardi di un Nord Africa da dove pur trae una par­ te consistente del gas e del petrolio di cui ha bisogno. C’è dunque da chiedersi se quelli che sono stati i protagonisti dell’economia e della politica mondiale per oltre due secoli lo saranno ancora nell’immediato ­47

futuro. Hanno infatti perso negli ultimi decenni molto terreno e sarà una fortuna se riusciranno a recuperarne almeno una parte. Il prodotto nazionale lordo americano, che nel 1950 era esattamente la metà di quello mondiale, nel 2010 s’è ridotto al 21-22 per cento. Se poi si considerano insie­ me Usa, Canada ed Europa, che negli anni Cinquanta realizzavano nel complesso quasi il 70 per cento del Pil globale, essi ne annoverano, ai giorni nostri, ormai solo il 40-45 per cento. Perciò il mondo occidentale, insieme al Giappone, rappresenta adesso poco più della metà della realtà economica mondiale. Anche se in America e in Europa molti stentano an­ cora a crederci, il mondo è notevolmente cambiato e sarà comunque ben diverso in futuro da quello che due generazioni di occidentali hanno conosciuto fino a poco tempo fa. D’altra parte, i pur massicci interventi pub­ blici adottati dopo il cataclisma finanziario, ancorché abbiano assunto dimensioni mai viste da quando è sta­ ta portata a compimento la ricostruzione post-bellica, hanno semplicemente impedito uno sviluppo catastro­ fico della crisi, ma non sono bastati a rimettere in cor­ sa né gli Stati Uniti né l’Unione Europea. E se spese e incentivi statali proseguissero nella stessa misura e con lo stesso ritmo diverrebbero in pratica insostenibili, in quanto hanno già comportato un considerevole aumen­ to del debito pubblico e forti rischi per la stabilità mo­ netaria. Il Fondo monetario internazionale stima infatti che entro il 2015 il debito dei Paesi avanzati si aggirerà intorno al 110 per cento del Pil, per effetto della reces­ sione e dei piani di stimolo all’economia. Ben che vada, quello che l’America e l’Europa pos­ sono fare a breve termine è contrastare un’eventuale deflazione, come quella che nel corso dell’ultimo de­ ­48

cennio del Novecento aveva fiaccato il Giappone devi­ talizzando la sua economia. E di certo non è un’impresa agevole quella di migliorare significativamente i livelli di efficienza e produttività, anche perché occorre pun­ tare su determinati settori in grado di accrescere im­ mediatamente la domanda e l’occupazione. Ma intanto incombe la minaccia di una spirale inflattiva se doves­ sero continuare a salire alle stelle i prezzi del greggio, a causa sia di ulteriori perturbazioni politiche provocate dai movimenti più radicali, in vari Paesi del mondo ara­ bo, sia dell’accresciuta domanda di energia da parte del Giappone, sconvolto dal recente disastro sismico che ha messo fuori uso una delle sue centrali nucleari. In ogni caso, da quando ha preso il via la globalizza­ zione, è apparso sempre più evidente come sia in corso un processo di crescente redistribuzione su scala mon­ diale delle risorse e delle chances di sviluppo; e, di con­ seguenza, anche del potere economico e dei rapporti di forza precedenti. Non solo si è formata una pattuglia di testa fra i Paesi emergenti, ma sono emersi alla ribalta altri second comers, che hanno via via acquisito quote di reddito tali da rosicchiare ulteriormente quelle detenu­ te dai ‘Big’ dell’Occidente. Ma se già da una decina d’anni si sapeva in quali di­ rezioni stesse volgendo principalmente quest’inversio­ ne di tendenza, oggi è ormai assodato che Cina, India e Brasile saranno anche in avvenire altrettanti attori primari nel quadrante internazionale. E che toccherà quindi ai Paesi avanzati rincorrerli, invece di riposare sugli allori come finora hanno per lo più fatto. Insomma, si è ormai dissolto o dilapidato l’enorme vantaggio economico acquisito nel Diciannovesimo secolo dall’Europa occidentale, e nel Ventesimo dagli Stati Uniti. E oggi quella che un tempo era la perife­ ­49

ria dell’economia mondiale sta prendendosi una rivin­ cita marciando più velocemente di quanto Europa e America avessero fatto in passato: anche se deve guar­ darsi da un balzo dell’inflazione. Ci si domanda perciò che genere di sistema econo­ mico stia profilandosi in quei Paesi giunti oggi a occu­ pare la ribalta: se si tratti fin d’ora, o comunque in un prossimo futuro, di qualcosa di ben diverso da quello di matrice occidentale (anglosassone o eurocontinenta­ le) o ne ricalchi invece, sia pur con le debite varianti, i prototipi e le caratteristiche. È un interrogativo, questo, che si è venuto ponen­ do soprattutto nei riguardi della Cina. Sia perché ha registrato ritmi di sviluppo impressionanti e procede tuttora a passo veloce, senza uguali, sia perché si tratta dell’ultimo grande colosso comunista esistente dopo l’estinzione dell’Unione Sovietica. E, last but not least, perché l’ex «Paese di mezzo» appare il competitore per eccellenza degli Stati Uniti e ha inoltre messo alla frusta l’economia della vecchia Europa.

Il «Grande Balzo» del Dragone post-maoista

È stata una straordinaria performance economica quel­ la della Cina negli ultimi trent’anni, da quando Deng Xiaoping aveva dato il via alle «quattro modernizza­ zioni» (in agricoltura, scienze e tecnologia, industria e difesa nazionale). Per rendersene conto, e per spiega­ re altresì la forza d’urto che essa è andata acquisendo, bastano pochi dati. Non solo il «Dragone Rosso» ha impiegato assai meno d’un terzo di secolo per decupli­ care il suo Pil, quando l’Inghilterra vittoriana, capofila della Rivoluzione industriale, aveva dovuto procedere, a partire dal 1830, per ben settant’anni prima di riusci­ re a quadruplicare il proprio. Ma ancora ai primi del Duemila, malgrado i progressi già compiuti, la Cina appariva più un Paese in via di sviluppo che proiettato verso traguardi di particolare rilievo. Solo dopo la sua ammissione nel dicembre 2001 nel Wto (l’Organizza­ zione mondiale del commercio) ha man mano assun­ to le fattezze di un global player e, nello stesso tempo, quelle di una grande potenza finanziaria in possesso di ingenti riserve valutarie, pari attualmente a più di 2.700 miliardi di dollari. D’altra parte, a ricostruire sia pur per grandi linee l’itinerario attraverso cui l’ex Cina maoista è giunta a ­51

compiere un balzo sempre più in alto nel contesto eco­ nomico, non si finisce mai di restare sorpresi, tanto il suo percorso appare univoco e singolare, senza sostan­ ziali incrinature e con tratti del tutto originali. A questo proposito si può ben dire che la sua è stata una sorta di ‘rivoluzione copernicana’, avvenuta innanzitutto sotto il profilo ideologico e mentale. La nomenclatura cinese ha infatti disincagliato un Paese immenso sia dalla versione ‘ruralista’ del marxismo-le­ ninismo quale riverniciato da Mao, sia dai gravi postu­ mi della «rivoluzione culturale» imposta dal «Grande Timoniere» sull’altare di un utopismo categorico quan­ to brutale. Altrettanto si può dire per un’altra svolta radicale rispetto alla natura profondamente classista del comunismo cinese: quella che, dall’inizio degli an­ ni Novanta, è consistita nell’apertura delle porte del Comitato centrale del Partito a un sempre maggior nu­ mero di esponenti del mondo imprenditoriale, scienti­ fico e delle professioni, in coincidenza con l’esaltazione dello spirito patriottico e del senso di appartenenza na­ zionale, rispetto ai dogmi d’un tempo coniati nell’ottica dell’internazionalismo proletario. Come è noto, è stato poi – a partire dal marzo 2003 – il nuovo leader del Partito comunista Hu Jintao, un ingegnere economista che ha assommato nelle proprie mani anche la carica di presidente della Repubblica, ad accelerare la dismissione delle imprese pubbliche più obsolete e a intraprendere un’opera analoga di elimina­ zione, anche se con mano più leggera, dei ‘rami secchi’ nei confronti di alcune sonnolente banche pubbliche, poco avvezze a badare che i loro prestiti andassero a buon fine. Se si considera che in seguito a questi in­ terventi decine di milioni di posti di lavoro erano stati spazzati via entro la fine del 2004, si può tranquilla­ ­52

mente affermare che nemmeno una politica economica all’insegna di un ‘liberismo selvaggio’ avrebbe potuto fare di più nel modificare e rendere più flessibile il mer­ cato del lavoro. Inoltre, non diversamente si agì nelle campagne, dove erano state smantellate o ridimensio­ nate numerose comunità agricole e altre privatizzate. Per comprendere l’eccezionale passo di carica assun­ to dalla Cina, non si può dunque prescindere dalle de­ cisioni di natura politica adottate con sempre maggior intensità e risolutezza dai suoi dirigenti, talora consone con i princìpi più ortodossi dell’economia di mercato se non addirittura con un vero e proprio ‘fondamenta­ lismo liberista’. E ciò, nonostante che quello cinese sia rimasto un regime comunista, non soltanto nelle decla­ mazioni ufficiali del governo di Pechino. Un fenomeno, questo, difficilmente spiegabile in base ai canoni di una dicotomia politica classica. Sino a qualche anno fa sarebbe stata altrettanto im­ pensabile la relazione di stretta interdipendenza eco­ nomica e finanziaria venutasi a stabilire fra la Cina e gli Stati Uniti, malgrado, anche in questo caso, la netta antitesi che corre fra di loro sul versante politico, oltre che a livello strategico, nello scacchiere internazionale. Tant’è che i cinesi sono divenuti i principali fornitori di denaro degli americani e questi i maggiori consuma­ tori dei prodotti a buon mercato esportati dai cinesi. Insomma, una sorta di simbiosi, verrebbe da dire. D’altro canto, non da oggi questo rapporto è dive­ nuto talmente intenso da legare gli Stati Uniti alla Cina per la copertura sia di gran parte del proprio debito sia per una quota consistente dei propri consumi interni. Semmai, le conseguenze dello scossone finanziario del 2008 lo hanno reso ancor più evidente. Sta di fatto che gli americani vivono da un pezzo al di sopra dei propri ­53

mezzi, consumando sino alla nausea e indebitandosi fino al collo, sicuri che il resto del mondo continuerà a riversare tanto più denaro sul loro Paese; mentre i cinesi hanno seguitato a comprimere i propri consumi, agendo – come dire – da formiche rispetto alle cicale d’Oltreoceano. E questo duplice trend ha finito per in­ crociare due vicende che in passato si erano svolte su due binari paralleli e che sembravano dovessero proce­ dere in modo analogo anche in futuro. Ciò non significa, tuttavia, che fra gli Stati Uniti e la Cina si sia stabilita una sorta di entente cordiale. È vero che Hu Jintao e gli uomini a lui più vicini, pur essen­ dosi chiesti, dopo lo scoppio della bolla di Wall Street, se convenisse proseguire o meno nel finanziamento del debito pubblico americano, hanno deciso di continua­ re a farlo. Ma hanno seguitato a tenere duro di fronte alle incalzanti pressioni del governo americano affin­ ché rivalutassero la loro moneta, malgrado non siano infondate le obiezioni di Washington che imputano a Pechino di mantenere artificiosamente basso il cambio dello yuan per agevolare le proprie esportazioni e rea­ lizzare così un forte surplus commerciale. Ad ogni modo, le interrelazioni fra Usa e Cina non sembrano destinate a sfilacciarsi. Mentre gli Stati Uniti hanno bisogno, ora più che mai, di contare su ulteriori acquisti di titoli del proprio debito pubblico da parte dei cinesi, a sua volta il Dragone Rosso ha tutto l’interes­ se che il mercato americano rimanga aperto alle proprie merci. Perciò la disputa che si riaccende periodicamen­ te fra Obama (che chiede uno stop al dumping mone­ tario del «mini renminbi») e Hu Jintao (che oppone un secco rifiuto) è divenuta una partita di ping-pong in cui i cinesi sono peraltro maestri insuperabili. Tant’è che Pechino, mentre sostiene di aver già provveduto man ­54

mano a una graduale rivalutazione dello yuan, attende che Washington dia il suo assenso affinché il Fondo monetario e altre istituzioni internazionali attribuiscano più seggi e prerogative alle ‘Tigri’ orientali. Comunque sia, se è vero che la Cina potrebbe mette­ re in ginocchio o in serie difficoltà gli Stati Uniti con la minaccia di vendere i suoi dollari, un’eventuale opera­ zione del genere non solo ridurrebbe il valore delle sue riserve con la caduta del valore del dollaro ma indur­ rebbe l’America a sbarrare le porte all’importazione di prodotti cinesi, con la conseguenza di ridurre i posti di lavoro in tante fabbriche. Insomma, l’interdipendenza fra Washington e Pe­ chino ha creato, a detta di un autorevole analista come Joseph S. Nye, un «equilibrio del terrore finanziario» analogo alla Guerra Fredda d’un tempo fra Usa e Urss, che si guardarono bene dall’usare il loro potenziale mi­ litare per distruggersi a vicenda in un conflitto nucleare. Ciò non toglie che Pechino persegua sempre più de­ cisamente una strategia espansiva a livello internazio­ nale. Mentre in passato le potenti dinastie susseguitesi a capo del «Celeste Impero» non hanno mai mirato a estendere il loro dominio oltremare, gli attuali leader della Cina ‘rossa’ puntano risolutamente a una politica di penetrazione economica, non senza risvolti di sapo­ re neocoloniale, in vari Paesi africani. Inoltre, è andata crescendo la presenza di imprese e iniziative cinesi non solo nel Sud-Est asiatico, ma in America Latina e in Australia, sia tramite joint-venture con le società locali sia tramite svariati accordi commerciali. Per giunta i cinesi sono divenuti grandi creditori anche in Europa prestando soldi ad Atene, Dublino e Lisbona, altrimenti con l’acqua alla gola per le con­ dizioni disastrose o traballanti dei loro conti pubblici. ­55

Anzi, si calcola che, di questo passo, la Cina potrebbe annoverare presto nel suo portafoglio più titoli europei che americani, in quanto nel giugno 2010 ammontava al 7,1 per cento il debito pubblico di Eurolandia – rispetto al 9,8 per cento di quello Usa – raccolto nel forziere di Pechino. D’altra parte, un’eventuale crisi dell’euro a causa del default di alcuni Paesi, e quindi del dissolvi­ mento del Patto di stabilità, nuocerebbe pure ai cinesi, giacché riporterebbe in auge il dollaro come unica mo­ neta di riferimento a livello mondiale: ciò contrasta con l’obiettivo di Pechino, che punta a una riforma del siste­ ma monetario esistente, e non vuole comunque trovarsi da sola a dover fronteggiare gli Stati Uniti, con lo yuan come valuta d’investimento sui mercati finanziari esteri.

Un’ascesa non più irresistibile senza riforme

La strategia su scala planetaria perseguita dalla Cina ne­ gli ultimi tempi ha suscitato un ampio dibattito, anche perché non riproduce i canoni dell’imperialismo poli­ tico-ideologico quale praticato a suo tempo dall’Unio­ ne Sovietica. Quella del «pianeta rosso» cinese è infatti un’espansione ispirata unicamente o comunque in modo preminente da una logica degli affari per gli affari, senza alcuna contaminazione politica. Si spiega perciò come stiano crescendo gli investimenti diretti cinesi anche nel Vecchio Continente, sia nell’industria manifatturiera che nel settore dei trasporti marittimi e stradali, nonché in quello delle telecomunicazioni e in altri comparti a medio-alto contenuto tecnologico. Per di più, considerevole è il patrimonio dei fondi sovrani controllati dal governo cinese, consistente in una gran massa di liquidità, in parte parcheggiata in dollari e in euro, in parte disponibile all’occorrenza per ulteriori acquisizioni. Pechino ha potuto così permet­ tersi di sorvolare sulle reiterate proteste che si levano da parte di alcuni Paesi europei nei confronti delle svariate forme di concorrenza sleale dei produttori cinesi (dall’i­ nosservanza delle normative sul copyright, alla pirateria informatica in materia di software). Solo negli ultimi ­57

tempi i cinesi hanno posto un freno a questo genere di contraffazioni, come pure a certi espedienti per drogare il volume del loro export. Fatto sta che, avendo sorpassato il Giappone al secon­ do posto nella classifica mondiale del Pil, la Cina mira adesso a tallonare sempre più da vicino gli Stati Uniti. E potrebbe farcela, nel suo intento di ridurre ulteriormente le distanze che la separano dagli Usa. È infatti in grado di accrescere e migliorare il suo apparato produttivo, fi­ nora limitato sostanzialmente ai settori manifatturieri tra­ dizionali; investe sempre più in ricerca e sviluppo, e può contare sul ruolo, ormai riconosciutole, di nuovo grande banchiere nel mercato finanziario mondiale. Ma Pechino sa bene che non può procedere con le stesse cadenze di prima seguitando a rimandare la so­ luzione di alcuni problemi di fondo, in casa propria, che si trascinano ormai da tempo. Ed è proprio dalle soluzioni che verranno adottate a questo riguardo che dipenderà per molti aspetti la configurazione del suo sistema politico-economico: se esso manterrà o meno i suoi cromosomi. I dirigenti cinesi si trovano infatti a dover ridefinire il loro modello di sviluppo se vogliono non compromettere prima o poi il futuro del proprio Paese, e quindi mantenere sia la stabilità interna sia la posizione acquisita nel mercato globale. Finora la Cina ha proceduto quasi alla stessa maniera dell’Inghilterra del primo Ottocento, in base a un pro­ cesso di accumulazione e di crescita economica imper­ niato su una industrializzazione spinta, su un massiccio drenaggio di braccia dalle campagne, su bassi salari e sulla compressione dei consumi. E l’ha potuto fare per via di un regime politico totalitario e di una cultura socia­ le impregnata da forti motivi di revanche nazionalistica. Ma ora la nomenclatura cinese non può più indugia­ ­58

re nell’imprimere una sterzata alla politica economica fin qui praticata, in modo da incentivare la crescita dei consumi interni e migliorare decisamente il tenore di vi­ ta di gran parte della popolazione, che non ha acquisito finora benefici corrispondenti all’elevata performance del proprio Paese. Inoltre, Pechino non può pensare che l’America seguiti a subire, senza reagire, sia la perdita di tanti posti di lavoro andati dispersi per la concorrenza della Cina, sia uno squilibrio commerciale, superiore di oltre quattro volte, nel quadro degli scambi bilaterali. D’altra parte, se si giungesse a una guerra commerciale fra Cina e Usa, nel mezzo di un’economia mondiale de­ pressa come quella attuale, i Paesi con un surplus avreb­ bero molto da perdere: in primis la Cina, dato che la sua crescita dipende soprattutto dalle esportazioni (a cui doveva nel 2010 oltre il 40 per cento del suo Pil). Senza contare che la Cina non è l’Inghilterra dell’epoca vitto­ riana, in possesso di un grande impero dove piazzare a propro piacimento le sue merci e da cui trarre sottocosto alcune materie prime delle quali ha bisogno. Ma se Pechino non può continuare in futuro a con­ durre il gioco a sua discrezione sullo scacchiere eco­ nomico internazionale, deve parimenti evitare di non tirare troppo la corda entro le proprie pareti domesti­ che. La Cina accusa infatti non pochi squilibri interni, a cominciare dalla produzione agricola, troppo a lungo sacrificata, tant’è che copre a malapena il fabbisogno di riso e cereali della popolazione. Ed è questo un gra­ ve handicap, considerando che i cinesi da sfamare ogni giorno sono un miliardo e trecento milioni. Tanto più che 14-15 milioni di contadini continuano ogni anno ad abbandonare le campagne. Si tratta, oltretutto, di un esodo di gente in gran parte giovane che, mentre priva l’agricoltura di molte braccia, accresce l’affollamento ­59

nei centri urbani di persone senza permesso di residen­ za, ponendo di conseguenza seri problemi di carattere sociale: non sono infatti previsti nei riguardi di quanti si riversano nelle città né alloggi né servizi pubblici, senza contare che molti immigrati finiscono per essere impie­ gati in lavori infimi o comunque di bassa manovalanza. L’altro punto debole della Cina sta nell’insufficienza di adeguate strutture nei campi dell’assistenza, della pre­ videnza e della sanità. Non esiste al riguardo un sistema che, sia pure alla lontana, abbia le parvenze di un Welfare di tipo occidentale. E ciò moltiplica i rischi di una crisi sociale, in quanto la popolazione cinese ha un tasso di invecchiamento relativamente più elevato di quello non solo degli Stati Uniti e dei Paesi europei ma anche del sub­ continente indiano. D’altra parte, man mano che il lavoro manuale e ripetitivo verrà assorbito in molte fabbriche dall’automazione, dal momento che le nuove tecnologie non possono essere lasciate fuori dalla porta, il pericolo che corre la Cina è di avere a che fare (come nei Paesi più avanzati) con una disoccupazione strutturale cronica. Sono pesanti, insomma, le ipoteche con cui il go­ verno di Pechino deve vedersela. Tanto che la Cina dà l’impressione di essere una sorta di «tigre di carta» (come un tempo Mao definiva gli Usa, nel mezzo della «stagflazione» degli anni Settanta e della disfatta mi­ litare americana in Vietnam). Anche perché, accanto agli squilibri di ordine strutturale, sono cresciute negli ultimi anni le diseguaglianze sociali, prima striscianti e ora sempre più evidenti, tra una fascia di ‘ricchi’ pur consistente (si parla di 95 milioni di persone con un reddito di almeno 30.000 dollari) e gran parte della po­ polazione, che cerca di cavarsela con magri proventi in quanto continua a vegetare nei bassi fondali del settore agricolo e in vari campi d’attività marginali. ­60

un «filo rosso» Da Confucio ad Adam Smith

«Diventare ricchi è glorioso», diceva Deng Xiaoping, agli inizi degli anni Ottanta, ai suoi concittadini an­ cora ingabbiati nelle maglie del pauperismo maoista. Ma, sebbene si preveda che entro il 2015 il numero dei benestanti salirà sino a 200 milioni e oltre (pari alle po­ polazioni di Francia, Germania e Italia messe insieme), c’è da chiedersi se gli altri loro connazionali avranno nel frattempo migliorato decisamente le proprie condizioni di vita. E se saranno andate riducendosi anche le forti disparità di sviluppo fra le province costiere più prospe­ re e quelle dell’interno in condizioni disagiate, se non in gran parte ancora arretrate. Questo stato di cose ha indotto la dirigenza cine­ se a varare nel febbraio 2011 un piano quinquennale (il dodicesimo dall’avvento nel 1949 della Repubblica Popolare), congegnato in modo da spingere la cresci­ ta dei consumi e spostare l’asse dello sviluppo verso la domanda interna. Senza, per questo, relegare in secon­ do piano l’intento di ampliare il volume e l’area delle esportazioni. Il fatto che, per assecondare l’espansione dei con­ sumi, si sia ricorsi a uno strumento come quello della pianificazione, ha portato alcuni osservatori a sostenere ­61

che, in fondo, non esistono tuttora molte differenze tra la politica economica cinese e i vecchi modelli cari alla dirigenza sovietica. E che anche quello cinese è, per­ tanto, una sorta di «capitalismo di Stato», come veniva definito il sistema in auge ai tempi del «socialismo rea­ le» in Russia. In realtà, non si può parlare di un’analogia fra l’una e l’altra esperienza. Innanzitutto, l’economia cinese si regge oggi su due gambe, ossia sulle imprese pubbliche e su quelle private, e queste ultime stanno crescendo di numero soprattutto in alcune città, espressamente in­ coraggiate dalle stesse autorità del Partito comunista. Inoltre, mentre la Russia di Brežnev non annoverava, salvo qualche caso eccezionale, joint-venture con im­ prese occidentali, la Cina di Hu Jintao conta molte im­ portanti iniziative di questo genere. Parecchie imprese di rilievo che fanno capo a società cinesi sono presenti in Europa, in Usa e altrove, gestite quindi sulla base di or­ dinamenti normativi e forme di conduzione di schietto carattere capitalista e operanti in regime concorrenziale. Ma non è soltanto questa ambivalenza a fare del si­ stema cinese, politicamente comunista ed economica­ mente capitalista, qualcosa di assolutamente inedito e per tanti versi anomalo. Nel tentativo di definire quali siano i tratti distintivi di questo sistema sui generis e i motivi di fondo del suo eccezionale sviluppo, ci si è chiesti se essi non vadano rintracciati anche in una ma­ trice culturale millenaria, del tutto specifica, come quel­ la confuciana integrata da elementi taoisti. Qualcosa, insomma, di analogo a quello che Max Weber aveva posto a fondamento delle origini e dello spirito del capitalismo nel mondo occidentale: ossia l’etica della Riforma protestante, che s’era tradotta nell’importanza attribuita alle opere, e quindi nella costanza e metodi­ ­62

cità del lavoro, nella rigorosa organizzazione del tem­ po su questa Terra, nonché nella fedeltà a una propria vocazione in senso laico per lenire il senso d’angoscia derivante dal timore di non essere in grazia di Dio. A sostenere che la Cina abbia trasfuso nel suo pro­ cesso di trasformazione degli ultimi anni alcuni elemen­ ti costitutivi ereditati dal passato sono numerosi osser­ vatori. È questa anche l’opinione di Franco Mazzei e Vittorio Volpi, autori del saggio La rivincita della mano visibile, apparso nel 2010. Del resto, era già emerso a suo tempo, in occasione della dirompente ascesa del Sol Levante alle vette del firmamento economico, come lo shintoismo – lungi dall’essere un retaggio antiquario e folclorico – avesse contribuito a forgiare l’identità e la cultura nazionale giapponese in funzione modernizza­ trice e competitiva. Nel caso della Cina sarebbe il confucianesimo la lin­ fa culturale che, dopo aver contribuito in passato alla laicizzazione dello Stato imperiale cinese e ad eleggere il merito quale requisito fondamentale della burocra­ zia imperiale, ha concorso pure a creare i presupposti di un sistema come quello odierno, consistente in un processo di sviluppo concepito dall’alto e in un ordine simmetrico a un regime monocratico. E ciò perché il confucianesimo, da un lato, è stato uno degli ingredien­ ti dell’eccezionale stagione di invenzioni e applicazioni tecnico-scientifiche fiorite in Cina prima di quelle svi­ luppatesi in Occidente; dall’altro, attribuisce un valore fondamentale all’interesse comune e a un codice univer­ sale di comportamento. A differenza che in Occidente, non considera infatti la società nella prospettiva di una dialettica fra le sue diverse componenti, all’insegna di una contrapposizione fra individuo e collettività, fra gerarchie di gruppo e relazioni personali, fra istituzioni ­63

pubbliche e istituzioni private. Si tratta quindi di una visione delle cose che privilegia l’uniformità e l’ordine, e ciò risulta in sintonia con le finalità di un potere po­ litico totalitario. Del resto, non si spiegherebbe altrimenti il fatto che la dirigenza comunista abbia voluto erigere in piazza Tienanmen a Pechino una grande statua di Confucio, proprio dinanzi al celebre ritratto di Mao e all’obelisco dedicato agli «eroi del popolo», e l’abbia inaugurato con particolare solennità nel gennaio 2011. Perciò, non sarà soltanto più l’immagine del «Grande Timoniere» a campeggiare nel corso delle rituali adunate celebrati­ ve del Partito comunista al centro della capitale cinese, ma anche quella di un prudente filosofo conservatore. In tal modo la nomenclatura cinese sta coltivando una sorta di sincretismo fra i princìpi canonici maoisti e i dettami di un’antica dottrina etico-religiosa risalenti a venticinque secoli fa, accomunati dall’idea di creare una «società armoniosa» e di imprimere all’individuo i «giusti valori della vita» in conformità a determinati codici normativi. Ma c’è un altro dato che può far comprendere la filosofia politica della dirigenza comunista al potere. A giudicare dalla cultura ideografica cinese, dove il singo­ lo vocabolo ha significati diversi a seconda della calli­ grafia, e dal linguaggio con cui i cinesi usano esprimersi e ragionare, risulta infatti evidente l’importanza che si annette alle sfumature più che alle affermazioni nette, alla complessità più che all’univocità, in pratica più al grigio che al bianco o al nero. Altrettanto si può dire per il loro modo di vedere, in quanto essi sono portati a guardare lontano pur senza perdere di vista il presente e perciò a escludere dal loro orizzonte i cambiamenti repentini. ­64

Fatto sta che è difficile stabilire con precisione – an­ che per via di queste e altre modalità culturali di rap­ presentazione della realtà, ammantate di risvolti sim­ bolici o comunque del tutto estranei ai criteri invalsi in Occidente – quali siano i caratteri peculiari di un sistema capital-comunista come quello cinese. A maggior ragione, non è dato prevedere se in futuro il suo modello di sviluppo e di governance rimarrà tale e quale oppure assumerà altre sembianze. C’è chi ha definito quello del Dragone un «capita­ lismo autoritario», non molto dissimile, se non per la sua impronta politica ‘rossa’, da quello delle dittature fasciste degli anni Trenta o comunque tale da essere accostato al «capitalismo oligarchico» instauratosi nel­ la Russia post-comunista. Ma entrambi questi paragoni non reggono di fronte alla fisionomia del tutto eccentri­ ca che caratterizza il sistema in auge in Cina. Se da un lato la sua nomenclatura sèguita a non rispettare i diritti umani e quelli delle minoranze etniche (dal Tibet allo Xinjiang dove esiste una folta comunità jugura) e a im­ prigionare gli intellettuali dissidenti, dall’altro ha assun­ to recentemente, pur nell’ambito di un regime monoli­ tico, un atteggiamento più flessibile ed equilibrato nella gestione del potere (una sorta, a suo modo, di soft power), confacente o meglio intonato alle attitudini e alle aspettative espresse dalla parte più robusta e influente della società, ovvero da quella rappresentata dalla classe medio-alta, dai quadri manageriali delle imprese e del­ la finanza, da quanti esercitano attività professionali, e dagli esperti operanti nel campo della ricerca tecnicoscientifica. Ossia dalle categorie a cui si deve la creazio­ ne di un «sistema economico nazionale comprensivo» (come lo definiscono le autorità di Pechino). D’altra parte, i loro esponenti condividono con il go­ ­65

verno l’assunto secondo cui la democrazia deve essere correlata a una data configurazione e alle caratteristiche peculiari di ogni Paese. Perciò ritengono che non si pos­ sa applicare alla Cina lo stesso concetto di democrazia quale statuito e radicato in Occidente. A loro avviso, quello che si deve intendere per democrazia è un siste­ ma che nella Cina d’oggi renda gli affari ‘più trasparen­ ti’, affrancandoli dalle ragnatele della burocrazia e dalle spire della corruzione (in auge in vari settori del Partito comunista e delle amministrazioni locali) e provveda a far funzionare meglio i congegni dell’economia affinché agiscano da elementi diffusori di maggior sviluppo e be­ nessere. In tal modo, facendo sì che le masse abbiano di che vivere dignitosamente, si garantirebbero in pratica le aspirazioni e i diritti fondamentali della popolazione: in questo starebbe quindi l’essenza della democrazia nel contesto cinese. Di quest’idea è, per esempio, Jing Ulrich, presiden­ te di China Equity and Commodities di JP Morgan, considerata una delle cinquanta donne d’affari più po­ tenti del mondo. A suo giudizio, la legittimazione della dirigenza cinese attualmente al potere, il cui mandato scadrà nell’autunno del 2012, è dovuta, appunto, al fat­ to di aver saputo raggiungere l’obiettivo promesso ai propri concittadini al momento di entrare in carica, as­ sicurando loro che i propri membri si sarebbero impe­ gnati per conseguire una crescita costante del Pil: tant’è che oggi esiste una maggiore disponibilità di beni per la gente e la Cina ha conquistato un posto di assoluto rilievo nell’ambito dell’economia globale. Pertanto, è questo ciò che in fondo conterebbe per i cinesi, al di là dell’ideologia e dell’aggettivo di «comunista» con cui il Partito e il governo seguitano a definirsi. D’altronde, gli eccellenti progressi compiuti negli ultimi anni dalla ­66

Cina hanno portato la sua popolazione – che ha ancora ben vivo e bruciante il ricordo delle tragedie e del caos provocato dai disastrosi esperimenti imposti da Mao e dalla «Banda dei Quattro» – a rimuovere anche quanto è accaduto nel giugno 1989 in piazza Tienanmen, col tentativo rivoluzionario dei giovani di conquistare la libertà. Si spiega pertanto come Hu Jintao abbia mantenuto ben salda la sua leadership, limitandosi a rendere meno verticistici – e quindi senza esiti già stabiliti a priori – alcuni procedimenti decisionali del potere centrale e a trasformare in elettive le cariche (anche se non tutte) negli enti locali e nei comitati di villaggio. Con queste forme più morbide e partecipate di gestione del potere (il cosiddetto «ruan shile»), il governo di Pechino mira, del resto, a svellere le radici di un sistema burocratico centralistico e periferico inquinato da un alto tasso di corruzione e d’illegalità. Tuttavia, non è che questo allentamento delle briglie abbia comportato sostanziali novità nel sistema. Si con­ tinua perciò a non sapere quale possa essere l’etichetta più consona per definire un Paese rimasto politicamen­ te ‘rosso’ ma economicamente capitalista, e zeppo di gente pervasa dall’ansia di arricchirsi. La definizione più congeniale alla nuova Cina sembra quella di «economia socialista di mercato». E ciò perché il suo regime, pur nato e vissuto per parecchio tempo richiamandosi ai princìpi dottrinari del marxismo-leni­ nismo, ha abbandonato in prosieguo di tempo i lidi del collettivismo e di una rigida pianificazione centralistica per avvicinarsi gradualmente a quelli di un’economia di mercato. In effetti, sebbene non sia affatto scomparsa una politica di carattere dirigista per mano dei verti­ ci del Partito, certe prescrizioni categoriche sono state ­67

mitigate quando non accantonate, lasciando il posto a norme più duttili e a orientamenti più pragmatici. Che a una revisione dei vincoli del passato sia cor­ risposta una maggior libertà d’iniziativa, lo conferma, oltre alla crescita di numero e di statura delle imprese private, il fatto che siano state ammesse a operare in Cina alcune multinazionali occidentali (anche se ancora manca un sistema normativo che garantisca a tutti gli effetti la tutela dei marchi d’origine stranieri). Inoltre sono stati eliminati gli sbarramenti fra alcune regioni contigue per quanto riguarda la circolazione delle mer­ ci, ma non anche quella delle persone: tant’è che gran parte dei migranti affluiti nei principali centri industria­ li e commerciali sèguita a vivere in condizioni semiclan­ destine in attesa di una riforma dell’hukoy, delle norme vigenti in fatto di permessi di residenza. All’attuale sistema economico di mercato è rimasto comunque appiccicato addosso un ordinamento che sa ancora molto di comunismo. D’altronde, comunista e massimalista è ancora la pancia del Partito, il suo ap­ parato di base. Senonché, qualora la nomenclatura al potere non provvedesse a realizzare adeguate riforme su diversi fronti, la Cina rischierebbe di fermarsi nella sua corsa verso un’economia avanzata, comprometten­ do i risultati conseguiti finora con ritmi di crescita a due cifre. Ed è questo lo spartiacque ancora da superare. Lo sviluppo economico cinese è stato infatti tutt’al­ tro che omogeneo ed equilibrato. L’agricoltura accu­ sa bassi livelli di meccanizzazione e di produttività, i raccolti sono largamente inferiori di almeno il 30 per cento alla domanda interna, mancano molte materie prime essenziali e le condizioni ambientali di numerose contrade, soprattutto nelle regioni interne occidentali, sono oltremodo degradate, per non parlare degli effet­ ­68

ti inquinanti dovuti all’utilizzo preponderante di fonti energetiche fossili e alle emissioni di gas serra. Inoltre, notevoli sono le carenze in fatto di infra­ strutture, energia, trasporti, telecomunicazioni, malgra­ do siano aumentati negli ultimi anni gli stanziamenti pubblici per accrescerne la consistenza o renderli più efficienti. E se nello stesso tempo si è provveduto all’al­ lestimento di numerosi lotti di case nei principali centri urbani, è anche vero che si è finito per costruire oltre ogni ragionevole limite, e per di più senza prestare de­ bita attenzione a un giro di manomissioni di carattere speculativo tali da aver triplicato i prezzi anche di un piccolo appartamento, il cui costo è così giunto a toc­ care cifre da capogiro, in misura pari a 40-50 volte il reddito medio annuo di un operaio. Col risultato che si contavano nel 2010 più di 60 milioni di alloggi invendu­ ti, col rischio di una bolla immobiliare analoga, se non più ingente, a quella esplosa negli Stati Uniti, giacché gran parte dei mutui concessi dalle banche riguardava­ no appunto la sottoscrizione di debiti per acquisti di case e terreni.

L’utopia della «società armoniosa» e quella della «felicità per il popolo»

Ormai alla vigilia del passaggio di consegne a una nuova leadership politica (che governerà sino al 2022), l’attua­ le classe dirigente cinese – chiamata a rendere conto del suo operato – ha deciso di recente di attuare non già dei correttivi ma delle misure strutturali affinché l’e­ conomia eviti un brusco rallentamento e non crescano ulteriormente i sintomi di un grave malessere sociale. Oltretutto, il fatto che quel centinaio di milioni di ci­ nesi ‘ricchi’ abbia preso a comprare e a servirsi sempre più di prodotti occidentali sofisticati e di beni di fascia medio-alta, ha visto aumentare l’acrimonia e l’insoffe­ renza della moltitudine di quanti dispongono di pochi mezzi per tirare avanti. Oggi il Pil pro capite in Cina è pari al 19 per cento di quello degli Stati Uniti, anche se è cresciuto di quindici punti rispetto all’inizio degli anni Ottanta; ma allora non esistevano stridenti disparità di reddito e neppure s’immaginava che potessero spunta­ re all’orizzonte. Senonché un più elevato tenore di vita della gran massa della popolazione comporta in pratica, oltre a una maggiore spesa sociale, un aumento dei salari che, pur triplicatisi in media fra il 1995 e il 2006, risultano ancor oggi nettamente inferiori agli indici di produtti­ ­70

vità, che nello stesso arco di tempo si sono quintupli­ cati. Sarebbe pertanto necessario ridurre una forbice così larga, ma non si può farlo che in modo graduale e calibrato. Altrimenti c’è il rischio che insorga una forte spinta inflattiva, tanto più in quanto essa è già latente sia a causa degli eccessivi indebitamenti contratti da alcune amministrazioni locali e imprese pubbliche per sostenere ambiziosi progetti d’investimento, sia per sva­ riate operazioni speculative condotte da una cerchia di persone più facoltose nell’intento di arricchirsi ulterior­ mente e alla svelta. Finora il governo ha incoraggiato la popolazione a risparmiare, tant’è che negli ultimi anni il tasso medio di risparmio si è aggirato intorno al 52 per cento del Pil. Perciò, grazie anche ai tanti gruzzoli di soldi de­ positati dai suoi cittadini nelle banche pubbliche, oltre ai proventi derivanti dal surplus commerciale, Pechino ha continuato ad assorbire milioni di titoli del debito pubblico americano e ad acquisire, negli ultimi tem­ pi, anche quelli di alcuni Paesi europei. D’altro canto, non disponendo di un adeguato sistema previdenziale e sanitario, per la maggioranza della popolazione è gio­ coforza mettere da parte quanto più possibile per far fronte a ogni evenienza e contare su qualche risorsa a portata di mano per il futuro. Sta di fatto che i consumi rappresentavano nel 2010 non più del 34 per cento del Pil, un livello molto basso, meno di quanto si riscontra anche in Paesi che non han­ no conosciuto gli strepitosi ritmi di sviluppo economico della Cina. Risulta pertanto evidente come sia apparso sempre più difficile prolungare una politica economica tale da deprimere le condizioni e le aspettative di mi­ glioramento delle masse popolari. Oltretutto, l’indiriz­ zo perseguito finora, privilegiando i settori produttivi ­71

dediti ad alimentare anche in dumping le esportazioni manifatturiere, rispetto a quelli rivolti alla domanda in­ terna, ha determinato un livello di prezzi sul mercato domestico tale da penalizzare ulteriormente i consumi. Sotto questo aspetto, si può dire che l’economia so­ cialista di mercato della Cina non si è finora differen­ ziata, nella pratica, da quella sovietica d’un tempo, che puntava soprattutto sullo sviluppo dell’industria pesan­ te a detrimento della produzione di beni di consumo. È risultato così sempre più marcato il divario fra la realtà di fatto e quella sorta di «società armoniosa» che la quarta generazione dei dirigenti comunisti cinesi si era prefissata di costruire. E alla fine il fatto che la Cina sia divenuta più moderna e potente di quella ereditata da Hu Jintao non è stato più sufficiente a contenere la diffusione di un’ondata di insoddisfazione popolare. Non c’è dunque da stupirsi se, stando a un’indagine condotta nel luglio 2010 dall’Università di Tsinghua su un campione rappresentativo di centomila cinesi resi­ denti a Pechino, più del 90 per cento degli interpellati si siano dichiarati «infelici» o comunque «profondamente scontenti» per le dure condizioni di vita non adeguata­ mente compensate, anzi afflitte da sacrifici e privazioni. Anche se questo scontento non ha assunto risvolti poli­ tici, ha suscitato comunque più di una preoccupazione fra i leader cinesi. E benché le loro promesse possa­ no suonare trite e ritrite, già sentite infinite volte, Hu Jintao e il primo ministro Wen Jiabao si sono impe­ gnati a realizzare una drastica svolta all’insegna di una nuova direttrice di marcia, consistente, appunto, in una politica economica rivolta espressamente a incentivare un’espansione dei consumi domestici. In che modo? Tramite il nuovo piano quinquennale in cui figurano un aumento dei salari minimi e degli stipendi, la diminu­ ­72

zione delle tasse ai meno abbienti, l’incremento dell’e­ dilizia popolare, un maggior volume di investimenti per l’agricoltura, il trasferimento a carico dello Stato di una più ampia quota delle spese individuali dovute all’as­ sistenza sanitaria, il riequilibrio delle disparità fra i di­ stretti industriali della costa e le zone rurali dell’interno. Questa ‘lista delle cose da fare’ dovrebbe non sol­ tanto sopire i malumori che serpeggiano anche fra la classe media, ma rendere «il popolo felice»: ossia, come ha detto il premier Wen Jiabao, garantirgli «una vita confortevole e sicura, serenità mentale e fiducia nel fu­ turo». Molto di più, quindi, di quanto la nomenclatura cinese aveva promesso con la costruzione di una «so­ cietà armoniosa», in cui non avrebbe dovuto esserci chi possedeva troppo e chi invece poco, società che è stata cancellata di fatto da un processo di sviluppo altrettan­ to rapido quanto eterogeneo e tumultuoso. Accanto all’American Dream, l’unico finora a fare te­ sto, è comparso dunque anche un ‘sogno cinese’, quel­ lo della «felicità per il popolo». Una felicità, peraltro, promossa e istituzionalizzata da un regime autoritario: quasi una riedizione aggiornata – come è stato osserva­ to – della magnanimità confucianamente paternalistica degli imperatori d’un tempo. L’unica differenza consi­ ste nel fatto che oggi essa dovrebbe essere attuata non più grazie alle casse imperiali, ma tramite gli sviluppi di un’economia capitalistica, spinti al massimo di efficien­ za e produttività. Al di là dei problemi di riconversione che un salto di qualità così notevole comporta per un sistema come quello cinese – che aveva per suo principale paradigma un incremento in assoluto del Pil, e non tanto una cre­ scita sostenibile e gratificante della sua economia – c’è più di un motivo per chiedersi se potrà mai avverarsi ­73

il sogno della xingfu, della felicità per il popolo, fatto balenare dai vertici del governo e del Partito comuni­ sta cinese. Un miraggio come l’acquisizione di punto in bianco, da parte della popolazione, di un maggior livello di benessere sociale (ossia di una busta paga più gonfia con cui poter spendere di più) provocherebbe infatti una spirale inflattiva tale da falcidiare di fatto i redditi dei cittadini e da minare la stabilità sociale del Paese. Al di là di certe declamazioni ufficiali, è assai proba­ bile perciò che il governo di Pechino agirà con gradua­ lità nell’espansione della spesa pubblica e nella promo­ zione dei consumi, manovrando tanto l’acceleratore che il freno a seconda delle evenienze. Se questo avverrà, si potrebbe assistere anche a un miglioramento dei rapporti con gli Stati Uniti. Dato che per la maggioranza della popolazione cinese l’obiettivo preminente è per il momento di contare su un paniere più ampio di generi alimentari, il ricorso alle importa­ zioni dall’America (che già adesso è il principale forni­ tore di cereali) contribuirebbe infatti a un riequilibrio della bilancia commerciale bilaterale e, quindi, anche ad attutire le tensioni tra i due Paesi. D’altra parte, con oltre 2.700 miliardi di dollari di riserve e un surplus commerciale giunto nel 2010 a superare il 6,5 per cen­ to, Pechino può sicuramente permettersi di pagare un conto come quello derivante da una maggior importa­ zione di derrate agroalimentari, per quanto salato possa risultare. La Cina si trova dunque in una fase che dovrebbe indurla a vendere un po’ di meno all’estero e comprare invece un po’ di più fuori di casa, tenendo comunque costantemente sotto controllo l’andamento dei prezzi per evitare un loro surriscaldamento sotto la spinta di ­74

una domanda più larga e di una lievitazione delle retri­ buzioni. Non mancano – come si vede – fattori di rischio co­ me anche vari dilemmi per il «Paese di mezzo», che pu­ re ha inanellato finora un successo dopo l’altro. Proprio per questo resta ancora indecifrabile quale sarà in un prossimo futuro la natura e la foggia del suo sistema: fra capital-comunismo, capitalismo di Stato o socialismo di mercato, o quant’altro ancora. L’unica cosa chiara è per ora la strategia di una lea­ dership che, comunista, confuciana e nazionalista, ma soprattutto pragmatica, ha saputo servirsi delle leve e degli espedienti di volta in volta più confacenti al fine di conseguire determinati obiettivi che sembravano ir­ raggiungibili. E che finora ha dimostrato di saper agire in modo più accorto ed efficace dei governanti dei Paesi occidentali nella gestione della propria economia e lun­ go le traiettorie del mercato globale.

l’espansionismo di Pechino e i suoi punti deboli

Se la democrazia come la si intende in Cina non ha nulla a che fare con i princìpi e i valori fondamentali che ne costituiscono l’essenza, e semmai, ben che vada, l’aper­ tura alle novità manifestatasi negli ultimi tempi potreb­ be divenire il preludio di una progressiva transizione verso forme di governo meno monocratiche e illiberali, in vari Paesi del Sud-Est asiatico il sistema politico-eco­ nomico cinese è visto invece con un’ottica ben diversa. Non soltanto, naturalmente, dal Vietnam, che continua a far capo a un regime comunista. Anche altre Nazioni di quell’area guardano a Pechino con grande interesse e desiderio di emulazione: sia perché i loro governi (di diverse matrici politiche, confessionali o militari che siano) sono per lo più di stampo autoritario; sia per­ ché è notevole l’ammirazione che nutrono nei riguardi dell’eccezionale performance dall’ex «Celeste Impero», che ha soppiantato il fascino che su di loro esercitava in passato l’America. Si spiega così come la dirigenza cinese, in virtù delle sue connotazioni tecnocratiche e facendo leva sul bu­ siness, abbia stabilito rapporti sempre più stretti con quasi tutti i governi dell’area prospiciente il proprio territorio, rapporti che in alcuni casi hanno assunto un ­76

profilo non solo di natura commerciale. Pechino s’è avvalsa infatti della diplomazia degli affari per porre le basi di una serie di trattati non privi di implicazioni politiche nello scacchiere internazionale. In questo senso una svolta importante è stata senz’altro l’ammissione a pieno titolo della Cina, nel gennaio 2010, nell’Asean, l’Association of South-East Asia Nations, nata a suo tempo (nel 1967) come coa­ lizione anticomunista, per assicurare la stabilità poli­ tica e la sicurezza nell’area del Sud-Est asiatico, giun­ ta a comprendere Thailandia, Indonesia, Myanmar (l’ex Birmania), Laos, Vietnam del Sud, Cambogia, Malaysia, Singapore, Filippine e Brunei. È vero che da allora l’Asean, promossa inizialmente dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, è andata poi orientandosi verso lo sviluppo della coo­perazione economica fra gli Stati membri, tanto più dopo l’ingresso nelle sue file del Brunei, che è una sorta di mecca petrolifera dell’intera regione. Ma ha destato ugualmente scalpore il fatto che l’Asean abbia deciso di recente, dopo aver stabilito nel 1996 rapporti ufficiali con Pechino, di aprire le sue por­ te anche al Vietnam. Oggi la Cina gioca un ruolo più incisivo nell’Asia meridionale e non cela l’intento di creare sotto la pro­ pria diretta influenza un’area di libero scambio fra i Paesi dell’Asean in maggiore sintonia con Pechino, tale da includere oltre un miliardo e ottocento milioni di persone e da divenire quindi la più grande area econo­ mica del mondo. È vero che hanno fatto ingresso nell’Asean pure India e Giappone, con l’idea, a loro volta, di realizza­ re entro il 2020 un’aggregazione economica ancor più ampia, estesa all’intero Continente asiatico, nell’ambito della quale liberalizzare progressivamente sia i movi­ ­77

menti di capitale sia quelli delle merci e della manodo­ pera sul modello del mercato unico europeo. Ma intanto, dato il peso rilevante di Pechino, si è venuta costituendo nel Sud-Est asiatico una sorta di ‘Asean più uno’ in una regione chiave anche per gli equilibri geopolitici su scala globale. Inoltre, a questa sua prerogativa si aggiungono due elementi: il condomi­ nio che la Cina esercita da tempo con la Russia ai vertici dell’Organizzazione di cooperazione di Shanghai, costi­ tuita nel 1996 (e che dal 2001 comprende il Kazakhstan, il Kirgistan, il Tajikistan e l’Uzbekistan); e il rinnovo dell’intesa con Mosca per una ‘partnership strategica’ a presidio dei reciproci interessi nell’Asia centrale. Se poi si tiene presente che la Cina assicura da tempo varie for­ me d’aiuto ad alcuni Paesi del subcontinente (dal Nepal allo Sri Lanka, dal Bangladesh al Pakistan), soprattutto per lo sviluppo di infrastrutture e del settore energetico, risultano evidenti la portata e le dimensioni che ha man mano assunto la strategia altrettanto avvolgente che ca­ pillare messa in atto da Pechino per estendere la propria influenza su molteplici fronti, senza badare al colore politico dei suoi interlocutori. Pur di concludere buoni affari, ha mantenuto infatti ottimi rapporti anche con una dittatura militare come quella birmana di Rangoon. Una sorta di ‘filo di perle’ si può definire quello che la Cina è andata tessendo non solo a ridosso della Grande Muraglia e intorno ai suoi confini ma anche al di là del Mar Giallo, sino al crocevia fra l’Oceano Indiano e il Pacifico. Non è un caso, infatti, che, nel Forum di dia­ logo fra l’Unione Europea e l’Asia, dell’ottobre 2010, i dirigenti cinesi si siano pronunciati perché nell’ambito del Fondo monetario internazionale vengano dati più voce e spazio ai rappresentanti dei Paesi emergenti, as­ ­78

segnando loro alcuni seggi occupati finora dai delegati dell’Unione Europea. È dunque una vera e propria strategia imperiale quel­ la messa in atto dalla Cina di Hu Jintao, dopo quella per uno «sviluppo economico scientifico» da lui promossa: se da una parte Pechino bada a non esercitare alcuna forma tangibile d’ingerenza nelle vicende interne dei Paesi in cui è presente con le sue iniziative, dall’altra i rapporti che ha instaurato sono di tipo neo-coloniale, dato il forte potere contrattuale che è in grado di eser­ citare. Comunque sia, la penetrazione economica della Cina in numerosi Paesi sta allarmando Stati Uniti, India e, naturalmente, Taiwan (che cerca intanto di flirtare con Pechino per evitare guai). Anche il Vietnam comu­ nista e altri Paesi della penisola indocinese sono preoc­ cupati dalla presenza a ridosso delle loro frontiere di un colosso come quello cinese. Ma è proprio così scontato che un sistema totalitario possa continuare ad alimentarsi con un motore capita­ lista senza che i suoi congegni prima o poi s’inceppino? O che i risultati che essi producono in termini econo­ mici, suscitando ulteriori aspettative anche di carattere politico, non finiscano per avere un effetto boomerang nei confronti del regime? Per il momento, si ritiene che il tenore di vita del­ la stragrande maggioranza dei cinesi sia ancora troppo basso perché insorgano fermenti libertari. In fondo, sebbene abbia sopravanzato il Giappone per l’entità complessiva del Pil, il reddito pro capite è ancora due volte – se non di più – inferiore rispetto a quello del Sol Levante. E risulta comunque relativamente mode­ sto, rispetto alla massa dei suoi cittadini, l’accesso ai gradi alti dell’istruzione, benché sia venuto formandosi un numero di giovani laureati in eccedenza rispetto al­ ­79

le possibilità di occupazione mentre altri giovani, dato l’iperspecialismo dominante nei corsi universitari, non sono utilizzabili in nuovi campi d’attività che richiedo­ no maggiore flessibilità e attitudini progettuali. Ci so­ no poi da mettere in conto le forti limitazioni esistenti all’impianto di reti telematiche e le drastiche misure di censura per cui Internet non conta da queste parti una larga udienza come quella che ha in altri Paesi. È quindi improbabile che avvenga qualcosa di analogo alle solle­ vazioni innescate nel Maghreb dai social network. Non è da escludere, invece, che un’ulteriore di­ latazione delle esportazioni, da cui finora è dipesa la crescita dell’economia cinese, possa dar adito a forti movimenti speculativi e che un consistente rincaro del­ le materie prime (come quello che si è verificato negli ultimi tempi) produca un’impennata dell’inflazione sui mercati mondiali, destinata ad avere di rimbalzo gravi ripercussioni per la Cina, massimo importatore mon­ diale di cereali e di commodities. La stabilità politica e sociale del regime appare pertanto più vulnerabile a eventi di natura esogena piuttosto che di matrice in­ terna, data la dipendenza dell’economia cinese dalle esportazioni e quindi dall’erraticità del ciclo economico internazionale. Ad ogni modo, se la globalizzazione si è rivelata nel corso degli ultimi vent’anni quanto mai proficua per il Dragone, non è detto che la ruota continui a girare a vantaggio soprattutto di Pechino. Finora l’industria­ lizzazione a ritmi vorticosi che ha sottratto la Cina a una condizione di sottosviluppo, è avvenuta in segui­ to alla trasformazione di una gran massa di contadini e di manovali in milioni di operai. Tuttavia, l’impiego di macchine e di procedimenti tecnologici sempre più complessi, reso necessario da una sempre più accanita ­80

competizione su scala internazionale e dall’esigenza di realizzare prodotti a più alto valore aggiunto, potrebbe provocare un fenomeno analogo a quello avvenuto in Inghilterra ai tempi della Rivoluzione industriale, quan­ do le macchine, dopo aver soppiantato inesorabilmente l’artigianato, spodestarono via via gli operai di mestiere, per poi falcidiare anche la manodopera comune. È vero che la riduzione dei posti di lavoro nelle fabbriche, do­ vuta ai progressi incessanti e pervasivi del macchinismo, è un fenomeno che oggi riguarda soprattutto i Paesi più avanzati, dove il computer sta cancellando specializza­ zioni e posti di lavoro anche tra i quadri impiegatizi e nell’ambito di alcune professioni. La Cina si troverà comunque a dover affrontare pri­ ma o poi questo e altri passaggi cruciali connaturati al modo di produzione capitalistico. Con la consapevo­ lezza che l’economia pianificata di tipo sovietico, che avrebbe dovuto costituire una concreta alternativa al capitalismo occidentale, ha fatto totale fallimento. E che la stessa cosa si è verificata per certi esperimenti utopistici di autogestione intrapresi ai tempi di Mao, che avrebbero dovuto determinare il «Grande Balzo» dopo che erano venuti meno gli aiuti di Mosca in se­ guito alla denuncia, da parte di Pechino, del «revisioni­ smo» del Cremlino.

Quando il Giappone faceva scuola e l’apprendista coreano

Di fronte alla comparsa sul proscenio internazionale di nuovi attori, con un proprio modello di sviluppo, ci si è chiesti quali siano stati i fattori specifici che hanno concorso alla loro evoluzione. Sia perché il capitalismo non consiste solo in uno specifico modo di produzione con determinate norme e sequenze, ma ha a che fare anche con determinati paradigmi culturali e valoriali collettivi; sia perché interagisce con differenti sistemi istituzionali, livelli della società, orientamenti ereditati dal passato e nuove propensioni individuali. In prati­ ca, oltre alle risorse materiali e ai servo-meccanismi di ordine strutturale (tecnologia, finanza, produttività del lavoro), altri ingredienti e variabili hanno giocato nel corso del tempo, e seguitano a giocare, nell’ambito del capitalismo e delle sue traiettorie. È accaduto così anche in passato; ma oggi, assai più di prima, il capitalismo è divenuto una sorta di ‘puzzle’, date le differenti tipologie e tonalità che ha finito per assumere al di là dei suoi vari congegni e strumenti. Se il suo capostipite è stato il modello inglese dell’età della Rivoluzione industriale e la forma in cui si è espresso al massimo grado ha avuto per sede d’elezione gli Stati Uniti, a sua volta il capitalismo euro-occidentale non ­82

ha rappresentato l’esatta riproduzione di quello ame­ ricano. Oggi, poi, s’è affacciato alla ribalta un sistema capitalistico, come in fin dei conti è quello cinese, di nuova specie, caratterizzato da tratti distintivi politici e culturali del tutto peculiari. D’altronde, anche un capitalismo come quello giap­ ponese era emerso a suo tempo con caratteri propri (politici, etici, volontaristici) e tuttora ne ha conservato alcune tracce. E così pure, come vedremo, si può dire per il sistema capitalistico sviluppatosi in India e, più recentemente, in Brasile. Fatto sta che, se nell’ambito stesso del mondo oc­ cidentale non è mai esistito uno spartito unico per l’orchestrazione del capitalismo, ai giorni nostri le sue partiture si stanno moltiplicando. E ciò, per l’appunto, in ragione di elementi e circostanze che non si esauri­ scono in determinati procedimenti operativi e in certe modalità di funzionamento del sistema economico, ma che riguardano inclinazioni e modelli di comportamen­ to diffusi, grado di fiducia nelle istituzioni, disponibili­ tà ai mutamenti, sensibilità etiche e finalità di carattere collettivo. Quanto abbiano contato questo genere di fattori propulsivi lo si può riscontrare nel caso del Sol Levante. Certo, il suo modello non fa più testo come tra gli anni Settanta e Ottanta, quando il Giappone era all’avan­ guardia nei nuovi campi dell’elettronica, aveva invertito la catena produttiva globale (ora copiata dai cinesi), e la sua industria manifatturiera, con una produzione pari al 15 per cento di quella mondiale, stava invadendo un mercato dopo l’altro: tant’è che molti ritenevano che nel giro di un decennio quel pur piccolo Impero avreb­ be dato filo da torcere agli Stati Uniti. Senza contare che la Cina ha ora superato, sia pure di poco, il Giappone in ­83

termini complessivi di Pil, e che questo sorpasso è risul­ tato a Tokyo tanto più indigesto in quanto l’ex «Celeste Impero» durante gli anni Trenta ha rappresentato per le armate giapponesi una terra di conquista e in seguito sembrava destinato a vegetare, sotto le insegne di un regime comunista, in un’economia per lo più di pura sussistenza. Tuttavia, il Sol Levante non solo resta di gran lunga avanti rispetto alla Cina per reddito pro capite, ma è pur sempre uno dei Paesi più ricchi del pianeta, conta imprese industriali sofisticate ed è ancora un impor­ tante esportatore. Inoltre, se non fosse sopraggiunta nel marzo 2011 la catastrofe naturale provocata da un terremoto di eccezionale gravità, sembrava aver ripreso vigore dopo una lunga fase in cui, a partire dagli anni Novanta, era apparso come il «grande malato» dell’eco­ nomia mondiale. In quel periodo il volume degli inve­ stimenti era andato riducendosi, la domanda era calata vistosamente, i risparmi e le retribuzioni avevano cono­ sciuto una battuta d’arresto e l’indebitamento pubblico era salito alle stelle. Ma se erano venute esaurendosi al volgere del Novecento le potenzialità del capitalismo giapponese, la causa preminente si doveva innanzitutto alla progres­ siva scomparsa di quegli ‘animal spirits’ che, all’inizio del Ventesimo secolo, avevano fatto da trampolino di lancio delle sue fortune: il forte orgoglio nazionale, la capacità della popolazione di convertirsi alla modernità ma con un rispetto profondo delle tradizioni, l’assunto per cui ogni cosa deve essere concepita e attuata alla perfezione. Queste attitudini, forgiate anche da una lot­ ta secolare per mettere a frutto le scarse risorse di un contesto territoriale relativamente angusto, non erano sfociate solo in uno spirito militarista e in una politi­ ­84

ca imperialistica, ma avevano dato luogo alla nascita di una grande potenza economica asiatica in grado di ci­ mentarsi con l’Occidente in alcuni settori industriali e nei traffici commerciali. Successivamente, all’indomani della disfatta subìta nella seconda guerra mondiale, la chiave della rinascita e del «miracolo economico» giap­ ponese era consistita, oltre che nella consuetudine ad agire in gruppo nelle situazioni d’emergenza e all’inse­ gna di un fortissimo senso dell’appartenenza di ognuno alla collettività, nel ripristino della stretta cooperazione fra le autorità pubbliche e i maggiori gruppi industriali, che già in passato aveva contribuito all’ascesa del Sol Levante. Col tempo, però, questa sorta di consociativismo ha finito col produrre crescenti vischiosità, in seguito al formarsi di lobby e consorterie, e a una ragnatela di vincoli e pastoie allo sviluppo degli investimenti. Per giunta, il Partito liberal-democratico (al potere fin dal secondo dopoguerra, a capo di esecutivi monocolore e, dal 1992, di governi di coalizione) s’è avvitato sempre più su se stesso dividendosi al suo interno in varie fazio­ ni e correnti in lotta fra di loro. A sua volta, quella che un tempo era una società dinamica, aperta alle novità, è divenuta restia ai cambiamenti, si è arroccata nella difesa dell’esistente, popolata da famiglie con sempre meno figli, e con un numero tale di anziani da accresce­ re gli oneri dello Stato in materia di spese previdenziali e sanitarie. Perciò se il Giappone è scivolato alla fine del secolo Ventesimo in una fase persistente di stagnazione, un «decennio perduto» – come lo si è definito –, il suo declino non va addebitato esclusivamente allo sfilac­ ciamento del suo sistema finanziario, prodotto dallo scoppio di una bolla immobiliare risultata esiziale per ­85

le maggiori banche, e a una politica monetaria tesa a presidiare ad oltranza il cambio dello yen a scapito del­ le esportazioni. Anche la gerontocrazia che seguitava a detenere il potere politico, le idiosincrasie di una parte della società attaccata a vecchie abitudini, come pure la ripetizione nei principali gruppi industriali di vecchi criteri di gestione aziendale, hanno contribuito all’an­ chilosi del sistema capitalistico giapponese. Restavano, insomma, ben poche tracce di determinati crismi del passato: da una robusta spinta competitiva a un effi­ ciente gioco di squadra fra le varie componenti del siste­ ma, a una proverbiale dedizione delle maestranze alla causa della propria azienda, quella che veniva chiamata col nome di «toyotismo», con riferimento alla parte­ cipazione dei lavoratori alla strategia e agli obiettivi dell’impresa, di cui la Toyota era divenuta il principale esemplare a questo riguardo. Oggi il Giappone non tornerà più a far scuola. Non tanto perché, appena uscito faticosamente dal tunnel della recessione, è stato colpito dal più immane disastro avvenuto dal dopoguerra – disastro che ha inevitabil­ mente ridestato i fantasmi della tragedia di Hiroshima e di Nagasaki a causa della nube radioattiva sprigio­ natasi dalla centrale nucleare di Fukushima. Il fatto è che da troppo tempo la popolazione nutre una minor fiducia nel futuro, e che per il resto continua a essere critica nei riguardi dell’operato del governo. Eppure, dal 2001, si sono verificati non pochi mutamenti nella classe dirigente. Dopo di allora si sono infatti insediati al vertice del Partito liberal-democratico e del governo Junichiro Koizumi e altri esponenti innovatori, all’in­ segna di un «riformismo incrementale», una formula tradottasi in una serie di misure volte a rendere più effi­ ciente l’allocazione del capitale e a orientare le imprese ­86

verso maggiori standard di redditività. Le banche e le istituzioni finanziarie avevano ricominciato a investire. E accanto ai tradizionali distretti industriali di Tokyo e di Osaka, era cresciuto di consistenza quello di Nagoya grazie all’ascesa della Toyota verso il primato mondiale in campo automobilistico. Inoltre nuove «zone econo­ miche speciali» erano sorte in diverse province, in se­ guito a incentivi delle autorità locali. D’altronde Koizumi, che passava per un thatche­ riano a causa del suo indirizzo neoliberista, intendeva associare alla rinascita economica l’affrancamento del Giappone da uno stato di minorità politica come quello a cui, bene o male, i governi di Tokyo si erano rassegna­ ti dalla fine del secondo conflitto mondiale. Di più: di fronte alla crescente ascesa della Cina nello scacchiere asiatico, s’era manifestato nell’opinione pubblica un revival nazionalistico, tanto che nelle elezioni del set­ tembre 2005 per il rinnovo della Camera bassa Koizumi era stato premiato oltre ogni aspettativa; e, sulla scia di questo successo, il suo governo aveva deciso di porre sul tappeto una questione fino ad allora tabù, ovvero l’allestimento di un forte apparato militare, e s’era pro­ posto altresì di destinare maggiori risorse all’industria aerospaziale. Ma negli ultimi anni, dopo il sopravvento elettora­ le nel 2009 dell’opposizione (rappresentata dal Partito democratico), il governo giapponese di Naoto Kan ha dovuto occuparsi soprattutto delle nuove difficoltà in­ sorte per un’economia esposta a frequenti alti e bassi, e in particolare dei problemi di un settore terziario da rivitalizzare. Le questioni cruciali rimangono comun­ que quelle della produttività e dell’eccesso dei risparmi aziendali. Anche se la produzione giapponese ha con­ tinuato finora ad aumentare, in futuro risentirà delle ­87

conseguenze di un mercato del lavoro con un tasso di natalità costantemente in calo e dei persistenti sbarra­ menti all’immigrazione; quanto all’altra questione, le imprese tendono a distribuire pochi utili e a tener bassi gli investimenti, mentre numerose aziende continuano a traslocare verso altri Paesi asiatici dove c’è abbondan­ za di manodopera e i suoi costi sono quindi molto bassi. Si direbbe, insomma, che il Giappone non abbia più nulla da insegnare. Eppure conta indici elevati di scolarità ai massimi gradi dell’istruzione pubblica, una forza lavoro particolarmente qualificata, settori con un robusto impianto tecnologico, una popolazione con un alto tenore di vita: se la finanza pubblica è in condizioni pietose (con un debito vicino al 200 per cento del Pil), le famiglie, e così pure le imprese, hanno invece molto denaro da parte. Ma proprio queste circostanze ne fan­ no un Paese ormai appagato, privo della necessaria dose di alacrità e dinamismo che una volta lo caratterizzava e lo aveva reso un global player, un competitore globale; sempre che la recente agghiacciante calamità abbattuta­ si sulle sue regioni orientali non finisca per agire come una frustata tanto dolorosa quanto violenta, capace di scuotere dal letargo un Paese che in altre drammati­ che circostanze – per esempio come nel 1995, dopo il terremoto che devastò Kobe – non ha mai piegato le ginocchia e ha saputo reagire sempre con prontezza. Nel frattempo, di alcune caratteristiche del capi­ talismo industriale giapponese ai tempi della sua fase espansiva si è appropriata la Corea del Sud. La sua è stata peraltro una lunga marcia iniziata negli anni suc­ cessivi al 1953, alla fine della guerra con il Nord co­ munista che aveva invaso una parte del suo territorio. A sospingerla verso un incipiente processo di sviluppo erano stati soprattutto gli aiuti di Washington e la pre­ ­88

senza dei contingenti di truppe americane rimasti a di­ fesa del Paese contro altri eventuali attacchi del regime di Pyongyang. Fatto sta che dopo aver riassorbito parte di un ingente debito pubblico, la Corea del Sud si è rimessa in corsa, registrando un tasso medio di crescita per tutti gli anni Novanta pari al 7 per cento: e ciò grazie a un alto grado di aggressività commerciale della sua industria e a un portafoglio in grado di assicurare all’oc­ correnza robusti stimoli all’economia reale, giacché, per il resto, non possiede alcuna risorsa naturale e non può neppure far conto su una vasta domanda interna, con i suoi 45 milioni di abitanti. La Corea del Sud, oltre a vantare elevati indici di scolarizzazione anche nel campo dell’istruzione supe­ riore, è animata da un forte senso della propria identità nazionale, da un rigoroso rispetto collettivo delle regole, e da una singolare vocazione innovativa. Si spiega per­ tanto come sia riuscita finora a superare le pur frequenti fasi critiche che ha accusato, abbia realizzato distretti industriali con elevati livelli competitivi e sviluppato il settore high tech superando, con la Samsung, persino la giapponese Sony e l’americana Hewlett-Packard. Inoltre la Hyundai, il cui modello di riferimento in passato era la Toyota, ha dato vita a un sistema di pro­ duzione suo proprio con eccellenti risultati. Tant’è che oggi contende alla Ford il posto di quarto produttore mondiale nel settore automobilistico e, avvalendosi an­ che di una moneta debole come il won, ha esteso la sua rete commerciale in Europa e impiantato fabbriche in Usa, Brasile, India, Turchia, Russia e persino in Cina, divenuta anzi il principale mercato di sbocco della sua produzione. Undicesima nella graduatoria mondiale, quanto all’entità del suo Pil, superata solo dal gruppo dei set­ ­89

te Paesi più avanzati dell’Occidente, nonché da Cina, Giappone e Brasile, la Corea del Sud è un’altra delle diverse facce e realtà del sistema capitalistico. Lo Stato ha conservato infatti ampie facoltà di regolazione e d’in­ tervento nella sfera economica, ma senza pastoie buro­ cratiche. Anzi, il governo ha continuato a concentrare gli investimenti in alcuni settori d’attività fra i più pro­ mettenti o comunque in linea con i mutamenti in corso sul versante tecnologico e nel mercato internazionale. Certo, la crescita dell’economia sud-coreana potrebbe essere più consistente se l’altra parte della penisola si aprisse agli scambi e agli investimenti diretti; ma il re­ gime comunista di Kim Jong persiste nel tenere chiuse le sue porte e tende a escludere del tutto l’ipotesi di una distensione con Seoul, a giudicare dalle incursioni del novembre 2010 della marina nord-coreana in acque territoriali sud-coreane.

L’elefante indiano ha messo le ali

Nella variegata galassia di forme e versioni che il ca­ pitalismo ha assunto negli ultimi tempi, quello che re­ ca il timbro di New Delhi costituisce da un lato una variante asiatica del modello occidentale e dall’altro il risultato di un’esperienza a sé, con caratteristiche del tutto originali. Il suo atto di battesimo è avvenuto a metà degli anni Ottanta quando il governo indiano ha tagliato il cordone ombelicale che lo legava per tanti aspetti all’Unione Sovietica in virtù di un trattato di mutua assistenza e amicizia firmato nel 1971. Fino ad allora l’indirizzo politico di Nehru e degli esponenti del Partito del Congresso, orientato in senso socialista, aveva ampliato costantemente l’area economica coperta dalla mano pubblica tanto nel settore industriale che in quello terziario. E, sebbene i risultati fossero stati sempre più deludenti, la classe politica al potere non se l’era sentita di cambiare rotta. L’India sembrava così una sorta di pachiderma che – ad onta della sua mole imponente, ulteriormente in­ granditasi dal 1975 per l’annessione del principato hi­ malaiano del Sikkim – non possedeva né la forza né la vitalità necessarie per marciare più speditamente sulla strada della crescita economica. E ciò non soltanto a ­91

causa di una congerie di pregiudizi atavici e di consue­ tudini millenarie, e neppure per la sopravvivenza di un vasto arcipelago di caste e sottocaste (peraltro for­ malmente abolite dalla Costituzione varata nel 1950), di rigide gerarchie sociali e di innumerevoli gruppi etnico-religiosi in contrasto fra loro. La sua sostanziale staticità si doveva anche a un groviglio di lacci e vincoli tali da ingabbiare il sistema economico, in quanto quasi tutti i settori erano stati nazionalizzati: dalle miniere di carbone alle raffinerie, dalle acciaierie a varie aziende tessili e dell’industria leggera, dalle assicurazioni ad al­ tre società del settore terziario. Inoltre, il sistema delle licenze riguardanti l’impianto e l’attività delle imprese straniere, in seguito a ulteriori disposizioni restrittive, si era appesantito a tal punto da obbligare molte mul­ tinazionali ad abbandonare l’India e da indurre altre a non mettervi piede. Eppure, nonostante il Pil fosse cresciuto poco più del 13 per cento dal 1950, ancora all’inizio degli anni Ottanta il governo di New Delhi continuava a ritenere che la pianificazione di stampo socialista rappresentas­ se per l’India un modello di riferimento insostituibile, l’unica soluzione in grado di affrancare i Paesi del Terzo Mondo da condizioni di sottosviluppo. Era stato dunque predisposto un ennesimo pia­ no quinquennale, ponendo fra i principali obiettivi da perseguire una maggiore efficienza e competitività del settore pubblico (in quanto metà delle compagnie statali non raggiungevano nemmeno il 50 per cento di produttività) e una progressiva liberalizzazione delle importazioni. Senonché si era poi rimasti ancorati, senza sostanziali varianti, alla precedente linea di condotta. Del resto, da quando era tornata al potere nel gennaio 1980, Indira ­92

Gandhi aveva dovuto concentrare l’azione di governo non già sul varo di appropriate misure per rilanciare l’economia e mettere ordine nei conti pubblici, bensì su una ridda estenuante di compromessi per tenere a bada tanto la destra che la sinistra socialista, ma soprattutto per arginare le tendenze autonomistiche, quando non secessioniste, di diverse comunità locali con differenti matrici etniche e religiose. In pratica, i primi segnali di un’inversione di rotta s’erano delineati soltanto agli inizi del 1985, dopo l’av­ vento al potere di Rajiv Gandhi, figlio di Indira, assas­ sinata tre mesi prima da un estremista sikh, dopo una sequela di conflitti regionali, il più violento dei quali esploso nel Punjab. Il nuovo giovane leader di un Paese che intanto era giunto a contare quasi novecento mi­ lioni di abitanti non aveva alcuna esperienza politica: pilota di linea della compagnia di bandiera nazionale, tale sarebbe rimasto se suo fratello Sanjay non fosse perito nel 1980. Ma il Partito del Congresso, sospinto dall’ondata emotiva suscitata dall’assassinio di Indira, aveva riportato una vittoria elettorale senza precedenti e Rajiv, rassicurato dal fatto di avere dalla sua una lar­ ga maggioranza parlamentare, s’era proposto di «por­ tare l’India nel Ventunesimo secolo», facendo pulizia nei quadri dell’amministrazione pubblica, dove erano di casa abusi e corruttele, riformando una burocrazia ipertrofica, riducendo certi vincoli statalistici troppo marcati sull’economia e stabilendo nuovi rapporti con gli Stati Uniti nell’intento di avvalersi dell’assistenza americana nel campo delle nuove tecnologie industriali. Non per questo la più popolosa democrazia del mondo si era liberata da una congerie di tabù e di con­ venzioni ataviche che continuavano a ostacolare il suo cammino sulla strada della modernizzazione. Le vec­ ­93

chie caste e le loro molteplici articolazioni interne co­ stituivano pur sempre il nerbo della struttura sociale del Paese: tant’è che persino gli imprenditori e i finanzieri appartenevano a una di esse, quella dei vashuavaite, che, insieme a quelle dei bramini e dei politici, rappresenta­ va una delle fazioni più eminenti della classe dirigente. In questo ginepraio, reso oltretutto più intricato dalle contese fra le diverse comunità etniche e religio­ se, Rajiv aveva cercato di destreggiarsi alla meglio. Sul versante economico s’era impegnato per una graduale apertura verso il mercato, allentando le briglie del re­ gime protezionistico inaugurato dal nonno e agevolan­ do gli investimenti stranieri; ma perché l’India potesse accrescere le sue potenzialità, sarebbe stato necessario liberalizzare il sistema degli scambi in modo da conta­ re sull’apporto di capitali e di attrezzature dall’estero. D’altra parte, per non scontrarsi con i principali gruppi imprenditoriali, Rajiv era stato costretto a procedere non già in modo univoco ma adottando un espediente dopo l’altro. Cosicché da un lato aveva incoraggiato al­ cune multinazionali a dirottare verso l’India parte delle loro iniziative, semplificando le procedure burocratiche e attenuando i carichi fiscali, dall’altro aveva mantenuto in vita le tariffe protezionistiche a favore delle principali imprese nazionali. Ma il governo di New Delhi aveva poi dovuto ar­ rendersi di fronte alle ripetute rivolte degli irredenti­ sti sikh, che avevano ripreso le armi nel Punjab; alle sommosse di vari gruppi tribali in Assam; al pronuncia­ mento dei musulmani nel Kashmir (dov’erano maggio­ ritari); e infine anche alla mobilitazione degli integra­ listi indù, sostenuti a spada tratta dal Bharatiya Janata Party (BJP, Partito del popolo indiano, nato nel 1980 da una scissione del Janata Party). Nel novembre 1989 ­94

Rajiv abbandonò la scena politica, dopo che il Partito del Congresso fu sconfitto alle elezioni. Senza tuttavia evitare la stessa tragica fine di sua madre, dato che nel maggio 1991 rimase vittima di un attentato mortale. Eppure, un Paese che vent’anni fa appariva condan­ nato irrimediabilmente a una condizione di arretratezza economica, di instabilità politica e di endemica anar­ chia sociale, è diventato uno dei protagonisti della scena mondiale in seguito a un processo di crescita eccezio­ nale, secondo solo a quello della Cina. Ma l’aspetto più significativo di questo exploit è che esso non è avvenuto sotto un regime autoritario, bensì nell’ambito di un si­ stema democratico. Quella indiana è rimasta infatti una democrazia parlamentare, la più grande democrazia del mondo con il suo miliardo di cittadini quanti ne conta adesso. E che si tratti anche di una democrazia robusta lo dimostrano le punte di asprezza e di incandescenza che è giunta sovente a toccare la lotta politica fra una dozzina di partiti, per non contare le frequenti dispute fra le loro fazioni interne. Oltretutto, non è certo un’im­ presa facile mantenere l’assetto unitario di un Paese grande come l’Europa e composto da una popolazione con una ventina di lingue diverse e cinque fedi religiose. Il «miracolo indiano» – come è stato definito – va attribuito innanzitutto alla formazione che la sua clas­ se dirigente ha compiuto in gran parte nelle università inglesi, e che l’ha portata ad abbracciare sia i princìpi della democrazia sia le regole di un solido pragmatismo. Hanno contato, inoltre, determinati retaggi storici co­ me la tradizionale operosità e ingegnosità dell’artigiana­ to indiano nelle attività manifatturiere e un patrimonio di saperi e consuetudini nelle pratiche mercantili che risalgono all’India pre-coloniale. Successivamente, nel­ la gestazione di iniziative che hanno visto la luce nel ­95

campo dell’high tech, per opera delle leve più giovani, hanno esercitato una forte influenza i precetti di matri­ ce americana sulla valorizzazione del capitale umano e la premiazione del merito. Amartya Sen ha sottolineato quanta parte abbiano giocato anche la versatilità di orientamenti, il rispetto delle opinioni altrui e lo spirito di tolleranza, valori in­ scritti nel codice genetico della società indiana. A suo avviso, questi valori, mai smarriti nelle pur complesse e tormentate vicende del proprio Paese, hanno contri­ buito alla formazione di un’identità culturale sostan­ zialmente eclettica, pervasa da una vena di scetticismo e da tendenze eterodosse: così da rendere possibile la fioritura delle idee e un libero confronto fra concezioni diverse. Di qui la ragion d’essere e, insieme, la forza intrinseca della democrazia indiana rispetto al comu­ nismo cinese, oltre alla radicale diversità dei modelli di sviluppo e delle prospettive che separa i due giganti asiatici. Determinanti sono risultate, in ogni caso, le misu­ re assunte dal governo durante gli anni Novanta per la riduzione del deficit pubblico, una maggior libera­ lizzazione degli scambi e l’avvio di una dinamica indu­ stria del software elettronico. A sollecitare questi e altri provvedimenti è stato in particolare un partito naziona­ lista come il BJP, con una marcata impronta induista ma sensibile alle istanze del ceto medio più intraprendente e fautore di una rinnovata amicizia con gli Stati Uniti.

Una «rivoluzione silenziosa» fra magnati e classe media

Di fatto, il modello di sviluppo indiano si è rivelato non solo confacente alle esigenze e alle aspettative di cre­ scita e modernizzazione di un Paese giunto in ritardo alla soglia dello sviluppo, ma ha assunto anche – per certi aspetti – un valore esemplare: basti considerare che l’India è balzata in testa fin dal 2000, con un volu­ me di esportazioni pari al 18 per cento, nel mercato in­ ternazionale dei programmi informatici personalizzati. Al punto da divenire il principale fornitore degli Stati Uniti in questo campo e in vari altri servizi, grazie alle possibilità offerte da Internet di trasferire in tempi reali e a qualsiasi distanza il cosiddetto back office. Un altro atout è il grado d’eccellenza raggiunto dalle principali università e da alcuni centri di ricerca (famoso in tutto il mondo, per la sua didattica di alto livello, è in partico­ lare l’Indian Institute of Management di Ahmedabad). Inoltre, mentre in Cina il nerbo dell’apparato econo­ mico è concentrato in tre sole aree geografiche, in India la base produttiva è andata estendendosi, seppur in pro­ porzioni diverse, in una trentina di Stati e territori dell’U­ nione. In particolare, due regioni sono divenute l’emble­ ma della prorompente ascesa economica dell’India, il cui tasso di crescita del Pil s’è attestato in media negli ultimi ­97

anni sul 7-8 per cento. Una di queste è il Kerala, all’e­ stremità sud-occidentale del Paese, una regione che nella sua composita struttura sociale riflette i molteplici tratti distintivi, sia politici che religiosi e culturali, della realtà indiana. In questa zona del Deccan è venuta formandosi una galassia di fabbriche che abbracciano vari settori (dal tessile all’elettrotecnica, dalla chimica al cemento, alla raffinazione del petrolio). E ciò in virtù di un buon equi­ paggiamento infrastrutturale, di un’alta scolarizzazione e di un afflusso di capitali e investimenti dall’estero. L’altro fiore all’occhiello dell’economia indiana è quello spunta­ to nel Bengala occidentale, nel nuovo polo informatico di Calcutta, che ha così rafforzato il ruolo dell’India quale ‘ufficio del mondo’, insieme all’ormai celebre Bangalore e a Hyderabad, la capitale dell’Andhra Pradesh, altro nu­ cleo di punta del software. Certo, l’India si trova a dover affrontare drammatici problemi sociali, se si pensa che non sono migliorate granché le condizioni del 60 per cento della sua popo­ lazione, circa 600 milioni di persone che tirano avan­ ti con in tasca meno di due dollari al giorno. E che i suburbi di Bombay e di altre grandi città sono tuttora enormi ricettacoli di miseria, malnutrizione infantile e insalubrità, malgrado gli stanziamenti varati dal gover­ no e dalle autorità locali per bonificarli. Il fatto è che parte di questi fondi finiscono, in parecchi casi, ingoiati da una burocrazia largamente corrotta, quella annidata in vari uffici pubblici. Una piaga, questa, che non si è riusciti ancora a sanare. Tuttavia, la classe dirigente indiana è convinta che prima o poi giungerà ad affrancare anche la parte più diseredata dei suoi concittadini dall’estrema povertà e dal degrado civile. Ad alimentare questa sicurezza è l’effervescente sviluppo che continua a caratterizzare il ­98

corso dell’economia indiana, unitamente all’ambizione di tener testa alla spettacolare performance della Cina. Soprattutto fra gli strati sociali emergenti della nuova borghesia urbana commerciale e delle professioni, do­ mina un clima di fiducia e di ottimismo, in virtù di un trend dell’industria che registra una crescita vorticosa del 20 per cento se non più all’anno. D’altronde, mentre è andata riducendosi a non più del 30 per cento l’area coperta dal settore pubblico, già da tempo sono balzati alla ribalta alcuni grandi grup­ pi privati, con una forte vocazione imprenditoriale e con un cospicuo patrimonio finanziario. Tra i più noti, quelli di un tycoon dell’acciaio come Ikashmi Mittal, di un miliardario del software come Azim Premji, e del magnate Ratan Tata, giunto a creare un autentico impero che produce auto, telefoni e altro ancora, ven­ de prodotti alimentari e servizi informatici. Grazie a svariate partecipazioni, inoltre, Tata è divenuto leader dell’industria manifatturiera inglese: una rivalsa, que­ sta, sull’ex Impero britannico, inimmaginabile sino a poco tempo fa e che ha perciò inorgoglito l’opinione pubblica indiana. Se sono emerse sulla scena questa e altre grandi di­ nastie industriali, talora allacciate al potere politico, la novità più significativa è costituita comunque dalla dif­ fusione della middle class. Si calcola che essa sia com­ posta da circa 200 milioni di persone, se si considera (secondo gli indici di valutazione dell’Ocse per i Paesi emergenti) la parte della popolazione indiana in grado ormai di spendere non solo per sfamarsi, ma anche per acquistare alcuni beni di consumo durevoli e manda­ re i figli alle scuole secondarie; e che altri 100 milioni hanno un’occupazione stabile, una casa, un’auto o uno scooter, la tv a colori, il telefonino, una o più carte di ­99

credito, possono pagarsi cure mediche e corsi universi­ tari, e hanno perciò un tenore di vita decoroso, oltre a spendere e a spandere in cerimonie sfarzose in occasio­ ne dei matrimoni dei propri figli. Nel complesso si tratta dunque di 300 milioni di persone. E questo significa che si è in presenza di un enorme mercato, da un capo all’altro del Paese: anche perché una riforma fiscale varata nel 2005 ha uniforma­ to su tutto il territorio nazionale norme e disposizioni in materia tributaria, eliminando un coacervo di tasse e balzelli e abolendo una serie di pedaggi locali sulla circolazione delle merci da uno Stato all’altro. In pratica, è avvenuta in India una crescita espo­ nenziale dei consumi privati: tant’è che oggi rappresen­ tano circa il 62 per cento del prodotto interno lordo. Una quota molto elevata, quasi alla pari con quella del Giappone, inferiore solo di otto punti a quella degli Stati Uniti, e superiore di ben ventotto punti a quella della Cina. Oggi è perciò la domanda interna il vettore principa­ le della rapida e tumultuosa crescita economica dell’In­ dia, a differenza di quanto si è verificato in genere nei Paesi sottosviluppati al momento del loro decollo indu­ striale. Anche se il volume delle esportazioni indiane sui mercati esteri è andato crescendo, la sua economia non è infatti export led. La preminenza del mercato domestico, date le consi­ derevoli dimensioni che ha assunto, e le sue potenzialità di sviluppo nel breve-medio periodo (qualora andasse in porto anche la «rivoluzione verde» intrapresa per opera di un comitato governativo di esperti agronomi), costituiscono un notevole punto di forza per l’economia indiana. A differenza della Cina, la cui crescita dipen­ de in misura considerevole dalle esportazioni, l’India ­100

non è esposta alle mutevoli variazioni della congiuntura internazionale e questo è tanto più importante in una fase come quella attuale caratterizzata dalla riduzione dei consumi nei Paesi più avanzati. Inoltre, rispetto alla Cina (dove la ‘politica del figlio unico’ ha innalzato la piramide della popolazione in età lavorativa), l’India ha due assi a suo favore: una popolazione, appunto, per lo più giovane, grazie al boom demografico avvenuto so­ prattutto nelle regioni del Centro-Nord; e un maggior grado medio d’istruzione nelle regioni sviluppate. Si calcola che entro il 2020 verrà così aggiungendo­ si alla sua popolazione in età lavorativa l’equivalente di quella messa insieme da Francia, Germania, Gran Bretagna e Italia. Quanto al livello di istruzione, l’India conta fin d’ora un buon numero di giovani in linea con i progressi delle conoscenze e delle nuove tecnologie, dato che nel 2005 la quota degli iscritti alla scuola su­ periore era già salita, nel corso di un decennio, dal 42 al 77 per cento sul totale. Del resto, pur di fornire un’i­ struzione adeguata ai propri figli, le famiglie della pic­ cola borghesia sono disposte a investire anche l’ultima rupia dei propri risparmi. Inoltre, la lingua che era sta­ ta imposta all’India dai suoi dominanti d’un tempo si è rivelata un importante fattore di sviluppo. Grazie alla perfetta conoscenza dell’inglese, non solo gli uomini d’affari sono stati in grado di interagire immediatamen­ te, e comunque assai più di quanto non fosse possibile ai cinesi, con ambienti economici e circoli finanziari sia in America che in Europa. Anche molti ragazzi della classe media si sono avvalsi di manuali e testi stranieri per impratichirsi in varie materie tecniche e in altre discipline. Nel 2010 il tasso di crescita del Pil s’è attestato sull’8,5 per cento, un punto e mezzo in più rispetto al ­101

2007, malgrado certe vecchie ipoteche di cui continua a risentire l’economia indiana: dalle carenze di energia elettrica, causa di frequenti black-out nelle fabbriche, a un’insufficiente rete di trasporti, a un equipaggiamento nel campo delle infrastrutture ancora inadeguato alle crescenti esigenze produttive. Ma se riuscirà a realizzare tangibili miglioramenti su questi versanti (come il go­ verno di Manmhan Singh è adesso impegnato ad attua­ re), l’India innesterà sicuramente una marcia più alta e scalerà parecchie posizioni nella graduatoria mondiale, anche se sembrano eccessive alcune stime secondo le quali dovrebbe divenire entro il 2015 la quarta potenza economica del mondo (dopo Usa, Cina e Giappone). Più attendibile sembra la previsione secondo cui il suo reddito pro capite potrebbe, nel giro di una gene­ razione, non essere più così distante da quello medio dell’Europa dei Ventisette. Ad ogni modo, se l’India è destinata a salire sul po­ dio dell’economia mondiale quale global player a tutti gli effetti, l’obiettivo principale che per il momento la sua classe dirigente persegue è tenere il passo nella ga­ ra a distanza con la Cina. Una gara che non è solo di carattere economico ma riguarda anche il versante po­ litico, dato il costante appoggio assicurato da Pechino al Pakistan, con cui New Delhi è da sempre in rotta sulla questione del Kashmir. Perciò il governo india­ no ha cercato negli ultimi anni di procurarsi appoggi e interlocutori affidabili a livello internazionale. Tra di essi, uno ha assunto per l’India una particolare im­ portanza sul terreno economico, ed è Singapore, con cui New Delhi ha stabilito nel 2005 (dopo tre anni di trattative) un accordo di libero scambio e di collabora­ zione economica. Ciò ha garantito al governo indiano il concorso finanziario di questo suo partner a un grande ­102

piano statale di investimenti per l’ammodernamento dei servizi (dalle telecomunicazioni alle infrastrutture, ai trasporti marittimi e aerei). D’altra parte Singapore, sotto il regime autoritario di Lee Kuan Yew, è cresciuta negli ultimi anni a ritmi elevati, grazie alle sue imprese biotecnologiche, a un’intensa attività d’intermediazio­ ne finanziaria e a una classe media industriosa. Questa città-stato è divenuta così una preziosa testa di ponte dell’India verso il Sud-Est del Continente, ovvero verso gli altri Paesi membri dell’Asean. Inoltre l’India conta un importante accordo con Teheran per l’importazione di greggio e di gas, nonché un’intesa con il Myanmar e il Bangladesh per la costruzione di un grande oleodotto dai giacimenti birmani. Un’altra freccia importante nell’arco dei dirigenti di New Delhi consiste nell’aggregazione, tramite appro­ priate operazioni all’estero della propria Banca centra­ le, di 25 milioni di connazionali residenti in numerosi Paesi asiatici e in Africa orientale, le rimesse dei quali ammontano in media a oltre 20 miliardi di dollari l’an­ no. Importanti sono anche le credenziali che l’India si procura all’estero grazie all’attività di esponenti di note­ vole spicco del suo milieu economico. Un imprenditore come il già citato Mittal è giunto infatti a creare man mano, dalla metà degli anni Settanta, un immenso im­ pero dell’acciaio (dall’Indonesia al Messico, dal Canada all’Argentina, all’Europa centro-orientale); inoltre, nel 2004 ha acquisito il colosso americano International Steel Group ed è divenuto il numero uno dell’industria pesante a livello mondiale. Da un Paese che in passato non sembrava potesse svincolarsi dalle maglie di un ordinamento statalista e socialisteggiante, gestito in chiave protezionista da un apparato burocratico ispido e indolente, è spuntato un ­103

sistema economico sempre più orientato verso il libero commercio e le cui fila sono tenute da una ventina di grandi imperi privati, di prima e seconda generazione, titolari di notevoli partecipazioni finanziarie e di alcuni grossi complessi industriali in vari Paesi occidentali. Volendo definire i tratti distintivi del sistema capita­ listico indiano – sviluppatosi nel contesto di una delle poche democrazie asiatiche esistenti – risulta evidente come la sua principale connotazione consista in una fe­ conda orditura di interazioni e sinergie fra un’impren­ ditorialità d’impianto famigliare ma operante con crite­ ri manageriali, un interventismo pubblico riconvertito a funzioni di carattere propulsivo e una legislazione del lavoro garante dei diritti della classe operaia. E ciò spie­ ga come l’economia indiana galoppi a un tasso medio fra l’8 e il 9 per cento. C’è tuttavia un tarlo nel suo tessuto, ed è quello con­ sistente in un intreccio di rapporti tra affari e politica tutt’altro che trasparente, quale s’è andato formando soprattutto nel settore immobiliare e in quello delle ri­ sorse naturali, oltre che nel giro delle licenze e degli appalti pubblici. Si tratta di un fenomeno che, qualora non venisse rimosso, getterebbe un’ombra sul sistema di governo e finirebbe inoltre per allontanare gli inve­ stitori stranieri.

Dal populismo di Vargas a quello ridisegnato da Lula

Fra le potenze emergenti figura oggi il Brasile, che sino a poco tempo fa veniva considerato poco più che un principiante sulla strada dello sviluppo. Ma oggi le cifre del suo prodotto interno lordo non lasciano dubbi sul fatto che il gigante sudamericano è ormai in corsa ver­ so i piani alti della classifica economica mondiale. Dal decimo posto che occupava nel 2007 è salito adesso al settimo, superando l’Italia. E siccome sèguita a crescere in fretta e a passo spedito, non è escluso che giunga presto ad avvicinarsi alla Gran Bretagna. Ma non è tanto quello numerico, ancorché impor­ tante, il dato più significativo dell’escalation del Brasile, bensì l’archetipo di sistema economico che è alla base della sua performance degli ultimi anni. Un «capitalismo riformato», questa l’etichetta con cui i suoi attuali protagonisti hanno definito il model­ lo di sviluppo brasiliano. È divenuto così sempre più ampio e variopinto il ventaglio del capitalismo quale è andato configurandosi dall’inizio del Ventunesimo secolo. In effetti, che il modello «carioca» sia anch’esso – come quelli giapponese, cinese e indiano – una sorta di capitalismo sui generis, caratterizzato da retaggi ­105

politici, codici culturali e altri fattori eccentrici, risulta evidente se si considera attraverso quale lungo e com­ plesso itinerario esso abbia assunto le attuali forme e valenze. Il «capitalismo riformato», o «capitalismo di sinistra», come ha preferito chiamarlo l’ex presidenteoperaio Lula – a tutti è nota la sua lunga vicenda come leader del sindacato metallurgico –, è infatti il parto di una vicenda cominciata molti anni fa e densa di fasi contrastanti. Tuttavia, un ingrediente ha seguitato a caratterizzare nel corso del tempo la fisionomia del modello di svilup­ po sbocciato, col Brasile, nel cuore del subcontinente americano: il populismo, tenuto a battesimo da Getúlio Vargas a metà degli anni Trenta, e che seppur declinato in differenti versioni si ritrova da allora costantemente in auge nel repertorio di postulati e programmi d’azione dei governi man mano alternatisi al potere sino ai giorni nostri. Quello inaugurato da Vargas, leader del Partito li­ beral-progressista, che nel luglio 1932 aveva abrogato la Costituzione e instaurato un regime autoritario, era una specie di modello statal-paternalista che ricalca­ va in parte quello portoghese nazional-corporativo di Oliveira Salazar. Ciò che lo differenziava dal prototipo lusitano era un’impronta assai più marcata sul piano sociale: Vargas, pur avendo imposto un sistema auto­ ritario, con la messa al bando di tutti i partiti politici, puntava sul consenso popolare da acquisire non solo tramite una serie di pronunciamenti plebiscitari, ma con una larga apertura nei riguardi della classe lavora­ trice, in particolare di quella operaia. Di qui, appunto, i connotati populistici assunti dalla politica del suo go­ verno, con un crescente intervento pubblico a sostegno di un indirizzo economico-produttivistico, e un appel­ ­106

lo diretto alle masse all’insegna di una parola d’ordine avvincente, ovvero l’affrancamento del Brasile dall’ege­ monia finanziaria americana e dal capitale britannico (la prima peraltro già notevolmente ridottasi dopo la Grande Crisi del 1929). Sviluppatosi sull’onda di uno spiccato nazionalismo in funzione della creazione di un «Estado Novo», e non senza parentele politico-ideologiche con i regimi fascisti europei instauratisi nel corso della fase più acuta della depressione economica, il ‘getulismo’ aveva potuto van­ tare – grazie anche alle commesse statunitensi durante il periodo bellico – una forte crescita fra il 1938 e il 1944 sia della produzione industriale che del prodotto interno lordo. Ed era stata questa la carta di credito di cui Vargas, destituito nel dicembre 1945 dai militari, si era poi avvalso per prendersi la rivincita nelle elezioni del novembre 1950 e ascendere alla presidenza della Repubblica, non senza l’appoggio del Partito comuni­ sta, riproponendo in sostanza la stessa formula prece­ dente: quella di un processo di sviluppo condotto dalla mano pubblica – in seguito sfociato nella statalizzazione prima dell’industria siderurgica e poi anche del settore petrolifero – e corredato da alcune misure di carattere sociale. Di fatto, la pianificazione degli investimenti col con­ senso dei sindacati aveva contrassegnato questa secon­ da stagione del ‘getulismo’, durante la quale il governo aveva anche raddoppiato i minimi salariali degli operai di fronte a una ripresa dell’inflazione. E sarebbe proba­ bilmente durata a lungo se nell’agosto 1954, paventan­ do un colpo di Stato militare, Vargas non si fosse tolto la vita. Quando dieci anni dopo, in seguito al golpe del maresciallo Castelo Branco, i generali si impadronirono del potere, anch’essi cercarono di ingraziarsi le organiz­ ­107

zazioni sindacali: solo che lo fecero in modo diverso ri­ spetto a Vargas, ossia aprendo le porte agli investimenti stranieri, per accrescere, insieme alla produzione indu­ striale, l’occupazione operaia nei principali distretti ur­ bani, e lasciando le campagne alla completa mercé di un ristretto gruppo di fazenderos a capo di vasti latifondi. Solo dopo vent’anni di dittatura militare, col ritorno alla democrazia e l’elezione nel gennaio 1985 alla pre­ sidenza della Repubblica di un esponente progressista, Almeida Neves, già governatore dello Stato di Minas Gerais, si manifestò un mutamento di rotta. Venne in­ fatti imponendosi una politica economica di severa au­ sterità, per abbassare un tasso di inflazione annuo che correva intorno al 600 per cento e ridurre un debito pubblico astronomico, dovuto alla disinvolta quanto ambiziosa politica perseguita dagli uomini in uniforme. Ma fu un politico liberal-democratico d’ispirazione mo­ derata, Fernando Henrique Cardoso, a bloccare negli anni Novanta, una volta per tutte, la corsa dei prezzi e riequilibrare i conti pubblici. «Un Brazil decente», è stato lo slogan con cui Lula, promettendo innanzitutto di adoperarsi per vincere la lotta contro la fame di oltre 50 milioni di suoi concittadi­ ni in stato di povertà, vinse le elezioni dell’ottobre 2002 per la massima carica della Repubblica. A molti è sem­ brato, stando a questa e altre sue affermazioni, che egli si prefiggesse di attuare una pianificazione economica in senso socialista. In fondo, era stato a capo del sindaca­ to dei metalmeccanici, dopo aver fatto per tanti anni il tornitore di mestiere, e dal 1980 era il leader di una for­ mazione politica che si chiamava Partito dei Lavoratori. Ma Lula aveva fatto i suoi bravi calcoli per con­ cludere che non avrebbe potuto fare diversamente da Cardoso, se il suo governo voleva accedere al credito ­108

internazionale di cui aveva assoluto bisogno: almeno fin quando le finanze pubbliche non fossero state definiti­ vamente risanate. Per il resto conosceva troppo bene la forza e l’influenza del mondo imprenditoriale, soprat­ tutto quello dello Stato di São Paulo, per rischiare di inimicarselo. Non poteva però nemmeno rompere con la sinistra radicale del suo partito e con vari gruppi d’i­ spirazione marxista che l’avevano appoggiato nell’ulti­ ma campagna elettorale per la presidenza (come nelle altre tre precedenti consultazioni). Perciò aveva tenuto a dire per prima cosa che non voleva affatto assecondare una «lotta dei poveri contro i ricchi». La sua aspirazione era che «tutti» diventassero «ricchi», quasi allo stesso modo in cui s’era espresso Deng Xiaoping in Cina negli anni Ottanta. Si trattava di uno slogan decisamente populista, anche se Lula s’e­ ra affrettato a precisare che per il momento intendeva creare solo un minimo di condizioni sufficienti affinché i suoi connazionali più indigenti fossero «almeno in gra­ do di permettersi una colazione, un pranzo e una cena al giorno». Non di più, ma neppure poco per quanti tiravano avanti con un dollaro al giorno o anche meno. In seguito è stato un valido staff di economisti chia­ mato a collaborare col governo a guidare Lula tra i vari tornanti di un percorso che sarebbe stato giudi­ cato «virtuoso» dal Fondo monetario internazionale e confacente alle potenzialità economiche del suo Paese. La strategia elaborata dalla cabina di regia insediatasi a Brasilia consisteva, in sostanza, in una politica finalizza­ ta a incentivare la crescita delle microimprese, fuori dal bozzolo dell’economia sommersa, e a concentrare gli investimenti pubblici in cinque settori: infrastrutture, materie prime, istruzione, edilizia popolare e sanità. Non tutti gli obiettivi che il governo centrale si era ­109

prefisso sono stati raggiunti. Ma se nelle elezioni presi­ denziali dell’ottobre 2006 Lula ce l’ha fatta una seconda volta a battere il suo rivale, il governatore dello Stato di São Paulo Geraldo Alckim, e a risalire la corrente dopo le accuse di corruzione e di malversazioni che hanno infangato alcuni dei suoi principali collaboratori e vari parlamentari del suo partito, ciò è avvenuto grazie so­ prattutto alla mobilitazione dell’immensa massa di po­ veri che popolano le regioni più depresse del Nord-Est e le favelas di Rio e di altre città. Per loro, a contare era il fatto che nel frattempo più di dieci milioni di fami­ glie avessero ricevuto un sussidio pubblico, il tasso di disoccupazione fosse sceso all’11,5 per cento, il salario minimo fosse aumentato, e i prezzi dei generi alimentari fossero ribassati. Del resto, Lula è andato affermando che solo Dio avrebbe potuto trasformare la faccia del Brasile in quat­ tro anni. Non si può quindi incolparlo di non aver fatto i miracoli che l’estrema sinistra continuava a pretendere da lui. Senza alcun dubbio – ed egli era il primo a rico­ noscerlo – il Brasile ha bisogno di un’autentica riforma agraria in grado di assicurare un fazzoletto di terra a tanti braccianti, di una riforma della scuola capace di garantire lo sviluppo dell’istruzione pubblica e premia­ re i più meritevoli, di una effettiva moralizzazione della vita pubblica, inquinata da troppi abusi e ruberie, non­ ché di un’azione più risoluta contro la criminalità orga­ nizzata e la delinquenza comune, che spadroneggiano nei suburbi della città, per debellare il narcotraffico e garantire la sicurezza dei cittadini. Ma intanto è avvenuta una sterzata nella redistribu­ zione del reddito, non già a vantaggio del ceto medio (come in India) ma soprattutto delle classi popolari. Più di 250.000 famiglie assegnatarie hanno ottenuto appez­ ­110

zamenti di terra provenienti dai latifondi inutilizzati e dal demanio pubblico; e così pure quelle degli aborige­ ni dell’Amazzonia e di altre regioni; 45 milioni di bra­ siliani hanno potuto usufruire del programma sociale «Base famiglia» e 8 milioni di loro (sui 42 che soprav­ vivevano con meno di due dollari al giorno) sono stati affrancati dall’inferno della miseria estrema. Inoltre, il tasso di analfabetismo tra i maggiori di quindici anni s’è ridotto a poco più dell’11 per cento, l’obbligo scolastico portato da otto a dieci anni, ed è aumentato il numero delle scuole tecniche e delle università. Inoltre, il reddi­ to di lavoro delle donne è cresciuto, dal 2003, rispetto a quello dei lavoratori maschi. È vero che il Brasile ha dovuto misurarsi pur sempre con la minaccia dell’inflazione, così che i tassi d’inte­ resse sono rimasti per tre anni molto alti (tra il 17 e il 18 per cento), un record a livello mondiale. Altrettanto vero però è che il cospicuo attivo commerciale è dovuto in misura rilevante all’importazione di materie prime da parte della Cina, e non tanto alla domanda dall’estero di prodotti industriali e di servizi; e che il tasso di crescita del Pil, pur avendo conosciuto una variazione annua positiva dall’1,9 al 3,4 per cento, è rimasto largamente al di sotto di quello della Cina e dell’India. Ma l’inflazione era stata alla fine domata. E, dato che il Brasile ha paga­ to sino all’ultimo centesimo di quanto doveva al Fondo monetario internazionale, Lula è riuscito a rassicurare i suoi connazionali che Washington non avrebbe potuto più «dettare legge a casa nostra». Da allora il Brasile, che già da un pezzo non era più un colosso dai piedi d’argilla come veniva raffigurato in passato, non ha fatto altro che progredire grazie a una velocità di crociera del suo Pil intorno al 7 per cento e ad una crescente massa di investimenti esteri nel settore ­111

industriale (anche in Stati del Nord-Est come quello di Pernambuco). Si sono perciò infittiti gli interrogativi su quale casella iscrivere il suo modello di sviluppo. Va accantonata decisamente la tesi di quanti a sinistra par­ lano di una «terza via»: il Brasile è un Paese con un’e­ conomia capitalistica a tutti gli effetti e quindi senza alcun genere di pianificazione economica, anche se un ruolo importante rivestono alcune grandi compagnie pubbliche. Ma non ha fondamento neppure la tesi di quanti considerano l’esperienza brasiliana una variante dell’economia sociale di mercato in salsa latinoameri­ cana, dato che gli Stati Uniti, e non l’Europa, hanno costituito il principale punto di riferimento della sua classe dirigente. D’altra parte, per comprendere quali siano le fat­ tezze e le direttrici del sistema brasiliano, ancora una volta non servono certi paradigmi classificatori invalsi un tempo: o meglio, bisognerebbe ridefinirli tenendo assai più in considerazione il peso specifico di fattori che hanno a che vedere con la storia, la cultura sociale, la demografia, la geopolitica.

La vitalità esuberante del Brasile

Il gigante sudamericano non è solo una delle demo­ crazie più grandi del mondo, con i suoi 200 milioni di abitanti. È anche un Paese multietnico, popolato com’è da comunità autoctone e da numerose altre originarie di vari Continenti. Un autentico crogiolo, reso evidente anche da un universo culturale ibrido e da un patrimo­ nio simbolico eterogeneo, che si riscontra con le stesse dimensioni e valenze solo negli Stati Uniti. Inoltre ha un’estensione territoriale immensa, e non è che tutto il suo spazio sia stato finora messo a frutto: tant’è che annovera notevoli potenzialità, quali non si rintracciano in nessun altro Paese del mondo. Per certi aspetti il Brasile di oggi sembra l’America dell’epoca pionieristica, caratterizzata da una ruvida baldanza dei suoi protagonisti e da tendenze politiche populiste, e proiettata in una corsa incessante verso la conquista di una «nuova frontiera» dopo l’altra. Oggi, al Sud dell’emisfero occidentale, si sta vivendo una stagione pressoché analoga, dopo che i militari di for­ mazione ingegneristica avevano provveduto a stendere una fitta rete di arterie e telecomunicazioni da un capo all’altro del Paese. Il Brasile è infatti caratterizzato da una vitalità esuberante e tumultuosa, grazie alla valo­ ­113

rizzazione di nuove ingenti risorse. E la gente è animata dalla convinzione di un avvenire sicuramente migliore e da un forte orgoglio nazionale. D’altra parte, non potrebbe essere diversamente, giacché il Brasile annovera non solo una popolazione in maggioranza giovane e con una gran voglia di rivalsa, ma possiede vaste tenute agricole e molte altre terre da valorizzare nel bacino dell’Amazzonia (senza dover per questo mettere a repentaglio un patrimonio forestale che rappresenta un vero e proprio ‘polmone ecologico’ per l’intero pianeta), nonché numerosi giacimenti mine­ rari e abbondanti riserve di uranio. Inoltre è leader in una tecnologia a basso impatto ambientale, in quanto maggior produttore mondiale di bioetanolo (ricavato dalla canna da zucchero e da varie piante locali, e non tanto dal mais) per la produzione di risorse energetiche alternative; ma conta anche un bel po’ di petrolio (che estrae con le sonde dalle piattaforme marine dislocate lungo le sue coste) e alcuni reattori nucleari. Inoltre anche il Brasile, come a suo tempo l’Ameri­ ca, sta aprendosi un varco verso ovest, verso l’Oceano Pacifico, tramite una superstrada camionabile lunga più di 2.500 chilometri, progettata nel gennaio 2006 di concerto col Perù. Il suo percorso, che s’inerpica su montagne alte sino a 4.000 metri, attraversa foreste ver­ gini e costeggia grandi laghi andini, è quello del rally trans-amazzonico, attualmente utilizzato solo per tra­ sporti locali. Fin d’ora l’Estrada do Pacifico è divenuta non sol­ tanto una sorta di mito, in quanto rievoca il sogno di Fitzcarraldo: il protagonista dell’omonimo film del 1982, ambientato in Sudamerica fra Otto e Novecento, che ruota appunto attorno al miraggio dell’attraversa­ mento della foresta amazzonica. Ma è divenuta anche ­114

il simbolo della straordinaria performance del Brasile: questo ‘serpentone autostradale’, infatti, destinato a collegare il Brasile al Pacifico, una volta realizzato di­ schiuderà alla sua economia opportunità finora impen­ sabili, come quelle derivanti dall’espansione a raggiera delle sue relazioni commerciali con i Paesi più svilup­ pati del Continente asiatico. In particolare s’intensifi­ cheranno i rapporti economici con la Cina – che già nel corso del 2010 hanno registrato un export del Brasile (soprattutto in soia, ferro, petrolio e altre materie pri­ me) pari al 13,2 del totale, contro il 10,3 verso gli Stati Uniti – nonché una serie di investimenti cinesi nel Paese sudamericano (che fin d’ora equivalgono a oltre 170 miliardi di dollari). Senza contare le ulteriori possibi­ lità d’incremento dei traffici nell’ambito del Mercosur e verso il Nord-Ovest americano grazie al fatto che il Perù possiede cinque importanti aree portuali. Inoltre il Brasile ha un altro asso da calare sul tavo­ lo. Dopo che ha assunto la guida nell’ambito del Wto dei Paesi dell’emisfero australe e intensificato i rapporti con il Sudafrica, ha fatto altrettanto con l’India. E se New Delhi è interessata ad approdare sulle piazze del Cono Sud, con le sue imprese in grado di realizzare in vari settori prodotti di qualità a basso costo, Brasilia può coprire a sua volta, con i carburanti verdi, parte del fabbisogno energetico indiano. Intanto la convivenza fra la sinistra operaista e il mondo degli affari paulista, che all’inizio sembrava dovesse prima o poi venir meno, si è perpetuata: non foss’altro per forza di cose. Oggi, infatti, dopo due suc­ cessivi mandati di Lula (che nel frattempo era diventato una sorta di icona popolare e una star dei massmedia di mezzo mondo), s’è insediata al vertice della Repubblica, ­115

Dilma Rousseff, appartenente allo stesso partito dell’ex presidente. Certo, la first lady brasiliana è una figura ben diversa da quella di Lula: è soprattutto una manager, che si è lasciata alle spalle un passato avventuroso di guerriglie­ ra contro il golpe compiuto nel 1964 dai generali e una militanza politica nelle file dell’estrema sinistra durante gli anni Ottanta. E che, vinte nel 2010 le elezioni con un ampio scarto di suffragi, ha cambiato stile e rotta di governo rispetto al suo predecessore, accantonando certe marcate tendenze populiste in cui da ultimo Lula aveva ecceduto. La Rousseff ha imposto notevoli tagli alla spesa pubblica e tirato il freno all’aumento dei sa­ lari, per bloccare una ripresa in forze dell’inflazione. Se da una parte la neopresidente considera essenziale che l’industria continui a correre con un ritmo del 10 per cento l’anno, dall’altra ritiene che ciò debba avvenire in condizioni di stabilità evitando il rischio di un surriscal­ damento. Meglio quindi una crescita del Pil al 4,5 per cento rispetto al 7,5 per cento dell’ultimo anno. Inoltre la Rousseff ha ristabilito il dialogo con gli Stati Uniti, che negli ultimi anni, durante il secondo mandato di Bush, si era deteriorato tanto da mandare in fumo un accordo per stabilire fra il Nord e il Sud del Continente un’area di libero scambio per la circolazio­ ne di merci e di capitali. Adesso, dopo le aperture di Lula all’Iran di Ahmadinejad e al Venezuela di Chávez, Dilma Rousseff ha allentato i rapporti sia con Teheran che con Caracas, badando piuttosto a ricucirli con l’A­ merica di Obama e di Hillary Clinton.

Dalla «revanche» della Russia alla «forza tranquilla» dell’Australia

Non è stata soltanto la ‘volata’ del Brasile, dopo quel­ le di Cina e India, a fornire un’ulteriore conferma dei mutamenti in corso nei rapporti di forza fra i Paesi più avanzati, ma azzoppati dalla crisi, e i nuovi Paesi emer­ genti; e di conseguenza ad attestare la pluralità di for­ mule e declinazioni assunte dal sistema capitalistico nel giro degli ultimi due decenni. In questo contesto si può affermare che proprio l’ex impero sovietico sia stato il primo a mutuare e adottare i meccanismi di un’economia capitalistica, senza tuttavia assimilarne i princìpi ispiratori. Certo, la Russia ha dalla sua un cospicuo patrimonio di risorse energetiche, che le ha consentito di riprendere fiato e vigore, dopo che sino ai primi del 2010 aveva accusato i contraccolpi del­ la recessione economica tanto che la sua Banca centrale aveva registrato una notevole diminuzione delle proprie riserve auree. Resta, nondimeno, più di un interrogativo sulla con­ sistenza e le connotazioni del suo sistema economico, per via dei forti legami dell’attuale dirigenza politica col passato, della sopravvivenza di un vasto apparato burocratico e della preminenza di alcuni potentati eco­ nomici che detengono, in alcuni casi, il monopolio o ­117

comunque posizioni di dominanza in alcuni settori in­ dustriali di base, e che hanno potuto perciò spingersi ad attuare cospicui investimenti in Occidente. Insomma, la Russia di Putin e di Medvedev sembra essere passata da un capitalismo di Stato a un capitalismo oligarchico, non senza certe vecchie stimmate del passato. Di fatto, pur appartenendo al gruppo del Bric, dei Paesi emergenti, quale decima economia del mondo per Pil nominale, essa costituisce pur sempre un pianeta a sé stante. Anche se la sua politica e la sua forza militare hanno perso smalto e spessore, il Cremlino séguita in­ fatti a essere corteggiato tanto dalla Nato che dall’Unio­ ne Europea; e continua a esercitare un ruolo politico di rilievo in sede internazionale. Altri Paesi si sono frattanto inseriti nella corsa ver­ so lo sviluppo nell’ambito del mercato globale: dalla Turchia all’Iran, dall’Indonesia alle Filippine, dalla Malaysia all’Australia. E anche in questi casi diverse tipologie e tonalità nel diorama del capitalismo hanno agito da altrettante leve per mobilitare nuove energie, reperire ulteriori risorse o valorizzare meglio quelle esi­ stenti, incrementare attività produttive e finanziarie. Si sta assistendo così a un capovolgimento della situazione economica quale s’era stabilita tra Otto e Novecento e s’era successivamente consolidata nel cor­ so del Ventesimo secolo. Se dieci anni fa erano gli Stati Uniti col Canada e l’Europa occidentale al centro del mondo, oggi l’asse portante dell’economia globale sta spostandosi verso quella che era un tempo la perife­ ria, sebbene il Giappone, la Corea del Sud, Singapore e tantomeno l’Australia non fossero più da un pezzo ai margini del mondo più ricco e sviluppato. In pratica, se i Paesi già emersi e i nuovi emergenti continuassero a procedere con lo stesso passo di questi ­118

ultimi anni, e a coniugare la crescita del loro prodotto interno lordo con l’acquisizione di nuove conoscenze e tecnologie, si verificherebbe una vera e propria meta­ morfosi della mappa geoeconomica mondiale con un corollario di fenomeni di rilevante portata, riguardanti l’andamento e la direzione dei flussi migratori, le rela­ zioni commerciali, il mercato del lavoro, il sistema mo­ netario, la composizione degli organismi internazionali, solo per citarne alcuni. E tutto ciò modificherebbe, na­ turalmente, anche l’architettura geopolitica del potere a livello mondiale. Secondo le stime più attendibili ci vorrà ancora un decennio, forse qualcosa di più, perché ciò avvenga. Ma intanto l’inversione di tendenza in atto rispetto all’asset­ to economico precedente appare irreversibile. Si tratta, piuttosto, di vedere se essa darà luogo a un nuovo polo preminente d’influenza e di attrazione, non più costi­ tuito dalle metropoli più avanzate d’un tempo; oppure renderà il sistema economico globale più multipolare di quanto già non sia, ma senza una vera e propria le­ adership, paragonabile a quella esercitata sino ad oggi dagli Stati Uniti. Questa seconda prospettiva risulta oggi più proba­ bile: sia perché sta allargandosi la fascia dei nuovi Paesi in via di sviluppo che ambiscono ad entrare nel novero delle economie emergenti, e stanno facendo di tutto per raggiungere i livelli di vita dei Paesi avanzati; sia perché quelli più provvisti di materie prime sono avvantaggiati dalla crescente domanda di petrolio e cibo dei Paesi ricchi e dal rincaro dei prezzi delle commodities. Fra i second comers figura l’Australia. È vero che, con una popolazione di appena 22 milioni e mezzo di abi­ tanti (in gran parte di matrice europea, per il resto nativi e immigrati asiatici), non ha una sufficiente forza de­ ­119

mografica e che anche per questo ha mantenuto finora un profilo economico relativamente basso. Ma possiede enormi risorse naturali, conta un’agricoltura intensiva (tanto da essere, fra l’altro, il principale produttore di lana merino) e annovera numerose iniziative industria­ li di lunga data: dalla siderurgia alla metalmeccanica, dalla petrolchimica all’elettronica. Altri due suoi assets, che moltiplicano le chances di crescita del Paese, sono un alto grado di scolarizzazione e una cultura sociale caratterizzata da robusto pragmatismo di stampo an­ glosassone. Né è certamente un dato irrilevante il fatto che per qualità della vita quattro sue città (Melbourne, Sydney, Perth e Adelaide) sono fra le prime dieci top del mondo. Quel che comunque è il principale punto di forza dell’Australia è il fatto di essere una sorta di miniera a cielo aperto. Non è solo il maggior esportatore mondia­ le di carbone e di minerali ferrosi ma pure il principale produttore di uranio, di diamanti e, con il Sudafrica, si spartisce i più grossi giacimenti auriferi del pianeta. Insomma, è un Paese dotato di ogni ben di Dio e potrà disporne assai di più quando metterà a frutto il suo va­ stissimo territorio (è il sesto nel mondo per estensione e attualmente solo il 6 per cento del suo suolo viene coltivato) e si avvarrà in pieno degli importanti giaci­ menti di gas e petrolio scoperti di recente e di altri già individuati. Tuttavia, proprio per queste sue cospicue risorse na­ turali l’Australia corre il rischio di finire nell’orbita del­ la Cina, divenuta il suo principale partner commerciale per via dei consistenti acquisti, da parte di Pechino, di minerali, merci e vari servizi. I cinesi vorrebbero en­ trare sempre più nel business minerario australiano e incrementare i propri investimenti anche in società ­120

finanziarie e industriali, attraverso partecipazioni di maggioranza e non già mediante joint-venture. D’altra parte, la comunità cinese residente in Australia ammon­ ta a 700.000 persone, molte delle quali particolarmente influenti nel mondo degli affari e nella vita pubblica. Il governo di Camberra, a guida laburista da una de­ cina d’anni, ha stabilito ottime relazioni con il Dragone Rosso e non ha mai celato, per contro, la sua insoffe­ renza verso i legami, sia pure formali, ancora esistenti (quale Paese del Commonwealth) con la Corona britan­ nica: tant’è che vorrebbe trasformare il suo sistema isti­ tuzionale in un ordinamento repubblicano. Ma adesso teme che si venga a instaurare di fatto un altro genere di sudditanza: quella nei confronti di Pechino, assai più incisiva in quanto riguarda il versante economico. Julia Gillard, a capo del governo dal giugno 2010, ha perciò confermato le norme del suo predecessore, Kevin Rudd (leader, prima di lei, del Partito laburi­ sta), stringendo i freni nei confronti della ‘campagna acquisti’ dei cinesi soprattutto per quanto concerne il settore minerario. In base alle più recenti disposizioni, le partecipazioni degli investitori cinesi in società au­ straliane devono rimanere minoritarie affinché essi non giungano a interferire nella definizione dei prezzi delle materie prime, che in caso contrario potrebbero tenere surrettiziamente bassi per avvantaggiare le importazio­ ni di Pechino. Da «forza tranquilla» quale essa si ritiene, e troppo poco popolata rispetto al suo enorme territorio, l’Au­ stralia non è in grado di assumere il ruolo di una vera e propria potenza economica emergente; anche se costi­ tuisce la capofila di un intero Continente come l’Oce­ ania. Oltretutto, le inondazioni a cui sono soggette di frequente alcune sue regioni sono talmente devastanti ­121

da determinare sensibili sbalzi del suo tasso di cresci­ ta. Tuttavia, in seguito allo spostamento del baricentro economico dall’Atlantico al Pacifico, l’Australia è in ot­ tima posizione per dire la sua. Ed è inoltre meta di un crescente flusso di investimenti esteri e anche di gente che la considera sia una terra ricca di opportunità per chi voglia migliorare le proprie condizioni economiche, sia un paese d’avanguardia, in quanto proiettato verso sperimentazioni di estrema modernità.

L’Africa alla ricerca di una via verso lo sviluppo

Alcuni Paesi, confinati sino a poco tempo fa nei bas­ si fondali dell’economia mondiale, sembrano essersi scossi da uno stato endemico di letargo e sottosviluppo. Sebbene non si possa ancora definire a quale genere appartenga il loro sistema, se sia di tipo capitalistico o non, sta di fatto che, mentre la globalizzazione sta agendo da molla del loro incipiente sviluppo, le leve che ne assecondano le cadenze sono più o meno ana­ loghe a quelle dei Paesi già ascesi a posizioni di rilievo: industrializzazione, più investimenti da parte anche di operatori stranieri, formazione di un mercato interno, crescita dei consumi. È questa la novità emersa al World Economic Forum di Davos del gennaio 2011. Si tratta, in pratica, di una pattuglia di Paesi non solo del Sud-Est asiatico ma an­ che dell’Africa, che stanno migliorando le proprie con­ dizioni e creando le premesse per ulteriori passi avanti, pur non senza parecchie difficoltà. Dell’Uzbekistan, del Vietnam e del Bangladesh si erano già registrati negli ultimi anni alcuni tangibili segnali in questo senso. Nel caso dell’Uzbekistan essi erano dovuti ai proventi dei suoi giacimenti di idrocar­ buri; nel caso del Vietnam, all’esistenza di una fiorente ­123

industria tessile e agli investimenti cinesi e giappone­ si in imprese d’assemblaggio di apparecchi televisivi e computer, nonché alle rimesse dagli Stati Uniti di molti suoi emigrati; nel terzo, quello del Bangladesh, sia agli effetti positivi determinati dalla cessazione nel 1991 di sconvolgimenti politici e colpi di Stato militari, sia ai crescenti investimenti esteri nelle imprese locali a basso costo di manodopera. In complesso, è evidente come questi e altri Paesi debbano il loro incipiente sviluppo soprattutto agli effetti indotti dalla crescita e dall’espan­ sione dell’economia cinese e di quella indiana. È quanto sta avvenendo anche per alcuni Paesi africani: tanto più che in questo caso sono numerosi i soggetti e gli interlocutori la cui azione risulta determi­ nante o comunque positiva per la crescita delle econo­ mie locali. D’altro canto, l’Africa è un Continente con la maggior concentrazione relativa di risorse naturali per alcune materie prime essenziali (cobalto, platino, nickel, diamanti, oro, uranio e coltan). E il fatto che es­ se non siano state finora debitamente valorizzate è uno dei motivi preminenti del sempre maggior interesse nei confronti del Continente sia da parte dei Paesi avanzati che di quelli emergenti, con in testa la Cina. Sebbene anche l’Africa abbia risentito dopo il 2008 della crisi economica, ne ha però accusato i contraccol­ pi in misura più limitata in virtù della sua scarsa integra­ zione con il sistema finanziario internazionale e di una regolamentazione piuttosto severa per quanto riguar­ da i mercati dei capitali. Tuttavia, molti Paesi africani hanno registrato un peggioramento della loro bilancia commerciale, in seguito alla caduta dei prezzi delle commodities e dei quantitativi di merce che esportavano, al­ la chiusura dell’Europa ai loro prodotti e alla riduzione delle rimesse dei loro emigrati all’estero. ­124

Di fatto, il notevole potenziale di risorse naturali che l’Africa annovera continua a influenzare sia la struttura economica di gran parte dei suoi Paesi, in quanto essa risulta concentrata nel settore minerario e in vari com­ parti complementari, sia la loro performance economi­ ca, in quanto indissolubilmente legata all’andamento dei prezzi delle materie prime sui mercati internaziona­ li. In compenso, l’esistenza di vasti giacimenti minerari e di petrolio, oltre che di alcuni prodotti agricoli più richiesti, ha determinato un crescente flusso di investi­ menti da parte di Cina, India, Brasile, Corea del Sud e Malaysia, che è andato ad aggiungersi a quelli di gruppi americani ed europei (con in testa Germania e Gran Bretagna). Soprattutto Pechino è divenuta negli ultimi dieci anni, all’insegna del principio del «vantaggio recipro­ co», il primo partner commerciale e investitore estero di parecchi Paesi del Continente; e ha trovato, al tempo stesso, dai loro governi un sostegno politico alle sue tesi nelle relazioni internazionali. Senonché questa moltiplicazione di iniziative e in­ vestimenti stranieri sta anche a dimostrare che, salvo alcune eccezioni, i Paesi africani non hanno saputo co­ gliere l’opportunità del «vantaggio competitivo» di cui la natura li ha provvisti, facendo fruttare essi stessi le risorse che possiedono talora in abbondanza. E ciò sia per rendersi pienamente indipendenti, sia per migliora­ re le condizioni di vita di gran parte della popolazione – che sèguita a tirare avanti al di sotto della soglia della povertà – e arrestare la drammatica spirale rappresen­ tata da molteplici malattie endemiche. Ad ogni modo, alcuni sensibili progressi si stanno re­ gistrando in Paesi come l’Etiopia, la Tanzania, il Kenya, l’Uganda e il Mozambico, in virtù di ritmi di sviluppo ­125

del Pil che dal 2005 si sono aggirati in media intorno al 7 per cento (ma che in alcuni casi, come per l’Uganda e l’Etiopia, sono arrivati a toccare la cifra del 10 per cen­ to). Quelli che venivano considerati sino a poco tempo fa ‘gli ultimi della classe’ sono così riusciti da un lato a ridurre la gran massa di quanti vivevano nell’indigenza più assoluta e dall’altro hanno cominciato a uscire da condizioni avvilenti di sottosviluppo e marginalità gra­ zie all’esportazione di alcuni prodotti minerari e agri­ coli, soprattutto verso la Cina, alla creazione di un più ampio mercato interno e ai miglioramenti avvenuti nei campi dell’istruzione pubblica e della sanità. A segnare il risveglio del Continente non sono dun­ que più soltanto il Sudafrica, la Nigeria, lo Zambia o l’Angola (le cosiddette «tigri africane»), che, dopo aver rimosso i retaggi del vecchio imperialismo euro­ peo, s’erano tolti di dosso, almeno in parte, anche i condizionamenti successivi del neocolonialismo occi­ dentale. D’altro canto, alcuni Paesi si sono liberati di dittatori corrotti e spietati, che requisivano per sé e i loro accoliti gran parte degli aiuti internazionali. A sua volta, l’epilogo di alcune contese locali alimenta­ te durante la Guerra Fredda dai contrapposti fronti politici, e di certe endemiche dispute etniche o triba­ li, ha contribuito ad assicurare condizioni di stabilità politica favorevoli al progresso civile e a una graduale evoluzione economica. Inoltre, varie opere infrastrutturali transnazionali dovrebbero ridisegnare nel giro di quattro-cinque an­ ni la struttura logistica dell’Africa: come la linea fer­ roviaria per il trasporto merci destinata a collegare il Ruanda e il Burundi alla Tanzania, il cui porto di Dar es Salaam giungerà così a fare concorrenza all’altro sca­ lo sull’Oceano Indiano, quello kenyano di Mombasa. ­126

Tuttavia, negli ultimi tempi, molte aspettative sul ruolo-guida che il Sudafrica avrebbe dovuto assume­ re per assecondare la crescita e la modernizzazione del Continente, si sono dileguate o sono venute riducendo­ si, dopo le credenziali che aveva acquisito nel 2010 con l’allestimento di un grande evento sportivo come i cam­ pionati mondiali di calcio disputati a Città del Capo, Johannesburg e altre città. In effetti, il Sudafrica è ancora lontano dall’aver ri­ solto gran parte dei suoi problemi economici e socia­ li, malgrado siano trascorsi ormai molti anni dal 1994. Da quando Nelson Mandela, dopo un’intera esistenza dedicata alla lotta contro l’apartheid, aveva affrancato il Paese da un regime autoritario e segregazionista nei confronti della popolazione nera e quella di colore. Anzi, in alcuni settori della sua nuova classe dirigen­ te, così diversa da quella formatasi in precedenza in un clima di tendenziale riconciliazione e unità nazionale, sembra prevalere un orientamento razzista nei confron­ ti dei bianchi e un indirizzo di politica economica più o meno analogo a quello attuato nello Zimbabwe di Robert Mugabe. Di conseguenza un’economia ricca di risorse agrico­ le e minerarie nonché di attività manifatturiere, come quella sudafricana, potrebbe subire una pesante re­ gressione qualora il governo di Jacob Zuma procedesse a una nazionalizzazione delle miniere e a una riforma agraria con le stesse modalità – espropriando d’autorità bianchi e coloured – con cui queste due misure sono state attuate nel Paese contiguo. Se ciò accadesse, fi­ nirebbe nelle mani di dirigenti inesperti, o comunque non qualificati, un complesso di aziende industriali e di tenute agricole finora ben gestite ed efficienti. Inoltre non va dimenticato che l’Aids è rimasta una piaga dif­ ­127

fusa: su circa 50 milioni di abitanti, più del 10 per cento sono sieropositivi. Ipoteca, questa, di non poco conto sul futuro del gigante africano. Ma adesso anche un’altra parte del Continente, il Nord Africa, dopo essersi liberata di alcuni regimi auto­ cratici, rischia di ricadere in una situazione di instabilità politica e di involuzione economica. E, per di più, di rimanere priva di una quota rilevante dei suoi elementi più istruiti e aperti a un sostanziale rinnovamento delle istituzioni pubbliche, molti dei quali sono oggi in fuga verso l’Europa o vorrebbero comunque andarsene al più presto. Perciò, mentre nella parte centrale del Continente numerosi appaiono i segnali di un miglioramento della situazione economica e di una maggiore stabilità po­ litica, che hanno così assecondato anche l’afflusso di capitali dall’estero, nell’Africa settentrionale e in quella nord-occidentale (dal Sudan alla Nigeria) continuano invece ad addensarsi non pochi interrogativi sull’esito di vecchie e nuove convulsioni politiche e sui loro effetti indotti.

L’«appeal» del Paese della Mezzaluna

C’è più di un buon motivo che induce in Occidente tanti analisti e politici a ritenere che i Paesi del Maghreb e altri del mondo arabo, in quanto composti da popola­ zioni per gran parte di fede islamica, giungano a pren­ dere esempio dalla Turchia. Ossia da una Nazione che negli ultimi anni, anche in virtù di un sistema politico democratico, ha conosciuto uno sviluppo economico con cadenze particolarmente intense. Sebbene dopo la disintegrazione dell’Impero otto­ mano, travolto dall’esito della Grande Guerra, la sto­ ria di questo Paese sia andata intrecciandosi con quel­ la dell’Europa (e, più in generale, dell’Occidente), la Turchia è tornata di recente a guardare al Medio Oriente e ai suoi dintorni. Sulla Repubblica sorta nel 1923 per opera di Kemal Atatürk, in base a istituzioni laiche, e caratterizzata da allora da alterne vicende politiche tra gli orientamenti autoritari dei vertici militari e vari in­ termezzi di legalità democratica, si sono così riaccesi i riflettori da più parti. Anche perché, dopo l’avvento al potere nel marzo 2003 di Recep Tayyp Erdogan, lea­ der del Partito per la giustizia e lo sviluppo, d’impronta islamica moderata, e la sua riconferma a capo del gover­ no nelle elezioni del luglio 2007, si è diffusa l’opinione ­129

che la Turchia, in quanto unica democrazia musulmana in uno scacchiere nevralgico come quello fra il Medio Oriente e il Nord Africa, sia destinata ad assumere una crescente importanza anche nel quadrante geopolitico. Fatto sta che Ankara, inseguendo fin dagli an­ ni Novanta l’obiettivo di essere ammessa nell’ambito dell’Unione Europea, ha adottato un indirizzo liberista e varato alcune riforme in sintonia con le normative eu­ ropee. Senza, tuttavia, per questo tralasciare di impe­ gnarsi per uno sviluppo delle sue relazioni con i Paesi arabi del Golfo, la Siria e l’Egitto. S’è venuta così ricreando, sul piano economico, pres­ soché l’intera area territoriale che un secolo addietro faceva capo all’Impero ottomano: in pratica, un grande mercato potenziale e un vasto serbatoio di forza lavo­ ro. La Turchia, infatti, ha più di 72 milioni di abitanti, con un’età media di 29 anni contro i 40 dell’Unione Europea; ed Egitto e Iran, per citare i più popolosi, ne contano oltre 200, anch’essi per lo più di giovane età. Inoltre, nell’ambito di quest’area, l’Arabia Saudita e al­ cuni Emirati possiedono ingenti risorse valutarie e co­ spicui giacimenti di petrolio. Qualora venisse stabiliz­ zandosi la situazione politico-istituzionale emersa dalle recenti rivolte popolari nel mondo arabo, la Mezzaluna turca potrebbe divenire un polo di riferimento per i Paesi di una vasta regione, la cui crescita complessiva del Pil era stimata per il 2011 intorno a una media del 4,5-5 per cento. Ad ogni modo, a proposito della Turchia, si parla oggi di un nuovo genere di capitalismo, definito «anato­ lico». Se da un lato Ankara ha posto mano a una nuova ondata di privatizzazioni (dall’energia ai telefoni, dai trasporti aerei alle banche) a conferma di una politi­ ca economica ricalcata sul modello euro-occidentale, ­130

dall’altro ha instaurato intensi rapporti con i territori contigui dell’Asia centrale, a ridosso delle proprie fron­ tiere. E non è questo l’unico aspetto significativo del suo modello di sviluppo. In Turchia s’è formata infatti una classe imprenditoriale animata da una sorta di ‘cal­ vinismo islamico’, per la sua alacrità e la sua apertura alle novità che fanno da contrappunto al sostanziale conservatorismo sociale, in linea con le norme e le tra­ dizioni religiose, che caratterizza invece gran parte della popolazione. Di fatto, sebbene in Occidente si considerino peri­ colose le relazioni di Ankara con Teheran, la Turchia è rimasta una repubblica laica e la maggioranza islamica è aliena dalle suggestioni del fondamentalismo. Sono andati così intensificandosi negli ultimi tempi gli in­ vestimenti stranieri e la presenza di aziende europee, che hanno trovato in Turchia anche un buon numero di tecnici e operai qualificati (alcuni dei quali tornati dalla Germania dove erano emigrati in passato), oltre a banche e società finanziarie su cui appoggiarsi. Si spiega pertanto come siano in molti in Europa, ma anche ne­ gli Stati Uniti, a ritenere che Ankara giocherà un ruolo importante su tre diversi fronti – l’area mediterranea, quella medio-orientale e quella dell’Asia centrale – di­ ventando quindi un interlocutore di rilievo nella defini­ zione di nuovi equilibri geopolitici mondiali.

Un mondo multipolare senza più un centro

Come abbiamo visto, sono numerosi i Paesi, fra emer­ genti, comprimari e principianti, giunti a occupare il palcoscenico economico. E se è vero che hanno finito per servirsi degli stessi meccanismi strutturali tipici del sistema capitalistico, è altrettanto vero che ognuno di essi ha adottato propri modelli di sviluppo, con specifici tratti distintivi. Oggi ci troviamo dunque in presenza di una sorta di capitalismo al plurale, di una molteplicità di criteri e di modi di praticarlo. Del resto, sono ormai una ventina, e non più solo sette, i Paesi che, in quanto politicamente più influenti e accomunati da analoghi problemi, partecipano ai summit periodici sullo stato e il corso dell’economia internazionale. Una cosa del genere era inimmaginabile all’inizio del Duemila. Allora l’America dominava incontrastata la scena politica e militare: per dare un’idea di quan­ to fosse considerevole la sua egemonia, basti ricordare il termine di «iperpotenza», coniato su misura per gli Stati Uniti. Anche la superiorità economica degli Usa risultava talmente netta e senza paragoni da indurre la convinzione diffusa e profondamente radicata che «globalizzazione» e «americanizzazione» fossero virtualmente si­nonimi. Si ­132

riteneva perciò che l’espansione di un mercato senza più confini avrebbe premiato soprattutto e in sempre mag­ gior misura l’economia statunitense. Di conseguenza, non sarebbe rimasto altro da fare, per i vecchi partner degli Stati Uniti e per chi ambiva a far parte del mondo avanzato, che apprendere quanto di più utile ed esempla­ re si evinceva dal capitalismo americano, dai suoi criteri ispiratori e dai suoi risvolti, per cercare di riprodurne il modello. In effetti, non c’era a quel tempo governo – compre­ so quello cinese – che non guardasse all’America come stella polare e non prestasse orecchio ai suoi precetti sulle politiche economiche e sul modo di condurre gli affari. A loro volta, Clinton e Bush pensavano che la globalizzazione e il libero mercato sarebbero riusciti a esportare nei Paesi in via di sviluppo non solo il modello economico americano ma anche quello politico, e quin­ di i valori e gli emblemi della democrazia. Oggi non è più così e sono trascorsi da allora appena dieci anni. Non per questo si deve ritenere che sia giun­ to il momento del crepuscolo per gli Stati Uniti. Essi contano pur sempre la più grande economia industriale, il primato nelle tecnologie d’avanguardia e molte delle principali multinazionali. D’altra parte, l’immigrazione contribuisce tuttora a rendere aperto e flessibile non solo il mercato del lavoro ma anche il sistema impren­ ditoriale americano per via delle nuove aziende create da immigrati nati all’estero. Tuttavia il mondo guarda sempre più all’Asia: alla nuova superpotenza economica cinese, alla performan­ ce altrettanto brillante e sorprendente dell’India, non­ ché alla crescente trama di relazioni economiche, di at­ tività finanziarie e di traffici commerciali fra il Sud-Est asiatico e altre parti del globo. Non c’è dubbio che sia ­133

andata crescendo, in concomitanza con i loro successi, la forza d’attrazione esercitata dalla Cina e dall’India. Sicché oggi è il loro specifico modello di sviluppo – tenuto a battesimo e formatosi per lo più fuori dagli schemi classici e dai codici costitutivi di quello dei Paesi occidentali – a fare scuola presso i Paesi in corsa verso le nuove opportunità scaturite dalla globalizzazione. Mai s’era assistito, in un arco temporale talmente breve da non coprire nemmeno lo spazio di una gene­ razione, a un mutamento così radicale di scenario e di prospettive. Tanto più che per l’Occidente si è trattato anche di un cambio di paradigma sia sul versante poli­ tico-economico che concettuale e ideologico. Il primo decennio del Ventunesimo secolo – iniziato alla luce di un assunto categorico, ossia quello di una sua rinverdita supremazia a tutti gli effetti, quale era stata sancita dagli eventi dell’Ottantanove – ha finito infatti per conclu­ dersi con la sindrome della regressione, con un’ondata sovrastante di incertezze e di pessimismo nell’opinione pubblica. Come se la globalizzazione, adesso che non ri­ sulta avere più le stesse valenze e implicazioni di prima, fosse diventata un gioco a somma zero, a totale vantag­ gio dei Paesi più rampanti, ascesi di recente alla ribalta. Ma se l’irruzione di Cina, India e Brasile ha eroso le posizioni dominanti detenute in passato dalle potenze occidentali, la loro crescita sta intanto trainando l’eco­ nomia globale e contribuendo quindi anche all’uscita dei Paesi più avanzati fuori dalle secche della recessio­ ne. Del resto, il loro apporto a una ripresa in forze degli Stati Uniti e dell’Europa potrà divenire tanto più consi­ stente nei prossimi anni se essi provvederanno – come tutto lascia presagire – a incentivare i consumi interni e a migliorare il tenore di vita della propria popolazione. È vero che non si possono chiudere gli occhi sul fatto ­134

che alcuni Paesi ricorrono anche a espedienti fuori delle regole del gioco, pur di affermarsi. Ma alla lunga nessun Paese, per quanto possente e tetragono, è in grado di far valere i propri esclusivi interessi e obiettivi adottando politiche mercantilistiche o protezionistiche a danno di tutti gli altri partner. Se non altro, perché sarebbe espo­ sto a severe misure di ritorsione. Non è detto, dunque, che la globalizzazione finisca prima o poi per risolversi a tutto beneficio della Cina, come taluni sostengono. È bensì vero che il pendolo si è spostato dal qua­ drante occidentale e che l’architettura economica inter­ nazionale non è più la stessa di prima, in seguito alle tra­ sformazioni epocali prodotte dalla globalizzazione con l’allargamento delle frontiere dello sviluppo verso l’A­ sia e, in secondo ordine, verso l’America Latina, e con l’avvento in queste aree del pianeta di importanti centri decisionali. Ma il fatto che l’Oriente in ascesa abbia mo­ dificato l’equilibrio globale del potere non significa che la Cina eserciterà una leadership a livello mondiale o comunque un ruolo tale da imporre il proprio marchio. A escludere una prospettiva del genere non è solo il fatto che la Cina – quand’anche non subisse alcun con­ traccolpo politico entro le proprie mura – ha da risol­ vere alcuni problemi interni di fondo. Un altro motivo dirimente è che si sono moltiplicati i soggetti coinvolti e operanti nel quadro del mercato globale, e che i rap­ porti d’interdipendenza sono divenuti così fitti e intensi da ridimensionare le prerogative e gli ambiti d’azione dei singoli Stati nazionali, per quanto grandi essi siano. In questo nuovo universo ipercomplesso è proba­ bile che, accanto a determinate istituzioni informali di consultazione e cooperazione intergovernativi già esi­ stenti (come l’Ocse e l’Asean), ne sorgano altre a livello regionale o interregionale dello stesso tipo. In pratica, ­135

a una molteplicità di attori quali sono adesso presenti sulla scena economica mondiale verrebbe così a corri­ spondere un sistema multilaterale o minilaterale di governance, più partecipato e senza più le stesse gerarchie del passato. C’è da chiedersi, peraltro, se la diffusione capillare del potere e delle relative responsabilità, attraverso una serie di ‘sovranità multiple’ e di organizzazioni comple­ mentari, possa garantire una gestione più appropriata ed efficace dell’economia globale. O se invece non sia comunque indispensabile un nuovo sistema di concer­ tazione internazionale e sovranazionale diverso da quel­ lo dell’Onu, i cui congegni decisionali sono altrettanto complessi che macchinosi, nonché soggetti a motivi e giochi tattici contingenti. A questo riguardo va rilevato come negli Stati Uniti stia affermandosi la convinzione che occorre procede­ re, attraverso la cooperazione del maggior numero di governi, alla rifondazione degli accordi monetari inter­ nazionali di Bretton Woods del 1944, ormai da tempo non più adeguati alle condizioni finanziarie di un mon­ do globalizzato e innervato da tecnologie digitali che hanno moltiplicato le transazioni in misura illimitata e in pochi attimi. Ugualmente significativo è il fatto che in Cina un autorevole teorico del Partito comunista, Zheng Bijian, sostenga che Pechino debba impegnarsi per costruire «una comunanza di interessi» con tutti i Paesi, a cominciare da quelli occidentali, in funzione del conseguimento di benefici collettivi e del mantenimen­ to della pace e dell’ordine nel mondo. D’altra parte, un problema cruciale che oggi è indi­ spensabile affrontare in modo coordinato è quello della sostenibilità di un processo di crescita divenuto inces­ sante ed esponenziale. ­136

Come sappiamo, il nostro universo è sempre più densamente popolato: nel giro di appena dodici anni, dal 1998 al 2010, siamo passati da sei a sette miliardi di abitanti, quando ce ne sono voluti più di centoventi, dai primi dell’Ottocento agli anni Venti del Novecento, per crescere da uno a due miliardi. E si prevede che la popolazione mondiale seguiterà ad aumentare a un ritmo ancor più elevato: nella parte più povera del globo dovrebbero infatti ridursi i tassi di mortalità e accrescersi le probabilità di sopravvivenza in virtù di un miglioramento della situazione economica e delle at­ trezzature sanitarie. Altrettanto risaputo è che il mondo in cui viviamo è sempre più esposto al pericolo di un progressivo deperimento delle risorse necessarie all’ali­ mentazione e ad altre esigenze fondamentali, e al rischio di una degradazione micidiale dell’ambiente. Finora, purtroppo, si è fatto ben poco per correre ai ripari, per creare le condizioni per poter sfamare una popolazione planetaria in continuo aumento e impedire ulteriori inquinamenti dell’acqua, del suolo e dell’atmo­ sfera che stanno compromettendo l’equilibrio ecologi­ co. È vero che la «rivoluzione verde», grazie all’impiego di semi transgenici, di migliori fertilizzanti e di nuovi pesticidi, ha accresciuto la produzione agricola. Ma ciò è avvenuto soprattutto nei Paesi più sviluppati e non già, o comunque solo in misura limitata, in quelli del Terzo Mondo, dell’Africa e dell’Asia. Quanto alla tu­ tela ambientale, se alcuni provvedimenti sono stati gra­ dualmente assunti da vari governi (ma non al punto di scongiurare disastri ecologici come quello provocato nel 2009 dalla massa di petrolio fuoriuscita da una piat­ taforma della British Petrolium nelle acque del Golfo del Messico), non è successo altrettanto nelle aree più depresse e disagiate. Per chi non ha altri mezzi di so­ ­137

stentamento, l’acquisizione di qualche palmo di terra a scapito della foresta, o lo sfruttamento intensivo di tutto ciò che può trovare a portata di mano, è una scelta ob­ bligata, in quanto la posta in gioco non è la qualità della vita, ma la possibilità di sopravvivenza. Inoltre, c’è di mezzo una concezione della natura diffusa in gran parte della gente per cui questa non è portata ad attribuire a Madre Terra lo stesso valore che, del resto, persino in Occidente abbiamo tardato a riconoscerle. Di fatto, soltanto negli ultimi tempi è scattato l’al­ larme di fronte al continuo rincaro dei prodotti agroa­ limentari, del greggio e di altre materie prime. E l’im­ pennata dei prezzi dei cereali (dal grano al mais al riso) è stata una delle scintille che hanno acceso le rivolte popolari nel Maghreb contro i regimi politici al pote­ re. Peraltro, se le quotazioni di alcuni generi alimentari sono giunte alle stelle, ciò si deve non soltanto a una domanda surriscaldata da parte di Cina, India e altri Paesi emergenti, che fanno incetta di prodotti; ma pure alle speculazioni di una cerchia di trader specializzati che gestiscono gran parte del mercato mondiale del­ le derrate (dal raccolto al trasporto, alla vendita) e ai maneggi di uno stuolo per lo più di ‘gnomi svizzeri’ e di banche ginevrine, a capo di un vasto giro d’affari in questo campo. Va inoltre chiamata in causa la politica di «espansione quantitativa» praticata dalla Fed: per sostenere la ripresa dell’economia americana, essa ha iniettato un’overdose di liquidità a basso costo, parte della quale si è riversata su un mercato in forte disequi­ librio come quello delle commodities. È evidente perciò che non si tratta tanto di bloccare quello che Serge Latouche e altri definiscono il «tota­ litarismo economicista, sviluppista e progressista», e quindi di arrestare il processo di crescita globale dell’e­ ­138

conomia: ciò, del resto, è del tutto utopistico. Si tratta invece di razionalizzare le forme e le modalità di incre­ mento quantitativo della produzione, rendendolo meno convulso e frenetico, di ridurre gli sprechi e l’impatto delle speculazioni, e di giungere a una più equa distri­ buzione delle risorse. Che è quanto può contribuire anche alla salvaguardia dell’ambiente, giacché si ridur­ rebbero i guasti e gli attentati inflitti a quel patrimonio prezioso che è il capitale naturale, dovuti alla fame di terra e ad altre condizioni di indigenza. Sebbene a tutt’oggi sia improponibile la realizzazio­ ne di un «governo mondiale» per la tutela e la conserva­ zione dell’ecosistema (come s’augurava già a suo tempo Albert Einstein), si può tuttavia evitare che finisca col prevalere un senso fatalista di impotenza, di rassegna­ zione e di passività. Dopo tutto, la convergenza fra i principali governi su alcune iniziative, volte a incenti­ vare la produzione agroalimentare, le fonti idriche e quelle energetiche rinnovabili, servirebbe ad allentare la pressione sulle risorse e a prevenire il rischio di forti fiammate inflazionistiche; nonché a ridurre le disegua­ glianze sociali, in quanto l’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità colpisce in maggior misura gli strati sociali più indigenti. D’altra parte, giunti oltre un determinato dislivello nei redditi, fra ricchi e poveri, l’economia non è più in grado di crescere. E oggi questo pericolo non è presente soltanto nei Paesi più avanzati, dove la disoccupazione sta divenendo cronica e strutturale soprattutto per le nuove generazioni: sia a causa della sempre maggior flessibilità e precarietà del lavoro dovute agli effetti del­ la globalizzazione e alla diffusione delle innovazioni tec­ nologiche, sia a causa dell’indebolimento del Welfare e delle politiche sociali. Anche nei Paesi emergenti, a co­ ­139

minciare dalla Cina, sta delineandosi una polarizzazio­ ne crescente dei redditi e delle opportunità di mobilità e avanzamento sociale. Si è giunti così, a conclusione di un decennio in cui è avvenuto un mutamento radicale e pervasivo degli equi­ libri geoeconomici e del loro corollario politico, a una fase in cui vengono al pettine i nodi e i dilemmi prodotti da un fenomeno di enorme portata. Non c’è dubbio che questa sorta di capitalismo poliedrico, magmatico, se­ gnato da una molteplicità di versioni e di percorsi, abbia assecondato l’ascesa alla ribalta di nuovi attori, divenuti padroni del proprio destino, rendendo l’universo più versatile e multipolare. Questa pluralità di soggetti e di linee di tendenza seguiterà a caratterizzare il mondo che verrà. Si tratta, tuttavia, di vedere se un processo di crescita così ampio e multipolare, innescato dalla globalizzazione e da un capitalismo ibrido, si tradurrà in un salto di qualità, in un’evoluzione sociale e delle istituzioni politiche, o non finirà piuttosto per formare un arcipelago di nuove élites oligarchiche e di nuove derive nazionalistiche.

Riferimenti bibliografici

M. Ansaldo, Chi ha perso la Turchia, Einaudi, Torino 2011. D. Archibugi, J. Michie (a cura di), Technology, Globalization and Economic Performance, Oxford University Press, Oxford 1997. A. Armellini, L’elefante ha messo le ali, Università Bocconi, Milano 2008. G. Arrighi, Adam Smith a Pechino. Genealogie del Ven­tu­ nesimo secolo, Feltrinelli, Milano 2008. Autori vari, Brasile, un grande Paese che guarda al futuro, in «Quaderni di Casa America», numero monografico, feb­ braio 2011. Autori vari, L’alba africana, in «Equilibri», 3, 2010. Autori vari, Turkey: a special report, in «Longitude: The Italian Monthly in World Affairs», february 2011. K. Basu, Elé Belé, l’India e le illusioni della democrazia globale, trad. it. Laterza, Roma-Bari 2008. Z. Bauman, Paura liquida, trad. it. Laterza, Roma-Bari 2008. E. Berglöf, G. Roland (a cura di), The Economics of Transition, Palgrave Macmillan, New York 2007. F. Bernardi, Globalizzazione, individualizzazione e morte delle classi sociali: uno studio empirico in 18 paesi europei, in «Polis», XXIII, 2, agosto 2009. J. Bhagwati, Elogio della globalizzazione, trad. it. Laterza, Roma-Bari 2004. G. Borgognone, La destra americana. Dall’isolazionismo ai neocons, Laterza, Roma-Bari 2004. ­141

A. e C. Calabrò, Bandeirantes. Il Brasile alla conquista dell’economia mondiale, Laterza, Roma-Bari 2011. C.R. Caldwell, L’ultima rivoluzione dell’Europa. L’im­mi­gra­ zione, l’Islam e l’Occidente, trad. it. Garzanti, Milano 2009. V. Castronovo, Un passato che ritorna. L’Europa e la sfida dell’Asia, Laterza, Roma-Bari 2006. V. Castronovo, Piazze e caserme. I dilemmi dell’America Latina dal Novecento a oggi, Laterza, Roma-Bari 2007. B. Clinton, Tra storia e speranza. Le sfide degli Stati Uniti per il Terzo Millennio, trad. it. Baldini & Castoldi, Milano 1996. B. Emmott, Asia contro Asia. Cina, India, Giappone e la nuova economia del potere, trad. it. Rizzoli, Milano 2008. M.C. Ercolessi, Governance e politiche di sviluppo in Africa australe, Carocci, Roma 2009. M.C. Ercolessi, L’Angola indipendente, Carocci, Roma 2011. N. Ferguson, I “quattro più” della dominazione cinese, in «Il Sole 24 Ore», 12 dicembre 2010. F. Fukuyama, Pechino non parlerà yankee, in «Il Sole 24 Ore», 19 gennaio 2011. T. Garton Ash, Free World. America, Europa e il futuro dell’Occidente, trad. it. Mondadori, Milano 2006. A. Giddens, L’Europa nell’età globale, trad. it. Laterza, Roma-Bari 2007. A. Ginori, Dove nasce la battaglia del cibo, in «la Repubblica», 4 febbraio 2011. A. Glyn, Capitalismo scatenato. Globalizzazione, competitività e welfare, trad. it. Francesco Brioschi, Milano 2007. A. Greenspan, L’era della turbolenza, trad. it. Sperling & Kupfer, Milano 2007. Ha-Joon Chang, Cattivi samaritani. Il mito del libero mercato e l’economia mondiale, trad. it. Università Bocconi, Milano 2008. P. Hassner, J. Vaïsse, Washington e il mondo. I dilemmi di una superpotenza, trad. it. Il Mulino, Bologna 2004. Hyun Song Shin, Risk and Liquidity, Oxford University Press, Oxford 2011. ­142

P. Khanna, How to Run the World. Charting a Course to the Next Renaissance, Random House, New York 2011. T. Khanna, 2,4 miliardi di imprenditori. Cina e India nel nostro futuro, trad. it. Francesco Brioschi, Milano 2009. P. Krugman, L’incanto del benessere. Politica ed economia negli ultimi vent’anni, trad. it. Garzanti, Milano 1995. P. Krugman, La deriva americana, trad. it. Laterza, RomaBari 2004. G. La Torre, La comoda menzogna. Il dibattito sulla crisi globale, con una prefazione di S. Bragantini, Dedalo, Bari 2011. S. Latouche, La megamacchina. Ragione tecnoscientifica, ragione economica e mito del progresso, trad. it. Bollati Boringhieri, Torino 1995. J. Legget, Fine corsa. Sopravviverà la specie umana alla fine del petrolio?, trad. it. Einaudi, Torino 2006. H. Lewis, Tutti gli errori di Keynes, con un’introduzione di F. Forte, IBL, Torino 2010. C. Marsili, La Turchia bussa alla porta. Viaggio nel paese sospeso fra Europa e Asia, prefazione di S. Romano, Università Bocconi, Milano 2011. F. Mazzei, V. Volpi, La rivincita della mano visibile, Università Bocconi, Milano 2010. K. Minogue, La mente liberale, Liberilibri, Firenze 2011. D. Moyo, How the West was lost, Penguin, London 2010. J.S. Nye, Soft Power. Un nuovo futuro per l’America, trad. it. Einaudi, Torino 2005. J.S. Nye, Aprirsi al mondo. La via di Tokyo per la rinascita, in «La Stampa», 23 novembre 2010. J.S. Nye, Il dollaro e il dragone, in «La Stampa», 20 luglio 2010. B. Obama, L’audacia della speranza. Il sogno americano per un mondo nuovo, trad. it. Rizzoli, Milano 2008. A. Parenti, Il Wto. Cos’è e come funziona l’Organizzazione mondiale del commercio, Il Mulino, Bologna 2007. M.E. Porter, Il vantaggio competitivo delle nazioni, trad. it. Mondadori, Milano 1991. ­143

R. Posner, La crisi della democrazia capitalista, trad. it. Università Bocconi, Milano 2010. R. Rajan, Così in Usa la crisi ha trovato casa, in «Il Sole 24 Ore», 20 luglio 2010. F. Rampini, Occidente estremo, Mondadori, Milano 2011. R. Reich, Supercapitalismo. Come cambia l’economia globale e i rischi per la democrazia, trad. it. Fazi, Roma 2008. F. Reviglio, Goodbye Keynes?, Guerini e Associati, Milano 2010. J. Rifkin, Il Sogno europeo. Come l’Europa ha creato una nuova visione del futuro che sta lentamente eclissando il Sogno americano, trad. it. Mondadori, Milano 2005. P. Roberts, Dopo il petrolio. Sull’orlo di un mondo pericoloso, trad. it. Einaudi, Torino 2005. K. Rogoff, L’America non sa più crescere, in «Il Sole 24 Ore», 3 settembre 2010. G. Rossi, Il mercato d’azzardo, Adelphi, Milano 2008. G. Ruffolo, Il capitalismo ha i secoli contati, Einaudi, Torino 2008. M. Salvati, Capitalismo, mercato e democrazia, Il Mulino, Bologna 2009. G. Samarani, La Cina del Novecento. Dalla fine dell’Impero a oggi, Einaudi, Torino 2004. P. Savona, P. Regola, Il ritorno dello Stato padrone. I Fondi sovrani e il Grande negoziato globale, Rubbettino, Soveria Mannelli 2009. A. Sen, L’altra India. La tradizione razionalista e scettica alle radici della cultura indiana, trad. it. Mondadori, Milano 2006. R. Shiller, Euforia irrazionale. Alti e bassi di Borsa, trad. it. Il Mulino, Bologna 2000. P. Singer, One World. L’etica della globalizzazione, trad. it. Einaudi, Torino 2006. J. Stiglitz, La globalizzazione e i suoi oppositori, trad. it. Einaudi, Torino 2002. J. Stiglitz, I ruggenti anni Novanta. Lo scandalo della finanza e il futuro dell’economia, trad. it. Einaudi, Torino 2005. ­144

J. Stiglitz, La globalizzazione che funziona, trad. it. Einaudi, Torino 2007. J.R. Talbott, Obamanomics. Dalla crisi dell’alta finanza all’economia dal basso, trad. it. Università Bocconi, Milano 2009. F. Tanzilli, La via americana al welfare. Da Kennedy a Bush, Guerini e Associati, Milano 2009. A. Touraine, La globalizzazione e la fine del sociale. Per comprendere il mondo contemporaneo, trad. it. Il Saggiatore, Milano 2008. A. Turner, Just Capital. Critica del capitalismo globale, trad. it. Laterza, Roma-Bari 2004. M. Vitale, Passaggio al futuro, Egea, Milano 2010. F. Zakaria, L’era post-americana, trad. it. Rizzoli, Milano 2008.

Indice

L’illusione d’un nuovo «American Dream»

3

L’amara favola della «casa per tutti»

11

Un crack che ha sconvolto tutti i mercati

16

La sindrome del declino di un’iperpotenza

23

Un futuro a tinte chiaroscure

29

Un’Eurolandia divisa e in crisi d’identità

36

La «strategia imperiale» della Germania

41

La transizione verso nuovi equilibri politico-economici 47 Il «Grande Balzo» del Dragone post-maoista

51

Un’ascesa non più irresistibile senza riforme

57

Un «filo rosso» da Confucio ad Adam Smith

61

­147

L’utopia della «società armoniosa» e quella della «felicità per il popolo»

70

L’espansionismo di Pechino e i suoi punti deboli

76

Quando il Giappone faceva scuola e l’apprendista coreano

82

L’elefante indiano ha messo le ali

91

Una «rivoluzione silenziosa» tra magnati e classe media

97

Dal populismo di Vargas a quello ridisegnato da Lula

105

La vitalità esuberante del Brasile

113

Dalla «revanche» della Russia alla «forza tranquilla» dell’Australia

117

L’Africa alla ricerca di una via verso lo sviluppo

123

L’«appeal» del Paese della Mezzaluna

129

Un mondo multipolare senza più un centro

132

Riferimenti bibliografici

141