Grande antologia filosofica Marzorati. Il pensiero contemporaneo. Sezione prima [Vol. 23]

Il pensiero contemporaneo, sezione prima: - marxismo e socialismo scientifico; - positivismo.

391 25 14MB

Italian Pages 822 Year 1975

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Grande antologia filosofica Marzorati. Il pensiero contemporaneo. Sezione prima [Vol. 23]

  • Commentary
  • Versione migliorata
Citation preview

GRANDE ANTOLOGIA FILOSOFICA diretta da MitHELE FEDERICO SCIACCA coordinata da MARIA A. RASCHINI e PIER PAOLO OTTONELLO

MARZORATI. EDITORE. MILANO

Proprietà letteraria �uervata © Copyright 1975 by �arzorati Editore CL 23-0174-1



Milano

IL PENSIERO CONTEMPORANEO (Sezione Prima)

Volume Ventitreesimo

INDICE

ANTIMO NEGRI

pag.

Marxismo e socialismo scientifico INTRODUZIONE A. DEFINIZIONE DELL'AMBITO DELLA RICERCA. B. IL MARXISMO. NEL PERIODO DELLA PRIMA (1864-1876) E SECONDA (18891914') INTERNAZIONALE: I. Il marxismo in Germania: L Marxismo e lassallismo 2. Dopo la morte di Marx: l'ultimo Engels. 3. Il dietzge­ nismo, 4. W. Liebknecht e A. Bebel. 5. I l « marxismo ortodosso. l> di K. Kautsky 6. Il revisionismo di E. Bernstein. 7. Marxismo e neokantismo : F. Staudinger, L. ·woltmann, K. Vorliinder, C. Schmidt, ecc. 8. Il luxemburghismo 9. L'austromarxismo : M. Adler, R. Hil­ ferding, K. Renner, O. Bauer, ecc. 10. Altre figure del marxismo tedesco : H. Cunow, A. Pannekoek. - Il. Il manismo in Francia: l. J. Guesde, P. Lafargue, J . Jaurès. 2. Marxismo e . sindacalismo rivoluzionario : G. Sorel. - III. Il marxis11W in Italia: A. La­ briola. - IV. Il marxismo in Russia: L G. V. Plechanov 2. Il di­ battito intorno alla c< filosofia del marxismo » : V. Bazarov, A. Bog· danov, A. V. Lun;lcarvskij, P. S. Iuskevic, J, A. Berman, O. I. Helfond, ecc V. V. I. Lenin: L Teoria e prassi rivoluzionaria 2. Da « Ma-· terialismo ed empiriocriticismo » ( 1908) ai cc Quaderni filosofici» ( 1917). C. DoPO LA RIVOLUZIONE D'OTrOBRE (1917) E LA FONDAZIONE DELLA TERZA INTERNAZIONALE ( 1919): I. Il marxismo in Germania: L G. Lukacs. - 2. K. Korsch 3. Altri teorici del marxismo : F. Stern­ herg e H. Grossmann; M. Raphael. 4'. Il marxismo nella Germania Occidentale : E. Bloch, W. Benjamin 5. Scuola di Francoforte e marxismo : M. Horkheimer, Th. W. Adorno, H. Marcuse, E. Fromm, J. Habermas, ecc. 6. Il marxismo nella Germania Orientale: la {C Deutsche Zeitschrift fiir Philosophie l), R. O. Gropp, W. Harich, G. Klaus, R. Havemann, ecc 7. Il marxismo austriaco : E. Fischer, II. Il marxismo in Francia: L'cc intelligenza » marxist a : H. Lefebvre, L. Goldmann, R. Garaudy, L. Althusser, ecc. - III. Il marxis111-o in Italia: l. A. Gramsci. 2. Il marxismo dopo la caduia del fascismo: A. Banfi, G. Dell;.l Volpe, C. Luporini, L. Colletti, N. Badaloni, ecc. IV. Il marxismo in Russia: l. N. Bucharin 2. L. B. Trotsk;ij 3. l. V. Stalin. 4. Dopo Stalin. - V. Il marxismo nei paesi dell'Est: l. Il marxismo in Polonia (L. Kolakowski, A. Schaff, B. Braczco, ecc.). 2. I l marxismo in Cecoslovacchia (K. K08ik, R. Kalivoda, ecc.). 3. Il marxismo in Jugoslavia (M. Markovic, P. Vranicki, ecc.) 4. Il marxismo in Ungheria (la Scuola di Budapest : G. Markus, ecc.). VI. Il marxismo in Cina: il maoismo. VII. Il marxis11W nei paesi .anglosassoni: L Marxismo e ricerca economica in Inghilterra (M. Dobb) 2. Il marxismo e la scienza in Inghilterra (M. Cornforth, E. J. Hobsbawn, J. B. Haldane, J. D. Bernal, ecc.). 3. La fortuna del marxismo negli Stati Uniti (D. De Leon, L. Boudin, ecc.) 4. Marxi•

.























-

.

.



.





-

.

.





.





.

-





-

.



.









.

-

.





.

• .



l

Indice

x

smo ed economia negli Stati Uniti (P. Sweezy, P. Baran). 5. Dalla ricerca di S. Hook all'attività dell'« American lnstitute for Marxist Studies ». - VIII. Il marxismo nell'America Latina e a Cuba. D. CoNcLUSIONE. - Bibliografia essenziale. •

TESTI

A. IL MARXISMO NEL PERIODO DELLA PRIMA E SECONDA INTER· I. Il marxismo in Germania: l. Marxismo e lassallismo: Forma del lavoro in seno alla societa umana (F. Lassalle). 2. Dopo la morte di Marx: l'ultimo Engels (K. Marx · F. Engels) 3. Il re· visionismo di E. Bernstein: La concezione materialistica della storia e la necessità storica. 4!. Il luxemburghismo: Contraddizioni dello schema della riproduzione allargata (R. Luxemburg) 5. Altre figure del marxismo �edesco: H. Cunow, A. Pannekoek: Le ideologie (A. Panne_koek). - II. Il inarxismo in Francia: Marxismo e sindacalismo rivoluzionario G. ( Sorel). - III. Il marxismo in Italio: A. Labriola: Il materialismo storico. - IV. Il marxismo in Russia: V. I. Lenin. B. DOPO LA RIVOLUZIONE D'OTTOBRÉ: E LA FONDAZIONE DELLA TERZA INTER· NAZIONALE: l. Il marxismo in Germania: l. G. Lukacs: che cosa è 2. Altri teorici del marxismo: Osservazioni il marxismo ortodosso. a Hilferding ( H.Grossmann). 3. Il marxismo nella Germania Occi­ dentale: Marx e la dialettica idealistica (E. Bloch). - 4. Scuola di Francoforte e marxismo: Meditazioni sull,a metafisica (Th. W. Adorno). L!l società· unidimensionale (H. Marcuse). - II. Il marxismo in F-ran­ cia: L'« intelligenza » marxista. L'uomo totale (H. Lefebvre). Signifi­ cato umano del socialismo (R. Garaudy). Il processo della pratica teo­ ricll ( L. Althusser). - III. Il marxismlo in Italia: l. A. Gramsci. 2. Il marxismo dopo la caduta del fascismo: saggio sul marxismo (A. Banfi). Chiave della dialettica storica G ( . Della Volpe). IV. Il marxismo in Russia: l. N. Bucharin: La teoria del crollo del capi­ talismo. 2. L. B. Trotskij: La rivoluzione permanente. - 3. l. V. Sta­ lin: Principi di leninismo. - V. Dopo Stalin: l. Sulla concezione marxiana della scienza (M. Markovic) 2. Il maoismo (Mao Tse-dun). •

NAZIONALE:



.





.





-

-

-

.



ANTIMO NEGRI

Il positivismo INTRODUZIONE

pag.

l.

- Il. Po­ Il posilivismo sociale di A. Comte. 2. « Sco­ lastica » com tiana: P. Laffitte, E. Littré, ecc. 3. Il positivismo tra psi­ cologia e storia : H. T11ine, E. Re.nan, ecc. 4. Il positivismo spiritua­ listico: A. Fouillée, J. M. Guyau, ecc. - 5. Positivisti minori: G. Belot, J. P. Durand, ecc. - III. PosmVISMO INGLESE: l. « Scolastica J) com­ 2. J. Stuart tiana in Inghilterra: H. Martineau, G. H. Lewes, ecc. Mili e la logica delle scienze morali. 3. La sistemazione enciclopedica del positivismo evoluzionistico di H. Spencer 4. Sviluppi del posi­ tivismo evoluzionistico: Th. Huxley, W. Clifford, G. J. Romanes, ecc. 5. Il positivismo spiritualislico: L. T. Hobhouse, C. Lloyd Morgan, ecc. - IV. PosiTIVISMO TEDESCo: l. Il positivismo etico e sociale: E. Laas, F. Jodl, ecc. 2. Filosofia della natura e filosofia sociale di E. Diihring 3. L'evoluzionismo spiritualistico: W. Wundt. 4. Il positivismo e le scienze: P. Carus, W. Ostwald, ecc. 5. Il darwinismo sociale: L. Gumplowicz,G. Ratzenhofer, L. Woltmann; ecc. - V. Po­ SITrVISMO ITALIANO: l. La « filosofia della rivoluzione » di G. Ferrari. 2. Il positivismo « politecnico >1 di C. Cattaneo. 3. Il positivismo 4. La filosofia positiva di storicistico: P. Villari, N. Marselli, ecc. R. Ardigò 5. « Scolastica » ardigoiana e marxista : H. Lefebvre, L.Goldmann, R.Garaudy, L. Althusser, ecc.--- :: III. Il marxismo in Italia: l. A.Gramsci 2. D marxismo dopo la caduta del fascismo : A. Banfi,G. Della Vo lpc, C. Luporini, L. Colletti, N. Badaloni, ecc. - IV. Il inarxismo in Russia: L N. Bucl::ia­ rin. 2. L. B. Trotskij. 3. l; V. Stalin 4. Dopo Stalin. - V. Il marxismo nei paesi dell' Est: l. Il marxismo in Polonia ( L. Ko}akowski, A. Schaff, B. Braczco, ecc.) 2. Il marxismo in Cecoslovacchia (K. Kosik, R. Kalivoda, ecc.). 3. Il marxi­ smo in Jugoslavia (M. Markovic, P. Vranicki, ecc.). 4). Il marxismo in Ungheria ( la Scuol;� di Budapest : G. Markus, ecc.). - VI. Il marxismo in Cina: il maoismo. VII. Il marxismo nei paesi anglosassoni: l. Marxismo e ricerca economica in Inghil­ terra (M. Dobb) 2. Il marxismo e la scienza in Inghilterra (M. Cornforth, E. J. Hobs­ bawn, J. B. Haldane, J. D. Berilal, ecc.). 3. La fortuna del marxismo negli Stati Uniti (D. De Leon, L. Boudin, ecc.) ·4. Marxismo ed economia negli Stati Uniti (P. Sweezy, P. Baran) 5. Dalla ricerca di S. Hook all'attività dell'« American lnstitute for Marxist Studies >>. - VIII.·n marxism.o nell'America· Latina e a Cuba. - D. CONCLUSIONE. Bibliografia essenziale. •

.

.





-

.

• .

.•

-



.



·







. •

.

.





.

,



.

.





-

.







.







-

.





.

.





A. IL MARXISMO NEL PERIODO DELLA PRIMA E SECONDA INTERNAZIONALE: l. Il marxismo in Germania: l. Marxismo e lassallismo : Forma del lavoro. in seno alla società umana (F. Lassalle) 2. Dopo la morte di Marx : l'ultimo Engels (K. Marx ·F. Engels). 3. Il revisionismo di E. Bernstein : La concezione màterialistica della storia e la necessità storica Il luxemburghismo : Contraddizioni dello schema della riproduzione allar­ gata (R. Luxemburg) 5. Altre figure del marxismo tedesco : H. Cunow, A. Panne­ koek : Le ideologie (A. Pannekoek). - II. Il marxismo in Francia: Marxismo e sin­ dacalismo rivoluzionario G ( . Sorel). - III. Il marxismo in Italia: A. Labriola : Il ma­ terialismo storico . .....: IV. Il marxismo in Russia: V. I. Lenin. - B. DoPo LA RIVOLUZIONE D'OTTOBRE E LA FONDA Z:tONE DELLA TERZA INTERNAZI ONALE: I. Il marxismo in Germania: l. G. Lukiics : che cosa è il marxismo ortodosso. 2. Altri teorici del marxismo : Os-

TESTI:

.

.



-



.





2

ANTIMO

NEGRI

servazioni a Hilferding (H.Grossmann). 3. Il marxi.smo nella Germania Occidentale : Marx e la dialettica idealistica (E. Bloch). 4. Scuola di Francoforte e marxismo : Me. ditazioni sulla met;�fisica (Th. W. Adorno). La società unidimensionale (H. Mar­ cuse). - Il. Il marxismo in Francia: L'« intelligenza » marxista. L'uomo totale (H. Lefebvre). Significato umano del socialismo (R.Garaudy). Il processo della pratica leo. rica ( L. Althusser). - III. Il marxismo in Italia: l. A. Gramsci. 2. Il marxismo dopo la caduta del fascismo : saggio sul marxismo (A. Banfi); Chiave della dialettica storica ( G. Della Volpe). - IV. Il marxismo in Russia: l. N. Bucharin : La teoria del crollo del capitalismo . 2. L. B. Trotskij : La rivoluzione permanente. 3. I. V. Stalin : Prin­ cipi di leninismo. V. Il marxismo nei paesi dell'Est: Sulla concezione marxiana della scienza (M. Markovic). - VI. Il marxismo in Cina: Il maoismo: A proposito della pratica. Sul nesso tra coscienza e pratica, tra cognizione e azione (Mao Tse-dun). -

-

-

.

-

-

INTRODUZIONE A. DEFINIZIONE DELL'AMBITO DELLA RICERCA Lo storico della filosofia deve necessariamente convenire che non è piU possibiie trattare il marxismo, anche· come filosofia, nel modo in cui lo vedeva trattare il Korsch dai « professori di filosofia », per i quali « il marxismo rap­ presentava >> e ciò « nel migliore dei casi » - « una sottosezione piuttosto marginale di un capitolo della storia de1la :filosofia nel XIX secolo >> e che « nel suo complesso non meritava piu di una trattazione affrettata sotto il titolo di "La dissoluzione della scuola hegeliana" >> (Marxismo e filosofia, trad. it., Milano, 1966, p. 37). Come un capitolo fondamentale della dissolu­ zione di quella scuola, come l'espressione piu cospicua della cosiddetta Sini­ stra hegeliana, il marxismo, anche come filosofia ripeto, trova il suo posto piu naturale in ogni storia delle idee del secolo XIX : e, a questo titolo, un titolo che gli spetta di diritto e non gli si può togliere, al marxismo, come alla filosofia di Marx (e di Engels), è stata dedicata una sezione di questa Grande Antologia Filosofica (vol. XVIII, pp. 969-ll68). Ma il marxismo non è solo la filosofia di Marx (e di Engels); è anche tutta la stermina ta, universale serie delle sue interpretazioni : cosi, per esemplificare, non costruisce teori­ camente marxismo, anche nella sua tensione a costituire « socialismo scienti· fico » come filosofia rivoluzionaria e « testa >> del proletariato, solo il Mani­ festo del 1848, ma anche il vasto e complesso dibattito critico alimentato dalla lettura di questo testo nelle diverse situazioni storiche della riflessione socia­ lista e delle grandi lotte del movimento operaio : chi voglia avere un'idea precisa di un tale. marxismo che cresce, per dir cosi, su se stesso, nel momento che un testo di Marx anche tra i piu divulgativi è inserito in prospettive teo­ riche e pratiche nuove, può leggere con prò:fitto Il Manifesto del partito co­ munista e i suoi interpreti, a cura di G. M. Bravo (Roma, 1973), donde ri­ sulta come costruiscono teoricamente marxismo, continuano a costruirlo, i vari interpreti di Marx, quali Plechanov e Kautsky, Jaurès e Adler, Labriola e Michels ecc. E, proprio perché è costruito anche . dagli interpreti di Marx, o da coloro che lo assumono come base teorico-pratica per riproporre ed affrontare il problema della trasformazione radicale del mondo borghese­ capitalistico, il marxismo è non mai solo la· filosofia della prassi tout-court, bensi, di volta in volta, questa filosofia pit'i la sua interpretazione o il modo di farla fruttificare effettivamente in senso riformistico o rivoluzionario. Una storia del marxismo nori si avrebbe senza un tale processÒ di crescita erme­ neutica (ed è ciò che piu conta per noi in questa sede) della filosofia della prassi : e si tratta di una storia in cui si possono, certo, registrare, tanti -

Marxismo e socialismo scientifico

3

« marxisrm Immaginari » ( dando all'espressione un significato che non coin­ cide esattamente con quello che le presta R. Aron, nel suo Les marxismes imaginaires [Parigi, 1970], se con essa si vuole accennare al fatto che del marxismo può dirsi ciò che dice Manzoni dello Spirito Santo, cioè che « l'Arabo, il Parto, il Siro / in suo sermon l'udi » ; e, di fatto, poi, l'ode, stravolgendone piu volte il senso originario, soprattutto sotto la pressione di istanze della tattica e della strategia rivoluzionaria o meno dei partiti ope­ rai), in cui hanno luogo altresi poderose e persona1issime appropriazioni teo­ riche onde è necessario parlare, ad esempio, di revisionismo, di marxismo­ leninismo, di stalinismo, di maoismo, se non di castrismo ecc. Stando cosi le cose, si possono condividere le considerazioni svolte da P. Vranicki, cui spetta il merito (Historija marksizma, Zagahria, 1971) di aver realizzato la prima storia organica del marxismo : > di Praga o i moti popolati delle città polacche del 'Baltico del 1970), il dramma, che coinvolge non tanto uo­ mini singoli quanto popoli interi, provocato dal conflitto delle interpreta� zioni del marxismo · e dalla volontà, che si può contrastare ma non soffocare, di differenziarne Ie > .

Marxismo e· socialismo scientifico

5

B. IL MARXISMO NEL PERIODO DELLA PRIMA (1864-1876) E SECONDA (1889-1914) INTERNAZIONALE l. IL MARXISMO IN GERMANIA 1. Marxismo

e

lassallismo.

Il marxismo trova nei paesi di lingua tedesca il luogo naturale per radi­ carsi ed espandersi. Il Soury, con riferimento soprattutto al periodo della II Internazionale, adduce, in proposito, una motivazio�e : « All'interno dell'In­ ternazionale, Germania e Austria ne sono le roccaforti e quasi sempre sono tedeschi e austriaci, oppure militanti legati all'evoluzione del socialismo te· desco - come Rosa Luxemhurg, Radek, Parvus, Pannekoek, ecc. - che su­ scitano interrogativi, elaborano risposte, aprono nuove prospettive. I marxisti francesi, inglesi, spagnoli, italiani - con l'eccezione di Antonio Labriola danno contributi insignificanti alla teoria marxista. Gli stessi russi, in questo periodo, considerano i teorici tedeschi e austriaci come maestri » (Il marxi­ smo dopo Marx, trad. it., Milano, 1970, p. Il). È appunto, questo, che va tenuto presente soprattutto da parte di chi non intende trascurare · di collegare, come si è detto, la storia del marxismo alla · storia del movimento socialista e delle classi lavoratrici. In questa storia, la fondazione della I Internazionale (1864) segna una tappa fondamentale. Ne ha il profondo sentimento lo stesso Marx che, pure impegnato nella stesura del Capitale (finito nel 1865), non si estranea dalla lotta politica. Scrivono B. Nicolaevskij e O. Maenchen-Helfen : « Durante i lunghi anni di esilio, Marx aveva sistematicamente rifiutato di far parte di qualsiasi organizzazione. Perciò, quando nell'autunno del 1864 il suo nome comparve sulla lista dei fondatori di una nuova organizzazione operaia internazionale, egli senti l'ob­ bligo di spiegare ad amici e seguaci le ragioni df tale mutato atteggiamento. Il 29 novembre 1864 scrisse al vecchio amico Weydemeyer che aveva accet­ tato · " perché si trattava di una faccenda nella qualè sarebbe stato possibile esercitare un'azione importante " » (K. Marx, trad. it., Torino, 1969, p. 293). L'organizzazione operaia internazionale, cui qui si accenna, è appunto la I Internazionale, che nasce a Londra il 28 settembre 1864. In essa, il marxi­ smo comincia a diventare l'energia catalizzatrice e il . centro propulsore del movimento operaio ; si capisce, allora, l'« àzione i mportante » di cui parla Marx nella citata lettera al Weydemeyer. Piu precisamente, si tratta di una azione destinata a contrastare efficacemente l'influenza esercitata sul movi­ mento operaio dal proudhonismo, dal mazzinianesim � e, soprattutto, dal las­ sallismo. Il lassallismo è la filosofia sociale di Ferdinand Lassalle ( 1825-1864). For· matosi su Hegel (permeata di hegelismo è la sua opera di storico della filo­ sofia dedicata a Die Philosophie Herakleitos' des Dunkeln von Ephesos, 2 voll., 1858, sulla quale Marx . non manca di lanciare i suoi strali critici : cfr. lettera a Engels del l0 febbraio 1858), amico di Heine e di Proudhon, il Lassalle incontra per la prima volta Marx · a Diisseldorf nel 1858. Racconta il Mehring : « Le idee di Marx esercitarono una grande influenza su di lui ; senza invidia egli riconobbe sempre in Marx lo spirito superiore. Eppure non fu mai scolaro di Marx in senso assoluto : la sua cultùra ormai era troppo conclusa e completa per poter assimilare del tutto la concezione materialistica della storia » (Storia della Germania moderna, trad. it., Milano, 1957, pp. 209.

6

ANTIMO NEGRI

10). Anzi, il Lassalle, lungi dall'assimilare la marxiana concezione materiali­

stica della storia, soprattutto la filosofia della prassi come quella che deve preparare una nuova coscienza, e cioè una coscienza rivoluzionaria, alle classi lavoratrici, propone un'alternativa a queiJa concezione e a quella filosofia, esercitando un fascino enorme, in particolare con la sua personalità forte­ mente romantica (è amatore di donne e muore in duello per una donna) e per il suo entusiasmante attivismo organizzativo, sulle classi lavoratrici. A queste classi egli si rivolge, nel 1863, in occasione del Congresso degli operai a Lipsia, mentre Marx ed Engels sono in Inghilterra, con una lettera pro­ grammatica che segna il primo passo del movimento socialista e del partito operaio in Germania. Nella lettera sono fissati i punti essenziali del suo pro­ gramma politico-sociale : estensione del suffragio universale, lotta contro la legge bronzea dei salari (secondo la quale questi dipendono dai rapporti di forza tra proletariato e borghesia) attraverso la sostituzione del lavoro asso­ ciato al lavoro salariato, affermazione del cooperativismo appoggiato ad un socialismo di Stato in funzione antiborghese. Sulla base di questo programma sorge l'Associazione generale degli operai tedeschi, la culla, per dir cosi, della socialdemocrazia tedesca. II programma, intanto, trova la sua formulazione piti netta, oltl'e che nell'Arbeiterprogramm (1862), neii'Herr Bastiat-Schultze von Delitzsch, der oekonomisch ] ulian; oder Kapital und Arbeit (1864), opere in cui rivela tutta la sua sostanza l'iformistica, pur se si sottolinea il carat­ tere classista, assolutamente antiborghese, del partito operaio. Naturalmente, Marx non può condividere questo programma, se antirifor­ misticamente affida alla lotta di classe l'emancipazione economica dei lavo­ ratori e da parte di questi attende la conquista del potere. II Lassalle muore circa un mese prima (31 agosto 1864) della fondazione della I Internazio­ nale ; ma Marx si trova, ormai, di fronte al lassallismo dell'Associazione ge­ nerale degli operai tedeschi che, dall'inizio del 1865, ha anche un suo organo di stampa, il > (l presupposti del socialismo e i compiti della socialdemocrazia, trad. it., Bari, 1968, p. 41). Ed immediatamente prima: : « Concezione economica della storia non significa necessariamente che si ri­ conoscano solamente le forze e i motivi economici, ma significa semplice­ mente che l'economia rappresenta il fattore pur sempre decisivo, il perno dei grandi movimenti della storia: ». In questi movimenti bisogna guardare, senza enfasi apocalittica e senza attesa messianica che dia come immediata­ mente prossimo il crollo del capitalismo. Questa enfasi e questa attesa pos­ sono generare anche inerzia, soprattutto quando l'obiettivo del socialismo è sganciato dalle vie concrete che bisogna percorrere per raggiungerlo. Il Bern­ stein legge anche il Marx de Le lotte civili in Francia dal 1848 al 1850. « La classe operaia ( ... ) non ha utopie bell'e pronte da introdurre per decreto po­ polare. Essa sa che per raggiungere la propria emancipazione e, al tem.po stesso, quella superiore forma di vita verso cui la società odierna tende irre­ sistibilmente in virtu del suo stesso sviluppo economico, dovrà a:ffròntare lun­ ghe lotte e passare per tutta una serie di processi storici, che trasformano radicalmente uomini e cose. La classe operaia non ha da realizzare alcun ideale ; ha soltanto da liberare gli elementi della nuova società che già si sono sviluppati nel grembo della società borghese in declino >> (cit. in I pre­ supposti, cit., p. 247). Il Bernstein, che ricorda anche la prefazione engelsiana (cfr. B, l, § 2) all'opera di Marx, annota: « Quando scrissi la frase sull'obiet­ tivo finale, io pensavo proprio a questa affermazione di Marx, non certo in tutti i suoi punti, ma nel pensiero di fondo. Che cosa dice essa, infatti, se e

-

12

ANTIMO NEGRI

non che il movimento, la serie dei processi è tutto, mentre ogni obiettivo finale fissato a priori è inessenziale rispetto al movimento stesso ? >> (l pre· supposti, ci t., p. 247). > : e, nel movimento, nella serie dei processi, si legge che i lavoratori allargano via via sempre piu il campo della loro partecipazione alla vita politica ed industriale, migliorando via via sempre piu le loro condizioni di vita, acce· dendo al godimento dei beni culturali ecc. Quali sono, allora, i compiti di un partito operaio ? Ammesso che i compiti di un partit� e > del socialismo rivoluzionario che, poi, avvinto dalla medusa dell'(( obiettivo finale >> , non sa inserirsi operativamente e realistica· mente nel movimento concreto della storia (l presupposti, cit., pp. 244-45). Contro il cant Kant ; e Kant segna l'orizzonte di un socialismo il quale av­ verte la necessità storica che, per la sua fortuna, vi siano > , in del 18 marzo 1876 porta al potere la sinistra destinata a mantenersi in piedi salda fino al 1887, prima con i go­ verni Depretis-Cairoli (1876-1882) e poi con il governo Cairoli (1882-87). Una breve fase piuttosto reazionaria, con F. Crispi (1887-1892) ; un biennio giolittiano (1892-93) ; infine, dopo un periodo di :varie combinazioni governa­ tive, la lunga « dittatura >> di Giovanni Giolitti, fino alla vigilia . della prima guerra mondiale. È sotto il primo governo Giolitti ( 1892-93) che viene fon­ dato il partito socialista italiano (1893). Due anni dopo Antonio Labriola (1843-1904) scrive In memoria del Manifesto dei Comunisti (1895), seguito 'da Del materialismo storico (1896) e Discorrendo di socialismo e di filosofia (1898), sotto forma di lettere. Sono opere, queste, in cui il Labriola conqui­ sta un posto capitale nella teoria marxista, in forza di una originale impo­ stazione (non solo un'interpretazione) del marxismo come socialismo scien­ tifico. L'importanza di questa impostazione è europea, se non mondiale. fnizialmente herbartiano, il Labriola, che studia a Napoli, roccaforte del­ l'hegelismo, ha contatti con Bertrando Spaventa. Nel 1889 comincia lo studio sistematico di Marx ; è del 20 giugno la sua conferenza tenuta al Circolo operaio di studi sociali di Roma, in cui dà conto della sua via al socialismò. Dal 1890 in poi è in contatto epistolare con Enj:!;els, K. Kautsky, V. Adler, A. Bebel ecc. Nel 1893 partecipa al Congresso di Zurigo della II Interna­ zionale, dove conosce di persona Enl!els. Nel 1895 esce sul « Devenir social ll , l a rivista del Sorel (cfr. B, Il, § 2), En mémoire d u Manifeste d u parti com­ muniste, di cui si fa editore, nello stesso anno, in Italia, B. Croce (cfr. B, III, § 2). Nello scritto è fondamentale l'assunzione del marxismo come « con­ cezione organica della storia >> . Certo, il marxismo è, anzi tutto, una teoria della lotta di classe ; lo è già col Manifesto : non per niente è opera di « co­ munisti critici >> che « riconobbero il diritto della storia di fare il suo cam­ mino >> (In memoria ecc., in Sa�gi sul materialismo storico, a cura di V. Ger­ ratana e A. Guerra, Roma, 1964, p. 59). Spiega il Lahriola: cc La teoria della lotta di classe era trovata. Si conosceva da due capi : nelle origini della bor­ ghesia, il cui processo intrinseco era già reso chiaro dalla scienza dell' Eco­ nomia ; e in questa apparizione del nuovo proletariato, condizione ed ef­ fetto stesso della nuova forma di produzione. La relatività delle leggi eco· nomiche era scoverta ; ma al tempo stesso era riconfermata la loro relativa necessità. E in ciò è tutto il metodo e la ragione della nuova qoncezione materialistica della storia. Erano quelli che, chiamandola interpretazione economica della storia, credono di intendere e di fare intender tutto. Que­ st'altra designazione qui si conviene meglio a .certi tentativi analitici, che, pigliando a parte, di qua i dati delle forme e categorie economiche, di là p. es. il diritto, la legislazione, la politica, il costume, studiano poi i vicen­ devoli influssi dei vari lati della vita cosi astrattamente e cosi soggettiva­ mente distinti. Tutt'altro è il fatto nostro. Qui siamo alla concezione orga­ nica della storia >> (Saggi cit., pp. 59-60). Si respinge energicamente, qui, ogni assunzione del marxismo come filosofia di un determinismo economici­ stico, che si adopera dommaticamente per restituire ad un rapporto di causa ed effetto la base economica ed una qualsiasi sovrastruttura. Il marxismo è una concezione organica della storia, perché il suo oggetto è un oggetto or·

22

ANTIMO NEGRI

ganico : , in questo consiste - scrive nel dicembre del 1914 - « Ed è proprio per questo che noi odiamo parti· colarmente il nostro passato di schiavitu (l'epoca in cui i signori terrieri conducevano i mugik alla guerra per strangolar la libertà dell' Ungheria, della Polonia, della Persia, della Cina) e il nostro presente di schiavi, in cui questi signori terrieri, secondati dai capitalisti, ci conducono alla guerra per strangolar la Polonia e l' Ucraina, per soffocare il movimento democratico in Persia e in Cina, per accrescere la potenza della bandl! dei Romanov, dei Brobrinski, dei Puriskevic, che disonora la dignità nazionale di noi gran· dj-russi » (Della fierezza nazionale dei grandi russi, in Opere scelte, cit., pp. 550-51). Dove, si dà come capitale il fatto che lo spirito internazionali­ stico ed il sentimento nazionale delle classi lavoratrici possono perfetta­ mente convivere, secondo le convinzioni che emergono anche da certo austro­ marxismo (cfr. B, l, § 9). Ed è questo che spinge Lenin a credere che quella della liberazione dei popoli dall'oppressione non è questione da rinviare al tempo dell'avvento del socialismo, tale liberazione essendo piuttosto la con· dizione della liberazione sociale. La guerra, da condannarsi quando è imperialistica - e Lenin riesce a farla condannare nella conferenza socialista internazionale di Zimmerwald (23-26 agosto 1915) -, può essere anche una via per la rivoluzione sociali­ sta ; e, perciò, bisogna combatterla, come una guerra giusta e progressiva, se è una guerra in cui un popolo si batte per la sua dignità e libertà nazio­ nale : ne esce battuta la tesi che in epoca di imperialismo non possano es­ servi piu guerre nazionali, cara alla Luxemburg. Ma ciò che piu conta è che non si possa ritenere una volta per sempre finito il tempo delle guerre na­ zionali o delle guerre civili con l'avvento del socialismo. La ragione ? È nel fatto che questo avvento non sarà universale ; e ciò dipende, a sua volta, dal fatto che lo sviluppo del capitalismo avviene in maniera ineguale nei diversi paesi del mondo. È una tesi già pronta nel 1915 : « L' ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta: che è possibile il trionfo del socialismo all'inizio in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico, preso isolatamente >> (Sulla parola d'ordine degli Stati Uniti d'Europa, in Opere · scelte cit., p. 556). L'attenzione, intanto, fin dagli anni della prima guerra mondiale, si sposta sul fenomeno storico del capitalismo al cui crollo si connette l'av­ vento del socialismo, sia pure in un solo paese, all'inizio, in forza dell'ine­ guale sviluppo del capitalismo stesso nei diversi paesi del mondo. Al capi· talismo nella sua « ultima fase >>, e cioè all'imperialismo come sistema eco­ nomico-politico, rivolge, in particolare, la sua attenzione Lenin nel 1916 (L'imperialismo, fase suprema del capitalismo). Nello sfondo delle analisi leniniste agisce la persuasione radicale e comune a quasi tutta la coscienza marxista che (L'imperialismo cit., in Opere scelte cit., p. 639). Di nuovo, forse, c'è quella che potrebbe dirsi l'ultima nota ca· ratteristica essenziale della categoria imperialismo allestita da Lenin ; ed è nota avanzata piu come annotazione di ordine etico-politico che come con­ cetto economico : « Monopoli, oligarchia, tendenza al dominio anziché alla libertà, sfruttamento di un . numero sempre maggiore di nazioni piccole e deboli per opera di un numero sempre maggiore Ili nazioni piu ricche o po· tenti : sono le caratteristiche dell'imperialism9, che ne fanno un capitalismo parassitario e putrescente. Sempre piu netta appare la tendenza dell'impe­ rialismo a formare lo " Stato rentier", lo Stato usuraio, la cui borghesia vive esportando capitali e "tagliando cedole " » (L'imperialismo, cit., in Opere scelte cit., p. 668). Non manca, intanto, la sottolineatura della ineguaglianza dello sviluppo del capitalismo nei diversi paesi : cc Negli Stati Uniti lo sviluppo economico è stato ancora piu rapido che in Germania, ed appunto per tale circostanza i tratti parassitari del moderno capitalismo si sono manifestati con forza particolare >> (Ibidem, p. 669). Ma la sottolineatura è come abbandonata a se stessa ; e trascurato è anche il motivo del socialismo il cui avvento sarebbe connesso al crollo del capitalismo. Ma tant'è : oltre al fatto che a questo ca· pitalismo si guarda cosi come si presenta nel suo sviluppo ineguale nei di­ versi paesi del mondo e tuttavia calato in una categoria che non lascia pre­ vedere differenziazioni tra capitalismo e capitalismo, non si connette ali() studio del capitalismo avanzato . con la teoria della rivoluzione. Vero è che, nella prefazione alle edizioni francese e tedesca dell'opera, Lenin avverte : cc Se non si comprendono le radici economiche del fenomeno, se non se ne

Marxismo e socialismo scientifico

31

valuta l'importanza politica e sociale, non è possibile fare nemmeno un passo verso la soluzione dei problemi pratici del movimento comunista e della fu­ tura rivoluzione sociale » (Opere scelte cit., p. 575 ) ; ma resta che, per Lenin, per il Lenin che abbiamo seguito finora, attentissimo alle situazioni socio· economiche concrete e determinate, la « rivoluzione sociale », di cui qui si parla, deve essere la rivoluzione sociale in Russia. Aggiunge, nella stessa prefazione Lenin : « L'imperialismo è la vigilia della rivoluzione sociale del proletariato. A partire dal 1917 se ne è avuto la conferma in tutto il mondo » (Ibidem, ' p. 575 ) ; ma avrebbe dovuto dire : « L'imperialismo russo è la vi­ gilia della rivoluzione sociale del proletariato in Russia >> . La rivoluzione di ottobre è la rivoluzione del proletariato in Russia ; ma quale connessione ha con l'imperialismo come fase estrema del capitalismo, come capitalismo finanziario o capitalistico, in Russia ? La domanda, è evidente, tende ad incrinare la scientificità, dal · punto di vista marxista-leninista, della teoria rivoluzionaria secondo la quale « l'im· perialismo è la vigilia della rivoluzione sociale >>. Nella Russia del 1917, la rivoluzione sociale non è stata il prodotto dell'imperialismo come maturità del capitalismo ; nella Russia del 1917 il capitalismo non è cosi « maturo », come si è letto ne L'opportunismo e il crollo della II Internazionale del 1916, « da dover cedere il posto al socialismo ». Ma già nella prefazione del 1917 ( precisamente datata 26 aprile ; ci sono state le giornate del 12-14 marzo ; il dissidio latente tra il comitato · esecutivo della duma, che intende imporre un governo costituzionale. allo zar, ed il Soviet degli operai e dei soldati ; la firma dell'atto di abdicazione di Nicola Il), Lenin ricorda che l'opuscolo è stato scritto nella primavera del 1916, aggiungendo : « Solo con la lingua dello "schiavo " potevo scrivere che l'imperialismo è la vigilia della rivoluzione socialista >> (Opere scelte cit., p. 568). Dalla fine di marzo al­ l'inizio dell'aprile 1917, Lenin scrive le sue Lettere da lontano, cioè dalla Svizzera. Vi scrive, tra l'altro : « La prima tappa di questa prima rivolu­ zione, e cioè della rivoluzione russa del 1° marzo 1917 - a giudicare dagli scarsissimi dati di cui dispone chi dalla Svizzera scrive queste righe -- è terminata. Questa prima tappa della nostra rivoluzione non sarà certamente l'ultima >> (Opere scelte cit., p. 701). E la nuova tappa rivoluzionaria è in­ dicata come l'obiettivo che il proletariato può raggiungere servendosi di due grandi alleati : la gra_l).de massa dei semiproletari e dei piccoli contadini, il « proletariato di tutti i paesi belligeranti e di tutti i paesi in generale >> (Ibi­ dem, p. 711). Ma, qui, conta soprattutto che, secondo Lenin, . il proletariato possa trovare un grande alleato nei semiproletari e nei piccoli contadini : Lenin, in altri termini, fissa il motivo che la rivoluzione proletaria socia­ lista possa verificarsi anche in un paese ( direi, soprattutto in un paese) so­ ·cialmente ed economicamente non evoluto, cioè in un paese in cui il capi­ talismo non è giunto alla sua fase estrema per cedere il passo al socialismo. D'altra parte, Lenin si pone realisticamente il problema dell'utilizzazione dell'occasione storica per la rivoluzione proletaria. Cadono in questo mo­ mento le famose Tesi di aprile, « sui compiti del proletariato nella rivolu­ zione attuale >>, pubblicate ne « La Pravda >> del 7 aprile 1917. Un'indica­ zione di fondo : « Spiegare alle masse che i Soviet dei deputati operai sono la sola forma possibile di governo rivoluzionario >> (Opere scelte cit., p. 715). E le altre forze politiche che pure hanno contribuito alla rivoluzione del febbraio-marzo ? Risponde Lenin in un articolo (Il dualismo del potere) pubblicato nella « Pravda >> del 9 aprile 1917 : « L'originalità piti notevole

32

ANTIMO

NEGRI

della nostra rivoluzione consiste nel fatto che essa ha creato un dualismo del potere ... In che cosa consiste il dualismo del potere ? Nel fatto che, ac­ canto al governo provvisorio, al governo della borghesia, si è costituito ancora debole, embrionale, ma ciò nondimeno reale e in via di sviluppo un altro governo : i Soviet n'ei deputati degli operai e dei soldati ... » (Ibi­ dem, p. 719). Intanto, Lenin si ricorda della Comune di Parigi e fissa l'obiet­ tivo dell'abbattimento del governo provvisorio. Nel settembre 1917 esce l'opuscolo I compiti del proletariato nella nostra rivoluzione, che vuole es­ sere un « progetto di piattaforma del partito proletario » . Vi si riprende il tema del dualismo d'el potere e si osserva che esso « non riflette che il pe­ riodo tmnsitorio dello sviluppo della rivoluzione, in cui essa ha oltrepas­ sato Io stadio democratico borghese ordinario, ma non è arrivata ancora sino alla " pura " dittatura del proletariato e dei contadini » (Ibidem, p. 727). Nello stesso settembre 1917 Lenin (è ormai da quattro mesi in Russia, ritor­ natovi con l'appoggio delle autorità tedesche) scrive I bolscevichi devono prendere il potere, in cui, senza mezzi termini, con estrema spregiudicatezza politica, proclama : « I bolscevichi sarebbero degli ingenui se attendessero di avere " formalmente " la maggioranza : nessuna rivoluzione aspetta que­ sto. Kerenski (presidente del consiglio del governo menscevico subentrato al governo liberale-conservatore presieduto, con l'appoggio del partito dei cadetti, dal principe L'vov, nel luglio del 1917 : la parentesi è nostra) e compagni non attendono, ma preparano la resa di Pietrogrado (l'epicentro della rivolta dell'8 marzo 1917 : la parentesi è nostra) ... Se non prendiamo il potere a desso, la storia non ci perdonerà » (Ibidem, pp. 844-45). Il programma della conquista antidemocratica del potere da parte dei bolscevichi è un fatto compiuto con il 7 novembre 1917 : la minoranza bol­ scevica si lascia « perdonare » dalla storia e conquista il potere ; tra il 9 ed il 15 novembre l'emanazione di alcuni ò'ecreti fondamentali fa compiere i primi passi concreti alla rivoluzione con la nazionalizzazione della terr_!l, con l'autorizzazione della spartizione della terra ai contadini attraverso i soviet di villaggio, con la consegna delle fabbriche agli operai organizzati nei soviet di fabbrica, con il riconoscimento del diritto di autoci'ecisione dei popoli, con Io scioglimento dell'assemblea costituente, con l'organizzazione di un nuovo Stato, la cui « dottrina marxista >> Lenin elabora nel suo capo­ lavoro di teoria politica, Stato e rivoluzione, scritto nell'agosto-settembre 1917 e pubblicato in opuscolo nello stesso anno. Lo Stato, esordisce Lenin, è « il prodotto dell'antagonismo inconciliabile tra le classi » (Ibidem, p. 852). È una nefinizione che nasce dalla riflessione sulle opere di Marx e di Engels ; e da questa riflessione scaturisce anche il principio che lo Stato è sempre « strumento di sfruttamento della classe op­ pressa » (Ibidem, p. 857) : di una classe oppressa, se lo Stato è poi sempre la dittatura di un'altra classe. Lo Stato borghese ha ubbidito, ubbidisce a questa logica. In quanto è Io Stato che, in tutte le sue forme storicamente cangianti, ha ubbiò'ito ed ubbidisce a questa logica, bisogna « sostituirlo » , « sopprimerlo » : « L a dottrina di Marx e d i Engels sulla necessità della rivoluzione violenta si riferisce allo Stato borghese. Questo non può essere sostituito dallo Stato proletario ( dittatura del proletariato) per via di " estin­ zione " ; può esserlo unicamente, come regola generale, per mezzo della ri­ voluzione violenta » (Ibidem, p. 865). La prassi rivoluzionaria bolscevica si mantiene fedele a questo assunto nel 1917. Alla dittatura della borghesia in­ tanto, si sostituisce la dittatura del proletariato ; e questa, in quanto Stato, -

Marxismo e socialismo scientifico

33

non deve, anch'essa, ubbidire alla logica di una classe che non è quella dominante ? Lenin risponde cosi alla . domanda : « Lo Stato è un'organizza­ zione particolare della forza, è l'organizzazione òella violenza destinata a repnmere una certa classe. Qual è, dunque, la cJasse che il proletariato deve reprimere ? Evidentemente una sola : la classe degli sfruttatori, vale a dire la borghesia » (Ibidem, p. 867). E, nella risposta, non si va oltre il ribadì­ mento della necessità storica di sopprimete lo Stato borghese con la vio­ lenza rivoluzionaria. Aggiunge Lenin : « Il potere statale, l'organizzazione centralizzata della forza, l'organizzazione della violenza, sono necessari al proletariato sia per reprimere la resistenza degli sfruttatori, sia per dirigere l'immensa massa della popolazione - contadini, piccola borghesia, semi­ proletariato - nell'opera di " avviamento " dell'economia socialista » (Ibi­ dem, p. 869). Ma a chi, poi, è demandata l'organizzazione o, anche, la dh:e­ zione di cui qui si parla ? Se si dovesse dar retta al discorso che Lenin fa sulla « Òemocrazia proletaria » (Rapporto sul programm..a, del partito pre­

sentato alr VIII Congresso del partito comunista-bolscevico-di Russia, 19 marzo 1919, in Opere scelte cit., p. 1262), bisognerebbe ammettere che l'or­ ganizzazione e la direzione sono, secondo la teoria politica di Lenin, prero­ gative dello stesso proletariato, cui si presta altresi, almeno in linea di principio, una « funzione dirigente >> (Ibidem, p. 1261). Ma è nello stesso Rapporto citato, in cui significativamente si recepiscono le lagnanze contro il burocratismo e si pone a tema la partecipazione delle larghe masse al lavoro sovietico (Ibidem, p. 1260), che Lenin parla dell'« ostacolo costituito dalla cultura insufficiente delle masse >> per concludere : « Il nostro compito è di porre la questione con completa chiarezza. Non ci scusiamo affatto per la nostra condotta, ma enumeriam� con assoluta precisione i fatti, quali essi sono. La nostra Costituzione fu costretta, come abbiamo detto, a regi­ strare questa ineguaglianza, perché il livello culturale è basso, perché l'or­ ganizzazione da noi è debole. Ma di questa ineguaglianza non facciamo un ideale ; al contrario_, secondo il programma, il partito si impegna a lavorare sistematicamente per abolire questa ineguaglianza tra il proletariato, meglio organizzato, e i contadini, ineguaglianza che dovremo abolire appena riu­ sciremo ad elevare il livello culturale >> (Ibidem, pp. 1262-63). In attesa òi tutto ciò, la dittatura del proletariato si presenta piuttosto in una dittatura del partito : ci ricordiamo del Lenin di Che fare ? , dove si affida ad una ri­ stretta inÙdlighentia la formazione della coscienza di classe del proleta­ riato ; e ci ricordiamo soprattutto che, per Lenin, il partito è pur sempre > ( Grande Enciclo­ pedia Sovietica, vol. XXII, p. 211). È, in sostanza, in azione quel centralismo burocratico, già criticato dalla Luxemhurg (cfr. B, l, § 8) e che troverà una esasperazione nell'epoca staliniana, quali che siano le frequenti posizioni assunte (cfr. Vranicki, Storia del marxismo cit., l, pp. 464 segg.) dallo stesso Lenin a favore del centralismo democratico. Un ultimo appunto sulla teoria e la prassi politica di Lenin. L'artefice della presa di potere in Russia da parte del proletariato ammette con estre­ ma franchezza, come si è visto, la necessità storica della violenza rivoluzio­ naria. Ma la teoria delle Tesi di aprile o di Stato e rivoluzione non vuole 8 non può essere, nella . duttile coscienza di Lenin, una, teoria dogmatica. A non voler e non poter essere dogmatizzata, cioè, è la tesi che lo Stato bor­ ghese debba essere soppresso per via rivoluzionaria in ogni paese d'Europa e del mondo. Nascono le ina'icazioni di tattica e di strategia rivoluzionaria

34

ANTIMO NEGRI

in paesi diversi dalla Russia contenute ne L'estremismo, malattia infantile del comunismo (scritto nell'aprile 1920 ; appendice stesa il 12 maggio 1920). Certo, secondo Lenin, « il modello russo indica a tutti i paesi qualche cosa di molto essenziale per il loro inevitabile e non lontano avvenire i> (Opere scelte cit., p. 1382); ma ·il rispetto dogmatico del moàello rischia di incapsu­ lare la concreta azione · rivoluzionaria nei paesi in cui le possibilità di essa sono del tutto diverse. All'estremismo infantilistico o infantilismo · estremi­ stico di quanti ritengono che la conquista del potere da parte del proleta­ riato debba avvenire alla stessa maniera in cui è avvenuta in Russia, Lenin oppone : « Tutti convetranno che non è ragionevole o è persino delittuosa la condotta ài un esercito che non si prepari ad esser padrone di tutte le specie di armi, di tutti i metodi di lotta che il nemico ha o può avere. Ma ciò vale ancor piu per la politica che per le cose militari. In politica sono ancora minori le possibilità di sapere anticipatamente quale mezzo di lotta sarà utile e vantaggioso per noi nelle varie circostanze future » (Ibidem, p. 1446). Ancora piu chiaramente : « Per avviarci piu saldi e piti sicuri alla vittoria, ci manca una cosa sola : e cioè che tutti i comunisti di tutti i paesi acquistino la coscienza vasta e profonàa della necessità di essere quanto piu possibile flessibili nella loro tattica » (Ibidem, p. 1451). Infine, esemplifi­ cando sulla polemica Turati-Bordiga in �talia : (191 7)

>>

(1 908) ai

cc

Quader11-i filoso­

La « coscienza di classe >> del proletariato è sempre preparata, si è sentito affermare dal Lenin di Che fare?, da un'intellighentia. Questa intellighentia opera sempre in un'area che non coincide completamente con quella della teoria politica. Anche la teoria politica presuppone una visione òel mondo : ed una visione del mondo, dietro la teoria politica, prepara il Lenin � Materialismo ed empiriocriticismo ( 1908), nato dal bisogno di opporsi al­ l'empiriocriticismo russo (cfr. B, IV, § 2). Si è visto, intanto, che la teoria politica di Lenin è, fondamentalmente, una filosofia della rivoluzione. Il . nesso tra teoria e prassi rivoluzionaria in Lenin è cosi saldo òa non con­ sentire di pensare a11a stessa filosofia come visione del mondo in una sua piu o meno decisa indipendenza da ogni istanza di prassi rivoluzionaria. D'altra parte, la teoria rivoluzionaria di LeniQ non è, per sua attitudine rea­ listica, una . filosofia della rivoluzione monà'iale : certo, anzi, è anche que­ sta, ma è, anzi tutto, una teoria della .rivoluzione in Russia. La cosa è molto importante, se è vero quanto sostiene uno dei primi critici della filosofia di Lenin, cioè il Pannekoek (cfr. B, l, § IO), il quale, nel suo Lenin als Phi­ losoph, prendendo lo spunto dalla traduzione e dalla pubblicazione in Eu­ ropa occidentale {1927) dell'opera òi Lenin, trova che essa non interessa af­ fatto i marxisti occidentali anche impegnati nella lotta rivoluzionaria, giac­ ché essa esprime, attraverso una combinazione teorica del materialismo na­ turalistico borghese e del marxismo, il bisogno di combattere due nemici capitali, tali soprattutto in una società come quella russa dell'inizio del se­ colo, l'assolutismo e la religione. Intanto, è molto importante che Materialismo ed empiriocriticismo trovi un punto cardinale teorico nel materialismo naturalistico borghese e, cioè, in quel materialismo francese del '700 cui ha rivolto la sua attenzione an­ che il Plechanov (cfr. B, IV, § l). Eà' il punto cardinale teorico vi è trovato polemicamente, in avversione ad ogni tentativo di traduzione del marxismo ìn termini di idealismo empiriocriticistico. Il tratto piu caratteristico di una tale traduzione è, come si è visto (cfr. B, IV, § 2), la riduzione del mondo oggettivo ad un complesso òi sensazioni, per la quale l'oggetto perde la sua indipendenza dal soggetto, titolare della coscienza, del pensiero, della sensa­ zione, che finisce conseguentemente privilegiato come da:to primordiale. Gli empiriocriticisti vengono denunciati, indistintamente, come agenti dell'iòea­ lismo : . Il quale, in sostanza, è volto con­ tro la !! filosofia reazionaria J> ideologicamente schierata in difesa dell'asso­ lutismo e della religione che particolarmente, concependo il materialismo e l'idealismo come !! partiti in lotta », Lenin vuole combattere. Un altro problema scottante deve anche affrontare Lenin nel combattere l'empiriocriticismo come forma di idealismo e di antimaterialismo : quello dell'oggettività o meno della verità. Afferma il Bogdanov nel suo Empirio-

38

ANTIMO

NEGRI

monismo : > e « materialismo intelligente >> : un idealismo che non fa girare a vuoto il pensiero su se stesso ed un materialismo che non si attarda a confinare la materia su un piano sul quale risulta come intangibile ed immutabile dal­ l'uomo. Si indovina il recepimento piu acuto delle marxiane Tesi su Feuer· bach. Sono le stesse Tesi ( devo il riferimento a L. Gruppi : cfr. Prefazione a Materialismo ed empiriocriticismo, cit., p. Il) cui rinvia il Lenin delle Due tattiche (cfr. B, V, § l), per dissuadere dall'inerzia fatalistica e dall'azione rivoluzionaria inconsulta e sciolta dalla conoscenza concreta del reale deter· minato : « Il modo in cui i neoiskristi espongono le loro idee ci fa ricordare l'apprezzamento che Marx dava {nelle sue celebri "tesi " su Feuerbach) del vecchio materialismo estraneo alla dialettica. I filosofi, diceva Marx, hanno solo interpretato il mondo in modi diversi, si tratta però di mutarlo. I \neo­ iskristi possono anch'essi descrivere e spiegare discretamente il processo della lotta che si svolge davanti ai loro occhi, ma sono assolutamente inca· paci di enunciare una parola d'ordine giusta per questa lotta. Marciando con zelo, ma dirigendo male, ignorando la funzione attiva di dirigenti e di guida, che possono e debbono avere nella storia i partiti che hanno capito le con­ dizioni materiali della rivoluzione e si sono messi alla testa delle classi pro­ gressive, essi sviliscono la concezione materialisticà della storia >> (Due tat­ tiche cit., in Opere scelte cit., p. 340). La concezione materialistica della sto· ria, non « svilita >> dall'idealismo che porta al « pretume >> o dal materiali­ smo deterministico che porta alla rassegnazione, è una concezione che im· pegna l'uomo in una azione consapevole, appoggiata alla comprensione delle

40

ANTIMO NEGRI

condizioni materiali della rivoluzione. Il vecchio materialismo aiuta ad in­ terpretare il mondo, ma costituisce una remora a trasformarlo ; l'idealismo inautentico esalta, si, la parte attiva dell'uomo, ma contemporaneamente lo distoglie dalla comprensione delle condizioni materiali in cui quella parte attiva si deve esercitare. Bisogna essere materialisti dialettici per sfuggire all'uno e all'altro errore : materialisti per interpretare il mondo, idealisti per trasformarlo.. Perciò Lenin può ammirare anche il Gentile de La filo­ sofia di Marx ; giacché è un Gentile che gli mostra come Marx « non seppe dimenticare che non v'ha oggetto senza un soggetto che lo costruisca >> (La filosofia di Marx, Firenze, 19594, p. 164). Che poi quel « soggetto >> diventi, nella teoria politica e nella prassi rivoluzionaria di Lenin, il dirigente di partito è un altro paio di maniche.

C. DOPO LA RIVOLUZIONE D'OTTOBRE ( 1917) E LA FONDAZIONE DELLA TERZA INTERNAZIONALE { 1919) I. IL MARXISMO IN GERMANIA l. Gyorgy Luktics > . Anche l a vita della III Internazionale, i n sostanza, è contraddistinta dai « tratti dominanti della storia del socialismo all'epopa della II Internazio­ nale n , descritti da G. Haupt : « Da una parte, la coscienza dell'universalità del movimento, l'aspirazione all'unità del mondo socialista e all'internazio­ nalizzazione dei suoi obiettivi - la conquista del potere sociale e politico -:­ tratto che trova al tempo stesso il suo rapporto ed il suo simbolo nell'In­ ternazionale. Dall'altra, la difficoltà di realizzare una unità concreta di azione e di ideologia, di mettere in pratica principi generali, anche se apparente­ mente còndivisi » (La II Internazionale, trad. it., Firenze, 1973, p. 160). La parziale ricostituzione della II Internazionale ( 1924), uscita sconfitta dalla prima guerra mondiale e ormai disgregata con la Rivoluzione russa, una ri­ costituzione che avviene in dichiarata posizione anti-Komintern, ha un si­ �nificato preciso in proposito . . E, tuttavia, all'indomani 'della vittoriosa Ri-

Marxismo e socialismo scientifico

41

voluzione di ottobre, « la parola d'ordine che si esprime nel concetto : dit· tatura del proletariato », di cui parla Lenin nello scritto citato, ha vera· mente un ascolto ed un'applicazione che fanno per un momento sperare in una rivoluzione, se non mondiale, certo piu estesa. Da quest'ascolto e da quest'applicazione nasce il movimento spartakistico che porta alla procla­ mazione della repubblica dei soviet a Monaco di Baviera il 7 aprile 1919 (cfr. B, l, § 8); da quest'ascolto e da quest'applicazione, vien fuori l'avvento al potere, in Ungheria, il 21 marzo 1919, di Béla Kun, capo di una repubblica sovietica ben presto schiacciata dalla controrivoluzione ( 1° agosto 1919). Durante la repubblica sovietica di Béla Kun, riveste la carica di vice­ commissario del popolo per l'insegnamento e la carica di commissario poli­ tico nella quinta commissione rossa, Gyorgy Lukacs ( 1885-1972), destinato a diventare unfl delle figure piu notevoli e piu discusse del marxismo euro· peo. Il Lukacs ha studiato a Heidelherg, ha subito varie influenze, da quella del Weber a quella del Simmel, ha avuto contatti con la filosofia classica tedesca e soprattutto con lo Hegel della Fenomenologia dello Spirito : tutti elementi, questi, di una sua precisa formazione che traspare dalle opere giovanili come Die Seele und die Formen (l9ll), Die Theorie des Romans ( 1920) e da altre delle sue Kleinere Schriften ( 19,09-1920). Negli anni della prima guerra mondiale cade il suo rinnovato inc�:lltro con Marx ; ma ormai si tratta di un Marx che egli non può piu leggere senza Hegel. Il marxìsmo di quella che resta la sua opera fondamentale di teorico marxista, Geschichte u.nd Klassenbewusstsein ( 1923), scritto dopo la caduta della repubblica so· vietica di Béla Kun e prima del suo trasferimento in Russia ( dove lavora, dal 1929 alla fine della seconda guerra mondiale, all'Istituto Marx-Engels e all'Istituto di filosofia dell'Accademia delle scienze), non si spiega senza que­ sta formazione. In una prefazione del 1967 alla sua opera, il Lukacs ha raccontato « la sua posizione dspetto al marxismo intorno al 1918 » (Storia e coscienza di classe, tra d. i t., Milano, 1967, p. VII) ; ed il racconto può es· sere integrato con La mia via al marxismo ( 1933, in Marxismo e politica culturale, trad. it., Torino, 1968). Il racconto è anche autocritico ; ed il punto saliente dell'autocritica è il seguente : « Io avevo di mira ciò che Lenin in· dica in Che fare ? quando dice che, a differenza della coscienza trade-unio­ nista che sorge spontaneamente, la coscienza di classe socialista viene intro­ dotta " dall'esterno ", " cioè, al di fuori della lotta economica, della sfera delle relazioni tra operai e imprenditori " (Lenin, Werke, Vienna-Berlino, IV, II, pp. 216-17). Ciò che dunque era in me un'intenzione soggettiva ed in Lenin invece il risultato di un'analisi autenticamente marxista di un mo­ vimento pratico all'interno della totalità della società, divenne nella mia esposizione un risultato puramente spirituale e quindi qualcosa di essenzial­ mente contemplativo 11 (Storia e coscienza di classe cit., p. XIX). L'autocri· tica approda, da ultimo, al riconoscimento che il · marxismo di Geschichte und Klassenbewusstsein non è un autentico materialismo dialettico, nel senso che non si risolve in una filosofia rivolta a trasformare il mondo. E l'auto­ critica ha, tutto sòmmato, un fondamento, se è vero, per cominciare, che, affrontando il problema del marxismo come il problema del metodo dialet­ tico tout-court, il Lukacs privilegia « Lenin in quanto teorico 11 , pur in un momento in cui « il suo peso dominante come politico nasconde ... agli occhi di molti questa sua funzione di teorico 11, a parte il fatto che trova « l'in· dirizzo di pensiero di Rosa Luxemburg ... in parte ancora teoricamente de­ cisivo, sia nelle ·sue conseguenze feconde che nei suoi errori 11 (Introduzione,

42

ANTIMO

NEGRI

1922, in Storia e coscienza di classe cit., p. XLVI). Il marxismo lukacsiano vuole essere, alla scuola del Lenin teorico come della Luxemhurg, materia­ lismo dialettico e, per ciò stesso, assume, anzi tutto, a tema « l'interazione piu essenziale, il rapporto dialettico tra soggetto ed oggetto nel processo sto­ rico » (Ibidem, p. 4). È questo tema che egli vede trascurato dai marxisti che trattano Hegel come un « cane morto » ; ed è nello svolgimento di que­ sto tema che ritiene di affrontare il « problema centrale » del , giacché essa opera > (Ibidem, p. 89). È vero che il Lukiics è disposto ad am­ mettere che > e che « la sua esistenza, il suo costante sviluppo mostrano che il proletariato è già sulla soglia della propria coscienza e quindi della vit­ toria >> (Ibidem, p. 105), ma il suo sguardo è, da ultimo, appuntato ad una coscienza del proletariato piO. alta che non coincide con quella prestata da un'intellighentia rivoluzionaria alle masse operaie perché diventi un fatto compiuto la dittatura del proletariato. Scrive alla fine del saggio Coscienza di classe il Lukacs : « Non è dunque lecito in nessun caso trascurare la di­ stanza che separa lo stato di coscienza degli operai piu rivoluzionari dalla vera coscienza di classe del proletariato. Ma anche questa situazione si spiega sulla base della teoria man:iana della lotta di classe e della coscienza .di classe. Il proletariato si realizza soltanto in quanto si sopprime, in quanto

porta ad effettuazione la società senza classi conducendo fin alfultimo la pro­ pria lotta, di classe. La lotta per questa società, di cui anche la dittatura del proletariato è solo una fase, non è diretta soltanto contro il nemico esterno, la borghesia, ma è anzitutto una lotta del proletariato con se stesso : con gli effetti distruttivi e degradanti del sistema capitalistico sulla sua coscienza di classe >l (Ibidem, p. 105). Uno di questi effetti è, per dir cosi, l'imborghesi­ mento del proletariato come classe : l'imborghesimento che esso patisce quan­ . do combatte contro la borghesia come una classe contro un'altra classe, come se l'obiettivo finale non fosse la società senza classi e quindi anche la soppre�sione dello stesso proletariato in quanto classe. Solo quando avrà raggiunto questo punto di vista non classistico (e, quindi, non borghese) il

44

ANTIMO NEGRI

proletariato potrà modificare la realtà nella sua totalità : la potrà trasfor· mare perché la stessa coscienza di classe sarà, allora, totalitaria. Con questo suo « marxismo ortodosso » , il Lukacs finisce con l'additare ad una rivoluzione che certamente non è quella di Lenin, ad una società che certamente non è quella della Russia staliniana, nella quale pur si trova ad operare come intellettuale comunista. Scrive il Lukacs in una delle ul· time sue lettere : « Credo di poter affermare in tutta tranquillità che ogget· tivamente ero un avversario dei metodi di Stalin, anche quando io stes_so credevo di essere un suo sostenitore » (20 novembre 1969, cit. in N. Tertul­ lian, Naphta, Lukcics e Thomas Mann, in « Logos » , 1973, n. l, p. 48). Ac· cenna, ciò scrivendo, il Lukacs, ad un periodo della sua attività (che com· prende, ad esempio, il suo Der junge Hegel, 1948, o il suo Die ZerstOrung der Vernunft, 1958, e, soprattutto, i suoi numerosi studi di estetica e di storia dell'estetica (sui quali il lettore troverà notizia in altra sezione di questa « Grande Antologia Filosofica » ), che è ormai distante, distantissima, dalla po· sizione di marxista teorico espressa in Geschichte und Klassenbewusstsein. L'intellettuale che tenta di giustificare con una sorta di necessario machiavel· lismo i suoi servigi allo stalinismo è il protagonista di un singolare episodio culturale, fatto di critica e di autocritica, che forse interessa la storia del marxismo solo come un documento dei tempi cattivi, molto cattivi, che cor· rono per la ricerca marxista quando essa è troppo asservita alle direttive di partito.

2. K. Korsch Nel 1919, l'anno stesso della fondazione della III Internazionale, Karl Korsch ( 1889-1961), membro del partito comunista tedesco e professore a Jena, pubblica un articolo (Sozialisierung und Arbeiterbewegung, in « Freies Deutschland », l, 4, 22 marzo), in cui ribadisce un fondamentale punto di vista antisocialdemocratico : se si vuole affermare in maniera radicale e coerente il diritto dei lavoratori alla autogestione della produzione. Del 1923, lo stesso anno in cui viene pubblicato il lukacsiano Ges�hichte und Klassenbewusstsein, è il libro piu importante del Korsch : Marxismus und Philosophie. Il libro si presenta come una forte analisi critica del marxismo della II Internazionale, che il Korsch vede rappresentato soprattutto da K. Kautsky (cfr. B, l, § 5) al quale viene dedicato uno scritto aspramente polemico nel 1929 (Die materialistische Geschichtsauffassung. Eine Ausei· nandersetzung mit K. K.). Ma la polemica con il marxismo secondo-interna· zionalista in generale ed antikautskyano in particolare non distoglie, poi, il Korsch dal prendere un atteggiamento critico anche nei confronti del marxi· smo leninista. Contro l'uno e l'altro marxismo, e anche contro un marxismo neokantianamente e moralisticamente annacquato, il Korsch vuole riguada­ gnare al materialismo di Marx e di Engels il significato di filosofia che gli spetta. L'appunto critico dal quale egli parte è il seguente : « La concezione materialistica della storia, che in Marx ed Engels era stata essenzialmente dialettico-materialistica, nei loro epigoni finisce col divenire qualcosa di es· senzialmente adialettico : per gli uni si trasforma in principio euristico utile alle singole direzioni della ricerca scientifica ; per gli altri, il fluido prin· cipio metodologico della dialettica materialistica marxiana si coagula in un certo numero di massime teoriche sul nesso causale tra i fenomeni storici

Marxismo e socialismo scientifico

45

che appaiono nei diversi ambiti della vita sociale, vale a dire in qualcosa che piu esattamente si potrebbe definire una sociologia sistematica gene­ rale. Gli uni trattano dunque il principio materialistico marxiano come un "principio soggettivo valido soltanto per il giudizio riflettente " in senso kantiano, mentre gli altri accolgono dogmaticamente la dottrina della " so­ ciologia " marxista come un sistema che a seconda dei casi ha un carattere prevalentemente economicistico o geografico-biologico » (Marxismo e filo­ sofia, trad. it., Milano, 1966, p. 59). I bersagli polemici sono, qui, specifica­ mente, i marxisti neokantiani ed i marxisti positivisti. E l'atteggiamento critico contro Leoin è espresso soprattutto quando · si avverte che « Lenin e i suoi distruggono effettivamente ogni rapporto dialettico tra l'essere e la coscienza e, come conseguenza necessaria, anche tra la teoria e la prassi » (Ibidem, p. 29). Poi, l'atteggiamento critico, rivolto in particolar modo contro il Lenin piu adialettico di Materialismo ed empiriocriticismo, si estende fino ad investire la stessa prassi politica leninista scaduta alla celebrazione del potere dell'intellighentia rivoluzionaria. Quale è questa « piu larga base filosofica » che il Korsch invoca contro l'ortodossia leninista e comunista, già tendenzialmente stalinista? Evidente­ mente, essa è costituita da quella dialettica hegeliana con la quale, in fondo, fa i conti, come si è visto ( cfr. B, V, § 2) anc�e Lenin. Scrive il Korsch : « Già Hegel aveva sostenuto che il metodo (filosofico-scientifico} non è una pura forma del pensiero, indifferente al contenuto cui Io si ap­ plica ; si tratta piuttosto della "struttura della totalità nella sua pura essen­ zialità' " (der Bau des Ganzen in seiner Wesenheit aufgestellt). E Marx stesso aveva dichiarato in termini analoghi in un suo scritto giovanile : " La forma non ha alcun valore, se non è la forma del contenuto " » (Ibidem, p. 78). Il rapporto dialettico tra la forma ed il contenuto, di cui qui si parla citando da Hegel ( Fenomenologia dello Spirito) e da Marx (Discus­ sioni intorno alla legge sopra il furto della legna, 1842), è il rapporto che. una volta fondato, non permette al marxismo di involgersi in una forma di materialismo premarxiano, cioè di materialismo naturalistico. D'altra parte, la forma cui qui guarda il Korsch, è anche una forma totale che si vuole adeguata ad un contenuto che in tanto può effettivamente riempirla in quanto non è una parte di esso fatta passare per il tutto. In questo caso, acquista un senso la piu importante obiezione antileninista del Korsch : « Nel suo complesso, la teoria "leninista " non è però un'espressione teori�a adeguata alle esigenze pratiche della lotta di classe del proletariato interna­ zionale nella sua attuale fase di sviluppo ; ed è per questa ragione che an­ che la filosofia materialistica di Lenin, che è la base . ideologica su cui si regge la teoria leninista, non è la filosofia rivoluzionaria del proletariato adeguata all'attuale fase di sviluppo » (Ibidem, p. 28). Si contesta che il le­ ninismo possa essere assunto come scienza della rivoluzione proletaria ; ma conta soprattutto che la contestazione avvenga in nome dell'inadeguatezza della teoria leninista alle esigenze ecc. Anche il Korsch finisce con l'affig­ gere lo sguardo ad una filosofia che non coincide con la filosofia della Rivo­ luzione russa.

46

ANTIMO

NEGRI

.3. A ltri teorici del marxismo : F. Sternberg e H. Grossmann; M. Raphael Un momento tematico del dibattito marxista di questo periodo resta quello relativo al > (Ibidem, p. 23). E si è detto bene, allora, che il Benjamin ha sottolineato l'importanza del momento della ricezione come momento costitutivo della stessa esistenza del­ l'opera d'arte ( C. Cases, Introduzione a W. B., L'opera d: arte cit., p. 12) ; Jlla non meno bene si è detto che, qui, il Benjamin, « in una polemica sotto molti aspetti giustificata contro tendenze antiartistiche del capitalismo, ar­ riva a deformare il problema >>, se, ad esempio, (( l'acquaforte e la litografia non sono solo mezzi di riproduzione, ma basi di una creazione artistica in­ dipendente >> (G. Lukacs, Estetica, trad. it., II, Torino, 1970, p. 1258). C'è da

Marxismo e socialismo scientifico

49

aggiungere, soprattutto, che certe tecniche di riproduzione dell'opera d'arte, come il cinema appunto, per quanto allarghino la sfera della fruizione este­ tica come momento costitutivo della stessa opera d'arte, sono pur sempre amministrate dal potere borghese e capitalista. Ma il Benjamin, che poi fini­ sce con Io spaccare il mondo in una visione manicheistica (il fasc.ismo da una parte ed il comunismo dall'altra), sa che quel potere può essere sosti­ tuito dal potere proletario : il suo cònvincimento di fondo resta quello se­ condo il quale il comunismo saprà rispondere all'« estetizzazione della poli­ tica n perseguita dal fascismo con la (C. Biihler, La psicologia nella vita del nostro tempo, trad. it., Milano, 1964, p. 115). Una « teoria critica della società >> svolge anche uno dei piu giovani e vivaci francofortesi, Jiirgen Habermas (1929). Uno dei suoi temi preferiti è quello che, stando al titolo di mio dei libri piu riusciti (Erkenntnis und In­ teresse, 1968), si può dire del rapporto tra . conoscenza ed interesse. Cono­ scenze interessate, e cioè filosofie o sociologie attese a costituire strumenti ideologici di conservazione, I'Habermas denuncia, ad esempio, nel positivi­ smo, nel pragmatismo ecc. Spiega, alla fine, I'Habermas : « La riconduzione metodologica della scienza ad un interesse, all'autoconservazione non serve ad una determinazione logico-trascendentale della conoscenza possibile, ma alla negazione della possibilità della conoscenza in generale >> (Conoscenza e interesse, tra d. it., Bari, 1970, p. 288) ; e, nella premessa : « L'analisi della connessione di conoscenza e interesse deve poter reggere la tesi che una cri­ tica radicale della conoscenza è possibile solo come teoria della società. Que­ sta idea è implicita nella teoria della società di Marx, anche se non può essere tratta dall'autocomprensione marxiana e dei marxisti >> (Ibidem, p. 3). Degli altri esponenti della scuola francofortese citati (Friedrich Pollock, Oskar Negt, Alfred Schmidt), il piu interessante è certamente l'ultimo, at­ tento studioso della filosofia della natura (cfr. Il concetto della natura, trad. it., Bari, 1969) e della filosofia della storia (cfr. Storia e struttura, trad. it., Bari, 1973) di Marx. Del Pollock conviene ricordare lo studio sull'automà­ ' zione e sulle conseguenze economiche e sociali che essa implica ( cfr. Auto­ mazione. Conseguenze economiche e sociali, trad. it., Torino, 1970). Del Negt, oltre l'ottimo libro dedicato alla filosofia della storia di Hegel e di Comte

(Strukturbeziehungen zwischen den Gesellschaftslehren Comtes und Hegels,

Francoforte s. M., 1964), occorre ricordare il volume curato con Heinz Gross­ mann, Die Auferstehung der Gewalt. Springerblockade und politische Reak­ tion in der Bundesrepublik, Francoforte s. M., 1968 ; ma, con quest'ultimo libro, siamo sul terreno dei temi della contestazione studentesca della fine degli anni sessanta ; e, su questo terreno, molto probabilmente, Marx non c'entra piu. Di recente il Negt ha rivolto la sua attenzione ai problemi della formazione della coscienza sindacale (cfr. Coscienza operaia e società tecnologica, trad. it., Bari, 1973).

Marxismo e socialismo scientifico

53

6. Il marxismo nella Germania Orientale : la « Deutsche Zeitschrift fiir Phi­ losophie », R. O. Gropp, W. Harich, G. Klaus, R. Havemann ecc. Nella Germania Orientale, ove non si tenga conto di uno �tudioso come R. O. Gropp che puhblica nella « Deutsche Zeitschrift fiir Philosophie » al­ cuni articoli (soprattutto il primo, Die marxistische dialektische Methode und ihr Gegensatz zur idealistischen Dialektik Hegels, in « Zeit. f. Phil. » cit., 1954, nn. l e 2) caratterizzati dalla tendenza a connettere piu stretta­ mente il materialismo marxiano a quello meccanicistico come se questo non fosse stato, per dir cosi, hegelianamente corretto dallo stesso Marx, la ri­ cerca marxista ha dovuto non poco soffrire del controllo, se non della cen­ sura, del potere politico. Interessante, in proposito, la posizione di W. Harich, direttore della > (Ibidem, p. 67, dove si rinvia a Dialettica della natura, trad. it., Roma, 1955, pp. 212-13). Nella Dialektik ohne Dogma il rinvio allo Engels piu ostile al · mate­ rialismo meccanicistico è appoggiato al discorso hegeliano sul rapporto tra necessità e libertà, in cui si affacciano « idee che hanno avuto una effet­ tiva conferma scientifica da . parte della meccanica quantistica >> (Dialettica senza dogma, cit., p. 124). Engels e Hegel assicurano lo Havemann, aperto alla comprensione della teoria quantistica, delle ragioni di Ma.x Bohr, di Werner Heisenberg e di Linus Paulings ; lo assicurano, cioè, contro le pretese di un marxista ortodosso e dogmatico come il citato Klaus che, avvinto ·alla « vecchia concezione meccanico-materialistica della causalità n , stringe in un rapporto deterministico cause ed effetti (Ibidem, p. 134). AHa con­ (:ezione meccanico-materialistica si oppone la concezione dialettica ; o, senz'altro, al materialismo meccanicistico si oppone il materialismo dia­ lettico.

7:

Il marxismo austriaco: E. Fischer

Anche in Austria, il marxismo teorico di questi anni ha espresso una vigorosa opposizione critica nei confronti del marxismo piu castigato nel servigio ideologico e nella istituzionalità difesa dal potere politico e dal partito. Ciò è rilevabile da scritti come quelli di Eduard Miirz (Die Marxsche Wirtschaftslehre im Widerstreit der Meinungen, 1959), di Theodor Prager ( Wirtschaftwunder oder keines, 1963), di Franz Marek (Filosofia della rivoluzione, trad. it., Roma, 1967). Ma l'esponente piu notevole di questo marxismo teorico è Ernst Fischer ( 1899), redattore dell' « Arbeiterwille >> .di Graz e dell' « Arbeiter Zeitung >> di Vienna, organo ufficiale della social­ ·democrazia tedesca. Il Fischer è approdato, con un atteggiamento fortemente critico nei ·Confronti della positività istituzionale del comunismo piu dogmatico, soprat­ tutto nella sua pratica staliniana, ad un franco recupero del marxismo -come umanesimo. Una espressione suggestiva di questo recupero si legge nel Prinz Eugen (1955), un'opera - osserva il Gatterer - che « si pone .alla fine di una lunga evoluzione, di molti errori, e all'inizio di una nuova strada >> (Presentazione a E. Fischer, Marx parla di sé, trad. it., Milano, 1970, pp. 19-20). SuDa l (Ibidem, p. 157). Non la perde di vista, di fatto, il Goldmann, storico della filosofia e teorico della storia della filosofia (cfr. Matérialisme dialectique et histo.ire de la philo­ sophie, in « Revue phil. de la France et de l'Etranger » , 1948, nn. 4-6), storico della letteratura e teorico della storia della letteratura (cfr. Matérialisme et histoire de la littérature, in « Revue de Métaph. et de Morale », 1950, nn. 7-9). Non la perde di vista perché è marxista fornito di « pensiero dialettico » , proprio i n quanto storico della filosofia e della letteratura. In quanto tale storico, il Goldmann fa il suo incontro con la categoria della « coscienza possibile » , · distinta dalla « coscienza reale », e fatta rappresentare dai « grandi scrittori rappresentativi » , come quelli che « esprimono� in un modo piu o meno coerente, una visione del mondo che corrisponde ·al mas­ simo di coscienza possibile di una classe >l (Scienze umane e filosofia, cit., p. 58). Questa « coscienza possibile >l non è la « coscienza reale ll di una classe di un determinato momento storico, in conflitto con altre classi . e nella quale non si esprimono tutte le possibilità dell'uomo. Spiega; da ultimo, il Goldmann : « L'uomo si definisce attraverso le sue possibilità, per la sua tendenza alla comunità con gli a:ltri uomini e all'equilibrio con la natura. La comunità autentica e la verità universale espri·mono queste possibilità per un lunghissimo periodo storico, la " classe per sé " (opposta alla classe in sé), il massimo di coscienza possibile, esprimono alcune pos�

Marxismo e socialismo scientifico

59

sibilità sul piano del pensiero e .dell'azione in una determinata struttura sociale » (Ibidem, pp. 139-40). Ritorna in mente la coscienza di classe tota· litaria del Lukacs (cfr. C. I, § l). Con questa coscienza come con la « co­

scienza possibile » si ha la coscienza di una « classe per sé » , ma non di una « classe. in sé » : ma, fino a che punto, con una tale coscienza può spin· gere alla lotta di classe ? Ad ogni modo, il Goldmann non è costretto all'au­ tocritica cui è costretto il Lukacs. Istruttiva l'evoluzione di Roger Garaudy ( 1913). Atteso a costruire una teoria materialistica della conoscenza (La théorie matérialiste de la connais· sance, 1953), il Garaudy, ·sincero militante comunista in una Fra:r;J.cia in cui il partito comunista si trova di fronte ai problemi sollevati via via dalla guerra di Algeria, dalla destalinizzazione, dal XX Congresso del PCUS, dal maggio studentesco del 1968 ecc., �egge la logica hegeliana con il perfetto convincimento che essa, in quanto sostanzialmente idealistica, ha bisogno dii essere rovesciata. La dialettica, egli sostiene, > (p. 70). Dove, si riassume bene il bisogno di recuperare alla sua pie­ nezza dialettica il materialismo, espresso da 'un marxista che solo lenta· mente si andrà liberando, a cominciare dagli anni sessanta, da ogni residuo di dogmatismo staliniano. Non a caso, intanto, proprio in questi anni cade la ripresa dello studio di Hegel da parte del G!lraudy. Accanto a Hegel, il Garaudy studia anche Saint-J ohn Perse e Kafka ; a poco a poco va matu­ rando una visione del tutto nuova del socialismo e del mondo socialista, una visione umanistica aggiornata all'epoca delle grandi trasformazioni del mondo umano e naturale dovute alla scienza e alla tecnica. Un documento importante di questo momento dell'evoluzione del Garaudy è rappresentato da Le grand tournant du socialisme ( 1969). In che cosa consiste o deve consistere la > nella misura in cui nella sua visione socialista si affaccia l'esigenza di una disideologizzazione deUo stesso marxismo, il Ga­ raudy, in un periodo di dibattito intenso sulla filosofia di Marx e sulla sua -eredità ideologica e scientifica (cfr. VRANICKI, Storia del marxismo, cit., II, pp. 430-47), soprattutto ne L'humanisme marxiste (1958) ed in Perspec­ tives de l'homme (1959), si scontra con Louis Althusser ( 1918) che, in Pour Marx ( 1965) e Lire le Capital ( 1965), scritto in collaborazione con E. Balibar, -due libri che hanno acceso una vivacissima polemica, ha confinato nell'ideo­ logia il cosiddetto umanesimo marxista, proponendo una lettura struttura­ listica dell'opera di Marx. In questa lettura, l'Althusser tende a provare che tra il Marx della giovinezza ( fino al 1845) ed il Marx della maturità, c'è un passaggio dall'ideologia (umanesimo) alla scienza ( antiumanismo teo­ -rico). Secondo l'Althusser, si assiste, con questo passaggio, addirittura ad una > (Per Marx, trad. it., Milano, 1967, p. 204); ·ed in che cosa consista questa rivoluzione egli stesso riassume : « Marx fonda infatti una nuova problematica, crea un nuovo modo di interrogare il mondo, nuovi principi e nuovo metodo. Questa scoperta è insita nella "'teoria stessa del materialismo storico, in cui Marx non propone soltanto una nuova teoria della storia della società, ma, contemporaneamente, in modo implicito ma necessario, una nuova " filosofia" dalle infinite implica­ zioni. Cosi quando Marx, nella teoria della storia: sostituisce la vecchia -coppia individuo-essenza umana con concetti nuovi (come. forza di produ­ zione, rapporti di produzione, ecc.), in realtà propone al tempo stesso una .nuova concezione della "filosofia ". Sostituisce agli antichi postulati ( em­ pirismo-idealismo del soggetto, empirismo-idealismo dell'essenza) che sono alla base non soltanto dell'idealismo, ma anche del materialismo premar­ xista, un materialismo dialettico-storico della prassi ; vale a dire una teoria dei diversi livelli specifici della pratica umana ( pratica economica, pratica politica, pratica ideologica, pratica scientifica) nelle loro articolazioni proprie, fondata sull'articolarsi specifico dell'unità della società umana. Diciamo in due parole che al concetto "ideologico " e universale della "pratica " feuer­ bachiana, Marx sostituisce una concezione concreta delle differenze spe-

M�arxismo e socialismo scientifico

61

cifiche che permette di situare ogni pratica particolare nelle differenze spe­ cifiche della struttura sociale » (Ibidem, pp. 204-205). Si è temuto (è questo il senso piu generale delle critiche mosse aii'Al­ thusser) che, per questa via, il marxismo, ridotto ad > (Italia civile. Ritratti e testimonianze, Manduria-Bari-Perugia, 1964, p. 60). E non c'è dubbio che sia il Solari che il Bobbio colgono nel segno indi­ viduando nell'idealismo un clima che necessariamente respirano, nel pe­ riodo della loro formazione, giovani come il Gramsci, il Gobetti, ecc. Tuttavia, il loro appunto rischia di essere criticamente fuorviante, anzi tutto quando si accenna genericamente all'idealismo o all'idealismo storici­ stico del Croce e del Gentile ; ed in particolare l'appunto del Bobbio, poi, è viziato, in partenza, dal preconcetto dell'assoluta indisponibilità del­ l'idealismo (stavolta leggi veramente attualismo) a non fare altro, teore­ ticamente, che baloccarsi con le « formule prestigiose della dialettica >> indif­ ferente alla realtà o senza presa sulla realtà, soprattutto quella etico-poli­ tica. Ad ogni modo, il problema, qui, non è quello di dimostrare il peso che ha avuto nella formazione del Gramsci o del Gobetti l'idealismo in generale, bensi quello di vedere l'assorbimento del gentilianesimo ed il suo modo di fruttificare in quelle coscienze anche quando si è loro imposta la responsabilità della > (G. CAROCCI, Piero Gobetti nella storia· del pensiero politico italiano, in « Bel­ fagor » , 1951, p. 131). Ed è come dire che del Gentile né il Gramsci né il Gobetti si sono, per dir cosi, liberati, anche quando piu forte in seguito sembra essere stata su di loro la suggestione del Croce rispetto a quella del Gentile ed in maniera piu determinante si è fatta strada la consapevolezza che bisognava passare attraverso la filosofia del'lo spirito e la filosofia attuale per guadagnare una nuova visione della realtà ed una nuova coscienza dei problemi etico-politico-sociali da risolvere. Rientra in questa situazione� per cominciare, il progetto del Gramsci di costruire un Anti-Croce che, nel­ l'atmosfera della cultura contemporanea, potesse avere il significato e l'im­ portanza dell'engelsiano Anti-Duhring. Nel presentare questa costruzione come progetto, il Gramsci non si nasconde che essa deve essere contemporaneamente quella di un Anti­ Gentile. Spiega piu precisamente il Gramsci : « Ma la filosofia del Croce non può essere tuttavia esaminata indipendentemente da quella del Gen­ tile. Un Anti-Croce deve essere anche un Anti-Gentile ; e l'attualismo gen­ tiliano darà gli effetti del chiaroscuro, che sono necessari per un maggior rilievo >> (Il materialismo storico e la filosofia di B. Croce, Torino, 1948, p. 200). Non si può dire che l'opera gramsciana dalla quale qui si cita costi­ tuisca la realizzazione di quel progetto ; tuttavia, in essa è possibile cogliere la fondamentale istanza dello stesso progetto. Il Gramsci sa che, quella del

Marxismo e socialismo scientifico

63

Croce, è una « ritraduzione in linguaggio speculativo dello storicismo reali­ stico della filosofia della prassi » , come questa « è stata la traduzione del­ l'hegelismo in linguaggio storicistico » ; ed il problema della costruzione dell'Anti-Croce si pone, allora, in questi termini : (( Occorre rifare per la concezione filosofica del Croce la stessa riduzione che i primi teorici della prassi hanno fatto per la concezione hegeliana » (Ibidem, p. 199). L'aggior­ namento della filosofia della prassi, anche in senso rivoluzionario, cioè non in senso puramente speculativo, deve passare, attraverso precisi conti da fare con la filosofia crociana. Con profonda comprensione delle condi­ zioni della proposizione e della soluzione del problema, il Gramsci sostiene che, (( per noi italiani, essere eredi della filosofia classica tedesca significa essere eredi della filosofia �rociana, che rappresenta il momento mondiale odierno della filosofia classica tedesca » (Ibidem, p. 200). Il nuovo filosofo della prassi non può passare sulla filosofia crociana come su un cadavere teorico ; non può passare, come su un - cadavere teorico anche sulla filosofia di Gentile, se 1'Anti-Croce deve essere anche un Anti-Gentile, pur con la clausola non del tutto limpida che (( l'attualismo gentiliano darà gli effetti del chiaroscuro nel quadro, che sono necessari per un maggior rilievo » : la filosofia attuale, del reale, molto piu che quella crociana, per ragioni ormai piu volte addotte, può aspirare a presentarsi come una (( ritradu­ zione in linguaggio speculativo dello storicismo realistico della filosofia della prassi » . Se mai, il nuovo filosofo della prassi, consapevole di dover fare i conti con 'l'idealismo, può e deve avvertire che (( fare i conti » con la :filosofia dello spirito è molto piu facile o meno problematico che (( fare i conti » con la filosofia attuale ; e forse la ragione di fondo della maggior difficoltà di fare questi ultimi conti è da trovarsi nel fatto, sottolineato dallo stesso Gramsci (Ibidem, p. 200, n. l), che l'attualismo è assoluta· mente inindulgente verso il (( realismo >> . Ma è importante che i conti bisogna farli anche con esso. Ed invero l'attualismo è una di quelle (( cor· renti idealistiche >> di cui lo stesso Gramsci, assumendo a tema il rapporto tra la filosofia della prassi e la cultura moderna (Ibidem, p. 81), dice che hanno assorbito ed incorporato alcuni elementi della filosofia della prassi, in un processo di (( revisione >> diversa da quella kantiana (M. Adler, A. Poggi, A. Barato no) e soprattutto diversa dall'identificazione, operata dai {:osiddetti (( ortodossi >>, del materialismo marxiano, con il (( materialismo tradizionale >>. Il Gramsci comprende che la (( revisione » idealistica è la piu avanzata e la piu originale : (( La combinazione filosofica piu rilevante è avvenuta tra la filosofia della prassi e diverse tendenze idealistiche >> ; e ciò perché è una (( combinazione filosofica » antipositivistica ed antiscien· tifica. È questo giudizio che ha indotto a vedere nel Gramsci soprattutto un esponente del (( marxismo occidentale idealisteggiante >> (E. GARIN, La for· mazione di Gramsci e di Croce, in (( Critica marxista >>, 1967, pp. ll9 sgg.). Un tale esponente resta in particolare il Gramsci, nonostante tutte le con· cessioni che possa fare al materialismo deterministico che comporta quel realismo nella cui difesa vede impegnato il Croce contro il Gentile (Il mat. .stor., cit., p. 200) in una ritraduzione speculativa piu responsabile dello (( sto· ricismo realistico della filosofia della prassi >> ; resta soprattutto tale quando non riesce a portare a compimento la costruzione dell'Anti-Croce e, piu ancora, dell'Anti-Gentile. Si è allora, opportunamente osservato : (( Per mascherare fino in fondo l'operazione crociana e gentiliana... bisognava essersi liberati del crocianesimo e da un certo gentilianesimo inconscio,

64

ANTIMO NEGRI

pm di quanto Gramsci avesse potuto » (S. TIMPANARO JUNIOR, Karl Korsch in > della filosofia cro­ ciana rispetto all'attualismo, è avverso al realismo del senso comune come a quello che instaura una « visione mitologica >> del mondo e a quel rea­ lismo oppone la fondazione necessaria di un rapporto tra l'uomo e la realtà, spezzato il quale si cade in braccio al realismo ingenuo, al materialismo volgare. Si continui a leggere la pagina gramsciana : « Senza l'uomo, cosa signifi­ cherebbe la realtà dell'universo ? Tutta la scienza è legata ai bisogni, alla vita, all'attività dell'uomo. Senza l'attività dell'uomo, creatrice di tutti i valori, anche scientifici, cosa sarebbe l'oggettività ? Un caos, cioè un niente,

il vuoto, se cosi si può dire, perché realmente, se si immagina che non esiste l'uomo, non si può immaginare la lingua e il pensiero >> (Il mat. st., cit., p. 55). È la fondazione di questo rapporto tra l'uomo e la realtà che il realismo del senso comune non conosce ; e il Gramsci lo rigetta pur con 1a consapevolezza degli elementi « realistici >> e « materialistici >> che con­ tiene. Questo .s piega la polemica gramsciana contro il Bucharin de La teoria del materialismo storico (1921). Il Bucharin è « antidealista >> e, come tale, accetta il realismo del senso comune. Nel quale, osserva Gramsci, « pre­ dominano gli elementi realistici, materialistici, cioè il prodotto immediato della sensazione grezza, ciò che d'altronde non è in contraddizione coli l'ele­ mento 1·eligioso, tutt'altro ; ma questi elementi sono superstiziosi, acritici >> (Ibidem, p. 120). Contro il Bucharin, dunque, il Gramsci ; contro il realismo del senso comune, nonostante g'li elementi realistici e materialistici in esso

impliciti, in difesa della fondazione di un rapporto tra l'uomo e la realtà di schietto stampo idealistico. La non-evasione dall'attualismo è tutta qui. Ma è, specificamente, non evasione dall'attualismo, alla cui scuola ha cominciato ad educarsi leggendo l'Avviamento .a./lo studio della filosofia di A. Carlini (G. FIORI, A. Gramsci, B ari, 1966, p. 124), che il Gobetti ritiene una « ottima introduzione alla lettura di Gentile >> (Opere complete, Il, Torino, 1969, p. 681), ricavandone un articolo per « La città futura » , un numero

Marxismo e socialismo scientifico

65

uno pubblicato dalla Federazione giovanile soèialista piemontese, a Torino, l'Il febbraio 1917 (cfr. GARIN, Cronache, cit., Il, p. 327, n. 61). Il concetto della fondazione del rapporto uomo-natura è quello stesso che l'attualismo, fin dalle sue prime movenze speculative, elabora guardando soprattutto alla prima delle Tesi su Feuerbach, in cui Marx hegeliana­ mente ridimensiona il valore del realismo ingenuo o anche del mate­ rialismo volgare. Alla stessa tesi guarda il Gramsci quando scrive : « Per la filosofia della prassi l'essere non può essere disgiunto dal pensare, l'uomo dalla natura, l'attività dalla materia, n · soggetto dall'oggetto )) (Il mat. st., cit., pp. 55-56) : una proposizione, questa, che maggiormente induce a so­ spettare in lui un « gentilianesimo inconscio » , se l'attualismo, ereditando da Marx la fondazione uomo-natura o soggetto-oggetto, libera da ogni rica­ duta nel realismo ingenuo e, per ciò stesso, « in una di quelle tante forme di religione o nell'astrazione senza senso » che il Gramsci vede scaturire dal « distacco » di uno dei termini dall'altro (Ibidem). Alla stessa tesi marxiana indubbiamente guarda il Gramsci quando, come s'è letto, scorge nel senso comune pur fornito di elementi realistici e materialistici un « prodotto della sensazione grezza », come ricordando l'ulteriore caratterizzazione del > del materialismo :fino a Feuerbach, di cui si parla sempre nella prima tesi marxiana, fatto consistere anche nell'incapacità di accedere alla nozione di « attività sensibile >> come « attività oggettiva Jl , per il suo arrestarsi a concepire la sensibilità solo « sotto la forma dell'intuizione » , cioè come qualcosa di puramente passivo. · Quando il Gramsci stringe in unità l'uomo e la natura, il soggC1tto e l'oggetto, perché convinto che, « senza l'at­ tività .dell'uomo » , il mondo è « un caos, un niente » , ammesso che si possa parlare di un idealismo gramsciano, è evidente che si tratta di un i dealismo di marca attualistica, per il quale non c'è soggetto '!autentico che non sia quello « che faccia, ponga, crei l'oggetto sensibile ll (La filosofia di Marx, cit., p. 69), ·cioè un soggetto che abbia un'attività la quale, per spostata che sia dalla sensibilità al pensiero che poi è un pensiero non scisso dalla sen­ sibilità, integri il realismo ed il materialismo del senso comune, connivente con il teocentrismo ed il materialismo piu refrattario a trasformarsi in una vera :filosofia della prassi. Questa :filosofia, se vive del lascito della fondazione discussa, non può non essere anche idealistica. Non può non essere anche idealista Marx che ascrive all'idealismo il merito dello sviluppo del « lato attivo ll della sensi­ bilità ; non può non essere anche idealista il Gramsci che fa scaturire da quella stessa fondazione la « prassi rivoluzionaria l l . Ma è evidente, allora, che, se già il materialismo dialettico di Marx è idealismo, non può parlarsi di un « assorbimento del marxismo nell'idealismo ll , di cui il Gramsci sa­ rebbe « compartecipe» , essendo piuttosto l'idealismo, quello vero che non lascia la realtà presupposta al pensiero, cioè l'attualismo, un marxismo filosoficamente reso coerentissimo, fino ad escludere ogni indulgenza verso il realismo e d il materialismo del senso comune. Il problema gramsciano della costruzione dell'Anti-Croce e, piu ancora, dell'Anti-Gentile, salta in aria, nonostante ogni tentativo di combattere l'idealismo come quello che è responsabile della manipolazione in senso soggettivistico della filosofia della prassi. Il Gramsci, assumendo ad oggetto di discussione il saggio gentiliano Concezione umanistica del mondo può polemizzare quanto vuole con l'attualismo che « civetta ll col senso comune ; può anche sostenere a ragione che « la :filosofia del Gentile è tutta contraria al senso comune, sia

66

ANTIMO

NEGRI

che si intenda per essa la filosofia ingenua del popolo, che aborre da ogni forma di idealismo soggettìvistico, sia che si intenda come buon senso, come atteggiamento di sprezzo per le astruserie, le macchinosità, le oscurità di certe esposizioni scientifiche e filosofiche » (Il mat. st., cit., p. 122) : resta che l'attualismo, contrariamente alla filosofia crociana con la quale ritiene · di dover fare i conti fondamentali, coinhatte, proprio come nella volontà piu schietta della filosofia della prassi che gli 'è cara, nella maniera filoso­ ficamente piu conseguente, il materialismo e d il realismo del senso comune, sopravvivendo il quale non è possibile fondare quel rapporto che egli stesso vuole fondare tra l'uomo ed il mondo. Il Gramsci, allora, non è tanto un « gentiliano inconscio » quanto piuttosto un « gentiliano malgré lui ll . Ma bisogna aggiungere che è coerentemente tale, se un filosofo della prassi, che fa i conti con il neoidealismo italiano proprio come intendeva farli il Gramsci, non può non essere attualista nella misura in cui per l'attualismo, proprio come per la filosofia della prassi, la cui istanza di fondo non pura­ mente teorica riesprime il Gramsci, « l'essere non può essere disgiunto dal pensare, l'uomo dalla natura, l'attività dalla materia, il soggetto dall'ogget­ to ll (Il mat. st., cit., pp. 55-56), come sostiene il Gramsci, con un lessico che è proprio quello della filosofia attuale pure accusata di astruseria, macchinosità ed oscurità. Naturalmente, non si t;ratta solo di lessico. Dietro il lessico, c'è la sostanza di una riflessione attesa a far rivivere criticamente il lascito della filosofia . della prassi : criticamente e, cioè, attraverso un modo attivo dì raccogliere quel lascito come l' « eredità della filosofia classica tedesca ll . Cosi, ribadendo le ragioni della costruzione dell'Anti-Croce (e dell'Anti­ Gentile ), il Gramsci .si chiede come occorre intendere la proposizione di Engels su questa er�dità ; e, precisando la domanda, chiedendosi cioè se ( 1973). IV. IL MARXISMO IN RussiA l. Nikolaj Bucharin Il nome di Nikolaj Bucharin ( 1888-1937) è già intervenuto 'nel nostro di­ scorso (cfr. C, III, § l). Si è, infatti, accennato al Gramsci critico de La teoria del materialismo storico. Manuale di sociologia marxista ( 192 1 ). « Nel Saggio - annota piu precisamente il Gramsci - manca una trattazione qual­ siasi della dialettica >> (Il materialismo storico e la filosofia di B. Croce, cit., p. 132). È un'obiezione che al Bucharin muove anche Lenin che pure lo ha caro : « Bucharin non è ' soltanto un validissimo e importantissimo teorico del partito, ma è considerato anche, giustamente, il prediletto di tutto il partito, ma le sue concezioni teoriche solo con grandissima perplessità pos­ sono essere considerate pienamente marxiste, poiché in lui vi è qualcosa di scolastico (egli non ha mai appreso e; penso, mai compreso pienamente la dialettica) >> ( LENIN, Opere complete, vol. X,XXVI, p. 429, cit. in Vranicki, Storia del marxismo, cit., II, p. 91). L'incomprensione della dialettica in­ duce il Bucharin ad assumere una posizione di materialista meccanicista ; e la cosa è importante sottolinearla perché il Manuale buchariniano cade in un periodo in cui, in Russia, è fervente la lotta tra i materialisti mecca­ nicisti ed i materialisti dialettici che fìmno capo ad Abram Moiseevic De­ borin ( 1881-1963), cui spetta il merito della pubblicazione della Dialettica della natura di Engels ( 1925) e dei Quaderni filosofici di Lenin ( 1929). Ma, tra gli stessi materialisti meccanicisti in polemica con i materialisti dialettici (cfr. VRANICKI, Storia del marxismo, cit., II, pp. 100-107), il Bucharin assume una posizione personalissima con la « teoria dell'equilibrio » , secondo la quale c'è nella natura come nella società un equilibrio mobile, cioè un equili­ brio che si istituisce e si interrompe continuamente. Un equilibrio mobile si ha, anzi tutto, tra ambiente (natura) e sistema (società). Quest'ultimo rap­ porto è fondamentale ; ed in questo rapporto a giuocare un ruolo determi­ nante è l'ambiente. È un punto di vista fermato come se non vi fossero state di mezzo le marxiane Tesi su Feuerbach ; ed il Gramsci può obiettare

ANTIMO NEGRI

70

al Bucharin che intende l' « oggettività esteriore » solo meccanicamente, come se potesse esistere una « oggettività extrastorica e extraumana » (Il materialismo storico, cit., pp. 141-42). Un momento cospicuo della teoria marxista del Bucharin è rappresen­ tato dalle sue riflessioni sull'imperialismo. Del quale egli propone questa defìnizione : « La politica di conquista; che il capitalismo finanziario con­ duce nella sua lotta per i mercati, per le fonti di materie prime e i territori dove il capitale possa investire le sue riserve, questa politica si chiama im­ perialismo » (BucHARIN-PREOBRAZENSKIJ, L' ABC del comunismo, trad. it., Roma, 1971, p. 115). Il Bucharin si trova di fronte allo stesso tema di Lenin (cfr. B, V, § l), dell'Hilferding (cfr. B, l, § 9) e, soprattutto, della Luxem­ burg (cfr. B, l, § 8). Della quale critica gli errori teorico-pratici fatti consi­ stere in un « atteggiamento sbagliato rispetto aUa questione nazionale >> , in una « sottovalutazione e atteggiamento sbagliato rispetto alla questione contadina >> (L'imperialismo e faccurriulazione del capitale, trad. it., 1972, P• 164). Nello stesso scritto, che è del 1926 e destinato a combattere l'in­ fluenza del luxemhurghismo sui dirigenti del partito comunista tedesco, il Bucharin giunge a queste conclusioni : « Sulla base della concezione teo­ rica da noi sviluppata, giungiamo a risultati completamente diversi. Il ca­ pitalismo sviluppa le sue contraddizioni interne. Sono esse, e non la carenza di " terze persone ", che alla fine lo portano al crollo. E esso si produrrà, anche se le " terze persone " esisteranno ancora in gran numero, anche se costituiscono ancora i due terzi della popolazione mondiale. Se il capita­ lismo riproduce tutte le sue contraddizioni interne a un livello tale che so­ pravviene un decadimento delle forze produttive, che rende impossibile l'esistenza della forza-lavoro e spinge la classe operaia all'insurrezione e in tal modo mina la potenza delle madripatrie, accentua i contrasti nazionali e quindi scatena le energie degli schiavi coloniali, se dunque le contraddi­ zioni del capitalismo fanno saltare il blocco delle classi dominanti con i contadini, e se ·questo induce strati rilevanti della classe contadina a rivol­ gersi contro il dominio capitalistico - se avviene tutto questo, ovviamente anche la tattica, le parole d'ordine, l'atteggiamento degli " alleati " saranno diversi. Passa allora in primo piano la necessità del " collegamento delle rivoluzioni proletarie con le guerre contadine ", con le insurrezioni colo­ niali e con i movimenti di ·liberazione nazionale. Proprio questo aspetto della questione è stato trattato con straordinaria coerenza e rigore teorico dal leninismo >> (Ibidem, pp. 164-65). Commenta opportunamente P. Santi : « La conclusione del lavoro di Bucharin è quindi anche immediatamente politica . Il " luxemhurghismo " non porta a conclusioni operative conse­ guentemente rivoluzionarie, " ma, al contrario, a conclusioni che fanno apparire la rivoluzione impossibile per lungo tempo " (p. 155).. Cosi il Bucharin teorico si congiunge al Bucharin politico e (perché no ? ) autore dello slogan " arricchitevi >> (Pr.efazione a L'imperialismo, cit., p. XXI). 11 Bucharin politico, cui qui si accenna, è anche colui che, nel periodo . tra il 1926 ed il 1927, si schiera con Stalin nella sua linea di appoggio ai con­ tadini, ma si oppone allo stesso Stalin quando questi propugna ed attua la collettivizzazione forzata dell'agricoltura. .

"

Marxismo e socialismo scientifico

7l

2. L. B. Trotskij. Il nome del Trotskij (1879-1940) già si è fatto a proposito del contrasto tra il Lenin di Che fare ? e la Luxemhurg di Problemi orga.nizzativi della socialdemocrazia russa ( cfr. B, l, § 8). Sul rapporto tra partito e classe il Trotskij assume una posizione antileniniana ne I nostri compiti politici ( 1904), in cui combatte la tesi della sostituzione del partito alla classe. È, quello del 1904, uno scritto che il Trotskij in seguito ripudia, anche se al trionfo della tesi sostituzionistica si può addebitare (ma il Trotskij dello Stalin, il suo ultimo libro, è di diverso parere) il fenomeno, tipicamente sta­ liniano, del centralismo burocratico. Fino allo scoppio della prima guerra mondiale, il Trotskij si oppone alla teoria e alla pratica dell'organizzazione di Lenin. Ricorda lo Hook : « Nell'ottobre 1917, Trotskij aveva accettato, non· senza sospetti, la concezione organizzativa di Lenin, mentre Lenin aveva adottato il punto di vista di Trotskij di una rivoluzione socialista mondiale, che avrebbe dovuto scatenarsi in seguito alla conquista del potere da parte dei comunisti » (Marx e i marxisti, cit., p. 123). La teorizzazione della rivoluzione socialista come rivoluzione mondiale o > (tesi XIII, Ibidem, p. 128). Isolando la rivoluzione nazionale dalla rivolu­ zione internazionale, Stalin tradisce la stessa rivoluzione : La rivoluzione tradita ( 1936) è il titolo di una opera fondamentale del Trotskij, per il quale ci il sedere di piombo della burocrazia schiacciò la testa della Rivoluzione JJ (cfr. S. HooK, Marx e i marxisti, cit., p� 126). Del cc tradimento JJ il Trotskij dà anche una spiegazione : cc Da noi l'origine principale del burocratismo è nella necessità di creare e sostenere un apparato statale che unisca gli interessi del proletariato e quelli dei contadini in un'armonia economica perfetta dalla quale siamo molto lontani. La necessità di mantenere in vita un esercito permanente è parimente un'altra delle fonti del burocratismo JJ (Nuovo corso, trad. it., Roma, 1967, p. 74). Sono, queste, parole che il Trotskij scrive ancor vivo Lenin ; e spiegano la sua inevitabile sconfitta sul piano della strategia politica interna, in un paese, del resto, in cui vera· mente (ha 1·agione Stalin !) la rivoluzione cc nazionale JJ ha bisogno della cc burocrazia JJ per sopravvivere e, successivamente, farsi internazionale nel­ l'unica maniera possibile, cc esportandosi J>.

3. I. V. Stalin. Scrive il Vranicki : cc Le tesi di Trotskij non potevano non suscitare aspre polemiche. Nelle sfere dirigenti del partito quasi tutti si opposero a Trotskij. Reagi il gruppo di Stalin, colpito duramente dalla critica al burocratismo, a un fenomeno cioè che non si supponeva ancora tanto nocivo per il sociali­ smo sovietico e per il movimento comunista internazionale, ma che già rive­ lava tratti assai negativi ; reagirono i " vecchi bolscevichi ", accusati di dogma­ tismo e quindi d'incapacità di orientamento nei momenti decisivi della lotta rivoluzionaria, e Zinovev giunse a chiedere che Trotskij venisse espul-

Marxismo e socialismo scientifico

73

so dal partito e incarcerato. Ma Stalin, che era molto piu abile sul piano tattico e molto piu capace di valutare il momento dell'azione, si oppos'.! a quella richiesta. Se Trotskij, insieme con altri, non riusciva ancora a v�dere con chiarezza quale personalità demoniaca si nascondesse dietro la figura adamantina di Stalin, quest'ultimo sapeva ormai bene che la partita con Trotskij era vinta. Stalin aveva inserito i suoi uomini di fiducia nel Co­ mitato Centrale, nell'Ufficio politico e in tutte le principali organizzazioni del partito. Restringendo sempre piu la democrazia interna, egli aveva modo di manipolare l'opinione pubblica del partito e di controllare persino le conferenze e i congressi facendo eleggere delegati di suo gradimento. Si venne cosi creando una prassi per cui il partito comunista smarriva sempre piu il suo carattere rivoluzionario per diventare un docile strumento della direzione bui"Ocratica » (Storia del marxismo, cit., II, pp. 134-35). La linea politica di Stalin (1879-1953) trionfa ; e, con il suo trionfo, che si accom­ pagna per lungo tempo fin dopo la fine della seconda guerra mondiale ad « una completa subordinazione dell'intera vita sociale a un potere supremo e, in ultima istanza, a un capo supremo >> (VRANICKI, Storia del marxismo, cit., II, p. 148), le dottrine del materialismo dialettico - ed è ciò che ci interessa in questa sede - « divennero la filosofia ufficiale dello Stato ed offrirono il pretesto per giustificare una totale subordinazione alla politica di tutta la cultura, comprese le scienze » (S. HooK, Marx e i marxisti, cit., p. 156). È qui quello çhe si è detto lo stalinismo. In forza del quale, l'URSS diventa uno Stato-guida per la creazione di altri paesi socialisti e, quando questi paesi sono stati creati, modello per la costruzione del socialismo in tutto il mondo. Costituisce, intanto, lo stalinismo, anche una filosofia mar­ xista? Ricorda ancora S. Hook : (Per la critica della filosofia del diritto di Hegel. Introduzione, in Un carteggio del 1 843 e altri scritti giovanili, trad. it., Roma, 1954, p. 99). La riduzione dell'uomo a un tale essere A. Schaff denuncia anche in una società che, mentre si proclama socialista, strappa l'uomo alla sua radice umana. Si tratti quanto si vuole di un umailesimo disarmato, ma si tratta pur sempre di un umanesimo marxista che promuove rivoluzione nei con­ fronti di quella stessa società che si pretende di aver costruito con la teoria sociale di Marx e nel pieno rispetto di essa.

Marxismo e socialismo scientifico

77"

2. Il marxismo in Cecoslovacchia (K. Kosik, R. Kalivoda, ecc.) Nella Cecoslovacchia, che vive nel 1968 la > o , prassi sto­ rica, è già la mediazione conoscitiva (fatta operare - appunto antideali­ sticamente - dalla sensibilità) dell'oggetto. Anche qui ci si trova di fronte ad un recupero della tensione dialettica del materialismo e si riguadagna il senso dell'uomo soggetto della conoscenza che, pur ridotta ad > , conserva i tratti della prassi sociale, senza la quale l'og­ getto si impone al soggetto e ne mo �tifica ogni libertà, sia pure quella sem­ plicemente conoscitiva.

:80

ANTIMO NEGRI

VI. IL MARXISMO IN CINA : MAOISMO Nell'ottobre 1949, Mao Tse-tung proclama la fondazione della Repub­ -blica popolare Cinese : certo, uno dei piu grossi eventi della storia contem· poranea, alle cui spalle c'è una rivoluzione che, almeno nella sua prima fase, è condotta vittoriosamente in un paese contadino, dove si può par· lare piu di feudalesimo che di capitalismo, piu di contadini che di prole­ tariato. Di questa rivoluzione, nel momento del suo stesso farsi, Mao Tse-tung :non è stato solo il condottiero, ma anche il teorico. Il marxismo di Mao ( 1893), o il maoism:o ( dommatizzato, ad un certo punto, come vangelo di una rivoluzione permanente, anche esportata : il libretto rosso sventolato oggi in tutte le parti del mondo), è, anzi tutto, la :filosofia di questa rivolu­ ·zione. È un dato fondamentale, questo, per chi non voglia assumere iJ ·maoismo come una filosofia disgiunta dalla concreta prassi rivoluzionaria, per ciò stesso relegandola sul piano dell'astrazione. Per non relegarla su questo piano, sul quale tutto so� ato la trascinano i maoisti occidentali, è bene, allora, assumere la filosofia di Mao come l'insieme delle concezioni che hanno, anzi tutto, guidato la sua azione rivoluzionaria. Solo cosi, si dà .a Mao ciò che è di Mao. In quest'ordine di idee si può e si deve accettare quella che in sostanza è la raccomandazione di uno specialista come Stuart B. Schram : « In effetti, la relativa mediocrità di Mao come filosofo mar· xista - ossia come pensatore sistematico che tratta problemi su un piano di considerevole astrazione, in termini di categorie marxiste - può attri· buirsi in parte alle difficoltà incontrate da Mao nell'assimilare il pensiero occidentale. Ma non è tutto qui. Non c'è dubbio che il Presidente cinese nutra scarsi interessi per i problemi teorici in quanto tali, e sia piuttosto portato a riferire ogni situazione alla lotta di classe e a determinati altri valori, ·quali l'affermazione della propria personalità nazionale da parte del popolo cinese, il dominio dell'uomo sulla natura. Questi problemi sono da lui -considerati non tanto in termini :filosofici, quanto nel loro carattere di aspetti della lotta quotidiana per portare avanti la rivoluzione » (Il pen­ siero politico di Mao Tse-tung, trad. it., Firenze, 1971, p. 191). Sta qui, in particolare, la ragione fondamentale della « sinizzazione » del marxismo-leninismo operata consapevolmente da Mao. Il quale scrive nel 1938 : l (Materialismo dialettico : appunti per un corso di lezioni, pubblicati in « K'ang-chun Fu-hsiieh » , del n. 6 al n. 8 nell'aprile e nel giugno 1938, in Il pensiero politico di Mao, cit., pp. 207-208). Il tema dell'unità di teoria e prassi è svolto in uno dei saggi fondamen­ tali di Mao, Sulla pratica, del luglio 1937. Allo svolgimento del tema dell'uni­ tà di teoria e prassi si connette spontaneamente quello del tema della contrad­ dizione, affrontato in un altl"O saggio fondamentale, Della contraddizione ( del 1937, ma pubblicato nel 1952). « Al contrario della concezione metafi­ sica del mondo >> - vi scrive Mao « la concezione del materialismo dialettico sostiene che lo studio dello sviluppo delle cose deve partire dall'interno delle cose stess.e, dalle relazioni di una cosa con le altre cose : piu preci­ samente considera lo sviluppo delle cose come loro movimento naturale interno e necessario, e inoltre esige che il movimento interno di ·ogni cosa e le cose che la circondano, siano considerati reciprocamente e agenti l'uno sull'altro >> (Il pensiero politico di Mao, cit., p. 215). La concezione mate­ rialistica del mondo, proprio in quanto è dialettica, è organica ; ed è la sua organicità che impedisce di cadere nell'unilateralità di questo o di quel punto di vista alzato · a punto di vista globale : l< Nell'affrontare un pro­ blema - raccomanda da ultimo Mao - dobbiamo guardarci dalla... uni­ lateralità... Unilateralità vuoi dire incapacità di considerare un problema nel suo insieme... Per esempio : capire soltanto la Cina e non il Giappone ; capire soltanto il Partito Comunista e non il Kuomintang ; capire soltanto il proletariato e non la borghesia . >> (Ibidem, ·p. 217). Capire significa sempre cogliere l'insieme, anche nei suoi aspetti piu con­ traddittori ; ed è un capire, questo che, proprio per la sua intrinseca orga­ nicità, non respinge sul piano dell'assoluta differenza ciò che poi è recu­ perabile, in effetti, al piano dell'identità. La contraddizione è rapporto di identità e differenza ; e Mao mostra . di avere bene appresa la lezione della dialettica materialistica. È questa lezione che agisce in uno dei suoi seritti piu noti, Sulle contraddizioni nel popolo : « Le contraddizioni tra noi e i nostri nemici sono di carattere antagonistico. In seno al popolo, le con­ traddizioni esistenti tra la · popolazione lavoratrice sono di carattere non antagonistico, mentre quelle tra gli sfruttatori e le classi sfruttate hanno, a parte i loro aspetti antagonistici, un aspetto non antagonistico >> (Sulle contraddizioni del popolo, trad. it;, Roma, 1957, pp. 9-10). Dove, la contrad­ dizione una volta si presenta disponibile e una volta non si presenta dispo­ nibile a trasformarsi in identità-differenza. Senonché, è pur vero che la teoria della contraddizione di Mao, là dove non perde la sua sostanza -

..

82

ANTIMO

NEGRI

dialettica, guarda, deve guardare ad una contraddizione come identità-diffe­ renza. Cosi, ad esempio, ad essa guarda quando la teoria della contraddizione cede il posto, nella seconda metà degli anni cinquanta, alla teoria dei « cento fiori ». È in questa teoria che rientra quel certo liberalismo di Mao, espresso, ad esempio, in questi termini : « Riteniamo che sia negativo per lo sviluppo dell'arte e della scienza ricorrere a misure amministrative per · fare affer­ mare un particolare stile artistico o per imporre una particolare scuola di pensiero e dare l'ostracismo all'altra. Le questioni del giusto e dell'er­ roneo nell'arte e nella scienza devono essere risolte con libere discussioni negli ambienti artistici e scientifici e nel corso �el lavoro pratico nelle srti e nelle scienze, mai in modo sommario » (Sulle contraddizioni, cit., p. 59). Ma la teoria dei « cento fiori » non è tutta la teoria di Mao ; non è tutta la teoria di Mao quella della contraddizione risolubile in armonia. Questo spiega la duttilità della prassi rivoluzionaria di Mao. Si è sentito già dire da Mao che significa cadere nell'unilateralità come (Ibidem, pp. 3 10-3ll). E va da sé che, ciò stabilendo, il Franck si porta immediatamente fuori dell'alternativa po· sta alla fine del saggio : « L'intellettuale marxista latino-americano dovrà decidere se rimanere dentro, seguendo il riformismo, o fuori, con il popolo ; a fare la rivoluzione >> (Ibidem, p. 350). Il Franck decide di rimanere fuori, con il popolo, e fare la rivoluzione. In questa decisione · agisce, affascinante e trascinatrice, l'ideologia di Che Guevara, maturata con la vittoriosa rivoluzione cubana condotta da Fide] · Castro contro la dittatura di Batista ( 1959). Che è una i deologia della lotta antimperialista di tutti i paesi dell'America Latina, riassunta in questi ter­ mini : « Consideriamo i tre coli tributi fondamentali che la rivoluzione cu·

94

ANTIMO

NEGRI

bana ha apportato alla meccanica dei movimenti rivoluzionari in Ame­ rica : I) le forze popolari possono vincere una guerra contro l'esercito ; 2) non sempre è necessario aspettare che si verifichino tutte le condizioni per la rivoluzione ; il focolaio insurrezionale le può creare ;· 3) nell'America sotto­ sviluppata, il terreno della lotta armata deve essere fondamentalmente la campagna » (Lettere, diari e scriiti, trad. it., Roma, 1967, pp. 15-16). Coerentemente, promuovendo la guerriglia in Bolivia, Che Guevara si è immolato sull'altare di questa ideologia. La sua figura è diventata un mito ; ma si' tratta di un mito che non ha · piu niente a che fare con il marxismo come filosofia della prassi rivoluzionaria. Raccogliendone la lezione, scrive Régis Debray : « Non sfugge a nessuno che oggi, in America Latina, la lotta contro l'imperialismo è decisiva. Se essa è decisiva, tutto il resto è secon­ dario. Se la lotta armata contro l'imperialismo è in grado di creare da sola, a lungo termine, un'avan,guardia capace di portare i popoli al socialismo, oggi non ci si può definire rivoluzionari in · rapporto al riformiamo, a que­ sta o a quell'altra organizzazione politica esistente, ma fondamentalmente in rapporto all'imperialismo. Regolare la propria azione in base all'ina· zione dei riformisti significa non solo perdere del tempo, ma paralizzare ciò che è decisivo in nome di ciò che è secondario » (Rivoluzione nella ri­ voluzione ?, trad. it., Milano� 1967, p. 133). Ma resta da vedere se non si tratta di una ideologia infantilmente estremistica (si dice la cosa, natural­ mente, nel ricordo di Lenin), soprattutto tale quando si tende ad esportarla come se la lotta antimperialistica possa condursi in Europa, poniamo, CO" me nell'America Latina, dove fallisce anche la « via cilena » al socialismo. Eppure, gli studi sul capitali�mo monopolistico avrebbero potuto e dovuto fare piu realistica, meno idealisticamente ingenua, la teoria rivoluzionaria dell'America Latina : si può essere anche eroi, come Che Guevara; ma non per questo si è filosofi marxisti della prassi rivoluzionaria.

D. CONCLUSIONE Le linee della > che qui sono tracciate possono con­ sentire piu di una considerazione conclusiva. Anzi tutto, il fatto che esi­ sta una tale storia (nel duplice senso di res gestae e di historia rerum ge­ starum, dove le res gestae possono essere benissimo le varie espressioni, storicamente determinate, qella teoria marxista, applicata o non) induce necessariamente ad escludere che il marxismo stesso possa assurgère, come teoria e come prassi, al rango di una metafisica sociale. All'inizio ( cfr. A) si osservava che, del marxismo, può dirsi ciò che dice il Manzoni dello Spi­ rito Santo : « L'Arabo, il Parto, il Siro j in suo sermon l'udi » . Altrimenti, come potrebbe parlarsi di una « sinizzazione » del marxismo operata da Mao ; di un marxismo antistalinista in nome del suo necessario acclimatamento teorico e pratico in senso nazionale (presupposto della stessa nozione della « via nazionale al socialismo » ) ; di un « cheguevarismo » come marxismo tipicamente latino-americano ecc. ? Ma, in questo caso, il marxismo è as­ sunto, in particolare, come filosofia della prassi o filosofia della rivolu­ zione, « testa » , come voleva appunto anche Marx, del proletariato alle pre· se del problema della conquista del potere. Ed è quando cosi è assunto, in-

Marxismo e socialismo scientifico

95

tanto, che il marxismo corre, quasi sempre, il rischio di trasformarsi in ideologia, anche in una ideologia umanistie�i se si vuole (nel modo denun· ciato dall'Althusser : cfr. C. Il), ma sempre ideologia : quella, si capisce, senza la quale la prassi, di cui il marxismo vuole essere la filosofia, per lo piu perde il suo spirito rivoluzionario. È vero, peraltro, che lo stesso mar· xismo, come filosofia della prassi, quando fa tacere il suo istinto ideolo­ gico, facendosi responsabile di suggerire e guidare una strategia politica storicamente realistica, non sganciata cioè dalla considerazione della realtà effettuale in cui i partiti operai debbono agire, tende a riassumere una veste scientifica ; ma è anche vero che coloro i quali si preoccupano di fare riassumere al marxismo una tale veste si buscano, il piu delle volte, la patente dispregiativa di revisionisti, di (( rinnegati )) (penso alla definizione leniniana del Kautsky), di opportunisti di destra, di riformisti ecc. Naturalmente, il marxismo è anche una filosofia. In quanto tale, al di qua del suo uso ideolog.ico e rivoluzionario, il marxismo è una filosofia che tende teoricamente a stabilire un equilibrio tra le ragioni dell'ideali­ smo (soggettivo) e del materialismo (naturalistico). È significativo, in pro� posito, che il dissidio tra i marxisti, allorquando. si sforzano di mantenersi sul terreno della filosofia, al di qua della cura di istituire il rapporto · tra teoria e prassi, è un dissidio che intercorre tra quelli che tendono a ri· durre o riducono di fatto il materiale dialettico a materialismo naturali­ stico o quelli che tendono a ridurre o riducono di fatto l'idealismo dialet· tico ad idealismo soggettivo : e ciò avviene perché l'equilibrio cui si è ac· cennato è veramente molto difficile a conservarsi. Al marxis�o in quanto filosofia, ancora, quando è chiamato a costi· tuire una teoria sociale indisponibile a chiudersi metàfisicamente, si può far competere una responsabilità logico-gnoseologica, ubbidendo alla quale veramente si presenta come una > della storia e della società di cui si è sentito parlare A, Labriola (cfr. B; III, § I). > vuoi dire anche > ; e, allora, il discorso sul marxismo come concezione organica della storia e della società o anche come gnoseologia organica (cfr. A. Negri, Marx ed il problema della cono· scenza organica, in . > - aggiunge il Gold­ mann - > , e cioè quell'organismo, che è la società che vogliono tra­ sformare, è solo un prodotto del (( concetto che genera se stesso >> : un fan­ tasma intellettualistico o una vaga immaginazione. Per' questo, possono an­ che, ad ogni pié sospinto, gridare a tutti i venti che è giunta l'ora della rivoluzione, ma dimostrano di non. aver capito un'acca del materialismo dialettico. La filosofia di Marx non è pane per i denti di fannulloni che biascicano l'ultima delle marxiane Tesi su Feuerbach.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

Sul marxismo e la storia del marxismo in generale sono di utile con­ sultazione : E. C zoLBE , P. HAJDU, Die Literatur iiber Marx, Engels und iiber Marxismus seit Beginn des Weltkrieges, in « Marx-Engels-Arkiv » , l, 1926 e, per la produzione italiana e in italiano, sino al 1952, la Bibliografia del

socialismo e del movimento operaio italiano. Libri, Opuscoli, Articoli, Al­ manacchi, Numeri unici, Roma-Torino, 1962-68, 3 voli. + l vol. di indici ; J. LoNGUET, Le mouvement socialiste intemational, Parigi, 1913 ; J. MAR­ TOV, Geschichte der russischen Sozialdemokratie, mit einem Nachtrag von T. DAN : Die Sozialdemokratie Russlands nach dem }ahrh 1908, Berlino, 1926; A. RosENBERG, Geschichtè der Bolschevismus, Berlino, 1932 ( Franco­ forte s. M., 1966 2 ; trad. it., Firenze, 1933, 19692); K. SAVERLAND, Der dia­ lektische Materialismus, Berlino, 1932 ; E. RIKLI, Der Revisonismus, Zuri­ go, 1935 ; A. RosENBERG, Demokratie und Sozialismus, Amsterdam, 1938 (Francoforte s. M., 1963) ; P. Louis, Centcinquante ans de pensée socialiste, Parigi, 1939, 2 voli. ; H. B. PARKES, Marxism an autopsy, Chicago-Londra, 193 9 ; E. DOLLEANS, Histoire du mouvement ouvrier, Parigi, 1946-47 (trad. it., Firenze, 1968) ; E. HALÉVY, Histoire du socialisme européen, Parigi, 1948 ; G. WETTER, Il materialismo dialettico sovietico, Torino, 1948 ; R. N. C AREW HUNT, The theory and practice of communism, Londra, 1950 ; R. ScHLESIN· GER, Marx his Time and Ours, Londra, 1950 (trad. it. Marx ieri e oggi, a cura di E. Fasano Guarini, Milano, 1961 ) ; L. BuLFERETTI, Le ideologie so­ cialistiche nelfetà del positivismo evoluzionistico (1 870-1 892) , Firenze, 1951 ; R. ScHLESINGER, Central European democracy and its background, Londra, 1953 ; M. DRACHKOVITCH, De K. Marx à Léon Blum. La crise de la social­ démocratie, Genève, 1954 ; R. N. CAREW HuNT, Marxism, past and present, Londra, 1954 (trad. it., Roma, 1956); A. G. MEYER, Marxism, Cambridge, 1954 ; J, PLAMENATZ, German marxism and russian communism, Londra, 1954 ; E. THIER , Etappen der Marxinterpretation, in « Marxismusstudien » , I , 1954 ; L . H. HAINSON, The Russian Marxists and the Origin of Bolshe­ vism, Cambridge, 1955 ; S. HooK, Marx and the Marxists. The ambigous legacy, Princeton, 1955 (trad. it. Marx e i marxisti, a cura di A. ARTROM, Roma, 1958 ) ; J. JoLL, The Second lnternational 1889-1914, Londra, 1955 ; AA. VV., Marxismo e problemi di estetica, in « Ragionamenti ll, 1956, n. 56 (con ricca bibliografia 1945-55 ); I. FETSCHER, Von Marx zur Sowjetideolo­ gie, Francoforte s. M., 1956, 1963 9; G. D. CoLE, Socialist Thought, 1953-58, voli. 5, 7 tomi ( trad. it. Storia del pensiero socialista, vol. l, l precursori, 1 789-1850, a cura di G. L. Bernardi, Bari, 1967, 19722 ; vol. Il, Marxismo e anarchismo, 1850-1890, a cura di L. B. Bari 1967, 19722 ; vol. III, l. La Seconda Internazionale, 1 889-1914, a cura di M. Lucioni Diemoz, Bari. 1967, 19722; vol. III, 2, La Seconda Internazionale, 1889-1914, a cura di

98

ANTIMO NEGRI

M. L. D., Bari 1967, 19722 ; vol. IV, l, Comunismo e socialdemocrazia, 1914-1931, a cura di P. Basevi, Bari 1967, 19722 ; vol. IV, 2, Comunismo e socialdemocrazia, 1914- 1931 , a cura di L. Trevisani, Bari 1967, 19722 ; vol. V, Socialismo e fascismo (1931-1 939) , a cura di G. Veneziani, Bari 1968, 19732) ; lstorija filosofii, a cura dell'Accademia delle Scienze del­ l' URSS, Mosca, 1957-1962, 6 voli. (trad. tedesca, Berlino, 1960-63, 6 voli.) ; COMITÉ INTERNATIONAL DES SCIENCES HISTORIQUES, Commission international

d' histoire des mouvements et des structures sociales. Répertoire internatio­ nal des sources pour f étude des mouvements sociaux aux XIX• et XX• siè­ cles. La Première lnternationale, Parigi, 1958-63, 4 voli. ; H. CHAMBRE, De K. Murx à Mao Tsé-Tung, Parigi, 1959 (trad. it. Brescia, 1964) ; C. LANDA· VER, European socialism. A history of ideas and movements, l, From the industria[ revolution to Hitler's seizure of power, Berkeley-Los Angeles, 1959; H. B. MAYO, lntroduction to marxist theory, Nuova York, 1960 ; G. LICH· THEIM, Ma.rxism, an historical and criticai study, Londra, 1961 (trad. it. Il Marxismo, a cura di M. Baccianini, Bologna, 1971) ; J. BRAUNTHAL, Geschi­ chte der lnternationaJe, Hannover, 1961-63, 2 voli. ; AA. VV., Principi ele­ mentari di marxismo, . sotto la direz. di O. Kuusinen, Roma, 1962, 6 voli. ; . . . Revisionism, essays an the histo�y of marxist ideas, a cura di L. Labedz, in Londra, 1962 ; La Preniière ternationale. Récueil de documents, Genève, Seine Geschichte in Doku­ 1962-65, 3 voli. ; I. FETSCHER, Der Marxismus. . menten, Monaco, 1962-65, 3 voli. (trad. it. Il marxismo. Storia documenta­ ria : vol. l; Filosofia. Ideologia, a cura di G. Backaus e F. Cerutti, Milano, 1969 ; vol. Il, Economia, Sociologia, a cura di G. Backa1,1s, Milano, 1970 ; vol. III, Politica, a cura di G. Backaus, F. Cerutti, C. Mainoldi, Milano, 1970) ; A. FRIED-R. SANDERS, A Documentary History of Socialist Thought, Edimburgo, 1964 ; G. HAUPT, La deuxième lnternationale 1889-1914, Pa­ rigi, 1964 ; B. ANDREAS, Marx et Engels pendant la période de la Première lnternationale. Hlstoire et bibliographie des écrits de 1863 à 1812, Parigi, 1965 ; G. M. BRAVO, A un secolo dalla fondazione della Prima Internazionale. Stato degli studi e delle ricerche, in « Rivista storica del socialismo », VIII, 1965 ; H. DENIS, Histoire de la pensée économique, Parigi, 1965 (trad: it. Milano, 1968, 2 voli.) ; K; PAPAIOANNOU, Les marxistes, Parigi, 1965 (con testi ) ; E. RAGIONIERI, Alle' origini del marxismo della Seconda Internazio­ nale, in « Critica marxista » , 1965, n. 5-6 ; B. D. WoLFE, Marxism, one hun­ dred years in the life of a doctrine, Londra, 1965 ; AA. VV., Fondamenti di filosofia marxista, a cura di F. V. Kostantinov, trad. it., Milano, 1965-66, 2 voli. ; P. FouGEYÌtoLLAS, Marxismo in discussione, trad. it., Milano, 1966 ; J. DRoz, Le socialisme démocratique 1864-1960, Parigi, Ì 966 ; A. KRlEGEL, La II• internationale devant les questions nationales en Europe (1889-1914), ·

.

in « Annuaire de l'Association des instituts d'études emopéennes », 1966-67 ; AA. VV. (V. FRosiNI, C. HERMEL, K. PAPAIOANNou, B. LEONI, E. VoEGELIN), 1867-1967. Un secolo di marxismo, Quaderno dell' U.I.P.C., Roma, 1967 ; G. BERTI, Studi sovietici sulla Seconda Internazionale, in « Studi Storici .», I, 1967 ; G. HAUPT, Lenin, i bolscevichi e la Seconda Internazionale, in « Ri­ vista storica del socialismo », X, 1967 ; G. HAUPT, M. REBERIOUX, La 2a In­ ternationale et l' Orient, Parigi, 1967 ; I. FETSCHER, K. Ma.rx und der Mar­ xismus, Monaco, 1967 (trad. it. Firenze, 1969) ; T. KEMP, Theories of im­ perialism, Londra, 1967 (trad. it. Torino, 1969) ; Z. A. J oRDAN, The evolu­ tion of dialectical materialism, Londra-Nuova York, 1967 ; E. DoLLEANS, Storia del movimento operaio, Firenze, 1968, 3 voli. ; G. LOJACONO S. J.,

Marxismo e socialismo scientifico

99

L'ideologia marxista. Materialismo storico, Roma, 1968, 3 voli. ; G. PRO· C.fCCI, Studi sulla Seconda Internazionale e la Socialdemocrazia, in >, 1957, pp. 198-226 ; F. F'EJTO, Rileggendo B., in , 1929, XXXIV, pp. 1-5.

Di Schmidt : Der natiirliche Lohn ( tesi di laurea), Jena, 1886 ; Einige Bemerkungen iiber Plecha.nows letzten Artikel in der « Neuen Zeit >>, in « Die Neue Zeit >>, 1898-99, XVII, l, pp. 324-34 ; Was ist Materialismus, in « Die Neue Zeit >> , 1898-99, XVII, l, pp. 697-98 ; Zur Theorie der Handelskri­ sen und der Ueberproduction, in « Sozialistische Monatshefte >> , 1901, l, pp. 670-'7 7; Ueber die geschichtsphilosophischen Ansichten Kants, in « So­ zialistische Monatshefte » , 1906, Il, pp. 683-92 ; Bemerkungen iiber Ethik und materialistische Geschichtsauffassung, in « Sozialistische Monatshefte » , 1906, II ; Ueber den Zusammenhang von Sozialismus und Ethik, i n « So-

104

ANTIMO NEGRI

zialistische Monatshefte », 1908, IV, pp. 525-31 ; Rechtsauffassung, in « So­ zialistische Monatshefte » , 1910, VI, pp. 268-71. Su Schmidt : G. V. PLECHANOV, K. S. gegen K. Marx und F. Engels, in , XXII, 1904, Il, pp. 134-142 ( riprodotto da K. KAUTSKY, Der politische Massenstreik. Ein Beitrag zur Geschichte der deutschen Sozialdemokratie, cit., pp. 57 ss.) ; Das Finanzkapital, Vienna, 1909 (Berlino, 1947). Traduzioni : Il capitale finanziario, Milano, 1961. Su Hilferding : A. STEIN, R. H. und die deutsche Arbeiterqewegung, Am­ burgo, 1946. Di Renner : Die Grundlagen und die Entwicklungsziele der Oesterrei­ chen-ungarischen Monarchie, Vienna, 1906; Was haben die Sozialdetnokra-

106

ANTIMO NEGRI

ten geleistet, Vienna, 1907, 2 voli. ; Der Deutsche Arbeiter und Nationa­ lismus, Vienna, 1910 ; Marxismus, Krieg und lnternationale. Kritische Stu­ dien iiber offene Probleme des Wissenschaftlichen und des praktischen So­ zialismus in und nach Weltkrieg, Stoccarda, 191 7 ; Die Wirtschaft als Ge­ samtprozess und die Sozialisierung, Berlino, 1924 ; Wege der Verwirkli­ chung, Berlino, 1929 ; Di'e soziale Funktion der Rechtsinstitute (ed. rielah. Die Rechtsinstitute des Privatrechts und ihre soziale Funktion), Berlino,. 1929 ; An die Wende zweier Zeifen ( autobiografia), Vienna, 1946 ; Mensch und Gesellschaft (postumo), 1952 ; Oesterreich von dem Ersten zur Zwei­ ten Republik, Vienna, 1953. Su Renner : J. HANNAK, K. R. und seì:ne Zeit, Vienna, 1965 ; P. VRANICKI, Storia del marxismo, cit., vol. l, pp. 373-78. Di Ba:uer : Marxismus und Ethik, in « Die Neue Zeit », XXIV, 1905-06,. Il, pp. 485-99 ; Die Nationalitiitenfrage und die Sozialdemokratie, Vienna, 1907 ( 1924) ; Die A kkumulation des Kapitals, in « Die Neue Zeit », 1913 ; Riitediktatur oder Demokratie ?, Vienna, 1919 ; Bolschewismus oder Sozial­ democratie ?, Vienna, 1920; Die osterreichische Revolution, Vienna, 1923 ;

Das Weltbild des Kapitalismus, in Der lebendige Marxismus. Festschrift zum 70. Geburtstag von K. Kautsky, cit., Kapitalismus und Socialismus nach dem Weltkrieg, vol. I : Rationalisierung-Fehlratl.onalisierung, Vienna, 1931 ; Der Aufstand des osterreichilsten A rbeiter. Seine Ursachen und seine Wirkungen, Praga, 1934 ; Zwei Weltkriegen? Die Krise ·der Weltwirtschaft,. der Demokratie und des Sozialismus, Praga, 1936 ; M. Adler. Ein Beitrag zur Geschichte des Austromarxismus, cit. ; Eine Auswahl aus seinem Le­ benswerk, a cura di J . Braunthal, Vienna, 1961. Traduzioni : Bolscevismo o democrazia sociale, Milano, 1922 (contiene : La marcia verso il realismo e i giudizi di B. sulla rivoluzione russa). Su Bauer : Y. BouRDET, O. B. et la révoluti'on, Parigi, 1968.

Di Cunow : Die sbziale Verfassung des lnka-Reiches, 1896 ; Zur Zusam­ menbruchstheorie, in > , 1932, 5 ; Die alte hegelsche Dialektik und die neue materialistische Wissenschaft, in >, 1932, Il e 12 ; Thèses sut Hegel, in , 1933, 7 ; Ueber einige grundsiitzliche Voraus­ setzungen fiir eine materialistische Diskussion der Krisentheorie, in « Der Proletariat » , 1933, l ; Why I am Marxist, in > , aprile 1935 ; Marxismus ohne Dogma, in , 1946, 5 ; Marx' Stellung in der europaeischen Re­ volution von 1848, in , Parigi, 1928 ; Dieci tesi sul marxismo oggi, trad. francese, in (( Arguments >> , 1959, 16 ; Marxismo e filosofia, introd. di M. S pinella, Milano, 1966 ; Karl Marx, in­ trod. di G. Bedeschi, Bari, 1968 ; Consigli di fabbrica e socializzazione, Bari, 1970 ; Il materialismo storico (A ntikautsky) , introduzione di G. S. Ru­ sconi, Bari, 1971 ; La filosofia di Lenin, in >, 1972, n. 3, pp. 21-23. Su Korsch : G. Be deschi, Introduzione a K. K., Karl Marx, tra d. it., cit. ·; "

116

ANTIMO NEGRI

G. E. RuscoNI, La teoria critica della società, cit., pp. 99-126, 189-204 ; L. CEPPA, Lo sviluppo del pensiero di K. K., in « Rivista di filosofia » , 1969, pp. 341 ss. ; G. VACCA, Lukcics o K. ?, cit. ; C. PASQUINELLI, Né Lukiics né K.'J" in « Critica marxista », 1970, 4 ; S. TIMPANARO, K. K. e la filosofia di Lenin, in « Belfagor » , 1973, l. Di Sternherg : Der lmperialismus, Berlino, 1926 ; Der « lmperialismus » und seine Kritiker, Berlino, 1929 ; Der Niedergang des deutschen Kapitali­ smus, Berlino, 1932 ; Der Faschismus an der Macht, Amsterdam, 1935 ; Ka­ pitalismus und Sozialismus vor dem Weltgericht, Amburgo, 195 1 ; Marx und die Gegenwart. Entwicklungstendenzen in der 2. Hiilfte des 20. lahrhun­ derts, Colonia, 1955 ; Wer beherrscht die 2. Hiilfte des 20. Jahrhunderts? , Colonia-Berlino, 1961. Su Sternberg : H. GROSSMANN, Das A kkumulations- und Zusammenbruchs­ gesetz des kapitalistischen System. Zugleich eine Krisentheorie, Lipsia, 1929. Di Grossmann : Das A kkumulations- und Zusammenbruchsgesetz des Ka­ pitalistischen System. Zugleich eine Krisentheorie, Lipsia, 1929 ( Francoforte s. M., 19672); Die Wert-Preis Transformation bei Marx und das Krisenpro· blem, in « Zeitschrift fiir Sozialforschung » , 1932 ; Die gesellschaftlichen Grundlagen der mechanistischen Philosophie und die Manifaktur, ivi, 1935 ; Die Auferstehung der Gewalt. Springerblockade und politische Reaktion in der Bundesrepublik, in coli. con O. Negt, Francoforte s. M., 1968 ; Marx, die klassische NationalOkonomie und das Problem der Dynamic, Francoforte s. M., 1969 (postumo). Traduzioni : Considerazioni conclusive del saggio La legge delraccumu­ lazione e del crollo del sistema capitalistico, in L: CoLLETTI-C. NAPOLEONI, Il futuro del capitalismo, crollo o sviluppo ?, Bari, 1970, pp. 445-489. Su Grossmann : F. STERNBERG, Der « lmperialismus » und seine kritiker, cit. ; N. MosZKOWSKA, Zur kritik moderner Krisentheorien, Praga, 1935 ; Io., Zur Dynamik des Spiitskapitalismus, Zurigo, 1943 ; W. RosENBAUM, In­ troduzione a H. G., Das Akkumulations- und Zusammenbruchsgesetz des kapitalistischen System ecc., cit., �a ed. ; L. CoLLETTI, Introduzione a H. G., in L. C. - C. NAPOLEONI, Il futuro del capitalismo, cit., pp. 441-44 ; P. VRA· NICKI, Storia del marxismo, cit., II, pp. 53-58 ; A. ScHMIDT G. E. RuscoNI, La scuola di Francoforte, Bari, 1971, pp. 88-90. •

Di Raphael : Proudhon, Marx, Picasso. Troi essais sur la sociologie de rart, Parigi, 1933 ; Zu Erkenntnistheorie der konkreten Dialektik, 1934 ; Prehistoric cave painting, Nuova York, 1946 ; Prehistoric pottery and civi­ lization in Egypt, Nuova York, 1947 ; Teorija duhovnog stvaranja na osnovi marksizma (teoria della creazione. spirituale sulla base del marxismo), Sa­ rajevo, 1960 ( rielaboraz. di Zu Erkenntnistheorie ecc., cit.). Su Raphael : P. VRANICKI, Storia del marxismo, ci t., vol. II, pp. 59-64. Di Bloch : per un'ampia bibliografia blochiana cfr. AA. VV., E. B. zu ehren. Beitriige zu seinem Wer,k, a · cura di S. Unseld, Francoforte s. M., 1965, inoltre, Per una bibliografia di E. B., in E. B., Dialettica e speranza, Firenze, 1967 e « Aut-Aut » , 1971, n. 125, pp. 83-103, a cura di S. Zecchi : Geist der Utopie, Monaco, 1918 (Berlino, 19232; n. ed., Francoforte s. M.,

Marxismo e socialismo scientifico

ll7

1964) ; Thomas Miinzer als Theologe der Revolution, Monaco, 192 1 (Ber­ lino, 1960 ; ed. riel., Francoforte s. M., 1962 ) ; Durch die Wiiste. Kritische Essays, Berlino, 1923 (ed. riel., Francoforte s. M., 1964); Spuren, Berlino, 1930 (ed. riel., Francoforte s. M., 1959); Erbschaft dieser Zeit, Zurigo, 1935 (ed. riel., Francoforte s. M., 1962 ) ; Freiheit und Ordnung. A briss der So­ zialutopien, Nuova York, 1946 ; Subjekt-Objekt. Erliiuterungen zu Hegel, Berlino, 1949 (Berlino, 19522 ; ed. aum., Francoforte s. M., 1962) ; Avicenna und die A ristotelische Linke, Berlino, 1952 (ed. a'um., Francoforte s. M., 1963); Christian Thomasius. Ein deutscher Gelehrter ohne Misere, Berlino, 1953 ; Das Prinzip Hoflnung, vol. l, Berlino, 1954 ; vol. Il, Berlino, 1955 ; vol. III, Berlino, 1959 (ed. in 2 voli., Francoforte s. M., 1953 e 1959); Dif­ ferenzierungen im Begriff Fortschritt, Berlino, 1957 ; Naturrècht und Mensch­ liche Wiirde, Francoforte s. M., 1961 ; Philosophische Grundfragen. Zur On­ .tologie des Noch-Nicht-Seins, Francoforte s. M., 1961 ; Verfremdungen, l, Francoforte s. M�, 1962 ; Tiibinger EinleitUng in die Philosophie, vol. I, Francoforte s. M., 1963 ; vol. Il, ivi, 1964 ; Verfremdungen, 11. Geographica, Francoforte s. M., 1964 ; Atheismus im Christentum, Francoforte s. M., 1968. Traduzioni : Dialettica e speranza, a cura di L. Sichirolio ( antologia), trad. di G. Scorza, Firenze, 1967 ; Gli strati · della categoria della possibilità, trad. it. di A. Babolin, in Filosofi tedeschi contemporanei, Bologna, 1968 ; Il concetto di scienza nel marxismo, in Le scienze nei paesi comunisti, a cura di G. D. Geyer, trad. it. di A. M. Carpi e V. Rubel, Bari, 1969 ; Ateismo e cristianesimo, trad. it. di F. Coppola, Milano, 1971 ; L'arco utopia-mate­ ria, in « Aut-Aut » , 1971, n. 125, pp. 7-19 ; K. Marx, a cura di R. Bodei, trad. it. di L. Tosti, Bologna, 1972. Su Bloch : F. FERGNANI, L'incantesimo dell'anamnesis. Bloch su Hegel, in « Aut-Aut » , 1971, n. 125 ; E. PACI, Considerazioni attuali su B., ivi ; T: PERLINI, Metafisica e utopia in E. B., ivi ; S. ZECCHI, Realtà delfutopia, ivi.

Di Benjamin : Schriften, a cura di Th. W. Adorno e F. Podszus, Fran­ coforte s. M., 1955, 2 voli. ; Briefe, a cura di Th. W. Adorno e G. Scholem, Francoforte s. M., 1967. Per gli scritti di B. cfr. P. SzoNDI, Stiidte­ bilder, Francoforte, 1963 ; Ursprung des deutschen Trauerspiels, Berlino, 1928 (Francoforte s. M., 1963 3); Ein Familiendrama auf dem epischen Thea­ ter, in « Literarische Welt » , 1932 ; Zum gegenwiirtigen Standort des franzo­ .sischen Schriftstellers, in « Zeitschrift fiir Sozialiorschung », 1934 ; Probleme der Sprachsoziologie, ivi, 193 5 ; L'reuvre ifart à fépoque de sa reproduction mécanisée, ivi, 1936 ; Eduard Fuchs, der Sammler und der Historiker, ivi, 193 7 ; Brechts Einakter, in « Neue Weltbiihne », Parigi, 1938 ; Ueber einige Motiven bei Baudelaire, in non possono reimporsi intatti ; i principi metafisici, illuministici e borghesi non possono sostituire questi ultimi : bisogna andare al di là degli uni e degli altri, oltr� il regime teologico (feudale e militare) ed oltre il regime metafisico della libertà come « libertà illimitata di coscienza >> (borghese e democratico) ; e, perché questo possa accadere, è necessario costruii·e una dottrina organica che elimini qualsiasi presunzione dogmatica ma antiscien­ tifica, qualsiasi individualismo che si esalti nell'opinione scagliata contro l'opinione piuttosto che nella verità scientifica comunemente condivisa. La :filosofia di Comte, cosi vista fornita di umori politici, in quanto aspira a realizzare un ordine progressivo o un progresso ordinato etico­ sociale,· è, dunque, coerente in tutto il suo sviluppo. La grande costruzione della :filosofia, dagli Opuscules al Système, e attraverso il Cours ed il Discours, pur quando, come in queste due opere, i suoi interessi sono piu propriamente logici e scientifici, deve essere vista in questa luce. Per questo, infatti, Comte riserva, anzi tutto, alla scienza, a qualsiasi scienza, dalla prima all'ultima ( dall'astronomia alla sociologia, a non voler tener conto della progettata settima scienza, l'etica), un carattere sociale, che può avere solo quando riesce a creare un ordine logico-conoscitivo che le assicuri, almeno all'inizio, una responsabilità assolutamente teorica. Su que­ sto punto, Comte è esplicito : « Lo Spirito umano deve procedere alle ricerche teoriche, facendo completamente astrazione da ogni considerazione pratica JJ ( Cours, cit., l, pp. 36-37). Solo quando la ricerca teorica è compiuta, si può ad essa appoggiare l'arte, l'azione, perciò stesso scientifica, dell'uomo sulla natura e sul mondo dell'uomo. È la grande aspirazione di Comte, che cosi ne parla nel Discours del 1844 : « Ed invero, l'arte 'non sarà piu, allora (cioè quando sarà costruita anche una sociologia positiva), unicame.nte geometrica, meccanica o chimica ecc., ma anche e soprattutto politica e morale, dacché la principale azione dell' Umanità deve, sotto tutti gli aspetti, consistere nel . miglioramento continuo della propria natura, indi­ viduale e collettiva, nei lini.iti che indica, allo stesso modo che in ogni caso, delle leggi naturali >l (Discours, ed. Le Verrier, Parigi, 1949, pp. 66-67). L'allestimento di un'arte politica e morale condizionata alla scienza dei fatti umani e sociali è la grande aspirazione di Comte ; e, se l'arte è scienza applicata, è la costruzione di una scienza politica e morale, sempre, al centro di essa. Ora, una scienza politica e morale ha. come oggetto la « natura, individuale o collettiva JJ dell' Umanità ; di questa natura essa deve trovare le « leggi reali >> e deve trovarle, si badi, costituendosi con la capacità di astrarre, in partenza, da ogni considerazione pratica. Ed è questa capacità ad essere estremamente problematica, anche. quando il pro­ blema è quello della costituzione di una scienza che ha un oggetto molto meno complesso di quello che ha la scienza politica e morale, trattandosi dei fenomeni della natura in generale. Di questi fenomeni bisogna trovare le « leggi reali >> : è l'unico, fondame;ntale compito che si pone la ricerca positiva, per la quale « la virilità della nostra intelligenza consiste essen·

418

ANTIMO NEGRI

zialmente nel sostituire dappertutto, all'inaccessibile determinazione delle cause propriamente dette, la semplice ricerca delle leggi, cioè delle relazioni costanti che ci sono tra i fenomeni » (Discours, cit., pp. 33-34). I fenomeni, quali che siano, dai piu semplici (astronomici, fisici, ecc.) ai piu complessi (biologici, sociologici), devono essere osservati e ridotti a leggi. Si com­ prende la divisa della ricerca fatta consistere, come si è visto, nell' ed i primi ; e alla sua opera, egli sostiene, deve necessariamente rifarsi chiunque aspiri al titolo di filosofo (A bibl. Hist. of Phil., cit., Lon­ dra-Nuova York, p. 643 e p. 654). Intanto, si prepara, anche attraverso un incontro speculativamente fecondo con Comte, l'opera di Stuart Mill.

429

Il positivismo

2.

Giovanni Stuart Mill e la logica delle scienze morali.

Giovanni Stuart Mill nasce il 20 maggio 1806 a Londra. Il padre, J ames Mill ( 1773-1836), storico e pubblicista, cura direttamente l'educazione del piccolo Giovanni, che rivela una precocità sorprendente. I tratti caratteri­ stici e gli elementi fondamental_i di questa prima educazione risultano niti­ damente dalla bella A utobiography milliana, pubblicata postuma, nel 1873 (cfr. soprattutto il capitolo 1). Tra il 1820 e il 1822 cade un suo interessante ( dal punto di vista della formazione) soggiorno in Francia, durante il quale stringe relazioni ed amicizie notevoli, come quella con l'economista Giam­ battista Say ( 1 767-1823). Ritornato in Inghilterra, nel 1822, fonda una società, chiamata « Società utilitaristica » , il cui scopo è quello di dibattere e di diffondere le dottrine di Geremia Bentham ( 1784-1832), amico del pa­ dre. La società è sciolta nel 1826, quando ormai la formazione di Mill è salda e completa. Nel 1823, a diciassette anni, per la prestigiosa influenza paterna, entra come impiegato nella Compagnia delle Indie Orientali, dove rimane per trentacinque anni, fino allo scioglimento della stessa. Una crisi profonda lo coglie nel 1826 ; e la causa di questa deve trovarsi, indub­ biamente, nell'insofferenza del giovane ventenne per il tipo di _ educazione ricevuta. Nel capitolo V dell'Auto biography, lo stesso Mill racconta come esce felicemente dalla crisi ; e ne esce, in realtà, correggendo l'ideale morale utilitaristico, facendo della felicità non l'immediato scopo della vita, quanto piuttosto il termine di un'aspirazione da soddisfarsi votandosi ad un'attività capace di interessare ed impegnare tutte le energie, morali e fisiche, del­ l'uomo. È in questo periodo che conosce i poeti idealisti inglesi, come Wil­ liam Wordsworth ( 1770-1850) e Samuel Coleridge ( 1772-1834). Conosce an­ che Thomas Carlyle ( 1795-1881) e legge i sansimoniani e Comte, che piu tardi conosce personalmente e col quale, po,i, è costretto, su diversi argomenti, a po­ lemizzare. Nel 1851 sposa una vedova, con la quale ha una profonda rela­ zione intellettuale da oltre vent'anni. Dopo la morte della moglie ( 1858)� il Mill finora preso da interessi solo teorici per la politica (la difesa della rappresentanza proporzionale e del suffragio femminile), comincia a par­ tecipare alla politica attiva. Candidato alla Camera dei Comuni, nelle elezioni del 1865, è eletto, con grande meraviglia di lui stesso che si di­ chiara indisposto a spendere anche una lira sola per essere eletto e mettersi a disposizione degli elettori. È eletto anche una seconda volta, ma non se ne meraviglia piu. Intanto, mai, né il suo impiego nella Compagnia delle Indie Orientali né la sua carriera politica, hanno costituito ostacolo alla sua indefessa attività di pubblicista e scrittore. Muore 1'8 maggio 1873 ad Avignone, dove ha comprato una casetta per essere vicino alla tomba della donna amata (Mrs. Taylor). Nell'Inghilterra vittoriana, della rivoluzione industriale che consentirà le analisi economico-sociali di Marx (Dtis Kapital) e di Engels (Die Lage der arbeitenden Klassen in England) ; nella classica terra della tradi�ione empiristica, nella stagione ampia e mossa dell'avvento politico della bor­ ghesia industriale e capitalistica, di Disraeli e di Gladstone, del liberalismo radicale e dello splendido colonialismo, del positivismo utilitaristico ( Ben­ tham) e del romanticismo lirico (Coleridge e Wordsworth) e speculativo (Carlyle), cade, in un arco di tempo di trent'anni 1843 (l edizione del System of Logic) 1874 (postumi, di un anno, escono, i Three Essays on­ Religion tutta l'opera di Giovanni Stuart Mill. Complessa e varia, que-

-

-

430

ANTIMO NEGRI

st'opera, ma se ne può cogliere il respiro unitario quando se ne rintraccia il tema dominante nella logica delle scienze umane, di cui il sesto libro del System, dedicato alla « logica delle scienze morali » (psicologia, etologia, sociologia, filosofia della storia), costituisce un'espressione limpida e con­ dusiva. Certo, questa logica è punto di riferimento costante, lungo tutto l'iti" nerario della ricerca milliana, anche quando piu intransigentemente tende a porsi come pura ricerca logica. Diremmo, anzi, che questa, nella coscienza ·di Stuart Mill, finisce sempre col presentarsi come un mezzo efficace, l'unico mezzo necessario a svolgere come si deve il tema che piu gli sta a cuore, fin dagli anni della primissima giovinezza, trascorsi sotto l'influsso dell'as­ sociazionismo empiristico e dell'utilitarismo. Giacché Mill è programmati· �amente convinto della priorità del rinnovamento mentale rispetto a quello etico-politico ; ed è convincimento espresso in una precisa prospettiva di :filosofia della storia : « Ogni mutamento notevole, storicamente conosciuto da no� nella condizione di una parte qualsiasi del genere um;mo, è stato pre­ ceduto, quando non è stato prodotto da una forza esterna, da un muta­ mento di 'estensione proporzionale nello stato delle conoscenze e delle cre­ denze predominanti ; non diversamente, tra· un dato stato della spectda· zione e lo stato correlativo di ogni altro elemento soci'ale, è quasi sempre il primo che per prima si è mostrato ... Ogni notevole progresso nella civiltà materiale è stato preceduto da un progresso della scienza >> (System of Logic, libro VI, X, 7). Dove, il convincimento, per il quale la logica di­ venta problema essenziale, investe la realtà etico-poltica nel suo stesso divenire storico. Ma, in proposito, si può anche chiamare in causa una di­ chiarazione di Mill : che la ricerca logica generale costituisce una prope­ deutica indispensabile alla ricerca morale, che poi è ricerca della logica delle scienze morali : « In sostanza, 'tutto ciò che può farsi, per la logica della scienza morale, in un'opera come questa è stato fatto . o si è dov-uto fare nei cinque libri precedenti. Ai quali il presente libro può essere solo una specie di supplemento o di appendice, dal momento che i metodi di indagine applicabili alla scienza morale e sociale si è dovuto già descri­ verli, se sono riuscito ad enumerare e a caratterizzare quelli · della scienza in generale >> (System of Logic, libro VI, I , 2). La ricerca morale è, dunque, condizionata a quella logica, pur nella sua inequivocabile preminenza tematica ; e se, da un lato, il sesto libro del System, è necessario « supplemento >> o « appendice » ai primi cinque libri, dall'altro, affonda le radici nella riflessione etico-politica del Mill tren­ tenne, anteriore alla prima edizione del System : Some unsettled Questions of political Economy, pubblicato nel 1844, ma· scritto tra il 1830 e il 1831, includente On the Definition of Economy (pubblicato separatamente sulla (( Westminster Review » , 'nel 1836), costituisce, osserva giustamente R. P. Anschutz ( The philosophy of ]. S. Mill, Oxford, 1953, p. 81), (( con alcune modifiche, la base del sesto libro della Logic >> . Va ricordato, intanto, che negli anni trenta è in pieno atto quella che è stata chiamata la crisi roman­ tica di Mill, provocata dalla lettura di Wordsworth, Coleridge e Carlyle. E la crisi romantica è, in fondo, crisi di fiducia nei mezzi e procedimenti lo­ gici, cari al (( radicalismo filosofico >> , utilitaristico ed associazionistico, di stampo newtoniano, per i quali si ritiene possibile una scienza · morale come scienza fisica, rigorosamente esatta e soprattutto sperimentale. Il carattere assolutamente sperimentale, fin d'ora, della scienza morale ( configuran­ tesi, per il momento, come economia politica) comincia a mettere in que·

Il positivismo

431

stione il Mill, in preda alla crisi romantica. Si scorge, cioè, fin d'ora, l'in­ sofferenza per una logica puramente induttiva, applicata a scienze che, come si leggerà in seguito, proprio nel sesto libro del System, rifiutano l'applicazione, almeno assoluta, del metodo sperimentale o di osservazione diretta : questo è testimoniato, ad esempio, proprio dal saggio, accennato, sulla definizione dell'economia politica, in cui, assunta questa come scienza fatta di una « collezione di verità JJ , distinta dall'« arte JJ come « corpo di regole e direttive per la condotta JJ , si sostiene che, nell'ambito di ogni scienza morale, il « ragionare sulla base di ipotesi assunte Jl costituisce (( l'uni­ co . e certo metodo scientifico di indagine JJ {O n the Definition of political Economy and on the Method of lnvestigation, in ]. S. Milfs Philosophy of Scientific Method, V, lntr. di E. Nagel, Nuova York, 1950, p. 431). Si apre, per tutto ciò, una breccia nell'induttivismo puro e si prepara la parte della (( Logic ratiocinative Jl deduttiva, per la quale si prevede, tuttavia, il con­ fronto della verifica con il ricorso al metodo induttivo. La crisi della pro­ fessione di fede unilaterale nel metodo sperimentale, in una logica asso­ lutamente induttiva, riceve, indubbiamènte, alimento anche dalla lettura dell'opera di J. F. W. Herschel (1738-1822), la History of the inductive Scien­ ces ( 1830) e dell'opera di W. Whewell ( 1794-1866) la On the study of natura[ philosophy ( Londra, 1873 ) : ed invero, mentre lo Herschel lo spinge a pensare che l'indagine scientifica, anche quella naturalistica, ha bisogno dell'uso del metodo induttivo e del metodo deduttivo ad un tempo, lo Whe­ well gli fa comprendere che la scienza è equidistante da una costruzione pu­ ramente empiristica e da una costruzione puramente razionalistica, trovan­ dosi la sua verità nel suo essere contemporaneamente una filosofia indut­ tiva ed una (( filosofia delle idee JJ. Da ultimo, a scalfire la fede del giovane Mill nel radicalismo empiristico, l'incontro con Augusto Comte ( 17981857), cui riconosce, nonostante tutte le riserve (ad esempio, contro la ne­ gazione comtiana di una psicologia autonoma ; contro il modo di concepire, da parte di Comte, il posto della donna nella società moderna : Mill, con la The Subjection of Women, del 1869, è un precursore del femminismo con­ temporaneo ; e, soprattutto contro il cosiddetto secondo C.o mte, che abban­ donerebbe il metodo positivo), il merito della scoperta del (( metodo dedut­ tivo indiretto JJ o (( metodo storico ll , all'esame del quale (e all'illustra­ zione · della sua validità nell'ambito delle scienze morali) · è dedicato il decimo capitolo del sesto libro del System : ed il metodo storico di Comte è, da ultimo, il (( metodo positivo JJ che, come si legge nella prima lezione del Cours de philosophie positive ( 1830-1842), consiste nell't( uso ben com­ binato del ragionamento e dell'osservazione ll . La considerazione di questo momento critico della formazione milliana costringe a rivedere, senz'altro, l'immagine di un Mill cosi radicalmente empi­ rista, quale in effetti è, fino a d un certo punto, tanto che tenta di sconsa­ crare lo stesso dominio razionalistico delle scienze matematiche. Con rife­ rimento ai teoremi di geometria ( di cui nel System of Logic, Il, V), Cassi­ rer scrive : (( Egli si sforza di fondare le verità aritmetiche sulla " logica in­ duttiva ". Quelle verità, secondo i fondamenti di tale teoria, non possono e non devono esser altro che proposizioni generali derivate dall'esperienza. Provengono da generalizzazioni empiriche e devono perciò essere sempre riconducibili a determinate realtà fisiche. Tutte le proposizioni dell'aritme­ tica sono giudizi su circostanze che si verificano nel mondo materiale che ci circonda e per conseguenza sono contingenti e variabili come queste J)

432

ANTIMO

NEGRI

(St. d. fil., cit., vol. IV, cit., pp. 93-94). È bene individuato il genio empiri­ stico di Mill ed il genio induttivistico della sua logica. Tuttavia, del metodo :sperimentale ed induttivo, Mill comincia ad avvertire i limiti. Il primo avvertimento di ciò si trova nel capitolo X del III libro del System : dove c'è l'approfondimento e la sistemazione del punto di vista emerso in The Definition of political Economy, nonché l'anticipazione della problema­ tica logica del VI libro. Vi si affronta, infatti, la questione della « plura­ lità delle cause e della interferenza inestricabile ·degli effetti » . Questa plu­ ralità e questa interferenza si registrano, a giudizio di Mill, già sul terreno della considerazione dei fenomeni naturali, oggetto delle scienze fisiche. Lo studio della natura diventa. estremamente difficoltoso. L'individuazione -della causa unica è impossibile ; e si può solo concludere, « nei casi piu favorevoli » , che « una certa causa è molto spesso seguita da un certo ef­ fetto » (System, III, X, 8) : un modo preciso per accennare alla possibilità -dell'esserci di un'altra causa ( quindi, di una pluralità di cause) e, quindi, -di un altro effetto : non si può stabilire, in questo modo, ad esempio, che una data medicina costituisce un rimedio sicuro per una data malattia. 11 problema diventa ancora piu grave quando ci si trova di fronte a feno­ meni molto più complessi, proprio come vuole Comte, quali i fenomeni umani, politici, stox·ici. Allora, particolarmente, nasce il bisogno di ricor­ rere ad un metodo di indagine che, « provata l'inapplicabilità dei metodi diretti di osservazione sperimentale, rimane per noi . il principale mezzo di conoscenza » (System, III, IX, l). Questo nuovo, indispensabile mezzo -di conoscenza è il metodo deduttivo indiretto ; e questo metodo, usato, im­ plica l'esecuzione di tre operazioni fondamentali : induzione diretta, ragio­ nam�nto e verifica (System, III, XI, 1). Si tratta, in altri termini, di un metodo induttivo-deduttivo-verificativo, perciò' di un metodo deduttivo indi­ retto (System, VI, X), destinato a predonlinare, secondo Mi�l, nelle ricerche ·scientifiche, specialmente in quelle che hanno come oggetto i fenomeni piu complessi della natura umana e sociale. Precisa Mill : « È appena - o 1·ipetere che, come in ogni altra scienza deduttiva, la veri­ fica a posteriori deve andare pari passu con la deduzione a priori... Le conclusioni della teoria non meritano fiducia se non in quanto sono con­ ·fermate dall'osservazione e quelle dell'osservazione se non in quanto si riconducono alla teoria » (System, VI, V, 6). Integrare teoria ea esperienza, -combinare insieme ragionamento ed osservazione, per non cadere, proprio ·come vuole Comte, nel dogmatismo razionalistico o nel relativismo scettico ·o nell'idiotismo empiristico. Ed è la fedeltà a questa divis·a ' logica che, se mai, mette Mill in contrasto con Comte che cade, ad un certo punto, nel « dogmatismo razionalistico ». Accanto al problema dell'integrazione di teoria ed esperienza, di ragio­ namento ed osservazione, di deduzione ed induzione, il problema della conciliazione tra necessità e libertà. Qui, in particolare, agisce, anche in ·senso anticomtiano, il sentimento dell'irriducibilità dei fatti umani a fatti naturali, a fatti meccanici, pur ritenuti, nonostante questo, modificabili dallo stesso Comte. Ma la libertà, cui qui guarda Mill, non ha niente a che fare con la libertà della tradizionale metafisica spiritualistica. Essa è, piuttosto, enucleata concettualmente come potere concreto dell'uomo di con­ trastare efficacemente le cause determinanti della sua azione. Ciò, già in ·sede di etologia o di dottrina di formazione del carattere. Osserva Mill : « In­ fatti, se facciamo un attento esame, troveremo che questo sentimento di

Il positivismo

433

-essere capaci di modificare il nostro carattere, se noi lo vogliamo, è lo stesso sentimento della libertà morale della quale siamo coscienti » (System, VI, Il, 3). Ed è un sentimento della libertà che si accompagna ad una per­ sonale elaborazione della dottrina del rapporto causa-effetto, alle cui spalle c'è sempre il ricordato motivo della pluralità delle cause, ragione prin­ cipale dell'inapplicabilità del metodo sperimentale nelle scienze umane : della causazione delle scienze umane sostiene... che « La vera dottrina non solo la nostra condotta, ma il nostro carattere dipende, in parte, dalla nostra volontà ; sostiene che noi possiamo, servendoci dei mezzi con­ venienti, migliorare il nostro carattere e che, se il nostro carattere è tale che, restando quale è, ci porta necessariamente al male, sarà giusto met­ tere in esercizio dei motivi che spingeranno necessariamente a fare i nostri sforzi per migliorarlo e a liberarci, in tal modo, dall'altra necessità : noi abbiamo l'obbligo di lavorare per il perfezionamento del nostro carattere morale » (An Examination of Sir Hamilton's Philosophy, Londra, 18724, p. 601). Avvertendo quest'obbligo, Mill teorizza anche il passaggio dalla psicologia come pura scienza sperimentale all'etologia come scienza « com­ pletamente deduttiva » (System, VI, V, 5). Non tanto deduttiva, tuttavia, l'etologia come scienza, da autorizzare l'abbandono ad un assoluto apriorismo deduttivistico. È la pluralità delle cause dei fenomeni etologici che impedisce all'etologia di presumere un potere di legislazione quale · ce l'ha, ad esempio, una scienza naturale, la scienza piu cara a Comte, come l'astronomia. La cosa peggiora quando dall'etologia si passa alla sociologia, vera e propria filosofia della storia, soprattutto quando si pone, con Comte, come > . Dice, nettamente distinguendo, Mill : > (First Prinp., par. 37). In quanto tale, la filosofia è, principalmente, una teoria dell'evoluzione, fon­ data sull'accettazione dei tre principi fondamentali indicati dalla scienza moderna : l'indistruttibilità della materia, la continuità del movimento . e la conservazione della forza. Spiega Hoffding : « Dal principio della conser­ vazione della forza Spencer deriva che il movimento segue la direzione della maggior attrazione o della minima resistenza, che ogni movimento è ritmico, e che tutti i fenomeni passano attraverso all'evoluzione e alla disso­ luzione. Per questa via egli giunge dalla considerazione della filosofia come conoscenza dell'unità alla considerazione della filosofia come teoria della evoluzione >> (op. cit., p. 167). L'evoluzione è processo di concentrazione o di integrazione della materia ; è processo di differenziazione e di determinazione. Questo processo, ri­ scontrabile in tutta quanta la realtà naturale ed umana e sociale, Spencer intende definire compendiosamente, scrivendo ! « L'evoluzione è un'integra­ zione di materia ed una dissipazione concomitante di movimento, durante la quale la materia passa da una omogeneità indefinita ed incoerente ad una eterogeneità definita e coerente, e il movimento conservato è soggetto ad una trasformazione parallela >> (First Principles, par. 145). Qualche esempio di evoluzione, tra gli innumerevoli addotti da Spencer : la formazione di una nube o di un mucchio di sabbia costituisce evoluzione, essendo essa un processo di separazione o di accumulo ; evoluzione costituisce la forma­ zione. del sistema solare da una nebulosa, secondo la teoria di Kant e Laplace ; lo sviluppo di un organismo è evoluzione perché sono accolti nel tessuto organico elementi prima dispersi nel mondo ; il discorso umano è evoluzione perché, in esso, si ha una concentrazione· di percezione e rappresentazioni diverse ; il sistema solare, l'organismo umano, la coscienza e la società umana sono evoluzioni nella misura in cui costituiscono altret­ tanti passaggi dalla omogeneità indefinita ed incoerente all'eterogeneità definita e coerente. L'evoluzione è un fatto necessario e continuo in tutti gli ordini della realtà : di qui l'applicazione dell'evoluzione come principio esplicativo a tutte le scienze, di cui si è toccato. Anzi tutto, dunque, l'evoluzione bio­ logica. Essa è, per cominciare, differenziazione ed integrazione morfolo­ gica, che non si spiega se non in dipendenza della complicazione continua delle condizioni biologiche, che determinano la produzione di nuove com­ binazioni strutturali. La vita è un costante processo di adattamento . tra rapporti interni e rapporti esterni ; ed è in questo processo che si registra il passaggio dall'omogentità alla eterogeneità negli aggregati organici, do­ vuto all'inetabilità degli elementi omogenei. Ma il passaggio non mette in questione la conservazione delle forme vitali, nella cui teoria Spencer aggiorna quella della selezione naturale darwiniana. A questa, tuttavia, si obietta l'inidoneità a spiegare l'evoluzione biologica nella sua inte· rezza : perché ciò possa accadere, ritiene Spencer, che già si è visto in polemica con Weissmann, è necessario sostenere l'ereditarietà dei caratteri

Il positivismo

439

acquisiti, giacché, soprattutto negli esseri organici superiori forniti di un sistema nervoso e muscolare sviluppato, è importantissima l'influenza che l'uso delle forze esercita sull'organismo. Dopo l'evoluzione biologica, tematicamente fondamentale, l'evoluzione psicologica che, come si è visto, rappresenta l'idea illuminante ed origina· ria dell'evoluzionismo spenceriano. La coscienza, osserva inizialmente Spen­ eer, non si può considerare solo un aggregato di · sensazioni e di rappresen­ tazioni. Essa costituisce un'evoluzione graduale ed ininterrotta dal moto istintivo e dalla memoria fino alla ragione, dalla distinzione phi semplice al pensiero scientifico piti elevato : né i gradi di quest'evoluzione si possono comprendere indipendentemente dalla considerazione dei rapporti dell'es­ sere vivente con l'ambiente. Una questione biologica, intanto, è l'origine della conoscenza. Spencer. distingue una conoscenza dell'individuo ed una conoscenza della specie : l'origine della prima non si può spiegare, a suo avviso, attraverso una presa di posizione puramente empiristica, avendo la conoscenza individuale bisogno di un elemento a priori non ricavabile dall'esperienza ; l'origine della seconda, invece, si può spiegare in maniera empiristica, giacché quello- che costituisce l'elemento a priori della cono· scenza individuale ben può considerarsi come un qualcosa che si eredita dalle generazioni precedenti. È evidente lo scopo di Spencer di tentare una sintesi dell'empirismo e del razionalismo alla maniera kantiana, per di piti con l'intento di garantire il senso dell'evoluzione anche nel campo della conoscenza : né Spencer dubita che ciò che è divenuto un'associa: zione che ha le radici nell'evoluzione della specie possa essere scartato come non vero. Nonostante questo tentativo di sintesi, tuttavia, Spencer si dichiara per attitudine empirista e a chi gli obietta una sorta di kantismo proprio della sua posizione gnoseologica risponde : « Il punto di vista evolu­ zionistico è un punto di vista assolutamente empirico. Esso si distingue assolutamente dall'antica concezione degli empirici per l'estensione che dà a questa concezione. La concezione di Kant è invece evidentemente assolutamente antiempirica » ( Essays, 18854, III, p. 277). Un'importanza peculiare ha, nell'opera spenceriana, l'evoluzione socio­ logica. La sua teorizzazione lo induce a costruire una sociologia assoluta· mente descrittiva (Descriptive Sociology si intitola un suo lavoro in colla­ borazione con altri, che illustra, in prospetti e tabelle, le condizioni sociali dei diversi popoli) e, in quanto tale, attesa a descrivere l'evoluzione di quel particolare organismo che è la società. Si stabilisce, anzi tutto, . la differenza che intercorre tra l'organismo sociale e l'organismo animale : ed il tratto differenziante si trova nel fatto che, nell'organismo sociale, la coscienza non è attribuita al tutto organico, bensi ai singoli elementi che lo costituiscono. È facile indovinare come la sociologia spenceriana si al­ lontana da quella comtiana, in cui il sociale ha il sopravvento sull'ìndivi­ duale. La caratterizzazione individualistica e borghese della sociologia spiega le tesi spenceriane che si affacciano soprattutto nella Social Statics ( 1892) e in The Man versus the State ( 1884) : l'assoluta inidoneità dello Stato a risolvere i grandi problemi sociali ; l'impossibilità di vincere ogni male sociale ; la necessità di sradicare il pregiudizio legato all'affermazione del diritto divino del parlamento sostituito al diritto divino della monar­ chia ; la necessità di aggiornare il liberalismo, impegnandolo in una lotta di ridimensionamento dell'autorità del parlamento, allo stesso modo in cui il vecchio liberalismo ha combattuto l'illimitata autorità della monar·

440

ANTIMO

NEGRI

chia ; la necessità di far soccombere la pretesa che si possa intervenire, in: un modo qualsiasi, sullo sviluppo della società, per indirizzarla in un senso diverso o per migliorarla. L'evoluzione sociale è quella che è e non può essere che quella che è : c'è come l'indulgenza ad una visione fatalistica del mondo sociale che fa dimenticare l'arte sociale di Comte e l'azione· attribuita da Mill agli uonùni enùnenti, nella vita degli uomini. Nell'evo· luzione sociale cosi intesa, Spencer si limita ad osservare, o appunto a descrivere, il grande passaggio, cui guarda anche Comte, dalla società mili-· tare alla società industriale : la' prima è caratterizzata dal prevalere della autorità dello Stato · sugli individui ; la seconda, dalla libera attività degli individui. Spencer si rende conto che questo secondo tipo di società lascia sopravvivere, in forma esasperata, l'egoismo : di qui, quel suo guardare ad' un terzo e piu alto tipo di convivenza umana in cui possa cessare definiti­ vamente il dissidio tra gli interessi umani. A questo punto, si innesta sulla sociologia la riflessione etica spence­ riana. Centrale, in questa, la distinzione tra l' Etica relativa e l' Etica asso­ luta : l'etica storicamente data e, per dir cosi, la « morale dell'avvenire » . Quest'ultima, dice Spencer, è « codice ideale d i condotta che formula il modo di vivere dell'uomo adatto in una società completamente sviluppata » ( Principles of Ethics, par. 106). Questo codice deve essere alla base di una. « scienza dell'etica assoluta », strumentalmente adoperata per « interpretare· i fenomeni delle società reali nei loro stàti transizionali pieni di mali dovuti alla mancanza di adattamento (che possiamo chiamare stati patologici), per _formare approssimativamente conclusioni vere riguardo alla natura delle anomalie ed i modi di operare che tendono principalmente verso la direzione normale » (ibidem, par. 107). È un'idea dell'etica, questa, che riporta consapevolmente Spencer a Kant, del quale si ricorda l'imperativo­ ca tegorico come una sentenza che « implica il pensiero di una società in cui la massima sia attuata da tutti ed il cui vantaggio universale sia rico· nosciuto come un suo effetto », come un « concetto di condotta ideale sotto condizioni ideali » (ibidem, par. 108). La condotta ideale è la fase finale dell'evoluzione dell'uomo e della società, sollevata all'altezza del concetto , necessario al giudizio morale. Il quale serve a relegare le norme relative· e provvisorie al rango della contingenza, al piano dell'evoluzione morale che non è mai da confondersi con la perfezione morale corrispondente alla perfezione della società, cioè al fine e alla fine dell'evoluzione sociale e morale. Ma resta che la perfezione della società si può avere unicamente· se diventa una realtà storica il terzo tipo di società cui guarda Spencer : una società senza egoismo e senza individualismo. A questo punto il positivismò evoluzionistico di Spencer, sistematicamente sviluppato, prende ad og­ getto l'inconoscibile sociale ed etico, . cadendo nell'utopia (neppure rivolu­ zionaria) e nella metafisica.

4. Sviluppi del posttwlSmo evoluzionistico: Th. Huxley, W. Clifford, G. ]

•.

Romanes, ecc.

Il positivismo evoluzionistico di Spencer prepara, in Inghilterra, piu che la continuità di una corrente di pensiero, l'allargamento di un'area cul­ turale in cui entrano alcuni uomini di scienza e filosofi che discutono, nei diversi campi del sapere scientifico toccati da Spencer, il principio dello· stesso evoluzionismo, interlocutori Spencer ed anche Darwin e Comte, .

Il positivismo

441

con l'ambizione, talvolta, di trovare una propria via di ricerca o di specu­ lazione, soprattutto etica. Piu vicino a Darwin che a Spencer è Tommaso Enrico Huxley (nato a Ealing il 4 maggio 1825, morto a Eastburne il 29 giugno 1895 ), la cui opera fondamentale resta Man's Place in Nature ( 1864). Zoologo di pro­ fessione, ha schiette ambizioni di filosofo. In quanto filosofo, coltiva una forma di agnosticismo (la parola è sua), che non tanto richiama in causa l'« inconoscibile >> spenceriano, quanto piuttosto accenna all'impossibilità di chiudere in una dottrina definitiva la conoscenza delle cose. Si esprime, nell'agnosticismo di Huxley, il senso della provvisorietà, e diremmo della storicità, di ogni sapere scientifico. In quanto all'evoluzionismo, quello di Huxley è stato, talvolta, accostato al materialismo deterministico sette· centesco : e, all'accostamento, ha contribuito, senza dubbio, il suo modo di intendere lo spirito come un epifenomeno del cervello e la coscienza come un effetto dei processi nervosi. Sul piano gnoseologico, Huxley elabora una sorta di sensismo critico, che dà, nel ricordo di Hume (Hume, 1879), la coscienza di una sensazione attuale come unica certezza. Oltre Hume, e contro di lui, ammette, accanto alle impressioni e alle idee, le « impres· sioni di rapporti >> e le « impressioni di impressioni » , quelle dalle quali la mente può ricavare l'impressione dell'uguaglianza tra impressioni uguali. Un'elaborazione personale, dal punto di vista dell'evoluzionismo, della cosa in sé, cui si richiama, come si è visto; l'« inconoscibile >> spenceriano, progetta Guglielmo K. Clifford (nato ad Exteter il 4 maggio 1845, morto a Madera il 3 marzo 1879), professore di matematica applicata e di meccanica all' University College di Londra. Nelle sue opere piu propriamente filoso­ fiche (Seeing and Thinking, 1879; Lectures and Essays, 1880), sostiene che il fenomeno è un aggregato di sensazioni, considerate come mutamenti della coscienza di chi le subisce. In quanto alle sensazioni altrui, egli non · le ritiene possibili oggetti della coscienza di chi non le subisce, trattandosi di espulsioni come possibili oggetti di altre coscienze idonee a persuaderei dell'esistenza della realtà esterna. Lo stesso movimento della materia, fatto · centrale dell'evoluzione, come sviluppo continuo e graduale dall'inorga· nico alla pit1 alta spiritualità, è sempre ,accompagnato da atti espulsivi, oggetti di questa o di quella coscienza. L'identificazione della sensazione e dell'atto espulsivo induce Clifford a ritenere che la sensazione è la stessa cosa in sé. Divulgatore della dottrina darwiniana, che cerca di confortare con gli studi sul sistema nervoso degli animali, è Giorgio Giovanni Romanes (nato a Kingston, nel Canada, il 20 maggio 1848, morto a Oxford il 23 maggio 1894), che, qui, bisogna ricordare soprattutto come autore di Animal lntelli­ gence ( 1881), Mental Evolution in Animals ( 1883) e Mental Evolution in Man ( 1888), in cui cerca di sa ldare in uno stretto rapporto biologia e psi­ cologia. Significativa, da questo punto di vista, un'altra sua opera : Mind and Motion: an Essay on Monism ( 1895), in cui si cerca di fondare una specie di monismo bio-psicologico. Assolutamente incompatibili vede, Ro­ manes, l'evoluzionismo ed . il teismo (A candid Examination of Theism, 1878) : è una tesi radicale ed estremistica dalla quale Romanes pare receda solo negli ultimi anni della sua riflessione ( Thoughts on Religion, 1895). Alla ricerca antropologica e psicologica è rivolta l'opera di Francesco Galton (nato a Duddeston, nel Warwickshire, il 18 marzo 1822 e morto a Haslemere il 17 gennaio 19ll), che particolarmente nelle lnquiries into

442

ANTIMO NEGRI

Human Faculty and its Developement ( 1883), affronta, continuando e completando lo studio avviato in Hereditary Genius ( 1869), il problema dell'eredità inentale e del miglioramento della razza. Alla stessa ricerca è rivolta l'opera di Carlo Grant Allen (nato a Kingston, nel Canada, il 24 ·febbraio 1848, morto a Surrey il 24 ottobre 1899), che procura una psico· logia ed una fisiologia dei sentimenti estetici in Physiological Aesthetics ( 1887) e The colour sense ( 1879) e svolge una serrata critica del teismo in The evolutìon of the idea of God ( 1897). Un positivista che si dedica quasi esclusivamente alla problematica morale è Leslie Stephen (nato a Londra il 28 novembre 1832, morto nella stessa città il 22 febbraio 1904), celebre soprattutto per la sua History of English Thought in 18th Cimtury ( 1876) e per The English Utilitarians ( 1900). Spenceriano, difende l'agnosticismo (Essay on Agnostic's Apology, 1893). Nella sua piu importante opera teoretica ( The Science of Ethics, 1882), svolge alcune implicazioni della morale spenceriana : la · trattazione scientifica dell'etica, per lo meno di quella che Spencer chiama etica rela1:iva, come scitlnza che descrive i fatti morali ; la concezione individualistica della società (la società è un tessuto di cui gli individui sono le fibre); il condizionamento, comunque, dell'individuo alla società ; il superamento, .attraverso l'evoluzione, dell'edonismo nell'utilitarismo ; il fine dell'evolu­ zione etica fatto consistere nel rispetto della legge che stabilisce non tanto

(Emergent Evolution, Londra, 1923, p. 20). Ed anche per Morgan, come per Hohhouse, c'è un Dio, visto, tuttavia, con coscienza presso che pan· teistica : te Questo è il mio credo monistico : che, dovunque c'è nel cosmo progresso ed avanzamento, dio è tutto in tutti, ma in modi e gradi diversi di manifestazione » (Life, Mind and Spirit, Londra, 1926, p. 302). Ma un positivismo panteistico non è piti neppure un positivismo spiritualistico.

IV.

POSITIVISMO TEDESCO

l. Il positivismo etico e sociale : F. Laas, G. ]odl, ecc. Il positivismo, in Germania, si è detto, ha un'ascendenza precisa in Feuerbach : precisamente nel Feuerbach piu materialisticamente orienta· to, ad esempio quello di Spiritualismus und Materialismus ( 1866), a non tener conto del > (ldealismus und Positivismus, l, p. 183). Tra gli idealisti si collo­ cano Platone, Aristotele, Descartes, Spinoza, Leibniz, Rousseau, Kant, Fichte, Schelling, Herbart, Hegel ; tra i positivisti, Protagora, Home, Mill (se ne esclude persino Comte, al quale si muove, in sostanza, l'obiezione che si è vista muovere già da Littré : non essere assolutamente piu il filosofo della « religione dell'Umanità », un positivista). Va tenuto presente, tuttavia, che la collocazione di q�esto o di quel filosofo tra gli idealisti o i positivisti, è diversamente motivata : Kant, ad esempio sarebbe idealista per il carattere matematizzante della sua dottrina ; Fichte per la tendenza all'assoluto del suo pensiero ; Protagora sarebbe un positivista perché so­ stanzialmente un relativista ; Stuart Mill per la sua logica fondamentalmente induttiva ecc. Il positivismo, intanto, nella coscienza di Laas, si pone come la filosofia che deve, storicamente, subentrare all'idealismo . che ha avuto sempre la meglio nella storia del pensiero. Ma si tratta, poi, di un positivismo non troppo corrivo verso l'idealismo. Esso, infatti, vuole

446

ANTIMO NEGRI

essere correlativismo, se parte dal principio di una costante ed indissolu­ bile relazione del soggetto e dell'oggetto della conoscenza, di là dalla quale non si ammette alcuna realtà in sé : l'unica realtà è quella correlazione poi­ ché non si può concepire un soggetto senza un oggetto né un oggetto senza un soggetto. L'idealismo ed il positivismo devono trovare un preciso in­ contro in questa posizione gnoseologica, per la quale la realtà ha un senso solo come « oggetto relativo comune a tutti » ed il soggetto solo come un io che la percepisce e la rappresenta. Dell'idealismo e del positivismo piu schietto, del resto, il correlativismo di Laas condivide il rifiuto di ogni forma di trascendenza. Ciò sul terreno gnoseologico, ma, piu ancora, su quello etico. Qui, l'orizzonte sociale è l'unico che Laas riconosce, elimi­ nandosi ogni riferimento a :valori etici trascendenti, sostenuti sul mito teologico o sulla credenza religiosa. La morale di Laas vuole essere un > (St. d. pos., cit., p. 171 ) : il quale, si badi, pure è un giudizio che va ridi­ mensionato da quando, attraverso la piu recente reazione antidealistica della nostra cultura filosofica, va prendendo quota la figura di Carlo Cat·

Il positivismo

455

taneo e se veramente, tra i positivisti italiani, Roberto Ardigò riesce a guadagnare una sua precisa fisionomia di pensatore sistematico. Ma guardiamo all'« avviata », di cui parla Gentile, del positivismo ita­ liano. Si diceva che una sua ascendenza, se non nella > (ibidem, p. 263). Il positivismo di Ferrari cede ai modi dell'irrazionalismo vitalistico. Da ultimo, la rivelazione morale : « La rivelazione della vita segue la rivelazione delle cose ; alla volta sua la rivelazione morale segue quella della vita. Nella stessa guisa che gli esseri destano in noi la vita, la vita desta in noi un sentimento che ci spinge a sacrificarci >> (ibidem, p. 298). La rive· !azione morale determina le condizioni' della moralità. La moralità, intanto, si estrinseca per intero sul piano sociale, dove trova la spinta nello stesso egoismo dell'uomo. Spiega Santonastaso : « L'utilitarismo morale di Fer· rari poggia sull'impegno delle passioni : l'uomo, pur vivendo dell'interesse, racchiude in sé una forza misteriosa, la forza poetica dell'azione, che oltre­ passa il momento egoistico, da cui egli parte. L'egoismo è l'occasione, non la causa dell'azione >> (Introd., cit., p. 11). La « forza poetica dell'azione umana >> è l'unica forza che può, una volta sconfitta la metafisica, attuare la rivoluzione come « trionfo della filosofia chiamata a governare l'umanità >> (Fil. d. riv., p . l ) : e l'umanità è vista, con ansia illuministico-utopistica, come una umanità affratellata e felice destinata a vivere nel « regno della scienza » , nel > di Comte ed il comunismo di Marx : il saint-simonismo porta Ferrari, positivista soprattutto in quanto antimetafisico, sulle posizioni di un radicalismo socialista egualitario (Sciacca, Il pensiero italiano del Ri­ sorgimento, cit., p. 406, n.) appoggiato piu ad un vagheggiamento ideolo­ gico che ad una scienza sociale. .

2. Il positivismo > di C. Cattaneo. Un piu sicuro temperamento positivo ha, senza dubbio, Carlo Catta· neo. Nato a Milano il 15 giugno 1801, si laurea all'università di Pavia, dopo aver frequentato la scuola di Romagnosi. Nel 1839 fonda una rivista, il >. L'ultimo obiettivo, per Cattaneo come per ogni buon positivista, è la cc cultura sociale >> : la sociologia o, se si vuole, quella cc psicologia delle menti associate » , che è la meta della sua riflessione. La meta di una riflessione positiva, anzi tutto, perché antimetafisica : non a caso, nel suo primo scritto filosofico, con un'attitudine non diversa da quella di Ferrari, Cattaneo, difendendo Romagnosi contro Rosmini, attacca la metafisica, quella cattolica non meno che quella idealistica : cc Li idea­ listi spogliano la nostra persuasione di quelle prove che tutti sentono e riconoscono, e che nessuno. può negare senza esporsi al deriso del volgo, e vi sostituiscono prove caliginose, lambiccate, tali insomma che tosto si con­ fondono con altre contrarie caligini e lamhiccature >> (Delle dottrine di Ro­ magnosi, 1836, in Opere, cit., VI, p. 144). La valutazione del positivo contro il teologico ed il metafisico è evi­ dente. Piu evidente ancora è un altro atteggiamento positivistico di Cat-

458

ANTIMO

NEGRI

taneo : la rivendicazione del primato della coscienza collettiva su quella individuale. C'è in nuce, diremmo, una vera e propria sociologia della conoscenza in questo passo dello scritto Su la Scienza Nuova di Vico (1838), pubblicato in occasione dell'edizione Ferrari, già citata, delle opere del filosofo napoletano : « Se non contempla sé nelli altri ossia nell'istoria, l'uomo crede impossibili i conviti dei cannibali, etc. Non potrebbe mai im­ maginare a priori il mondo della favola, il mondo della musica, il mondo della politica, e le · incantevoli combinazioni della parola, li edifici del cal­ colo astronomico, le creazioni dell'immaginativa, e tutti quei giudizi irre­ sistibili, i quali, sgorgando dalle viscere della società, traggono seco la ragio11:e e la volontà di ogni uomo che vive in quel luogo e in quel tempo, e fanno di lui quasi una seconda natura », (Opere, cit., VI, p. 79). In nuce, c'è anche la « psicologia delle menti associate » , il piu positivistico con­ cetto di . Cattaneo, come > (Opere filosofiche, cit., X, pp. 246-47). Si tratta, dunque, di una crisi che ma­ tura, non di una vocazione sbagliata bruscamente interrotta ; e, dalla crisi, a mantenere intatto lo spirito religioso che si diffonde nella costruzione dello stesso positivismo ardigoniano, si salva unicamente la fede nell'« insegna­ mento morale sublimissimo di Cristo >> (ibidem, X, p. 255), certo non l'apparato delle idee metafisiche e religiose travolte dall'intuizione sensi­ stica, religiosamente demistificante e fortemente anticipatrice di un a ri­ cerca scientifica, di cui si racconta ancora in Guardando il rosso di una rosa, che è poi il rosso di una rosa osservata ed accarezzata nel giardino di una casetta canonicale : « E quindi, se questa idea del rosso, essendo cosi gene­ rale, è un dato del senso, perché non potranno essere un dato del senso tutte le altre, che si vogliono proprie dell'intelletto ? >> (ibidem, X, p. 257).

462

ANTIMO

NEGRI

L'intuizione sensistica favorisce un perentorio gesto di iconoclastia dell'in­ tellettualismo ; ed è lo stesso gesto che, investendo i