Il canto delle lacrime. Saggio sul pentimento 9788876100178

323 33 5MB

Italian Pages 200 Year 1983

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Il canto delle lacrime. Saggio sul pentimento
 9788876100178

Table of contents :
29_Pagina_01_1L......Page 2
29_Pagina_01_2R......Page 3
29_Pagina_02_1L......Page 4
29_Pagina_02_2R......Page 5
29_Pagina_03_1L......Page 6
29_Pagina_03_2R......Page 7
29_Pagina_04_1L......Page 8
29_Pagina_04_2R......Page 9
29_Pagina_05_1L......Page 10
29_Pagina_05_2R......Page 11
29_Pagina_06_1L......Page 12
29_Pagina_06_2R......Page 13
29_Pagina_07_1L......Page 14
29_Pagina_07_2R......Page 15
29_Pagina_08_1L......Page 16
29_Pagina_08_2R......Page 17
29_Pagina_09_1L......Page 18
29_Pagina_09_2R......Page 19
29_Pagina_10_1L......Page 20
29_Pagina_10_2R......Page 21
29_Pagina_11_1L......Page 22
29_Pagina_11_2R......Page 23
29_Pagina_12_1L......Page 24
29_Pagina_12_2R......Page 25
29_Pagina_13_1L......Page 26
29_Pagina_13_2R......Page 27
29_Pagina_14_1L......Page 28
29_Pagina_14_2R......Page 29
29_Pagina_15_1L......Page 30
29_Pagina_15_2R......Page 31
29_Pagina_16_1L......Page 32
29_Pagina_16_2R......Page 33
29_Pagina_17_1L......Page 34
29_Pagina_17_2R......Page 35
29_Pagina_18_1L......Page 36
29_Pagina_18_2R......Page 37
29_Pagina_19_1L......Page 38
29_Pagina_19_2R......Page 39
29_Pagina_20_1L......Page 40
29_Pagina_20_2R......Page 41
29_Pagina_21_1L......Page 42
29_Pagina_21_2R......Page 43
29_Pagina_22_1L......Page 44
29_Pagina_22_2R......Page 45
29_Pagina_23_1L......Page 46
29_Pagina_23_2R......Page 47
29_Pagina_24_1L......Page 48
29_Pagina_24_2R......Page 49
29_Pagina_25_1L......Page 50
29_Pagina_25_2R......Page 51
29_Pagina_26_1L......Page 52
29_Pagina_26_2R......Page 53
29_Pagina_27_1L......Page 54
29_Pagina_27_2R......Page 55
29_Pagina_28_1L......Page 56
29_Pagina_28_2R......Page 57
29_Pagina_29_1L......Page 58
29_Pagina_29_2R......Page 59
29_Pagina_30_1L......Page 60
29_Pagina_30_2R......Page 61
29_Pagina_31_1L......Page 62
29_Pagina_31_2R......Page 63
29_Pagina_32_1L......Page 64
29_Pagina_32_2R......Page 65
29_Pagina_33_1L......Page 66
29_Pagina_33_2R......Page 67
29_Pagina_34_1L......Page 68
29_Pagina_34_2R......Page 69
29_Pagina_35_1L......Page 70
29_Pagina_35_2R......Page 71
29_Pagina_36_1L......Page 72
29_Pagina_36_2R......Page 73
29_Pagina_37_1L......Page 74
29_Pagina_37_2R......Page 75
29_Pagina_38_1L......Page 76
29_Pagina_38_2R......Page 77
29_Pagina_39_1L......Page 78
29_Pagina_39_2R......Page 79
29_Pagina_40_1L......Page 80
29_Pagina_40_2R......Page 81
29_Pagina_41_1L......Page 82
29_Pagina_41_2R......Page 83
29_Pagina_42_1L......Page 84
29_Pagina_42_2R......Page 85
29_Pagina_43_1L......Page 86
29_Pagina_43_2R......Page 87
29_Pagina_44_1L......Page 88
29_Pagina_44_2R......Page 89
29_Pagina_45_1L......Page 90
29_Pagina_45_2R......Page 91
29_Pagina_46_1L......Page 92
29_Pagina_46_2R......Page 93
29_Pagina_47_1L......Page 94
29_Pagina_47_2R......Page 95
29_Pagina_48_1L......Page 96
29_Pagina_48_2R......Page 97
29_Pagina_49_1L......Page 98
29_Pagina_49_2R......Page 99
29_Pagina_50_1L......Page 100
29_Pagina_50_2R......Page 101
29_Pagina_51_1L......Page 102
29_Pagina_51_2R......Page 103
29_Pagina_52_1L......Page 104
29_Pagina_52_2R......Page 105
29_Pagina_53_1L......Page 106
29_Pagina_53_2R......Page 107
29_Pagina_54_1L......Page 108
29_Pagina_54_2R......Page 109
29_Pagina_55_1L......Page 110
29_Pagina_55_2R......Page 111
29_Pagina_56_1L......Page 112
29_Pagina_56_2R......Page 113
29_Pagina_57_1L......Page 114
29_Pagina_57_2R......Page 115
29_Pagina_58_1L......Page 116
29_Pagina_58_2R......Page 117
29_Pagina_59_1L......Page 118
29_Pagina_59_2R......Page 119
29_Pagina_60_1L......Page 120
29_Pagina_60_2R......Page 121
29_Pagina_61_1L......Page 122
29_Pagina_61_2R......Page 123
29_Pagina_62_1L......Page 124
29_Pagina_62_2R......Page 125
29_Pagina_63_1L......Page 126
29_Pagina_63_2R......Page 127
29_Pagina_64_1L......Page 128
29_Pagina_64_2R......Page 129
29_Pagina_65_1L......Page 130
29_Pagina_65_2R......Page 131
29_Pagina_66_1L......Page 132
29_Pagina_66_2R......Page 133
29_Pagina_67_1L......Page 134
29_Pagina_67_2R......Page 135
29_Pagina_68_1L......Page 136
29_Pagina_68_2R......Page 137
29_Pagina_69_1L......Page 138
29_Pagina_69_2R......Page 139
29_Pagina_70_1L......Page 140
29_Pagina_70_2R......Page 141
29_Pagina_71_1L......Page 142
29_Pagina_71_2R......Page 143
29_Pagina_72_1L......Page 144
29_Pagina_72_2R......Page 145
29_Pagina_73_1L......Page 146
29_Pagina_73_2R......Page 147
29_Pagina_74_1L......Page 148
29_Pagina_74_2R......Page 149
29_Pagina_75_1L......Page 150
29_Pagina_75_2R......Page 151
29_Pagina_76_1L......Page 152
29_Pagina_76_2R......Page 153
29_Pagina_77_1L......Page 154
29_Pagina_77_2R......Page 155
29_Pagina_78_1L......Page 156
29_Pagina_78_2R......Page 157
29_Pagina_79_1L......Page 158
29_Pagina_79_2R......Page 159
29_Pagina_80_1L......Page 160
29_Pagina_80_2R......Page 161
29_Pagina_81_1L......Page 162
29_Pagina_81_2R......Page 163
29_Pagina_82_1L......Page 164
29_Pagina_82_2R......Page 165
29_Pagina_83_1L......Page 166
29_Pagina_83_2R......Page 167
29_Pagina_84_1L......Page 168
29_Pagina_84_2R......Page 169
29_Pagina_85_1L......Page 170
29_Pagina_85_2R......Page 171
29_Pagina_86_1L......Page 172
29_Pagina_86_2R......Page 173
29_Pagina_87_1L......Page 174
29_Pagina_87_2R......Page 175
29_Pagina_88_1L......Page 176
29_Pagina_88_2R......Page 177
29_Pagina_89_1L......Page 178
29_Pagina_89_2R......Page 179
29_Pagina_90_1L......Page 180
29_Pagina_90_2R......Page 181
29_Pagina_91_1L......Page 182
29_Pagina_91_2R......Page 183
29_Pagina_92_1L......Page 184
29_Pagina_92_2R......Page 185
29_Pagina_93_1L......Page 186
29_Pagina_93_2R......Page 187
29_Pagina_94_1L......Page 188
29_Pagina_94_2R......Page 189
29_Pagina_95_1L......Page 190
29_Pagina_95_2R......Page 191
29_Pagina_96_1L......Page 192
29_Pagina_96_2R......Page 193
29_Pagina_97_1L......Page 194
29_Pagina_97_2R......Page 195
29_Pagina_98_1L......Page 196
29_Pagina_98_2R......Page 197
29_Pagina_99_1L......Page 198
29_Pagina_99_2R......Page 199

Citation preview

OLIVIER CLÉMENT

IL CANTO DELLE LACRIME Saggio sul pentimento

Con la traduzione del Poema del pentimento

di sant'Andrea di Creta

EDITRICE ANCORA MILANO

Tito/O originale dell'opera:

LE CHANT DES LARMES ESSAI SUR LE REPENTIR Coli. Théophanie © Desclée de Brouwer, 1982 Traduzione di Luisito Bianchi

Illustrazione di copertina:

Trasfigurazione - Scuola di A. Rublev - sec. XV

© EDITRICE ANCORA MILANO Via G.B. Niccolini, 8 - 20154 Milano - Tel. (02) 31.89.941 N.A. 2868 - Ottobre 1983 Grafiche Pavoniane - Istituto Pavoniano Artigianelli - Milano ISBN 88-7610-017-2

Introduzione

La Chiesa ortodossa prepara i suoi fedeli all'incontro con la Pasqua, la «festa delle feste», con un lungo periodo di raccoglimento, di «trasformazione del cuore», di digiuno nel senso più preciso ma anche più largo del termine (il «digiuno delle passioni»). Una preparazione di tre settimane, 1 con la sua insistenza sull'umiltà del pubblicano, sintonizza gli animi sul tono eminentemente cristiano dell'ascesi. Seguono le sei settimane della Quaresima propriamente detta, che portano alla Grande settimana e, dopo un lungo periodo dedicato al ·pentimento, all'esplosione di gioia della notte pasquale. Questo grande affresco liturgico è chiamato tempo del Triodon, mentre i testi dei suoi uffici sono stati raccolti nel Libro del Triodon, in quanto i poemi che vanno sotto il nome di canoni, per l'ufficio di mattutino, sono compo~ti solo di tre odi, e non di nove come avviene negli altri casi. La penitenza, o, per meglio dire, la metanoia, dà il tono ai testi del Triodon. Il termine metanoia, come vedremo meglio in seguito, esprime una trasformazione profonda del nostro modo di vedere la realtà. È necessario passare attraverso la porta stretta dell'angoscia e della riconoscenza perché vada a pezzi il mondo tenuto assieme dall'io e dalla morte, e gli inferi, da luogo di separazione, diventino il terreno sul quale il Dio incarnato continuamente discende per caricarsi sulle spalle la «pecorella perduta». Per questo la Quaresima corrisponde a quanto l'ascesi ortodossa denomina prassi, ossia l'azione ascetica che ci porta nell Si veda e~ A.NnRONIKOF, La pré-quarantaine ou les semaines préparatoires du careme, in Liturgie et rémission des péchés, Roma 1975, 9-37.

5

l'abisso del pentimento e dell'umiltà. Potrà allora venire Pasqua, l'esplosione della vita nel più profondo delle tenebre del male diventato cosciente, del peccatore ormai pentito. La Pasqua, poi, condurrà alla Pentecoste, invito a partecipare nello Spirito alla vita stessa della Trinità. La prassi è tutta rivolta alla gnosi, conoscenza-non conoscenza dell'amore che è, allo stesso tempo, incontro col crocifisso-risorto e partecipazione alla di lui pienezza. Troviamo la sensibilità spirituale della Quaresima riassunta nel Grande Canone di sant'Andrea di Creta. Diviso in quattro parti, esso è letto il lunedì, martedì, mercoledì e giovedì della prima settimana all'ufficio di compieta, e viene .ripreso nella sua interezza a mattutino del giovedì della quinta settimana. Che cosa è un canone

Durante il VI secolo e nella prima metà del VII ha inizio la grande creazione liturgica bizantina che, vista sot~ to l'aspetto letterario, rappresenta il capolavoro del cristianesimo di lingua greca (ma non dobbiamo dimenticare che, a quei tempi, il greco era parlato in. tutto il bacino orientale del Mediterraneo). Romano il Melode e i suoi emuli composero diversi kontakia per le feste principali. Il kontakion è un racconto poetico di vasto respiro, a volte un vero dramma, con dialoghi. In senso stretto, il kontakion indica la breve strofa che serve da preludio. Seguono altre strofe dette oikoi o ikoi. Alla fine del VII secolo e, soprattutto, nel completo arco dell'VIII, assistiamo a un rinnovato slancio creativo, proveniente dalle regioni della Bibbia, in modo particolare dalla Palestina, per opera di semiti ellenizzati più nella lingua che nella struttura mentale. In realtà costoro s'inseriscono piuttosto nel solco della tradizione siriaca e nel giudeo-cristianesimo. I kontakia cedono il posto a nuove «composizioni», meno colorite e d'un li..i:ismo teologico 6

molto più contenuto, ai canoni appunto. Come testimo~anze erratiche delle ampie composizioni precedenti, sopravvivono solamente, tra la sesta e la settima ode d'ogni canone, il kontakion iniziale e un ikos. Il canone si presenta come un lungo inno liturgico costituito da nove odi le cui strofe s'intercalano tra i versetti dellt che si abbandona all'«incoscienza» e all'«apatia» (6 O, Beat., 4 t), perdendo così i frutti delle sue lotte per la liberazione. Ci viene da pensare alle parole di Rimbaud sul «combattimento interiore, più duro delle battaglie degli uomini». Sono pure il sacerdote Eli che, a Silo, «iniquità di figli tollerava» '(6 O, Beat., 9 t), i quali figli facevano mercanzia del sacro e s'ingrassavano sottraendo, ancora prima del sàcrificio, i pezzi migliori degli animali offerti dai fedeli. Attraverso tutta la Bibbia, Cristo continuamente scaccia a colpi di frusta i mercanti dal tempio. E «tu, ignavo, in te tolleri la tragedia delle passioni» (ibid.). La settima ode identifica la nostra anima (nell'insistenza della scansione «ben sai, anima mia») coi re peccatori, in particolare David e Salomone. «David, l'antenato del Signore, / due volte peccò, quando dal desiderio fu accecato /che all'assassinio lo spinse./ Ma tu, presa dal vortice del peccato, anima mia, / passioni ancor più gravi porti in te» (7 O, 3 t). E Salomone, l'«ammirabile», «amante un tempo la sapienza/ ... /l'amante divenne d'idolatriche femmine. / Dalle vie di Dio s'allontanò, / e tu l'imitasti, anima mia» (7 O, 9 e 10 t). L'inimicizia di Roboam e di Geroboam, lo scisma di Giuda e d'Israele, dilaniano anche me

53

(7 O, 11 t), poiché il peccato è scisma, sdoppiamento dell'anima, dipsychia, come dice l'apostolo Giacomo. Io sono Acab e Gezabel mentre commettono ingiustizia, assassini e idolatrie. Familiare m'è la siccità spirituale, dato che le grandi siccità che colpiscono la natura sono quasi espressioni di quelle che induriscono i nostri cuori: «Agli ordini del profeta Elia disobbedì Acab. / Lo stesso facesti, anima mia; / e così tempi di siccità e di fame / ti sorto piombati addosso» (7 O, 14 t). Particolarmente sottolineati sono alcuni temi per caratterizzare la devianza spirituale. Cinque tropari, così, richiamano la distruzione di Sodoma: la malvagità di Sodoma è la negazione dell'ospitalità (gesto sacro fra tutti nella tradizione semitica!) a profitto d'una perversione sessuale in cui viene espresso simbolicamente il carattere «contronatura» della condizione di peccato. L'omosessualità, quando ·non è tragedia biologica o psicologica d'un individuo, sulla quale non è lecito infierire, ma uno stravolgimento collettivo, afferma una volontà di ribaltare l'ordine voluto da Dio che, all'inizio, «li creò maschio e femmina» (Gn 1, 27). Ci troviamo di fronte a un miscuglio di narcisismo e d'angelismo, alla perversione dell'amicizia e, quando si tratta di bambini, alla perversione del rapporto padre-figlio, e allo scandalo dei piccoli contro il quale Gesù si scaglia con terribile condanna (Mt 18, 6). Il Grande Canone identifica il fuoco di Sodoma con quello della geenna: «Fece piovere un tempo fuoco su Sodoma il· Signore. / E tu, anima mia, riarsa di cupidigia, / da te stessa appicchi / il fuoco che ti divorerà» (2 O, 2 C, 8 t; 3 O, 1 C, 1, 2, 3 e 2 C, 11 t). Altro scandalo, anche questo legato al disprezzo dell'ospitalità, è quello della moglie del levita violentata mortalmente dagli abitanti di Gabaa e trovata morta al mattino dal marito «con le mani sulla soglia» (Gd 19, 27), un particolare che esprime una disperazione senza limiti. Solo un tropario è dedicato a questb fatto, ma in contrapposizio54

ne alle beatitudini, il che gli dà uno spessore inatteso (6 O, Beat., 10 t). Qui il sesso è legato direttamente alla morte; lo stesso avviene per il «duplice peccato» di David, ricordato quattro volte (iO, 7 t; 7 O, 3, 4, 5 t). Secondo l'ammonizione che il profeta Natan rivolge a David con la parabola. del povero che possedeva un'unica pecora (2 Sam 12, 1-4 ), l'adulterio è visto come assassinio d'un terzo, tipico esempio di «violenza mimetica» studiata da René Girard. Infine, e forsè soprattutto, il peccato snatura il rapporto padre-figlio, riflesso terreno, secondo san Paolo, del rapporto di Dio con l'uomo. Come abbiamo detto, ciò avviene già nel rapporto sessuale con una persona ancora molto giovane. E più ancora nella rivalità sessuale tra padre e figlio, ben nota per l'importanza che riveste nelle riflessioni freudiane e, prima ancora, in Dostoievski come uno dei temi più importanti dei Fratelli Karamazov. Il Grande canone ricorda Ruben e Assalonne che hanno «profanato il letto paterno»: Ruben, il primogenito di Giacobbe, seducendo Bila, concubina di suo padre (Gn 35, 22), e Assalonne, ribellatosi al padre, violentandone le mogli, in Gerusalemme, «alla vista di tutto Israele» (2 Sam 16, 21-22). È noto come la _proibizione dell'incesto sottragga il figlio da uno stato d'assimilazione con la madre, lo faccia nascere psicologicamente, l'aiuti ad andare all'altro interiorizzando l'immagine paterna attraverso la stessa tensione provocata dalla proibizione. La rivalità sessuale col padre elimina ogni distanza. Il padre non può più trasmettere un senso e un appello; la tensione nei suoi confronti sfocia nell'odio. L'unione con la compagna del padre, immagine quasi fatalmente materna, rischia di provocare una regressione. verso l'incapacità a distinguere, propria del bambino. L'ultima parola spetta, ancora una volta, all'omicidio, e all'omicidio suicida. La legge, dicono i Padri (termine significativo in questo nostro contesto di riflessioni!), è stata «sovrappo55

sta a causa delle trasgressioni», sia per limitare l'altra legge, quella del peccato che domina l'uomo, sia per metterla in evidenza. In ultima istanza, la legge appare .sempre come una proibizione dell'omicidio (e delle sue forme minori, come le violenze sessuali), e quindi del suicidio (e delle sue forme minori, còme l'incesto). Secondo Vladimir Soloviev, il pudore costituisce una delle fondamentali dimensioni dell'etica: esso dimostra che l'uomo supera la propria natura, che vuole essere un volto prima d'essere un sesso i]ustification du bien, trad. fr., Parigi 1939, 31-34). Il pansessualismo della nostra epoca getta l'anima nel più assoluto sconvolgimento. «Far risalire alla superficie della coscieriza quanto, invece, è bene custodire nella penombra del subcosciente, (... ) guardare sfrontatamente come Cam, come uno zotico villano, la nudità del padre, è appunto quello sconvolgimento della vita dell'anima che si chiama perversione» (P. Florenscky, o.e., 123). «Il padre suo disprezzò Cam; / e tli, anima mia, non ti voltasti, / non nascondesti la vergogna del tuo prossimo» (3 O, 2 C, 3 t). La nudità simbolica del padre deve rimanere segreta perché non si puÒ ridurre la vita al generare (il figlio è anche, e soprattutto, l'immagine di Dio), né ridurre il padre al genitore. Il pudore deve «nascondere la vergogna del prossimo», poiché il prossimo è una persona che debbo accogliere appunto come tale (se manca il pudore, quanto diventa lontano questo prossimo!). Allo stesso tempo, durante una lettura siffatta dell'Antico Testamento, s'introducono nella mente immagini ancora inaccessibili ma ricche di speranza. Nella prima ode è la figura di Abele; nella seconda, quelle dei giusti prima della legge, Set, Enos, Enok e Noè. La terza ode è dominata dalla figura di Abramo e dall'esempio del suo fiducioso abbandono, sia quando s'allontana da Aran, sia quando accetta di sacrificare il figlio della promessa. Come vedremo, la scala e le due spose di Giacobbe sono i simboli

56

dell'azione e della contemplazione, della prassi e della gnosi. Quattro tropari sono dedicati alla pazienza di Giobbe: «Vedilo ora nudo su un immondezzaio. / Coronato un giorno di figli e di gloria, / vedilo ora senza figli e casa» (4 O, 3 C, 13 t). «Ma tu il suo coraggio non imitasti, e la sua costanza» (ibid., 12 t). Con la prima parte della vita di Mosè, la quinta ode traccia il cammino dell'anima verso la purificazione e la visione. Mosè uccide l'egiziano spirituale, ed è l'immagine della rottura monastica col mondo; poi raggiunge il deserto della penitenza e, da ultimo, vede nel roveto ardente la gloria di Dio. La sesta ode celebra le vittorie di Giosuè e il suo ingresso nella terra promessa. Amalek simbolizza, come nella tradizione ebraica, l'idolatria e le passioni. Alla stessa stregua dell'Arca che attraversa il Giordano, l'anima vorrebbe superare «il fiume instancabile del tempo» per prendere «possesso della terra della promessa» (6 O, 1 C, 11 t). Successivamente la stessa ode esalta la forza e la sapienza dei Giudici, assieme a quelle donne sterili che Dio, commosso dalla loro fede, gratificò d'una discendenza: Manach, madre di Sansone, e Anna, madre di Samuele. La settima ode prospetta all'anima l'esempio di penitenza di alcuni «re peccatori», soprattutto di David che seppe «cantare il suo pentimento» (7 O, 5 t), ma anche di Manasse cui è stata attribuita una preghiera che ha trovato posto nell'ufficio bizantino. L'ottava ode, consacrata ai profeti, con l'ascensione d'Elia simbolizza lo slancio del cuore infiammato dalle «virtù», richiama i miracoli d'Eliseo, l'ospitalità della Sunammita, la penitenza esemplare dei Niniviti alla predicazione di Giona. «Nella fossa chiuse Daniele / le fauci dei leoni / e la fornace dei caldei / spensero i tre giovani con la loro fede» (8 o, 3 C, 11 t). Una lettura di questo tipo della Bibbia, come la storia d'ogni uomo, la mia storia, suggerisce una duplice conclusione.

57

In primo luogo ci rendiamo conto che il pentimento non è l'ossessione d'una colpevolezza individuale, ma il sentimento, tanto personale che panumano, d'una devianza generatrice di morte, la nostalgia di Dio e della gioia di vivere nella luce, la «tristezza di morte» nella quale sfociano le passioni, uno stato e di separazione e di desiderio che non può essere soddisfatto da nessuna cosa terrena e umana, dato che il desiderio, sostanzialmente, contesta la morte. In questo senso, il peccato è inseparabile dalla nostra attuale condizione, come fa esperimentare Gesù a coloro che volevano lapidare la donna adultera. Non c'è fariseismo che possa resistere Jl tale esperienza. D'altra parte, però, viene precisato che la condizione decaduta non è chiusa su se stessa. La disperazione diventa il luogo della speranza. Qualcuno discende nel nostro inferno per sprigionarvi la luce. Il Grande Canone individua icasticamente, nell'antico testamento, i segni e le figure non solo d'una promessa ma anche d'una misteriosa presenza. Il sacrificio d'Isacco è un'immagine del Golgota: come può Dio non dare il Figlio suo se l'uomo è pronto a sacrificargli il proprio? Melchisedech illumina la storia come una figura del Logos. La scala di Giacobbe è Cristo che unisce cielo e terra. Giuseppe, gettato nella cisterna, prefigura la morte e la risurrezione di Gesù. Ogni legno vittorioso è già il legno della croce vivificante, sia esso il bastone col quale Mosè divise in due parti i flutti o l'altro col quale colpì la roccia per fame scaturire acqua sorgiva, prefigurante «il tuo vivificante costato J da cui tutti vita àttingiamo e salvezza» (6 o, 1 e, 8 t); oppure il picchetto della tenda col quale Giaele trafisse la tempia di Sisara, allo stesso modo che il Cristo di certi mosaici bizantini trafigge il demonio con l'arma della croce. Giosuè, che fa entrare il popolo eletto nella terra promessa, è Gesù che apre all'umanità la Terra dei viventi. Perfino le donne sterili, come Sara, Manach, Anna cui Dio fa la grazia di

58

generare nel superamento delle leggi della natura, prefigurano la nascita verginale di Cristo, poiché il nostro Dio non è una divinità della biologia, dell'estasi genetica, come i Baal cananei, ma il Dio della fedeltà e del rapporto personale: e proprio nella fedeltà e nel rapporto personale egli s'incarna e «rinnova le leggi della natura».

59

CAPITOLO QUINTO

Cristo liberatore

Signore, dice il canone di sant'Andrea, «per tenero amore tu ci colpisci» (1 O, 12 t), «dall'abisso strappami senza fondo / del peccato e della disperazione» (6 O, 13 t). Il pentimento ci apre alla gratuità della salvezza, alla paradossale coincidenza tra giustizia e amore, alla certezza, per usare l'icastic~ stringatezza di Massimo il Confessore, che la croce è «-il giudizio del giudizio» (PG 90, 408 D). Il «giusto Giudice», allora, si manifesta mio «Salvatore»: «Pietà, mio Salvatore, giusto Giudice» (8 O, 3 C, 13 t). Dio esce dalla sua trascendenza per liberarci, poiché è «colui che ama l'uomo», come instancabilmente ripete la liturgia bizantina. Il penitente scruta l'abisso della separazione, della morte e dell'inferno, e, proprio in questo ge.sto, scopre che l'amore divino è un abisso ancora più profondo. «Possiamo contare il numero e l'estensione delle nostre colpe, ma non porre limiti alla pietà e alla misericordia di Dio» (San Basilio, Regole brevi, PG 31, 1089 C). Il giubilo segreto che innerva tutto il Grande Canone nasce dal fatto che l'Emanuele, il Dio con noi e in noi, è venuto fino a noi per liberarci e darci la vita. Anche se il Grande Canone non parla della Pasqua, tuttavia la sua teologia dell'Incarnazione e della Croce vibra d'una gioia di risurrezione. «Si fece bambino Cristo, e alla mia carne s;unì. /Di suo volere a,ssunse la nostra natura/ ... /. In tal modo ti manifesta, anima mia, / l'immensità del suo amore» (9 O, 3 C, 5 t). Sono, soprattutto, le theotokia, ossia gli inni in onore della Madre di Dio, a celebrare questa irruzione liberatrice della vita. Ogni ode, infatti, si chiude 61

su una lode alla Vergine, preceduta immediatamente da una lode alla Trinità poiché la Vita che ci viene dalla Vergine, come vedremo meglio in seguito, è appunto l'Amore trinitario. «Concepisti vergine nel tempo / il Figlio intemporale di Dio» (3 O, theot.). «La pienezza della divinità / ha posto in te la tenda, o Vergine» (9 o, 2 c, Irmo). La Madre di Dio esprime concretamente l'antinomia apofatica del Dio assolutamente inaccessibile che, per amore, si rende completamente partecipabile (questa antinomia Palamas ha cercato di rendere, parlando di Dio allo stesso tempo essenza inaccessibile ed energia partecipabile). «Il tuo grembo, Madre di Dio, per noi ha generato un Dio / che la nostra condizione prese, Lui il creatore dell'universo» (6 O, theot. ), Vi troviamo le contrapposizioni caratterizzanti tutta la poesia liturgica di Bisanzio, i bilanciamenti che tracciano lo stesso spazio dell'Amore: «Colui che nulla può contenere, tu contenesti, / e portasti Colui che tutto porta. / Allattasti Colui che tutto nutre ... » (8 O, 1 C, theot.). Soprattutto due termini suggeriscpno il miracolo, la vita e la gioia: «Allattasti ... Cristo, sorgente di vita» (ibid.); «Gioisci, Arca di vita» (4 O, 2 C, theot. ), «Tu che partoristi la gioia» (9 O, 1 C, theot. ); «Dalia maledizione ci liberasti / generando per noi il Signore, gioia nostra» (9 O, 2 C, theot.). Dio si fece uomo, unendo per sempre nella sua carne cielo e terra: «Generasti l'Uno della santa Trinità, / tuo Figlio e tuo Dio, / il cielo aprendoci sulla terra» (7 O, theot.). Con tali parole è esposto il dogma di Calcedonia il quale, lungi dall'apparire come una costruzione faticosa e artificiale, si rivela per quello che in realtà è, fonte di vita e di gioia. «Madre di Dio, il frutto soprannaturale del tuo grembo adoriamo / senza dividere la gloria del tuo Figlio / poi che lo confessiamo / una sola persona in due nature» (6 O, theot.). Non si divide, infatti, la gloria di Dio, poiché essa scaturisce, in ·Cristo, dalla divinità nell'umanità;

62

l'Incarnazione è trasfigurazione segreta che, dopo essersi svelata per un attimo sul monte, scoppierà in tutto il suo fulgore negli inferi, fagocitando la morte nella vita. Per questo è tanto importante che la Vergine abbia partorito un Dio che si conforma alla nostra umanità (cf. 6 O, theot. ). Il Grande Canone celebra senza esitazioni la verginità della Madre di Dio: «Miracolo senza spiegazioni / Tu Madre di Dio/ pur restando Vergine!» (3 O, theot.). Questa feconda verginità significa la rottura del ciclo ·delle nascite «per la morte», significa il rinnovamento, la ti-creazione della nostra natura. «Partorisci e sei vergine. / Sempre vergine resti / poi che il Figlio da te nato / le leggi della natura rinnova / secondo il volere di Dio» (4 O, theot.). Dio, attraverso la sua umiliazione, il suo visibile annientamento, la sua kenosi1 , strappa umanità e universo al loro isolamento. Incarnandosi, vi immette un Vivente che rivela agli uomini l'amore trinitario, che tratta il cosmo come un'eucaristia. In questo Vivente, Dio che sperimenta umanamente le nostre angosce trasformandole in «passaggi», diavolo e morte non trovano nessuna complicità. Cristo, vero Adamo, affronta vittoriosamente la tentazione alla quale il primo Adamo, tutti noi, continuamente soccombiamo (9 O, 3 C, 9 t), e irradia la vita, svela la vita liberata dalla morte e rinnovata «secondo il volere di Dio». In questo modo, ogni guarigione appare un segno escatologico. «Cristo il paralitico rialzò / e il lettuccio gli comandò di portare. /Il figlio risuscitò della vedova/ e il servo del centurione risanò. / ... / La donna emorroissa guarì / quando ella l'orlo toccò del suo mantello. / I lebbrosi purificò, ai ciechi restituì la vista, / gli zoppi raddriz1 Cristo Gesù «eauton ekenosen», abbassò, umiliò, «annientò se stesso ... fino alla morte e alla morte di croce» (Fil 2, 7-8). La kenosi esprime questa umiliazione volontaria del Dio fatto uomo, in senso pregnante.

63

zò. / Con una sola parola sordi e muti guarì / e la donna ricurva, / dandoti così, misera anima mia, / le primizie della salvezza» (9 O, 3 C, 14 t). Tutti segni del Regno che è «fra noi», «in noi», un'unica irruzione della vita in un mondo ferito a morte: «Ai poveri annuncia la buona Novella,/ Cristo, Verbo incarnato./ Malati e infermi guarì/ ... / Gli bastò una lieve carezza / sulla figlia di Giairo / per richiamarne la vita» (ibid., 15 t). «Cristo-medico» viene non per i giusti ma per i peccatori, non per i sani ma per gli ammalati, non per i farisei ma per i pubblicani e le prostitute. «Alla mensa s'assise dei pubblicani / e strinse rapporti d'amico coi peccatori» (9 O, 3 C, 15 t). Il pubblicano Zaccheo è salvato mentre il fariseo Simone non comprende il gesto di Gesù che accoglie la cortigiana (9 O, 3 C, 17 t). La celebrazione insistente del pubblicano e della prostituta rivela il vero significato del pentimento che è fiducioso abbandono alla dolce misericordia di Dio, all'immensità della sua «kenosi», la cui testimonianza piega la nostra tragica libertà. La legge condanna, la grazia salva. All'uomo, scoprendosi condannato, spetta accogliere la grazia. Ciò che conta non è l'osservanza della legge, ma il grido de profundis, la conversione del cuore, la verità d'un rapporto personale con Cristo venuto nella profondità del mio inferno. «Coloro che si reputano giusti e disprezzano gli altri» (Le 18, 9) s'escludono da se stessi dal banchetto nuziale. Nel mondo non c'è posto per essi e per Dio. D'altra parte, costoro hanno di Dio un'idea ben precisa: Dio è la loro vendetta. Sono «gli storpi, i ciechi, gli zoppi», tutti coloro che, trascinandosi per strade e piazze (Le 14, 21, 23 ), il Maestro invita a pranzo, senz'altra condizione che quella di rivestire il cuore con l'abito nuziale, l'abito della gratitudine e della gioia, dell'immensa gioia immeritata. '·In questo canone, che si pone volutamente al di qua della Pasqua, tutto culmina nel mistero della. Croce, nel-

64

l'antinomia del Dio incarnato e torturato, del Dio che per noi «ha sofferto la morte nella carne», come afferma il quinto concilio ecumenico. Non si tratta d'una «espiazio~ ne», d'un «sacrificio» del Figlio al Padre. Nel Grande Canone, la teologia della Croce è profondamente giovannea, la stessa che domina nei Padri, soprattutto nei Cappadoci: Dio discende nella morte per darci la vita, per comunicarci la sua vita fin .nelle nostre situazioni di morte. «Offristi per tutti sulla croce: corpo e sangue, o Verbo: / il tuo corpo per ricreare il mio, / per lavarmi, il tuo sangue. /Rimettesti il tuo Spirito, o Cristo, /per ricondurmi al Padre tuo» (4 O, 3 C, 17t). Nel Grande Canone, la teologia del venerdì santo, già pervasa da fremiti pasquali in quanto a dare la vita è la croce, come dicono i Padri, sfocia nell'immediata preparazione di Pasqua, in una teologia del sabato santo come umiliazione estrema di Cristo che si muta in vittoria sugli inferi. Quando Cristo muore, la creazione è presa dallo spavento, ma l'inferno ne esce distrutto: «Ti vide la creazione crocifisso / e da spavento fu presa. / Rocce e montagne d'orrore si spaccarono./ Tremò la terra/ ... /mentre la luce in pieno giorno / s'oscurò davanti a Te, / Dio crocifisso»; e proprio in questo momento «fu sconfitto l'inferno» (9 O, 3 C, 23 t). Troviamo al centro del Grande Canone, come nella maggioranza delle composizioni .del secolo VIII, sedimentazioni di grandi poemi liturgici anteriori di quasi due secoli, i kontakia: in questo iko udiamo .il diavolo lamentarsi, «le guarigioni vedendo operate da Cristo/ e la salvezza traboccante su Adamo»: «Come resistere al Figlio di Maria? / Costui che, pur nato a Betlemme,/ tutto riempie, mi toglie la vita» (6 O, iko). Sant'An. drea di Creta è molto più discreto quando fa entrare in scena il diavolo. Gli basta dire: «Nel cuore della terra venne a salvarci il Creatore. / Sull'albero della sofferenza ai chiodi s'offerse / e subito ritrovammo il paradiso perdu65

to» (4 O~ 3 C, 18 t). L'albero del mondo, diventato «albero della sofferenza» per la caduta d'Adamo, ritorna a essere l'Albero di Vita quando il Vivente l'incorpora a sé attraverso una morte volontaria. Dal costato trafitto di Cristo s'alzano inseparabili l'alba dello Spirito e quella della Chiesa: «Siano per me lavacro battesimale / e bevanda di redenzione / il sangue e l'acqua scaturiti I dal tuo petto squarciato» (4 O, 3 C, 19 t). Questo tropario indica l'acqua del Battesimo e il sangue dell'Eucaristia, secondo l'interpretazione patristica già implicita in Giovanili. Più estesamente, sant'Andrea di Creta ha presente tutta la vita della Chiesa come mistero del CristoCrocifisso e Risorto, mistero del Pneuma eristico, mettendo assieme vita sacramentale e meditazione della Bibbia. Aggiunge infatti: «Unt~ così dalle tue parole come da balsamo / e da esse finalmente dissetato / doppiamente purificato io sarò, o Verbo» (ibid.). È la grande tradizione facente capo a Origene, secondo la quale un'autentica «incarrlazione» si compie nella Scrittura che costituisce «il corpo unico e perfetto del Verbo» (Origene, Om. su .Geremia, fram., PG 13, 544 C).