Democrazia all'italiana [1 ed.] 8804310502, 9788804310501

La repubblica italiana, a quarant'anni, è viva e vegeta. Alcuni considerano questo fatto un miracolo; molti altri l

123 98 5MB

Italian Pages 395 [407] Year 1988

Report DMCA / Copyright

DOWNLOAD FILE

Polecaj historie

Democrazia all'italiana [1 ed.]
 8804310502, 9788804310501

Table of contents :
IMG_1_2R
IMG_5758_1L
IMG_5758_2R
IMG_5759_1L
IMG_5759_2R
IMG_5760_1L
IMG_5760_2R
IMG_5761_1L
IMG_5761_2R
IMG_5762_1L
IMG_5762_2R
IMG_5763_1L
IMG_5763_2R
IMG_5764_1L
IMG_5764_2R
IMG_5765_1L
IMG_5765_2R
IMG_5766_1L
IMG_5766_2R
IMG_5767_1L
IMG_5767_2R
IMG_5768_1L
IMG_5768_2R
IMG_5770_1L
IMG_5770_2R
IMG_5771_1L
IMG_5771_2R
IMG_5772_1L
IMG_5772_2R
IMG_5773_1L
IMG_5773_2R
IMG_5773a_1L
IMG_5773a_2R
IMG_5774_1L
IMG_5774_2R
IMG_5774a_1L
IMG_5774a_2R
IMG_5776_1L
IMG_5776_2R
IMG_5777_1L
IMG_5777_2R
IMG_5778_1L
IMG_5778_2R
IMG_5778a_1L
IMG_5778a_2R
IMG_5779_1L
IMG_5779_2R
IMG_5780_1L
IMG_5780_2R
IMG_5781_1L
IMG_5781_2R
IMG_5782_1L
IMG_5782_2R
IMG_5783_1L
IMG_5783_2R
IMG_5784_1L
IMG_5784_2R
IMG_5785_1L
IMG_5785_2R
IMG_5786_1L
IMG_5786_2R
IMG_5787_1L
IMG_5787_2R
IMG_5788_1L
IMG_5788_2R
IMG_5789_1L
IMG_5789_2R
IMG_5790_1L
IMG_5790_2R
IMG_5791_1L
IMG_5791_2R
IMG_5792_1L
IMG_5792_2R
IMG_5793_1L
IMG_5793_2R
IMG_5794_1L
IMG_5794_2R
IMG_5795_1L
IMG_5795_2R
IMG_5796_1L
IMG_5796_2R
IMG_5797_1L
IMG_5797_2R
IMG_5798_1L
IMG_5798_2R
IMG_5799_1L
IMG_5799_2R
IMG_5800_1L
IMG_5800_2R
IMG_5801_1L
IMG_5801_2R
IMG_5802_1L
IMG_5802_2R
IMG_5803_1L
IMG_5803_2R
IMG_5804_1L
IMG_5804_2R
IMG_5805_1L
IMG_5805_2R
IMG_5806_1L
IMG_5806_2R
IMG_5807_1L
IMG_5807_2R
IMG_5808_1L
IMG_5808_2R
IMG_5809_1L
IMG_5809_2R
IMG_5810_1L
IMG_5810_2R
IMG_5811_1L
IMG_5811_2R
IMG_5812_1L
IMG_5812_2R
IMG_5813_1L
IMG_5813_2R
IMG_5814_1L
IMG_5814_2R
IMG_5815_1L
IMG_5815_2R
IMG_5816_1L
IMG_5816_2R
IMG_5817_1L
IMG_5817_2R
IMG_5818_1L
IMG_5818_2R
IMG_5819_1L
IMG_5819_2R
IMG_5820_1L
IMG_5820_2R
IMG_5821_1L
IMG_5821_2R
IMG_5822_1L
IMG_5822_2R
IMG_5823_1L
IMG_5823_2R
IMG_5824_1L
IMG_5824_2R
IMG_5825_1L
IMG_5825_2R
IMG_5826_1L
IMG_5826_2R
IMG_5827_1L
IMG_5827_2R
IMG_5828_1L
IMG_5828_2R
IMG_5829_1L
IMG_5829_2R
IMG_5830_1L
IMG_5830_2R
IMG_5831_1L
IMG_5831_2R
IMG_5832_1L
IMG_5832_2R
IMG_5833_1L
IMG_5833_2R
IMG_5834_1L
IMG_5834_2R
IMG_5835_1L
IMG_5835_2R
IMG_5836_1L
IMG_5836_2R
IMG_5837_1L
IMG_5837_2R
IMG_5838_1L
IMG_5838_2R
IMG_5839_1L
IMG_5839_2R
IMG_5840_1L
IMG_5840_2R
IMG_5841_1L
IMG_5841_2R
IMG_5842_1L
IMG_5842_2R
IMG_5843_1L
IMG_5843_2R
IMG_5844_1L
IMG_5844_2R
IMG_5845_1L
IMG_5845_2R
IMG_5846_1L
IMG_5846_2R
IMG_5847_1L
IMG_5847_2R
IMG_5848_1L
IMG_5848_2R
IMG_5849_1L
IMG_5849_2R
IMG_5850_1L
IMG_5850_2R
IMG_5851_1L
IMG_5851_2R
IMG_5852_1L
IMG_5852_2R
IMG_5853_1L
IMG_5853_2R
IMG_5854_1L
IMG_5854_2R
IMG_5855_1L
IMG_5855_2R
IMG_5856_1L
IMG_5856_2R
IMG_5857_1L
IMG_5857_2R
IMG_5858_1L
IMG_5858_2R
IMG_5859_1L
IMG_5859_2R
IMG_5860_1L
IMG_5860_2R
IMG_5861_1L
IMG_5861_2R
IMG_5862_1L
IMG_5862_2R
IMG_5863_1L
IMG_5863_2R
IMG_5864_1L
IMG_5864_2R
IMG_5865_1L
IMG_5865_2R
IMG_5866_1L
IMG_5866_2R
IMG_5867_1L
IMG_5867_2R
IMG_5868_1L
IMG_5868_2R
IMG_5869_1L
IMG_5869_2R
IMG_5870_1L
IMG_5870_2R
IMG_5871_1L
IMG_5871_2R
IMG_5872_1L
IMG_5872_2R
IMG_5873_1L
IMG_5873_2R
IMG_5874_1L
IMG_5874_2R
IMG_5875_1L
IMG_5875_2R
IMG_5876_1L
IMG_5876_2R
IMG_5877_1L
IMG_5877_2R
IMG_5878_1L
IMG_5878_2R
IMG_5879_1L
IMG_5879_2R
IMG_5880_1L
IMG_5880_2R
IMG_5881_1L
IMG_5881_2R
IMG_5882_1L
IMG_5882_2R
IMG_5883_1L
IMG_5883_2R
IMG_5884_1L
IMG_5884_2R
IMG_5885_1L
IMG_5885_2R
IMG_5886_1L
IMG_5886_2R
IMG_5887_1L
IMG_5887_2R
IMG_5888_1L
IMG_5888_2R
IMG_5889_1L
IMG_5889_2R
IMG_5890_1L
IMG_5890_2R
IMG_5891_1L
IMG_5891_2R
IMG_5892_1L
IMG_5892_2R
IMG_5893_1L
IMG_5893_2R
IMG_5894_1L
IMG_5894_2R
IMG_5895_1L
IMG_5895_2R
IMG_5896_1L
IMG_5896_2R
IMG_5897_1L
IMG_5897_2R
IMG_5898_1L
IMG_5898_2R
IMG_5899_1L
IMG_5899_2R
IMG_5900_1L
IMG_5900_2R
IMG_5901_1L
IMG_5901_2R
IMG_5902_1L
IMG_5902_2R
IMG_5903_1L
IMG_5903_2R
IMG_5904_1L
IMG_5904_2R
IMG_5905_1L
IMG_5905_2R
IMG_5906_1L
IMG_5906_2R
IMG_5907_1L
IMG_5907_2R
IMG_5908_1L
IMG_5908_2R
IMG_5909_1L
IMG_5909_2R
IMG_5910_1L
IMG_5910_2R
IMG_5911_1L
IMG_5911_2R
IMG_5912_1L
IMG_5912_2R
IMG_5913_1L
IMG_5913_2R
IMG_5914_1L
IMG_5914_2R
IMG_5915_1L
IMG_5915_2R
IMG_5916_1L
IMG_5916_2R
IMG_5917_1L
IMG_5917_2R
IMG_5918_1L
IMG_5918_2R
IMG_5919_1L
IMG_5919_2R
IMG_5920_1L
IMG_5920_2R
IMG_5921_1L
IMG_5921_2R
IMG_5922_1L
IMG_5922_2R
IMG_5923_1L
IMG_5923_2R
IMG_5924_1L
IMG_5924_2R
IMG_5925_1L
IMG_5925_2R
IMG_5926_1L
IMG_5926_2R
IMG_5927_1L
IMG_5927_2R
IMG_5928_1L
IMG_5928_2R
IMG_5929_1L
IMG_5929_2R
IMG_5930_1L
IMG_5930_2R
IMG_5931_1L
IMG_5931_2R
IMG_5932_1L
IMG_5932_2R
IMG_5933_1L
IMG_5933_2R
IMG_5934_1L
IMG_5934_2R
IMG_5935_1L
IMG_5935_2R
IMG_5936_1L
IMG_5936_2R
IMG_5937_1L
IMG_5937_2R
IMG_5938_1L
IMG_5938_2R
IMG_5939_1L
IMG_5939_2R
IMG_5940_1L
IMG_5940_2R
IMG_5941_1L
IMG_5941_2R
IMG_5942_1L
IMG_5942_2R
IMG_5943_1L
IMG_5943_2R
IMG_5944_1L
IMG_5944_2R
IMG_5945_1L
IMG_5945_2R
IMG_5946_1L
IMG_5946_2R
IMG_5947_1L
IMG_5947_2R
IMG_5948_1L
IMG_5948_2R
IMG_5949_1L
IMG_5949_2R
IMG_5950_1L
IMG_5950_2R
IMG_5951_1L
IMG_5951_2R
IMG_5952_1L
IMG_5952_2R
IMG_5953_1L
IMG_5953_2R
IMG_5954_1L
IMG_5954_2R
IMG_5955_1L
IMG_5955_2R
IMG_5956_1L
IMG_5956_2R
IMG_5957_1L
IMG_5957_2R
IMG_5958_1L
IMG_5958_2R
IMG_5959_1L
IMG_5959_2R
IMG_5960_1L
IMG_5960_2R

Citation preview

Frecce

'\nllllllO

dd

l'oll

26

Democ�;a all"italiana -

strascico, l'occupazione del paese prima da parte delle truppe tedesche e poi di quelle alleate, due devastanti guerre e una conflittualità di classe che ha dato origine al maggiore partito comunista all'opposizione del mondo, per tacere dei disastri economici occorsi strada facendo. In anni più recenti, l'Italia ha dovuto affrontare la violenza politica organizzata su una scala senza precedenti. All'inter­ no, i terroristi sia di destra che di sinistra hanno preso netta­ mente di mira lo stato democratico liberale con la precisa in­ tenzione di determinarne la distruzione. Anche il terrorismo internazionale sfoga la sua rabbia e conduce alcune delle sue azioni militari sul territorio italiano. Ciò nonostante, la nazio­ De è rimasta salda, rifiutando di reagire al terrorismo con mi­ sure repressive. Il sopravvivere di un governo liberale, democratico e repub­ blicano in un paese che prima ha conosciuto feudalesimo, oli­ garchia, monarchia, assolutismo religioso e dittatura fascista è di per se stesso degno di nota. Ancor più se consideriamo che l'attuale repubblica fu davvero un accidente della storia, imprevisto persino da coloro che più ardentemente promuove­ vano l'abolizione della monarchia. Democristiani e comunisti che si aspettavano di diventare, e ci tenevano molto, gli archi­ tetti del futuro dell'Italia postbellica, non amavano né gli uni né gli altri il sistema repubblicano: per i cattolici, repubblica­ nesimo e anticlericalismo erano la stessa cosa, mentre comu­ nisti e socialisti, se gli eserciti sovietici non si fossero fermati sull'Elba, avrebbero entusiasticamente atteso che l' Italia dive· nisse, per usare un'espressione ironica, una « repubblica po­ polare » . Risultò, con sorpresa d i tutti, che gli elettori cacciarono la monarchia e optarono, se pur con stretto margine, per un go­ verno repubblicano. Va riconosciuto che i democristiani si adattarono rapidamente e con un successo allora spettacolare a questa svolta. I comunisti ci misero più tempo, in parte per­ ché ritenevano che la repubblica sarebbe stato un regime tran­ sitorio, presto rimpiazzato da una qualche sorta di stato so· cialista, magari di tipo sovietico. Il governo repubblicano è un accidente storico anche perché

Un paradosso democrallco

27

Franklin Roosevelt e Winston Churchill avevano opinioni contrastanti circa il futuro assetto politico dell'avversario sconfitto. Churchill, più di Roosevelt, si rendeva conto di quanto illimitate fossero le ambizioni territoriali di Stalin in Europa occidentale. Per questo motivo, e forse anche perché si sentiva in perfetto accordo con la monarchia britannica, Churchill era tranquillizzato dal possibile ritorno di casa Sa­ voia al Quirinale. Roosevelt, invece, per ragioni parimenti comprensibili, non ne era affatto entusiasta. Nessuno dei due, in ogni caso, si aspettava neppur lontanamente che in I t alia potesse imporsi un forte e democratico governo repubblicano. E non a torto. Gli auspici per la democrazia italiana erano tutt'altro che favorevoli. La débiìcle fascista aveva lasciato il paese nel caos: la caduta della monarchia creò un serio vuoto politico. I gruppi politici e i sindacati più forti e organizzati del dopoguerra erano quelli legati al Partito comunista. I so­ cialisti erano praticamente controllati da questo partito e pa­ reva chiaro che nella scelta del modello di governo da attuare in Italia la sinistra avrebbe guardato a oriente, a Mosca, e non a occidente. Sarebbero occorsi anni, persino decenni, perché molti comunisti italiani imparassero (o ammettessero) come fosse in realtà la vita politica di là dalla cortina di ferro. Il carattere problematico dell'Italia postbellica ern ben compreso nelle capitali occidentali. All'alba del Piano Mar­ shall e della Nato, erano in molti a Washington, Londra e Pa­ rigi a dubitare che l' Italia potesse mai essere costruttivamente inclusa nel Patto Atlantico. Nella stessa Italia, e in particolare fra alcuni importanti esponenti della Democrazia cristiana, c'erano profonde riserve circa l'opportunità che il paese si al­ lineasse con l'Occidente nella politica internazionale del dopo­ guerra. Furono necessari i coraggiosi sforzi di numerosi ed eminenti ambasciatori italiani per persuadere i vincitori alleati da un lato, e leader come Alcide De Gasperi dall'altro, che il vero destino dell' Italia era nel blocco occidentale dei paesi de­ mocratici .9 La democrazia italiana, dunque. non sorse come una fenice dalle ceneri del fascismo e della guerra; né fu una formula di governo elaborata e concordata in anticipo dai principali pro-

28

Democraz.ia al/'italiana

tagonisti della politica italiana del dopoguerra. Benito Musso­ lini aveva promesso ai suoi connazionali una Terza Roma, ab­ bellita da imperiali splendori e in nessun modo confondibile con le democrazie occidentali che il Duce tanto disprezzava. Il timore che Adolf Hitler potesse vincere da solo la guerra e ac­ caparrarsi il bottino eclissò l 'opinione iniziale di Mussolini che il nazismo rappresentasse il momento più oscuro e dege­ nerato della storia tedesca. Di qui l'aggressione alla Francia e l 'avvio dell' I talia non verso nuove glorie imperiali ma, piutto­ sto, verso l ' orlo del disastro e oltre. Pochi fra coloro che ere­ ditarono questa follia, inclusi i più ardenti antifascisti, ritene­ vano possibile che venisse edificato nella sua scia un sistema democratico , impostato sul modello liberale repubblicano.

Una democrazia problematica La guerra lasciò l ' Italia in uno stato di estrema prostrazio­ ne. Si calcolava che due terzi della capacità economica del paese fossero andati distrutti. Non ci furono Dresda italiane, città rese irriconoscibili dai bombardamenti aerei degli Allea­ ti, ma centri chiave dell'industria furono messi fuori uso e il sistema ferroviario devastato. La tanto celebrata macchina da guerra fascista non solo risultò essere, come buona parte del regime, una costosa farsa, ma il suo donchisciottesco spiega­ mento dissanguò le risorse del paese, precipitando l 'industria indietro nel tempo. Col 1 945 la capacità produttiva del paese era scesa notevolmente al di sotto del livello del 1 938, un an­ no di depressione. IO La devastazione era anche psicologica e morale, acutamen­ te ritratta dai grandi film del dopoguerra come Roma, città aperta e Ladri di biciclette. La maggior parte degli italiani aveva sostenuto il fascismo, dapprima con riluttanza, poi con sfacciato entusiasmo. La vergognosa conquista dell' Etiopia, ampiamente condannata in Occidente, fu con altrettanta am­ piezza acclamata in Italia come il primo passo verso il nuovo impero romano. Infine, i creatori del mito fascista persuasero la maggior parte degli italiani che la famigerata Marcia su Ro­ ma era stata compiuta da una lunga, gloriosa colonna di eroi

Un paradosso democratico

29

guidata da Mussolini, anziché dalla banda di gentaglia, di de­ linquenti politici che in effetti fu. Soprattutto, gli italiani fini­ rono con l'apprezzare il sistema di « legge e ordine » del Du­ ce, e certamente lo preferirono al caos che aveva preceduto l'avvento dello stato fascista. Finché non si arrivò al disastro, Mussolini riuscì a darla a bere a quasi tutti che le conquiste economiche e militari del regime erano senza pari . Non sappiamo per certo quanti furo­ no quelli che ingenuamente credettero alla propaganda secon­ do cui la scienza fascista aveva inventato un « raggio della morte » capace di neutralizzare l'aviazione nemica a mezz'a­ ria. Sappiamo però che milioni di casalinghe italiane (e italoa­ mericane) risposero immediatamente alla richiesta di Mussoli­ ni che le spose donassero le fedi matrimoniali per contribuire alle i mprese volute dal fascismo. È assolutamente falso sostenere che il fascismo fu la follia di un solo uomo, che seppe imporsi su un popolo riluttante, così come è falso che l' Italia sotto il fascismo non fosse antisemita. In Italia non vi furono, è vero, quei massacri di ebrei che dove­ vano segnare per sempre la psiche tedesca; ma la maggior par­ te della popolazione collaborò disciplinatamente alla versione fascista della persecuzione contro gli ebrei che si impose su pressione di Hitler. Per giunta, molte eminenti personalità ro­ mane, papa compreso, sapevano della depravazione nazista eppure non pronunciarono una sola parola di protesta. Quando la prospettiva di sconfitta militare si avvicinò alla certezza matematica, i fascisti più intransigenti compirono l' ultimo sforzo per mutare il corso della storia: al Nord for­ marono, con il Duce, la cosiddetta Repubblica di Salò, cosi innescando una feroce guerra civile. Questa guerra-dentro-la­ guerra mise i vicini contro i vicini, i fratelli contro i fratelli, i figli contro i padri . A un certo punto, metà dell ' Italia si era arresa all 'invasione delle forze alleate, mentre l'altra metà in certi settori lottava contro le truppe alleate e in altri contro le truppe naziste. Si arrivò a una situazione che era, a dir poco, tanto spaventosa quanto ignobile. Non si trattava certo di un terreno solido su cui erigere una democrazia . Eppure la repubblica democratica ha già celebra-

26

Democraz;aall';taliana



strascico, l'occupazione del paese prima da parte delle truppe tedesche e poi di quelle alleate, due devastanti guerre e una conflittualità di classe che ha dato origine al maggiore partito comunista all'opposizione del mondo, per tacere dei disastri economici occorsi strada facendo. In anni più recenti, l'Italia ha dovuto affrontare la violenza politica organizzata su una scala senza precedenti. All'inter­ no, i terroristi sia di destra che di sinistra hanno preso netta­ mente di mira lo stato democratico liberale con la precisa in­ tenzione di determinarne la distruzione. Anche il terrorismo internazionale sfoga la sua rabbia e conduce alcune delle sue azioni militari sul territorio italiano. Ciò nonostante, la nazio­ ne è rimasta salda, rifiutando di reagire al terrorismo con mi­ sure repressive. 11 sopravvivere di un governo liberale, democratico e repub­ blicano in un paese che prima ha conosciuto feudalesimo, oli­ garchia, monarchia, assolutismo religioso e dittatura fascista è di per se stesso degno di nota. Ancor più se consideriamo che l'attuale repubblica fu davvero un accidente della storia, imprevisto persino da coloro che più ardentemente promuove­ vano l'abolizione della monarchia. Democristiani e comunisti che si aspettavano di diventare, e ci tenevano molto, gli archi­ tetti del futuro dell' Italia postbellica, non amavano né gli uni né gli altri il sistema repubblicano: per i cattolici, repubblica­ nesimo e anticlericalismo erano la stessa cosa, mentre comu­ nisti e socialisti, se gli eserciti sovietici non si fossero fermati sull'Elba, avrebbero entusiasticamente atteso che l'Italia dive­ nisse, per usare un'espressione ironica, una « repubblica po­ polare ». Risultò, con sorpresa di tutti, che gli elettori cacciarono la monarchia e optarono, se pur con stretto margine, per un go­ verno repubblicano. Va riconosciuto che i democristiani si adattarono rapidamente e con un successo allora spettacolare a questa svolta . I comunisti ci misero più tempo, in parte per­ ché ritenevano che la repubblica sarebbe stato un regime tran­ sitorio, presto rimpiazzato da una qualche sorta di stato so· cialista, magari di tipo sovietico. Il governo repubblicano è un accidente storico anche perché

Un paradosso d�mocrQtlCO

27

Franklin Roosevelt e Winston Churchill avevano opinioni contrastanti circa il futuro assetto politico dell'avversario sconfitto. Churchill, più di Roosevelt, si rendeva conto di quanto illimitate fossero le ambizioni territoriali di Stalin in Europa occidentale. Per questo motivo, e forse anche perché si sentiva in perfetto accordo con la monarchia britannica, Churchill era tranquillizzato dal possibile ritorno di casa Sa­ voia al Quirinale. Roosevelt, invece, per ragioni parimenti comprensibili, non ne era affatto entusiasta. Nessuno dei due, in ogni caso, si aspettava neppur lontanamente che in Italia potesse imporsi un forte e democratico governo repubblicano. E non a torto. Gli auspici per la democrazia italiana erano tutt'altro che favorevoli. La débacle fascista aveva lasciato il paese nel caos: la caduta della monarchia creò un serio vuoto politico. I gruppi politici e i sindacati più forti e organizzati del dopoguerra erano quelli legati al Partito comunista. I so­ cialisti erano praticamente controllati da questo partito e pa­ reva chiaro che nella scelta del modello di governo da attuare in Italia la sinistra avrebbe guardato a oriente, a Mosca, e non a occidente. Sarebbero occorsi anni, persino decenni, perché molti comunisti italiani imparassero (o ammettessero) come fosse in realtà la vita politica di là dalla cortina di ferro. Il carattere problematico dell'Italia postbellica era ben compreso nelle capitali occidentali. All'alba del Piano Mar­ shall e della Nato, erano in molti a Washington, Londra e Pa­ rigi a dubitare che l'Italia potesse mai essere costruttivamente inclusa nel Patto Atlantico. Nella stessa Italia, e in particolare fra alcuni importanti esponenti della Democrazia cristiana, c'erano profonde riserve circa l'opportunità che il paese si al­ lineasse con l'Occidente nella politica internazionale del dopo­ guerra. Furono necessari i coraggiosi sforzi di numerosi ed eminenti ambasciatori italiani per persuadere i vincitori alleati da un lato, e leader come Alcide De Gasperi dall'altro, che il vero destino dell' Italia era nel blocco occidentale dei paesi de­ mocratici.9 La democrazia italiana, dunque, non sorse come una fenice dalle ceneri del fascismo e della guerra; né fu una formula di governo elaborata e concordata in anticipo dai principali pro-

30

Democrazia all'italiana

to il SUO quarantennale. È una repubblica solida: non solo ha superato le condizioni straordinariamente avverse che prece­ dettero e accompagnarono la sua nascita, ma ha imparato a camminare, e talvolta a correre, per conto suo. Se vi son stati momenti di regressione, sembra si siano risolti in una ancor più forte determinazione a far funzionare la repubblica. Molte Cassandre sono tuttora inclini a seppellire la repub­ blica, ma sono in schiacciante misura superate dal numero de­ gli italiani che sicuramente provano un piacere perverso a in­ gannarle. Sospetto, inoltre, che nel complesso gli italiani sia­ no assai più orgogliosi di questo loro straordinario risultato politico di quanto siano disposti ad ammettere. Il linguaggio della politica italiana è cosi tronfio e così allusivo a un con­ flitto e a una guerra non mitigati, e gli italiani così autodeni­ gratori nel descrivere la loro politica che bisogna guardare al di là di tutto ciò per sapere davvero come vadano le cose. A questo punto, siamo prigionieri dell'altra immagine fos­ silizzata dell'Italia: quella che porta i giornalisti della NBC e altri a chiedersi com'è che la repubblica sta ancora in piedi. Simili discorsi senza senso non possono essere comunque sol­ tanto tali. Il gioco delle poltrone scambiate tra ministri, le cri­ si di governo, gli attentati terroristici negli aeroporti e nelle stazioni, l'inflazione con percentuale a due cifre, i megascan­ dali che raggiungono persino il banchiere favorito del papa sono solo alcuni dei sintomi che inducono gli studiosi a dare ai loro libri titoli come Italia: una repubblica incerta, Esiste il governo in Italia? o Sopravvivere senza governare. Alcuni commentatori ce l'hanno messa tutta per ritrarre una democrazia italiana destinata, se non all'oblio, certamen­ te a un qualche mortale scontro coi suoi nemici . Il paese viene descritto come pericolosamente « polarizzato », una parola che evoca l'immagine di due gruppi estremisti armati fino ai denti e pronti ad azzuffarsi a tal punto da garantire che la pri­ ma e principale vittima dello scontro sarebbe il sistema demo­ cratico. Un quadro ancor più allarmante ritrae gli italiani co­ me degli egoisti anarchici, cosi decisi a difendere i propri inte­ ressi e cosi ostinatamente contrari agli interessi altrui da gene­ rare la guerra di tutti contro tutti di cui parla Hobbes. Con

Un paradosso democratico

31

immagini di questo genere a permeare la coscienza della gen­ te, non stupisce che Ronald Reagan, parlando a nome di tanti altri, chieda come va « la crisi » italiana. Se una democrazia viene varata in circostanze cosi proble­ matiche; se le strutture delle sue istituzioni di base appaiono cosi fragili; se il clima politico permane cosi tempestoso che il paese pare solo vacillare da una crisi all'altra; e se gli stessi italiani continuano ad ammonire che le secche del completo disastro sono vicine e ineludibili, allora possiamo facilmente essere perdonati se consideriamo la sopravvivenza del giorno dopo giorno, e dell'anno dopo anno, paradossale, persino mi­ racolosa. Ancor più sconcertati saremo quando scopriremo l'esten­ sione del benessere economico e materiale dell' Italia. Questo paese distrutto dalla guerra è oggi la quinta potenza economi­ ca mondiale. La qualità della vita è fra le più alte del mondo. L' Italia è una calamita per milioni di turisti l'anno che, oltre ad ammirare la leggendaria profusione di bellezze artistiche e naturali, possono rendersi conto, se sono minimamente atten­ ti, che qualcosa di giusto nel modo in cui il paese viene gover­ nato deve esserci. È impossibile far rientrare l'Italia di oggi, in ogni senso, negli stereotipi che sul paese abbondano.

Una poliarchia democratica Nelle pagine che seguono, vedremo come e perché l'Italia sia meno paradossale di quel che sembra. Diversi temi fonda­ mentali percorrono questo libro. Primo, la società italiana è permeata dalla politica e il sistema democratico è concentrato nelle mani delle élite dei partiti. I leader politici sono ben più abili nella gestione del paese di quanto la maggior parte delle persone, e specialmente gli stessi italiani, sia disposta ad am­ mettere. Secondo, gli italiani, cosa in un certo qual modo sor­ prendente dati gli enormi cambiamenti degli ultimi decenni, restano politicamente raggruppati in tre maggiori subculture; e buona parte di quel che accade nella società italiana, vita politica inclusa, ruota attorno a queste tre subculture e ai loro reciproci rapporti. Terzo, l' Italia ha una forma di governo

32

Democrazia all'italiana

non palese che sembra antidemocratico ma non lo è. In ogni caso, è l'unica forma di governo democratico praticabile qui, tenendo conto di certe realtà che discuteremo particolareggia· tamente più avanti . Quarto, alcuni avvenimenti storici, in spe­ cie la recente parentesi fascista, hanno contribuito a creare in Italia un radicato e diffuso impegno verso lo stato democrati­ co. Infine la democrazia italiana manifesta un alto grado di partecipazione, che però non si esplica necessariamente nei modi che sono caratteristici di altre società democratiche. Se l'esperienza italiana ci insegna qualcosa, è l'esistenza di una miriade di aspetti dell' impegno politico del cittadino comune che servono a rafforzare il coinvolgimento nel sistema demo­ cratico. Per allestire la scena di quanto seguirà, dobbiamo subito mettere in evidenza che abbiamo effettivamente a che fare con una democrazia. Naturalmente, quello di democrazia è un concetto che sfugge a ogni facile definizione. Possiamo senza dubbio convenire che l'Italia, come tutte le altre demo­ crazie rappresentative, non somiglia a quelle classiche dell'an­ tica Grecia. La democrazia italiana non soddisfa pienamente neanche le condizioni della poliarchia, sebbene ne sia molto meno lonta­ na di quanto tanti critici e detrattori del sistema italiano vor­ rebbero farci credere. Per poter essere definito una poliarchia democratica, un sistema deve soddisfare alcune condizioni. l l E fra queste: i l diritto dei cittadini d i esprimere l e proprie pre­ ferenze; di formare e riunirsi in organizzazioni; di candidarsi per le cariche pubbliche allo scopo di realizzare quelle prefe­ renze; di opporsi pacificamente alle preferenze degli altri, compresi coloro che formano il governo; di avere accesso alle informazioni e agli strumenti che le producono e diffondono; e di far accettare o rifiutare le proprie preferenze, in quanto proposte politiche, sia attraverso libere elezioni, sia attraverso procedure che attribuiscano egual peso a tutti i cittadini, alle loro preferenze, ai loro voti. L'elenco è lungo, e nessun sistema democratico contempo­ raneo ne soddisfa ogni punto. Nel caso della democrazia ita­ liana si lamenta, come ho già fatto notare, la sua incapacità a

Un paradosso democratico

33

stabilire un rapporto fra i risultati elettorali, la formazione del governo e l'emanazione delle direttive politiche. Valutere­ mo questo problema più avanti nel corso del libro . Al mo­ mento, è sufficiente ripetere che, là dove si tratta della forma di partecipazione politica e dei suoi effetti sull'azione di go­ verno, vi sono tanti modi per praticarla quanti sono i vicoli ciechi . Dobbiamo stare attenti a non escludere la validità della strada italiana solo in ossequio alle definizioni teoriche. Per quanto riguarda la maggior parte delle altre condizioni necessarie a una poliarchia, l' Italia non se la cava affatto ma­ le. I l suffragio universale non solo è ben radicato , ma si tra­ duce anche in una partecipazione molto più assidua che in quasi tutte le altre democrazie. l requisiti per ottenere una ca­ rica pubblica sono analoghi a quelli delle altre democrazie, e coloro che con successo si candidano per una carica elettiva la manterranno solo fin quando, con le elezioni successive, gli elettori continueranno a confermargliela. Per giunta, nessu­ no, nemmeno le Forze Armate, potrebbe pensare di opporsi ai risultati elettorali, se non sul piano costituzionale o legale. L'Italia è cosi imparziale verso coloro che ambiscono a una carica pubblica che persino chi è in carcere, accusato di gravi crimini, talvolta può candidarsi e, se eletto, entrare in Parla­ mento. Il Partito radicale ha fatto di questa manovra una del­ le sue specialità. Il caso più singolare fino ad oggi si è verifi­ cato nel 1983. quando i radicali presentarono ed elessero alla legislatura nazionale Toni Negri, allora in carcere in attesa di processo, accusato di essere uno dei « cervelli » delle Brigate rosse. Quando fu chiaro che il Parlamento avrebbe votato per il neoeletto la revoca dell'immunità parlamentare, così che potesse affrontare il processo, Negri scappò a Parigi, a quei tempi il paradiso degli espatriati italiani sospettati o condan­ nati per terrorismo. Non molto tempo fa, Negri lamentò pub­ blicamente che il Parlamento italiano, col meschino pretesto che egli non era regolarmente presente a Roma. gli inviasse soltanto metà del suo stipendio di parlamentare. In questa oc­ casione il governo mostrò d 'essere duro d'orecchi. Ma il fatto che lo stato paghi Negri, per quanto poco. la dice lunga circa l'atteggiamento dell'Italia verso le norme di legge e la sua lOl-

34

Democrrn;aall';la/iana

leranza in politica. Toni Negri è, nei suoi scritti, un nemico giurato dello stato italiano. Secondo gli standard americani, britannici o tedeschi in Ita­ lia la libertà pare confinare con l'arbitrio e l'anarchia. La stampa è certamente libera, sebbene poggi su una struttura proprietaria che solleverebbe perplessità in qualche altra de­ mocrazia. Le comunicazioni di massa inoltre in Italia risulta­ no assai più politicizzate che in altre democrazie, ma ciò po­ trebbe significare semplicemente che questo aspetto è solo più palese qui che altrove. D'altro lato, i mass media italiani di­ vulgano materiale che in altri paesi democratici sarebbe consi­ derato oltre i limiti della « pubblica decenza » e, in molti casi, diffamatorio. Negli ultimi mesi, chi divulga dannose afferma­ zioni su altri ha adottato una linea difensiva all'americana: si tratta di « giornalismo investigativo » e chi lo pratica non è te­ nuto a rendere pubbliche le fonti delle sue incriminanti affer­ mazioni. Tutte pretese senza fondamento: un autentico gior­ nalismo investigativo in Italia è frequente tanto quanto una bufera di neve a Capri. D'altro lato, a differenza di paesi come Stati Uniti e Gran Bretagna, gli italiani non accettano di buon grado la chiusura di importanti testate come conseguenza inevitabile della « ma­ no invisibile » del mercato libero. Al contrario, il governo concede ingenti sussidi perché il giornale continui a uscire. Questa linea di condotta è estesa persino a testate radicali co­ me « il Manifesto » che ben di rado ha una parola gentile per il governo. Se, come alcuni sostengono, gli italiani non leggo­ no molto - né di politica né d'altro - non dipende certo da una stampa noiosa o conformista. Per quanto riguarda i partiti politici e i gruppi di pressione, gli italiani non hanno avuto alcuna riluttanza a secondarne la proliferazione. I partiti politici più noti sono sei, sebbene non sia inconsueto che gli elettori ne trovino il triplo o il quadru­ plo sulla scheda elettorale. Questi partiti non nascono solo per parteCipare al governo repubblicano; alcuni di essi aperta­ mente intenderebbero cambiare radicalmente il sistema se ot­ tenessero un numero sufficiente di voti. Finora questo non si

Un paradosso democratico

3S

è verificato, e probabilmente mai si verificherà, tuttavia la li­ bertà di base c'è. La democrazia italiana non conosce leggi speciali. Qui non vi sono cacce alle streghe come quelle che negli Stati Uniti so­ no legate ai nomi di Salem, di Sacco e Vanzetti, o del senatore Joseph McCarthy. Anche se gli equivalenti italiani di Ethel e Julius Rosenberg dovessero essere condannati per alto tradi­ mento, l'ergastolo, non la sedia elettrica, sarebbe la pena più severa. La peggior cosa che si possa dire del modo in cui in Italia vengono trattati gli oppositori politici della repu bblica arrestati per terrorismo è che essi, come chiunque altro venga arrestato per qualsiasi presunto crimine, possono languire in prigione per anni prima di venire processati. D'altro lato, i terroristi non solo sopravvivono in prigione ma ricevono notoriamente un buon trattamento. A differenza del gruppo terrorista Baader-Meinhof, in Germania occiden­ tale, non li si trova morti nelle loro celle, e il loro decesso non viene dichiarato ufficialmente caso di suicidio, commesso in carceri di massima sicurezza. Il sistema della giustizia italiana certamente non è privo di imperfezioni, e alcuni sosterranno che la più grave di tutte è la crescente tendenza dei giudici a divenire volontari strumenti di cause e gruppi politici, inclusi quelli terroristici. Esaminere­ mo questo aspetto più avanti, affrontando il problema di quanto le istituzioni attuali necessitino di cambiamenti. Qui, all ' inizio di questa analisi, l'importante è non fare confronti diffamatori: non si può credere che, giudicando gli altri sistemi politici, noi si stia sul Monte Olimpo. Dal punto di vista degli italiani, comunque, non è affatto evidente che le condizioni poliarchiche o democratiche che troviamo altrove siano superiori a quelle presenti in Italia. Il fatto che grandi masse di americani non partecipino alle elezioni sembra agli italiani cosa strana e irresponsabile. Il modo in cui il governo britannico tratta i terroristi in Irlanda del Nord secondo molti italiani supera i limiti che le norme democratiche imporrebbe­ ro al governo. Il numero degli americani al di sotto della co­ siddetta soglia di povertà e la percentuale di disoccupazione in Gran Bretagna fanno pensare agli italiani che vi siano aspetti

36

Democrazia all'italiana

del loro sistema democratico che funzionano meglio rispetto a quelli di altre ben più antiche democrazie. L ' Italia non solo soddisfa le condizioni della poliarchia ma riesce a farlo nonostante una gamma di fattori esistenziali che, in molti altri posti, renderebbe la poliarchia democratica fortemente improbabile, o la metterebbe a repentaglio. Ciò potrebbe significare che una poliarchia, una volta istituita, ha molta più capacità di durare di quanto noi crediamo. Oppure può voler dire che una più ampia gamma di fattori contestua­ li, inclusi alcuni che inizialmente possono apparire incompati­ bili col sistema democratico, possono in realtà favorire la de­ mocrazia.

Alcuni apparenti paradossi Prima di passare a esaminare questa ipotesi, dobbiamo enumerare alcuni aspetti specifici della politica italiana che rendono la sua democrazia paradossale agli occhi di molti. Consideriamo quanto segue: • I n Italia c'è il Partito comunista più vasto, più forte e per molti versi più abile fra quelli presenti nelle diverse democra­ zie. Nondimeno, questo partito non solo si è astenuto da qualsiasi gesto sovversivo, per non parlare di atti rivoluziona­ ri, contro le istituzioni e i processi democratici, ma nei mo­ menti critici si è mosso senza ambiguità per sostenerli e raf­ forzarli. • In percentuali molto più alte di quelle che troviamo in al­ tre democrazie (talvolta qualcosa come otto o nove intervista­ ti su dieci), gli italiani dichiarano di non interessarsi di politi­ ca, di non avere fiducia nelle proprie istituzioni, di non discu­ tere mai di politica in famiglia, con gli amici o coi vicini . Ep­ pure vanno alle urne molto spesso, e con affluenze da record. • La vita media di un governo italiano è di circa dieci mesi, e dalla fine degli anni quaranta ve ne sono stati quarantasette. Alcune crisi di governo provocano elezioni nazionali in cui gli elettori dovrebbero presumibilmente premiare e punire, modi­ ficare la maggioranza parlamentare, e così produrre le condi­ zioni per una nuova e diversa coalizione di governo. Tuttavia,

Un paradosso democralico

31

questo non è capitato mai . Di elezione in elezione, i cambia­ menti della percentuale di voti che va ai partiti della sinistra, del centro e della destra sono pressoché impercettibili. Gli italiani criticano ferocemente e incessantemente il go­ verno. Ne conoscono i punti deboli; e con l'aiuto dei mass media, sempre vigili e politicamente schierati, sanno identifi­ care i farabutti, i colpevoli, i demoni, gli apparati e i partiti politici responsabili delle sue deficienze, reali o presunte. Ciò nonostante, qui nessun furfante viene mai allontanato da una carica. Non si è mai verificata quell 'alternanza che prevede di sostituire, di quando in quando, i partiti al potere con quelli all'opposizione. In realtà, un esame più attento dell'assem­ blea legislativa nazionale rileva che il sistema parlamentare italiano è affatto privo di opposizione. Potremmo facilmente aggiungere altri paradossi. Gli osser­ vatori esterni trovano strano, per esempio, che un paese cat­ tolico, come l 'Italia si suppone sia, manifesti un anticlericali­ smo tanto impetuoso. Questi stessi cattolici , malgrado ciò che il Vaticano può dire in proposito, danno al Partito comunista circa un terzo dei voti . Per giunta, lungi dal fiorire dove la povertà è diffusa, i comunisti sono più forti in alcune delle re­ gioni più ricche della penisola e spesso più deboli in quelle più povere. Non è paradossale, oltreché ironico, che un governo, nono­ stante il forte deficit della spesa pubblica, sia incapace di prendere severe misure contro gli evasori fiscali , la maggior parte dei quali sarebbe facilmente identificabile se ce ne fosse davvero l'intenzione? E si dovrebbe sbigottire o rabbrividire per un governo che dapprima, e deliberatamente, permette milioni di violazioni alle norme sull'edilizia e i piani urbanisti­ ci, e poi fa passare una legge che « perdona » le infrazioni e garantisce l'amnistia in cambio di multe modeste? E come dovremo giudicare il dato della disoccupazione cre­ scente, mentre sempre più numerosi sono i dipendenti pubbli­ ci che terminano la loro giornata di « servizio » alle due, e poi si dedicano a una seconda attività nella cosiddetta economia sommersa, ovvero non dichiarata (cioè non tassata)? Tutti i progetti di legge che mirano a riformare alcune di queste si-

38

Democrazia all';ta[iana

tuazioni O si impantanano nelle commissioni parlamentari o, se mai vengono approvati, sono prontamente sabotati dagli stessi burocrati, in combutta con coloro che rischiano di ri­ metterci se certe norme vengono modificate. Questa situazione, che certamente alcuni italiani trovano intollerabile, dovrebbe dar luogo alI' « alienazione » politica, all'ostilità verso la cosiddetta « classe politica » e alla mancan­ za di rispetto per le istituzioni e le persone elette o incaricate di presiederle. Se fosse vero, le scosse del sistema politico do­ vrebbero raggiungere livelli sismici. E un giorno o l'altro po­ trebbe succedere, ma fino qui se ne vedono ben pochi segnali; né la democrazia italiana pare avviata su questa strada. AI contrario, una democrazia recente che pareva promette­ re poco quarant'anni fa è oggi in buona forma e avviata su una strada relativamente diritta. Per molti versi, la democra­ zia di stile italiano sembra in migliori condizioni di tante altre più antiche (per esempio Belgio, Olanda, e persino Francia e Gran Bretagna) che invece paiono incapaci di risolvere i pro­ pri problemi. E ora, esaminiamo più da vicino questo peculiare e interes­ sante sistema politico.

Il Noi, la gente

Sessanta milioni di italiani hanno tutti una stessa sorta di feti. cismo: mostrarsi uno diverso dall'altro. Non solo gli altezzosi residenti di Milano o Torino odiano essere scambiati per na· poletani o siciliani - sentimenti che questi contraccambiano cordialmente - ma anche gli abitanti di paesi situati a pochi chilometri l'uno dall'altro vanno fieri della loro superiorità culturale rispetto ai vicini. Naturalmente persino gli italiani riconoscono di somigliarsi fra loro più di quanto non somiglino agli altri, dividendo non solo la lingua, il modo di vestire e molti altri aspetti del costu­ me, ma anche certi valori, modi di comportarsi e canoni di pubblica moralità che sono intimamente connessi alla politi­ ca. Tutti questi elementi possono essere valutati secondo le conseguenze negative, positive, miste o neutre che hanno sulla democrazia. Gli stereotipi e le immagini dominanti dell'Italia a questo riguardo non sono affatto incoraggianti. Giacomo Leopardi, uno tra i massimi scrittori e poeti dell'Ottocento, disse che gli italiani non solo mancavano di sentimenti nazionali, ma an­ che di un qualsiasi senso della società. ' Quindi erano privi di moralità pubblica, di rispetto per gli altri e di quel minimo di considerazione per l'opinione pubblica che rende possibile la vita civile. Leopardi dipinge gli italiani come persone sfrena­ tamente egoiste e inguaribilmente ciniche il cui maggiore e forse esclusivo piacere nella vita è deridere l'umanità, a co­ minciare da se stessi. Leopardi parla ancora di « una vivacità del carattere ilalia·

no [ . . . ] che fa loro preferire i piaceri degli spettacoli, e gli altri diletti de' sensi a quelli più particolarmente propri dello spiri­ to e che gli spinge all'assoluto divertimento, [ . . . ] e alla negli­ genza e pigrizia ». Tutto quel che amano, continua Leopardi, si riassume nella passeggiata serale, nello spettacolo e nelle ce­ rimonie di chiesa, che sono naturalmente sempre uno spetta­ colo, sebbene di altro tipo. Preferiscono i trattenimenti di ga­ Ia, sacri o profani, alla conversazione. Se poi conversano, è soprattutto per mettere in ridicolo una terza persona e con pa­ role « costantemente fredde, calcolate, indifferenti, insensibi­ li, più assai che negli altri popoli ». Quel po' di conversazio­ ne, aggiunge Leopardi, non è altro che « una pura e continua guerra senza trattati, e senza speranza di quartiere, benché questa guerra sia di parole e di modi e sopra cose di niuna so­ stanza, pure è manifesto quanto ella debba disunire e alienare gli animi di ciascuno da ciascuno » . Non è un bel quadro. Ma s e osserviamo c o n p i ù attenzione questo famoso saggio, ci rendiamo conto che Leopardi sta fa­ cendo proprio ciò che critica aspramente, e per una buona ra­ gione: che egli ammira proprio quegli aspetti del « carattere nazionale » che dà a intendere di detestare. Perché? Perché, dice, gli italiani ridono della vita e sono consapevoli della va­ nità delle cose. L 'italiano medio, aggiunge, è più filosofo dei filosofi stranieri. Questa non è esattamente un'accusa. Suggerisce piuttosto che gli italiani sono più flessibili e tolleranti di quanto l'esage­ rata retorica della loro discussione politica faccia credere. In effetti, il livello di tolleranza è cosi sbalorditivo che un osser­ vatore incauto potrebbe esserne erroneamente indotto a cre­ dere che l'italiano medio sia privo di principi o che non si dia affatto pensiero se il sistema politico funzioni bene o no. Forse la cosa più offensiva che Leopardi ha da dire sugli italiani è che essi non sono, a suo modo di vedere, disposti a sacrificare alcunché, per quanto banale, all'opinione pubbli­ ca. l'italiano, sostiene leopardi, vive solo nel presente: non ha senso del futuro, quindi il futuro gli è indifferente. E poi­ ché organizza la propria vita senza curarsi di qualsiasi pro­ .pel t i v a , non si espone a obblighi. Per Leopardi, queste carat-

NOI, /a gente

41

teristiche sono di ostacolo a una efficace organizzazione so­ ciale_ Se pure consentono l'esistenza di una società, questa sa­ rà solo uno strumento per esplicitare l'avversione e la disunio­ ne fra gli uomini ; infiammerà le passioni naturali che gli uo­ mini reciprocamente nutrono, soprattutto verso i più imme­ diati vicini; condurrà infine a una generalizzata condizione di misantropia_ Insomma, a giudizio di Leopardi la penisola è infestata da abitudini e costumi che sono locali e provinciali, anziché na­ zionali e universali, e da una forma di individualismo che ra­ senta l'anarchia_ Quanto al senso civico, esso è molt o raro. meticolosamente limitato alle prescrizioni esplicite della legge. Per il resto, l'italiano si sente libero di fare esattamente quel che gli detta la sua disposizione, intralci o no gli altri . E se in­ tralcia, spetterà agli altri non lasciar passare sotto silenzio il suo comportamento. « Gli usi e i costumi in Italia, » conclude Leopardi « si riducono generalmente a questo, che ciascuno segua l'uso e il costume proprio, qual che egli sia. »

Un ritratto contemporaneo In che rapporto sta questo quadro poco lusinghiero con i cittadini italiani di oggi, con quei protagonisti della democra­ zia contemporanea che sono il principale oggetto dell'attività politica? In una certa misura, la descrizione calza a pennello, specialmente dove registra il tempo speso a deridere i falli­ menti e più ancora le vanità altrui. E indubbiamente, soprat­ tutto fra i maschi, che sono sia strumenti sia vittime del ma­ schilismo, la vita è una lotta: un combattimento corpo a cor­ po in cui riuscire a umiliare gli avversari è ancor più appagan­ te che sconfiggerli. Dal punto di vista politico, tuttavia, quali meriti si possono riscontrare in queste o altre caratteristiche notate da Leopar­ di? In primo luogo, è assai poco probabile che l'italiano me­ dio possa prendere troppo sul serio qualsiasi leader politico, compresi quelli con pretese dit tatoriali. Ciò non basta a impe­ dire che un Mussolini vada al potere, ma riduce la possibilità

42

DemocrazIa all'ilal.ana

che i regimi politici cosi instaurati possano somigliare a quelli di Stalin o Hitler,2 In secondo luogo, e Leopardi ne era consapevole, gli italia­ ni non sono affatto indiscriminati o irresponsabili nei loro at­ tacchi contro gli altri . Quanto meno, estendono doveroso e cauto rispetto ai potenzialmente potenti e agli amici e ai po­ tenziali amici dei potenti. Essi danno prova di una fine cono­ scenza della natura del potere che, come già altrove notato, risale all'epoca romana. Come eredi del Machiavelli, sono acutamente consapevoli della necessità di dare il giusto valore al potere e, ciò che più conta, di non esagerare e non abu­ sarne. Queste caratteristiche può darsi rendano gli italiani meno idealisti e più cinici dei cittadini di altre democrazie, persino quella francese; ma li rendono anche assai più inclini a trova­ re qualche sistema efficace per evitare che la guerra di tutti contro tutti sfugga al controllo. Cioè, parallela alla guerra c'è la convinzione che ogni conflitto può essere appianato e che per ogni problema esiste una soluzione, anche se temporanea e imperfetta. Numerosi e importanti aspetti del processo poli­ tico che esamineremo nei capitoli successivi riflettono questo orientamento di fondo. Per il momento è sufficiente dire che un atteggiamento simile implica negli italiani un pragmatismo che tende a essere messo in ombra dalla infocata retorica ideologica dei politici e degli intellettuali. Per giunta, malgrado la sua penetrante intuizione, Leopar­ di sembra aver sottovalutato l'importanza della propria giusta osservazione secondo cui la guerra è soprattutto guerra di pa­ role. Viene adoperato, è vero, un linguaggio molto crudo tan­ to per le questioni più banali quanto per le più sconvolgenti. Ma in realtà, nella cultura italiana, la guerra di parole neutra­ lizza una più profonda aggressività, sublimata e rimossa, che in altre società può portare alla persecuzione dei prigionieri politici, alla guerra civile, al genocidio. Se la politica italiana non è tutta fatta di parole vuote, lo è almeno in misura suffi­ ciente ad assicurare che nella sostanza si sviluppi un atteggia­ mento tollerante e accomodante nella soluzione dei problemi politici . In effetti, gli italiani sanno da secoli che la politica è

NOI, la gente

43

l'arte del compromesso e che senza questa consapevolezza nessuna democrazia è possibile. Certo, l'Italia di oggi offre infinite manifestazioni di indivi­ dualismo egocentrico, di arrogante mancanza di rispetto per gli altri, per la società e le sue norme, tutte caratteristiche menzionate da Leopardi e da molti altri scrittori. II traffico è caotico, i pedoni devono imparare alla svelta la differenza tra i vivi e i morti. La cortesia può variare, capricciosamente, dalla più calorosa espansività al nulla. Far la fila ordinata­ mente è cosa affatto sconosciuta, e nessuno s'aspetta di cssl!r� trattato in base a norme universalmente ricor.osciut� eli ge'lI' lezza o equità, Chi affronta la vita aspettandosi di essere trat· tato con imparzialità, tanto nel pubblico quanto nel privato, c considerato un « fesso » , colpevole di un tipo di stupidità da evitare a ogni costo.' Paradossalmente, questo individualismo egocentrico e que­ sta lotta per evitare di essere considerati fessi non attizza o rafforza il conflitto e l'aggressività; piuttosto, li mitiga. Gli egoisti smodati e gli individualisti che esaltano la propria po­ tenza, quantunque non restii al rischio (tendono, anzi, ad es­ sere giocatori d'azzardo) sono di rado gente che, nel vero sen­ so della parola, osa. Al contrario si sobbarcano una conside­ revole fatica per ridurre al minimo il rischio; e quindi lavora­ no sodo per imparare alla perfezione le regole sia formali che effettive del sistema, E si lamentano meno di quanto facciano i tipi più idealisti o ingenui quando notano il grande divario fra la forma e la sostanza delle regole. Per esempio, gli auto­ mobilisti italiani sono molto abili perché imparano ad aspet­ tarsi da tutti gli altri una guida criminale e pericolosa. Nessu­ no ha bisogno che gli ricordino di guidare con attenzione, se rischia tutti i giorni la vita, Analoghe considerazioni si posso· no estendere alla maggior parte delle attività quotidiane, dalle più banali, come far la spesa dal verduraio o andare e tornare dal luogo di lavoro, alle più infauste, come lo sono tutte le forme di contatto con l'autorità pubblica, L'individualismo egocentrico, inoltre, porta alla ricerca del­ le eccezioni alla regola e delle scappatoie, A qualunque ceto appartengano, gli italiani si aspettano di trovarne sempre; di

44

DemocrtU..a all'italiano

rado credono che il sistema sia in pratica tanto democratico quanto prescrive la costituzione o come sostengono i libri di scuola. Ma anziché infuriarsi per questa discrepanza, impara­ no ad accontentarsi e con l'andar del tempo spesso elaborano delle forme di compromesso assai creative. Questa visione della realtà e il modello di adattamento che implica determinano inoltre un notevole grado di tolleranza, anche ufficiale, verso i trasgressori. Atteggiamento esteso per­ sino ai terroristi colpevoli di omicidio. Gli osservatori esterni , sbagliando, prendono la tolleranza p e r debolezza o lassismo morale. Gli italiani, a loro volta, considerano molte procedu­ re delle democrazie più antiche poco più che ipocrisie purita­ ne. In ogni caso, la pratica italiana ha una funzione pacifica­ trice sui conflitti potenzialmente destabilizzanti. Fra i molti stereotipi accumulati sugli italiani dai sostenitori del « carattere nazionale », si potrebbe evidenziare quanto se­ gue: gli italiani sono molto emotivi, trasformano in teatro le cose più normali della vita. Un luogo comune, certamente na­ to a Napoli, vuole che gli italiani siano persone irrefrenabil­ mente felici, capaci di mettersi a cantare in qualsiasi situazio­ ne, anche quella che altrove provocherebbe pianto. Accanto a questa scena c'è il suo opposto - gente che si crogiola nel dol­ cela, niente, nell'amabile pigrizia. Se quest ' ultima immagine non quadra con l'individualismo e la propensione al comportamento anarchico appena descrit­ ti, o con la frenesia che accompagna buona parte delle attività quotidiane del paese, tanto meglio. Così risalta maggiormente l'ambiguità di simili asserzioni. Gli italiani può darsi ridano della vita; ma la prendono anche tanto sul serio che faticano pur di trovare sollievo dai suoi aspetti più fastidiosi, più noio­ si, più minacciosi. L'economia ufficiale può sembrare nel caos . Ma l'economia non ufficiale difficilmente avrebbe rag­ giunto le proporzioni che ha, non fosse stato per l'avidità di tanta gente che svolge due o tre lavori alla volta. Quanto al cantare, gli italiani vi si abbandonano in modo più naturale di altri, ma non è che vi siano più degli altri pro­ pensi, soprattutto davanti all'avversità o al disastro. Se tanti italiani cantano, forse è perché sanno che le statistiche ufficia-

Noi, la genie

45

li sulla disoccupazione, l'inflazione, il drenaggio fiscale, la tassazione, il reddito pro capite sono, come tante altre cose in Italia, ben lontane dal mostrare la situazione reale del paese. Quanto all'acuta osservazione di Leopardi secondo cui gli italiani suoi contemporanei vivevano solo nel presente, con poca o nessuna considerazione del futuro, si potrebbe altret­ tanto facilmente sostenere che oggi gli italiani hanno circa il futuro preoccupazioni ossessive. Per esempio, l 'indice del ri­ sparmio è fra i più alti dei paesi industrializzati, salvo il Giap­ pone. Gli italiani risparmiano, nonostante tutti i discorsi sulla cattiva gestione dell'economia e le terribili prec.izioni s u c,,, che il futuro può riservare. Un modello, questo, che p G CO s'intona con l 'immagine del vivi-oggi-piangi-domani.

Valori nuovi e vecchi Il guaio degli stereotipi è che persistono a lungo, anche do­ po che quel briciolo di verità che ha favorito la loro comparsa è svanito. Oggi è di un'evidenza schiacciante che gli sviluppi demografici, economici e sociali verificatisi negli ultimi qua­ rant'anni abbiano anche modificato la gente. In realtà, molte delle trasformazioni nella società sono avvenute perché gli ita­ liani come individui sono cambiati. Prendiamo a esempio la ben nota aspirazione italiana a tro­ vare un posto di lavoro fisso, garantito per tutta la vita, ovve­ ro a sistemarsi. È l'accorta preoccupazione di trovare e man­ tenere un lavoro, in uno scenario di povertà dove il lavoro è assai scarso. E questa fu la condizione costante dell' Italia, at­ traverso i secoli. Nel Sud sottosviluppato, un impiego statale, comportando sia la permanenza in carica per tuna la vita, sia un certo prestigio. è da sempre considerato il simbolo della s;­ stemazione. La gara per accaparrarsi simili posti ha fatto sì che molti cercassero dei protettori politici in grado di conce­ dere questa forma di sicurezza economica. Il bisogno di sistemarsi, ovvero di trovare un posto fisso, non è più tanto forte come in passato, ma esiste ancora. La sua persistenza riflette e rinforza l 'aspetto clientelare della po­ litica italiana che esamineremo nel prossimo capitolo. Nondi-

46

DemocrQ4;a all'italiana

meno, molti studi mostrano che i giovani hanno, riguardo al futuro e ai soldi, meno ansie dei loro genitori. Le nuove gene­ razioni sono meno inclini a considerare un impiego statale la carriera migliore. Inoltre, sono meno propense a considerare lo stato la principale organizzazione responsabile della soddi­ sfazione dei loro bisogni. In un certo senso, questi giovani so· migliano ai loro coetanei americani che, a differenza dei geni­ tori, non hanno vissuto il trauma e l'insicurezza della Grande depressione. Questa generazione più giovane fra la fine degli anni ses­ santa e l'inizio degli anni settanta innescò movimenti di prote­ sta, che rappresentarono, se non altro, una vibrata denuncia contro lo stato che stava facendo ben poco per preparare i giovani a lavorare e a vivere in migliori condizioni di autorea­ lizzazio ne. Alcuni hanno visto in questi movimenti di azione collettiva un nuovo sistema di valori sorto perché le famiglie erano più ricche e i giovani non avevano più bisogno di anda­ re a lavorare tanto presto e tanto duramente come in passato. In quegli anni si ebbe l'impressione non solo di un attenuarsi deU'individualismo e della nascita di una maggiore solidarietà fra nuove generazioni, ma anche dell'emergere di una propen­ sione a unirsi ad altri, in organizzazioni volontarie non legate ai partiti politici, alla ricerca del bene collettivo. Quanto sono cambiate davvero le cose? Una risposta a que­ sta domanda si può trovare chiedendosi quanto sia importan­ te per i giovani italiani d'oggi la famiglia.' Nuovi atteggia­ menti verso la vita dovrebbero presumibilmente, prima o poi, influenzare i loro comportamenti e i loro atteggiamenti. Ci aspetteremmo che risparmiassero di meno, che fossero meno inclini dei loro genitori, o in generale delle persone più anzia­ ne, a considerare la famiglia l' unità attorno alla quale si orga­ nizzano il benessere e la sicurezza economici, come pure l'i­ dentità e le affiliazioni politiche. Gli indizi sono contraddittori. Per esempio, se i giovani hanno una maggiore tendenza ad acquistare con pagamenti dilazionati, è vero anche che la forte propensione al risparmio caratterizza tutti gli strati d'età e le categorie di reddito.' Quanto all'importanza della famiglia in Italia, come anche al-

Noi, lo genie

47

trove, i genitori non sono più le figure autoritarie che ieri di­ spensavano sicurezza. Nel 1 969, quando si chiese a un cam­ pione di italiani in chi riponessero fiducia, il 72 per cento del campione menzionò i membri della propria famiglia, il 21 per cento disse gli amici, il 5 per cento indicò il coniuge, il 14 per cento dichiarò semplicemente di non aver fiducia in nessuno. Più di un decennio dopo, nel 1 983, su una analoga campiona­ tura di giovani, solo il 59 per cento menzionò la propria fami­ glia, il 33 nominò gli amici, l' I I per cento il coniuge. Quelli che non si fidavano di nessuno erano il 1 2 per cento, il che suggerisce che non vi sia alcun cambiamento fea i c i n i ', ; (stre­ mi. Ma anche la riduzione dell'importanza at t r i b u i t a di :-:lem­ bri della famiglia, sebbene notevole, non individua u n radica­ le spostamento di valori . Su questioni di diretta rilevanza politica, i risultati delle due indagini sono più singolari. È indiscutibile, per esempio, che gli italiani più giovani, molto più dei loro anziani, si dicano incerti sul valore dell'iscrizione a un partito politico o della partecipazione a organizzazioni ideologiche. L'autenticità di simili atteggiamenti è suffragata dalle informazioni disponibi­ li circa i tipi di organizzazioni cui questi giovani effettivamen­ te aderiscono. I giovani tendono a evitare sia i partiti politici sia le organizzazioni ausiliarie dei partiti, come le federazioni giovanili. Inoltre evitano i sindacati che sono organlaazioni importantissime per alcuni dei maggiori partiti. D'altro lato, la partecipazione ad associazioni religiose, ri­ creative e sportive è chiaramente in aumento. Inoltre, se nel 1969 tre giovani su dieci riponevano fiducia nel clero, oggi il numero è sceso a molto meno di uno su dieci. Gli insegnanti se la passano anche peggio; solo un giovane su cento li consi­ dera degni di fiducia. Queste sono statistiche difficili da interpretare. L'unità ba­ se impegnata nel risparmio summenzionato è la famiglia. Buona parte del recente progresso materiale italiano si fonda sullo sforzo cooperativo di queste unità che ora gli studiosi definiscono come: « La Famiglia, S.p.A. ».' Il numero delle imprese a carattere familiare in cui due o più persone sono lu­ crosamente impiegate è assai più elevato oggi che in passato.

48

Democrtll.iaall 'jtaliana

Queste stesse famiglie sono responsabili di circa 1'80 per cento di tutto il risparmio in Italia, un fatto davvero notevole. Nel 1984, la metà delle famiglie risparmiava, e nel 30 per cento delle famiglie che non risparmiavano il fatto di spende­ re tutto quello che si guadagnava non era una necessità ma una scelta. Non solo questa forma di accumulazione di capi­ tale è straordinaria, ma i risparmiatori hanno assunto un at­ teggiamento assai meno tradizionale su come investire il pro­ prio denaro. Non foss'altro, gli alti tassi d'inflazione degli ul­ timi anni hanno indotto la gente a rifuggire dai depositi di ri­ sparmio e a preferire buoni del tesoro indicizzati e investire in titoli e in fondi comuni d'investimento, molti dei quali vengo­ no oggi venduti porta a porta da funzionari specializzati. Ne­ gli ultimi mesi, la crescita esplosiva della borsa valori di Mila­ no indica che questo smisurato risparmio di famiglia sta diri­ gendosi sempre più verso i mercati finanziari locali. In un paese impantanato nella miseria fino a pochi decenni fa, oggi solo un cittadino su quattro non possiede immobili. Il sessanta per cento delle abitazioni è proprietà di privati: il nu­ mero dei proprietari di casa è più alto fra gli italiani che fra gli americani. Nell'ultimo decennio è esploso anche il numero delle seconde case, di solito case per le vacanze. L'aumento del livello di reddito, del risparmio e dell'acquisto di prime e seconde case non solo implica che la famiglia gode di buona salute, ma significa anche che alcuni degli elementi più radica­ ti della conflittualità politica, capaci di erodere il governo de­ mocratico e le sue istituzioni, sono stati fortemente attenuati. L'attuale condizione degli italiani non è chiaramente quella in cui potrebbero trovare vasta risonanza movimenti o ideologie radicali. II benessere è favorito anche dal ridimensionamento della famiglia. L'indice di natalità, una volta fra i più alti d'Euro­ pa, è ora fra i più bassi - pari a quello di Danimarca e Ger­ mania occidentale - ed è circa la metà di quello dell' Irlanda cattolica. Oggi la crescita annua di popolazione è pari a quella dei Paesi Bassi, circa un terzo di quella della Francia, e solo un ott avo di quella dell' Irlanda. Quanto all'età media in cui ci si sposa, fra i paesi europei solo in Danimarca è più alta che

Noi, lo gente

49

in Italia. I demografi temono che nel 1 987 l'Italia non sia più in grado di mantenere quel tasso demografico che determina l'attuale livello numerico della popolazione.' Questi ed altri rilevanti mutamenti avvenuti in Italia nel do­ poguerra sono semplicemente sconvolgenti. Se la percentuale dei divorzi in Italia è più bassa che altrove in Europa, ciò ri­ flette al tempo stesso la presenza del cattolicesimo e la costan­ te importanza attribuita alla famiglia. Inoltre il divorzio è un diritto acquisito relativamente di recente e le tendenze dal mo­ mento della sua entrata in vigore, dieci anni fa, a oggi indica­ no che anche in questo gli italiani raggiungeranno prc" " gli altri paesi europei . I sociologi della famiglia sostengono che, secondo gli stan­ dard occidentali , quella italiana continua a essere fortemente autoritaria. Le femministe lamentano che la tanto dibattuta nuova parità fra moglie e marito sia limitata per lo più all'a­ spetto economico della famiglia. Sono ancora le donne a cuci­ nare e a sbrigare le faccende domestiche anche se adesso, co­ me le casalinghe americane, sono « aiutate ) dai congegni elettronici. Il residuo di rapporto maschiocentrico e maschilista fra i due sessi è difficile da rimuovere. [ movimenti e le organizza­ zioni femministe in Italia spingono in questa direzione, ma il progresso è lento. In Italia, come altrove, anche le donne dei movimenti di protesta e rivoluzionari finivano col CUCinare e badare alla casa per i loro compagni armati . Alcune di loro, tuttavia, hanno imbracciato a loro volta le armi e sono fra i più pericolosi terroristi. Ad ogni modo, la condiscendenza che le femministe americane spesso esprimono nei confronti delle sorelle italiane è ingiustificata in quanto trascura di vedere, in termini relativi, quanta strada abbiano percorso le donne ita­ liane - da sempre il perno centrale della famiglia nucleare negli ultimi decenni.

Famiglia e politica Il problema è se la centralità della famiglia, il suo persisten­ te carattere autoritario, i suoi aspetti patriarcali o maritocen­ trici continuino ad avere le implicazioni politiche degli anni

.50

Dmtocna.;a all'ilaliana

passati. Le famiglie votano ancora unite come una volta? La risposta è: probabilmente no, sebbene sia necessario aggiun­ gere anche che, in una certa misura, questa unità non è mai esistita. Per esempio, è ben noto che sono le donne, in misura assai maggiore degli uomini, a sostenere la Democrazia cri­ stiana. Anzi, se alla fine della guerra non fosse stato esteso il suffragio alle donne, il Partito comunista e il Partito sociali­ sta sarebbero saliti immediatamente al potere e ci sarebbero rimasti. Come vedremo nel capitolo V, il fatto che il voto de­ mocristiano venga per lo più dalle donne ha contribuito a ral­ lentare l'erosione del supporto elettorale della Dc che ora il ri­ cambio generazionale sta producendo. I cambiamenti del ruolo delle donne, della loro posizione sociale e dei loro rapporti all'interno della famiglia, dell'istru­ zione e delle opportunità di lavoro senza dubbio hanno libera­ to molte di loro dalla dilagante influenza elettorale del pulpi­ to. Ciò è riscontrabile soprattutto nel Sud e nel Nordest, re­ gioni tradizionalmente cattoliche dove la Dc ha trovato fino ad anni recentissimi la sua forza più solida e sicura. In queste regioni, la perdita di consenso elettorale della Democrazia cri­ stiana non si sarebbe verificata, o sarebbe stata meno netta, se non fossero intervenuti alcuni radicali cambiamenti nel vo­ to delle donne. In effetti sono in atto due cambiamenti paralleli che non hanno necessariamente conseguenze simili. I nuovi valori del­ le giovani generazioni, incluso il loro atteggiamento verso ge­ nitori e famiglia, potrebbero incoraggiare un voto più indi­ pendente, fondato più di quanto fosse in passato sui pro­ grammi o sui candidati, piuttosto che sull'identificazione con i partiti. Se ciò è vero, dovremmo aspettarci di vedere sempre meno italiani votare sulla base della maggiori « famiglie » po­ litiche, o delle subculture a cui appartengono. Tuttavia, come mostrerò più avanti, il tanto vantato cambiamento nei valori dei giovani fin qui sembra aver avuto solo un impatto margi­ nale sulla politica elettorale. La liberazione delle donne non è detto che porti nella stessa direzione. In passato, sembra chiaro che molte mogli cattoli­ c:be hanno sostenuto la Democrazia cristiana, mentre i loro

No;, lo genie

�1

mariti votavano per la sinistra. Dunque la liberazione delle donne significherà che in futuro marito e moglie, entrambi ora più liberi di compiere scelte elettorali individuali, voteran­ no in modo più compatto, come una famiglia unita? È troppo presto per dirlo. 11 punto è che gli effetti politici di certi cam­ biamenti della società sono difficili da predire. Per giunta, le subculture politiche in Italia hanno una tale capacità di resi­ stenza che dobbiamo stare attenti a trarne la conclusione che la cosiddetta società postindustriale le renderà obsolete.' 11 movimento femminista, i movimenti studenteschi degli anni sessanta, lo Statuto dei lavoratori emesso alla fine di quel decennio, più alti livelli di istruzione e alfabetizzazione non hanno determinato solo il modificarsi dei rapporti fra moglie e marito, fra genitori e figli, ma hanno avuto l'ulterio­ re effetto di indurre gli italiani a una quantità senza preceden­ ti di discussioni pubbliche e private sui diritti garantiti loro dalla costituzione repubblicana. Può darsi sia difficile docu­ mentare come questo processo rinforzi la democrazia, ma si può sicuramente sostenere che non la danneggia. Sappiamo per certo, in ogni caso, che gli atteggiamenti della gente verso le istituzioni del governo negli ultimi anni sono assai migliora­ ti, e anche questo cambiamento può essere il riflesso di una più profonda e diffusa convinzione e cioè che, nonostante tut­ te le sue imperfezioni, il sistema in vigore può essere adeguato alle necessità individuali.

Effetti delle subculture politiche Le tre subculture storiche in Italia sono quella cattolica, quella di sinistra (ovvero marxista) e quella laica.' Ognuna di esse ha profonde radici che risalgono ai primi conflitti fra chiesa e stato, alle dinamiche del Risorgimento e alla nascita della nazione, ai movimenti e alle ideologie di sinistra di que­ sto secolo. Simbolizzate elettoralmente dai partiti politici che ne costituiscono il vertice, le subculture si esprimono tramite una rete di altre organizzazioni che vanno dai sindacati e dai gruppi studenteschi alle cooperative di consumatori, alle co­ munità religiose, alle associazioni ricreative: strumenti quoti-

S2

Democrazio o/l'ilolio1U1

diani attraverso i quali i partiti fanno sentire la loro presenza e quindi mantengono una salda presa sull'elettorato. Su una base di continuità, queste organizzazioni ausiliarie hanno espresso i valori e l'ideologia di ogni subcultura, rinforzan­ dola. Anche questo modello però è cambiato e cosi molti osserva­ tori ritengono che il cambiamento dovrebbe incidere profon­ damente sulla politica elettorale. Prendiamo, a esempio, la questione dell'appartenenza ad alcuni di questi gruppi subcul­ turali. Una volta la Federazione giovanile comunista italiana (Fgci) era un'organizzazione formidabile che contava mezzo milione di iscritti. Le iscrizioni cominciarono a calare all'ini­ zio degli anni settanta, ma ricevettero un'iniezione di entusia­ smo a metà del decennio, quando il cosiddetto movimento eu­ rocomunista stava avvicinandosi al suo apice. Poi di nuovo un calo, in parte anche perché l'euforica adesione all'eurocomu­ nismo si era a sua volta lentamente esaurita. Oggi la Fgci con­ ta meno di cinquantamila membri, che nei loro pubblici con­ vegni non risparmiano al Partito comunista franche e palesi critiche. Se le cifre degli iscritti alla Fgci sono in qualche mo­ do indicative del seguito che il Pci trova fra i giovani, il parti­ to farebbe bene a suonare l'allarme. La crisi è stavolta reale! Alla subcultura della Democrazia cristiana non è andata molto meglio. Le sezioni del\' Azione cattolica italiana che re­ clutano giovani e studenti universitari hanno subito un decli­ no. Questa erosione riflette la notevole disaffezione dei giova­ ni cattolici verso i modi autoritari dell' Azione cattolica, orga­ nizzazione di laici sotto la giurisdizione della gerarchia eccle­ siastica. lo Inoltre, molti giovani cattolici criticano severamen­ te i legami dell' Azione cattolica con certe disapprovate cor­ remi della Democrazia cristiana e la sua incapacità a premere con maggior successo per la riforma del partito. Come le loro comroparti della Fgci, i giovani cattolici sono delusi dal parti­ to politico che rappresenta la loro subcultura nelle elezioni e nel governo.

Mentre il Pci non ha inventato nulla per sostituire la Fgci, i giovani cattolici si sono uniti in una nuova organizzazione di massa, Comunione e liberazione. Questa organizzazione non

Noi. la genIe

53

è formalmente legata alla Dc cui anzi, in certo senso, si oppo­ ne. Comunque, Cl, come viene chiamata, ha esplicite aspira­ zioni politiche e idee di programma, ed è pronta a intrapren­ dere un'azione diretta per riformare la Dc. Cl combina la for­ te esigenza di elevati modelli di moralità pubblica con un al­ trettanto forte sospetto verso le soluzioni predilette dalle ideo­ logie di sinistra. Ne sono attratte centinaia di migliaia di gio­ vani cattolici, convinti che la politica dovrebbe più esplicita­ mente riflettere i valori religiosi e pronti a dare il loro soste­ gno a candidati Dc che rappresentino o che siano sostenuti da Cl. Tutto induce a ritenere che CI sia una forza con cui la Dc e, anzi, l'intero paese dovranno fare i conti. Comunione e liberazione sembra essere parte della rinascita a livello mondiale dei movimenti religiosi che attira soprattut­ to i giovani, ma anche riflette una ripugnanza assai più diffu­ sa per la politica e le organizzazioni politiche di vecchio stam­ po. Senza dubbio, molti dei militanti di Cl hanno in mente considerazioni di questo tipo. Tuttavia, vista la storia italia­ na, i membri delle subculture laica e di sinistra tendono a ve­ dere Cl come la versione aggiornata delle numerose altre or­ ganizzazioni collegate alla chiesa il cui obiettivo è imporre al paese l'integralismo. Il termine si riferisce allo sforzo della chiesa cattolica, vecchio di secoli, di foggiare l'Italia secondo i propri valori e desideri e di usare l'apparato statale per man­ tenere il sistema così com'era quando fu concepito. Milioni di ferventi cattolici, inclusi quelli i cui canoni di etica pubblica e moralità politica appartengono alle sfere più elevate, sono im­ pegnati in questo senso. Se i cattolici si preoccupano delle spinte antidemocratiche del comunismo, chiunque altro, comunisti compresi, teme che l'integralismo" abbia implicazioni egualmente minacciose. L'integralismo getta la scura ombra del Vaticano su tutta la penisola. Molti in Italia si opposero all'eurocomunismo di Enrico Berlinguer e al suo compromesso storico perché teme­ vano che avrebbe portato al potere due partner, la Dc e il Pci, egualmente impegnati in una visione fondamentalmente tota­ litaria della società e della sua gestione politica. Gran parte della diffidenza che molti nutrono per CI poggia sul presup-

54

l)emocrll1.;a all'italiana

posto che essa favorisca il predominio ' politico cattolico. Le dichiarazioni di papa Giovanni Paolo II, negli ultimi anni, sui rapporti fra società e politica contribuiscono ad alimentare questo sospetto. Sospetto che a sua volta favorisce il perdura­ re delle tre subculture. Se la gente è meno disponibile che in passato a entrare in organizzazioni che sono espressione di queste subculture poli­ tiche; se, come molti sostengono, è più incline a formare e partecipare a gruppi di interesse che somigliano a quelli degli Stati Uniti, questo non dovrebbe avere evidenti conseguenze sui maggiori partiti? In teoria, sì; ìn pratica, no - o almeno, non ancora. Il declino di una organizzazione importante come la Fgci sembra non aver compromesso il successo elettorale del Partito comunista. Quanto alla Democrazia cristiana, Co­ munione e liberazione può darsi le abbia portato nuovi voti delle generazioni più giovani, ma pare incapace di invertire il declino generazionale dell'appello elettorale democristiano. Valori nuovi e il relativo declino delle organizzazioni delle subculture politiche può darsi non incidano immediatamente sulle fortune dei partiti politici il giorno delle elezioni. Tutta­ via dovrebbero certamente riflettersi sulla formazione dei fu­ turi leader dei partiti e del governo. Ciò ovviamente vale per il Partito comunista, i cui leader hanno quasi sempre compiuto il loro apprendistato in un'organizzazione ausiliaria come la Fgci. Ed è quasi altrettanto valido per la Dc, di cui sono molti i leader che cominciarono l'attività politica nei ranghi dell' A­ zione cattolica. Può darsi che gli effetti di questi mutamenti siano a scop­ pio ritardato e che verranno avvertiti solo dopo un certo nu­ mero di anni. È anche possibile che, a mano a mano che i be­ nefici portati da simili organizzazioni scemano, si rendano di­ sponibili altri meccanismi che mettano i partiti, così come le loro identità subculturali, in condizione di durare. Vengono subito alla mente i mass media che, lungi dal rimuovere i con­ fini rra i gruppi nella società di massa, in effetti aiutano a rin­ forzare queste identità distinte. Un altro elemento mi pare rilevante: il rapporto rra orga­ nizzazi o ni di massa e partiti politici è dinamico e ciclico. Per

Noi. la gente

55

un partito oggi può essere di importanza cruciale una certa organizzazione, domani un'altra. Similmente, il modo in cui le organizzazioni si rapportano ai partiti può cambiare, anche radicalmente, nel corso del tempo. I sindacati dei lavoratori ce ne forniscono un eccellente esempio.

La sfera sindacale

I sindacati italiani, come gli altri sindacati europei e a diffe­ renza di quelli americani, sono sempre stati profondamente politicizzati. Negli anni del primo dopoguerra, le due princi· pali confederazioni sindacali furono intimamente eoinvolte nella lotta fra democristiani e comunisti. In effetti, a livello microcosmico, la Confederazione generale italiana del lavoro (Cgil), dominata dai comunisti, e la Confederazione italiana sindacati lavoratori (Cisl), dominata dalla Dc, riprodussero il più vasto conflitto internazionale, durante la Guerra Fredda, fra Est e Ovest. 1 2 Anche se queste importanti organizzazioni sindacali potreb­ bero giustamente sostenere di non essere state meri strumenti dei partiti politici con cui venivano identificate, sono state di certo fra i principali mezzi attraverso cui questi partiti si sono rivolti agli elettori. In anni più recenti, lo stesso Partito socia­ lista, con Bettino Craxi, ha sentito la necessità di assicurar>! che una delle confederazioni, l 'Unione italiana del lavoro (UiI), fosse strategicamente a sua disposizione. AI contrario, nessun partito politico americano si è mai sognato di fare dei sindacati l'uso che ne hanno fatto in Italia i partiti di sinistra e i democristiani. Oggi i sindacati sono in declino, vittime delle recenti tra­ sformazioni dell'Occidente che ovunque hanno preso di con­ tropiede le organizzazioni operaie." Dalle dichiarazioni dei leader sindacali italiani trapela una posizione difensiva e una falsa sicurezza; le baldanzose parole sul più roseo futuro del­ la « società postindustriale » a fatica mascherano il senso di rabbia e disperazione che molti di questi leader debbono pro­ vare. È comprensibile: nello spazio di un decennio, il movi­ mento sindacale è passato da una condizione di inimmagina-

56

Democrazio all'italiano

bile potere a una di disastrosa degenerazione. AI pari dei sin­ dacati di altri paesi, quelli italiani non sanno come interpreta­ re, o come adattarvisi, alle trasformazioni economiche e so­ ciali verificatesi durante la cosiddetta seconda rivoluzione in­ dustriale. Le statistiche ci dicono qualcosa sul cambiamento e sul de­ clino dei sindacati. Attualmente la forza lavoro è di 23 milioni di persone, di cui 6,7 milioni donne. Circa il 36 per cento è occupato nell'industria, il 52 per cento nel terziario, ovvero i « servizi » , e il restante nell'agricoltura. Nel 1 985 i disoccupati erano oltre 2 milioni, un'alta percentuale persino in una Eu­ ropa ancora zoppicante per la recessione mondiale. Di questi, 1 29.000 , per la maggior parte giovani, erano in cerca del pri­ mo lavoro. In più, v'erano 763 .000 persone, non ufficialmen­ te calcolate fra i disoccupati, che se avessero potuto avrebbe­ ro lavorato volentieri. Fra i giovani disoccupati , sono colpiti in modo particolar­ mente duro i laureati, in parte anche perché le università ita­ liane preparano in modo inadeguato alle occupazioni disponi­ bili. Ironia della sorte, tale infatti deve apparire a cittadini che lamentano il tremendo servizio sanitario del loro paese, vi è un vero e proprio eccesso di medici, molti dei quali con pre­ parazione ed esperienza incerte. Egualmente ironico per lea­ der sindacali avvezzi alle catene di montaggio e ai reparti delle fabbriche deve essere il fatto che, fra le più radicali e indisci­ plinate categorie sindacalizzate, il sindacato dei medici occupi ora il primo posto. Nell'ottobre del 1 986, i giornali italiani ancora una volta consigliavano di non ammalarsi nei successi­ vi cinque giorni poiché i medici scioperavano di nuovo. Ogni anno si affacciano sul mercato del lavoro più di due­ centomila aspiranti. Ma il numero dei nuovi posti di lavoro è in una fase di ristagno, il che significa che la lista dei disoccu­ pati continuerà ad allungarsi . l giornali italiani sono pieni di lodi e di riverente ammirazione per l'aumento esplosivo dei nuovi po.ti di lavoro verificatosi negli Stati Uniti all' inizio de­ gli anni ottanta . Può darsi sbaglino ad attribuire questo « mi­ racolo » alla Reaganomics. Può darsi che non si rendano con­ to in che rilevante misura questi nuovi posti impegnino perso-

Noi. la gente

57

ne tornate al lavoro con salari assai ridotti rispetto a quelli che ricevevano prima. Ma hanno ragione di allarmarsi perché in Italia, come nel resto dell'Europa occidentale, si è registra­ ta una netta perdita della disponibilità dei posti di lavoro, mentre gli Stati Uniti vanno in direzione opposta. Condizioni difficili come queste non portano nuove reclute ai sindacati. L'iscrizione al sindacato toccò il suo apice alla metà degli anni settanta, quando circa dodici milioni di lavo­ ratori, più della metà della forza lavoro, avevano la tessera di una delle organizzazioni. Da allora la forza lavoro è aumenta­ ta, ma l'iscrizione alle tre maggiori confederazioni si ndacali è ufficialmente scesa sotto i nove milioni, e la vera cifra proba­ bilmente è ancora più bassa. Nel 1 984, poco più della metà delle iscrizioni andava alla Cgil, altri tre milioni alla Cisl, e poco più di un milione alla Uil. Decine di migliaia di lavora­ tori inoltre appartengono sia a più piccoli sindacati autonomi, sia a una confederazione legata al neofascista Movimento so­ ciale italiano (Msi), che però contano molto poco. L 'iscrizione ai sindacati è scesa nelle maggiori fabbriche e nel Nord, dove è concentrata la grande industria. Il declino dell'industria dell'acciaio e della cantieristica e il calo dell'oc­ cupazione nelle imprese pubbliche, anch'esse nei guai, sono le principali cause di erosione. La grande industria in genere ha subito un calo. Oggi più della metà di tutti gli occupati lavora in imprese al di sotto dei venti dipendenti, e posti di questo genere sono notoriamente difficili da sindacalizzare. Inoltre, il terziario e lo stato assorbono più della metà della forza la­ voro . 1 4 Con l 'eccezione di d u e città, Torino e Taranto - importante e relativamente recente centro dell'acciaio, nel Sud - la mag­ giore concentrazione di lavoro oggi si trova non nell'industria bensì negli uffici pubblici locali, nelle università, nei trasporti pubblici , nelle banche e in altri settori del terziario. Questi cambiamenti hanno, come minimo. disorientato il movimento sindacale e rendono poco probabile che il concetto stesso di sindacato, il suo ruolo nella società e in particolare i suoi rap­ porti con i partiti possano continuare a essere gli stessi. I sindacati inoltre sono stati sorpresi da una tempesta di

58

Democratiaall'ilaliana

nuovi sviluppi che vanno al di là della recessione o delle tra­ sformazioni economiche e sociali. E proprio i primi, esaltanti successi hanno contribuito alla loro rovina. Nel 1 969, i sinda­ cati erano riusciti a far approvare dal Parlamento lo Statuto dei lavoratori, uno fra i più avanzati, e (per come venne inter­ pretato) radicali ordinamenti adottati in Occidente sulle rela­ zioni industriali. Anche prima dell'approvazione di questa legge, l'Italia stabiliva vari gradi di indennità di disoccupazio­ ne e liquidazioni molto convenienti nel caso di rottura del rappono di lavoro. Lo Statuto rese il lavoratore pressoché intoccabile all'inter­ no del luogo di lavoro (e anche fuori). Con l'aiuto di giudici politicamente radicalizzati, i lavoratori potevano anche assen­ tarsi dal lavoro e ancora esigere la paga. Trasferimenti o ri­ classificazioni occupazionali non potevano aver luogo senza il consenso della pane interessata. Ogni negligenza da parte del­ la direzione dell'azienda quasi di sicuro provocava l'astensio­ ne dal lavoro. Accanto a queste garanzie, furono migliorate le indennità accessorie che, costose per gli imprenditori, deter­ minarono però il miglioramento del tenore di vita dei lavora­ tori. In quell'età dell'oro, essi giunsero a credere che la brusca impennata del loro tenore di vita fosse divenuta, retroattiva­ mente, un diritto di nascita e che persino l'essere licenziati per giusta causa fosse nulla più che uno stravagante cimelio di un capitalismo sorpassato. U Pochi anni dopo l'introduzione dello Statuto, venne preso un altro fatidico provvedimento: l'accordo del 1 975 fra i sin­ dacati confederali e l'organizzazione degli imprenditori (allo­ ra guidata da Gianni Agnelli) che portò a importantissimi cambiamenti nella scala mobile. In base a questo accordo, il costo della vita sarebbe stato ricalcolato ogni tre mesi e i sala­ ri ritoccati per agganciarli all'inflazione. La base tecnica di questi adeguamenti, tuttavia, fu tale che, mentre le fasce sala­ riali più alte riuscivano a mala pena a tenere il passo dell'in­ flazione, le fasce più basse ottennero adeguamenti salariali leggermente al di sopra del tasso d'inflazione. Senza avere del tutto previsto, né desiderato un simile risultato, le parti sociali con questo accordo avviarono una politica che nel corso del

Noi, la gente

59

tempo avrebbe determinato una redistribuzione del reddito senza precedenti.

Le reazioni dei lavoratori Se queste erano conquiste a favore della classe operaia, i la­ voratori però non mostrarono molta gratitudine verso le con­ federazioni sindacali che le avevano realizzate. Una volta che diritti di questo genere divengono legge, il bisogno di militano za da una parte e di disciplina sindacale dall'altra svanisce. Se i benefici normalmente associati alla contrattazione collettiva divengono una questione di normativa giuridica, perché u n la· voratore dovrebbe prendere la tessera del sindacato? Fa cosi capolino il minaccioso problema del lavoratore non sindaca­ lizzato, che non può essere escluso dal godimento dei vantaggi che altri guadagnano. In effetti la psicologia del « cavaliere solitario » (free rider) si è diffusa in Italia a macchia d'olio. Anzichè precipitarsi verso le organizzazioni sindacali, i lavo­ ratori andarono in direzione opposta, a sciami. Paradossal­ mente, i sindacati vittoriosi persero iscritti ! C i furono anche altri effetti deleteri. Poiché l a scala mobile funzionava nel senso di « appiattire » le differenze salariali, cioè riducendo il divario fra i lavoratori più pagati e quelli meno pagati, si verificarono, a livello di fabbrica, accordi sot· to banco in piena violazione dei contratti nazionali. In alcuni casi furono i datori di lavoro a reintrodurre de facto differen­ ze salariali fra i lavoratori; in altri casi all'interno delle fab­ briche sorsero nuovi sindacati « autonomi », o a « gatto sel­ vaggio » , con l'intento di promuovere accordi speciali. Cosi i sindacati più antichi, più tradizionali, non solo persero iscrit­ ti, ma incoraggiarono la concorrenza e persero credibilità. Non erano più in grado di convincere nessuno - né i datori di lavoro né il governo - che una volta raggiunta un'intesa (per esempio, sulla politica dei redditi) sarebbero stati capaci di imporre, all'interno delle fabbriche, un comportamento re­ missivo , I6 I movimenti popolari sorti fra la fine degli anni sessanta e gli anni settanta portarono una maggior democrazia all'inter-

60

DemoclYl%;a all'italiana

no dei luoghi di lavoro, e neanche questo aiutò i sindacati. Per esempio, prese piede l'idea che i lavoratori, attraverso il meccanismo dei consigli e delle assemblee di fabbrica, doves­ sero essere direttamente coinvolti nelle decisioni riguardanti il loro luogo di lavoro. In genere, i membri dei consigli vennero eletti senza tener conto del loro status di iscritti al sindacato. Numerosi consigli fecero richieste assai più radicali in materia di partecipazione operaia alla gestione dell'azienda di quelle formulate dai sindacati. Mentre la gestione assembleare (cui partecipavano tutti i lavoratori dell'azienda) finì col rivelarsi un fuoco di paglia, i consigli di fabbrica riuscirono a tener duro, e in alcuni posti a diventare assai potenti. Effettivamen­ te, in molte fabbriche, i dirigenti preferirono trattare con i consigli, ritenendo che questi, più dei sindacati, controllassero la disciplina dei lavoratori. I consigli misero i sindacati in difficoltà. I sindacati erano davvero favorevoli alla democratizzazione del luogo di lavo­ ro? Se si, non era più sensato che dessero il loro pieno appog­ gio ai consigli? Un simile passo non era forse prudente, consi­ derato il grande numero dei membri dei consigli che erano an­ che attivi leader sindacali? Pubblicamente i sindacati sosten­ nero i consigli, ma in privato i leader sindacali più lungimi­ ranti compresero che avrebbero eroso l'autorità dei sindacati nei posti di lavoro, specialmente quando questa autorità do­ veva essere esercitata da leader sindacali che non erano in fab­ brica bensi a Roma. " I membri dei consigli non accettavano facilmente ordini dall'esterno. Inoltre, tendevano a credere, non senza ragione. di saperne di più sui problemi connessi con la fabbrica dei lea­ der sindacali delle sedi provinciali, regionali o nazionali. Que­ sti ultimi si resero conto che la loro influenza nei luoghi di la­ voro si spegneva, mentre i consigli, a livello di fabbrica, stabi­ livano attivi rapporti con la direzione. La situazione si deteriorò sul finire degli anni settanta, quando i massimi leader sindacali avviarono una stretta colla­ borazione con un governo che era a quell'epoca deciso a ri­ durre l'inflazione e a porre più solide basi per l'economia. Ciò voleva dire contenimento dei salari e altre forme di auste-

NOi, la gente

61

rità che i sindacati, nell'ambito di un accordo con le organiz­ zazioni degli imprenditori e il governo per creare una politica dei redditi, avrebbero tentato di far rispettare. Fu a questo punto che emerse il già menzionato problema della credibi­ Iità. l a I maggiori leader delle confederazioni sindacali diedero un singolare contributo alla loro crisi . Una volta che lo Statuto dei lavoratori fu introdotto e la « scala mobile » cominciò a funzionare, i leader nazionali dei sindacati si sentirono più li­ beri di avviare con il governo un vasto dibattito su ognI i lTI­ maginabile aspetto della politica nazionale. Questi furono an­ ni in cui industriali di primo piano e funzionari di governo, come pure i leader sindacali, credettero che fosse sorta una nuova era in cui le organizzazioni dei lavoratori e degli im­ prenditori, insieme al governo, avrebbero definito gli indirizzi politici rendendo così obsoleti gli stessi partiti. Bastarono pochi anni e una recessione mondiale a dimo­ strare che queste supposizioni erano quanto meno premature, forse addirittura ingenue, e in ogni caso potenzialmente svan­ taggiose per la democrazia. Nel medesimo tempo, tuttavia, i sindacati avevano abbandonato le fabbriche ai consigli, pro­ vocando di fatto un decentramento della contrattazione col­ lettiva che erose la forza sindacale. Ciò si sarebbe rivelato an­ cor più costoso quando la posizione delle organizzazioni degli imprenditori si irrigidì . Ci fu un'ulteriore, imprevista conseguenza dello sposta­ mento d'interesse dei leader sindacali dai luoghi di lavoro e dal pane quotidiano dei lavoratori, ai più vasti temi della poli­ tica nazionale. l sindacati potevano sperare di trattare come un gruppo unificato con governo e partiti solo finché fra que­ sti, e dentro le organizzazioni degli imprenditori , prevaleva un'intesa parallela a favore di un approccio comune e consen­ suale alle questioni politiche. Quando fra la fine degli anni settanta e l'inizio degli anni ottanta questa intesa svanì e i partiti cominciarono a litigare fra di loro, i sindacati finirono per imitarli. Quel po' di unità d'azione che erano riusciti a creare scomparve. Fu un regresso, un ritorno a quella fram-

62

Democrazia aU';taliana

mentazione politica che era stata la principale causa della de­ bolezza del movimento sindacale negli anni precedenti. Fu un regresso che inoltre conferma ciò che ho suggerito al­ l'inizio: i rapporti fra partiti politici e sindacati tendono a es­ sere ciclici. Non c'è alcun dubbio su quale sia oggi la posizio­ ne dei maggiori partiti riguardo all'autonomia e all'indipen­ denza dei sindacati. I partiti - tutti i più importanti partiti, non solo quello comunista - nella lotta politica hanno biso­ gno dei sindacati, e si daranno molto da fare per riottenere il loro appoggio.

Un nuovo pluralismo Alcuni sosterranno che, quand'anche quest'ultima supposi­ zione fosse giusta, altri durevoli cambiamenti in Italia finiran­ no con l ' influenzare profondamente il processo politico. Pri­ mo fra tutti il cosiddetto Nuovo Pluralismo - ovvero la nuova importanza attribuita al volontariato e la crescita esplosiva dei gruppi di interesse e delle associazioni di autosoccorso. 'o Molti sono rintracciabili a livello regionale o locale. Quasi tutti perseguono interessi che attraversano i confini che divi­ dono partiti politici e subculture. L'idea è che questi gruppi non abbiano agganci o impegni ideologici; che i loro membri presumibilmente avanzino ri­ chieste più « private » al sistema politico e, nell'intento di soddisfarle, siano disposti a unirsi con tutti gli altri che si tro­ vano in una situazione simile e hanno un'analoga disposizione mentale. I partiti politici del passato, così come i sindacati in declino, non sono più considerati capaci di competere adegua­ tamente in questo nuovo modo di definire i bisogni della gen­ te e di trovare per quei bisogni una miscela accettabile di ri­ sposte pubbliche e private. Esempi di gruppi simili in Italia non mancano. Gli anziani si interessano del problema delle pensioni, senza tener conto della colorazione politica indivi­ duale; e lo stesso vale anche per le associazioni degli handi­ cappati, delle famiglie formate da un solo genitore, delle don­ ne, di quelli che hanno bisogno dell'assistenza sanitaria pub-

NOi, la gente

63

blica, degli alcolizzati e dei tossicodipendenti, dei consumato­ ri, degli ambientalisti e così via. Uno studio del ministero del Lavoro, all'inizio degli anni ottanta, ha contato circa settemila di queste organizzazioni volontarie, di cui quattromila estese a livello nazionale. Le re­ stanti erano pressoché equamente divise fra associazioni « coordinate », operanti su zone più o meno vaste del paese, e organizzazioni strettamente locali, autonome, i cui interessi erano in genere problemi come la lotta alla droga, le pensioni, i servizi ricreativi e culturali. L'aspetto più rilevante di queste organizzazioni è che sebbe­ ne tre quarti delle associazioni nazionali fossero operami g. il prima del 1 976, circa due terzi delle altre lo furono a partire dal 1 979. Questo è un pluralismo sociale a oltranza! Mai nella sua storia l ' Italia ha vissuto un fenomeno del genere. Tutti convengono che, prima o poi, questa proliferazione di gruppi locali e regionali dovrà avere un impatto sulla politica. Troppi italiani, comunque, sono saltati alla conclusione che questi nuovi gruppi rappresentino un « abbandono della poli­ tica » come la si esercitava in passato.'o Costoro ritengono che i gruppi nazionali più antichi si atrofizzeranno e che le ri­ chieste dal basso non saranno più limitate ai canali un tempo forniti dai patroni politici ai propri clienti, dai partiti o dalle correnti di partito ai propri aderenti e dalle organizzazioni au­ siliarie legate ai partiti ai propri membri. Chi è di questa opi­ nione non solo attende ma chiede che il governo nazionale ac­ celeri il decentramento dell'autorità verso i governi regionali e locali. L'idea è che bisognerebbe dare una mano al Nuovo Pluralismo. Queste valutazioni paiono poco credibili. Se gli italiani, in numero senza precedenti, sembrano disposti « ad associarsi » , la partecipazione a un'associazione non implica necessaria­ mente l'abbandono di un'altra. Le persone possono essere e sono legate a gruppi diversi. Inoltre, è da dubitare che questi nuovi gruppi pongano alle autorità governative richieste allar­ gate alla dimensione del « civico ", piuttosto che domande di n atura economica o altrimenti motivate da interessi egoistici. Gli italiani che ho descritto in questo capitolo SODO fra le

64

Democraz.ia all'italiana

persone meno adatte a entrare in associazioni che cerchino di promuovere il « bene pubblico » . Oltre all'individualismo e ad altri aspetti del « carattere nazionale » , questa supposizione ha ragioni che diverranno più chiare a mano a mano che esa­ mineremo il significato della politica nella vita italiana. Può darsi che il Nuovo Pluralismo segnali una maggior tendenza ali" autosoccorso, anziché aspettare che sia lo stato a risolvere i problemi. La mia impressione però è che in Italia (e spesso altrove) simili gruppi finiscano col rivolgere la maggior parte delle loro richieste agli organi ufficiali e che così la rivendica­ zione dell'impegno all'autosoccorso non convinca affatto. Un più interessante aspetto del Nuovo Pluralismo è l'atteg­ giamento antistatale espresso da molti dei suoi esponenti. Specialmente a livello locale, sono emersi dei gruppi a causa della rabbia e della frustrazione che accomuna la gente con­ vinta dell'incapacità dello stato, cioè delle autorità di gover­ no, di affrontare in modo adeguato i problemi della salute, della tossicodipendenza, del tempo libero, dei giovani o degli anziani, della scuola o delle madri che lavorano, dell'ambien­ te e così via. La rabbia contro lo stato talvolta porta al terrorismo. An­ che i tumultuosi avvenimenti degli anni sessanta, che sfioraro­ no il terrore, mettono in evidenza che per molti non era più accettabile il vecchio modo di fare politica come si fa un affa­ re qualsiasi. Anche se il fervore della protesta e il veleno del terrorismo si sono calmati, hanno lasciato in eredità non solo un aperto disprezzo verso le autorità di governo ma anche il palese perseguimento di meschini interessi personali sotto la bandiera del Nuovo Pluralismo e dell'autosoccorso. A un'in­ dagine più attenta, risulta spesso che la maggior parte di que­ sti gruppi in effetti chiede che le autorità di governo facciano di più, non di meno. Tipicamente, gli esponenti del Nuovo Pluralismo sono an­ che favorevoli al decentramento dell'autorità di governo a or­ ganismi regionali e locali. L'idea è che autorità di governo meno remote saranno più sensibili e responsabili. Fin qui, ci sono scarse prove che il governo nazionale cederà a queste pressioni . E non è deno che sia un male. Nei capitoli successi-

Noi, lo gente

6S

vi, mostrerò come i difensori del Nuovo Pluralismo siano an­ che a favore di certe riforme, che prevedono tra l'altro un de­ liberato indebolimento del ruolo dei partiti politici, il cui im­ patto sul sistema democratico sarebbe virtualmente perni­ cioso.

La moralità pubblica Connessa alla discussione precedente è la questione se fra gli italiani stia o no emergendo una nuova moralità pt,bbl ica . Soprattutto quando viene posta da un osservatore esterno, la domanda facilmente diviene gratuita, per esempio se si rid uce a sgradevoli confronti fra le consuetudini italiane e quelle di altre democrazie. Di conseguenza, un miglior punto di parten­ za sta nell'esaminare alcuni degli atteggiamenti più radicati negli italiani sia verso il processo politico, sia verso il ruolo proprio o altrui in questo processo. Prevedibilmente, il quadro che l ' Italia offre è complesso, eccentrico, ricco di sfumature e contraddizioni . Quegli stessi italiani che dovrebbero essere tanto diffidenti e antagonistici verso il governo si aspettano che il governo risolva la maggior parte dei loro problem i . E ciò vale tanto per i sedicenti liberi imprenditori, che in genere tendono a mungere più che si può l'erario, quanto per i comuni cittadini, che spesso sentono di non aver nessun altro cui rivolgersi . La classe politica riceve, ingiustamente, solo brutti voti dai cittadini, e soprattutto dai direttori di giornali e dagli intellettuali. Nonostante l'apparen­ te mancanza di fiducia, questi stessi critici domandano che il governo risolva, per loro e per la società, una incredibile va­ rietà di problemi. Non è tanto che le democrazie moderne co­ me l ' I talia siano sempre più « ingovernabili » quanto, piutto­ sto, che persino quando molti aspetti della società sono ben gestiti, resterà sempre una quantità di questioni irrisolte suffi­ ciente a far sembrare che si rasenti l'assenza totale di gover­ no. Queste apparenze sono fuorvianti. L'eccezionale risultato di un governo nazionale come quello italiano sta nelle nume­ rose e diverse esigenze che è in grado di gestire, in condizioni che spesso paiono impossibili da cont rollare.

66

Democral;a all'italia1la

La portata e le dimensioni dei problemi all'ordine del gior­ no per lo stato varia paurosamente. Al governo si chiede di ri­ strutturare l'industria, di migliorare le esportazioni, di rende­ re l' Italia più competitiva sui mercati mondiali, di conquistare prestigio e dignità sulla scena politica internazionale, di sana· re il divario nel benessere fra Nord e Sud, di proteggere la lira e mantenere l ' inflazione entro limiti ragionevoli, di ridurre l'i­ neguaglianza, di riformare il sistema scolastico, di garantire alle donne eguali diritti, di fornire energia più a buon mercato e dominare l'energia nucleare, di garantire a ognuno un allog­ gio adeguato e l 'assistenza sanitaria, di tener testa al terrori­ smo e alla criminalità organizzata, di mantenere in vita i gior­ nali, di finanziare i partiti politici, di prendersi cura di poeti indigenti e cosi via. E se un cittadino ha bisogno di qualcosa di molto speciale dal governo, ebbene anche questo può essere affrontato, senza far rumore, con una leggina emanata nel­ l'interesse di quel cittadino in un particolarissimo modo che descriveremo più avanti. Le richieste di intervento statale sono cosi varie e incessanti che potrebbero indurci a credere che gli italiani siano forte­ mente favorevoli a un modo di risolvere i problemi collettivo e basato su un alto grado di cooperazione. Non dobbiamo la­ sciarci trarre in inganno. Le misure emesse dal governo a fa­ vore della collettività non implicano che, a livello individuale, gli italiani accetteranno che quella soluzione si applichi al loro caso personale. Consideriamo ad esempio l'incubo del traffi­ co stradale, presente in tutte le maggiori città. Una soluzione parziale del problema è la costruzione di parcheggi a più pia­ ni, al sopra o al di sotto del livello stradale. In Italia natural­ mente simili parcheggi restano mezzi vuoti. La gente ancora preferisce parcheggiare l'automobile in qualsiasi altro posto, anche sopra i marciapiedi, pur di lasciarla a pochi metri dal luogo di lavoro o dal ristorante dove si vuoi cenare o dal ne­ gozio dove si vuole fare spese. Per un po' , gli arroganti mila­ nesi hanno sostenuto che un atteggiamento cosi incivile fosse limitato ai romani, così indulgenti verso se stessi, e ai napole­ tani anarchici. Oggi anche i marciapiedi di Milano sono un prolungamento dei parcheggi.

Noi. la gente

67

Le violazioni individuali delle norme collettive possono rag­ giungere proporzioni ridicole e quindi determinare rimedi che paiono quasi altrettanto ridicoli, ma non lo sono. Fin dalla seconda guerra mondiale, le violazioni ai regolamenti edilizi in Italia si sono contate a milioni. Buona parte dei lavori di costruzione avvengono dopo il tramonto, non perché è meno pesante il traffico ma perché la maggior parte dei vigili non è in servizio, e quindi ci sono meno occhi indiscreti che possono scoprire queste violazioni. Per raddrizzare la situazione, il governo nazionale ha emes­ so un complesso di leggi che invitano i trasgressori a farsi avanti e confessare la natura e l'entità delle loro violazioni, a chiedere che esse siano accettate e ad apprendere quale pena, sotto forma di contravvenzione, lo stato imporrà. Il termine massimo entro cui le richieste di condono andavano presenta­ te fu posdatato rispetto all'entrata in vigore della legge. In questo c'è qualcosa di squisitamente italiano, e anche demo­ cratico. Si diede a decine di migliaia di cittadini che non ave­ vano trasgredito l'opportunità di farlo, entro la scadenza fis­ sata. In questo modo deviazioni estremamente individualisti­ che dalle norme precedenti vengono reintegrate nella colletti­ vità. Qualche esempio, fra i molti che si potrebbero scegliere, evidenzierà alcuni aspetti di questa cultura che hanno profon­ de ramificazioni politiche. Gli italiani pensano che la legge sia qualcosa che vale per gli altri. In ogni circostanza, ritengono che gli obblighi di legge possano essere « negoziati » . Aderire pedissequamente alle norme giuridiche è in genere considerato prova di personalità insignificante e di scarsa fantasia. Questo approccio implica anche un grado di tolleranza non comune che può essere affatto compatibile con, e persino essenziale a, una democrazia. Questo non è un paese di ipocriti vigilantes. La notizia che nella democratica America circoli mezzo miliardo di pistole, per lo più quelle non registrate dette Saturday night specia/s (l, i mass media restringendo le dimensioni della comunità e rendendo più omogenei i valori e i gusti, la gente divenendo meno isolata e più incline a stabilire contatti attraverso le va­ rie subculture, queste ultime gradualmente sparirebbero. È vero che gli italiani di oggi sono chiaramente meno isolati, meno provinciali che in passato. Sono più inclini a stabilire una gamma più vasta di relazioni sociali con persone di sub­ culture diverse. La natura dei luoghi di lavoro; più alti livelli di istruzione; viaggi più frequenti verso luoghi distanti ; nuove modalità nell'amicizia e nel matrimonio: tutto ciò e altro an­ cora segnala che le suddivisioni subculturali oggi sono meno reciprocamente esclusive di quanto fossero un tempo. Ma le subculture politiche hanno una straordinaria capacità di resistenza. È così in parte, come s'è già detto, perché le subculture cattolica e comunista sono fondamentalmente « re­ ligiose » . È così, soprattutto, perché l'appartenenza a una del­ le subculture è uno stato mentale, un modo di vedere se stessi, che rende fortemente improbabile, ad esempio, per un comu­ nista o un socialista votare per la Dc e viceversa. L'altissima stabilità del voto italiano, la proporzione relativamente bassa di « elettori fluttuanti » , che si spostano da un partito all'al­ tro trovano così una spiegazione. È in un simile contesto che « t �stimoniare » diviene più importante che « vincere ) a un 'e­ Iezi one. In anni recenti alcuni studiosi hanno messo in dubbio l'o­ pinione che gli it � liani non mutino mai colme pOlilico, o che sia no pochi quelli che al momento delle elezloDl. gua� dano le vetrine dei partiti diversi dal loro . " È vero, per esempiO, che I

182

DemocraziD DII';ID/iana

risultati che paiono statici da un'elezione all'altra potrebbero nascondere notevoli spostamenti dell'elettorato. Per esempio, in una gara tra due partiti in due consecutive elezioni, quasi tutti gli elettori possono durante le seconde aver mutato parti­ to, eppure il risultato di queste risulterebbe identico a quello delle prime elezioni. Le nuove informazioni sull'Italia suggeri­ scono che, lungi dal marciare monotonamente a ranghi serrati con lo stesso partito, elezione dopo elezione, forse fino a un quarto dei votanti in effetti sposti il voto da un partito all'al­ tro, ma in modo complementare, cosi che l'esito risulta uguale. Se anche le cose stanno cosi, è ugualmente chiaro che gli spostamenti raramente portano gli elettori a oltrepassare i confini fra le subculture. Cioè, gli elettori scontenti del Pci possono spostarsi più a sinistra, o votare scheda bianca o an­ nullare la scheda, o forse votare Psi. Ma non li si troverà fra i ranghi dei partiti di centro o di destra. Lo stesso ragionamen­ to si può applicare agli elettori di subcultura cattolica, restii a sostenere partiti di sinistra. E persino fra i partiti che costitui­ scono il centro, i sostenitori si devono « turare il naso » quan­ do si spostano verso la Dc. Il centro, dopo tutto, comprende i partiti laici che hanno antichi dissidi con il cattolicesimo orga­ nizzato. Se il voto nel dopoguerra è andato distribuendosi in primo luogo all'interno di queste subculture, non è stato però com­ pletamente statico. A partire dalla metà degli anni cinquanta e per i vent'anni successivi, il rapporto elettorale fra i partiti di centro e quelli di sinistra è stato di circa cinque-a-quattro. Dalla metà degli anni settanta a oggi, il rapporto si è spostato a uno-a-uno. Oggi, sia i partiti di centro sia i partiti di sinistra ricevono circa il 45 per cento del voto totale, e il restante IO per cento va alla destra e ad alcuni partiti minori.'• La Democrazia cristiana resta il cardine di questo sistema, nonostante gli spostamenti e nonostante il graduale declino del partito. Questo è stato reso possibile dal fatto che, come abbiamo già rilevato, il Partito socialista, con Craxi, decise dI spostarsi a destra, piantando in asso il Pci. Cosi, mentre l'e-

Parlil; ed elezioni: lo sindrome di Rashomon

183

lettorato sembra essersi spostato verso sinistra, i governi han­ no fatto il contrario. Pirandello capirebb e. Indipendentemente da quanto ci si lasci innuenzare dalla sindrome di Rashomon, certi cambiamenti nei quarant'anni trascorsi è impossibile negarli. Per esempio, all'inizio degli anni cinquanta, il Partito comunista ottenne circa il 23 per cento dei voti; in anni più recenti ha raggiunto quasi il 35 per cento e oggi è attorno al 30 per cento. Durante questo stesso periodo, la Dc è passata da un massimo del 48 per cento a una percentuale che di recente è mediamente sotto il 40 per cento. Qui sono all'opera diversi interessanti fenomeni. Primo, in media, ogni due elezioni durante i quarant'anni trascorsi, lo spostamento netto di voti fra tutti i partiti è stato sorprenden­ temente basso: 1 ,6 per cento. Secondo, a eccezione degli spo­ stamenti relativamente moderati già n otat i, i risultati dei par­ titi sembrano sorprendentemente statici. Terzo, questa stabili­ tà persiste nonostante i colossali cambiamenti deUa società italiana così come del corpo elettorale. Nel 1 948, gli aventi diritti al voto erano 29 milioni, di cui 27 milioni si recarono alle urne quell'aprile. Di questi, circa 13 milioni votarono per la Dc. Nel 1983, il numero degli aven­ ti diritto era salito a 44 milioni, e nel giugno di quell'anno vo­ tarono 38,5 milioni di persone. La Dc ricevette poco più di 1 2 milioni di voti. Ma l a distribuzione generale dei voti restanti fra i raggruppamenti di destra, di centro e di sinistra rimase all'incirca la stessa delle precedenti elezioni. È alquanto ovvio che questi due corpi elettorali, lontani trentacinque anni l ' uno dall'altro, erano radicalmente diversi fra loro. Per esempio, i più giovani elettori del 1983 che aves­ sero votato anche nel 1 948 dovevano avere almeno cinquanta­ sei anni . Inoltre, poiché a metà degli anni settanta l'età mini­ ma del voto per la Camera dei deputati fu ridotta dai ventuno ai diciotto anni a differenza che nel 1948, nel 1983 VI furono diversi milioni d i elettori fra i diciotto e i vent'anni, elettori che, nel 1 948, non avevano diritto al voto. Il punto è che la maggioranza di c�loro che ha � no votato alla fine degli anni quaranta non è pl U nel regIStri elettorali

1 84

Democrazia all'Ua/iana

Alcuni forse sono emigrati all'estero, altri sono andati a in­ grossare le file dei non votanti. Ma la maggior parte sono sta­ ti cancellati dai registri elettorali per decesso. C'è la tendenza a trascurare quest ' ultimo importante elemento quando con­ frontiamo i risultati fra due o più elezioni. In questo genere di confronti, non abbiamo mai lo stesso corpo elettorale. Che alcuni elettori muoiano e altri raggiungano l'età mini­ ma per i l voto rende ancor più impressionante la natura quasi statica dei risultati elettorali . Una delle ragioni del persistere di tendenze elettorali più vecchie è l'esistenza delle subculture e la tendenza dell'elettorato a « rendere testimonianza » . Sa­ rebbe diverso se gli italiani considerassero le tornate elettorali come un supermercato dove ci si guarda intorno per scegliere il partito politico che meglio s'addice al gusto o all' umore del momento. I cosiddetti modelli di scelta elettorale e di comportamento di voto che considerano i voti come la moneta, e i partiti poli­ tici e i loro candidati come qualcosa che gli elettori acquista­ no, non si adattano all'Italia. I supermercati esistono anche nel mondo commerciale italiano. Tuttavia, i consumatori ita­ liani mostrano di preferire, indipendentemente dal prezzo, le piccole boutique del centro o i negozi a conduzione familiare del proprio quartiere. I l graduale cambiamento verificatosi nel modello di voto e nei risultati elettorali trova dunque una spiegazione più cor­ retta in questa lenta trasformazione generazionale dello stesso corpo elettorale. Gli elettori giovani sono assai diversi dagli elettori più adulti o dagli ex elettori ora deceduti. Dal 1 948, il corpo elettorale è cresciuto di circa mezzo milione di persone l'anno. Ma questa è la cifra netta; cioè, rappresenta la diffe­ renza fra coloro che raggiungono l'età minima per il voto (cir­ ca 1 , 5 milioni di persone l'anno) e quelli che, per decesso o al­ tre ragioni, escono dai registri elettorali (circa I milione di persone). Guardando ai quarant 'anni passati, sappiamo che le nuov � generazioni di elettori hanno mostrato la tendenza a sposta rs� più a sinistra delle precedenti. E un'importante consegue ? za e stata. da un lato, la graduale erosione del voto democns uano.

Portili ed elezioni: la sindrome di RtlShomon

18'

e, dall'altro, una graduale crescita del voto di sinistra, in par­ ticolare quello del Pci. L'esistenza di questa tendenza dimostra l'inesattezza del vecchio detto secondo cui invecchiando si diventa conservato­ ri. In Italia, se le cose stessero così, considerato il notevole aumento della durata della vita, ci aspetteremmo di vedere nell'elettorato una tendenza conservatrice. Ma, come abbia­ mo visto, è vero esattamente il contrario. Un' ipotesi più vali­ da è che la gente tenda a votare per il partito, o i partiti, che sono rappresentativi della propria particolare subcultura poli­ tica. Sono i n primo luogo gli elettori più giovani quelli che han­ no determinato alcune delle interessanti trasformazioni eletto­ rali degli ultimi anni . Per esempio, a loro si deve il riemerge­ re, negli anni settanta, del Partito radicale, così come saranno i giovani a determinare se un forte partito « verde » , o ecolo­ gico, metterà radici in Italia. Questi giovani elettori sono an­ che coloro che un giorno potranno essere più inclini dei loro predecessori a votare sui temi anziché in base ai paniti. Essi si sono già mostrati meno tolleranti delle persone più anziane verso la reboante e vacua retorica politica e più aperti verso chi non appartiene alla loro subcultura individuale. Ciò non vuoi dire che gli elettori più giovani saranno meno di parte o meno disponibili a costruirsi un'identità politica subculturale e scelte che durino tutta la vita. Troviamo, a questo riguardo, che oggi i giovani italiani hanno idee di una chiarezza persino esasperata sulla propria identità e sulla pro­ pria posizione politica. Questo sembra essere vero più per i giovani italiani che per quelli della maggior parte delle altre democrazie. Così tutti i fattori fin qui enumerati che contri­ buiscono a creare precise identità subculturali e dur� ture ide � ­ tificazioni con partiti della sinistra, del centro e dI destra n­ mangano assai pronunciati. Stando così le cose, dovremmo aspettarci che i risultall complessivi delle elezioni italiane cambino assai lentamente. e solo in modo marginale. Anche se il più recent� gruppo dI nuovissimi e giovanissimi elettori risulta molto plU radIcale � a destra o a sinistra - di quanto lo sia il resto dell'elettorato, il

186

DemocraZ;QQlI'ita!iQnQ

loro primo impatto dovrebbe essere minimo. Col passare del tempo potrebbe acquistare rilievo, ma solo se i successivi gioo vani elettori condividessero opinioni egualmente radicali. A meno di catastrofici eventi economici o militari, occorrerà forse una generazione per sentire i pieni effetti di un radicale spostamento nell'elettorato. Sono consapevole che anche questo mio particolare modo di vedere le cose può essere influenzato dalla sindrome di Ra· shomon . Per esempio, può implicare l'incerta ipotesi che solo i giovani accolgano idee radicali o che le loro opinioni non contagino le persone più mature. Comunque, io qui intendo solo sottolineare che il forte aumento elettorale del Pci a metà degli anni settanta fu il diretto e a quanto sembra irripetibile effetto dell'abbassamento dell'età minima per il voto che por· tò tutti insieme tre milioni di giovani elettori a votare per la prima volta. La maggior parte dei cambiamenti elettorali si registra assai più lentamente. Che dire della forte flessione del voto democristiano nel 1983? Può essere che fra i più anziani elettori deceduti fra il 1 979 e il 1 983 ci fosse una sproporzionata quantità di assidui sostenitori della Dc. Può essere anche che, come alcuni degli stessi leader democristiani affermano, l'aumento dei non vo· tanti e delle schede bianche o nulle colpisca la Dc più di altri partiti . È anche evidente che quando alcuni nuovi piccoli par· titi si rivolgono in primo luogo ai pensionati, i voti che attira· no siano sproporzionatamente a spese della Dc. Quali che siano le ragioni di questa forte flessione, il decli· no della Dc dovrebbe stabilizzarsi. Ancor più del Partito co· munista, la Democrazia cristiana dispone di uno « zoccolo duro » di « veri credenti » che non hanno mai votato per nes· sun altro partito e mai probabilmente lo faranno. Una recente ripresa dei movimenti cattolici di massa e delle organizzaz ioni giovanili lascia intendere che questo « zoccolo duro » sta rice· vendo nuove energie. Una domanda scottante per il Pci è s� questo partito è in grado di cavarsela altrettanto bene con � giovani elettori . A questo riguardo le testimonianze fin qUi non sono particolarmente rassicuranti. Dunque, più di quanto sia vero nella maggior parte del le ai ·

Partiti ed e/evon;: /a sindrome di Rashomon

187

tre democrazie, possiamo prevedere che le elezioni italiane continueranno a produrre risultati relativamente statici. Gli italiani lo sanno, e io ritengo che, sotto sotto, la cosa non li disturbi . È questo un segno di debolezza o di instabilità della democrazia italiana? Il paese è davvero immobile, ibernato in un modello politico etichettato come « pluralismo polarizza­ to » che è pericoloso per la democrazia?" lo non lo credo. La polarizzazione è più apparente che rea­ le; in buona parte puramente retorica e del tutto conforme al modello della politica italiana che ho descritto. Parole e reto­ rica naturalmente sono anche la sostanza della politica e sa­ rebbe sciocco non tenerle nella debita considerazione. Ma ab­ biamo anche bisogno di andare oltre le parole, e soprattutto oltre le provocatorie formule ideologiche che sono la materia prima del discorso politico. Dietro le formule, al livello ope­ rativo, troviamo molta più collaborazione fra i politici e i par­ titi di quanto si aspetterebbe chi guardasse solo alle apparenze del comportamento. Nel « grande spettacolo » della politica italiana, la comuni­ cazione si avvale di una ridondante retorica. Quando le parole si fanno violente, sono dirette per lo più alle istituzioni del go­ verno e soprattutto contro la classe politica. Dovessimo pren­ dere alla lettera queste accuse, la classe politica parrebbe il principale problema, anzi, la rovina stessa della politica ita· Iiana. Di fatto, non è assolutamente cosi . Un esame più attento ce ne dirà il perché.

VI La crisi e la classe politica

Il termine crisi i n Italia è ricorrente quasi quanto « ciao » o « pasta » . Forse non ve la servono sul menu della trattoria pre· ferita; ma per giustificare gli spaghetti stracotti, o il servizio pessimo, O la mancanza di un certo piatto, di sicuro il camerie· re ricorrerà alla parola « crisi » . Gli servirà per alludere agli umori dello chef, ai bassi salari pagati dal ristorante, allo scio· pero dei trasportatori di frutta e verdura. O magari a una sua crisi personale. Se lo si lascerà parlare, finirà senz'altro per di· re che anche il governo è in crisi e che quindi è il governo la causa profonda di tutto quanto al momento non funziona. Gli italiani sono bravissimi nell'alludere in modo vago e ge­ nerale alla crisi per spiegare qualsiasi cosa, dal ritardo a un pranzo all'inflazione galoppante alle conseguenze di un terre­ moto. Questo approccio non è privo di senso. Anche a non te­ ner conto delle iperboli, ci sono in giro abbastanza crisi da ren· dere perfettamente credibile qualsiasi spiegazione stiracchiata. Chi viaggia trova segni della crisi negli orari ferroviari non ri· spettati, nei voli aerei cancellati, nelle singolari procedure di smistamento dei bagagli nei principali aeroporti . Aprite a caso un qualsiasi quotidiano italiano e sicuramente troverete una serie di crisi . Il governo è sempre nei guai e barcolla da una cri· si all' altra. I servizi pubblici sono in fortissima crisi . Per quan· to riguarda la sanità, solo i più indigenti , con grande paura e riluttanza, si affideranno all'assistenza degli ospedali pubblici : sanno che medici e infermiere possono scendere in sciopero, lasciando anche i malati gravi abbandonati a se stessi . So no spesso i parenti che finiscono per fare gli infermieri, provve· dendo ai pasti e facendo la spola per le corsie d 'ospedale.

Partiti ed elezioni: la sindrome d; Rashomon

1 89

Nonostante l ' a� issale qualità dei servizi pubblici, gli italiani fanno bene attenZIone a lamentarsi, e se lo fanno, si tengono a rispettosa dIStanza. Come abbiamo già visto, il buonsenso consiglia di evitare qualsiasi contatto diretto coi funzionari dello stato. Si cerca piuttosto di agire attraverso la mediazione di patroni e organizzazioni . Il contatto fisico con la burocrazia equivale a penetrare in un mondo kafkiano, popolato da fun­ zionari i mpareggiabili nel rovesciare sugli sventurati cittadini tutta una gamma di trattamenti diabolicamente umilianti. Chi, visitando l ' Italia, è vittima di simili esperienze, si infuria. Gli italiani danno prova di una pazienza cinica ma nondimeno straordinaria. Subito dopo le proposte del presidente Reagan per le cosid­ dette guerre stellari, la Francia replicò con l 'ipotesi che i paesi europei costruissero dei supercomputer che avrebbero consen­ tito decisioni di difesa strategica nel giro di qualche miliardesi­ mo di secondo. U n editorialista italiano rispose che la cosa sa­ rebbe stata meravigliosa, addirittura fantastica; ma nell'anno 2000, quanti giorni ci vorranno perché una lettera vada da Ao­ sta a Potenza? Quanti mesi perché un cittadino italiano riceva la pensione o la patente di guida di cui ha chiesto il rinnovo? « A che servono le stelle, » si chiedeva l'editorialista, « se il si­ stema postale non funziona? Mentre la gente sente sbandierare l'avvento del 2000, vive la vita di tutti i giorni con servizi pub­ blici che sono ancora quelli del Settecento. » Ingorghi nel traffico, spiagge affollate, acque inquinate in cui nessuno dovrebbe nuotare mentre molti lo fanno ugual­ mente, musei pubblici che restano chiusi per anni, scioperi a gatto selvaggio ingegnosamente sincronizzati con le punte massime di domanda, da parte di italiani o di turisti stranieri, di beni e servizi; - queste e altre situazioni dimostrano. che le COse potrebbero andare molto meglio di come vanno. CI vuole Un bel po' di coraggio per sostenere che le cose mvece vanno meglio di quello che sembra . Crisi, dappertutto crisi Come dicono gli stessi italiani, praticarn�nte tut ! O è in crisi : ' dalla bilancia dei pagamenti alla lira, d� lie. tndustne dl. base al­ la produzione agricola. L'intero Sud, SI dIce. langUISce m una

190

Democrazia alritaUana

crisi che dura da oltre un secolo. Anche la religione è in crisi, come mostra il declino dell'affluenza nelle chiese e delle varie pratiche religiose. I giovani sono in crisi, soprattutto, ma non esclusivamente, perché non riescono a trovare lavoro. Le don· ne sono in crisi perché il paese non è ancora riuscito ad assicu· rare loro la piena parità con l'altro sesso. Sono così numerose le istituzioni governative in crisi che la Repubblica stessa sem· bra destinata a un eterno tramonto. Basta nominare una qualsiasi categoria, e quasi chiunque fornirà spontaneamente e nei minimi particolari le prove che anch'essa è in crisi. La scuola e le arti , gli alloggi e il commer· cio al dettaglio, i sindacati e il sistema fiscale, gli anziani, gli avvocati e gli architetti, il teatro e l 'industria tessile, le squadre di calcio e il gioco del lotto, i servizi segreti e le prigioni, la ri· cerca u niversitaria, il sistema giudiziario, persino la lingua ita· Iiana: tutto, si dice, è in crisi. Persino il sistema di valori italia· no, contagiato dal consumismo e da altri segni di decadenza, è ritenuto in crisi. L ' alta moda e la Fiat al momento non sem· brano in crisi, ma i più saggi sanno che si tratta solo di una condizione temporanea, destinata a essere seguita da problemi ancor più gravi . Queste affermazioni danno facilmente l'impressione che i l paese s i a in precario equilibrio sull'orlo del caos. Se il disastro manca di materializzarsi, molti son pronti a spiegare che il paese è sotto la tutela dello « stellone » che lo salva dal preci· pizio. Questo atteggiamento catastrofico verso la vita viene gon· fiato da continui salvataggi in extremis. Ciò non significa che gli italiani siano perversi o che gridino sempre « al lupo, al lu­ po » per poter dimostrare quanto sono intelligenti e pieni di ri: sorse nell'affrontare le avversità. Oramai, sono tanti i disastri reali che hanno afflitto la penisola da rendere credibilissi ma ogni crisi annunciata. Gli italiani non sono i soli a credere che salvarsi sempre all'ultimo minuto sia prova di una buona ste lla e di capacità virtuosistiche. Gli anni a partire dalla secon da guerra mondiale offrono molti esempi di misure di salvataggio adottate proprio nell'istante in cui la situazione pareva irrepa­ rabile. Se non altro, questo modo di vivere libera dall a noia.

La classe politica in veste di colpevole Domandando a un italiano le cause d'una qualunque crisi nella risposta compariran no certamente le parole « la cJass; politica ».2 È questa una delle ragioni per cui gli esperti di son­ daggi ritengono che la democrazia italiana e le sue istituzioni vacillino. Nell'insieme, gli italiani pensano che i membri di questa classe siano i « cattivi » che si trovano nelle rappresen­ tazioni teatrali messe in scena da ogni ceto sociale. E come tut­ ti i cattivi, i membri della classe politica vengono colpevolizza­ ti per tutto ciò che riesce sgradito o non funziona bene. Nella remota eventualità che una parola gentile sia mai stata spesa a favore della classe politica, di essa non rimane traccia. Da chi è costituito questo gruppo così calunniato, e perché è oggetto di tanta ostilità? Comunemente, gli italiani distinguono fra classe politica e classe dirigente.' Esse sono ovviamente collegate, nel senso che i membri della classe politica - coloro che controllano gli ap­ parati e il processo politico del paese - vengono per lo più da quell'altra, più ampia categoria. La classe dirigente è costituita dalle élite o dai leader ricono­ sciuti di uno o più settori della società. I maggiori industriali, proprietari terrieri, banchieri, educatori, proprietari e direttori di giornali, sindacalisti, produttori cinematografici, editori, scrittori, proprietari e dirigenti di squadre di atleti professioni­ sti, ecclesiastici, medici, architetti, ingegneri e altri professio­ nisti, proprietari e dirigenti di stazioni radiotelevisive, e po­ tremmo aggiungere altre categorie, come pure coloro che oc­ cupano i gradi più alti nella politica e nella burocrazia: tutti costoro sono la classe dirigente. Queste élite esistono dappertutto e si possono trovare a livel­ lo locale e regionale, così come a livello nazionale. Le élite di un paese o di una città, naturalmente, possono non fare parte della classe dirigente dell'intera nazione. Quando pensiamo al­ la « classe dirigente », noi in realtà pensiamo a persone che sapp iamo essere, ognuna al suo livello di influenza e potere, dei « Vip ». Con il termine « classe politica » gli italiani intendono uno

192

Democraz.ia al/'italiana

specifico sottoinsieme di simili élite: quelli che occupano posi­ zioni chiave nei partiti politici e nelle cariche pubbliche elettive o per nomina. Così però non si afferra il senso generale perché si ha l'erronea impressione che le scelte e la gestione politica del paese siano per lo più nelle mani di queste persone. Sappia­ mo che la realtà è affatto differente, non solo in Italia ma in tutte le democrazie. Alcune persone e alcune organizzazioni, prive del benché minimo status ufficiale o di un'autorità di go­ verno, esercitano tuttavia un'enorme influenza sulle direttive politiche, dalla loro emanazione alla loro applicazione. Rientrano i n questa categoria i più importanti capitalisti ita­ liani, spesso identificati come la « razza padrona » .' Ne fanno parte, come gruppo, anche gli intellettuali, i primi a « fare opi­ nione » . Vi rientrano anche gli studenti universitari, insieme ai leader sindacali, ai professori, agli stilisti, agli ecclesiastici, ai liberi professionisti. E anche i critici d'arte e gli scienziati, i più importanti calciatori, illustri attori e attrici, giornalisti, magi­ strati, ufficiali delle Forze Armate, personalità della televi­ sione. Questa categoria è come una fisarmonica; può essere allar­ gata o ristretta a seconda di chi la usa e dell'ambito cui ci si ri­ ferisce: una città, una provincia, l'intera nazione e così via. Soprattutto, rientrano nella categoria di quelli che contano i patroni politici, possiedano o no uno status ufficiale di leader di partito o pubblici funzionari. Così, quando gli italiani fan­ no riferimento alla classe politica, dovremmo ricordare che es­ si si riferiscono a un segmento specifico e relativamente esiguo della categoria di coloro che realmente governano il paese.

Peccatori o capri espiatori? Ci vuole la pelle dura per diventare e rimanere membri della classe politica. Gli attacchi vengono da ogni immaginabile set ­ tore della società. In una certa misura, i partiti politici cercano di smussare questi attacchi facendo di tutto per reclutare can· didati alle cariche pubbliche fra i membri più autorevoli di al­ tre categorie elitarie. In questo approccio sono stati pionieri i comunisti, i quali hanno sfruttato la disponibilità di eminen ti

La C'risi e lo classe politica

1 93

scienziati, intellettuali, artisti, scrittori e altri professionisti a presentarsi come candidati indipendenti sotto l'etichetta del Pci. Rapidamente anche altri partiti hanno seguito quest'e. sempio con i loro candidati. Con Bettino Craxi, il Psi ha dato vita a un consiglio nazionale costituito per lo più da diverse centinaia di membri appartenenti alle élite non politiche. Que. sta organizzazione è priva di effettivo potere; ma dà al Psi un certo lustro e forse una certa protezione contro le polemiche suscitate dai gravi scandali in cui alcuni membri della classe politica socialista sono rimasti implicati. Uno dei passatempi preferiti dagli italiani , allora, è pronun· ciare il nome della classe politica invano. Però, quando qual· cuno lancia una feroce accusa, gli amici personali, i vicini di casa, i membri del proprio partito, del proprio sindacato o del· la propria categoria professionale possono essere tranquilla· mente immuni. La classe politica cosi diventano « loro » , gli altri, incompetenti e seminatori di discordia; di certo non « noi », non io o i miei amici più intimi, ma quegli altri, i co­ nosciuti e sconosciuti membri della classe politica, che si na· scondono dietro le peggiori crisi di cui l 'Italia è cosparsa. Può confondere le idee sentire un notissimo, importante, potente membro della classe dirigente italiana scorticare la classe politica come se egli non fosse in alcun modo responsa· bile della situazione politica o economica del paese. l direttori dei giornali e i giornalisti politici, gli intellettuali e i professori universitari sono particolarmente inclini a questi fraintendi­ menti. La stessa cosa fanno anche i maggiori industriali, ma spesso con toni di una falsa onestà che rapidamente rivela il suo vero gioco. C'è in questo molta ironia involontaria e au­ toinganno. Forse anche malafede, quando le stesse persone che spingono l'attività politica in una direzione o in un : altra, nondimeno finiscono per addossare la responsabIlità del falli­ menti alla classe politica. Quest 'ultima è dunque solo un capro espiawrio? Farvi così spe sso riferimento significa solo che gli italiani hanno trovato modo di negare, o fuggire, le proprie responsabilità all 'interno di una società democratica? Far� spesso e do\'unque nfenmen­ lO in termini negativi a questo gruppo significa che gli itaJiani

194

DemOClYUÙlllll"illllianll

sono davvero politicamente « alienati » e privi di cultura civi­ ca? Ha davvero senso sostenere, come molti fanno, che il pae­ se « reale » è sano, mentre quello « legale », che include la clas­ se politica, sta sguazza ndo nella decadenza? In breve, quanto di ciò che gli italiani dicono sulla classe politica va preso alla lettera? Francamente, non sono certo di saperlo_ Dipende. Tutti una volta o l'altra possiamo essere dei capri espiatori. Abbiamo tutti la tendenza a cercare altrove le cause di quegli aspetti del­ la società, e della nostra vita, che troviamo sgradevoli o ancora peggio. Per giunta, nelle democrazie è tipico, e non è un sinto· m o patologico, che i cittadini credano, in una certa misura, di essere migliori degli uomini politici e dei pubblici funzionari che li governano, più sani, meno inclini alla corruzione politi­ ca o d ' altro genere. Walter Bagehot, un famoso commentatore ottocentesco della politica britannica, una volta scrisse che i cittadini inglesi preferiscono essere governati da persone mi­ gliori di loro. Questa affermazione era in gran parte un'inven­ zione dell'aristocratica immaginazione di Bagehot . Aveva con­ fuso un suo desiderio con la realtà. Se mai gli era capitato di ascoltare di nascosto le valutazioni dei suoi connazionali sulla classe politica e dirigente britannica, Bagehot certo aveva frainteso o soffocato ciò che aveva sentito. Nondimeno, l' Italia appare diversa, nQn solo per la frequen­ za dei riferimenti ostili alla classe politica, ma anche per la vee­ menza con cui la condanna viene espressa. Anche così però, tenendo conto di quanto ho detto nelle pagine precedenti, non sarebbe saggio accettare tutto alla lettera. Oramai, la critica è così ritualizzata, cosi ben integrata nel ruolo dei cittadini, che non si capisce quanto sia realmente sentita. Per giunta, non di­ sponiamo di alcuna testimonianza convincente che queste espressioni ostili abbiano implicazioni negative o lesive per la democrazia. '

Misurare le conseguenze Come misurare queste conseguenze? Sappiamo che il crite­ rio della partecipazione alle elezioni non potrà portarei mollo lontano, neanche se accettassimo di considerare tutti quelli che

LQ crisi e IQ classe polilicQ

19S

si astengono dal voto, o che votano scheda bianca o nulla co­ me un « terzo partito " , schierato contro la Repubblic;. In realtà, molte forme di partecipazione politica fanno pensare che la struttura democratica sia molto forte. Nemmeno la presenza della mafia serve da criterio di misu­ ra. Questa organizzazione esiste da secoli; ha sempre potuto contare sulla più o meno volontaria « collaborazione » di una piccola parte della popolazione e alcuni pubblici funzionari sotto ogni regime, incluso quello fascista, hanno stretto accor­ di con essa. Se non altro, negli ultimi anni, il governo italiano, con la collaborazione del Vaticano e del governo degli Stati Uniti, ha mostrato una straordinaria determinazione a com­ battere la mafia, in Sicilia e altrove. E senza il sostegno gene­ rale dei cittadini, questa campagna non avrebbe potuto svilup­ parsi. E che dire del terrorismo politico? La sua comparsa e l'e­ splosiva crescita negli anni settanta non sono la palese testimo­ nianza che almeno alcune condanne contro la classe politica sono pronunciate assolutamente sul serio, e hanno conseguen­ ze letali per il sistema? Si e no. Dopo tutto il terrorismo si è manifestato contemporaneamente anche altrove in Europa. Non è stato, quindi, segno di una stortura particolare della de­ mocrazia italiana. In effetti, oramai ci rendiamo conto che il terrorismo di un tipo o di un altro è, ahimè, un aspetto norma­ le del processo politico. E va aggiunto che esso non indica ne­ cessariamente un generale antagonismo dei cittadini contro la classe politica che li governa. Il terrorismo in Italia è un fenomeno di cosi grande e im­ pressionante rilievo che lo tratteremo separatamente nel pros­ simo capitolo. Qui possiamo anticipare che non avrebbe potu­ to mettere radici cosi rapidamente come ha fatto non fosse sta­ to per le decine di migliaia di italiani, molti dei quali disgustati e i nfuriati contro lo stato, che hanno dato aiuto e appoggio ai terroristi. È parimenti chiaro che il terroris � o è servito anch� a dimostrare che la classe politica non era prIva dI mdlscuublli meriti e che milioni di altre persone erano pronte a sostenerne la lotta. Durante i peggiori momenti degli « anni di piombo », gli it aliani attenti hanno scoperto che, tutto sommato, la classe

196

Democrazia all';laliana

politica non era poi cosi disastrosa. In questo senso, il terrori­ smo non indebolì la democrazia italiana, anzi la rafforzò. Potremmo prendere l'evasione fiscale come prova che un gran numero di italiani disprezza la classe politica e, conse­ guentemente, sceglie questo modo un po' teatrale per esprime· re il rifiuto dell'obbedienza civile. Anche in questo, indubbia­ mente, c'è del vero . Ma l'evasione fiscale è un'altra di quelle grigie aree dove è difficile dire se l'atto in sé è considerato un gesto di condanna da quelli che lo commettono o da quelli che non lo commettono. La mia impressione è che lo stato italiano probabilmente sta riscuotendo tutte le tasse che può, o osa, senza introdurre gra­ ve instabilità nel sistema. Questo perché l'evasione fiscale è in sostanza una tacita intesa, un accordo fra milioni di italiani. È una forma di collusione, un vivi e lascia vivere, per cui ognuno pensa che sarà lasciato in pace, entro certi limiti, se anche gli altri lo sono. L' Italia non conosce il tipo di cultura che produ­ ce i cacciatori di taglie, nella fattispecie gli informatori delle autorità tributarie, che ricevono una percentuale su quanto lo stato riesce a recuperare dagli evasori fiscali. Per giunta, come in molti altri aspetti di questo sistema poli­ tico che gli osservatori esterni trovano anomali, c'è qualcosa di sostanzialmente democratico nell'evasione fiscale: in un modo o in un altro, è accessibile a una percentuale molto alta della popolazione adulta. È vero, naturalmente, che quelli che vedo­ no le tasse detratte dalla busta paga non possono evadere il fi­ sco, ma questo vale solo per il primo lavoro, non per il secon­ do o il terzo. E fra coloro che lavorano nell'economia som· mersa vi sono centinaia di migliaia di salariati e di membri del· le loro famiglie. Quanto alla riforma fiscale e a metodi più ef· ficaci per la riscossione delle imposte, economisti di tutto ri­ SpellO, compresi quelli di sinistra, esortano il governo a proce­ dere con cautela per non provocare uno squilibrio non deside­ rato tanto nell'economia quanto nel sistema politico. E che dire del Partito comunista? Vi fu un tempo in cui l'esi­ stenza del Pei, con i suoi due milioni di iscritti e la sua capacità di allirare quasi un voto su tre, fu vista come un forte indica­ tore di una diffusa « alienazione » degli italiani o testimonian-

La crisi e Ja classe politica

za del disgusto

1 91

generalizzato per la classe politica. Gli america. ni in particolare tendono a ritenere che un voto al Partito co­ munista, in qualunque paese, sia sicuro segno di patologia po­ litica. Uno dei primi libri americani sul comunismo italiano usciti nel dopoguerra sosteneva che gli italiani che votavano per il Pci esprimevano sentimenti politici ribelli e disperzti. Un'altra precedente analisi americana del successo comunista diagnosticava nei leader del Pci e in chi li sosteneva una forma di nevrosi . Interpretazioni di questo genere emergevano durante gli at­ triti e le tensioni della guerra fredda, quando da entrambe le parti la visione delle cose era offuscata dall'ideologia e si usa­ vano grossolane semplificazioni per far sembrare artificial­ mente più marcati alcuni aspetti del quadro in realtà molto sfumati. Oggi ne sappiamo di più. Può darsi che una esigua minoranza fra i leader del Pci e fra i suoi sostenitori continui a essere ostinatamente stalinista e, in ogni caso, nemica della re­ pubblica democratica. Ma per il resto, occorre un anticomuni­ smo parimenti rigido e assoluto per non riconoscere che il Pci, così come i suoi leader, i suoi militanti e i suoi elettori, figuri non solo fra i fautori della democrazia italiana, ma fra i suoi principali sostenitori . Una delle difficoltà che si incontrano nel misurare il signifi­ cato e le conseguenze degli attacchi alla classe politica sta nd fatto che sono quasi esclusivamente verbali. Essi sono espres­ sione di atteggiamenti o di opinioni dei cittadini, non del loro comportamento reale. Sentiamo esprimere questi atteggiamen­ ti, spesso molto infervorati, quando si parla di politica; li leg­ giamo negli editoriali e in altri commenti politici; gli esperti in sondaggi di opinione apprendono quando conducono le loro indagini.6 . . Di rado, per non dire mai, qualcuno ha domandato agII ita­ lia ni: « Ebbene, se pensate che la classe politica sia co� i corrot : ta cosa avete fatto o cosa intendete fare al riguardo. >l. OgOl v�lta che ho posto questa domanda, la risposta più comune e stat a o un vago: « Bisogna rinnovarla », o un ingannevol � eme fata listico: cc Pazienza. Non c'è niente da fare l) . Resta Il so­ spe tto che anche in questo, come in tanti altri aspetti della po-

198

Democra:ia all'italiana

Iitica, dovremmo domandarci cos'è che potrebbero significare davvero questi attacchi alla classe politica, al di là delle appa­ renze_

Un 'altra interpretazione La mia opinione sul rapporto fra le crisi, reali o immagina­ rie, sulla diffusa condanna della classe politica e il fatto che questa presunta alienazione degli italiani non riesca a manife­ starsi in forme patologiche verificabili è che questo aspetto della vita politica abbia risvolti non negativi bensì positivi per la stabilità democratica. AI di là del bisogno di trovare un ca­ pro espiatorio, di puntare il dito accusatore altrove, e al di là dell' utilità, facilmente riconosciuta, di una valvola di sfogo verbale, nell'ambito del discorso politico gli italiani sembrano cercare, e provar gusto a usare, categorie molto astratte. Le due religioni politiche del paese, il cattolicesimo e il marxismo, ne abbondano. Significativamente gli intellettuali cattolici pro­ ducono gli scritti più astrusi sulla politica e la società. Con lo­ ro competono gli intellettuali di sinistra, già da tempo convinti che la prassi politica risieda quasi interamente nelle parole che si scambiano e si scrivono l'uno con l'altro. Gli italiani della tradizione cosiddetta laica non navigano in acque migliori, co­ sì affascinati e intimoriti come sono dall'imperioso metodo crociano di fissare le leggi e le interpretazioni della politica e della storia. Nel linguaggio della politica, il linguaggio curiale, sfumato, cifrato di cui abbiamo discusso in precedenza, le ca­ tegorie astratte hanno un rilievo speciale. La « classe politica » è l'astrazione di un'astrazione: è più utile di termini come borghesia, classe dirigente o classe ope­ raia, perché dà l'illusione della concretezza. È simile a pa role come stato, società civile, congiuntura, momento storico, inte· gralismo, prassi e così via. Tuttavia, a differenza di molti di questi termini, « classe politica » è un'espressione doppiamen­ te utile: non solo dà l'illusione della concretezza, ma s pesso può essere usata per alludere a specifiche persone senza tutta­ via farne i nomi . . In quest' ultimo senso, la « classe politica » è un termine Sl-

La crisi e la classe politica

1 99

curo. Pe��ette gli attacchi più feroci e diretti contro i disonesti della politica, senza fare alcun nome e di conseguenza senza creare se�i pericoli di rappresaglia. Questo non è un vantaggio da poco ID un paese dove le rappresaglie contro i singoli sono un ben not o aspetto della vita politica. La classe politica può . . essere colpita Impunemente; ben altra cosa è quando il bersa­ glio ha nome e cognome e risulta essere un potente membro di questa classe. Persino i giornalisti, che hanno la responsabilità morale e professionale di fare i nomi (cosa che molti di loro certamente fanno, talvolta con eccessiva libertà), imparano su ciò a essere prudenti . I frequenti riferimenti alla classe politica sono inoltre una conseguenza dell'assenza in Italia di un governo e di una op­ posizione cosi come questi termini sono comunemente intesi in altre democrazie. Più di tutti si avvicina all' idea di governo la Democrazia cristiana, vista l'egemonia nelle maggiori istitu· zioni che finora ha mantenuto. Per questa ragione, la Dc spes­ so s i presenta come un surrogato della classe politica. Gli ita· Iiani che si lamentano dei difetti di quest 'ultima spesso specifi­ cano che intendono riferirsi alla Dc e alla sua cattiva gestione politica. Tuttavia, quando qualcosa va male, è difficilissimo inchiodare qualcuno, o qualche partito, alle proprie responsa­ bilità. In questo caso, il termine « classe politica » funge da utile strumento e punto di riferimento per la collera dei citta­ dini. Va ricordato, ad esempio, che grazie al regolamento e aUa p rassi vigente in Parlamento, ben oltre i quattro quinti delle leggi approvate sono emanate dalle commissioni parlamentari. Questo modo di legiferare non solo è in gran parte nascosto agli occhi della gente, ma si basa su di un allo grado di colla· borazione fra i partiti che compongono la coalizione di gover­ no e quelli che si suppone siano all'opposizione, leale o meno, ma che in effetti non sono né l ' una né l 'allra. Persino le sedute di quelle commissio ni che elaborano i dise�ni i le�e che do: vra nno poi essere rimessi alla Camera per Il dlbatUl � so �o rado aperte al pubblico. E nella maggior parte el caSI, di . , quello che accade in sede di commISSi one vIene registrata uffi· cialmente solo una minima parte. Perché il sistema del trasfor·







200

Democ,.a4ia all'italiana

mismo, funzioni davvero, non può aprirsi troppo agli occhi del pubblico.

È questo un modo singolare e sincretistico di legiferare. Quando le leggi risultano sgradite a qualche settore della po· polazione, o sono mal fatte, o hanno inattese conseguenze ne· gative, è naturale che la insoddisfazione venga espressa non contro il governo o i partiti al potere ma, piuttosto, contro la classe politica, intesa come una vasta categoria che include chiunque detenga una carica pubblica. Né le cose potrebbero

andare diversamente in una situazione in cui è pressoché imo possibile stabilire chi realmente favorì, e chi contrastò, ma poi finì per far passare, un così gran numero di legg i . Val la pena d i ripetere che questo sistema, lungi dall' incoraggiare la pola­ rizzazione politica, ha l ' e ffetto di rallentare le forze centrifu­ ghe nel sistema di governo . Gli attacchi a l l a classe politica inoltre rappresentano forse una variante sul tema delle « rivoluzioni mancate » , un'idea profondamente radicata nella psiche degli italiani . Per genera­ zioni gli intellettuali hanno continuato a battere su questo te­ ma e hanno finito per instillare nel paese un diffuso senso di incompetenza e di colpa. L ' Italia, dopo tutt o , è il paese della Controriforma. La penisola, guidata dal Vaticano, eresse un baluardo contro l ' Illuminismo. La Rivoluzione francese fece tremare tutta l 'Europa, ma le sue scosse si esaurirono lenta­ mente vicino alle Alpi . Napoleone valicò, è vero, questa bar­ riera, ma le ondate della rivoluzione liberale che seguivano la sua scia lambirono appena le coste del Piemonte e della Lom­ bardia. La Rivoluzione industriale, che determinò cambiamen­ ti radicali nel continente, risparmiò la maggior parte della pe­ nisola per quasi due seco l i . Lo stesso principio di nazionalità, attorno al quale si svolse­ ro numerosi drammi della storia, precedentemente ricordati, in Italia arrivò molto tardi . Anche qui, gli uomini che unifica­ rono il paese - la classe politica - svolsero il loro compito alla bell'e meglio e lasciarono come duratura eredità il divario fra Nord e Sud . Nelle due guerre maggiori di q uesto secolo, quello stesso gruppo raggiunse i limiti dell ' incompetenza dimostran o do che l ' Italia arrivava a diminuire la propria statura intern a·

La crisi e la classepo/it;ca

201

zionale indipende ntemente dalla parte con cui sceglieva di al­ learsi o dall'esito della guerra. Di conseguenza è diffusa l'opi­ nione che l' Italia dovrebbe evitare affari esteri, per non corre­ re il rischio di un altro ridicolo fiasco. Quanto alle innovazioni politiche, il fascismo resta, secondo molti, l ' unico e disdicevo­ le contributo italiano. Considerazioni e argomentazioni di questo genere devono esprimere in qualche modo anche la diffusa sensazione di vive­ re in un paese che non si è ancora adeguato agli altri. Ogni tan­ to, il commento sarà un autodenigratorio « Noi italiani siamo fatti cosi » . Ancor più spesso, si farà riferimento alla classe politica come al gruppo che ha condotto se stesso, e con sé il resto del paese, nella direzione sbagliata. Affermazioni di que­ sto genere non si limitano a riversare la colpa addosso agli al­ tri, e non denotano solo cinica passività, fatalismo verso la vi­ ta e la politica. Ci dicono che gli italiani hanno sviluppato un raffinato livello di comprensione sia delle possibilità sia dei li­ miti della politica. Un modo per rammentare tutto ciò all'élite politica è indirizzarle un costante flusso di critiche articolate. La democrazia si salvaguarda adottando una strategia duplice. Primo , non richiederle troppo. Secondo, non incoraggiare la classe politica ad aspettarsi che la gente le riconoscerà i meriti, forse giustificati, per le conquiste politiche e d'altro genere fat­ te dal paese.

La politica come professione Un altro importante aspetto della classe politica, e delle rea: . zioni degli italiani nei suoi confronti, è che moltt del suot mem bri che ricoprono cariche pubbliche o che sono mlhtantl pol itici costituiscono un gruppo « professionale o) . Con questo intendo dire che molti italiani optano assai precocemente, per il loro futuro, di dedicarsi alla loro vita adulta, per la politica come professione . ' . . . . La scelta di una simile carriera ha numerose Imphcazl oDl per le persone che vi sono coinvolte , cosi come per la società in ge­ nerale. Per esempio , i partiti politici incombono sulla socIetà; sono il meccanismo chlave attraverso cui gli aspiram i ( profes-

202

Democrazia all'italiana

sionisti » intraprendono e costruiscono la loro carriera. Per un certo periodo di tempo dopo la nascita della Repubblica, i sin. dacati furono un secondo importante canale attraverso cui far carriera in politica; ma i leader dei partiti eliminarono questa concorrenza alcuni anni fa, quando resero effettivamente im­ possibile che una persona ricoprisse contemporaneamente una carica elettiva e una posizione direttiva in una organizzazione sindacale. Il sistema attuale dà ai leader dei partiti, inclusi quelli delle correnti un potere straordinario su chi aspira alla carriera poli­ tica. Chi voglia intraprenderla deve imparare le regole del si­ stema . Non sono scritte nero su bianco, ma sono altrettanto comprensibili di quelle che regolano le imprese moderne o la comunità accademica. Però, a differenza di quasi ogni altra carriera, la politica e i partiti non offrono « posti di ruolo » . In effetti, i partiti sono praticamente le uniche organizzazioni in Italia in cui i profes­ sionisti, persino ad alto livello, possono essere licenziati di punto in bianco, senza preavviso, senza causa precisa e senza ricorrere alla cassa integrazione. Nondimeno, una società politicizzata significa che uno o più partiti ne costituiscono il centro vitale. Avere stretti contatti con un partito politico è un modo particolarmente efficace per ottenere un'ottima posizione e considerazione sociale, oltreché redditi elevati, anche al di fuori del campo politico. La lotizza­ zione, il sistema attraverso cui vengono assegnati i posti più ambiti nell 'industria, nei mass media, nelle banche, nelle uni­ versità e cosi via, ad eccezione forse della chiesa, ruota att orno ai partiti politici . Essi sono i filtri attraverso cui vengono sele­ zionati i membri chiave della classe politica, cioè coloro che occuperanno le posizioni migliori e saranno i « portieri » che controllano l'accesso a quelle cose della vita per cui la gen te compete. Per questo motivo, alcuni ce l'hanno coi politici . al­ tri li temono, ma tutti li rispettano come intermediari essenzla: SI li del potere. Il rancore. cui la paura aggiungerà pruden za. t­ sfogherà contro la classe politica intesa come categoria ? stra d alla la; ma chi aspira a elevarsi socialmente, dentro o fuon

La crisi e lo classe politica

polilica e dal governo , si rivolgerà proprio classe per avere aiulo.

203

ai membri di quesla

Un generatore di stabilità Questo modello ha un altro importante risvolto. È che i membri della classe politica in questa società « su scala ridot­ ta » sono personalità ben note, presumibilme nte destinate a re­ slare in scena per parecchio lempo, e la gente lo sa. Quando si Iralta d i iscrizione a un partito, la prima scelta, da parte dei

professionisli o dei quasi professionisti della classe politica, lende a essere definiliva. Può verificarsi un minimo movimen­ lo orizzonlale, avanti e indielro, da una corrente del partito a un'allra. Può verificarsi addirittura uno scisma e alcuni posso­ no formare un partito nuovo. Ma vi è movimento-zero, o qua­ si, da u n partilo all'allro, a meno che, come nel caso sensazio­ nale del Partilo d ' azione nel dopoguerra, l'organizzazione slessa non si dissolva. Questa rigidilà, questa mancanza di mobilità occupazionale e di carriera, si estende alla socielà nel suo complesso. Rispetto agli Slati Uniti, ad esempio, v'è una mobilità infinitamente mi­ nore fra i dirigenli industriali che si spostano da un'azienda al­ l'allra, in cerca di rapide promozioni o di attività più interes­ santi. Persino nelle grandi aziende italiane che dispongono di molle divisioni operative, questo lipo di mobilità è relativa­ mente raro. La slessa cosa vale per i lavoratori in genere che, per esempio, sono restii a lasciare la città natale o il luogo di residenza per andare dove c'è lavoro. Cosi come coloro che so­ no coslretti a emigrare, ci si muove con grande riluttanza e quasi sempre con l'intenzione un giorno di tornare « a casa )). Quasi dappertutto, nell'impiego pubblico come in quello privato, gli italiani lendono al « posto fISSO » . È questo, IO so­ slanza, il significalo dell'espressi one « sistemarSI » . E preferl­ bilmenle sislemarsi nella propria città natale, vicini alla pro­ pria subcullura politica, e con un impiego statale che garanti­ sca l ' occupazione tutta la vila. Queslo spirito profondamente conservalore forse sIa mulando nelle nuove generanom, ma

204

Democrazia all'italiana

solo con molta lentezza. E aiuta inoltre a spiegare la mancanza di mobilità elettorale analizzata nel capitolo V. La classe politica riflette i! medesimo modello di comporta­ mento. Coloro che entrano a farne parte non pensano d'essere di passaggio, anche se in effetti qualcuno si perde per strada. I suoi membri più resistenti, in particolare quelli di maggior spicco, sono ben conosciuti da tutti. I disegnatori satirici pos­ sono fare la caricatura di centinaia di uomini politici senza far­ ne il nome ma con la certezza che la gente li riconoscerà. Cosi, i! termine classe politica è , a un tempo, astratto e concreto, e ognuno ha un ampio margine per immaginarsi chi la incarni. Nel corso di questi ultimi quarant'anni, la classe politica si è allargata considerevolmente. Una stima prudente le attribuisce oggi diverse centinaia di migliaia di persone, per la maggior parte « professionisti » che trascorrono la vita a far politica. Gli Indipendenti, quegli intrusi che arrivano tardi alla politica, che irrompono sulla scena, o che compaiono solo in qualche particina-cammeo, sono relativamente sconosciuti. I profes­ sionisti della politica cominciano con i! ruolo dell' ingenua; è tipico che si leghino a uno o più degli interpreti più esperti; e nel corso della carriera percorrono tappe obbligate, anche se alcuni dotati di maggior talento possono saltarne qualcuna. Il centro vitale di questo sistema, i! palcoscenico principale. è Roma, i! che è motivo di una certa invidia da parte di città co­ me Torino o Milano. Cosi siamo tornati al Globe Theatre. La classe politica sono gli attori professionisti. I groundlings, i cittadini che sono spettatori-attori, sembrano dire che i professionisti non hanno interpretato bene la loro parte. Ma non è questo in realtà ciò che intendono dire. Infatti, come vedremo fra breve, vi sono molte prove che i professionisti se la sono cavata piuttosto be­ ne, e che questo è ampiamente riconosciuto, persino dai loro critici più feroci. Cosa ancor più importante, la classe politica come l'abbia­ mo descritta, con le sue regole e norme ben chiare col suo tan­ to a�resciuto numero di professionisti a vita, ha ortato nella poDl.ola un grado di omogeneità senza precedenti. La buro­ crazia nazionale non ha mai svolto questa funzione. Oggi, più



205

Lo crisi e lo closse politica

ancora che in passato, è una burocrazia popolata da meridio­ nal i . Ciò rende l'amministrazione pubblica omogenea al suo interno, ma non incoraggia certamente una maggiore integra­ zione nazionale. La dominante meridionale della b urocrazia è una delle ragioni principali della incondizionata ostilità che i settentrionali esprimono verso « il governo di Roma » . Diverso è i l caso della classe politica italiana del dopoguer­ ra. Che vengano da Milano o da Napoli, da Torino o d a Paler­ mo, da Bologna o da Reggio Calabria, da Trento a Taormina i suoi membri imparano a vivere secondo le stesse norme. E ciò

è vero indipendentemente da quelle che possono essere le diffe­ renze ideologiche o d ' altro genere fra i suoi membri . Nei reci­ proci rapporti quotidiani , hanno fissato delle regole e dei mo­ delli che, tutto sommato, si risolvono in un sistema di poliar­ chia democratica, ma con caratteristiche specifiche non neces­ sariamente presenti in tutti gli altri sistemi analoghi .

Una democrazia consociativa? Il sistema che ho descritto non va confuso con quello che al­ cuni studiosi chiamano

« democrazia

consociativa

)) .

8

È

vero

che, superficialmente, l ' Italia sembra riunire alcune delle con­ dizioni del consociazionismo . Dopo la guerra, in effetti, il go­ verno nazionale fu per alcuni anni una « grande coalizione » che comprendeva tutti i partiti maggiori a eccezione di quello neofascista. Ma dal

1 947 i comunisti sono stati u fficialmente

esclusi dal governo; sebbene esercitino certamente un' influen­ za sull 'orientamento politico generale, non godono del diritto di veto. Il sistema elettorale fondato sulla proporzionale e posizioni ambite assegnate per lottizzazione potrebbero suggerire che il pr incipio della « proporzionalità » , un altro ingrediente neces­ sario per una democrazia consociativa, è presente anche in Ita­ lia. Ma ancora una volta, si tratta di una semplice apparenza. Nessu n principio di proporzionalità viene applicato nell'asse­ gnazione delle posizioni più elevate del pubblico impiego , e vi

Sono settori della burocrazia, e delle banche e delle industrie

206

DmtocrrWlIlI/l"illl/illnG

statali, da cui sono sistematicamente esclusi gli esponenti di determinati partiti politici. Manca inoltre l'autonomia per regioni geografiche, o per gruppi, che una democrazia costruita secondo linee consociati· ve richiederebbe. L'Ualia non è un sistema federale, come il Canada o gli Stati Uniti, dove gli stati o le province godono di una considerevole autonomia politica. Il decentramento di cer­ ti poteri alle regioni è avvenuto a passo di lumaca, e i burocrati di Roma fanno tutto ciò che è in loro potere per rallentare que­ sto processo. Persino regioni come la Sardegna o la Sicilia, cui la costituzione garantisce l'autonomia, non possono sottrarsi alla pesante ingerenza burocratica di Roma. Una democrazia consociativa non solo richiede molta colla­ borazione fra le élite politiche del paese, ma implica che, di fondo, ci sia una regola del processo decisionale che salvaguar­ di apenamente gli interessi vitali di tutte le minoranze signifi­ cative. L'essenza del sistema democratico italiano, tuttavia, sta nella sua nebulosità, nel suo evitare criteri ben definiti di distribuzione e delega del potere e dell'autorità e, anzi, nella sua capacità di funzionare politicamente proprio in assenza di regole del processo decisionale. L'Italia è ben lontana dal siste­ ma parlamentare di tipo britannico, dove maggioranza e mi­ noranza sono inequivocabili e dove quelle norme sono ben de­ fmite. Ma neanche è una democrazia consociativa. Forse la più valida ragione per non confondere il sistema ita­ liano con una democrazia consociativa è che la società italiana non è costituita da cc blocchi » in profondo contrasto l'uno con l'altro. l compromessi politici e il tipo di politica del paese so­ no una risposta agli irrisolti problemi del Mezzogiorno, cioè al divario fra Nord e Sud; al cc problema del comunismo »; alla presenza fisica, a Roma, del centro mondiale del cattolicesi­ DIO; alla recente esperienza del regime fascista; e, naturalmen­ te, al fatto che, a più di cento anni dall'unificazione lo stato ' esiste ma non ancora gli italiani, nel senso attribuito a questo termine dai padri fondatori. Il fatto è che a differenza di alcuni paesi considerati demo­ crazie consociative, l' Italia non richiede che le sue élite politi­ che collaborino per impedire al sistema di andare a pezzi. In

La crisi e la classe polilica

2J17

realtà, malgrado tutte le differenze - di fede e pratica religiosa, di ideologia, d i classe sociale, d i cultura regionale, di econo­ mia e persino di lingua - gli italiani restano fra la gente meno settaria e più tollerante che si possa trovare. Storicamente è mancata loro l 'esperienza, cosi come le istituzioni, con cui da­ re un significato concreto allo stato nazionale, a un sistema politico nazionale i n cui coloro che rappresentano l'apparato statale riconoscano un insieme com une di norme, e siano di­ sposti concretamente a rispettarle.

1 successi della classe politica Durante i suoi primi decenni come stato nazionale, il paese fu governato secondo due diversi modelli che, per mancanza di altri termini, chiameremo settentrionale e meridionale. Per di più, erano evidenti alcune differenze fondamentali nel modo di concepire il governo e il giusto rapporto fra stato e organiz­ zazioni religiose. Il regime fascista tentò di imporre un model­ lo nuovo, nazionale (che includeva un nuovo modo di salutarsi sia nei gesti sia nelle parole), ma con esiti prima farseschi, poi tragici. Inoltre i fascisti non riuscirono (come non ci erano riu­ sciti i liberali storici) a creare un sistema nazionale integrato, fondato sull'esistenza di partiti politici di massa e sul suffragio universale. C'erano, è vero, le subculture laica, cattolica e so­ cialista, e anzi erano sempre meglio organizzate. Nondimeno, alla penisola mancava ancora un vero stato nazionale, demo­ cratico o d'altro genere. La classe politica del dopoguerra è decisamente riuscita do­ Ve gli altri avevano fallito. È un successo notevole, se si consi­ derano le condizioni, già descritte, in cui la Repubblica comin­ ciò il suo iter quattro decenni fa. La sua missione è lungi dal­ l'essere conclusa; prova ne sono i molti problemi, alcuni gravi, che ancora affliggono il paese. Tuttavia, la trasformazione di un grande Partito comunista in un elemento pienamente effi­ cace e affidabile del sistema pluralista democratico è un risul­ tato eccezionale, quanto lo è il fatto che, fra le democrazie deI­ I Eu ropa occidentale, oggi l ' Italia è la meno afflitta da un par­ tito di destra potente e antidemocratico .

:

208

Democrazia all'ilalia"a

Le conquiste della classe politica non sono state senza prez­ zo né sono prive di aspetti che i cittadini di altre democrazie potrebbero facilmente trovare poco allettanti o sconcertanti . La classe politica, come abbiamo visto, è relativamente immu­ ne dal t ipo di controllo esterno rappresentato dalle elezioni. E inoltre costituita da un gruppo chiuso, saldamente difeso, di cui si arriva a far parte per lo più attraverso il meccanismo del­ la cooptazione, quasi esclusivamente nelle mani dei partiti po­ litici. I partiti hanno poi colonizzato la maggior parte degli al­

tri settori della società, via via politicizzandoli . Senza dubbio, come più avanti descriverò nei particolari, una così larga parte della società italiana di oggi è in mano ai partiti politici , da in­ durre molti critici a ritenere che, per un meccanismo perverso, essi rappresentino per la democrazia una minaccia anziché il suo principale sostegno. Alcune proposte di riforma, che esa­ mineremo in un capitolo successivo, mirano esplicitamente a ridurre l 'arroganza dei partit i . Ma difficilmente saranno ap­ provate. È dunque naturale che la classe politica sia sotto tiro e si ve­ da attribuire la colpa di ogni male reale o immaginario, visto che ha tanta parte in tutto quanto accade nel paese. Esatta­ mente per la stessa ragione, tuttavia, c'è da dubitare - anzi , sa· rebbe profondamente irrazionale crederlo - che questa classe sia responsabile di tutti gli aspetti negativi dello sviluppo della Repubblica postbellica, e di nessuno di quelli positivi. I n un modo o nell' altro, apertamente o no, a malincuore o no, bi so· gna riconoscere alla classe politica molte delle conquiste che sono state impresse nella storia dopo la caduta del fascismo .' Molti altri risultati sono degni di nota, e talvolta addirittu ra

sbalorditivi . Ne menzioneremo qui alcuni, non foss'altro per dare equilibrio al quadro complessivo. Si tenga presente che questa relativamente giovane democrazia è stata sempre vista da tutti come se fosse impantanata in una crisi perenne. Alcu. ne t ra le parole utilizzate per descriverla sono : frammentazio­ ne, impotenza, paralisi , immobilismo, confusione, mancanza di direlione, polarizzazione, indecisione. scandalo, corruzio. ne. apatia, alienazione, venalità, scarsa capacità di valut azio. ne, incapacità e alt re ancora. Nondimeno, su questo stesso si·

Lo crisi e la classe politico

209

stema politico sono anche vere, e motivo di riflessione, le se­ guenti osservazioni. Uscita dalla guerra in condizioni di collasso economico e psicologico, l ' Italia è divenuta la quinta potenza economica del mondo. Questa posizione relativa non è basata sulle stati­ stiche ufficiali , che collocherebbero l ' Italia uno o più posti verso i l basso. Ma, come abbiamo già visto, le stime ufficiali attribuiscono almeno un quarto del prodotto nazionale reale all'economia sommersa, o non ufficiale. Quarant'anni fa, fra i paesi dell' Europa occidentale, il red­ dito pro capite italiano si collocava agli ultimi posti, poco pri­ ma di quello di paesi molto meno sviluppati come Spagna, Portogallo, I rlanda o Grecia. Oggi i l reddito pro capite degli italiani è straordinariamente migliorato: si trova all'incirca al­ la pari con quello francese e belga e, dal 1 986, è superiore a quello britannico. Per quanto riguarda la qualità della vita, gli italiani non sognano quando sostengono che raggiungeranno e sorpasseranno gli standard scandinavi con la fine del secolo. Questo salto quantico in avanti del livello di vita è più evi­ dente al Nord che nelle regioni centrali o meridionali . Ma

è ri­

conoscibile ovunque : nel numero sempre crescente delle auto­ mobili che intasano le strade cittadine e, durante i l week-end e nei periodi di ferie, la splendida rete autostradale del paese; nei prodotti che il consumatore vede, e può permettersi di ac­ quistare, nei negozi e ai mercati; nell 'alimentazione del l ' italia­ no medio, nell'abbigliamento , nell'entità dei risparmi , nel nu­ mero di case che possiede, nelle mete e nella frequenza delle

vacanze e così via. U n 'indagine condotta nel 1 986 dal l ' I stituto centrale di statistica su tremila famiglie it aliane ha indotto i maggiori quotidiani ad annunciare che se la vita in Italia non è più agiata che negli altri paesi del l 'Europa occidentale e degli St ati Uniti, la differenza è solo di un capello. Quarant'anni or sono il paese era prevalentemente agricolo e l ' analfabetismo era una piaga, soprattutto nel Sud sottosvi­ luppato dove, in alcune zone, più del 90 per cento della popo­ lazione adulta si definiva analfabeta. Oggi l 'analfabetismo è un ricordo del passato. Non solo la scuola del l ' obbligo assicu·

210

Democraz.;Q QII'j(Q/iQnQ

ra

l'istruzione alle nuove generazioni, ma è attivo anche un massiccio programma di alfabetizzazione degli adulti. Oggi l'Italia è un paese altamente industrializzato, dove il numero dei lavoratori nel settore dell'agricoltura si è ridotto drasticamente e dove, come in molte altre democrazie, l'occu­ pazione nel cosiddetto terziario è in rapida espansione_ Questa radicale trasformazione non poteva verificarsi senza cambia­ menti egualmente importanti del vecchio modo di vivere. Cosi, la dimensione media della famiglia italiana ha subito una forte flessione; sono apparsi centri industriali dove una volta lavo­ ravano solo agricoltori e artigiani. In realtà, nonostante la ri­ soluta campagna del Vaticano su temi come il controllo delle nascite e l'aborto, in Italia dal 1 986 non c'è più ricambio di popolazione e l 'indice di natalità è il più basso di tutte le altre nazioni europee, a eccezione della Danimarca e della Germa­ nia occidentale. Inoltre, con la fine degli anni cinquanta, l 'Italia ha speri­ mentato uno dei più forti flussi migratori mai registrati in qualsiasi altro paese. Non mi riferisco solo ai milioni di italiani che andarono all'estero in cerca di nuove opportunità di lavo­ ro: questo fenomeno non era nuovo, e a beneficiare dell'af­ flusso di mano d'opera a buon mercato erano stati i paesi del Nuovo Mondo, come il Brasile, l'Argentina e in particolare gli Stati Uniti. Mi riferisco piuttosto a quei milioni di italiani, spesso famiglie intere, che strapparono le loro radici dal Meri­ dione per trasferirisi nelle città del Nord e nei centri industriali e qui cominciare una nuova vita, spesso affrontando un'ostili­ tà verso i « terroni » addirillura senza pari nei paesi stranieri che ricevellero gli emigranti. Insieme a queste trasformazioni demografiche ed econo mi­ che si verificarono, inevitabilmente, cambiamenti nella pratica religiosa, nei valori fondamentali, nello stile di vita. In meno di trent 'anni , l' Italia è diventata una società non solo più ric­ ca, meno agricola, più industriale, ma anche più urbana e più laica. Essere laico significa gellare, o mutare radicalmente, le idee vecchie e consolidate sull' istruzione obbligatoria, il mat ri­ monio, la procreazione, l'aborto, il divorzio. il confronlo con le opinioni e gli stili di vita altrui, la separazione fra chiesa e

La crisi e la classe politica

211

stato, le responsabilità delle mogli e dei figli, la natura d e l la­ voro e del tempo libero e così via. In questi anni non solo l'analfabetismo è stato quasi del tut­ to sradicato, m a le università italiane si sono aperte a un nu­ mero sempre più grande di studenti che cresce con un ritmo su­ periore a quello di qualsiasi altro paese europeo . In meno di un decennio, il numero degli iscritti ai livelli d ' i struzione supe­ riore è aumentato più di dodici volte. Questa, senza dubbio, è stata una crescita troppo rapida, che ha portato con sé un ma­ re di problemi, alcuni vecchi e cresciuti a dismisura, altri inve­ ce completamente nuovi. Considerata retrospettivamente, non si può certo dire che la proliferazione delle iscrizioni sia stata ben gestita dal governo e dalle autorità universitarie, né tanto meno benefica per gli studenti. Nondimeno, questo esplosivo cambiamento ha modificato per sempre uno degli aspetti della società italiana - l 'istruzione superiore - che un tempo serviva a garantire che solo una esigua minoranza della popolazione potesse aspirare a una mobilità sociale verso l'alto. Nei quarant'anni passati, l' Italia non solo ha raggiunto le altre democrazie che lavoravano sodo per creare, o « perfezio­ nare » , lo stato assistenziale (welfare state), ma in molti campi

ha dato loro un forte distacco. Il welfare state viene ora messo sotto accusa, non solo da Ronald Reagan o da Margaret That­ cher, ma in genere in tutte quelle democrazie dove, fino a tem­ pi recenti, non godeva di cattiva fama. Ha ricevuto critiche an­ che in Italia, dove alcuni sostengono che qui gli architetti del

welfare state

si sono messi in moto in ritardo, e hanno creato

un mostro. Deficienze certamente ve ne sono, e alcune (per esempio, nel servizio sanitario pubblico) sono davvero incredibi l i . Tuttavia, durante gli anni sessanta e settanta l ' Italia ha sconfitto la mise­ ria, ha fortemente aumentato le opportunità di ist ruzione su­ periore, ha costruito una vasta rete di assistenza sanitaria e al­ tre forme d i previdenza sociale, ha reso la disoccupazione im­ mensamente meno t raumatica di quanto fosse una volta, ha fornito a milioni di italiani protezioni e benefici che danno si­ gnificato reale a quelle parti della cost ituzione repubblicana

212

Democrozia all'italiano

dove, in termini molto precisi e mai prima d ' oggi usati, si ri­ chiedono proprio questi risultati. Quanto al problema della casa, per coloro che non ne hanno una di loro proprietà, ormai da molti anni in Italia vige una legge, l 'equo canone, che non ha riscontri altrove e, in ogni ca­ so, è quel tipo di regolamento che manda i proprietari su tutte le furie. In base a questa legge, non solo gli affitti aumentano molto gradualmente, ma gli inquilini, una volta che si sono in­ stallati, sono pressoché inamovibili, anche in caso di morosità. Queste disposizioni proteggono anche gli stranieri, inclusi coloro che, come migliaia di italiani benestanti, potrebbero (e sul piano morale dovrebbero) pagare un affitto maggiore di quello che pagano. Molti americani che da tempo risiedono a Roma occupano spaziosi appartamenti che quindici anni fa costavano loro, poniamo, 1 50 dollari al mese e che ora costa­ no il doppio, o forse il triplo. Tuttavia, secondo i prezzi cor­ renti, questi appartamenti verrebbero facilmente affittati a 1500 o 2000 dollari al mese, non fosse per il controllo degli af­ fitt i . Insieme con i locatari italiani, questi americani si lamen­ tano amaramente dell'avidità dei padroni di casa, decisi a dar loro lo sfratto. Per quanto riguarda i salari, alla metà degli anni settanta l'I­ talia ridisegnò la scala mobile per l'adeguamento automatico dei salari, creando un sorprendente meccanismo perverso. Cioè a mano a mano che l ' inflazione faceva salire i prezzi, a certi livelli i salari aumentavano a ritmo ancora più veloce, in­ nescando un circolo vizioso. Come risultato, voluto o no, la scala mobile si trasformò in uno dei più efficienti e radicali strumenti per la redistribuzione del reddito! Ciò si verificò per ragioni ben note agli economisti . Per esempio, il metodo adottato per assegnare gli aumenti finiva col fissare per le fasce salariali più basse percentuali di aumen­ to maggiori di quelli per le fasce più alte. L 'effetto fu di dimi­ nuire o « appiattire ,. le differenze fra i lavoratori pagati di più e quelli pagati di meno. Cosi, mentre nel 1 975 il differenziale salariale fra un operaio specializzato e uno non specializzato poteva essere di 3 a l , con il 1 985 era sceso a circa 1 , 8 a I . Que­ sto valeva anche per gli stipendi degli impiegati. Nel 1 97 5 , un

La crisi e la c/assepolitica

213

professore riceveva u n o stipendio quattro volte quello di u n bi­ dello o di un segretario; dieci anni dopo tutti e tre ricevevano all'incirca lo stesso stipendio. Su questo fenomeno ciascuno la pensava, naturalmente, i n modo diverso a seconda della posi­ zione in cui si trovava all 'inizio. I tempi di questo meccanismo intanto si accelerarono perché l 'indice dell'inflazione e gli au­ menti venivano calcolati quattro volte l ' anno. Un altro fattore, in senso stretto non legato alla scala mobi­ le, fu il « drenaggio fiscale » . Si tratta di un problema che tro­ viamo anche in altri paesi dove l ' imposta sul reddito è « pro­ gressiva » e dove l'inflazione ha l 'effetto di far salire stipendi e salari. Con l 'aumento del salario nominale, la gente entra in una nuova e più elevata fascia fiscale. Si guadagna di più ma, a causa dell'inflazione e della categoria fiscale più elevata in cui ci si trova, i salari reali in effetti calano. In Italia questi due fattori, operando congiuntamente, hanno prodotto gli effetti più inattesi . L'esito di questi cambiamenti e degli orientamenti politici che ho appena descritto è che l ' Italia negli ultimi anni ha regi­ strato una forte accentuazione dell' uguaglianza economica e materiale. In effett i , un suo esame approfondito quasi certa­ mente mostrerebbe che in Italia vi è più uguaglianza in con­ fronto ad altre democrazie come Stati Uniti, Francia, Germa­ nia occidentale o Gran Bretagna, e forse quanta se ne trova in Scandinavia dove probabilmente il welfare Slale, guidato dai socialdemocratici, ha raggiunto la sua massima espressione. Per arrivare fin qui, gli italiani non hanno voluto seguire passi­ vamente la formula o la strada tracciata da qualcun altro; ep­ pure ce l' hanno fatta, anche se non tutti in Italia hanno ap­ prezzato questo cammino. Naturalmente, il senso di quanto ho esposto è che non è av­ ven uto tutto per puro caso, in questa terra di miracoli che tie­ ne tutti col fiato sospeso. L ' I talia moderna, l ' Italia democrati­ ca, l ' I talia del benessere non è nata come Minerva dal cranio di Giove. Qualcuno ha avuto u n ' idea o , mescolando un po' gli ingredienti, ha preparato una formula, qualcun altro ha s